ltro ondo editore 100% MADE IN ITALY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ltro ondo editore 100% MADE IN ITALY"

Transcript

1 ltro ondo editore 100% MADE IN ITALY

2 Passato MIRA SUSIC L ALTRA GERMANIA - La resistenza in uniforme ISBN copyright 2010, AltroMondo Editore soluzioni grafiche e realizzazione THE FACTORY

3 Mira Susic L ALTRA GERMANIA La resistenza in uniforme

4 INTRODUZIONE Quando i nazisti presero i comunisti non ho aperto bocca: non ero mica un comunista io. Quando rinchiusero i socialdemocratici sono rimasto in silenzio: non ero mica un socialdemocratico. Quando presero i cattolici non ho protestato: non ero mica un cattolico. Quando hanno preso me, non c era più nessuno che potesse protestare. Così il pastore protestante Martin Niemöller ha rievocato, con efficacia e lucida sintesi, tutta la tragedia della resistenza tedesca nei dodici tragici anni della dittatura hitleriana. L opposizione anti-nazista in Germania si trovò ad operare in condizioni di difficoltà uniche. A differenza dei movimenti di resistenza e dei movimenti partigiani nei paesi occupati dell Europa che godevano del sostegno popolare e combattevano per la liberazione del proprio paese dall occupatore nazifascista, il movimento di opposizione e di resistenza tedesco al regime nazista al potere in Germania operava in mezzo ad una popolazione che nel suo complesso non solo accettava il potere hitleriano, ma avvallò anche l avventura bellica di 5

5 dominio del continente europeo intrapresa da Hitler e da i suoi seguaci. Essere un anti-nazista significava innanzitutto non essere un buon patriota oppure venire considerato un traditore della patria. I massacri di massa e il genocidio pianificato di intere popolazioni messo in atto dalle truppe di occupazione della Wehrmacht e delle famigerate SS nei territori occupati alienarono ancora di più la Germania come entità nazionale dal resto del mondo. Questo comportamento criminale portò gli Stati Uniti d America e la Gran Bretagna e l Unione Sovietica a escludere ogni forma di collaborazione con i membri dell opposizione antinazista tedesca di qualsiasi matrice politica richiedendo con fermezza la resa incondizionata della Germania senza alcuna possibilità di accomodamento delle condizioni di resa o di intraprendere trattative di pace separate con uno degli alleati della coalizione antihitleriana. In altri termini un cambiamento di governo a Berlino non avrebbe mutato l atteggiamento degli angloamericani e dei sovietici nei confronti un nuovo governo tedesco. Essere tedesco divenne sinonimo di nazista. Chi si opponeva al regime nazista agiva in condizioni di estrema difficoltà e di pericolo eccezionale dovuto all efficacia dell apparato repressivo e di sorveglianza messo in piedi dal regime nazista. La completa decapitazione di ogni forma di opposizione politica interna di qualsiasi matrice politica al nuovo governo insediatosi a Berlino fu il primo obiettivo di Hitler. Il consolidamento del regime nazista presupponeva la creazione di una struttura paramilitare e poliziesca assolutamente fedele a Hitler, dunque parallela alle istituzioni statali vigenti, in altre parole uno stato nello stato: la GESTAPO e le SS. Queste strutture parallele di fatto divennero le custodi del Terzo Reich e del nuovo ordine europeo concepito da Hitler. La resistenza contro Hitler era di per sé tragica per vari motivi: costò la vita a decine di migliaia di persone pur rimanendo una resistenza di persone o di gruppi isolati che agivano indipendentemente tra di loro e che non avevano 6

6 mai una base forte nella popolazione che aveva appoggiato senza riserve il regime nazista grazie alla sicurezza sociale assicurata alla popolazione dal governo nazista e del rinato prestigio internazionale ottenuto dal paese con la politica attuata da Adolf Hitler nei confronti delle potenze vincitori del primo conflitto mondiale. Nonostante l alto prezzo pagato in vite umane dal movimento anti-nazista tedesco, purtroppo l opposizione tedesca al regime hitleriano non riuscì a togliere dal popolo tedesco l immagine di un popolo che aveva approvato il progetto criminale di sterminio e di dominio del «Führer avvallando tutto, anche le bestialità più atroci perpetuate dagli uomini in divisa del Reich. La resistenza tedesca racchiudeva in sé un aspetto nobile di valore morale: far uscire il popolo e la nazione tedesca dalla barbarie del nazismo. Si trattava di operare quindi una scelta, una svolta di carattere etico nella quale la Germania tutta doveva riconoscersi. In altri termini si doveva giungere ad una vera rifondazione dello stato tedesco basato sui principi democratici dando al paese un nuovo ruolo nell ambito internazionale. Il raggiungimento della libertà, della pace, della giustizia e della democrazia era l obiettivo comune di tutti i gruppi della resistenza tedesca che operavano nella clandestinità in patria e nell emigrazione nonché degli esponenti politici degli imprigionati nelle carceri e nei campi di concentramento. 7

7 VINCITORI E VINTI Entrambi i conflitti mondiali scoppiati in Europa nel ventesimo secolo sancirono la fine dell epoca in cui i destini del mondo venivano decisi e forgiati in Europa da potenze europee. La Germania fu cruciale per la storia del vecchio continente nel ventesimo secolo. Quest ultima, situata nel cuore dell Europa, fu l ultima potenza continentale terrestre a tentare di ottenere con la forza delle armi un egemonia politica, economica e militare del continente. Lo spazio naturale centro-europeo, crocevia tra Occidente e Oriente, spinse nell arco dei secoli i governanti tedeschi a rivolgersi reciprocamente a Ovest o a Est alimentando così l idea di potere allargare la sfera di dominio in Europa. La posizione della Germania in pratica rimase perennemente in bilico tra Occidente e Oriente. Questo pendolo delle posizioni assunte in merito ai paesi vicini generò un senso d insicurezza e una sindrome di accerchiamento favorendo così i fautori dell espansionismo e nazionalismo teutonico. L unità nazionale doveva essere assicurata e salvaguardata da 9

8 pericoli esterni. La difesa dell unità nazionale e la sindrome di accerchiamento da parte di paesi ostili come la Francia a Occidente, la Gran Bretagna come potenza marittima, nonché la Russia zarista prima e poi sovietica a Oriente, portò i governanti tedeschi ad intraprendere avventure belliche che sfociarono in due sanguinose e cruente guerre mondiali. La logica locale prevalse sulla visone globale. Secondo i piani di Berlino entrambi i conflitti avrebbero avuto di sicuro un carattere locale, in pratica una serie di piccole guerre regionali che avrebbero dovuto portare alla completa vittoria finale sul nemico ed all egemonia continentale, ma alla fine sia la Germania del Kaiser sia la Germania nazista si trovarono coinvolte in un conflitto dalle caratteristiche non previste. Una guerra regionale si trasformò in un conflitto continentale globale su più fronti nonché mondiale. In entrambi i casi la Germania si comportò da potenza terrestre privilegiando scontri bellici su terra confidando di ottenere la vittoria decisiva sul nemico in terraferma, mentre le forze dell Intesa nel Primo Conflitto Mondiale attuarono anche un conflitto navale, ma soprattutto gli angloamericani nella seconda guerra mondiale scelsero di combattere una guerra prima di tutto navale ed aerea e solamente nella fase conclusiva terrestre preceduta da ingenti operazioni anfibie di sbarco. Il controllo dei mari e dei cieli si dimostrò decisivo in entrambi conflitti combattuti in Europa. Ciò assicurava interrotti rifornimenti di mezzi e uomini al fonte. In entrambi i casi la Germania sopravvalutò le proprie forze militari e di produzione industriale e agricola per scendere in guerra contro una coalizione in pratica comprendente tutto il mondo, una coalizione già in partenza superiore per mezzi e uomini ad essa e che quindi avrebbe necessariamente vinto in un conflitto di logoramento e prolungato nel tempo. In entrambi i conflitti la Germania era nettamente convinta di agire a favore dell Occidente e in nome dell Occidente in misura tale da poter contare sulla neutralità delle democrazie parlamentari occidentali, ma queste supposizioni dei governanti di Berlino si rivelarono errate. Entrambe le volte 10

9 infatti le democrazie parlamentari occidentali si schierarono apertamente con la Russia zarista e sovietica per sconfiggere sui campi di battaglia la Germania. Le supposizioni che per lo meno gli Stati Uniti non sarebbero entrati in guerra così presto contro la Germania si rivelarono infondate sia nella prima guerra mondiale che nella seconda. La mossa americana si dimostro decisiva per le sorti del conflitto in Europa in entrambi i casi. La Germania era una potenza puramente terrestre impegnata in un conflitto contro una coalizione di potenze prevalentemente marittime, in particolare Gran Bretagna e Stati Uniti d America. In altri termini chi dominava le rotte dei mari si assicurava le fonti delle materie, perciò la produzione agricola e industriale, e di conseguenza il potenziale degli armamenti a disposizione per le forze armate. Già nel primo conflitto mondiale la Gran Bretagna sfruttò abilmente la sua supremazia marittima. Infatti grazie al suo capillare controllo delle rotte marittime, del sistema di comunicazione globale e dei cavi transcontinentali poté in pratica isolare la Germania tagliando le sue vie di comunicazione con il resto del mondo. Quest ultima agiva da potenza terreste privilegiando le conquiste su terraferma per assicurarsi le materie prime necessarie all industria bellica e le forniture alimentari per la popolazione e le forze armate. Le conquiste territoriali assorbivano un notevole numero di uomini e mezzi, in pratica potenziale bellico impegnato nel controllo del territorio occupato dalle truppe. Ciò lasciava inevitabilmente sguarnite le coste con i rispettivi accessi marittimi. La sopravvalutazione delle conquiste territoriali portò i comandi militari di Berlino a sottovalutare le conseguenze deleterie di un blocco navale e i pericoli che minacciavano le coste non a sufficienza presidiate, nonché delle devastazioni provocate da incursioni aeree sugli impianti industriali delle città. Trasformare la terraferma in una fortezza fortificata si dimostrò una scelta tattica che non poteva diminuire la superiorità delle offensive combinate scatenate dal mare dagli angloamericani nel secondo conflitto mondiale con il concorso combinato di tutte le tre forze amate: 11

10 esercito, marina ed aviazione sulla difesa esclusivamente e puramente terrestre concepita dagli strateghi militari di Berlino incapaci di contenere una tale forza d urto combinata. Ciò sancì la sconfitta della Germania sul fronte occidentale, mentre sul fronte orientale si combatteva una guerra esclusivamente terrestre, dove la capacità di resistere al nemico e di rimpiazzare sul fronte uomini e mezzi si dimostrò decisiva per le sorti del conflitto. La Germania non fu più in grado di assorbire le predite di uomini e mezzi, ciò influì sulle sue capacità belliche. Per piegare la Germania nazista le democrazie parlamentari occidentali e il regime comunista staliniano sovietico dovettero invadere il paese nemico e conquistare la capitale del Reich, dunque la sconfitta militare nazista ottenuta sui campi di battaglia dagli angloamericani e i sovietici era netta, indiscutibile e sancita dalla resa incondizionata del nemico sconfitto. La sconfitta della Germania nazista fu dunque indiscutibile e senza equivoci, mentre l esito della prima guerra mondiale si prestava a diverse interpretazioni da parte dei vinti e dei vincitori. Ciò causo un equivoco storico non di poco conto, fonte delle rivendicazioni hitleriane in merito all onta del tratto di Versailles subita ingiustamente dal popolo tedesco. Lo slogan Im Felde unbesiegt (Mai vinti sul campo di battaglia ) fu la versione tedesca dell esito della prima guerra mondiale. Questo slogan doveva risaldare l unità nazionale dopo il crollo del impero del Kaiser e la nascita della Repubblica di Weimar. Si può tranquillamente ritenere la data del 8 agosto 1918 decisiva per le sorti del paese. Infatti di fronte all offensiva scatenata dalle forze dell Intesa a Amiens il generale Erich Ludendorff si rese conto di non poter più ottenere una vittoria completa e decisiva per il suo paese nel conflitto in corso. La vittoria finale immaginata dagli strateghi militari di Berlino non era più possibile tenendo conto delle forze in campo. Si poteva dunque ancora resistere, ma non sconfiggere il nemico infliggendogli il colpo decisivo da cui non si sarebbe potuto riprendere. 12

11 Fino al estate del 1918 Parigi era ancora sotto il tiro dell artiglieria tedesca e Londra poteva essere raggiunta e bombardata dagli Zeppelin in qualsiasi momento, mentre Berlino non correva un pericolo simile. Il territorio tedesco era ancora abbastanza vasto da poter assorbire gravi sconfitte subite dalle truppe del Kaiser sulla linea del fronte. In altri termini era ancora possibile una ritirata indolore dalla Francia e dal Belgio per organizzare una forte linea di difesa del territorio nazionale lungo il Reno. Il paese era ancora in grado di difendersi, perciò il repentino crollo della Germania rappresentò un fatto unico nella storia non solo perché era stato fulmineo, ma anche in quanto nessuna nazione nella storia fino ad allora in grado di combattere con le sue truppe in una posizione ancora avanzata nel territorio nemico aveva deposto le armi spontaneamente. Il 4 ottobre 1918 i vertici militari tedeschi improvvisamente chiesero un cessate il fuoco pensando però non ad una resa incondizionata, ma ad una strategia di difesa dei confini del paese simile a quella ipotizzata da Winston Churchill dopo il conflitto. [La Germania] avrebbe potuto [...] organizzare forti sistemazioni difensive impegnando in queste tutte le risorse residue per la difesa del territorio nazionale. Ma se la Germania si fosse completamente ritirata dalla Francia e dal Belgio, ammettendo così la sua sconfitta, ciò avrebbe costituito un vantaggio per gli alleati superiore a qualunque altro, giacché sarebbe stata accresciuta la loro coesione e la possibilità di avanzare rapidamente [...]. Se i tedeschi si fossero ritirati rimanendo con le braccia incrociate alle loro frontiere ciò equivaleva a dichiararsi pronti a subire una pace da vinti, a cedere territorio e dare riparazioni; oppure, nel caso le condizioni di pace non fossero state accettate, a difendersi fino all ultimo, ma in tale ipotesi essi avrebbero avuto ancora la possibilità di infliggere agli alleati invasori due milioni di morti e feriti. Sembrava e sembra ora che gli alleati non si sarebbero messi in queste condizioni. Il futuro primo ministro britannico strenuo oppositore di Hitler ipotizzò nella peggiore delle ipostesi un invasione delle forze dell Intesa del territorio tedesco con l ostinata resistenza della popolazione locale simile alla resistenza opposta dalla popolazione tedesca durante le 13

12 guerre napoleoniche. L appoggio popolare alla guerra era stato chiaro e forte già dall inizio del conflitto, perciò una estrema resistenza della popolazione al nemico era plausibile. La Germania del Kaiser poteva ancora resistere. A differenza delle potenze dell Intesa la Germania aveva condotto una guerra appoggiandosi esclusivamente sulla sua capacità militare, industriale, agricola e finanziaria, dunque sulle sue risorse nazionali, mentre i suoi nemici europei combattevano un conflitto appoggiandosi anche sul cospicuo credito americano. Alla fine del conflitto gli americani avrebbero tranquillamente presentato il conto. In certi termini la Germania poteva considerarsi alla pari con gli Stati Uniti d America. Hans von Hentig esponente nazionalista radicale tedesco con malizia commentò: La minaccia tedesca è stata respinta a costo di un vassallaggio americano. Pur essendo ridimensionata internazionalmente, la Germania si considerava un soggetto autonomo nella politica internazionale, mentre le potenze europee dell Intesa erano di fatto oggetti in balia della autorità emergente americana. Le prime, uscite vincitrici dal primo conflitto mondiale, erano in pratica costrette ad estorcere dalla Germania le risorse finanziarie necessarie per pagare i debiti a Washington. A Roma, Parigi e Londra aleggiava l eloquente slogan Sarà la Germania a pagare. In altri termini scrive a proposito Woflgang Schiverlbusch nel suo libro La cultura dei vinti: Le nazioni dell Intesa non erano quindi esse stesse vittime di una nuova guerra su due fronti finanziaria questa volta? O, metaforicamente, non erano forse la pula schiacciata dalle macine tedesca e americana? La fragilità dei vincitori era del tutto evidente. La Gran Bretagna si riteneva ancora in grado di poter tranquillamente amministrare e garantire la pax britannica in ambito globale ridefinendo i suoi rapporti con Washington. Essendo la nazione madre della ex-colonia nordamericana, Londra considerava i cugini americani una nazione ancora giovane, priva di tradizioni e non molto colta, dunque facilmente addomesticabile, ma il potente impero marittimo britannico dovette nell arco di vent anni nuovamente appoggiarsi sulla stampella statunitense per 14

13 poter prima resistere e poi sconfiggere la Germania hitleriana che ancora una volta conduceva un conflitto appoggiandosi esclusivamente sulle sue forze militari, industriali, agricole ed economiche. Ancora una volta l intervento americano in Europa con l apporto sovietico sul fronte orientale si dimostrò decisivo per l esito del conflitto a favore della coalizione antihitleriana e dei suoi alleati dell Asse. La Germania ha forse perso la guerra dal punto di vista militare, politico ed economico. I nemici europei della Germania, tuttavia, non hanno combattuto per se stessi e per la loro parte del mondo ma per la diffusine dell economia americana. Ecco la loro vittoria. Ecco la loro vittoria; nello sconfiggerci, il Nuovo Mondo ha sconfitto l Europa. si diceva a Berlino dopo la fine della prima guerra mondiale ritenendosi i vincitori morali della guerra appena conclusa. Ottenere la pace attraverso la vittoria era la filosofia della classe dirigente al potere nella Germania del Kaiser, ma dato che una tale pace non era più possibile si doveva perlomeno ottenere una pace giusta sponsorizzata dal presidente americano Wilson. La posizione di Berlino su come trattare con il presidente americano Wilson più essere sintetizzata con le parole del principe Massimiliano di Baden ultimo cancelliere imperiale: La nostra risposta al presidente deve essere tale che, se Wilson rifiuta, il suo rifiuto deve servire a chiamare il popolo tedesco a un insurrezione nazionale [...] Poniamo di fare sufficienti concessioni a Wilson [...] e poniamo che Wilson sia costretto dalle potenze dei suoi alleati a respingere le nostre proposte; ne conseguirebbe una situazione di questo tipo: i nostri nemici saranno costretti a continuare a combattere non per la pace giusta di Wilson ma per il prestigio militare di Foch. La rivelazione di tali che emergerebbero da un rifiuto di Wilson, implicherebbe un enorme indebolimento della volontà di combattere dei nemici. Non resa incondizionata, ma pace negoziata era in sintesi la posizione di Berlino. Nell autunno del 1918 il presidente americano Woodrow Wilson e i sui quattordici punti 15

14 rappresentavano un ancora di salvezza per la classe dirigente militare e civile al potere a Berlino. In altri termini si trattava di salvare la faccia ed uscire da un vicolo cieco non potendo al popolo garantire sui campi di battaglia una vittoria decisiva che avrebbe potuto cambiare le sorti del conflitto. Accettando il principio di una pace negoziata piuttosto che imposta scrisse il generale americano John J Pershing gli alleati metterebbero in pericolo la posizione morale che ora detengono e forse perderebbero la possibilità di assicurare effettivamente la pace mondiale a condizioni che ne garantiscono la stabilità. In altre parole solo una resa incondizionata della Germania del Kaiser poteva creare le condizioni per una pace giusta ed assicurare la pace mondiale. Ciò avrebbe sancito inequivocabilmente la vittoria dell Intesa e la sconfitta della Germania del Kaiser evitando così speculazioni politiche, intrighi diplomatici e dubbie interpretazioni storiche. La posizione americana rifletteva la mentalità della nazione poco incline ad accettare mezze misure e soluzioni ambigue tipiche delle diplomazie coloniali europee. Gli Stati Uniti guidati dal Presidente F. D. Roosevelt mantennero la richiesta di resa incondizionata nei confronti di tutte le potenze dell Asse anche nella seconda guerra mondiale. La visione americana degli affari europei era chiara ed estremamente semplice: battere il nemico sul campi di battaglia, attuare una guerra totale contro l avversario senza esclusine di colpi, ottenere da lui una resa incondizionata, firmare poi un trattato di pace alle condizioni favorevoli a interessi americani in ambito locale e globale. Avere un Europa stabilizzata e senza guerra secondo le visioni americane significava garantire la sicurezza nazionale del paese ed evitare un ulteriore intervento statunitense sul vecchio continente per sedare le dispute tra i paesi europei. Tradizionalmente gli americani potevano scegliere diverse opzioni: disinteressarsi completamente delle vicende europee imboccando la strada dell isolazionismo; intervenire negli affari europei formando organismi 16

15 internazionali preposti a mantenere la pace mondiale e la cooperazione internazionale sulle basi del libero mercato e commercio ed i principi delle libertà individuali e civili; dare agli europei istituzioni o organismi continentali comuni preposte a garantire la pace in Europa e la cooperazione tra i paesi del vecchio continente; ignorare le posizioni di altri paesi ed attuare una politica unilaterale negli organismi internazionali attuando una politica di unilateralismo internazionale. La diplomazia americana evitava per principiò di legarsi ad alleanze che avrebbero potuto compromettere la libertà di decisione e di azione nell ambito internazionale di Washington. Il rifiuto del Congresso americano di ratificare il Trattato di Versailles giudicato non conforme agli interessi americani rappresenta la prova lampante dell atteggiamento statunitense nei confronti degli imperi coloniali europei. Nessuna supplica di pace scrisse il principe Massimiliano ma la dichiarazione più chiara possibile dei nostri obiettivi di guerra che, mentre contengono le massime concessioni ai nemici, devono sottolineare la nostra assoluta determinazione a combattere fino alla morte se insistono su condizioni di pace disonorevole. Nel primo conflitto mondiale la Germania non poteva aspirare a trattare alla pari con le potenze dell Intesa a causa di diversi fattori. Innanzitutto la scelta tedesca di invadere il neutrale Belgio in barba alle convezioni internazionali e la sua decisone di scatenare una guerra sottomarina senza limiti nonché l insistenza e la intransigente pretesa di pace dopo la vittoria portarono alla percezione ancora più negativa del pericolo tedesco sempre determinato a ottenere il suo posto al sole in ambito internazionale. Questo atteggiamento dell élite guglielmina non era altro che l applicazione del famoso assioma di Clausewitz: La guerra è la continuazione della politica con altri mezzi. Nelle sue aspirazioni di acquisire nuovi mercati la Germania privilegiò la forza militare tralasciando l azione politico-economico e diplomatica farcita di acume morale. Friedrich Naumann scrisse: Noi tedeschi 17

16 dobbiamo escogitare qualcosa che funga da missione storica nel mondo che nessun popolo possa perseguire altrettanto bene di noi, che rimanga irrealizzata senza il nostro intervento. Abbiamo bisogno di una missione nazionale nella grande assemblea dell umanità in modo da poter seguire il nostro percorso indipendente con motivazione e passione. In altri termini alla Germania mancava l imperialismo etico o morale ampiamente sfruttato dalla Francia paladina dei valori di libertà, uguaglianza e fratellanza. La France c est l humanité sanciva in pratica una nuova percezione della Francia nell opinione pubblica mondiale. Da stato napoleonico conquistatore il paese transalpino si era trasformato in uno repubblicano martire della guerra franco-prussiana del La Francia è stata assai abile a presentarsi come nazione martire: in qualità di portavoce della libertà, araldo della libertà per tutte le nazioni oppresse, ha sofferto per l intera umanità constatò Rühlmann. La scarsa capacità della Germania di costruire un immagine come conquistatrice morale in pratica non stimolavano alcuna ammirazione per la Germania nell opinione pubblica mondiale, ma al contrario provocavano piuttosto un senso di sfiducia e di alienazione nonché di paura di un incontrastato dominio tedesco in Europa. La Germania scelse la via delle armi per affermare lo status di potenza continentale. La minaccia e l uso della forza bruta faceva parte anche del modo d agire di Hitler. Il solo fatto di schierare alle frontiere la potente Wehrmacht e nei cieli la Luftwaffe funse da efficace strumento di pressione psicologica che incuteva terrore. L esercito tedesco fu un deterrente così efficace che nella prima fase della politica aggressiva di espansione di Hitler non fu mai usato. La fase successiva del terrore psicologico attuato da Hitler fu la famigerata Blitzkrieg o guerra lampo. La strategia hitleriana del bluff e delle minacce degli anni precedenti al secondo conflitto mondiale si materializzò nella capacità della macchina bellica nazista di terrorizzare e traumatizzare il nemico a tal punto da indurlo a capitolare ancora prima che avesse esaurito tutte le sue possibilità 18

17 tattiche di difesa e razione nonché consumato le sue riserve. La strategia della sorpresa e del terrore da incutere nelle file del nemico differiva radicalmente una guerra di logoramento e di attrito tipica della prima guerra mondiale. Lo storico John F C Fuller sintetizzò così la natura del Blitzkrieg: L effetto del Blitzkrieg [...] non mirava ai muscoli del nemico ma ai suoi nervi. Capovolgere le sorti del conflitto con una vittoria o una battaglia campale e decisiva faceva parte del baglio strategico militare non solo di Hitler e dei vertici della Wehrmacht, ma anche del generale Erich Ludendorff e dell élite guglielmina. Le sorti del paese erano per tradizione storica legate a doppio filo con questa logica di affrontare il nemico e le guerre, perciò a prima vista l eccessiva fiducia riposta da Hitler nelle così dette armi miracolose o Wunderwaffen, che avrebbero risollevato la Germania nazista dal baratro di una inevitabile sconfitta, fa parte del modus operandi tipico della tradizione militare tedesca. La prospettiva di non potere infliggere al nemico una sconfitta decisiva ovvero un colpo mortale da cui non si sarebbe più sollevato portò i vertici militari della Germania del Kaiser a chiedere un cessate il fuoco o una tregua. Toccò poi ai civili, il nuovo governo della neonata Repubblica di Weimar, a firmare il Trattato di Versailles. La leggenda della pugnalata alla schiena scaturì dalla mancata firma dei vertici militari tedeschi del trattato di pace imposto dalle potenze dell Intesa alla neonata Repubblica di Weimar diventata perciò a tutti gli effetti l erede della Germania del Kaiser. Francia e Germania possono in un certo senso essere considerare due fratelli nemici. Per me non esiste alcun partito, esiste solo la Germania. dichiarò Guglielmo II il 4 agosto 1914 in parlamento. Questa affermazione del Kaiser può essere sintetizzata con queste parole: unità nazionale, o la Germania prima di tutto e sopra di tutto. Nella tradizione politica del paese i partiti politici venivano considerati dai poteri forti, l élite governativa e della casta militare di tradizione prussiana simboli di interessi particolari e artefici di una indesiderata conflittualità politica 19

18 interna che poteva trasformarsi in una concreta minaccia dell unità nazionale, perciò essere contrari al conflitto significava minare l unità del paese. Il fantasma del nemico interno veniva sbandierato periodicamente sia all epoca del Kaiser sia durante la dittatura nazista dal governo al potere a Berlino per placare le voci dissidenti nel paese ed uniformare le masse popolari in uno spirito patriottico pronto all estremo sacrificio per l amata patria, perciò ogni attività contraria a questa impostazione ideologico-patriottica veniva tacciata di tradimento o di collusione con il nemico. In ciò consisteva la difficoltà di contrasto e di azione dell opposizione politica tedesca alla guerra e all ideologia al potere nel paese. Lo spirito patriottico nel paese alimentato con maestria dal potere governativo finì per alienare le masse popolari da ogni forma di opposizione contraria al corso degli eventi voluti dall élite governativa relegando gli oppositori politici ad un ruolo di cattivi patrioti. Uniformarsi significava prima di tutto essere un buon tedesco. Questo concetto di patriottismo e spirito unitario raggiunse il suo apice con la logica nazista: ein Reich, ein Volk, ein Füher. Entrambi i conflitti rappresentano la sfida tecnologica tedesca all emergente potenza tecnologica americana a Occidente e il tentativo di ottenere il completo controllo dello spazio dell Europa orientale eliminando la presenza russa nell area. Creare un blocco continentale compatto presupponeva anche la sconfitta della Francia, diretto concorrente sul continente europeo. La potenza dell impero navale britannico poteva essere così drasticamente ridimensionata o addirittura eliminata. In entrambi i casi la Germania si trovò di fronte una coalizione militarmente e politicamente più coesa e compatta nonché industrialmente superiore alle capacità produttive e militari tedesche. 20

19 UN POSTO AL SOLE Il Reno ed il Danubio dividono tutta la Germania dal paese dei Galli, da quello dei Reti, dai Pannoni, mentre il timore reciproco o le catene montuose [i Carpazi] la separano dai Sarmati e dai Daci. L Oceano circonda le altre terre, abbracciando ampie penisole ed isole, dove da poco sono state conosciute nuove genti e popoli, scoperti tramite le guerre condotte [dai Romani]. [...] La Germania, terra di paesaggio desolato, dal clima rigido, piena di tristezza da vedersi ed abitarsi, a parte per coloro che vi sono nati. annotò Tacito nel De Origine et situ Germanorum. Secondo l etnologia geografica dell Antica Roma la Germania Magna era una vasta area dell Europa centrale non soggetta al domino romano parzialmente e che si estendeva a oriente del Reno, nella quale era stanziata la maggior parte delle temibili tribù germaniche. La battaglia della foresta di Teutoburgo avvenuta nel 9 d.c. sancì un punto di svolta per i progetti di conquista di quei territori da parte delle potenti legioni romane. Dopo la sconfitta subita dai Romani in quella 21

20 battaglia l imperatore Augusto stabilì che i confini definitivi dell impero romano dovessero correre lungo i fiumi Reno e Danubio. I confini politico-geografici settentrionali, occidentali e meridionali della Germania Magna erano ben definiti. Infatti a occidente la regione era ben delimitata dal Reno, mentre a sud la limitava il Danubio. Lungo i due lunghi fiumi correva il limes, che delineava il confine dell impero romano e si estendeva dal mare del Nord al Mar Nero. A nord il territorio abitato dalle tribù germaniche sfociava nel Mare del Nord e Mar Baltico I confini orientali della Germania Magna invece si possono precisare grosso modo con il corso del fiume Vistola, al di là del quale si estendevano le terre abitate in prevalenza da Balti e Slavi. Non esistette mai, comunque, una linea di confine netta tra le tribù germaniche e gli altri popoli abitanti nell Europa orientale. Le varie tribù della zona in pratica si spostavano le une nelle terre delle altre determinando così un confine non definito. Il limite sud orientale della Germania Magna può essere identificato in un area geografica di transizione verso le regioni della Pannonia. Non essendo esistita una linea di confine ben definita nell Europa orientale tra le aree abitate da popolazioni germaniche, slave o baltiche, questo fatto favorì le mire espansionistiche teutoniche in quell area geografica lungo l arco della storia. Con il termine Impero carolingio gli storici definiscono l impero di Carlo Magno fondato tradizionalmente con la sua incoronazione a imperatore da parte di papa Leone III la notte di Natale dell anno 800. L impero di Carlo Magno si estendeva dall Eider al Tevere, dall Elba all Ebro, dal Canale della Manica al lago Balaton. In altri termini si trattava della più vasta entità territoriale e statale in Europa occidentale e centrale dopo la caduta dell Impero romano occidentale. Alla morte di Carlo Magno il potere dell Impero passò a suo figlio Ludovico il Pio. L immenso territorio carolingio quindi venne diviso tra i suoi eredi. Dalla frammentazione territoriale nacque in seguito la monarchia francese formando nell arco del tempo un forte stato nazionale in grado di competere in 22

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 1. La Commedia è un testo poligenere perché: 1) utilizza termini provenienti da lingue diverse 2) ha aspetti del poema,

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO 1. POTERI UNIVERSALI Il medioevo cristiano riconosce dal punto di vista politico due somme autorità, il cui potere è di diritto universale, vale a dire un potere

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

I problemi dell Inghilterra negli anni Venti

I problemi dell Inghilterra negli anni Venti I problemi dell Inghilterra negli anni Venti IPerteSto La nascita del Partito laburista In Gran Bretagna, dalla metà del xix secolo, si alternavano alla guida del governo il Partito liberale, che rappresentava

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

L età dei totalitarismi: gli anni Trenta

L età dei totalitarismi: gli anni Trenta L età dei totalitarismi - Pagina 1 di 5 L età dei totalitarismi 1. Economia e società negli anni '30 (la crisi del 1929) 2. L'età dei totalitarismi (gli anni 30) 3. L'Italia fascista 4. Il tramonto del

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche

Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche Haemimont Games Team Sofia, gennaio 2004 Punti chiave di IMPERIVM RTC Le Guerre Puniche 1.- IMPERIVM TI INVITA A SCOPRIRE IL CONCETTO RTC. Strategia in tempo reale orientata alla conquista militare, elementi

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli