COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2. Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2. Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO"

Transcript

1 COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2 Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI: ENEL, TELECOM, RETE CIVICA, PUBBLICA ILLUMINAZIONE E VIDEOSORVEGLIANZA CALCOLI ESECUTIVI SINTAGMA s.r.l. CAPOGRUPPO ALESSANDRO BRACCHINI MARCO ABRAM Architetto Coordinamento Ingegnere Dott. Arch. ALESSANDRO BRACCHINI AREA PROGETTI ASSOCIATI MARCO BALDUCCI ROBERTO REGNI CARLO OLIVANTI Ingegnere Ingegnere Ingegnere OIKOS PROGETTI ALBERTO CAPITANUCCI MARCO PINCA Ingegnere Architetto Visto / Approvazione STUDIO ARCH. ANDREA POCHINI ANDREA POCHINI Architetto GEOLOGI ASSOCIATI FILIPPO GUIDOBALDI Geologo STUDIO NATALIZI GIUSEPPE NATALIZI Geometra

2 PARTE GENERALE DESCRIZIONE GENERALE STATO ATTUALE IMPIANTI L intervento oggetto della presente relazione si riferisce al progetto esecutivo della " Sistemazione delle pavimentazioni e delle infrastrutture a rete di Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, Via XX Settembre nel centro storico del capoluogo". Come indicato nel titolo dell'intervento l'area interessata dal progetto è compresa tra le vie: Umberto I, XX Settembre e Piazza Mazzini. Gli interventi previsti andranno ad interessare tutte le infrastrutture presenti nella zona compresa illuminazione pubblica, la fibra ottica e prevederà l installazione di un sistema di videosorveglianza al fine di garantire una maggiore sicurezza al centro storico attraverso il monitoraggio da parte dei vigili Urbani. IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA Lo stato attuale degli impianti di illuminazione pubblica è costituito da lanterne a braccio installate sui muri delle abitazioni prospicienti le strade dotate di lampade SAP da 00W. La distribuzione è interrata con pozzetti ubicati al centro della strada e derivazioni secondarie realizzate tramite canaline di rame che a partire da terra permettono la salita dell alimentazione alla lanterna. Per l illuminazione di parte del muro di cinta del centro storico sono presenti fari da 400 W a ioduri metallici, mentre per l illuminazione artistica della facciata del Comune di Marsciano e del museo adiacente non è prevista nessuna illuminazione. Sono presenti anche due palini artistici per l illuminazione della zona del monumento di Marsciano ai fratelli Ceci. Gli interventi consisteranno quindi nello smantellamento totale del vecchio impianto di illuminazione pubblica ed il suo completo rifacimento, a partire dalle tubazioni e dalle dorsali di alimentazione, realizzando l illuminazione artistica delle facciate del museo e del comune, l'illuminazione d'accento dei nuovi arbusti previsti e della fontana incassata e l'illuminazione specifica per le vie transitabili anche da automobili. Il tutto utilizzando esclusivamente apparecchi illuminanti con tecnologia a LED ed ottiche specifiche. Gli impianti elettrici interessati rientrano nell'ambito applicativo delle Norme CEI 4-8 "Impianti utilizzatori a tensione nominale inferiore a 000 V in c.a." e specificatamente, nell ambito della sezione 74 che dal giugno 2005 sostituisce la Norma CEI 4/7, terza edizione, fascicolo 8 «Impianti elettrici di illuminazione pubblica».

3 IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Allo stato attuale non esiste, nella zona in oggetto, nessun tipo di videosorveglianza. L impianto che si andrà a realizzare sarà quindi totalmente di nuova fattura e verrà previsto secondo le specifiche esigenze del committente del progetto. RETE CIVICA Allo stato attuale è presente esclusivamente una predisposizione della distribuzione in fibra ottica, gestita da Telecom e riportata nel capitolo specifico. nell'ambito di questa progettazione, il committente vuole creare una propria rete civica che potrà eventualmente essere messa a disposizione anche a compagnie terze. Tale rete sarà costituita da tubazioni e pozzetti indipendenti, disposti in maniera tale da collegare i punti nevralgici pubblici della zona di intervento (municipio, museo, ecc...). PREDISPOSIZIONE LINEE ELETTRICHE (ENEL) La realizzazione della linee elettriche ENEL ha preso spunto sia dalla necessità dettate dalla Pubblica Amministrazione sia dalle richieste/prescrizioni dell Ente gestore che prenderà in carico l impianto. Ad oggi la porzione del centro abitato di Marsciano interessata dalle previsioni progettuali del PUC in oggetto è servita prevalentemente da una linea aerea e per una piccola porzione, in prossimità di Largo Garibaldi, da una linea interrata. La necessità primaria è quella di interrare l impianto e di eseguire, in questa fase, tutte le lavorazioni edili quali: scavi, ritombamenti e movimenti terra in genere, posizionamento dei pozzetti di linea, posa in opere delle dorsali principali e dei relativi allacci, nastri segnalatori, colonnini. Restano esclusi dal presente appalto la fornitura e la posa in opera dei cavi che unitamente agli allacci verranno eseguiti dall Ente Gestore a lavori ultimati. L impianto sarà costituito da una unica dorsale principale che correrà da Largo Goldoni a Largo Garibaldi e da Largo Garibaldi, nei pressi del palazzo del Municipio, lungo Via Umberto I fino all intersezione con Salita san Francesco, con doppio corrugato in PE a doppia parete Ø0. Sono previsti dai pozzetti linea gli stacchi alle singole utenze da eseguirsi con corrugati in PE doppia parete Ø3. Anche per garantire una flessibilità dell impianto è stato previsto di alloggiare dei colonnini al fine di garantire eventuali riallacci futuri. 2

4 Gli scavi verranno realizzati come da specifiche ENEL, alla profondità di 0,8/,00 ml dalla pavimentazione stradale; lungo gli scavi e ad una profondità adeguata verrà adagiato un nastro segnaletico in materiale plastico imputrescibile al fine di identificare in modo univoco il percorso del cavidotto. I chiusini in ghisa saranno di categoria adeguata alla carrabilità. PREDISPOSIZIONE LINEE TELEFONICHE E FIBRE OTTICHE (TELECOM) Anche in questo caso la progettazione ha preso spunto da precise richieste dell Ente Gestore. Oggi La zona oggetto della progettazione è servita da una rete di linee interrate che in periodi diversi sono state realizzate. L obbiettivo primo, anche in questo caso, è quello di creare una linea unica principale e dismettere in un secondo momento l impianto esistente. Il tracciato principale seguirà le direttrici già indicate per l impianto ENEL con la posa in opera di due corrugati in PE a doppia parete Ø25. Dei due corrugati, uno sarà destinato all alloggio dei vai TELECOM e l altro sarà destinato alle fibre ottiche. Saranno posizionati pozzetti di linea delle dimensioni standard di TELECOM 0*20 cm e 0/0 cm con stacchi per le utenze di medesimo diametro. I chiusini in ghisa saranno di categoria adeguata alla carrabilità con apertura a triangolo; questo tipo di apertura facilita enormemente le successive lavorazioni di introduzione dei cavi. 3

5 PARTE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA CLASSIFICAZIONE ILLUMINOTECNICA DELLE STRADE A PROGETTO Come detto in precedenza le due principali strade che si possono individuare nel progetto sono Via Umberto I e Via XX settembre entrambe percorribili in condizioni normali in un solo senso di marcia. Costituite quindi da una sola corsia per senso di marcia e da un unica carreggiata, posto che il limite di velocità è pari a 50 Km/h e visto che si trovano all interno del centro abitato, la loro classificazione è di tipo F ovvero strade locali urbane che rientrano nella categoria illuminotecnica di riferimento S3. La categoria illuminotecnica S3, secondo le norme 248, deve mantenere una luminanza minima sulla strada di 0.5 cd/m2. Tabella A - CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE E INDIVIDUAZIONE DELLA CATEGORIA ILLUMINOTECNICA DI RIFERIMENTO Tipo Descrizione Limiti di velocita' km/h Categoria illuminotecnica di riferimento A Autostrade extraurbane ME A Autostrade urbane 30 ME A2 Strade di servizio alle autostrade ME3a A2 Strade di servizio alle autostrade urbane 50 ME3a B Strade extraurbane principali 0 ME3a B Strade di servizio alle strade extraurbane principali ME4a C Strade extraurbane secondarie (tipi C e C2) ME3a C Strade extraurbane secondarie 50 ME4b C Strade extraurbane secondarie con limiti particolari ME3a D Strade urbane di scorrimento veloce 70 ME3a D Strade urbane di scorrimento veloce 50 ME3a E Strade urbane interquartiere 50 ME3a E Strade urbane di quartiere 50 ME3c F Strade locali extraurbane (tipi F e F2) ME3c F Strade locali extraurbane 50 ME3a F Strade locali extraurbane 30 ME4b F Strade locali urbane (tipi F e F2) 50 S3 F Strade locali urbane: centri storici, isole ambientali, zone ME4b F Strade locali urbane: altre situazioni 30 CE4 F Strade locali urbane: aree pedonali 5 CE5/S3 F Strade locali urbane: centri storici (utenti principali: pedoni, ammessi gli altri utenti) 5 CE5/S3 F Strade locali interzonali 50 - F Strade locali interzonal Piste ciclabili non dichiarato S3 - Strade a destinazione particolare 30 - Tabella B - COMPARAZIONE DI CATEGORIE ILLUMINOTECNICHE 4

6 - ME ME2 ME3 ME4 ME5 ME - - CE0 CE CE2 CE3 CE4 CE S S2 S3 S4 S5 S CALCOLO ILLUMINOTECNICO E DIMENSIONAMENTO Generalità I requisiti tecnici che l'impianto di illuminazione dell intersezione deve presentare per assicurare soddisfacenti condizioni di visibilità, sono: un adeguato illuminamento, nonché luminanza media dell area in modo tale che essa sia riconoscibile dal guidatore e che venga realizzato un sufficiente contrasto fra possibili ostacoli e sfondo. l'uniformità dell'illuminamento e della luminanza dell area al fine di assicurare che in ogni punto ci sia il suddetto contrasto con gli oggetti da individuare. la limitazione dell abbagliamento da parte dei centri luminosi. La disposizione planimetrica dei centri luminosi deve fornire una buona guida ottica e segnalare eventuali variazioni del normale tracciato (incroci, curve,ecc.). Nella relazione di calcolo allegata alla presente sono riportati i calcoli illuminotecnici relativi alla pubblica illuminazione nelle due zone tipo (ossia Via Umberto I e Via XX settembre). E' stata inoltre prevista un'illuminazione architetturale di accento con l'intento di evidenziare le mura antiche ed il palazzo comunale. CAVI E POSA DEI CAVI I circuiti di distribuzione saranno realizzati con cavi multipolari con guaina del tipo FG7OR non propagante la fiamma (CEI 20-35) e l'incendio (CEI 20-22) ed a bassa emissione di gas corrosivi CEI 20-37/2. La rete di distribuzione è prevista, per tutti i percorsi interrati, posata su due tubazione in Polietilene doppia parete della sezione di 90 mm, interrate in scavi predisposti ad una profondità di almeno 0.5m dal manto stradale. Per quanto riguarda le derivazioni ai punti luce saranno utilizzate canalette di rame per la salita e tubazioni corrugate di dimensioni minori per il raggiungimento dei fari a terra incassati. La distribuzione per la parte di illuminazione pubblica sarà condivisa anche con la parte di Videosorveglianza utilizzando un tubo per la distribuzione elettrica ed un tubo per la parte dati del progetto di videosorveglianza. Per l infilaggio dei cavi e il loro corretto smistamento saranno previsti idonei pozzetti lungo il percorso di profondità minima pari a 0,5m di sezione 0x0. Il distanziamento tra tali 5

7 pozzetti è rappresentato nelle tavole allegate e resta stabilito in generale dai punti di derivazione dei circuiti e dalla posizione dei punti luce. Per i percorsi comuni a più circuiti i conduttori verranno posati in un unica tubazione rispettando sempre le condizioni di sfilabilità dei cavi stessi, secondo le quali il diametro interno del tubo deve essere pari ad almeno,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio dei cavi in esso contenuti. Il tracciato del tubo protettivo interrato dovrà essere tale da consentire un andamento rettilineo orizzontale; le curve dovranno essere effettuate o con accessori idonei o con una curvatura tale da non danneggiare i cavi in esse posati e da permettere il corretto insilaggio. DIMENSIONAMENTO ELETTRICO Per il dimensionamento elettrico dei circuiti nel funzionamento normale si è assunto il 4% (Norme CEI 4-8) come valore massimo ammissibile per la caduta di tensione globale sulla rete di distribuzione. Per la valutazione della caduta di tensione per ogni linea della distribuzione radiale, nel calcolo del momento effettivo in funzione del carico globale pensato applicato all'estremo, si è introdotto il coefficiente del momento equivalente c(l), per tenere conto della distribuzione del carico lungo il circuito. Sulla base di quanto sopra evidenziato in pratica si è limitato, quale obiettivo di qualità, il valore della caduta di tensione massima di progetto per la componente fondamentale al 4% circa. E' stata effettuata la verifica termica della sezione adottata in relazione al tipo di posa ed alla presenza di altri cavi. Il dimensionamento dei circuiti effettuato soddisferà, quindi, il loro funzionamento anomalo per sovracorrente (in generale, corto circuito massimo e minimo, energia specifica passante) in coordinamento con le protezioni preposte. Per le nuove linee in partenza dal quadro esistente del centro storico, si sono ipotizzati interruttori curva C per la protezione del corto circuito minimo. Tale scelta garantisce una soglia di sicuro intervento istantanea pari a 5 volte la corrente nominale I n del dispositivo. Gli interruttori saranno dotati di intervento differenziale selettivo con soglia pari a 0,3A del tipo contro interventi intempestivi per fenomeni atmosferici. Per il comando dell'accensione delle lampade è previsto un contattore per ogni circuito in partenza, azionato da un interruttore crepuscolare già esistente all interno del quadro generale del centro storico.

8 Come detto in precedenza il nuovo quadro elettrico destinato all'alimentazione ed alla protezione dell'impianto di progetto farà capo allo stesso punto di fornitura di quello già esistente all interno del centro storico di Marsciano nella zona attualmente interessata al primo lotto di interventi. Nell'allegato alla presente è riportato lo schema unifilare del quadro elettrico e la relazione di calcolo delle linee di progetto. PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI E INDIRETTI Per la protezione dai contatti diretti ed indiretti si è optato per la realizzazione di un sistema a doppio isolamento (Classe II). Nei confronti dei contatti diretti risulta applicata la regola generale in base alla quale tutte le parti attive sono isolate o protette con involucri o barriere. Per quanto attiene gli impianti che prevedono la protezione dai contatti indiretti senza interruzione dell alimentazione, con l adozione della classe II di isolamento, la norma CEI 4-8/7 per gli impianti di illuminazione situati all esterno, all art , evidenzia che non deve essere previsto alcun conduttore di protezione e le parti conduttrici, separate dalle parti attive con isolamento doppio o rinforzato, non devono essere collegate intenzionalmente all impianto di terra. In un ambito di una efficace attività manutentiva periodica, la normativa non prende in considerazione la perdita del doppio isolamento, rischio considerato tollerabile, rispetto alla probabilità di trasferimento di potenziali sull impianto di terra unico di tutti i pali, qualora fosse non efficiente. Avendo adottato esclusivamente apparati in classe II di isolamento non si prevede la realizzazione di alcun impianto di dispersione di terra. INQUINAMENTO LUMINOSO Al fine di escludere qualsiasi problematica di inquinamento luminoso, sono stati adottati apparecchi illuminanti che soddisfano le più critiche classificazioni della norma UNI 089 e le più restrittive leggi vigenti, tra le quali, la Legge Regionale Umbra 28 febbraio 2005 n. 20 e relativo Regolamento (n. 2 del 5 Aprile 2007). 7

9 PARTE VIDEOSORVEGLIANZA GENERALITA PROGETTO Il sistema di videosorveglianza previsto nel presente progetto è costituita da alcuni punti di ripresa ubicati nei punti strategici dell'intervento, individuati dalla committenza ed indicati specificatamente nelle planimetrie di progetto. Il sistema di videosorveglianza farà capo alla caserma dei Vigili Urbani, che si trova in adiacenza al comune di Marsciano, in modo che le immagini possano essere sempre sotto controllo così da permettere anche un tempestivo intervento in caso di problemi di ogni natura. APPARECCHIATURE USATE, SPECIFICHE E UBICAZIONE Il posizionamento delle telecamere avverrà in modo concordato con la committenza dei lavori e in modo strategico al fine di controllare tutti gli spazi nelle vie interessate dal progetto. E postazioni di ripresa verranno installate sui muri prospicienti le vie, ad una altezza di sicurezza fuori dalla portata delle persone, e potranno essere costituite sia da telecamere fisse che speed dome. Le telecamere speed dome sono dotate di un obiettivo ruotante a 30, non hanno quindi punti ciechi e sono molto indicate per spazi aperti, soprattutto per creare ronde e controlli mobili. Le telecamere fisse possono invece essere orientate verso punti sensibili e garantiscono la ripresa continuativa delle immagini su una singola sezione d'interesse. Le telecamere previste dal progetto saranno installate all'interno di custodie specifiche da esterno e saranno tutte in esecuzione antivandalo. La tecnologia del sistema di Videosorveglianza sarà basata su protocollo TCP/IP prevedendo apparati IP nativi, dotati di media converter per realizzare la distribuzione interrata in fibra ottica, che supporteranno l'alimentazione POE (Power Over Ethernet). Tutte le telecamere faranno capo ad un rack dati, installato all'interno della caserma della polizia municipale, costituito da apparati attivi di trasmissione dati, apparati di permutazione e da un server di gestione e registrazione su Hard disk RAID, dotato di software specifico ad alte performance, il tutto alimentato tramite un gruppo di continuità UPS tale da garantire l'alimentazione continuativa di tutti gli impianti ed apparati, in assenza di corrente, per almeno ora. 8

10 RELAZIONE DI CALCOLO ILLUMINOTECNICA

11

12 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ".!" " /!0!$!$2"!2" "$! 322!24 522&!$!2!$ *5$!4 '(()( 2$!022!$2!"!!2" $722!!2!"!"! 8# /

13 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". *""!$"!!/)0#2$03"#"4/5 / 7! 8!!*""!$!!4 ) <"$! ';!=%>?'=4 02$49: 02$!49: 79;: ' %"!/ %"!/ (( ) ( 7

14 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 7

15 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5 '' /0 #!"))2" :7 7 :7 ' 2

16 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 2!$!23!&!! 2!!2"!0 ""22!"0 4 ''5 /0 #!"0))" ' (

17 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 233!3!"""" /0 43!$!32!&!! 3!!3"! 4""33!" 5 '' #!"))4" :7 7 :7 ' 4'

18 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 /$!023 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4)

19 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 23 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4

20 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 55!5!"""" /$!023 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4

21 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( /0 #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

22 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( 0 #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

23 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 433!3!"""" /0 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

24 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7,(( 8 /$!023 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' 4

25 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7,(( 8 23 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' 4

26 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 455!5!"""" /$!023 5!$!54!&!! 5!!5"!3 ""55!"3 7,(( 8 #!"3))" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' (

27 SCHEMA UNIFILARE QUADRO ELETTRICO E RELAZIONI DI CALCOLO UTENZE DI PROGETTO

28

29

30 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&'! '!''%# "#"!("!'#))"..4 # 3 % %4 % % "2/3 999:; 999:; 9(:< 9* 9 < 5/ 8=/ %. % %2 > :< (:< ((:< 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ A" %/ <./ % *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

31 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!'* "!'* "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

32 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!', "!', "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

33 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!'- "!'* "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

34 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&".'/* ".'/ "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

35 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&'..'/"(" '.".'/"(" "#"!("!'#))"..4 # 3 % %4 % % "2/3 :; ( :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 &#B' > :< *9*:< *9*:< 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34 * 5 * %/ <./ * % *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U

COMUNE DI SEGRATE M ILANO YO U COMUNE DI SEGRATE MILANO YOU una città di persone INDICE 1. PREMESSE... 2 2. RETE IMPIANTO ELETTRICO... 4 2.1. RETE ENEL MT / BT... 4 2.2. IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA... 5 2.3. IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA...

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO IMPIANTO ELETTRICO Premessa Nel seguito sono descritti gli impianti elettrici e di terra da realizzare per ciascun punto nel quale sono installate gli apparati dell'sistema

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA di VIA IV NOVEMBRE PROGETTO ESECUTIVO 2014 RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RESPONSABILE UNICO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO File: Relazione tecnica Data 11-11-2009 1 INDICE RELAZIONE DI CALCOLO E CRITERI DI DIMENSIONAMENTO... 3 CRITERI DI PROGETTO... 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE

Dettagli

Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I

Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I 1/13 2/13 Relazione progetto La presente relazione si pone l obbiettivo di confrontare il progetto originario con quanto realizzato fino

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

STUDIO CASTAGNO INDICE. Tavola 2.Rev01

STUDIO CASTAGNO INDICE. Tavola 2.Rev01 INDICE. 1.0 Premessa 1.1 Generalità 1.2 Dati tecnici di progetto 1.3 Tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro 2.0 Normative di riferimento 2.1 Leggi e decreti 2.2 Norme CEI di prodotto 2.3

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania LAVORI DI BONIFICA, DISINFESTAZIONE E SPOLVERATURA DEL PATRIMONIO LIBRARIO E DELLA SCAFFALATURA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA STRADALE

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA STRADALE DTR1B pag 1 di 8 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA STRADALE Indice generale 1 Premessa... 2 2 Normativa di riferimento... 2 3 Descrizione delle opere

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Voce Nr Descrizione U.m. Prezzo U.m. Q.tà Importo FORNITURE E SERVIZI AN.P1 N.P1.11 A.NP.2 ANP2.2 ANP.3 N.P3.4 ANP.4 ANP.5 Fornitura ed installazione di sistema di sicurezza

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

Autoparco -Via Carlo Amore

Autoparco -Via Carlo Amore Descrizione dell'intervento e/o materiali Autoparco -Via Carlo Amore Fornitura, installazione, collegamento ad infrastruttura di rete e collaudo di telecamera IP Giorno/Notte tipo DOME a colori, con risoluzione

Dettagli

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1 PREMESSE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 2.1 Norme CEI ed UNI... 2 2.2 Legislazione vigente... 3 3 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI... 3 4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE... 3 5 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione " Loc. Ciapanella

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione  Loc. Ciapanella AOL TS / ADO TOS-SUD Titolo elaborato: ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI nome lottizzazione: Lottizzazione " Loc. Ciapanella CODICE DOCUMENTO NOME FILE PNL011332

Dettagli

Relazione Illustrativa RELAZIONE TECNICA

Relazione Illustrativa RELAZIONE TECNICA Programma Integrato di Intervento Cascina Boffalora Integrazione Dicembre 2012 Relazione Illustrativa RELAZIONE TECNICA opere di urbanizzazione primaria IMPIANTI ELETTRICI O G G E T T O Programma integrato

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica goffredo.cerquozzi@tin.it 31 gennaio 2008 Villa Mondragone Monte Porzio Catone RETE IN RAME Centrale borchia cavetto di raccordo armadio di distribuzione altri

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica

Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica Commenti alla Variante V2 della Norma CEI 64-8 In vigore Giugno 2005 Inerente anche gli Impianti elettrici di illuminazione pubblica Documento organizzato dall ing. Eugenio Agnello, in ottobre 2005, per

Dettagli

STIMA LAVORI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

STIMA LAVORI COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DOMUS ing&arch s.r.l. 012_06_Compl_tang_IE_CME - copertina_01 COMUNE: MARTINENGO All. CME COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI

OC.80 OC.79 OC.78 OC.77 OC.76 OC.27 OC.06 OC.01 OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02 CONDUTTORI, TUBAZIONI, CANALINE E ACCESSORI OC.27.02.01 Cavo unipolare tipo RG7R 0,6/1kV o FG7R 0,6/1 kv isolato in EPR sotto guaina di PVC (norme CEI 20-13, CEI 20-22II, CEI 20-35). Sono compresi:

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

R.07 RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI. Oggetto: ... ... Gennaio 2014 ... Project: 01 Revisione 00 Emissione

R.07 RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI. Oggetto: ... ... Gennaio 2014 ... Project: 01 Revisione 00 Emissione Oggetto: RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI ELETTRICI R.07... 02 Revisione 01 Revisione 00 Emissione...... Gennaio 2014 Project: Binini Partners S.r.l. via Gazzata, 4 42121 Reggio Emilia tel. +39.0522.580.578

Dettagli

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi E-00 IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi Per.Ind. Giancarlo Cirri Via Sandro Pertini 26, 50027 Strada in Chianti (FI).

Dettagli

POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO

POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO POLO UNIVERSITARIO DELLA PROVINCIA DI AGRIGENTO ANALISI PREZZI OGGETTO LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UNA CABINA ELETTRICA A SERVIZIO DEL POLO UNIVERSITARIO SITO IN VIA QUARTARARO IN AGRIGENTO COMMITTENTE

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SACILE * * * * * * Oggetto: Affidamento della fornitura, installazione, manutenzione preventiva

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 51 DEL 12.11.2007

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 51 DEL 12.11.2007 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 51 DEL 12.11.2007 OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA E POSA DI TELECAMERE DESTINATE ALLA VIDEO-SORVEGLIANZA. APPROVAZIONE

Dettagli

CLIENTE CUSTOMER COMUNE DI ORBETELLO. Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA TVCC

CLIENTE CUSTOMER COMUNE DI ORBETELLO. Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA TVCC CLIENTE CUSTOMER Dott. Ing. Emiliano Gucci Via Bonghi 32 581 Grosseto Tel. e fax 564 42778 e-mail: emilianogucci@vigilio.it TITOLO TITLE Provincia di Grosseto PROGETTO DI UN IMPIANTO DI TVCC IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

ALCUNI RIFERIMENTI NORMATIVI IN MATERIA D INQUINAMENTO LUMINOSO

ALCUNI RIFERIMENTI NORMATIVI IN MATERIA D INQUINAMENTO LUMINOSO OGGETTO La presente relazione ha come oggetto il progetto illuminotecnico dell impianto di illuminazione pubblica da realizzarsi presso la nuova lottizzazione denominata "COMPARTO POC 1-1b" riferimento

Dettagli

IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8

IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8 Via Gen. Cantore, 3 C.F. BST MRT 50T09 E863Z 21046 Malnate VA- P. IVA 02039380122 D.M. 22/01/2008 n. 37 PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8 Nuovo

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza urbana è un impianto asservito a sorveglianza del territorio costituito da telecamere installate opportunamente

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

STILIS. armatura stradale a LED

STILIS. armatura stradale a LED armatura stradale a LED Informazioni Generali Lo STILIS è un apparecchio brevettato innovativo e d eccezionale potenza caratterizzato da un fascio luminoso generato da led sapientemente orientati (sistema

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA ALLEGATO "C" Comune di Novara Provincia di NO STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Opere di rifacimento

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili

Impianti elettrici nei cantieri edili Impianti elettrici nei cantieri edili Per. Ind. Luca Paolini S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza www.scuolaedile.com 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti

Dettagli

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI NICHELINO (Provincia di Torino) Area Tecnica INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila

Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila Premessa Il presente documento descrive le prescrizioni minime per Telecom Italia SpA necessarie alla cantierizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - Pag. 1 di 18 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI LAVORO: INTERVENTO: UBICAZIONE: TIPOLOGIA DELL'EDIFICIO : DESTINAZIONE DELL'IMPIANTO: POTENZIALITA' IMPEGNATA:

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico 1. Generalità Un centro estetico può essere un locale a se stante (fig. 1), oppure essere inserito all'interno di una struttura più grande, come un albergo,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica. R ie

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica. R ie IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica R ie Luglio 2012 I N D I C E I N D I C E...1 1 - Premessa...2 2 - Principali norme di riferimento...4 3 - Tipo di forniture e tipo di sistema

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE Progetto per la realizzazione della nuova scuola d infanzia del capoluogo PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTO ELETTRICO LUGLIO 2007 descrizione Pagina 1 di 1 A1.1 - QUADRO GENERALE ESTERNO QGE Quadro di tipo prefabbricato in materiale

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Sistemi di distribuzione a MT e BT

Sistemi di distribuzione a MT e BT Sistemi di distribuzione a MT e BT La posizione ottima in cui porre la cabina di trasformazione coincide con il baricentro elettrico, che il punto in cui si pu supporre concentrata la potenza assorbita

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

ZTL n. 2. 1(2x4) in cavidotto esistente

ZTL n. 2. 1(2x4) in cavidotto esistente ZTL n. 1 via V Giornate Struttura: tronco inferiore palo e plinto di fondazione esistente, tronco superiore palo di nuova installazione in sostituzione dello sbraccio esistente. Telecamere: n. 1 VDR +

Dettagli

A LAVORI A CORPO COMPUTO ESTIMATIVO A1 IMPIANTO MT/BT A2 QUADRO GENERALE BASSA TENSIONE

A LAVORI A CORPO COMPUTO ESTIMATIVO A1 IMPIANTO MT/BT A2 QUADRO GENERALE BASSA TENSIONE A LAVORI A CORPO A1 IMPIANTO MT/BT QUADRO MEDIA TENSIONE NP01 A1.1 Quadro Media Tensione (QMT) Tipo SM6 standard SCHNEIDER ELECTRIC (o equivalente) con protezione arco interno sul fronte e sui lati IAC

Dettagli

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012

BANDO DI GARA AVVISO DI PRECISAZIONE 26/10/2012 BANDO DI GARA Progettazione, Fornitura e posa in opera, avvio operativo, collaudo e manutenzione in garanzia di un sistema di controllo autorizzato degli accessi al centro della Città di Prato AVVISO DI

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Comune di PALERMO Provincia Palermo Oggetto : Stazione appaltante : REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PER IL PAZIENTE ED INTEGRAZIONE DELL'IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO ED ILLUMINAZIONE D'EMERGENZA

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO INDICE 1. PREMESSA... 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3. CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE CONDUTTURE... 3 4. PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SICUREZZA.... 5 4.1. Protezione

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA

2. TIPOLOGIA DI ALLACCIO DELL IMPIANTO FV ALLA UTENZA 1. OGGETTO La presente relazione tecnica ha per oggetto il progetto relativo alla realizzazione di un impianto fotovoltaico. Tale impianto ha lo scopo di generare energia elettrica mediante la conversione

Dettagli

PREVENTIVO DI SPESA A CARICO DELL ENTE GESTORE

PREVENTIVO DI SPESA A CARICO DELL ENTE GESTORE R E G I O N E S I C I L I A N A ASSESSORATO REGIONALE DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE COMUNE DI ERICE PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI PROGETTO DI CANTIERE DI LAVORO PER DISOCCUPATI (L.R. n 17 del

Dettagli

RELAZIONE GENERALE SPECIALISTICA

RELAZIONE GENERALE SPECIALISTICA A l l. t o 1 2 PROVINCIA DI VERONA C O M U N E D I M A L C E S I N E PROGETTO DEFINITIVO CICLOPISTA DEL LAGO DI GARDA -LOTTO n 2 COMUNE DI MALCESINE- REALIZZAZIONE DI UN COLLEGAMENTO CICLABILE SULLE SPONDE

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA TERMOMECCANICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E TELECOMUNICAZIONI IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO PROFESSORE:

Dettagli

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO 1 GENERALITA' 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 IMPIANTO ELETTRICO 3.1 TIPO DI IMPIANTO 3.2 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT/BT 3.2.1 Quadri elettrici MT 3.2.2

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 2. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 2 2.1 CATEGORIA E SISTEMA... 2 2.2 CARICHI PREVISTI... 2 2.3 CONDUTTURE... 3 2.3.1 Tipi di cavi... 3 2.3.2 Tubi protettivi e

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (BS)

COMUNE DI GAVARDO (BS) COMUNE DI GAVARDO (BS) Progetto Definitivo IMPIANTO DI COGENERAZIONE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA BIOMASSE LEGNOSE doc. N 006_2014 E09 00 CALCOLO RETE DI TERRA E SPECIFICHE SETTEMBRE

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

COMUNE DI FANO. Provincia di Pesaro e Urbino. Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio CF FDZMRZ54H15G514F

COMUNE DI FANO. Provincia di Pesaro e Urbino. Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio CF FDZMRZ54H15G514F COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Oggetto: PROGETTO PLANOVOLUMETRICO UNITARIO COMPARTI ST6_P67 e ST6_P26 IN VIA LAGO DI COMO A FANO Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via Anzani n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE ELETTRICHE E CABLAGGI Il progettista Agosto 2011 1 1 QUADRI ELETTRICI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROGETTISTA: ARCH. OSWALD ZOEGGELER BOLZANO 24/05/2002 1 INDICE 1 Elenco degli elaborati

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli