I bambini e le nuove tecnologie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I bambini e le nuove tecnologie"

Transcript

1 presenta I bambini e le nuove tecnologie Opportunità di crescita o pericolo? Pro e contro all uso dell Hi-Tech tra le mura domestiche relatore: Maurizio Duse Pres. Coll. Prov.le M.Duse - Consulenza ICT, Formazione e Organizzazione (Copyright M.Duse Tutti i diritti riservati)

2 Il relatore Socio ANIP Certificazione Liv. 6 IT Presidente Collegio Prov.le VE Socio ISIPM Certificazione ISIPM Iscr. Albo P.M. Professionisti Delegato Regionale ISIPM Membro C.D. C.T.U. Tribunale Ordinario di Venezia M.Duse - Consulenza Informatica ed Organizzazione (Copyright M.Duse Tutti i diritti riservati)

3 (da I pronipoti Hanna&Barbera) Anche se non proprio come immaginavano i cultori della fantascienza ed i futuristi la tecnologia, nelle sue svariate forme, ha invaso (oltre ai luoghi di lavoro) anche le nostre abitazione. La famiglie, volenti o nolenti, si trovano a dover usare molti nuovi strumenti, alcuni impensabili fino a qualche anno fa (basta pensare al negozio di elettrodomestici ).

4 Le nuove tecnologie in famiglia

5 ma chi le usa? Tanto Poco Poco Tanto Le nuove tecnologie in famiglia

6 ma perché? nati immersi in nuovi stimoli capacità naturali di apprendimento meno resistenze al cambiamento

7 perché i bambini apprendono ed utilizzano così facilmente la tecnologia? I bambini: programmati per imparare

8 Numero di cellule neurali nell uomo: 100 miliardi Numero di connessioni neurali nel bambino*: miliardi *6-12 anni Alla nascita il numero delle connessioni neurali è anche 10 volte maggiore che negli adulti

9 Al momento della nascita le connessioni neurali hanno contenuti pressoché casuali, essendo memorizzate poche esperienze: il bambino è pronto per apprendere

10 Stimoli ed esperienza modificano e rinforzano i contenuti (pesi) di certe connessioni: si consolidano la memoria ed i concetti fondamentali; il numero di connessioni aumenta fino a ca. 12 anni

11 Verso l età adolescenziale inizia un processo di eliminazione delle connessioni non utilizzate dai processi di apprendimento (potatura); cessa intorno ai 20 anni

12 L adulto, consolida le proprie esperienza (rinforzo dei pesi connettivi), ma è meno adatto ad apprendere nuovi concetti (anche se le connessioni sono più veloci)

13 Ma allora perché non sfruttare le capacità innate del bambino ad acquisire informazioni Sì, si chiama scuola ed educazione Ma mai abbandonarli da soli: l educazione deve essere guidata mediata supervisionata (da genitori, educatori, insegnanti)

14 il dilemma : ai bambini la tecnologia fa bene o fa male?

15 è giusto che li usino?..

16 un esempio: il computer in giovane età? S. Papert: psicologo di fama internazionale, docente MIT Il computer è il medium più potente. Se usato nel modo giusto è il miglior strumento tecnologico per l educazione. Se usato malamente è il più pericoloso.

17 La tecnologia: una medaglia a due facce Si No Come in TUTTE le cose della vita, anche nella tecnologia ci sono aspetti contrastanti: e, come sempre, usarla bene è una questione di EQULIBRIO!

18 L uso condizionato della tecnologia può rappresentare una grossa opportunità per la crescita sociale e culturale di un bambino. Ma deve essere sempre mediato (tempi, modalità d uso, spiegazione dei contenuti) da un educatore, da un genitore (o da entrambi). Nessuna tecnologia deve essere usata come baby-sitter : non lasciateli soli di fronte alle decisioni, educateli alla analisi critica delle informazioni. Nessuna tecnologia può sostituire i rapporti umani (socializzazione, gioco, apprendimento, affettività)_

19 Un esempio? Il telefonino A favore: linea diretta con vostro figlio quando non è con voi controllo/assistenza rapida/sicurezza/indipendenza apprendimento tecnologie di comunicazione e multimediali (foto, suoni, video, ) Contro: distrazione (dall apprendimento, nei comportamenti, ecc.) abuso e acquisizione modelli comportamentali negativi dipendenza mancata socializzazione naturale pericolosità radiazioni

20 Il telefonino cellulare, computer o strumento di socializzazione? Proviamo a vederlo assieme? Dimostrazione video sulle funzioni di uno smartphone

21 Il cellulare e quindi qualche consiglio fino ad una certa età (8-12 anni) non è poi così essenziale (comunque, col bambino, ci dovreste essere Voi o un educatore) prima degli 8-12 anni il rischio di danni derivanti dai suoi campi elettromagnetici è molto elevato e dannoso insegnategli che il cellulare NON è uno status symbol NON è un assicurazione da furti/rapine/violenza ecc. osservate attentamente l uso che ne fa vostro figlio (controllatene i costi) sensibilizzatelo a concetti di privacy, di servizi a pagamento e di copyright attenzione alle frodi informatiche/telematiche ed accesso indesiderato_

22 a casa, come utilizzare la tecnologia?

23 non lasciarli a se stessi nell utilizzo della tecnologia ma guidarli, osservarli, correggerli e consigliarli ma per far questo imparare regole e linguaggio della tecnologia

24 un esempio (tratto dal sito

25 ad esempio sai cosa significa (tratto dal sito

26 oppure sai cosa significa (tratto dal sito

27 oppure sai cosa significa (tratto dal sito

28 pertanto (tratto dal sito

29 Un altro esempio? Internet: lascereste i vostri figli da soli per strada?

30 e la scuola adotta la tecnologia?

31 Esempio: il computer nella scuola ruolo come strumento PER insegnare = -nuove metodologie didattiche -supporto alla soluzione di problemi di apprendimento -ricerca di informazioni on-line come materia DA insegnare = -introduzione all uso del computer -introduzione alla logica informatica -ricerca di informazioni on-line

32 Il computer nella scuola come strumento PER insegnare -nuove metodologie didattiche: ipertesti multimedialità open-learning learning by doing -supporto alla soluzione di problemi di apprendimento handicap sensoriali o motori problemi percettivi e/o cognitivi disagi o disadattameni -ricerca di informazioni on-line nuove fonti informative e/o materiale didattico aggiornamento materiale didattico riduzione costi documentazione / rapidità reperimento

33 Il computer nella scuola come materia DA insegnare -introduzione all uso del computer cos è un computer e a cosa serve (usi corretti e scorretti) come si usa: introduzione all uso dei principali programmi adatti ai bambini introduzione all uso delle periferiche/accessori -introduzione alla logica informatica come funziona un computer (per metafore) cenni al sistema binario ed alla logica booleiana (la matematica degli extraterrestri e dei robots ) -ricerca di informazioni on-line come trovare ecc.

34 Il computer nella scuola vantaggi: Uso del computer in giovane età rendere più facile e amichevole l utilizzo futuro della tecnologia informatica (nella vita e nel mondo del lavoro) potenziare le fonti ed i volumi di informazioni orientare a nuove professioni e a diverso approccio ai problemi facilità e rapidità di apprendimento dell età scolare possibili aspetti negativi (fenomeni estremizzati): tendenza all isolamento e all utilizzo di forme atipiche di comunicazione e relazione sociale possibili modelli negativi (artificialità, mancanza di regole o limiti, semplificazione dei processi, ecc.) false percezioni della realtà; scarsa criticità dipendenza (?)

35 Il computer nella scuola Errori da evitare lasciare i bambini da soli davanti al computer - utilizzare modelli didattici e procedure precedentemente predisposte (attività da svolgere, schede di verifica, materiale da conservare, ecc.) - guidare e monitorare costantemente l utilizzo dei programmi - definire, di volta in volta, obiettivi chiari e comprensibili (fare esempi) - installare sw di protezione usare il computer solo in aula computer! - le aule informatiche, anche se ben attrezzate, sono separate (in tutti i sensi) dal tessuto connettivo della scuola. Così isolato il computer non può che essere uno strumento indubbiamente moderno di un vecchio modo di insegnare!

36 qualche consiglio Internet mai prima di una certa età (se non è necessario) e limitare il tempo (patto collaborazione) MAI da solo (in giovane età, pc in camera, ecc.) imparare anche Voi sviluppare il senso critico (con esempi) browser o filtri dedicati ai bambini (parental control) sviluppare il concetto di privacy, copyright, servizi on demand insegnategli i pericoli a cui si può andare incontro (economici, fisici, psicologici, etici ) in caso di fenomeni spiacevoli rassicurate e fornite spiegazioni (no colpe o responsabilità dirette) evitargli giochi/siti violenti (spiegare perché) educarlo alla differenza tra vita reale e rappresentazioni virtuali no computer baby-sitter (per passare il tempo su usa altro)_

37 qualche consiglio Demo/esempio di parental control su pc: Microsoft Windows 7 Controllo Genitori

38 Bibliografia Minori, Corecom, La Vita Digitale, V. Andreoli, Rizzoli editore TV per un figlio, O. Ferraris, Laterza Editori Computer per un figlio, F. Antonucci, Laterza Editori Internet e minori, Comitato Internet e Minori, Armando Editore I Bambini ed il Computer, S. Papert, Rizzoli Editore Sicuri in rete, M. Ozenda e L. Bissolotti, Hoepli ed.

39 Siti utili (Emergenza Infanzia)

40 per concludere I nostri figli, proprio perché così precoci nell apprendimento veloce di informazioni (così tempestati da stimoli come sono), necessitano maggiormente (ancor di più di una volta) di valori, linee guida, regole e confini che, come da sempre, saremo noi genitori ed educatori a fornire. dai frutti riconoscerete gli alberi : diamogli buoni esempi!

41 ha presentato I bambini e le nuove tecnologie Una presentazione di: Maurizio Duse Consulente ICT e Formatore M.Duse - Consulenza ICT, Formazione e Organizzazione (Copyright M.Duse Tutti i diritti riservati)

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2013-2014 Piccibaby MOTIVAZIONE L'approccio corretto alle tecnologie è indispensabile per i bambini di oggi che hanno bisogno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI 1 ORIZZONTE DI RIFERIMENTO EUROPEO: COMPETENZA DIGITALE PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE:

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2010/11)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2010/11) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2010/11)

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara Curricolo 2014/2015 Infanzia-Primaria-Secondaria di I grado COMPETENZE DIGITALI

Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Ferrara Curricolo 2014/2015 Infanzia-Primaria-Secondaria di I grado COMPETENZE DIGITALI Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I grado di Franca Da Re Indicazioni Nazionali 2012 La competenza digitale è ritenuta dall Unione Europea competenza chiave, per la sua importanza e pervasività

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

M.Duse Consulenza ICT, Formazione ed Organizzazione. Manuale essenziale. per l utilizzo operativo di. SugarCRM C.E. Basato sulla versione 6.

M.Duse Consulenza ICT, Formazione ed Organizzazione. Manuale essenziale. per l utilizzo operativo di. SugarCRM C.E. Basato sulla versione 6. 1 M.Duse Consulenza ICT, Formazione ed Organizzazione Manuale essenziale per l utilizzo operativo di SugarCRM C.E. Basato sulla versione 6.5 Copyright Maurizio Duse 2014 Il presente manuale può essere

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

a cura dott.ssa Maria Cristina Theis

a cura dott.ssa Maria Cristina Theis Essere genitori «nell era digitale: implicazioni delle nuove tecnologie (internet, cellulari, televisione, videogiochi) nella crescita dei bambini e modalità di approccio al loro utilizzo. a cura dott.ssa

Dettagli

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori «Un PC per amico» uso consapevole del computer nei social network e per i compiti http://www.powtoon.com/show/f7jleflspt9/un-pc-per-amico/#/

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni

Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni Online a 10 anni: rischi web correlati e possibili soluzioni Un incontro per i genitori delle classi V delle scuole primarie Dr. Stefano Bonato, Psicologo esperto in Nuove Dipendenze Pg. 1 INDICE 1. Premessa

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015

Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015 Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015 Seminario L uso del tablet Descrizione del corso unità di competenza: 4. Servizi al pubblico codice di classificazione OF: 4.1.3. Media literacy qualificazione

Dettagli

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni.

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Dott.ssa Cristina Gazzi Dott.ssa Elena Angaran PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SPECIALE

Dettagli

ISBN 978-88-233-3291-1 Edizioni Tramontana. Lucia Barale Luca Cagliero PRESENTAZIONE DELLA CLASSE

ISBN 978-88-233-3291-1 Edizioni Tramontana. Lucia Barale Luca Cagliero PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE CIGNA, BARUFFI, GARELLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PIANO DIDATTICO ANNUALE 3ª INDIRIZZO RIM ARTICOLAZIONE RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Docente: Ore totali d insegnamento

Dettagli

Nuove tecnologie tra scuola e famiglia

Nuove tecnologie tra scuola e famiglia Nuove tecnologie tra scuola e famiglia Dalla connessione alla relazione e ritorno Per cominciare Hikikomori È un termine giapponese usato per riferirsi a chi sceglie di ritirarsi dalla vita sociale, spesso

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 BOLOGNA Via Giulio Verne, 19-40128 Bologna tel. 051-320558 - Fax 051-320960 boic81500c@istruzione.it http//www.ic4bologna.gov.it PEC: boic81500c@pec.istruzione.it PIANO DIDATTICO

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Dott.ssa Letizia Moretti

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Dott.ssa Letizia Moretti I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Dott.ssa Letizia Moretti INDICE DELLE LEZIONI Cosa sono i DSA, quali le cause, i sintomi e i disturbi correlati

Dettagli

esafety Policy (Politica di Sicurezza Informatica)

esafety Policy (Politica di Sicurezza Informatica) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TRIONFALE Via Trionfale n 7333-00135 ROMA (Distretto Scol. 27 ) 06/3054188 06/ 35059840 fax 06/35073104 rmic8gt00n@istruzione.it

Dettagli

BAMBINI 2.0 LE NUOVE RELAZIONI TRA INTERNET, SOCIAL NETWORK E MONDO VIRTUALE

BAMBINI 2.0 LE NUOVE RELAZIONI TRA INTERNET, SOCIAL NETWORK E MONDO VIRTUALE BAMBINI 2.0 LE NUOVE RELAZIONI TRA INTERNET, SOCIAL NETWORK E MONDO VIRTUALE ISTITUTO MATER DIVINAE GRATIAE in collaborazione con ISTITUTO DI PSICOTERAPIA DEL BAMBINO E DELL ADOLESCENTE A cura di: Dott.ssa

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI TECNOLOGIA, INFORMATICA, COMPETENZA DIGITALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI TECNOLOGIA, INFORMATICA, COMPETENZA DIGITALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CREAZZO CURRICOLO DI TECNOLOGIA, INFORMATICA, COMPETENZA DIGITALE ASPETTI FORMATIVI Gli obiettivi formativi di tecnologia e informatica sono: Formare le basi per il pensiero

Dettagli

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy

Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy Internet e Social Networks: Sicurezza e Privacy M. Claudia Buzzi, Marina Buzzi IIT-CNR, via Moruzzi 1, Pisa Marina.Buzzi@iit.cnr.it, Claudia.Buzzi@iit.cnr.it Nativi digitali: crescere nell'era di Internet

Dettagli

Internet = opportunità

Internet = opportunità Utili suggerimenti a genitori ed insegnanti per minimizzare i rischi Chemello Dott. Ing. Nicola Internet = opportunità Navigazione senza limiti per i ragazzi: pro e contro possibili contatti con adulti

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione LOGOS Didattica della Comunicazione Didattica Comunicazione e comunità hanno la stessa radice linguistica: le comunità esistono attraverso la condivisione di significati comuni e di forme comuni di comunicazione(j.

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso base L uso dei blog nella didattica delle discipline artistiche Criteri per la selezione di software

Dettagli

Sessione informativa uso consapevole e legale della rete

Sessione informativa uso consapevole e legale della rete Scuola Media Alighieri Sanremo Sessione informativa uso consapevole e legale della rete Mauro Ozenda Consulente IT (www.tecnoager.eu) 1 SCENARIO ATTUALE MINORI E NUOVE TECNOLOGIE Per la prima volta nella

Dettagli

Introduzione INTRODUZIONE

Introduzione INTRODUZIONE Introduzione Una frase presa da un libro di testo, anziché esplicitare un concetto, presenta, a volte, difficoltà che possono suscitare nel bambino perplessità piuttosto che comprensione. INTRODUZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Telecomunicazioni Classe: 1BM A.S. 2015/16 Docenti: Lombino Giuseppe Codocente Gianello Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 16 alunni maschi di cui quattro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Fai trovare la tua azienda in rete con Google My Business

Fai trovare la tua azienda in rete con Google My Business presenta Fai trovare la tua azienda in rete con Google My Business Scopri le funzioni del servizio geolocalizzato di Google per promuovere la tua attività Claudio Gagliardini Blogger & Consulente Web 1h

Dettagli

NORME D'USO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA CIVICA E DEL CENTRO MULTIMEDIALE DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO

NORME D'USO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA CIVICA E DEL CENTRO MULTIMEDIALE DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO NORME D'USO DEL SERVIZIO INTERNET DELLA BIBLIOTECA CIVICA E DEL CENTRO MULTIMEDIALE DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO 1. Obiettivi del servizio 1.1 La Biblioteca Civica e il Centro Multimediale del Comune

Dettagli

Progetto Navigando nel web

Progetto Navigando nel web Istituto Scolastico Statale Comprensivo XX Settembre Via Signorelli,1-95128 Catania (CT) Tel/Fax 095434114 - Cod. Mecc CTIC89200C www.icxxsettembre.gov.it Progetto Navigando nel web Scuola Secondaria di

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

Integrare il digitale nei corsi di italiano. Simone Gius+ www.simonegius+.eu

Integrare il digitale nei corsi di italiano. Simone Gius+ www.simonegius+.eu Integrare il digitale nei corsi di italiano Simone Gius+ www.simonegius+.eu 1 ISTRUZIONE DEGLI ADULTI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (ai sensi dell art.11, comma 10 del D.P.R. 263/12)

Dettagli

Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR

Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR Programma Scuola Primaria EIPASS JUNIOR Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali di base in soggetti in età scolare (8-13 anni) rappresentano, a tutt oggi, una fra

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

USO CONSAPEVOLE DEL WEB. Tutela dei minori e della famiglia PARENTAL CONTROL

USO CONSAPEVOLE DEL WEB. Tutela dei minori e della famiglia PARENTAL CONTROL USO CONSAPEVOLE DEL WEB Tutela dei minori e della famiglia PARENTAL CONTROL Fabio Corvini - formatore scolastico sulla sicurezza del web sullo sviluppo di internet e della rete informatica Argomenti trattati

Dettagli

a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari

a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari E SOLO

Dettagli

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it

Genitori. Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni. www.helendoron.it Genitori Il dono dell'inglese per bambini dai 3 mesi ai 19 anni www.helendoron.it Cari genitori, siamo felici che abbiate deciso di includere vostro/a figlio/a nelle lezioni di gruppo del programma Helen

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PREMESSA L utilizzo delle tecnologie didattiche nel processo d insegnamento

Dettagli

Corso di LABORATORIO DIGITALE 1

Corso di LABORATORIO DIGITALE 1 Corso di LABORATORIO DIGITALE 1 Laurea triennale - Comunicazione&DAMS 1 1 Dipartimento di Matematica Università della Calabria Corso di laurea intercalsse in COMUNICAZIONE&DAMS www.mat.unical.it/bria/labdigitale1-aa2011-12.html

Dettagli

PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA

PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA PROGETTO: SCREENING PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO PREMESSA La Dislessia Evolutiva (DE o DSA) è un disturbo neurobiologico che riguarda, secondo le più recenti statistiche,

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco La Scuola Classi : scuola formata da 7 corsi completi 21 classi 14 tempo normale e 7 tempo prolungato Organico docenti: circa 55 docenti quasi tutti di ruolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO. SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO. SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA Titolo/Denominazione " L'energia: lu sule, l acqua, lu ientu" Anno scolastico 2014/2015

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE:

CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: CORSI DI FORMAZIONE PER LA FUNZIONE DOCENTE IN "LE NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE: Uso didattico del TABLET Livello Base (100 ore), Livello Intermedio (150 ore), Livello Avanzato

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE Caro collega, grazie per la tua disponibilità. Compilando questo questionario, che richiederà solo 5 10 minuti, ci aiuterai a calibrare meglio la scelta

Dettagli

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Corso di formazione per docenti Nuovi scenari formativi in una scuola inclusiva LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Prof. Maurizio Molendini 1 La lavagna

Dettagli

Proteggi la tua famiglia online

Proteggi la tua famiglia online con la collaborazione di Proteggi la tua famiglia online Pensi che il PHISHING sia solo un tipo di pesca? Pensi che i COOKIE siano solo biscotti? Pensi che un VIRUS sia solo un raffreddore? Proteggi la

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

Syllabus di Elementi di Informatica la scuola dell obbligo anno 2010

Syllabus di Elementi di Informatica la scuola dell obbligo anno 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti del Sistema Nazionale di Istruzione e per l Autonomia Scolastica Syllabus

Dettagli

STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO

STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO 3.5 Area Tecnologica STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO E NELLA LORO FUNZIONE. Livello 1 1.1 Esplicita i propri bisogni di comunicazione e di organizzazione di

Dettagli

Corso PNSD. Progettazione di ambienti di apprendimento. Comunicazione e relazioni con la LIM, social

Corso PNSD. Progettazione di ambienti di apprendimento. Comunicazione e relazioni con la LIM, social Corso PNSD CORSO AVANZATO (durata 38 : A r e a tematica Contenuto Tutor per o g n i modulo CALENDA RIO 726 Progettazione di setting per la didattica: la classe laboratorio (attrezzata con LIM, document

Dettagli

LINGUE STRANIERE Liv. I. LINGUE STRANIERE Liv. II. LINGUE STRANIERE Liv. III. LINGUE STRANIERE Conversazione INGLESE BUSINESS

LINGUE STRANIERE Liv. I. LINGUE STRANIERE Liv. II. LINGUE STRANIERE Liv. III. LINGUE STRANIERE Conversazione INGLESE BUSINESS Catalogo dei corsi serali e pomeridiani I.T.E. Enrico Tosi di Busto Arsizio a.s. 2014-2015 LINGUE STRANIERE Liv. I Il corso è destinato a coloro che non hanno mai affrontato lo studio della lingua o hanno

Dettagli

PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE

PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE Motivare / Coinvolgere / Recuperare/ Valorizzare/ Giovane e Studente oggi Cambiamenti profondi a livello di: Strutture familiari Sistema formativo

Dettagli

DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO COME INTERVENIRE ALLA LUCE DELLA LEGGE 170/2010 A CURA DEL PROF. Benedetto di Biasio A.S. 2011/2012 LA DISLESSIA è un disturbo strumentale di lettura. Ad esso

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

COME LE TECNOLOGIE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE SOCIALSOFTWARE. Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi

COME LE TECNOLOGIE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE SOCIALSOFTWARE. Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi COME LE TECNOLOGIE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE I SOCIALSOFTWARE Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi Università di Padova Seminario di contatto Cl@ssi 2.0 Gruppo di lavoro

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI

CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ROVELLASCA CORSO DI INFORMATICA PER ADULTI Docente: Ing. ALDO RUSSO 18 novembre 2015 LA PAROLA ALL ESPERTO Il posto dello strumento informatico nella cultura è tale che l educazione

Dettagli

Prot. n. 2807/B15 Lainate, 19.09.2013 IL DIRIGENTE SCOLASTICO DA AVVISO

Prot. n. 2807/B15 Lainate, 19.09.2013 IL DIRIGENTE SCOLASTICO DA AVVISO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA LAMARMORA LAINATE Via Lamarmora 20020 Lainate (MI) Tel 029371716 Fax 0293572010 Cod. MPI MIIC8BC004 CF 93528430155 e-mail: ellam@tiscali.it PEC: miic8bc004@pec.istruzione.it

Dettagli

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico.

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico. INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA Esperienza di didattica con un bambino autistico. PROGETTO DI VITA INCLUSIVO l offerta formativa realmente inclusiva è data dalla speciale normalità che si può definire

Dettagli

Competenze di riferimento: osservare, descrivere, conoscere, analizzare ed

Competenze di riferimento: osservare, descrivere, conoscere, analizzare ed PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2014.2015 Arte della Tipografia e della Grafica Pubblicitaria_D613 Classe 5D Prof.ssa Moira Piemonte 1. Obiettivi. Obiettivi disciplinari. Acquisire le competenze/conoscenze

Dettagli

Via Conte Amizzone, 10 Arona (NO) Italia. massimo@ramponi.eu; mramponi@liuc.it Italian. A.A. 2009/10 - oggi Professore a Contratto

Via Conte Amizzone, 10 Arona (NO) Italia. massimo@ramponi.eu; mramponi@liuc.it Italian. A.A. 2009/10 - oggi Professore a Contratto Europass Curriculum Vitae Informazioni Personali Nome e Cognome Indirizzo Massimo Ramponi Via Conte Amizzone, 10 Arona (NO) Italia Cellulare (+39) 348.3101147 Fax (+39) 0331.860998 E-mail Nazionalità massimo@ramponi.eu;

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE ATTIVITA OPERATIVE

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE ATTIVITA OPERATIVE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: tutte DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte La competenza digitale è ritenuta dall Unione Europea competenza chiave, per la sua importanza e pervasività nel mondo d oggi. L approccio

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI Il Software Software di Base Sistema Operativo (Software di base essenziale) Software di base non essenziale Utility Driver Software applicativi (Applicazioni)

Dettagli

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT Certificazione Pedagogica Europea per le Tic EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT www.epict.it www.epict.org Indice MODULO A... 3 MODULO B... 4 MODULO C... 5 MODULO H...

Dettagli

Docente di scuola:.. Sei interessato a svolgere corsi di aggiornamento durante questo anno scolastico?

Docente di scuola:.. Sei interessato a svolgere corsi di aggiornamento durante questo anno scolastico? QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DEL RAPPORTO TRA IL DOCENTE E IL DIGITALE AL FINE DELL ATTIVAZIONE DI CORSI DI AGGIORNAMENTO COME PREVISTO DAL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Docente di scuola:.. Sei interessato

Dettagli

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI

Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis. www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI Servizio di Psicologia Scolastica SPAZIO ASCOLTO I.C. via De Andreis www.spazioascolto.it CRESCERE GENITORI I PROSSIMI INCONTRI 28 APRILE Bullismo: azioni efficaci per contrastarlo 19 MAGGIO Rapporto famiglia-scuola:

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA

NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA MOTIVAZIONE Molti bambini di oggi vivono in un contesto esperienziale

Dettagli

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Il presente indice dispone gli argomenti contenuti nel volume Corso di scienze umane e sociali in base alle indicazioni fornite dal Ministero dell Istruzione

Dettagli

Fondamenti di Informatica MultiDAMS

Fondamenti di Informatica MultiDAMS Fondamenti di Informatica MultiDAMS Docente: Prof. Rossano Gaeta Lezioni: Lunedì ore 8-12 (aula 15) Martedì ore 8-10 (aula 38) Mercoledì ore 8-10 (aula 38) Orario e luogo di ricevimento: sala docenti MultiDams

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Titolo STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Destinatari Docenti Primaria Docenti secondaria I e II Buona conoscenza e utilizzo del computer Buona conoscenza e utilizzo del computer

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

Applicazioni desktop installata

Applicazioni desktop installata quali applicazioni? Applicazioni desktop Un applicazione desktop è un applicazione che viene eseguita fisicamente sul vostro computer: è stata precedentemente installata e viene distribuita sotto forma

Dettagli

COME LE TECNOLOGIE I SOCIALSOFTWARE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE. Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi

COME LE TECNOLOGIE I SOCIALSOFTWARE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE. Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi COME LE TECNOLOGIE POSSONO MEDIARE L AMBITO FORMALE E NON FORMALE I SOCIALSOFTWARE Prof. Corrado Petrucco Prof.ssa Marina De Rossi Università di Padova Seminario Montecatini Ottobre 2010 - Cl@ssi 2.0 Gruppo

Dettagli

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi

Si informano sulle tariffe, aderiscono alle promozioni (in assenza delle quali la spesa mensile sarebbe molto più che raddoppiata), utilizzano quasi Ragazzi e telefonino Siamo negli anni novanta, una pubblicità mostra una ragazza che romanticamente chiede al suo fidanzato all altro capo del telefono «Mi ami?...ma quanto mi ami? E mi pensi?...ma quanto

Dettagli

INSEGNARE LOGICA, GEOMETRIA E PROGRAMMAZIONE AI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

INSEGNARE LOGICA, GEOMETRIA E PROGRAMMAZIONE AI BAMBINI DELLE ELEMENTARI INSEGNARE LOGICA, GEOMETRIA E PROGRAMMAZIONE AI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PRESENTAZIONE DEL CORSO Gherardo Albano e Ugo Landini Logo: uno strumento per insegnare Un po di storia Il LOGO è un linguaggio

Dettagli

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi Il servizio Home Autismo basa il suo intervento sui principi e approcci educativi del programma

Dettagli

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto English Podcast è stato finalizzato alla registrazione di file audio o video di lezioni in

Dettagli

Privacy, dati e denaro al sicuro con i nuovi

Privacy, dati e denaro al sicuro con i nuovi Privacy, dati e denaro al sicuro con i nuovi prodotti Kaspersky Lab Milano, 3 settembre 2014 Kaspersky Lab lancia la nuova linea prodotti per utenti privati: Kaspersky Anti-Virus 2015, Kaspersky Internet

Dettagli

MATERIA: Tecnologie Informatiche

MATERIA: Tecnologie Informatiche MATERIA: Tecnologie Informatiche CLASSI Prime EE DOCENTI : Madlena Flavio, Contini Eli UFC N 1 15 ore STRUTTURA E NORMATIVE CONOSCENZE : Struttura di un PC, Hardware e Software, periferiche e interfacce,

Dettagli

Accademi@Sicurezza. SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Servizi di formazione e aggiornamento

Accademi@Sicurezza. SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Servizi di formazione e aggiornamento Accademi@Sicurezza SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Servizi di formazione e aggiornamento Luglio 2012 Alcuni assunti sulla formazione per la sicurezza La sicurezza è un fenomeno comportamentale

Dettagli

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

P.E.I. PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Via Pascoli Via G. Pascoli, 256-47521 CESENA (FC) Tel. 0547/611134 - Fax. 0547/29163 E-mail: fomm03100p@istruzione.it - www.viapascolicesena.gov.it P.E.I. PIANO

Dettagli

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione)

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) Maldestrezza, scoordinamenti Disordini nelle prassie

Dettagli

DURATA. Pesaro DAL 6 nov. AL 26 nov. 2002 (20 ore) Fidenza DAL 15 ott. AL 12 dic. 2002 (20 ore) DURATA. Università Chieti Erickson Trento

DURATA. Pesaro DAL 6 nov. AL 26 nov. 2002 (20 ore) Fidenza DAL 15 ott. AL 12 dic. 2002 (20 ore) DURATA. Università Chieti Erickson Trento PRESENTAZIONE delle INIZIATIVE di FORMAZIONE ORGANIZZATE dai SOGGETTI ACCREDITATI o RICONOSCIUTI COME QUALIFICATI ( DM 177/2000, art. 4 ) ENTE_ C.A.M. Centro per l'apprendimento Mediato - Metacognizione

Dettagli

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica lettera ai genitori : informazioni sul progetto Alle famiglie degli alunni della classe II B della Scuola Primaria Virgilio Giotti. Oggetto: Educazione stradale e attività scientifiche collegate. La sottoscritta

Dettagli