Facoltà di Ingegneria Istituto di Idraulica e Infrastrutture Viarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di Ingegneria Istituto di Idraulica e Infrastrutture Viarie"

Transcript

1 Università Politecnica delle Marche Facoltà di Ingegneria Istituto di Idraulica e Infrastrutture Viarie Autorità Portuale di Ancona OPERE DI AMMODERNAMENTO E POTENZIAMENTO IN ATTUAZIONE DEL P.R.P. VIGENTE 2^ FASE DELLE OPERE A MARE 1 STRALCIO CONSULENZA IDRAULICO-MARITTIMA E STRUTTURALE PER I LAVORI DI COMPLETAMENTO E FUNZIONALIZZAZIONE DELLA NUOVA BANCHINA RETTILINEA E DEI PIAZZALI RETROSTANTI RELAZIONE IDRAULICA Il Presidente dell Autorità Portuale GIOVANNI MONTANARI Il Responsabile Prof. Ing. ALESSANDRO MANCINELLI Ancona, li luglio 2007

2 GRUPPO DI LAVORO DELL ISTITUTO DI IDRAULICA E INFRASTRUTTURE VIARIE DELL UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE PER LA PRESENTE CONVENZIONE Prof. Ing. Alessandro Mancinelli Dott. Ing. Carlo Lorenzoni Dott. Ing. Sara Corvaro professore ordinario ricercatore dottoranda di ricerca

3 ALLEGATO B RELAZIONE IDRAULICA CARATTERISTICHE DEL MOTO ONDOSO DI PROGETTO INCIDENTE LA BANCHINA Le parti e gli elementi della sottostruttura sono sottoposte alle sollecitazioni di carattere idraulicomarittimo riferibili principalmente, in particolare, all azione delle onde del mare da vento che, propagandosi dalle acque profonde fino al bacino portuale, giungono ad incidere il tratto di banchina oggetto del presente studio. Come peraltro indicato già negli studi sia della prima che della seconda fase dei lavori di ampliamento del porto di Ancona la banchina in questione risulta esposta direttamente alle ondazioni di provenienza settentrionale per il periodo transitorio, almeno fino al completamento delle opere di terza fase, riferibili alla realizzazione del nuovo molo di protezione sopraflutto. Ovviamente durante questa fase temporanea risulta abbastanza elevato il rischio che essa possa essere sottoposta all azione delle onde suddette, per cui la sua operatività risulta parzialmente limitata e subordinata all accadimento delle condizioni più gravose di tali eventi meteomarini. Nelle successive verifiche idrauliche della presente relazione si fa riferimento, per il bacino antistante l opera di banchina, al valore della profondità indicata dal vigente piano regolatore portuale (14 m). Questo anche se, nella prevista evoluzione cronologica dei lavori, tale bacino sarà dragato a tale prevista profondità di progetto solo nella quarta fase di ampliamento del porto, quindi presumibilmente dopo che sarà stata completata la terza fase delle opere a mare, cioè dopo che il nuovo molo di sopraflutto sarà stato realizzato ed il bacino risulterà protetto dalle più gravose condizioni ondose di provenienza settentrionale presenti al largo del bacino stesso. Comunque è anche da rilevare che, considerando una diversa profondità di riferimento per il bacino antistante la banchina, per esempio più realisticamente quella naturale, attualmente presente, pari a circa 6-8 m, le verifiche di natura idraulica risulterebbero ugualmente soddisfatte, in quanto soprattutto i carichi ondosi risulterebbero notevolmente ridotti. Inoltre è da notare che il tratto della banchina di seconda fase risulta essere direttamente esposto anche alle ondazioni della traversia secondaria, che in questo caso consistono nell azione degli eventi ondosi provenienti dai quadranti occidentali. Questo almeno fino al completamento anche 1

4 della diga foranea di difesa sottoflutto, prevedibile solo con le fasi dei lavori di ampliamento del porto successive alla terza. Tutto ciò significa che, per ottenere le sollecitazioni ondose più gravose che, in questa fase provvisoria, possono interessare la banchina a giorno in questione, occorre confrontare gli effetti su tale tratto di banchina delle onde incidenti provenienti sia dalla imboccatura (provvisoria) settentrionale (da intendersi costituita fra l attuale testata settentrionale della diga foranea e la testata dell attuale molo Nord) che da quella (sempre provvisoria) meridionale (da intendersi configurabile a Sud dell attuale tratto della stessa opera foranea a scogliera, che dovrebbe costituire il molo di sottoflutto del futuro Porto di Ancona). In questo caso sono state indicate come bocche provvisorie le aperture presenti allo stato attuale dei lavori di ampliamento del Porto in corso di realizzazione. L ondazione di provenienza settentrionale che risulta incidere la posizione più sfavorevole della banchina considerata (che risulta essere il suo spigolo settentrionale in quanto più vicino ed esposto alle ondazioni provenienti dall apertura settentrionale) ed avente un periodo di ritorno di 140 anni (tempo di ritorno dell evento di progetto dedotto secondo i criteri indicati dalle Istruzioni tecniche per la progettazione delle dighe frangiflutti) corrisponde ad un onda avente al largo (in acque profonde) la direzione di provenienza di 345 N ed alta 6,75 m (come risultato dalle elaborazioni delle onde estreme effettuate sulla base dei dati della boa della Rete Ondametrica Nazionale posta al largo di Ancona nei primi cinque anni di funzionamento ). Il periodo ondoso associato al predetto valore di altezza d onda risulta essere pari a 8,75 s. In considerazione della propagazione di tale ondazione sino al sito costiero del Porto di Ancona, dei conseguenti effetti della rifrazione e dell acclività del fondale e di quelli dovuti alla diffrazione prodotta dall esistente molo Nord del porto e del presente tratto della diga foranea, tale ondazione giunge sul punto più sfavorevole della banchina in esame, che, come detto corrisponde al suo spigolo settentrionale, incidendolo con altezza significativa pari a 3,60 m (valore arrotondato per eccesso) e con direzione di provenienza 1 N. Tali valori caratteristici, corrispondenti in particolare a quelli di una ondazione entrante nel bacino della banchina rettilinea attraverso la cosiddetta bocca provvisoria settentrionale, saranno adottati per i calcoli di verifica idraulica del tratto di banchina in questione. Tutte le ondazioni di provenienza settentrionale presentano direzioni di incidenza sulla banchina comunque oblique rispetto ad essa. La più ortogonale, che è anche la più pericolosa per la stabilità degli elementi sottostrutturali dell opera a giorno, presenta un angolo pari a 50 rispetto 2

5 all ortogonale alla banchina stessa, che si verificherebbe, in particolare, in corrispondenza dell estremità settentrionale del tratto in questione. Prendendo in considerazione solo l azione geometrica prodotta dal flusso dell energia ondosa incidente sul fronte della banchina, per confronto si possono valutare schematicamente gli effetti del flusso agente sulla banchina nel caso di un impatto ondoso frontale e di quello obliquo. Come riferimento della banchina e della palificata in questo caso si considera, per semplicità, un interasse fra due pali contigui della prima fila longitudinale alla banchina. Lo schema planimetrico dell azione di tali ondazioni sulla opera a giorno considerata è stato riportato nei grafici della Figura 1. 1,80 m 1,80 m 50 4,62 m 4,62 m filo-banchina filo-banchina caso di incidenza ondosa obliqua caso di incidenza ondosa ortogonale Figura 1 - Schemi delle direzioni di attacco del moto ondoso sulla banchina Per omogeneità di confronto con l onda citata precedentemente, si prende in considerazione un onda analogamente gravosa, ma incidente ortogonalmente la banchina, quindi entrante (nel bacino acqueo di interesse) direttamente dalla cosiddetta bocca provvisoria meridionale ed in pratica corrispondente ad una ondazione proveniente al largo da una direzione ovviamente nordoccidentale. Per analogia i parametri ondosi di tale ondazione da porre a confronto vanno dedotti mediante le stesse considerazioni utilizzate per individuare quella precedentemente indicata di provenienza settentrionale. In particolare, dalla suddetta analisi delle altezze d onda estreme, l altezza significativa dell onda proveniente al largo da 300 N avente 140 anni di periodo di ritorno risulta pari a 4,35 m. Trasferita questa ondazione alle acque di profondità finita (riferendosi anche in 3

6 questo caso ai 14 m da Piano Regolatore portuale del Porto di Ancona) utilizzando il modello di propagazione spettrale AFS, l altezza risulta ridotta al valore di 2,18 m. Trascurando gli ulteriori effetti riduttivi dovuti al trasferimento di tale ondazione alle (minori) profondità riferibili alla cosiddetta bocca provvisoria meridionale (attorno agli 8 m) si considera, a favore di sicurezza, questo valore di altezza dell onda incidente pressoché ortogonalmente alla parte meridionale della tratto di banchina di seconda fase. Si dimostra agevolmente che, fra tali due ondazioni prese in esame, quella di provenienza settentrionale,nonostante incida la banchina con direzione obliqua, produce effetti ondosi più intensi rispetto a quella di provenienza nord-occidentale. In definitiva quindi risulta che l ondazione più gravosa che incide la banchina in questione risulta comunque essere quella entrante dalla cosiddetta bocca provvisoria settentrionale. Per cui le verifiche idrauliche sui vari elementi della banchina saranno eseguite facendo riferimento alle seguenti caratteristiche dell ondazione: altezza 3,6 m, periodo ondoso 8,75 s ed entrante dalla cosiddetta bocca provvisoria settentrionale e quindi incidente la banchina con un angolo minimo di 50 (che risulta il più gravoso) rispetto all ortogonale all allineamento dell opera stessa. 4

7 ANALISI DELLA RIFLESSIONE ONDOSA DELLA BANCHINA Come noto le strutture marittime che assorbono meglio le onde incidenti sono quelle che presentano il paramento scabro ed una pendenza relativamente debole. Queste condizioni si verificano nelle strutture a scogliera o nel caso delle banchine nella tipologia a giorno, in cui la struttura è formata da un impalcato su pali ed il terrapieno retrostante viene raccordato con una scogliera di protezione. L opera sottostante l impalcato è costituita da una scarpata, rivestita con scogli dimensionati in relazione alle caratteristiche ondose residue, la cui pendenza totale determina la larghezza dell impalcato. I carichi verticali sono sostenuti dai pali di lunghezza adeguata al tipo di terreno di fondazione, mentre gli sforzi orizzontali sono equilibrati dalla stessa struttura intelaiata. Le opere a giorno presentano appunto il notevole vantaggio di comportarsi come una struttura accostabile particolarmente assorbente del moto ondoso residuo incidente, quindi, fra tutte le altre tipologie di banchina, è proprio questa che viene detta, più comunemente, antiriflettente. Per le banchine a parete verticale, con struttura a gravità, l eventuale riduzione dell onda riflessa avviene con la costruzione di camerette assorbenti rappresentate da strutture cave, talvolta provviste internamente di ulteriori ostacoli per dissipare l energia ondosa residua, con aperture posizionate nell intorno del livello del medio mare dove, attraverso particolari accorgimenti strutturali (pareti forate, setti verticali o orizzontali, ecc.), si creano perdite di carico localizzate per ridurre e/o sfasare l onda riflessa. L efficacia antiriflettente di tali opere è di solito valutata in laboratorio. Esistono dei metodi grafici che permettono di ottenere valori di orientamento. Ad esempio si presenta quello introdotto da Tanimoto e Yoshimoto (1982), riportato nella Figura 2, che mostra il coefficiente di riflessione K R (definito come il rapporto fra l altezza dell onda riflessa H R e quella incidente H I ) in funzione della ampiezza relativa della cameretta assorbente, in cui l è la ampiezza della cameretta e L è la lunghezza d onda alla profondità d della cameretta. Nel grafico compaiono anche le grandezze L della lunghezza dell onda alla profondità del fondale naturale ed ε del rapporto di perforazione della parete frontale. 5

8 Figura 2 Coefficiente di riflessione ondosa per una parete forata di un frangiflutti (da Tanimoto e Yoshimoto, 1982, su Tsinker, 2001) Per determinare l onda riflessa nel caso di una scogliera inclinata si può utilizzare l equazione fornita da Postma (1989) desunta dall esame di idonei risultati sperimentali. Per cui il coefficiente di riflessione C r (pari al rapporto fra l altezza d onda riflessa H r e quella incidente H i ) si valuta mediante la relazione: C r = 0,071 * P -0,082 * cotgα --0,62-0,46 * s 0p considerando la deviazione standard σ(c r ) = 0,036. Il parametro P è il fattore che rappresenta la permeabilità della struttura introdotto da Van der Meer (1992), α è l angolo della pendenza della scarpata ed il termine s 0p rappresenta la ripidità ondosa fittizia valutabile secondo la formula s 0p =H i /L 0p dove H i è l altezza dell onda incidente ed L 0p la lunghezza corrispondente al picco dello spettro di moto ondoso in acque profonde. Nel caso in cui la struttura dell opera a giorno abbia un interasse fra i pali molto inferiore alla lunghezza dell onda incidente, si può considerare, a favore di sicurezza, anche l effetto riflettente dei pali stessi. Per il calcolo della riflessione ondosa di una struttura parzialmente permeabile, in particolare costituita da pali cilindrici verticali a sezione circolare, si può far riferimento a metodi 6

9 grafici desunti da specifiche prove di laboratorio. Ad esempio si presentano i grafici proposti da Van Weele e Herbich (1972) riportati nelle Figure 3 e 4 che mostrano il valore (in percentuale) del coefficiente di riflessione in funzione rispettivamente della ripidità dell onda incidente H I /L I (che rappresenta il rapporto fra l altezza e la lunghezza dell onda incidente) e della spaziatura frontale (alla direzione ondosa) della palificata, a parità di quella trasversale. Nei grafici compaiono anche il diametro D del singolo palo della palificata, la lunghezza L dell onda incidente e le spaziature a e b fra i pali rispettivamente in direzione trasversale e longitudinale a quella dell onda incidente la palificata. Figura 3 Coefficiente di riflessione ondosa di una palificata in funzione della ripidità dell onda incidente (da Van Weele e Herbich, 1989) 7

10 Figura 4 Coefficiente di riflessione ondosa di una palificata in funzione della spaziatura fra i pali in direzione frontale a quella dell onda incidente (da Van Weele e Herbich, 1989) Nel caso della banchina in esame si possono porre a confronto, sulla base delle proprietà antiriflettenti, alcune fra le diverse tipologie strutturali più comuni, ovviamente in relazione ai vincoli locali presenti. Come primo ovvio confronto si può far riferimento, fra tutte le tipologie strutturali da considerare, a quella di cui è costituita il primo tratto, il settentrionale, già realizzato, della banchina in questione, consistente in un opera a cassoni cellulari che presentano la parete lato mare parzialmente forata. Si tratta in particolare di una serie di aperture verticali distribuiti sulla parete a mare di ogni singolo cassone. La superficie forata risulta pari a circa il 7% dell area della suddetta parete verticale del cassone, considerata dal fondale fino alla sommità dei fori, escludendo da tale computo la fascia dell impalcato superiore, come giustificato in seguito. Le camerette assorbenti hanno una ampiezza di 3,2 m ed una profondità di 7 m. In tal caso quindi si ottiene, dal grafico della Figura 2, per una valutazione teorica di larga massima, un valore pari a circa 0,60 per il coefficiente di riflessione ondosa della banchina forata. Pur variando le caratteristiche geometriche delle celle assorbenti su differenti pareti di banchina, rimanendo entro il campo di quelle tipiche comunemente usate per tali opere, si otterrebbero valori analoghi del coefficiente di riflessione ondosa. 8

11 La banchina a giorno considerata per il prolungamento della banchina rettilinea, in alternativa alla struttura a cassoni cellulari di cui al primo tratto settentrionale, dovrebbe avere pali di diametro 1,80 m disposti allineati sul fronte della banchina ad interasse di circa 4,62 m lungo file longitudinali intervallate trasversalmente di 6,096m, con un impalcato con un fronte d accosto verticale continuo a filo-banchina fra le quote di +0,20 m e +2,0 m s.l.m.m. ed una sottostante scarpata con pendenza 1:1,75 rivestita di massi naturali. Tale struttura a giorno ha una parte della parete a superficie verticale piena, quindi totalmente riflettente, come i cassoni cellulari tradizionali. Essa è limitata alla sola fascia dell impalcato presente fuori acqua che, per raggiungere la quota prevista della banchina, costituisce una parte ovviamente presente e comune in qualsiasi altra possibile tipologia ed infatti anche in quella precedentemente analizzata a cassoni forati. Quindi, a parità di effetti (di riflessione ondosa) di tale parte comune, si analizza il funzionamento della parte sottostante, che presenta appunto notevoli caratteristiche di diversità fra le varie tipologie di banchina. Nel caso in esame dell opera a giorno, mediamente la parte permeabile del fronte banchina risulta essere nettamente la frazione più cospicua, infatti essa geometricamente ammonta ad oltre il 70% dell area complessiva del fronte di banchina esposto alle onde incidenti. Utilizzando i citati grafici di Van Weele e Herbich, per ottenere una valutazione teorica di massima, nelle condizioni ondose incidenti considerate con ripidità pari a circa 0,04, risulta un valore del coefficiente di riflessione ondosa, per la parte di palificata presa in esame, inferiore a 0,09. Adottando la citata formula di Postma (1989), risulta un coefficiente di riflessione ondosa per la scogliera di protezione della scarpata dell opera a giorno, nelle predette condizioni ondose incidenti, pari a circa 0,27. In definitiva globalmente, il confronto di tali risultati conferma che, nelle condizioni ondose prese in esame, dal punto di vista dell assorbimento dell onda incidente, la struttura dell opera a giorno possa offrire garanzie nettamente migliori di quella a cassoni cellulari a parete forata considerata nel primo tratto della stessa banchina. 9

12 STABILITA DELL OPERA A GETTATA DI SCOGLI DELLA MANTELLATA DI RIVESTIMENTO SOTTOPOSTA ALLE ONDAZIONI INCIDENTI La scogliera della mantellata di rivestimento del terrapieno della scarpata dell opera a giorno risulta esposta all azione ondosa diretta che oltrepassa la struttura frontale dell impalcato sul filo-banchina e che inoltre filtra attraverso le file della palificata che sorregge l impalcato dell opera a giorno. La citata onda di progetto infatti, incidendo la banchina, prima di subire l effetto riduttore dovuto alla azione schermante delle palificate, subisce anche la riduzione dovuta all effetto tagliante delle creste ondose da parte della struttura emersa dell impalcato presente sul fronte della banchina. Schematizzando geometricamente il fenomeno, si verifica che nella fase ondosa di cresta, appunto, come rappresentato graficamente nello schema della Figura 5, risulta schermata, su tutto il fronte ondoso, la parte delle creste che si presentano, sul filo-banchina, al di sopra della quota più depressa dell impalcato di banchina (+ 0,20 m s.l.m.m.). Si tenga presente che l impalcato si presenta in tale situazione con continuità lungo l intero fronte della banchina. Ovviamente a questo effetto schermante sulle creste ondose corrisponde una parziale riduzione dell energia ondosa che oltrepassa il fronte di filo-banchina, che poi è avviato a filtrare sotto l impalcato e a dirigersi ad oltrepassare le palificate ed infine ad incidere la scogliera della mantellata di rivestimento della scarpata sottostante l impalcato. +2,0 m cresta ondosa l.m.m. +0,2 m E incidente E trasmessa -14,0 m. Figura 5 - Schema dell onda incidente il fronte della banchina in fase di cresta 10

13 Inoltre sarà valutata anche la presenza della fitta griglia dei pali che produce una parziale azione schermante al flusso dell energia ondosa incidente la struttura. Tra l altro si noti che la presenza di una simile griglia di pali è sicuramente e particolarmente utile a garantire una maggior stabilità agli elementi della mantellata di rivestimento della scarpata. Per ottenere una valutazione approssimata della frazione del moto ondoso incidente di progetto che viene trasmessa oltre il filo-banchina, si può far riferimento ai risultati delle prove di laboratorio sulla schematizzazione del fenomeno proposta da F. John di un bordo fisso posto sul livello medio dell acqua e riportata nella Figura 6, ripresa da Ippen, Figura 6 - Schema di un bordo fisso sul livello dell acqua in acqua bassa (da Ippen, 1966) Il comportamento della suddetta struttura, nei riguardi dell interazione ondosa, risulta descritto dalla curva III del grafico della Figura 7, ripresa da Ippen, In un regime di larga approssimazione si può schematicamente assimilare il comportamento della sovrastruttura dell opera a giorno in esame, in pratica costituita dalla fascia dell impalcato presente superiormente al livello del mare, a quello del suddetto bordo fisso indagato da F. John. Figura 7 - Coefficiente di riflessione teorico per varie configurazioni (da Ippen, 1966) 11

14 In tal caso, utilizzando per la dimensione a la metà della larghezza dell impalcato, risulta che l onda trasmessa oltre la parete verticale presente a filo-banchina, pur trascurando l effetto filtrante dovuto alla presenza della palificata, ammonterebbe a circa 0,75 m di altezza. Adottando invece un altro metodo di stima, per avere un confronto sull entità dell onda trasmessa oltre il fronte di filo-banchina, in prima approssimazione si può assimilare il comportamento della parte di struttura a parete verticale superiore al livello acqueo con quello di un frangiflutti rigido flottante di larghezza finita B, altezza h e pescaggio D (da assumere nel nostro caso come l opposto della quota di intradosso della struttura), fissato vicino alla superficie del medio mare sulla profondità d. In tal caso si può utilizzare la formula proposta da E. O. Macagno nel 1954, riportata da Cox (1989), per cui il coefficiente di trasmissione ondosa K t vale: K t = π B 1+ L cosh 1 senh( 2 π d / L) ( 2 π ( d D) / L) dove L è la lunghezza dell onda incidente. Nel presente caso risulta un valore del coefficiente di trasmissione ondosa pari a circa 0,74, che viene adottato nei calcoli di stima di seguito in quanto nettamente più cautelativo in confronto con il risultato del metodo precedente. 2 Per quanto riguarda la trasmissione ondosa attraverso la palificata che sostiene l impalcato, si fa riferimento al grafico, della Figura 8, dedotto dalle stesse suddette prove sperimentali di Van Weele ed Herbich (1972), in questo caso da usare in combinazione con quello della precedente Figura 4. 12

15 Figura 8 Coefficiente di trasmissione ondosa di una palificata in funzione della ripidità dell onda incidente (da Van Weele e Herbich, 1989) Nel caso in esame risulta un valore del relativo coefficiente di trasmissione ondosa attraverso la palificata pari a circa 0,9. In definitiva l onda residua che risulta agente sulla scogliera, per le riduzioni dovute agli effetti del bordo verticale sul fronte banchina ed all azione filtrante della palificata secondo i due metodi descritti, risulterebbe pari a circa 2,40 m (arrotondata per eccesso tenendo conto delle larghe approssimazioni utilizzate nei suddetti procedimenti di stima). Per effettuare la verifica della stabilità degli elementi di mantellata si utilizza la formula di Hudson (1958), che, per il largo uso comune, si ritiene ampiamente collaudata e quindi offre ampie garanzie di affidabilità: P 50min = γ s * H 3 / (K D * 3 * cotgα) Da essa si ricava il valore P 50min che rappresenta il valore minimo del peso mediano dei massi naturali da adottare come elementi di protezione della mantellata. Nei presenti calcoli di verifica vengono assunti: massi naturali di peso specifico γ s pari a 2,5 t/m 3, il peso specifico dell acqua di mare, utile per il calcolo del peso specifico relativo, pari ad 1,026 t/m 3, la pendenza della scarpata della mantellata cotgα pari ad 1,75, il coefficiente idrodinamico di stabilità (o di Hudson) K D pari a 4 (valido per gli scogli della sezione corrente dell opera a gettata e per onda non frangente al piede dell opera). 13

16 Dal calcolo si ottiene che il valore minimo del peso mediano dei massi naturali, da utilizzare per costituire la mantellata in questione, risulta pari a 1,64 t. Per cui, sotto le predette condizioni, praticamente, risulta idoneo adottare, per costituire lo strato della mantellata, ai fini della resistenza all attacco del moto ondoso più gravoso incidente, gli scogli della seconda categoria (1 3 t), con peso mediano superiore a quello di calcolo, con l accortezza di disporre, nella fase di posa in opera, gli scogli di peso maggiore sullo strato esterno della mantellata di rivestimento. Lo spessore adottato per tale mantellata di scogli di seconda categoria, scelto pari a 1,80 m, risulta adeguato a quello ottenuto dal calcolo (s min = n*k *[(P/γ s )^(1/3)], valido per uno strato costituito da n file di massi naturali di peso P) di uno strato che contenga due file, ognuna costituita da massi naturali (il cui coefficiente di forma k è pari ad 1) di peso pari a quelli estremi della categoria di scogli adottata: 1 e 3 t. Nel prossimo paragrafo si illustrano, con riferimento alle azioni idrodinamiche di origine navale, i calcoli di verifica della stabilità dello strato di scogliera sul fondale all ormeggio ed anche della stessa mantellata di rivestimento della scarpata che definisce il terrapieno retrostante la banchina in questione, analizzata nel presente paragrafo per quello che riguarda il moto ondoso incidente. 14

17 STRATO DI PROTEZIONE DEL FONDALE ALL ORMEGGIO E DELLA SCARPATA DEL TERRAPIENO CON RIFERIMENTO ALL AZIONE IDRODINAMICA PRODOTTA DALL AZIONAMENTO DEI PROPULSORI NAVALI DEI MEZZI ATTRACCABILI IN BANCHINA Nelle banchine a giorno si può verificare il negativo fenomeno della progressiva erosione della scarpata, che si può ripercuotere anche sul terrapieno a tergo, a causa dell azionamento delle eliche e dei propulsori di prua, comunemente presenti principalmente sulle navi Ro-Ro e su quelle portacontenitori che accostano agli ormeggi di banchina senza l ausilio dei rimorchiatori. In particolare il fondale dello strato di sostegno al piede della scarpata viene facilmente eroso in questi casi, provocando lo scivolamento della stessa. Per tale ragione risulta opportuno curare approfonditamente la protezione del fondale dell ormeggio in banchina con un rivestimento di materiale pesante (scogli) commisurato, secondo un progetto ben definito, alle resistenze idrodinamiche da affrontare (vedi Figura 9). Figura 9 Schema dei getti di propulsori navali sulle banchine a giorno (da AIPCN, 1997) Tale tipo di strato, oltre che come protezione del fondale, è ovviamente utile anche come unghia di sostegno al piede dello strato di rivestimento della scarpata retrostante ed anche per limitarne il rischio di eventuali scoscendimenti o per prevenire dissesti diversi. Per quanto riguarda il dimensionamento dello strato di protezione del fondale all ormeggio della banchina in studio, nei rispetti dei forti getti di correnti idrodinamiche dovuti all azionamento delle eliche dei natanti nei pressi dell opera a giorno, si fa riferimento allo schema di calcolo proposto 15

18 dall apposito gruppo di lavoro n 22 dell associazione AIPCN, pubblicato in allegato al relativo bollettino sociale del Secondo il suddetto schema di calcolo, assunto come guida per le valutazioni del caso presente, per quanto riguarda la nave portacontenitori massima di progetto del caso in questione (dwt = t) si deducono graficamente, dalla Figura 10, i valori mediamente comuni del diametro dell elica principale D p = 7,5 m e della potenza motrice istallata P d = kw. Figura 10 - Diametro e potenza dell elica principale per navi portacontenitori (da AIPCN, 1997) Si considera che, della potenza istallata della nave, ne venga azionata il 10% (4400 kw) per la partenza dall ormeggio. La velocità assiale U 0 di getto dell elica si valuta mediante la relazione U 0 = c * [P d / D 2 p ] 1/3 dove il coefficiente c vale 1,17 e 1,48 rispettivamente per un elica carenata e non carenata. Nel caso in esame risultano i due rispettivi valori di velocità pari a 5 m/s e 6,3 m/s. Il diametro del getto D 0 è pari a D p per elica carenata e a (0,71 * D p ) per elica non carenata. Nei due casi risultano quindi i diametri di 7,5 m e 5,325 m rispettivamente. La distanza H p tra l asse dell elica e la protezione del fondale, in condizioni di quiete (franco sotto nave d pari ad 1 m), si valuta come H p = (d + 0,5m) + (0,5 * D p ) come rappresentato nelle Figure 11 e 12 seguenti. 16

19 Figura 11 - Schema di getto dell elica principale (da AIPCN, 1997) Figura 12 - Altezza dell elica principale (da AIPCN, 1997) Quindi nel caso in esame essa risulta pari a 5,25 m. Il rapporto (H p / D 0 ) è 0,7 e 0,99 rispettivamente per elica carenata e non carenata. Da questi valori si valutano graficamente, dalla Figura 13, i corrispondenti valori del rapporto (U max / U 0 ) in cui U max è la velocità massima al livello del fondale. 17

20 Figura 13 - Velocità a livello del fondo (da AIPCN, 1997) Essa risulta pari a 4 m/s e 3,8 m/s per elica carenata e non carenata rispettivamente. Considerando il caso peggiore di velocità idrodinamica (4 m/s), agente sul fondale (protetto) disposto su un piano orizzontale, graficamente, dalla Figura 14, si ottiene un valore minimo del diametro, corretto per il peso specifico prescelto di 2500 kg/m 3, dei massi naturali adottabili per la protezione del fondale in questione (sotto la nave) pari a D 50 = 0,655 m. 18

21 Figura 14 - Dimensione dei massi naturali stabili sotto l azione di una prefissata velocità al fondo (da AIPCN, 1997) Per cui il corrispondente peso mediano equivalente minimo degli elementi necessari per costituire tale protezione del fondale orizzontale (essendo P 50 = γ s *[(k * D 50 ) 3 ]) è quindi pari a 0,705 t. Quindi risulta ampiamente adeguato, per fronteggiare tali eventuali problematiche, estendere sul fondale sottostante l ormeggio la mantellata di protezione della scarpata del terrapieno dell opera a giorno, prevista costituita con massi naturali della seconda categoria (1-3 t). Si precisa inoltre che tale strato protettivo del fondale viene previsto da porre in opera a partire dalla profondità di 16 metri, invece di 14 m, per soddisfare le richieste dell ente committente di predisporre un tale maggior fondale all ormeggio del tratto di banchina in questione. Lo spazio impegnato dal tronco di cono idrico dove si considera svilupparsi la velocità massima del getto dell elica è compresa fra (4 * H p ) e (10 * H p ), in assenza di opere o ostacoli, a partire dallo 0 all origine del getto (posizione dell elica). Quindi il campo di velocità critica del propulsore motrice principale nel nostro caso va da 21 m a 52,5 m dietro alla posizione dell elica indagata (che si trova ovviamente a poppa della nave) ed il cono del getto ha un angolo di apertura di circa 30. Considerando la distanza laterale planimetrica dalla posizione della predetta elica poppiera al piede della scarpata dell opera a giorno pari almeno ad oltre 20 m (metà larghezza della nave di progetto più lo spazio d ingombro del parabordo), risulta che il getto del propulsore principale, con la nave in posizione d ormeggio e timone allineato all asse mediano del natante, non giunge ad interferire, durante la suddetta sua massima potenza in azione, con la scarpata sottostante l impalcato della 19

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati. MED Ingegneria S.r.l., Ferrara

Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati. MED Ingegneria S.r.l., Ferrara 431 STUDIO METEOMARINO ED ANALISI MODELLISTICA PER LA PROGETTA- ZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO ALLE ISOLE TREMITI Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati MED Ingegneria S.r.l., Ferrara 1 - Introduzione

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI E MARITTIME FRANCESCO GRANATA 1 Le banchine Sono quelle strutture che separano il bacino liquido dalla terraferma. Si distinguono

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile FACOLTÀ: INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE: Ingegneria Civile INSEGNAMENTO: Progettazioni Idrauliche NOME DOCENTE: Prof. Ing. Francesco ARISTODEMO indirizzo e-mail: francesco.aristodemo@uniecampus.it

Dettagli

LAVORI DI DEMOLIZIONE PARZIALE DEL MOLO NORD

LAVORI DI DEMOLIZIONE PARZIALE DEL MOLO NORD Indice 1 Premesse... 3 2 Stato di fatto e di progetto... 5 3 Studio di navigabilità... 9 4 Studio sul moto ondoso... 15 5 Studio ambientale... 26 6 Conclusioni... 27 2 1 Premesse L adeguamento tecnico

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Esercitazione 6 Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Si esegua la verifica di stabilità allo scorrimento nella sola fase di cresta dell

Dettagli

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo. PALI Si distinguono: 1. pali di piccolo diametro se D/L0,05 Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

Dettagli

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Progetto Anno 2003-2005 Committenti Autorità Portuale Venezia Localizzazione geografica di Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Attività Svolte PROGETTAZIONE GEOTECNICA Progettista Prof.

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 Titolo elaborato: STIMA TECNICO ECONOMICA DEGLI INTERVENTI PIANIFICATI Scala: Committente: AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Tratto: 11. dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona

Tratto: 11. dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona 11 dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona D. 4 7 SCHEDA n.11 dalla foce del fiume Esino al porto di Ancona Tratto: 11 Comuni interessati: Falconara Marittima (4,69 ) Ancona (5,09 ) Lunghezza del

Dettagli

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE CONVEGNO AIOM GENOVA 16 Ottobre 2015 Autorità Portuale di Savona Porto di Vado Ligure Ing. Susanna Pelizza Ing. Guido Fiorini SCOPO DEL PROGETTO UN TERMINAL CONTAINER DI CAPACITA 720,000 TEUs ALL ANNO.

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE.

LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Servizio Opere di Competenza Regionale e degli Enti LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE. Art.

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui

Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Problematiche di progettazione e sviluppo di impianti pluvirrigui Prof. Ing. Virgilio Fiorotto *, Ing. Mauro Castellarin ** * Dipartimento di Ingegneria Civile, Sezione di Idraulica e Geotecnica,Università

Dettagli

Calcolo delle esigenze propulsive fondamentali per i battelli lagunari 1

Calcolo delle esigenze propulsive fondamentali per i battelli lagunari 1 Calcolo delle esigenze propulsive fondamentali per i battelli lagunari 1 Sia premesso che: 1) La conoscenza della curva di resistenza totale costituisce necessario ed ineludibile riferimento preliminare.

Dettagli

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010 Cod.: S-SF-ID- Data: 5/6/2 INTRODUZIONE La relazione descrive gli interventi finalizzati allo smaltimento delle acque meteoriche del Terzo Lotto dell Asse Lungosavena. L area è localizzata tra il Comune

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO PROVINCIA DI TORINO INTERVENTO URGENTE DI RICOSTRUZIONE DEL VIADOTTO LUNGO LA S.P. 10 (EX S.R. 10) "PADANA INFERIORE" AL KM 7+400 RELAZIONE DI CALCOLO OPERE PROVVISIONALI R011A - Relazione di calcolo opere

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Azioni variabili da traffico Azioni sugli impalcati Azioni variabili da traffico I carichi variabili da traffico

Dettagli

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO 1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO Il Comune di Rimini con finanziamento della Giunta Regionale dell Emilia Romagna (delibere G.R. n. 2552/2003 del 09/12/2003 e n. 2334/2005 del 29/12/2005)

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

INTERVENTI EMERGENZIALI

INTERVENTI EMERGENZIALI COMUNE DI PESCANTINA PROVINCIA DI VERONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER LA FRAZIONE SECCA DEGLI RSU SITUATA IN LOCALITÀ FILISSINE INTERVENTI EMERGENZIALI Realizzazione argini di contenimento, canaletta e vasca

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME

SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME PROGETTO PER LA SISTEMAZIONE E LA COPERTURA DELL AREA D INGRESSO ANTISTANTE L AEROSTAZIONE DI LAMEZIA TERME RELAZIONE TECNICA I lavori eseguiti

Dettagli

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI)

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE PIOVANE Settembre 2014 PROGETTISTA Dott. Ing. Leopoldo Cafaro Iscritto all Ordine degli Ingegneri

Dettagli

SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche

SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche Tratto: 18 Comuni interessati: Civitanova Marche (0,52 ) Lunghezza del tratto di costa: 0, 5 2 k m Bacini principali di apporto solido alla spiaggia: in questo tratto

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Dipartimento di Ingegneria RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

Università degli Studi Roma Tre. Dipartimento di Ingegneria RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Approfondimento sulle misure

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA PER EVENTI DI TRACIMAZIONE ONDOSA IN AMBITO PORTUALE

SISTEMA DI ALLERTA PER EVENTI DI TRACIMAZIONE ONDOSA IN AMBITO PORTUALE SISTEMA DI ALLERTA PER EVENTI DI TRACIMAZIONE ONDOSA IN AMBITO PORTUALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Candidato : Ilaria Termignoni Relatore: Prof. Ing. Giovanni Besio DI GENOVA Facoltà di Ingegneria

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

N O R M A T I V E PER LA COSTRUZIONE DEI CAMPI DA SQUASH

N O R M A T I V E PER LA COSTRUZIONE DEI CAMPI DA SQUASH FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO SQUASH N O R M A T I V E PER LA COSTRUZIONE DEI CAMPI DA SQUASH APPROVATE DAL CONSIGLIO FEDERALE DEL 12 NOVEMBRE 1994 APPROVATE DALLA GIUNTA NAZIONALE DEL CONI DEL 25 GENNAIO

Dettagli

Venis Cruise 2.0 Nuovo Terminal Crociere di Venezia Bocca di Lido

Venis Cruise 2.0 Nuovo Terminal Crociere di Venezia Bocca di Lido Venis Cruise 2.0 1 Direttive istituzionali 2 marzo 2012 Decreto Clini-Passera Divieto di transito in Bacino di San Marco per le navi crociera sup. a 40mila t.s.l. 6 febbraio 2014 o.d.g. Senato: compatibilità

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

8.1. INCREMENTO DELLA DISTANZA TRA L'EDIFICIO E L'INFRASTRUTTURA

8.1. INCREMENTO DELLA DISTANZA TRA L'EDIFICIO E L'INFRASTRUTTURA 8. MISURE DI MITIGAZIONE I possibili interventi adottabili per la riduzione degli effetti delle vibrazioni sugli edifici e sulle attività umane possono essere schematicamente suddivisi in: Incremento della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO

INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO INTERVENTI DI PROTEZIONE COSTIERA LUNGO IL LITORALE DEL COMUNE DI ALASSIO (SV) PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO - IPOTESI ALTERNATIVE ing. Daniele Rinaldo n. 1886 Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai):

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): 1) riportare i carichi verticali agenti ai piani agli elementi strutturali verticali che a loro volta li trasmettono alle fondazioni; 2) garantire

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva

Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto S.Anna Principi informatori della progettazione esecutiva Il viadotto in sistema misto S.Anna è situato sulla strada di collegamento della vallata del Vibrata con la vallata del Tordino all

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Appunti delle lezioni di Modellistica del moto ondoso ONDENELPIANO Eugenio Pugliese Carratelli Fabio Dentale ONDE NEL PIANO

Appunti delle lezioni di Modellistica del moto ondoso ONDENELPIANO Eugenio Pugliese Carratelli Fabio Dentale ONDE NEL PIANO ONDE NEL PIANO Questi appunti contengono parti tratte dalle dispense www.dica.unict.it/users/efoti/ing_cost/ing_cost_lez.htm del Prof Enrico Foti dell Università di Catania. La responsabilità di ogni inesattezza

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

LE INTERAZIONI ONDA STRUTTURA: LA RIFLESSIONE ONDOSA

LE INTERAZIONI ONDA STRUTTURA: LA RIFLESSIONE ONDOSA LE INTERAZIONI ONDA STRUTTURA: LA RIFLESSIONE ONDOSA S.M. Formentin (1), B. Zanuttigh (2), (1) Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali, Università di Bologna, Italia, e-mail: saramizar.formentin2@unibo.it

Dettagli

Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio)

Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio) Fondazioni con grande eccentricità (al di fuori del terzo medio) Generalità Poco si trova in letteratura (eccezion fatta per Bowles, Fondazioni, ed. McGraw-Hill) riguardo le fondazioni con carico fortemente

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

ALLEGATO I DIMENSIONI MASSIME DELLE NAVI - NAVIGAZIONE IN ORE DIURNE

ALLEGATO I DIMENSIONI MASSIME DELLE NAVI - NAVIGAZIONE IN ORE DIURNE DIMENSIONI MASSIME DELLE NAVI - NAVIGAZIONE IN ORE DIURNE A) DALL AVAMPORTO SINO AL LARGO TRATTAROLI, COMPRESE LE BANCHINE IFA, LLOYD, ALMA PETROLI E EURODOCKS ESTREMO MARE Banchina IFA, T&C, ormeggio

Dettagli

REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO. Dott. Ing. A. Bartoli (progettista)

REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO. Dott. Ing. A. Bartoli (progettista) REGIONE MARCHE RIALLINEAMENTO DI SCOGLIERE EMERSE SITE NEL COMUNE DI GABICCE MARE (PU) PROGETTO ESECUTIVO elaborato: FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE tavola: scala: data: rif.: R10 dicembre 2012 - responsabile

Dettagli

OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO. Prof. Ing. Paolo De Girolamo

OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO. Prof. Ing. Paolo De Girolamo OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO Prof. Ing. Paolo De Girolamo GENERALITA Verticale pura Verticale con sovrastruttura inclinata Verticale su imbasamento a gettata detta di tipo composto Caratteristiche

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 INDICE 1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 3. RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE...4 3.1. Generalità...4 3.2. Pluviogramma di progetto...4 3.3. Dimensionamento della rete...5 4. RETE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

Progetto Ex HOTEL EUROPA MARINA DI AURISINA LOC. LE GINESTRE DUINO AURISINA (TS)

Progetto Ex HOTEL EUROPA MARINA DI AURISINA LOC. LE GINESTRE DUINO AURISINA (TS) Anno 2008-2009 Importo Lavori 2 500 000,00 euro Categoria Opere IX c Consulente Prof. Ing. F.Colleselli DESCRIZIONE: Committente: Impresa Monti Attività Svolte CONSULENZA E PROGETTAZIONE GEOTECNICA Collaboratori

Dettagli

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno RISPOSTA A DOMANDA N. 2 RELAZIONE Generalità La presente relazione illustra gli aspetti geotecnici e delle fondazioni relativi alle strutture delle seguenti opere: EDIFICIO SERVIZI BUNKER PROTEXIMETRICO

Dettagli