InGrigna! Relazione dell attività speleologica nel massiccio della Grigna Settentrionale nel corso dell anno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "InGrigna! Relazione dell attività speleologica nel massiccio della Grigna Settentrionale nel corso dell anno 2008"

Transcript

1 InGrigna! Relazione dell attività speleologica nel massiccio della Grigna Settentrionale nel corso dell anno 2008 Di seguito sono riportate in ordine cronologico le esplorazioni e le escursioni finalizzate alla ricerca di nuovi ingressi avvenute nel corso dell anno 2008 nel massiccio della Grigna Settentrionale ad opera degli speleologi aderenti al Progetto InGrigna. Gennaio A metà Gennaio vengono effettuate due ricognizioni esterne. La prima in Val Vacchera e poi dall Alpe di Lierna sino alla Cima dei Pianchini. La secondo esamina i ripidi versanti sul lato destro idrografico della forra del Torrente Esino. A fine mese è stata raggiunta una frattura tettonica non percorribile nella valle Il Canalone (tra il Pizzo dei Cich e la Cima di 1356 m, vers. Valsassina). Febbraio A metà mese viene cercata senza esito la sorgente in Valle di Freconera, che a detta di locali dall alluvione del 2002, dopo aver emesso una grande quantità d acqua, ora non butta più; localizzati più in alto (q.720 m) due buchi in parete. Ispezionati alcuni buchetti tettonici in loc. Costa della Scaletta (versante valsassinese Pizzo dei Cich Cima di m). Marzo L 1 Marzo viene effettuata la scalata integrale della Cresta di Piancaformia. Durante la salita vengono individuati alcuni buchi soffianti, che fondono la neve. Il 2 si è proceduto a una ispezione alla dolina a q.1270 m, in linea con la Frattura Fredda N.1 di q.

2 1340 (disl. -6m), constatando anche lì una lieve circolazione d aria. La settimana successiva viene effettuata una uscita di ricerca nella forra del Torrente Esino, girando il ripido versante sotto la SP65. Vengono rilevate 7 grotte (Fessura della Pozza, Grotta del Cranio di Camoscio, Grotta del Pungitopo, Grotta della Vipera Lo Lc 5071, Pozzetto Non Visto, Pozzo con Tre Entrate Lo Lc 5072, Spaccatura sopra Scivolone), di cui 4 sono nuove. Nella domenica viene invece rilevata la Ferriera del Sileggio, cavità situata sullo Zucco Sileggio, nota da sempre, ma mai rilevata. L 8 è stata realizzata una battuta sul versante NE del Pizzo dei Cich dalla Bocchetta del Roccolo al Passo di Mudrogno. Il 15 è stata effettuata una ricognizione al Sasso S. Defendente a monte della strada Parlasco Cainallo reperiti due buchi intransitabili. Nell ultima decade di Marzo sono state effettuate tre uscite di scavo a una dolina del Pizzo dei Cich (vers. NO q.1370 m). A fine mese viene organizzata un uscita nelle pareti sopra Varenna nella quale vengono visti vari ripari e un uscita lungo la forra dell Esino, nei pressi di Perledo. Aprile Il mese inizia con un uscita alla forra del Torrente Esino. Mediante alcune calate sulle pareti di roccia del canyon vengono verificati alcuni buchi, senza tuttavia scoprire nulla di nuovo. Nella terza settimana del mese si effettuano altre calate sulle pareti della forra del Torrente Esino e sul Sasso San Defendente. Ancora una volta la fatica non viene ripagata da alcuna esplorazione. Aperta la Dolina di q m (Pizzo dei Cich) cui seguono due salti in successione (sceso solo il primo). Maggio Nel primo giorno del mese vengono condotte attività di ricerca esterna. La prima, alla base delle pareti del Palone, consente il reperimento di quattro cavità nuove (Frattura della Traversata, Fessura Bagnata, Büs della Latrina, Buco dell Albero). Vengono tutte esplorate e rilevate. La più importante è la Frattura della Traversata. La seconda uscita viene effettuata in località Zucco di Manavello e consente l individuazione di alcune nuove cavità. Nello stesso fine settimana viene dedicata un uscita di due giorni alla ricerca di cavità in località Zucco del Pertusio. Vengono individuati e rilevati alcuni fenomeni di modesto sviluppo (R3, pozzetto del Pertusio, Pozzo sul sentiero per lo Zucco Portorella). Nella seconda settimana viene condotta un uscita allo Zucco di Manavello, dove vengono esplorate e rilevate quattro distinte cavità (Primo Pozzo in Fratturaccia Stretta, Secondo Pozzo in Fratturaccia Stretta, Terzo Pozzo in Fratturaccia Stretta, Quarto Pozzo in Fratturaccia Stretta). Lo stesso giorno, in collaborazione con il Gruppo di Alpinismo giovanile della Sez. del CAI di Erba, si svolge un uscita in Ferrera che vede una trentina di entusiasti partecipanti al loro primo contatto con il mondo ipogeo. Nella terza e nell ultima settimana del mese viene condotta un attività di ricerca sotto la Costa del Palone, partendo da Prato San Pietro. Non viene reperita nessuna cavità nuova. Nella terza settimana del mese viene rilevata anche una cavità già nota nei pressi della Bocchetta di Lierna e viene verificato un buco in parete sul Sasso San Defendente. Fatte tre uscite alla Frattura Fredda N.2 (Pizzo dei Cich Cima di m) per svuotare e allargare il fondo. Giugno Il primo fine settimana del mese una punta esplorativa in Mamalia consente il reperimento di un nuovo ramo e la prosecuzione dell opera di rilievo della grotta.

3 A metà del mese viene organizzata un uscita in Orione, dove viene conclusa l esplorazione di una via e rilevati 400m, quasi tutti peraltro già esplorati in passato. La settimana successiva vengono esplorate e rilevate altre quattro modeste cavità (Pozzo della Cisterna, Pozzo Metà Menardo, Pozzo dell Inculeottero e Tavanata sul sentiero) sullo Zucco di Manavello. Nell'ultimo fine settimana del mese è stata effettuata un uscita di ricognizione nella zona sopra il Rifugio Elisa e sotto le pareti del Sasso dei Carbonari, dove è stata scoperta una breve grotta (Universal Serial Büs). Domenica invece è stato arrampicato un camino nella sala di Bellaria. Nell ultima settimana di Giugno è stata condotta una breve esplorazione alla Voragine di oltre m 40 presso l Ometto del Bregai (Lo Lc 1586), sono state poi rilevate ed esplorate altre due piccole cavità (Primo Buco sotto la Voragine di 40m e Secondo Buco sotto la Voragine di 40m). Infine è stato rilevato il Cunicolo sotto l'ometto del Bregai Lo Lc 1634 e l Abisso Speleo Salmonato Lo Lc Nella prima metà del mese eseguite tre uscite alla Frattura N.2 per allargare la fessura di fondo. Nell ultima decade è ripresa la disostruzione della Frattura Fredda N.1 (bocca media) del Pizzo dei Cich. Luglio Nel primo weekend del mese viene effettuata un attività di ricerca nella zona Zucchi dei Grottoni Canalone della Neve. Vengono reperite ed esplorate due brevi cavità: Grotta Vita Spericolata e Fessura a fianco al Canalone Perfido. Il secondo giorno viene dedicato ad un uscita a Maestro Splinter e alla Grotta della Cavalla, che viene rilevata e posizionata. Nella seconda settimana vengono revisionate e rilevate 4 cavità (Lo Lc 1596, 1621, 1647, 1674). Nella terza e quarta settimana del mese vengono effettuate due uscite di esplorazione e di disarmo a Kinder dalla profondità di -560m. Alla Cima di m sono state eseguite altre due uscite di scavo alla Frattura N.2, mentre al Pizzo dei Cich è proseguito lo scavo alla bocca media della Frattura N.1, abbandonando però i lavori a causa dell instabilità del tetto. Inoltre si è ispezionata la destra idrografica della Val Busagna tra la strada e il torrente rilevando numerosi campi solcati anche profondi. Agosto Nel primo weekend in un uscita a Kinder si è esplorato un nuovo ramo, che ha superato la profondità dei -400m. Il disarmo è poi proseguito, completandolo nel primo weekend del campo estivo. Durante il campo tra il 9 e il 24 Agosto si è vista la partecipazione di circa 30 persone. È stata fatta un uscita a Topino e Le Giostre, dove sono stati esplorati circa 200m nuovi nella zona di fondo. È stata completata l esplorazione dell Abisso Speleo Salmonato (-176m) e dell Abisso Viakal. È stata rivisitata la Voragine di oltre 40m presso l Ometto del Bregai, dove si è trovata la prosecuzione. L esplorazione ha raggiunto i -291m e la grotta prosegue. È stato iniziato il riarmo dell Abisso W Le Donne e rieseguito il rilievo del tratto iniziale sino alla giunzione con I Ching. È stato portato avanti lo scavo al Buco Cavallo ma in fondo alla fessura non si nota una prosecuzione certa. Si è effettuata una battuta nella Valle il Canalone (sotto Zucchi dei Grottoni): reperito un buco di scollamento e un pozzetto che necessita di allargamento dell ingresso. Sono state revisionate e rilevate, nel caso mancasse il rilievo, le seguenti grotte: Pozzo nel Prato, Lo Lc 1979, Lo Lc 1905, Lo Lc1822, Lo Lc 1823, Lo Lc 1832, Lo Lc 1697, Lo Lc 1681, Lo Lc 1688, Lo Lc 1687, Pozzo che Dice Marzio, Lo Lc 1989, Lo Lc 1990, Arco sull'angolo sopra la 1775 Lo Lc 1778, Lo Lc 1780, Pozzo Grande Lo Lc 1782, Lo Lc 1774, Lo Lc 1787, Lo Lc 1975, Lo Lc 1690, Lo Lc 1683, Lo Lc 1682, Lo Lc 1815.

4 Contestualmente all esplorazione delle grotte si è proceduto anche a ricognizioni esterne finalizzate al reperimento di nuovi ingressi sul versante del Pizzo della Pieve, in Moncodeno e in Releccio. Sono state scoperte ed esplorate le seguenti grotte: Grotta Tutto Addosso, Grotta Battito d Ali, Cimitero delle Capre, Grotticella nel Pozzo Tagliato, Condottine in Valletta, Cimitero delle Capre, Fessura Tettonica. Rilevato il Buco sul Sentiero. L'ultimo fine settimana di agosto viene raggiunta e rilevata una nuova grotta in località Val Lavine (Grotta presso il pozzo troncato). Alla Cima di 1.356m sono state effettuate altre due uscite di scavo alla Frattura N.2. Settembre Nella prima settimana di Settembre sono state rivisitate e rilevate 4 cavità già note: Lo Lc 1721, Lo Lc 1726, Lo Lc 1981, Lo Lc Inoltre è stata esplorata un altra breve cavità (Grotta presso l Ometto di Pietra). Nella seconda settimana del mese viene fatta un uscita in Val Vacchera (comune di Varenna) per cercare di raggiungere alcuni buchi in parete. Il maltempo fa desistere nell operazione. La terza settimana del mese viene dedicata al raggiungimento di alcune finestre sul pozzo da 130m Baratro Minerali a I Ching. Il materiale viene trasportato in W Le Donne per il successivo riarmo. Nello stesso weekend viene fatta un uscita in Val Lavine, dove viene esplorata una breve grotta (Panini al Vento). La settimana successiva viene riarmata W Le Donne sino a -600m. Nel corso del mese vengono effettuate tre ulteriori uscite di scavo alla Frattura F2 della Cima di 1356m del Cich, dove al fondo è stato aperto un buco in cui le pietre cadono per diversi secondi. Purtroppo l apertura non è ancora raggiungibile a causa della ristrettezza dell ambiente. È stato anche iniziato lo scavo al lato nord della dolina di q m del Pizzo dei Cich che ora si presenta più come una fossa (dimensioni: 6 x 2 m). Ottobre Nella prima settimana del mese è stata visitata la Cantina del Rifugio Brioschi Lo Lc Purtroppo la grande quantità di neve presente quest anno ha ostruito il passaggio che portava alla prosecuzione. È stato rifatto il rilievo. Nello stesso weekend sono state visitate la Grotta Traforo Lo Lc 1686, il Secondo Buco sotto la Voragine di 40m, la Voragine di oltre 20m al termine della Val Laghetto Lo Lc 1582, la Lo Lc Purtroppo anche in questo caso non è stata trovata alcuna prosecuzione a causa dell abbondanza di neve. Della 1582 è stato rieseguito il rilievo ed è stata controllata anche una finestra poco sotto l imbocco del pozzo di accesso. Nello stesso weekend è stata tenuta un uscita in Val Lavine per controllare alcuni buchi in parete. Nel secondo weekend viene fatta un altra uscita a W Le Donne: la grotta viene riarmata sino a -700m e viene rifatto il rilievo di circa 800m. Nello stesso weekend viene revisionata la Lo Lc 1606 ed eseguito il rilievo. Sulla Cresta di Piancaformia viene anche esplorata una breve grotta. Nel terzo weekend viene fatta un uscita alla Voragine di oltre 40m presso l Ometto del Bregai, raggiungendo la profondità di -340m. Nello stesso giorno viene anche posizionato l ingresso di una nuova grotta (Pozzo del Capo). Quest ultima grotta viene esplorata nel corso del weekend successivo. Negli stessi giorni viene effettuata un uscita a W Le Donne e riarmata la grotta sino al Campo Base di -920m. È stato proseguito lo scavo nel lato nord della fossa di q.1370 m del Pizzo dei Cich; si è poi provveduto al trasporto in loco del materiale da impiegare per la protezione del pozzo. Successivamente, in un uscita alla Frattura F2 si è asportata un po di roccia per riuscire ad arrivare al buco aperto in settembre.

5 Novembre Nel secondo weekend di Novembre viene fatta un uscita di trasporto materiale all ingresso di W Le Donne. Nel quarto weekend del mese viene condotta un altra uscita al Campo Base di W Le Donne e si completa il rilievo sino a questo punto. Alla Frattura F2 è stata fatta un uscita di fotografia e misura per valutare la parte non accessibile e prosegue per 7 m verticali sondati. Alla fossa di q.1370 m del Pizzo dei Cich eliminato il masso pericolante sopra pozzo e iniziata l asportazione del materiale frantumato. Dicembre Nella seconda settimana del mese viene raggiunta una sorgente nella Val Meria sopra il Ponte di Ferro, per verificare se uscisse da una grotta. L'ultima domenica del mese è stata svolta un'uscita di carattere biospeleologico nella grotta Ferrera.

6 ATTIVITÀ DIVULGATIVA Nel corso del 2008 sono proseguiti i lavori alla realizzazione del sito del Progetto InGrigna! Sono state aggiunte diverse pagine e diverse immagini per rendere il sito sempre più interessante. Ricordiamo l indirizzo che è http//ingrigna.altervista.org Allo stesso modo è proseguito l utilizzo della lista mail su yahoo, che ha visto incrementare ulteriormente il numero degli iscritti. Nel Dicembre del 2008 ha visto la luce una nuova iniziativa informatica. Si tratta di un notiziario disponibile solo on line, dal titolo "La Grigna al contrario". Riporta brevi resoconti delle ultime attività di INGRIGNA e i progetti esplorativi in corso di realizzazione. "La Grigna al contrario" è scaricabile dal sito. Sul noto sito YouTube sono stati inseriti diversi brevi filmati girati durante le esplorazioni delle grotte della Grigna. In particolare ricordiamo svariati filmati riguardanti l abisso Kinder Brioschi, 3 filmati riguardanti Orione e un altra decina di filmati riguardanti l attività speleologica in generale. Il 22 Maggio 2008 InGrigna! ha tenuto una proiezione presso il cinema di Bellano incentrata sulle esplorazioni tenutesi in zona. Alla manifestazione hanno partecipato 210 persone, a testimonianza dell interesse della comunità locale nei confronti dell attività di InGrigna!. Il 23 Maggio 2008 presso la sede del CAI di Catania Bassani D. e Ferrario A. (due speleologi attivi all interno di InGrigna!) hanno tenuto una video proiezione riguardo alle esplorazioni effettuate in Grigna negli ultimi anni. Alla serata hanno partecipato circa 50 persone. Il 19 Luglio 2008 presso il Rifugio Bogani, Merazzi M. ha tenuto una proiezione riguardante l'attività speleologica in Grigna degli ultimi anni. Alla serata hanno partecipato circa 30 persone. Il 4 Ottobre 2008 una presentazione è stata tenuta da Maconi A. al Rifugio Brioschi. Hanno partecipato circa 40 persone. Durante il consueto Incontro Nazionale di Speleologia tenutosi a S. Omobono Terme (BG) dal 29/10 al 02/11 il Progetto InGrigna! ha organizzato uno stand espositivo per dare visione dell attività svolta. Nell ambito della manifestazione sono stati inoltre presentati due video riguardanti le principali esplorazioni effettuate negli ultimi due anni e le fasi dell esplorazioni dell abisso Kinder Brioschi. Nel corso del 2008, oltre al volume Grotte delle Grigne e del lecchese alla cui stesura hanno partecipato attivamente 12 speleologi di InGrigna!, sono state date alle stampe altre due pubblicazioni con articoli che trattano dell attività speleologica nel massiccio delle Grigne. La prima è il Grottesco, bollettino del Gruppo Grotte Milano CAI SEM. Sulla rivista sono presenti due articoli molto completi riguardo alle esplorazioni effettuate dal progetto InGrigna! negli ultimi 8 anni. La seconda è Q4000 annuario della sezione del CAI di Erba, sul quale sono presenti 3 racconti riguardanti l esplorazione di grotte dell area e un articolo di aggiornamento catastale. Teniamo a ricordare che nonostante gli sforzi compiuti per dare visibilità all attività speleologica nel massiccio delle Grigne manca tutt ora una pubblicazione specifica che raccolga i frutti dell attività speleologica di questi ultimi 10 anni.

7 ATTIVITÀ SCIENTIFICA A partire dal 2008 in Progetto InGrigna! si sta occupando della biospeleologia degli invertebrati delle grotte dell area. Infatti fino a questo momento, a parte qualche occasionale campionamento e poche righe pubblicate sulle riviste specializzate, non sono mai stati effettuati studi a tal proposito. I prelievi faunistici interessano tutta l area in questione, incluse le regioni che potremmo definire marginali. I campionamenti vengono effettuati a vista, senza l ausilio di trappole ritenute troppo invasive per il fragile ecosistema di queste grotte dalle condizioni estreme (temperature che si aggirano intorno a pochi gradi centigradi ed estrema scarsità di apporti nutrienti). Scopo di questo lavoro consiste innanzitutto nello stilare un elenco il più completo possibile delle entità biologiche che popolano le grotte della Grigna, oltre a cercare di ricostruire le catene trofiche, la distribuzione sul territorio degli organismi ipogei ed evidenziare eventuali parametri ecologici. Questa ricerca è importante perché, oltre a colmare un evidente lacuna, potrebbe riservare interessanti sorprese. Infatti durante le Glaciazioni del Quaternario la Grigna emergeva come un area rifugio (nunatak) dai ghiacciai di fondovalle. La vita allora presente fu sottoposta a lunghi periodi di isolamento che possono aver favorito, all interno delle singole specie, la formazione di razze geografiche, sottospecie o persino nuove specie derivanti da un unica progenitrice. Attualmente sono stati effettuati campionamenti nelle seguenti grotte: 1 Prudenza Sempre (Zucchi del Nevaio) 2 Mamalia (Prada) 3 Orione (Circo di Releccio) 4 Kinder Brioschi (Circo di Releccio) 5 W le Donne (Cresta di Piancaformia) 6 I Ching (Cresta di Piancaformia) 7 Voragine di oltre 40 metri (Bregai) 8 Speleo Salmonato (Bregai) 9 Viakal (Zucchi del Nevaio) 10 Topino e le Giostre (Circo di Releccio) 11 LoLc1596 (Val Laghetto) 12 Bellaria (Val Lavine) 13 Grotta presso il pozzo troncato (Val Lavine) 14 Grotta balcone con vista (Circo di Releccio) 15 Cantina del Rifugio Brioschi (Cresta di Piancaformia) 16 Voragine di oltre 20 metri (Bregai) 17 LoLc1769 (Bregai) 18 LoLc1606 (Val Laghetto) 19 Grotta del Formageè (Val Naone) 20 Grotta di Val Naone (Val Naone) 21 Pozzo Metà Menardo (Zucco di Manavello) 22 Pozzo della Cisterna (Zucco di Manavello) 23 Pozzo dell Inculeottero (Zucco di Manavello) 24 Ferrera (Val Meria)

8 Tutti gli animali campionati (un centinaio circa) sono in fase di determinazione. Molto genericamente è possibile stilare un elenco delle seguenti presenze: almeno tre philum di lepidotteri due differenti tricotteri almeno tre philum di coleotteri colevidi un unico esemplare di coleottero carabide decine di campionamenti del diplopode Polydesmus sp. 6-7 philum di opilionidi, tra cui un genere specializzato a vivere sui carsi d'alta quota una dozzina di ragni differenti due esemplari di crostacei anfipodi almeno tre diversi philum di crostacei isopodi collemboli un unico esemplare di scolopendra svariati esemplari di ditteri, sia mosche che zanzare vermi rinvenuti fino a -300 metri Alcune determinazioni vengono condotte in proprio; per il resto ci avvaliamo dell'aiuto di esperti nel settore.

9 CONCLUSIONE Hanno partecipato all attività di INGRIGNA 2008: Associazione Speleologica Comasca: 1. Bassani Daniele Gruppo Grotte Busto Arsizio: 1. Ghidelli Sandro, 2. Ghidoni Giordano, 3. Grampa Gerardo, 4. Malacrida Franco, 5. Monza Leda SCAB: 1. Gangemi Fabio Gruppo Grotte Milano: 1. Bertolini Annibale, 2. Bregani Rino, 3. Calise Maurizio, 4. Corengia Davide, 5. Cozzi Alberto, 6. Ferrero Luca, 7. Maconi Andrea, 8. Mandracchia Virginia, 9. Mazzola Marialaura, 10. Nava Valeria, 11. Palazzo Benedetta, 12. Ratti Fosco Gruppo Grotte Saronno: 1. Ferrario Andrea, 2. Montini Gabriele, 3. Uboldi Margherita Gruppo Speleologico Le Nottole 1. Gerosa Massimiliano, 2. Mangiagalli Cesare, 3. Sassi Marzia Speleo Club Erba: 1. Aimar Luana, 2. Civillini Carlo, 3. Colombo Angelo, 4. Corvi Marco, 5. Figini Daniele, 6. Lanzini Stefano,

10 7. Manzi Tiziano, 8. Marieni Alessandro, 9. Merazzi Adolfo, 10. Merazzi Marzio, 11. Montrasio Damiano, 12. Pescialli Lorenzo, 13. Premazzi Antonio, 14. Scordia Micaela, 15. Venturini Alessio, 16. Vercesi Matteo Speleo Club Orobico: 1. Merisio Rosi Speleo Club Romano di Lombardia 1. Bonetti Franco, 2. Krsjak Eubomir, 3. Rinaldi Alessandro Speleo Club Valceresio 1. Nardini Stefano, 2. Neri Valentina, 3. Tomasi Ferruccio In totale hanno dunque partecipato all attività del 2008: 1 10 diversi gruppi speleologici, 2 48 persone diverse.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc.

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc. Classe: 3A TERZE E QUARTE NUOVO ORDINAMENTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "P. RUGGIERI" MARSALA 1 ANGILERI VITO 11/02/1999 2 ARISTODEMO MARCO 17/03/1999 3 BONFRATELLO SAMUELE 26/06/1999 4 CAMAGNA MICHELE 12/05/1999

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI VERCELLI Via Stara, 1, 13100 Vercelli Tel e fax. 0161-250207 Sito web: www.caivercelli.it E-mail: info@caivercelli.

CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI VERCELLI Via Stara, 1, 13100 Vercelli Tel e fax. 0161-250207 Sito web: www.caivercelli.it E-mail: info@caivercelli. CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI VERCELLI Via Stara, 1, 13100 Vercelli Tel e fax. 0161-250207 Sito web: www.caivercelli.it E-mail: info@caivercelli.it TESSERAMENTO 2012 Quote associative: ORDINARI: 43,00

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014. forma

Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014. forma Istituto Compressivo Cantù 2 Scuola Primaria di Fecchio - Anno10 numero2 Aprile 2014 la scuola in... forma Notizie dall interno curiosando nella scuola A cura di: Clara, Camilla, Lorenzo di classe 5, Elisa,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

CLASSIFICA UFFICIALE

CLASSIFICA UFFICIALE Codex: MMFXP029 Cod.FISI: NS(N2) Gr.Soc.=Y P.FISI=Y P.Reg.=N DIRETTORE DI GARA ODASSO S. DISLIVELLO SALITA 1973 m DIRETTORE DI PERC. ODASSO C. DISLIVELLO DISCESA 1973 m MASTER-FEMMINILE 1 11 MAZZUCCO Laura

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

FREQUENZA COMPORTAMENTO CONOSCENZE ABILITÀ-ORIGINALITÀ APPRENDIMENTO max. 3 punti 0-1-2 punti max. 10 punti max. 10 punti media

FREQUENZA COMPORTAMENTO CONOSCENZE ABILITÀ-ORIGINALITÀ APPRENDIMENTO max. 3 punti 0-1-2 punti max. 10 punti max. 10 punti media Commissione 1 - COMMISSIONE AFFARI ESTERI (AFET) CHAIR: Ilaria BLASUCCI, Alessandro IANNAMORELLI TOTALE INCONTRI: CALCIOTTI LUDOVICA VAIANA VALENTINA DI CASTRO MATTEO VERNICA DIANA LE LUCA MARIANNA SBARDELLA

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

Descrizioni dei punti IOF

Descrizioni dei punti IOF Descrizioni dei punti IOF Introduzione La corsa d orientamento è uno sport praticato a livello mondiale. L obiettivo delle descrizioni dei punti IOF è di fornire agli orientisti di tutti i paesi un mezzo

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare

Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani. Progetto. Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Sezione Mista Scuola dell infanzia Cassiani Progetto Degli esseri viventi: fattori legati al percorso alimentare Come presa in carico di responsabilità, di tutoraggio Percorso1 dalla spiga al pane Percorso

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Dispensa informativa sulla PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Nota: questa dispensa e stata realizzata a cura di M.Meroni e L.Castelli ed e frutto sia dell esperienza degli istruttori della Scuola

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009 Oggetto: approvazione graduatoria finale della selezione pubblica per titoli per il reperimento di figure professionali necessarie al funzionamento dell ufficio di Piano e per attività e servizi previsti

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva

4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva 4.1.2.1 Prima fase: ipotizzare e verificare cosa il mare può portare a riva L attività è stata introdotta da una richiesta di collaborazione, si è chiesto l aiuto degli alunni per riscoprire le caratteristiche

Dettagli

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA DPARTIMENTO DI SCIENZE COGNITIVE, DELLA FORMAZIONE E DEGLI STUDI CULTURALI. Scuola dell Infanzia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA DPARTIMENTO DI SCIENZE COGNITIVE, DELLA FORMAZIONE E DEGLI STUDI CULTURALI. Scuola dell Infanzia ALLEGATO N.1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA DPARTIMENTO DI SCIENZE COGNITIVE, DELLA FORMAZIONE E DEGLI STUDI CULTURALI Scuola dell Infanzia Didattica delle Educazioni (M-PED/03) Vento Francesca 6 0

Dettagli

F.I.N. Delegazione di Piacenza. 6^ Manifestazione Provinciale Propaganda. Pavia 19 Maggio 2013 P R O G R A M M A

F.I.N. Delegazione di Piacenza. 6^ Manifestazione Provinciale Propaganda. Pavia 19 Maggio 2013 P R O G R A M M A Staffette 4 x 25 Stile Libero 1 F SPORT VILLAGE (Azzoni-Mazzeo-Caravaggi-Costa) 2 F VOGHERESE N (Guida-Prizzon-Guagnini-Dragoti) 3 F CENTRO FIN PAVIA (Rossi-Beretta-.-Balduzzi)) 1 F/M MELEGNANO (Marchesoni-Gigli-Turazza-Benussi)

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa.

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa. COPYRIGHT TutiicontenutidelepaginecostituentiilpresentedocumentosonoCopyright 2008.Tutiidiritiriservati. Icontenutiqualiadesempio,cartografie,testi,graficiicone,sonodiesclusivaproprietàdiGeoplans.r.l.esonoprotetidaleleggiitalianeedinternazionalisuldiritod

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO

3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO 3C) MULINI COMUNITA DI CUTIGLIANO SK 11) CUTIGLIANO/MELO Anno 1781 Mulino di Gallina Località: Rio Piastroso Fiume: Dx Rio Piastroso Palmenti: 2 1781, Arch. Stor. S. Marcello, Lettere e Negozi, Vol. 799

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Femmine (50 mt) anno Società TEMPO 1

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : RAVENNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : RAVENNA GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI Classe : 1AG GEOMETRI "PROG. 5" FEDELE ALEX GARIANO FRANCESCO MENICHINI FEDERICO PARDOSSI LORENZO PIRROTTINA GIACOMO TERRENI FEDERICO MATEMATICA E INFORM. MATEMATICA E INFORM. MATEMATICA E INFORM. MATEMATICA

Dettagli

COMUNE DI ARIZZANO. inventario dei disegni. anni 1826-1927. schede 58

COMUNE DI ARIZZANO. inventario dei disegni. anni 1826-1927. schede 58 COMUNE DI ARIZZANO inventario dei disegni anni 1826-1927 schede 58 Archivio di Stato di Verbania luglio 2012 1 Planimetria di proprietà in frazione Biganzolo di Arizzano raffigurante la derivazione d'acqua

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli