ltro ondo editore 100% MADE IN ITALY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ltro ondo editore 100% MADE IN ITALY"

Transcript

1 ltro ondo editore 100% MADE IN ITALY

2 Passato MIRA SUSIC L ALTRA GERMANIA - La resistenza in uniforme ISBN copyright 2010, AltroMondo Editore soluzioni grafiche e realizzazione THE FACTORY

3 Mira Susic L ALTRA GERMANIA La resistenza in uniforme

4 INTRODUZIONE Quando i nazisti presero i comunisti non ho aperto bocca: non ero mica un comunista io. Quando rinchiusero i socialdemocratici sono rimasto in silenzio: non ero mica un socialdemocratico. Quando presero i cattolici non ho protestato: non ero mica un cattolico. Quando hanno preso me, non c era più nessuno che potesse protestare. Così il pastore protestante Martin Niemöller ha rievocato, con efficacia e lucida sintesi, tutta la tragedia della resistenza tedesca nei dodici tragici anni della dittatura hitleriana. L opposizione anti-nazista in Germania si trovò ad operare in condizioni di difficoltà uniche. A differenza dei movimenti di resistenza e dei movimenti partigiani nei paesi occupati dell Europa che godevano del sostegno popolare e combattevano per la liberazione del proprio paese dall occupatore nazifascista, il movimento di opposizione e di resistenza tedesco al regime nazista al potere in Germania operava in mezzo ad una popolazione che nel suo complesso non solo accettava il potere hitleriano, ma avvallò anche l avventura bellica di 5

5 dominio del continente europeo intrapresa da Hitler e da i suoi seguaci. Essere un anti-nazista significava innanzitutto non essere un buon patriota oppure venire considerato un traditore della patria. I massacri di massa e il genocidio pianificato di intere popolazioni messo in atto dalle truppe di occupazione della Wehrmacht e delle famigerate SS nei territori occupati alienarono ancora di più la Germania come entità nazionale dal resto del mondo. Questo comportamento criminale portò gli Stati Uniti d America e la Gran Bretagna e l Unione Sovietica a escludere ogni forma di collaborazione con i membri dell opposizione antinazista tedesca di qualsiasi matrice politica richiedendo con fermezza la resa incondizionata della Germania senza alcuna possibilità di accomodamento delle condizioni di resa o di intraprendere trattative di pace separate con uno degli alleati della coalizione antihitleriana. In altri termini un cambiamento di governo a Berlino non avrebbe mutato l atteggiamento degli angloamericani e dei sovietici nei confronti un nuovo governo tedesco. Essere tedesco divenne sinonimo di nazista. Chi si opponeva al regime nazista agiva in condizioni di estrema difficoltà e di pericolo eccezionale dovuto all efficacia dell apparato repressivo e di sorveglianza messo in piedi dal regime nazista. La completa decapitazione di ogni forma di opposizione politica interna di qualsiasi matrice politica al nuovo governo insediatosi a Berlino fu il primo obiettivo di Hitler. Il consolidamento del regime nazista presupponeva la creazione di una struttura paramilitare e poliziesca assolutamente fedele a Hitler, dunque parallela alle istituzioni statali vigenti, in altre parole uno stato nello stato: la GESTAPO e le SS. Queste strutture parallele di fatto divennero le custodi del Terzo Reich e del nuovo ordine europeo concepito da Hitler. La resistenza contro Hitler era di per sé tragica per vari motivi: costò la vita a decine di migliaia di persone pur rimanendo una resistenza di persone o di gruppi isolati che agivano indipendentemente tra di loro e che non avevano 6

6 mai una base forte nella popolazione che aveva appoggiato senza riserve il regime nazista grazie alla sicurezza sociale assicurata alla popolazione dal governo nazista e del rinato prestigio internazionale ottenuto dal paese con la politica attuata da Adolf Hitler nei confronti delle potenze vincitori del primo conflitto mondiale. Nonostante l alto prezzo pagato in vite umane dal movimento anti-nazista tedesco, purtroppo l opposizione tedesca al regime hitleriano non riuscì a togliere dal popolo tedesco l immagine di un popolo che aveva approvato il progetto criminale di sterminio e di dominio del «Führer avvallando tutto, anche le bestialità più atroci perpetuate dagli uomini in divisa del Reich. La resistenza tedesca racchiudeva in sé un aspetto nobile di valore morale: far uscire il popolo e la nazione tedesca dalla barbarie del nazismo. Si trattava di operare quindi una scelta, una svolta di carattere etico nella quale la Germania tutta doveva riconoscersi. In altri termini si doveva giungere ad una vera rifondazione dello stato tedesco basato sui principi democratici dando al paese un nuovo ruolo nell ambito internazionale. Il raggiungimento della libertà, della pace, della giustizia e della democrazia era l obiettivo comune di tutti i gruppi della resistenza tedesca che operavano nella clandestinità in patria e nell emigrazione nonché degli esponenti politici degli imprigionati nelle carceri e nei campi di concentramento. 7

7 VINCITORI E VINTI Entrambi i conflitti mondiali scoppiati in Europa nel ventesimo secolo sancirono la fine dell epoca in cui i destini del mondo venivano decisi e forgiati in Europa da potenze europee. La Germania fu cruciale per la storia del vecchio continente nel ventesimo secolo. Quest ultima, situata nel cuore dell Europa, fu l ultima potenza continentale terrestre a tentare di ottenere con la forza delle armi un egemonia politica, economica e militare del continente. Lo spazio naturale centro-europeo, crocevia tra Occidente e Oriente, spinse nell arco dei secoli i governanti tedeschi a rivolgersi reciprocamente a Ovest o a Est alimentando così l idea di potere allargare la sfera di dominio in Europa. La posizione della Germania in pratica rimase perennemente in bilico tra Occidente e Oriente. Questo pendolo delle posizioni assunte in merito ai paesi vicini generò un senso d insicurezza e una sindrome di accerchiamento favorendo così i fautori dell espansionismo e nazionalismo teutonico. L unità nazionale doveva essere assicurata e salvaguardata da 9

8 pericoli esterni. La difesa dell unità nazionale e la sindrome di accerchiamento da parte di paesi ostili come la Francia a Occidente, la Gran Bretagna come potenza marittima, nonché la Russia zarista prima e poi sovietica a Oriente, portò i governanti tedeschi ad intraprendere avventure belliche che sfociarono in due sanguinose e cruente guerre mondiali. La logica locale prevalse sulla visone globale. Secondo i piani di Berlino entrambi i conflitti avrebbero avuto di sicuro un carattere locale, in pratica una serie di piccole guerre regionali che avrebbero dovuto portare alla completa vittoria finale sul nemico ed all egemonia continentale, ma alla fine sia la Germania del Kaiser sia la Germania nazista si trovarono coinvolte in un conflitto dalle caratteristiche non previste. Una guerra regionale si trasformò in un conflitto continentale globale su più fronti nonché mondiale. In entrambi i casi la Germania si comportò da potenza terrestre privilegiando scontri bellici su terra confidando di ottenere la vittoria decisiva sul nemico in terraferma, mentre le forze dell Intesa nel Primo Conflitto Mondiale attuarono anche un conflitto navale, ma soprattutto gli angloamericani nella seconda guerra mondiale scelsero di combattere una guerra prima di tutto navale ed aerea e solamente nella fase conclusiva terrestre preceduta da ingenti operazioni anfibie di sbarco. Il controllo dei mari e dei cieli si dimostrò decisivo in entrambi conflitti combattuti in Europa. Ciò assicurava interrotti rifornimenti di mezzi e uomini al fonte. In entrambi i casi la Germania sopravvalutò le proprie forze militari e di produzione industriale e agricola per scendere in guerra contro una coalizione in pratica comprendente tutto il mondo, una coalizione già in partenza superiore per mezzi e uomini ad essa e che quindi avrebbe necessariamente vinto in un conflitto di logoramento e prolungato nel tempo. In entrambi i conflitti la Germania era nettamente convinta di agire a favore dell Occidente e in nome dell Occidente in misura tale da poter contare sulla neutralità delle democrazie parlamentari occidentali, ma queste supposizioni dei governanti di Berlino si rivelarono errate. Entrambe le volte 10

9 infatti le democrazie parlamentari occidentali si schierarono apertamente con la Russia zarista e sovietica per sconfiggere sui campi di battaglia la Germania. Le supposizioni che per lo meno gli Stati Uniti non sarebbero entrati in guerra così presto contro la Germania si rivelarono infondate sia nella prima guerra mondiale che nella seconda. La mossa americana si dimostro decisiva per le sorti del conflitto in Europa in entrambi i casi. La Germania era una potenza puramente terrestre impegnata in un conflitto contro una coalizione di potenze prevalentemente marittime, in particolare Gran Bretagna e Stati Uniti d America. In altri termini chi dominava le rotte dei mari si assicurava le fonti delle materie, perciò la produzione agricola e industriale, e di conseguenza il potenziale degli armamenti a disposizione per le forze armate. Già nel primo conflitto mondiale la Gran Bretagna sfruttò abilmente la sua supremazia marittima. Infatti grazie al suo capillare controllo delle rotte marittime, del sistema di comunicazione globale e dei cavi transcontinentali poté in pratica isolare la Germania tagliando le sue vie di comunicazione con il resto del mondo. Quest ultima agiva da potenza terreste privilegiando le conquiste su terraferma per assicurarsi le materie prime necessarie all industria bellica e le forniture alimentari per la popolazione e le forze armate. Le conquiste territoriali assorbivano un notevole numero di uomini e mezzi, in pratica potenziale bellico impegnato nel controllo del territorio occupato dalle truppe. Ciò lasciava inevitabilmente sguarnite le coste con i rispettivi accessi marittimi. La sopravvalutazione delle conquiste territoriali portò i comandi militari di Berlino a sottovalutare le conseguenze deleterie di un blocco navale e i pericoli che minacciavano le coste non a sufficienza presidiate, nonché delle devastazioni provocate da incursioni aeree sugli impianti industriali delle città. Trasformare la terraferma in una fortezza fortificata si dimostrò una scelta tattica che non poteva diminuire la superiorità delle offensive combinate scatenate dal mare dagli angloamericani nel secondo conflitto mondiale con il concorso combinato di tutte le tre forze amate: 11

10 esercito, marina ed aviazione sulla difesa esclusivamente e puramente terrestre concepita dagli strateghi militari di Berlino incapaci di contenere una tale forza d urto combinata. Ciò sancì la sconfitta della Germania sul fronte occidentale, mentre sul fronte orientale si combatteva una guerra esclusivamente terrestre, dove la capacità di resistere al nemico e di rimpiazzare sul fronte uomini e mezzi si dimostrò decisiva per le sorti del conflitto. La Germania non fu più in grado di assorbire le predite di uomini e mezzi, ciò influì sulle sue capacità belliche. Per piegare la Germania nazista le democrazie parlamentari occidentali e il regime comunista staliniano sovietico dovettero invadere il paese nemico e conquistare la capitale del Reich, dunque la sconfitta militare nazista ottenuta sui campi di battaglia dagli angloamericani e i sovietici era netta, indiscutibile e sancita dalla resa incondizionata del nemico sconfitto. La sconfitta della Germania nazista fu dunque indiscutibile e senza equivoci, mentre l esito della prima guerra mondiale si prestava a diverse interpretazioni da parte dei vinti e dei vincitori. Ciò causo un equivoco storico non di poco conto, fonte delle rivendicazioni hitleriane in merito all onta del tratto di Versailles subita ingiustamente dal popolo tedesco. Lo slogan Im Felde unbesiegt (Mai vinti sul campo di battaglia ) fu la versione tedesca dell esito della prima guerra mondiale. Questo slogan doveva risaldare l unità nazionale dopo il crollo del impero del Kaiser e la nascita della Repubblica di Weimar. Si può tranquillamente ritenere la data del 8 agosto 1918 decisiva per le sorti del paese. Infatti di fronte all offensiva scatenata dalle forze dell Intesa a Amiens il generale Erich Ludendorff si rese conto di non poter più ottenere una vittoria completa e decisiva per il suo paese nel conflitto in corso. La vittoria finale immaginata dagli strateghi militari di Berlino non era più possibile tenendo conto delle forze in campo. Si poteva dunque ancora resistere, ma non sconfiggere il nemico infliggendogli il colpo decisivo da cui non si sarebbe potuto riprendere. 12

11 Fino al estate del 1918 Parigi era ancora sotto il tiro dell artiglieria tedesca e Londra poteva essere raggiunta e bombardata dagli Zeppelin in qualsiasi momento, mentre Berlino non correva un pericolo simile. Il territorio tedesco era ancora abbastanza vasto da poter assorbire gravi sconfitte subite dalle truppe del Kaiser sulla linea del fronte. In altri termini era ancora possibile una ritirata indolore dalla Francia e dal Belgio per organizzare una forte linea di difesa del territorio nazionale lungo il Reno. Il paese era ancora in grado di difendersi, perciò il repentino crollo della Germania rappresentò un fatto unico nella storia non solo perché era stato fulmineo, ma anche in quanto nessuna nazione nella storia fino ad allora in grado di combattere con le sue truppe in una posizione ancora avanzata nel territorio nemico aveva deposto le armi spontaneamente. Il 4 ottobre 1918 i vertici militari tedeschi improvvisamente chiesero un cessate il fuoco pensando però non ad una resa incondizionata, ma ad una strategia di difesa dei confini del paese simile a quella ipotizzata da Winston Churchill dopo il conflitto. [La Germania] avrebbe potuto [...] organizzare forti sistemazioni difensive impegnando in queste tutte le risorse residue per la difesa del territorio nazionale. Ma se la Germania si fosse completamente ritirata dalla Francia e dal Belgio, ammettendo così la sua sconfitta, ciò avrebbe costituito un vantaggio per gli alleati superiore a qualunque altro, giacché sarebbe stata accresciuta la loro coesione e la possibilità di avanzare rapidamente [...]. Se i tedeschi si fossero ritirati rimanendo con le braccia incrociate alle loro frontiere ciò equivaleva a dichiararsi pronti a subire una pace da vinti, a cedere territorio e dare riparazioni; oppure, nel caso le condizioni di pace non fossero state accettate, a difendersi fino all ultimo, ma in tale ipotesi essi avrebbero avuto ancora la possibilità di infliggere agli alleati invasori due milioni di morti e feriti. Sembrava e sembra ora che gli alleati non si sarebbero messi in queste condizioni. Il futuro primo ministro britannico strenuo oppositore di Hitler ipotizzò nella peggiore delle ipostesi un invasione delle forze dell Intesa del territorio tedesco con l ostinata resistenza della popolazione locale simile alla resistenza opposta dalla popolazione tedesca durante le 13

12 guerre napoleoniche. L appoggio popolare alla guerra era stato chiaro e forte già dall inizio del conflitto, perciò una estrema resistenza della popolazione al nemico era plausibile. La Germania del Kaiser poteva ancora resistere. A differenza delle potenze dell Intesa la Germania aveva condotto una guerra appoggiandosi esclusivamente sulla sua capacità militare, industriale, agricola e finanziaria, dunque sulle sue risorse nazionali, mentre i suoi nemici europei combattevano un conflitto appoggiandosi anche sul cospicuo credito americano. Alla fine del conflitto gli americani avrebbero tranquillamente presentato il conto. In certi termini la Germania poteva considerarsi alla pari con gli Stati Uniti d America. Hans von Hentig esponente nazionalista radicale tedesco con malizia commentò: La minaccia tedesca è stata respinta a costo di un vassallaggio americano. Pur essendo ridimensionata internazionalmente, la Germania si considerava un soggetto autonomo nella politica internazionale, mentre le potenze europee dell Intesa erano di fatto oggetti in balia della autorità emergente americana. Le prime, uscite vincitrici dal primo conflitto mondiale, erano in pratica costrette ad estorcere dalla Germania le risorse finanziarie necessarie per pagare i debiti a Washington. A Roma, Parigi e Londra aleggiava l eloquente slogan Sarà la Germania a pagare. In altri termini scrive a proposito Woflgang Schiverlbusch nel suo libro La cultura dei vinti: Le nazioni dell Intesa non erano quindi esse stesse vittime di una nuova guerra su due fronti finanziaria questa volta? O, metaforicamente, non erano forse la pula schiacciata dalle macine tedesca e americana? La fragilità dei vincitori era del tutto evidente. La Gran Bretagna si riteneva ancora in grado di poter tranquillamente amministrare e garantire la pax britannica in ambito globale ridefinendo i suoi rapporti con Washington. Essendo la nazione madre della ex-colonia nordamericana, Londra considerava i cugini americani una nazione ancora giovane, priva di tradizioni e non molto colta, dunque facilmente addomesticabile, ma il potente impero marittimo britannico dovette nell arco di vent anni nuovamente appoggiarsi sulla stampella statunitense per 14

13 poter prima resistere e poi sconfiggere la Germania hitleriana che ancora una volta conduceva un conflitto appoggiandosi esclusivamente sulle sue forze militari, industriali, agricole ed economiche. Ancora una volta l intervento americano in Europa con l apporto sovietico sul fronte orientale si dimostrò decisivo per l esito del conflitto a favore della coalizione antihitleriana e dei suoi alleati dell Asse. La Germania ha forse perso la guerra dal punto di vista militare, politico ed economico. I nemici europei della Germania, tuttavia, non hanno combattuto per se stessi e per la loro parte del mondo ma per la diffusine dell economia americana. Ecco la loro vittoria. Ecco la loro vittoria; nello sconfiggerci, il Nuovo Mondo ha sconfitto l Europa. si diceva a Berlino dopo la fine della prima guerra mondiale ritenendosi i vincitori morali della guerra appena conclusa. Ottenere la pace attraverso la vittoria era la filosofia della classe dirigente al potere nella Germania del Kaiser, ma dato che una tale pace non era più possibile si doveva perlomeno ottenere una pace giusta sponsorizzata dal presidente americano Wilson. La posizione di Berlino su come trattare con il presidente americano Wilson più essere sintetizzata con le parole del principe Massimiliano di Baden ultimo cancelliere imperiale: La nostra risposta al presidente deve essere tale che, se Wilson rifiuta, il suo rifiuto deve servire a chiamare il popolo tedesco a un insurrezione nazionale [...] Poniamo di fare sufficienti concessioni a Wilson [...] e poniamo che Wilson sia costretto dalle potenze dei suoi alleati a respingere le nostre proposte; ne conseguirebbe una situazione di questo tipo: i nostri nemici saranno costretti a continuare a combattere non per la pace giusta di Wilson ma per il prestigio militare di Foch. La rivelazione di tali che emergerebbero da un rifiuto di Wilson, implicherebbe un enorme indebolimento della volontà di combattere dei nemici. Non resa incondizionata, ma pace negoziata era in sintesi la posizione di Berlino. Nell autunno del 1918 il presidente americano Woodrow Wilson e i sui quattordici punti 15

14 rappresentavano un ancora di salvezza per la classe dirigente militare e civile al potere a Berlino. In altri termini si trattava di salvare la faccia ed uscire da un vicolo cieco non potendo al popolo garantire sui campi di battaglia una vittoria decisiva che avrebbe potuto cambiare le sorti del conflitto. Accettando il principio di una pace negoziata piuttosto che imposta scrisse il generale americano John J Pershing gli alleati metterebbero in pericolo la posizione morale che ora detengono e forse perderebbero la possibilità di assicurare effettivamente la pace mondiale a condizioni che ne garantiscono la stabilità. In altre parole solo una resa incondizionata della Germania del Kaiser poteva creare le condizioni per una pace giusta ed assicurare la pace mondiale. Ciò avrebbe sancito inequivocabilmente la vittoria dell Intesa e la sconfitta della Germania del Kaiser evitando così speculazioni politiche, intrighi diplomatici e dubbie interpretazioni storiche. La posizione americana rifletteva la mentalità della nazione poco incline ad accettare mezze misure e soluzioni ambigue tipiche delle diplomazie coloniali europee. Gli Stati Uniti guidati dal Presidente F. D. Roosevelt mantennero la richiesta di resa incondizionata nei confronti di tutte le potenze dell Asse anche nella seconda guerra mondiale. La visione americana degli affari europei era chiara ed estremamente semplice: battere il nemico sul campi di battaglia, attuare una guerra totale contro l avversario senza esclusine di colpi, ottenere da lui una resa incondizionata, firmare poi un trattato di pace alle condizioni favorevoli a interessi americani in ambito locale e globale. Avere un Europa stabilizzata e senza guerra secondo le visioni americane significava garantire la sicurezza nazionale del paese ed evitare un ulteriore intervento statunitense sul vecchio continente per sedare le dispute tra i paesi europei. Tradizionalmente gli americani potevano scegliere diverse opzioni: disinteressarsi completamente delle vicende europee imboccando la strada dell isolazionismo; intervenire negli affari europei formando organismi 16

15 internazionali preposti a mantenere la pace mondiale e la cooperazione internazionale sulle basi del libero mercato e commercio ed i principi delle libertà individuali e civili; dare agli europei istituzioni o organismi continentali comuni preposte a garantire la pace in Europa e la cooperazione tra i paesi del vecchio continente; ignorare le posizioni di altri paesi ed attuare una politica unilaterale negli organismi internazionali attuando una politica di unilateralismo internazionale. La diplomazia americana evitava per principiò di legarsi ad alleanze che avrebbero potuto compromettere la libertà di decisione e di azione nell ambito internazionale di Washington. Il rifiuto del Congresso americano di ratificare il Trattato di Versailles giudicato non conforme agli interessi americani rappresenta la prova lampante dell atteggiamento statunitense nei confronti degli imperi coloniali europei. Nessuna supplica di pace scrisse il principe Massimiliano ma la dichiarazione più chiara possibile dei nostri obiettivi di guerra che, mentre contengono le massime concessioni ai nemici, devono sottolineare la nostra assoluta determinazione a combattere fino alla morte se insistono su condizioni di pace disonorevole. Nel primo conflitto mondiale la Germania non poteva aspirare a trattare alla pari con le potenze dell Intesa a causa di diversi fattori. Innanzitutto la scelta tedesca di invadere il neutrale Belgio in barba alle convezioni internazionali e la sua decisone di scatenare una guerra sottomarina senza limiti nonché l insistenza e la intransigente pretesa di pace dopo la vittoria portarono alla percezione ancora più negativa del pericolo tedesco sempre determinato a ottenere il suo posto al sole in ambito internazionale. Questo atteggiamento dell élite guglielmina non era altro che l applicazione del famoso assioma di Clausewitz: La guerra è la continuazione della politica con altri mezzi. Nelle sue aspirazioni di acquisire nuovi mercati la Germania privilegiò la forza militare tralasciando l azione politico-economico e diplomatica farcita di acume morale. Friedrich Naumann scrisse: Noi tedeschi 17

16 dobbiamo escogitare qualcosa che funga da missione storica nel mondo che nessun popolo possa perseguire altrettanto bene di noi, che rimanga irrealizzata senza il nostro intervento. Abbiamo bisogno di una missione nazionale nella grande assemblea dell umanità in modo da poter seguire il nostro percorso indipendente con motivazione e passione. In altri termini alla Germania mancava l imperialismo etico o morale ampiamente sfruttato dalla Francia paladina dei valori di libertà, uguaglianza e fratellanza. La France c est l humanité sanciva in pratica una nuova percezione della Francia nell opinione pubblica mondiale. Da stato napoleonico conquistatore il paese transalpino si era trasformato in uno repubblicano martire della guerra franco-prussiana del La Francia è stata assai abile a presentarsi come nazione martire: in qualità di portavoce della libertà, araldo della libertà per tutte le nazioni oppresse, ha sofferto per l intera umanità constatò Rühlmann. La scarsa capacità della Germania di costruire un immagine come conquistatrice morale in pratica non stimolavano alcuna ammirazione per la Germania nell opinione pubblica mondiale, ma al contrario provocavano piuttosto un senso di sfiducia e di alienazione nonché di paura di un incontrastato dominio tedesco in Europa. La Germania scelse la via delle armi per affermare lo status di potenza continentale. La minaccia e l uso della forza bruta faceva parte anche del modo d agire di Hitler. Il solo fatto di schierare alle frontiere la potente Wehrmacht e nei cieli la Luftwaffe funse da efficace strumento di pressione psicologica che incuteva terrore. L esercito tedesco fu un deterrente così efficace che nella prima fase della politica aggressiva di espansione di Hitler non fu mai usato. La fase successiva del terrore psicologico attuato da Hitler fu la famigerata Blitzkrieg o guerra lampo. La strategia hitleriana del bluff e delle minacce degli anni precedenti al secondo conflitto mondiale si materializzò nella capacità della macchina bellica nazista di terrorizzare e traumatizzare il nemico a tal punto da indurlo a capitolare ancora prima che avesse esaurito tutte le sue possibilità 18

17 tattiche di difesa e razione nonché consumato le sue riserve. La strategia della sorpresa e del terrore da incutere nelle file del nemico differiva radicalmente una guerra di logoramento e di attrito tipica della prima guerra mondiale. Lo storico John F C Fuller sintetizzò così la natura del Blitzkrieg: L effetto del Blitzkrieg [...] non mirava ai muscoli del nemico ma ai suoi nervi. Capovolgere le sorti del conflitto con una vittoria o una battaglia campale e decisiva faceva parte del baglio strategico militare non solo di Hitler e dei vertici della Wehrmacht, ma anche del generale Erich Ludendorff e dell élite guglielmina. Le sorti del paese erano per tradizione storica legate a doppio filo con questa logica di affrontare il nemico e le guerre, perciò a prima vista l eccessiva fiducia riposta da Hitler nelle così dette armi miracolose o Wunderwaffen, che avrebbero risollevato la Germania nazista dal baratro di una inevitabile sconfitta, fa parte del modus operandi tipico della tradizione militare tedesca. La prospettiva di non potere infliggere al nemico una sconfitta decisiva ovvero un colpo mortale da cui non si sarebbe più sollevato portò i vertici militari della Germania del Kaiser a chiedere un cessate il fuoco o una tregua. Toccò poi ai civili, il nuovo governo della neonata Repubblica di Weimar, a firmare il Trattato di Versailles. La leggenda della pugnalata alla schiena scaturì dalla mancata firma dei vertici militari tedeschi del trattato di pace imposto dalle potenze dell Intesa alla neonata Repubblica di Weimar diventata perciò a tutti gli effetti l erede della Germania del Kaiser. Francia e Germania possono in un certo senso essere considerare due fratelli nemici. Per me non esiste alcun partito, esiste solo la Germania. dichiarò Guglielmo II il 4 agosto 1914 in parlamento. Questa affermazione del Kaiser può essere sintetizzata con queste parole: unità nazionale, o la Germania prima di tutto e sopra di tutto. Nella tradizione politica del paese i partiti politici venivano considerati dai poteri forti, l élite governativa e della casta militare di tradizione prussiana simboli di interessi particolari e artefici di una indesiderata conflittualità politica 19

18 interna che poteva trasformarsi in una concreta minaccia dell unità nazionale, perciò essere contrari al conflitto significava minare l unità del paese. Il fantasma del nemico interno veniva sbandierato periodicamente sia all epoca del Kaiser sia durante la dittatura nazista dal governo al potere a Berlino per placare le voci dissidenti nel paese ed uniformare le masse popolari in uno spirito patriottico pronto all estremo sacrificio per l amata patria, perciò ogni attività contraria a questa impostazione ideologico-patriottica veniva tacciata di tradimento o di collusione con il nemico. In ciò consisteva la difficoltà di contrasto e di azione dell opposizione politica tedesca alla guerra e all ideologia al potere nel paese. Lo spirito patriottico nel paese alimentato con maestria dal potere governativo finì per alienare le masse popolari da ogni forma di opposizione contraria al corso degli eventi voluti dall élite governativa relegando gli oppositori politici ad un ruolo di cattivi patrioti. Uniformarsi significava prima di tutto essere un buon tedesco. Questo concetto di patriottismo e spirito unitario raggiunse il suo apice con la logica nazista: ein Reich, ein Volk, ein Füher. Entrambi i conflitti rappresentano la sfida tecnologica tedesca all emergente potenza tecnologica americana a Occidente e il tentativo di ottenere il completo controllo dello spazio dell Europa orientale eliminando la presenza russa nell area. Creare un blocco continentale compatto presupponeva anche la sconfitta della Francia, diretto concorrente sul continente europeo. La potenza dell impero navale britannico poteva essere così drasticamente ridimensionata o addirittura eliminata. In entrambi i casi la Germania si trovò di fronte una coalizione militarmente e politicamente più coesa e compatta nonché industrialmente superiore alle capacità produttive e militari tedesche. 20

19 UN POSTO AL SOLE Il Reno ed il Danubio dividono tutta la Germania dal paese dei Galli, da quello dei Reti, dai Pannoni, mentre il timore reciproco o le catene montuose [i Carpazi] la separano dai Sarmati e dai Daci. L Oceano circonda le altre terre, abbracciando ampie penisole ed isole, dove da poco sono state conosciute nuove genti e popoli, scoperti tramite le guerre condotte [dai Romani]. [...] La Germania, terra di paesaggio desolato, dal clima rigido, piena di tristezza da vedersi ed abitarsi, a parte per coloro che vi sono nati. annotò Tacito nel De Origine et situ Germanorum. Secondo l etnologia geografica dell Antica Roma la Germania Magna era una vasta area dell Europa centrale non soggetta al domino romano parzialmente e che si estendeva a oriente del Reno, nella quale era stanziata la maggior parte delle temibili tribù germaniche. La battaglia della foresta di Teutoburgo avvenuta nel 9 d.c. sancì un punto di svolta per i progetti di conquista di quei territori da parte delle potenti legioni romane. Dopo la sconfitta subita dai Romani in quella 21

20 battaglia l imperatore Augusto stabilì che i confini definitivi dell impero romano dovessero correre lungo i fiumi Reno e Danubio. I confini politico-geografici settentrionali, occidentali e meridionali della Germania Magna erano ben definiti. Infatti a occidente la regione era ben delimitata dal Reno, mentre a sud la limitava il Danubio. Lungo i due lunghi fiumi correva il limes, che delineava il confine dell impero romano e si estendeva dal mare del Nord al Mar Nero. A nord il territorio abitato dalle tribù germaniche sfociava nel Mare del Nord e Mar Baltico I confini orientali della Germania Magna invece si possono precisare grosso modo con il corso del fiume Vistola, al di là del quale si estendevano le terre abitate in prevalenza da Balti e Slavi. Non esistette mai, comunque, una linea di confine netta tra le tribù germaniche e gli altri popoli abitanti nell Europa orientale. Le varie tribù della zona in pratica si spostavano le une nelle terre delle altre determinando così un confine non definito. Il limite sud orientale della Germania Magna può essere identificato in un area geografica di transizione verso le regioni della Pannonia. Non essendo esistita una linea di confine ben definita nell Europa orientale tra le aree abitate da popolazioni germaniche, slave o baltiche, questo fatto favorì le mire espansionistiche teutoniche in quell area geografica lungo l arco della storia. Con il termine Impero carolingio gli storici definiscono l impero di Carlo Magno fondato tradizionalmente con la sua incoronazione a imperatore da parte di papa Leone III la notte di Natale dell anno 800. L impero di Carlo Magno si estendeva dall Eider al Tevere, dall Elba all Ebro, dal Canale della Manica al lago Balaton. In altri termini si trattava della più vasta entità territoriale e statale in Europa occidentale e centrale dopo la caduta dell Impero romano occidentale. Alla morte di Carlo Magno il potere dell Impero passò a suo figlio Ludovico il Pio. L immenso territorio carolingio quindi venne diviso tra i suoi eredi. Dalla frammentazione territoriale nacque in seguito la monarchia francese formando nell arco del tempo un forte stato nazionale in grado di competere in 22

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.)

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Lezione n. 2 La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Fabrizio Alias L invasione araba della penisola iberica (al-andalus) 711. Invasione degli arabi nella penisola iberica 713. Conquista

Dettagli

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero Leggo il testo e faccio gli esercizi. Non importa se non capisco tutto subito, posso ritornare tante volte sul testo. unità Carlo Magno e il Sacro Romano Impero 5.1 II popolo dei Franchi crea uri grande

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA

Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA Gruppo: Benedetta, Michele M., Michele O., Nicol, Patrick. GERMANIA Situazione in Austria, Prussia e Russia (pag. 248) 1830. Austria, Prussia e Russia sono monarchie accomunate da: - Fedeltà verso i princìpi

Dettagli

L Alto e il Basso Medioevo

L Alto e il Basso Medioevo L Alto e il Basso Medioevo Panoramica L abbazia di St. Maurice, Cantone del Vallese, fondata nel VI secolo in una posizione strategica, all altezza di un restringimento della valle. Marc-André Miserez/swissinfo

Dettagli

Preliminari di guerra

Preliminari di guerra Preliminari di guerra Le vittorie diplomatiche di Hitler Marzo 1938. L Austria viene annessa al Reich (ANSCHLUSS) Questione dei Sudeti. Accordi di Monaco (29-30 settembre 1938) Entro il marzo 1939 tutta

Dettagli

Cosa sarebbe successo se Federico II il grande di Prussia avesse perso la guerra per la Slesia?

Cosa sarebbe successo se Federico II il grande di Prussia avesse perso la guerra per la Slesia? Cosa sarebbe successo se Federico II il grande di Prussia avesse perso la guerra per la Slesia? 1740 sale al trono il giovane Federico di Prussia alla morte del padre fervido militarista. 1740-1742 guerra

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar iperinflazione Reich tedesco-prussiano

Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar iperinflazione Reich tedesco-prussiano Il nazismo al potere La Repubblica di Weimar Il breve periodo della Repubblica di Weimar è rimasto impresso nella memoria collettiva del popolo tedesco e dell Europa come quello della cosiddetta iperinflazione,

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

Unità 5 L età di Calvino e Filippo II

Unità 5 L età di Calvino e Filippo II Unità 5 L età di Calvino e Filippo II L UNITà IN BREVE Unità 5 L età di Calvino e Filippo II 1. Il Cinquecento, un secolo di crescita demografica Il xvi secolo fu un periodo di ripresa in campo demografico.

Dettagli

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI PROF. GIUSEPPE CATALDI Indice 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

CAPITOLO PRIMO LA NORVEGIA FRA GUERRA E DOPOGUERRA

CAPITOLO PRIMO LA NORVEGIA FRA GUERRA E DOPOGUERRA CAPITOLO PRIMO LA NORVEGIA FRA GUERRA E DOPOGUERRA Dal Mar Baltico al Circolo Artico vi era una zona che rivestiva grande importanza strategica tra le isole norvegesi e la terra ferma, in cui scorreva

Dettagli

IL NAZISMO LE PREMESSE:

IL NAZISMO LE PREMESSE: IL NAZISMO LE PREMESSE: Dopo la Guerra la Germania si trovò in una condizione peggiore dell'italia. Le condizioni di Pace avevano cercato di umiliare la Nazione che era ritenuta responsabile della guerra,

Dettagli

I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche

I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche Autore: Daniela Vathi Categoria : Storia dell Albania Data : 6 settembre 2013 L ambasciatore americano Williams svela il retroscena della diplomazia

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI alto clero basso clero nobiltà di spada nobiltà di toga alta borghesia borghesia masse popolari CLERO NOBILTÀ TERZO STATO * esenzione fiscale

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

LE GUERRE DEL SETTECENTO

LE GUERRE DEL SETTECENTO Guerra di successione spagnola LE GUERRE DEL SETTECENTO Causa della guerra fu la morte senza eredi diretti del re di Spagna Carlo II, il 1 novembre 1700. La Spagna, benché in profonda crisi, era detentrice

Dettagli

LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO

LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO All inizio del Novecento, l IMPERO ASBURGICO è costituito come una doppia monarchia (austriaca ed ungherese) con in comune

Dettagli

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI TSC: L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distinge la specificità di salvezza del Cristianesimo; identifica

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 592 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore COSSIGA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 GIUGNO 2006 Riconoscimento del diritto di autodeterminazione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

BISMARCK E LA NASCITA DELLA GERMANIA

BISMARCK E LA NASCITA DELLA GERMANIA Stefano Zappa BISMARCK E LA NASCITA DELLA GERMANIA La Prussia nella Confederazione germanica La Prussia del 1815, pur smembrata nel suo territorio e divisa economicamente, socialmente e politicamente a

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado Paritaria S. Luigi. A.S. 2011-2012 Prof.ssa Dora Meroni Dispensa di approfondimento al libro di testo di Storia

Scuola Secondaria di 1 grado Paritaria S. Luigi. A.S. 2011-2012 Prof.ssa Dora Meroni Dispensa di approfondimento al libro di testo di Storia LA GUERRA DEI CENT ANNI Tra il 1337 e il 1453 la Francia e l Inghilterra si affrontarono in un conflitto caratterizzato da tante tregue ma tutte molto brevi e subì due interruzioni più lunghe, sancite

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

La Francia fisica PONTE DI TRANSITO. In Europa la Francia occupa un importante ruolo non solo

La Francia fisica PONTE DI TRANSITO. In Europa la Francia occupa un importante ruolo non solo La Francia fisica PONTE DI TRANSITO In Europa la Francia occupa un importante ruolo non solo Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it Pagina 1 di 5 geografico ma anche economico e politico. Per

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

Il nodo tedesco nella storia e nella politica europea - 27/02/2012 Prospettiva Marxista -

Il nodo tedesco nella storia e nella politica europea - 27/02/2012 Prospettiva Marxista - Il nodo tedesco nella storia e nella politica europea - 27/02/2012 Prospettiva Marxista - Il tema della crisi economica ha, in questa particolare fase, grande risonanza, analisti, politici, giornalisti

Dettagli

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA SINTESI DI STORIA Vol. 2 In Italia studiamo soprattutto la STORIA OCCIDENTALE: cioè la storia dell Europa e di quei paesi non-europei (specialmente i paesi del Nord America), la cui cultura è più vicina

Dettagli

Medio Oriente e mondo islamico

Medio Oriente e mondo islamico Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico L UNITà IN BREVE Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico 1. Guerre mondiali, sionismo e risveglio musulmano Nel 1914, l impero ottomano aveva perso tutti i suoi

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

lezionidistoria.wordpress.com

lezionidistoria.wordpress.com lezionidistoria.wordpress.com Quadro generale DOVE? Furono combattute prevalentemente sul suolo italiano ma non solo QUANDO? Le otto guerre d Italia sono iniziate nel 1494 e si sono concluse nel 1559 PROTAGONISTI

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline.

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline. 032 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA 23 giugno 2015 a cura di Renato Brunetta JÜRGEN

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi,

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, le bombe su londra Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, distruzioni, convogli affondati in mare, grandi e piccole nazioni già occupate. Insomma, il massacro

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Parte Prima Il diritto ecclesiastico e i suoi principi 1 Quali sono i principali modelli di atteggiamento che storicamente gli Stati hanno assunto nei confronti del fenomeno religioso? L ordinamento statale,

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA

INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA LA GUERRA DI SPAGNA LA SITUAZIONE DELL EUROPA PRIMA DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE IL PATTO D ACCIAIO L EUROPA SOTTO IL DOMINIO NAZISTA L INVASIONE DELLA FRANCIA L

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

Prima Guerra Mondiale

Prima Guerra Mondiale Una produzione dduck Prima Guerra Mondiale Cosa sarebbe successo se l Italia di Giolitti fosse scesa in campo con la triplice alleanza? La Grande Guerra 1914 giugno 28 Assassinio dell arciduca Francesco

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli