Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti Cerere 12 ottobre Le ispezioni FVO sui MOCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti Cerere 12 ottobre 2012. Le ispezioni FVO sui MOCA"

Transcript

1 Nel mese di ottobre 2010 la FVO ha condotto una missione in Italia per la verifica dello stato di attuazione delle normativa comunitaria in materia di MOCA. La missione ha visitato le regioni Marche e Piemonte. Sono state rilevate alcune Non Conformità (14 ). 1

2 1 Garantire che il personale addetto ad effettuare i controlli ufficiali riceva la formazione adeguata in materia di HACCP, AA, MCA ed etichettatura conformemente all'articolo 6 e all'allegato II del regolamento (CE) n. 882/2004. La DGSAN ha inviato una nota informativa alle Autorità Competenti Regionali (ACR) sulle criticità emerse nel corso dell audit e ha invitato ad intraprendere, ove necessario, le azioni necessarie per superare le carenze riscontrate;in particolare è stata richiamata l importanza della formazione del personale che effettua i controlli per MOCA, additivi e igiene ( all.1). 2

3 4 Garantire che i controlli ufficiali comprendano le attività di ispezione degli operatori MCA e l'esame del materiale scritto conformemente all'articolo 10, paragrafo 2, lettera e), del regolamento (CE) n. 882/2004. Per quanto riguarda le attività di vigilanza sugli operatori il MS sta predisponendo un provvedimento normativo volto a rendere obbligatorio per gli operatori alimentari, compresi i produttori di MOCA, l inserimento dello stabilimento in un anagrafica nazionale. Nell immediato la DGSAN ha richiamato alle ACR (all. 1) l importanza dell attività di ispezione secondo procedure documentate, comprendendo la verifica del materiale scritto; 3

4 5 Garantire che le procedure documentate siano costantemente seguite conformemente all'articolo 8, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 882/2004. Nell ambito del Coordinamento Interregionale per la Sanità animale e la Sicurezza Alimentare è stato istituito un gruppo di lavoro sul Controllo ufficiale sui MOCA che ha lo scopo di individuare modalità condivise di applicazione della normativa e prioritariamente si occuperà di definire delle Linee guida nazionali per il controllo dei MOCA 4

5 6 Garantire che le procedure di verifica siano applicate per consentire la valutazione dell'efficacia dei controlli ufficiali conformemente all'articolo 8 del regolamento (CE) n. 882/2004. Si intendono sviluppare delle modalità per la verifica dell efficacia dei controlli ufficiali..inoltre nella nota informativa DGSAN ha invitato le Autorità Competenti Regionali (ACR).ad attivarsi affinché venga verificata l efficacia dei controlli ufficiali conformemente all'articolo 8 del regolamento (CE) n. 882/

6 9 Garantire che le autorità competenti intervengano in caso di irregolarità conformemente all'articolo 54 del regolamento (CE) n. 882/2004. La DGSAN ha espresso delle precisazioni in merito ad alcuni rilievi formulati durante l ispezione sulle misure adottate dalla ACL e ha richiamato nella nota di cui all allegato 1, rivolta alle Regioni, oltre alla puntuale applicazione dell articolo 54, le misure sanzionatorie esistenti in materia di MOCA e AA, al fine di una applicazione omogenea della normativa. 6

7 12 Garantire che gli ispettori ufficiali siano a conoscenza dei requisiti della dichiarazione di conformità di cui all'allegato VI bis della direttiva 2002/72/CE della Commissione e ne garantiscano la corretta applicazione. L uff. VI della DGSAN invierà, entro marzo 2011, una nota indirizzata alle ACR e agli USMAF che richiami le normative nazionali e comunitarie sui MCA, comprese le plastiche, e descriva le modalità di effettuazione dei controlli relativamente alle dichiarazioni di conformità. 7

8 13 Garantire che i controlli ufficiali comprendano la valutazione delle procedure basate sul sistema HACCP, sulle BPF e sulle BPI conformemente all'articolo 10, paragrafo 2, lettera d), del regolamento (CE) n. 882/2004. Si intende inserire l attività di verifica dell applicazione delle BPF nelle Linee guida per il controllo dei produttori MOCA che saranno definite nel gruppo di lavoro MOCA di cui alla Racc. n. 5. 8

9 14 Garantire che i produttori degli MCA attuino le BPF conformemente al regolamento (CE) n. 2023/2006 della Commissione. E previsto, entro marzo 2011, l invio di una nota alle Associazioni degli operatori del settore MOCA per richiamare gli obblighi di attuazione delle BPF, che peraltro sono oggetto di verifica nell ambito del controllo ufficiale. 9

10 La strategia del controllo ufficiale segue quindi una strada ben delineata dalle raccomandazioni della Missione FVO e delle relative asserzioni del Ministero della Salute. b) Incremento della EFFICACIA del controllo ufficiale dove per EFFICACIA si deve intendere capacità e rapidità della rimozione delle cause che hanno prodotto NC. a) Formazione degli addetti al controllo ufficiale (corsi ISS/MS, corsi RT, corsi Aziendali) c) Verifica della effettiva applicazione di manuali di buone pratiche laddove non sia in essere un sistema di HACCP. 10

11 Gli aspetti connessi alla produzione hanno il netto sopravvento su quelli connessi alla sicurezza alimentare. In alcuni casi è addirittura assente qualunque consapevolezza di essere parte di una filiera. Le corrette modalità di produzione commercializzazione e utilizzo di MOCA devono divenire patrimonio collettivo nell interesse primario di consumatori. 11

12 Filiere lunghee Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti Materie prime Produttore semilavorati O.S.A. es. Acque Scarsa professionalit tà Distributore professional e Converter O.S.A. es. accoppiato Scarsa professionalità Non percezione del problema O.S.A. (es. vetro ) Distributore 12 Consumat ore

13 Vediamo come sono andate le cose negli altri Paesi membri della UE 13

14 France Food additives and food contact materials Overall, a satisfactory system is in place for both FCM and FA although focusing on market controls. Major shortcomings identified are the lack of validation of analytical methods for the majority of FA in the laboratory visited and the limited scope of accreditation. Minor shortcomings have also been identified in the scope of audit system and the limited notifications through the RASFF. 14

15 Denmark Food Additives and Food Contact Materials OVERALL CONCLUSION Overall there is a good control system in place for FA and those FCM that are subject to specific measures. Official controls are carried out on a risk basis with appropriate frequency. Some shortcoming were identified in the range of FCM subject to official controls, in the scope of official controls and audit system, in the inspection procedures observed by the mission team in the establishments visited and in the implementation of RASFF. However, these minor shortcomings do not affect the reliability of the control system in place. 15

16 Germany Specific audit on the official control systems in place for food additives and for food contact materials (parte di general audit) Conclusions The implementation of GMP guides and training of all parties involved is currently ongoing. Official controls do not yet include the assessment of GMP in FCM establishments (Regulation 2023/2006), as required by Article 10(2)(d) of Regulation No 882/

17 Finland import controls, food additives and food contact materials controlli import FCM 6 OVERALL CONCLUSIONS Overall, there is an official control system in place in relation to import controls, FAs and FCMs in Finland which is mainly implemented in accordance with the relevant EC legislation. However, some shortcomings, relating to import procedures, the assessment of FAs and procedures on HACCP principles, and limited GMP implementation in FCM manufacturers, have been identified which might hamper the effective implementation of the official control system. 17

18 Greece Food additives and food contact materials OVERALL CONCLUSION Overall, there is an official control system in place for FA and FCM. Certain organisational difficulties and resource shortages have lead to shortcomings in the application of the Community requirements. Due to the identified significant deficiencies the official control of FA and FCM is not carried out in accordance with the relevant Community legislation. 18

19 Lithuania Food hygiene, food additives, food contact materials OVERALL CONCLUSIONS Overall, there is an official control system in place in relation to food hygiene, FAs and FCMs in Lithuania which is mainly implemented in accordance with the relevant EC legislation. However, some deficiencies, relating to monitoring of FAs consumption, documented procedure(s) for FCM manufacturers' inspection, assessment of the declaration of compliance, NRL laboratory for FCM and limited GMP implementation in FCM manufacturers, have been identified. 19

20 China Food Contact Materials (FCM) OVERALL CONCLUSIONS The control system in place on FCM destined for export to the EU has improved since the previous mission, including the introduction of certain EU requirements on FCM. However, deficiencies regarding laboratory performance, the incomplete investigation of companies notified through the RASFF and the potential risk of non-compliant FCM exported to the EU via Hong Kong mean that equivalence with EU requirements cannot be guaranteed. 20

21 United Kingdom Food Additives and Food Contact Materials OVERALL CONCLUSIONS Overall the official controls on FA and FCM in the UK largely ensure that the relevant legislative requirements are complied with. Official controls are carried out on a risk basis with appropriate frequency, according to documented procedures. Some shortcomings were noted with regard to an analytical method used for testing FA, assessment of DoC for FCM and checks on FA purity criteria. The report makes some recommendations to the competent authorities of the UK to address the shortcomings noted. 21

22 Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti Slovenia Food hygiene, traceability, labelling, bottled water, food additives and food contact materials OVERALL CONCLUSIONS Overall, there is an official control system in place in relation to food hygiene, FAs and FCMs in Slovenia which is mainly implemented in accordance with the relevant EC legislation. However, some deficiencies, relating to monitoring of FAs consumption, NMW recognition, controls of Fas and FCMs is some establishments, have been identified. 22

23 Portugal Food hygiene, traceability, labelling, bottled water, food additives and food contact materials OVERALL CONCLUSIONS The official control system of foodstuffs including FCM and FA are not satisfactory as a number of shortcomings in relation to a lack of monitoring of FA consumption, lack of official controls in FA and FCM, unknown level of HACCP implementation and the failure to report non compliances to the RASFF have been detected. There are procedures in place for the recognition and official control of NMW with some deficiencies identified. 23

24 Latvia Food of plant origin - food hygiene, traceability, labelling, bottled water, food additives and food contact materials OVERALL CONCLUSIONS Overall, there is an official control system in place in relation to food hygiene, natural mineral waters and food additives controls in Latvia which is mainly implemented in accordance with the relevant EC legislation. However, a number of shortcomings, related to official controls of FCM business operators, monitoring for FA consumption, assessment of HACCP principles put in place and controls of FA and FCM in the establishments visited, laboratory analysis for FCM, have been identified 24

25 Romania Food contact materials and food additives OVERALL CONCLUSION Overall, there is an official control system put in place by the CAs in the context of this mission. The system for FA is generally implemented following the relevant EC legislation. Nonetheless, the deficiencies identified regarding coordination, training, audits and laboratory hamper the efficiency of the system. The system for FCM cannot ensure adequate controls on FCM due to the weaknesses identified in terms of training, coordination, risk categorisation, enforcement, audits, inspection and laboratory capability and performance. 25

26 Malta Food hygiene, food contact materials and food additives OVERALL CONCLUSIONS Overall, the CAs have put in place an official control system covering the sectors evaluated during this audit. In the area of food hygiene there is a satisfactory system of official controls, based mainly on the assessment of prerequisites. The assessment of HACCP has not been applied correctly due to the absence of guides and training for the inspectors. The system for FCM and FA cannot ensure adequate controls due to weaknesses identified in terms of training, lack of official guidelines, staffing, laboratory capacity and accreditation. 26

27 Czech Republic Food additives and food contact materials OVERALL CONCLUSION Overall, there is an official control system in place for FA and FCM. The official control of FA is undertaken as part of the official control of foodstuffs. The system for FA controls is mainly carried out following the relevant EC legislation. The FCM chain is subject to official controls. However, some shortcomings have been identified regarding the cooperation between the competent authorities, availability of clear guidelines and instructions, training, inspection procedures, limited knowledge of FCM legislation, assessment of declaration of compliance and good manufacturing practices for FCM, notification through RASFF, which might hamper the effectiveness of these official controls. 27

28 Poland food contact materials and food additives OVERALL CONCLUSIONS It can be concluded that there are procedures established and controls undertaken through all stages of FCM and food production and distribution. However significant deficiencies in coordination of control activities between CAs and lack of clear instructions on FA and FCM reduces the efficiency of the current control system. The monitoring of consumption of FA has not been implemented. 28

29 Bulgaria for food contact materials and food additives OVERALL CONCLUSION The official control of FA and FCM is undertaken as part of the broader official control of foodstuffs. The system for FA is mainly carried out following the relevant EC legislation. However, the shortcomings identified regarding assessment of documentation and the limited scope of laboratory analysis might reduce the efficiency of the system. The official control system for FCM is newly set up and requires legal registration of FCM manufacturers and traders. However, a number of shortcomings have been identified in relation to the very limited scope of analysis, accreditation status and the incomplete assessment of the DoC, which may lead to ineffective controls. 29

30 Italy Food hygiene, traceability, labelling, food contact materials and food additives OVERALL CONCLUSION Considerable progress has been made since the last mission on food hygiene. However, assessment of HACCP systems by inspectors was inadequate. The specific controls of FA / FCM are at a very early stage. The laboratories, although well equipped and well staffed are constrained by their lack of accredited methods and non- participation in proficiency tests. These shortcomings hamper the full implementation of relevant EU legislation. 30

31 Latvia Food contact materials OVERALL CONCLUSIONS (follow up) Overall, adequate progress has been made since the last mission and all the recommendations concerning FCM have been addressed. Amended legislation will be in force from 2012 which will provide national legal powers for FCM controls, including assessment of Good Manufacturing Practice and improved uniformity towards enforcement measures. A number of shortcomings remain in relation to training and practice in assessing the DoC for FCM and the formal communication to the Commission of the designation status of the NRL. Nevertheless, the NRL had co-operated well with the European Union Reference Laboratory. Good cooperation between the central administration and the territorial offices was also evident. 31

32 Austria Food additives and for food contact materials OVERALL CONCLUSIONS There is a generally good legal framework established for the official control of FA and FCM in Austria. CAs, official laboratories and NRL are clearly designated and sufficiently staffed to undertake their duties. However, shortcomings in the cooperation and coordination between Cas involved in the official controls observed in one visited region reduces the efficiency of official controls. The official controls are generally carried out in accordance with documented procedures. However these procedures are inconsistent and are not yet harmonised between and within Länder and leads to inconsistency in the implementation of controls. A number of shortcomings were noted by the FVO team in the performance of inspectors mainly in one of two visited regions. 32

33 Belgium Food additives and food contact materials OVERALL CONCLUSIONS Overall there is a centralised and consistent approach to official controls which includes the manufacture and distribution of FA but only the distribution of FCM. All relevant legislation is in place and the competent authorities, national reference laboratory and control laboratories are clearly designated and sufficiently staffed to undertake their duties. Official controls of manufacturers of FCM are at a very preliminary stage, however, sampling of FCM at the distribution level is well controlled. The inspectors had not received sufficient training in FCM. The laboratories visited were generally considered satisfactory except for the absence of analytical methods for aniline and saccharin. To date audits did not focus on FA and FCM. There was good cooperation between and within the competent authorities. 33

34 Portugal Food hygiene, traceability, labelling and bottled water and for food additives and food contact materials (follow up) 6 OVERALL CONCLUSION Overall, three out of nine recommendations from mission report DG (SANCO) have been adequately addressed. Positive action has been taken to address the shortcomings relating to the analysis of Sudan dyes and NMWs. The issues relating to the labelling of allergens has been clarified, these are checked as part of the monitoring programme. The policy for reporting RASFF notifications remains non-compliant. Recommendations related to the levels of implementation of HACCP and GMP remain open. There is still an absence of any convincing policy for official controls to be carried out regularly, on a risk basis and with appropriate frequency. This is mainly due to the competent authorities not having access to a reliable source of information of all registered / licensed establishments. Work is in progress to enable all CAs to have access to each others registration / licensing data. The CCA is preparing legislation to clarify the designation of each CA. 34

35 Sweden food additives and for food contact materials OVERALL CONCLUSION The official control system for FAs is mainly carried out following the relevant EU legislation. However, the shortcomings identified regarding assessment of documentation and the limited knowledge and experience of the inspectors regarding official controls of FAs use reduce the efficiency of the system. The official control system for FCMs deals only with the use of FCMs and does not cover the production and import of FCMs. This deficiency together with the lack of laboratory analysis, written control procedures, specific training and the limited knowledge and experience of the inspectors regarding official control of FCMs might hamper the effectiveness of the system. However, the NFA is aware of these shortcomings and has prepared a strategic plan for performing FCMs official controls. Its implementation depends on the availability of the necessary resources staff, knowledge and laboratory capacity. 35

36 Hungary food additives and for food contact materials OVERALL CONCLUSION Overall, the official control system for food additives is carried out following the relevant EU legislation. However, shortcomings were identified regarding the assessment of documentation and use of food additives due to inadequate training of the inspectors and a lack of written procedures and instructions provided. The official control system for food contact materials has been established in It does not cover all FCM manufacturers. This deficiency together with the lack of written control procedures, specific training and the limited knowledge and experience of the inspectors regarding official control of food contact materials limits the effectiveness of the system. 36

37 Danimarca Francia Lituania Grecia Regno Unito Germania Lettonia Portogallo Finlandia Malta Romania Slovenia Rep. Ceca Italia Austria Polonia Bulgaria Belgio Svezia Ungheria

38 Grazie per la vostra attenzione Dr. Ambrogio Pagani UF SAN Azienda Usl 2 Lucca 38

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

CERTIFICATO N. EMS-1318/S CERTIFICATE No. FALPI S.R.L. RINA Services S.p.A. Via Corsica 12-16128 Genova Italy

CERTIFICATO N. EMS-1318/S CERTIFICATE No. FALPI S.R.L. RINA Services S.p.A. Via Corsica 12-16128 Genova Italy EMS-1318/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEM OF È CONFORME ALLA NORMA IS IN COMPLIANCE WITH THE STANDARD ISO 14001:2004

Dettagli

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP

Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Generalità sul contesto normativo: cosa significa lavorare in GMP e in GLP Le aziende farmaceutiche operano in un ambiente molto regolamentato I prodotti farmaceutici sono progettati e sviluppati in modo

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti Bando di gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di assistenza tecnica finalizzata al supporto alle attività di gestione, monitoraggio, valorizzazione e diffusione dei risultati del Programma

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) >

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) > Allegato 1: Facsimile di Certificato per s.a.c. 1+ < Logo dell Organismo di certificazione > > CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ In conformità alla Direttiva

Dettagli

CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01.

CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01. N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI EN 62353 2010-10 La seguente Norma è identica a: EN 62353:2008-01. Titolo Apparecchi elettromedicali - Verifiche periodiche e prove

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 Data: 10/02/2012 Ora: 15:05 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Risultati definitivi dell aumento di capitale in opzione agli azionisti ordinari e di risparmio / Final results

Dettagli

L acqua potabile in casa

L acqua potabile in casa SICURA 25 Sicurezza alimentare. L acqua potabile in casa Informazione sulle scelte possibili per il consumatore Il sistema di controllo ufficiale degli acquedotti pubblici: metodi e finalità Dr. Armando

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

A Competitive Advantage for Investment Services in the EU. Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Cyprus Investment Firms

A Competitive Advantage for Investment Services in the EU. Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Cyprus Investment Firms Cyprus Investment Firms A Competitive Advantage for Investment Services in the EU Imprese di investimento a Cipro Un vantaggio competivtivo per i servizi di investimento nell U.E. Dr. Stelios Platis MAP

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP and Labelling - quick guide on EU efficiency and product labelling Settembre 2015 September 2015 2015 ErP/EcoDesign

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

Stato della REte di Sorveglianza della RADiottività ambientale - RESORAD

Stato della REte di Sorveglianza della RADiottività ambientale - RESORAD XLVII riunione della REte di SOrveglianza Nazionale per il controllo sulla RADioattività Ambientale RES 19 giugno 2015 Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare Auditorium, Via Capitan

Dettagli

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Dr. Pietro Pistolese Ministero della Salute Autorità Competente REACH R E A C H Registration, Evaluation, Authorisation and restriction

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S TECNOINOX S.R.L. ISO 9001:2008 VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA

CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S TECNOINOX S.R.L. ISO 9001:2008 VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA CERTIFICATO N. CERTIFICATE No. 1548/98/S SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE QUALITY MANAGEMENT SYSTEM OF VIA TORRICELLI, 1 33080 PORCIA (PN) ITA Per

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012

16/01/2012. Roma, 12 Gennaio 2012 Roma, 12 Gennaio 2012 Il quadro mondiale Nel XX Secolo il mondo ha aumentato di 20 volte il consumo di combustibili fossili, e di 34 volte le attività estrattive. Con questo modello ed ai livelli di oggi,

Dettagli

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014 we are social EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE ANALISI DI WE ARE SOCIAL DEI PRINCIPALI DATI & STATISTICHE DELLO SCENARIO DIGITAL Wearesocial.it @wearesocialit 1 PAESI ANALIZZATI IN QUESTO REPORT 17 12 28 37

Dettagli

CAMBIO DATI PERSONALI - Italy

CAMBIO DATI PERSONALI - Italy CAMBIO DATI PERSONALI - Italy Istruzioni Per La Compilazione Del Modulo / Instructions: : Questo modulo è utilizzato per modificare i dati personali. ATTENZIONE! Si prega di compilare esclusivamente la

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

Privacy e Sicurezza delle Informazioni

Privacy e Sicurezza delle Informazioni Privacy e Sicurezza delle Informazioni Mauro Bert GdL UNINFO Serie ISO/IEC 27000 Genova, 18/2/2011 Ente di normazione federato all UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) Promuove e partecipa allo

Dettagli

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013

PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZI E FISCALITA' DI BENZINA E GASOLIO AUTO IN EUROPA elaborazioni su dati Commissione UE rilevati in data 4 NOVEMBRE 2013 PREZZO DEL PETROLIO (da Gennaio 2010 ) RAPPORTO DI CAMBIO /$ (da Gennaio 2010

Dettagli

Bundled benefits. Your payments in future-proof hands. Guido Gatti 15 Ottobre 2013. Classification: Open

Bundled benefits. Your payments in future-proof hands. Guido Gatti 15 Ottobre 2013. Classification: Open Bundled benefits Your payments in future-proof hands Guido Gatti 15 Ottobre 2013 Classification: Open Status: Final Full service, flexible solutions Dual processor: card & payment processing Complete and

Dettagli

Attuazione della Direttiva Seveso in Europa e

Attuazione della Direttiva Seveso in Europa e Attuazione della Direttiva Seveso in Europa e prospettive M. D. Christou, L. Fabbri Commissione Europea - Joint Research Centre Major Accident Hazards Bureau (MAHB) Obiettivo della Direttiva Prevenire

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention

Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention Il Sistema di Gestione per la Security: i controlli previsti dal D. Lgs 196/03 e quelli basati sulla BS 7799-2:2002 in logica di Loss Prevention Raoul Savastano Responsabile Security Services Kpmg Information

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE

La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE La diagnosi energetica: un'opportunità per le imprese Daniele Forni, FIRE Invertire il TREND: l industria diventa efficiente 4 ottobre 2012, Milano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale

Dettagli

MODULO 1 Legislazione Legislation

MODULO 1 Legislazione Legislation MODULO 1 Legislazione Legislation TABLE OF CONTENT principles of the common agricultural policy, market measures, export refunds and fraud detection (including the global context: WTO, SPS, Codex Alimentarius,

Dettagli

Sponsorship opportunities

Sponsorship opportunities The success of the previous two European Workshops on Focused Ultrasound Therapy, has led us to organize a third conference which will take place in London, October 15-16, 2015. The congress will take

Dettagli

CERTIFICATO N. TS/271/95 CERTIFICATE No. MARTOR S.P.A. ISO/TS16949:2009 VIA XX SETTEMBRE, 12 10121 TORINO (TO) ITALIA

CERTIFICATO N. TS/271/95 CERTIFICATE No. MARTOR S.P.A. ISO/TS16949:2009 VIA XX SETTEMBRE, 12 10121 TORINO (TO) ITALIA TS/271/95 SI CERTIFICA CHE IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DI IT IS HEREBY CERTIFIED THAT THE QUALITY MANAGEMENT SYSTEM OF sistemi di gestione aziendale. CISQ è membro di IQNET. CISQ is the Italian

Dettagli

Avvocati dell ordine di Roma Professional Indemnity Insurance of Solicitors Questionario / Proposal Form

Avvocati dell ordine di Roma Professional Indemnity Insurance of Solicitors Questionario / Proposal Form Avviso Importante / Important Notice Responsabilità civile Avvocati dell ordine di Roma Professional Indemnity Insurance of Solicitors Questionario / Proposal Form La quotazione è subordinata all esame

Dettagli

Esempi di riscontro documentale di dichiarazione di. conformità degli utensili provenienti dalla Cina. (Regolamento UE N.

Esempi di riscontro documentale di dichiarazione di. conformità degli utensili provenienti dalla Cina. (Regolamento UE N. Esempi di riscontro documentale di dichiarazione di conformità degli utensili provenienti dalla Cina (Regolamento UE N. 284/2011) Oronzo Panico Istituto Superiore di Sanità Roma, 14-15 giugno 2011 1 premessa..

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi SEGATO ANGELA Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi Designing and manufacturing dies for sheet metal and metal forming for third parties. Segato Angela,

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

rappresentazione alchemica

rappresentazione alchemica La moderna diagnostica esige una impostazione sistematica del monitoraggio della qualità del dato di laboratorio, una impostazione che deve avere caratteristiche di razionalità, di globalità, di integrazione.

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

Introduzione a COBIT 5 for Assurance

Introduzione a COBIT 5 for Assurance Introduzione a COBIT 5 for Assurance Andrea Pontoni 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 Agenda Obiettivi Assurance Definizione Drivers dell Assurance Vantaggi di

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Abstract Women Collection

Abstract Women Collection Abstract collection Head: J 271 Mod.: 3919 Body Col.: 287 Glossy White 2 Head: J 269 Body Col.: Glossy Black Mod.: 3965 3 Head: J 250 Mod.: 3966 Body Col.: 287 Glossy White 4 Head: J 248 Body Col.: 287

Dettagli

Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione. Ammortizzatori sociali in deroga

Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione. Ammortizzatori sociali in deroga Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione Ammortizzatori sociali in deroga With the 2008 agreement and successive settlements aimed at coping with the crisis, the so-called Income Support

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio Decreto IMT Rep. 02400(222).V.6.04.07.14 Rep. Albo Online 02401(179).I.7.04.07.14 IL DIRETTORE VISTO lo Statuto di IMT Alti Studi, Lucca (nel seguito denominato IMT o Istituto ), emanato con Decreto Direttoriale

Dettagli

N./No. 0474-CPR-0566. Aggregati per calcestruzzo / Aggregates for concrete. IMPRESA MILESI GEOM. SERGIO S.R.L. Via Molinara, 6-24060 Gorlago (BG)

N./No. 0474-CPR-0566. Aggregati per calcestruzzo / Aggregates for concrete. IMPRESA MILESI GEOM. SERGIO S.R.L. Via Molinara, 6-24060 Gorlago (BG) CERTIFICATO DI CONFORMITÀ DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA / CERTIFICATE OF CONFORMITY OF THE FACTORY PRODUCTION CONTROL N./No. 0474-CPR-0566 In conformità al Regolamento N. 305/2011/EU del Parlamento

Dettagli

Dispositivi Medici Direttive

Dispositivi Medici Direttive Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Medica Dispositivi Medici Direttive La Comunità Europea (CE) Secondo gli accordi comunitari il Parlamento

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche AIM Italia: Membership: dal 1 febbraio 2010 Amendments to the AIM Italia: Membership:

Dettagli

NOTIZIE DALLA SCOZIA

NOTIZIE DALLA SCOZIA pag 10 English Edition PERIODICO DI INFORMAZIONE N. 22 - Giugno 2013 La IMPER ITALIA Spa ha ospitato il 6 marzo 2013 il nostro Distributore Scozzese MOY MATERIALS (NORTHERN). Rappresentato da Mr. DAVID

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

Linee guida NBF parte III: GMP related documents

Linee guida NBF parte III: GMP related documents DIPARTIMENTO DELLA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÁ ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Linee guida

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

INTERIOR DESIGN INTERNI

INTERIOR DESIGN INTERNI INTERNI CREDITO COOPERATIVO BANK BANCA DI CREDITO COOPERATIVO Date: Completed on 2005 Site: San Giovanni Valdarno, Italy Client: Credito Cooperativo Bank Cost: 3 525 000 Architectural, Structural and

Dettagli

Ccoffeecolours. numero 49 marzo / aprile 2011. edizione italiano /english. t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e

Ccoffeecolours. numero 49 marzo / aprile 2011. edizione italiano /english. t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e Ccoffeecolours t h e i t a l i a n c o f f e e m a g a z i n e numero 49 marzo / aprile 2011 edizione italiano /english P r o f e s s i o n i s t i d e l c a f f e Sirai e Fluid-o-Tech: l eccellenza italiana

Dettagli

Richiesta di attribuzione del codice EORI

Richiesta di attribuzione del codice EORI Allegato 2/IT All Ufficio delle Dogane di Richiesta di attribuzione del codice EORI A - Dati del richiedente Paese di residenza o della sede legale: (indicare il codice ISO e la denominazione del Paese)

Dettagli

La comunicazione sugli integratori: claims e pubblicità Le iniziative FederSalus

La comunicazione sugli integratori: claims e pubblicità Le iniziative FederSalus La comunicazione sugli integratori: claims e pubblicità Le iniziative FederSalus 9 Corso Didattico SIAR 25 novembre 2014, Milano Massimiliano Carnassale FederSalus Agenda I. Claims nutrizionali e salutisti

Dettagli

BANDO ERASMUS+ Mobilità Staff. Personale da Impresa estera A.A. 2015-2016

BANDO ERASMUS+ Mobilità Staff. Personale da Impresa estera A.A. 2015-2016 Prot.9707/a47 del 10.09.2015 Bologna, 10 settembre 2015 BANDO ERASMUS+ Mobilità Staff. Personale da Impresa estera A.A. 2015-2016 SCADENZA: 7 ottobre 2015 - Visto il Regolamento didattico che regola le

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI: OUR SERVICES:

I NOSTRI SERVIZI: OUR SERVICES: Nata dalla solida esperienza dei suoi operatori ed avvalendosi di fidati collaboratori, A.S.I. LINE Srl offre servizi e consulenza per spedizioni terrestri, marittime, aeree, ferroviarie, nazionali ed

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015

Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015 Informazione Regolamentata n. 1615-51-2015 Data/Ora Ricezione 29 Settembre 2015 18:31:54 MTA Societa' : FINECOBANK Identificativo Informazione Regolamentata : 63637 Nome utilizzatore : FINECOBANKN05 -

Dettagli

Dolomi& Patrimonio UNESCO: obie6vo mobilità Pozza di Fassa, 23 03 2012

Dolomi& Patrimonio UNESCO: obie6vo mobilità Pozza di Fassa, 23 03 2012 Ferrovie dolomi&che, un percorso di ricerca dell Università Urbanis=ca Laboratorio Corso di laurea in Ingegneria edile & architecura Facoltà di ingegneria Università di Trento Pozza di Fassa, 23 03 2012

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Management e certificazione: valori per le reti di impresa

Management e certificazione: valori per le reti di impresa ACCREDIA L ente italiano di accreditamento ACCREDIA Management e certificazione: valori per le reti di impresa Roma, 9 maggio 2013 Documento sviluppato da: Accredia Via G. Saliceto, 7/9 00161 Roma Rif.

Dettagli

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA?

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Qualità 4-2013 CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Giovanni Mattana IL CONTESTO Scrivevamo due anni fa che il Risk Management porta a fattor comune molti aspetti finora trattati

Dettagli

Assicurazione della RCT / RCO / RC Prodotti

Assicurazione della RCT / RCO / RC Prodotti Assicurazione della RCT / RCO / RC Prodotti Proposta/Questionario di QBE Insurance (Europe) Limited Avviso Importante E nel Vostro interesse dichiarare nella presente Proposta/Questionario qualsiasi fatto

Dettagli

Informative posta elettronica e internet

Informative posta elettronica e internet SOMMARIO Disclaimer mail che rimanda al sito internet 2 Informativa sito internet 3 Data Protection Policy 5 pag. 1 Disclaimer mail che rimanda al sito internet Il trattamento dei dati avviene in piena

Dettagli

Creating Your Future. Linee guida

Creating Your Future. Linee guida Creating Your Future IL CICLO DEL PERFORMANCE MANAGEMENT Un approccio sistematico Linee guida Il focus si sta spostando dal personale inteso come un costo al personale come fonte di valore 35% 30% 25%

Dettagli

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management

Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management Idee per emergere Outsourcing Internal Audit, Compliance e Risk Management FI Consulting Srl Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (TV) Tel. 0438 360422 Fax 0438 411469 E-mail: info@ficonsulting.it

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

Latitudini di progetto che incontrano longitudini operative. Design Latitudes meet operational longitudes

Latitudini di progetto che incontrano longitudini operative. Design Latitudes meet operational longitudes Latitudini di progetto che incontrano longitudini operative Design Latitudes meet operational longitudes 20 anni di esperienza nel campo dell ambiente e della sostenibilità 20 years of experience in environmental

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Direzione Generale e Sede Legale: 20121 Milano, Corso Garibaldi, 86 - Tel. 02 6378881 - Fax 02 63788850

Direzione Generale e Sede Legale: 20121 Milano, Corso Garibaldi, 86 - Tel. 02 6378881 - Fax 02 63788850 Rappresentante Generale per l Italia dei Lloyd s di Londra Direzione Generale e Sede Legale: 20121 Milano, Corso Garibaldi, 86 - Tel. 02 6378881 - Fax 02 63788850 Indirizzo telegrafico LLOYD S MILANO -

Dettagli

ACCESSORI MODA IN PELLE

ACCESSORI MODA IN PELLE ACCESSORI MODA IN PELLE LEMIE S.p.a. Azienda - Company Produzione - Manufacturing Stile - Style Prodotto - Product Marchi - Brands 5 9 13 15 17 AZIENDA - COMPANY LEMIE nasce negli anni settanta come

Dettagli

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Risk mangement trough structured products Origination Department Axpo Italia SpA From market risk to customer s risks RISK: The chance that an investment s actual return will be different

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone Roma, 8 giugno 2012

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone Roma, 8 giugno 2012 APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone L' APRE è un Ente di ricerca non profit con obiettivo, sancito dall articolo 3

Dettagli