LE RIFORME DEL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE RIFORME DEL LAVORO"

Transcript

1 Servizio Politiche del Lavoro LE RIFORME DEL LAVORO dalla L.92/12 (Riforma Fornero) alla L.183/2014 (c.d. JOBS ACT ) 18 febbraio 2015

2 RIFORMA MERCATO LAVORO «FORNERO» L.92/12 (in vigore dal 18 luglio 2012) REGOLARE IL MERCATO DEL LAVORO PACCHETTO LAVORO «GIOVANNINI» L.99/13 (in vigore dal 28 giugno 2013) CREARE OCCUPAZIONE 1 REVISIONE FLESSIBILITA IN ENTRATA FLESSIBILITA IN USCITA AMMORTIZZAT. SOCIALI REVISIONE FLESSIBILITA IN ENTRATA RIFORMA SERVIZI PER L IMPIEGO INCENTIVI OCCUPAZI. GIOVANILE MODIFICATE TUTTE LE TIPOLOGIE CONTRATTUALI - INTRODOTTE 4 SANZIONI (in base al tipo di licenziamento illegittimo) -NASCE LA CONCILIAZIONE OBBLIGATORIA IN DTL (solo per licenziamenti per motivi economici) -ASPI E MINI ASPI (dal 1 gennaio 2013) MODIFICATE NUOVAMENTE TUTTE LE TIPOLOGIE CONTRATTUALI NON REALIZZATA (anticipata dalla Garanzia Giovani: 1,5 MLD euro) 800 milioni di euro per assunzioni a T.I. di giovani 18/29 anni (periodo assunzioni: 7 agosto giugno 2015)

3 JOBS ACT 1 PARTE: DECRETO POLETTI (D.L.34/14 entrato in vigore il e conv. in L.78/14) 32 CREARE OCCUPAZIONE (SEMPLIFICANDO ALCUNI ISTITUTI) MODIFICHE ALLA FLESSIBILITA IN ENTRATA -CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO novita : - ACAUSALITA generalizzata; - 5 PROROGHE in 36 mesi indipendentemente dal numero dei rinnovi - 20% ASSUNZ. T.D. (o quanto diversamente stabilito dalla CCNL) + SANZIONE AMM.VA per sforamento tetto legale o contrattuale (v. Circ. Min.Lav. 18/2014 e risposta Min. Lav. ad interpello n. 30 del 2014); - informativa sul DIRITTO DI PRECEDENZA; - PERIODI DI CONGEDO OBBLIGATORIO PER MATERNITA valevoli ai fini del diritto di precedenza -SOMMINISTRAZIONE A T.D. novità: ACAUSALE -APPRENDISTATO novità: - Piano formativo Individuale «sintetico» e contestuale al contratto - Percentuali di stabilizzazione: 20% solo per aziende sopra 50 dipendenti (o quanto stabilira la CCNL)

4 JOBS ACT» 2 PARTE: L. 183/14 (entrata in vigore il ) 3 5 DELEGHE RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATT. (FLESSIBILITA IN ENTRATA) AMMORTIZZ. SOCIALI -NASPI -CIG SERVIZI PER IL LAVORO E POLITICHE ATTIVE SEMPLIF. PROCEDURE ED ADEMPIM. NELLA COSTITUZION E E GESTIONE RAPPORTI DI LAVORO CONCILIAZ. VITA/LAVORO -CONTRATTO A TEMPO INDETERMIN. A TUTELE CRESCENTI -REVISIONE TIPOLOGIE CONTRATTUALI ma anche - revisione delle MANSIONI, - introd. SALARIO MINIMO, - revisione CONTROLLI A DISTANZA (su impianti e strumenti di lavoro), - istituz. AGENZIA UNICA ISPEZIONI SUL LAVORO AGENZIA NAZIONALE PER L OCCUPAZIONE

5 FLESSIBILITA IN ENTRATA: i contratti modificati 4 3 «RIFORMA MERCATO LAVORO» FORNERO (2012) E «PACCHETTO LAVORO» GIOVANNINI (2013) TEMPO DETERMINATO APPRENDISTATO LAVORO INTERMITTENTE (A CHIAMATA) COLLABORAZIONI A PROGETTO PARTITE IVA (MODIFICATO SOLO DALLA RIFORMA FORNERO) ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE CON APPORTO DI LAVORO LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER/BUONI LAVORO) TIROCINI EXTRACURRICULARI «JOBS ACT» 1 PARTE (DECRETO POLETTI) TEMPO DETERMINATO SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO APPRENDISTATO

6 FLESSIBILITA IN ENTRATA i contratti che si intendono modificare 5 3 «JOBS ACT» 2 PARTE (contratti che presumibilmente interesseranno il prossimo decreto attuativo del Jobs Act, e possibili modifiche annunciate) TEMPO DETERMINATO verso i 24 mesi e 3 proroghe? APPRENSIATATO (1 LIVELLO «per conseguimento diploma o qualifica professionale»; 3 LIVELLO «alta formazione») verso il rafforzamento? LAVORO INTERMITTENTE (A CHIAMATA) verso l eliminazione? LAVORO RIPARTITO (JOB SHARING) verso l eliminazione? COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE verso l abrogazione? COLLABORAZIONI A PROGETTO verso l eliminazione? PARTITE IVA verso la genuinità? ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE CON APPORTO DI LAVORO verso l eliminazione? LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER/ BUONI LAVORO) verso un assorbimento del lavoro a chiamata? PART-TIME verso assorbimento del lavoro a chiamata, rafforzando il part-time verticale? CONTRATTO ECONOMICAMENTE DIPENDENTE - nuovo contratto che assorbirà lavori autonomi in mono-committenza?

7 GLI EFFETTI DELLA CRISI E DELLE 3 RIFORME SULLE TIPOLOGIE IN ENTRATA 6 4 LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE: INCIDENZA DELLE ATTIVAZIONI TIPOLOGIA CONTRATTUALE ANNO 2009 ANNO 2010 ANNO 2011 ANNO 2012 ANNO 2013 GEN-SET Tempo indeterminato 21,5 18,2 17,7 17,5 16,6 16,4 Apprendistato 3,1 3,0 2,9 2,7 2,5 2,6 STABILI FORME CONTRATTUALI Tempo determinato Contratti di collaborazione 24,6 21,2 20,5 20,2 19,1 19,0 62,7 63,8 62,9 63,6 67,9 68,8 8,3 8,6 8,5 7,7 7,0 6,6 Altro 4,4 6,4 8,1 8,5 6,0 5,5 INSTABILI FORME CONTR. 75,4 78,8 79,5 79,8 80,9 81,0 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

8 57 JOBS ACT (1 PARTE) DECRETO POLETTI (D.L. 34/14 convertito in L.78/14) LE MODIFICHE ALLA FLESSIBILITA IN ENTRATA

9 8 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Le modifiche apportate da: «Riforma Fornero» «Pacchetto Lavoro» «Jobs Act» N.B.TIPOLOGIA CHE VERRA PROBABILEMNTE RIVISTA CON PROSSIMO DECRETO LEGISLATIVO DEL JOBS ACT SUL «RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI»

10 1) CAUSALE: DALLA CAUSALITA ALLA ACAUSALITA 9 D.Lgs 368/01 Contratto sempre con CAUSALE (specificata) Riforma M.d.L. Fornero (18 luglio 2012) CAUSALE + possibilità ACAUSALE Pacchetto Lavoro Giovannini (28 giugno 2013) - 1 CONTR. a T.D. - DURATA MAX 12 MESI (prorogabili) ogni altra ipotesi individuata dai CONTRATTI COLLETTIVI, anche AZIENDALI L.78/14 Renzi (21 marzo 2014) Contratto sempre ACAUSALE

11 10 ECCEZIONI ALLA ACAUSALITA : contratti a tempo determinato per ragioni di carattere SOSTITUTIVO o di STAGIONALITA (circ. Min.Lav. 18/2014). Perché è importante specificare che si tratta di contratti a tempo determinato «per SOSTITUZIONI» o «STAGIONALI»? Perché queste «causali» escludono tali contratti: - dal computo del nuovo tetto del 20% di assunzioni a tempo determinato, - dall applicazione del contributo aggiuntivo dell 1,4% introdotto dalla Riforma Fornero - nel solo caso dei contratti stagionali, gli stessi sono esclusi dal tetto massimo dei 36 mesi. - da specifiche disposizioni previste dalla contrattazione collettiva (es: CCNL ALIMENTARI i tempi determinati per ragioni sostitutive non prevedono lo stop and go)

12 11 Riforma MdL Fornero : dal 1 GENNAIO 2013 a carico del datore di lavoro, è previsto un CONTRIBUTO ADDIZIONALE PARI ALL 1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali per finanziamento ASPI FINALITA DELL ADDIZIONALE CONTRIBUTIVO: +FLESSIBILITA = + COSTO DEL LAVORO Esclusioni: - Lavoratori a termine nelle attività stagionali - Lavoratori a termine in sostituzione di lavoratori assenti con diritto alla conservazione del posto Legge di Stabilità 2014 e premio di stabilizzazione: In caso di trasformazione del c. in tempo indeterminato, 1,4% verrà restituito INTEGRALMENTE per tutto il periodo di durata del T.D. Legge di Stabilità 2014 Somministrazione a T.D.: dal anche alle Agenzie di somministrazione, si applica l 1,4% (n.b. il contributo dell 1,4% NON SI DECURTA dal 4% di Formatemp)

13 2) DURATA DEL C.T.D. E PROROGHE 12 D.Lgs 368/01 Riforma M.d.L. Fornero (18 luglio 2012) Pacchetto Lavoro Giovannini (28 giugno 2013) L.78/14 Renzi (21 marzo 2014) DURATA: MAX 36 MESI (o durate CCNL naz, terr, aziend) + 1 eventuale C.T.D. c/o D.P.L. N. PROROGHE NEI 36 MESI: 1 (con «causale») COMPUTO 36 MESI: somma durate solo C.T.D. con causale + proroga (con causale ) DURATA: MAX 36 MESI (o durate CCNL naz, terr, aziend) + 1 eventuale C.T.D. c/o D.P.L. N. PROROGHE nei 36 mesi: 1 (con «causale», ad eccezione della proroga acausale del C.T.D. acausale) COMPUTO 36 MESI: somma durate C.T.D. con causale (ed eventuale C.T.D. acausale ) + proroga ed eventuali durate delle missioni in SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO (con mansioni equivalenti) DURATA: MAX 36 MESI (o durate CCNL naz, terr, aziend) + 1 eventuale C.T.D. c/ o D.P.L. N. PROROGHE NEI 36 MESI: 5 («acausali») indipendentemente dal numero rinnovi COMPUTO 36 MESI: somma durate C.T.D. acausali + proroghe acausali ed eventuali durate delle missioni in SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO acausali (con mansioni equivalenti)

14 13 3) GLI INTERVALLI (c.d. stop and go ) D.Lgs 368/01 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) Pacchetto Lavoro (art. 7) (dal 28 giugno 2013) - 10 GIORNI - 20 GIORNI - 10 GIORNI - 20 GIORNI - 60 GIORNI (se precedente contratto ha durata = o < a 6 mesi) - 90 GIORNI (se precedente contratto ha durata > 6 MESI) + DEROGA: 20 e 30 GIORNI in caso di - CONTRATTAZIONE COLLETTIVA a livello INTERCONF. E CATEG. (in via delegata anche a livello DECENTRATO) per PROCESSO PRODUTTIVO - ATTIVITA STAGIONALI (dpr 1525/63, avvisi comuni, CCNL) - OGNI ALTRO CASO (contrattazione collettiva nazionale, territoriale e aziendale) N.B. NO INTERVALLI: - ATTIVITA STAGIONALI ipotesi legate anche ad ATTIVITA NON STAGIONALI, individuate dai contratti collettivi, anche aziendali

15 14 4) PERIODI CUSCINETTO (c.d. proroga di fatto ) D.Lgs 368/01 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) Pacchetto Lavoro (art. 7) (dal 28 giugno 2013) - 20 GIORNI - 30 GIORNI) - 30 GIORNI - 50 GIORNI - 30 GIORNI - 50 GIORNI SI Obbligo di COMUNICAZIONE ANTICIPATA NO COMUNICAZIONE ANTICIPATA RETRIBUZIONE NEI PERIODI CUSCINETTO: - maggiorata del 20% nei primi 10 giorni - maggiorata del 40% dall 11 giorno in poi

16 5) LIMITI QUANTITATIVI ASSUNZIONI A T. D. 15 D.Lgs 368/01 Riforma M.d.L. Fornero Pacchetto Lavoro Giovannini L.78/14 Renzi NESSUN TETTO LEGALE Disciplina lasciata alla CCNL a) TETTO LEGALE DEL 20% (O DI QUANTO DIVERSAMENTE STABILITO DALLA CONTRATTAZ. COLLETTIVA) b) SANZIONE AMMINISTRATIVA PER SUPERAMENTO TETTO LEGALE O CONTRATTUALE

17 b) SANZIONE PER SUPERAMENTO TETTO LEGALE/TETTO CONTRATTUALE 16 a) Se il tetto viene superato con 1 lavoratore a tempo determinato: 20% della retribuzione lorda per ciascun mese o frazione di mese superiore a 15 giorni b) Se il tetto viene superato con 2 o più lavoratori: 50% della retribuzione lorda per ciascun mese o frazione di mese superiore a 15 giorni c) Se il tetto viene superato con 1 contratto a tempo determinato (diretto) e con 1 contratto di somministrazione a tempo determinato (indiretto), si applicherà la sanzione del 50% (questa sanzione è stata introdotta dalla circ. Min.Lav. 18/2014)

18 6) SANZIONE PER VIOLAZIONI C.T.D: TRASFORMAZIONE IN CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO NEI SEGUENTI CASI: 17 SUPERAMENTO DEL TETTO MASSIMO DEI 36 MESI (O DI QUANTO STABILITO DALLA CONTRATTAZIONE) L.78/14 RENZI (DAL ) Mancanza di causale NON RISPETTO DEGLI INTERVALLI (il 2 contratto si considera a tempo indeterminato) SUPERAMENTO DURATA DEL CONTRATTO, comprensivo di periodi cuscinetto (conversione a tempo indeterminato dalla scadenza dei periodi cuscinetto) DUE ASSUNZIONI : A TERMINE SENZA NESSUN GIORNO DI STACCO (il contratto si converte a tempo indeterminato dall inizio)

19 18 7) IMPUGNAZIONE DEL C.T.D. IMPUGNAZIONE DEL CONTRATTO Riforma MDL (dal ) TERMINI IMPUGNAZIONE: 120 gg (IMPUGN. EXTRAGIUDIZIALE) 180 gg (PER DEPOSITO RICORSO IMPUGN. GIUDIZIALE) CONVERSIONE IN CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO + RISARCIMENTO DA 2,5 A 12 MENSILITA L indennità onnicomprensiva ristora per intero il pregiudizio subito dal lavoratore, comprese le conseguenze retributive e contributive relative al periodo non lavorato Sent. C.Cassaz. N dell : non spettano né la rivalutazione monetaria né gli interessi legali dal perodo di cessazione al periodo della pronuncia giudiziaria

20 8) DIRITTO DI PRECEDENZA E MATERNITA D.Lgs 368/ INFORMATIVA SUL DIRITTO DI PRECEDENZA: PER ISCRITTO NEL CONTRATTO AL MOMENTO DELL ASSUNZIONE (la mancata informativa sul diritto di precedenza non è sanzionata!!!!) L.78/14 Renzi (21 marzo 2014) - PERIODO DI CONGEDO OBBLIGATORIO DI MATERNITA (5 MESI): UTILE A MATURARE IL DIRITTO DI PRECEDENZA NELLE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO E INDETERMINATO (per mansioni già espletate dalla lavoratrice)

21 20 LAVORO INTERMITTENTE (A CHIAMATA) Le modifiche apportate da: «Riforma Fornero» «Pacchetto Lavoro» N.B.TIPOLOGIA CHE VERRA PROBABILEMNTE ABOLITA CON PROSSIMO DECRETO LEGISLATIVO DEL JOBS ACT SUL «RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI»

22 21 D.Lgs 276/03 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) REQUISITI SOGGETTIVI: Lavoratori di età inferiore ai 25 anni e superiore ai 45 anni REQUISITI SOGGETTIVI: lavoratori di età inferiore ai 24 anni e superiore ai 55 anni SANZIONE PER VIOLAZIONE: trasformazione in T. PIENO ED INDETERMINATO REQUISITI OGGETTIVI: - prestazioni rese nei fine settimana, nei periodi delle ferie estive o delle vacanze natalizie e pasquali - ulteriori periodi predeterminati nell arco della settimana, del mese o dell anno individuati dalla contrattazione collettiva REQUISITI OGGETTIVI: definizione dei periodi predeterminati (nella settimana, mese, anno) ed esigenze di ricorso a tale istituto rimessi alla CONTRATTAZIONE COLLETTIVA (NAZIONALE E TERRITORIALE) SANZIONE PER VIOLAZIONE: trasformazione in T. PIENO ED INDETERMINATO

23 22 OBBLIGATORIA LA COMUNICAZIONE PREVENTIVA : (sms, fax, mail) per OGNI CHIAMATA o OGNI CICLO INTEGRATO DI PRESTAZIONI DI DURATA NON SUPERIORE A 30 GIORNI SANZIONE PER VIOLAZIONE: da 400 a a lavoratore Dal 1 GENNAIO 2013, a carico del datore di lavoro, è previsto un CONTRIBUTO ADDIZIONALE PARI ALL 1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali per finanziamento ASPI Legge di Stabilità 2014 e premio di stabilizzazione: In caso di trasformazione del c. in tempo indeterminato, 1,4% verrà restituito INTEGRALMENTE

24 23 Pacchetto Lavoro (art. 7) (dal 28 giugno 2013) MAX 400 GIORNATE LAVORATE NELL ARCO DI 3 ANNI SOLARI: LIMITE MAX DI DURATA DI UN CONTRATTO DI LAVORO A CHIAMATA TRA STESSO DATORE E STESSO LAVORATORE Sanzione superamento 400 giornate: TRASFORMAZIONE IN TEMPO PIENO ED INDETERMINATO (a decorrere dalla data del superamento) Esclusione dal limite di durata: Turismo, Pubblici esercizi, Spettacolo Il conteggio delle giornate decorre dal 28 giugno 2013 indipendentemente dalle giornate effettuate precedentemente a tale data

25 34 SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO Le modifiche apportate da: «Riforma Fornero» «Pacchetto Lavoro» «Jobs Act»

26 35 25 SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO L. 78/14 «RENZI» (dal ) ABROGATA la CAUSALE N.B. Alla somministrazione a T.D. non si applica il tetto del 20% (sia per l Agenzia di Lavoro che per l utilizzatore), né, quindi, la sanzione amministrativa in caso di superamento del tetto legale del 20%. Resta intatta la delega ai CCNL che hanno l esclusiva competenza ad individuare i limiti quantitativi di utilizzazione della somministrazione di lavoro a tempo determinato.

27 36 Il percorso legislativo sulla SOMMINISTRAZIONE Legge 197/96 (l.treu) Nasce il LAVORO INTERINALE Abroga il lavoro interinale D.lgs. 276/03 Introduce la somministrazione a TEMPO DETERMINATO e INDETERMINATO (staff leasing) Protocollo sul Welfare del 2007 Abroga lo staff leasing Finanziaria 2010 Reintroduce lo staff leasing

28 37 SOMMINISTRATORE (Agenzia per il Lavoro) Rapporto COMMERCIALE UTILIZZATORE (azienda) LAVORATORE

29 IL CONTRATTO DI LAVORO 38 SOMMINISTRATORE Rapporto di LAVORO LAVORATORE A TEMPO INDETERMINATO A TEMPO DETERMINATO Art. 20, comma 3 del d.lgs 276/03 La somministrazione a tempo indeterminato è ammesso solo in casi tassativi. A titolo esemplificativo: - servizi di consulenza ed assistenza settore informatico; - servizi di pulizia, custodia, portineria; Art. 20, comma 4 del d.lgs 276/03 Il contratto di somministrazione a tempo determinato deve essere giustificato da ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo e sostitutivo, anche se riferibili all ordinaria attività dell utilizzatore ma possibilità di contratto ACAUSALE - attività di marketing; -servizio trasporto merci e persone; particolari attività in edilizia e cantieristica navale; - in tutti i casi previsti dai contratti collettivi nazionali o territoriali. L.78/14 RENZI Dal 21 marzo 2014 SOLO «ACAUSALI»

30 SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO 39 Riforma MDL e Legge di Stabilità 2014 Dal 1 GENNAIO 2014, a carico del datore di lavoro, è previsto un CONTRIBUTO ADDIZIONALE PARI ALL 1,4% per finanziamento ASPI Legge di Stabilità 2014 e premio di stabilizzazione: In caso di trasformazione del c. in tempo indeterminato, 1,4% verrà restituito INTEGRALMENTE

31 40 APPRENDISTATO Le modifiche apportate da: «Riforma Fornero» «Pacchetto Lavoro» «Jobs Act»

32 1) PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO: - Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale (15-25 anni) - Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere (18-29 anni) - Apprendistato di alta formazione e di ricerca (18-29 anni) 41 L.78/14 RENZI Dal 21 marzo 2014 PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE: - obbligatoria la FORMA SCRITTA con dettaglio formazione finalizzata all acquisizione di competenze tecnico-professionali e pecialistiche - entro 30 gg dalla stipula del contratto PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE: - obbligatoria la FORMA SCRITTA seppur «sintetica» (formazione finalizzata all acquisizione di competenze tecnico-professionali e pecialistiche) - contestuale alla stipula contratto FORMAZIONE DI BASE E TRASVERSALE: Obbligatoria, ma non obbligatorio inserirla nel PFI LA FORMAZIONE DI BASE E TRASVER: - obbligatoria seppur nel rispetto di alcune condizioni APPRENDISTATO DI 1 LIVELLO: fatta salva l autonomia della contrattazione collettiva, la RETRIBUZIONE deve tener conto delle ore effettivamente lavorate e delle ore di formazione nella misura del 35% del relativo monte ore complessivo

33 2) DURATA CONTRATTO 42 D.lgs. 167/11 T.U. Apprendistato (dal ed operativo dal ) Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) Pacchetto Lavoro (art. 9, comma 3) (dal 28 giugno 2013) DURATA MASSIMA: 3 ANNI DURATA MASSIMA: 3 ANNI salvo 5 anni per i profili professionalizzanti caratterizzanti la figura dell artigiano individuati dalla contrattazione collettiva NO DURATA MINIMA DURATA MINIMA: 6 MESI Possibilità di TRASFORMARE il contratto di APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA O DIPLOMA PROFESSIONALE in un contratto di APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE. La durata complessiva dei due periodi di apprendistato non potrà superare quella individuata dalla contrattazione collettiva.

34 3) LE REGOLE DA SEGUIRE NELL ASSUNZIONE DEGLI APPRENDISTI 43 D.lgs. 167/11 T.U. Apprendistato (in vigore dal ed operativo dal ) Legge di Stabilità 2012 (Legge 183/11) Riforma MDL (dal ) A) LIMITI QUANTITATIVI AZIENDE FINO A 9 DIPENDENTI LIMITI QUANTIT. ASSUNZIONE APPRENDISTI: RAPPORTO 1:1 AZIENDE OLTRE 9 DIPENDENTI LIMITI QUANTIT. ASSUNZIONE APPRENDISTI: RAPPORTO 1:1 AZIENDE OLTRE 9 DIPENDENTI LIMITI QUANTIT. ASSUNZIONE APPRENDISTI: RAPPORTO 3:2 (DECORRENZA: DAL ) B) AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE AZIENDE FINO A 9 DIPENDENTI AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA: SGRAVIO DEL 10% PER 3 ANNI (+ 1 ANNO CONFERMA A TEMPO INDET.) AZIENDE OLTRE 9 DIPENDENTI AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA: SGRAVIO DEL 10% PER 3 ANNI (+ 1 ANNO CONFERMA A TEMPO INDET.) AZIENDE FINO A 9 DIPENDENTI AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA: SGRAVIO DEL 100% PER 3 ANNI ( + 1 ANNO CONFERMA A TEMPO INDET.) Validità agevolazione: DAL al Lo sgravio NON SI APPLICA ai lavoratori in mobilità

35 C) PERCENTUALI DI STABILIZZAZIONE 44 D.lgs. 167/11 T.U. Apprendistato (in vigore dal ed operativo dal ) L.78/14 RENZI Dal 21 marzo 2014 CLAUSOLA DI STABILIZZAZIONE CONTRATTUALE (indipendentemente dall organico) Possibilità per la contrattazione collettiva di prevedere una percentuale di conferma degli apprendisti CLAUSOLA DI STABILIZZAZIONE CONTRATTUALE PERCENTUALE DI CONFERMA : AZIENDE FINO A 9 DIPENDENTI CLAUSOLA DI STABILZZAZIONE LEGALE PERCENTUALE DI CONFERMA : AZIENDE OLTRE 9 DIPENDENTI - Dal al per assumere nuovi apprendisti: percentuale di conferma al 30% nell ultimo triennio - Dal percentuale di conferma al 50% N.B. possibilità di assumere 1 ulteriore apprendista in caso di mancato rispetto della percentuale di conferma o nell ipotesi di totale mancata conferma degli apprendisti pregressi. 20% nelle sole aziende con almeno 50 dipendenti (il computo si effettua nei 36 mesi precedenti l assunzione dell apprendista) N.B. La CONTRATTAZIONE COLLETTIVA potrà introdurre clausole diverse rispeuo a tale nuovo limite legale

36 45 I VANTAGGI DELL APPRENDISTATO GRANDEZZA AZIENDA BENEFICI CONTRIBUTIVI BENEFICI ECONOMICI BENEFICI NORMATIVI BENEFICI FISCALI FORMAZIONE AZIENDE FINO A 9 DIPEND. AZIENDE OLTRE 9 DIPEND. 1,61% - ZERO CONTRIBUTI per intera durata apprendistato e per l anno successivo in caso di conferma (agevolazione valida fino al ) - 1,61% (1,31% per ASPI + 0,30% Formaz. Continua) 11,61% - 10% CONTRIBUTI per intera durata apprendistato e per l anno successivo in caso di conferma - 1,61% (1,31% per ASPI + 0,30% Formaz. Continua) Sottoinquadramento (fino a 2 livelli in meno rispetto a quello da raggiungere) oppure Percentualizzazione (percentuale progressiva in relazione all anzianità) Non computabilità degli apprendisti per l applicazione di alcuni istituti legali o contrattuali (es. computo dipendenti ai fini dell applicazione art. 18 Legge 300/70) Non computabilità ai fini IRAP Pacchetto Lavoro (art. 9, comma 2) DAL SEMPLIFICATA PARTE FORMATIVA (espunta la formazione di base e trasversale, dal PFI) L.78/14 RENZI Dal PFI: forma scritta sintetica FORMAZIONE di base e trasversale: obbligatoria in constanza di alcune condizioni

37 46 COLLABORAZIONI A PROGETTO Le modifiche apportate da: «Riforma Fornero» «Pacchetto Lavoro» N.B.TIPOLOGIA CHE VERRA PROBABILEMNTE ABOLITA CON PROSSIMO DECRETO LEGISLATIVO DEL JOBS ACT SUL «RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI»

38 47 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) Pacchetto Lavoro (art. 7) (dal 28 giugno 2013) SI RISULTATO FINALE SI DESCRIZIONE DEL PROGETTO NO PROGRAMMA E FASI DEL PROGETTO PROGETTO SPECIFICO NO MANSIONI MERAMENTE ESECUTIVE O RIPETITIVE NO MANSIONI MERAMENTE ESECUTIVE E RIPETITIVE NO MERA RIPROPOSIZIONE DELL OGGETTO SOCIALE DEL COMMITTENTE Il cambio di vocale vuole evidenziare l incompatibilità dell istituto con attività che si risolvano nella mera attuazione di quanto impartito dal committente ( esecutivi ) e che risultano elementari tanto da non richiedere indicazioni di carattere operativo ( ripetitivi )

39 48 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) Pacchetto Lavoro (art. 7) (dal 28 giugno 2013) NON OBBLIGO DELLA FORMA SCRITTA DEL CONTRATTO A PROGETTO (FORMA SCRITTA AI FINI DELLA PROVA OBBLIGO DI FORMA SCRITTA DEL CONTRATTO A PROGETTO (FORMA SCRITTA AD SUBSTANTIAM) LA FORMA SCRITTA E ELEMENTO DI LEGITTIMITA DEL CONTRATTO Deve obbligatoriamente contenere: - DESCRIZIONE DEL PROGETTO - RISULTATO FINALE DA CONSEGUIRE - DURATA PROGETTO - CORRISPETTIVO OBBLIGO DI CONVALIDA DIMISSIONI O RISOLUZIONI CONSENSUALI

40 49 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) PRESUNZIONI DI GENUINITA 1 AGOSTO 2013: CALL CENTER OUTBOUND FIRMATO CONTRATTO COLLETTIVO CO.CO.PRO. - PRESTAZIONI DI ELEVATA PROFESSIONALITA (definite dalla contratt. collettiva) Pacchetto Lavoro (art. 7) Interpretazione autentica di attività call center outbound : VENDITA DIRETTA DI BENE E SERVIZI - CALL CENTER MODALITA OUTBOUND - LAVORO NELLE ONG/ONLUS E ORGANIZZAZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI - ATTIVITA DI RICERCA SCIENTIFICA (INDAGINI DI MERCATO, STATISTICHE, SCIENTIFICHE) Pacchetto Lavoro (art. 7) Il contratto di collaborazione a progetto è PROROGABILE quando la attività di ricerca venga ampliata per temi connessi o prorogata nel tempo. COMPENSO COLLABORATORE PRESUNZIONI DI SUBORDINAZIONE - commisurato alla quantità e qualità del lavoro eseguito ASSOLUTA: ASSENZA DEL PROGETTO (sanzione: tempo indeterm.) RELATIVA: ATTIVITA ANALOGA (sanzione: lavoro subordinato) - compenso minimo definito dalla CONTRATTAZIONE COLLETTIVA - nei casi in cui la contrattazione collettiva non sia intervenuta, il compenso non potrà essere inferiore ai minimi retributivi previsti dalla contrattazione collettiva per figure professionali equiparabili a quelle del collaboratore

41 50 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) RECESSO ANTICIPATO DEL COMMITTENTE RECESSO ANTICIPATO DEL COLLABORATORE GIUSTA CAUSA GIUSTA CAUSA OBIETTIVI PROFILI DI INIDONEITA DEL COLLABORATORE (tali da rendere impossibile il raggiungimento del progetto) ALTRE CAUSALI se previste nel contratto individuale Dal 1 GENNAIO 2015, AUMENTO ALIQUOTA CONTRIBUTIVA AL 30% per i non assicuray presso altre forme pensionisyche (con aumento di un punto percentuale annuale fino a raggiungere il 33%) 2/3 a carico dell azienda 1/3 a carico del collaboratore 30% di aliquota base + 0,72% (maternità, malattia e altre tutele estese anche ai coll.a prog)

42 51 ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Le modifiche apportate da: «Riforma Fornero» «Pacchetto Lavoro» N.B.TIPOLOGIA CHE VERRA PROBABILEMNTE RIVISTA CON PROSSIMO DECRETO LEGISLATIVO DEL JOBS ACT SUL «RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI»

43 52 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) Pacchetto Lavoro (art. 7, comma 5) (dal 28 giugno 2013) se l apporto dell associato consiste anche in una prestazione di lavoro, il NUMERO MASSIMO DI ASSOCIATI nella medesima attivita non puo essere superiore a 3 IL LIMITE DI 3 ASSOCIATI NON SI APPLICA: - alle IMPRESE A SCOPO MUTUALISTICO - agli ASSOCIATI individuati mediante elezione dell organo assembleare di cui all art c.c. nel caso in cui il loro contratto sia stato certificato SANZIONE PER SUPERAMENTO DEL LIMITE NUMERICO: trasformazione degli associati anche con apporto di lavoro in LAVORO SUBORDINATO A TEMPO INDETERMINATO ( PRESUNZIONE ASSOLUTA DI SUBORDINAZIONE ) - ai rapporti di lavoro tra PRODUTTORI ED ARTISTI, INTERPRETI, ESECUTORI, volti alla realizzazione di registrazioni sonore, audiovisive o di sequenze di immagini in movimento NON SI COMPUTANO (AI FINI DEL LIMITE MASSIMO DI 3): gli associati legati all'associante da rapporto coniugale, di parentela entro il 3 grado o di affinità entro il 2

44 53 LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER) Le modifiche apportate da: «Riforma Fornero» «Pacchetto Lavoro» N.B.TIPOLOGIA CHE VERRA PROBABILEMNTE RAFFORZATA CON PROSSIMO DECRETO LEGISLATIVO DEL JOBS ACT SUL «RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI»

45 54 D.Lgs 276/03 Riforma MDL (dal 18 luglio 2012) Pacchetto Lavoro (art. 7) (dal 28 giugno 2013) NO RAPPORTO DI LAVORO NO VALORE ORARIO VOUCHER SI VALORE ORARIO VOUCHER: il vaucher da 10 corrisponde al compenso minimo di 1 ora NO OBBLIGO COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA SI COPERTURA PREVIDENZIALE INPS (13%) E ASSICURATIVA INAIL (7%) NO TASSAZIONE SUL COMPENSO PRESTAZIONI: OCCASIONALI ED ACCESSORIE NO PRESTAZIONI OCCASIONALI ED ACCESSORIE SETTORI: SOLO ALCUNI PRESTATORI: SOLO ALCUNE CATEGORIE COMPENSO: TETTO DI 5 MILA EURO ANNO SOLARE DI PER SINGOLO COMMITTENTE SETTORI: TUTTI PRESTATORI: TUTTI ma per ATTIVITA AGRICOLE STAGIONALI solo PENSIONATI E UNDER 25 ANNI COMPENSO. Per l anno 2014 è stato così rivalutato, indipendentmente dal numero dei committenti: netti ANNO SOLARE (6.740 lordi) per TUTTI I COMMITTENTI netti ANNO SOLARE (2.690 lordi) per IMPRENDITORI COMMERCIALI E LIBERI PROFESSIONISTI

46 55 PRESTATORI DI LAVORO - PENSIONATI - GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA 16 E 24 ANNI COMPIUTI (iscritti a ciclo di studi) nei seguenti periodi: sabato, domanica, periodi di vacanza) - PERCETTORI DI PRESTAZIONI INTEGRATIVE DEL SALARIO O DI SOSTEGNO AL REDDITO (in cassaintegrazione, percettori di AsPI e Mini AsPI, di disoccupazione speciale per l edilizia, disoccupazione speciale per l agricoltura, lavoratori in mobilità) ed INOCCUPATI NEW D.L 150/2013 (Milleproroghe), art. 8, comma 2 ter Estende l utilizzo dei voucher per chi è percettore di sostegno al reddito anche per il LAVORATORI AUTONOMI - LAVORATORI IN PART-TIME (divieto di utilizzare di utilizzare i buoni lavoro presso il datore di lavoro titolare del contratto part-time) - DIPENDENTI PUBBLICI E PRIVATI - LAVORATORI STRANIERI REGOLARMENTE SOGGIORNANTI IN ITALIA (in possesso di permesso di soggiorno per lavoro, permesso di soggiorno per studio, permesso di soggiorno per attesa occupazione) Il compenso è computabile ai fini della determinazione del reddito necessario per il RILASCIO e RINNOVO del PERMESSO DI SOGGIORNO Il compenso non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato Pacchetto Lavoro (art. 7) NON ANCORA OPERATIVA: NECESSARIA EMANAZIONE D.M. In considerazione delle particolari e oggettive condizioni sociali di specifiche categorie di soggetti correlate allo STATO DI DISABILITA, DETENZIONE, TOSSICODIPENDENZA O DI FRUIZIONE DI AMMORTIZZATORI SOCIALI per i quali è prevista una contribuzione figurativa, utilizzati nell ambito di progetti promossi da amministrazioni pubbliche, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, con proprio decreto, può stabilire specifiche condizioni, modalità e importi dei buoni orari.

47 56 COMMITTENTI - PRIVATI - AZIENDE - IMPRENDITORI AGRICOLI AZIENDE CON VOLUME DI AFFARI SUPERIORE A EURO: - possono utilizzare esclusivamente PENSIONATI E GIOVANI CON MENO DI 25 ANNI - possono utilizzare soggetti PERCETTORI DI MISURE DI SOSTEGNO AL REDDITO, solo per l ANNO 2013, esclusivamente in caso di attività agricole stagionali AZIENDE CON VOLUME DI AFFARI INFERIORE A EURO: - possono utilizzare QUALSIASI SOGGETTO sia per attività agricole stagionali che non stagionali - requisito del prestatore di lavoro: non iscritto l anno precedente negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli - IMPRENDITORI OPERANTI IN TUTTI I SETTORI - COMMITTENTI PUBBLICI Il ricorso a prestazioni di lavoro accessorio da parte di un committente pubblico e` consentito nel rispetto dei vincoli previsti dalla vigente disciplina in materia di contenimento delle spese di personale e, ove previsto, dal patto di stabilita` interno. circolare Inps n. 88 del 2009: per committenti pubblici si intendono ai sensi dell art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165 /2001 tutte le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali,regionali e locali, le Amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, l ARAN (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) e le Agenzie di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300.

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE Le normative finalizzate alle agevolazioni in materia di assunzione di personale sono state, nel corso degli anni, oggetto di continue innovazioni, cambiamenti,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013. Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente

APPENDICE DI AGGIORNAMENTO DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013. Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente APPENDICE DI AGGIORNAMENTO Edoardo Ghera DIRITTO DEL LAVORO EDIZIONE 2011 AGGIORNATA A FEBBRAIO 2013 Con la collaborazione di Paola Bozzao e Lucia Valente CACUCCI EDITORE 2013 proprietà letteraria riservata

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di interposizione

Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di interposizione La somministrazione di lavoro. Appalto di servizi e distacco 57 Capitolo Sesto La somministrazione di lavoro. Appalto di servizi e distacco Il nostro ordinamento prevedeva originariamente il divieto di

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing)

3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 3. Manuale del sindacalista Uilm sul part time (in appendice Job on call e Job sharing) 1. Part time: definizione e fonti normative...1 1.1 Compatibilità del part time con le altre tipologie di lavoro

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Contratti a termine dopo le recenti riforme Parte seconda (*)

Contratti a termine dopo le recenti riforme Parte seconda (*) Contratti a termine dopo le recenti riforme Parte seconda (*) Eufranio Massi - Dirigente della Direzione territoriale del lavoro di Modena (**) Esclusioni, discipline specifiche, contratti speciali L articolo

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate

computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate MERCATO DEL LAVORO: ADEMPIMENTI E INCENTIVI ALL occupazione 9 computo dell organico aziendale e assunzioni agevolate a cura di Alberto Bosco e Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO.

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO. una sintesi del CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO DATA DI SOTTOSCRIZIONE: 27 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 1 GENNAIO 2014 Pagina 1 di 32

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

LAVORO A TEMPO DETERMINATO

LAVORO A TEMPO DETERMINATO Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 15/10/2013. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli