ANALISI CHIMICA DEI GAS VULCANICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI CHIMICA DEI GAS VULCANICI"

Transcript

1 RENDICONTI Sodet<l Italiana dl Mineralo17la e Petrolof/la, 36 (2), 1980: pp, GIOVANNI PICCARDI ANALISI CHIMICA DEI GAS VULCANICI RIASSUNTO. - Dall'esame della leneratura viene rkavata una breve illustrazione dei metodi analitici applicati alle esalazioni vulcankhe. Vengono prese in oonsidera~ione tanto le procedure per le analisi in 1000 quanto quelle per il prelievo di campioni e le successive analisi di laboratorio. Un breve cenno è riservato anche alle determinazioni dci componenti in trae<:e ed alle analisi di carattere ecologico. ABSTRACT. - From the exam of IiteratUle a short review of analytical methoc!s of volcanic exalations is obtained. 60th procedures for fie1d analysis and for sampling :I.lld laboratory analysis are taken inlo account. The determinations of nate components and ecologie analysis are also reported. I gas vulcanici sono miscele "bbastanza complesse, di composizione molto diversa e con Runuazioni nel tempo, aventi temperature fra 80 e 12O<r C a seconda del luogo di emissione. La presenza di composti di natura acida come acido cloridrico, biossido di zolfo e solfuro di idrogeno rendono inoltre la miscela particolarmente aggressiva nei confronti delle pareti dei tubi di convogliamento e dei reei~ pienti di raccolta. :t: evidente che la determinazione della loro composizione chimica presenta notevoli difficoltà, aggravate dal fano che il luogo di prelievo non t: sempre agevole da raggiungere e, talvolta, 'l bombardato) da materiale piroclastico. I metodi analtici dei gas vulcanici vengono suddivisi in due classi che corrispondono a due concezioni diverse di tecniche analitiche: analisi in loco o analisi in laboratorio. Per le analisi sul posto logicamente esistono dei vincoli che derivano dalla collocazione della sorgente da analizzare ed anche dalle condizioni ambientali in cui l'operatore viene a trovarsi. Un piccolo spenrografo a lastre o un semplice spenrofoloffietro possono essere portati in vicinanza del vulcano e permettere quindi una misura in emissione '0 in assorbimento. Nel 1938 VERHOOGEN (1939) aveva esaminato gli spettri di emissione dei gas del Nyamlagira nei quali erano visibili numerose bande. Successivamente DELSEMME (1960) riconobbe, nelle fiamme del Niragongo la presenza di Na, K e CuCI. MURATA (1960) esaminando emissione di fiamme del Kilauea individuò con certezza la banda del CuCI e pott: indicare come l : 25 il rapporto in peso fra CuCI e Na. La capacità del biossido di zolfo di assorbire a 310 nm t: stata usata da numerosi ricercatori per poter valutare l'emissione di questo gas da vulcani di diverse parti del mondo. Quale ~orgeme di radiazione ultravioletta fu usata la luce del cielo stesso. Poichè l'assor-.. Istituto di Chimica Analitica dell'università, via Gino Capponi 9,.'50121 Firenze.

2 544 G. PICCAIlDI banza è, secondo la legge di Beef, proporzionale al prodotto concentrazione per spessore, esplorando trasversalmente l'intero c pennacchio l', nota la velocità del vento, è possibile calcolare l'emissione oraria di 502. Nella tabella l sono raccolti i valori medi di emissione giornaliera ricavati spettroscopicamente. Questo genere di misure si dimostra difeuoso in presenza di particelle solide a causa della diffusione delle radiazioni alle basse lunghezze d'onda. Per questo motivo le determinazioni effettuate durame periodi di eruzione con emissione di fumi e polveri possono portare a risultati errati. Inohrc il biossido di zolfo può essere parzialmente TAIlELLIr. Valuri medi ddl'emissione giornaliaa di SOJ di aicunj vulcani (hterminati con nutodi sp~ttoscopici l Vulcano SOZ/tonn,-' Data Riferimento O-Shima (Giap) An..a (Giap) Santiaguito (Cuat) Fuego (Guat) Paeaya (Guat) " ' " 20/4/1971 Okita /6/1972 Moffat et al Stoiber,, San Crisrobal (Nic) Teliea (Nie) MOllloto..bo (Nic) Mauya [Nte) Asallla (Giap) 21/4/1974 OJ:ita et a l FueKO (Guat),.. 10-IZ/1974 Cufford 1975 kilauea (Haw) 9-19/ Stoiber 1975 " " - SulfuT SanI: (Haw), 1975 Mauna U1u (1Iaw) 1975 Etna (lta1) 3740 " 14,15,18/6/1975 Hau1et et al Au",a (Ciap) 16,17,20/9/1977 Ota et 1978 Etna (ltal) 16/7-28/8/1977 Hai ineonieo ''''''' ossidato, ad alta temperatura, da parte dell'o~sigeno ad acido soiforico la cui presenza è stata riscontrata da CADLE et al. (1968 e 1971) nei fumi dei gas vulcanici. Poichè l'acido soiforico non as~rbe alla lunghezza d'onda usata nelle determinazioni della 502 una parte dello zolfo emesso non viene così determinato. Anche la speurofotometria infrarossa ha portato un contributo all'analisi dei gas vulcanici. Questa volta è stata usata una fontana di lava del Kilauea come sorgente di radiazioni. NAUGHTOl' ed al. (1969) individuarono ncl campo 2,5-14,5 IJ. le bande di H~, C02 e ricavarono la concentrazione percentuale in volume dei tre gas che risultò rispettivamente del 95, 4 e 1%. Allo scopo di individuare le Auttuazioni di composiiiijnc: dei gas vulcanici è stato messo a punto da ELsKENS ed al. (1969) un dispositivo capace di misur:ue un parametro abbastanza significativo quale la concentrazione di biossido di carbonio. Un doppio sensore a termoconduttività. alimentato da una corrente di aria e gas vulcanico circa 100; l, misura la differenza di conducibilità prima e dopo l'assorbimento della 00 2 effettuata da un filtro a calce sodata. Un filtro posto "

3 ANALISI CHIMICA DEI CAS VULCANICI 545 all'ingresso del sensore blocca H20, H 2S e 50 2 Per mezzo di un sensore ad elettrolita solido ossido di ittri%ssido di zirconio SATO ed al. (1973) misurarono la fugacità dell'ossigeno nei gas Iavici dell'etna a tempera[ure imorno ai C. Nel 1964 ELSKENS ed al. introdussero un nuovo metodo per la determinazione di alcuni componenti di gas vulcanici. Questa semplice e rapida tecnica si basa sull'uso di tubi Draeger preparati per lo studio dell'inquinamento industriale. L'applicazione ha richiesto qualche modinca al sistema di prelevamento (ELsKENS ed al., 1969) e molta attenzione nel loro uso (TONANI, 1971). L'accuratezza stimata è lo % circa. 1 rubi Draeger hanno il pregio nella loro semplicità di uso e nella rapida risposta che ha permesso la loro applicazione allo studio delle Auttuazioni della composizione dei gas vulcanici (TUIEH, 1971; TA7.IEFF ed al., 1%3; lo., 1972). La possibilità di eseguire gascromatogrammi direuamente sull'orlo del vulcano e della fumarola è sembrato a molti l'unico mezzo per risolvere il problema della analisi di una miscela così complessa. Dopo un tentativo effettuato a Vulcano da CoNKAD ed al. (1971) su gas precedentemente seccati su gel di silice, LE GUERN (LE GUERN, 1979; LE GUERN ed al., 1979) ha usato un gas-cromatografo che lavora a C con la possibilità di analizzare direttamente il gas fumarolico. Evitando il raffreddamento del campione si impedisce la condensazione del vapor d'acqua che a sua volta provoca alcune reazioni fra i componenti alterando completamente le caratteristiche del gas analizzato. Se si fa eccezione per il metodo gas<romatogranco descritto, le analisi in loco sono parziali e spesso anche poco accurate. D'altra parte il trasporto impone pesi ridotti e la necessità di operare in condizioni ambientali precane (vento, fumi, pioggia) porta a difficoltà operative e possibilità di errori. Il grande vantaggio è dato dal fatto che il responso delle analisi è immediato e la determinazione può ("ssere ripetuta più volte per avere subito una indicazione delle fluttuazioni di una stessa sorgente oppure la composizione di più sorgenti. Le analisi in laboratorio non presentano gli inconvenienti delle analisi in loco (" possono essere eseguite utilizzando una qualunque strumentazione per quanto sonsticata. Il risultato dell'analisi è però soggetto alla rappresentatività del campione che deve, anche a distanza di qualche giorno, lìss::lre le caratteristiche del campione al momento del prelievo. Il tipo più semplice di prelevamento consiste nell'uso di tubi di vetro in cui è stato fatto precedentemente il vuoto e che, per aspir:rzione l raccolgono una certa quantità di gas vulcanico. Ma l'acqua, che spesso è il componente principale, per raffreddamento si condensa; in essa si sciolgono quindi gli acidi alogenidrici (HF, HCl, HBr) ed una modesta frazione di 502. Se oltre al biossido di zolfo è presente solfuro d'idrogeno l'equilibrio si sposta rapidamente verso destra in presenza di acqua liquida. ALBERTSON ed al. (1943) che hanno studiato la precedente reazione in diversi solventi organici arrivano alla conclusione che il liquido si comporta da base di Bronsted provocando la ionizzazionc dell'hzs. I?: evidente che un campione conservato in presenza di

4 546 G. PICC,\RDI :tcqua si altererà rapidamente facendo scomparire uno dei due componenti (quello in minore concentrazione) con formazione di zolfo elementare. Per questo motivo per molto tempo non è ritrovato H~ nei gas delle fumarole ma solo SO, c S nei tubi campionatoti (J.,cc,,~ 1940; SICVALDASON cd al., 1968). Ai fini dci risullato dell'analisi è quindi importante conoscere il contenuto di entrambi i componenti come è stato fatto da GIGCENBACH ed al. (1976) che hanno determinato la ~ per ga~-eromatografia c lo zolfo mediante analisi per via umida. ConsidcT2to negativo dell'acqua sulla conservazion(' dci campione, F.ullt ed al. (1958) introdus. sero P:O:. nci tubi a vuoto in modo tale da bloccare immediatamente il vapore al suo ingresso ncl campionatoti:', Per verificare tale differenza djcuuarono analisi per via chimica su campioni prelevati in tubi con e 5(:nza t:ssiccante «i OS5(:rvarono che solo in pre5(:nza di PzO~ era jx)ssibile riscontrare un maggior contenuto di HtS. Tali risultati sol)o stati successiva menu confermati da numerosi autori che hanno ripctuto l'espt:rienza usando tubi con e 5(:nza P20~ (CH"ICNEAU ed alo, 1960a; ID., 1960b; LE GUERN ed al., 1979). Un potenziale difetto dell'uso ddla P20~ risiede ndla reazione (B"ILEY ed al, 1888).. - POCh + 3 HP03 5(:condo la quale l'acido cloridrico, eventualmente presente, verrebbe sottratto alla miscda gassosa. Esaminando i risultati delle analisi effettuate su campioni prdevati con tubi a P20~ (CH"IGNEAU ed al., 1970; KR...,. ed al., 1m; LE GUERN, 1970) si O$5(:rva che non viene mai riportata la presenza di HCI ad «cezione di un unico dato trovato da CH"ICNEAU (1965). on risulta evidente 5(: l'acido cloridrico non è stato trovato nei campioni o se la sua determinaz.ione non è stata effettuata. L'uso dei tubi a PzO~ se risolve il problema della conservazione dei componenti del gas non pt:rrnt:ue ovviamente la determinazione della pt:rcentuale di H20 nd campione. Per il dosaggio dell'acqua quindi sono stati effettuati contemporaneamente prdievi con tubi contenenti carburo di calcio che, r('agendo con l'acqua, produce un ugual volume di acetilene facilmente dosabile con metodi strumentali (CH"' CNEAU cd alo, 1960 a c 1960 b; LE GUERIN, 1970). D'altra parte il Cao che si forma non reagisce con C02 ed S02 (M1!.U.OK, 1937) consentendo il dosaggio anche di questi gas. In pratica la formazione di OI(OH)2, prodotto dalla reaz.ione del Cao con il vapore, può portare ad un assorbimento dei componenti acidi del gas esaminato. Un altro agente anidrificante, il cloruro di calcio fuso, è stato impiegato da CIlEMINEE cd al. (1969) per la raccolta di campioni ndl'analisi isotopica di gas vulcanici. Anche in questo caso da una tabella riportata d3gli 3utori sulla composizione generale dei gas raccolti compaiono apprez2.1bili quantità sia di $02 che di H2S. Sempre allo scopo di bloccar.e reazioni collaterali caix'ci di modificare la composizione del campione N"UCHTON ed al. (1963) US.1rono lunghi tubi saldati alle estremità in cui era stato fatto il vuoto e contenenti gel di silice essiccato a 350" C. Sempre sullo stesso principio sono i recipienti di Durai usati da HU/'.'TICIlON (1973) pt:r il prelievo dei gas dell'etna. Il motivo dell'ampia applicazione del sislema con tubi a vuoto si può attribuire sia alla facilità del prelievo mediante

5 ... NAUSI CfflMICA ilei G"'S VULCANICI 547 una semplice apertura della valvola sia al fatto che, a parte l'acqua che sarà conden ~ata od assorbita, gli altri componenti si ritrovano allo stato gassoso e quindi -più facilmente analizzabili con la gas<romatografia o la spettrometria di massa. Se l'analisi dei gas viene effettuata per via chimica può risultare più conveniente assorbire i vari componenti in opportuna soluzione direttamente sul vulcano. 11 trasporto del campione sotto forma di soluzione (: così semplificato. Siccome i componenti del gas vulcanico sono per la maggior parte di natura acida le soluzioni di raccolta sono alcaline. SICARDI (1941 e 1955) ha usato per i prelevamenti un sistema idraulico costituito d;1 una doppia boitiglia contenente una soluzione ammoniacale di nitrato di argento. Il solfuro di argento precipita al momento dci prelievo mentre il cloruro di argento per semplice acidificazione del filtrato suj quale potranno essere facilmente determinati anche SO.! e COt. La tecnica dell'assorbimento su soluzioni alcaline (: stata sviluppata in modo particolare dalla scuola giapponese con risultati soddisfacenti. L'assorbimento del gas acido e la contemporanea condesazione dell'acqua viene effettuato in recipienti opportuni o più semplicemente in una siringa graduata che permette così la lettura del volume dci gas non assorbiti. Il metodo (: stato proposto da Oana, migliorato da MIZUT...NI (1962) ed usato da molti altri (JWASAKI ed al., 1%5; KUSAKASE, 1969; MIZUTAN1, 1966; OzAWA, 1966 a; Id., 1966b; lo., 1%6 c). Sempre per la raccolta di campioni di gas vulcanici GH::GENBACH (1976 b) ha messo a punto una tecnica molto interessante che si basa sull'uso di un'ampolla provvista di rubinetto. In questa viene introdotto un dato volume di una soluzione di NaOH e successivamente estratta l'aria fino a che non si raggiunga l'ebollizione della soluzione stessa. Nel campionamento i gas acidi (COt, HCl, SOt, H2S, ecc.) vengono assorbiti dalla soluzione alcalina mentre gli altri gas rimangono all'interno già pronti per l'analisi gas<romatografica o con la spettrometria di massa. Fra i metodi di assorbimento dei gas vulcanici merita ricordare soprattutto per la sua ingenuità quello illustrato da NOGucHI ed al. (1%3). Questi autori avevano disposto intorno alla bocca del cratere del monte Asama una serie di recipienti aperti contenenti soluzione di idrossido di potassio che veniva rinnovata settimanalmente. La concentrazione di Cl, 50;- e CO;-,,determinata successivamente, dava un'indicazione dell'emissione media del vulcano durame il periodo di esposizione. Con questo metodo fu osservato un aumento del contenuto di SI<>I. e di cte del rapporto fra j due proprio in precedenza dell'eruzione del novembre Dopo il prelievo, sulle soluzioni alcaline (: possibile conoscere il contenuto lotale di zolfo per semplice ossidazione a solfaw ma rimane il problema dell'individuazione del rapporto H2S/S02. MIZUTAl':1 (1962) ed OZAWA (1966 c) per ottenere una tale differenziazione effeuuarono, su una porzione della soluzione alcalina, una successiva aggiunta di un sale di cadmio per precipitare CdS che può essere così determinato per via iodometrica. G1CGENBACH (1976 a, 1976b) misurò sulla soluzione alcalina direttamente il grado di ossidazione medio e, noto il contenuto totale di zolfo, ricavò la concentrazione dei due componenti. Come alternativa propone l'impiego di un doppio recipiente di raccolta: il primo contiene una soluzione

6 548 G. PICCARDI acida di As(III) che blocca l'hzs sotto forma di AS~S:1 che precipita, il secondo che contiene la soluzione di NaOH serve per l'assorbimento dei gas acidi rimanenti (GIGGF.NBACH, 1976 b). Al fine della differenzinione del contenuto dei due composti dello zolfo IWASAKI ed al. (1%5) ed OU.WA (1966 a) preferiscono raccogliere il campione anzichè su soluzione alcalina in una soluzione di iodio in ioduro di potassio. Lo iodio ossida 50 2 ad 50;- ed H 2 S ad S. Il solfato viene determinato come BaS04 e corrisponde quindi al contenuto di 50 2 L'H 2S si ricava, per difterenza, dallo iodio ridono. Con i mwxli di campionam"cnto e di <lnaiisi descrini si dosano in generale i componenti principali i quali servono per la caratterizzazione del gas vulcanico. L'applicazione di metodi strumentali quali la gas<romalografia e la spettrometria di massa ha permesso di individuare c dosare anche i componenti gassosi a livello di [Tacce. Alcune analisi riportano infatti le percentuali di COS, CO, CSt, Ar, ccc.. Tuttavia le determinazioni di componenti minori vengono effettuate con tecniche specifiche ed i prelievi sono falti in funzione dei vari dosaggi. Sono risultari molto mili per l'individuazione delle tracce i condensati ottenuti per semplice raffreddamentò dei gas vulcanici. Sui condensati è stata rivelata la presenza di numerosi metalli Al, Ca, Mg, Na, K, Zn, altri quali Pb e Cu sia pure in minore concentrazione e Cd, Ag, Co, Sn, Sb a livello di tracce (BASHARINA, 1958; HONDA ed al ; KRAFFT ed al, 1976; MARKHIN1N ed al., 1978 b; MENYAILQV ed al, 1978; MIKLISHANSKIl ed al, 1979; MlZUTANI ed al, 1959; NAUCHTON ed al, 1974; NIKITJNA ed al., 1976; DANA, 1962; PJ(X:ARDI ed al, 1979). La loro presenza nel vapore è collegata alla formazione di composti volatili ed in particolare ai cloruri (KRAUSKOPF, 1957; MlZUTANI, 1970; NAUGHTON ed al., 1976). Con le analisi gas<romatografiche e a mezzo della spettrometria di massa sono stati inoltre determinati diversi idro carburi saturi, non saturi ed anche aromatici presenti insieme al metano, che può costituire uno dei componenti principali dei vulcani di fango (GRAEBER ed al, 1979; LAGUNOVA, 1974). Oltre alle ricerche sulla composizione generale dell'emanazione vulcanica esiste tutta una serie di lavori effettuati secondo altri criteri specifici. Uno dei più impor. tami è lo studio dell'inquinamento ambientale prodotld dai vulcalli. Costituiscono un esempio le analisi dell'emissione di S02 riportate nella prima rabella e le numerose indagini su questo tipo di 'inquinamento proseguite anche con tecniche diverse (LE GUERN ed al, 1977 a; lo., 19n b; POLIAN ed al, 1979). Recentemente ZETI"WOQG ed al. (1978) hanno individuato nel monte Etna la maggiore sorgente di biossido di zolfo nel Mediterraneo. Il mercurio, pur essendo uno dei componenti minori dei gas fumarolici, può raggiungere concentrazioni al di :.opra dei livelli di sicurezza nei confronti della salute umana. i:: stato calcolato che' la media annuale dell'emissione di mercurio del Sulfur Bank, dell'ercbus, delle fumarole di Islanda e della zona Kamchatka-Kurili oscilla fra l e 16 l-lgjm 3 (AIDIN'YAN ed al., 1966; CoOEIUl.E ed al., 1977; SIEGEL ed al., 1978 a; In., 1978 b). Sempre nel campo dell'inquinamento ambientale vanno classificate le ricerche sull'emissione di sostanze carcinogene. IL'1'.'ITSKll ed al. (1976 e 1977) hanno trovato sulle ceneri dei vulcani

7 ANALISI CHIMICA DEI CAS VULCANICI 549 della Kamchatka tracce di benzopirene ma danno indicaz.ioni contraddittorie sulla quantità totale annua emessa in tutto il mondo. Tra i vari interessi è.stata presa in considerazione da alcuni studiosi anche l'ipotesi di un'individuazione della possibile origine della vita nei prodotti di sintesi dei vulcani ed in particolare di quelli sottomarini. Le indagini hanno interessato quindi la riccrca di HCN, idrocarburi ed amminoacidi (MARKHININ ed al., 1978 a; MUKHIN, 1974; MUKHIN ed al., 1974). Dall'esame dei risultati analitici ottenuti dalle determinazioni dei componenti del gas vulcanico si ritiene opportuno fare alcune considerazioni di carattere generale. Il materiale stesso di cui è costituito il tubo collettore o il recipiente di cam- T ABELI.A 2 Alcuni risultati della composizione percentuale (in volume) di fumarole di media umperatura della Fossa, Vulcano (Eolie) anno 1923 a 1937 b 19S1 c 1970 d 1970 e 197, S f 'C m,m '10 co, 59,6 56,0 91,3 74,9 (SO-99) 91,7 O,, ;,- "2 IS,9 ',' " ; ",S 17,3 S,S 2,,? 2, " HCI " O,, O, ". ; ; co 17, l N ',7 2,0 ; "? 0, "0" deterlllinato assente a Sicardi 1940b b Sicardi 1940a c Sicardi 1956 d Chaigneau et al 1970 e Conrad et al 1971 f Le Guern et al 1979 pionamento può essere critico data la natura aggressiva dei prodotti dell'esalazione (HCI, H2S, HF, ecc.). Vale a questo proposito ricordare gli alti contenuti di idrogeno (circa 300/0) trovati ne! 1970 da HUNTlNGOON (1973) nei gas dell'etna e non riscontrati nelle analisi fatte lo stes~ anno da LE GUUN (1973). Il contenuto di idrogeno dei campioni di HUNTlN(;OON è stato recentemente ricalcolato da GULACH (1979) in base alle misure di fugacità dell'ossigeno di SATO ed al. (1973) ed in base agli equilibri corrispondenti alla temperatura di prelievo (GULlr.CH ed al, 1975). Il valore medio della percentuale di idrogeno (0,3 %) trovato secondo tali calcoli differisce notevolmente dall'elevato contenuto risultante dalle analisi di HUNTlN(;OON. II problema de!i'aggresività potrebbe essere risolto usando tubi di materiale plastico ma questo evidentemente si decompone alle alte temperature. D'altra parte anche l'uso di luhi di acciaio inossidabile può falsare i dati con presenza di Fe, Cr e Ni come osservato da G'(;(;ENIlACH ed al. (1976) nei condensati. I tubi

8 550 G. PICC"-RDI 'di titania scelti dallo stesso GIGGENRACH (1976) hanno migliorato il procedimento grazie alle caratteristiche chimiche e meccaniche di tale materiale. che tuttavia non è esente da fenomeni di corrosione. Sebbene la sua fragilità lo abbia fatto scartare da molti ricercatori il quarzo sembra tuttavia il materiale più adatto per la costruzione del tubo collettore di gas anche ad alta temperatura (LE GOUN, 1980). Quando si raccolgono i risultati di analisi fatte nel tempo, come per esempio in tabella 2 dove sono riportati i dati delle analisi pubblicate sulle esalazioni di media temperatura di Vulcano (Eolie) negli ultimi 60 anni risultano evidenti molte lacune ed anche qualche errata interpretazione. In queste analisi come in quelle effettuate su altri vulcani vit':nt': spt':sso trascurata la concentrazioni:': del HCl anche SI:': talvolta ne.vil:':nt': individuata la presenz.1. La percentuale di acqua è in molti casi ignorata pur I:':sst':ndo un componentt': importante per la caratterizzazioni:': della sorgente eruttiva. Ai fini di una più approfondita conoscenza dci vulcani e soprattutto della loro evoluzione nel tempo è necessaria una maggior precisazione sulla tecnica analitica adottata come pure sul tipo di materiale usato per i prelievi. InoltrI:': riportando i dati analitici occorre specificarl:': soprattutto quali sostanze sono stati:': ricl:':rcatl:': in modo che la loro prl:':senza o meno sia in relazione all'analisi effettuata. BIBLIOGRAFIA AIDU.'YAN N. KH. e OzEIl.OVA N. A. (1%6). Behavior 01 Mercury in reun/ volcanirm. $ovrem. Vulkanizm., 1, 249 5J... AUEIl.TSON N. F. e Mdù:YNOLDS ). P. (l94j). Muhanirm 01 the reaction betwt!t!n HS and 50. in liquid media. J. Am. Chem. Soc., 65, BAILEY G.H. e FOWLEil G.). (1888) - Some reaetions 01 the halogm acids. ). Chem. Soc., 53, 755-6l. BASHAIl.INA L.A. (1958). Fumarol gases 01 K/yuchevskii and Sheveluch volcan~s. Trudy Lab. Vulkanol. Akad. Nauk SSSR, 13, CADLE R. D. e FUNK E. R. (1968). Par/ic/es in the lume Irom the 1967 Ki/auea eruption. J. Geophys. Res., 73, 4780-}. CADLE R.D., WAJlT8UIl.G A.F. e GIl.AHEK F.-E. (1971) - The proportion 01 sullate /0 su/lur dioxide in Kilauea vo/cano lume. Geochim. Cosmochim. Acta, J5, CHAIGNElr.U M. (1965). Sur les ga;: v<j1caniques du Strombo/i (llt!! Eolimnes). C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 261, CHAIGNEAU M., TAZIEFf H. e FABRE R. (1960a) Sur l'analyse des émana/io11s volcaniqut!s de l'archipel des NoufleJles.Hehrides. C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 250, CHAIGNElr.U M., TAZIEFF H. e FABRE R. (1960 h). Composition des,a;: volcaniquef du lac di Lava permanen/ du Niragongo. C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 250, CHAIGNEAU M. e CoNRAD K. (1970}. Sur lt!! ga1 volcaniques de Vulcano (/les Eoliennes). C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 271, CHEMlNEE J., LETOLLE R. e OLIVE PH. (1969) - Première donnies isotopiqljes sur des IlJmeroiles de volcans ila/ie111. Bull. Volcanol., 32, CoDEIl.RE J. A. e STEINTHOIl.SSON S. (1977) - Natura! concentra/ions 01 mercury in lceland. Geochim. Cosmochim. Acta, 41, CoNItAU K., CoUILLAIl.D F., KilAFFT M. e BAilTAIRE ).G. (1971) - Analyse ~t!!,a;: par un chroma/ographe portatillur le v<j1can V u/cano (ll~, Eo/iennel). C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 272,

9 ANALISI CHIMICA DEI CAS VULCANICI 551 CRAFfOKD T.C. (197.'5) - SO. emission 01 lhe 1974 eruplion 01 volcan Fuego, GUltumala. Bull. Volcanol., 39, OELSEMME A.H. (1960) Spt:etroscopie de flamme volcaniques. Bull. Acad. Roy. Sci. Outre-mer, 6, ELSKENS I., TAZIEFF H. e TONANI F. (1964). A new melhod lor volcanic gas analysis in the field. Bull. Volcano!., 27, ELSKENS I., TAZIEFf H. e TONANI F. (1969). Invesligalion nouvelles sur les gaz IlOlcaniques. Bull. Volcano!., 32, FABRE R. e CHAIGNEAU M. (1958) - Sur les gaz IlOlcaniques des lumerolles du Monl Pelé (Martinique) et de la Grande Soulriere de Basse Terre (Guadelupe). C. R. Hebd. Seances Acad. ScL, 247, GULACH T.M. (1979). Evaluation and restoration of the 1970 IlOlcanic gas analyus from mounl Elna, Sicily. J. Volcano!. Geotherm. Res., 6, GULACH T.M. e NORDLlE B.E. (197.'5) The C.O-H-S gauous syslem, p. li. Temperalure, atomic composilion, and molecular equilibria in volcanic gases. Am. }. Sci., 27.'5, GIGGENBACH W. F. (1976 a). Variations in lhe carhon, sulfur and chlorine conunts of volcanic gas discharges from White lsland, New Zeland. Bull. Volcanol., 39, GIGGENBACH W.F. (1976b) - A simple method for the col/ection and anal)'sis of vo1canic gas samples. Bull. Volcano!., 39, GIGGENBACH W. F. e LE GUUN F. (1976). The chemislry of magmatic gaus from Erta'Ale, Elhiopia. Geochim. Cosmochim. Acta, 40, GRAEBEK E. J., MODIlESKI P.}. e GULACH T. M. (1979). Compositions of gares collecud during the 1977 east rift cruption, Kilauea, Hawaii. }. Volcanol. GeQtherm. Res., 5, HAULET R., ZETIWOOC P. e SABKOUX J.c. (t977) Sulphur dioxide discharge Irom Mount Etna. Nature, 268, HONDA F. e MIZUTANI siliceous sublimau. Geochemical J., 2, 1 9. HUNTlNGOON A. T. (1973). The collection and analysis of volcanic gares from mount Elna. Phil. Trans. Roy. Soc. London, A 274, KRAFFT K. e C!IAIGNEAU M. (1976). Sur les rapports enlre chlors et brome dans les gaz volca niques de douze volcans indonesiens (Sumalra, fava, Flores et Sulawesi). C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 282, lcmpft K. e CHAJ<lNEAU M. (1977). Composilion des gaz volcaniques émis par des vo/cans d'in dontsie. C. R. Hebd. Scances Acad. Sci., 284, 429 )\. KKAUSKOPF K.B. (1957) Heavy metal conteni of magmafic vapor al 600 C. Eron. GeoL, '2, KUSAKABH M. (1%9) Alomic composi/idn and chemical equilibrium of volcanic gases. Geochem. J., 3, Y. (1968). Silicon content of fumarolic gases and lhe formalion 01 a JAGGAK T. A. (1940). Magmatic gases. Am. }. ScL, 238, IL'NITSKII A. P., BELlTSKII G. A. e SHABAD L. M. (1976) - Volcanoes and carcinogens. Prirocla (Moscow), IL'NITSKII A.P., GUILDYS V., MISCHCHENKO V.S. e SHABAD L.M. (1977). Role of IlOlcanoes in the formation of the nalural level of carcinogenic suhstances. Dokl. Acad. Nauk SSSR (biochem), 234, IWASAKI I., QzAWA T., YOSHIDA M., KATSUKA T. e KAMAD... M. (1965). Chemical analysis of IlOlcanic gases. BuU Volcano!., 28, ' 15. LAGUNovA T.A. (1974) - Carhon dioxide genesis in gases of mud volcandes in the Kercb-Taman region. Geokhimiya, LE GUEKN F. (1970). ContribUlion a l'elude du chimisme des gaz Ùuplifs. C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 271, 2262 '. LE GUEitN F. (1973). Col/ection and analysis or fmount Elna's) volcanic gases. PhiI. Tràns. Roy. Soc. London, $er. A 274, LE GUERN F. (1979). Field measuremenls of volcanic gases. L.P.!. Conuib., 368, LE GUERN F. (1980). Comunicazione personale. LE GUERN F., TAZIEFF H. e CARBONELLE }. (1977 a). Heal and gas Iransler from Niragongo lava lake. Trans. Am. Gephys. Union, EOS, 58, 920.

10 552 C. PICCARDI LE GUEIN F. e UIIlONELLE }. (1977 b) Ctlfbon sul/ur contribulio" 01 JWO lava laluj lo tbe atmospbne. Tans. Am. Gcoph)'S. Unioo, EOS, 58, 921. LE GUElN F., BI(:ocolI P., NOUL A. c T.uIEFF H. (1979) - Antdyu dir«u del,at voicilniqutj. C. R. Hebd. Scances AClld..Sci., 288, MALlNCOtllOO Jr. L. L. (1979) FluCll1(1ctions in SO, em;n;on dur;",,tunl ~Ilptions 01 Etnll. N.ture, 278, 0 5. MAUHINII'l E. K. UI.u:OV V. A. e PoOK1.ETHOV N. E. (1978.) - Mllf,miltit:,III romfjontnu 011 which J~ S"1ntn;s 01 fwtbioiolicj sys/tm is htlstd. DokI. Ahd. Nauk SSSR (biochem.), 241, MAI.KHININ E. K., UIU:OV V. A., Pooltl.ETNOV N. E. e PoNoMAIEV V. V. (I978 b) - GIfSU 01 btlu1lir; liilhi 10wI 01 IIN Tollncbilt PSSI"t "up/io" Geo!. Gem. Dannyc Dol'shorn Tresbchinnom Tolbachninskom Izvcnhcnii , MELLO. J. W. (1937). A romprt1hnjj~ Irt.';!t O" jnor,,,nic (llid I~'tliclll cmmistrj. Longm:ms, Gretti md Co., London, 3, 663. MF.NYAILOY l.a., NIIUTINA L.P., VUGASOVA L.P., GUSEYA R.V., SHAPAl V.N. e ROZHJWV A.M. (1978). C~mistry and preunct 01 metals in volcanic gases and tmir wlclion producli in new Tolbachik volatnots in Geo!. Gcofiz. Dannyc Ool'mom Tl"e$hçhinnom Tol b.chinskom Izvenhc:nii 197Hi, 117-2'. MIKLlSHANSKII A. Z., YAKOYLEY Yu. V., MENYAILOV I. A., NIKITINA L. P. e S.I.YEl'EV B. V. (1979) - Geex:bemici/l rale 01 tbe enlry 01 cbemici/l elementl witb (be voli/tile componenl 01 active vofci/nism. Geokhimiya, IM2-61. MIZUTANI Y. (1%2) - Cbemici/I anal]sis 01 volcanic gales. J. Eanh Sci. N,Igoya Univ., lo, MIZUTANI Y. (1966). ApfJtlralus lor samp[ing ollio/canic gastl. Bunseki Kagaku, 1', MIZUTANI Y. (1970) - Copper and zinc in lumarolic gaus olsbowi/sbinutn l.iolcano, Ho1deaido, ]afjtln. Geothem. J., 4, MIZUTANI Y. e M.o\TSUO S. (19'9) SucctSJillt obstl'lia/ions 01 cbtmical compontnjj in tbt condensed watt!' Irom lumarole 01 voicano Sbowa-5hinun. Kazan [2] 3, MOffAT A.J., KAKALI. T., AUMOTO T. e LANGA.~ L. (1972). Air note. Environ, Measurements Inc. (San Francism). MUltHIN L. (1974) - Evolu/ion 01 0r,"nic compounds in volellnic re,ions. Nature, 251. j()..l. MUDIIN L., VASlLEV V.N. e PoNoMAlEV V. V. (1974). De/telion 01 bydro,en C"/lInide and itl dtrilnllivts in re,ions 01 aclive volcllllism. Dokl. Akad. Nault SSSR (biochem.), 21'. 12H-4. MU~TA K.J. (1960) - Ocouunct 01 cua nniision in voiotnic ~mu. Am. J. Sci., 2'8, NAt.IGH1'ON J.J., HuUJ E. F. e BARNES Je. I. L. (1963) - TM cmmislry 01 voleallic lasel.,. Col ItelÌQtf alld analylis 01 equilibrium mi"'llrel by gal cbromaloit'phy. J. Geophys. Res., 68, ' NAUCH1'ON J.J., DEuy J. V. e Gwvu R. B. (19(9) - /nlrlued measllreme,,1f 01 volellnic l/li IIl1d lume: Killlllell n'liplio", J. Geophys. Res., 74, NA1JCtfTON J.J., LEwls V.A., HAMMOND D. e NISHIMOTO D. (1974) - l'be cbemistry 01 sllbfimlltes collte/ed dirtelly lrom 1lI1Nl lountllins al Kililuell vo1clino, Htlwaii. GeodUm. Cosmochimo Acta, 33, NAUGHTQN J.J., GIEENBEIG V.A. e GoGUEL R. (1976) /nctusllltions IInd lumtlrolic condensi/les IIt Kililuea volctlno, Hawaii: field, drilf hole tlnd [tlooratory observa/ions. J. Vokanol. Geotherm. Res., I, NIKITIN.\ L. P. e MENYAILOV l. A. (1976) - linc, lttld, coppu, IInd (tldmium in a flolclinic and hydrolhtrmlll 1.Il1por. Byull. Volkanol. Sm. Akad. Nauk SSSR, '2, NOGUCHI K. e KANlIYA H. (l963) - Prtdietion 01 voictlnic uuption by mellsuring tbe r;b~mi({/i composilion IInd amount olcilies. BuI! Volcanol., 26, OANA S. (1962) - VoiClInic,tlUS and sllbfimtltes Irom ShowlJSbi"un. Bull. Volcanol., 24, 49 '7. OKITA T. (l971) - Detectioll 01 SO. IInd NO.,as in lbe li/mospmre by &mincer Sptetromettl'. J_pan Spectroscopk Co. Rep. (Tokio). OKITA T. e SHIMOZUIU D. (19n). Remote sensin, measureme"ls 01 mllss ~ow 01 sullllr dio"id~ CIIS lrom voleilnots. Kazan, 19, UI-7. OTA K.. KAGIYAMA T. c: MATSl10 N. (1978) - &mote unsinc me/l.sllrem~nts 01 SO. ~misjio" lrom tm IJOlCIlIlO AsllMll. Toltio D.igaltu Jishin Kc:nltyusho Iho, '3, '33-42.

11 ANALISI CHIMICA DEI CAS VULCANICI 553 OZAWA T. (l966a) - Cbemical analysis 01 volcanic gases. 1. Cbemical ana1ysis 01 lumarolic gas containing water vapor, bydrogen chloride. sullur dioxide, bydrogen sul/ide, carbon dioxide, etc.. Nippon Kagaku Zasshi, 87, OzAWA T. (1966 h) - Chemìcal analysis 01 volcanic gases. Il. Rapid cbemical analysis 01 volcanir gas containing water vapor, carbon dioxide, hydrogen sul/ide, and nitrogen. Nippon Kagaku Zasshi, 87, OzAWA T. (1966c). Chemica1 analysis 01 volcanic gaser.!il. Ropid determination 01 carbon dioxide, bydrogen, sul/ide, nitrogen, and sullur dioxide in lumarolic and bot spring gases baving temperature near boiling point 01 water. Nippon Kagaku Zasshi, 87, PICCARDI G., MARTINI M. e CELLlNI LEGITTIMO P. (1979). On the presence 01 Cu. Zn. Cd, Sb. Bi, and Pb in tbe lumarolic gases 01 Vulcano (Aeolian. islands). Rend. Soc. Ital. Minerai. Petrologia, 35, POLIAN G. e LAMBER'I; G. (1979) - Rodon daughters and sullur output Irom Erebus vmcano, Antartica. }. Vobmol. Gootherm. Res., 6, SATO M. e MOORE J. G. (1973) Oxigen and sullur lugacities 01 magmatic gases directly measured in active vents 01 Mount Etna. Phil. Trans. Roy. Soc. London, A 274 (1238), SICAItDI L. (1940 a) - Stromboli e Vulcano nell'agosto 1937, Atti Soc. Iral. Sci. Nat. Mus. Civ. Storo Nat., Milano, 79, SICAROI L. (1940 h) Il recente ciclo dell'altività lumarolica de/l'isola di Vulcano, Bull. Vokanol., 7, SICAROI L. (1941) - Di alcuni particolari metodi utilizzati nella captazione per le analisi dei gas emessi dalle fumarole dei vulcani, Ann. Chimo Applicata, 32, SICAIlOI L. (1955). Captazione ed analisi chimica dei gas della esalazione sol/idrico-sollorosa dei vulcani in lase sollatarica. Bull. Vocanol., 17, SICAIlDI L. (1956) - Dell'esalazione Srtl/idrico-sollorosa nella attuale lase sollatarica dell'attività dell'isola di Vulca.no e di alcune questioni ad essa inerenti. Bull. Voicanol., 18, SIEGEL S. M. e SIEGEL B. Z. (1975). Geotbermal hatards. Mercury emission. Environ. Sci. Technol., 9, SIEGEL B.Z. e SIEGEL S.M. (1978a) Mercury emission in Hawaii: Aerometric study 01 Kalalua eruption Environ. Sci. Technol., 12, SIEGEL S. M. e SIEGEL B. Z. (1978 b) - Mercury fal/out in Hawaii, wattr, air, soil pollution. 9, SIGVALDASON G. E. e EUSSON G. (1968) - Colleetion and analysis 01 volcanic gases' at Surtsey, lceland. Geochim, Cosmochim. ACla, 32, STOIBIiR R. E. e JEPSEN A. (1973) - Sullur dioxide contributions to the atmoxphere by volcanoes. Science, 182, STOIBER R. E. e MALONE G. B. (1975) - SO. emission at the erater 01 the Kilauea at Mauna VIu and at Sullur Bank, Hawaii. Trans. Am. Goophys. Union, 56, 461. TAZIEFF H. (1971) New investigations on eruptive' gases. Bull. Vokanol., 34, TAZIEFF H. e }ATTl!.AU M, (1%9) - Measure dans l'inlrarouge des parametres physiques des gaz eruptils. C. R. Hebd. 5eances Acad. Sci" 268, TAZIEFF H., LE GUERN F., CARBONELLE }. e ZETTWOOG P. (1972) - Etude chimique des fluctua. tions des gas eruptils du volcan Erta'Ale (AI"r, Ethiopie). C. R. Hebd. seances Acld. Sci., 274, TONANI F. (197l) - Concept and ttcbniquer lor tbe geochemicallorecasting 01 l)olcanic eruptions in: The surveillance and prediction 01 volcanic activity A review of methods and techniques. Unesco, Paris. VERHOOGEN J. (1939) - New data on volcanic gases: the 1938 eruption of Nyamlagira. Am. J. Sci., 237, , ZETTWOOG P. e HAULET R. (1978). Experimental re1ults on the sullur dioxide trans/er in tm Mediterranean obtained with remote sensing devices. Almos. Environ., 12,

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS Maggiore flessibilità operativa e miglior ritorno economico L. Mancuso - Foster Wheeler Italiana - Power Division N. Ferrari - Foster Wheeler Italiana - Power Division J. Davison - IEA Greenhouse Gas R&D

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli