COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2. Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2. Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO"

Transcript

1 COMUNE DI MARSCIANO PROGRAMMA URBANO COMPLESSO P.U.C.2 Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI: ENEL, TELECOM, RETE CIVICA, PUBBLICA ILLUMINAZIONE E VIDEOSORVEGLIANZA CALCOLI ESECUTIVI SINTAGMA s.r.l. CAPOGRUPPO ALESSANDRO BRACCHINI MARCO ABRAM Architetto Coordinamento Ingegnere Dott. Arch. ALESSANDRO BRACCHINI AREA PROGETTI ASSOCIATI MARCO BALDUCCI ROBERTO REGNI CARLO OLIVANTI Ingegnere Ingegnere Ingegnere OIKOS PROGETTI ALBERTO CAPITANUCCI MARCO PINCA Ingegnere Architetto Visto / Approvazione STUDIO ARCH. ANDREA POCHINI ANDREA POCHINI Architetto GEOLOGI ASSOCIATI FILIPPO GUIDOBALDI Geologo STUDIO NATALIZI GIUSEPPE NATALIZI Geometra

2 PARTE GENERALE DESCRIZIONE GENERALE STATO ATTUALE IMPIANTI L intervento oggetto della presente relazione si riferisce al progetto esecutivo della " Sistemazione delle pavimentazioni e delle infrastrutture a rete di Largo Garibaldi, Via Umberto I, Piazza del Catraione, Via XX Settembre nel centro storico del capoluogo". Come indicato nel titolo dell'intervento l'area interessata dal progetto è compresa tra le vie: Umberto I, XX Settembre e Piazza Mazzini. Gli interventi previsti andranno ad interessare tutte le infrastrutture presenti nella zona compresa illuminazione pubblica, la fibra ottica e prevederà l installazione di un sistema di videosorveglianza al fine di garantire una maggiore sicurezza al centro storico attraverso il monitoraggio da parte dei vigili Urbani. IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA Lo stato attuale degli impianti di illuminazione pubblica è costituito da lanterne a braccio installate sui muri delle abitazioni prospicienti le strade dotate di lampade SAP da 00W. La distribuzione è interrata con pozzetti ubicati al centro della strada e derivazioni secondarie realizzate tramite canaline di rame che a partire da terra permettono la salita dell alimentazione alla lanterna. Per l illuminazione di parte del muro di cinta del centro storico sono presenti fari da 400 W a ioduri metallici, mentre per l illuminazione artistica della facciata del Comune di Marsciano e del museo adiacente non è prevista nessuna illuminazione. Sono presenti anche due palini artistici per l illuminazione della zona del monumento di Marsciano ai fratelli Ceci. Gli interventi consisteranno quindi nello smantellamento totale del vecchio impianto di illuminazione pubblica ed il suo completo rifacimento, a partire dalle tubazioni e dalle dorsali di alimentazione, realizzando l illuminazione artistica delle facciate del museo e del comune, l'illuminazione d'accento dei nuovi arbusti previsti e della fontana incassata e l'illuminazione specifica per le vie transitabili anche da automobili. Il tutto utilizzando esclusivamente apparecchi illuminanti con tecnologia a LED ed ottiche specifiche. Gli impianti elettrici interessati rientrano nell'ambito applicativo delle Norme CEI 4-8 "Impianti utilizzatori a tensione nominale inferiore a 000 V in c.a." e specificatamente, nell ambito della sezione 74 che dal giugno 2005 sostituisce la Norma CEI 4/7, terza edizione, fascicolo 8 «Impianti elettrici di illuminazione pubblica».

3 IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Allo stato attuale non esiste, nella zona in oggetto, nessun tipo di videosorveglianza. L impianto che si andrà a realizzare sarà quindi totalmente di nuova fattura e verrà previsto secondo le specifiche esigenze del committente del progetto. RETE CIVICA Allo stato attuale è presente esclusivamente una predisposizione della distribuzione in fibra ottica, gestita da Telecom e riportata nel capitolo specifico. nell'ambito di questa progettazione, il committente vuole creare una propria rete civica che potrà eventualmente essere messa a disposizione anche a compagnie terze. Tale rete sarà costituita da tubazioni e pozzetti indipendenti, disposti in maniera tale da collegare i punti nevralgici pubblici della zona di intervento (municipio, museo, ecc...). PREDISPOSIZIONE LINEE ELETTRICHE (ENEL) La realizzazione della linee elettriche ENEL ha preso spunto sia dalla necessità dettate dalla Pubblica Amministrazione sia dalle richieste/prescrizioni dell Ente gestore che prenderà in carico l impianto. Ad oggi la porzione del centro abitato di Marsciano interessata dalle previsioni progettuali del PUC in oggetto è servita prevalentemente da una linea aerea e per una piccola porzione, in prossimità di Largo Garibaldi, da una linea interrata. La necessità primaria è quella di interrare l impianto e di eseguire, in questa fase, tutte le lavorazioni edili quali: scavi, ritombamenti e movimenti terra in genere, posizionamento dei pozzetti di linea, posa in opere delle dorsali principali e dei relativi allacci, nastri segnalatori, colonnini. Restano esclusi dal presente appalto la fornitura e la posa in opera dei cavi che unitamente agli allacci verranno eseguiti dall Ente Gestore a lavori ultimati. L impianto sarà costituito da una unica dorsale principale che correrà da Largo Goldoni a Largo Garibaldi e da Largo Garibaldi, nei pressi del palazzo del Municipio, lungo Via Umberto I fino all intersezione con Salita san Francesco, con doppio corrugato in PE a doppia parete Ø0. Sono previsti dai pozzetti linea gli stacchi alle singole utenze da eseguirsi con corrugati in PE doppia parete Ø3. Anche per garantire una flessibilità dell impianto è stato previsto di alloggiare dei colonnini al fine di garantire eventuali riallacci futuri. 2

4 Gli scavi verranno realizzati come da specifiche ENEL, alla profondità di 0,8/,00 ml dalla pavimentazione stradale; lungo gli scavi e ad una profondità adeguata verrà adagiato un nastro segnaletico in materiale plastico imputrescibile al fine di identificare in modo univoco il percorso del cavidotto. I chiusini in ghisa saranno di categoria adeguata alla carrabilità. PREDISPOSIZIONE LINEE TELEFONICHE E FIBRE OTTICHE (TELECOM) Anche in questo caso la progettazione ha preso spunto da precise richieste dell Ente Gestore. Oggi La zona oggetto della progettazione è servita da una rete di linee interrate che in periodi diversi sono state realizzate. L obbiettivo primo, anche in questo caso, è quello di creare una linea unica principale e dismettere in un secondo momento l impianto esistente. Il tracciato principale seguirà le direttrici già indicate per l impianto ENEL con la posa in opera di due corrugati in PE a doppia parete Ø25. Dei due corrugati, uno sarà destinato all alloggio dei vai TELECOM e l altro sarà destinato alle fibre ottiche. Saranno posizionati pozzetti di linea delle dimensioni standard di TELECOM 0*20 cm e 0/0 cm con stacchi per le utenze di medesimo diametro. I chiusini in ghisa saranno di categoria adeguata alla carrabilità con apertura a triangolo; questo tipo di apertura facilita enormemente le successive lavorazioni di introduzione dei cavi. 3

5 PARTE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA CLASSIFICAZIONE ILLUMINOTECNICA DELLE STRADE A PROGETTO Come detto in precedenza le due principali strade che si possono individuare nel progetto sono Via Umberto I e Via XX settembre entrambe percorribili in condizioni normali in un solo senso di marcia. Costituite quindi da una sola corsia per senso di marcia e da un unica carreggiata, posto che il limite di velocità è pari a 50 Km/h e visto che si trovano all interno del centro abitato, la loro classificazione è di tipo F ovvero strade locali urbane che rientrano nella categoria illuminotecnica di riferimento S3. La categoria illuminotecnica S3, secondo le norme 248, deve mantenere una luminanza minima sulla strada di 0.5 cd/m2. Tabella A - CLASSIFICAZIONE DELLE STRADE E INDIVIDUAZIONE DELLA CATEGORIA ILLUMINOTECNICA DI RIFERIMENTO Tipo Descrizione Limiti di velocita' km/h Categoria illuminotecnica di riferimento A Autostrade extraurbane ME A Autostrade urbane 30 ME A2 Strade di servizio alle autostrade ME3a A2 Strade di servizio alle autostrade urbane 50 ME3a B Strade extraurbane principali 0 ME3a B Strade di servizio alle strade extraurbane principali ME4a C Strade extraurbane secondarie (tipi C e C2) ME3a C Strade extraurbane secondarie 50 ME4b C Strade extraurbane secondarie con limiti particolari ME3a D Strade urbane di scorrimento veloce 70 ME3a D Strade urbane di scorrimento veloce 50 ME3a E Strade urbane interquartiere 50 ME3a E Strade urbane di quartiere 50 ME3c F Strade locali extraurbane (tipi F e F2) ME3c F Strade locali extraurbane 50 ME3a F Strade locali extraurbane 30 ME4b F Strade locali urbane (tipi F e F2) 50 S3 F Strade locali urbane: centri storici, isole ambientali, zone ME4b F Strade locali urbane: altre situazioni 30 CE4 F Strade locali urbane: aree pedonali 5 CE5/S3 F Strade locali urbane: centri storici (utenti principali: pedoni, ammessi gli altri utenti) 5 CE5/S3 F Strade locali interzonali 50 - F Strade locali interzonal Piste ciclabili non dichiarato S3 - Strade a destinazione particolare 30 - Tabella B - COMPARAZIONE DI CATEGORIE ILLUMINOTECNICHE 4

6 - ME ME2 ME3 ME4 ME5 ME - - CE0 CE CE2 CE3 CE4 CE S S2 S3 S4 S5 S CALCOLO ILLUMINOTECNICO E DIMENSIONAMENTO Generalità I requisiti tecnici che l'impianto di illuminazione dell intersezione deve presentare per assicurare soddisfacenti condizioni di visibilità, sono: un adeguato illuminamento, nonché luminanza media dell area in modo tale che essa sia riconoscibile dal guidatore e che venga realizzato un sufficiente contrasto fra possibili ostacoli e sfondo. l'uniformità dell'illuminamento e della luminanza dell area al fine di assicurare che in ogni punto ci sia il suddetto contrasto con gli oggetti da individuare. la limitazione dell abbagliamento da parte dei centri luminosi. La disposizione planimetrica dei centri luminosi deve fornire una buona guida ottica e segnalare eventuali variazioni del normale tracciato (incroci, curve,ecc.). Nella relazione di calcolo allegata alla presente sono riportati i calcoli illuminotecnici relativi alla pubblica illuminazione nelle due zone tipo (ossia Via Umberto I e Via XX settembre). E' stata inoltre prevista un'illuminazione architetturale di accento con l'intento di evidenziare le mura antiche ed il palazzo comunale. CAVI E POSA DEI CAVI I circuiti di distribuzione saranno realizzati con cavi multipolari con guaina del tipo FG7OR non propagante la fiamma (CEI 20-35) e l'incendio (CEI 20-22) ed a bassa emissione di gas corrosivi CEI 20-37/2. La rete di distribuzione è prevista, per tutti i percorsi interrati, posata su due tubazione in Polietilene doppia parete della sezione di 90 mm, interrate in scavi predisposti ad una profondità di almeno 0.5m dal manto stradale. Per quanto riguarda le derivazioni ai punti luce saranno utilizzate canalette di rame per la salita e tubazioni corrugate di dimensioni minori per il raggiungimento dei fari a terra incassati. La distribuzione per la parte di illuminazione pubblica sarà condivisa anche con la parte di Videosorveglianza utilizzando un tubo per la distribuzione elettrica ed un tubo per la parte dati del progetto di videosorveglianza. Per l infilaggio dei cavi e il loro corretto smistamento saranno previsti idonei pozzetti lungo il percorso di profondità minima pari a 0,5m di sezione 0x0. Il distanziamento tra tali 5

7 pozzetti è rappresentato nelle tavole allegate e resta stabilito in generale dai punti di derivazione dei circuiti e dalla posizione dei punti luce. Per i percorsi comuni a più circuiti i conduttori verranno posati in un unica tubazione rispettando sempre le condizioni di sfilabilità dei cavi stessi, secondo le quali il diametro interno del tubo deve essere pari ad almeno,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio dei cavi in esso contenuti. Il tracciato del tubo protettivo interrato dovrà essere tale da consentire un andamento rettilineo orizzontale; le curve dovranno essere effettuate o con accessori idonei o con una curvatura tale da non danneggiare i cavi in esse posati e da permettere il corretto insilaggio. DIMENSIONAMENTO ELETTRICO Per il dimensionamento elettrico dei circuiti nel funzionamento normale si è assunto il 4% (Norme CEI 4-8) come valore massimo ammissibile per la caduta di tensione globale sulla rete di distribuzione. Per la valutazione della caduta di tensione per ogni linea della distribuzione radiale, nel calcolo del momento effettivo in funzione del carico globale pensato applicato all'estremo, si è introdotto il coefficiente del momento equivalente c(l), per tenere conto della distribuzione del carico lungo il circuito. Sulla base di quanto sopra evidenziato in pratica si è limitato, quale obiettivo di qualità, il valore della caduta di tensione massima di progetto per la componente fondamentale al 4% circa. E' stata effettuata la verifica termica della sezione adottata in relazione al tipo di posa ed alla presenza di altri cavi. Il dimensionamento dei circuiti effettuato soddisferà, quindi, il loro funzionamento anomalo per sovracorrente (in generale, corto circuito massimo e minimo, energia specifica passante) in coordinamento con le protezioni preposte. Per le nuove linee in partenza dal quadro esistente del centro storico, si sono ipotizzati interruttori curva C per la protezione del corto circuito minimo. Tale scelta garantisce una soglia di sicuro intervento istantanea pari a 5 volte la corrente nominale I n del dispositivo. Gli interruttori saranno dotati di intervento differenziale selettivo con soglia pari a 0,3A del tipo contro interventi intempestivi per fenomeni atmosferici. Per il comando dell'accensione delle lampade è previsto un contattore per ogni circuito in partenza, azionato da un interruttore crepuscolare già esistente all interno del quadro generale del centro storico.

8 Come detto in precedenza il nuovo quadro elettrico destinato all'alimentazione ed alla protezione dell'impianto di progetto farà capo allo stesso punto di fornitura di quello già esistente all interno del centro storico di Marsciano nella zona attualmente interessata al primo lotto di interventi. Nell'allegato alla presente è riportato lo schema unifilare del quadro elettrico e la relazione di calcolo delle linee di progetto. PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI E INDIRETTI Per la protezione dai contatti diretti ed indiretti si è optato per la realizzazione di un sistema a doppio isolamento (Classe II). Nei confronti dei contatti diretti risulta applicata la regola generale in base alla quale tutte le parti attive sono isolate o protette con involucri o barriere. Per quanto attiene gli impianti che prevedono la protezione dai contatti indiretti senza interruzione dell alimentazione, con l adozione della classe II di isolamento, la norma CEI 4-8/7 per gli impianti di illuminazione situati all esterno, all art , evidenzia che non deve essere previsto alcun conduttore di protezione e le parti conduttrici, separate dalle parti attive con isolamento doppio o rinforzato, non devono essere collegate intenzionalmente all impianto di terra. In un ambito di una efficace attività manutentiva periodica, la normativa non prende in considerazione la perdita del doppio isolamento, rischio considerato tollerabile, rispetto alla probabilità di trasferimento di potenziali sull impianto di terra unico di tutti i pali, qualora fosse non efficiente. Avendo adottato esclusivamente apparati in classe II di isolamento non si prevede la realizzazione di alcun impianto di dispersione di terra. INQUINAMENTO LUMINOSO Al fine di escludere qualsiasi problematica di inquinamento luminoso, sono stati adottati apparecchi illuminanti che soddisfano le più critiche classificazioni della norma UNI 089 e le più restrittive leggi vigenti, tra le quali, la Legge Regionale Umbra 28 febbraio 2005 n. 20 e relativo Regolamento (n. 2 del 5 Aprile 2007). 7

9 PARTE VIDEOSORVEGLIANZA GENERALITA PROGETTO Il sistema di videosorveglianza previsto nel presente progetto è costituita da alcuni punti di ripresa ubicati nei punti strategici dell'intervento, individuati dalla committenza ed indicati specificatamente nelle planimetrie di progetto. Il sistema di videosorveglianza farà capo alla caserma dei Vigili Urbani, che si trova in adiacenza al comune di Marsciano, in modo che le immagini possano essere sempre sotto controllo così da permettere anche un tempestivo intervento in caso di problemi di ogni natura. APPARECCHIATURE USATE, SPECIFICHE E UBICAZIONE Il posizionamento delle telecamere avverrà in modo concordato con la committenza dei lavori e in modo strategico al fine di controllare tutti gli spazi nelle vie interessate dal progetto. E postazioni di ripresa verranno installate sui muri prospicienti le vie, ad una altezza di sicurezza fuori dalla portata delle persone, e potranno essere costituite sia da telecamere fisse che speed dome. Le telecamere speed dome sono dotate di un obiettivo ruotante a 30, non hanno quindi punti ciechi e sono molto indicate per spazi aperti, soprattutto per creare ronde e controlli mobili. Le telecamere fisse possono invece essere orientate verso punti sensibili e garantiscono la ripresa continuativa delle immagini su una singola sezione d'interesse. Le telecamere previste dal progetto saranno installate all'interno di custodie specifiche da esterno e saranno tutte in esecuzione antivandalo. La tecnologia del sistema di Videosorveglianza sarà basata su protocollo TCP/IP prevedendo apparati IP nativi, dotati di media converter per realizzare la distribuzione interrata in fibra ottica, che supporteranno l'alimentazione POE (Power Over Ethernet). Tutte le telecamere faranno capo ad un rack dati, installato all'interno della caserma della polizia municipale, costituito da apparati attivi di trasmissione dati, apparati di permutazione e da un server di gestione e registrazione su Hard disk RAID, dotato di software specifico ad alte performance, il tutto alimentato tramite un gruppo di continuità UPS tale da garantire l'alimentazione continuativa di tutti gli impianti ed apparati, in assenza di corrente, per almeno ora. 8

10 RELAZIONE DI CALCOLO ILLUMINOTECNICA

11

12 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ".!" " /!0!$!$2"!2" "$! 322!24 522&!$!2!$ *5$!4 '(()( 2$!022!$2!"!!2" $722!!2!"!"! 8# /

13 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". *""!$"!!/)0#2$03"#"4/5 / 7! 8!!*""!$!!4 ) <"$! ';!=%>?'=4 02$49: 02$!49: 79;: ' %"!/ %"!/ (( ) ( 7

14 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 7

15 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5 '' /0 #!"))2" :7 7 :7 ' 2

16 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 2!$!23!&!! 2!!2"!0 ""22!"0 4 ''5 /0 #!"0))" ' (

17 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 233!3!"""" /0 43!$!32!&!! 3!!3"! 4""33!" 5 '' #!"))4" :7 7 :7 ' 4'

18 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 /$!023 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4)

19 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 23 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4

20 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 55!5!"""" /$!023 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7 ''8 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; 4

21 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( /0 #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

22 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( 0 #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

23 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 433!3!"""" /0 23!$!34!&!! 3!!3"! 2""33!" 5,(( #!"))2" :7 7 :7 ' ' 2

24 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7,(( 8 /$!023 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' 4

25 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 45!$!5!&!! 5!!5"!3 4""55!"3 7,(( 8 23 #!"3))4" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' 4

26 !" #!$""! " %!!& '() * ' (' ))!,- ". 455!5!"""" /$!023 5!$!54!&!! 5!!5"!3 ""55!"3 7,(( 8 #!"3))" 9 :$0; 9 :$0; 9 :$0; ( ' (

27 SCHEMA UNIFILARE QUADRO ELETTRICO E RELAZIONI DI CALCOLO UTENZE DI PROGETTO

28

29

30 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&'! '!''%# "#"!("!'#))"..4 # 3 % %4 % % "2/3 999:; 999:; 9(:< 9* 9 < 5/ 8=/ %. % %2 > :< (:< ((:< 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ A" %/ <./ % *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

31 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!'* "!'* "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

32 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!', "!', "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

33 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&"!'- "!'* "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

34 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&".'/* ".'/ "#"!("!'#))"..4 # 3 % 5../ %4 % % :; :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 5 &#B' > :< :< 99:< 8 2 #/3 52 %//?* *4//2 8 (!*):< /4/ 5 B$#* % 5..4/ DEE/8 * 5/ 2 5/ 2 4/42 4/ 2 4/ (*AE G G F5 F5 F5 -C-C* 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34A %/ <./. *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

35 Dati completi utenza "()*) 2 3/ " "4!"#$%!"&'..'/"(" '.".'/"(" "#"!("!'#))"..4 # 3 % %4 % % "2/3 :; ( :; :< 9 < 5/ 8=/ %. % %2 &#B' > :< *9*:< *9*:< 434 4? :4? : :&.'4? 5 % 5/ 3 34 * 5 * %/ <./ * % *: *0C: B*9 v.le G. Mazzini, SAN MARTINO DI LUPARI (PD) PD X:\Pratiche APA\202\2052 Com.Marsciano PUC 2\B- Progettazione\05- Esecutivo\0- Bozze\04- Impianti\QUADRO PI.upe

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

INDICE 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5

INDICE 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5 INDICE pag. Premessa 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5 6 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE NERE 6 7 RETE DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR)

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 0 PREMESSA... 2 1 IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA D IMPIANTO... 3 2 COMPONENTI

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO Pag. 1 Pag. Sommario Descrizione sommaria dell impianto al fine della sua identificazione... 4 Distribuzione topografica impianto elettrico... 4 Dati di progetto... 5 Descrizione e destinazione d uso degli

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA Regolamento recante la disciplina tecnica e le specifiche delle opere destinate ad ospitare le reti di banda larga REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO AREA VIABILITÀ Servizio Esercizio Viabilità www.provincia.torino.it INTERVENTI DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI, ELETTROMECCANICI, TECNOLOGICI E DI ILLUMINAZIONE DI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

Comune di Scandicci. Viabilità area CDR Data: 24-09-2008

Comune di Scandicci. Viabilità area CDR Data: 24-09-2008 omune di Scandicci Viabilità area DR Data: 4-09-008 Descrizione: Larghezza carreggiata mt. 8,0 Arretramento punto luce mt. 1,5 Altezza punto luce mt. 10,0 Interasse mt. 4,0 - disposizione unilaterale Apparecchio

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

L AZIENDA. l azienda. La lavorazione del rame e tutta la parte metallurgica è concentrata nella Veneta Trafili.

L AZIENDA. l azienda. La lavorazione del rame e tutta la parte metallurgica è concentrata nella Veneta Trafili. L AZIENDA l azienda Quartier Generale Via Orna 35, Brendola (VI) La Triveneta Cavi dal 1965 è una delle più importanti realtà nel mercato europeo della produzione di cavi bassa e media tensione destinati

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI Tubi rigidi Tubo medio RK 15 Sigla: RK15 Colore: grigio RA 735 Materiale: PVC unghezza di fornitura: verghe da 2 e 3 metri (±,5%) Normativa: EN 61386-1 (CEI 23-8); EN 61386-21 (CEI 23-81) CARATTERISTICHE

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

>>>>>>>>>><<<<<<<<<< Prezzo uro cinquantacinque e zero centesimi al metro cubo. mc 55,00

>>>>>>>>>><<<<<<<<<< Prezzo uro cinquantacinque e zero centesimi al metro cubo. mc 55,00 Nr Rimozione, svellimento, demolizione o scarificazione di marciapiedi esistenti di qualsiasi specie e spessore (selciati, cubetti di porfido, 1 mattonella di asfalto, pietrini di cemento, massetti di

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli