Luca Guerra. La famiglia Staminali Dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luca Guerra. La famiglia Staminali Dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica"

Transcript

1 La famiglia Staminali Dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica Luca Guerra Centro di Bioetica Istituto Auxologico Italiano di Milano

2 La famiglia Staminali : dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica. La famiglia staminali Le cellule staminali rappresentano le nuove stars della ricerca biomedica, ma anche uno dei temi scottanti della riflessione bioetica. Le staminali sono una particolarissima famiglia di cellule in quanto, non essendo a priori specializzate a svolgere una funzione particolare e definita, hanno in sé la potenza di diventare tipologie di cellule specifiche. Esse, in virtù della loro plasticità, rappresentano una straordinaria riserva di cellule sane in grado di riprodurre cellule e tessuti dell organo in cui si localizzano naturalmente, o in cui possono venire innestate o trapiantate. Il trapianto di cellule staminali, in particolare, presenta interessanti prospettive terapeutiche per molte malattie attualmente incurabili o per le quali le cure odierne sono poco efficienti o caratterizzate da scarsità di risorse (come nel caso di trapianti d organo). Le speranze terapeutiche devono, comunque, rapportarsi alla realtà della ricerca scientifica la quale, a tutt oggi, attesta che le terapie efficaci sono legate solo ad alcune tipologie di staminali. Coloro che vogliono accostarsi allo studio della famiglia staminali devono adottare un metodo di studio per certi aspetti simile a quello che contraddistingue lo scienziato delle scienze sociali, il quale per comprendere il clima che si respira all interno di una famiglia particolarmente originale deve armarsi di pazienza per conoscere le storie e il carattere di ciascuno dei componenti del nucleo familiare. Anche il biologo ricercatore o la persona non addetta ai lavori, ma desiderosa di conoscere, devono quindi prendere consapevolezza di trovarsi di fronte ad un contesto familiare estremamente variegato e complesso, che per essere compreso richiede uno studio paziente e approfondito, dedicato a ciascuna tipologia di staminali, al fine di poter comprendere realmente la complessità e l originalità della stessa famiglia staminali. La prima esigenza è, dunque, quella di capire quante e quali sono le tipologie di cellule staminali. Uno dei criteri generalmente adottati è quello che fa riferimento alla capacità delle staminali di assumere le qualità e le caratteristiche di cellule specifiche, e in base a tale caratteristica è possibile distinguere tra: - cellule staminali totipotenti, le quali corrispondono allo zigote, la prima cellula del nuovo organismo, che si può per certi aspetti definire come la cellula più affascinante dell universo in quanto rappresenta la prima tappa della vita e perché rende possibile lo sviluppo dell intero organismo; 1

3 - cellule staminali pluripotenti, le quali sono in grado di dare origine a tutti i tessuti dell organismo; - cellule staminali multipotenti che presentano possibilità di differenziazione più limitate rispetto alle cellule totipotenti; - staminali unipotenti, le quali possono diventare una sola tipologia di cellule. Un altro criterio è quello che fa riferimento alla localizzazione, cioè al luogo dell organismo in cui le cellule si trovano naturalmente e da cui possono essere prelevate. In base a tale logica si distinguono: - cellule staminali embrionali; - cellule staminali adulte definite anche tessuto-specifiche che si trovano negli organi e tessuti del soggetto adulto; - cellule staminali fetali; - cellule staminali del cordone ombelicale; - cellule staminali amniotiche e placentari; - cellule staminali che derivano dalla riprogrammazione di cellule adulte. Intrecciando tra di loro i criteri appena presentati è possibile sostenere che esistono: - cellule staminali embrionali, la cui caratteristica è la pluripotenza; - cellule staminali adulte che si trovano negli organi e nei tessuti del soggetto adulto caratterizzate dalla multipotenza e unipotenza; - cellule staminali fetali, cordonali, placentari, amniotiche che presentano qualità intermedie rispetto alle due tipologie precedenti; - cellule staminali derivanti dalla riprogrammazione di cellule adulte che presentano caratteristiche simili a quelle embrionali. Alla luce delle sostanziali differenze è opportuno intraprendere un breve viaggio alla scoperta delle diverse tipologie, al fine di prendere consapevolezza delle loro specificità e potenzialità e dei relativi quesiti etici sollevati dal loro utilizzo, nell ambito della ricerca e della eventuale terapia. Le staminali embrionali La staminali embrionali, secondo ciò che si può definire il senso comune, sono considerate le staminali più interessanti sotto un profilo biologico, le più promettenti per quanto riguarda le applicazioni terapeutiche, ma le più problematiche sotto un profilo etico. L obiettivo che si vuole perseguire consiste nel verificare o confutare le cosiddette verità del senso comune, attraverso le ragioni della ricerca scientifica e dell argomentazione etica. Si vuole, quindi, proporre un modello di ricerca che si basa sul lume della ragione umana, la quale ci mostra sempre quanto 2

4 sia faticoso, ma necessario, proporre una riflessione razionale sull essere umano e sulla natura di cellule, che abbiamo e portiamo dentro di noi, per andare oltre un informazione generalmente basata sugli slogan e sulle verità immediatamente fruibili e, a volte, non scientificamente fondate. La ragione scientifica attesta che le cellule staminali embrionali si trovano nell embrione nei primi giorni del suo sviluppo. Esse sono definite pluripotenti in quanto, in virtù della loro originaria indifferenziazione, possono dare origine ad oltre duecentocinquanta tipi di cellule e alla totalità immensa di cellule che costituisce il nostro organismo (le stime si aggirano attorno al milione di miliardi). Le staminali embrionali hanno, però, una vita breve in quanto la loro caratteristica principale, la pluripotenza, scompare entro la seconda settimana di vita dell embrione. È questo il motivo per il quale i ricercatori, che le vogliono studiare in laboratorio, devono prelevarle dall embrione intorno al quinto giorno di vita del medesimo, determinando, conseguentemente, la morte dell embrione stesso. Ed è proprio in relazione alla loro straordinaria capacità di acquisire caratteristiche e funzioni di cellule specializzate, che molti ricercatori le vorrebbero avere a loro disposizione al fine di poterle istruire e indirizzarle verso lo sviluppo di cellule mature di organi come il pancreas, il cervello, il fegato, e di utilizzarle per un trapianto terapeutico. Le straordinarie potenzialità terapeutiche, inimmaginabili fino a pochi anni fa, possono essere comprese con la similitudine del passepartout, del mazzo di chiavi in grado di aprire ogni porta di un ipotetico palazzo o castello. Le staminali, come il mazzo di chiavi, possono potenzialmente diventare una terapia efficace per curare traumi o patologie, anche molto diverse tra loro, in grado di compromettere uno o più organi e/o particolari funzioni. Sotto un profilo tecnico la manipolazione delle staminali embrionali presenta, ancora oggi, però, diverse problematiche di natura scientifica (quali ad esempio la formazione di tumori maligni), che non rendono possibile il loro utilizzo in ambito clinico. Infatti, non esistono attualmente terapie con utilizzo di cellule staminali embrionali. Tuttavia molti scienziati ritengono comunque fondamentale il loro utilizzo nell ambito della ricerca. Parlare di staminali embrionali implica necessariamente una riflessione di natura scientifica ed etica sull embrione umano in quanto esse non sono cellule a sé stanti, ma derivate dall embrione. Chi è l embrione? L embrione è il prodotto della fecondazione. Le ragioni della scienza dimostrano che con la fecondazione ha inizio un processo di sviluppo unitario, coordinato e continuo che, in un contesto accogliente come il corpo materno, prosegue senza salti qualitativi nel tempo e che si interrompe solo con la morte naturale. La lettura biologica da sola non può chiaramente sostenere o negare che l inizio dell individualità biologica corrisponda con l inizio di una vita personale in quanto il concetto di persona, così come quello di essere umano appartiene al contesto delle scienze umane quali l antropologia e la 3

5 filosofia. La ragione scientifica può però sostenere che fin dal momento della fecondazione si è in presenza di una nuova individualità biologica che presenta un genoma umano. Cellule staminali adulte Le staminali adulte sono cellule multipotenti e unipotenti presenti nei tessuti di un organismo già formato, con il compito di mantenere e rigenerare i tessuti e gli organi. Sono quindi cellule non ancora specializzate che possono mutare in diverse tipologie di cellule (multipotenti) o solamente in un particolare tipo (unipotenti) e si trovano annidate tra cellule specializzate di uno specifico tessuto. Rappresentano, pertanto una risorsa pensata dalla stessa evoluzione naturale per mantenere l integrità dei tessuti adulti. Di fronte a cellule così preziose, che in condizioni naturali rappresentano già una cura che viene da dentro, l obiettivo dei ricercatori è quello di scovare, come abili investigatori, tali cellule all interno dei diversi tessuti, per poterle estrarre dall organismo e poi studiare in laboratorio. Il laboratorio rappresenta il contesto sperimentale dove orientarle verso una specifica differenziazione, in base all obiettivo della ricerca. Ad oggi esistono alcune terapie che utilizzano staminali adulte: ad esempio staminali adulte dell epidermide e staminali epiteliali vengono prelevate da un paziente per riprodurre, ad esempio, cornee artificiali da trapiantare nel paziente stesso, senza la necessità di ricorrere a donatori. È importante evidenziare che il trapianto cellulare rappresenta una possibilità terapeutica importante, assieme ad altre metodiche come le tecniche dette di mobilizzazione delle cellule staminali che presentano già applicazioni cliniche (ad esempio la cura dei tumori del sangue). Queste tecniche non richiedono la moltiplicazione delle cellule staminali in laboratorio: la ottengono in vivo, nell organismo stesso grazie alla semplice iniezioni di fattori di crescita e di citochine. Staminali da sangue cordonale Una ulteriore sede preziosa di cellule staminali è il sangue cordonale il quale è ricco di cellule staminali chiamate emopoietiche (cellule che generano i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine), simili a quelle che si trovano nel midollo osseo. Ogni anno circa pazienti nel mondo che non dispongono di un donatore compatibile di midollo osseo in famiglia necessitano di un trapianto di cellule staminali emopoietiche. Il primo trapianto di cellule staminali provenienti dal sangue cordonale è stato effettuato nel 1988 (in un bambino affetto da anemia di Fanconi, al quale vennero trapiantate cellule raccolte dal cordone ombelicale della sorella) e da allora il trapianto si è dimostrato di grande efficacia per curare pazienti affetti da malattie ematologiche, talassemia e, in particolare, malattie autoimmuni non responsive alle terapie tradizionali. 4

6 Il sangue cordonale rappresenta, quindi, una preziosa risorsa terapeutica e può essere raccolto immediatamente dopo la nascita del bambino, senza rischi per il neonato e neppure per la mamma. Il sangue estratto dal cordone ombelicale cordonale viene conservato in strutture sanitarie chiamate biobanche nelle quali, oltre alla conservazione, si effettuano attività di lavorazione e distribuzione di cellule ed eventualmente di tessuti. Esiste un registro internazionale che mette a disposizione a livello mondiale i dati relativi alle unità di sangue conservate nelle biobanche, affinché sia possibile individuare il campione più adatto per ogni necessità individuale. In questi ultimi anni si stanno moltiplicando, oltre alle biobanche pubbliche, anche quelle private a cui i genitori possono fare riferimento per conservare il cordone ombelicale del figlio per un possibile utilizzo futuro per il medesimo qualora dovesse averne bisogno. Sotto un profilo etico la motivazione potrebbe apparire come buona in quanto i genitori decidono di investire il proprio denaro per tutelare la salute del proprio figlio, grazie ad una riserva di staminali che appartenendo sotto un profilo biologico al bambino stesso, non determinerebbero neppure il problema del rigetto. In realtà, però, allo stato attuale delle conoscenze, la conservazione del sangue cordonale per se stessi è una procedura priva di fondamenti scientifici. Alcuni fra i maggiori scienziati del mondo e numerose associazioni di medici e pazienti (tra cui l Accademia americana di Pediatria, il Royal College of Obstetricians and Gynaecologists inglese e l Associazione mondiale dei Donatori di midollo) sono contrari alla conservazione del sangue cordonale in banche private. Anche in Italia nel 2010 il Ministero della Salute ha incoraggiato la donazione alle banche pubbliche e si è espresso negativamente riguardo alla conservazione in banche private. Un atteggiamento così deciso da parte di scienziati e autorità è motivato dal fatto che le probabilità che un bambino si trovi a dover usufruire delle staminali del proprio cordone ombelicale sono circa 1 su centomila. Quindi, la quasi totalità dei campioni di sangue cordonale conservati nelle banche private è destinato ad essere inutilizzato. Sulla base di tali dati scientifici i Comitati Nazionali di Bioetica di Austria, Belgio, Cipro, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, giudicano la conservazione del sangue per fini personali inutile e contraria al sistema di donazione pubblica che consente trattamenti salvavita per persone affette da gravi malattie ematologiche. Il Comitato francese è il primo ad essersi espresso sull argomento (12/12/2002): la conservazione sistematica di sangue cordonale per uso esclusivamente autologo (personale) è, allo stato attuale delle scienza, un illusione terapeutica che risponde principalmente ad obiettivi di mercato. Sotto un profilo etico è dunque possibile sostenere che la donazione è una scelta di grande responsabilità se è di carattere solidaristico, orientata ad offrire concrete speranze di vita a persone bisognose di aiuto. La via della donazione solidaristica deve quindi essere promossa attraverso una vera e propria strategia educativa basata sull informazione (le modalità della 5

7 donazione e i possibili benefici) e sulla formazione (la costruzione di una società più giusta dove tutti hanno l opportunità di sentirsi responsabili della propria e altrui salute). I principali destinatari dovrebbero essere tutte le coppie in attesa di un figlio. Staminali amniotiche Il 7 gennaio del 2007 la rivista Nature Biotechnology ha pubblicato uno studio molto interessante sulle potenzialità terapeutiche di cellule staminali derivate dal liquido amniotico, che risulterebbero estremamente versatili e poco suscettibili a sviluppi degenerativi in masse tumorali. Si tratta di cellule che si trovano nel liquido amniotico nel quale è immerso il feto durante la gestazione e sotto un profilo etico non pongono le problematiche sollevate dall utilizzo delle staminali embrionali. Staminali placentari Anche la placenta può essere un'interessantissima fonte di cellule staminali. I tessuti placentari, originandosi nelle fasi precoci dello sviluppo embrionale, possono contenere cellule con un fenotipo ancora immaturo, pertanto caratterizzate da una plasticità e staminalità che sono tipiche delle cellule embrionali. Il gruppo di ricerca della Dott.ssa Parolini Ornella del Centro di Ricerca E.Menni di Brescia sta esaminando la possibilità di usare cellule placentari in modelli animali per la cura di diverse patologie fibrotiche (fibrosi polmonare, ischemia del miocardio e fibrosi epatica) per le quali le attuali terapie sono inefficaci. In particolare, la ricerca ha attestato che, una volta trapiantate nell animale, le cellule placentari più che diventare nuove cellule del tessuto sembrano avere la capacità di modulare l ambiente in cui si trovano, riducendo meccanismi di infiammazione e di fibrosi. Staminali fetali Le staminali fetali rappresentano una tipologia di staminali estremamente interessante e poco problematica sia per il biologo che per il bioeticista. Sotto un profilo biologico si possono definire come una realtà ibrida in quanto uniscono gli aspetti positivi delle staminali embrionali (elevata proliferazione) e di quelle adulte (predisposizione a produrre cellule mature senza il bisogno di interventi dall esterno), senza presentare i difetti di entrambe (incapacità a differenziarsi spontaneamente in cellule mature del tipo desiderato, tumorigenicità, per le prime, scarsa capacità proliferativa per le seconde). Allo sguardo del bioeticista l impiego di cellule fetali non presenta la problematicità etica derivante dall uso delle staminali embrionali in quanto le fetali possono venire ricavate solo dai feti abortiti spontaneamente per incidenti, malformazioni o semplice casualità. In questi casi le cellule non derivano dall embrione in fase di sviluppo, ma da un cadavere da cui, previa autorizzazione 6

8 dei genitori, si possono tranquillamente ottenere cellule per donazione da cadavere, seguendo così principi etici ormai consolidati e condivisi a livello sociale. Sul versante etico l unica doverosa puntualizzazione riguarda la necessità di porre grande attenzione rispetto alla possibilità che l aborto volontario possa diventare una scelta correlata a pratiche inammissibili quali la commercializzazione del feto abortito. Dal senso comune alla complessità del dibattito scientifico e bioetico Il tentativo di andare oltre le verità del senso comune ha mostrato la complessità e il fascino della famiglia staminali. Il viaggio virtuale nel laboratorio di ricerca ha permesso di prendere consapevolezza che le staminali sono cellule preziose ma non miracolose e che nessun tipo di cellula staminale può essere considerata la cellula donatrice universale in grado di salvare l umanità dal flagello di tutte le malattie. Sotto un profilo scientifico è emerso che esistono già molte terapie cellulari impiegate in clinica che utilizzano staminali adulte e cordonali mentre non esistono terapie che utilizzano staminali embrionali. È, altresì, vero che la ricerca scientifica è orientata ad approfondire e realizzare le interessanti prospettive terapeutiche legate all utilizzo delle cellule staminali amniotiche, placentari e fetali. Alla luce di tale scenario i diversi orientamenti bioetici riconoscono l alto valore etico della ricerca sulle staminali adulte, cordonali, amniotiche, placentari e fetali. In merito alle staminali cordonali, la lettura etica ha evidenziato, in particolare, il valore della donazione solidaristica e la possibilità di educare i cittadini alla corresponsabilità sociale sui temi che riguardano la salute. Il viaggio virtuale in laboratorio ha permesso di conoscere anche le staminali embrionali e di rimanere affascinati dalla loro caratteristica primaria: la capacità di poter diventare una qualsiasi cellula dell organismo. Eppure anche le staminali embrionali presentano sotto un profilo biologico un lato oscuro: la loro potenzialità è difficile da contenere e orientare e può portare allo sviluppo di tumori. Pur riconoscendo le qualità delle staminali embrionali si è evidenziato che il loro utilizzo nell ambito della ricerca è controverso sotto un profilo etico in quanto determina la soppressione dell embrione umano che rappresenta l inizio di una vita umana individuale. Dunque si sottolinea che il dibattito sull utilizzo delle staminali embrionali non può fondarsi su semplici slogan e verità non fondate scientificamente, ma piuttosto su un confronto scientifico leale finalizzato a comprendere la natura dell embrione, a mostrare le potenzialità delle cellule staminali embrionali, le realistiche prospettive terapeutiche, i risultati clinici ottenuti utilizzando altre tipologie di staminali, la loro importanza nel contesto della ricerca scientifica e le nuove prospettive di ricerca. Il confronto deve riguardare anche l aspetto bioetico e nonostante l eterogeneità delle visioni etiche, deve far emergere la necessità di individuare alcune posizioni comuni. 7

9 Le delusioni di una parte della comunità scientifica legate alla attuale impossibilità di proporre validi approcci terapeutici basati sull utilizzo di staminali embrionali e le delicate questioni etiche, poste anche da una significativa parte della comunità scientifica, derivanti dalla soppressione di embrioni umani per ricavare sempre cellule staminali, sembrano trovare una ottimale soluzione sia sotto un profilo scientifico che etico nella scoperta delle cellule staminali pluripotenti indotte, valsa il premio Nobel per la medicina e la fisiologia del 2012, ai ricercatori Shinya Yamanaka e John Gurdon. Yamanaka traendo spunto dai lavori di Gurdon ha impostato un lavoro finalizzato a produrre una sorta di nuovo genere di cellule staminali in grado di superare gli interrogativi posti dall utilizzo di quelle embrionali senza dover rinunciare alle loro straordinarie caratteristiche. Yamanaka ha dimostrato che a seguito di una riprogrammazione una singola cellula matura e specializzata può ringiovanire, fino ad una condizione di indifferenziazione molto simile a quella che contraddistingue le staminali embrionali. Queste cellule, chiamate ipsc (induced pluripotent Stem Cells o cellule staminali pluripotenti indotte) hanno aperto una strada alternativa all uso di staminali embrionali e sono state considerate da alcuni come una scoperta epocale, paragonabile a quella della potenza dell atomo e per questo i due studiosi hanno ricevuto l ambito premio. In particolare la prospettiva è quella di sviluppare terapie cellulari personalizzate mediante l impianto di cellule ipsc ottenute dai propri fibroblasti e successivamente istruite a generare le tipologie di cellule specializzate desiderate. L entusiasmo iniziale però si è dovuto confrontare con alcune difficoltà, come l elevata instabilità genetica e il rischio tumorogenico, che hanno portato a individuare un lato oscuro anche nelle cellule pluripotenti indotte e che impedisce ad oggi di poter utilizzare le suddette cellule in protocolli clinici. La riflessione etica presta chiaramente grande attenzione alla nuova procedura per i benefici che potrebbe portare alla creazione di nuove terapie mediche. Prima di concludere è doveroso evidenziare l importanza di ulteriori filoni di riflessione etica. Il primo riguarda l intreccio tra scienza, economia e politica correlato al fenomeno della commercializzazione, oramai a livello globale, delle staminali e il secondo il ruolo giocato dai messa media in merito alla presentazione e interpretazione dei nuovi approcci terapeutici e in particolare di metodi che, pur non avendo una valenza scientifica, suscitano, a volte erroneamente, grandi aspettative soprattutto da parte delle persone malate. In merito alla commercializzazione delle staminali il pericolo che stiamo già sperimentando a livello globale è il trionfo della logica del profitto, la quale vede come protagonisti spesso pseudoscienziati e organizzazioni di fatto criminali abili ad operare, nel contesto dell economia globalizzata, in paesi permissivi sotto un profilo normativo per vendere liberamente presunti rimedi a base di staminali. 8

10 Di fronte a tali rischi la comunità scientifica, le istituzioni internazionali e nazionali, gli Stati mediante regolamenti e leggi devono porsi l obiettivo di tutelare la vita e la salute dei pazienti distinguendo tra le industrie biotecnologiche, che pur perseguendo il loro profitto operano nel rispetto della scienza e nel bene dei cittadini, e i venditori di false speranze. La comunità scientifica e gli istituti di controllo hanno quindi il compito di verificare, secondo criteri scientifici condivisi a livello nazionale e internazionale e senza forme di pregiudizio, la validità dei nuovi approcci e la loro efficacia, mentre l équipe di ricerca proponente ha il dovere di condividere in modo trasparente metodologie, dati e risultati. Lo Stato inoltre ha la funzione di costruire, attraverso una legislazione chiara, precisa ed efficace, un contesto normativo in grado di tutelare in primo luogo la dignità della persona malata. Laddove i diversi livelli di tutela (validità scientifica della terapia e contesto giuridico di promozione dei valori della persona) non vengono rispettati si apre uno scenario estremamente pericoloso contraddistinto dalla mancanza di chiarezza, paragonabile ad un vero e proprio far west, dove in mancanza di riferimenti la persona può essere lasciata da sola ad affrontare scelte terapeutiche anche molto delicate. In un contesto contraddistinto dall incertezza e da una libertà apparentemente dilatata di scelta delle terapie è quindi verosimile ritenere che le persone malate si ritroveranno gettate in una condizione di disperazione e non saranno assolutamente avvantaggiate da tale contesto di libertà, ma anzi ancor di più indebolite e sole, facilmente aggirabili da nuove prospettive terapeutiche riconducibili ad una medicina delle illusioni e forse delle bugie che non risponde in realtà a criteri scientifici, ma a quelli del profitto economico immediato costruito sulla fragilità dei malati. In un contesto così delicato il valore dell informazione corretta porta a riconoscere come fondamentale il ruolo giocato dai messa media sia in ambito comunicativo che formativo in riferimento alla trattazione di tematiche così delicate. Sotto un profilo etico è possibile sostenere che uno stile comunicativo corretto si contraddistingue per logiche estranee alla spasmodica ricerca della notizia sensazionalistica e per l abbandono di modalità comunicative contraddistinte tanto dalla parzialità dei racconti quanto dal linguaggio sentimentalistico, basato sul racconto di storie familiari segnate dal dolore e dalla sofferenza. Uno stile comunicativo corretto si riconosce per l importanza di una adeguata informazione scientifica, in grado di comunicare con efficacia e semplicità lo stato dell arte della ricerca scientifica e le reali opportunità terapeutiche. Anche in questo caso solo abbracciando la logica della trasparenza e dell obiettività sarà possibile fornire ai cittadini gli strumenti per poter comprendere che le cellule staminali sono cellule importanti, ma non miracolose e che la ricerca, la quale ha già dato alcuni frutti, è ancora in cammino. Si ringraziano per la collaborazione la Dott.ssa Licia Gentili e la Dott.ssa Tiziana Paganini. 9

11 Bibliografia: D Agostino F., Palazzani L., Bioetica Nozioni fondamentali, Editrice La Scuola 2007; Demetrio N., La bioetica in laboratorio, Editori Laterza 2003; Doldi M., Bioetica per giovani, Piemme 2002, Faggioni P.M., La vita nelle nostre mani. Manuale di bioetica teologica, Edizioni Camilliane 2004; Lecaldano E., Dizionario di bioetica, Editori Laterza 2002; Mori M., Bioetica, 10 temi per capire e discutere, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori, 2002; Palmaro M., Ma questo è un uomo, San Paolo 1996; Pessina A., Bioetica. L uomo sperimentale, Mondadori 2006; Potter V.R., Bioetica. Ponte verso il futuro (1971), Sicania 2000; Semplici S., Undici tesi di bioetica, Morcelliana 2009; Singer P., Ripensare la vita. La vecchia morale non serve più, Il Saggiatore 2000; Sgreccia E., Manuale di bioetica. Fondamenti ed etica biomedica, Vita e Pensiero 2012 Vescovi A., La cura che viene da dentro, Mondadori 2005; Viafora C., Introduzione alla bioetica, Franco Angeli Sitografia: (Pontificia Accademia per la Vita); (Consulta di bioetica); (Sito Bioetica - CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche); (European Commission Group on Ethics in Science and New Technologies); (Comitato Nazionale per la Bioetica); (Comitato Nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie); (a cura del Centro Servizi per il Volontariato); (Notizie e approfondimenti sui temi Bioetici su Salute24 de IlSole24Ore); (Associazione Scienza e Vita); (Comitato Internazionale di Bioetica (UNESCO)). 10

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

L immigrazione in Italia è un fenomeno

L immigrazione in Italia è un fenomeno pubblicazioni Nursing e culture altre Tratto dalla Relazione al 5 0 Congresso Nazionale della Società italiana di medicina tropicale e delle migrazioni (SIMET-SIMVIM) settembre 2005 - Brescia Laura Aletto,

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino...

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio sotto al cuscino I denti da latte contengono cellule staminali che possono essere usate per

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli