Verifica dei Risultati 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifica dei Risultati 2012"

Transcript

1 CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE CASTELLARANO Verifica dei Risultati 2012 e Piano Annuale Attività 2013 Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Castellarano Via Roma N CASTELLARANO (RE) Partita Iva Telefono Fax

2 VERIFICA DEI RISULTATI 2012 STATO DI PREVISIONE DELLE ENTRATE La consistenza delle entrate correnti sono determinate dai servizi di emergenza/urgenza, trasporti ordinari e dialisi. Altre entrate provengono dalle donazioni che provengono dalla cittadinanza in varie occasioni e somme raccolte durante le manifestazioni svolte durante tutto l anno. STATO DI PREVISIONE DELLE SPESE Il Bilancio consuntivo 2012 presenta un avanzo di poche migliaia di Euro ma dobbiamo evidenziare che la messa in sicurezza della ns. sede da parte del Comune, ha caricato le ns. spese di tutti gli oneri relativi al trasloco, per il quale abbiamo dovuto incaricare una ditta di traslochi per lo spostamento dei mobili, del rimessaggio e del ripristino. Inoltre abbiamo dovuto spostare tutte le linee di comunicazione necessarie all emergenza-urgenza e non, in altro ambiente. I capitoli di spesa sono in linea con l anno precedente, fatta eccezione per i capitoli coinvolti nelle operazioni di cui sopra. I volumi di attività della Croce Rossa di Castellarano, per l anno 2012, sono stati: TRASPORTI IN URGENZA: n 805 interventi, con 807 pazienti e circa km effettuati TRASPORTI ORDINARI: n 1552 viaggi, con 1590 pazienti e circa km. INDICATORI REGIONALI CRICASTELLARANO CRICASTELLARANO Colore N E/U Colore N E/U B 8 0,99 B 13 1,59 G ,79 G ,33 R ,01 R ,18 V ,19 V ,88 TOT 803 TOT 813 0,99 15,19 29,01 54, B G R V 2

3 2011 C C02 99 C03 67 C04 91 C05 13 C06 17 C07 17 C08 10 C09 55 C10 30 C11 1 C12 5 C13 1 C14 15 C15 14 C C20 32 HH C20 C15 C13 C11 C09 C07 C05 C03 C (no MSA) , , , , CRICASTELLARANO Ospedale Destinazione N pazienti c1 ASMN 13 c2 ASMN 10 c3 ASMN 5 c1 CAST. MONTI 1 c1 MODENA CIVILE 6 c2 MODENA CIVILE 9 c3 MODENA CIVILE 5 c3 PARMA 1 c1 SASSUOLO 139 c2 SASSUOLO 44 c3 SASSUOLO 5 c1 SCANDIANO 378 c2 SCANDIANO 112 c3 SCANDIANO 11 c0 S.P./HH 97 c4 SUL POSTO c0 S.P./HH c2 SCANDIANO c3 SASSUOLO c1 SASSUOLO c3 MODENA CIVILE c1 MODENA CIVILE c3 ASMN c1 ASMN

4 2012 C C02 90 C03 69 C C05 21 C06 17 C07 26 C08 12 C09 55 C10 10 C11 0 C12 6 C13 2 C14 6 C15 7 C C20 22 HH C20 C15 C13 C11 C09 C07 C05 C03 C (no MSA) , , , , , CRICASTELLARANO Ospedale Destinazione N pazienti c1 ASMN 15 c2 ASMN 22 c3 ASMN 12 c1 CAST. MONTI 1 c2 CAST. MONTI 1 c1 MODENA CIVILE 3 c2 MODENA CIVILE 7 c3 MODENA CIVILE 3 c1 MODENA POL 6 c2 MODENA POL 3 c3 MODENA POL 2 c1 PARMA 1 c2 PARMA 1 c3 PARMA 1 c1 SASSUOLO 96 c2 SASSUOLO 26 c3 SASSUOLO 3 c1 SCANDIANO 401 c2 SCANDIANO 122 c3 SCANDIANO 12 c1 GUASTALLA 3 c2 GUASTALLA 1 c0 S.P./HH 93 c4 SUL POSTO c4 SUL POSTO c0 S.P./HH c2 GUASTALLA c1 GUASTALLA c3 SCANDIANO c2 SCANDIANO c1 SCANDIANO c3 SASSUOLO c2 SASSUOLO c1 SASSUOLO c3 PARMA c2 PARMA c1 PARMA c3 MODENA POL c2 MODENA POL c1 MODENA POL c3 MODENA CIVILE c2 MODENA CIVILE c1 MODENA CIVILE c2 CAST. MONTI c1 CAST. MONTI c3 ASMN c2 ASMN c1 ASMN

5 FASCIA ORARIA Numero 00:00-04:00 % 04:00-08:00 % 08:00-12:00 % 12:00-16:00 % 16:00-20:00 % 20:00-24:00 % Postazione 2010 #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! ,2 65 8, , , , , , , , , , TEMPO PARTENZA < 150'' % < 150'' 150'' 210'' % 150'' 210''210'' 300'' % 210'' 300'' % < 300'' > 300'' N G -R Postazione ,00% ,00% ,00% 92,00% CRICASTELLARANO , , ,57 94, , , ,49 97, TEMPO STAZIONAMENTO SUL POSTO < 15' % < 15' 15' 30' % 15' 30' 30' 45' % 30' 45' 45' 60' % 45' 60' servizi rilevati ,07% ,93% 15 2,99% CRICASTELLARANO ,39% ,01% 6 1,06% 3 0,53% ,31% ,39% 12 2,12% 1 0,17% 566 RACCOLTA DATI SCHEDE NSIS SERVIZI % ,24% , ,17 NON CONFORMITA' 2011 NON CONFORMITA' 2012 NO 1 DIMENSIONAMENTO 6 NO 1 DIMENSIONAMENTO 5 NO STATI 11 NO STATI 7 PARTENZA RITARDATA 2 PARTENZA RITARDATA NO CONDIZIONI 1 NO CONDIZIONI ERRORE TARGET ERRORE TARGET 1 ALTRO ALTRO ,49% 1,59% /02/ :30: /02/ :21: /02/ :34: /01/ :21: /06/ :05: /04/ :25: /08/ :02: /04/ :14: /10/ :56: /06/ :03: /12/ :26: /09/ :58: /01/ :59: /03/ :34: /04/ :03: /04/ :33: /05/ :01: /05/ :30: /07/ :39: /06/ :32: /07/ :46: /09/ :32: /08/ :51: /11/ :40: /10/ :33: /12/ :37: /10/ :31: /11/ :48: /12/ :06: /12/ :02: /12/ :41: /01/ :12: /05/ :12:09 5

6 Oltre alle consuete attività standardizzate, sono state intraprese importanti iniziative: Acquisti: o Acquisizione nuova idropulitrice. o Acquisto mobili per ufficio Presidenza. o Controsoffittatura sede e relativo impianto illuminazione. Formazione: o Svolgimento del corso base CRI o Pianificazione del tirocinio dei nuovi VdS o Pianificazione del retraining teorico-pratico per i VdS Ricevimento mezzo in donazione: o Auto Aveo Chevrolet immatricolata in luglio 2012 Manifestazioni a cui si è preso parte: o Sentieri golosi Magnalonga sulle colline di Castellarano o Assistenza gara ciclistica Coppi-Bartali. o Notte bianca a Castellarano o Festa dell Uva a Castellarano o Concerto Italia Loves Emilia Campovolo-Pro-terremotati. Modifiche organizzative: Altro: o La pulizia dei locali come è stata organizzata all inizio del 2011 ha dato buoni frutti e non abbiamo avuto la necessità di incaricare nessuna ditta di effettuare tali pulizie. Pertanto anche per tutto il 2012 la pulizia dei locali è stata effettuata dai Volontari con buoni risultati. La Presidenza attiverà il coinvolgimento dei volontari anche per l anno o L amministrazione ha predisposto un modulo di controllo fatture/incassi molto dettagliato con una verifica mensile per il rilevamento dei mancati pagamenti e quindi procedere ai solleciti. o L anno 2012 è stato anche l evento del terremoto in Emilia e una delegazione del Comitato Locale ha prestato attività di emergenza-urgenza per diversi giorni nel paese di Reggiolo. Inoltre alcuni Volontari si sono prestati per la raccolta indumenti e prodotti alimentari da destinata ai terremotati, organizzata dal Comune di Castellarano. o Inoltre nei giorni 29 e 30 Settembre si è svolta nella Frazione di Cadiroggio un campo di Protezione Civile nella struttura fissa messa a disposizione della Parrocchia e con allestimento di due tende. Hanno partecipato numerosi volontari e per ricreare il più possibile una situazione realistica si è deciso di non anticipare il programma della simulazione. Sono stati allertati i Volontari e, nel pomeriggio dopo una lezione di cartografia, sono state organizzate quattro squadre che si sono recate sulle colline dei Monti di Cadiroggio per simulare una ricerca dispersi. Alla sera si è 6

7 fatto un riassunto della giornata con tutti i partecipanti per capire, in linea generale, quali possono essere i tempi di attivazione, di arrivo in sede e di preparazione e montaggio strutture da campo. Il risultato finale è stato di grande soddisfazione per tutto il gruppo. o Il giorno 20 Giugno c è stata la valutazione del Comitato Locale da parte del personale 118 e USL di Reggio Emilia per l Accreditamento e, in data 7 Settembre è arrivato dalla Regione Emilia Romagna il documento sull esito della visita di Accreditamento. Il documento, con esito positivo, riporta la valutazione di conformità ai requisiti generali e specifici previsti dal modello di accreditamento deliberato dalla Regione Emilia Romagna, con grande soddisfazione di tutti i volontari. o Aiuti a famiglie disagiate: il gruppo del CNF che svolge servizio presso il Buon Samaritano ha continuato per tutto il 2012 a prestare la propria assistenza alla raccolta e alla distribuzione dei prodotti nel magazzino di Casalgrande. Pianificazione attività anno 2013: Le azioni che si intendono intraprendere nel corso del 2013 sono: - Modifiche organizzative. 1) Il presidente, sentito la disponibilità di alcuni Volontari, ha organizzato dei mini turni di 2/3 ore giornaliere in cui metteremo a disposizione dell Ospedale di Sassuolo e di Scandiano un mezzo per effettuare dimissioni, trasporto sangue o trasferimenti interospedalieri. Tutto questo dovrebbe portare servizi in più di quelli che si fanno di solito e di conseguenza maggiori entrate economiche. -Altro 1) L anno 2013 sarà l anno di transizione che ci accompagnerà alla riorganizzazione dell Associazione Italiana di Croce Rossa che dovrà essere a regime dal 01 Gennaio Un primo Decreto del Presidente della Repubblica è già stato emanato, le cui disposizioni applicative sono già state messe a disposizione dei Comitati di Croce Rossa. Il Presidente e i Delegati del Comitato Locale dovranno affrontare mesi di impegno notevole per questa nuovo percorso organizzativo e burocratico. 2) Quest anno abbiamo anche nuove figure all interno del Comitato, meglio individuati in Delegati degli obiettivi strategici. Si differenziano in VI attività specifiche e sono stati scelti dal Presidente del Comitato. Una di queste figure è l Obiettivo strategico V che, avvalendosi di giovani volontari, si rivolge alla popolazione occupandosi di attività ricreative, educative e di sensibilizzazione. Il programma 2013 nello specifico è il seguente: - I Giovani di Croce Rossa: a) SAP: i giovani di Croce Rossa rientrano nell attività SAP organizzata dai Servizi Sociali per aiutare disabili a creare ed inserirsi in un gruppo dove divertirsi e vivere esperienze. Grazie ai mezzi di trasporto del Comitato una volta al mese, previo accordo con i Servizi Sociali, i ragazzi vengono portati in un ristorante, pizzeria o al Bowling per passare una serata di svago. 7

8 b) CSB: con l aiuto della referente Daniela Montellli del centro Sanitario Belvedere, un pomeriggio al mese, i giovani Cri si recano in struttura e preparano laboratori manuali a vario tema a seconda del periodo dell anno (Pasqua, natale ecc.), oppure semplici giochi di gruppo come tombola o tornei di carte. Inoltre i giovani di Cri aiutano lo staff. Infiermeristico nel servire la merenda agli ospiti. c) Campagna IDEA: la campagna Idea rientra nel piano nazionale delle attività previste dai Giovani di Croce Rossa. La campagna ha l biettivo di informare la popolazione, indirizzandosi soprattutto alle fasce più giovani, sulle cprrette abitudini alimentari da seguire e su come adottare uno stile di vita sano. Ogni anno la campagna Idea organizzata dai Giovani Cri trova il suo utilizzo all interno delle attività di piazza oppure all interno degli stand preposti nella festa del Comitato. d) Attività ABC (Abstinence, Be faithful, Condom) Le attività ABC rientrano nel piano nazionale di attività previste dei Giovani di Croce Rossa. Le attività hanno l'obiettivo di informare la popolazione, indirizzandosi soprattutto alle fasce più giovani, sulla sfera della sessualità e sulle malattie sessualmente trasmissibili. Ogni anno le attività ABC organizzate dai Giovani CRI di Castellarano trovano il suo utilizzo all'interno delle attività di piazza oppure all'interno degli stand preposti nella Festa di Comitato. e) Attività di prevenzione guida in stato di ebrezza (Alcool test) Dal 2008 i Giovani CRI di Castellarano organizzano attività di sensibilizzazione sui rischi della guida in stato di ebrezza e forniscono un servizio gratuito di alcool test all'interno delle attività di piazza (Rockville, Festa dell'uva, Giochi d'estate, Notte Bianca) oppure all'interno degli stand preposti nella Festa di Comitato. In base alle disponibilità provinciali, queste attività possono essere supportate dall'impiego del Camper attrezzato per questo genere di attività. f) Lezioni nelle Scuole Medie ed evacuazioni Dal 2009 i Giovani CRI di Castellarano, con l'aiuto della referente Manuela Camellini, organizzano lezioni interattive indirizzate ai ragazzi delle classi prime e seconde delle scuole medie di Castellarano e Roteglia. Dopo una breve presentazione su chi e cosa è la Croce Rossa, le lezioni si dividono in una prima parte più teorica, dove i ragazzi possono apprendere le conoscenze base sul 118 e sul primo soccorso e una seconda parte in cui si verifica il livello di comprensione tramite giochi o quiz. Per quanto riguarda la parte inerente alla Protezione Civile, i Giovani di Croce Rossa organizzano una lezione sui corretti comportamenti da tenere in caso di emergenza, informando i ragazzi riguardo il piano di evacuazione della scuola. Successivamente viene organizzata un'evacuazione delle strutture scolastiche durante la quale i Giovani CRI supervisionano l'andamento e il comportamento sia dei ragazzi sia del corpo docente. La programmazione dell'anno 2013 punta a riconfermare queste attività. In previsione c'è anche l'attuazione del progetto Questo è rivolto a ragazzi esterni ancora troppo giovani per entrare in Croce Rossa; svolgendo giochi e attività si spiega e si fa conoscere l'associazione. - Organizzazione eventi. 1) Obiettivo di inizio Luglio è quello della festa Annuale della Croce Rossa di Castellarano, impegno che vogliamo pianificare e organizzare anche quest anno, che si svolgerà nel Parco del paese e che vedrà 8

9 impegnati tutti i volontari, sia per l organizzazione di stand di intrattenimento che per gli stand di ristorazione. Come tutti gli anni contiamo sull aiuto dei cittadini che, numerosi e volenterosi, siamo sicuri si presteranno a darci una mano. Lo scopo è quello di avvicinare sempre di più i cittadini alla realtà del Volontariato della croce Rossa e di sensibilizzare i giovani attraverso informazione e attività ricreative di vario tipo. 2) Il Presidente del Comitato con il preposto di protezione Civile vorrebbero organizzare un altro campo come quello svolto a Cadiroggio con tipologia un po diverse, e in quella occasione cercare uno sponsor per poter acquistare un fuoristrada utile a queste attività. Mezzo che sarebbe stato utile quando il Comune di Castellarano ha chiesto aiuto nel monitoraggio delle frane e dei fiumi in momenti di allerta meteo. 3) Il gruppo formazione, in collaborazione con le insegnanti delle classi seconda media di Castellarano ha iniziato un percorso di informazione sulle attività del Comitato Locale in modo da avvicinarli al mondo Cri e al volontariato di emergenza-urgenza. A conclusione del percorso fatto durante l anno scolastico, si svolgerà a fine Maggio, una simulazione di soccorso dove una ventina di ragazzi, debitamente truccati dai truccatori CRI, si cimenteranno nel ruolo di feriti insieme a simulatori CRI. Tutto questo servirà ai ragazzi per interagire con il mondo CRI e, ai volontari, per una esercitazione di triage. 4) Sempre il gruppo formazione ha ricevuto una richiesta dal responsabile delle scuole dell infanzia di Castellarano, per svolgere una lezione interattiva sul primo soccorso pediatrico. Il Presidente ha valutato la cosa e ha dato parere favorevole ad alcuni componenti del gruppo formazione per organizzare l evento. La lezione sarà rivolta ad un centinaio di persone tra genitori e insegnanti e si svolgerà nelle scuole Elementari di Castellarano nella serata del 16 Aprile p.v.. Sarà utilizzato materiale informativo e anche alcuni manichini per illustrare alcune manovre. 4) Fermo restando la partecipazione agli eventi che verranno organizzati nell ambito comunale. - Formazione. 1) Per la formazione ci sarà la pianificazione del corso base CRI rivolto alla cittadinanza, teso all arruolamento di nuovi aspiranti Volontari. Si svolgerà seguendo le linee guida nazionali di recente regolamentazione. 2) Saranno pianificati i retraining per i corsi PTC,BLS,PBLS,BLSD, GUIDA SICURA e altri argomenti di varia tipologia per tutti i Volontari. Quest anno abbiamo inserito 2 ore obbligatorie oltre le 10 attuali su patologie generiche. - Economico. 1) Periodicamente si verificheranno le spese del comitato Locale e il primo controllo avverrà in Giugno. In base ai risultato si valuterà la necessità di procedere alla prima variazione di bilancio. 2) Sempre con l obiettivo del controllo di gestione in Settembre si procederà ad un secondo controllo delle spese sostenute e, in caso necessitino variazioni nei capitoli, si procederà ad una seconda variazione di bilancio ) Ultimo, ma non da meno, è quello di predisporre il Bilancio di previsione 2014, che sarà compilato tenendo conto della situazione di spesa che si riscontrerà nel mese di Settembre

10 - Acquisti. 1) per quanto riguarda gli acquisti abbiamo in programma l acquisto delle pettorine omologate e le divise da capitolato. Si cercherà di programmare l acquisto in base alle disponibilità economiche. Si cercherà di acquistare queste divise con il ricavato della festa Cri 2013 e con le piccole offerte di privati. 2) Sono previste le revisioni annuali delle ambulanze, delle barelle, degli impianti di ossigeno, delle portantine, e delle attrezzature presenti sui messi di emergenza-urgenza. Per tutto questo ci si affiderà a Ditte autorizzate. Castellarano, 12 Aprile

DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE

DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Castellarano Via Roma N. 58 42014 CASTELLARANO (RE) Tel. 0536840531 Fax 0536858355 DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE Ambulanza a cavallo utilizzata durante la guerra tra

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Volontari Sotto la Torre 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante

Dettagli

La cultura della sicurezza

La cultura della sicurezza Area tematica La cultura della sicurezza Progetti 1. Il primo soccorso nella scuola 2. Il primo soccorso nella scuola con supporto delle funzioni vitali in età pediatrica (PBLS) 3. PBLS, supporto delle

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS Via Cameazzo, 6 CAP 41042 Fiorano Modenese (MO) Autorizz. n 50 del 24 marzo 1997 R.P. del Volontariato C.F. 93015330363 Tel. 0536.910386 Fax 0536.838245 amministrazione@avfiorano.it

Dettagli

CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi Volontari

CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi Volontari CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi L1 L3 L4 L5 L7 L8 ARGOMENTO DATA Sede del corso Via del Taglio 6 Orario Corso 20.50-23.00 Inizio corso Giovedi 16 Ottobre 2014 21 Ottobre 2014 28 Ottobre 2014 Venerdi

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013)

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) Pagina 1 di 6 MISSIONE STRATEGICA Dare risposta alle richieste di soccorso e trasporto infermi dei cittadini, di assistenza sanitaria, alle richieste dei bisognosi,

Dettagli

Diversamente Mobili! Relazione raccolta dati sulla mobilità socio sanitaria nella Provincia di Modena

Diversamente Mobili! Relazione raccolta dati sulla mobilità socio sanitaria nella Provincia di Modena Diversamente Mobili! Relazione raccolta dati sulla mobilità socio sanitaria nella Provincia di Modena 1di18 Relazione Associazioni e Cooperative Al questionario sulla mobilità hanno risposto 72 enti tra

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Soccorso in Lunigiana Settore di intervento del progetto:

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA Servizio di ambulanza (Norme integrative al Regolamento Nazionale)

REGOLAMENTO ATTIVITA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA Servizio di ambulanza (Norme integrative al Regolamento Nazionale) Il Regolamento dell Attività di Emergenza-Urgenza Sanitaria nasce per disciplinare e garantire la continuità del servizio di ambulanza e per eliminare il più possibile la discrezionalità nel definire i

Dettagli

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: STELLA POLARE MODENA 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: A08 Area: Assistenza Settore: pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS Codice regionale: RT 2S0006 Referente operativo responsabile del progetto: (Questa

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI Il seguente Regolamento Nazionale è stato approvato con O.C. N 1378 del 17 luglio 2003 CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI Art. 1 (Attività di truccatori) I Truccatori ed

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: SATURNO PARMA 2014 SETT e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO A08 Area: Assistenza Settore: pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente per il perfezionamento alla guida

Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente per il perfezionamento alla guida Con il patrocinio del Comune, della Provincia e dell Osservatorio Provinciale Sicurezza Stradale di Reggio Emilia 0522 33 16 80 Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia. Sonia Prandi

Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia. Sonia Prandi Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia Sonia Prandi Che cos è un programma di screening? E un intervento programmato di prevenzione secondaria - diagnosi precoce effettuato dal Servizio

Dettagli

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia Consiglio Regionale della Puglia VIII Legislatura PROPOSTE E DISEGNI DI LEGGE Atto Consiglio N 243 Data di Arrivo 08/02/2008 N. Prot. Gen 1160 Iniziativa Legislativa Proposta di legge Presentatori Zullo;

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA DEL FILO D ORO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ00672 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Campania

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Campania REGOLAMENTO 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1. Il presente Regolamento disciplina, all interno dei comitati della Croce Rossa Italiana in Campania, le procedure per l attivazione, la frequenza,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Dalle Apuane al Tirreno 2014 Settore di intervento del progetto:

Dettagli

Bilancio Sociale 2012

Bilancio Sociale 2012 Bilancio Sociale 2012 Volontari Attivi 272 Soci 3250 Totale dei servizi 2012 TOTALE SERVIZI ANNO 2012 6619 EMERGENZA 935 ORDINARI 759 DIALISI 1195 SOCIALI 3730 14% 11% EMERGENZA ORDINARI DIALISI SOCIALI

Dettagli

Progetto. Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso

Progetto. Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso Progetto Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso Introduzione all organizzazione del sistema dell emergenza e ai gesti del primo soccorso per i docenti e gli studenti delle scuole della Liguria.

Dettagli

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA)

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Assessorato politiche per la salute Situazione terremoto 31 maggio 2012 ore 17 Provincia di Modena Ospedale di Mirandola OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Evacuato dopo la prima scossa del 20 maggio.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE Ente proponente il progetto: Anpas Codice regionale: RT 2S0006 Referente operativo responsabile del progetto: (Questa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Andausu ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto a: 1- Criticità Presenze turistiche: Garantire un numero maggiore

Dettagli

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi:

dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri eventi calamitosi: Comunità dell Isolotto Firenze, Domenica 13 Maggio 2012 (Elena, Gian Paolo, Giulia, Maria, Roberto, Sergio) Letture bibliche: Isaia 1, 1-9; 3, 13-26; 5, 1-7; 24, 1-3. La protezione civile Aspetti essenziali

Dettagli

STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI

STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI La Pubblica Assistenza & Soccorso nasce nel settembre 1983 con circa 20 volontari. La P.A.S., come tante altre associazioni di volontariato, è regolarmente iscritta

Dettagli

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Mercurio Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): A 08 Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA - COMITATO LOCALE ALTIPIANI ELENCO DETERMINE DIRETTORIALI - ANNO 2012

CROCE ROSSA ITALIANA - COMITATO LOCALE ALTIPIANI ELENCO DETERMINE DIRETTORIALI - ANNO 2012 CROCE ROSSA ITALIANA - COMITATO LOCALE ALTIPIANI ELENCO DETERMINE DIRETTORIALI - ANNO 2012 Progressivo Anno Tipo Data Oggetto 1 2012 DD 10.01.2012 Richiesta personale inerinale 2 2012 DD 10.01.2012 Apertura

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Esculapio 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile

Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile Regolamento Nazionale Istruttori di Protezione Civile (O.C. n 280 del 03 Giugno 2010) Regolamento Nazionale Formatori di Protezione Civile (Delibera

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Con noi puoi ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo del Con noi puoi è quello di migliorare la risposta delle

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Bruzi e Buoni ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Il Progetto Bruzi e Buoni si pone come obiettivo primario quello

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: Pinocchio 2.0 2) Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la collaborazione

Dettagli

DONATORE ADMO, DONATORE DI VITA 2 EDIZIONE

DONATORE ADMO, DONATORE DI VITA 2 EDIZIONE SINTESI SCHEDA PROGETTO Ente proponente il progetto: A.D.M.O. ASSOCIAZIONE DONATORI MIDOLLO OSSEO EMILIA ROMAGNA ONLUS DONATORE ADMO, DONATORE DI VITA 2 EDIZIONE Settore e Area di intervento: Educazione

Dettagli

TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE. Ambulanza di trasporto ordinario

TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE. Ambulanza di trasporto ordinario 1 TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE Ambulanza di trasporto ordinario In caso di trasporto ordinario è obbligatoria la presenza a bordo di: - un autista, con patente di guida

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. "La vita può essere capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti..." (Kierkegaard) PROGETTO PBLSD CRI

CROCE ROSSA ITALIANA. La vita può essere capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti... (Kierkegaard) PROGETTO PBLSD CRI V.1/2009 pg. 1-16 "La vita può essere capita solo all'indietro, ma va vissuta in avanti..." (Kierkegaard) PROGETTO PBLSD CRI A. REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO PBLSD CRI pg. 2 B. FIGURE pg. 4 C. REGOLAMENTO

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli

COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10

COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10 COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10 OBIETTIVO 1 - Tuteliamo e proteggiamo la salute e la vita Anna Mezzapesa salute@criroma10.org La C.R.I. pianifica ed implementa attività e progetti di assistenza

Dettagli

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: VENERE MODENA 2016 SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO A08_Pazienti Affetti da patologie temporaneamente invalidanti e/o permanentemente invalidanti

Dettagli

UNIVERSITà DI PISA. Corso di laurea in infermieristica. Polo di Livorno Azienda USL6

UNIVERSITà DI PISA. Corso di laurea in infermieristica. Polo di Livorno Azienda USL6 UNIVERSITà DI PISA Corso di laurea in infermieristica Polo di Livorno Azienda USL6 Io sottoscritto, studente del terzo anno di Infermieristica presso il Polo didattico di Livorno Università di Pisa, chiedo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PUBBLICA ASSISTENZA A.R.M. 2) Codice di accreditamento: NZO1852 3) Albo e classe

Dettagli

Relazione di accompagnamento al Bilancio di Previsione. per l anno 2014

Relazione di accompagnamento al Bilancio di Previsione. per l anno 2014 Relazione di accompagnamento al Bilancio di Previsione per l anno 2014 Struttura del CRI di Obiettivi L obiettivo primario che il CRI di si pone per l anno 2014, è quello di mantenere gli standard di prestazione

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LUCCA FUORI LE MURA Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la collaborazione

Dettagli

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I.

1 formare volontari che si dedicheranno alle diverse attività della C.R.I. PRESENTAZIONE E OBIETTIVI DEL CORSO I corsi di reclutamento della C.R.I. sono strutturati secondo un sistema modulare, per permettere di entrare nell ente anche a quelle persone che non intendono dedicarsi

Dettagli

Al dirigente scolastico. E p.c. al responsabile attività motoria e sportiva. OGGETTO: Progetto Baseball a scuola che passione

Al dirigente scolastico. E p.c. al responsabile attività motoria e sportiva. OGGETTO: Progetto Baseball a scuola che passione Trento, 10 febbraio 2010 Al dirigente scolastico E p.c. al responsabile attività motoria e sportiva OGGETTO: Progetto Baseball a scuola che passione Il comitato regionale Trento della Federazione Italiana

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

USO DEL TELEFONO CELLULARE IN DOTAZIONE AI MEZZI DI SOCCORSO REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE Francesco Piemontese Coordinatore C.O. Teresa Di Bennardo Infermiera C.O. Bernardini Giulio Infermiere C.O. RESPONSABILE Piemontese Francesco

Dettagli

Progetto Educazione stradale

Progetto Educazione stradale Comune di Montemurlo Polizia Municipale Progetto Educazione stradale Interventi nella scuola materna - elementare - media Comune di Montemurlo: la nostra esperienza Abbiamo adottato programmi ed interventi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. REGOLAMENTO DELL OSPEDALE VETERINARIO DIDATTICO UNIVERSITARIO ( Approvato dal C.d.A. in data 30 Ottobre 2012)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. REGOLAMENTO DELL OSPEDALE VETERINARIO DIDATTICO UNIVERSITARIO ( Approvato dal C.d.A. in data 30 Ottobre 2012) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DELL OSPEDALE VETERINARIO DIDATTICO UNIVERSITARIO ( Approvato dal C.d.A. in data 30 Ottobre 2012) Articolo 1: Costituzione dell Ospedale Veterinario Didattico

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: EMPOLI IN MOVIMENTO 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO In relazione alle criticità descritte nel box 6 il progetto

Dettagli

Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0)

Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Approvato dal comitato del Dipartimento di Interesse Regionale del Servizio

Dettagli

Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO. Titolo del progetto: SCR Dentro e Fuori le Mura 2014. Settore di intervento del progetto:

Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO. Titolo del progetto: SCR Dentro e Fuori le Mura 2014. Settore di intervento del progetto: Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Dentro e Fuori le Mura 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante

Dettagli

Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale

Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale Area contrattuale: Tipo documento: Data: MEDICI DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE ACCORDO AZIENDALE Descrizione: Accordo Aziendale Medici

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI 1 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS Codice regionale: RT 2S0006 Referente operativo responsabile del progetto: (Questa

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2015

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI MALALBERGO E BARICELLA Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di I grado ad Indirizzo Musicale Via F.lli Cervi, 12 40051 Altedo di Malalbergo (Bo) Tel. 051.870808 875925 Fax.

Dettagli

Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17

Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17 Assessorato politiche per la salute Provincia di Modena Ospedali e Punti Medici Avanzati Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17 Confermata la situazione pre-esistente sia per le strutture della

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA DEL FILO D ORO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ00672 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Versilia tra terra e mare 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto alle criticità individuate al punto precedente,

Dettagli

COMUNE DI ROSATE. P ro v i n c i a d i M i l a n o Via Vittorio Veneto, 2 20088 Rosate (MI) Tel. 02.90830.1 Fax 02.908.48046

COMUNE DI ROSATE. P ro v i n c i a d i M i l a n o Via Vittorio Veneto, 2 20088 Rosate (MI) Tel. 02.90830.1 Fax 02.908.48046 COMUNE DI ROSATE P ro v i n c i a d i M i l a n o Via Vittorio Veneto, 2 20088 Rosate (MI) Tel. 02.90830.1 Fax 02.908.48046 Piano di intervento in materia di Diritto allo Studio Anno Scolastico 2015-2016

Dettagli

Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO. Titolo del progetto: SCR L ISOLA CHE C E 2014. Settore di intervento del progetto:

Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO. Titolo del progetto: SCR L ISOLA CHE C E 2014. Settore di intervento del progetto: Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR L ISOLA CHE C E 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la collaborazione

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Monza e Brianza Assessorato alla Pubblica Istruzione

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Monza e Brianza Assessorato alla Pubblica Istruzione COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Monza e Brianza Assessorato alla Pubblica Istruzione PIANO DIRITTO ALLO STUDIO Anno scolastico 2012/2013 Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.

Dettagli

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Accreditamento Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Riferimenti legislativi Regione Emilia-Romagna Delibera Giunta n. 44 del 26.01.2009 Requisiti per l accreditamenti Determinazione

Dettagli

Relazione Informativa Emergenza Frane DATA INIZIO ALLERTA: 06/04/2013

Relazione Informativa Emergenza Frane DATA INIZIO ALLERTA: 06/04/2013 Relazione Informativa Emergenza Frane DATA INIZIO ALLERTA: 06/04/2013 In data 06/04/2013 su segnalazione della cittadinanza a seguito di movimenti franosi, la Presidentessa ed un volontario del comitato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Arezzo solidale 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO A) Area di intervento trasporti sanitari Criticità verso

Dettagli

Carta del servizio della Comunità Alloggio Crisalide - Coop. Il Raggio COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO. Sommario

Carta del servizio della Comunità Alloggio Crisalide - Coop. Il Raggio COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO. Sommario COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO Questa carta del servizio è uno strumento di comunicazione tra il servizio e il pubblico. Contiene le informazioni essenziali per conoscere il servizio, le prestazioni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3)

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE

REGOLAMENTO. Articolo 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE REGOLAMENTO Articolo 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE 1. E costituita presso il Comune di Modena l Associazione denominata Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile, senza fini di lucro, con sede

Dettagli

LA CROCE ROSSA DI BAGNO A RIPOLI PROPONE LA FORMULA DI SOGGIORNO VOLONTARIATO E VACANZA, RIVOLTA A TUTTI I V.d.S. E PIONIERI D'ITALIA CHE ABBIANO IL

LA CROCE ROSSA DI BAGNO A RIPOLI PROPONE LA FORMULA DI SOGGIORNO VOLONTARIATO E VACANZA, RIVOLTA A TUTTI I V.d.S. E PIONIERI D'ITALIA CHE ABBIANO IL LA CROCE ROSSA DI BAGNO A RIPOLI PROPONE LA FORMULA DI SOGGIORNO VOLONTARIATO E VACANZA, RIVOLTA A TUTTI I V.d.S. E PIONIERI D'ITALIA CHE ABBIANO IL DESIDERIO DI TRASCORRERE UNA SETTIMANA O PIU' NELLA

Dettagli

APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA

APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA La collaborazione dell e della Croce Rossa Italiana, Comitato locale di Aprilia, rappresenta un opportunità per

Dettagli

proposta di legge n. 97

proposta di legge n. 97 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 97 a iniziativa dei Consiglieri Benatti, Mollaroli, Altomeni, Binci presentata in data 24 maggio 2006 GESTIONE DEL TRASPORTO SANITARIO. MODIFICAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO GARA DI PRIMO SOCCORSO

REGOLAMENTO GARA DI PRIMO SOCCORSO TORNEO SANITARIO DEI 3 CONFINI BORGOTARO ALBARETO (PR) GARA NAZIONALE DI PRIMO SOCCORSO SANITARIO EDIZIONE 2013 REGOLAMENTO GARA DI PRIMO SOCCORSO La manifestazione nasce con l obiettivo di ricordare un

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE

CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE COMMISSIONE REGIONALE FORMAZIONE V.d.S. ed EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMA DEL CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO C.R.I. Argomenti B1.

Dettagli

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi;

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi; Comune di Santa Lucia di Piave Provincia di Treviso Regione del Veneto Servizio Emergenza Radio 1 - T E M A Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012 Evento Sismico e intervento alluvionale.

Dettagli

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento Allegato II Schema di corsi di formazione per preposti e lavoratori, addetti alle attività di pianificazione, controllo e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI PRIGNANO SULLA SECCHIA - MODENA 2) Codice di accreditamento: NZ00338

Dettagli

Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO. Titolo del progetto: SCR Un Mare di Solidarietà 2014. Settore di intervento del progetto:

Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO. Titolo del progetto: SCR Un Mare di Solidarietà 2014. Settore di intervento del progetto: Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Un Mare di Solidarietà 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 31 agosto 2012 Decreto ministeriale 18 marzo 2011 Gazzetta Ufficiale 6 giugno 2011, n. 129 Determinazione dei criteri e delle modalità di diffusione dei defibrillatori automatici esterni

Dettagli

Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza

Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza Luigi Palestini Maria Augusta Nicoli Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Sorrido accanto a te ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO L obiettivo principale è quello di riprogettare il sistema

Dettagli

LOGISTICA DI PROTEZIONE CIVILE

LOGISTICA DI PROTEZIONE CIVILE DI PROTEZIONE CIVILE La logistica nelle fasi di: Prevenzione Emergenza Ripristino A cura dell Ist. Arch. Francesco Stucchi 1/38 Alcune definizioni Logistica è un termine derivato dal gergo militare che

Dettagli

Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza

Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza A cura di Vds Davide Bolognin

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Campagna informativa nazionale Il corretto uso dei servizi di emergenza urgenza Proposta per la realizzazione di interventi di promozione ed educazione alla salute nella Scuola Il Ministero della Salute,

Dettagli