LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014"

Transcript

1 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione moderna ed una capacità di coinvolgere tutti i suoi collaboratori usando un linguaggio veramente accattivante. Ha organizzato un congresso a Cervia nei poderosi saloni del grano con una regia di alto livello soprattutto come struttura comunicativa. Siamo andati molto vicini, con le dovute proporzioni, alle convention del RI. Ricordo tutto ciò perché in quella occasione ho trovato l applicazione dello slogan: sapere, fare, far sapere, con un solo limite: il far sapere era rivolto soltanto a dei rotariani, mentre io penso che tutti dobbiamo fare lo sforzo di comunicare al mondo esterno, senza con ciò rinunciare a quella interna che anzi a mio avviso ne è il presupposto. La comunicazione interna ci rende più consapevoli di che cosa sia la nostra associazione, aumenta il nostro senso ed orgoglio di appartenenza. Costituisce la migliore forma di motivazione e può costituire un buon antidoto ai molti che, di questi tempi, escono dal nostro sodalizio dopo una breve permanenza. Vediamo di spiegare il significato die termini: sapere, fare, far sapere. Lo farò in breve e in maniera schematica. Toccherà a voi arricchire. SAPERE Cosa bisogna sapere? Occorre innanzi tutto sapere che cosa è il Rotary. Una volta si diceva che occorre rispondere a questa domanda nel tragitto di una corsa di ascensore da un piano ad un altro. Certo se la domanda è rivolta a voi presidenti di club ed indugiate o mostrate incertezza nel rispondere non depone bene. Il Presidente è un dirigente rotariano e quindi chi gli rivolge la domanda si aspetta che egli sappia rispondere senza tentennamenti alla più semplice ed ovvia delle domande. UNA RISPOSTA potrebbe essere: il Rotary è un associazione di service che opera su due fronti, quello umanitario e quello culturale. È una risposta sintetica ma che voi potete arricchire spiegando che cosa significano umanitario e cultural, chiarendo che si tratta di progetti in questi due campi. Franco Angotti Istruttore Distrettuale 1

2 A questo punto la persona curiosa aggiunge all iniziale domanda: ma chi fa parte di questa associazione? Chi sono i rotariani? Come vengono scelti? LA RISPOSTA penso sia più semplice della precedente. Infatti tutti sappiamo che il Rotary è formato da professionisti leader nel proprio settore. Una comunità quindi composta da diverse professionalità (non sono tutti medici, ingegneri, imprenditori, dirigenti d azienda, funzionari dello stato, insegnanti anche universitari, ecc.) legata da una iniziale, reciproca conoscenza che, attraverso la convivialità, si trasforma presto in amicizia, essendo accomunati da comuni idealità di servizio. Potete poi sottolineare almeno due aspetti: 1. La complementarietà culturale e delle competenze che si trova nei club, entrambe legate alla diversità delle professioni. Questa diversità è una grande ricchezze che poche associazioni possiedono e che è (o dovrebbe essere) funzionale al FARE di cui parleremo fra un momento. Inoltre questa complementarietà e diversità non ci espone al rischio di difese corporative come spesso accade nelle associazioni di professionisti omogenei. 2. Ma conseguenza della natura di questa composizione è che la cooptazione dei soci non avviene per nobiltà o censo ma è basata sul lavoro. Aggiungo, riprendendo ciò ho già detto nel SIPE, che l organizzazione per categorie professionali ha due evidenti presupposti: la centralità del lavoro ed il fondamentale ruolo delle professioni nelle società libere. Porre al centro del suo essere il lavoro ha un forte significato sociale. Il Lavoro è lo strumento di realizzazione degli individui. Il lavoro dà dignità alle persone, ha detto Papa Francesco recentemente. Molte sono le considerazioni che si riallacciano a questa centralità del lavoro e che voi potete facilmente sviluppare anche a beneficio dei soci dei vostri club. Sottolineata così la vera essenza e natura del Rotary potete rendere più esplicito il ruolo che esso ha o può avere nelle comunità in cui opera, accennando al programma del vostro anno ed aggiungendo anche qualche parola sulla sua dimensione internazionale. Naturalmente SAPERE significa anche che voi dovete conoscere la struttura del Rotary, quindi cosa sono, che ruolo hanno e come funzionano: Franco Angotti Istruttore Distrettuale 2

3 IL CLUB, IL DISTRETTO, LA FONDAZIONE il fondamentale ruolo che essa ha nel raggiungimento dell obbiettivo di fare del bene nel mondo, il ROTARY INTERNAZIONALE, ecc. Direi che SAPERE è un dovere di coerenza di ogni rotariano. Sarebbe curioso ignorare dove uno si trova e ancor di più non preoccuparsi di apprenderlo. Potrebbe venire il sospetto che la sua presenza nel Rotary possa prescindere dalla piena consapevolezza delle implicazioni che da ciò derivano. FARE Cosa bisogna fare? Anche su questo punto possiamo immaginare che qualcuno vi chieda che cosa fa il Rotary. La risposta sarà per voi più semplice e sicura perché avete già sviluppato in gran parte i programmi del vostro anno. Ma la domanda potrebbe essere: che cosa fanno i rotariani? E su questo punto la risposta forse è più difficile da dare senza mostrare incertezze. Mi è stato raccontato che recentemente questa domanda imprudentemente è stata rivolta ad un socio nel giorno della sua ammissione al club. La risposta è stata disarmante: potrei organizzare delle serate di burraco. Prontamente il Presidente ha ribattuto che il burraco non è fra le finalità del rotary. Ma allora che cosa può o dovrebbe fare il socio nel club? La cosa più naturale ed ovvia è che egli metta la sua professionalità al servizio dei progetti del club, possibilmente che aiuti il club anche ad individuare i progetti più significativi ed urgenti e quindi più incisivi. Si scopre così l importanza della ricchezza delle molte professionalità presenti per affrontare la messa a punto di progetti nei più disparati campi. Ma per fare ciò non è poi fondamentale la presenza ed assiduità nelle riunioni conviviali, ma è fondamentale la partecipazione alla vita del club. Partecipare vuol dire rispondere positivamente quando il club chiede il tuo contributo. Non bisogna però dimenticare, come ho accennato più sopra, l importanza della convivialità per instaurare un rapporto di amicizia fra i soci, ingrediente questo evidentemente fondamentale. Ma FARE significa anche contribuire alle iniziative del CLUB e della FONDAZIONE. Franco Angotti Istruttore Distrettuale 3

4 Per le iniziative di club, vi ricordo che l azione del rotary è fondata su 4 punti: LA DONAZIONE donazioni occasionali, ricorrenti, pianificate; si possono donare immobili od oggetti e dare il contributo Every Rotarian Every Year. Tutto ciò riguarda i singoli soci. LO SVILUPPO DI PROGETTI ogni progetto deve essere pianificato, deve trovare le risorse ed essere realizzato. Vi ricordo che i vostri progetti possono essere seguiti attraverso Rotary Club Central. LE DOMANDE DI SOVVENZIONE Sovvenzioni Distrettuali, Globali e Predefinite. Tutte queste sovvenzioni promuovono progetti umanitari, culturali, Borse di studio e squadre di formazione professionale, ecc. LO SVILUPPO DI LEADER nel proprio club segnalando amici che dimostrano particolare attitudine a ricoprire ruoli importanti, ma soprattutto nelle strutture giovanili, soprattutto Rotaract e facendo ogni sforzo per favorire la partecipazione al RYLA e promuovendo gli scambi di giovani. Sempre il FARE, vi ricordo la campagna END POLIO NOW contro la poliomielite. Il Rotary è uno dei principali partner alla guida della Global Polio Eradication Initiative a fianco della OMS, UNICEF, Bill & Melinda Gates Foundation fra questi anche la COMMISSIONE EUROPEA, Banche, Croce Rossa, Governi di molti paesi, ecc. Conoscete certo l importanza ed i risultati di questa campagna e sulle altre iniziative offerte dalla nostra Fondazione. A questa conoscenza sono dedicati specifici seminari e comprendete bene che su questo fonte c è molto da fare. FAR SAPERE Una volta capito cosa bisogna SAPERE e cosa FARE viene la parte più problematica per noi rotariani: FAR SAPERE. Intanto che cosa ed a chi è necessario far sapere? Prima di tutto, e non lo darei per scontato, occorre far sapere ai nostri soci. È la comunicazione all interno dei club. Nei club si parla poco di rotary o meglio sono pochi i soci che parlano forse molto di rotary e molti quelli che non essendo informati non conoscono neanche le attività rotariane del proprio club. La partecipazione alle conviviali è prevalentemente legata ad iniziative culturali ed il giudizio che anche i più assidui frequentatori danno dell anno rotariano riguarda esclusivamente il gradimento dei conferenzieri e dei Franco Angotti Istruttore Distrettuale 4

5 temi trattati. Non che tutto ciò sia un aspetto da ridimensionare, tutt altro. Dico solo che l aspetto culturale di arricchimento proprio non deve oscurare totalmente le iniziative prettamente rotariane dei club. Insomma bisogna porsi l obbiettivo di far conoscere a tutti i soci del vostro club i progetti culturali ed umanitari che avete in mente di realizzare. Potrebbe anche accadere che qualche socio insospettato sia in grado di darvi un buon consiglio risolutivo di un problema che vi sta impegnando. Devo anche dire che quasi tutti i club hanno vari strumenti di comunicazione interna: News, Giornali di club, ecc., ma a mio avviso ciò non basta. Occorre che si parli, nelle conviviali e nei caminetti, dei progetti che vi stanno impegnando. Fra l altro devo sfatare un luogo comune e cioè che quado si parla di rotary si fa il vuoto intorno. Nella mia recente esperienza di vita di club devo dire che le discussioni più partecipate le ho vissute proprio quando si parlava di Rotary. Se occorre, il sottoscritto e la Commissione da me presieduta siamo a vostra disposizione. Ma FAR SAPERE al di fuori del rotary è l aspetto più problematico che dobbiamo in qualche modo tenere presente e sul quale tutti possiamo fare qualcosa senza grande sforzo o grande capacità comunicativa. È da alcuni anni che il R.I. insiste molto sulla necessità di far conoscere il Rotary. Le indagini statistiche svolte negli ultimi 10 anni in tutto il mondo ci dicono che molti, ma non troppi, conoscono la sigla Rotary, ma ben pochi sanno che cosa il Rotary faccia e da qui il calo di attrattività. È questo un aspetto vissuto con apprensione dai nostri vertici per la mancanza di crescita che globalmente è ferma da una decina di anni a circa soci. Di ciò ci ha parlato il nostro DG Arrigo al SIPE. Le iniziative per far conoscere il Rotary sono molteplici ed a diversi livelli: La rivista The Rotarian La rivista Rotary Le riviste che ogni Club edita settimanalmente Blog disponibili in Internet Ci sono i siti WEB del Rotary e di ogni Club Ma come si intuisce è tutta circolazione prevalentemente interna al nostro sodalizio. Cosa possono fare i club per far sapere al di fuori dei nostri circuiti? Franco Angotti Istruttore Distrettuale 5

6 A mio avviso molto nella misura in cui riescono ad interagire con il territorio di propria competenza, acquistando con ciò visibilità. Se tutti i soci si impegnano ad individuare problemi irrisolti, aspetti sociali più critici, carenze che non si possono risolvere. Naturalmente si deve trattare di aspetti che siano alla portata delle possibilità del club. Gli esempi sono molteplici: alfabetizzazione, immigrazione, banca alimentare, ecc. offrire a ragazzi meritevoli opportunità di esperienze formative, progettualità per specifici aspetti, restauro di rilevanti eredità culturali, ecc.. Mi ha molto colpito l iniziativa di un club forse emiliano: vi era una rocca medievale da ristrutturare per la quale il club ha offerto il progetto sulla cui base l amministrazione è poi riuscita ad ottenere il finanziamento. La stampa locale in genere è sensibile a notizie che riguardano le comunità, magari coinvolgendola tempestivamente. Ricordiamoci sempre che la gente, e quindi la stampa, guarda ciò che facciamo, non ciò che diciamo. Vorrei concludere con una semplice considerazione che attiene al modo con cui viviamo la nostra partecipazione al rotary stigmatizzando a volte un eccesso di retorica e altrettanto spesso, specie da alcuni detentori del verbo rotariano, un eccesso di spirito missionario che dovrebbe animarci. Sono a mio avviso entrambe due visioni a rischio di vacuità. Occorre a mio avviso evitare quando si parla di questi argomenti di dare l impressione che le cose che si dicono richiedano una partecipazione totalizzante, quasi che il Rotary sia da intendere come una missione. Alcuni, lo avrete certamente notato, che usano anche un linguaggio tipico delle omelie. Io penso al contrario che sia necessario avere alcune predisposizioni fondamentali: innanzi tutto bisogna essere convinti che il Rotary è in grado di svolgere delle azioni umanitarie e culturali e che queste soddisfano un profondo nostro desiderio. Ma allora questo richiede da parte nostra un minimo di conoscenza della natura e della struttura del Rotary. Franco Angotti Istruttore Distrettuale 6

SEMINARIO DI ISTRUZIONI PER I NUOVI SOCI SINS 20 SETTEMBRE 2014 CAMAIORE

SEMINARIO DI ISTRUZIONI PER I NUOVI SOCI SINS 20 SETTEMBRE 2014 CAMAIORE SEMINARIO DI ISTRUZIONI PER I NUOVI SOCI SINS 20 SETTEMBRE 2014 CAMAIORE UN DIALOGO CON I NUOVI SOCI INTRODUZIONE Sono veramente lieto di dare il benvenuto a tutti voi che siete entrati nella grande famiglia

Dettagli

Fondamenti del Rotary

Fondamenti del Rotary Fondamenti del Rotary www.rotary.org/it/rotarybasics Come farsi coinvolgere nel Rotary Benvenuto al Rotary! Adesso fai parte di una rete globale di imprenditori, professionisti e volontari della comunità.

Dettagli

Last SIPE - 2014-15 Riccardo G. GHERI Membro Commissione Distrettuale Formazione A.R. 2014-15

Last SIPE - 2014-15 Riccardo G. GHERI Membro Commissione Distrettuale Formazione A.R. 2014-15 Last SIPE - 2014-15 Riccardo G. GHERI Membro Commissione Distrettuale Formazione A.R. 2014-15 Sapere, fare, far sapere Riccardo Gionata Gheri p.p. Rotary Club Firenze Est Commissione Distrettuale della

Dettagli

S.I.N.S. Seminario Istruzione Nuovi Soci Anno 2013-2014

S.I.N.S. Seminario Istruzione Nuovi Soci Anno 2013-2014 S.I.N.S. Seminario Istruzione Nuovi Soci Anno 2013-2014 * * * Roberto ARIANI Presidente Commissione Supporto e Sviluppo Informatico I Siti in cui dobbiamo navigare per crescere Cari Amici, il titolo del

Dettagli

OTTIENI CONNETTITI PER FARE DEL BENE. DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org

OTTIENI CONNETTITI PER FARE DEL BENE. DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org OTTIENI DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. CONNETTITI PER FARE DEL BENE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org La tua affiliazione al Rotary comincia nel tuo club. Il coinvolgimento migliorerà le

Dettagli

Introduzione all Azione professionale

Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale L affiliazione al Rotary si basa sulle capacità professionali dei suoi soci, ed ogni club si sforza di creare un microcosmo del

Dettagli

Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072

Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072 Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072 IL MODO IN CUI UNA SQUADRA GIOCA NEL SUO COMPLESSO, DETERMINA IL SUO SUCCESSO: POTREBBE ESSERE LA PIU GRANDE

Dettagli

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI La Guida alla pianificazione di club efficienti è uno strumento per aiutare i club a valutare la propria attuale situazione e determinare gli obiettivi per

Dettagli

FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP

FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP Treviso, 6 Settembre 2014 Nota: trovate in questa sezione del sito anche una dettagliata descrizione della metodologia utilizzata, che si chiama World Cafè. Dopo i saluti

Dettagli

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale Tutti voi conoscete il sito Distrettuale. Oggi esaminiamolo in maniera organica per capire

Dettagli

DISTRETTO 2071 /2015 2014/201

DISTRETTO 2071 /2015 2014/201 DISTRETTO 2071 2014/201 COMMISSIONE DISTRETTUALE PER LA PROMOZIONE DELLA 106 ROTARY CONVENTION DI SAN PAOLO 2015 CONGRESSO 2015 SAN PAOLO, BRASILE SAB. 6 GIUGNO - MAR. 9 GIUGNO Carissimi Amici, il Governatore

Dettagli

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 (reso noto dal DG Lo Cicero nella seduta amministrativa della XXXV Assemblea Distrettuale, tenutasi a Favignana il 25 maggio 2012) Il Distretto è un territorio

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA

RELAZIONE PROGRAMMATICA RELAZIONE PROGRAMMATICA Autorità rotariane, Autorità civili, Soci, gentili ospiti, come da protocollo siamo qui stasera per la mia relazione programmatica dell anno rotariano 2015 2016. Prima di tutto

Dettagli

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale

I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale I rapporti fra i Segretari di Club ed il sito web distrettuale L Area riservata del Club nel sito Distrettuale Tutti voi conoscete il sito Distrettuale. Oggi esaminiamolo in maniera organica per capire

Dettagli

Il sito distrettuale ed i siti dei club

Il sito distrettuale ed i siti dei club Il sito distrettuale ed i siti dei club Grazie, Governatore, per avermi permesso anche quest anno di parlare alla Squadra Distrettuale al momento dell avvio della tua annata. Ovviamente parlare alla Squadra

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. ROTARY CLUB PISA GALILEI PRESIDENTE INTERNAZIONALE KALYAN BANERJEE

Impossibile visualizzare l'immagine. ROTARY CLUB PISA GALILEI PRESIDENTE INTERNAZIONALE KALYAN BANERJEE PRESIDENTE INTERNAZIONALE KALYAN BANERJEE INDIRIZZI DEL GOVERNATORE LUIGI PAGLIARANI CHE CI VISITERA GIOVEDI 19 GENNAIO 2012: 1) Sostenere e rafforzare il Club 2) Incremento dell azione umanitaria 3) Migliorare

Dettagli

Calendario delle principali manifestazioni rotariane

Calendario delle principali manifestazioni rotariane Calendario delle principali manifestazioni rotariane SEMINARIO VISIONE FUTURA 17 novembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN) PRE SIPE 15 dicembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN)

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo

Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo Palermo, 30 aprile 2014 Circolare n. 10 Ai sigg.ri Soci del Rotary Club Palermo Ovest Al sig. Governatore del Distretto

Dettagli

Pillole di eventi di fundraising

Pillole di eventi di fundraising Pillole di eventi di fundraising Forlì, 11-12 settembre 2014 Mara Garbellini IL POTERE DEGLI EVENTI: TOCCARE CON MANO LA TUA ORGANIZZAZIONE Gli eventi sono occasioni reali, tangibili per donare e per partecipare

Dettagli

OTTIENI CONNETTITI PER FARE DEL BENE. DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org/it

OTTIENI CONNETTITI PER FARE DEL BENE. DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org/it OTTIENI DI PIÙ DALL AFFILIAZIONE. CONNETTITI PER FARE DEL BENE. UNISCITI AI LEADER SCAMBIA IDEE AGISCI www.rotary.org/it La tua affiliazione al Rotary comincia nel tuo club. Il tuo coinvolgimento migliorerà

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

The. Rotary. Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C.

The. Rotary. Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C. The Rotary Foundation Distretto 2031 12 ottobre 2015 R.C. TORINO CASTELLO R.C. TORINO LAMARMORA R.C. TORINO SUD EST R.C. TORINO SUPERGA Rotary The Rotary Foundation 2031DRFC District Rotary Foundation

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

DIREZIONE. DEL DISTRETTO Manuale delle commissioni distrettuali

DIREZIONE. DEL DISTRETTO Manuale delle commissioni distrettuali DIREZIONE DEL DISTRETTO Manuale delle commissioni distrettuali 2014/2015 INDICE Introduzione Panoramica La squadra... 1 Formazione... 2 Come usare il presente manuale... 2 Le commissioni distrettuali

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

LINEE GUIDA per COMUNICARE

LINEE GUIDA per COMUNICARE LINEE GUIDA per COMUNICARE Gian Paolo Pinton Comunicazione, immagine e relazioni con i media D-2060 S.I.P.E. - Seminario d Istruzione dei Presiden: Ele;. 14-15 Marzo 2014 Percorso suggerito per gesare

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Guida per consiglieri didattici di club Interact

Guida per consiglieri didattici di club Interact Guida per consiglieri didattici di club Interact I consiglieri rotariani e quelli didattici svolgono un ruolo fondamentale di sostegno al programma Interact. Nel caso di un club a base scolastica, il consigliere

Dettagli

Progetto di ricerca sugli Sportelli d ascolto

Progetto di ricerca sugli Sportelli d ascolto DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA PROF.SSA BRUNA ZANI Progetto di ricerca sugli Sportelli d ascolto Target: 2 province della regione Emilia-Romagna (da individuare sulla base di accordi con gli interessati) 1.

Dettagli

Manuale della commissione di club per la Fondazione Rotary

Manuale della commissione di club per la Fondazione Rotary Manuale della commissione di club per la Fondazione Rotary Parte della Cartella dei dirigenti di club Per i club partecipanti alla fase pilota del piano di visione futura è stato preparato un manuale a

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei

Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei questo è il rotary servire Il Rotary International (RI) è un associazione internazionale di servizio umanitario, formata da uomini e donne, occupanti funzioni di leader nei propri settori di attività economica

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

ROTARACT CLUB DISTRETTO 2050 - ITALIA Lombardia Sud - Provincia di Piacenza Patrocinato dal Distretto Rotary 2050 DG Anna Spalla

ROTARACT CLUB DISTRETTO 2050 - ITALIA Lombardia Sud - Provincia di Piacenza Patrocinato dal Distretto Rotary 2050 DG Anna Spalla Service Distrettuale Distretto Rotaract 2050 - ITALIA Requisiti e modalità di presentazione delle candidature Dott.ssa - Cell. +39 349 5568997 - Email: ilaria.lanzani@gmail.com Alla C.A. dei Presidenti

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Service Above Self - He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2100 - ITALIA CLUB POMPEI OPLONTI VESUVIO EST. Cagliari Est (2080) - Pompei (2100)

Service Above Self - He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2100 - ITALIA CLUB POMPEI OPLONTI VESUVIO EST. Cagliari Est (2080) - Pompei (2100) INTERNATIONAL Service Above Self - He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2100 - ITALIA CLUB POMPEI OPLONTI VESUVIO EST 2 Camp interdistrettuale Cagliari (2080) - Pompei (2100) Sea & Archeology Pompei,

Dettagli

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Marisa Abbondanzieri, Presidente A.N.E.A. Pagina 1 di 4 Il compito che mi è stato assegnato è quello di fare una riflessione sul futuro degli ATO nel nuovo contesto

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

PQ 07. Procedura PQ 07 COMUNICAZIONE. 1. Scopo. 2. Riferimenti. 3. Definizioni. 4. Linee guida. 5. Matrice attività / responsabilità

PQ 07. Procedura PQ 07 COMUNICAZIONE. 1. Scopo. 2. Riferimenti. 3. Definizioni. 4. Linee guida. 5. Matrice attività / responsabilità COMUNICAZIONE 1. Scopo 2. Riferimenti 3. Definizioni 4. Linee guida 5. Matrice attività / responsabilità All. 1 Rubrica telefonica All. 2 Indice bollettino pq 07 [16/01/2013] [1] COMUNICAZIONE 1. SCOPO

Dettagli

Emilia Romagna e Repubblica di San Marino Governatore : Giuseppe Castagnoli ASSEMBLEA DISTRETTUALE Riccione 4 Maggio 2013

Emilia Romagna e Repubblica di San Marino Governatore : Giuseppe Castagnoli ASSEMBLEA DISTRETTUALE Riccione 4 Maggio 2013 Il Rotary Club è un associazione costituita di individui adulti di buona volontà e reputazione professionale Standard Rotary Club Constitution Art.7.1..ogni socio attivo appartiene a una categoria ( classifica

Dettagli

Via Liguria, 22 09005 Sanluri (VS) - Tel. 370 10 44 389 posta@net-me.it - www.net-me.it - P. IVA 03521950927

Via Liguria, 22 09005 Sanluri (VS) - Tel. 370 10 44 389 posta@net-me.it - www.net-me.it - P. IVA 03521950927 Via Liguria, 22 09005 Sanluri (VS) - Tel. 370 10 44 389 posta@net-me.it - www.net-me.it - P. IVA 03521950927 Net-Me Net-Me Net-Me nasce da un idea di Marco C. Bandino: sviluppare la sua passione per l

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Introduzione all Azione professionale

Introduzione all Azione professionale Introduzione all Azione professionale Scopo del Rotary Lo scopo del Rotary è diffondere il valore del servire, motore e propulsore ideale di ogni attività. In particolare, esso si propone di: 1. Promuovere

Dettagli

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA

PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 CLUB DI LOCRI 1961 PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA Lo scopo di questo Piano Strategico consiste nel fornire una guida e linee di indirizzo per il Presidente

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Statuto tipo del Club Rotaract

Statuto tipo del Club Rotaract Statuto tipo del Club Rotaract Obiettivi Sponsorizzazíone di un Rotary Club Qualificazione Effettivo ART. 1 Costituzione e denominazione È costituita l associazione Rotaract Club di [inserire il nome].

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

ROTARY INTERNATIONAL Presidente RI Sukuji Tanaka. DISTRETTO 2060 Governatore Alessandro Perolo

ROTARY INTERNATIONAL Presidente RI Sukuji Tanaka. DISTRETTO 2060 Governatore Alessandro Perolo ROTARY INTERNATIONAL Presidente RI Sukuji Tanaka DISTRETTO 2060 Governatore Alessandro Perolo ROTARY CLUB TREVISO NORD Presidente Francesco Albrizio Anno rotariano 2012 2013 BOLLETTINO n. 6 Prossimo incontro

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Aggiornamento del Database Distrettuale: guida per i segretari dei club

Aggiornamento del Database Distrettuale: guida per i segretari dei club Aggiornamento del Database Distrettuale: guida per i segretari dei club 1 settembre 2014 Gentilissimi segretari dei Rotary Club del Distretto 2050, dopo aver a lungo lavorato per realizzare l interfaccia

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

LA FONDAZIONE ROTARY SCOPI ED OBIETTIVI

LA FONDAZIONE ROTARY SCOPI ED OBIETTIVI Bollettino del Club Anno XIII N 11 11 febbraio 2013 SOCI PRESENTI 22 SU 47, SOCI ASSENTI GIUSTIFICATI 25, SOCI ONORARI NESSUNO, OSPITI DEL CLUB 2, AMICI E PARENTI 2 CONVIVIALE DEL 06 FEBBRAIO 2013 LA FONDAZIONE

Dettagli

Distretto 2100 Maria Rita Acciardi Governatore 2013-2014

Distretto 2100 Maria Rita Acciardi Governatore 2013-2014 Distretto 2100 Maria Rita Acciardi Governatore 2013-2014 dal Distretto, 1 maggio 2014 Ai Signori Presidenti, Segretari e Soci tutti dei Rotary Club del e p.c. Ai Signori PDRI Raffaele Pallotta d Acquapendente

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Supplemento Borse di studio con Sovvenzioni globali

Supplemento Borse di studio con Sovvenzioni globali Supplemento Borse di studio con Sovvenzioni globali La Fondazione Rotary elargisce borse di studio attraverso sovvenzioni globali e sovvenzioni distrettuali. Questo documento si incentra sulle borse di

Dettagli

Celebriamo il rotary PROSSIMO INCONTRO

Celebriamo il rotary PROSSIMO INCONTRO ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2060 ITALIA ROTARY CLUB TREVISO NORD Annata del centenario Celebriamo il rotary BOLLETTINO NR. 34 ANNO 2005/2006 PROSSIMO INCONTRO RIUNIONE n. 34 Lunedì 8 maggio 2006 ore

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 PRIMA PARTE - La comunicazione tra uomini e donne Capitolo 1 - Pensiero lineare e pensiero intrecciato 19 Capitolo 2 - Messaggi diretti e segnali sottintesi 23 Capitolo

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

formatore inutile o indispensabile?

formatore inutile o indispensabile? formatore inutile o indispensabile? Service about self ROTARIANO PER CHI PERCHE PER COSA Service about self Il motto del Rotary è un comandamento. La pace da raggiungere attraverso il service, ossia operando

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO

SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO SCRIVERE UNA (BUONA) TESINA PER L ESAME DI STATO di Aurelio Alaimo I. I. S. Caduti della Direttissima - Castiglione dei Pepoli (Bologna) aurelio.alaimo@iperbole.bologna.it (critiche, osservazioni e commenti

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI NUOVI CLUB GUIDA RAPIDA. UNIRSI AI LEADER: www.rotary.org 808-IT (316)

ORGANIZZAZIONE DI NUOVI CLUB GUIDA RAPIDA. UNIRSI AI LEADER: www.rotary.org 808-IT (316) ORGANIZZAZIONE DI NUOVI CLUB GUIDA RAPIDA UNIRSI AI LEADER: www.rotary.org 808-IT (316) LE NOVE FASI PER AVVIARE UN NUOVO ROTARY CLUB Identificazione dell area idonea a ospitare il nuovo club Sviluppo

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

LIONS, BAMBINI AL CENTRO. Guida alla pianificazione

LIONS, BAMBINI AL CENTRO. Guida alla pianificazione LIONS, BAMBINI AL CENTRO Guida alla pianificazione INTRODUZIONE I Lions di tutto il mondo sono coinvolti attivamente per aiutare i bambini e i giovani a crescere bene, specialmente quelli che vivono in

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

2070 DISTRETTO ROTARY INTERNATIONAL. Numero 2-20 11 Maggio 2007. Pagina 1 di 9

2070 DISTRETTO ROTARY INTERNATIONAL. Numero 2-20 11 Maggio 2007. Pagina 1 di 9 NOTIZIARIO Pagina 1 di 9 Maggio :: Mese della Cultura Servire al di sopra di ogni interesse personale LE PAROLE E LA SAGGEZZA DI PAUL HARRIS Non ci sono grandi fondamentali differenze tra gli uomini e

Dettagli

NOI STUDENTI: VIVERE E STUDIARE IN UNA COMMUNITY

NOI STUDENTI: VIVERE E STUDIARE IN UNA COMMUNITY NOI STUDENTI: VIVERE E STUDIARE IN UNA COMMUNITY Claudia Di Lorenzo 1, Rebecca Melis 2, Riccardo Carboni 3 1 Scienza dei Media clachan@gmail.com 2 Scienza dei Media melistria@gmail.com 3 Scienza dei Media

Dettagli

GIAN PIERO TURLETTI CREARE UN IMPRESA DI SUCCESSO IN MODO SEMPLICE

GIAN PIERO TURLETTI CREARE UN IMPRESA DI SUCCESSO IN MODO SEMPLICE GIAN PIERO TURLETTI CREARE UN IMPRESA DI SUCCESSO IN MODO SEMPLICE Free-Ebook collegato a: Tecniche semplici per la gestione aziendale L impresa: è possibile crearla e gestirla con semplicità e successo?

Dettagli

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive

Convegno Cristina Rossi 2012. Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Convegno Cristina Rossi 2012 Dono del sangue e seconde generazioni Quali prospettive Paolo Guiddi Anna Granata http://www.youtube.com/watch?v=sqflj Wp2EMk&feature=relmfu Donare il sangue Forma di inclusione?

Dettagli

24 CONGRESSO PROVINCIALE ACLI NOVARA

24 CONGRESSO PROVINCIALE ACLI NOVARA Relazione del Presidente Fabio Sponghini Rigenerare comunità per ricostruire il Paese. Acli artefici di democrazia partecipativa e buona economia. Fabio Sponghini Care amiche e cari amici congressisti,

Dettagli

Il modello delle 3P per il debriefing nella formazione esperienziale

Il modello delle 3P per il debriefing nella formazione esperienziale Il modello delle 3P per il debriefing nella formazione esperienziale di Walter Allievi Come molti di voi probabilmente già sapranno, una delle chiavi di un intervento formativo di successo, svolto attraverso

Dettagli

EFFETTIVO, CRESCITA E RAFFORZAMENTO DEI CLUB Nicola Comodo

EFFETTIVO, CRESCITA E RAFFORZAMENTO DEI CLUB Nicola Comodo EFFETTIVO, CRESCITA E RAFFORZAMENTO DEI CLUB Nicola Comodo 1. Premessa Se dovessimo individuare cosa è più importante nel Rotary, come in qualunque organizzazione, ritengo che la risposta corretta possa

Dettagli

vera e propria rigenerazione urbana.

vera e propria rigenerazione urbana. Elisabetta Meucci, Consigliera Regionale Toscana ed ex Assessore Urbanistica Comune di Firenze (intervento non rivisto dall autrice) L esperienza del Piano Strutturale e del Regolamento Urbanistico della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

COPYRIGHT 2014 DEL ROTARY INTERNATIONAL. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. GUIDA ROTARY GLOBALOUTLOOK GUIDA PER ROTARIANI SU COME ATTRARRE E CONSERVARE SOCI

COPYRIGHT 2014 DEL ROTARY INTERNATIONAL. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. GUIDA ROTARY GLOBALOUTLOOK GUIDA PER ROTARIANI SU COME ATTRARRE E CONSERVARE SOCI COPYRIGHT 2014 DEL ROTARY INTERNATIONAL. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. GUIDA ROTARY GLOBALOUTLOOK GUIDA PER ROTARIANI SU COME ATTRARRE E CONSERVARE SOCI NUMERI IN CALO, MA NON SIAMO ABBATTUTI Nell ultimo

Dettagli

PARTECIPIAMO AL SERVICE PRESENTAZIONE del PROGETTO RYLA OBIETTIVI E CONTENUTI

PARTECIPIAMO AL SERVICE PRESENTAZIONE del PROGETTO RYLA OBIETTIVI E CONTENUTI PARTECIPIAMO AL SERVICE PRESENTAZIONE del PROGETTO RYLA OBIETTIVI E CONTENUTI Carissimi, basta leggere i resoconti dei partecipanti (ve ne allego per comodità uno solo) per capire cos è il RYLA, ma in

Dettagli

Liceo Classico Clemente Rebora

Liceo Classico Clemente Rebora Liceo Classico Clemente Rebora Rotary Rotary Club Bollate Nirone Rotary Club Rho Fiera Centenario Rotaract Visconteo 2011-2012 Che cosa è il Rotary? Il Rotary è la prima organizzazione di servizio del

Dettagli

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 rotary il rotary è Sedi Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 Rotary International One Rotary Center 1560 Sherman Avenue

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Manuale della commissione di club per la Fondazione Rotary

Manuale della commissione di club per la Fondazione Rotary Manuale della commissione di club per la Fondazione Rotary Parte della Cartella dei dirigenti di club 226E-IT (512) Indice Introduzione 1 Ruolo e responsabilità della commissione...3 Formazione dei soci

Dettagli

ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa

ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa ILMALLONEIT numero speciale della V B Casapapa ILMALLONE e ILMALLONE.IT, Notiziario del I Circolo di Solofra RELAZIONE FINALE Dicembre 2008 A cura di Rosanna Mele Relazione finale Non è il primo anno che

Dettagli