ANALISI CHIMICA DEI GAS VULCANICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI CHIMICA DEI GAS VULCANICI"

Transcript

1 RENDICONTI Sodet<l Italiana dl Mineralo17la e Petrolof/la, 36 (2), 1980: pp, GIOVANNI PICCARDI ANALISI CHIMICA DEI GAS VULCANICI RIASSUNTO. - Dall'esame della leneratura viene rkavata una breve illustrazione dei metodi analitici applicati alle esalazioni vulcankhe. Vengono prese in oonsidera~ione tanto le procedure per le analisi in 1000 quanto quelle per il prelievo di campioni e le successive analisi di laboratorio. Un breve cenno è riservato anche alle determinazioni dci componenti in trae<:e ed alle analisi di carattere ecologico. ABSTRACT. - From the exam of IiteratUle a short review of analytical methoc!s of volcanic exalations is obtained. 60th procedures for fie1d analysis and for sampling :I.lld laboratory analysis are taken inlo account. The determinations of nate components and ecologie analysis are also reported. I gas vulcanici sono miscele "bbastanza complesse, di composizione molto diversa e con Runuazioni nel tempo, aventi temperature fra 80 e 12O<r C a seconda del luogo di emissione. La presenza di composti di natura acida come acido cloridrico, biossido di zolfo e solfuro di idrogeno rendono inoltre la miscela particolarmente aggressiva nei confronti delle pareti dei tubi di convogliamento e dei reei~ pienti di raccolta. :t: evidente che la determinazione della loro composizione chimica presenta notevoli difficoltà, aggravate dal fano che il luogo di prelievo non t: sempre agevole da raggiungere e, talvolta, 'l bombardato) da materiale piroclastico. I metodi analtici dei gas vulcanici vengono suddivisi in due classi che corrispondono a due concezioni diverse di tecniche analitiche: analisi in loco o analisi in laboratorio. Per le analisi sul posto logicamente esistono dei vincoli che derivano dalla collocazione della sorgente da analizzare ed anche dalle condizioni ambientali in cui l'operatore viene a trovarsi. Un piccolo spenrografo a lastre o un semplice spenrofoloffietro possono essere portati in vicinanza del vulcano e permettere quindi una misura in emissione '0 in assorbimento. Nel 1938 VERHOOGEN (1939) aveva esaminato gli spettri di emissione dei gas del Nyamlagira nei quali erano visibili numerose bande. Successivamente DELSEMME (1960) riconobbe, nelle fiamme del Niragongo la presenza di Na, K e CuCI. MURATA (1960) esaminando emissione di fiamme del Kilauea individuò con certezza la banda del CuCI e pott: indicare come l : 25 il rapporto in peso fra CuCI e Na. La capacità del biossido di zolfo di assorbire a 310 nm t: stata usata da numerosi ricercatori per poter valutare l'emissione di questo gas da vulcani di diverse parti del mondo. Quale ~orgeme di radiazione ultravioletta fu usata la luce del cielo stesso. Poichè l'assor-.. Istituto di Chimica Analitica dell'università, via Gino Capponi 9,.'50121 Firenze.

2 544 G. PICCAIlDI banza è, secondo la legge di Beef, proporzionale al prodotto concentrazione per spessore, esplorando trasversalmente l'intero c pennacchio l', nota la velocità del vento, è possibile calcolare l'emissione oraria di 502. Nella tabella l sono raccolti i valori medi di emissione giornaliera ricavati spettroscopicamente. Questo genere di misure si dimostra difeuoso in presenza di particelle solide a causa della diffusione delle radiazioni alle basse lunghezze d'onda. Per questo motivo le determinazioni effettuate durame periodi di eruzione con emissione di fumi e polveri possono portare a risultati errati. Inohrc il biossido di zolfo può essere parzialmente TAIlELLIr. Valuri medi ddl'emissione giornaliaa di SOJ di aicunj vulcani (hterminati con nutodi sp~ttoscopici l Vulcano SOZ/tonn,-' Data Riferimento O-Shima (Giap) An..a (Giap) Santiaguito (Cuat) Fuego (Guat) Paeaya (Guat) " ' " 20/4/1971 Okita /6/1972 Moffat et al Stoiber,, San Crisrobal (Nic) Teliea (Nie) MOllloto..bo (Nic) Mauya [Nte) Asallla (Giap) 21/4/1974 OJ:ita et a l FueKO (Guat),.. 10-IZ/1974 Cufford 1975 kilauea (Haw) 9-19/ Stoiber 1975 " " - SulfuT SanI: (Haw), 1975 Mauna U1u (1Iaw) 1975 Etna (lta1) 3740 " 14,15,18/6/1975 Hau1et et al Au",a (Ciap) 16,17,20/9/1977 Ota et 1978 Etna (ltal) 16/7-28/8/1977 Hai ineonieo ''''''' ossidato, ad alta temperatura, da parte dell'o~sigeno ad acido soiforico la cui presenza è stata riscontrata da CADLE et al. (1968 e 1971) nei fumi dei gas vulcanici. Poichè l'acido soiforico non as~rbe alla lunghezza d'onda usata nelle determinazioni della 502 una parte dello zolfo emesso non viene così determinato. Anche la speurofotometria infrarossa ha portato un contributo all'analisi dei gas vulcanici. Questa volta è stata usata una fontana di lava del Kilauea come sorgente di radiazioni. NAUGHTOl' ed al. (1969) individuarono ncl campo 2,5-14,5 IJ. le bande di H~, C02 e ricavarono la concentrazione percentuale in volume dei tre gas che risultò rispettivamente del 95, 4 e 1%. Allo scopo di individuare le Auttuazioni di composiiiijnc: dei gas vulcanici è stato messo a punto da ELsKENS ed al. (1969) un dispositivo capace di misur:ue un parametro abbastanza significativo quale la concentrazione di biossido di carbonio. Un doppio sensore a termoconduttività. alimentato da una corrente di aria e gas vulcanico circa 100; l, misura la differenza di conducibilità prima e dopo l'assorbimento della 00 2 effettuata da un filtro a calce sodata. Un filtro posto "

3 ANALISI CHIMICA DEI CAS VULCANICI 545 all'ingresso del sensore blocca H20, H 2S e 50 2 Per mezzo di un sensore ad elettrolita solido ossido di ittri%ssido di zirconio SATO ed al. (1973) misurarono la fugacità dell'ossigeno nei gas Iavici dell'etna a tempera[ure imorno ai C. Nel 1964 ELSKENS ed al. introdussero un nuovo metodo per la determinazione di alcuni componenti di gas vulcanici. Questa semplice e rapida tecnica si basa sull'uso di tubi Draeger preparati per lo studio dell'inquinamento industriale. L'applicazione ha richiesto qualche modinca al sistema di prelevamento (ELsKENS ed al., 1969) e molta attenzione nel loro uso (TONANI, 1971). L'accuratezza stimata è lo % circa. 1 rubi Draeger hanno il pregio nella loro semplicità di uso e nella rapida risposta che ha permesso la loro applicazione allo studio delle Auttuazioni della composizione dei gas vulcanici (TUIEH, 1971; TA7.IEFF ed al., 1%3; lo., 1972). La possibilità di eseguire gascromatogrammi direuamente sull'orlo del vulcano e della fumarola è sembrato a molti l'unico mezzo per risolvere il problema della analisi di una miscela così complessa. Dopo un tentativo effettuato a Vulcano da CoNKAD ed al. (1971) su gas precedentemente seccati su gel di silice, LE GUERN (LE GUERN, 1979; LE GUERN ed al., 1979) ha usato un gas-cromatografo che lavora a C con la possibilità di analizzare direttamente il gas fumarolico. Evitando il raffreddamento del campione si impedisce la condensazione del vapor d'acqua che a sua volta provoca alcune reazioni fra i componenti alterando completamente le caratteristiche del gas analizzato. Se si fa eccezione per il metodo gas<romatogranco descritto, le analisi in loco sono parziali e spesso anche poco accurate. D'altra parte il trasporto impone pesi ridotti e la necessità di operare in condizioni ambientali precane (vento, fumi, pioggia) porta a difficoltà operative e possibilità di errori. Il grande vantaggio è dato dal fatto che il responso delle analisi è immediato e la determinazione può ("ssere ripetuta più volte per avere subito una indicazione delle fluttuazioni di una stessa sorgente oppure la composizione di più sorgenti. Le analisi in laboratorio non presentano gli inconvenienti delle analisi in loco (" possono essere eseguite utilizzando una qualunque strumentazione per quanto sonsticata. Il risultato dell'analisi è però soggetto alla rappresentatività del campione che deve, anche a distanza di qualche giorno, lìss::lre le caratteristiche del campione al momento del prelievo. Il tipo più semplice di prelevamento consiste nell'uso di tubi di vetro in cui è stato fatto precedentemente il vuoto e che, per aspir:rzione l raccolgono una certa quantità di gas vulcanico. Ma l'acqua, che spesso è il componente principale, per raffreddamento si condensa; in essa si sciolgono quindi gli acidi alogenidrici (HF, HCl, HBr) ed una modesta frazione di 502. Se oltre al biossido di zolfo è presente solfuro d'idrogeno l'equilibrio si sposta rapidamente verso destra in presenza di acqua liquida. ALBERTSON ed al. (1943) che hanno studiato la precedente reazione in diversi solventi organici arrivano alla conclusione che il liquido si comporta da base di Bronsted provocando la ionizzazionc dell'hzs. I?: evidente che un campione conservato in presenza di

4 546 G. PICC,\RDI :tcqua si altererà rapidamente facendo scomparire uno dei due componenti (quello in minore concentrazione) con formazione di zolfo elementare. Per questo motivo per molto tempo non è ritrovato H~ nei gas delle fumarole ma solo SO, c S nei tubi campionatoti (J.,cc,,~ 1940; SICVALDASON cd al., 1968). Ai fini dci risullato dell'analisi è quindi importante conoscere il contenuto di entrambi i componenti come è stato fatto da GIGCENBACH ed al. (1976) che hanno determinato la ~ per ga~-eromatografia c lo zolfo mediante analisi per via umida. ConsidcT2to negativo dell'acqua sulla conservazion(' dci campione, F.ullt ed al. (1958) introdus. sero P:O:. nci tubi a vuoto in modo tale da bloccare immediatamente il vapore al suo ingresso ncl campionatoti:', Per verificare tale differenza djcuuarono analisi per via chimica su campioni prelevati in tubi con e 5(:nza t:ssiccante «i OS5(:rvarono che solo in pre5(:nza di PzO~ era jx)ssibile riscontrare un maggior contenuto di HtS. Tali risultati sol)o stati successiva menu confermati da numerosi autori che hanno ripctuto l'espt:rienza usando tubi con e 5(:nza P20~ (CH"ICNEAU ed alo, 1960a; ID., 1960b; LE GUERN ed al., 1979). Un potenziale difetto dell'uso ddla P20~ risiede ndla reazione (B"ILEY ed al, 1888).. - POCh + 3 HP03 5(:condo la quale l'acido cloridrico, eventualmente presente, verrebbe sottratto alla miscda gassosa. Esaminando i risultati delle analisi effettuate su campioni prdevati con tubi a P20~ (CH"IGNEAU ed al., 1970; KR...,. ed al., 1m; LE GUERN, 1970) si O$5(:rva che non viene mai riportata la presenza di HCI ad «cezione di un unico dato trovato da CH"ICNEAU (1965). on risulta evidente 5(: l'acido cloridrico non è stato trovato nei campioni o se la sua determinaz.ione non è stata effettuata. L'uso dei tubi a PzO~ se risolve il problema della conservazione dei componenti del gas non pt:rrnt:ue ovviamente la determinazione della pt:rcentuale di H20 nd campione. Per il dosaggio dell'acqua quindi sono stati effettuati contemporaneamente prdievi con tubi contenenti carburo di calcio che, r('agendo con l'acqua, produce un ugual volume di acetilene facilmente dosabile con metodi strumentali (CH"' CNEAU cd alo, 1960 a c 1960 b; LE GUERIN, 1970). D'altra parte il Cao che si forma non reagisce con C02 ed S02 (M1!.U.OK, 1937) consentendo il dosaggio anche di questi gas. In pratica la formazione di OI(OH)2, prodotto dalla reaz.ione del Cao con il vapore, può portare ad un assorbimento dei componenti acidi del gas esaminato. Un altro agente anidrificante, il cloruro di calcio fuso, è stato impiegato da CIlEMINEE cd al. (1969) per la raccolta di campioni ndl'analisi isotopica di gas vulcanici. Anche in questo caso da una tabella riportata d3gli 3utori sulla composizione generale dei gas raccolti compaiono apprez2.1bili quantità sia di $02 che di H2S. Sempre allo scopo di bloccar.e reazioni collaterali caix'ci di modificare la composizione del campione N"UCHTON ed al. (1963) US.1rono lunghi tubi saldati alle estremità in cui era stato fatto il vuoto e contenenti gel di silice essiccato a 350" C. Sempre sullo stesso principio sono i recipienti di Durai usati da HU/'.'TICIlON (1973) pt:r il prelievo dei gas dell'etna. Il motivo dell'ampia applicazione del sislema con tubi a vuoto si può attribuire sia alla facilità del prelievo mediante

5 ... NAUSI CfflMICA ilei G"'S VULCANICI 547 una semplice apertura della valvola sia al fatto che, a parte l'acqua che sarà conden ~ata od assorbita, gli altri componenti si ritrovano allo stato gassoso e quindi -più facilmente analizzabili con la gas<romatografia o la spettrometria di massa. Se l'analisi dei gas viene effettuata per via chimica può risultare più conveniente assorbire i vari componenti in opportuna soluzione direttamente sul vulcano. 11 trasporto del campione sotto forma di soluzione (: così semplificato. Siccome i componenti del gas vulcanico sono per la maggior parte di natura acida le soluzioni di raccolta sono alcaline. SICARDI (1941 e 1955) ha usato per i prelevamenti un sistema idraulico costituito d;1 una doppia boitiglia contenente una soluzione ammoniacale di nitrato di argento. Il solfuro di argento precipita al momento dci prelievo mentre il cloruro di argento per semplice acidificazione del filtrato suj quale potranno essere facilmente determinati anche SO.! e COt. La tecnica dell'assorbimento su soluzioni alcaline (: stata sviluppata in modo particolare dalla scuola giapponese con risultati soddisfacenti. L'assorbimento del gas acido e la contemporanea condesazione dell'acqua viene effettuato in recipienti opportuni o più semplicemente in una siringa graduata che permette così la lettura del volume dci gas non assorbiti. Il metodo (: stato proposto da Oana, migliorato da MIZUT...NI (1962) ed usato da molti altri (JWASAKI ed al., 1%5; KUSAKASE, 1969; MIZUTAN1, 1966; OzAWA, 1966 a; Id., 1966b; lo., 1%6 c). Sempre per la raccolta di campioni di gas vulcanici GH::GENBACH (1976 b) ha messo a punto una tecnica molto interessante che si basa sull'uso di un'ampolla provvista di rubinetto. In questa viene introdotto un dato volume di una soluzione di NaOH e successivamente estratta l'aria fino a che non si raggiunga l'ebollizione della soluzione stessa. Nel campionamento i gas acidi (COt, HCl, SOt, H2S, ecc.) vengono assorbiti dalla soluzione alcalina mentre gli altri gas rimangono all'interno già pronti per l'analisi gas<romatografica o con la spettrometria di massa. Fra i metodi di assorbimento dei gas vulcanici merita ricordare soprattutto per la sua ingenuità quello illustrato da NOGucHI ed al. (1%3). Questi autori avevano disposto intorno alla bocca del cratere del monte Asama una serie di recipienti aperti contenenti soluzione di idrossido di potassio che veniva rinnovata settimanalmente. La concentrazione di Cl, 50;- e CO;-,,determinata successivamente, dava un'indicazione dell'emissione media del vulcano durame il periodo di esposizione. Con questo metodo fu osservato un aumento del contenuto di SI<>I. e di cte del rapporto fra j due proprio in precedenza dell'eruzione del novembre Dopo il prelievo, sulle soluzioni alcaline (: possibile conoscere il contenuto lotale di zolfo per semplice ossidazione a solfaw ma rimane il problema dell'individuazione del rapporto H2S/S02. MIZUTAl':1 (1962) ed OZAWA (1966 c) per ottenere una tale differenziazione effeuuarono, su una porzione della soluzione alcalina, una successiva aggiunta di un sale di cadmio per precipitare CdS che può essere così determinato per via iodometrica. G1CGENBACH (1976 a, 1976b) misurò sulla soluzione alcalina direttamente il grado di ossidazione medio e, noto il contenuto totale di zolfo, ricavò la concentrazione dei due componenti. Come alternativa propone l'impiego di un doppio recipiente di raccolta: il primo contiene una soluzione

6 548 G. PICCARDI acida di As(III) che blocca l'hzs sotto forma di AS~S:1 che precipita, il secondo che contiene la soluzione di NaOH serve per l'assorbimento dei gas acidi rimanenti (GIGGF.NBACH, 1976 b). Al fine della differenzinione del contenuto dei due composti dello zolfo IWASAKI ed al. (1%5) ed OU.WA (1966 a) preferiscono raccogliere il campione anzichè su soluzione alcalina in una soluzione di iodio in ioduro di potassio. Lo iodio ossida 50 2 ad 50;- ed H 2 S ad S. Il solfato viene determinato come BaS04 e corrisponde quindi al contenuto di 50 2 L'H 2S si ricava, per difterenza, dallo iodio ridono. Con i mwxli di campionam"cnto e di <lnaiisi descrini si dosano in generale i componenti principali i quali servono per la caratterizzazione del gas vulcanico. L'applicazione di metodi strumentali quali la gas<romalografia e la spettrometria di massa ha permesso di individuare c dosare anche i componenti gassosi a livello di [Tacce. Alcune analisi riportano infatti le percentuali di COS, CO, CSt, Ar, ccc.. Tuttavia le determinazioni di componenti minori vengono effettuate con tecniche specifiche ed i prelievi sono falti in funzione dei vari dosaggi. Sono risultari molto mili per l'individuazione delle tracce i condensati ottenuti per semplice raffreddamentò dei gas vulcanici. Sui condensati è stata rivelata la presenza di numerosi metalli Al, Ca, Mg, Na, K, Zn, altri quali Pb e Cu sia pure in minore concentrazione e Cd, Ag, Co, Sn, Sb a livello di tracce (BASHARINA, 1958; HONDA ed al ; KRAFFT ed al, 1976; MARKHIN1N ed al., 1978 b; MENYAILQV ed al, 1978; MIKLISHANSKIl ed al, 1979; MlZUTANI ed al, 1959; NAUCHTON ed al, 1974; NIKITJNA ed al., 1976; DANA, 1962; PJ(X:ARDI ed al, 1979). La loro presenza nel vapore è collegata alla formazione di composti volatili ed in particolare ai cloruri (KRAUSKOPF, 1957; MlZUTANI, 1970; NAUGHTON ed al., 1976). Con le analisi gas<romatografiche e a mezzo della spettrometria di massa sono stati inoltre determinati diversi idro carburi saturi, non saturi ed anche aromatici presenti insieme al metano, che può costituire uno dei componenti principali dei vulcani di fango (GRAEBER ed al, 1979; LAGUNOVA, 1974). Oltre alle ricerche sulla composizione generale dell'emanazione vulcanica esiste tutta una serie di lavori effettuati secondo altri criteri specifici. Uno dei più impor. tami è lo studio dell'inquinamento ambientale prodotld dai vulcalli. Costituiscono un esempio le analisi dell'emissione di S02 riportate nella prima rabella e le numerose indagini su questo tipo di 'inquinamento proseguite anche con tecniche diverse (LE GUERN ed al, 1977 a; lo., 19n b; POLIAN ed al, 1979). Recentemente ZETI"WOQG ed al. (1978) hanno individuato nel monte Etna la maggiore sorgente di biossido di zolfo nel Mediterraneo. Il mercurio, pur essendo uno dei componenti minori dei gas fumarolici, può raggiungere concentrazioni al di :.opra dei livelli di sicurezza nei confronti della salute umana. i:: stato calcolato che' la media annuale dell'emissione di mercurio del Sulfur Bank, dell'ercbus, delle fumarole di Islanda e della zona Kamchatka-Kurili oscilla fra l e 16 l-lgjm 3 (AIDIN'YAN ed al., 1966; CoOEIUl.E ed al., 1977; SIEGEL ed al., 1978 a; In., 1978 b). Sempre nel campo dell'inquinamento ambientale vanno classificate le ricerche sull'emissione di sostanze carcinogene. IL'1'.'ITSKll ed al. (1976 e 1977) hanno trovato sulle ceneri dei vulcani

7 ANALISI CHIMICA DEI CAS VULCANICI 549 della Kamchatka tracce di benzopirene ma danno indicaz.ioni contraddittorie sulla quantità totale annua emessa in tutto il mondo. Tra i vari interessi è.stata presa in considerazione da alcuni studiosi anche l'ipotesi di un'individuazione della possibile origine della vita nei prodotti di sintesi dei vulcani ed in particolare di quelli sottomarini. Le indagini hanno interessato quindi la riccrca di HCN, idrocarburi ed amminoacidi (MARKHININ ed al., 1978 a; MUKHIN, 1974; MUKHIN ed al., 1974). Dall'esame dei risultati analitici ottenuti dalle determinazioni dei componenti del gas vulcanico si ritiene opportuno fare alcune considerazioni di carattere generale. Il materiale stesso di cui è costituito il tubo collettore o il recipiente di cam- T ABELI.A 2 Alcuni risultati della composizione percentuale (in volume) di fumarole di media umperatura della Fossa, Vulcano (Eolie) anno 1923 a 1937 b 19S1 c 1970 d 1970 e 197, S f 'C m,m '10 co, 59,6 56,0 91,3 74,9 (SO-99) 91,7 O,, ;,- "2 IS,9 ',' " ; ",S 17,3 S,S 2,,? 2, " HCI " O,, O, ". ; ; co 17, l N ',7 2,0 ; "? 0, "0" deterlllinato assente a Sicardi 1940b b Sicardi 1940a c Sicardi 1956 d Chaigneau et al 1970 e Conrad et al 1971 f Le Guern et al 1979 pionamento può essere critico data la natura aggressiva dei prodotti dell'esalazione (HCI, H2S, HF, ecc.). Vale a questo proposito ricordare gli alti contenuti di idrogeno (circa 300/0) trovati ne! 1970 da HUNTlNGOON (1973) nei gas dell'etna e non riscontrati nelle analisi fatte lo stes~ anno da LE GUUN (1973). Il contenuto di idrogeno dei campioni di HUNTlN(;OON è stato recentemente ricalcolato da GULACH (1979) in base alle misure di fugacità dell'ossigeno di SATO ed al. (1973) ed in base agli equilibri corrispondenti alla temperatura di prelievo (GULlr.CH ed al, 1975). Il valore medio della percentuale di idrogeno (0,3 %) trovato secondo tali calcoli differisce notevolmente dall'elevato contenuto risultante dalle analisi di HUNTlN(;OON. II problema de!i'aggresività potrebbe essere risolto usando tubi di materiale plastico ma questo evidentemente si decompone alle alte temperature. D'altra parte anche l'uso di luhi di acciaio inossidabile può falsare i dati con presenza di Fe, Cr e Ni come osservato da G'(;(;ENIlACH ed al. (1976) nei condensati. I tubi

8 550 G. PICC"-RDI 'di titania scelti dallo stesso GIGGENRACH (1976) hanno migliorato il procedimento grazie alle caratteristiche chimiche e meccaniche di tale materiale. che tuttavia non è esente da fenomeni di corrosione. Sebbene la sua fragilità lo abbia fatto scartare da molti ricercatori il quarzo sembra tuttavia il materiale più adatto per la costruzione del tubo collettore di gas anche ad alta temperatura (LE GOUN, 1980). Quando si raccolgono i risultati di analisi fatte nel tempo, come per esempio in tabella 2 dove sono riportati i dati delle analisi pubblicate sulle esalazioni di media temperatura di Vulcano (Eolie) negli ultimi 60 anni risultano evidenti molte lacune ed anche qualche errata interpretazione. In queste analisi come in quelle effettuate su altri vulcani vit':nt': spt':sso trascurata la concentrazioni:': del HCl anche SI:': talvolta ne.vil:':nt': individuata la presenz.1. La percentuale di acqua è in molti casi ignorata pur I:':sst':ndo un componentt': importante per la caratterizzazioni:': della sorgente eruttiva. Ai fini di una più approfondita conoscenza dci vulcani e soprattutto della loro evoluzione nel tempo è necessaria una maggior precisazione sulla tecnica analitica adottata come pure sul tipo di materiale usato per i prelievi. InoltrI:': riportando i dati analitici occorre specificarl:': soprattutto quali sostanze sono stati:': ricl:':rcatl:': in modo che la loro prl:':senza o meno sia in relazione all'analisi effettuata. BIBLIOGRAFIA AIDU.'YAN N. KH. e OzEIl.OVA N. A. (1%6). Behavior 01 Mercury in reun/ volcanirm. $ovrem. Vulkanizm., 1, 249 5J... AUEIl.TSON N. F. e Mdù:YNOLDS ). P. (l94j). Muhanirm 01 the reaction betwt!t!n HS and 50. in liquid media. J. Am. Chem. Soc., 65, BAILEY G.H. e FOWLEil G.). (1888) - Some reaetions 01 the halogm acids. ). Chem. Soc., 53, 755-6l. BASHAIl.INA L.A. (1958). Fumarol gases 01 K/yuchevskii and Sheveluch volcan~s. Trudy Lab. Vulkanol. Akad. Nauk SSSR, 13, CADLE R. D. e FUNK E. R. (1968). Par/ic/es in the lume Irom the 1967 Ki/auea eruption. J. Geophys. Res., 73, 4780-}. CADLE R.D., WAJlT8UIl.G A.F. e GIl.AHEK F.-E. (1971) - The proportion 01 sullate /0 su/lur dioxide in Kilauea vo/cano lume. Geochim. Cosmochim. Acta, J5, CHAIGNElr.U M. (1965). Sur les ga;: v<j1caniques du Strombo/i (llt!! Eolimnes). C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 261, CHAIGNEAU M., TAZIEFf H. e FABRE R. (1960a) Sur l'analyse des émana/io11s volcaniqut!s de l'archipel des NoufleJles.Hehrides. C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 250, CHAIGNElr.U M., TAZIEFF H. e FABRE R. (1960 h). Composition des,a;: volcaniquef du lac di Lava permanen/ du Niragongo. C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 250, CHAIGNEAU M. e CoNRAD K. (1970}. Sur lt!! ga1 volcaniques de Vulcano (/les Eoliennes). C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 271, CHEMlNEE J., LETOLLE R. e OLIVE PH. (1969) - Première donnies isotopiqljes sur des IlJmeroiles de volcans ila/ie111. Bull. Volcanol., 32, CoDEIl.RE J. A. e STEINTHOIl.SSON S. (1977) - Natura! concentra/ions 01 mercury in lceland. Geochim. Cosmochim. Acta, 41, CoNItAU K., CoUILLAIl.D F., KilAFFT M. e BAilTAIRE ).G. (1971) - Analyse ~t!!,a;: par un chroma/ographe portatillur le v<j1can V u/cano (ll~, Eo/iennel). C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 272,

9 ANALISI CHIMICA DEI CAS VULCANICI 551 CRAFfOKD T.C. (197.'5) - SO. emission 01 lhe 1974 eruplion 01 volcan Fuego, GUltumala. Bull. Volcanol., 39, OELSEMME A.H. (1960) Spt:etroscopie de flamme volcaniques. Bull. Acad. Roy. Sci. Outre-mer, 6, ELSKENS I., TAZIEFF H. e TONANI F. (1964). A new melhod lor volcanic gas analysis in the field. Bull. Volcano!., 27, ELSKENS I., TAZIEFf H. e TONANI F. (1969). Invesligalion nouvelles sur les gaz IlOlcaniques. Bull. Volcano!., 32, FABRE R. e CHAIGNEAU M. (1958) - Sur les gaz IlOlcaniques des lumerolles du Monl Pelé (Martinique) et de la Grande Soulriere de Basse Terre (Guadelupe). C. R. Hebd. Seances Acad. ScL, 247, GULACH T.M. (1979). Evaluation and restoration of the 1970 IlOlcanic gas analyus from mounl Elna, Sicily. J. Volcano!. Geotherm. Res., 6, GULACH T.M. e NORDLlE B.E. (197.'5) The C.O-H-S gauous syslem, p. li. Temperalure, atomic composilion, and molecular equilibria in volcanic gases. Am. }. Sci., 27.'5, GIGGENBACH W. F. (1976 a). Variations in lhe carhon, sulfur and chlorine conunts of volcanic gas discharges from White lsland, New Zeland. Bull. Volcanol., 39, GIGGENBACH W.F. (1976b) - A simple method for the col/ection and anal)'sis of vo1canic gas samples. Bull. Volcano!., 39, GIGGENBACH W. F. e LE GUUN F. (1976). The chemislry of magmatic gaus from Erta'Ale, Elhiopia. Geochim. Cosmochim. Acta, 40, GRAEBEK E. J., MODIlESKI P.}. e GULACH T. M. (1979). Compositions of gares collecud during the 1977 east rift cruption, Kilauea, Hawaii. }. Volcanol. GeQtherm. Res., 5, HAULET R., ZETIWOOC P. e SABKOUX J.c. (t977) Sulphur dioxide discharge Irom Mount Etna. Nature, 268, HONDA F. e MIZUTANI siliceous sublimau. Geochemical J., 2, 1 9. HUNTlNGOON A. T. (1973). The collection and analysis of volcanic gares from mount Elna. Phil. Trans. Roy. Soc. London, A 274, KRAFFT K. e C!IAIGNEAU M. (1976). Sur les rapports enlre chlors et brome dans les gaz volca niques de douze volcans indonesiens (Sumalra, fava, Flores et Sulawesi). C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 282, lcmpft K. e CHAJ<lNEAU M. (1977). Composilion des gaz volcaniques émis par des vo/cans d'in dontsie. C. R. Hebd. Scances Acad. Sci., 284, 429 )\. KKAUSKOPF K.B. (1957) Heavy metal conteni of magmafic vapor al 600 C. Eron. GeoL, '2, KUSAKABH M. (1%9) Alomic composi/idn and chemical equilibrium of volcanic gases. Geochem. J., 3, Y. (1968). Silicon content of fumarolic gases and lhe formalion 01 a JAGGAK T. A. (1940). Magmatic gases. Am. }. ScL, 238, IL'NITSKII A. P., BELlTSKII G. A. e SHABAD L. M. (1976) - Volcanoes and carcinogens. Prirocla (Moscow), IL'NITSKII A.P., GUILDYS V., MISCHCHENKO V.S. e SHABAD L.M. (1977). Role of IlOlcanoes in the formation of the nalural level of carcinogenic suhstances. Dokl. Acad. Nauk SSSR (biochem), 234, IWASAKI I., QzAWA T., YOSHIDA M., KATSUKA T. e KAMAD... M. (1965). Chemical analysis of IlOlcanic gases. BuU Volcano!., 28, ' 15. LAGUNovA T.A. (1974) - Carhon dioxide genesis in gases of mud volcandes in the Kercb-Taman region. Geokhimiya, LE GUEKN F. (1970). ContribUlion a l'elude du chimisme des gaz Ùuplifs. C. R. Hebd. Seances Acad. Sci., 271, 2262 '. LE GUEitN F. (1973). Col/ection and analysis or fmount Elna's) volcanic gases. PhiI. Tràns. Roy. Soc. London, $er. A 274, LE GUERN F. (1979). Field measuremenls of volcanic gases. L.P.!. Conuib., 368, LE GUERN F. (1980). Comunicazione personale. LE GUERN F., TAZIEFF H. e CARBONELLE }. (1977 a). Heal and gas Iransler from Niragongo lava lake. Trans. Am. Gephys. Union, EOS, 58, 920.

10 552 C. PICCARDI LE GUEIN F. e UIIlONELLE }. (1977 b) Ctlfbon sul/ur contribulio" 01 JWO lava laluj lo tbe atmospbne. Tans. Am. Gcoph)'S. Unioo, EOS, 58, 921. LE GUElN F., BI(:ocolI P., NOUL A. c T.uIEFF H. (1979) - Antdyu dir«u del,at voicilniqutj. C. R. Hebd. Scances AClld..Sci., 288, MALlNCOtllOO Jr. L. L. (1979) FluCll1(1ctions in SO, em;n;on dur;",,tunl ~Ilptions 01 Etnll. N.ture, 278, 0 5. MAUHINII'l E. K. UI.u:OV V. A. e PoOK1.ETHOV N. E. (1978.) - Mllf,miltit:,III romfjontnu 011 which J~ S"1ntn;s 01 fwtbioiolicj sys/tm is htlstd. DokI. Ahd. Nauk SSSR (biochem.), 241, MAI.KHININ E. K., UIU:OV V. A., Pooltl.ETNOV N. E. e PoNoMAIEV V. V. (I978 b) - GIfSU 01 btlu1lir; liilhi 10wI 01 IIN Tollncbilt PSSI"t "up/io" Geo!. Gem. Dannyc Dol'shorn Tresbchinnom Tolbachninskom Izvcnhcnii , MELLO. J. W. (1937). A romprt1hnjj~ Irt.';!t O" jnor,,,nic (llid I~'tliclll cmmistrj. Longm:ms, Gretti md Co., London, 3, 663. MF.NYAILOY l.a., NIIUTINA L.P., VUGASOVA L.P., GUSEYA R.V., SHAPAl V.N. e ROZHJWV A.M. (1978). C~mistry and preunct 01 metals in volcanic gases and tmir wlclion producli in new Tolbachik volatnots in Geo!. Gcofiz. Dannyc Ool'mom Tl"e$hçhinnom Tol b.chinskom Izvenhc:nii 197Hi, 117-2'. MIKLlSHANSKII A. Z., YAKOYLEY Yu. V., MENYAILOV I. A., NIKITINA L. P. e S.I.YEl'EV B. V. (1979) - Geex:bemici/l rale 01 tbe enlry 01 cbemici/l elementl witb (be voli/tile componenl 01 active vofci/nism. Geokhimiya, IM2-61. MIZUTANI Y. (1%2) - Cbemici/I anal]sis 01 volcanic gales. J. Eanh Sci. N,Igoya Univ., lo, MIZUTANI Y. (1966). ApfJtlralus lor samp[ing ollio/canic gastl. Bunseki Kagaku, 1', MIZUTANI Y. (1970) - Copper and zinc in lumarolic gaus olsbowi/sbinutn l.iolcano, Ho1deaido, ]afjtln. Geothem. J., 4, MIZUTANI Y. e M.o\TSUO S. (19'9) SucctSJillt obstl'lia/ions 01 cbtmical compontnjj in tbt condensed watt!' Irom lumarole 01 voicano Sbowa-5hinun. Kazan [2] 3, MOffAT A.J., KAKALI. T., AUMOTO T. e LANGA.~ L. (1972). Air note. Environ, Measurements Inc. (San Francism). MUltHIN L. (1974) - Evolu/ion 01 0r,"nic compounds in volellnic re,ions. Nature, 251. j()..l. MUDIIN L., VASlLEV V.N. e PoNoMAlEV V. V. (1974). De/telion 01 bydro,en C"/lInide and itl dtrilnllivts in re,ions 01 aclive volcllllism. Dokl. Akad. Nault SSSR (biochem.), 21'. 12H-4. MU~TA K.J. (1960) - Ocouunct 01 cua nniision in voiotnic ~mu. Am. J. Sci., 2'8, NAt.IGH1'ON J.J., HuUJ E. F. e BARNES Je. I. L. (1963) - TM cmmislry 01 voleallic lasel.,. Col ItelÌQtf alld analylis 01 equilibrium mi"'llrel by gal cbromaloit'phy. J. Geophys. Res., 68, ' NAUCH1'ON J.J., DEuy J. V. e Gwvu R. B. (19(9) - /nlrlued measllreme,,1f 01 volellnic l/li IIl1d lume: Killlllell n'liplio", J. Geophys. Res., 74, NA1JCtfTON J.J., LEwls V.A., HAMMOND D. e NISHIMOTO D. (1974) - l'be cbemistry 01 sllbfimlltes collte/ed dirtelly lrom 1lI1Nl lountllins al Kililuell vo1clino, Htlwaii. GeodUm. Cosmochimo Acta, 33, NAUGHTQN J.J., GIEENBEIG V.A. e GoGUEL R. (1976) /nctusllltions IInd lumtlrolic condensi/les IIt Kililuea volctlno, Hawaii: field, drilf hole tlnd [tlooratory observa/ions. J. Vokanol. Geotherm. Res., I, NIKITIN.\ L. P. e MENYAILOV l. A. (1976) - linc, lttld, coppu, IInd (tldmium in a flolclinic and hydrolhtrmlll 1.Il1por. Byull. Volkanol. Sm. Akad. Nauk SSSR, '2, NOGUCHI K. e KANlIYA H. (l963) - Prtdietion 01 voictlnic uuption by mellsuring tbe r;b~mi({/i composilion IInd amount olcilies. BuI! Volcanol., 26, OANA S. (1962) - VoiClInic,tlUS and sllbfimtltes Irom ShowlJSbi"un. Bull. Volcanol., 24, 49 '7. OKITA T. (l971) - Detectioll 01 SO. IInd NO.,as in lbe li/mospmre by &mincer Sptetromettl'. J_pan Spectroscopk Co. Rep. (Tokio). OKITA T. e SHIMOZUIU D. (19n). Remote sensin, measureme"ls 01 mllss ~ow 01 sullllr dio"id~ CIIS lrom voleilnots. Kazan, 19, UI-7. OTA K.. KAGIYAMA T. c: MATSl10 N. (1978) - &mote unsinc me/l.sllrem~nts 01 SO. ~misjio" lrom tm IJOlCIlIlO AsllMll. Toltio D.igaltu Jishin Kc:nltyusho Iho, '3, '33-42.

11 ANALISI CHIMICA DEI CAS VULCANICI 553 OZAWA T. (l966a) - Cbemical analysis 01 volcanic gases. 1. Cbemical ana1ysis 01 lumarolic gas containing water vapor, bydrogen chloride. sullur dioxide, bydrogen sul/ide, carbon dioxide, etc.. Nippon Kagaku Zasshi, 87, OzAWA T. (1966 h) - Chemìcal analysis 01 volcanic gases. Il. Rapid cbemical analysis 01 volcanir gas containing water vapor, carbon dioxide, hydrogen sul/ide, and nitrogen. Nippon Kagaku Zasshi, 87, OzAWA T. (1966c). Chemica1 analysis 01 volcanic gaser.!il. Ropid determination 01 carbon dioxide, bydrogen, sul/ide, nitrogen, and sullur dioxide in lumarolic and bot spring gases baving temperature near boiling point 01 water. Nippon Kagaku Zasshi, 87, PICCARDI G., MARTINI M. e CELLlNI LEGITTIMO P. (1979). On the presence 01 Cu. Zn. Cd, Sb. Bi, and Pb in tbe lumarolic gases 01 Vulcano (Aeolian. islands). Rend. Soc. Ital. Minerai. Petrologia, 35, POLIAN G. e LAMBER'I; G. (1979) - Rodon daughters and sullur output Irom Erebus vmcano, Antartica. }. Vobmol. Gootherm. Res., 6, SATO M. e MOORE J. G. (1973) Oxigen and sullur lugacities 01 magmatic gases directly measured in active vents 01 Mount Etna. Phil. Trans. Roy. Soc. London, A 274 (1238), SICAItDI L. (1940 a) - Stromboli e Vulcano nell'agosto 1937, Atti Soc. Iral. Sci. Nat. Mus. Civ. Storo Nat., Milano, 79, SICAROI L. (1940 h) Il recente ciclo dell'altività lumarolica de/l'isola di Vulcano, Bull. Vokanol., 7, SICAROI L. (1941) - Di alcuni particolari metodi utilizzati nella captazione per le analisi dei gas emessi dalle fumarole dei vulcani, Ann. Chimo Applicata, 32, SICAIlOI L. (1955). Captazione ed analisi chimica dei gas della esalazione sol/idrico-sollorosa dei vulcani in lase sollatarica. Bull. Vocanol., 17, SICAIlDI L. (1956) - Dell'esalazione Srtl/idrico-sollorosa nella attuale lase sollatarica dell'attività dell'isola di Vulca.no e di alcune questioni ad essa inerenti. Bull. Voicanol., 18, SIEGEL S. M. e SIEGEL B. Z. (1975). Geotbermal hatards. Mercury emission. Environ. Sci. Technol., 9, SIEGEL B.Z. e SIEGEL S.M. (1978a) Mercury emission in Hawaii: Aerometric study 01 Kalalua eruption Environ. Sci. Technol., 12, SIEGEL S. M. e SIEGEL B. Z. (1978 b) - Mercury fal/out in Hawaii, wattr, air, soil pollution. 9, SIGVALDASON G. E. e EUSSON G. (1968) - Colleetion and analysis 01 volcanic gases' at Surtsey, lceland. Geochim, Cosmochim. ACla, 32, STOIBIiR R. E. e JEPSEN A. (1973) - Sullur dioxide contributions to the atmoxphere by volcanoes. Science, 182, STOIBER R. E. e MALONE G. B. (1975) - SO. emission at the erater 01 the Kilauea at Mauna VIu and at Sullur Bank, Hawaii. Trans. Am. Goophys. Union, 56, 461. TAZIEFF H. (1971) New investigations on eruptive' gases. Bull. Vokanol., 34, TAZIEFF H. e }ATTl!.AU M, (1%9) - Measure dans l'inlrarouge des parametres physiques des gaz eruptils. C. R. Hebd. 5eances Acad. Sci" 268, TAZIEFF H., LE GUERN F., CARBONELLE }. e ZETTWOOG P. (1972) - Etude chimique des fluctua. tions des gas eruptils du volcan Erta'Ale (AI"r, Ethiopie). C. R. Hebd. seances Acld. Sci., 274, TONANI F. (197l) - Concept and ttcbniquer lor tbe geochemicallorecasting 01 l)olcanic eruptions in: The surveillance and prediction 01 volcanic activity A review of methods and techniques. Unesco, Paris. VERHOOGEN J. (1939) - New data on volcanic gases: the 1938 eruption of Nyamlagira. Am. J. Sci., 237, , ZETTWOOG P. e HAULET R. (1978). Experimental re1ults on the sullur dioxide trans/er in tm Mediterranean obtained with remote sensing devices. Almos. Environ., 12,

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2010 2012 Area Chimica Università di Bologna Facoltà di Chimica Industriale. Laboratori didattici dei Corsi di Laurea

Piano Lauree Scientifiche 2010 2012 Area Chimica Università di Bologna Facoltà di Chimica Industriale. Laboratori didattici dei Corsi di Laurea Chimica Industriale Bologna Faenza Rimini BOLOGNA La Chimica nella vita di tutti i giorni è scienza per il futuro Dr. ELENA STROCCHI elena.strocchi@unibo.it Tel. 051 2093645 FAENZA La Chimica e i Materiali:

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze A. Migliori a,b, P. Bonanni a, L. Carraresi a, N. Grassi a, P.A. Mandò a a Dipartimento di Fisica dell

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A.

RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A. DIPARTIMENTO DI CHIMICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA RELAZIONE SULL ATTIVITA FOTOCATALITICA DI VERNICI PRODOTTE DA GLOBAL ENGINEERING S.p.A. Ferrara, 28/07/07 1/9 Premessa: Questa relazione contiene

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica)

Acidi e basi. HCl H + + Cl - (acido cloridrico) NaOH Na + + OH - (idrossido di sodio; soda caustica) Acidi e basi Per capire che cosa sono un acido e una base dal punto di vista chimico, bisogna riferirsi ad alcune proprietà chimiche dell'acqua. L'acqua, sia solida (ghiaccio), liquida o gassosa (vapore

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI

RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI Autore: Andrea Peluso INTRODUZIONE: La riduzione delle cloroammine in piscina tramite l utilizzo di raggi ultravioletti è una pratica

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

Atomi, molecole e ioni

Atomi, molecole e ioni Atomi, molecole e ioni anione + - catione Teoria atomica di Dalton 1. Un elemento è composto da particelle minuscole chiamate atomi. 2. In una normale reazione chimica, nessun atomo di nessun elemento

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso:

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso: MONITORAGGIO GEOCHIMICO DELL AREA VESUVIANA 4 La sorveglianza geochimica dell area Vesuviana, effettuata dall Unità Funzionale di Geochimica dei Fluidi dell Osservatorio Vesuviano, nel corso del 2004 ha

Dettagli

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI L obiettivo di questo studio è sperimentare una tecnica per la bonifica

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz L'acqua nei circuiti termici Dott. Michele Canauz L'acqua Viene utilizzata per la sua capacità di trasportare energia E' un ottimo solvente per sali inorganici(bicarbonati, idrossidi, fosfati, silicati

Dettagli

Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1

Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1 Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1 Meccanismi di fuga e di trasporto della CO2 iniettata IGG-CNR 2

Dettagli

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO.

LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO. LA RETE SPECIALE DI MISURE DELLA QUALITA DELL ARIA OBIETTIVI GENERALI ED ASPETTI SPECIFICI SULLA SPECIAZIONE CHIMICA DEL PARTICOLATO Cinzia Perrino CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO

Dettagli

LA TERRA E LA CHIMICA: LA TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI ELEMENTI E COMPOSTI

LA TERRA E LA CHIMICA: LA TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI ELEMENTI E COMPOSTI I.I.S. A. PACINOTTI IST. TECNICO STATALE INDUSTRIALE Antonio PACINOTTI IST. TECNICO STATALE per GEOMETRI "Giorgio MASSARI" http://www.iispacinottive.it/ Via Caneve, n. 93 30173 - Mestre (VE) tel. 041 5350355

Dettagli

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Dipartimento Provinciale di Vicenza Servizio Stato dell Ambiente dr chim. Ugo Pretto, p.i. Francesca Mello Il sito produttivo Acciaierie

Dettagli

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound RTO per SOV alogenate Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound Sede Legale e Unità Operativa: p.zza Vittorio Veneto 8 20013 MAGENTA (MI) ITALY tel. 02 9790466 02 9790364 fax 02 97297483 E-mail:

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

AUTOPROTETTORI. cenni sulla respirazione umana

AUTOPROTETTORI. cenni sulla respirazione umana AUTOPROTETTORI cenni sulla respirazione umana L aria che noi respiriamo è una miscela gassosa di ossigeno (20,9%) e di azoto (78,1% in volume), con quantità variabili di vapore acqueo, anidride carbonica,

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica

Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica Smistamento e riconoscimento di una generica miscela inorganica Soluzione acquosa HCl+BaCl 2 AgNO 3 Saggi Specifici Solfati Carbonati, Bicarbonati, Alogenuri, Fosfati, Borace, Nitriti, Tiosolfati, Idrossidi

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA

25/02/2015. ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA ESERCITAZIONE n 9 PROVA INCOGNITA 1. SOSTANZA ORGANICA 2. SOSTANZA ORGANOMETALLICA 3. SOSTANZA ORGANICA 1 Il riconoscimento di una sostanza iscritta nella Ph. Eur. attraverso operazioni chimiche semplici,

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

ANALISI CHIMICO FARMACEUTICA I

ANALISI CHIMICO FARMACEUTICA I Prof. Gianluca Sbardella : 089 962650 : gsbardella@unisa.it NORME GENERALI SUL COMPORTAMENTO IN LABORATORIO Ordine e concentrazione Conoscenza del procedimento analitico Uso corretto dell attrezzatura

Dettagli

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa PANTELLERIA L'isola di Pantelleria è situata nel Canale di Sicilia a 70 km dalla costa africana e a circa 100 km dalla costa sud-orientale siciliana. La sua superficie è di circa 83 kmq e la sua altezza

Dettagli

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA UNITÀ SI Il sistema di misura standard, adottato su scala mondiale, è conosciuto come Système International d Unités. Le unità fondamentali da cui derivano tutte le

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

Campione sciolto in un solvente (deuterato) e. posto in un tubo. di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm

Campione sciolto in un solvente (deuterato) e. posto in un tubo. di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm posto in un tubo Campione sciolto in un solvente (deuterato) e di vetro a pareti sottili di diametro di 5 mm e lungo circa 20 cm o spettrometro NMR è formato da alcuni mponenti fondamentali: un magnete,

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo

4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo 4029 Sintesi del dodecil fenil etere da bromododecano e fenolo OH C 12 H 25 Br (249.2) Br + NaOH (40.0) Adogen 464 C 25 H 54 ClN (404.2) C 6 H 6 O (94.1) C 18 H 30 O (262.4) O + NaBr (102.9) Classificazione

Dettagli

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle I GAS Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas GAS IDEALI P V n T R n = 1 Isoterma: pv = cost Isobara: V/T = cost. Isocora: P/t = cost. n, T= cost Legge di Boyle n, P = cost Legge di

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali Cinzia Perrino Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO ATMOSFERICO Area della Ricerca RM1 Montelibretti (Roma)

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA www.sdasr.unict.it/materiale/lab_geoch_lezione8.ppt venus.unive.it/matdid.php?utente=capoda&base...ppt...

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte.

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Indice: 1. Corrente elettrica 2. Radiazione ottica 3. Sostanze pericolose per la salute 4. Protezioni individuali 5. Gestione

Dettagli

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative

Sostanze metallo organiche: determinazioni qualitative Tartrato acido di Potassio (European Pharmacopoeia IV th ) Identificazione A. GENERICA (Carattere acido). Disciogliere 15 mg di sostanza in 5 ml di acqua, scaldare se necessario. Aggiungere 0,1 ml di rosso

Dettagli

Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori

Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori 1 Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Decreto legislativo 3 aprile

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

Il Sole Variazioni dell energia solare entrante: Obliquità orbitale Attualmente l asse di rotazione terrestre è inclinato di 23.4 rispetto alla perpendicolare sul piano orbitale terrestre. Ogni 41 000

Dettagli

La percentuale massa/volume (%m/v) indica la quantità di soluto espressa in grammi presente in 100 ml di soluzione.

La percentuale massa/volume (%m/v) indica la quantità di soluto espressa in grammi presente in 100 ml di soluzione. La concentrazione delle soluzioni Le soluzioni sono costituite da quantità molto variabili dei loro componenti: se vogliamo fornire una indicazione precisa circa la loro composizione, è importante conoscere

Dettagli

Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione

Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione Scuola Protezione Civile Ernesto Calcara Corso di Gestione Integrata dei Rifiuti Solidi Gestione dei rifiuti solidi: trattamento gas da impianti di termovalorizzazione prof. ing.. Umberto ARENA Dipartimento

Dettagli

5020. Ammine alifatiche

5020. Ammine alifatiche 5020. Ammine alifatiche Il metodo descritto consente la determinazione di mono-, di-, trimetilammina, n-propilammina, acetilammina o ammide dell acido acetico e cicloesilammina. In generale, la determinazione

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

Proprietà ottiche di nanocristalli

Proprietà ottiche di nanocristalli Gerelli Yuri Corso di Spettroscopia Proprietà ottiche di nanocristalli Introduzione L esperienza affrontata in laboratorio prevede la caratterizzazione delle basilari proprietà ottiche di cristalli nanostrutturati,

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Progetto Ottobre 2007 1 Pag / indice 03 / INTRODUZIONE 03 / OBIETTIVI DEL PROGETTO 04 / PROGRAMMA ATTIVITÀ Gruppo di Lavoro

Dettagli

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m Diffusività dei Gas Descriviamo l assorbimento di un gas in un liquido per introdurre il concetto di diffusività. Si voglia ad esempio assorbire con acqua dell ammoniaca contenuta in un gas sia per liberare

Dettagli

La metodologia per il recupero dei Metalli Nobili dai RAEE

La metodologia per il recupero dei Metalli Nobili dai RAEE Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Chimica Inorganica ed Analitica Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Dott. Angela Serpe Prof. Paola Deplano Prof. Massimo Vanzi La metodologia

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile 1 passo:inquadriamo l argomento: ma cos è la terra? Definizione e caratteristiche del suolo Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Rossana Cerioni SIBE Srl Spin-Off dell Università Politecnica delle Marche BIOENERGY - Verona, 4 febbraio 2010 COMPONENTI DELLA BIOMASSA SOLIDA Aspetti

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

23a. Solventi organici clorurati

23a. Solventi organici clorurati Maggio 1990 23a. Solventi organici clorurati 23a.l Principio del metodo II metodo si basa sull'analisi gascromatografica di un estratto, ottenuto da un campione di fango o di rifiuto solido, utilizzando

Dettagli