FEBBRAIO 2015 NOTIZIARIO DELLA SEZIONE SILCEA DI UNISIN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FEBBRAIO 2015 NOTIZIARIO DELLA SEZIONE SILCEA DI UNISIN"

Transcript

1 FEBBRAIO 2015 NOTIZIARIO DELLA SEZIONE SILCEA DI UNISIN Via Cristoforo Colombo. 181 Roma - - Tel.: Fax COMUNICATO STAMPA SCIOPERO E' STATO GRANDE SUCCESSO, ORA ABI CAMBI ATTEGGIAMENTO Sportelli chiusi e grande adesioni alle manifestazioni in tutta Italia, lo sciopero dei bancari ha ottenuto un grande successo e mandato un messaggio chiaro al'abi. L'adesione è stata superiore al 90%, è una grande soddisfazione - ha spiegato il Segretario Generale di Unità Sindacale Falcri Silcea, Emilio Contrasto - la risposta dei bancari è stata inequivocabile: Abi ora deve cambiare atteggiamento andando verso un contratto che salvaguardi i livelli occupazionali, normativi e economici. In parallelo è necessario ripensare il modello di banca passando da quello speculativo centrato sul trading finanziario verso uno che offra supporto concreto a territori, famiglie e imprese". Guardando al prossimo futuro Contrasto ha spiegato: Ora verificheremo la risposta di Abi, ma in assenza di risposte che vadano nella direzione delle richieste del sindacato la lotta continuerà e saranno messe in campo nuove iniziative. Roma 30 gennaio 2015 A CURA DEGLI UFFICI DELLA SEZIONE SILCEA Pagina 1

2 SETTORE DEL CREDITO. FESTIVITA ED EX FESTIVITA ANNO 2015 Ai sensi della normativa contrattuale di Settore, ai lavoratori spetta annualmente un numero di permessi giornalieri retribuiti a titolo di ex festività, corrispondente a quello delle giornate indicate come festive dalla Legge n. 260 del 1949 e che non sono più considerate tali per successive disposizioni legislative. Questi permessi sono riconosciuti qualora dette ex festività ricorrano in giorni in cui è prevista la prestazione lavorativa ordinaria ed ove il dipendente stesso abbia diritto, per quei giorni, all intero trattamento economico. La cadenza settimanale delle ex festività per l anno 2015 è la seguente : 19 marzo: San Giuseppe (giovedì); 14 maggio: Ascensione (giovedì); 4 giugno: Corpus Domini (giovedì); 29 giugno: SS. Apostoli Pietro e Paolo (lunedì) festivo per il Comune di Roma; 4 novembre: Unità Nazionale (mercoledì). Il totale delle ex festività cadenti dal lunedì al venerdì è pertanto pari a 4 giornate per il Comune di Roma e 5 giornate per tutti gli altri Comuni. In tema di ex festività, è opportuno rammentare che il ccnl 19 gennaio 2012 ha, tra l altro, istituito il "Fondo Nazionale per il Sostegno dell Occupazione nel Settore del Credito (F.O.C.)", alimentato con il contributo dei dipendenti delle imprese destinatarie dei contratti nazionali di Settore, con contratto a tempo indeterminato, compresi gli apprendisti. I contributi in parola sono dovuti, in via sperimentale, per gli anni , salva proroga stabilita per accordo fra le Parti nazionali. A CURA DEGLI UFFICI DELLA SEZIONE SILCEA Pagina 2

3 Per quanto riguarda i Quadri Direttivi il contributo del singolo dipendente deve realizzarsi attraverso la rinuncia ad una giornata di ex festività (artt. 31 e 56 del CCNLl 19 gennaio 2012). Il medesimo contributo di una giornata di ex festività è stato poi esteso anche ai Dirigenti (art. 16 del ccnl 29 febbraio 2012). Per quanto concerne le festività civili, si ricorda che nel 2015 non si verifica alcuna coincidenza con la domenica. Le condiizioni per poter usufruire di dette giornate sono: Le giornate da recuperare sono fruibili dal 16 gennaio al 14 dicembre; Possono essere godute in tutto o in parte in aggiunta ai periodi di ferie ovvero anche se disgiuntamente dalle ferie medesime in tre o più giornate consecutive; in questi casi vanno segnalate al momento della predisposizione dei turni di ferie; Possono fruirsi anche in mezze giornate (in tal caso la richiesta va effettuata con congruo preavviso). Se non godute vengono liquidate sulla base della retribuzione corrispondente alla busta paga di dicembre. In alcuni Gruppi bancari e/o Aziende di Credito, Accordi relativi ad attuazione di Piani Industriali, non consentono la liquidazione delle festività soppresse non godute entro l anno di competenza. Giornata di permesso retribuito Ricordiamo ai colleghi delle Aree Professionali che il CCNL prevede, in aggiunta alla riduzione dell orario di lavoro di 23 ore annue(*), 1 giorno da utilizzarsi, inderogabilmente, da parte di ciascun lavoratore/lavoratrice, previo preavviso alla competente Direzione, nell arco dell anno medesimo sotto forma di permesso retribuito anche frazionabile, nel limite minimo di un ora. (*) Per gli anni 2012/2016, in via sperimentale, le 23 ore di riduzione dell orario di lavoro sono ridotte di 7 ore e 30 per finanziare il Fondo per l occupazione istituito dal CCNL 19/1/2012. Per i colleghi part-time: le giornate di permesso retribuito sono 3. Pena decadenza i permessi di cui sopra sono da utilizzarsi inderogabilmente entro il 31 dicembre (altrimenti vanno perduti poiché non è consentito alcun recupero economico). MULTA LEGITTIMA SE IL SEMAFORO GIALLO DURA OLTRE TRE SECONDI. C È IL TEMPO PER FERMARSI. LO RIBADISCE LA CASSAZIONE Col semaforo giallo bisogna fermarsi. Non ci sono scuse, pertanto, sulla sua durata che, se superiore a tre secondi, è congrua per arrestare il veicolo. Lo ha affermato la Cassazione, nella sentenza n del 23 dicembre 2014, pronunciandosi sul ricorso di una automobilista avverso la sentenza del Tribunale di Lodi (in appello) che rigettava le opposizioni a quattro verbali di contestazione di infrazioni al Codice della strada, tutti elevati, in ore notturne, a seguito di rilevazione con apparecchiatura elettronica, per aver proseguito la marcia nonostante il semaforo proiettasse luce rossa. A nulla sono valse le doglianze della ricorrente che sosteneva l illegittimità dell accertamento in quanto effettuato con apparecchiatura della quale non era provata la regolarità e la taratura e l omessa motivazione sulla contestazione relativa alla durata della luce semaforica gialla che essendo, secondo la stessa, pari a 3,365 secondi era sufficiente a consentire l attraversamento dell incrocio in condizioni di sicurezza come prescritto dall art. 41, comma 10, del Cds. Per la Cassazione, va confermata la statuizione del giudice d appello. Quanto al primo punto, infatti, hanno ribadito gli Ermellini, lo strumento risultava regolarmente omologato, installato e controllato nel suo funzionamento sino a poco prima che fossero accertate le infrazioni in contestazione ed inoltre non era prevista alcuna taratura, non trattandosi di strumento di misurazione. Quanto alla durata della luce semaforica gialla, la stessa non ha alcuna rilevanza per la S.C., giacché la ricorrente era stata contravvenzionata per avere attraversato con il semaforo rosso senza addurre elementi dai quali desumere che non poteva tempestivamente arrestarsi in condizioni di sicurezza, in ottemperanza a quanto disposto dall art. 41, comma 10, Cds, che legittima il passaggio con la luce gialla solo se, appunto, i veicoli vi si trovino così prossimi da non potersi più arrestare in condizioni di sicurezza. Del resto, in ordine ai tempi di permanenza del semaforo giallo, la Corte riportandosi ai principi già affermati in materia (cfr. Cass. n /2014; n /2012) ha affermato, preliminarmente, che l'automobilista deve adeguare la velocità allo stato dei luoghi e che una durata di quattro secondi non costituisce un dato inderogabile e in ogni caso che una durata superiore ai 3 secondi deve senz altro ritenersi congrua, in linea sia con la risoluzione del Ministero dei Trasporti (n /2007), la quale accertando che il Codice della strada non indica una durata minima del periodo di accensione della lanterna di attivazione gialla, stabilisce solo che il tempo minimo di durata non può mai essere inferiore a tre secondi; sia con lo studio del CNR del settembre 2001 che stabilisce in tre secondi il tempo di arresto di un veicolo che proceda ad una velocità non superiore ai 50 Km/h. Su questo assunto, pertanto, la S.C. ha rigettato il ricorso e condannato la ricorrente al pagamento delle spese di giudizio. Fonte: Multa legittima se il semaforo giallo dura oltre tre secondi. C è il tempo per fermarsi. Lo ribadisce la Cassazione (www.studiocataldi.it) CASSAZIONE: REGOLE E LIMITI AL LICENZIAMENTO PER MANCATO SUPERAMENTO DEL PERIODO DI PROVA di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza n. 469 del 14 Gennaio E' legittimo licenziare una risorsa, assunta come categoria protetta con contratto a tempo indeterminato succedutosi a regolare tirocinio semestrale, per mancato A CURA DEGLI UFFICI DELLA SEZIONE SILCEA Pagina 3

4 superamento del periodo di prova, senza che il datore di lavoro osservi la forma scritta? Per la Cassazione la risposta è affermativa, dovendosi applicare i principi generali in tema di periodo di prova, non essendo necessaria una formale comunicazione delle ragioni del recesso. Nell'ipotesi di patto di prova, legittimamente stipulato con uno dei soggetti protetti assunti in base alla legge 2 Aprile 1968, n. 482, il recesso dell'imprenditore durante il periodo di prova è sottratto alla disciplina limitativa del licenziamento individuale per quanto riguarda l'onere dell'adozione della forma scritta e non richiede pertanto una formale comunicazione delle ragioni di recesso. L'esercizio del potere di recesso da parte del datore di lavoro, durante il periodo di prova, non è dunque vincolato ad alcuna forma particolare, dovendo tuttavia la decisione di interrompere il rapporto di lavoro essere motivata e comunicata al lavoratore. Resta onere e facoltà del lavoratore contestare tale indicazione, vincolando il giudice ad accertare, anche d'ufficio, la nullità o meno del recesso, in esito alla prova che risulti determinata o comunque influenzata dalle condizioni di cui alla legge n. 482 del 1968 collega l'obbligo di assunzione. Tale tipo di accertamento si risolve in un'indagine sul fatto, accertamento che non è certo ripetibile in Cassazione, dovendo la stessa Corte limitarsi a un sindacato esterno sulla motivazione. Data la mancata emersione di qualsiasi elemento di irragionevolezza o illogicità, il ricorso è rigettato Fonte: Cassazione: regole e limiti al licenziamento per mancato superamento del periodo di prova (www.studiocataldi.it) CASSAZIONE: ECCESSO DI VELOCITÀ. QUANDO LA MULTA È ILLEGITTIMA. UNA RECENTE PRONUNCIA E A SEGUIRE UNA RACCOLTA DI ARTICOLI E SENTENZE SUGLI AUTOVELOX di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 707 del 16 Gennaio La sanzione irrogata per eccesso di velocità, a seguito di rilevazione effettuata con autovelox, per essere legittima deve tener conto di determinate condizioni, inerenti l'autovelox stesso. A seguito di primo accoglimento di domanda di annullamento, sentenza successivamente modificata in secondo grado, ricorre in Cassazione il conducente di autoveicolo, contestando appunto il mancato rispetto dei requisiti di legge, essendo l'autovelox, a suo dire, posizionato in maniera non completamente visibile. Nel caso di specie la Cassazione rileva come il giudice del merito abbia correttamente proceduto all'accertamento dei fatti (in particolare, prendendo in esame il materiale fotografico prodotto da entrambe le parti, interessato e Comune resistente, constatando come le angolazioni e le prospettive fossero diverse) e procede ad inquadrare la fattispecie entro gli argini dell'art. 142, comma 6bis, del Codice della strada, il quale stabilisce che le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all'impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi, conformemente alle norme stabilite nel regolamento di esecuzione del presente codice. In particolare, le modalità di impiego sono stabilite con decreto del Ministro dei trasporti, di concerto con il Ministro dell'interno. In ogni caso, nel rispetto dell'ambiente, la segnaletica deve essere collocata in modo da essere facilmente avvistabile e riconoscibile. Non ravvisando alcun difetto di motivazione, né illogicità e carenza della stessa, la Suprema corte ha rigettato l'appello, stante l'impossibilità, stabilita per legge, di procedere a un nuovo e autonomo accertamento dei fatti. Fonte: Cassazione: eccesso di velocità. Quando la multa è illegittima. Una recente pronuncia e a seguire una raccolta di articoli e sentenze sugli autovelox (www.studiocataldi.it) LAVORATORE ADIBITO A MANSIONI DIVERSE: SENZA DEQUALIFICAZIONE, NON C È MOBBING. PAROLA DI CASSAZIONE Non può ritenersi integrata una condotta di mobbing se il datore di lavoro adibisce il dipendente a mansioni diverse a quelle per le quali è stato assunto, se le stesse non sono dequalificanti. Lo ha affermato la sezione lavoro della Corte di Cassazione, con sentenza n del 22 dicembre 2014, respingendo il ricorso di una lavoratrice contro il licenziamento disposto da un impresa alberghiera. La donna era stata assunta per occuparsi dell amministrazione di un hotel di prossima apertura ma inizialmente poiché la struttura non aveva ancora aperto era stata adibita a mansioni diverse. Successivamente, l impresa aveva assunto un direttore amministrativo e la donna si era rifiutata di sottostare gerarchicamente alla nuova figura ed era stata licenziata. Da qui la domanda di reintegro e il riconoscimento della condotta mobbizzante da parte del datore di lavoro che veniva rigettata dalla Corte d Appello di Roma la quale aveva ritenuto ingiustificato il rifiuto della donna, atteso che le mansioni alle quali era stata adibita erano comunque di carattere amministrativo, e considerando il licenziamento avvenuto per giusta causa, dato il potere del datore di lavoro di organizzare l attività produttiva e l illegittimità, per contro, del rifiuto del singolo lavoratore di attenersi all organizzazione gerarchica. La donna adiva, quindi, la Suprema Corte adducendo che il datore di lavoro, nell ambito dell esercizio del potere organizzativo trova un limite invalicabile, nella dignità del lavoratore. Ma la S.C. condivide il ragionamento seguito dalla corte territoriale affermando che il potere del datore di lavoro di organizzare la propria attività e conseguentemente di mutare le mansioni di un dipendente, esercitando quello ius variandi ad esso riconosciuto è pienamente legittimo. Del resto, ha sottolineato la Cassazione, le mansioni diverse cui la lavoratrice era stata adibita trovavano giustificazione nella circostanza pacifica della mancata apertura dell hotel e ciò non poteva condurre a ritenerle necessariamente dequalificanti. La valutazione, infatti, sul legittimo esercizio dello ius variandi, ha spiegato la Corte, va valutata sulla base dell omogeneità tra le mansioni successivamente attribuite e quelle di originaria appartenenza, dell equivalenza concreta rispetto alle competenze richieste, al livello professionale del dipendente, a prescindere dalla circostanza se, sul piano formale, le tipologie di mansioni rientrino o meno nella stessa area operativa. Tale valutazione, ha concluso la Corte rigettando il ricorso, spetta al giudice del merito che, nel caso di specie, ha escluso sia il demansionamento che la condotta mobbizzante da parte del datore di lavoro. Fonte: Lavoratore adibito a mansioni diverse: senza dequalificazione, non c è mobbing. Parola di Cassazione (www.studiocataldi.it) REPERIBILITÀ FESTIVA? CASSAZIONE, NESSUN DIRITTO AL RIPOSO COMPENSATIVO. BASTA IL TRATTAMENTO ECONOMICO AGGIUNTIVO Il servizio di reperibilità nel giorno festivo non dà diritto ad un riposo compensativo per il prestatore, ma soltanto ad un trattamento economico aggiuntivo. Lo ha precisato la sezione lavoro della Cassazione, con sentenza n del 18 dicembre 2014, accogliendo il ricorso dell Asl contro la sentenza della Corte d Appello di Roma che, a conferma della decisione del giudice di primo grado, rigettava l opposizione dell azienda sanitaria avverso i decreti ingiuntivi emessi su istanza di alcuni medici ed operatori sanitari a titolo di differenze retributive relative a giorni di riposo non goduto, avendo gli stessi prestato servizio di pronta reperibilità nei giorni festivi. Contrariamente a quanto rilevato dalla corte di merito, la Cassazione ha preliminarmente affermato che la reperibilità prevista dalla disciplina collettiva, si configura come una prestazione strumentale ed accessoria qualitativamente diversa dalla prestazione di lavoro, consistendo nell'obbligo del lavoratore di porsi in condizione di essere prontamente rintracciato, fuori del proprio orario di lavoro, in vista di un'eventuale prestazione lavorativa; conseguentemente il servizio di reperibilità svolto nel giorno destinato al riposo settimanale limita soltanto, senza escluderlo del tutto, il godimento del riposo stesso e comporta il diritto ad un particolare trattamento economico aggiuntivo stabilito dalla contrattazione collettiva o, in mancanza, determinato dal giudice, mentre non comporta, salvo specifiche previsioni della contrattazione collettiva, il diritto ad un giorno di riposo compensativo, il cui riconoscimento, attesa la diversa incidenza sulle energie psicofisiche del lavoratore della disponibilità allo svolgimento della prestazione rispetto al lavoro effettivo, non può trarre origine dall'art. 36 della Costituzione. Tuttavia, ha rilevato la S.C., la mancata concessione del giorno di riposo può essere idonea ad integrare un'ipotesi di danno non patrimoniale (per usura psicofisica) da fatto illecito o da inadempimento contrattuale, che è risarcibile in caso di pregiudizio concreto patito dal titolare dell'interesse leso, sul quale grava però l'onere della specifica deduzione e della prova. Atteso che nel caso di specie (in cui si verteva in materia di c.d. reperibilità passiva ovvero in assenza di prestazione lavorativa), non era stato dedotto né tanto meno provato da parte dei lavoratori un danno non patrimoniale da usura psicofisica, la Cassazione, dando continuità all orientamento consolidato in materia, ha accolto il ricorso, cassando la sentenza della Corte d Appello e revocando i decreti ingiuntivi opposti. Fonte: Reperibilità festiva? Cassazione, nessun diritto al riposo compensativo. Basta il trattamento economico aggiuntivo (www.studiocataldi.it) CASSAZIONE: LECITO REGISTRARE IL COLLOQUIO TELEFONICO CON IL CAPO PER UTILIZZARLO COME PROVA Con sentenza n. 2742/2014, la Suprema Corte torna ad esprimersi in tema di mezzi istruttori e, nello specifico, in merito alla possibilità di utilizzare la registrazione di una telefonata come prova nel processo civile. Nel caso di specie un lavoratore aveva registrato una conversazione avvenuta con il datore di lavoro per precostituirsi una prova da utilizzare successivamente nel giudizio di impugnazione del licenziamento. Secondo la Corte la registrazione di un colloquio intercorsa tra due persone assurge al rango di prova se è posta in essere da uno dei soggetti coinvolti nella conversazione. Nella fattispecie, una società aveva disposto il licenziamento di un proprio dipendente e i giudici di merito ne avevano dichiarato la illegittimità. Il ricorso in Cassazione contro detta pronuncia, non ha sortito gli effetti sperati per la società ricorrente. La Corte evidenzia infatti che non sono stati provati gli addebiti mossi al lavoratore e che il fatto di aver tentato di registrare una conversazione con i superiori non non A CURA DEGLI UFFICI DELLA SEZIONE SILCEA Pagina 4

5 può considerarsi una condotta illecita neppure sotto il profilo disciplinare. Al contrario, la registrazione della conversazione con il capo, se viene fatta allo scopo di utilizzarla in giudizio, è lecita e può costituire una prova utilizzabile nel processo civile. Gli ermellini chiariscono che nel caso di specie non può ritenersi leso il vincolo di fiducia con il datore di lavoro perché l'affidamento che il capo deve avere sul proprio dipendente riguarda la sua capacità di adempiere alle obbligazioni lavorative e non quella di "condividere segreti non funzionali alle esigenze produttive e/o commerciali dell'impresa". L'iniziativa del dipendente di registrare le contestazioni verbali da parte dei superiori di presunte infrazioni disciplinari, al contrario, integrava nella fattispecie la scriminante dell'esercizio del diritto di difesa ai sensi dell'art. 51 c.p. Data la portata generale di tale diritto, ben poteva, così, il dipendente registrare il colloquio ancor prima dell'instaurazione di un eventuale procedimento civilistico o penalistico a suo carico, essendo detta attività orientata precisamente all'acquisizione di prove a suo favore Fonte: Cassazione: lecito registrare il colloquio telefonico con il capo per utilizzarlo come prova (www.studiocataldi.it) 30 gennaio 2015 I BANCARI INCROCIANO LE BRACCIA PER IL CONTRATTO. "ADESIONE ALTISSIMA"I BANCARI INCROCIANO LE BRACCIA PER IL CONTRATTO. "ADESIONE ALTISSIMA" Il corteo dei bancari a Milano, davanti alla sede dell'abi (ansa) Milano, Palermo, Roma e Ravenna sono le sedi della protesta. Sileoni della Fabi: "Gli sportelli sono chiusi in tutta Italia. Abbiamo la sensazione che l'abi non esista". Camusso: "Se non cambiano, ancora scioperi". Nel capoluogo lombardo in corteo sulle note dei 99 Posse MILANO - C'è una adesione "altissima, al 90%" allo sciopero nazionale dei lavoratori del settore bancario proclamato per protestare contro la disdetta del contratto nazionale annunciata dall'abi a partire dal primo aprile. Centinaia di lavoratori si sono ritrovati davanti alla sede milanese dell'associazione delle banche, da dove è partito il corteo cui prende parte il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso. "Gli sportelli sono chiusi in tutta Italia", ha dichiarato il segretario generale della Fabi, Lando Sileoni, annunciando i primi dati sulla manifestazione, mentre altri cortei sono di stanza a Roma, Palermo e Ravenna. 20/01/2015 SVOLTA DEL GOVERNO SULLE BANCHE: DIECI POPOLARI DIVENTERANNO SPA. CHIUSURA CONTI A CARICO DEGLI ISTITUTI Le 10 interessate dalle norme avranno 18 mesi per adeguarsi. Altra novità: le spese di chiusura dei conti saranno a carico delle banche Raffaello Binelli "Oggi è una giornata storica - dice il presidente del Consiglio Matteo Renzi - perché dopo vent'anni di dibattito interveniamo attraverso il decreto legge sulle banche popolari: non su tutte, ma su quelle dagli attivi superiori agli otto miliardi, sono dieci banche in tutta Italia". Nella conferenza stampa al termine della riunione del Consiglio dei ministri il premier spiega che "le altre banche popolari se lo vorranno potranno mantenere l'attuale configurazione, ma queste dieci dovranno trasformarsi, nell'arco di diciotto mesi, in società per azioni". Gli istituti coinvolti avranno 18 mesi di tempo per superare il voto capitario e trasformarsi in Spa. Il provvedimento sulle banche è l articolo 1 del decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri che contiene anche l Investment compact. Renzi assicura che il governo non vuole "danneggiare la storia dei piccoli istituti ma far sì che le banche sul territorio siano all altezza delle sfide europee e mondiali". E le altre banche? "Se lo vorranno - spiega Renzi - potranno rimanere così", con riferimento alle banche popolari di dimensioni più piccole. Il presidente del Consiglio ha anche precisato che non sono previsti "interventi sulle banche del credito cooperativo". "Non si tratta di danneggiare la storia di piccoli istituti ma di far sì che le banche sul territorio siano all altezza delle sfide europee e mondiali". Il premier ha sottolineato che "il nostro sistema bancario è solido, sano e serio. Ma ha bisogno di avere elementi di innovazione". Tra le novità previste anche una norma sulla portabilità dei conti correnti, con i costi a carico della banca. "Interveniamo sul Senato della Repubblica - prosegue Renzi - figuriamo se abbiamo paura di intervenire sul sistema bancario. Siamo il governo del coraggio, del cambiamento e dell innovazione". A CURA DEGLI UFFICI DELLA SEZIONE SILCEA Pagina 5

6 La trasformazione di 10 banche popolari in Spa "renderà le banche popolari più forti", ha detto il ministro dell Economia, Pier Carlo Padoan. "È una misura che rafforza il sistema bancario italiano che andrà sempre meglio man mano che la ripresa si consolida", ha sottolineato, osservando che l intervento "è interesse del sistema bancario e dei consumatori". Si tratta, ha spiegato di una misura "strutturale". La scelta di intervenire con dl, ha poi aggiunto, è legata "alle imminenti scadenze Ue". "Siccome - ha detto - stiamo uscendo dalla crisi c è sia l opportunità che la necessità di un sistema bancario che sia pronto a una concorrenza europea, maggiore". Ecco perché con un dl "diamo all intervento un significato di urgenza". Poi ha tenuto a precisare che il ministero ha ascoltato i consigli della Banca d Italia, ribadendo però che le decisioni politiche sono responsabilità del governo". Chiusura conti a carico delle banche "La portabilità dei conti correnti - spiega Padoan - è un vantaggio per i consumatori. Il costo di chiusura del conto è a carico della banca e il trasferimento dei fondi deve avvenire in massimo 12 giorni". 26 /1/2015 PIÙ FACILE CHIUDERE E TRASFERIRE IL C/C: ECCO LE NOVITÀ IN VIGORE Pubblicato il decreto che disciplina la portabilità dei conti correnti: basta una firma. Nessuna spesa aggiuntiva per passare a una nuova banca, che curerà il trasferimento anche di bollette e pagamenti. E a fissare la data di chiusura del c/c, dopo un minimo di sei giorni, sarà il cliente a cura di ANTONELLA DONATI Più facile chiudere e trasferire il c/c: ecco le novità in vigoreroma - Conti correnti "sospesi" tra una banca e l'altra? Bollette non saldate o carta di credito bloccata perché la vecchia banca ha dimenticato qualche passaggio operativo? Conto titoli trasferiti a caro prezzo? Tutti problemi del passato. Da oggi in poi il conto si chiude con una firma, i tempi li fissa il cliente e trasferire qualunque dossier è gratis. E' infatti in vigore il decreto con le misure urgenti per le banche, che oltre alle norme sulle Popolari contiene le novità sul trasferimento dei conti, i tempi certi, il costo zero, e l'obbligo di risarcire il cliente se i tempi si allungano o qualcosa non va nel verso giusto. Tempi certi e portabilità gratuita per tutti i conti. La portabilità dei conto a costo zero in realtà non dovrebbe essere una novità, dato che la legge prevede questa possibilità dal Non c'era però fino ad oggi alcun termine di legge per completare il trasferimento, né, tanto meno, una procedura standard che rendesse uniforme e trasparente questa tipologia di operazioni e prevedesse espressamente l'esclusione di addebiti in caso di trasferimento dei titoli. Conseguenza di ciò tempi di chiusura dilatati fino a 60 giorni, banche che dimenticavano di far firmare all'ormai ex cliente l'autorizzazione a trasferire l'addebito delle bollette, istituti e Poste spa che pretendevano che la richiesta di chiusura fosse presentata ai loro sportelli e sui loro moduli per poter essere accolta e portata a conclusione, e dossier titoli con costi di trasferimento a carico. Insomma l'autoregolamentazione del sistema è servita a ben poco, e anche l'antitrust è dovuto più volte intervenire per richiamare le banche al rispetto delle norme. Con l'entrata in vigore del decreto, però, tutto diventa più semplice perché per legge a curare il trasferimento e portalo a conclusione dovrà essere il nuovo istituto di credito, senza stress per il cliente. Una sola firma, quindi, per chiudere tutti i rapporti, e senza costi, dato che in caso di richiesta di trasferimento del conto corrente insieme alla richiesta di trasferimento di strumenti finanziari, di ordini di pagamento e di ulteriori servizi e strumenti associati, la portabilità, si legge nel decreto, si deve concludere senza ulteriori oneri e spese per il consumatore. Data di chiusura fissata dal correntista. Per ottenere il trasferimento da un istituto all'altro, quindi, è sufficiente compilare la richiesta agli sportelli della banca nella quale ci si vuol trasferire, utilizzando un modello unico di autorizzazione. Il modello consente di identificare specificamente i bonifici in entrata, gli ordini permanenti di bonifico e gli ordini relativi ad addebiti diretti che devono essere trasferiti. Nello stesso documento va indicata la data a partire dalla quale i pagamenti devono essere eseguiti sul nuovo conto. La data, per legge, non può essere inferiore a sei giorni lavorativi a decorrere dall'arrivo della documentazione trasmessa dalla vecchia banca, ma il rispetto della data di chiusura diventa obbligatorio. Si potrà sapere quindi con esattezza quando tutta l'operazione sarà conclusa, anche perché tutta la procedura viene standardizzata, e non c'è più alcuna discrezione da parte del singolo istituto di credito. La richiesta di trasferimento deve essere inviata entro due giorni e la vecchia banca ha cinque giorni di tempo per consegnare tutta la documentazione necessaria, ossia l'elenco degli ordini permanenti in essere, gli ordini di addebito diretto che vengono trasferiti e le informazioni disponibili sui bonifici ricorrenti in entrata e sugli addebiti diretti ordinati dal creditore nei precedenti 13 mesi in modo che sia possibile il loro reindirizzamento automatico. Trasferimento di bollette a cura della nuova banca. Inoltre l'ormai ex banca deve annullare gli ordini permanenti a partire dalla data indicata nella richiesta di trasferimento ma non prima, in modo da evitare qualunque possibile disguido al cliente (ad esempio il mancato pagamento di una rata di un finanziamento). L'istituto deve poi trasferire l'eventuale saldo positivo, detratto ovviamente il pagamento di eventuali bolli e spese di tenuta del conto se previste dal contratto, e chiudere il conto alla stesa data indicata dal consumatore. Se ci fossero impedimenti, ad esempio operazioni in sospeso e che non possono essere chiuse nei tempi previsti, è obbligatorio per l'istituto avvertire immediatamente il correntista. A comunicare ai gestori il cambio di conto dovrà essere invece il nuovo istituto e non più il cliente. Spetterà quindi alla banca farsi carico di inviare i nuovi dati di riferimento del conto sul quale saranno pagate le utenze, il saldo delle carte di credito, eventuali altri pagamenti rateali ecc, non appena ricevuta la documentazione necessaria. Le sanzioni per chi non rispetta le regole. Ma il decreto, oltre all'obbligo di effettuare tutte le operazioni senza costi, fissa anche specifiche sanzioni per le banche che non dovessero immediatamente adottare le nuove norme. In caso di mancato rispetto delle modalità e dei termini stabiliti, infatti, scatta l'obbligo di risarcire il cliente in misura proporzionale al ritardo e alla disponibilità esistente sul conto al momento della richiesta di trasferimento. 30 Gennaio 2015 Sciopero bancari del 30 gennaio: adesione altissima. Corteo a Milano Molti sportelli bancari chiusi Giornata di sciopero per i bancari italiani quella di venerdì 30 gennaio. "L'adesione è altissima, intorno al 90%, sono bloccati gli sportelli in tutta Italia". Lo ha dichiarato il segretario generale della Fabi (Federazione autonoma bancari italiani), Lando Maria Sileoni. A Milano il corteo è partito da via Olona. Si tratta di una manifestazione proclamata unitariamente dalle sigle sindacali d i categoria, Dircredito, Fabi, Fiba Cisl, Fisac Cgil, Sinfub, Ugl, Uilca e Falcri, in seguito alla rottura con Abi delle trattative di rinnovo del contratto nazionale avvenuta lo scorso 25 novembre. Secondo il sindacato Fiba Cisl, sono 312mila i lavoratori che, in tutta Italia, hanno deciso di mobilitarsi. I sindacati ritengono insufficiente l'adattamento salariale del +1,85% e si mobilitano contro le disparità di trattamento economico e normativo tra i lavoratori e le condizioni per ulteriori e selvaggi tagli di posti di lavoro, dopo i 68mila già eliminati negli ultimi 15 anni. A CURA DEL COMITATO TECNICO SILCEA Pagina 6

Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno

Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno Mancati riposi settimanali e risarcimento del danno Nel caso di lavoro prestato oltre il sesto giorno consecutivo, occorre distinguere il danno da "usura psico-fisica", conseguente alla mancata fruizione

Dettagli

a cura di Celeste Vivenzi

a cura di Celeste Vivenzi IL PATTO DI PROVA NEL LAVORO SUBORDINATO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale In un periodo di profonda crisi economica come quello attuale, il mercato del lavoro richiede la massima flessibilità

Dettagli

Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131.

Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131. L. 20 maggio 1970, n. 300 Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131. Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Rivista giuridica Registrata presso il Tribunale di Catania ISSN 2039-6937 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA

www.ildirittoamministrativo.it Rivista giuridica Registrata presso il Tribunale di Catania ISSN 2039-6937 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA www.ildirittoamministrativo.it Rivista giuridica Registrata presso il Tribunale di Catania ISSN 2039-6937 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN MATERIA DI DIRITTO DELLA NAVIGAZIONE GENNAIO FEBBRAIO 2015

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato dal comitato direttivo nella seduta del 15 Marzo 2012 1 Il presente regolamento

Dettagli

Il licenziamento individuale: intimazione

Il licenziamento individuale: intimazione Il licenziamento individuale: intimazione Novembre 2013 Albini 1 Licenziamento individuale: nozione Atto con il quale il datore di lavoro manifesta unilateralmente la volontà di recedere dal contratto

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Usura psico fisica in assenza di riposi compensativi Renzo La Costa

Usura psico fisica in assenza di riposi compensativi Renzo La Costa Usura psico fisica in assenza di riposi compensativi Renzo La Costa Lavorare di domenica e non avere riposi compensativi determina il danno da usura psicofisica da risarcire al lavoratore. Così si è espressa

Dettagli

Circolare Informativa n 49/2012. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 49/2012. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 49/2012 Pillole di Cassazione e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE 1) L assegnazione a mansioni equivalenti o superiori può comunque demansionare

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA

MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA MOBBING E COMPORTO: DANNO PROFESSIONALE, BIOLOGICO ED ESISTENZIALE commento e testo sentenza Cass. 4261/2012 Matteo BARIZZA P&D.IT Il fatto. Il lavoratore era stato licenziato per il superamento del periodo

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

Diritto e società, va risarcito il danno all immagine del lavoratore licenziato

Diritto e società, va risarcito il danno all immagine del lavoratore licenziato Diritto e società, va risarcito il danno all immagine del lavoratore licenziato di Redazione Sicilia Journal - 03, lug, 2015 http://www.siciliajournal.it/diritto-e-societa-va-risarcito-il-danno-allimmagine-del-lavoratore-licenziato/

Dettagli

NEWSLETTER RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il licenziamento

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A.

DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A. DELIBERA DL/035/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ABL SRL/GREEN ICN S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX

DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio... Membro designato dalla

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 5 Avvertenze...» 6

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 5 Avvertenze...» 6 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 5 Avvertenze........................................................» 6 Parte I La costituzione del rapporto e la

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 Lavoro - Mobbing - Pagamento del premio di rendimento - Note di qualifica del datore - Valutazione mediocre del dipendente Svolgimento del processo

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE LAVORO Udienza del 26/02/2015 N. 9168/2014 RG REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI MILANO Dr.ssa Eleonora De Carlo quale giudice del lavoro ha pronunciato

Dettagli

I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Sei stato vittima di un provvedimento disciplinare ingiusto? Le informazioni qui di seguito riportate ti permetteranno di conoscere i limiti all esercizio del potere disciplinare

Dettagli

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda

La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda La responsabilità solidale tra cedente e cessionario nel trasferimento d azienda di Davide Venturi - Adapt senior research fellow La Corte di Cassazione, con la sentenza del 16 ottobre 2013, n.23533, torna

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA Se nel corso del rapporto un lavoratore compie un atto tanto grave da non consentire anche solo in via provvisoria la prosecuzione del rapporto,

Dettagli

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO 1) Il lavoro nella Costituzione (13, 14) MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO L importanza del lavoro è immediatamente sancita dall art. 1 L Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro ed esso costituisce

Dettagli

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza 1. Applicabilità. Il presente regolamento interno viene predisposto dall OMCeO di Monza e Brianza al fine di regolarizzare lo svolgimento

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario 2014 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario Federazione Autonoma Bancari Italiani Dipartimento Nazionale Formazione 1 DOVERI DEL LAVORATORE DIPENDENTE

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA Circolare n. 5/09 del 26 giugno 2009* CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO La Corte di Cassazione con la sentenza del 10 febbraio 2009, n. 3276 è recentemente intervenuta in materia di risoluzione anticipata

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

DELIBERA N. 45/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Alberghini Maltoni/Vodafone Omnitel XXXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 45/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Alberghini Maltoni/Vodafone Omnitel XXXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 45/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Alberghini Maltoni/Vodafone Omnitel XXXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

Verbale di accordo. tra

Verbale di accordo. tra Verbale di accordo In Verona, il giorno 11 gennaio 2008 Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Banca Popolare di Novara S.p.A.; Società Gestione Servizi BP S.p.A.; Banca Aletti & C

Dettagli

INFORMATIVA SUL DIRITTO DEL LAVORO luglio 2007 a cura di Claudio Tundo S.A.B. Lecce LICENZIAMENTO RITARDI

INFORMATIVA SUL DIRITTO DEL LAVORO luglio 2007 a cura di Claudio Tundo S.A.B. Lecce LICENZIAMENTO RITARDI INFORMATIVA SUL DIRITTO DEL LAVORO luglio 2007 a cura di Claudio Tundo S.A.B. Lecce LICENZIAMENTO RITARDI La Corte di Cassazione, con sentenza della sua Sezione Lavoro n. 13098/2007, ha stabilito che è

Dettagli

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro

Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Tribunale di Firenze, in composizione monocratica in funzione di giudice del lavoro Nella persona del giudice dott. Vincenzo Nuvoli ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n. 2959 R.G.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

Letti gli atti e sciogliendo la riserva formulata all'udienza del 25 febbraio 2015 nel

Letti gli atti e sciogliendo la riserva formulata all'udienza del 25 febbraio 2015 nel N. R.G. 822/2014 TRIBUNALE ORDINARIO di Lodi Sezione lavoro In persona del Giudice del lavoro dr. Elena GIUPPI, Letti gli atti e sciogliendo la riserva formulata all'udienza del 25 febbraio 2015 nel procedimento

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150 TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 ARTICOLO 67 Oggetto e finalità Comma 1 Finalità: potenziare i livelli di efficienza negli

Dettagli

Inoltre per il 2011, ai sensi dell art 48 ccnl, coincidendo il 1 maggio con la domenica verra riconosciuta

Inoltre per il 2011, ai sensi dell art 48 ccnl, coincidendo il 1 maggio con la domenica verra riconosciuta NOTIZIE iin BREVE CCoomuunni iiccaattoo dd i iinnf foorrmaazzi iioonnee ssi iinnddaaccaal llee ppeerr ggl lli ii iissccrri i iitttti fif iibbaa cci iissl ll ddeel lll llaa BBaannccaa PPooppool llaarree

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi NORME DISCIPLINANTI LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (Emanato con D.R. n. 198/Uff. Pers. del 27.02.1999, pubblicato nel Bollettino Ufficiale

Dettagli

SEGRETERIA CENTRALE FABI

SEGRETERIA CENTRALE FABI SEGRETERIA CENTRALE FABI Gennaio 2008 BNL 1 IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO NELSETTOREDELCREDITO Il D. Leg.vo n. 276 del 10/09/2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolamentando la

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI DOPO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO A cura di Valerio Gastaldello, Coordinatore Uffici Vertenze Cisl del Veneto [3 luglio 2012] Presentazione La riforma del

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 10 del 6 febbraio 2015

DELIBERAZIONE n. 10 del 6 febbraio 2015 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXX XXXXXXX /Vodafone Omnitel XX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione

3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione 3. Forma e contenuto del contratto di somministrazione Il contratto di somministrazione, stipulato in forma scritta, deve contenere una serie di elementi tra cui gli estremi dell autorizzazione dell agenzia,

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE SETTORI SOCIOASSISTENZIALE, SOCIO-SANITARIO ED EDUCATIVO UNEBA Unione Nazionale Istituzioni ed Iniziative di Assistenza Sociale ESTRATTO

Dettagli

DELIBERA N. 21/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA CENTRO ESTETICO BIRO di XXXX BIANCHI / VODAFONE OMNITEL XXXX

DELIBERA N. 21/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA CENTRO ESTETICO BIRO di XXXX BIANCHI / VODAFONE OMNITEL XXXX DELIBERA N. 21/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA CENTRO ESTETICO BIRO di XXXX BIANCHI / VODAFONE OMNITEL XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE.

JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. DIPARTIMENTO DIRITTO DEL LAVORO APRILE 2015 JOBS ACT: IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI: CAMPO DI APPLICAZIONE. Il 20 febbraio u.s. il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA. Art. 1. Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con. Art. 2.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA. Art. 1. Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con. Art. 2. LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. Vigente al: 17-6-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la

Dettagli

LEGGE 15 luglio 1966, n. 604

LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 LEGGE 15 luglio 1966, n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. Vigente al: 28-11-2012 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA la

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare Seminario sul D.Lgs. 27 ottobre 2009 n. 150 1 Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare (artt. 55-55 novies D. lsg. 30 marzo 2001 n. 165) Avv. Mauro Montini Firenze, 23 novembre 2009 AMBITO DI

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA

APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA APPROFONDIMENTO I TEMPI DI GUIDA NORMATIVA E SANZIONI MAGGIO 2013 A cura dell Ufficio Relazioni Industriali Faccioli Chiara - Padovani Carlo 6 SOMMARIO 1. Ambito di applicazione 2. Il tempo di guida 3.

Dettagli

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cataldi.it Il giudice del lavoro adito con impugnativa

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

INDICE. Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione

INDICE. Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione INDICE Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione I COSTITUZIONE E TIPOLOGIA DEL RAPPORTO DI LAVORO... " 1 (Relazione del Dr. Fabrizio MIANI

Dettagli

DELIBERA N. 57/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. Pepita XXXX/ Telecom Italia XXXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 57/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. Pepita XXXX/ Telecom Italia XXXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 57/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA Pepita XXXX/ Telecom Italia XXXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom

Dettagli

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora Ferie: il vademecum che riepiloga le complesse regole Tutto sull irrinunciabilità, l indennità sostitutiva, il differimento per ferie collettive e i contributi sulle ferie non godute. VADEMECUM FERIE di

Dettagli

DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale

DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale DELIBERA N. 104/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA ADGMH ITALIA XXX / TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

utilità. Istituzione delle Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità;

utilità. Istituzione delle Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità; Determinazione 1/2015 Definizione della controversia XXX XXX/H3G SPA IL DIRIGENTE VISTA la L. 31 luglio 1997, n. 249, Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA

TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano. Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA TRIBUNALE DI CROTONE Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Il Giudice del Lavoro, D.ssa Wanda Romanò, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa iscritta al n.363 R.G.A.C. per l anno 2003

Dettagli

DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO

DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO DELIBERA DL/031/14/CRL/UD del 16 aprile 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA G. D. G./FASTWEB S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 10/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX Mena /Wind Telecomunicazioni XXXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità

Dettagli

COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE

COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE COME IL JOBS ACT PEGGIORERA' IL FUTURO DEI LAVORATORI SCOPRIAMO I VERI CONTENUTI DELLA LEGGE La Legge n 183/14 (nota come Jobs Act) introduce, tramite il decreto legislativo n. 23 /2015, notevoli modifiche

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI

LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI LA REVOCA DEGLI AFFIDAMENTI BANCARI Il problema derivante dall eventuale responsabilità delle banche per la revoca degli affidamenti alle imprese trova il suo fondamento nella prevalenza sempre maggiore

Dettagli

DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le

DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

Somministrazione di lavoro

Somministrazione di lavoro Somministrazione di lavoro di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Di recente il Ministero del Lavoro è intervenuto più volte sul tema della somministrazione, prima con le circolari n. 12 e

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 34/2011 TITOLO 1.10.21/82 LEGISLATURA IX Il giorno 8 settembre 2011 si è riunito nella sede di Viale

Dettagli

Regolamento approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 15/06/2009

Regolamento approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 15/06/2009 Regolamento approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del 15/06/2009 MODALITÀ E CRITERI PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 18, COMMA 2, DELLA LEGGE 6. 8. 2008, n. 133

Dettagli

I DECRETI ATTUATIVI DEL JOBS ACT

I DECRETI ATTUATIVI DEL JOBS ACT I DECRETI ATTUATIVI DEL JOBS ACT I CONTRATTI DI SOMMINISTRAZIONE Milano, 8 luglio 2015 Avv. Prof. Luca Failla Founding Partner LABLAW Studio Legale 1 1 LA SOMMINISTRAZIONE: IDEALE DI FLEXSECURITY? LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA - DE VITO xxxxx c/ Okcom xxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA - DE VITO xxxxx c/ Okcom xxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal./BA DELIBERAZIONE N. 36 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA - DE VITO xxxxx c/ Okcom xxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Nella seduta del

Dettagli