Luca Guerra. La famiglia Staminali Dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luca Guerra. La famiglia Staminali Dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica"

Transcript

1 La famiglia Staminali Dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica Luca Guerra Centro di Bioetica Istituto Auxologico Italiano di Milano

2 La famiglia Staminali : dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica. La famiglia staminali Le cellule staminali rappresentano le nuove stars della ricerca biomedica, ma anche uno dei temi scottanti della riflessione bioetica. Le staminali sono una particolarissima famiglia di cellule in quanto, non essendo a priori specializzate a svolgere una funzione particolare e definita, hanno in sé la potenza di diventare tipologie di cellule specifiche. Esse, in virtù della loro plasticità, rappresentano una straordinaria riserva di cellule sane in grado di riprodurre cellule e tessuti dell organo in cui si localizzano naturalmente, o in cui possono venire innestate o trapiantate. Il trapianto di cellule staminali, in particolare, presenta interessanti prospettive terapeutiche per molte malattie attualmente incurabili o per le quali le cure odierne sono poco efficienti o caratterizzate da scarsità di risorse (come nel caso di trapianti d organo). Le speranze terapeutiche devono, comunque, rapportarsi alla realtà della ricerca scientifica la quale, a tutt oggi, attesta che le terapie efficaci sono legate solo ad alcune tipologie di staminali. Coloro che vogliono accostarsi allo studio della famiglia staminali devono adottare un metodo di studio per certi aspetti simile a quello che contraddistingue lo scienziato delle scienze sociali, il quale per comprendere il clima che si respira all interno di una famiglia particolarmente originale deve armarsi di pazienza per conoscere le storie e il carattere di ciascuno dei componenti del nucleo familiare. Anche il biologo ricercatore o la persona non addetta ai lavori, ma desiderosa di conoscere, devono quindi prendere consapevolezza di trovarsi di fronte ad un contesto familiare estremamente variegato e complesso, che per essere compreso richiede uno studio paziente e approfondito, dedicato a ciascuna tipologia di staminali, al fine di poter comprendere realmente la complessità e l originalità della stessa famiglia staminali. La prima esigenza è, dunque, quella di capire quante e quali sono le tipologie di cellule staminali. Uno dei criteri generalmente adottati è quello che fa riferimento alla capacità delle staminali di assumere le qualità e le caratteristiche di cellule specifiche, e in base a tale caratteristica è possibile distinguere tra: - cellule staminali totipotenti, le quali corrispondono allo zigote, la prima cellula del nuovo organismo, che si può per certi aspetti definire come la cellula più affascinante dell universo in quanto rappresenta la prima tappa della vita e perché rende possibile lo sviluppo dell intero organismo; 1

3 - cellule staminali pluripotenti, le quali sono in grado di dare origine a tutti i tessuti dell organismo; - cellule staminali multipotenti che presentano possibilità di differenziazione più limitate rispetto alle cellule totipotenti; - staminali unipotenti, le quali possono diventare una sola tipologia di cellule. Un altro criterio è quello che fa riferimento alla localizzazione, cioè al luogo dell organismo in cui le cellule si trovano naturalmente e da cui possono essere prelevate. In base a tale logica si distinguono: - cellule staminali embrionali; - cellule staminali adulte definite anche tessuto-specifiche che si trovano negli organi e tessuti del soggetto adulto; - cellule staminali fetali; - cellule staminali del cordone ombelicale; - cellule staminali amniotiche e placentari; - cellule staminali che derivano dalla riprogrammazione di cellule adulte. Intrecciando tra di loro i criteri appena presentati è possibile sostenere che esistono: - cellule staminali embrionali, la cui caratteristica è la pluripotenza; - cellule staminali adulte che si trovano negli organi e nei tessuti del soggetto adulto caratterizzate dalla multipotenza e unipotenza; - cellule staminali fetali, cordonali, placentari, amniotiche che presentano qualità intermedie rispetto alle due tipologie precedenti; - cellule staminali derivanti dalla riprogrammazione di cellule adulte che presentano caratteristiche simili a quelle embrionali. Alla luce delle sostanziali differenze è opportuno intraprendere un breve viaggio alla scoperta delle diverse tipologie, al fine di prendere consapevolezza delle loro specificità e potenzialità e dei relativi quesiti etici sollevati dal loro utilizzo, nell ambito della ricerca e della eventuale terapia. Le staminali embrionali La staminali embrionali, secondo ciò che si può definire il senso comune, sono considerate le staminali più interessanti sotto un profilo biologico, le più promettenti per quanto riguarda le applicazioni terapeutiche, ma le più problematiche sotto un profilo etico. L obiettivo che si vuole perseguire consiste nel verificare o confutare le cosiddette verità del senso comune, attraverso le ragioni della ricerca scientifica e dell argomentazione etica. Si vuole, quindi, proporre un modello di ricerca che si basa sul lume della ragione umana, la quale ci mostra sempre quanto 2

4 sia faticoso, ma necessario, proporre una riflessione razionale sull essere umano e sulla natura di cellule, che abbiamo e portiamo dentro di noi, per andare oltre un informazione generalmente basata sugli slogan e sulle verità immediatamente fruibili e, a volte, non scientificamente fondate. La ragione scientifica attesta che le cellule staminali embrionali si trovano nell embrione nei primi giorni del suo sviluppo. Esse sono definite pluripotenti in quanto, in virtù della loro originaria indifferenziazione, possono dare origine ad oltre duecentocinquanta tipi di cellule e alla totalità immensa di cellule che costituisce il nostro organismo (le stime si aggirano attorno al milione di miliardi). Le staminali embrionali hanno, però, una vita breve in quanto la loro caratteristica principale, la pluripotenza, scompare entro la seconda settimana di vita dell embrione. È questo il motivo per il quale i ricercatori, che le vogliono studiare in laboratorio, devono prelevarle dall embrione intorno al quinto giorno di vita del medesimo, determinando, conseguentemente, la morte dell embrione stesso. Ed è proprio in relazione alla loro straordinaria capacità di acquisire caratteristiche e funzioni di cellule specializzate, che molti ricercatori le vorrebbero avere a loro disposizione al fine di poterle istruire e indirizzarle verso lo sviluppo di cellule mature di organi come il pancreas, il cervello, il fegato, e di utilizzarle per un trapianto terapeutico. Le straordinarie potenzialità terapeutiche, inimmaginabili fino a pochi anni fa, possono essere comprese con la similitudine del passepartout, del mazzo di chiavi in grado di aprire ogni porta di un ipotetico palazzo o castello. Le staminali, come il mazzo di chiavi, possono potenzialmente diventare una terapia efficace per curare traumi o patologie, anche molto diverse tra loro, in grado di compromettere uno o più organi e/o particolari funzioni. Sotto un profilo tecnico la manipolazione delle staminali embrionali presenta, ancora oggi, però, diverse problematiche di natura scientifica (quali ad esempio la formazione di tumori maligni), che non rendono possibile il loro utilizzo in ambito clinico. Infatti, non esistono attualmente terapie con utilizzo di cellule staminali embrionali. Tuttavia molti scienziati ritengono comunque fondamentale il loro utilizzo nell ambito della ricerca. Parlare di staminali embrionali implica necessariamente una riflessione di natura scientifica ed etica sull embrione umano in quanto esse non sono cellule a sé stanti, ma derivate dall embrione. Chi è l embrione? L embrione è il prodotto della fecondazione. Le ragioni della scienza dimostrano che con la fecondazione ha inizio un processo di sviluppo unitario, coordinato e continuo che, in un contesto accogliente come il corpo materno, prosegue senza salti qualitativi nel tempo e che si interrompe solo con la morte naturale. La lettura biologica da sola non può chiaramente sostenere o negare che l inizio dell individualità biologica corrisponda con l inizio di una vita personale in quanto il concetto di persona, così come quello di essere umano appartiene al contesto delle scienze umane quali l antropologia e la 3

5 filosofia. La ragione scientifica può però sostenere che fin dal momento della fecondazione si è in presenza di una nuova individualità biologica che presenta un genoma umano. Cellule staminali adulte Le staminali adulte sono cellule multipotenti e unipotenti presenti nei tessuti di un organismo già formato, con il compito di mantenere e rigenerare i tessuti e gli organi. Sono quindi cellule non ancora specializzate che possono mutare in diverse tipologie di cellule (multipotenti) o solamente in un particolare tipo (unipotenti) e si trovano annidate tra cellule specializzate di uno specifico tessuto. Rappresentano, pertanto una risorsa pensata dalla stessa evoluzione naturale per mantenere l integrità dei tessuti adulti. Di fronte a cellule così preziose, che in condizioni naturali rappresentano già una cura che viene da dentro, l obiettivo dei ricercatori è quello di scovare, come abili investigatori, tali cellule all interno dei diversi tessuti, per poterle estrarre dall organismo e poi studiare in laboratorio. Il laboratorio rappresenta il contesto sperimentale dove orientarle verso una specifica differenziazione, in base all obiettivo della ricerca. Ad oggi esistono alcune terapie che utilizzano staminali adulte: ad esempio staminali adulte dell epidermide e staminali epiteliali vengono prelevate da un paziente per riprodurre, ad esempio, cornee artificiali da trapiantare nel paziente stesso, senza la necessità di ricorrere a donatori. È importante evidenziare che il trapianto cellulare rappresenta una possibilità terapeutica importante, assieme ad altre metodiche come le tecniche dette di mobilizzazione delle cellule staminali che presentano già applicazioni cliniche (ad esempio la cura dei tumori del sangue). Queste tecniche non richiedono la moltiplicazione delle cellule staminali in laboratorio: la ottengono in vivo, nell organismo stesso grazie alla semplice iniezioni di fattori di crescita e di citochine. Staminali da sangue cordonale Una ulteriore sede preziosa di cellule staminali è il sangue cordonale il quale è ricco di cellule staminali chiamate emopoietiche (cellule che generano i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine), simili a quelle che si trovano nel midollo osseo. Ogni anno circa pazienti nel mondo che non dispongono di un donatore compatibile di midollo osseo in famiglia necessitano di un trapianto di cellule staminali emopoietiche. Il primo trapianto di cellule staminali provenienti dal sangue cordonale è stato effettuato nel 1988 (in un bambino affetto da anemia di Fanconi, al quale vennero trapiantate cellule raccolte dal cordone ombelicale della sorella) e da allora il trapianto si è dimostrato di grande efficacia per curare pazienti affetti da malattie ematologiche, talassemia e, in particolare, malattie autoimmuni non responsive alle terapie tradizionali. 4

6 Il sangue cordonale rappresenta, quindi, una preziosa risorsa terapeutica e può essere raccolto immediatamente dopo la nascita del bambino, senza rischi per il neonato e neppure per la mamma. Il sangue estratto dal cordone ombelicale cordonale viene conservato in strutture sanitarie chiamate biobanche nelle quali, oltre alla conservazione, si effettuano attività di lavorazione e distribuzione di cellule ed eventualmente di tessuti. Esiste un registro internazionale che mette a disposizione a livello mondiale i dati relativi alle unità di sangue conservate nelle biobanche, affinché sia possibile individuare il campione più adatto per ogni necessità individuale. In questi ultimi anni si stanno moltiplicando, oltre alle biobanche pubbliche, anche quelle private a cui i genitori possono fare riferimento per conservare il cordone ombelicale del figlio per un possibile utilizzo futuro per il medesimo qualora dovesse averne bisogno. Sotto un profilo etico la motivazione potrebbe apparire come buona in quanto i genitori decidono di investire il proprio denaro per tutelare la salute del proprio figlio, grazie ad una riserva di staminali che appartenendo sotto un profilo biologico al bambino stesso, non determinerebbero neppure il problema del rigetto. In realtà, però, allo stato attuale delle conoscenze, la conservazione del sangue cordonale per se stessi è una procedura priva di fondamenti scientifici. Alcuni fra i maggiori scienziati del mondo e numerose associazioni di medici e pazienti (tra cui l Accademia americana di Pediatria, il Royal College of Obstetricians and Gynaecologists inglese e l Associazione mondiale dei Donatori di midollo) sono contrari alla conservazione del sangue cordonale in banche private. Anche in Italia nel 2010 il Ministero della Salute ha incoraggiato la donazione alle banche pubbliche e si è espresso negativamente riguardo alla conservazione in banche private. Un atteggiamento così deciso da parte di scienziati e autorità è motivato dal fatto che le probabilità che un bambino si trovi a dover usufruire delle staminali del proprio cordone ombelicale sono circa 1 su centomila. Quindi, la quasi totalità dei campioni di sangue cordonale conservati nelle banche private è destinato ad essere inutilizzato. Sulla base di tali dati scientifici i Comitati Nazionali di Bioetica di Austria, Belgio, Cipro, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, giudicano la conservazione del sangue per fini personali inutile e contraria al sistema di donazione pubblica che consente trattamenti salvavita per persone affette da gravi malattie ematologiche. Il Comitato francese è il primo ad essersi espresso sull argomento (12/12/2002): la conservazione sistematica di sangue cordonale per uso esclusivamente autologo (personale) è, allo stato attuale delle scienza, un illusione terapeutica che risponde principalmente ad obiettivi di mercato. Sotto un profilo etico è dunque possibile sostenere che la donazione è una scelta di grande responsabilità se è di carattere solidaristico, orientata ad offrire concrete speranze di vita a persone bisognose di aiuto. La via della donazione solidaristica deve quindi essere promossa attraverso una vera e propria strategia educativa basata sull informazione (le modalità della 5

7 donazione e i possibili benefici) e sulla formazione (la costruzione di una società più giusta dove tutti hanno l opportunità di sentirsi responsabili della propria e altrui salute). I principali destinatari dovrebbero essere tutte le coppie in attesa di un figlio. Staminali amniotiche Il 7 gennaio del 2007 la rivista Nature Biotechnology ha pubblicato uno studio molto interessante sulle potenzialità terapeutiche di cellule staminali derivate dal liquido amniotico, che risulterebbero estremamente versatili e poco suscettibili a sviluppi degenerativi in masse tumorali. Si tratta di cellule che si trovano nel liquido amniotico nel quale è immerso il feto durante la gestazione e sotto un profilo etico non pongono le problematiche sollevate dall utilizzo delle staminali embrionali. Staminali placentari Anche la placenta può essere un'interessantissima fonte di cellule staminali. I tessuti placentari, originandosi nelle fasi precoci dello sviluppo embrionale, possono contenere cellule con un fenotipo ancora immaturo, pertanto caratterizzate da una plasticità e staminalità che sono tipiche delle cellule embrionali. Il gruppo di ricerca della Dott.ssa Parolini Ornella del Centro di Ricerca E.Menni di Brescia sta esaminando la possibilità di usare cellule placentari in modelli animali per la cura di diverse patologie fibrotiche (fibrosi polmonare, ischemia del miocardio e fibrosi epatica) per le quali le attuali terapie sono inefficaci. In particolare, la ricerca ha attestato che, una volta trapiantate nell animale, le cellule placentari più che diventare nuove cellule del tessuto sembrano avere la capacità di modulare l ambiente in cui si trovano, riducendo meccanismi di infiammazione e di fibrosi. Staminali fetali Le staminali fetali rappresentano una tipologia di staminali estremamente interessante e poco problematica sia per il biologo che per il bioeticista. Sotto un profilo biologico si possono definire come una realtà ibrida in quanto uniscono gli aspetti positivi delle staminali embrionali (elevata proliferazione) e di quelle adulte (predisposizione a produrre cellule mature senza il bisogno di interventi dall esterno), senza presentare i difetti di entrambe (incapacità a differenziarsi spontaneamente in cellule mature del tipo desiderato, tumorigenicità, per le prime, scarsa capacità proliferativa per le seconde). Allo sguardo del bioeticista l impiego di cellule fetali non presenta la problematicità etica derivante dall uso delle staminali embrionali in quanto le fetali possono venire ricavate solo dai feti abortiti spontaneamente per incidenti, malformazioni o semplice casualità. In questi casi le cellule non derivano dall embrione in fase di sviluppo, ma da un cadavere da cui, previa autorizzazione 6

8 dei genitori, si possono tranquillamente ottenere cellule per donazione da cadavere, seguendo così principi etici ormai consolidati e condivisi a livello sociale. Sul versante etico l unica doverosa puntualizzazione riguarda la necessità di porre grande attenzione rispetto alla possibilità che l aborto volontario possa diventare una scelta correlata a pratiche inammissibili quali la commercializzazione del feto abortito. Dal senso comune alla complessità del dibattito scientifico e bioetico Il tentativo di andare oltre le verità del senso comune ha mostrato la complessità e il fascino della famiglia staminali. Il viaggio virtuale nel laboratorio di ricerca ha permesso di prendere consapevolezza che le staminali sono cellule preziose ma non miracolose e che nessun tipo di cellula staminale può essere considerata la cellula donatrice universale in grado di salvare l umanità dal flagello di tutte le malattie. Sotto un profilo scientifico è emerso che esistono già molte terapie cellulari impiegate in clinica che utilizzano staminali adulte e cordonali mentre non esistono terapie che utilizzano staminali embrionali. È, altresì, vero che la ricerca scientifica è orientata ad approfondire e realizzare le interessanti prospettive terapeutiche legate all utilizzo delle cellule staminali amniotiche, placentari e fetali. Alla luce di tale scenario i diversi orientamenti bioetici riconoscono l alto valore etico della ricerca sulle staminali adulte, cordonali, amniotiche, placentari e fetali. In merito alle staminali cordonali, la lettura etica ha evidenziato, in particolare, il valore della donazione solidaristica e la possibilità di educare i cittadini alla corresponsabilità sociale sui temi che riguardano la salute. Il viaggio virtuale in laboratorio ha permesso di conoscere anche le staminali embrionali e di rimanere affascinati dalla loro caratteristica primaria: la capacità di poter diventare una qualsiasi cellula dell organismo. Eppure anche le staminali embrionali presentano sotto un profilo biologico un lato oscuro: la loro potenzialità è difficile da contenere e orientare e può portare allo sviluppo di tumori. Pur riconoscendo le qualità delle staminali embrionali si è evidenziato che il loro utilizzo nell ambito della ricerca è controverso sotto un profilo etico in quanto determina la soppressione dell embrione umano che rappresenta l inizio di una vita umana individuale. Dunque si sottolinea che il dibattito sull utilizzo delle staminali embrionali non può fondarsi su semplici slogan e verità non fondate scientificamente, ma piuttosto su un confronto scientifico leale finalizzato a comprendere la natura dell embrione, a mostrare le potenzialità delle cellule staminali embrionali, le realistiche prospettive terapeutiche, i risultati clinici ottenuti utilizzando altre tipologie di staminali, la loro importanza nel contesto della ricerca scientifica e le nuove prospettive di ricerca. Il confronto deve riguardare anche l aspetto bioetico e nonostante l eterogeneità delle visioni etiche, deve far emergere la necessità di individuare alcune posizioni comuni. 7

9 Le delusioni di una parte della comunità scientifica legate alla attuale impossibilità di proporre validi approcci terapeutici basati sull utilizzo di staminali embrionali e le delicate questioni etiche, poste anche da una significativa parte della comunità scientifica, derivanti dalla soppressione di embrioni umani per ricavare sempre cellule staminali, sembrano trovare una ottimale soluzione sia sotto un profilo scientifico che etico nella scoperta delle cellule staminali pluripotenti indotte, valsa il premio Nobel per la medicina e la fisiologia del 2012, ai ricercatori Shinya Yamanaka e John Gurdon. Yamanaka traendo spunto dai lavori di Gurdon ha impostato un lavoro finalizzato a produrre una sorta di nuovo genere di cellule staminali in grado di superare gli interrogativi posti dall utilizzo di quelle embrionali senza dover rinunciare alle loro straordinarie caratteristiche. Yamanaka ha dimostrato che a seguito di una riprogrammazione una singola cellula matura e specializzata può ringiovanire, fino ad una condizione di indifferenziazione molto simile a quella che contraddistingue le staminali embrionali. Queste cellule, chiamate ipsc (induced pluripotent Stem Cells o cellule staminali pluripotenti indotte) hanno aperto una strada alternativa all uso di staminali embrionali e sono state considerate da alcuni come una scoperta epocale, paragonabile a quella della potenza dell atomo e per questo i due studiosi hanno ricevuto l ambito premio. In particolare la prospettiva è quella di sviluppare terapie cellulari personalizzate mediante l impianto di cellule ipsc ottenute dai propri fibroblasti e successivamente istruite a generare le tipologie di cellule specializzate desiderate. L entusiasmo iniziale però si è dovuto confrontare con alcune difficoltà, come l elevata instabilità genetica e il rischio tumorogenico, che hanno portato a individuare un lato oscuro anche nelle cellule pluripotenti indotte e che impedisce ad oggi di poter utilizzare le suddette cellule in protocolli clinici. La riflessione etica presta chiaramente grande attenzione alla nuova procedura per i benefici che potrebbe portare alla creazione di nuove terapie mediche. Prima di concludere è doveroso evidenziare l importanza di ulteriori filoni di riflessione etica. Il primo riguarda l intreccio tra scienza, economia e politica correlato al fenomeno della commercializzazione, oramai a livello globale, delle staminali e il secondo il ruolo giocato dai messa media in merito alla presentazione e interpretazione dei nuovi approcci terapeutici e in particolare di metodi che, pur non avendo una valenza scientifica, suscitano, a volte erroneamente, grandi aspettative soprattutto da parte delle persone malate. In merito alla commercializzazione delle staminali il pericolo che stiamo già sperimentando a livello globale è il trionfo della logica del profitto, la quale vede come protagonisti spesso pseudoscienziati e organizzazioni di fatto criminali abili ad operare, nel contesto dell economia globalizzata, in paesi permissivi sotto un profilo normativo per vendere liberamente presunti rimedi a base di staminali. 8

10 Di fronte a tali rischi la comunità scientifica, le istituzioni internazionali e nazionali, gli Stati mediante regolamenti e leggi devono porsi l obiettivo di tutelare la vita e la salute dei pazienti distinguendo tra le industrie biotecnologiche, che pur perseguendo il loro profitto operano nel rispetto della scienza e nel bene dei cittadini, e i venditori di false speranze. La comunità scientifica e gli istituti di controllo hanno quindi il compito di verificare, secondo criteri scientifici condivisi a livello nazionale e internazionale e senza forme di pregiudizio, la validità dei nuovi approcci e la loro efficacia, mentre l équipe di ricerca proponente ha il dovere di condividere in modo trasparente metodologie, dati e risultati. Lo Stato inoltre ha la funzione di costruire, attraverso una legislazione chiara, precisa ed efficace, un contesto normativo in grado di tutelare in primo luogo la dignità della persona malata. Laddove i diversi livelli di tutela (validità scientifica della terapia e contesto giuridico di promozione dei valori della persona) non vengono rispettati si apre uno scenario estremamente pericoloso contraddistinto dalla mancanza di chiarezza, paragonabile ad un vero e proprio far west, dove in mancanza di riferimenti la persona può essere lasciata da sola ad affrontare scelte terapeutiche anche molto delicate. In un contesto contraddistinto dall incertezza e da una libertà apparentemente dilatata di scelta delle terapie è quindi verosimile ritenere che le persone malate si ritroveranno gettate in una condizione di disperazione e non saranno assolutamente avvantaggiate da tale contesto di libertà, ma anzi ancor di più indebolite e sole, facilmente aggirabili da nuove prospettive terapeutiche riconducibili ad una medicina delle illusioni e forse delle bugie che non risponde in realtà a criteri scientifici, ma a quelli del profitto economico immediato costruito sulla fragilità dei malati. In un contesto così delicato il valore dell informazione corretta porta a riconoscere come fondamentale il ruolo giocato dai messa media sia in ambito comunicativo che formativo in riferimento alla trattazione di tematiche così delicate. Sotto un profilo etico è possibile sostenere che uno stile comunicativo corretto si contraddistingue per logiche estranee alla spasmodica ricerca della notizia sensazionalistica e per l abbandono di modalità comunicative contraddistinte tanto dalla parzialità dei racconti quanto dal linguaggio sentimentalistico, basato sul racconto di storie familiari segnate dal dolore e dalla sofferenza. Uno stile comunicativo corretto si riconosce per l importanza di una adeguata informazione scientifica, in grado di comunicare con efficacia e semplicità lo stato dell arte della ricerca scientifica e le reali opportunità terapeutiche. Anche in questo caso solo abbracciando la logica della trasparenza e dell obiettività sarà possibile fornire ai cittadini gli strumenti per poter comprendere che le cellule staminali sono cellule importanti, ma non miracolose e che la ricerca, la quale ha già dato alcuni frutti, è ancora in cammino. Si ringraziano per la collaborazione la Dott.ssa Licia Gentili e la Dott.ssa Tiziana Paganini. 9

11 Bibliografia: D Agostino F., Palazzani L., Bioetica Nozioni fondamentali, Editrice La Scuola 2007; Demetrio N., La bioetica in laboratorio, Editori Laterza 2003; Doldi M., Bioetica per giovani, Piemme 2002, Faggioni P.M., La vita nelle nostre mani. Manuale di bioetica teologica, Edizioni Camilliane 2004; Lecaldano E., Dizionario di bioetica, Editori Laterza 2002; Mori M., Bioetica, 10 temi per capire e discutere, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori, 2002; Palmaro M., Ma questo è un uomo, San Paolo 1996; Pessina A., Bioetica. L uomo sperimentale, Mondadori 2006; Potter V.R., Bioetica. Ponte verso il futuro (1971), Sicania 2000; Semplici S., Undici tesi di bioetica, Morcelliana 2009; Singer P., Ripensare la vita. La vecchia morale non serve più, Il Saggiatore 2000; Sgreccia E., Manuale di bioetica. Fondamenti ed etica biomedica, Vita e Pensiero 2012 Vescovi A., La cura che viene da dentro, Mondadori 2005; Viafora C., Introduzione alla bioetica, Franco Angeli Sitografia: (Pontificia Accademia per la Vita); (Consulta di bioetica); (Sito Bioetica - CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche); (European Commission Group on Ethics in Science and New Technologies); (Comitato Nazionale per la Bioetica); (Comitato Nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie); (a cura del Centro Servizi per il Volontariato); (Notizie e approfondimenti sui temi Bioetici su Salute24 de IlSole24Ore); (Associazione Scienza e Vita); (Comitato Internazionale di Bioetica (UNESCO)). 10

La famiglia Staminali : dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica. La famiglia staminali

La famiglia Staminali : dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica. La famiglia staminali La famiglia Staminali : dalla ricerca scientifica alla problematizzazione bioetica. La famiglia staminali Le cellule staminali rappresentano le nuove stars della ricerca biomedica, ma anche uno dei temi

Dettagli

Il valore e il senso della riflessione bioetica nella società contemporanea

Il valore e il senso della riflessione bioetica nella società contemporanea Il valore e il senso della riflessione bioetica nella società contemporanea Luca Guerra Centro di Bioetica Istituto Auxologico Italiano di Milano Il valore e il senso della riflessione bioetica nella società

Dettagli

Le staminali embrionali: aspetti scientifici e bioetici. Luca Guerra. Centro di Bioetica Istituto Auxologico Italiano di Milano

Le staminali embrionali: aspetti scientifici e bioetici. Luca Guerra. Centro di Bioetica Istituto Auxologico Italiano di Milano Le staminali embrionali: aspetti scientifici e bioetici Luca Guerra Centro di Bioetica Istituto Auxologico Italiano di Milano LE STAMINALI EMBRIONALI: ASPETTI SCIENTIFICI E PROBLEMATIZZAZIONE BIOETICA

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario,

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Colella Sara, Amicone Alessia Cellule staminali CELLULE

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2010-2011 MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Caterina Bendotti Dip. Neuroscienze Nerviano, 10 Febbraio 2011 Da dove originano

Dettagli

Michaela Luconi, PhD

Michaela Luconi, PhD Michaela Luconi, PhD Unità di Endocrinologia Laboratorio di Biologia Cellulare dell Organo Adiposo Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali & Cliniche «Mario Serio» michaela.luconi@unifi.it COSA

Dettagli

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali Corso di Comunicazione delle Scienze 2011 Lunedi 30 maggio LEZIONE 4 area biologica Le cellule staminali Yuri Bozzi, PhD bozzi@science.unitn.it Laboratorio di Neuropatologia Molecolare CIBIO, Università

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale»

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale» «Vita, morte e miracoli della cellula staminale» Prof.ssa Gabriella Vannelli Sezione di Anatomia Umana e Istologia Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Firenze, 13 marzo 2015 Il lungo e affascinante

Dettagli

Nel febbraio 2010, in Francia, nel

Nel febbraio 2010, in Francia, nel tools di Paolo Fontana Biologo, docente di Bioetica presso il Seminario teologico del PIME (Pontificio istituto missioni estere) di Monza Nel febbraio 2010, in Francia, nel corso di una conferenza stampa

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali Che cos è una cellula staminale? Le cellule, così come gli esseri viventi, invecchiano e muoiono, devono quindi essere rimpiazzate le cellule staminali sono

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

Cellule staminali. Emanuele Nasole

Cellule staminali. Emanuele Nasole Cellule staminali Emanuele Nasole Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica Docente Master di II Livello in Medicina Subacquea e Iperbarica - Univ-Palermo - Sede di Trapani Servizio di VUNOLOGIA

Dettagli

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Cellule staminali Le cellule staminali sono cellule primitive,dotate della

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014. Lezioni 59,60,61,62

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014. Lezioni 59,60,61,62 CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014 Giov 12 e Merc 18.12.2013 Lezioni 59,60,61,62 Prof.A.Turco CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (da stamen, filo della vita..) CELLULE

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

Ricerca scientifica e Cellule Staminali

Ricerca scientifica e Cellule Staminali Ricerca scientifica e Cellule Staminali Come studenti di questo Liceo Scientifico sarete, spero, naturalmente portati alla curiosità verso ciò che non sapete, ciò che non è ancora stato scoperto e ciò

Dettagli

Le cellule staminali umane

Le cellule staminali umane Le cellule staminali umane considerazioni etiche sulla loro produzione e sul loro utilizzo Prof. M. Calipari L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011-12 CHE

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini)

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini) FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 046/11 Trieste, 11 aprile 2011 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile

La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile Il Popolo svizzero deve potersi esprimere sulla legislazione riguardante la ricerca sulle cellule staminali embrionali. La portata

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Staminali: concetti, risultati ti e problemi Lo zigote La prima divisione cellulare Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Blastula 5 giorni dopo la fertilizzazione Source:

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Stamina e Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Potenziale differenziativo delle cellule staminali Totipotenza: capacità di una cellula staminale embrionale di dare origine a tutti i tipi cellulari dell embrione

Dettagli

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE CELLULE STAMINALI: Cellula che ha una elevata capacità di differenziarsi in qualsiasi altro tipo di cellula. Durante la formazione dell'embrione, dalle divisioni dello zigote si formano cellule totipotenti

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4747 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BARANI Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 4 maggio 2007 Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. (GU n.110 del 14-5-2007) IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre

Dettagli

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta;

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta; Cellule staminali da cordone ombelicale: misure urgenti Ministero Salute, ordinanza 04.05.2007, G.U. 14.05.2007 (Gesuele Bellini) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14 maggio 2007, l ordinanza del

Dettagli

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA LE CELLULE STAMINALI CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA CHE COSA SONO Le cellule staminali sono cellule

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4949 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SAVINO, MELONI, ROCCELLA, ANGELI, BARBIERI, COMPA- GNON, DE NICHILO RIZZOLI, DELFINO, DI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 267 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice VALPIANA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 MAGGIO 2006 Istituzione delle banche per la conservazione del sangue

Dettagli

San Marino, 5 gennaio 2010/1709 d.f.r. Prot. N. 8/2010

San Marino, 5 gennaio 2010/1709 d.f.r. Prot. N. 8/2010 Prot. N. 8/2010 San Marino, 5 gennaio 2010/1709 d.f.r. Ill.mo Claudio PODESCHI Segretario di Stato per la Sanità e Sicurezza Sociale, la Previdenza, la Famiglia e gli Affari Sociali, le Pari Opportunità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.07.2005 COM(2005) 312 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Sviluppi e implicazioni del diritto dei brevetti nel settore

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione precoce

Dettagli

Saviour sibling : definizione

Saviour sibling : definizione La questione del saviour sibling Dino Moltisanti dino.moltisanti@gmail.com Saviour sibling : definizione Con questa espressione (bebé medicamento in spagnolo, fratello salvatore in italiano) si indica,

Dettagli

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento.

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento. Differenziamento: Generare cellule specializzate Un blocco di metallo, che può dare origine a tanti tipi di chiodi Cos è una cellula specializzata? Una cellula specializzata ha un compito particolare nel

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA Brescia, 1 dicembre 2012 Il valore etico della medicina dei trapianti Adelaide Conti - Cattedra di Medicina Legale Università degli Studi di Brescia ETICA DEI

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22 dicembre 1986, n.

OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22 dicembre 1986, n. RISOLUZIONE N. 155/E Roma, 12 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Cosa sono Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in diversi altri tipi

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura Disposizioni sanzionatorie per la violazione della disciplina in materia di prelievo, conservazione e utilizzazione del sangue del cordone ombelicale

Dettagli

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza P.O. Savona e Cairo M.tte Ospedale San Paolo Savona S.C. Direzione Medica Conn certificato n 17551/08/S MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTAA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra

Dettagli

www.carloflamigni.it

www.carloflamigni.it LUGLIO 2007 STAMINALI NON CI SIAMO Chiedo a coloro che non hanno particolare competenza sui problemi della biologia e della ricerca scientifica di fare un sacrificio e di prestare attenzione al problema

Dettagli

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna,

Dettagli

La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica

La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica Varese, 21 aprile 2008 Dott. C. Garberi Codice di Deontologia Medica (16 dicembre 2006) CAPO VI Trapianti di organi, tessuti e cellule

Dettagli

Che cos è una cellula staminale?

Che cos è una cellula staminale? Che cos è una cellula staminale? Una cellula che ha la capacita di rigenerarsi - self renewal (dare origine ad altre cellule staminali) dare origine a cellule specializzate Una cellula staminale è una

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente)

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) La CLONAZIONE Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) Perchè clonare? Finalità della clonazione animale

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte)

CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte) CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOL.MOLECOLARE AA 2012/13 Prof Alberto Turco Lezioni 57-60 12 e 13.12.2012 CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte) Early human preimplantation development

Dettagli

1 di 5 20/01/15 12:01

1 di 5 20/01/15 12:01 N u m e rr o A :49643 tt tt i i A g g i i o rr n a tt : o 19 a gennaio l l 2015 HOME SERVIZI NEWS NEWSLETTER DIRETTIVE UE NUOVA RICERCA Dettaglio atto STAMPA ATTO SUDDIVISO 0 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA

Dettagli

Progetto Scienza Attiva I giovani e la scienza partecipata. Quinta edizione 2013/2014

Progetto Scienza Attiva I giovani e la scienza partecipata. Quinta edizione 2013/2014 Progetto Scienza Attiva I giovani e la scienza partecipata Quinta edizione 2013/2014 SCIENZA ATTIVA è uno strumento innovativo di educazione e cittadinanza scientifica che coinvolge studenti e docenti

Dettagli

PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE. Prof. Maurizio Pietro Faggioni

PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE. Prof. Maurizio Pietro Faggioni PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE Prof. Maurizio Pietro Faggioni La diagnosi prenatale è un atto medico che coinvolge la responsabilità del medico verso due pazienti: la madre e il nascituro.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D.

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D. B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013 CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future CHIARA FORONI, Ph.D. Sì, ma io sono così confusa Sai, quando ero una piccola cellula

Dettagli

Presentazione autori

Presentazione autori «Regolerò il tenore di vita per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio, mi asterrò dal recare danno e offesa. [...] In qualunque casa andrò io vi entrerò per il sollievo dei malati,

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli