esprino Il diario online del Lions Club Palermo dei Vespri Lions Club International Palermo dei Vespri - Distretto 108 Y/b - Circoscrizione I - Zona 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "esprino Il diario online del Lions Club Palermo dei Vespri Lions Club International Palermo dei Vespri - Distretto 108 Y/b - Circoscrizione I - Zona 1"

Transcript

1 magazine NUMERO VENTISEI esprino Il diario online del Lions Club Palermo dei Vespri Lions Club International Palermo dei Vespri - Distretto 108 Y/b - Circoscrizione I - Zona 1

2 Vesprino Magazine Editoriale di Febbraio NIENTE CULTURA NIENTE SVI- LUPPO è la sfida del 2012? Così pare se leggiamo il Domenicale del Sole 24 ore del 19 febbraio. Sembrerebbe una rivoluzione copernicana nel modo di intendere la cultura, perché da giacimento di un passato glorioso da mantenere diventa, grazie all azione di governo, cioè di tutti i ministeri, nel medio e nel lungo termine, mezzo di occupazione e produzione. Si parla perciò di Costituente della cultura. L idea sembra interessante anche perché punta sull educazione come veicolo del Gabriella Maggio nuovo, infatti l iniziativa dovrebbe trovare collocazione in tutti i livelli educativi, dalle elementari all università, attraverso lo studio dell arte e della storia per rendere i giovani custodi del nostro patrimonio affinchè ne traggano impulso per la creatività del futuro. In particolare lo studio dell arte dovrebbe essere integrato anche con pratiche creative, che avrebbero la finalità di dare una marcia in più ai giovani, perché è dimostrato che gli studenti impegnati in attività creative e artistiche sono anche i più dotati in ambito scientifico. Questo progetto prevede anche la complementarità tra pubblico e privato sostenuto con provvedimenti legislativi che prevedono sgravi fiscali per cui anche un biglietto d ingresso al museo potrebbe essere detraibile. Non si tratterebbe, quindi, soltanto di una razionalizzazione delle risorse e delle competenze, ma di una vera assunzione di responsabilità condivise per lo sviluppo. Ma di fatto non resta che attendere. Ci si rende conto che si fa fatica a cogliere il senso di queste proposte, infatti se in un primo momento la mente si slancia libera e generosa verso un futuro meraviglioso, in un secondo momento subentra il disincanto di sempre. Ma non bisogna arrendersi. Editoriale Questa sera parliamo di Lions Suoni e... parole a Palazzo Asmundo E basta indignarsi? E ora che fare? Le ricette letterarie di Marinella SIGISMONDO D INDIA, vita e opere del musicista palermitano I diritti umani e un palermitano esemplare Viaggiatori stranieri in Sicilia Visita del Governatore del Distretto 108 YB Quei geniali architetti che resero uniche le nostre città Il giorno del ricordo delle foibe Duecento anni fa nasceva Charles Dickens Le dolci creazioni fantastiche Intervista a Leda Melluso SOMMARIO Gabriella Maggio Attilio Carioti Lavinia Scolari Carmelo Fucarino Marinella Gabriella Maggio Carmelo Fucarino Daniela Crispo Attilio Carioti Tommaso Aiello Gabriella Maggio Irina Tuzzolino Ornella Correnti Gabriella Maggio 14 febbraio 2012 Gabriella Maggio Visita > Leggi Commenta > Collabora > Scrivi VesprinoMagazine incontriamoci in rete lionspalermodeivespri.wordpress.com Hanno Partecipato a questo numero: Gigliola Siragusa, Carmelo Fucarino, attilio Carioti, Riccardo Carioti, Natale Caronia, Renata De Simone, Ornella Correnti, Irina Tuzzolino, Raffaello Piraino, Lavinia Scolari, Luciana Pace, Marinella Comitato di redazione: Gabriella Maggio (Direttore) Mimmo Caruso Renata De Simone Carmelo Fucarino Francesco Paolo Scalia I Lavori della Prima Circoscrizione Il testamento del vicerè Festa di Carnevale dei Lions Club di Palermo I vent anni Da Napoli a Palermo: donne, intrighi, politica alla fine del Settecento Maschere di Carnevale La gaia scienza Cosa è l autismo? Un testimonio del nostro tempo Quale futuro? Tutta Parigi impazza Stratigrafia del Comune di Prizzi Leo e Leoni in gita Città di mare Con l occhio dei bambini Il Castello di Maredolce Riccardo Carioti Renata De Simone Attilio Carioti Raffaello Piraino Attilio Carioti Gabriella Maggio Carmelo Fucarino Luciana Pace Carmelo Fucarino Natale Caronia Carmelo Fucarino Gabriella Maggio Attilio Carioti Gabriella Maggio Gabriella Maggio Gigliola Siragusa 2

3 Lions Club QUESTA SERA PARLIAMO DI LIONS di Attilio Carioti Il 24 gennaio 2012, nel salone del Circolo Ufficiali di Palermo, si è svolto un incontro di formazione lionistica, mirato alla riflessione su che cosa significa oggi essere Lions, promosso dal L.C. Palermo Host con la partecipazione dei Club Normanna, Vespri, Mediterranea, New Century Palermo, New Century Panormus, Federico II, Libertà, Porta Nuova, Leoni, Monte Pellegrino, Conca d Oro Era presente il secondo Vice Governatore Gianfranco Amenta. Relatore sul tema è stato il Past Direttore Internazionale Domenico Messina. Dopo il saluto dei Presidenti dei Club, che hanno riferito le loro valutazioni, nate dall esperienza nella conduzione dei club, sulla crisi dell associazionismo ed in particolare sul mantenimento dei soci, Gianfranco Amenta ha sottolineato che essere lions equivale a fare una scelta di vita a cui bisogna restare fedeli, operando concretamente nell attuazione del we serve nella realtà locale, soprattutto nelle zone più degradate. Domenico Messina ha posto l accento sulla necessità di selezionare con attenzione i soci sulla base di un effettiva motivazione a servire, e sul loro coinvolgimento nelle attività di club. Ai Presidenti, che rappresentano un importante spaccato della società lionistica di Palermo, consiglia per non disperdere le energie, di organizzare attività comuni ai vari club per ottimizzare le risorse ed implementare i risultati. Giuseppe Ingrassia, Direttore del Centro studi distrettuale, comunica di avere predisposto due questionari, che saranno inviati a tutti i Club del Distretto per rilevare dati utili ad evidenziare punti di forza e punti di criticità per potere adeguatamente affrontare il problema e proporre soluzioni. 3

4 Eventi Suoni e parole a Palazzo Asmundo Sabato 28 Gennaio 2012, nella splendida cornice di Palazzo Asmundo, ha avuto luogo un evento letterario organizzato da SiciliAntica, in particolare dall attivissima Maddalena Gargano, e presentato dal Gruppo Mediolanum. L incontro dal titolo Suoni... e parole. Gli scrittori si raccontano tra armonie e discordanze è stato coordinato da Alfonso Lo Cascio, presidente regionale di SiciliAntica, e si è articolato in diversi momenti, non solo letterari, ma anche musicali e artistici, che hanno coniugato la presentazione di due libri di genere opposto, eppure affini nelle tematiche affrontate: Momenti di Parole di Paolo Baù e Il Suono Sacro di Arjiam di Daniela Lojarro. In entrambi i generi vengono dipinti dei personaggi che si interrogano sul senso della loro vita e della vita in generale, in perenne anelito verso una risposta che dischiuda il mistero della sofferenza umana e apra la via verso la conoscenza della verità. In primo luogo è spettato alla scrittrice partenopea Rosa Gargiulo il compito impegnativo, ma di certo piacevole, di presentare il romanzo di Baù, Momenti di Parole, un opera intimistica e riflessiva, in grado di delineare, quasi in forma di moderno prosimetro, l immaginario incontro con la maschera di Dio o di un entità al quale lo scrittore rivolge le sue domande, le sue perplessità, i suoi ricordi, fino a scoprire che non vi è risposta che possa giungere dal silenzio del Signor D., troppo intento a osservare il suo bicchiere di latte, metafora del tempo che scorre inesorabile senza poter essere mai assaporato fino in fondo. Rosa Gargiulo ha condotto un duetto con Baù evidenziando i punti focali del racconto e lasciando emergere i turbamenti dell animo e le amarezze del reale, quel sentire fosco e cosciente del limite, che l autore ha raccontato con semplicità e chiarezza icastica. Dopo uno dei momenti musicali, affidati a Tango Disiu - musiche dei porti, è stata la volta di Daniela Lojarro, autrice de Il Suono Sacro di Arjiam, romanzo fantasy incentrato sulla musica e sul potere conoscitivo e spirituale del suono. A introdurre la figura versatile della scrittrice, Alessandro Iascy, creatore e amministratore del portale di Letteratura fantastica TrueFantasy, e la sottoscritta. Dopo aver presentato brevemente la carriera di Daniela, affermata cantante lirica, e dopo aver sottolineato l importanza della musica nella sua scrittura, le abbiamo rivolto alcune domande sulla trama del romanzo e sulle tematiche universali che in esso sono intessute, come preziosi fili di un arazzo: la perdita, il sacrificio, la ricerca del proprio ruolo nel mondo e della propria identità. La Lojarro descrive i di Lavinia Scolari suoi personaggi in un cammino iniziatico che sembra imperniarsi sulla necessità di trovare il giusto equilibrio fra bene e male, amore e dovere, dolore e speranza. Lungi da escludersi, gli opposti si completano e fondono in un ordine armonico che la Lojarro definisce felicemente con uno suo stile fluido e rotondo. Dopo un altro momento musicale, la serata si è chiusa con due talentuosi danzatori di Tango che hanno allietato i presenti prima di lasciare spazio all aperitivo di chiusura. Una serata suggestiva e ricca di piacevoli momenti, che hanno avuto profondo risalto grazie all impegno degli organizzatori e allo sfondo del meraviglioso Palazzo Asmundo, di fronte alla cattedrale palermitana, a ricordarci ancora una volta quanto Palermo sia vivace e pronta a raccogliere ogni fermento artistico, culturale e di scambio. 4

5 Società E basta indignarsi? E ora che fare? di Carmelo Fucarino Un uomo di 95 anni, classe 1917, anno del primo disastro europeo, con lunga esperienza diplomatica, ex combattente della Resistenza francese, ex deportato di Buchenwald, ha vissuto inconsapevole nel circolo mediatico una folgorante incursione. Il giorno del suo compleanno (20 ottobre 2010) esce un piccolo pamphlet di 20 pagine dal titolo esclamtivo, Indignez-vous!, sottotitolo (Pour une insurrection pacifique), Indigène éditions, in una collana dal nome profetico, "Ceux Qui Marchent Contre Le Vent", (Montpellier, traduzione italiana Indignatevi!, Add editore, Torino 2011). Ad oggi certamente più di un milione di copie. All appello risposero le carovane del Movimento 15-M e gli Indignados di Puerta del Sol a Madrid, di Valladolid e Barcellona. Anche la Big Apple rispose dalla celebre Wall Street e presto conobbero i manganelli dei policemen di Bloomberg e Obama. Settecento arresti sul ponte di Brooklyn dei giovani di Occupy Wall Street Questa la risposta in 32 pagine di un altro nobile antifascista del 1915 «Valuto molto più forte il rischio che i sentimenti dell indignazione e della speranza restino, come tali, inefficaci, in mancanza di una lettura del mondo e di una adeguata pratica politica che dia loro corpo. Che l indignazione possa supplire alla politica e, in primo luogo, alla creazione delle sue forme efficaci è illusorio». E poi «Ho imparato in questo secolo l indicibile dell umano, di ognuno di noi e della relazione con l altro che non possiamo mai afferrare fino in fondo. La mia paura è che mi venga tolto non tanto il pane e nemmeno la Costituzione, ma questa idea dell umano. Vi prego, non permettete che la domanda sull essere umano venga cancellata». E la contro risposta di Hessel con un altro pamphlet del 2011, Engagez-vous! (Impegnatevi!. 2011).Con i disastri e il baratro davanti al quale ci ha trascinato la finanza internazionale della quale siamo ostaggi indifesi e non riscattabili: «E inoltre c è un problema che riguarda indubbiamente il modo in cui siamo governati. Siamo governati da decenni dalla finanza, da gente che pensa solo ai profitti erodendo diritti e certezze sociali a milioni di persone. L insoddisfazione è enorme ma siamo ingannati dalla felicità relativa». 5

6 Cucina Le ricette letterarie di Marinella di Marinella MPANATIGGHIE Ingredienti: Per l impasto Gr.500 di farina 00, gr.125 di zucchero, gr.100 di strutto, 4 tuorli d uovo, 1 uovo intero, 1/2 bicchiere di marsala secco, gr. 5 di ammoniaca per dolci, un pizzico di sale. Per il ripieno Gr. 200 di filetto di manzo, gr.250 di zucchero, gr. 200 di mandorle, gr.100 di cioccolato fondente, cannella, chiodi di garofano in polvere, 4 albumi. Leonardo Sciascia non è stato soltanto un autore di romanzi, ma anche uno scrittore che raccontava per immagini attraverso le fotografie di Giuseppe Leone. In questa narrazione parallela ha descritto anche la cucina siciliana con particolare attenzione ai piatti più caratteristici come le mpanatigghie della contea di Modica., ravioli dolci. Ecco le sue parole evocatrici di sostanziosi sapori e storie lontane: Fatti di una pasta sottilissima e fragile contenente un sapiente impasto di carne e cioccolato principalmente un dolce nutrientissimo si potrebbe dire un dolce da viaggio. Da viaggio in Spagna, quando fu inventato Preparazione della farcia Rosolare in padella con olio di oliva la carne tritata, unendo lo zucchero i chiodi di garofano e gli albumi, le mandorle. Preparazione della pasta Mescolare insieme gli ingredienti, ricavare dei dischetti di pasta e porre al centro il ripieno. Sigillare il raviolo, forarlo prima di metterlo al forno a 6

7 Lions Club SIgISMONDO D INDIA, vita e opere del musicista palermitano di Gabriella Maggio Stemma della Famiglia India, blasonato da Palizzolo Gravina ILions Club Palermo Porta Nuova e Palermo New Century il 31 gennaio 2012 nella Sala Martorana di Palazzo Comitini hanno organizzato una conferenza sulla vita e le opere del musicista palermitano Sigismodo D India. Relatore il Prof. Jeorge Morales dell Università Sorbonne di Parigi. Ha introdotto i lavori il Presidente della Provincia Regionale di Palermo, ing. Giovanni Avanti, che ha sottolineato l importanza di promuovere lo studio e la divulgazione del patrimonio culturale siciliano. Erano presenti Alfredo Lo Faro, coordinatore distrettuale del Service Made in Sicily, le eccellenze siciliane e Gabriella Giacinti, presidente della Prima Circoscrizione. Poco si sa della biografia di questo musicista, afferma Morales, tuttavia se incerto è il luogo di nascita, Palermo o Napoli, per ammissione dello stesso D India, nella prefazione alle Musiche, la sua famiglia appartiene alla nobiltà palermitana. Tale affermazione, a parere di chi scrive, può trovare sostegno nel Villabianca e anche nel Palizzolo Gravina, che nel Dizionario Storico-Araldico della Sicilia descrive e rappresenta lo stemma della famiglia India. Una congruenza emerge anche dalla ricerca negli elenchi telefonici italiani e nel noto portale Gens Labo, nei quali si rileva che il cognome D India è presente quasi esclusivamente in qualche Comune del Palermitano. Incerta è anche la prima formazione musicale del D India, fatta eccezione per quello che lui stesso scrive nel 1609 nella prefazione alle Musiche :...insino dalla fanciullezza mi procurai di conversare con huomini intelligenti della Musica, et da suoi dotti discorsi imparare ciò, che desideravo sapere sì del comporre a più voci, come del cantar solo Nella prefazione a Le musiche da cantar solo... ( Milano 1606) Sigismondo d'india, prende le distanze da quegli autori che creavano composizioni monotone e afferma: ritrovai che si poteva comporre nella vera maniera con intervalli non ordinarij, passando con più novità possibili da una consonanza all'altra, secondo la varietà de i sensi delle parole, et che per questo mezo i canti havrebbono maggior affetto, et maggior forza nel mover gli affetti dell'animo di quello, c'havessero potuto operare, se fossero tutte state composte ad un modo con ordinarij movimenti...". Sigismondo d'india si è cimentato in tutte le forme musicali del suo tempo, tra Rinascimento e Barocco, quali monodie, madrigali e mottetti, reinterpretando le suggestioni delle varie produzioni musicali, per esempio quelle della Scuola veneziana e della Scuola romana, quelle legate al tentativo di recuperare la musica della classicità greca e allo sviluppo di una nuova forma musicale che sfocerà nel melodramma. Dalle opere ascoltate in registrazione è emerso il grande musicista, che con la sua arte legittima pienamente l interesse che ancora oggi si ha per le sue opere, mettendo in ombra le lacune delle fonti storiche. 7

8 Storia I diritti umani e un palermitano esemplare di Carmelo Fucarino Palermo - Castello a mare - Porta Aragonese Giovedì 19 agosto 1593 alle 15 circa un fortissimo boato fece tremare la zona della Cala e tutto il Cassaro basso. Si disse che al Castello a mare di Palermo «incappò foco a due dammusi di polveri ed essendo vicine le carcere, tutte le scacciò». Ivi perì anche Argisto Giuffredi ( ), poeta e socio fondatore dell Accademia degli Accesi, nome Contemplativo, e socio di quella dei Risoluti. Oltre a una raccolta di poesie in stile petrarchesco, scrisse anche gli Avvertimenti cristiani, sulla falsariga del celebre Galateo ( ) di monsignor della Casa e del Cortegiano ( ) di Baldassar Castiglione, il diario della vita palermitana della fine del Cinquecento, una società spompata e rassegnata e vuota di ideali. A parte alcuni consigli di timorosa prudenza, egli fu, come osservò Sciascia (non pertanto scrisse la perla di Porte aperte, 1987) «la prima voce che si sia levata nel mondo contro la tortura e la pena di morte», quando impartì al figlio Giovanni anche questo precetto, straordinario per tempi in cui la tortura era strumento di istruttoria, dalla semplice corda alle invenzioni più sofisticate e strazianti: «Ma voglio ben dirti, Giovanni, e così lo dico agli altri, che non condanniate mai nessuno ad essere frustato [ ] e se non è per cosa più che grande, anzi, potendo, per qualsivoglia cosa non date mai morte a nessuno; [ ] questa vita che è di Dio io la vorrei lasciar tor da lui». E lui stesso che aveva assistito ai tratti di corda e aveva poi sperimentato sulla sua schiena sette tratti di corda, come abituale procedura istruttoria, preparatoria dell interrogatorio, in quell orrendo carcere della Santa Inquisizione, ricordava di «venir quasi così mal volentieri a dar altrui la corda, come a dargli morte; perciò che oltre al pericolo in che si pone uno, confessando, di morire, si pone anche a pericolo di rompersi il collo, rompendosegli, come l ho veduto io talvolta». Così intorno al Poi nel 1764 il milanese Cesare Beccaria così lamentava in Dei delitti e delle pene: «Una crudeltà consacrata dall uso nella maggior parte delle nazioni è la tortura del reo mentre si forma il processo, o per constringerlo a confessare un delitto, o per le contradizioni nelle quali incorre, o per la scoperta dei complici, o per non so quale metafisica ed incomprensibile purgazione d infamia, o finalmente per altri delitti di cui potrebbe esser reo, ma dei quali non è accusato» (cap. XVI). «Non è utile la pena di morte per l esempio di atrocità che dà agli uomini. Se le passioni o la necessità della guerra hanno insegnato a spargere il sangue umano, le leggi moderatrici della condotta degli uomini non dovrebbono aumentare il fiero esempio, tanto piú funesto quanto la morte legale è data con istudio e con formalità. Parmi un assurdo che le leggi, che sono l'espressione della pubblica volontà, che detestano e puniscono l'omicidio, ne commettono uno esse medesime, e, per allontanare i cittadini dall'assassinio, ordinino un pubblico assassinio» (cap, XXVIII). Pochi mesi fa dal Rapporto annuale 2011 di Amnesty International - La situazione dei diritti umani nel mondo. Italia Scheda paese -Tortura e altri maltrattamenti «A marzo e maggio, la corte d appello di Genova ha emesso verdetti di seconda istanza nei processi sulle torture e altri maltrattamenti perpetrati da agenti delle forze di polizia e di sicurezza contro i manifestanti in occasione del G8 nel A fine anno rimaneva aperta l opportunità di presentare ricorsi presso la Corte di Cassazione. A marzo la corte ha riconosciuto che la maggior parte dei reati occorsi nel centro di detenzione temporanea di Bolzaneto, tra cui lesioni personali gravi, ispezioni e perquisizioni arbitrarie, erano ormai prescritti, ma ha comunque ordinato a tutti i 42 imputati di pagare un risarcimento civile alle vittime. Ha inoltre imposto pene detentive fino a tre anni e due mesi nei confronti di otto imputati. A maggio, la stessa corte ha ritenuto colpevoli etc. Molte delle accuse sono cadute a causa della prescrizione. Tuttavia, se l Italia avesse introdotto il reato di tortura nel codice penale, la prescrizione non si sarebbe potuta applicare» (scheda completa nel sito). Convenzione di New York contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti Normativa adottata dall'assemblea Generale delle Nazioni Unite. il 10 dicembre Entrata in vigore il 27 giugno Stati che hanno depositato la dichiarazione di cui all'art. 22 al gennaio 2004: 54.Autorizzazione alla ratifica ed ordine di esecuzione in Italia: l. n. 489 del 3 novembre «Articolo Ai fini della presente Convenzione, il termine "tortura" indica qualsiasi atto mediante il quale sono intenzionalmente inflitti ad una persona dolore o sofferenze forti, fisiche o mentali, al fine segnatamente di ottenere da essa o da una terza persona informazioni o confessioni, di punirla per un atto che essa o una terza persona ha commesso o è sospettata aver commesso, di intimorirla o di far pressione su di lei o di intimorire o di far pressione su una terza persona, o per qualsiasi altro motivo fondato su qualsiasi forma di discriminazione, qualora tale dolore o sofferenze siano inflitte da un agente della funzione pubblica o da ogni altra persona che agisca a titolo ufficiale, o su sua istigazione, o con il suo consenso espresso o tacito. Tale termine non si estende al dolore o alle sofferenze risultanti unicamente da sanzioni legittime, inerenti a tali sanzioni o da esse cagionate». C era un palermitano, 427 anni fa, che sapeva cosa fossero la tortura e la pena di morte, perché vi era vissuto dentro, l aveva subita, si suppone dalla Santa Inquisizione anche in nome di Dio. Certo non in nome di Cristo. Quanti delitti si compiono ancora in nome della religione e della libertà individuale e della sicurezza nazionale. 8

9 Storia Viaggiatori stranieri in Sicilia Dominique Vivant Denon di Daniela Crispo Dominique Vivant Denon è nato in Francia nel 1747, abile incisore e piacevole scrittore, come diplomatico viaggia per l Europa e soggiorna sette anni a Napoli. Nel 1778 viaggia nell Italia meridionale ed in Sicilia ed consegna le sue impressioni al Voyage pittoresque ou description des Royaumes de Naples et de Sicilie, stampato fra il 1781 ed il 1786 ed illustrato da 417 acqueforti. L opera costituisce la più bella rappresentazione della Sicilia di fine Settecento. Denon è giunto in Sicilia il 2 giugno insieme agli architetti Jean Louis Desprez e Jean Augustin Renard ed il pittore Claude Louis Châtelet. Tutti hanno un grande gusto per le antichità e per i paesaggi sconosciuti in cui ricercano l atmosfera preromantica della natura aspra e selvaggia. La prima parte del viaggio si svolge tra Messina e Taormina e culmina l 11 giugno nell ascensione sull Etna, vissuta dai viaggiatori nell esaltazione della grandiosità dei luoghi e dell avventura straordinaria che hanno intrapreso. L interesse antiquario dei viaggiatori, ragione prima del loro viaggio, viene soddisfatto a Catania dal museo Biscari. Denon ed i suoi amici giungono a Palermo il 2 luglio in tempo per assistere al Festino di Santa Rosalia. Denon lo ritrae in molte tavole. Ma il suo interesse è rivolto soprattutto agli abitanti della città ed in particolare alle donne che definisce intelligenti, maliziose ed affabili. Ben accolto dall aristocrazia, rimane, però, deluso, dalla città. La Cappella Palatina gli sembra gelida, la Cattedrale ed i sarcofagi dei re gli sembrano di mauvais goût. Considera il barocco delle chiese cittadine uno stile decadente di cui condanna le ridondanze decorative, sebbene avverta a tratti la suggestione dell imponenza delle strutture e la possanza delle masse. In questi sentimenti contrastanti trascorre un mese nella città. Affascinato dall archeologia con severo gusto di intenditore, ma anche con l interesse per il pittoresco, riesce ad interpretare il grande messaggio della Sicilia antica davanti alla maestosità delle rovine di Selinunte e del tempio di Giove a Girgenti nei quali coglie il segno della titanica competizione tra uomini e dei. Al resto non fa attenzione, contrariato dal pessimo stato delle strade.e dalla sporcizia di molti luoghi come la mitica Fonte Aretusa. Da queste costatazioni prende spunto per indicare i mali del latifondo, dell aristocrazia neghittosa e parassitaria, dei causidici avidi e rapaci su cui si stende il velo dell apatia diffusa. 9

10 Lions Club Visita del governatore del Distretto 108 Yb di Attilio Carioti Il 3 febbraio 2012 all Hotel S.Paolo il Lions Club Palermo dei Vespri ha ricevuto, insieme ai Club Palermo Leoni e Palermo Federico II, la tradizionale visita del Governatore del Distretto 108 YB, Nuccio Di Pietro. Nell indirizzo di saluto il Governatore ha esortato tutti i Lions a perseverare nello spirito di servizio e nella coesione all interno dei club; ha espresso, inoltre, a tutti i Presidenti il proprio compiacimento per le numerose ed utili attività sin qui condotte nel territorio. Visita > Leggi Commenta > Collabora > Scrivi VesprinoMagazine incontriamoci in rete lionspalermodeivespri.wordpress.com 10

11 QUEI geniali ARCHITETTI CHE RESERO UNICHE LE NOSTRE CITTà 3ª parte di Tommaso Aiello Architettura Loggiato dell atrio dell Università di Catania. Foto Aiello Consentitemi di riportare la premessa di Giovanni Di Blasi,nel secolo XIX,al suo L architettura in Sicilia,in quanto dà luce a questo mio tentativo di evidenziare l attività di alcuni architetti siciliani che lavorarono all abbellimento delle nostre città. Mentre occupavami delle note al Lessico topografico di Vito D Amico,mi fu d uopo di considerar la Sicilia,questa più volte madre di civiltà,in tutti i suoi vanti,in tutte le sue glorie. E forte io stupiva nel vederne oscura la fama nelle arti del bello sin dopo le classiche epoche di Grecia e di Roma;mentre essa,dominando qui i musulmani,vide progredire maravigliosamente ogni maniera d arte;indi sotto i normanni precedette l Italia nello sviluppo dell arte ortodossa;e nel sestodecimo secolo spinse la sua scuola di pittura e di scultura al rango quasi di quelle di Toscana e di Venezia.Parte per nimicizia di fortuna,parte per trascuranza di noi stessi,o per traviamento dalle sane idee,pochissimo han detto di tanta virtù i nostri,gli stranieri han taciuto.ma percorrendo per poco le diverse parti dell isola,tanti e tali artistici tesori si rinvengono dell età moderne,che lasciarle ancora in obblio reputerei delitto.in tal congiuntura ho fermato proposito di raddensar la materia che le arti siciliane riguarda,e condurne la storia dall eta dei normanni sino ai giorni presenti.giudichino i miei leggitori questo primo periodo che io loro ne offro;ma diamo bando alle idee preconcepite.bastami allora che al mio ardire giovanile siano indulgenti,poiché deriva dall amore che io sento per le arti di questa cara Sicilia. E allora continuiamo il nostro lavoro con una maggiore speranza che queste note possano far ritornare alla mente di chi ci legge una non disprezzabile,se non talvolta artisticamente grande,attività di alcuni nostri architetti. Parleremo in questo capitolo di Giovanni Battista Vaccarini che sebbene fosse nato a Palermo nel 1702 dall intagliatore in legno Gerlando Vaccarini e da Francesca Mangialardo,si può considerare catanese d adozione(ricevette infatti la cittadinanza onoraria nel 1735)perché contribuì alla ricostruzione della città dopo il terremoto dell 11 gennaio 1693 che aveva devastato la maggior parte delle città orientali dell isola.morì a Palermo l 11 marzo 1768 e venne sepolto nella chiesa dei Crociferi in Via Maqueda. Allievo di Luigi Vanvitelli lo troviamo a Roma, su richiamo del cardinale Ottoboni,dove potè studiare le opere del Bernini e del Borromini e frequentare l accademia di San Luca.L esperienza romana lo manterrà comunque, vicino all architettura berniniana. Il barocco del Vaccarini si può considerare rielaborazione delle forme e del ritmo classici,insieme all uso dei materiali e degli stilemi del repertorio tradizionale catanese.assai fecondo,le sue opere rappresentano molta parte del paesaggio urbano. Il Palazzo Universitario del 1730 è la prima opera dell architetto nella città che si va ricostruendo. L edificio riprende,secondo il Boscarino, il tipo a blocco con cortile quadrato.il Vaccarini conferisce all edificio una tra le sue più riuscite disposizioni architettoniche,erigendo il cortile quadrangolare su un doppio ordine di loggiati che si sviluppano attorno all elegante pavimentazione decorata da un ornato geometrico in pietra calcarea e lavica. Davanti al Palazzo Universitario sorge il Palazzo di Città,del quale nel 1735, in sostituzione dell antica Loggia,Vaccarini modifica i prospetti,continuando l ordine delle paraste a bugne diamantate,con piatte lesene, e innalzando una regale tribuna sul portone principale che è posto tra quattro colonne di granito disposte a coppia. Tra le lesene che abbracciano i due piani superiori e l architrave,corre un mensolone a campanelle.un classico timpano, tra le cui modanature primeggia un elegante gocciolatoio, corona l edificio.la parte superiore è ritmata dalle finestre, anch esse semplici. Palazzo comunale o senatorio 11

12 Architettura QUEI geniali ARCHITETTI CHE RESERO UNICHE LE NOSTRE CITTà L idea dell ordine architettonico,che nelle successive opere non trova più ostacoli,è qui costretto a integrarsi a preesistenze di gusto decorativo enfaticamente barocco.nella corte interna è possibile ammirare le due carrozze del XVIII secolo con le quali il giorno della processione(di Sant Agata)le autorità cittadine raggiungono la chiesa di S.Biagio,in Piazza Stesicoro,per offrire i ceri alla Santa. A 31 anni(a 29 secondo G.Policastro)gli fu assegnato il prospetto della cattedrale di Catania.Il Vaccarini vi inserì le colonne marmoree dell Odeon greco e del Circo romano.il problema della facciata del Duomo non è però di semplice soluzione perché fin da quando viene posta la prima pietra,il modello del Vaccarini venne conte- Catania, il Duomo stato,tanto che l architetto decide di recarsi a Roma per far giudicare il prospetto dagli accademici di S.Luca,dai quali ottiene l approvazione,sostenuto anche dall amichevole consenso del Vanvitelli. I lavori interrotti per un lungo periodo,vengono ripresi e terminati,secondo il Boscarino(1986), nel Per altri invece all originario modello sarebbero state apportate delle modifiche, in seguito accettate,e nel gennaio del 1761 l opera sarebbe risultata quasi compiuta. Comunque la parte che meglio mostra lo stile di Vaccarini, che contribuì all esuberante tardo barocco siciliano, resta la facciata,movimentata,come abbiamo detto, da colonne e specchiature alternate di marmo bianco e pietra lavica. L aspetto massiccio sottolinea come il Duomo,iniziato dal conte Ruggero il Normanno e ripreso nel 1169, fosse concepito come chiesa fortificata. Il lato nord presenta un bel portale cinquecentesco, con una trabeazione ornata da putti;ma è la facciata, come dicevamo,che è un capolavoro ed è una delle cose migliori del Vaccarini. L interno custodisce notevoli opere d arte e accoglie celebri sepolture.spiccano l ottocentesca tomba di Vincenzo Bellini e due sarcofagi,uno grandioso di età romana e l altro gotico. Nell abside destra si apre la cappella di Sant Agata, nonché la splendida porta a rilievi che immette al tesoro della Santa che conserva pregevoli opere di oreficeria. La chiesa di Sant Agata è sicuramente l espressione più grande delle opere sacre realizzate dal Vaccarini; è evidente la prodigiosa compenetrazione tra struttura e decorazione,tra retta e curva,tra meccanica e poesia. Il Vaccarini svolse con originalità alcuni spunti borrominiani da Sant Agnese in Agone,evidenti nella pianta centrale sormontata da un alta cupola e nella delicata fronte mossa da leggere increspature concave e convesse e caratterizzata da paraste con originalissimi capitelli. Proprio la finezza dei dettagli (cornici, balaustre, finestre) fu una caratteristica sempre presente nella sua opera, anch essa derivata dall educazione romana dell architetto. La chiesa della Badia di Sant Agata,definita gioiello prezioso della città, ha pianta a croce inscritta in un ovale. Catania, particolare della chiesa della Badia di Sant Agata. Foto Aiello Sulla facciata,il portale a colonne binate,arretrato rispetto ai due corpi convessi che lo fiancheggiano, è costituito da elementi decorativi catanesi:le palme, la corona e i gigli dei capitelli sono proprio i simboli di Sant Agata, protettrice della città. Una cuspide corona il portale e segna il limite della parte inferiore in ombra e di quella superiore illuminata. Sopra il massiccio attico concavo troneggia la cupola. Un merletto di minuti intagli arabeschi corre tra capitello e capitello.staue di santi e fruttiere posate su pilastri e gli intagli su cui la luce gioca i contrasti, arricchiscono il prospetto dominato dalla massa centrale concava. Il cuore di Catania, Piazza del Duomo, che è un concentrato di capolavori di età barocca,accoglie la FONTANA DELL ELEFANTE, ideata dal nostro Vaccarini e realizzata riutilizzando antichi elementi decorativi quali l elefante in pietra lavica di epoca romana e l obelisco egizio. Questo piccolo elefante riassume 2000 anni di storia. Nel- 12

13 Architettura QUEI geniali ARCHITETTI CHE RESERO UNICHE LE NOSTRE CITTà l antichità la statua apparteneva a un tempio, poi nei primi secoli cristiani,l elefantino venne messo in disparte e solo nel 700 il Vaccarini progettò una fontana inserendovi al centro l elefante sorreggente un obelisco egizio di granito.questa fontana rapprenta tre civiltà: la punica, l egizia, la cristiana. L elefante è il simbolo della sconfitta dei cartaginesi venuti a conquistare la città a cavallo degli enormi pachidermi, l obelisco, probabilmente portato a Catania dall Egitto al tempo delle Crociate, apparteneva al Circo Massimo romano e rappresenta appunto la civiltà egizia; la croce, le palme ed il globo che coronano il monumento rappresentano la civiltà cristiana. Il liotro deriva il nome forse da quello del mago Eliodoro-Liotru,che avrebbe usato il pachiderma come cavalcatura. Il Vaccarini, su modello dell Elefante di Minerva a Roma del Bernini,sistemò il liotro e l obelisco,sormontandoli con stilemi agatini e componendovi la fontana. La frenetica attività di instancabile restauratore della città devastata lo vede impegnato nella costruzione della Biblioteca e del Monastero dei Benedettini. Subito dopo,quasi sicuramente,iniziano i lavori di ristrutturazione del Palazzo del Marchese di S. Giuliano che furono completati nel Catania, l elefante di Piazza Duomo. FotoAiello L edificio che presenta il prospetto semplice e ben distribuito porta il nome del Vaccarini e la datazione(1745) sul concio della chiave del portone d ingresso sulla piazza,come scrive G.Policastro nel Catania, Palazzo S. Giuliano. Foto Aiello Subito dopo elabora i disegni per la chiesa di S.Giuliano in Via dei Crociferi,nel cuore della Catania barocca. La chiesa presenta una bella facciata convessa percorsa da un loggiato a cui si può accedere. La facciata dai chiaroscuri marcati, è sormontata da un tiburio ottagonale coronato da una merlatura. Esso cela una volta e non una cupola come di solito per tale tipologia. L illusione era, infatti, uno dei temi tipici barocchi, tesi a Catania, Chiesa di San Giuliano. creare spazi scenografici e a stupire per attrarre lo spettatore. Un movimento convesso al centro coinvolge il prospetto, su cui si aprono i fittizi accessi alle navate laterali. Le fruttiere in cima ai pilastri sono una decorazione tipica del maestro. Due statue di figure femminili sono posate sul frontone spezzato. All interno,ove domina una solare luce dorata, l uso della bicromia nell altare,creata dal gioco di agate e lapislazzuli,mostra la raffinatezza del gusto dell architetto. Sempre all interno si trova un prezioso crocifisso del XIV secolo posto all altezza dell altare maggiore. Contiene inoltre una tela di Oliviero Sozzi,la Madonna delle Grazie. La chiesa di San Giuliano viene considerata da molti un vero capolavoro dell architettura barocca religiosa. Tra le altre sue opere ricordiamo la costruzione di Palazzo Gioeni, la casa dello stesso Vaccarini,il Collegio Cutelli e nel 1760 il Palazzo Cutelli, opera della sua maturità. La corte interna circolare è la manifestazione delle influenze stilistiche del suo maestro, l architetto napoletano Luigi Vanvitelli. (Segue la quarta parte:la piazza della città di Siracusa). 13

14 Storia IL giorno DEL RICORDO DELLE FOIBE di Gabriella Maggio Dal 2004 il 10 febbraio ricordiamo le vittime delle orrende stragi delle foibe come ha detto il Presidente Giorgio Napolitano, esprimendo il sentimento di vicinanza alle persone ed alle associazioni che coltivano la memoria di quella tragedia e dell esodo di intere popolazioni. E in Europa che dobbiamo trovare nuovi stimoli, ha continuato il Presidente, considerando che le minoranze che vivono nei vari Paesi sono una ricchezza da tutelare, un opportunità da comprendere. Traendo lezione dalla storia, si deve guardare al futuro, impegnarsi a progettare società più giuste e più solidali per le generazioni più giovani, che non hanno vissuto queste tristi esperienze, a queste noi dobbiamo offrire un clima di riconciliazione e di riconoscimento. Visita > Leggi Commenta > Collabora > Scrivi VesprinoMagazine incontriamoci in rete lionspalermodeivespri.wordpress.com 14

15 Storia Duecento anni fa nasceva Charles Dickens di Irina Tuzzolino Charles Dickens, nasce cento anni fa, il 12 febbraio 1812 a Portsmouth, comincia la sua attività intellettuale come cronista parlamentare, dopo essere stato in prigione per debiti ed avere lavorato in fabbrica come operaio. Questa esperienza lo segna profondamente e lo spinge a dedicarsi al romano sociale nel quale esplora i quartieri degradati e le zone malsane, dove abitano operai e persone prive di mezzi economici. I suoi protagonisti vivono, tra rancore e ribellione, in maniera schiacciante il valore del denaro, le disuguaglianze sociali, la difficoltà di farsi avanti nella società per trovare un posto onorevole e dignitoso. Ma la vita frenetica della società metropolitana attanagliata nel vortice della corsa al denaro è descritta in maniera sinistra. Nei primi romanzi, però, la vita dei quartieri operai non è in conflitto con i valori borghesi dell età vittoriana cioè la fede nella possibilità di una redenzione individuale, la solidità dei valori familiari, la politica come forza che contrasta l ascesa vorticosa del capitalismo. Ben presto il momento umanitario e filantropico si esaurisce e Dickens assume un atteggiamento sempre più critico nei confronti della borghesia e del suo sistema dei valori. In Tempi difficili lo scrittore mette in luce i rapporti tra operai e padroni e le condizioni disumane dei sobborghi industriali. In Grandi speranze il desiderio di denaro corrompe anche l onesto protagonista Pip, che alla fine riconosce l importanza e la dignità di un lavoro umile. Dickens non manca però di humour nel realismo delle descrizioni e nelle ricostruzioni storiche, spesso intrecciato a colpi di scena, perché pubblica i suoi romanzi a puntate sui quotidiani e quindi deve tenere alta l attenzione dei lettori. 15

16 Cucina Le dolci fantastiche creazioni di Ornella Correnti Visita > Leggi Commenta > Collabora > Scrivi VesprinoMagazine incontriamoci in rete lionspalermodeivespri.wordpress.com 16

17 Intervista Intervista con la scrittrice Leda Melluso di Gabriella Maggio Leda Melluso torna a parlare di Palermo nel suo secondo romanzo storico, pubblicato alla fine del 2011 con Piemme, L amante inglese ; ancora una volta ci guida con mano abile e ferma nella lettura di una vicenda ricca di temi narrativi. Tra i tanti l interessante quadro storico della Sicilia ancien régime, colta nel paesaggio cittadino ed in quello campagnolo, con la proposta di questioni che si possono leggere anche come antefatto del Risorgimento. Ho rivolto alcune domande alla scrittrice: ll romanzo ha un titolo intrigante. Chi è l amante inglese? È lady Emma. Figlia di un fabbro e cresciuta in una baracca della campagna inglese, attraverso una scalata senza precedenti, diventa moglie dell ambasciatore lord William Hamilton, amante del famoso ammiraglio Orazio Nelson, amica di Maria Carolina, regina di Napoli. Quella di Emma è la storia delle donne di ogni tempo e ogni luogo che sfruttano la bellezza per soggiogare uomini di potere. Donne che poi nella maggior parte dei casi finiscono male. Perché il Settecento? La storia che racconto è poco conosciuta ma molto significativa. Una riflessione sulle speranze che i siciliani spesso nutrono nei confronti del potere. Si è scritto molto sulla Rivoluzione napoletana del 1799, finita tragicamente nel sangue, ma non su quello che accadde in Sicilia in quegli anni. Quando re Ferdinando e Maria Carolina di Borbone, in fuga da Napoli, sbarcano a Palermo, i siciliani li accolgono con calore ma ben presto rimangono delusi. Ferdinando pensa solo alla caccia e alle donne, Maria Carolina ai suoi numerosi amanti. Entrambi, incuranti del benessere dei sudditi, sperperano il denaro pubblico, impongono nuove tasse, reprimono nel sangue i tentativi di rivolta. Anche l ammiraglio Nelson, che ha il compito di proteggere i reali, cade in un degrado impensabile. Follemente innamorato di Emma, per assecondarla trascorre le notti al tavolo da gioco facendo abuso di alcol. Un quadro desolante ma molto attuale: sesso e potere, una miscela esplosiva! l isola sembra destinata all immobilismo. Vi è il cadetto squattrinato che sposa le idee rivoluzionarie, la giovane destinata alla clausura che si ribella, la femminista ante litteram, pronta a morire per i suoi ideali. Vari filoni narrativi che si intrecciano in una vicenda piena di colpi di scena. Quali sono i luoghi che fanno da sfondo alla vicenda? Palermo, nei suoi aspetti più affascinanti: i quartieri popolari del Capo e della Kalsa, con voci e profumi inconfondibili, Villa Giulia sulla scia della descrizione di Goethe, la Palazzina Cinese, acquisita proprio in quella occasione dal re che ne fa la sua riserva di caccia, Villa Palagonia, dove, sotto lo sguardo dei mostri, scoppia la passione fra Emma e Orazio. Una Palermo incantevole! Il prossimo romanzo sarà sempre ambientato a Palermo? Sì, sempre romanzo storico, ambientato in Sicilia alla fine del Cinquecento durante la dominazione spagnola. Anche qui le vicende della protagonista, offrono lo spunto per una riflessione sul potere. Solo rileggendo la storia della nostra isola si possono comprendere le cause dello sfruttamento e del degrado in cui essa è caduta nei secoli. Personaggi tutti negativi? Una Sicilia senza possibilità di riscatto? No. Nel romanzo si rappresenta l aristocrazia passiva, improduttiva e ossequiosa nei confronti del potere ma anche il popolo affamato che si ribella alle ingiustizie sotto la guida della borghesia illuminata. In Sicilia, soffia il vento della rivoluzione, sta per irrompere il nuovo, anche se in apparenza 17

18 Società 14 febbraio 2012 di Gabriella Maggio DaFesta commerciale? Senza dubbio. Ma c è sempre il bello nel brutto. Ed il bello è che qualcuno, spinto dal martellamento pubblicitario, potrebbe anche cogliere l occasione per fermarsi un momento e riflettere sui propri sentimenti, per investire un po di sé stesso nella considerazione o nel ricordo di un amore. Propongo ai lettori una poesia inedita di Dante Maffia : Pensarti Pensarti è come entrare in un giardino incantato dove la luce fa impazzire i colori. Sento che il tempo passa e tu non mi hai dato ancora che attese e furori. Non fare che tutto si dissolva in una tempesta di spine, in una bolla di sapone, fa che i nostri corpi diventino una festa, fa che i tuoi baci siano lieti come un aquilone. 18

19 Lions Club I lavori della prima circoscrizione di Riccardo Carioti Domenica 12 febbraio nella sala riunioni dell Hotel S. Paolo di Palermo si sono svolti, alla presenza del Vice Governatore Gianfranco Amenta, i lavori della Prima Circoscrizione, coordinati dalla Presidente Gabriella Giacinti, sullo svolgimento e sulla realizzazione dei service distrettuali, nazionali ed internazionali a cui partecipano i club. Erano presenti oltre ai Presidenti dei club i Presidenti di zona Toti Cottone, Emilio Spataro, Pietro Sorce, M.C. Innati Bonomo. Dopo una sintesi delle attività svolte dai singoli club, si è affrontato il tema della crisi dell associazionismo. Infatti gli ultimi dati rilevati mostrano una marcata flessione nel numero dei soci nel distretto. Tale decremento è ascrivibile in primo luogo all attuale crisi economica, in secondo luogo ad una debole motivazione ed anche al fraintendimento dell etica lionistica e del ruolo dell associazione nella società. Le soluzioni sono state individuate nei percorsi di formazione dei nuovi soci ed in occasioni di aggiornamento per tutti gli altri, secondo il Responsabile del GMT, Giovanni Germanà, del Responsabile del GLT, Salvatore Plescia e dal Direttore del Centro studi Giuseppe Ingrassia. A questi interventi è seguito un dibattito con i presenti, da cui è emerso l auspicio di ricercare nuovi criteri di misura della vitalità del lionismo ed in particolare prescindere dalla considerazione del mero numero degli iscritti, ricercando nuovi indicatori legati piuttosto alla qualità del lavoro svolto. 19

20 Storia Il testamento del Viceré di Renata De Simone Ettore Pignatelli Inotai, considerati personaggi di rilievo nella società odierna, possono vantare in Sicilia una lunga tradizione che si vuol fare risalire ai tabelliones di epoca romana. Dagli antichi tabelliones, infatti, derivano direttamente i notarii medievali: sono questi funzionari dotati di publica fides delegati alla stesura e convalida di ogni atto pubblico. Essi, per il delicato ruolo che svolgevano, furono oggetto di particolare attenzione da parte dei legislatori siciliani sin dall epoca normanna, ma solo a partire dalle Costituzioni fridericiane del 1231 l ufficio del notariato e le competenze di questi funzionari vennero minuziosamente regolamentate. Il campo d azione del notarius variava in base alla licenza conseguita, che avveniva regia, imperiali o ecclesiastica autoctoritate; in questo modo si stabiliva una gradualità nella competenza territoriale, la cosiddetta piazza di rogazione, che individuava il territorio entro il quale operare, limitato ad una sola città, o esteso a tutto il regno e oltre. Norme precise regolavano la sua formazione professionale, la prassi da seguire nei vari tipi di atti ro- 20

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014

Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 Scuola dell Infanzia Ai caduti, Sozzago (NO) Programmazione didattica A.S. 2013-2014 PREMESSA Il progetto annuale è stato definito secondo il modello di programmazione per sfondo integratore. Il GIRO D

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini.

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Un mondo per giocare, correre e cantare, dove ho il sorriso di chi

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

I sogni dipinti del duca

I sogni dipinti del duca I sogni dipinti del duca sii depinta tutta a zigli nel campo celestro, mettendo de le stelle tra l uno ziglio e l altro Lo stesso Duca Galeazzo Maria indicava i motivi delle decorazioni delle sale della

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari

Sedotta dal mondo del POKER. il punto G del gioco SPECIALE ENADA. Il gioco ritorna in fiera. POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari NUMERO 04 MARZO 2010 il punto G del gioco ZERO ASSOLUTO CASINÒ DI SANREMO SPECIALE ENADA SPECIALE ENADA Il gioco ritorna in fiera POKER FACE High Stakes con Fabrizio Baldassari numero 04 marzo 2010 PAMELA

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli