Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte

2 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon PROCESSI SNELLI (programmazione livellata, bilanciamento) pagina 2

3 Sommario della lezione Gestione dell Informazione Aziendale nella Lean Manufacturing Sviluppo programmazione livellata Bilanciamento del flusso pagina 3

4 LUNGO PERIODO Piano strategico commerciale Piano strategico di produzione MEDIO PERIODO Gestione tipo ordini (PV, AE, OC) Piano principale Piano aggregato Gestione delle risorse (impianti, materiali, capacità) BREVE PERIODO Pianificazione dei materiali Schedulazione lavorazioni Pianificazione delle capacità Schedulazione capacità MATERIALI CAPACITA' PRODUTTIVE pagina 4

5 La programmazione del montaggio finale è il motore di trazione del processo se la pianificazione è diretta al raggiungimento di un programma di montaggio finale livellato I programmi di montaggio finale diventano sempre più dettagliati man mano che il periodo di pianificazione della domanda si avvicina al periodo congelato Il programma di montaggio finale deve prevedere una sequenza dei mix di prodotti che devono essere assemblati. Esempio prodotti richiesti mese A 400pcs B 300pcs C 200pcs Sequenza possibile (ciclo che si ripete ogni 100 unità) A-B-C-A-B-C-A-B-A pagina 5

6 Fissata la sequenza si determina il tempo ciclo di ogni prodotto che stabilisce le quantità giornaliere di ogni prodotto (cadenza). Esempio (turno 7 ore uomo = 420min, giorni lavorativi in un mese 20) Richieste mensili 400 Modello A = = 20pcs./gg Giorni mese 20 Modello B 15pcs./gg Modello C 10pcs./gg Produzione TOTALE giornaliera nel mix 45pcs. pagina 6

7 420min Tempo richiesto modello A = 21min 20pcs. Tempo richiesto modello B 420/15pcs = 28min Tempo richiesto modello C 420/10pcs = 42min TOTALE = 420/45 = 9,3min (cadenza) La sequenza si ripete ogni 4pcs. in 42min (10 volte al giorno) nel mix seguente: 2pcs. modello A, 1 pcs. modello B e 1pcs. modello C pagina 7

8 La programmazione del montaggio finale fissa quindi quali sono i ritmi fabbricazione per bilanciare le linee e permettere ad ogni linea di pianificare in anticipo tenendo conto del flusso disponibile per il montaggio. Le variazioni di tali ritmi è complessa ed è possibile intervenire solo per piccole correzioni del mix, è quindi fondamentale definire il periodo di programmazione congelato entro cui non sono permesse variazioni del mix di prodotto. La quantità da produrre deve essere fissata per un periodo commisurato alla possibilità di implementare un programma livellato Il programma livellato presuppone che il materiale, e più in generale il processo, sia tirato dal programma di assemblaggio finale Le pre pianificazioni (pianificazione di produzione e piano principale di produzione) anticipano il programma di assemblaggio finale di 3:6 mesi. pagina 8

9 Programma principale di produzione orizzonte di pianificazione 3-6 mesi usato per pianificare i mix di prodotti per modelli e per famiglie. Man mano si avvicina alla data di realizzazione diventa più simile al programma di montaggio finale. Ciclo di revisione 1 mese Programma di produzione orizzonte di pianificazione 3-6 mesi esplosione delle programma principale di produzione mediante la distinta base tecnica e distinta base produttiva. Dalla data di consegna a ritroso in base ai LT e al tempo ciclo di produzione applicando metodologie MRP pianificando in anticipo i supporti richiesti (materiali e manodopera). Risulta un insieme di programmi di montaggio. Ciclo di revisione 1 mese Programma di montaggio finale (FAS) orizzonte di pianificazione 2-5 giorni piano del montaggio giornaliero. Esecuzione reale dei prognammi in modo che la domanda dei materiali sia uniforme per tutto il perido di produzione entro i ritmi globali e nel rispetto della pianificazione dei mix stabiliti. Il periodo di tempo su cui si fissano i ritmi globali di produzione variano da 5 a 25 giorni lavorativi ma tipicamente ciò è fatto nel perido di pianificazione di un mese. Ciclo di revisione giornaliero M-2 M-1 M P-1 P P+1 N-4 N-3 N-2 N-1 N pagina 9

10 Maggiore è la visibilità della domanda maggiormente sarà livellata la programmazione di assemblaggio finale che avviene su un periodo dai 5 ai 25 giorni. E necessario un trade-off tra domanda e tempo di risposta. L orizzonte congelato non può essere troppo lungo da diventare un non servizio e una non risposta alla flessibilità richiesta. Il periodo di congelamento è quindi un compromesso tra la flessibilità richiesta (variazioni del mix), tempi di approvvigionamento necessari e la possibilità di mantenere il programma di montaggio finale entro limiti accettabili per il sistema a trazione nel rispetto delle sequenze e dei tempi ciclo. pagina 10

11 Definite le sequenze del mix, i tempi (le cadenze) ed il periodo di congelamento, la pianificazione ha almeno tre tipi di risposta: Make to stock (tempo di attraversamento > tempo di consegna accettato quindi produco su previsione (prodotti propri consolidati a catalogo) Make to order (attendo prima di produrre ma acquisto materiali su previsionali attendendo ordine con la massima visibilità possibile) (alto valore aggiunto) Assembly to order (montaggio finale su ordine di prodotti e materiali approvvigionati su base previsionale) (alto grado di personalizzazione) pagina 11

12 Processi snelli Pianificazione e Programmazione APPROVVIGIONAMENTO LAVORAZIONE ASSEMBLAGGIO / COLLAUDO LEAD TIME CONSEGNA PREVISIONALE/SCORTA LEAD TIME CONSEGNA PREVISIONALE/SCORTA LEAD TIME CONSEGNA PREVISIONALE pagina 12

13 Make to stock In questo caso quantità e sequenze discostano poco da un programma livellato con la regola di programmazione seguente: Produzione Programmata = prev. + scorta rim. La produzione è quindi connessa alla previsione della domanda costituendo scorte di riserva per gestire la variazione della domanda consuntivata pagina 13

14 Make to stock La produzione cumulativa segue l andamento delle vendite ma se la richiesta commerciale va in rottura di stock la programmazione potrebbe non inseguire l incremento (capacità infinta o eccesso di magazzino). Va quindi gestito il tempo di risposta a situazioni di incremento dell ordinato. Un ritmo giornaliero di montaggio costante su un periodo minore di un mese e variazioni di mix di prodotto gestibili in meno di 10gg possono permettere variazioni maggiori Più spesso si ripianifica, in funzione del portafoglio ordini, più la produzione può inseguire le sue variazioni. Capacità di essere flessibili e non solo riduzione tempi di attraversamento. Ottimizzare i tempi di risposta alle variazioni pagina 14

15 Mese previsione rimanenza iniziale produzione programmata domanda consuntivata rimanenza finale scorta 100 Mese previsione rimanenza iniziale produzione programmata domanda consuntivata rimanenza finale pagina 15

16 1800 Programmazione Unità cumulativa previsione cumultiva domanda cumulativa produzione cumulativa Mese pagina 16

17 Make to order In questo caso è necessario avere un portafoglio ordini nel mix tale da poter sviluppare i programmi di montaggio entro i limiti fissati dai tempi di processo (mediamente dai 5 ai 25 giorni) La programmazione è più complessa poiché il portafoglio è composto da una maggiore varietà di mix di prodotto richiesto. pagina 17

18 Make to order Prepianificazione a tre mesi. Processo di pianificazione che porta al mese M M-3 M-2 M-1 M Piano iniziale di Secondo piano Ordine finale per cadenza e mix per di cadenza per cadenze modelli e il mese M modelli varianti pagina 18

19 Make to order Programmazione del piano principale in blocchi di 10 giorni con rilascio del piano di mix e periodi di pianificazione per cambio di mix P-1 P P+1 Per piano P Per P+1 Oggi Per P+2 Il blocco di 10gg in corso è congelato mentre il blocco P+1 può contenere variazioni di mix. pagina 19

20 Make to order Programmazione montaggio finale (FAS) livellata da produrre nel giorno N N-4 N-3 N-2 N-1 N (oggi) Stimata FAS migliorata Possibili cambiamenti FAS congelata pagina 20

21 Make to order Pianificare la produzione significa sviluppare e affinare un insieme di programmi di montaggio (uno livellato e n fissi). Quanto più numerosi sono i giorni di ordinato tanto meglio i programmi giornalieri combaciano con i mix che la rete produttiva è in grado di gestire Quanto più è flessibile il sistema produttivo tanto minori saranno i vincoli per la selezione degli ordini giornalieri per il montaggio Avere ordini inevasi in attesa della selezione rappresenta tempi di attesa per il cliente, la soluzione è la ricerca della flessibilità per ridurre i tempi di attraversamento dei mix e non un eccesso di pianificazione Produrre i prodotti più richiesti in anticipo sul programma, per ottenere una produzione livellata, lede il principio di collegare il flusso al mercato (pull). pagina 21

22 Make to order La gestione degli ordini e la loro trasformazione in programma di produzione per essere efficace deve essere svolta in tempi rapidi, ma ciò dipende da: L ordine deve essere controllato per verificare la completezza L ordine deve essere controllato per la verifica tecnica Gestione delle variazioni d ordine Gestione date di consegna Gestione delle varianti di distinta base pagina 22

23 Make to order E importante la variabilità del flusso dell ordinato. Picchi mensili devono essere gestiti dalla programmazione. Flussi regolari di ordini permetto di costruire un programma di produzione selezionando ordini all interno di un periodo di tempo più lungo. Avere ordini a blocchi può significare ritardi di consegna.. e la natura del portafoglio Nuovi prodotti (e nuovi clienti) non permettono una gestione uniforme del mix pagina 23

24 La pianificazione è solo uno degli strumenti (20%) per il controllo della produzione che devono comprendere la rivisitazione del processo (80%) in termini: Revisione del layout dello stabilimento (ordine, pulizia e corretto flusso del materiale) (t attraversamento ) Sviluppo verso l automazione flessibile (tempi di attrezzamento) (t attrezzaggio ) Riduzione tempi di lavorazione con aumento della flessibilità della produzione (t ciclo ) Manutenzione preventiva (perdite per microfermate) (t fermata ) Bilanciamento risorse/tempi ciclo (perdite per tempi di attesa) (t attesa ) pagina 24

25 Il tempo di attrezzamento è inteso come il tempo che intercorre tra la produzione del modello A e la produzione del primo modello B buono, può essere ottimizzato riducendo e convertendo il tempo di attrezzamento interno (a macchina ferma) in tempo di attrezzamento esterno (a macchina in produzione). Metodi di riduzione dei tempi di attrezzamento: Verificare come sono eseguiti gli attrezzamenti Spostare le attività di attrezzamento interno in esterno Rivedere layout e procedure di alimentazione linea Eliminare i sollevamenti Eliminare il tempo di regolazione Rivedere l attività eseguibile da un operatore soltanto Organizzare kit di materiale e la loro sequenza per il montaggio di gruppi e sottogruppi per rendere rapido il cambio tra i montaggi pagina 25

26 In un processo snello i ritmi di produzione devono diventare più coordinati con la conseguente riduzione dei magazzini e le produzioni collegate. Idealmente il tempo ciclo di lavorazione di ogni particolare nel flusso a monte dovrebbe coincidere con il tempo ciclo di utilizzo nella fase finale del flusso a valle. Il bilanciamento del flusso dei materiali significa Bilanciamento dei tempi di lavorazione Bilanciamento delle risorse uomo Bilanciamento delle risorse macchina pagina 26

27 Il bilanciamento delle linee di produzione significa, per la maggior parte dei casi, bilanciamento delle risorse uomo. Il punto di accumulo materiali in linea è il criterio di scelta per evidenziare le criticità (bottle neck) su cui intervenire. L ammontare delle scorte intermedie fra centri di lavoro è una indicazione dello sbilanciamento delle velocità di ciclo. Il bilanciamento del materiale e quello delle lavorazioni non sono indipendenti perché il sintomo principale dello sbilanciamento delle lavorazioni consiste nell eccesso o nella mancanza di materiale. Nel più semplice dei casi questo appare nelle lavorazioni di particolari quando le operazioni diventano strettamente collegate e fisicamente accostate. pagina 27

28 Un processo snello orientato al flusso continuo ha come tappa la realizzazione di isole di lavoro o Group Technology. Gruppi di macchine diverse sono sistemate a U in modo che possano essere molto vicine e possano essere attrezzate nello stesso momento per il medesimo lavoro, in questo modo si riducono le code di lavoro ed aumenta l efficienza complessiva. pagina 28

29 La tecnica della Group Technology è ampiamente utilizzata nei processi livellati, nella linea a U gli operatori movimentano un pezzo alla volta da una macchina all altra muovendosi in ogni direzione per controllare il flusso. Ogni operatore individua un percorso per ciascuna risorsa disponibile con l obiettivo di ottenere un carico bilanciato operatore/macchina. Il prodotto nel punto di accumulo in uscita della linea U deve essere bilanciato alla velocità di utilizzo dello stesso dalle linee successive. pagina 29

30 PUNTO DI ACCUMULO INPUT M1 Gli operatori si muovono nella U spostando il particolare da macchina a macchina PUNTO DI ACCUMULO OUTPUT M sima pagina 30

31 Parti differenti prodotte dalla stessa linea non necessariamente richiedono l attrezzamento di tutte le macchine della linea e lo stesso tempo di realizzo, tuttavia i tempi ciclo di tutti i particolari della medesima linea devono richiedere tempi ciclo paragonabili tra loro. Il ritmo di una linea può essere regolato aggiungendo o togliendo risorse uomo ma all interno di un periodo fisso sarebbe opportuno ridurre al minimo tali variazioni Ogni volta che cambia il periodo fissato del programma di produzione va adeguata la configurazione della linea in termini di risorse uomo/macchina pagina 31

32 Le macchine di una linea U dovrebbero essere semplici in ottica del principio di automazione flessibile e risorse uomo flessibili interoperative su più postazioni. Può essere richiesta l implementazione di due linee U e ciò può comportare riduzione delle risorse uomo eliminando le attività che una risorsa deve eseguire finché non si renda più necessaria la risorsa per quel compito. pagina 32

33 Obiettivi del bilanciamento tempi ciclo di ogni stazione b = <= 1 Tempo ciclo * numero stazioni Assicurare che il tempo di ciclo possibile per ciascuna stazione della linea sia contenuto entro il tempo di ciclo dell intera linea pagina 33

34 Minimizzare il tempo di attesa in ciascuna stazione della linea spostando i carichi fra le varie stazioni in modo che risultino approssimativamente uguali i tempi ciclo tra loro e rispetto ai tempi ciclo fissati dalla programmazione. Fissare il tempo ciclo totale in modo che la velocità sia bilanciata con la velocità di utilizzo delle parti prodotte Regolare il carico e il tempo ciclo per ciascuna stazione per uniformare i tempi di lavoro al tempo ciclo Ottimizzare le risorse uomo eliminando stazioni di lavoro se non necessarie (tc mascherato) pagina 34

35 L obiettivo di incrementare la produttività non si traduce solo in una riduzione del tempo ciclo ma piuttosto nel ridurre le risorse per operare al tempo ciclo richiesto minimizzando i costi pagina 35

36 Le linee U rispondono ai seguenti criteri e principi: Raggruppamento di macchine automatiche semplici Eliminazione scorte (t attesa ) Riduzione spazi (t attesa; t trasporto ) Riduzione distanze per il trasporto (t trasporto ) Riduzione tempi di attrezzaggio (t attrezzaggio ) Aumento della visibilità (Visual Control) (t attesa ) Miglioramento della qualità (immediatezza dei feedback produttivi) (t controllo ) pagina 36

37 Esempio: Tempo ciclo = 54 sec. Risorse uomo = 5 (OP1, OP2, OP3, OP4, OP5) Tempo di attesa = 48 sec. Tempo totale di flusso = 5x54sec = 270sec. Tempi di attesa singola postazione: OP1 = 0s (Tc1 = 54s) OP2 = 9s (Tc2= 45s) OP3 = 12s (Tc3 = 42s) OP4 = 12s (Tc4 = 42s) OP5 = 15s (Tc5 = 39s) tempi ciclo di ogni stazione = = 0,82 Tempo ciclo * numero stazioni 270 pagina 37

38 Esempio CASO A riduzione Tc: Tempo ciclo = 45 sec. Risorse uomo = 5 (OP1, OP2, OP3, OP4, OP5) Tempo di attesa = 12 sec. Tempo totale di flusso = 5x45sec = 225sec. (riduzione del 17%) Tempi di attesa singola postazione: OP1 = 0s (Tc1 = 45s) OP2 = 0s (Tc2= 45s) OP3 = 3s (Tc3 = 42s) OP4 = 3s (Tc4 = 42s) OP5 = 6s (Tc5 = 39s) tempi ciclo di ogni stazione = = 0,95 Tempo ciclo * numero stazioni 225 Il 17% di riduzione produce scorte intermedie e non riduce i costi risorse uomo pagina 38

39 Esempio CASO B produzione livellata: Tempo ciclo = 54 sec. (tempo riconosciuto per ciclo) Risorse uomo = 4 (OP1, OP2, OP3, OP4) Eliminando 6s della risorsa OP5 Tempo di attesa = 0 sec. Tempo totale di flusso = 4x54sec = 216sec. (riduzione del 25%) Tempi di attesa singola postazione: OP1 = 0s (Tc1 = 54s) OP2 = 0s (Tc2 = 54s) OP3 = 0s (Tc3 = 54s) OP4 = 0s (Tc4 = 54s) tempi ciclo di ogni stazione = = 1 Tempi ciclo * numero stazioni 216 pagina 39

40 tempo ciclo 54 sec. tempo ciclo 45 sec. 30 bilanciamento 4 risorse Tc=54sec. 20 Tciclo 10 0 OP1 OP2 OP3 OP4 OP5 pagina 40

41 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli seconda parte

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Glossario e Formulario Glossario e Formulario Pianificazione Programmazione Tempi di produzione KanBan

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L05

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L05 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli Processi snelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT

GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT GESTIONE DELLA PRODUZIONE LEAN PRODUCTION E JIT Corso di TECNOLOGIA, INNOVAZIONE, QUALITÀ Prof. Alessandro Ruggieri Prof. Enrico Mosconi A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Gestione della produzione Lean

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa.

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. Area Produzione l Controllo di Produzione l Distinta Base e Cicli di Produzione l Politiche MRP I e II l Schedulatore l Conto Lavoro La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. I moduli preposti in

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria

Corso di gestione dell informazione aziendale. Teoria Corso di gestione dell informazione aziendale Teoria Anno Accademico 2004/2005 1 Programma $ % $ $!" # # 2 Operations Management In questa Area vedremo: Le strategie produttive (problemi di make or buy,

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUINTO I MODELLI DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE E DEI MATERIALI SOMMARIO: 1. I processi produttivi. - 2. Layout delle macchine operatrici. - 3. I sistemi flessibili di produzione. - 4. La scelta

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI CAPACITÀ (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Introduzione 1 2 Capacity Requirements Planning (CRP) 2 3 Dati di input di CRP 2 4 La capacità disponibile 4 5

Dettagli

La Pianificazione dei Fabbisogni

La Pianificazione dei Fabbisogni 1 La Pianificazione dei Fabbisogni Le tecniche di Gestione a Fabbisogno in contrapposizione alle tecniche di Gestione a Scorta La Tecnica del Material Requirement Planning o MRP: i dati d ingresso le fasi

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Il Rolling Kanban (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Maurizio Boyer

Il Rolling Kanban (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Maurizio Boyer Quaderni di Management n. (ovvero come srotolare il servizio nel tempo) di Summary La gestione a vista costituisce un ottimo sistema per regolare le attività, in particolare produttive, in quanto permette

Dettagli

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi 1) Modello di riferimento Per prestazioni di un sistema produttivo si intendono i risultati direttamente percepibili e misurabili dal cliente oppure dal sistema

Dettagli

I Sistemi di produzione PULL

I Sistemi di produzione PULL I Sistemi di produzione PULL Sistema Push Il sistema push pianifica e schedula la produzione basandosi sulla previsione di domanda o sull acquisizione di ordini dei clienti. Quindi si controlla il rilascio

Dettagli

Centri di Smistamento

Centri di Smistamento 1 Centri di Smistamento Progettazione e criteri di dimensionamento Agenda 2 Centri di Smistamento Il Dimensionamento Premessa Campo di applicazione I segmenti di processo Punti di attenzione Linee guida

Dettagli

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione Prof. Arturo Capasso LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Lean production. Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello):

Lean production. Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello): Lean production Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello): doing more and more with less and less less human effort, less equipment, less time,

Dettagli

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab Release 3.1.3 WHIT E PAPER Giugno 2003 A chi si rivolge, è stato pensato per la gestione ed il controllo delle fasi del ciclo produttivo. Caratteristiche generali I moduli affrontano e risolvono tutte

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon (esercitazione n. 5 - parametri efficienza) Parametri Efficienza Esercizio (calcolo parametri di efficienza)

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11 Schema generale di flusso logistico SVILUPPO PRODOTTO ACQUISTO MAGAZZINO PROGETTI PROGETTAZIONE APPROVVIGIONAMENTO MAGAZZINO MATERIE PRIME FABBRICAZIONE CLIENTE FINALE MAGAZZINO COMPONENTI ASSEMBLAGGIO

Dettagli

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Capacità Finita Applicata Alla Schedulazione Degli Ordini Pianif Descrizione Modello E un tool che: Integra la funzione delle vendite con quella logistico-produttiva

Dettagli

Piano dei fabbisogni di materiali

Piano dei fabbisogni di materiali Piano dei fabbisogni di materiali MRP 1 Pianificazione dei fabbisogni Obiettivo generale è determinare: quali assiemi, sottoassiemi, parti e materie prime sono necessari per realizzare un determinato MPS;

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area produttiva Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per il flusso produttivo Trattamento dei processi di definizione

Dettagli

MbyM Presentazione attività di sviluppo SW di Pianificazione a capacità finita Personalizzati

MbyM Presentazione attività di sviluppo SW di Pianificazione a capacità finita Personalizzati MbyM Presentazione attività di sviluppo SW di Pianificazione a capacità finita Personalizzati Filippo Vasta Amministratore MbyM srl 1 Servizio Servizio MbyM dispone di una tecnologia SW che consente di

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 3 famiglie per 76 modelli 5 modelli per 40% del fatturato fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno "Assemble To Order" Piano qualità dal '90

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE

IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE IL PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Generalità 1 2 Elaborazione del piano principale per produzione MTS 2 2.1 MPS per produzione MTS...................... 2 2.2

Dettagli

IMMAGINATE UN AZIENDA...

IMMAGINATE UN AZIENDA... FAMI e SINTESIA partner per la LEAN PRODUCTION IMMAGINATE UN AZIENDA... in cui i prodotti e i servizi fluiscono fino al cliente in maniera continua, senza interruzioni e senza attese in cui ogni attività

Dettagli

Definizioni di scorte

Definizioni di scorte LA GESTIONE DELLE SCORTE Nozioni di base Definizioni di scorte insieme di materie, semilavorati e prodotti che in un determinato momento sono in attesa di partecipare ad un processo di trasformazione o

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione MRP Prof. Sergio Cavalieri critici La pianificazione dei fabbisogni Madio / Lungo Termine Master Production Schedule (MPS) Programmazione Aggregata Strategia Famiglie prodotti Lungo Termine

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te.

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.axioma.it Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.softwareproduzione.it Come lavora la tua azienda? Quale modello produttivo usa? Processo continuo

Dettagli

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA Le imprese che operano nel campo dell automazione, macchine automatiche, impianti e robotica rappresentano una delle più importanti filiere

Dettagli

WHIT E PAPER. skipper

WHIT E PAPER. skipper WHIT E PAPER skipper Giugno 2003 schedulatore a capacità finita Skipper è un programma di elevato contenuto tecnologico che non richiede particolari installazioni. Si interfaccia con la base dati (comune

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

Pianificazione aggregata

Pianificazione aggregata Pianificazione aggregata Pianificazione aggregata 1 Programmazione della produzione: fasi La programmazione della produzione, tenuto conto degli obiettivi strategici, a partire da ordini e/o previsioni

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione E il processo decisionale attraverso il quale sono organizzate le risorse produttive al fine di conseguire determinati obiettivi. Si estrinseca temporalmente attraverso tre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

Cover. La soluzione gestionale per conoscere ed elaborare i TEMPI di produzione ottimizzandone i METODI di realizzo.

Cover. La soluzione gestionale per conoscere ed elaborare i TEMPI di produzione ottimizzandone i METODI di realizzo. Cover La soluzione gestionale per conoscere ed elaborare i TEMPI di produzione ottimizzandone i METODI di realizzo. Tempi e Metodi Realizzato sull esperienza vissuta in prima persona all interno delle

Dettagli

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012

Relatore: Antonino Galatà. Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 Relatore: Bologna, Villa Gandolfi Pallavicini, 23 marzo 2012 DEFINIZIONE DI CAPITALE CIRCOLANTE Il Capitale Circolante (o Working Capital) di un azienda è tecnicamente formato da una serie di macro voci

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Manufacturing e Automotive Obiettivi per i sistemi produttivi Riduzione dei costi totali nella catena logistica Maggior servizio ai clienti Riduzione dei

Dettagli

LA DISTINTA BASE item evidenziare le relazioni o i legami gerarchici diba

LA DISTINTA BASE item evidenziare le relazioni o i legami gerarchici diba LA DISTINTA BASE La distinta base (BOM - bill of material) di un qualsiasi prodotto (finito o semilavorato) è l insieme degli item che lo compongono, organizzato in modo da evidenziare le relazioni o i

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Industriale 1 Capitolo 1 Livelli decisionali nei processi produttivi Simona Sacone - DIST 2 Introduzione Marketing Livello strategico Design Ufficio commerciale

Dettagli

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Michelangelo Ingrassia Responsabile Soluzioni Aziendali Hub Nord Ovest m.ingrassia@teamsystem.com Diamo forma al cambiamento

Dettagli

Piano dei fabbisogni di capacità

Piano dei fabbisogni di capacità Piano dei fabbisogni di capacità CRP 1 Piano aggregato Piano delle risorse Lungo termine MPS Piano della capacità di massima Medio termine MRP CRP Breve termine Controllo della produzione Controllo della

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie Moduli Applicativi BMS-PRS: Produzione di Serie BMS-PRC: Produzione a Commessa BMS-PIP: Pianificazione Produzione BMS-CNP: Configuratore di Prodotto BMS-QUA: Qualità e Non Conformità BMS-DOC: Gestione

Dettagli

Gestione del materiale - esempi. 66 27 Febbraio 2009 www.jlarco.com

Gestione del materiale - esempi. 66 27 Febbraio 2009 www.jlarco.com Gestione del materiale - esempi 66 27 Febbraio 2009 www.jlarco.com Gestione dei materiali - esempi 67 27 Febbraio 2009 www.jlarco.com Gestione del materiale per takt time lungo - esempi 68 27 Febbraio

Dettagli

Pianificazione e controllo delle risorse

Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Gestione dell allocazione delle risorse in modo che i processi dell azienda siano efficienti e riflettano la domanda di

Dettagli

Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità

Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità di Alberto Stancari Consulente Senior Mondaini Partners Srl - Dimensione Consulting Un processo di pianificazione della produzione

Dettagli

Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano. Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni

Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano. Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni olitecnico di ilano IV Facoltà di Ingegneria di ilano FEAII Impianti Industriali Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni Caratteristiche e prestazioni

Dettagli

Strategie Funzionali di Manufacturing

Strategie Funzionali di Manufacturing Strategie Funzionali di Manufacturing Metodologie Best Practices Processi Produttivi Le tre classificazioni 1 Strategie per il Manufacturing La strategie di manufacturing sono il collegamento tra strategia

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Material Requirements Planning

Material Requirements Planning Material Requirements Planning SISTEMI DI GESTIONE PUSH Si preferiscono in generale, per codici posti a livelli inferiori della distinta base (a domanda dipendente); ed in particolare, in presenza del

Dettagli

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani MODELLI DI GESTIONE DELLE SCORTE DIEM Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna 1/28 Scorte Le scorte possono essere

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità)

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità) Impianti di processo Definizione: MP PF tramite trasformazioni fisico/chimiche Caratteristiche: automazione investimenti elevati ( ciclo continuo) ciclo tecnologico obbligato rischio di impatti ambientali

Dettagli

Programmazione della Produzione 32

Programmazione della Produzione 32 GESTIONE DELLE SCORTE Programmazione e Controllo Controllo delle scorte Controllo degli approvvigionamenti di materiale (arrivi) Controllo della produzione Controllo dei PF per la distribuzione Nomenclatura:

Dettagli

Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione

Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione Relatore : Dario Capellini Contatti: dario.capellini@capellinitechnology.com -

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL

IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL PROGRAMMARE LA PRODUZIONE IN MODO SEMPLICE ED EFFICACE IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL SOMMARIO 1. L AZIENDA E IL PRODOTTO 2. IL PROBLEMA 3. DATI DI INPUT 4. VERIFICA CARICO DI LAVORO SETTIMANALE 5. VERIFICA

Dettagli

Manufacturing Execution System. Controllo Avanzamento Produzione. in tempo reale

Manufacturing Execution System. Controllo Avanzamento Produzione. in tempo reale Manufacturing Execution System Controllo Avanzamento Produzione in tempo reale pannello di controllo ( cruscotto ) delle risorse produttive stato di avanzamento (e tempi di esecuzione) degli ordini di

Dettagli

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti)

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) Tra le novità della UNI EN ISO 9001: 2000 il più aggiornato standard di riferimento per la certificazione della qualità non sono tanto il monitoraggio

Dettagli

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi ABSTRACT In questo articolo viene presentato un nuovo modo di prendere decisioni in azienda senza

Dettagli

E-FABRICA. Formerly Know As Fabrica 8.x

E-FABRICA. Formerly Know As Fabrica 8.x E-FABRICA Formerly Know As Fabrica 8.x VISION Segmento: Produzione di beni durevoli Posizionamento: Qualità a prezzi coerenti con il target. Attualmente il mercato non ha soluzioni ragionevoli EFFORTS

Dettagli

Modulo Produzione AdHoc Enterprise

Modulo Produzione AdHoc Enterprise Modulo Produzione AdHoc Enterprise La Gestione della Produzione in Enterprise è suddivisa in nove moduli di cui uno dedicato alla produzione su commessa singola e gli altri otto alle altre diverse realtà

Dettagli

Introduzionee principali classificazioni

Introduzionee principali classificazioni Introduzionee principali classificazioni Roberto Pinto Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione (DIGIP) Università di Bergamo Di cosa parliamo in questo corso? Il termine

Dettagli

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN A.S. 2014/15 Innovazione e ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto e di conseguenza il suo processo produttivo dipende dalla

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

per il settore MECCANICO

per il settore MECCANICO per il settore MECCANICO L industria meccanica italiana ha sempre ricoperto una posizione strategica nell economia del paese. Questo settore sta affrontando sfide importanti, come il continuo incremento

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Information Management Riepilogo 19 marzo 2012

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon. Information Management Riepilogo 19 marzo 2012 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Information Management Riepilogo 19 marzo 2012 Forrester Effect Trappole Mancanza di indicatori Definizione

Dettagli

PSA Project and Service Administration. La soluzione verticale per chi opera su commessa basata su Microsoft Navision

PSA Project and Service Administration. La soluzione verticale per chi opera su commessa basata su Microsoft Navision Project and Service Administration La soluzione verticale per chi opera su commessa basata su Microsoft Navision PSA è una soluzione verticale basata su Microsoft Navision rivolta a tutte quelle imprese

Dettagli

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE Budget delle vendite L articolazione per Centri di Costo determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato 1 I criteri per individuare i centri di costo sono: Rilevanza

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.

Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto. Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l. Workshop: Lean Manufacturing 2008 il progetto Il Progetto Gefran Lean Manufacturing 2008: illustrazione del progetto Riccardo Ferrari (AQM S.r.l.) e Antonio Altobelli (AQM S.r.l.) Agenda Obiettivi della

Dettagli