Verifica dei Risultati 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifica dei Risultati 2012"

Transcript

1 CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE CASTELLARANO Verifica dei Risultati 2012 e Piano Annuale Attività 2013 Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Castellarano Via Roma N CASTELLARANO (RE) Partita Iva Telefono Fax

2 VERIFICA DEI RISULTATI 2012 STATO DI PREVISIONE DELLE ENTRATE La consistenza delle entrate correnti sono determinate dai servizi di emergenza/urgenza, trasporti ordinari e dialisi. Altre entrate provengono dalle donazioni che provengono dalla cittadinanza in varie occasioni e somme raccolte durante le manifestazioni svolte durante tutto l anno. STATO DI PREVISIONE DELLE SPESE Il Bilancio consuntivo 2012 presenta un avanzo di poche migliaia di Euro ma dobbiamo evidenziare che la messa in sicurezza della ns. sede da parte del Comune, ha caricato le ns. spese di tutti gli oneri relativi al trasloco, per il quale abbiamo dovuto incaricare una ditta di traslochi per lo spostamento dei mobili, del rimessaggio e del ripristino. Inoltre abbiamo dovuto spostare tutte le linee di comunicazione necessarie all emergenza-urgenza e non, in altro ambiente. I capitoli di spesa sono in linea con l anno precedente, fatta eccezione per i capitoli coinvolti nelle operazioni di cui sopra. I volumi di attività della Croce Rossa di Castellarano, per l anno 2012, sono stati: TRASPORTI IN URGENZA: n 805 interventi, con 807 pazienti e circa km effettuati TRASPORTI ORDINARI: n 1552 viaggi, con 1590 pazienti e circa km. INDICATORI REGIONALI CRICASTELLARANO CRICASTELLARANO Colore N E/U Colore N E/U B 8 0,99 B 13 1,59 G ,79 G ,33 R ,01 R ,18 V ,19 V ,88 TOT 803 TOT 813 0,99 15,19 29,01 54, B G R V 2

3 2011 C C02 99 C03 67 C04 91 C05 13 C06 17 C07 17 C08 10 C09 55 C10 30 C11 1 C12 5 C13 1 C14 15 C15 14 C C20 32 HH C20 C15 C13 C11 C09 C07 C05 C03 C (no MSA) , , , , CRICASTELLARANO Ospedale Destinazione N pazienti c1 ASMN 13 c2 ASMN 10 c3 ASMN 5 c1 CAST. MONTI 1 c1 MODENA CIVILE 6 c2 MODENA CIVILE 9 c3 MODENA CIVILE 5 c3 PARMA 1 c1 SASSUOLO 139 c2 SASSUOLO 44 c3 SASSUOLO 5 c1 SCANDIANO 378 c2 SCANDIANO 112 c3 SCANDIANO 11 c0 S.P./HH 97 c4 SUL POSTO c0 S.P./HH c2 SCANDIANO c3 SASSUOLO c1 SASSUOLO c3 MODENA CIVILE c1 MODENA CIVILE c3 ASMN c1 ASMN

4 2012 C C02 90 C03 69 C C05 21 C06 17 C07 26 C08 12 C09 55 C10 10 C11 0 C12 6 C13 2 C14 6 C15 7 C C20 22 HH C20 C15 C13 C11 C09 C07 C05 C03 C (no MSA) , , , , , CRICASTELLARANO Ospedale Destinazione N pazienti c1 ASMN 15 c2 ASMN 22 c3 ASMN 12 c1 CAST. MONTI 1 c2 CAST. MONTI 1 c1 MODENA CIVILE 3 c2 MODENA CIVILE 7 c3 MODENA CIVILE 3 c1 MODENA POL 6 c2 MODENA POL 3 c3 MODENA POL 2 c1 PARMA 1 c2 PARMA 1 c3 PARMA 1 c1 SASSUOLO 96 c2 SASSUOLO 26 c3 SASSUOLO 3 c1 SCANDIANO 401 c2 SCANDIANO 122 c3 SCANDIANO 12 c1 GUASTALLA 3 c2 GUASTALLA 1 c0 S.P./HH 93 c4 SUL POSTO c4 SUL POSTO c0 S.P./HH c2 GUASTALLA c1 GUASTALLA c3 SCANDIANO c2 SCANDIANO c1 SCANDIANO c3 SASSUOLO c2 SASSUOLO c1 SASSUOLO c3 PARMA c2 PARMA c1 PARMA c3 MODENA POL c2 MODENA POL c1 MODENA POL c3 MODENA CIVILE c2 MODENA CIVILE c1 MODENA CIVILE c2 CAST. MONTI c1 CAST. MONTI c3 ASMN c2 ASMN c1 ASMN

5 FASCIA ORARIA Numero 00:00-04:00 % 04:00-08:00 % 08:00-12:00 % 12:00-16:00 % 16:00-20:00 % 20:00-24:00 % Postazione 2010 #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! #RIF! ,2 65 8, , , , , , , , , , TEMPO PARTENZA < 150'' % < 150'' 150'' 210'' % 150'' 210''210'' 300'' % 210'' 300'' % < 300'' > 300'' N G -R Postazione ,00% ,00% ,00% 92,00% CRICASTELLARANO , , ,57 94, , , ,49 97, TEMPO STAZIONAMENTO SUL POSTO < 15' % < 15' 15' 30' % 15' 30' 30' 45' % 30' 45' 45' 60' % 45' 60' servizi rilevati ,07% ,93% 15 2,99% CRICASTELLARANO ,39% ,01% 6 1,06% 3 0,53% ,31% ,39% 12 2,12% 1 0,17% 566 RACCOLTA DATI SCHEDE NSIS SERVIZI % ,24% , ,17 NON CONFORMITA' 2011 NON CONFORMITA' 2012 NO 1 DIMENSIONAMENTO 6 NO 1 DIMENSIONAMENTO 5 NO STATI 11 NO STATI 7 PARTENZA RITARDATA 2 PARTENZA RITARDATA NO CONDIZIONI 1 NO CONDIZIONI ERRORE TARGET ERRORE TARGET 1 ALTRO ALTRO ,49% 1,59% /02/ :30: /02/ :21: /02/ :34: /01/ :21: /06/ :05: /04/ :25: /08/ :02: /04/ :14: /10/ :56: /06/ :03: /12/ :26: /09/ :58: /01/ :59: /03/ :34: /04/ :03: /04/ :33: /05/ :01: /05/ :30: /07/ :39: /06/ :32: /07/ :46: /09/ :32: /08/ :51: /11/ :40: /10/ :33: /12/ :37: /10/ :31: /11/ :48: /12/ :06: /12/ :02: /12/ :41: /01/ :12: /05/ :12:09 5

6 Oltre alle consuete attività standardizzate, sono state intraprese importanti iniziative: Acquisti: o Acquisizione nuova idropulitrice. o Acquisto mobili per ufficio Presidenza. o Controsoffittatura sede e relativo impianto illuminazione. Formazione: o Svolgimento del corso base CRI o Pianificazione del tirocinio dei nuovi VdS o Pianificazione del retraining teorico-pratico per i VdS Ricevimento mezzo in donazione: o Auto Aveo Chevrolet immatricolata in luglio 2012 Manifestazioni a cui si è preso parte: o Sentieri golosi Magnalonga sulle colline di Castellarano o Assistenza gara ciclistica Coppi-Bartali. o Notte bianca a Castellarano o Festa dell Uva a Castellarano o Concerto Italia Loves Emilia Campovolo-Pro-terremotati. Modifiche organizzative: Altro: o La pulizia dei locali come è stata organizzata all inizio del 2011 ha dato buoni frutti e non abbiamo avuto la necessità di incaricare nessuna ditta di effettuare tali pulizie. Pertanto anche per tutto il 2012 la pulizia dei locali è stata effettuata dai Volontari con buoni risultati. La Presidenza attiverà il coinvolgimento dei volontari anche per l anno o L amministrazione ha predisposto un modulo di controllo fatture/incassi molto dettagliato con una verifica mensile per il rilevamento dei mancati pagamenti e quindi procedere ai solleciti. o L anno 2012 è stato anche l evento del terremoto in Emilia e una delegazione del Comitato Locale ha prestato attività di emergenza-urgenza per diversi giorni nel paese di Reggiolo. Inoltre alcuni Volontari si sono prestati per la raccolta indumenti e prodotti alimentari da destinata ai terremotati, organizzata dal Comune di Castellarano. o Inoltre nei giorni 29 e 30 Settembre si è svolta nella Frazione di Cadiroggio un campo di Protezione Civile nella struttura fissa messa a disposizione della Parrocchia e con allestimento di due tende. Hanno partecipato numerosi volontari e per ricreare il più possibile una situazione realistica si è deciso di non anticipare il programma della simulazione. Sono stati allertati i Volontari e, nel pomeriggio dopo una lezione di cartografia, sono state organizzate quattro squadre che si sono recate sulle colline dei Monti di Cadiroggio per simulare una ricerca dispersi. Alla sera si è 6

7 fatto un riassunto della giornata con tutti i partecipanti per capire, in linea generale, quali possono essere i tempi di attivazione, di arrivo in sede e di preparazione e montaggio strutture da campo. Il risultato finale è stato di grande soddisfazione per tutto il gruppo. o Il giorno 20 Giugno c è stata la valutazione del Comitato Locale da parte del personale 118 e USL di Reggio Emilia per l Accreditamento e, in data 7 Settembre è arrivato dalla Regione Emilia Romagna il documento sull esito della visita di Accreditamento. Il documento, con esito positivo, riporta la valutazione di conformità ai requisiti generali e specifici previsti dal modello di accreditamento deliberato dalla Regione Emilia Romagna, con grande soddisfazione di tutti i volontari. o Aiuti a famiglie disagiate: il gruppo del CNF che svolge servizio presso il Buon Samaritano ha continuato per tutto il 2012 a prestare la propria assistenza alla raccolta e alla distribuzione dei prodotti nel magazzino di Casalgrande. Pianificazione attività anno 2013: Le azioni che si intendono intraprendere nel corso del 2013 sono: - Modifiche organizzative. 1) Il presidente, sentito la disponibilità di alcuni Volontari, ha organizzato dei mini turni di 2/3 ore giornaliere in cui metteremo a disposizione dell Ospedale di Sassuolo e di Scandiano un mezzo per effettuare dimissioni, trasporto sangue o trasferimenti interospedalieri. Tutto questo dovrebbe portare servizi in più di quelli che si fanno di solito e di conseguenza maggiori entrate economiche. -Altro 1) L anno 2013 sarà l anno di transizione che ci accompagnerà alla riorganizzazione dell Associazione Italiana di Croce Rossa che dovrà essere a regime dal 01 Gennaio Un primo Decreto del Presidente della Repubblica è già stato emanato, le cui disposizioni applicative sono già state messe a disposizione dei Comitati di Croce Rossa. Il Presidente e i Delegati del Comitato Locale dovranno affrontare mesi di impegno notevole per questa nuovo percorso organizzativo e burocratico. 2) Quest anno abbiamo anche nuove figure all interno del Comitato, meglio individuati in Delegati degli obiettivi strategici. Si differenziano in VI attività specifiche e sono stati scelti dal Presidente del Comitato. Una di queste figure è l Obiettivo strategico V che, avvalendosi di giovani volontari, si rivolge alla popolazione occupandosi di attività ricreative, educative e di sensibilizzazione. Il programma 2013 nello specifico è il seguente: - I Giovani di Croce Rossa: a) SAP: i giovani di Croce Rossa rientrano nell attività SAP organizzata dai Servizi Sociali per aiutare disabili a creare ed inserirsi in un gruppo dove divertirsi e vivere esperienze. Grazie ai mezzi di trasporto del Comitato una volta al mese, previo accordo con i Servizi Sociali, i ragazzi vengono portati in un ristorante, pizzeria o al Bowling per passare una serata di svago. 7

8 b) CSB: con l aiuto della referente Daniela Montellli del centro Sanitario Belvedere, un pomeriggio al mese, i giovani Cri si recano in struttura e preparano laboratori manuali a vario tema a seconda del periodo dell anno (Pasqua, natale ecc.), oppure semplici giochi di gruppo come tombola o tornei di carte. Inoltre i giovani di Cri aiutano lo staff. Infiermeristico nel servire la merenda agli ospiti. c) Campagna IDEA: la campagna Idea rientra nel piano nazionale delle attività previste dai Giovani di Croce Rossa. La campagna ha l biettivo di informare la popolazione, indirizzandosi soprattutto alle fasce più giovani, sulle cprrette abitudini alimentari da seguire e su come adottare uno stile di vita sano. Ogni anno la campagna Idea organizzata dai Giovani Cri trova il suo utilizzo all interno delle attività di piazza oppure all interno degli stand preposti nella festa del Comitato. d) Attività ABC (Abstinence, Be faithful, Condom) Le attività ABC rientrano nel piano nazionale di attività previste dei Giovani di Croce Rossa. Le attività hanno l'obiettivo di informare la popolazione, indirizzandosi soprattutto alle fasce più giovani, sulla sfera della sessualità e sulle malattie sessualmente trasmissibili. Ogni anno le attività ABC organizzate dai Giovani CRI di Castellarano trovano il suo utilizzo all'interno delle attività di piazza oppure all'interno degli stand preposti nella Festa di Comitato. e) Attività di prevenzione guida in stato di ebrezza (Alcool test) Dal 2008 i Giovani CRI di Castellarano organizzano attività di sensibilizzazione sui rischi della guida in stato di ebrezza e forniscono un servizio gratuito di alcool test all'interno delle attività di piazza (Rockville, Festa dell'uva, Giochi d'estate, Notte Bianca) oppure all'interno degli stand preposti nella Festa di Comitato. In base alle disponibilità provinciali, queste attività possono essere supportate dall'impiego del Camper attrezzato per questo genere di attività. f) Lezioni nelle Scuole Medie ed evacuazioni Dal 2009 i Giovani CRI di Castellarano, con l'aiuto della referente Manuela Camellini, organizzano lezioni interattive indirizzate ai ragazzi delle classi prime e seconde delle scuole medie di Castellarano e Roteglia. Dopo una breve presentazione su chi e cosa è la Croce Rossa, le lezioni si dividono in una prima parte più teorica, dove i ragazzi possono apprendere le conoscenze base sul 118 e sul primo soccorso e una seconda parte in cui si verifica il livello di comprensione tramite giochi o quiz. Per quanto riguarda la parte inerente alla Protezione Civile, i Giovani di Croce Rossa organizzano una lezione sui corretti comportamenti da tenere in caso di emergenza, informando i ragazzi riguardo il piano di evacuazione della scuola. Successivamente viene organizzata un'evacuazione delle strutture scolastiche durante la quale i Giovani CRI supervisionano l'andamento e il comportamento sia dei ragazzi sia del corpo docente. La programmazione dell'anno 2013 punta a riconfermare queste attività. In previsione c'è anche l'attuazione del progetto Questo è rivolto a ragazzi esterni ancora troppo giovani per entrare in Croce Rossa; svolgendo giochi e attività si spiega e si fa conoscere l'associazione. - Organizzazione eventi. 1) Obiettivo di inizio Luglio è quello della festa Annuale della Croce Rossa di Castellarano, impegno che vogliamo pianificare e organizzare anche quest anno, che si svolgerà nel Parco del paese e che vedrà 8

9 impegnati tutti i volontari, sia per l organizzazione di stand di intrattenimento che per gli stand di ristorazione. Come tutti gli anni contiamo sull aiuto dei cittadini che, numerosi e volenterosi, siamo sicuri si presteranno a darci una mano. Lo scopo è quello di avvicinare sempre di più i cittadini alla realtà del Volontariato della croce Rossa e di sensibilizzare i giovani attraverso informazione e attività ricreative di vario tipo. 2) Il Presidente del Comitato con il preposto di protezione Civile vorrebbero organizzare un altro campo come quello svolto a Cadiroggio con tipologia un po diverse, e in quella occasione cercare uno sponsor per poter acquistare un fuoristrada utile a queste attività. Mezzo che sarebbe stato utile quando il Comune di Castellarano ha chiesto aiuto nel monitoraggio delle frane e dei fiumi in momenti di allerta meteo. 3) Il gruppo formazione, in collaborazione con le insegnanti delle classi seconda media di Castellarano ha iniziato un percorso di informazione sulle attività del Comitato Locale in modo da avvicinarli al mondo Cri e al volontariato di emergenza-urgenza. A conclusione del percorso fatto durante l anno scolastico, si svolgerà a fine Maggio, una simulazione di soccorso dove una ventina di ragazzi, debitamente truccati dai truccatori CRI, si cimenteranno nel ruolo di feriti insieme a simulatori CRI. Tutto questo servirà ai ragazzi per interagire con il mondo CRI e, ai volontari, per una esercitazione di triage. 4) Sempre il gruppo formazione ha ricevuto una richiesta dal responsabile delle scuole dell infanzia di Castellarano, per svolgere una lezione interattiva sul primo soccorso pediatrico. Il Presidente ha valutato la cosa e ha dato parere favorevole ad alcuni componenti del gruppo formazione per organizzare l evento. La lezione sarà rivolta ad un centinaio di persone tra genitori e insegnanti e si svolgerà nelle scuole Elementari di Castellarano nella serata del 16 Aprile p.v.. Sarà utilizzato materiale informativo e anche alcuni manichini per illustrare alcune manovre. 4) Fermo restando la partecipazione agli eventi che verranno organizzati nell ambito comunale. - Formazione. 1) Per la formazione ci sarà la pianificazione del corso base CRI rivolto alla cittadinanza, teso all arruolamento di nuovi aspiranti Volontari. Si svolgerà seguendo le linee guida nazionali di recente regolamentazione. 2) Saranno pianificati i retraining per i corsi PTC,BLS,PBLS,BLSD, GUIDA SICURA e altri argomenti di varia tipologia per tutti i Volontari. Quest anno abbiamo inserito 2 ore obbligatorie oltre le 10 attuali su patologie generiche. - Economico. 1) Periodicamente si verificheranno le spese del comitato Locale e il primo controllo avverrà in Giugno. In base ai risultato si valuterà la necessità di procedere alla prima variazione di bilancio. 2) Sempre con l obiettivo del controllo di gestione in Settembre si procederà ad un secondo controllo delle spese sostenute e, in caso necessitino variazioni nei capitoli, si procederà ad una seconda variazione di bilancio ) Ultimo, ma non da meno, è quello di predisporre il Bilancio di previsione 2014, che sarà compilato tenendo conto della situazione di spesa che si riscontrerà nel mese di Settembre

10 - Acquisti. 1) per quanto riguarda gli acquisti abbiamo in programma l acquisto delle pettorine omologate e le divise da capitolato. Si cercherà di programmare l acquisto in base alle disponibilità economiche. Si cercherà di acquistare queste divise con il ricavato della festa Cri 2013 e con le piccole offerte di privati. 2) Sono previste le revisioni annuali delle ambulanze, delle barelle, degli impianti di ossigeno, delle portantine, e delle attrezzature presenti sui messi di emergenza-urgenza. Per tutto questo ci si affiderà a Ditte autorizzate. Castellarano, 12 Aprile

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013)

CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) CARTA DEI SERVIZI (redatta il 01/10/2013) Pagina 1 di 6 MISSIONE STRATEGICA Dare risposta alle richieste di soccorso e trasporto infermi dei cittadini, di assistenza sanitaria, alle richieste dei bisognosi,

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

Progetto Educazione stradale

Progetto Educazione stradale Comune di Montemurlo Polizia Municipale Progetto Educazione stradale Interventi nella scuola materna - elementare - media Comune di Montemurlo: la nostra esperienza Abbiamo adottato programmi ed interventi

Dettagli

DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE

DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Castellarano Via Roma N. 58 42014 CASTELLARANO (RE) Tel. 0536840531 Fax 0536858355 DOCUMENTO DI PRESENTAZIONE Ambulanza a cavallo utilizzata durante la guerra tra

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO FIORANESE ONLUS Via Cameazzo, 6 CAP 41042 Fiorano Modenese (MO) Autorizz. n 50 del 24 marzo 1997 R.P. del Volontariato C.F. 93015330363 Tel. 0536.910386 Fax 0536.838245 amministrazione@avfiorano.it

Dettagli

CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi Volontari

CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi Volontari CORSO 26 B DI PRIMO SOCCORSO per Allievi L1 L3 L4 L5 L7 L8 ARGOMENTO DATA Sede del corso Via del Taglio 6 Orario Corso 20.50-23.00 Inizio corso Giovedi 16 Ottobre 2014 21 Ottobre 2014 28 Ottobre 2014 Venerdi

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI Il seguente Regolamento Nazionale è stato approvato con O.C. N 1378 del 17 luglio 2003 CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI Art. 1 (Attività di truccatori) I Truccatori ed

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Campania

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Campania REGOLAMENTO 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1. Il presente Regolamento disciplina, all interno dei comitati della Croce Rossa Italiana in Campania, le procedure per l attivazione, la frequenza,

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA

APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA APRILIA UNA CITTÀ DOVE SALUTE È SICUREZZA Edizione 2016 ZERO RISCHI NELL ETÀ DELL INFANZIA La collaborazione dell e della Croce Rossa Italiana, Comitato locale di Aprilia, rappresenta un opportunità per

Dettagli

Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile

Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile Regolamento Nazionale Istruttori di Protezione Civile (O.C. n 280 del 03 Giugno 2010) Regolamento Nazionale Formatori di Protezione Civile (Delibera

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina Via E. Mach, 2 38010 San Michele all Adige (TN) Tel. 0461 650314 Referente per i contatti con i giovani:

Dettagli

STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI

STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI STRUTTURA ED ORGANI RAPPRESENTATIVI La Pubblica Assistenza & Soccorso nasce nel settembre 1983 con circa 20 volontari. La P.A.S., come tante altre associazioni di volontariato, è regolarmente iscritta

Dettagli

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE

Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze SERVIZIO CIVILE NAZIONALE SOCIO C.N.E.S.C. CONFERENZA NAZIONALE ENTI SERVIZIO CIVILE (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: A.N.P.AS. (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Accreditamento Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Riferimenti legislativi Regione Emilia-Romagna Delibera Giunta n. 44 del 26.01.2009 Requisiti per l accreditamenti Determinazione

Dettagli

Diversamente Mobili! Relazione raccolta dati sulla mobilità socio sanitaria nella Provincia di Modena

Diversamente Mobili! Relazione raccolta dati sulla mobilità socio sanitaria nella Provincia di Modena Diversamente Mobili! Relazione raccolta dati sulla mobilità socio sanitaria nella Provincia di Modena 1di18 Relazione Associazioni e Cooperative Al questionario sulla mobilità hanno risposto 72 enti tra

Dettagli

COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10

COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10 COMITATO LOCALE DI ROMA - MUNICIPIO 10 OBIETTIVO 1 - Tuteliamo e proteggiamo la salute e la vita Anna Mezzapesa salute@criroma10.org La C.R.I. pianifica ed implementa attività e progetti di assistenza

Dettagli

CONTA SU DI ME. Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola)

CONTA SU DI ME. Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola) CONTA SU DI ME Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola) CASINA DEI BIMBI Dal 2001 l Associazione Casina dei Bimbi Onlus opera nel territorio delle province di Reggio Emilia, Modena e Parma

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016

Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016 Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016 Collegio docenti Ente Morale Asilo Infantile 1 luglio 2015 Cos è il Piano dell Offerta Formativa: P.O.F E il documento fondamentale che ogni scuola autonoma predispone

Dettagli

PER BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE E RAGAZZI DELLA SCUOLA MEDIA dal 1 luglio al 26 luglio, dal lunedì al venerdì

PER BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE E RAGAZZI DELLA SCUOLA MEDIA dal 1 luglio al 26 luglio, dal lunedì al venerdì Comune di Lazise, Ass. A.Ge. Colà-Pacengo, Gruppo Oratorio Pacengo, Centro Giovanile Parrocchiale Lazise organizzano PER BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE E RAGAZZI DELLA SCUOLA MEDIA dal 1 luglio al 26

Dettagli

Il Progetto "Разделить: Un campo di lavoro... lungo un anno"

Il Progetto Разделить: Un campo di lavoro... lungo un anno Associazione di volontariato Comitato Girotondo Gassino Torinese (To) Il Progetto "Разделить: Un campo di lavoro... lungo un anno" Last update : 24/03/2013 Comitato GIROTONDO Tel. 011-550.6246 Corso Italia,

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

Di seguito sono presentate le attività che svolgono i Volontari della Croce Rossa del Trentino, il cui impegno riguarda 5 macro-aree di intervento:

Di seguito sono presentate le attività che svolgono i Volontari della Croce Rossa del Trentino, il cui impegno riguarda 5 macro-aree di intervento: Di seguito sono presentate le attività che svolgono i Volontari della Croce Rossa del Trentino, il cui impegno riguarda 5 macro-aree di intervento: 1. AREA ATTIVITA GIOVANILE 2. AREA SOCIO ASSISTENZIALE

Dettagli

All Ispettorato Nazionale II.VV. OGGETTO: Corso Nazionale per Istruttori di Trucco e Simulazione. Ispettorato Nazionale Corpo Militare

All Ispettorato Nazionale II.VV. OGGETTO: Corso Nazionale per Istruttori di Trucco e Simulazione. Ispettorato Nazionale Corpo Militare Cuneo, li 9 gennaio 2014 Ufficio del DTN Truccatori e Simulatori Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Cuneo Protocollo n:...131 Allegati. OGGETTO: Corso Nazionale per Istruttori di Trucco e Simulazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PUBBLICA ASSISTENZA A.R.M. 2) Codice di accreditamento: NZO1852 3) Albo e classe

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Denominazione Ente: Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina Indirizzo: Via E. Mach, 2 38010 San Michele all Adige (TN) Recapito telefonico: 0461-650314

Dettagli

Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS.

Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS. Regolamento nazionale protezione civile A.N.P.AS. Approvato dal Consiglio Nazionale il 10 settembre 2005 Art.1 - L A.N.P.AS. svolge attività di Protezione Civile direttamente o attraverso i Comitati Regionali

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa Rapporto Sicurezza 2008 Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa 17 Aprile 2009 Premessa Questa breve presentazione ha l obiettivo di illustrare in anteprima i principali dati del 1 Rapporto

Dettagli

Relazione Intermedia

Relazione Intermedia Relazione Intermedia Dopo il terremoto: più vicini-più sicuri/più sicuri-più vicini _Unione dei Comuni Bassa Reggiana_ Data presentazione: 31/01/2013 Progetto partecipativo finanziato con il contributo

Dettagli

Chi salva un bambino salva il mondo intero

Chi salva un bambino salva il mondo intero Progetto Chi salva un bambino salva il mondo intero Premessa-chi siamo La Salvamento Academy (www.salvamentoacademy.it) ha come obiettivo principale quello di contribuire a diffondere la cultura del Primo

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Volontari Sotto la Torre 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante

Dettagli

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA

Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Comune di Como REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA Approvato con Deliberazione C.C. n. 47 del 20/07/2004 Modificato con Deliberazione C.C. n. 68 del 16/12/2013 PREMESSA Il Servizio

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Avere cura: un valore, un impegno, una opportunità SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale)

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 71 della l.r. 40/2005 Art. 2 Inserimento del capo II

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE E istituito a cura dell Amministrazione Comunale, il servizio di Asilo Nido per bambini, di età inferiore ai 3 anni, divisi in lattanti,

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Regolamento materiali e vestiario dato in consegna

Regolamento materiali e vestiario dato in consegna Regolamento materiali e vestiario dato in consegna. Tutto il materiale assegnato al Volontario/Volontario da parte dell Associazione SEIRS CROCE GIALLA di Parma, consegnato è di proprietà dell associazione.

Dettagli

Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente per il perfezionamento alla guida

Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente per il perfezionamento alla guida Con il patrocinio del Comune, della Provincia e dell Osservatorio Provinciale Sicurezza Stradale di Reggio Emilia 0522 33 16 80 Campo prova per la formazione e la sicurezza stradale centro didattico polivalente

Dettagli

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile

Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Associazione Geologi dell Emilia Romagna per la Protezione Civile Costituzione: 3 Luglio 2002 Sede: presso OGER Via Guerrazzi 6, Bologna Anno 2009: 70 iscritti www.geoprociv.it OBIETTIVI: 1. Offrire nei

Dettagli

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691 Alla Commissione Nazionale Attività di Base FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ai Coordinatori Federali Regionali per l Attività Giovanile

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Direzione Servizi agli Studenti Ufficio Orientamento allo Studio www.orientamento.unimore.it PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Il Progetto Orientamento di Ateneo (P.O.A.) dell Università degli studi di Modena

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA Oltre ai controlli già stabiliti dalla Legge rispetto alla normativa igienico sanitaria, le proposte per un controllo sui pasti della refezione scolastica

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PREMESSA Negli ultimi anni il Comune di Pero ha consolidato la sua collaborazione con il Comune di Settimo Milanese sia nella gestione delle mense

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO E OBIETTIVI

ANALISI DI CONTESTO E OBIETTIVI Allegato 1.1) FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER PROGETTI A VALENZA REGIONALE PER ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSI DA SOGGETTI PRIVATI SENZA FINI DI LUCRO RIVOLTI A PREADOLESCENTI E ADOLESCENTI PUNTO

Dettagli

Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale

Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale Accordo Integrativo Aziendale di Emergenza Sanitaria Territoriale Area contrattuale: Tipo documento: Data: MEDICI DI EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE ACCORDO AZIENDALE Descrizione: Accordo Aziendale Medici

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Aiutare e imparare 2016 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Il contesto settoriale in cui si colloca la presente proposta progettuale è l ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Soccorso in Lunigiana Settore di intervento del progetto:

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO PREMESSA L Amministrazione Comunale ha indicato nelle LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI E AI PROGETTI DA REALIZZARSI NEL CORSO DEL MANDATO 2012/2017, all interno del capitolo Cittadinanza attiva

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE 6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Scuola Primaria Elsa Morante Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Classi coinvolte: 1-2 - 3-4 - 5 Docente che coordina il progetto: Galesso Daniela-

Dettagli

RISULTATI del questionario d inchiesta sulla soddisfazione degli espositori ESPOPROFESSIONI 2012. agosto 2012. www.espoprofessioni.

RISULTATI del questionario d inchiesta sulla soddisfazione degli espositori ESPOPROFESSIONI 2012. agosto 2012. www.espoprofessioni. Comitato d organizzazione Espoprofessioni 2012 c/o Divisione della formazione professionale cp 367, 6932 Breganzona (Lugano) ESPOPROFESSIONI 2012 RISULTATI del questionario d inchiesta sulla soddisfazione

Dettagli

Il Terzo Settore nell emergenza terremoto

Il Terzo Settore nell emergenza terremoto Il Terzo Settore nell emergenza terremoto Il terzo settore E.R. 7.500 Organizzazioni 62 mila Lavoratori 800 mila Volontari Ma questi sono solo numeri. La modernità, il sano paradigma del PIL, ci impone

Dettagli

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014 Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015 Perugia, 23 ottobre 2014 Cultura di Protezione Civile Cultura di protezione civile è cultura della sicurezza, della solidarietà, del rispetto, della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO (di seguito denominato U.S.R. Lazio) E ROMA CAPITALE UFFICIO EXTRADIPARTIMENTALE PROTEZIONE CIVILE (di seguito denominato Protezione Civile)

Dettagli

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere.

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. Riti di passaggio Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. L'associazione CIGD e gli enti partner del presente progetto individuano nei preadolescenti la fascia

Dettagli

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Bellinzona, 24 marzo 2014 PROGETTO 1 Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Associazione genitori Scuole Sud Piazza Indipendenza 1, cp 1012, 6501 Bellinzona www.lamurata.ch

Dettagli

ISTITUTO DI TERAPIA FAMILIARE DI BOLOGNA Direttore: Tullia Toscani e.mail: info@itfb.it - sito internet: www.itfb.it

ISTITUTO DI TERAPIA FAMILIARE DI BOLOGNA Direttore: Tullia Toscani e.mail: info@itfb.it - sito internet: www.itfb.it CORSO ANNUALE PER PSICOLOGO SCOLASTICO AD ORIENTAMENTO SISTEMICO - RELAZIONALE La psicologia scolastica è un campo in espansione ed il settore scolastico rappresenta uno degli ambito disciplinari che nei

Dettagli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

Il Consiglio di istituto

Il Consiglio di istituto ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE GALILEO FERRARIS VERONA DELIBERA DEL CONSIGLIO D ISTITUTO N. 49 ESTRATTO DEL VERBALE DEL 20/09/2012 Il giorno 20/09/2012, nei locali dell Istituto si riunisce il Consiglio

Dettagli

PROGETTO AUSER PER LA REALIZZAZIONE DI VARIE ATTIVITA DI PUBBLICA UTILITA

PROGETTO AUSER PER LA REALIZZAZIONE DI VARIE ATTIVITA DI PUBBLICA UTILITA Allegato A PROGETTO AUSER PER LA REALIZZAZIONE DI VARIE ATTIVITA DI PUBBLICA UTILITA AUSER Volontariato Parma, Associazione di volontariato per l autogestione dei servizi e la solidarietà, ha predisposto

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: voce 4 Oltre il disagio SETTORE e Area di Intervento: voce 5 Settore: Protezione Civile Area di intervento: Ricerca e monitoraggio zone a rischio (04)

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI... Pag. 1 di 8 SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...7 PARTE IV: LA VERIFICA DEGLI IMPEGNI ASSUNTI...8

Dettagli

CORSI TECNICI PROPOSTI DALLA FISM ANNO SCOLASTICO 2014-2015

CORSI TECNICI PROPOSTI DALLA FISM ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Venezia/Zelarino, 19 maggio 2014 Protocollo n. 22/9A/2013/2014 Ai Presidenti, Ai Membri del Comitato di Gestione Alle Coordinatrici Alle Docenti Scuole dell Infanzia Nidi Integrati Loro Sedi CORSI TECNICI

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile. Titolo del progetto: Con te posso!

CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile. Titolo del progetto: Con te posso! CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile Titolo del progetto: Con te posso! Settore di intervento del progetto: Area di intervento generale. Settore educazione e promozione culturale. Il

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

di PROTEZIONE CIVILE

di PROTEZIONE CIVILE PIANO SOVRACOMUNALE di PROTEZIONE CIVILE Fra i Comuni di Candiolo Via Foscolo, 4 Tel. 011.9934800 fax 011.9625926 e-mail comandopm@comune.candiolo.torino.it Castagnole Piemonte Via Roma, 2 Tel. 011.9862811,

Dettagli

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LEGA REGIONALE COOP. E MUTUE

Dettagli

Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza

Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Medicina delle catastrofi Interventi in caso di grandi raduni di folla Triage in una maxiemergenza A cura di Vds Davide Bolognin

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2090 del 07 dicembre 2011 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 2090 del 07 dicembre 2011 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2090 del 07 dicembre 2011 pag. 1/6 Programma Regionale per la diffusione e l utilizzo dei DAE ai sensi del Decreto 18/3/2011, art. 2, comma 1 1 Scopo

Dettagli

Rari Sport e non solo. Bambini e ragazzi

Rari Sport e non solo. Bambini e ragazzi Rari Sport e non solo Bambini e ragazzi A partire dall anno scolastico 2012-2013 la Rari Nantes Savona ha deciso di fornire un servizio aggiuntivo alle già numerose attività che offre nell ambito dello

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Premessa L'attenzione agli aspetti psicosociali è alla base della stessa missione di Croce Rossa, in quanto preparando gli interventi a favore delle persone

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Andausu ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto a: 1- Criticità Presenze turistiche: Garantire un numero maggiore

Dettagli

PIANO FORMATIVO 2014/2015

PIANO FORMATIVO 2014/2015 PIANO FORMATIVO 2014/2015 Il CFP Francesco d Assisi La Cooperativa "Francesco d'assisi" gestisce da più di otto anni un Centro di Formazione Professionale accreditato presso la Regione Veneto, rivolto

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA Servizio di ambulanza (Norme integrative al Regolamento Nazionale)

REGOLAMENTO ATTIVITA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA Servizio di ambulanza (Norme integrative al Regolamento Nazionale) Il Regolamento dell Attività di Emergenza-Urgenza Sanitaria nasce per disciplinare e garantire la continuità del servizio di ambulanza e per eliminare il più possibile la discrezionalità nel definire i

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Manuale di gestione della Qualita

Manuale di gestione della Qualita SOMMARIO 6. 6.1. Messa a disposizione delle risorse 6.2. Risorse umane 6.3. Infrastrutture 6.4. Ambiente di lavoro 6.1 Messa a disposizione delle risorse L organizzazione di volontariato Croce Bianca di

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

5 CIRCOLO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

5 CIRCOLO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M.GALLI 5 CIRCOLO SESTO SAN GIOVANNI (MI) PROGETTO COMMISSIONE SICUREZZA: SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ED EDUCAZIONE STRADALE 1 A.S. 2011 2012 PREMESSA Dall anno scolastico 1997/98 la

Dettagli

Fundatia Bucurestii Noi

Fundatia Bucurestii Noi RAPPORTO DI ATTIVITÀ Fundatia Bucurestii Noi Una casa, una famiglia, tanti progetti! 2 [RAPPORTO DI ATTIVITÀ - FUNDATIA BUCURESTII NOI] INDICE FUNDATIA BUCURESTII NOI:... 4 Chi siamo:... 4 Mission:...

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Siamo al vostro fianco ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generale del progetto sarà migliorare la realtà

Dettagli

Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti"

Istituto Tecnico Statale per il Turismo Francesco Algarotti Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti" REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE L Istituto Algarotti, nell ambito del Piano dell Offerta Formativa, ogni anno propone ai propri studenti Uscite

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Arezzo solidale 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A 08 OBIETTIVI DEL PROGETTO A) Area di intervento trasporti sanitari Criticità verso

Dettagli

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale Percorso formativo nell ambito del progetto Educazione alla legalità Attività formative di accompagnamento in attuazione della l.r. 2/ 2011: Azioni orientate verso l educazione alla legalità Comunicare

Dettagli