JAX-WS. Java API for XML Web Services. Massimo Martinelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JAX-WS. Java API for XML Web Services. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it"

Transcript

1 29/05/2010, Area Ricerca CNR, Pisa JAX-WS Java API for XML Web Services Massimo Martinelli Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR Istituto di Scienza e Tecnologie della Informazione - ISTI

2 Il corso di Java Web Services in 1 Minuto! import... Scriviamo una classe Java con un metodo Aggiungiamo public class MioWebService public String ciao(string nome) { return Ciao + nome; Finito!...

3 RIPARTIAMO :-) JAX-WS Java API for XML Web Services Massimo Martinelli Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR Istituto di Scienza e Tecnologie della Informazione - ISTI

4 Sommario Cosa è JAX-WS? Implementazione di Web Service e di Client Tipi di dato supportati da JAX-WS JAXB Esercizi da svolgere durante il corso

5 Secondo il W3C... Un Web Service è un sistema software designato a supportare interazioni interoperabili macchina-macchina su una rete. Ha una interfaccia descritta in un formato elaborabile da una macchina (specificamente WSDL). Altri sistemi interagiscono con il Web Service in un modo prescritto dalla sua descrizione usando messaggi SOAP, tipicamente convogliati usando HTTP con una serializzazione XML insieme ad altri standard Web.

6 Cosa è JAX-WS acronimo di Java API for XML Web Services Tecnologia per realizzare Web Service e client in Java che comunicano utilizzando messaggi SOAP-XML L implementazione di riferimento (JAX-WS for Reference Implementation) è un progetto open source e fa parte del progetto GlassFish, un application server Java EE. Fa parte della distribuzione Metro

7 Web Services semplificati Da Java 5 (Java 1.5) introdotte le annotazioni ovvero dei Metadati sul codice Java Esempio di Annotazioni: Possono essere trattate a livello di compilazione Possono essere trattate anche tempo di esecuzione

8 Annotazioni nei Web Service Per sviluppare un Web Service con JAX-WS è necessario utilizzare l'annotazione javax.jws.webservice Ovvero: la classe che implementa il Web Service deve essere annotata con la annotazione javax.jws.webservice (o con javax.jws.webserviceprovider)

9 Service Endpoint Interface (SEI) Una interfaccia service endpoint (SEI) è una interfaccia Java che dichiara i metodi che un client può invocare sul servizio SEI non necessaria quando si implementa un endpoint JAXWS: la classe di implementazione del Web Service (SIB Service Implementation Bean) definisce implicitamente una SEI può riferire esplicitamente una SEI tramite l elemento endpointinterface dell

10 Preparazione agli esercizi Creare una directory LINUX ~home/java-pgm/ C:/java-pgm/ dove installeremo i programmi che seguono...

11 Strumenti che utilizzeremo: Java SE 6 Java Standard Development Kit versione 6 (Se non è già installata eseguire da terminale il comando java version ) Scaricare da

12 Strumenti che utilizzeremo: Netbeans Netbeans è un ambiente di sviluppo realizzato da SUN Scaricare da (versione Java o All )

13 Strumenti che utilizzeremo: Glassfish Application server open source realizzato da Sun di riferimento per Java EE 5/6. Incluso con NetBeans Supporta: EJB 3.1 JPA 2 JAXB 2.x JAX-WS 2.x

14 Per utilizzare con Tomcat scaricare ant da scaricare metro da java -jar metro*.jar ant -Dtomcat.home=<DirectorydiTomcat> -f metro-ontomcat.xml install V

15 Implementazione di un Web Service A partire da: una classe Java un documento WSDL

16 Implementazione di un Web Service (classe Java): Passi Base 1. Codificare la classe che implementa il servizio 2. Compilare tale classe 3. Dispiegare (deploy) il file WAR 4. Codificare la classe per il client 5. Utilizzare wsimport per generare e compilare gli artefatti 6. Compilare la classe client 7. Eseguire il client

17 Codifica della classe SIB (1/2) package serviziociao; import public class Ciao { private String messaggio = new String("Ciao, "); public void Ciao() public String saluto(string nome) { return messaggio + nome + ".";

18 Codifica della classe SIB (2/2) La classe implementata, Ciao, è annotata come web service utilizzando Ciao dichiara un singolo metodo chiamato saluto, annotato con La classe implementata deve anche definire un costruttore di default public senza argomenti

19 JAX-WS Endpoint I metodi della classe che implementa il Web Service devono essere public, e non devono essere dichiarati ne static ne final I metodi di Business esposti ai client dei Web service devono: essere annotati con javax.jws.webmethod avere tipi di parametri compatibili con JAX-B Le classi che implementano i Web Service Non devono essere dichiarate abstract Devono avere un costruttore di default public Non devono definire il metodo finalize Possono usare le annotazioni javax.annotation.postconstruct o javax.annotation.predestroy sui propri metodi per gestire il loro ciclo di vita Il è chiamato dal container prima che la classe di implementazione inizi a rispondere ai client del Web Service Il è chiamato dal container prima che l'endpoint sia rimosso dall'operazione

20 Esercizio (Guidato) Realizzare un Web Service che fa la somma di due numeri interi Da Netbeans creare un nuovo progetto Web Creare un nuovo Web service Dispiegare, eseguire e provare (Test)

21 Non vi avevo detto che bisognava importare anche... package serviziociao.endpoint; import javax.jws.webservice; import public class Ciao { private String messaggio = new String("Ciao, "); public void Ciao() public String saluto(string nome) { return messaggio + nome + ".";

22 @WebService V Attributi name: nome del wsdl:porttype (per difetto il nome della classe Java senza package) portname: nome del wsdl:portname (per difetto è il nome del WebService concatenato a Port) servicename: nome del servizio (wsdl:service) (per difetto il nome della classe concatenato alla Stringa Service ) endpointinterface: (es. endpointinterface = "package.miowebserviceinterface") specifica il nome completo della SEI (per difetto la classe java,comprensiva del package, concatenata alla Stringa ServicePortType ) targetnamespace: namespace di riferimento per il WSDL e gli XML generati (per difetto è il nome del package java) wsdllocation: l'indirizzo documento WSDL del Web Service. L'indirizzo può essere relativo o assoluto. (servicename = "NomeServizio", endpointinterface = "it.cnr.nomeservizioserviceporttype", targetnamespace="http://.../", portname="nomeservizioserviceport")

23 @WebMethod V Per difetto tutti i metodi public di una classe annotata vengono esposti nel Web Service Per personalizzare un metodo esposto come operazione WS si Attributi action definisce l'azione per l'operazione. (per difetto = al nome del metodo ) exclude specifica se il metodo va escluso dalla pubblicazione del Web Service. (per difetto= false ) (Booleano) operationname specifica il nome di wsdl:operation per il metodo (per difetto = nome del public int = "i") int = "j") int j) { int k = i + j; return k;

24 @WebParam V personalizzazione dei parametri di e di di un metodo del Web Service Attributi header: Specifica se il parametro si trova in un'intestazione di messaggio anziché nel corpo. Per difetto è false. (Booleano) mode: WebParam.mode.IN parametro, WebParam.mode.OUT, WebParam.mode.INOUT che rappresentano parametri in input, in output e parametri ripetuti sia in input che in output name: nome del parametro. targetnamespace: spazio dei nomi XML dell'elemento XML per il parametro

25 @SOAPBinding In caso i metodi del Web Service utilizzino tipi semplici come String o int è possibile utilizzare la seguente In caso di utilizzo di tipi complessi lo stile da utilizzare corrisponde a quello di Nel secondo caso vedremo più avanti come utilizzare il mapping (da oggetti Java in XML e viceversa) con JAXB

26 @SOAPBinding Indipendenza dal Protocollo e dal specifica come avviene il mapping a livello SOAP Attributi style stile di codifica per messaggi inviati e ricevuti. Valori: DOCUMENT (default), RPC. use formattazione per messaggi inviati e ricevuti. Valori LITERAL(default). ENCODED (non WS-I standard) parameterstyle valori Wrapped (default) o BARE (utilizzabile solo in stile DOCUMENT) = "http://...", name = = SOAPBinding.Style.DOCUMENT, use = SOAPBinding.Use.LITERAL)

27 Personalizzazione tramite SistemaInformativoService, targetnamespace= ) public class SistemaInformativo getpersona ) public Persona codicefiscale ) String codicefiscale) { //... codice di implementazione...

28 Implementazione del Servizio (da classe Java) Al momento dell'esecuzione Netbeans genera automaticamente gli artefatti, compila tutte le classi, dispiega il servizio e attiva l application server Dietro le quinte il Web Service (endpoint) viene generato dal tool wsgen wsgen cp./build -keep -s./src -d./build package.class

29 Artefatti Il tool wsimport a partire dal WSDL crea le classi di supporto (artefatti): Service Endpoint Interface (SEI) Service Exception class a partire da wsdl:fault Oggetti generati a partire dagli schemi XML (JAXB...) Per invocare una operazione WS è necessario istanziare la classe service ed ottenere il proxy mediante chiamata al metodo: get<servicename>port CalculatorService svc = new CalculatorService(); Calculatorproxy = svc.getcalculatorport( ) ; int answer = proxy.somma(35, 7);

30 wsimport Parametri: wsdl: percorso del file wsdl (es: /home/massimo/servizio.wsdl, destdir: destinazione dei compilati generati sourcedestdir: destinazione dei sorgenti generati keep: se indicata mantiene i sorgenti generati verbose: dettaglio verboso delle operazioni svolte binding: specifica il tipo di collegamento package: nome del package per le classi generate

31 Prova del Servizio...senza un Client Aprire Admin Console collegandosi col browser all'indirizzo Fornire utente e password per effetturare il login Cliccare su Web Services nel panello a sinistra Cliccare Hello Cliccare Test (http://localhost:8080/esempiowsciao/ciaoservice?tester)

32 Prova del metodo sayhello in Methods, scrivere un nome come parametro per il metodo sayhello Cliccare il pulsante sayhello

33 Analisi dei Messaggi SOAP

34 Client a partire da un WSDL

35 Implementazione di un servizio a partire da un WSDL Netbeans genera un Web Service (bozza) a partire da un WSDL Dietro le quinte esegue per noi il comando wsimport wsimport -keep s <directory_sorgenti> -d <classi_generate_compilate> <percorso_documento_wsdl> -keep non cancella i file sorgenti generati Il comando genera eventuali artefatti JAXB per gestire tipi non di base

36 Codifica del Client 1. Utilizzare l annotazione javax.xml.ws.webserviceref per riferire un Web Service L attributo wsdllocation specifica l URI del documento 080/EsempioWSCiao/CiaoService?wsdl 2. Invocare il metodo del Web Service utilizzando il proxy (port) del service Hello port = service.getciaoport(); 3. Invocare il metodo (saluto ) del proxy (port)

37 ClientCiao package simpleclient; import javax.xml.ws.webserviceref; import helloservice.endpoint.helloservice; import serviziociao.endpoint.ciao; public class ClientCiao static CiaoService service = new CiaoService(); public static void main(string[] args) { try { ClientCiao client = new ClientCiao(); client.dotest(args); catch(exception e) { e.printstacktrace(); public void dotest(string[] args) { try { System.out.println( Recupero il proxy (port) dal servizio: " + service); Ciao port = service.getciaoport(); System.out.println("Invoco l operazione saluto sul proxy (port)"); String name; if (args.length > 0) { nome= args[0]; else { nome = Nessun nome"; String response = port.saluto(nome); System.out.println(response); catch(exception e) { e.printstacktrace();

38 Esercizio Preparare un client che chiami il metodo registranome del Web Service WSnominativo descritto dal WSDL che trovate all indirizzo il metodo richiede in input un parametro di tipo String Test: Controllo accessi:

39 Tipi Supportati da JAX-WS Per essere indipendenti dal linguaggio i tipi supportati sono limitati a quelli descritti nelle specifiche: tipi atomici (es. int, boolean, ecc.) String array e List semplici JavaBean usati come strutture (con costruttore public) JAX-WS delega a JAXB il collegamento tra tipi Java e XML (e viceversa). Sviluppatori non devono preoccuparsi del collegamento (in generale)

40 JAXB Java API XML Binding Librerie che consentono di collegare (binding) oggetti Java a documenti XML A partire da un documento XML schema si può creare una classe Java corrispondente le cui istanze possono leggere/scrivere documenti XML e viceversa

41 Marshalling / Serializzazione Il procedimento detto marshalling si riferisce alla possibilità di serializzare (..trasformare..) oggetti Java in documenti XML. A partire da un oggetto Java, schemagen crea un documento XML corrispondente schemagen [-opzioni...] [sorgenti_java] Le istanze di queste classi possono essere collegate ai relativi documenti XML

42 Unmarshalling / Deserializzazione Il procedimento detto unmarshalling si riferisce alla possibilità di deserializzare (..trasformare..) documenti XML (schema) in oggetti Java. A partire da un documento xjc crea un oggetto Java corrispondente XML Schema xjc [-opzioni...] <schema> xjc biblioteca.xsd Le istanze di questa classe possono essere collegate a documenti XML

43 public class Persona () { private String nominativo; private String identificatore; public Persona() { public void getnominativo(){ return nominativo; public void setnominativo(string nominativo){ this.nominativo=nominativo; public int getidentificativo() { return // identificatore attributo dell'elemento radice public void setid(int identificatore) { this.identificatore = identificatore;

44 JAXB Serializzare e Deserializzare // Serializzare un oggetto in XML Persona persona= new Persona(); persona.setnominativo("salvo Montalbano"); persona.setidentificatore( slvmnt); // creiamo il contesto JAXB e un marshaller (serializzatore) JAXBContext contesto = JAXBContext.newInstance(Persona.class); Marshaller serializzatore = contesto.createmarshaller(); // Impostiamo un formato pretty serializzatore.setproperty(marshaller.jaxb_formatted_output, true); // serializzaimo serializzatore.marshal(persona, new File("/output.xml")); // Deserializzare (Ottenere l'oggetto dall'xml // creiamo il contesto JAXB e un unmarshaller (deserializzatore) JAXBContext contesto = JAXBContext.newInstance(Persona.class); Unmarshaller deserializzatore = contesto.createunmarshaller(); // otteniamo l'oggetto Message msg = (Persona)deserializzatore.unmarshal(new File("/persona.xml"));

45 public class Persona () { private String nominativo; private String public Dipendente() { Persona persona;

46 Esempio public class Persona () { private String nominativo; private String public Persona() { public void getnominativo(){ return nominativo; public void setnominativo(string nominativo){ this.nominativo=nominativo; public int getidentificativo() { return // identificatore attributo dell'elemento radice public void setid(int identificatore) { this.identificatore = identificatore;

47 Gestire gli allegati (attachment): = public class WSUpload { public void fileupload(string DataHandler data) { try { DataHandler dh = data; File file = new File(nomeFile); FileOutputStream outputstream = new FileOutputStream(file); dh.writeto(outputstream); catch (Exception e) { throw new WebServiceException(e);

48 Gestire gli allegati (attachment): Client WSUploadService service = new WSUploadService(); // classe generata MTOMFeature feature = new MTOMFeature(); WSUpload port = service.getwsuploadport(feature); //classe generata URL url = new URL("file:///home/massimo/prova.png"); DataHandler dh = new DataHandler(url); String nomefile = "prova.png"; port.fileupload(nomefile, dh);

49 Esercizio Preparare un client che chiami il metodo YYYYY del Web Service XXXX descritto dal WSDL che trovate all indirizzo il metodo richiede in input un parametro di tipo String e un parametro file corrispondente ad una immagine jpg o gif o png che avete sul vostro disco

50 Novità introdotta con in Java SE 6 //pubblicazione di un POJO (Plain Ordinary Java public class Calcolatore WebServiceContext context; // ottiene dal server il contesto dei WS public int somma(int a, int b) { return a+b; // crea e pubblica un endpoint Calcolator calculatore = new Calcolatore(); Endpoint endpoint=endpoint.publish( // WSDL creato e pubblicato al volo: // assegnazione di protocollo (per difetto è HTTP) // Endpoint endpoint=endpoint.create(soapbinding.soap12http_binding,calcolatore); //endpoint.publish( );

51 Client Asincroni (nonblocking) class AmazonAsyncClient { public static void main(string[ ] args) { // Usage if (args.length!= 1) { System.err.println("Usage: java AmazonAsyncClient <access key>"); return; final String access_key = args[0]; // Create service and get porttype reference. AWSECommerceService service = new AWSECommerceService(); AWSECommerceServicePortType port = service.getawsecommerceserviceport(); // Create request. ItemSearchRequest request = new ItemSearchRequest(); // Add details to request. request.setsearchindex("books"); request.setkeywords("quantum gravity"); ItemSearch item_search= new ItemSearch(); item_search.setawsaccesskeyid(access_key); // The handler class implements handleresponse, which executes item_search.getrequest().add(request); // if and when there's a response. port.itemsearchasync(item_search, new MyHandler()); static class MyHandler implements AsyncHandler<ItemSearchResponse> { // In this case, just sleep to give the search process time. public void handleresponse(response<itemsearchresponse> future) { // In a production application, other useful tasks could be try { // performed and the application could run indefinitely. ItemSearchResponse response = future.get(); try { List<Items> item_list = response.getitems(); Thread.sleep(400); for (Items next : item_list) for (Item item : next.getitem()) catch(interruptedexception e) { System.err.println(e); System.out.println(item.getItemAttributes().getTitle()); catch(interruptedexception e) { System.err.println(e); catch(executionexception e) { System.err.println(e);

52 Bibliografia Metro User Guide https://metro.dev.java.net/guide/index.html Java Web Services Developer Pack 2.0 Java EE 5 Developing using Glassfish Application Server. David R. Heffelfinger Packt Publishing Create stand-alone Web services applications with Eclipse and Java SE 6. Fiona Lam, John Robertson, IBM developerworks Documentazione di WebSphere Application Server topic=/com.ibm.websphere.wsfep.multiplatform.doc/info/ae/ae/rwbs_jaxwsannotatio ns.html RESTful Web services: The basics. Alex Rodriguez - IBM developerworks Web Services con Java5. MokaByte 127, Marzo Aprile 2008 (http://www.mokabyte.it/) Java & XML. Brett McLaughlin O'Reilly Java Web Services Up adn Running O'Reilly Corso Comune Livorno Web Services. M.Martinelli Corso Comune Livorno AXIS 2.1. M.Martinelli Corso Comune Livorno Java e XML. M.Martinelli

53 Grazie!

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M

Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M I T P E l e t t r o n i c a Le caratteristiche di interoperabilità del Terrapack 32 M M. Guerriero*, V. Ferrara**, L. de Santis*** * ITP Elettronica ** Dipartimento di Ingegneria Elettronica Univ. La Sapienza

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Un oggetto per la lettura dalla tastiera

Un oggetto per la lettura dalla tastiera Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 Un oggetto per la lettura dalla tastiera Le API di Java hanno un oggetto System.in che rappresenta la tastiera del calcolatore, ma che non è semplice

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software Java java beans e programmazione visuale G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Cos è un JavaBean Un JavaBean (o semplicemente Bean) è un componente software riusabile Analogia con i componenti elettronici I

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Progettazione Orientata agli Oggetti

Progettazione Orientata agli Oggetti Progettazione Orientata agli Oggetti Sviluppo del software Ciclo di vita del software: comprende tutte le attività dall analisi iniziale fino all obsolescenza (sviluppo, aggiornamento, manutenzione) Procedimento

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Il Tutorial per BlueJ

Il Tutorial per BlueJ Il Tutorial per BlueJ Versione 1.4 per BlueJ Versione 1.2.x Michael Kölling Mærsk Institute University of Southern Denmark Tradotto in italiano da Vito Di Viggiano, Orlando Demauro, Gianluca Leo, Gianpaolo

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso Integrare le MFC con Irrlicht by Raffaele White tiger Mancuso In questo topic spiegherò come integrare irrlicht in un documento singolo MFC *(1). Io ho usato il visual c++ 6 ma la procedura dovrebbe essere

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Struttura di un programma Java. Package. Uso dei package

Struttura di un programma Java. Package. Uso dei package Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (sede di Latina) Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (consorzio Nettuno) Struttura di un programma

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli