SERAM SpA - PROTOCOLLO N.4 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GENNAIO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERAM SpA - PROTOCOLLO N.4 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GENNAIO 2013"

Transcript

1 Attività sensibile: ADEMPIMENTI CONNESSI AL RISPETTO DELL AMBIENTE, DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. Nota sul contenuto: Complesso delle attività volte a garantire il pieno rispetto delle disposizioni previste in materia ambientale nonché nel D.lgs. 81/2008 sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro e nel D.lgs. 334/99 di recepimento della Direttiva 96/82/CE sul controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose. - Reati associabili: Corruzione (art. 318 c.p.) concussione (art. 317 c.p.) corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio (art. 319 c.p.),.induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319-quater cod. pen.) corruzione tra privati (art. 2635, comma3, cod. civ.) corruzione di persona incaricata di pubblico servizio (art. 320 c.p.) istigazione alla corruzione (art. 322 c.p.), peculato, concussione, corruzione ed istigazione alla corruzione di membri e di funzionari degli organi della Comunità europea (art. 322 bis c.p.), truffa (art. 640 c.p.), truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche (640 bis c.p.) ricettazione (648 c.p.) riciclaggio (648-bis c.p.) impiego di beni o utilità di provenienza illecita (art.648 ter c.p.); Omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro (artt. 580, 590, comme 3, c.p.) Inquinamento del suolo (art. 257 Dlgs. 152/2006) Scarico di acque reflue (art. 137 Dlgs 152/2006) Danneggiamento di Habitat (art. 733-bis c.p.) U.O. interessate: Consiglio di Amministrazione () Direttore () Responsabile del Sistema di Gestione della Sicurezza (RSGS) Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Responsabile Manutenzione e Sicurezza (RMS) Capiturno Operatori Altre entità: Società petrolifere Consulente Ambientale - 1 -

2 La Seram si è dotata di una politica aziendale nel campo della salute, della sicurezza e dell ambiente in conformità con le linee di comportamento di cui al Manuale Operativo della Società. CONTROLLI GENERALI Segregazione responsabilità Adempimenti connessi alla salute ed alla sicurezza nel deposito Seram. RSPP D.lgs. 81/08 Le attività e gli adempimenti richiesti dalla legge sulla sicurezza nei luoghi di lavoro sono stati posti in essere dalla società. L incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) è stato conferito ad una apposita funzione aziendale che potrebbe avvalersi anche della collaborazione di un professionista esterno mediante un contratto di consulenza. I principali adempimenti svolti sono i seguenti: 1. ogni anno si tiene una riunione informativa con tutti i dipendenti con lo scopo di illustrare le misure di sicurezza e prevenzione adottate in base alle regole vigenti; 2. ogni anno si tiene una sessione di visite mediche per i dipendenti; 3. quattro volte l anno si tiene un esercitazione su uno degli scenari previsti dal Piano di Emergenza Interno; 4. un controllo semestrale degli estintori sulla base di un contratto con una società esterna; 5. tutti i Capiturno ed il Personale operativo hanno effettuato il corso per Operatore antincendio in aziende a Rischio elevato. Una volta l anno viene svolto un corso teorico e pratico di spegnimento incendi., eccedendo quanto previsto dalla normativa in vigore ed in coordinamento con quanto previsto dal D.lgs. 334/99; 6. tutti i Capiturno ed il Personale operativo partecipano ai corsi triennali di formazione per primo soccorso ; 7. controlli periodici sulle condizioni di sicurezza degli impianti (condizionamento, rilevazione incendi, impianti idraulici, anti-intrusione, impianti elettrici, ecc.), dell immobile aziendale sulla base di un protocollo definito in coordinamento con quanto previsto dal D.lgs. 334/99. In caso di verifiche ispettive da parte di Enti pubblici (Ispettorato del Lavoro, ASL, ecc.) il rapporto è curato dal con la collaborazione del RSPP - 2 -

3 RSGS RSPP D.lgs. 334/99 In ottemperanza a quanto previsto dalla normativa di riferimento, la Seram si è dotata di un Sistema di Gestione della Sicurezza (SGS) e del relativo Manuale di Gestione della Sicurezza per la cui applicazione ha istituito ed incaricato un apposita funzione aziendale: il Responsabile del Sistema di Gestione della Sicurezza (RSGS). Il SGS prevede e definisce in un apposita procedura i criteri e le modalità di effettuazione dell Analisi dei Rischi connessi con l attività del Deposito. In particolare, a tal fine RSGS, in collaborazione con e RSPP e sotto la supervisione del, svolge l Analisi Preliminare dei Pericoli (APP) volta ad identificare e valutare quantitativamente la gravità degli eventi pericolosi che possono verificarsi e la probabilità concreta che si verifichino. Quando necessario, RSGS coinvolge altre funzioni aziendali e si avvale di consulenti esterni specializzati. L APP è sempre richiesta in caso di costruzione di nuovi impianti e di modifiche a quelli già esistenti. Qualora dall APP emergano pericoli rilevanti o ricorra uno dei casi previsti dalla normativa di riferimento, viene disposta a cura del RSGS, sotto la supervisione del e e quando necessario con l ausilio di consulenti esterni specializzati, un analisi più dettagliata dei pericoli identificati (Analisi dei Rischi/AR) All esito dell AR, se necessario, RSGS, con la supervisione del e del, richiede alle società di progettazione di apportare modifiche al progetto o all impianto già esistente. Le conclusioni dell APP e dell AR, con allegata la documentazione tecnica eventualmente prodotta, sono conservati a cura del RSGS. La modalità operative di gestione degli impianti, nonché la programmazione di modifiche o sostituzioni agli impianti già esistenti, avviene in conformità a procedure operative di cui la Seram si è dotata e che si allegano al presente protocollo. Le procedure sono facilmente accessibili a tutti coloro che sono coinvolti nella gestione delle attività. Il, in collaborazione con il RSGS, garantisce che le procedure operative siano effettivamente adottate ed implementate, assicurando a tal fine un adeguata formazione del personale e di terzi/appaltatori. L approvvigionamento delle attrezzature da lavoro, dell equipaggiamento protettivo, dei macchinari ed in ogni caso di tutti i prodotti aventi rilevanza ai fini della sicurezza avviene a cura del, sotto la supervisione del, esclusivamente da ditte specializzate selezionate ed inseriti nell Albo Fornitori - 3 -

4 della Società. L inserimento di nuovi fornitori nell albo avviene a cura del in collaborazione con il RSGS che verifica la presenza dei requisiti previsti come da apposita procedura. Le attrezzature ed i macchinari rilevanti ai fini della sicurezza sono soggetti ad ispezioni periodiche il cui svolgimento è subordinato all autorizzazione del. Gestione delle emergenze RSGS RMS Capiturno Operatori L SGS prevede la pianificazione e la gestione delle emergenze in termini di: - contenimento e controllo dell incidente per rendere minimi gli effetti e limitare i danni alle persone, all ambiente ed all impianto; - messa in opera delle misure necessarie per la protezione degli addetti e dell ambiente dagli effetti dell incidente; - comunicazione delle informazioni necessarie alle autorità competenti ed ai servizi di emergenza; - provvedimento che consentono il ripristino del sito e dell ambiente dopo il verificarsi dell incidente. A tal fine, il, con la collaborazione del RSGS e del RMS, come da apposita procedura, elabora il Piano di Emergenza Interna (PEI) con lo scopo di fornire al personale dell azienda una corretta informazione sui possibili fenomeni incidentali, definire le azioni da intraprendere fin dal primo insorgere di ciascun evento incidentale al fine di contenerne gli effetti e limitarne le conseguenze, pianificare le azioni mirate alla protezione delle persone e delle strutture. Il PEI ha inoltre lo scopo di dettare le disposizioni per la corretta informazione alle Autorità pubbliche ed ai servizi di soccorso esterni per consentire nel minor tempo possibile i loro interventi al fine di ripristinare al più presto la normalità. Il RSGS, con la frequenza specificata nel PEI, organizza esercitazioni periodiche con il coinvolgimento di tutto il personale presente. In ogni caso, devono essere previste un minimo di quattro esercitazioni all anno, di cui una previa richiesta di intervento da parte dei Vigili del Fuoco. Il RMS redige un report delle esercitazioni in cui annota i fatti più significativi alla scopo di verificare l esigenza di interventi migliorativi. Al verificarsi di una situazione di non conformità (incidente rilevante, incidente, quasi incidente, anomalia di malfunzionamento), i capiturno e/o gli operatori o chiunque altro ne venga a conoscenza ne deve dare immediata comunicazione al RSGS o al. Il RSGS con i suoi collaboratori svolge l indagine sull incidente così come da apposita procedura e riferisce al

5 Qualora il lo ritenga necessario può istituire una Commissione di indagine interna cui, in casi particolarmente complessi, parteciperà anche un consulente esterno. La Commissione così istituita determina la tipologia di interventi correttivi necessaria, gli interventi di informazione e formazione del personale e nomina il responsabile delle azioni di intervento così disposte. Al verificarsi di un incidente rilevante, il, o una funzione dallo stesso delegata, ne dà segnalazione al Prefetto, al Sindaco, ai Vigili del Fuoco, alla Regione ed alla Provincia nonché, anche in casi di solo incidente o quasi incidente, alle Associazioni nazionali di categoria. RSGS RSPP Verifiche sull operatività del SGS Con cadenza trimestrale, il RSGS, e sotto la supervisione del e del, svolge verifiche ispettive su tutta la struttura e l attività aziendale al fine di verificare l efficacia del SGS in relazione alle norme ed alla procedure adottate (Audit interna). All esito di ogni verifica RSGS redige un rapporto contente i rilievi riscontrati e le necessarie azioni correttive e/o di miglioramento cui si provvederà come da apposita procedura. svolge, o fa svolgere a professionista qualificato, un Audit annuale sull effettiva applicazione del SGS. A valle della verifica viene redatto apposito verbale e le eventuali non conformità rilevate vengono riportate sul Registro delle non conformità. Annualmente, all esito dell Audit interna, viene indetta la riunione annuale di sicurezza Seram rilevante anche ai fini del D.lgs. 81/08 Rapporti con le società petrolifere Seram regolamenta i rapporti con tutte le società petrolifere che eseguono rifornimenti di carburante agli aerei nell Aeroporto di Fiumicino con apposita procedura volta a garantire un corretto utilizzo delle attrezzature di proprietà della SERAM stessa e fornire delle indicazioni sul comportamento da adottare in caso di emergenza. Qualsiasi mal funzionamento o anomalia venga rilevato dalle società petrolifere dovrà essere segnalato tempestivamente ed in forma scritta alla SERAM. E' inoltre vietato eseguire qualsiasi tipo di intervento di manutenzione o riparazione sia su automezzi che attrezzature senza la preventiva autorizzazione scritta della SERAM che di volta in volta fisserà le prescrizioni di sicurezza secondo le norme previste - 5 -

6 nei luoghi con pericolo di esplosione e di incendio. Tutela dell Ambiente RSPP Il, in coordinamento con il, cura i rapporti con, Comune di Fiumicino, Provincia di Roma e Regione Lazio per il rispetto delle disposizione previste nel D.lgs. 152/2006 ove sono stabiliti i criteri, le procedure e le modalità per la messa in sicurezza, la bonifica ed il ripristino ambientale, con particolare riferimento anche allo smaltimento dei rifiuti pericolosi e delle misure volte a prevenire l inquinamento del suolo. Nel caso in cui nel corso dello svolgimento delle attività aziendali, si verifichino incidenti tali da determinare o poter determinare inquinamento dei terreni, di falde acquifere o di acque superficiali, verranno immediatamente attivate le seguenti procedure di emergenza: - messa in sicurezza di emergenza ( RSPP Consulente ambientale) - comunicazioni alle Autorità competenti, come previsto nel D.lgs. 152/2006 ( - RSPP). Inoltre, sempre nell ambito delle attività svolte per garantire la tutela dell ambiente ed il rispetto delle relative prescrizioni normative,la Società si è dotata delle seguenti specifiche procedure: - Procedura per la gestione e trattamento e smaltimento delle acque reflue, ove sono stabilite le modalità tramite cui devono essere gestite, controllate, analizzate e smaltite le acque reflue della società, nel rispetto delle legge vigenti e delle prescrizioni impartite dalle autorità competenti. In particolare, l attività regolata nella presente procedura ricomprende tutte le acque reflue, quale ne sia la provenienza, che siano presenti sia nel deposito Seram sia nel Satellite in Aeroporto. La procedura prevede, a propria volta i seguenti tre allegati: 1. Attività richiesta dall autorizzazione allo scarico, in cui sono descritte tutte le prescrizioni ed i controlli richiesti dalla Provincia di Roma nell Autorizzazione per lo scarico delle acque reflue della Seram, nonché le attività e gli adempimenti necessari a garantire il rispetto di tali prescrizioni 2. Controlli sugli impianti di trattamento delle acque reflue, in cui sono descritte le attività necessarie a garantire la corretta funzionalità degli impianti di trattamento delle acque così da assicurare il rispetto sia - 6 -

7 delle prescrizioni di legge che di quelle riportate sull Autorizzazione per lo scarico delle acque. In particolare, sono previsti diversi controlli con cadenza giornaliera, quindicinale, mensile, semestrale ed annuale. 3. Gestione delle acque emunte provenienti da Mise/Miso, in cui sono descritte le modalità di gestione delle acque di falda emunte dal sistema di pompe sotterranee MISE. (PR SGSL 15, con Allegato 1, Allegato 2 ed Allegato 3) - Procedura per la gestione dei rifiuti, ove sono definiti i criteri, le responsabilità e le modalità operative tali da garantire che le operazioni di gestione interna e di conferimento all esterno dei rifiuti, pericolosi e non, avvengano nel rispetto delle prescrizioni di legge e della Politica Ambientale Seram. In particolare, vengono dettagliate le attività relative alle seguenti fasi: o o o o Produzione del rifiuto Stoccaggio temporaneo dei rifiuti (dove si prevedono aree di stoccaggio differenti per rifiuti speciali pericolosi, per materiali da imballaggio, per materiali ferrosi, per vetro, per materiali plastici, per RSU, per acque emunte, nonché per apparecchiature elettroniche e per altre tipologie di rifiuti residuali Gestione dello stoccaggio temporaneo Trasporto e smaltimento dei rifiuti (PR SGSL 16) Documentazione di supporto Manuale Operativo Seram Manuale SGS e relativi allegati Procedure SGS e relativi allegati Documento sulla prevenzione degli incidenti rilevanti Procedura per il comportamento nel caso di atti di terrorismo Procedura d emergenza e d utilizzo rete di distribuzione carburante Documento di Valutazione dei Rischi ex D. lgs. 81/08 Procedura attività urgenti in caso di incidenti che comportino inquinamento di terreno o acque Procedura per la gestione e trattamento e smaltimento delle acque reflue - 7 -

8 Procedura per la gestione dei rifiuti Sistema di deleghe e poteri Sistema di deleghe e procure aziendali CONTROLLI GENERALI Tracciabilità delle decisioni La corretta e completa archiviazione della documentazione relativa agli adempimenti per la sicurezza nei deposito e nei luoghi di lavoro Seram a cura del, RSGS/RSPP garantisce la tracciabilità delle decisioni. CONTROLLI SPECIFICI Obbligo di segnalazione È istituito un obbligo di segnalazione all Organismo di Vigilanza a carico delle unità organizzative coinvolte nei casi in cui dovessero riscontrarsi violazioni del protocollo e delle procedure o anche solo comportamenti a questi ultimi non esattamente conformi. Report E istituita una reportistica periodica a consuntivo nei confronti dell Organismo di Vigilanza, sull operatività del SGS e sulla gestioni di situazioni di non conformità. Registrazione Tutta la documentazione viene registrate in un apposito archivio cartaceo tenuto a cura del RSGS I verbali redatti nel corso delle ispezioni ai sensi del D.lgs. 626/94, da parte degli Enti, con indicazione dei rilievi sulle condizioni di sicurezza riscontrate, sono archiviati a cura del RSPP - 8 -

SERAM SpA. PROTOCOLLO N.1 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009

SERAM SpA. PROTOCOLLO N.1 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 Attività sensibile: ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA MOVIMENTAZIONE, CUSTODIA E DISTRIBUZIONE DEL CARBURANTE Nota sul contenuto: Reati associabili: Complesso delle attività rivolte a garantire la corretta movimentazione,

Dettagli

SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009

SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.9 RPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 Attività sensibile: GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE Reati associabili: Malversazione, indebita percezione (artt. 316-bis,

Dettagli

SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.5 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009

SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.5 RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 SERAM S.p.A.- PROTOCOLLO N.5 RPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FEBBRAIO 2009 Attività sensibile: AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE, RPORTI CON ENTI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI E RELATIVO CONTENZIOSO

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

Protocollo di comportamento n. 05. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01

Protocollo di comportamento n. 05. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01 Protocollo di comportamento n. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01 OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE

Dettagli

ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI

ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI . Analisi segnalazione e indagini sugli incidenti PR SGSL 10 Rev. 3 Pag. 1 di 10 PROCEDURA PR SGSL 10 ANALISI SEGNALAZIONE E INDAGINI SUGLI INCIDENTI 3 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

GESTIONE DEL PIANO DI EMERGENZA INTERNO (PEI) PROVE PERIODICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA ANTINCENDIO

GESTIONE DEL PIANO DI EMERGENZA INTERNO (PEI) PROVE PERIODICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA ANTINCENDIO . Gestione del Piano di Emergenza Interno (PEI) Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA GESTIONE DEL PIANO DI EMERGENZA INTERNO (PEI) PROVE PERIODICHE DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA ANTINCENDIO 2 Sett 11 Integrazione

Dettagli

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE D REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO IL RISCHIO

Dettagli

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO ATTRAVERSO L ART. 30 DEL D.LGS. 81/08 L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 Ivo Dagazzini Direttore

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA OBIETTIVI L impresa CERIOLI S.r.l. è da sempre attenta alle problematiche della sicurezza e della salute dei lavoratori in ambiente lavorativo. Gli obiettivi dell azienda sono: avere un anno di lavoro

Dettagli

ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO

ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO C P ALLEGATO A ANALISI DEI RISCHI REATO Ai sensi della legge 190 /2102 e degli art. 24 e 25 del d. lgs31/2001 CP Ticino Malpensa Revisione 03 del 18/11 2014 ANALISI DEI RISCHI REATO CP Ticino Malpensa

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE D: REATI IN TEMA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Approvato dal Consiglio

Dettagli

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011

D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011 D.Lgs. 231/2001: aggiornamenti normativi intervenuti nel 2011 I nuovi reati presupposto introdotti nel 2011 Reati ambientali (art. 25-undecies, D.Lgs. n. 231/01) Reati previsti dal Codice penale Uccisione,

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

ATTIVITA RICHIESTA DALL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO

ATTIVITA RICHIESTA DALL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO Pag. 1 di 6 ATTIVITA RICHIESTA DALL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO 0 Prima emissione Giuliani Giuliani Mannoni Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato Pag. 1 di 6 Pag. 2 di 6 INDICE INDICE... 2

Dettagli

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 PREMESSA: per compilare le tabelle che seguono sono stati inizialmente presi in considerazione tutti i reati previsti dal D.lgs.

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 ALITALIA SOCIETÀ AEREA ITALIANA S.p.A. ALLEGATO 1 ELENCO REATI 1 Adottato con delibera del 25/03/2016. INDICE I Reati previsti dal Decreto

Dettagli

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (D.M. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 Legge Regionale 17 dicembre 23 n.26: Verifiche Ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza degli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 della Provincia di Ravenna Risultanze e commenti

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Il DM 13 febbraio 2014, approvato dalla Commissione Consultiva nella seduta del 27 novembre 2013, ha lo scopo di attuare quanto previsto dal comma

Dettagli

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Reati ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ELENCO DELLE

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 PARTE SPECIALE E REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01 VICINI S.p.A. INDICE PRIMA PARTE... 4 1) Il decreto legislativo n. 231/ 2001... 4 2) La struttura del decreto... 4 3) Sanzioni applicabili... 7 4) Azioni

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA (approvato con Deliberazione Consiglio di Amministrazione del 25 febbraio 2015) Indice di Revisione Rev. Descrizione delle modifiche Data 1.0 Prima emissione Febbraio

Dettagli

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo)

CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) CHECK LIST della società AMIU S.P.A. (allegato C del Modello Organizzativo) 1. REATI SOCIETARI 2. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3. REATI SOCIETARI E FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI 4. REATI AMBIENTALI

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Introduzione. Fabio Spaggiari Consulente SSLL. info@fabiospaggiari.com

Introduzione. Fabio Spaggiari Consulente SSLL. info@fabiospaggiari.com Introduzione Fabio Spaggiari Consulente SSLL info@fabiospaggiari.com Argomenti Trattati Sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori; Soggetti del sistema di prevenzione aziendale secondo

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica,

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, Decreto Legislativo 231/2001 Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI

GESTIONE DELLE MANUTENZIONI . PR SGSL 5 Rev. 2 Pag. 1 di 9 PROCEDURA PR SGSL 05 GESTIONE DELLE MANUTENZIONI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 2009 Revisionato

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

Elenco dei principali documenti da gestire e archiviare

Elenco dei principali documenti da gestire e archiviare Elenco dei principali documenti da gestire e archiviare Il presente promemoria è una breve sintesi della maggior parte dei documenti che il GEST/DIR ed il RSGSL hanno il compito di gestire (elaborare o

Dettagli

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali Avv. Dario Soria Corte d appello penale di Roma Roma, 8 Giugno 2011 White collar crimes prevention and punishment Agenda

Dettagli

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing)

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing) Policy segnalazioni anomalie Versione: 1.0 Data: Tipo documento: Policy Pagina 1 di 12 Titolo documento: Policy Segnalazioni anomalie Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 1.2 GLOSSARIO...

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

ITINERA S.p.A. Impresa costruzioni edili, stradali, manutenzioni autostradali ed esercizio impianti

ITINERA S.p.A. Impresa costruzioni edili, stradali, manutenzioni autostradali ed esercizio impianti ITINERA S.p.A. Impresa costruzioni edili, stradali, manutenzioni autostradali ed esercizio impianti Organizzazione aziendale ITINERA S.p.A. ha individuato due rami aziendali: 1) Costruzione nuove opere

Dettagli

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 D.lgs 231/01 e responsabilità amministrativa (penale) delle società. Sostanziale obbligo di adozione di specifici modelli organizzativi

Dettagli

20.03.2014. REV. 2014/00 Pag. 1 di 7

20.03.2014. REV. 2014/00 Pag. 1 di 7 REV. 2014/00 Pag. 1 di 7 PROCEDURA 11 GESTIONE DELLA TUTELA DELL AMBIENTE INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE 4.1. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA

Dettagli

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

PROTOCOLLO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO PROTOCOLLO REATI CONTRO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 GOODYEAR DUNLOP TIRES ITALIA S.P.A. 4 febbraio 2013 2 Documento Protocollo Reati contro la Pubblica

Dettagli

Circolare n. 15 del 11/09/2013

Circolare n. 15 del 11/09/2013 Circolare n. 15 del 11/09/2013 OGGETTO: I. Decreto del fare: introdotte modifiche al D.Lgs. 81/08 II. Norma UNI 9994-1 per la manutenzione dei mezzi di estinzione incendi III. Valutazione del rischio da

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

CHECK UP 81 per l AUTOCONTROLLO Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/08 Edizione Aggiornata 2014

CHECK UP 81 per l AUTOCONTROLLO Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/08 Edizione Aggiornata 2014 ClubDellaSicurezza.it mette a disposizione un semplice strumento di autocontrollo, per poter verificare lo stato della Vs. Azienda nella messa a norma al D.Lgs. 81/2008 sulla Sicurezza sul Lavoro. Rispondendo

Dettagli

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas Il modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/01 e il reato connesso ad omicidio o lesioni personali gravi e gravissime in violazione di norme sulla prevenzione degli infortuni

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE. all Assemblea degli Azionisti di Ansaldo STS S.p.A.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE. all Assemblea degli Azionisti di Ansaldo STS S.p.A. ANSALDO STS S.P.A. SEDE LEGALE IN GENOVA, VIA PAOLO MANTOVANI 3-5 CAPITALE SOCIALE EURO 100.000.000,00 INTERAMENTE SOTTOSCRITTO E VERSATO NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI GENOVA E CF

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Direzione, RSPP, RLS, preposti 2. SCOPO

1. DISTRIBUZIONE Direzione, RSPP, RLS, preposti 2. SCOPO Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Monitoraggio salute e del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE, RSPP,

Dettagli

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG C.F. Denominazione Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) 80045210582

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la gestione aziendale i Definizione della Politica di prevenzione - Verificare

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

PROTOCOLLO REATI IN MATERIA

PROTOCOLLO REATI IN MATERIA PROTOCOLLO REATI IN MATERIA DI SALUTE E MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 GOODYEAR DUNLOP TIRES ITALIA S.P.A. 4 febbraio 20 2 Protocollo Reati in materia

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

A.P.M. S.p.a. (Azienda Pluriservizi Macerata)

A.P.M. S.p.a. (Azienda Pluriservizi Macerata) Pagina 1 di 7 PROCEDURA GESTIONALE INFORMAZIONI PER APPALTATORI Copia n Copia n : 0 Rev. Data Motivo Redazione e Verifica Approvazione 0 01/06/2007 Prima emissione 1 12/01/2009 Recepimento ISO 9001:2008

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità individuale

Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità individuale Procedura per la gestione della sicurezza per i reati contro la personalità Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da::

Dettagli

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali Avv. Dario Soria Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Roma Roma, 3 Marzo, 2011 White collar crimes

Dettagli

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e art. 25, D.Lgs. 231/01) - Malversazione a danno dello Stato o di altro

Dettagli

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI Salsomaggiore, 29 maggio 2009 D.Lgs. 81/08 I soggetti coinvolti R.L.S. Medico DL - Dirigenti Preposti R.S.P.P. Sistema di gestione permanente

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda"

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda" Il quadro di riferimento L evoluzione normativa e l introduzione di nuove fattispecie

Dettagli

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice Comportamento Aziendale.docV. 1.1 del 01/07/2013 1 Introduzione Il Codice di

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI

ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI Pag. 1 di 21 PROCEDURA ANALISI, IDENTIFICAZIONE, MISURA E CONTROLLO DEI RISCHI 2 Sett 11 Integrazione per norma OHSAS 18001: Giuliani Mannoni Mannoni 2007 e Documento Politica 2011 1 Giu 09 Revisionato

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 236 D.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Cava Medicea Inferiore e Cava Medicea Superiore PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Edizione numero 1 emessa nel mese di settembre 2015 Copia Nr.: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Assegnata a Questa Procedura

Dettagli

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e 25): Malversazione a danno dello Stato o di altro Ente Pubblico (art. 316 bis, cod. pen.); Indebita percezione di erogazioni

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Il DATORE di lavoro DESIGNA (oppure) INCARICA NOMINA Servizio INTERNO di prevenzione e protezione Servizio ESTERNO di consulenza alla sicurezza MEDICO competente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO D) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ESTERNO DI SUPPORTO AL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE NEL LUOGO DI LAVORO PER IL TRIENNIO 2011/2013. ART. 1 OGGETTO

Dettagli

POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO

POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO CAPITOLATO D ONERI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DEL SERVIZIO DI «GESTIONE INTEGRALE DELLA SICUREZZA NEI POSTI DI LAVORO- D.LGS. N. 81/2008 NEI LOCALI

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (D.M. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS.

A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS. A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS. 231/2001 (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE ai sensi D.Lgs 231/01 e 81/08

MODELLO ORGANIZZATIVO E GESTIONALE ai sensi D.Lgs 231/01 e 81/08 I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Modello di organizzazione e gestione ai sensi del D.Lgs. 231/01 art. 6 e del D.Lgs. 81/08 art. 30 (cod. 300.27) DIMOSTRATIVO MODELLO

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli