COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2. Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2. Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO"

Transcript

1 COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2 Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI: ENEL, TELECOM, RETE CIVICA, PUBBLICA ILLUMINAZIONE E VIDEOSORVEGLIANZA CALCOLI ESECUTIVI SINTAGMA s.r.l. CAPOGRUPPO ALESSANDRO BRACCHINI MARCO ABRAM Architetto Coordinamento Ingegnere Dott. Arch. ALESSANDRO BRACCHINI AREA PROGETTI ASSOCIATI MARCO BALDUCCI ROBERTO REGNI CARLO OLIVANTI Ingegnere Ingegnere Ingegnere OIKOS PROGETTI ALBERTO CAPITANUCCI MARCO PINCA Ingegnere Architetto Visto / Approvazione STUDIO ARCH. ANDREA POCHINI ANDREA POCHINI Architetto GEOLOGI ASSOCIATI FILIPPO GUIDOBALDI Geologo STUDIO NATALIZI GIUSEPPE NATALIZI Geometra

2 PARTE GENERALE DESCRIZIONE GENERALE STATO ATTUALE IMPIANTI L intervento oggetto della presente relazione si riferisce al progetto esecutivo della " Sistemazione delle pavimentazioni e delle infrastrutture a rete di Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, Via XX Settembre nel centro storico del capoluogo". Come indicato nel titolo dell'intervento l'area interessata dal progetto è compresa tra le vie: Umberto I, XX Settembre e Piazza Mazzini. Gli interventi previsti andranno ad interessare tutte le infrastrutture presenti nella zona compresa illuminazione pubblica, la fibra ottica e prevederà l installazione di un sistema di videosorveglianza al fine di garantire una maggiore sicurezza al centro storico attraverso il monitoraggio da parte dei vigili Urbani. IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA Lo stato attuale degli impianti di illuminazione pubblica è costituito da lanterne a braccio installate sui muri delle abitazioni prospicienti le strade dotate di lampade SAP da 00W. La distribuzione è interrata con pozzetti ubicati al centro della strada e derivazioni secondarie realizzate tramite canaline di rame che a partire da terra permettono la salita dell alimentazione alla lanterna. Per l illuminazione di parte del muro di cinta del centro storico sono presenti fari da 400 W a ioduri metallici, mentre per l illuminazione artistica della facciata del Comune di Marsciano e del museo adiacente non è prevista nessuna illuminazione. Sono presenti anche due palini artistici per l illuminazione della zona del monumento di Marsciano ai fratelli Ceci. Gli interventi consisteranno quindi nello smantellamento totale del vecchio impianto di illuminazione pubblica ed il suo completo rifacimento, a partire dalle tubazioni e dalle dorsali di alimentazione, realizzando l illuminazione artistica delle facciate del museo e del comune, l'illuminazione d'accento dei nuovi arbusti previsti e della fontana incassata e l'illuminazione specifica per le vie transitabili anche da automobili. Il tutto utilizzando esclusivamente apparecchi illuminanti con tecnologia a LED ed ottiche specifiche. Gli impianti elettrici interessati rientrano nell'ambito applicativo delle Norme CEI 4-8 "Impianti utilizzatori a tensione nominale inferiore a 000 V in c.a." e specificatamente, nell ambito della sezione 74 che dal giugno 2005 sostituisce la Norma CEI 4/7, terza edizione, fascicolo 8 «Impianti elettrici di illuminazione pubblica».

3 IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Allo stato attuale non esiste, nella zona in oggetto, nessun tipo di videosorveglianza. L impianto che si andrà a realizzare sarà quindi totalmente di nuova fattura e verrà previsto secondo le specifiche esigenze del committente del progetto. RETE CIVICA Allo stato attuale è presente esclusivamente una predisposizione della distribuzione in fibra ottica, gestita da Telecom e riportata nel capitolo specifico. nell'ambito di questa progettazione, il committente vuole creare una propria rete civica che potrà eventualmente essere messa a disposizione anche a compagnie terze. Tale rete sarà costituita da tubazioni e pozzetti indipendenti, disposti in maniera tale da collegare i punti nevralgici pubblici della zona di intervento (municipio, museo, ecc...). PREDISPOSIZIONE LINEE ELETTRICHE (ENEL) La realizzazione della linee elettriche ENEL ha preso spunto sia dalla necessità dettate dalla Pubblica Amministrazione sia dalle richieste/prescrizioni dell Ente gestore che prenderà in carico l impianto. Ad oggi la porzione del centro abitato di Marsciano interessata dalle previsioni progettuali del PUC in oggetto è servita prevalentemente da una linea aerea e per una piccola porzione, in prossimità di Largo Garibaldi, da una linea interrata. La necessità primaria è quella di interrare l impianto e di eseguire, in questa fase, tutte le lavorazioni edili quali: scavi, ritombamenti e movimenti terra in genere, posizionamento dei pozzetti di linea, posa in opere delle dorsali principali e dei relativi allacci, nastri segnalatori, colonnini. Restano esclusi dal presente appalto la fornitura e la posa in opera dei cavi che unitamente agli allacci verranno eseguiti dall Ente Gestore a lavori ultimati. L impianto sarà costituito da una unica dorsale principale che correrà da Largo Goldoni a Largo Garibaldi e da Largo Garibaldi, nei pressi del palazzo del Municipio, lungo Via Umberto I fino all intersezione con Salita san Francesco, con doppio corrugato in PE a doppia parete Ø0. Sono previsti dai pozzetti linea gli stacchi alle singole utenze da eseguirsi con corrugati in PE doppia parete Ø3. Anche per garantire una flessibilità dell impianto è stato previsto di alloggiare dei colonnini al fine di garantire eventuali riallacci futuri. 2

4 Gli scavi verranno realizzati come da specifiche ENEL, alla profondità di 0,8/,00 ml dalla pavimentazione stradale; lungo gli scavi e ad una profondità adeguata verrà adagiato un nastro segnaletico in materiale plastico imputrescibile al fine di identificare in modo univoco il percorso del cavidotto. I chiusini in ghisa saranno di categoria adeguata alla carrabilità. PREDISPOSIZIONE LINEE TELEFONICHE E FIBRE OTTICHE (TELECOM) Anche in questo caso la progettazione ha preso spunto da precise richieste dell Ente Gestore. Oggi La zona oggetto della progettazione è servita da una rete di linee interrate che in periodi diversi sono state realizzate. L obbiettivo primo, anche in questo caso, è quello di creare una linea unica principale e dismettere in un secondo momento l impianto esistente. Il tracciato principale seguirà le direttrici già indicate per l impianto ENEL con la posa in opera di due corrugati in PE a doppia parete Ø25. Dei due corrugati, uno sarà destinato all alloggio dei vai TELECOM e l altro sarà destinato alle fibre ottiche. Saranno posizionati pozzetti di linea delle dimensioni standard di TELECOM 0*20 cm e 0/0 cm con stacchi per le utenze di medesimo diametro. I chiusini in ghisa saranno di categoria adeguata alla carrabilità con apertura a triangolo; questo tipo di apertura facilita enormemente le successive lavorazioni di introduzione dei cavi. 3

5 PARTE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA CLASSIFICAZIONE ILLUMINOTECNICA DELLE STRADE A PROGETTO Come detto in precedenza le due principali strade che si possono individuare nel progetto sono Via Umberto I e Via XX settembre entrambe percorribili in condizioni normali in un solo senso di marcia. Costituite quindi da una sola corsia per senso di marcia e da un unica carreggiata, posto che il limite di velocità è pari a 50 Km/h e visto che si trovano all interno del centro abitato, la loro classificazione è di tipo F ovvero strade locali urbane che rientrano nella categoria illuminotecnica di riferimento S3. La categoria illuminotecnica S3, secondo le norme 248, deve mantenere una luminanza minima sulla strada di 0.5 cd/m2. Tabella A - CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE E INDIVIDUAZIONE DELLA CATEGORIA ILLUMINOTECNICA DI RIFERIMENTO Tipo Descrizione Limiti di velocita' km/h Categoria illuminotecnica di riferimento A Autostrade extraurbane ME A Autostrade urbane 30 ME A2 Strade di servizio alle autostrade ME3a A2 Strade di servizio alle autostrade urbane 50 ME3a B Strade extraurbane principali 0 ME3a B Strade di servizio alle strade extraurbane principali ME4a C Strade extraurbane secondarie (tipi C e C2) ME3a C Strade extraurbane secondarie 50 ME4b C Strade extraurbane secondarie con limiti particolari ME3a D Strade urbane di scorrimento veloce 70 ME3a D Strade urbane di scorrimento veloce 50 ME3a E Strade urbane interquartiere 50 ME3a E Strade urbane di quartiere 50 ME3c F Strade locali extraurbane (tipi F e F2) ME3c F Strade locali extraurbane 50 ME3a F Strade locali extraurbane 30 ME4b F Strade locali urbane (tipi F e F2) 50 S3 F Strade locali urbane: centri storici, isole ambientali, zone ME4b F Strade locali urbane: altre situazioni 30 CE4 F Strade locali urbane: aree pedonali 5 CE5/S3 F Strade locali urbane: centri storici (utenti principali: pedoni, ammessi gli altri utenti) 5 CE5/S3 F Strade locali interzonali 50 - F Strade locali interzonal Piste ciclabili non dichiarato S3 - Strade a destinazione particolare 30 - Tabella B - COMPARAZIONE DI CATEGORIE ILLUMINOTECNICHE 4

6 - ME ME2 ME3 ME4 ME5 ME - - CE0 CE CE2 CE3 CE4 CE S S2 S3 S4 S5 S CALCOLO ILLUMINOTECNICO E DIMENSIONAMENTO Generalità I requisiti tecnici che l'impianto di illuminazione dell intersezione deve presentare per assicurare soddisfacenti condizioni di visibilità, sono: un adeguato illuminamento, nonché luminanza media dell area in modo tale che essa sia riconoscibile dal guidatore e che venga realizzato un sufficiente contrasto fra possibili ostacoli e sfondo. l'uniformità dell'illuminamento e della luminanza dell area al fine di assicurare che in ogni punto ci sia il suddetto contrasto con gli oggetti da individuare. la limitazione dell abbagliamento da parte dei centri luminosi. La disposizione planimetrica dei centri luminosi deve fornire una buona guida ottica e segnalare eventuali variazioni del normale tracciato (incroci, curve,ecc.). Nella relazione di calcolo allegata alla presente sono riportati i calcoli illuminotecnici relativi alla pubblica illuminazione nelle due zone tipo (ossia Via Umberto I e Via XX settembre). E' stata inoltre prevista un'illuminazione architetturale di accento con l'intento di evidenziare le mura antiche ed il palazzo comunale. CAVI E POSA DEI CAVI I circuiti di distribuzione saranno realizzati con cavi multipolari con guaina del tipo FG7OR non propagante la fiamma (CEI 20-35) e l'incendio (CEI 20-22) ed a bassa emissione di gas corrosivi CEI 20-37/2. La rete di distribuzione è prevista, per tutti i percorsi interrati, posata su due tubazione in Polietilene doppia parete della sezione di 90 mm, interrate in scavi predisposti ad una profondità di almeno 0.5m dal manto stradale. Per quanto riguarda le derivazioni ai punti luce saranno utilizzate canalette di rame per la salita e tubazioni corrugate di dimensioni minori per il raggiungimento dei fari a terra incassati. La distribuzione per la parte di illuminazione pubblica sarà condivisa anche con la parte di Videosorveglianza utilizzando un tubo per la distribuzione elettrica ed un tubo per la parte dati del progetto di videosorveglianza. Per l infilaggio dei cavi e il loro corretto smistamento saranno previsti idonei pozzetti lungo il percorso di profondità minima pari a 0,5m di sezione 0x0. Il distanziamento tra tali 5

7 pozzetti è rappresentato nelle tavole allegate e resta stabilito in generale dai punti di derivazione dei circuiti e dalla posizione dei punti luce. Per i percorsi comuni a più circuiti i conduttori verranno posati in un unica tubazione rispettando sempre le condizioni di sfilabilità dei cavi stessi, secondo le quali il diametro interno del tubo deve essere pari ad almeno,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio dei cavi in esso contenuti. Il tracciato del tubo protettivo interrato dovrà essere tale da consentire un andamento rettilineo orizzontale; le curve dovranno essere effettuate o con accessori idonei o con una curvatura tale da non danneggiare i cavi in esse posati e da permettere il corretto insilaggio. DIMENSIONAMENTO ELETTRICO Per il dimensionamento elettrico dei circuiti nel funzionamento normale si è assunto il 4% (Norme CEI 4-8) come valore massimo ammissibile per la caduta di tensione globale sulla rete di distribuzione. Per la valutazione della caduta di tensione per ogni linea della distribuzione radiale, nel calcolo del momento effettivo in funzione del carico globale pensato applicato all'estremo, si è introdotto il coefficiente del momento equivalente c(l), per tenere conto della distribuzione del carico lungo il circuito. Sulla base di quanto sopra evidenziato in pratica si è limitato, quale obiettivo di qualità, il valore della caduta di tensione massima di progetto per la componente fondamentale al 4% circa. E' stata effettuata la verifica termica della sezione adottata in relazione al tipo di posa ed alla presenza di altri cavi. Il dimensionamento dei circuiti effettuato soddisferà, quindi, il loro funzionamento anomalo per sovracorrente (in generale, corto circuito massimo e minimo, energia specifica passante) in coordinamento con le protezioni preposte. Per le nuove linee in partenza dal quadro esistente del centro storico, si sono ipotizzati interruttori curva C per la protezione del corto circuito minimo. Tale scelta garantisce una soglia di sicuro intervento istantanea pari a 5 volte la corrente nominale I n del dispositivo. Gli interruttori saranno dotati di intervento differenziale selettivo con soglia pari a 0,3A del tipo contro interventi intempestivi per fenomeni atmosferici. Per il comando dell'accensione delle lampade è previsto un contattore per ogni circuito in partenza, azionato da un interruttore crepuscolare già esistente all interno del quadro generale del centro storico.

8 Come detto in precedenza il nuovo quadro elettrico destinato all'alimentazione ed alla protezione dell'impianto di progetto farà capo allo stesso punto di fornitura di quello già esistente all interno del centro storico di Marsciano nella zona attualmente interessata al primo lotto di interventi. Nell'allegato alla presente è riportato lo schema unifilare del quadro elettrico e la relazione di calcolo delle linee di progetto. PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI E INDIRETTI Per la protezione dai contatti diretti ed indiretti si è optato per la realizzazione di un sistema a doppio isolamento (Classe II). Nei confronti dei contatti diretti risulta applicata la regola generale in base alla quale tutte le parti attive sono isolate o protette con involucri o barriere. Per quanto attiene gli impianti che prevedono la protezione dai contatti indiretti senza interruzione dell alimentazione, con l adozione della classe II di isolamento, la norma CEI 4-8/7 per gli impianti di illuminazione situati all esterno, all art , evidenzia che non deve essere previsto alcun conduttore di protezione e le parti conduttrici, separate dalle parti attive con isolamento doppio o rinforzato, non devono essere collegate intenzionalmente all impianto di terra. In un ambito di una efficace attività manutentiva periodica, la normativa non prende in considerazione la perdita del doppio isolamento, rischio considerato tollerabile, rispetto alla probabilità di trasferimento di potenziali sull impianto di terra unico di tutti i pali, qualora fosse non efficiente. Avendo adottato esclusivamente apparati in classe II di isolamento non si prevede la realizzazione di alcun impianto di dispersione di terra. INQUINAMENTO LUMINOSO Al fine di escludere qualsiasi problematica di inquinamento luminoso, sono stati adottati apparecchi illuminanti che soddisfano le più critiche classificazioni della norma UNI 089 e le più restrittive leggi vigenti, tra le quali, la Legge Regionale Umbra 28 febbraio 2005 n. 20 e relativo Regolamento (n. 2 del 5 Aprile 2007). 7

9 PARTE VIDEOSORVEGLIANZA GENERALITA PROGETTO Il sistema di videosorveglianza previsto nel presente progetto è costituita da alcuni punti di ripresa ubicati nei punti strategici dell'intervento, individuati dalla committenza ed indicati specificatamente nelle planimetrie di progetto. Il sistema di videosorveglianza farà capo alla caserma dei Vigili Urbani, che si trova in adiacenza al comune di Marsciano, in modo che le immagini possano essere sempre sotto controllo così da permettere anche un tempestivo intervento in caso di problemi di ogni natura. APPARECCHIATURE USATE, SPECIFICHE E UBICAZIONE Il posizionamento delle telecamere avverrà in modo concordato con la committenza dei lavori e in modo strategico al fine di controllare tutti gli spazi nelle vie interessate dal progetto. E postazioni di ripresa verranno installate sui muri prospicienti le vie, ad una altezza di sicurezza fuori dalla portata delle persone, e potranno essere costituite sia da telecamere fisse che speed dome. Le telecamere speed dome sono dotate di un obiettivo ruotante a 30, non hanno quindi punti ciechi e sono molto indicate per spazi aperti, soprattutto per creare ronde e controlli mobili. Le telecamere fisse possono invece essere orientate verso punti sensibili e garantiscono la ripresa continuativa delle immagini su una singola sezione d'interesse. Le telecamere previste dal progetto saranno installate all'interno di custodie specifiche da esterno e saranno tutte in esecuzione antivandalo. La tecnologia del sistema di Videosorveglianza sarà basata su protocollo TCP/IP prevedendo apparati IP nativi, dotati di media converter per realizzare la distribuzione interrata in fibra ottica, che supporteranno l'alimentazione POE (Power Over Ethernet). Tutte le telecamere faranno capo ad un rack dati, installato all'interno della caserma della polizia municipale, costituito da apparati attivi di trasmissione dati, apparati di permutazione e da un server di gestione e registrazione su Hard disk RAID, dotato di software specifico ad alte performance, il tutto alimentato tramite un gruppo di continuità UPS tale da garantire l'alimentazione continuativa di tutti gli impianti ed apparati, in assenza di corrente, per almeno ora. 8

10 RELAZIONE DI CALCOLO ILLUMINOTECNICA

11

12 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ".!" " /!0!$!$2"!2" "$! 322!24 522&!$!2!$ *5$!4 '(()( 2$!022!$2!"!!2" $722!!2!"!"! 8# /

13 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". *""!$"!!/)0#2$03"#"4/5 / 7! 8!!*""!$!!4 ) <"$! ';!=%>?'=4 02$49: 02$!49: 79;: ' %"!/ %"!/ (( ) ( 7

14 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 7

15 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5 '' /0 #!"))2" :7 7 :7 ' 2

16 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 2!$!23!&!! 2!!2"!0 ""22!"0 4 ''5 /0 #!"0))" ' (

17 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 233!3!"""" /0 43!$!32!&!! 3!!3"! 4""33!" 5 '' #!"))4" :7 7 :7 ' 4'

18 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 /$!023 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4)

19 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 23 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4

20 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 55!5!"""" /$!023 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4

21 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( /0 #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

22 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( 0 #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

23 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 433!3!"""" /0 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

24 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7,(( 8 /$!023 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' 4

25 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7,(( 8 23 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' 4

26 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 455!5!"""" /$!023 5!$!54!&!! 5!!5"!3 ""55!"3 7,(( 8 #!"3))" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' (

27 SCHEMA UNIFILARE QUADRO ELETTRICO E RELAZIONI DI CALCOLO UTENZE DI PROGETTO

28

29

30 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&'! '!''%# "#"!("!'#))"..4 # 3 % %4 % % "2/3 999:; 999:; 9(:< 9* 9 < 5/ 8=/ %. % %2 > :< (:< ((:< 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ A" %/ <./ % *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

31 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!'* "!'* "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

32 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!', "!', "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

33 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!'- "!'* "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

34 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&".'/* ".'/ "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

35 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&'..'/"(" '.".'/"(" "#"!("!'#))"..4 # 3 % %4 % % "2/3 :; ( :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 &#B' > :< *9*:< *9*:< 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34 * 5 * %/ <./ * % *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marsciano Provincia di Perugia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Sistemazione delle pavimentazioni e delle infrastrutture a rete di

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA di VIA IV NOVEMBRE PROGETTO ESECUTIVO 2014 RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RESPONSABILE UNICO

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO File: Relazione tecnica Data 11-11-2009 1 INDICE RELAZIONE DI CALCOLO E CRITERI DI DIMENSIONAMENTO... 3 CRITERI DI PROGETTO... 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI PREMESSA La presente relazione riguarda la realizzazione dell impianto elettrico e di trasmissione dati per l allestimento dell aula informatica della scuola G.

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI PIETRAMELARA PROVINCIA DI CASERTA PROGETTO/DIMENSIONAMENTO E VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO A SERVIZIO DELL EDIFICIO COMUNALE DA DESTINARE AD ASILO NIDO -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Varapodio Progetto Definitivo/Esecutivo

Dettagli

per.ind. Corà Michele - Studio Progettazioni Elettrotecniche CEDRO srl. SS. 11 36077 Altavilla (VI) Illuminazione Parcheggi Interni RELAZIONE TECNICA

per.ind. Corà Michele - Studio Progettazioni Elettrotecniche CEDRO srl. SS. 11 36077 Altavilla (VI) Illuminazione Parcheggi Interni RELAZIONE TECNICA Numero Pratica: 73/2008 - Revisione: 02 del 14/04/2010 Percorso: I:\LAV\CORA\Deposito Crespellano\Crespellano 2\Progetto Preliminare\Testi\Relazione Illuminazione Parcheggi R02-140807.odt CEDRO srl. SS.

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA BB3 / D E REL / 0 1 7 Committente REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO Commessa OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE Progetto IMPIANTI ELETTRICI Fase PROGETTO DEFINITIVO Documento Originale:

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO (Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008) Pagina 1 di 9 INDICE 1. OGGETTO...3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3. DESCRIZIONE LAVORO....4 3.1.ALIMENTAZIONE IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

EUROIMMOBILIARE S.r.l.

EUROIMMOBILIARE S.r.l. Committente: EUROIMMOBILIARE S.r.l. Oggetto: PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA LOTTIZZAZIONE MURELLE VECCHIA VIA COGNARO 35010 VILLANOVA DI CAMPOSAMPIERO (PD) RELAZIONE TECNICA IMPIANTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE. Progetto Esecutivo

COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE. Progetto Esecutivo COMUNE DI CAROVIGNO Provincia BRINDISI CENTRI STORICI DA RIVIVERE Progetto Esecutivo RELAZIONE DI CALCOLO DELL' IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PREMESSA I comuni di Carovigno, Ceglie Messapica, San Michele,

Dettagli

SYNERGY studio associato 13011_REL_00.odt 1.00 PREMESSA...2 2.00 LEGISLAZIONE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3.00 IPOTESI E DATI DI PROGETTO...

SYNERGY studio associato 13011_REL_00.odt 1.00 PREMESSA...2 2.00 LEGISLAZIONE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3.00 IPOTESI E DATI DI PROGETTO... SYNERGY studio associato 13011_REL_00.odt Indice generale 1.00 PREMESSA...2 2.00 LEGISLAZIONE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3.00 IPOTESI E DATI DI PROGETTO...4 4.00 MISURE DI PROTEZIONE DELLE PERSONE

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO COMUNE DI ODERZO PROVINCIA DI TREVISO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PUBBLICA INERENTE ALL AREA DENOMINATA EX-EUROPA SITA IN VIA DELLE GRAZIE A ODERZO in adeguamento all'app3 in Variante COMMITTENTE:

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Sistemi di distribuzione a MT e BT

Sistemi di distribuzione a MT e BT Sistemi di distribuzione a MT e BT La posizione ottima in cui porre la cabina di trasformazione coincide con il baricentro elettrico, che il punto in cui si pu supporre concentrata la potenza assorbita

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI Tutte le masse, le masse estranee e i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche devono essere collegati ad un unico impianto di messa a terra, ovvero

Dettagli

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA 1. OGGETTO La presente relazione tecnica ha per oggetto il progetto relativo alla realizzazione di un impianto fotovoltaico. Tale impianto ha lo scopo di generare energia elettrica mediante la conversione

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

Geometra Carlo Cecchetelli

Geometra Carlo Cecchetelli STUDIO CECCHETELLI Piazza XX Settembre n. 27/2-61032 FANO - tel. 0721/827780 Ditta : SORCINELLI GIANFRANCO SANTINI LUCIANA Oggetto : PIANO ATTUATIVO DEL COMPARTO DENOMINATO ST6_52 Comparto residenziale

Dettagli

Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale. Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione. Tema di: Impianti Elettrici

Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale. Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione. Tema di: Impianti Elettrici Esame di Stato di Istituto Tecnico Industriale Indirizzo: Elettrotecnica ed Automazione Tema di: Impianti Elettrici Testo: Un complesso residenziale comprende le seguenti utenze: cinque villette con box

Dettagli

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO

IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA. 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO IL PROGETTISTA IL COMMITTENTE L IMPRESA 10.10.2014 A02 Relazione tecnica specialistica G.L.G. G.L.G. DATA DESCRIZIONE REDATTO CONTROLLATO committente Comune di Sorico Piazza Cesare Battisti, 2 22010 SORICO

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia

PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia PROVINCIA DI TRIESTE Area Servizi Tecnici U.O.C. Edilizia Palazzo Galatti di Piazza Vittorio Veneto n 4 a Trieste. Lavori di ristrutturazione ed adeguamento del Piano Terra per la realizzazione di nuovi

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA SU CONSISTENZA E TIPOLOGIA Progetto: Progetto1 Descrizione: Impianto 1 Committente: Mario Rossi Ubicazione: Barletta Progettista: Ing. Franco verdi Data: 18/02/2012

Dettagli

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA

RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA RECUPERO E RESTAURO EX CONVENTO DEI FRATI MINORI FRANCESCANI PER ATTIVITA MUSEALE ESPAZI PER LA CULTURA 1 Premessa La presente relazione riguarda l impianto elettrico da realizzarsi nel complesso edilizio

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO IMPIANTO ELETTRICO Premessa Nel seguito sono descritti gli impianti elettrici e di terra da realizzare per ciascun punto nel quale sono installate gli apparati dell'sistema

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Opere di completamento per nuova sede E.S.A. S.p.A. PROGETTISTA OGGETTO CLIENTE INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... INDICE 1 OGGETTO... 3 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3 DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE E CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO... 5 4 CRITERI DI SICUREZZA ADOTTATI... 6 4.1 PROTEZIONE CONTRO SOVRACCARICHI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006)

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) COMUNE DI IMPRUNETA Provincia di Firenze CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (art. 30 del D.Lgs. 163/2006) ALLEGATO Interventi sugli impianti elettrici Il Responsabile

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione)

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori a portata

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICO-NORMATIVA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CALABRIA COMUNE DI SANT ANDREA SULLO IONIO PROVINCIA DI CATANZARO COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI RESTAURO DI BENI STORICO- ARTISTICI DELLA CHIESA DI SANT ANDREA APOSTOLO (POR CALABRIA 2007/2013

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2000 Certificato CSQ n.9122 ASLB Servizio Impiantistica e Sicurezza Lavoro Responsabile: Ing. Basilio A. Sertori 24125 Bergamo Via

Dettagli

PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI, CULTURALI E TURISMO SOSTENIBILE LINEA DI INTERVENTO 5.2.1.

PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI, CULTURALI E TURISMO SOSTENIBILE LINEA DI INTERVENTO 5.2.1. MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA

Dettagli

Relazione impianto elettrico e schema quadro

Relazione impianto elettrico e schema quadro Relazione impianto elettrico e schema quadro 1.1 RETE ELETTRICA... 1 1.2 DESCRIZIONE DELL OGGETTO DEI LAVORI... 1 1.3 OSSERVAZIONI DI LEGGI, DECRETI, REGOLAMENTI... 2 1. ONERI ED OBBLIGHI A CARICO DELL

Dettagli

Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo II Lotto, I Stralcio funzionale. (Blocco spogliatoi).

Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo II Lotto, I Stralcio funzionale. (Blocco spogliatoi). R E L A Z I O N E I M P I A N T I S T I C A Resa ai sensi della ex L. 46/90, così come modificata dalla L. 37/09 e succ. mod e integr. Oggetto: realizzazione parco pubblico polivalente in via Pizzolungo

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Relazione tecnica Impianti elettrici

Relazione tecnica Impianti elettrici Relazione tecnica Impianti elettrici GENERALITA La presente relazione tecnica definisce i requisiti a cui dovranno rispondere i materiali, le apparecchiature che costituiscono l impianto elettrico, nonché

Dettagli

Impianto di controllo automatico ZTL Comune di Como. Relazione tecnica di calcolo impianto elettrico SOMMARIO

Impianto di controllo automatico ZTL Comune di Como. Relazione tecnica di calcolo impianto elettrico SOMMARIO SOMMARIO 1. Finalità... 2 2. Dati del sistema di distribuzione e di utilizzazione dell energia elettrica... 2 3. Misure di protezione dai contatti diretti... 2 4. Misure di protezione dai contatti indiretti...

Dettagli

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω]

R e [Ω] 50[V]/ I = 50[V] / 0,3[A] = 166 [Ω] IMPIANTO DI TERRA La messa a terra di protezione di tutte le parti dell impianto sarà effettuata collegando le parti interessate ad un impianto di terra unico. Il suddetto impianto di terra comprenderà:

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone INDICE 1. PREMESSE... 2 2. RETE IMPIANTO ELETTRICO... 4 2.1. RETE ENEL MT / BT... 4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA... 5 2.3. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA...

Dettagli

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI CAPITOLO N 1 IMPIANTI CIVILI AVVERTENZE Nel presente capitolo si è tenuto conto dei seguenti requisiti minimi: Nelle abitazioni e negli edifici residenziali in genere,

Dettagli

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI 1 COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO (PROVINCIA DI PERUGIA) PROGRAMMA URBANO COMPLESSO PUC 2/2008 (D.G.R.351/08) LA CITTA DEL LAGO CENTRO STORICO AREA MONUMENTALE AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO

Dettagli

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione anno 2016 Programma del Corso Parte 1 - Criteri metodologici (16 ore) Argomenti rif. didattici Sistema elettrico Scheda

Dettagli

Su una area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 180 e 90m si deve realizzare un complesso residenziale composto da:

Su una area a forma rettangolare i cui lati misurano rispettivamente 180 e 90m si deve realizzare un complesso residenziale composto da: ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 1999 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Su una area a forma rettangolare i cui lati

Dettagli

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012 BANDO DI GARA Progettazione, Fornitura e posa in opera, avvio operativo, collaudo e manutenzione in garanzia di un sistema di controllo autorizzato degli accessi al centro della Città di Prato AVVISO DI

Dettagli

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO...

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... 2 ELENCO SITI ED ATTIVITÀ... 3 POLIZIA LOCALE... 3 VARCO NORD VIALE PORTA ADIGE... 3 VARCO SUD VIALE PORTA PO... 4 VARCO EST VIALE TRE MARTIRI... 4 CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

ALL. 6 SPECIFICA TECNICA RELATIVA AGLI IMPIANTI ELETTRICI DI ALIMENTAZIONE PER OSPITALITA DI ENTI ESTERNI

ALL. 6 SPECIFICA TECNICA RELATIVA AGLI IMPIANTI ELETTRICI DI ALIMENTAZIONE PER OSPITALITA DI ENTI ESTERNI ALL. 6 SPECIFICA TECNICA RELATIVA AGLI IMPIANTI ELETTRICI DI ALIMENTAZIONE PER OSPITALITA DI ENTI ESTERNI RW/I/I/24871 Roma, 5 settembre 2002 Revisioni: Autore Revisione Data revisione Numero Revisione

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA

Dettagli

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante

Realizzazione autorimessa. Via della pace nel mondo Sestri Levante Dott. Ing. Andrea Muzio Via Dante 72 Sestri Levante (GE) tel. 018541082 - fax. 0185482916 cell. 3357849106 e-mail: andrea@muzioing.it Realizzazione autorimessa Via della pace nel mondo Sestri Levante Opere

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1)

REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1) REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO (1) (1) http://leotardi.no-ip.com/html/impiantoelettrico/impiantoappar.htm Fasi di esecuzione (impianto sottotraccia) Cronologicamente si hanno

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI SISTEMAZIONE SOTTOSERVIZI E PAVIMENTAZIONI STRADALI NELLA VIA MANNO, PIAZZA COSTITUZIONE E SCALETTE SANTA TERESA

COMUNE DI CAGLIARI SISTEMAZIONE SOTTOSERVIZI E PAVIMENTAZIONI STRADALI NELLA VIA MANNO, PIAZZA COSTITUZIONE E SCALETTE SANTA TERESA COMUNE DI CAGLIARI SISTEMAZIONE SOTTOSERVIZI E PAVIMENTAZIONI STRADALI NELLA VIA MANNO, PIAZZA COSTITUZIONE E SCALETTE SANTA TERESA 1. PAVIMENTAZIONI L intervento prevede pavimentazioni con materiale lapideo

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

LIBRETTO DELLE MISURE

LIBRETTO DELLE MISURE COMUNE DI ORIO LITTA Provincia di Lodi pag. 1 LIBRETTO DELLE MISURE OGGETTO: ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DELLA CASERMA DEI CARABINIERI SITA IN VIA MAZZINI, 40 - ORIO LITTA ALLE NORME VIGENTI COMMITTENTE:

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1 PREMESSE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 2.1 Norme CEI ed UNI... 2 2.2 Legislazione vigente... 3 3 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI... 3 4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE... 3 5 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO...

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... SOMMARIO CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... 6 1 INTRODUZIONE I calcoli elettrici che formano

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli