PROGRAMMA AMMINISTRATIVO ELETTORALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA AMMINISTRATIVO ELETTORALE"

Transcript

1 SOLBIATE VIVA PROGRAMMA AMMINISTRATIVO ELETTORALE Elezioni comunali 25 maggio

2 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) AI CITTADINI DEL COMUNE DI SOLBIATE ARNO La lista dei candidati al Consiglio Comunale e la collegata candidatura alla carica di Sindaco di Armando De Falco, contraddistinta dal simbolo «Quattro quadrati, arancione più scuro, arancione più chiaro, giallo zafferano e giallo oro, in cerchio bianco. Scritta nera sovrapposta: Solbiate Viva, contenente una mano con due dita alzate a formare una V di Viva», qui di seguito espongono il proprio Programma Amministrativo per il quinquennio di carica degli Organi del Comune. SOLBIATE VIVA, LABORATORIO DI IDEE Solbiate Viva nasce nella seconda metà del 2013 per iniziativa di un gruppo di giovani solbiatesi che amano il loro paese e intendono partecipare alla sua vita sociale e politica. Nel tempo, trascinati dal loro entusiasmo, al gruppo si aggiungono anche meno giovani. Grazie ad un intenso lavoro di confronto e di raccolta di informazioni, a fine gennaio il gruppo decide di presentare una propria lista alla competizione per le elezioni amministrative. Il programma che segue è il frutto di quel lavoro e soprattutto delle riflessioni condivise con la cittadinanza durante incontri pubblici ed utilizzando lo strumento del sondaggio d opinione (il sito il blog ed il questionario). LIBERI, IMPEGNATI, INNOVATIVI Siamo convinti che fare politica non significhi occupare poltrone ma servire e mettersi a disposizione dei cittadini, degli operatori economici, delle associazioni che animano il territorio, dedicando particolare attenzione alle persone che vivono un disagio sociale. Solbiate Viva non è sostenuta da nessun partito o autorità locale e vuole dialogare con tutti sia attraverso le modalità convenzionali, sia utilizzando i social network e le potenzialità offerte da internet. LA NOSTRA VISIONE La gestione della Cosa Pubblica si deve basare su principi chiari ed importanti: un Amministrazione pubblica deve essere trasparente, deve informare e rendere facilmente accessibili le informazioni utili ai cittadini e ai soggetti produttivi, deve saper ascoltare. Internet è un prezioso alleato in questo, ma non perdiamo l abitudine al dialogo, all incontro e al confronto; chi amministra si assume una grande responsabilità nei confronti dei cittadini di oggi ma anche dei cittadini di domani. Per questo la tematica ambientale ha un ruolo importante nella nostra iniziativa; la famiglia è il nucleo centrale delle dinamiche sociali: bambini, adolescenti, anziani pongono problematiche specifiche a cui deve essere dedicata la massima attenzione; in momenti di crisi e di difficoltà economica le risorse devono essere ottimizzate: insieme si lavora meglio e con minori sprechi. Un Amministrazione accorta deve collaborare con i comuni limitrofi, condividere idee e iniziative e creare commissioni ad hoc su diverse tematiche (ambiente, lavoro...), che affrontino problemi specifici e che si relazionino periodicamente con la cittadinanza. Crediamo che anche i soggetti economici e culturali che animano il nostro paese possano trarre vantaggi reciproci lavorando in rete. Ma molto possono fare le singole persone: una società sana poggia sul 1

3 E soprattutto: valore della solidarietà e della collaborazione; Solbiate Arno ha attratto negli anni nuovi residenti: aiutiamoli a diventare parte integrante di questa comunità, dimostrando come l accoglienza ed il coinvolgimento degli stessi possano rappresentare un arricchimento per tutti. l ambiente, le strutture, le strade, le scuole, gli spazi sono un bene comune: gestiamoli con responsabilità. Educare i cittadini a difendere e migliorare Solbiate Arno è una scelta di democrazia e di fiducia nel futuro. I PUNTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA ELETTORALE DI SOLBIATE VIVA PIÙ INFORMAZIONE, SEMPLIFICAZIONI, DIALOGO DIRETTO CON GLI AMMINISTRATORI Internet dovrebbe essere al servizio del cittadino: vogliamo che sia facile per chiunque (anche per i senior) accedere alle informazioni legate alla vita di ogni giorno. Il sito web del Comune deve essere gradevole, di facile accesso e consultazione e ricco di informazioni e link che mettano il cittadino in contatto con enti e uffici competenti (anche extracomunali). Internet deve consentire anche di inviare in tempo reale agli amministratori idee, richieste e segnalazioni (ad esempio, avvisando tempestivamente in caso di guasti e disservizi) sfruttando smartphone ed SMS. Perché funzioni davvero sarà necessario: organizzare iniziative di formazione all uso di internet e degli strumenti multimediali di ultima generazione; mettere presso una struttura pubblica computer a disposizione dei cittadini che non lo possiedono, per poter accedere ai servizi on line, garantendo ai navigatori meno abili la necessaria assistenza; rendere Solbiate Arno una smart city, individuando punti wi-fi in tutto il paese. Ma è necessario rivitalizzare anche gli strumenti tradizionali di comunicazione: creando una rivista comunale, che informi periodicamente il cittadino in particolare sulle iniziative di carattere assistenziale e culturale promosse dall Amministrazione e dalle varie associazioni presenti sul territorio; potenziando il lavoro dell Ufficio Relazioni con il Pubblico, a disposizione di cittadini, imprese, associazioni, enti pubblici e privati, per comunicare in modo semplice e diretto con il comune; vivacizzando e snellendo le riunioni del consiglio comunale (riducendo le formalità burocratiche all essenziale e introducendo momenti di confronto tra gli amministratori e i cittadini); intensificando il lavoro delle Commissioni Tematiche, in modo da aprire le sedute alla partecipazione dei rappresentanti della Società Civile; sensibilizzando i neomaggiorenni alla realtà istituzionale, consegnando e leggendo loro la Costituzione Italiana al compimento della maggiore età. BAMBINI E RAGAZZI Quando si parla di bambini e ragazzi si parla del futuro di Solbiate Arno e non solo. Una società che vede nella partecipazione, nel rispetto, nella tutela dell ambiente e nella solidarietà i propri 2

4 punti di forza deve investire risorse nell educazione delle nuove generazioni, supportando in quest opera le famiglie e le istituzioni scolastiche. L Amministrazione deve quindi dedicare la massima attenzione ai servizi destinati ai minori: dal miglioramento delle infrastrutture (edilizia e arredi scolastici, aree gioco) alla sicurezza delle strade, affinché si torni a camminare e ad andare in bicicletta senza paura, fino all organizzazione di iniziative di intrattenimento dopo l orario scolastico e a fine estate, integrando quelle già esistenti. Iniziative culturali, sportive e ricreative rivolte a ragazzi e giovani devono caratterizzare l offerta dell Amministrazione. Per quanto riguarda gli interventi strutturali, Solbiate Viva considera importante impegnarsi per: garantire agli allievi e al personale scolastico qualità e sicurezza dei luoghi di formazione e degli arredi promuovendo i necessari interventi ordinari e straordinari nelle scuole materna ed elementare; dare continuità alle opere di manutenzione straordinaria delle scuole Medie all interno della Convenzione con i Comuni di Carnago e Oggiona con Santo Stefano; incrementare le dotazioni tecnologiche delle scuole (lavagne interattive multimediali, attrezzature informatiche); valorizzare la Biblioteca, ampliando gli spazi e sfruttandola come luogo: di studio (prolungando l apertura settimanalmente anche alla fascia serale); di approfondimento tematico (anche grazie ad adeguate strumentazioni informatiche ed audiovisive); di aggregazione ed avvicinamento alla lettura per i più piccoli (creando un area bimbi con arredi, libri, materiali di consultazione e gioco adatti); garantire l efficacia degli interventi di primo soccorso in caso di infortuni e malori, anche grazie all acquisto di defibrillatori per le Scuole Materne, Primarie e Secondarie; attivare il servizio Pedibus coinvolgendo gruppi di volontari (es. Protezione Civile) e impegnandoci a risolvere il problema degli zaini pesanti; mantenere l assegnazione di Borse di Studio agli studenti meritevoli per tutti i livelli di istruzione, dalle Elementari alla Laurea. Favorire, inoltre, gli scambi interculturali per studenti di Scuole Medie, Superiori e Università; sostenere il servizio di Doposcuola svolto da volontari per i ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado all interno dell oratorio; promuovere una convenzione con la Parrocchia per l organizzazione congiunta dell Oratorio Feriale allo scopo di potenziare il servizio attualmente offerto (periodo tra fine luglio e inizio settembre); prevedere parcheggi rosa destinati a donne in gravidanza o con bambini piccoli in punti sensibili quali scuole, asilo ; educare al senso civico, promuovendo il consiglio comunale dei ragazzi; rivedere la convenzione tra il Comune e la Scuola Materna Madre Teresa di Calcutta affinché il sostegno all Ente possa essere certo e determinato sulla base di parametri oggettivi così da permettere alla scuola di pianificare con certezza i programmi educativi. È necessario che la convenzione ricomprenda anche il dovere di intervento da parte dell Amministrazione in caso di bambini che necessitano di insegnanti di sostegno. È doveroso dare la giusta attenzione ad ogni iniziativa proposta dal Consiglio di Amministrazione della scuola materna tendente al recupero del vecchio edificio. Ci si impegna a sostenere un progetto per uno studio di fattibilità; attivare un tavolo permanente di confronto tra gli operatori di Scuole Materna, Primaria e Secondaria di Primo Grado e gli amministratori, per facilitare scambi di informazione e idee in merito alle iniziative in atto e alle esigenze degli allievi, coinvolgendo anche le associazioni dei genitori del territorio. 3

5 PER I PIÙ DEBOLI O FRAGILI Fragile è una famiglia che si separa, un giovane che non trova lavoro, un anziano che resta solo... La crisi economica ha creato nuove aree di bisogno che si aggiungono alle situazioni di emarginazione sociale già conosciute. È necessario garantire e, laddove possibile, intensificare gli interventi assistenziali per i soggetti economicamente più svantaggiati. L Amministrazione dovrà sfruttare al massimo le opportunità istituzionali per il sostegno al reddito delle famiglie disagiate e di quanti sono senza lavoro (utilizzando, ad esempio, fondi messi a disposizione dalla Regione Lombardia quali Dote Scuola, voucher badanti, contributi per affitti e bollette). Proponiamo la rimodulazione delle aliquote di alcune imposte comunali nell ottica di sostenere le famiglie con reddito medio-basso. Importanti risultati potranno essere ottenuti anche stimolando e valorizzando il volontariato. In particolare Solbiate Viva ha individuato alcune iniziative intorno alle quali vogliamo focalizzare l attenzione della popolazione solbiatese: creazione di una Banca del Tempo che registri, in collaborazione con le Associazioni, i volontari disponibili alla effettuazione dei servizi Socio Assistenziali ed Educativi sul territorio; creazione di un luogo dedicato al riuso mediante raccolta, cernita e messa a disposizione, per chi ne avesse bisogno, di oggetti e attrezzature in buono stato (biciclette e passeggini per bambini, mobili etc.); sviluppo di progetti per la diffusione di Lavori Socialmente Utili, quale garanzia di crescita e formazione professionale; lotta al gioco d azzardo, a tutela in modo particolare dei soggetti più deboli e più esposti al rischio (in collaborazione con l Onlus NO Slot ) e sviluppando iniziative incentivanti per i bar etici NO Slot ; azioni volte a fornire aiuto alle persone anziane rimaste sole e non autosufficienti (ad esempio: servizio prelievi e consegna medicinali a domicilio nei casi di pazienti affetti da gravi patologie); sostegno alla creazione di un poliambulatorio h24, che integri il lavoro dei medici di base con quello di medici specialisti e un punto medicazioni; proposta di una convenzione tra il comune e il centro S.O.S. del Seprio; sensibilizzazione contro ogni forma di atto discriminatorio, sviluppando in particolare proposte volte a favorire le pari opportunità: indagini inerenti le difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro, le discriminazioni e le molestie sessuali; fornire il dovuto sostegno alle donne che subiscono atti di violenza domestica, indirizzandole alle strutture adeguate; difesa della salute e della qualità di vita della donna, tramite l organizzazione di convegni e incontri per sottolineare l importanza della prevenzione sanitaria (screening per il tumore al seno, PAP TEST, corsi sulla gravidanza e parto per gestanti...). In tante di queste iniziative sarà fondamentale il coinvolgimento di associazioni come Caritas, condizione imprescindibile per la buona riuscita di progetti così ambiziosi. Aiutiamoci vicendevolmente, supportando quanti già operano al fianco di cittadini in difficoltà. I GIOVANI DI UNA VOLTA Si pensa sempre agli anziani come ad una fascia di popolazione bisognosa di aiuto. Ci sono anziani che hanno bisogno di sostegno, ma molti altri hanno ancora energia e voglia di fare, sono portatori di antichi saperi e manualità che i giovani non conoscono. 4

6 Facciamo degli anziani un soggetto attivo della comunità. Li vogliamo coinvolgere attivamente in iniziative che consentano di trasmettere ai più giovani le loro conoscenze e competenze professionali pluridecennali (dal lavoro sartoriale alla manutenzione di oggetti, dalla cura dell orto alla cucina di una volta ). Iniziative che potranno essere realizzate anche grazie alla collaborazione del Centro Sociale Lumaca d Oro. Si propone inoltre di effettuare lo studio di fattibilità in project financing per la realizzazione di una struttura con Mini Alloggi per anziani soli autosufficienti, che avrebbero così modo di vivere in comunità, senza essere abbandonati a loro stessi. UNA COMUNITÀ CHE LAVORA Solbiate Arno è manifatturiera... È il momento di ripensare la qualità dello sviluppo industriale favorendo l attenuazione degli effetti causati dalle attività produttive limitrofe alle aree residenziali. Ripensare lo sviluppo economico di Solbiate Arno è un operazione complessa che deve avvalersi del coinvolgimento dei soggetti economici attivi sul territorio: per questo proponiamo la creazione di un tavolo di condivisione progettuale che veda gli imprenditori e i commercianti discutere con gli amministratori le iniziative di interesse comune (infrastrutture, ambiente, interventi per l occupazione...). Solbiate Viva crede profondamente nella necessità di mantenere ed incrementare le attività economiche sul territorio rendendo il paese funzionale ed efficiente, attivando interventi che alleggeriscano ulteriormente il peso delle attività burocratiche a carico degli imprenditori ed accorcino i tempi di attesa delle risposte e delle autorizzazioni a carico della pubblica Amministrazione. ma non solo. È bene ricordare che Solbiate Arno non è solo industria meccanica, è una comunità complessa e variegata, formata da artigiani, commercianti, professionisti, consulenti, partite iva. Riteniamo che queste professionalità debbano trovare il necessario supporto. Solbiate Arno deve creare opportunità lavorative nel campo industriale ma anche dei servizi, del commercio e del terziario attraverso: sostegno alle start up, favorendo cioè la realizzazione di idee progettuali mediante meccanismi di agevolazione sulle imposte comunali e accesso a bandi pubblici e ricerca di sponsor; convenzioni con le Associazioni di Categoria per fornire azioni di consulenza per le piccole e micro imprese nell ambito dell accesso al credito, del risparmio energetico e del controllo di gestione; collaborazione con i consorzi fidi di categoria per la messa in rete di fondi per il credito alle piccole e medie imprese del territorio. COSA CHIEDIAMO ALLE IMPRESE Un impresa non è solo un soggetto economico, è una protagonista importante della vita sociale del paese. Chiediamo alle imprese che hanno propri stabilimenti, magazzini e uffici a Solbiate Arno di interagire con la comunità, contribuendo a migliorare il paese e la sua qualità della vita. Come? Sviluppando progetti che supportino l Amministrazione comunale nel far fronte alle molte incombenze che una comunità comporta (ad esempio coinvolgendo i propri dipendenti in attività di pubblica utilità o sponsorizzando iniziative culturali, adottando una scuola o un associazione ); 5

7 Aprendo i propri stabilimenti a visite e ad esperienze di stage per i più giovani; Attivando azioni di compensazione, ottimizzazione e mitigazione per limitare o controbilanciare possibili impatti ambientali. Le attività produttive portano lavoro quindi benessere ma inquinano in vari modi (inquinamento atmosferico, acustico...). Bisogna compensare piantando alberi in giardini scolastici, parchi pubblici, installando barriere fonoassorbenti...un dovere verso l ambiente che migliora la qualità della vita del paese. VALORIZZIAMO L ECCELLENZA SOLBIATESE Negozi e locali speciali per qualità dei prodotti e del servizio offerto, artigiani eccellenti con manufatti e servizi su misura sono un patrimonio da valorizzare. Come? vogliamo sviluppare un programma di comunicazione specifica delle eccellenze Solbiatesi tramite i tabelloni luminosi, i social network, il sito del comune, il Periodico Comunale e strumenti informativi appositamente creati; è nostra intenzione sostenere i commercianti al dettaglio e i negozianti di Solbiate Arno (presteremo attenzione soprattutto alla particolare situazione della Cooperativa Solbiatese), trovando insieme a loro una giusta strategia che punti ad una ri-valorizzazione degli acquisti a km 0. La presenza di negozi, infatti, non solo facilita gli acquisti a quanti sono privi di auto e hanno difficoltà a recarsi nei grandi centri commerciali, ma contribuisce a rendere le vie del paese più luminose e vive, quindi sicure. I negozi sono una presenza importante e rassicurante, per questo crediamo che vadano tutelati. La valorizzazione dei negozi e dei luoghi di ristoro solbiatesi dovrà essere particolarmente curata, soprattutto in occasione delle feste civili e religiose, di interesse comunale ed extracomunale; inoltre, in collaborazione con le associazioni culturali e sportive locali, favoriremo nuove iniziative che facciano conoscere ed apprezzare Solbiate Arno. PER CHI HA PERSO IL LAVORO O NON LO TROVA La crisi ha pesato e pesa anche sul nostro paese. Certamente non è un problema che un Amministrazione locale può risolvere da sola ma molto può e deve essere fatto per aiutare chi è in difficoltà a collocarsi nel mercato del lavoro. Occorre informare chi cerca lavoro in merito alle opportunità occupazionali e formative presenti nel territorio e favorire il contatto tra chi cerca lavoro e chi lo offre (un attività che deve essere studiata, realizzata e costantemente aggiornata in rete con i comuni limitrofi e con le agenzie competenti); Raccogliere le esigenze delle aziende in relazione alle competenze professionali ricercate consentirà non solo di favorire il contatto tra chi cerca e chi offre lavoro, ma di studiare (in sinergia con le strutture formative professionali attive in provincia) iniziative di formazione ed addestramento coerenti con le richieste delle imprese; Tuttavia è necessario fare di più per favorire l occupazione dei residenti: valuteremo l applicazione di agevolazioni alle aziende locali che assumono persone residenti nel nostro paese. SOLBIATE È VIVA E VERDE Abbiamo la grande fortuna di vivere in un ambito territoriale ricco di verde: non sciupiamo tutto questo, è 6

8 un patrimonio di grande valore. Ecco le proposte di Solbiate Viva: stiamo diventando sempre più ricicloni ma ancora molto possiamo fare: spieghiamo ai bambini, ai ragazzi ma anche agli adulti l importanza del riciclo dei materiali, ispiriamoci alle strategie rifiuti zero, sensibilizzando la cittadinanza in merito alle problematiche energetiche; tentare di aderire all Associazione Comuni Virtuosi, il cui Statuto si propone di intervenire a difesa dell ambiente, migliorare la qualità della vita e tutelare i Beni Comuni, intesi come beni naturali e relazionali che appartengono all umanità. valutare la possibilità di aderire formalmente al Patto dei Sindaci promosso dalla Commissione Europea, sottoscrivendo il PAES (Piano d Azione per l Energia Sostenibile): tale documento prevede di monitorare le emissioni di CO 2, incrementando le competenze energetiche all interno dell Amministrazione Comunale. Essendo ingessati dal patto di stabilità, difficilmente sarà possibile mettere a bilancio cifre importanti per azioni rivolte al risparmio dei consumi energetici. Con l approvazione del PAES si aprirà la possibilità di partecipare a bandi Europei, che strutturati in rete con altri Comuni offriranno opportunità di finanziamento; i nostri boschi, purtroppo, sono troppo spesso luogo di scarico di immondizia: in collaborazione con la Protezione Civile possiamo ripristinare il decoro dell ambiente e sensibilizzare l opinione pubblica; l ecologia deve diventare un attività piacevole e divertente: realizziamo Giornate Ecologiche, concorsi a tema, picnic e altro ancora facendone partecipi le Scuole del Territorio; un ambiente più pulito e curato permette anche un maggior grado di salute della popolazione: meno insetti nocivi estivi e prevenzione delle allergie (pianificheremo campagne contro l Ambrosia e la Processionaria); aderiamo al Programma di Formazione Regionale delle Guardie Ecologiche Volontarie, un iniziativa aperta ai cittadini ed avente la finalità di tutelare il nostro patrimonio verde; riscopriamo nuovi percorsi di passeggio nel verde tramite sponsorizzazioni adeguate e partecipazione ad appositi bandi previsti da Istituti Finanziari; attrezziamo l attuale pista pedonale con strumenti ginnici che la rendano un vero Percorso Vitae (magari con il supporto di un apposito sponsor). Ma il verde non è solo sinonimo di boschi: le aree di verde urbano richiedono una costante manutenzione. Aiuole e parchi sono il biglietto da visita del paese che i visitatori vedono prima di ogni cosa. PIÙ ATTENZIONE AI NUOVI RESIDENTI Nuove famiglie scelgono ogni anno di trasferirsi a Solbiate Arno ma spesso la loro presenza si limita alla residenzialità. Diamo modo ai neo-solbiatesi di diventare parte attiva della comunità, ascoltiamo le loro esigenze e i loro suggerimenti. Una Solbiate più attrattiva è anche una Solbiate più Viva. PIÙ CULTURA, PIÙ SPORT, PIÙ CREATIVITÀ Quando la crisi economica si fa sentire le prime voci di bilancio ad essere ridimensionate sono quelle che riguardano il tempo libero e la cultura. Ci si dimentica però del potere straordinario che hanno le persone e le associazioni, i club e i gruppi di interesse. Solbiate Arno ha un ricco tessuto associativo che aspetta solo di essere valorizzato. L organizzazione di iniziative culturali e ricreative è un investimento per la crescita delle nuove generazioni, un modo per armonizzare una comunità, per migliorarne la qualità della vita. Possiamo farlo collaborando con i comuni vicini ottimizzando risorse e offrendo ai cittadini più opportunità culturali e di svago. Insieme possiamo ri-trovare la qualità di un tempo libero che metta al centro la persona, l aiuti a crescere, a capire i cambiamenti sociali, culturali e tecnologici in atto, che la faccia sentire parte di una comunità. Molte cose possono essere fatte e richiedono una programmazione che tenga conto dei diversi utenti: 7

9 bambini, giovani, anziani, famiglie Ne proponiamo a titolo d esempio solo alcune: individueremo una modalità di collaborazione per mettere in rete le associazioni culturali locali valorizzando proposte e volontà delle singole; musica: ascoltata, ma non solo. Avviciniamo bambini e ragazzi alla musica, facciamo scoprire loro, fin dalle scuole elementari, la grande varietà di strumenti musicali esistenti, supportiamo la San Maurizio Band, i gruppi musicali e le compagnie teatrali di pregio che Solbiate Arno ha la fortuna di ospitare. Organizziamo eventi in cui i nostri artisti possano dar prova del proprio talento; creazione di una Borsa di Studio per giovani artisti solbiatesi; palio delle contrade: patrocinare ed incentivare il gruppo di Associazioni e i liberi cittadini perché riscoprano l entusiasmo per organizzare iniziative di grande richiamo per la nostra comunità; renderemo disponibili le nostre strutture (stadio, palestra, parchi) per attività per diversamente abili; il mondo dello sport è sempre stato una realtà importante a Solbiate Arno. Seguiremo la strada della continuità, preservando e sostenendo le realtà già esistenti, ma non solo: crediamo che lo sport sia un conduttore formidabile di valori e buone abitudini e per questo motivo incentiveremo tutte le attività sportive e ricreative future. LE OPERE PUBBLICHE E URBANISTICA In questo ambito la carenza di risorse diventa veramente rilevante e impone di: completare i lavori di formazione della nuova Piazza centrale secondo il progetto già approvato definitivamente dall Amministrazione Comunale; proseguire nei costanti interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici pubblici esistenti; completare gli interventi necessari all eliminazione delle barriere architettoniche con particolare riferimento a marciapiedi ed attraversamenti pedonali, oltre che agli spazi cimiteriali; valutare e proporre soluzioni per i punti critici della viabilità comunale, anche in accordo con gli eventuali enti gestori sovracomunali, legate in particolar modo a punti di restringimento, di intersezione tra più strade o di maggior traffico (zona commerciale a ridosso dell autostrada), studiando sistemi che permettano di ridurre l alta velocità dei veicoli e favoriscano la mobilità pedonale e ciclabile (ad esempio, in prossimità delle scuole medie consortili). Inoltre si propone di invertire il senso unico di marcia sulla via Chinetti e XXV Aprile in modo tale che le ambulanze o gli altri mezzi di soccorso possano raggiungere con facilità l oratorio, la biblioteca, la scuola primaria, il centro sociale e i residenti del luogo; ripensare la zona antistante l ingresso del plesso scolastico A. Manzoni, del Centro Sociale Lumaca d Oro e della Biblioteca Comunale, limitando le aree a parcheggio nelle vicinanze. Valuteremo la possibilità di accedere a questi edifici dal parco di via Montebello, studiando anche un mini-pedibus affinché le auto possano sostare in Piazza Italia. L uscita dei bambini da scuola potrà, in questo modo, essere resa più piacevole creando zone di sosta pedonali contornate da aree a verde; risolvere le problematiche legate alla gestione della rete acquedotto evitando che in alcune zone del paese si creino saltuariamente carenze di pressione, ovvero monitorare con maggiore efficacia le frequenti perdite del sistema; riqualificare ed impreziosire con adeguati arredi urbani il parco pubblico di via Aldo Moro lasciato da anni in uno stato di incuria ed abbandono; la recente definitiva approvazione del Piano di Governo del Territorio ha dotato il nostro Comune di un nuovo strumento urbanistico generale. Lo stesso si presenta già in fase di prima attuazione complesso ed articolato e mancante di alcuni Regolamenti Tecnici attuativi per una sua piena 8

10 operatività. A tale proposito ci proponiamo di: correggere e rettificare le norme contenute nel Piano delle Regole al fine di renderle più snelle e meno articolate; approvare i Regolamenti Tecnici mancanti alla piena efficacia delle norme stesse in parallelo al Regolamento Edilizio, con particolare riferimento ai criteri premiali stabiliti dallo stesso P.G.T. per interventi che prevedano sinteticamente l installazione di impianti fotovoltaici, il risparmio idrico, il contenimento dei consumi energetici. Infine ci siamo posti una domanda: è possibile fare tutto ciò con un atteggiamento ecologico? Noi crediamo di sì. È necessario pensare ad interventi ispirati alla bio-edilizia (materiali ecocompatibili, risparmio energetico) che privilegino la produzione ed il consumo di energie rinnovabili; Anche i comuni devono risparmiare energia. L illuminazione cimiteriale e (successivamente) stradale con LED consente un minor consumo energetico e permette di utilizzare gli incentivi statali previsti per tali opere. Monitoriamo i consumi energetici degli edifici pubblici al fine di limitare gli sprechi. UN AMMINISTRAZIONE PIÙ SOSTENIBILE Essere sostenibili significa evitare sprechi, privilegiare l utilizzo di materiali prodotti da fonti rinnovabili o riciclabili, investire in energie alternative, andare a piedi o in bici quando si può fare a meno dell automobile, attivare azioni di compensazione della CO 2 prodotta con la piantumazione di nuovi alberi, favorire ogni iniziativa volta a ridare vita a oggetti dismessi, eliminare il packaging (imballaggi) ove possibile ed altro ancora. Impossibile sintetizzarle tutte in un programma elettorale. Gran parte di queste azioni saranno comunque al centro della nostra attività: con l ambiente che lasceremo ai nostri figli c è poco da scherzare. Ci piacerebbe poter: installare impianti fotovoltaici nei plessi delle scuole Materna ed Elementare; rivedere l attuale convenzione per la fornitura dell illuminazione pubblica al fine di individuare l operatore economico più vantaggioso; utilizzare bandi regionali o project financing al fine di ridurre i costi energetici nelle scuole e negli edifici pubblici. Una cosa però può essere fatta subito: privilegiare acquisti green da parte della pubblica Amministrazione. Perché usare plastica quando esistono materiali bio-compostabili, carta vergine o imballaggi ad alto impatto ambientale quando esistono materiali da fonti rinnovabili od ottenuti dal riciclo delle bottiglie di plastica? UN SOGNO NEL CASSETTO In questi anni abbiamo assistito ammirati alla crescita di movimenti giovanili e gruppi di aggregazione al di fuori dei confini solbiatesi. È il caso del M.E.G.A. di Albizzate, della Consulta Giovani di Carnago, della PRO LOCO di Gazzada. Ci siamo incontrati e confrontati con queste realtà, individuando tra di esse un comune denominatore vincente: la disponibilità nei propri Comuni di un area feste. Solbiate Viva ha individuato: nel parco comunale di via Montebello e il complesso Le Querce (ex scuola elementare) lo spazio giusto e propenso ad essere adibito a questa funzione, creando un unica area interattiva e multifunzionale che possa ospitare iniziative culturali e formative, feste e intrattenimento. 9

11 Immaginiamo che questa struttura possa accogliere una sala conferenze, un locale polivalente, una sala delle associazioni...; L attuale sede della biblioteca si amplierà all interno dell attuale sala conferenze, lasciando anche spazio ad un area dedicata ai più piccoli e ad una zona a disposizione degli studenti; Il centro diurno e i mini alloggi per anziani potrebbero essere posti nella proprietà di villa Longhini, lasciando in questo modo spazio all ampliamento del poliambulatorio, trasformandolo in una struttura sanitaria h24. Questo progetto resta, per noi di Solbiate Viva, un idea bella e ambiziosa in cui credere. Siamo consapevoli che ciò richieda sostanziose risorse economiche da investire che, nell immediato, sono già destinate ad altri interventi. Vogliamo però sottolineare che questo nuovo ed originale progetto, targato Solbiate Viva, è un idea in cui crediamo fermamente e che cercheremo nei prossimi anni di sviluppare non appena ci saranno condizioni finanziarie favorevoli. Lì, per Solbiate Viva Il candidato Sindaco Armando De Falco I presentatori delle candidature a Sindaco e a Consigliere comunale Massimo Protasoni Federica Pagliarin 10

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli