Paola Pariset. Domenica ore 17,00. Tel Sabato, 11 Dicembre Aggiornato alle 2:37 News, Notizie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paola Pariset. Domenica ore 17,00. Tel. 06-5881021. Sabato, 11 Dicembre 2010 - Aggiornato alle 2:37 News, Notizie"

Transcript

1 Pulcinella di Aurelio Gatti al Teatro Vascello «giornaledelladanza.com pulcinella -di-aurelio-gat... Domenica ore 17,00 Tel Sabato, 11 Dicembre Aggiornato alle 2:37 News, Notizie Pulcinella di Aurelio Gatti al Teatro Vascello dicembre 8, 2010 Il fondale del palcoscenico del Teatro Vascello era un coacervo di drappi cadenti, casse di legno, libri polverosi, vecchia mobilia, oggetti dimenticati da anni abitati da un piccolo vecchio uomo. Aurelio Gatti in persona trascinava stancamente in questo pregevole suo Pulcinella al Teatro Vascello, in scena sino al 5 dicembre un carretto, nell allestimento scenico copia conforme o quasi del suo Capannone Molière, fucina di scenografie di un teatrante nato e dai mille volti, che è lui Aurelio Gatti. Però Gatti ex ballerino, mimo, regista consumato di drammaturgie e di coreografie in opere liriche, fondatore e direttore artistico della compagnia MDA Produzioni Danza (che interpreta la pièce attuale) e del Progetto Teatri di Pietra per la valorizzazione del teatri antichi (per il quale ebbe il Premio di Gestione a Bari nel 2007) è artista dalla vasta cultura letteraria e archeologica, che le sue coreografie riflettono: Orfeo de Pazzi, Odisseo, ed ora Pulcinella, figura del mondo popolare partenopèo carica di significanze simboliche. Il balletto nacque negli anni 90 dalla collaborazione di Aurelio Gatti con la ballerina e coreografa americana Roberta Garrison: esso è oggi riproposto in una seconda versione, con la stessa musica originale di Marco Schiavoni, i costumi di Giusi Giustino, le luci di Stefano Stacchini, le scene del Capannone Molière: le ballerine, che dovremmo definire storiche e consolidate nelle coreografie di Gatti, sono Gianna Beduschi, Carlotta Bruni, Gioia Guida, Marika Zannettino, Luna Marongiu. Nuovo vi è il personaggio della Bambola Meccanica (la deliziosa Marongiu): le altre portano i nomi di Pulcinella del Sole, Pulcinella del Mare, Pulcinella dell Uovo, Pulcinella Nero. La loro gioiosa danza riassorbe il vecchio alla vita istintiva e naturale, così come i moduli in legno sparsi in scena diventano di volta in volta cassapanche, torri, nave, la mitica nave che va verso il nuovo, l incognito, e la nave del ritorno, alla casa, alla patria le gambette destre dei dolci Pulcinella seduti in coperta divengono remi, che spingono la nave, che materializzano il viaggio. Esso è la vita, che alla fine del suo percorso pare bella anche nel dolore, anche nelle amare riflessioni di un Vecchio, che nella senilità si domanda, in questa toccante metafora della propria vita, se è legittimo chiamare vita un esistenza, cin cui si è ridotti ad cessere comparse di vicende altrui. Paola Pariset INFO Teatro Vascello, Via G.Carini 78, Roma Dal 30 novembre al 5 dicembre, ore 21,00 Pulcinella di Aurelio Gatti al Teatro Vascello «giornaledelladanza.com

2 Teatro Vascello. Pulcinella, appassionante maschera di ironia e speranza 1 di 3 12/12/ :04 Login Register Tools cerca... Chi siamo Disclaimer Contatti Lettere Eventi da non perdere Follow us Feed Newsletter Streaming Giovedì 02 Dicembre :11 Valuta questo articolo (0 voti) Teatro Vascello. Pulcinella, appassionante maschera di ironia e speranza Dimensione carattere Stampa Add new comment di Chiara Aranci ROMA - Lo spettacolo Pulcinella, in scena al Teatro Vascello a Roma, è una rappresentazione a metà tra drammaturgia e danza realizzato dalla Compagnia MDA produzioni. Il palcoscenico è nudo, libero dalle quinte e dal fondale. Si vedono, quindi, le funi che abitualmente aprono e chiudono il sipario e sul fondo le scenografie usate in teatro, mobili, sedie, pedane, cuscini. In questo deposito scende una vela bianca e vengono portate in scena delle casse di legno da un anziano magazziniere. Si abbatte un temporale, anticipo della tempesta, e un fulmine cade in scena, portando tutto nell oscurità. Dalle casse emergono nel buio dei personaggi strani, che si muovono curiosamente, uno è vestito di nero, tre sono in bianco. E Pulcinella, la maschera della commedia dell arte, insieme a loro c è una bambola meccanica. Sulle note di una musica intensa e vivace i cinque personaggi coinvolgono l anziano guardiano in un avventura. Le casse diventano una nave e il gruppo s imbarca in viaggio immaginario, eroico, pauroso, avvolgente ed affascinante. Tra passi di danza, capriole e mimica, tutto contenuto in un ritmo incalzante della rappresentazione, il variegato gruppo si ritroverà prima in un mercato del Mediterraneo, poi in una piramide e alla fine in un tribunale. Accademialascala.it/Palcoscenico Metafore della vita che si richiamano al desiderio di evasione, alla necessità di affermazione e di paura, al senso della vita e a quello della morte. Alla fine del viaggio l anziano magazziniere diventerà anche lui Pulcinella. La maschera dell arte, tra le più complesso e articolate, racchiude in sé il buon senso e l ingenuità, la vitalità intensa, inquieta e triste, l ironia e il sarcasmo, ma è sempre pronta a stupirsi delle cose del mondo. Il personaggio della bambola meccanica è allo stesso tempo affascinante e terribile, rappresenta la parte più nera della vita in contrasto con la figura positiva di Pulcinella: personaggio che il regista presenta come portatore di speranza quando tutto sembra perduto. La bravura degli artisti, che si arrampicano sulle casse, interpretano e mimano, si compongono in forme svariate e piccole acrobazie, facendo della fisicità la chiave di lettura principale dello spettacolo, emerge nella rappresentazione che il pubblico ammaliato segue con passione.

3

4 PULCINELLA, Eclissi del tempo (recensione) IL FOYER ultimi post tag utenti online foto video IL FOYER Se volete segnalare uno spettacolo o una manifestazione culturale di Roma e provincia, inviateci una mail: (per ragioni tecniche i comunicati pervenuti in formato.pdf non potranno essere pubblicati) NEWSLETTER Iscriviti alla Newsletter la tua Vai! in collaborazione con PROTESTA CONTRO I TAGLI AL FUS "...Un Paese che si rifiuta sistematicamente di investire nella cultura e nell'arte, in realtà, non risparmia ma è un Paese che diventa SPAVENTOSAMENTE PIU' POVERO..." "...Una comunità che va a teatro, che legge, che va al cinema, è una comunità che acquisisce sempre più strumenti per scegliere, per partecipare, per immaginare. E' una comunità che si assume la responsabilità diretta della democrazia..." «CONCERTO APERITIVO - Teat... Home L'ARCA DI GIADA (recensio...» Pulcinella (Eclissi del tempo) recensione di Irene Conti PULCINELLA, Eclissi del tempo (recensione) Fino al 5 Dicembre sarà i scena, al teatro Vascello di Roma, Pulcinella, uno spettacolo di danza in cui la maschera più famosa di Napoli è presa come esempio di unione degli opposti (miseria e nobiltà; acqua e fuoco; potere e virtù), in cui i vari Pulcinella (quello del mare, del sole, dell uovo, quello nero) sono chiamati ad affrontare questa eclissi del tempo (da cui il sottotitolo) in cui futuro e passato vengono annientati. In un deposito pieno di casse abbandonate un vecchio custode mette a posto i vari imballaggi pesanti. Il temporale in corso fa abbattere un fulmine sul locale, dando vita ai personaggi che giacevano inanimati all interno delle casse, coinvolgendoli in un lungo viaggio, fatto di evasione, paura e morte. Oltre alle varie maschere di Pulcinella, nel deposito, vi è anche un pupazzo meccanico, infido, cattivo, ma affascinante, che funge da tred-union tra la vita e la morte e che racchiude in sè tutte le peculiarità, positive e negative, dell animo umano. Spettacolo onirico, in cui lo spettatore è trasportato nel viaggio insieme ai danzatori, ora su una barca, ora su una piramide, ora un mercato, percorrendo le ali della libertà. Uno spettacolo elegante e pieno di atmosfera, capace di prendere il pubblico, avvolgendolo e coinvolgendolo in una atmosfera di hitchcockiana memoria, anche attraverso la musica, che diventa un tutt uno con il resto della rappresentazione, in un osmosi di coreografie, suoni e luci. L'essenzialità della scenografia mette in risalto il lavoro di Aurelio Gatti, il regista che interpreta il Custode in modo straziante, con una mimica e un' espressività che inteneriscono ed emozionano lo spettatore. Le coreografie di Roberta Garrison, magistralmente interpretate dai danzatori, rendono appieno lo spirito di questa eclissi del tempo in cui futuro e passato si fondono insieme per un viaggio nella coscienza di tutti e in cui la morte non è che l inizio di una nuova vita. PULCINELLA drammaturgia e regia AURELIO GATTI coreografia ROBERTA ESCAMILLA GARRISON con Gianna Beduschi, Carlotta Bruni, Gioia Guida, Luna Marongiu, Marica Zannettino, Aurelio Gatti musiche Marco Schiavoni TEATRO VASCELLO via Giacinto Carini,78 (Monteverde vecchio) tel: Fax.: PULCINELLA, Eclissi del tempo (recensione) IL FOYER giovedì, 02 dicembre 2010 Permalink - categoria : recensione commenti Commenti:

5 Scelte e conseguenze: L'uomo e la maschera Condividi Segnala una violazione Blog successivo» h t t p : / / g o l f o - m i s t i c o. b l o g s p o t. c o m / / 1 2 / l u Crea blog Entra Scelte e conseguenze Pensieri, parole, opere ed omissioni nell'universo artistico m a r t e d ì 14 di c e m b r e L'uomo e la maschera elenco blog personale ATENERIENA FINE ANNO 2 settimane fa Bellowhead Cold Blows the Wind 5 mesi fa blog.barbarazanon.co m Berlino, giorno ultimo 9 mesi fa ComeUnIncantesimo Il blog candy di Fiore 1 mese fa Così lontano, così vicino Intervista di Gloria Caioni 4 mesi fa Gianni "Marok" Maroccolo - Official Blog Giovani rocker crescono e vendono un sacco di cd 5 mesi fa Graphic&Design Piazza Mincio Spot n 2 1 anno fa il vizio della memoria Mafia, appalti e stragi. Un depistaggio lungo vent anni 2 mesi fa La donna mancina Vorrei che tu fossi una donna... 1 anno fa Le mie idee LA DISCRIMINAZIONE IN RAI HA QUESTE STORIE E QUESTI VOLTI 2 ore fa QUESTO TEMPO CHE HO SoundScapeS L'EGITTO PRIMA DELLA BRONCOPOLMONITE, dal vivo a Roma, 14/11/ giorni fa wildwestcivilwar- di Stefano Jacurti INFERNO BIANCO AL CHRISTMAS FILM FESTIVAL PESCASSEROLI (AQ) 28 DICEMBRE ORE settimane fa ZinnoArt - News from Artist Dan Zinno Commission continues 1 anno fa lettori fissi archivio blog 2010 (6) Stavolta una precisazione è assolutamente necessaria. Nel campo della danza sono un "absolute beginner" (come direbbe Bowie) e questa non ha la minima pretesa di essere una recensione: ciò che scriverò di seguito è solo frutto di sensazioni personali delle quali mi piacerebbe rendere partecipi i miei (pochi) lettori, e che probabilmente mostrano una fragilità evidente agli occhi di chi ne sa di più. Ciò nonostante... Dal 30 novembre al 5 dicembre, al teatro Vascello di Roma, è andato in scena "Pulcinella, opera per danza e maschera" di Aurelio Gatti, con la compagnia di danza MDA, attiva stabilmente dagli anni settanta, sempre sotto la guida del maestro Gatti. "Pulcinella" (la cui prima messa in scena risale a circa 10 anni fa) è un lavoro incentrato sulla figura di un uomo che, all'interno di un magazzino pieno di scatoloni abbandonati, viene a contatto con quattro figure di Pulcinella tra loro complementari, ed un'inquietante bambola meccanica. L'uomo farà quindi esperienza delle sfaccettature dei Pulcinella, in una sorta di viaggio che rimanda a temi assoluti di vita e di morte, alla ricerca del significato delle cose e in primis del tempo. Nel finale l'uomo troverà risposta divenendo anche lui simile a Pulcinella. La scenografia è costruita attorno agli scatoloni che inizialmente contengono i personaggi, ma che poi si trasformano in tanti modi, persino in nave o in tribunale! I movimenti dei sei personaggi sono per lo più corali: gli spazi individuali sono raramente solistici. Ne risulta quindi uno spazio scenico sempre dinamico, in ogni angolo del palco. E indubbiamente la conformazione del teatro aiuta a vedere bene questi movimenti, grazie al boccascena all'altezza della prima fila. Mi colpisce poi come ogni movimento dei singoli sia collegato e sincronizzato in un'azione collettiva, dove lo stile rimanda frequentemente ai gesti tipici del mimo. Da sottolineare la bellezza delle musiche (opera di Marco Schiavoni) che riescono a fondere atmosfere partenopee e rimandi etnici. Il tema principale della colonna sonora è di quelli che ti trovi in testa ancora a distanza di giorni e si lega bene al campionamento della voce del Pulcinella del Gianicolo, con la quale sono cresciute generazioni di romani (come me). Le identità dei danzatori-pulcinella sono completamente nascoste dalle maschere e dai costumi ed è bello scoprire solo nel saluto finale che si tratta di donne di varie età ed esperienza, ma tutte ugualmente brave: Gianna Beduschi, Gioia Guida, Marica Zannettino e Carlotta Bruni. Molto brava anche Luna Marongiu nel ruolo della bambola, che a dispetto della meccanicità dei gesti riesce bene ad esprimere la drammaticità e la cupezza del personaggio. E poi Aurelio Gatti...: pur essendo il danzatore che si muove meno, è indubbiamente il motore dell'intero lavoro. La sua è una presenza magnetica che amalgama, gestisce e comunica. Una gradevolissima messa in scena che ho avuto il piacere di vedere ad una esibizione pomeridiana, nella quale ho notato molti ragazzi: un gran bel modo di avvicinarsi al mondo della danza, direi. Anche per me. dicembre (1) L'uomo e la maschera novembre (1) agosto (1) luglio (1) aprile (1) febbraio (1) 2009 (16) 2008 (2) etichette architettura (1) cd (9) cinema (2) Fotografie di Lucrezio de Seta danza (1) fotografia (1) libri (1) live (7) Pubblicato da Golfo Mistico a 14:47 Etichette: danza Reazioni: mostre (1) musica (14) teatro (1) 0 commenti: Posta un commento in f o r ma z io n i p e r s o n a li Golfo Mistico Visualizza il mio profilo completo Home page Iscriviti a: Commenti sul post (Atom) Post più vecchio contatore

6 Pulcinella di Aurelio Gatti: la danza e la maschera di Isabella Moroni :... PULCINELLA DI AURELIO GATTI: LA DANZA E LA MASCHERA DI ISABELLA MORONI 3 dicembre, 2010 di Isabella Moroni inserito in proponiamo, teatro danza 70 lettori Danza e punti di svolta. Pulcinella di Aurelio Gatti in scena al Teatro Vascello di Roma fino a domenica 5 dicembre non sembra proprio avere dieci anni di vita. Dopo tanto tempo di immaginari, denunce ed arrovellamenti ritroviamo finalmente una storia, un percorso da fare, una struttura che, di questi tempi così vuoti, aiuta a credere e ad avere una meta. E questa storia è piena di tensioni e controtensioni: sembra una fine ed invece è un inizio, sembra un abbandono ed invece è un sentimento nuovo, una delusione che si trasforma in un lazzo, un incubo che diventa un risveglio. La (non)scena mostra il retro di un palcoscenico: cordami, carrucole, cantinelle e tutto l armamentario del magazzino teatrale che ben può raccontare un porto o un angiporto di una Napoli multivocale. E a Napoli siamo perchè dalle casse di legno accatastate escono esi moltiplicano i Pulcinella curiosi e impauriti, spacconi e provocatori come tutti i Pulcinella devono essere, ma che in più danzano. Danzano davvero, non scarnificano i gesti, non destrutturano il movimento. Danzano e i loro piedi sono affasciananti, le torsioni ed i piegamenti, le spaccate, i salti, la reinvenzione della tarantella o la semplice riproposizione di una gestualità da burattino dimenticato sul proscenio della baracca. E danzando aprono scatole magiche, carillon giganti che contengono bambole meccaniche senza pietà. Danzando partono per un viaggio-sogno su una barca inventata alla scoperta di un mondo-uovo da cui prima o poi qualcosa dovrà nascere. Pulcinella -ci dice l autore, guidandoci nella lettura dello spettacolo- è la capacità di sommare in sè elementi al limite della contraddizione; do inire gli opposti, miscelando nel suo agire la libertà del sogno e la limitatezza del reale. Ma Pulcinella è anche una alchimia, un elisir contro la perdita dell idea di futuro, un farmaco per le derive del presente immobile che annulla le promesse di pace, evoluzione e crescita che il futuro ha rappresentato per intere generazioni. Ed infine, in questo buio -fatto più tagliente dalla crudeltà della bambola orrorifica che succhia e divora amore e vitalità- qualcosa dunque nasce: un Pulcinella più fenice che pulcino, un vecchio uomo, un passato, una poetica forse, a cui basta indossare la maschera per tornare ad essere curiosità, meraviglia, specchio e accusa, quello che resta in un esistenza di cui non siamo più padroni. Oltre alla danza.

7 MP News Cultura > Teatro : Pulcinella al Teatro Vascello Attualità Mondo Economia Cultura Cinema Musica I più letti Leggi MP Magazine TAGS ECONOMIA PARTITI ELEZIONI ROMA QUARTIERI MONTAGNOLA CLECKHUDDERSFAX SPEN BECK STEARICA RECENSIONE ITALIANA TRIVISION MUOVERSI NEL LIQUIDO ALTERNATIVE TAKKA TAKKA MIGRATION METAL DANZIG RED DETH SEBAOTH PULCINELLA TEATRO VASCELLO LIVE REPORT ROCK THE BALLET TEATRO EUROPAUDITORIUM POE MUSIC NEWS PIÙ LIB(E)RI ROMA E L'ANTICO ZUCCHERO CHOCABECK NEGRAMARO CASA 69 ALESSANDRA CELLETTI THE WARLOCKS RISE AND FALL POP SYD BARRETT AN INTRODUCTION TO ZEUS ROCK SAY US LUZZATI RAPUNZEL DISNEY DOPPIATRACCIA FRANCESCO PANNOFINO BORIS PENSIONI WEFARE TUTTO SU MIA MADRE PARIS-PHOTO 2010 ANDRÈ KERTÈSZ GABOUREY 'GABBY' SIDIBE MO'NIQUE PAULA PATTON LENNY KRAVITZ SHERRI SHEPHERD NEALLA GORDON STEPHANIE ANDUJAR AMINA ROBINSON CHYNA LAYNE XOSHA ROQUEMORE 5XMILLE SPESA PUBBLICA TREMONTI GIACOMO BALLA EX NORWEGIAN SKETCH ULAN BATOR TOHU BOUH INTERVISTA ANONIMA ARMONISTI VILLA TORLONIA MP News Cultura Teatro Effettua il login o registrati domenica 12 dicembre 2010 Pulcinella al Teatro Vascello Al Teatro Vascello vi aspetta fino al 5 dicembre un'opera di danza contemporanea su Pulcinella della Compagnia MDA, un'opera imperdibile, affascinante nella sua perfezione, in una sola parola fantastica Carlo Guglielmo Vitale Al Teatro Vascello dal 30 novembre al 5 dicembre è in scena la rappresentazione teatrale Pulcinella dalla drammaturgia e coreografia di Aurelio Gatti. Un'opera di danza contemporanea ideata per la prima volta oltre 10 anni fa da un progetto tra amici: Marco Schiavoni, autore delle musiche, la costumista Giusi Giustino e Roberta Garrison che ha partecipato per la parte coreografica alla prima stesura. Sul palco sei personaggi, Pulcinella e altri tre compagni, una bambola e un magazziniere. È difficile spiegare razionalmente la trama di questa rappresentazione: mal si adatta ad una comprensione pienamente logica e reale, sono le emozioni ad essere gli elementi portanti. Ottima l'illuminazione, sempre variegata, capace di valorizzare ombre e movimenti. Le musiche di Marco Schiavoni, nonché gli effettisonori, si accompagnano perfettamente ai passi di danza, dolci e sinuosi, attraenti nel loro equilibrio. Siamo rimasti veramente stupefatti da un'opera, seppur di breve durata, circa 70 minuti, intensa, mai noiosa o stancante; un'opera che ci porta verso un mondo onirico e immaginario al limite della contraddizione. Tutto inizia con un temporale, nel suo dualismo di vita e morte (la pioggia simbolo di vita ma allo stesso tempo possibilità di distruzione): il magazziniere è intento a spostare delle casse di legno, è un uomo di una certa età, dalla barba incolta e dai capelli canuti. Dalle casse ben presto prendono vita alcuni personaggi, dall'espressione sarcastica e incredula. Pulcinella, dalle vesti nere come la sua maschera, e altri tre in tutto e per tutto uguali ma dalle vesti bianche. Dopo un po' compare anche un altro personaggio, una bambola, dai movimenti meccanici e dall'indole cannibalesca! Il nostro magazziniere sarà la vittima di questi personaggi così indefiniti e anche assurdi, verrà portato in diversi luoghi attraverso un viaggio pauroso ma avvolgente: su una nave in mezzo al mare, in un tribunale, in un mercato. Attualità Mondo Economia Cultura Cinema Musica MpFlash Rock Pop Alternative Italiana Metal/Punk Black Things Live Report Music News Recensioni Interviste Approfondimenti Speciali CineNews Underground Cabina di regia Arte e Libri Teatro Internazionale Planet info redazione copyright archivio collabora contatti

8 Il Grido.org teatro pulcinella 1 di 1 03/01/ :53 Pulcinella o dell'eclissi del tempo Autore: Aurelio Gatti Regia: Aurelio Gatti Coregorafie: Aurelio Gatti Luci: Stefano Stacchini Costumi: Giusi Giustini Musica: Marco Schiavoni Produzione: Compagnia Stabile di Produzione Coreografica Interpreti: Gianna Beduschi, Carlotta Bruni, Gioia Guida, Luna Marongiu, Marica Zannettino, Aurelio Gatti Anno di produzione: 2010 In scena: in turnè Genere: danza In scena al teatro Vascello "Pulcinella", un'opera per danza e maschera ideata e realizzata da Aurelio Gatti. Lo spettacolo è la narrazione di un piccolo grande viaggio condotto dalla famosa maschera popolare, nel regno dell'immaginario. I pulcinella appaiono gradualmente, quasi per magia, da scatole di legno, scaricate da un vecchio custode in un magazzino, ognuno con la sua caratteristica: il pulcinella nero e' a capo della grande impresa e con il bastone, che utilizza quasi a scettro di comando, dirige i lavori e realizza inaspettate magie. Il pulcinella del sole si muove su una sola scarpetta da punta: l'altro piede poggia nudo a terra, per dare contezza dei due mondi, quello terreno e crudo della materia e quello astratto ed etereo della danza. Il pulcinella del mare e il pulcinella dell'uovo, psicopompo che protegge la vita e la morte, e prende l'uovo a simbolo del mistero del percorso umano sulla terra. Il vecchio custode, ignaro delle presenze sovrannaturali, viene coinvolto sempre di più nel loro girotondo magico; a volte è preso inesorabilmente nelle maglie della bella ma terribile puppet mecanique, una bambola dalle movenze meccaniche, apparsa da una delle scatole, che in alcuni momenti sembra quasi volerlo divorare. La storia procede in un continuo divenire e trasformarsi, ad esaltazione della bellezza e grandiosità della vita; anche il vecchio uomo, reduce dalle avventure con gli amici, senza accorgersene è diventato lui stesso un Pulcinella. Lo spettacolo è interessante e coinvolgente, sia dal punto di vista registico, che coreografico. Un'operazione che parte dalla danza, ma che arriva con le immagini al teatro scegliendo la strada della forma/racconto. Bravi tutti gli interpreti/danzatori che danno vita ai diversi personaggi con originalità e precisione dei gesti, alcuni tipici della Commedia dell'arte, altri attualizzati e adeguati ai diversi momenti della storia. Un ensemble convincente ed energico. Buone le musiche originali d'atmosfera, così come le luci che segnano gli appuntamenti più importanti del frastagliato e avventuroso viaggio nel tempo e nel "non tempo". [annalisa picconi]

9 apoli la Repubblica.it Teatro: 'Pulcinella', opera per danza e mascher di 3 12/12/ :10 IN EDICOLA LE ULTIME NOTIZIE Teatro: 'Pulcinella', opera per danza e maschera al Vascello Cerca: Archivio La Repubblica dal 1984 Domenica Ore Cerca: Cerca nel Web con Google Home Cronaca Sport Foto Video Annunci Aste-Appalti Lavoro Motori Negozi Edizioni Roma, 24 nov. - (Adnkronos) - 'Pulcinella', servo-signore e simbolo di Napoli, attende i piccoli spettatori ai Teatro Vascello. Dal 30 novembre al 5 dicembre dal martedi' al sabato (ore 21) e la domenica (alle 18), i ragazzi dai 10 anni in su potranno gustare l'opera per Danza e Maschera 'Pulcinella', con coreografie del drammaturgo Aurelio Gatti e musiche di Marco Schiavoni. La maschera di Pulcinella unisce in se' gli opposti, sospesa tra Oriente e Occidente tra nobilta' e miseria tra potere e servitu'. La 'storia' che sara' narrata al Vascello narra un piccolo grande viaggio in cui l'immaginazione si trasforma in antidoto e spirito di sopravvivenza per reagire alla limitatezza e alle delusioni del mondo reale. Al teatro romano, inoltre, dal 7 Dicembre prenderanno il via gli spettacoli di Antonio Rezza e Flavia Mastrella. Il 7, 8 e 9 andra' in scena 'Pitecus', il 10, l'11 e il 12 'Io', dal 14 al 19 'Fotofinish'. Infine 'Bahamut' il 21,22,23 e 26 Dicembre e ' ' dal 28 Dicembre al 2 Gennaio. (24 novembre 2010 ore 17.04)

10 Paneacqua.eu: Sognando Pulcinella 1 di 5 03/01/ :06 Plurisettimanale per la cultura progressista Lunedì, 03 Gennaio Ultimo aggiornamento alle 16:28 i Sognando Pulcinella Bruna Monaco, 05 dicembre 2010, 15:34 Danza MDA Produzioni Danza porta al Teatro Vascello Pulcinella, un'opera noir per danza e maschere in cui il Pulcinella della Commedia dell'arte entra in mondo onirico All'ingresso in sala il sipario è già aperto su un palcoscenico senza quinte né fondali. Corde, scale a pioli, scenografie accatastare sul fondo, sedie, mobili e attrezzi vari. Al centro della scena, tre grosse casse di legno su cui è appollaiato un Pulcinella (Carlotta Bruni) nero come un uccello del malaugurio. Si sposta, lento, da una cassa all'altra, seguendo l'andirivieni di un uomo malmesso dalla spalle curve e la bocca sdentata che porta in scena altre casse con una carriola: Aurelio Gatti, drammaturgo, coreografo e interprete di questo Pulcinella sopra le righe. È lui il custode di questo deposito di casse, un uomo solo e stanco che compie gli stessi gesti di sempre, che ha perso ogni immaginazione e fantasia. La pesantezza della sua esistenza la sentiamo attraverso le musiche angosciose (composte per lo spettacolo da Marco Schiavoni), l'atmosfera è cupa. Poi un imprevisto rompe la routine. Scoppia il temporale, e un fulmine manda via la luce. Cosa succede al custode? Muore e ha accesso a un mondo altro? Oppure, semplicemente, lo spavento lo desta dal torpore della sua vita noiosa per dargli accesso

11 Paneacqua.eu: Sognando Pulcinella 2 di 5 03/01/ :06 ad una onirica, fiabesca? Qualunque cosa avvenga, davanti ai suoi occhi increduli, le tre grandi casse al centro del palco si aprono. Ne escono tre Pulcinella bianchi (Gianna Beduschi, Gioia Guida e Marica Zannettino) goffi, impacciati e allo stesso tempo flessibili e dai movimenti armonici. Volteggiano come ballerini e si arrabattano in maldestre capriole in un riuscito tentativo di combinare il linguaggio aereo della danza con quello fisico della Commedia dell'arte. I Pulcinella di Aurelio Gatti hanno rinunciato alla rozzezza popolare della maschera partenopea perdendo l'umanità. E si sono fatti personaggi onirici, fantasmi prodotti dalla fantasia del nostro custode. Questi Pulcinella bianchi portano aria sulla scena, l'angoscia si dirada e anche la cupezza. Giocano, si nascondono, si muovono come acrobati clown. Finché un nuovo colpo di scena ripristina lo stato precedente e tinge di noir quella che credevamo sarebbe stata un'opera leggera e giocosa. Una bambola meccanica (Luna Marongiu) entra in scena, bella e spietata, aggredisce il custode e trasforma in incubo quel sogno. A questo punto le relazioni fra i personaggi si confondono, la trama si sfilaccia, il sogno smette d'essere comprensibile. Il ritmo resta incalzante ma lo spettacolo sembra sempre sul punto di finire, finché un nuovo colpo di scena non interviene a prolungare l'agonia del povero custode in balia degli eventi. I Pulcinella lo portano su una nave, poi in un mercato del sud dove tutti si ammazzano a vicenda. Resuscitano e si trovano infine in un tribunale in cui il custode viene giudicato (ma per cosa?). In un ultimo exploit di cattiveria la bambola lo uccide e viene a sua volta uccisa dai Pulcinella che, ponendo una maschera sul volto del custode morto gli danno di nuovo vita, anche se una vita di sogno in un corpo da Pulcinella. Il primo Pulcinella di MDA Produzioni Danza risale a dieci anni fa e nasceva dall'esigenza di proporre un punto di vista diverso sulla vita, una disponibilità a "stupirsi". E Pulcinella, maschera che unisce in sé gli opposti e li fa convivere era, secondo Aurelio Gatti, in grado di riassumere questo sguardo. Nella prima versione mancavano il noir e la bambola cattiva. L'ottimismo del sogno sembra aver ceduto il passo alla confusione e al pessimismo dell'incubo che, evidentemente, per Gatti, meglio rappresenta i nostri giorni. Invia questo articolo per Versione per la stampa Commenta questo articolo Feed dei commenti di questo articolo

12 ROMA MODA: PULCINELLA PULCINELLA CERCA RICORDAMI Recupera Password dal 30 novembre al 5 dicembre al Teatro Vascello... Una delle caratteristiche di Pulcinella è sicuramente la capacità di sommare in sè elementi al limite della contraddizione alimentato e sorretto com'è da una continua dualità che sgorga dalle tensioni proprie di una Partenope conflittuale sospesa tra oriente ed occidente tra nobiltà e miseria tra potere e servitù tra desiderio e frustrazione tra acqua (quella del mare che favorisce lo spirito d'ingaggio e d'avventura) e fuoco (quello del Vesuvio che genera distruzione paura ed impotenza d'azione). Forse proprio per questo Pulcinella unisce in se stesso come nessun altra "maschera" gli opposti e quegli anacronismi propri di un popolo che nella disperata necessità di sopravvivenza riesce a creare dal fatalismo un' acuta possibilità di scampo miscelando nel suo arruffato agire la libertà del sogno e la limitatezza del reale. E' quindi inevitabile che anche questa ennesima "storia" del servo-signore-maschera sia la narrazione di un piccolo grande viaggio: nel regno dell'immaginario del possibile e dell'eventuale e che racchiude quella sottile ed essenziale positiva saggezza proiettata al divenire sempre protesa a riconoscere e cantare la vita nella sua bellezza e grandiosità. Per noi Pulcinella è anche una alchimia un elisir contro la perdita dell'idea di futuro un farmaco per le derive del presente : per secoli il tempo è stato portatore di speranza e dal futuro ci si attendeva pace evoluzione crescita... o anche rivoluzione. Non è più così. Il futuro quello risolutore quello che prometteva quello concreto di partenopea citazione: " ha da passà a nuttata" è sparito. Sul mondo si è abbattuto un presente immobile che annulla l'orizzonte e con esso i punti di riferimento di intere generazioni. Alla maschera ci siamo rivolti per affrontare questa "eclissi del tempo" di contemporanea invenzione dove futuro e passato sono cacciati dalla coscienza individuale e collettiva in cui l'unico viaggio possibile è quello della cinica dismissione del futuro. Il nostro Pulcinella si fa viatico: in un deposito pieno di casse abbandonate da molto tempo un omino che tra quegli imballi ha sempre vissuto s'aggira silenzioso. Forse è il custode - ignaro - di memorie e testimonianze ormai depositate e quindi dimenticate... Infuria il temporale (che come è risaputo reca tempesta) ed improvviso un fulmine s'abbatte facendo sprofondare tutto nell'oscurità più completa. Ha così inizio - dall'imprevisto dall'evento umanamente ingovernabile come sempre il viaggio eroico pauroso ma avvolgente ed affascinante. L'omino si affretta ad accendere un lume e le casse si sono dischiuse magicamente animate. Da strani fardelli bianchi arrotolati escono personaggi goffi incerti e indefiniti dalla maschera ironica piangente ora incredula ora sarcastica. Avvolgono il vecchio e lo trascinano nel sogno nel viaggio immaginario che è pure il viaggio nella coscienza. Una nave un mercato mediterraneo una piramide un tribunale immagini speculari di desiderio d'evasione di necessità di affermazione e di paura di senso della vita e di coscienza della morte. Una poetica fatta azione dove la forma non è altro che un'essenza della poesia uno stupore un incredulo affacciarsi alla sorpresa della vita stessa. Alla fine del viaggio percorso che lentamente trasforma l'omino non è più una declinazione dell'umano ma forse Pulcinella egli stesso e comunque capace di intendere il respiro del tempo. Il primo Pulcinella della compagnia è nato oltre 10 anni fa da un " progetto tra a mici": Marco Schiavoni, autore delle musiche, la costumista Giusi Giustino e Roberta Garrison che, alla prima stesura, ha collaborato per la parte coreografica; tale è rimasto lo spirito e il gusto di questo rifacimento. Per ulteriori informazioni scaricare il pdf Fonte: ufficio comunicazione teatro vascello DOCUMENTI ALLEGATI: VEDI ELENCO

13 A teatro con i più piccoli: il Vascello presenta Pulcinella di Aurelio G... Sabato, 11 Dicembre Aggiornato alle 10:43 Attualità News A teatro con i più piccoli: il Vascello presenta Pulcinella di Aurelio Gatti novembre 29, 2010 Il teatro Vascello apre le porte ai più piccoli e presenta Pulcinella, spettacolo creato dal noto drammaturgo e coreografo Aurelio Gatti. Coadiuvato dalle intense musiche di Marco Schiavoni, l Opera per Danza e Maschera racconta la storia della famosa figura partenopea: Pulcinella, servo-signore e simbolo di Napoli, è protagonista di un breve viaggio in cui l immaginazione si trasforma in antidoto e spirito di sopravvivenza per reagire ai limiti e alle delusioni del mondo reale. Lo spettacolo, adatto a ragazzi dai dieci anni in su, racconta un viaggio bellissimo e fantastico, caratterizzato da strani incontri: il protagonista, viatico personaggio, si aggira inizialmente in un deposito di casse abbandonate da tempo, dalle quali sbucano personaggi animati goffi incerti e indefiniti dalla maschera ironica piangente talvolta incredula e sarcastica. Pulcinella viene avvolto da questi strani fardelli bianchi e si immerge in un sogno, in questo bellissimo viaggio immaginario che agli spettatori ricorda immediatamente il viaggio della coscienza: la poesia si trasforma in azione, gli osservatori si catapultano e ci si ritrova increduli davanti alla vita, immensa ed incredibile sorpresa. Al termine di questo viaggio fantastico, Pulcinella, custode ignaro di memorie e testimonianze oramai dimenticate, si ferma a riflettere e ad ascoltare il respiro del tempo, che passa inesorabile davanti a tutti noi. Interpretato da Gianna Beduschi, Carlotta Bruni, Gioia Guida, Luna Marongiu, Marica Zannettino e Aurelio Gatti, la pièce Pulcinella sa unire, come nessun altra maschera, gli anacronismi tipici del popolo partenopeo: nel disperato desiderio di sopravvivenza riesce a creare una forte possibilità di scampo, unendo libertà del sogno a limitatezza del reale. Pulcinella come cantastorie: racconta il regno dell immaginario e del possibile con una saggezza sempre protesa al divenire, riconoscendo al contempo la bellezza della vita. E perché no, Pulcinella come elisir contro la perdita dell idea di futuro, una sorta di farmaco che permette a chi assiste di sanare le preoccupazioni che potranno essere causate da eventi futuri. Uno spettacolo che lascia spazio all immaginazione ma soprattutto alla riflessione: un occasione per i grandi di farsi guidare dai più piccoli in un viaggio introspettivo bellissimo, che sicuramente darà si suoi frutti. INFO Teatro Vascello Via Giacinto Carini, 72 Roma Tel: ORARI 30 Novembre, ore Dicembre, ore Dicembre, ore Dicembre, ore Dicembre, ore 18.00

14 LaFolla.it - "Pulcinella" 1 di 2 12/12/ :01 aggiungi ai preferiti imposta come home page invia ad un amico Rss Feed periodico di politica e cultura 12 dicembre 2010 anno X :53 direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 politica e attualità speciali cultura e religione cronaca e attualità scientifica arte e mostre spettacoli lettere archivio spettacolo: al Teatro Vascello di Roma "Pulcinella" E IL VASCELLO DANZA. RASSEGNA DI DANZA CONTEMPORANEA Stagione Teatrale dal 30 novembre al 5 dicembre PULCINELLA drammaturgia e coreografia AURELIO GATTI musiche Marco Schiavoni con Gianna Beduschi, Carlotta Bruni, Gioia Guida, Luna Marongiu, Marica Zannettino, Aurelio Gatti. Costumi Giusi Giustino Scene Capannone Moliere Luci Stefano Stacchini Compagnia MDA produzioni Lo spettacolo è adatto a ragazzi da i 10 anni in su. nella stessa sezione: Infuria il temporale ed improvviso un fulmine s'abbatte in un deposito pieno di casse. Da strani fardelli bianchi, arrotolati, escono personaggi, goffi tutti uguali. Personaggi indefiniti dalla maschera ironica, piangente, incredula e sarcastica. Ha così inizio dall'imprevisto, dall'evento umanamente ingovernabile come sempre, il viaggio eroico, pauroso, ma avvolgente ed affascinante. La Folla del XXI Secolo periodico di politica e cultura fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli grafica e layout: G. M. Martinelli NOTE DI REGIA PULCINELLA Una delle caratteristiche di Pulcinella è sicuramente la capacità di sommare in sè elementi al limite della contraddizione alimentato e sorretto com'è da una continua dualità che sgorga dalle tensioni proprie di una Partenope conflittuale sospesa tra oriente ed occidente tra nobiltà e miseria tra potere e servitù tra desiderio e frustrazione tra acqua (quella del mare che favorisce lo spirito d'ingaggio e d'avventura) e fuoco (quello del Vesuvio che genera distruzione paura ed impotenza d'azione). Forse proprio per questo Pulcinella unisce in se stesso come nessun altra "maschera" gli opposti e quegli anacronismi propri di un popolo che nella disperata necessità di sopravvivenza riesce a creare dal fatalismo un' acuta possibilità di scampo miscelando nel suo arruffato agire la libertà del sogno e la limitatezza del reale. E' quindi inevitabile che anche questa ennesima "storia" del servo-signore-maschera sia la narrazione di un piccolo grande viaggio: nel regno dell'immaginario del possibile e dell'eventuale e che racchiude quella sottile ed essenziale positiva saggezza proiettata al divenire sempre protesa a riconoscere e cantare la vita nella sua bellezza e grandiosità. Per noi Pulcinella è anche una alchimia un elisir contro la perdita dell'idea di futuro un farmaco per le derive del presente : per secoli il tempo è stato portatore di speranza e dal futuro ci si attendeva pace evoluzione crescita... o anche rivoluzione. Non è più così. Il futuro quello risolutore quello che prometteva quello concreto di partenopea citazione: " ha da passà a nuttata" è sparito. Sul mondo si è abbattuto un presente immobile che annulla l'orizzonte e con esso i punti di riferimento di intere generazioni. Alla maschera ci siamo rivolti per affrontare questa "eclissi del tempo" di contemporanea invenzione dove futuro e passato sono cacciati dalla coscienza individuale e collettiva in cui l'unico viaggio possibile è quello della cinica dismissione del futuro. Il nostro Pulcinella si fa viatico: in un deposito pieno di casse abbandonate da molto tempo un omino che tra quegli imballi ha sempre vissuto s'aggira silenzioso. Forse è il custode - ignaro - di memorie e testimonianze ormai depositate e quindi dimenticate..... Infuria il temporale (che come è risaputo reca tempesta) ed improvviso un fulmine s'abbatte facendo sprofondare tutto nell'oscurità più completa. Ha così inizio - dall'imprevisto dall'evento umanamente ingovernabile come sempre il viaggio eroico pauroso ma avvolgente ed affascinante. L'omino si affretta ad accendere un lume e le casse si sono dischiuse magicamente animate. Da strani fardelli bianchi arrotolati escono personaggi goffi incerti e indefiniti dalla maschera ironica piangente ora incredula ora sarcastica. Avvolgono il vecchio e lo trascinano nel sogno nel viaggio immaginario che è pure il viaggio nella coscienza. Una nave un mercato mediterraneo una piramide un tribunale immagini speculari di desiderio d'evasione di necessità di affermazione e di paura di senso della vita e di coscienza della morte. Una poetica fatta azione dove la forma non è altro che un'essenza della poesia uno stupore un incredulo affacciarsi alla sorpresa della vita stessa. Alla fine del viaggio percorso che lentamente trasforma l'omino non è più una declinazione dell'umano ma forse Pulcinella egli stesso e comunque capace di intendere il respiro del tempo. Il primo Pulcinella della compagnia è nato oltre 10 anni fa da un progetto tra a mici : Marco Schiavoni, autore delle musiche, la costumista Giusi Giustino e Roberta Garrison che, alla prima stesura, ha collaborato per la parte coreografica; tale è rimasto lo spirito e il gusto di questo rifacimento. TEATRO VASCELLO via Giacinto Carini,78 - dal martedì al sabato h.21 domenica h.18 articolo pubblicato il: 24/11/2010

15 Pulcinella - Notizie in... Controluce Home Giornale Agenda Eventi Politica Lavoro Foto/Video Libri Racconti Download Associazione Monte Compatri Cerca Home Paesi Agenda Roma - agenda Roma - Spettacoli Pulcinella Pulcinella Login Il nostro provider Scritto da teatro vascello Mercoledì 24 Novembre :59 Spettacoli - agenda dal 30 novembre al 5 dicembre drammaturgia e coreografia AURELIO GATTI musiche Marco Schiavoni con Gianna Beduschi, Carlotta Bruni, Gioia Guida, Luna Marongiu, Marica Zannettino, Aurelio Gatti. Costumi Giusi Giustino Scene Capannone Moliere Luci Stefano Stacchini Compagnia MDA produzioni Lo spettacolo è adatto a ragazzi da i 10 anni in su. Infuria il temporale ed improvviso un fulmine s'abbatte in un deposito pieno di casse. Da strani fardelli bianchi, arrotolati, escono personaggi, goffi tutti uguali. Personaggi indefiniti dalla maschera ironica, piangente, incredula e sarcastica. Ha così inizio dall'imprevisto, dall'evento umanamente ingovernabile come sempre, il viaggio eroico, pauroso, ma avvolgente ed affascinante. Menu Agenda Mappa Agenda Eventi Rubriche Agenda Paesi Agenda Sei il visitatore n Oggi 529 Ieri 4311 Totale Visitatori on line 47 Data: , Orario: NOTE DI REGIA PULCINELLA Una delle caratteristiche di Pulcinella è sicuramente la capacità di sommare in sè elementi al limite della contraddizione alimentato e sorretto com'è da una continua dualità che sgorga dalle tensioni proprie di una Partenope conflittuale sospesa tra oriente ed occidente tra nobiltà e miseria tra potere e servitù tra desiderio e frustrazione tra acqua (quella del mare che favorisce lo spirito d'ingaggio e d'avventura) e fuoco (quello del Vesuvio che genera distruzione paura ed impotenza d'azione). Forse proprio per questo Pulcinella unisce in se stesso come nessun'altra "maschera" gli opposti e quegli anacronismi propri di un popolo che nella disperata necessità di sopravvivenza riesce a creare dal fatalismo un' acuta possibilità di scampo miscelando nel suo arruffato agire la libertà del sogno e la limitatezza del reale. E' quindi inevitabile che anche questa ennesima "storia" del servo-signore-maschera sia la narrazione di un piccolo grande viaggio: nel regno dell'immaginario del possibile e dell'eventuale e che racchiude quella sottile ed essenziale positiva saggezza proiettata al divenire sempre protesa a riconoscere e cantare la vita nella sua bellezza e grandiosità. Per noi Pulcinella è anche una alchimia un elisir contro la perdita dell'idea di futuro un farmaco per le derive del presente : per secoli il tempo è stato portatore di speranza e dal futuro ci si attendeva pace evoluzione crescita... o anche rivoluzione. Non è più così. Il futuro quello risolutore quello che prometteva quello concreto di partenopea citazione: " ha da passà a nuttata" è sparito. Sul mondo si è abbattuto un presente immobile che annulla l'orizzonte e con esso i punti di riferimento di intere generazioni. Alla maschera ci siamo rivolti per affrontare questa "eclissi del tempo" di contemporanea invenzione dove futuro e passato sono cacciati dalla coscienza individuale e collettiva in cui l'unico viaggio possibile è quello della cinica dismissione del futuro. Il nostro Pulcinella si fa viatico: in un deposito pieno di casse abbandonate da molto tempo un omino che tra quegli imballi ha sempre vissuto s'aggira silenzioso. Forse è il custode - ignaro - di memorie e testimonianze ormai depositate e quindi dimenticate... Infuria il temporale (che come è risaputo reca tempesta) ed improvviso un fulmine s'abbatte facendo sprofondare tutto nell'oscurità più completa. Ha così inizio - dall'imprevisto dall'evento umanamente ingovernabile come sempre il viaggio eroico pauroso ma avvolgente ed affascinante. L'omino si affretta ad accendere un lume e le casse si sono dischiuse magicamente animate. Da strani fardelli bianchi arrotolati escono personaggi goffi incerti e indefiniti dalla maschera ironica piangente ora incredula ora sarcastica. Avvolgono il vecchio e lo trascinano nel sogno nel viaggio immaginario che è pure il viaggio nella coscienza. Una nave un mercato mediterraneo una piramide un tribunale immagini speculari di desiderio d'evasione di necessità di affermazione e di paura di senso della vita e di coscienza della morte. Una poetica fatta azione dove la forma non è altro che un'essenza della poesia uno stupore un incredulo affacciarsi alla sorpresa della vita stessa. Alla fine del viaggio percorso che lentamente trasforma l'omino non è più una declinazione dell'umano ma forse Pulcinella egli stesso e comunque capace di intendere il respiro del tempo. Il primo Pulcinella della compagnia è nato oltre 10 anni fa da un " progetto tra a mici": Marco Schiavoni, autore delle musiche, la costumista Giusi Giustino e Roberta Garrison che, alla prima stesura, ha collaborato per la parte coreografica; tale è rimasto lo spirito e il gusto di questo rifacimento. Informazioni generali: TEATRO VASCELLO via Giacinto Carini,78 (Monteverde vecchio) Joomla SEO powered by JoomSEF

16 Pulcinella ideazione e regia Aurelio Gatti con Gianna Beduschi, Carlott di 3 03/01/ :34 INGRESSO ARTISTI CONTATTI Italiano HOME SPETTACOLI TEATRI EVENTI VIDEO PROMOZIONI TEATRO VASCELLO SUGGERIMENTI Love machines Cenerentola

17 Pulcinella ideazione e regia Aurelio Gatti con Gianna Beduschi, Carlott... BIGLIETTI Pulcinella CERCA Biglietti: 10,00-12,00 Programmazione da: Mar, 30/11/2010 a: Dom, 05/12/2010 Mar. - Sab. ore Dom. ore Lun. Riposo Teatro Vascello Sala Giancarlo Nanni (336 posti) Via G. Carini, 78 Roma, RM Tel.: Come arrivare - MAPPA ideazione e regia Aurelio Gatti con Gianna Beduschi, Carlotta Bruni, Gioia Guida, Luna Marongiu, Marica Zannettino, Aurelio Gatti coreografia Roberta Escamilla Garrison musiche Marco Schiavoni costumi Giusi Giustino scene Capannone Moliere luci Stefano Stacchini OGGI IN SCENA CAINO E ABELE 16/12/ /01/2011 di Tony Cucchiara Teatro Cassia BEN HUR 28/12/ /01/2011 di Gianni Clementi Teatro Roma 21 DI 22 Vedi tutto Compagnia MDA produzioni Lo spettacolo è adatto a ragazzi da i 10 anni in su. Infuria il temporale ed improvviso un fulmine s'abbatte in un deposito pieno di casse. Da strani fardelli bianchi, arrotolati, escono personaggi, goffi tutti uguali. Personaggi indefiniti dalla maschera ironica, piangente, incredula e sarcastica. Ha così inizio dall'imprevisto, dall'evento umanamente ingovernabile come sempre, il viaggio eroico, pauroso, ma avvolgente ed affascinante. Una delle caratteristiche di Pulcinella è sicuramente la capacità di sommare in sè elementi al limite della contraddizione alimentato e sorretto com'è da una continua dualità che sgorga dalle tensioni proprie di una Partenope conflittuale sospesa tra oriente ed occidente tra nobiltà e miseria tra potere e servitù tra desiderio e frustrazione tra acqua (quella del mare che favorisce lo spirito d'ingaggio e d'avventura) e fuoco (quello del Vesuvio che genera distruzione paura ed impotenza d'azione). Forse proprio per questo Pulcinella unisce in se stesso come nessun altra "maschera" gli opposti e quegli anacronismi propri di un popolo che nella disperata necessità di sopravvivenza riesce a creare dal fatalismo un' acuta possibilità di scampo miscelando nel suo arruffato agire la libertà del sogno e la limitatezza del reale. E' quindi inevitabile che anche questa ennesima "storia" del servo-signoremaschera sia la narrazione di un piccolo grande viaggio: nel regno dell'immaginario del possibile e dell'eventuale e che racchiude quella sottile ed essenziale positiva saggezza proiettata al divenire sempre protesa a riconoscere e cantare la vita nella sua bellezza e grandiosità. Per noi Pulcinella è anche una alchimia un elisir contro la perdita dell'idea di futuro un farmaco per le derive del presente : per secoli il tempo è stato portatore di speranza e dal futuro ci si attendeva pace evoluzione crescita... o anche rivoluzione. Non è più così. Il futuro quello risolutore quello che prometteva quello concreto di partenopea citazione: " ha da passà a nuttata" è sparito. Sul mondo si è abbattuto un presente immobile che annulla l'orizzonte e con esso i punti di riferimento di intere generazioni. Alla maschera ci siamo rivolti per affrontare questa "eclissi del tempo" di contemporanea invenzione dove futuro e passato sono cacciati dalla coscienza individuale e collettiva in cui l'unico viaggio possibile è quello della cinica dismissione del futuro. Il nostro Pulcinella si fa viatico: in un deposito pieno di casse abbandonate da molto tempo un omino che tra quegli imballi ha sempre vissuto s'aggira silenzioso. Forse è il custode - ignaro - di memorie e testimonianze ormai depositate e quindi dimenticate... Infuria il temporale (che come è risaputo reca tempesta) ed improvviso un fulmine s'abbatte facendo sprofondare tutto nell'oscurità più completa. Ha così inizio - dall'imprevisto dall'evento umanamente ingovernabile come sempre il viaggio eroico pauroso ma avvolgente ed affascinante. L'omino si affretta ad accendere un lume e le casse si sono dischiuse magicamente animate. Da strani fardelli bianchi arrotolati escono personaggi goffi incerti e indefiniti dalla maschera ironica piangente ora incredula ora sarcastica. Avvolgono il vecchio e lo trascinano nel sogno nel viaggio immaginario che è pure il viaggio nella coscienza. Una nave un mercato mediterraneo una piramide un tribunale immagini speculari di desiderio d'evasione di necessità di affermazione e di paura di senso della vita e di coscienza della morte. Una poetica fatta azione dove la forma non è altro che un'essenza della poesia uno stupore un incredulo affacciarsi alla sorpresa della vita stessa. Alla fine del viaggio percorso che lentamente trasforma l'omino non è più una declinazione dell'umano ma forse Pulcinella egli stesso e comunque capace di intendere il respiro del tempo. Il primo Pulcinella della compagnia è nato oltre 10 anni fa da un progetto tra a mici : Marco Schiavoni, autore delle musiche, la costumista Giusi Giustino e Roberta Garrison che, alla prima stesura, ha collaborato per la parte coreografica; tale è rimasto lo spirito e il gusto di questo rifacimento. PROSSIMAMENTE Tutte le anteprime EVENTI EQUILIBRIO. FESTIVAL DELLA NUOVA DANZA VII EDIZIONE Mar, 01/02/ Dom, 27/02/2011 L Auditorium Parco della Musica ospiterà nel mese di febbraio... Tutti gli eventi I PIÙ VISTI L'AVARO UN NATALE ROSSO SHERLOCK TI SPOSO MA NON TROPPO LE ALLEGRE COMARI DI WINDSOR L'ASTICE AL VELENO Speciale promozione biglietti ridotti a 10 2 di 3 03/01/ :34

18

19 Pulcinella DANZA Domenica 12 Dicembre 2010 HOME CINEMA TEATRO EVENTS MUSICA TELEVISONE Home TEATRO DANZA Pulcinella Pulcinella Valutazione attuale: / 2 Scarso Ottimo SCRITTO DA PAOLO SECONDINO 05 DICEMBRE 2010 POSTED IN TEATRO foto di Fabio Gatto search... Condividi Chi siamo Lavora con Noi Teatro Vascello Dal 30 novembre al 5 dicembre A chi può non piacere la storia di Pulcinella, quella che da sempre è considerata una delle maschere più note della tradizione mediterranea? Al Vascello va in scena un balletto moderno, coreografato da Aurelio Gatti. L idea della storia di Pulcinella è nata oltre 10 anni fa da un progetto tra amici : tra Marco Schiavoni, autore delle musiche, la costumista Giusi Giustino e Roberta Garrison che, alla prima stesura, ha collaborato per la parte coreografica; in questa nuova versione sono rimasti invariati lo spirito e il gusto. Tutto inizia con un bel temporale, un fulmine cade violento su un gruppo di casse che si trovano abbandonate in un deposito. Da un ammasso di stoffa bianca, arrotolata, emergono sei strani personaggi: Pulcinella e i suoi tre compari, una bambola e un magazziniere, che è colui che scopre il contenuto delle casse, ovvero una dimensione diversa e migliore, diversa dalla vita e dall emarginazione di tutti i giorni. Una scenografia essenziale e caotica allo stesso tempo, perfettamente in linea con quello che è il personaggio di Pulcinella, una figura semplice, non identificabile ma che nello stesso tempo può ricalcare perfettamente ciascuno di noi. Infatti il gioco delle luci, accompagnate dalla musica, concentrano l attenzione dello spettatore sempre e solo sulle figure facendo dimenticare completamente la scenografia, cercando di capire quello che è l essenza della vita, ruotando intorno al personaggio principale, che vuole essere una persona come tante ma comunque con la sua personalità. In scena anche una bambola, che rappresenta l effimero e l inutilità dell apparire, trasformandosi nel corso della storia in una persona reale che divora, con la sua carnalità, il personaggio del magazziniere portandolo alla morte. A questo punto il personaggio uomo perde la sua personalità e la sua emarginazione; ora è felice: si uniforma agli altri Pulcinella, tutti uguali, tutti con la stessa maschera per vivere comunque in un mondo un po sopra le righe, libero da regole e convenzioni. < Prec. Succ. > Nome utente Forgot your password? Forgot your username? Create an account Articoli Recenti Tertio Millennio Film Fest Gaslight Thala, le meraviglie dello Sri Lanka Più Libri, più Liberi Un matrimonio quasi perfetto Utenti online 1 visitatore online Copyright 2010 LABCREATIVITY.IT Testata registrata presso il Tribunale di Roma n 417/2010 del 21/10/2010

20 Pulcinella al Teatro Vascello di Roma Hot topics» Assunzioni Concerti Incendi Mostre Tutti Gli Argomenti» domenica, 12 dicembre Cerca Accedi Recupera Password RomaToday» blog» A teatro con Francesca» Pulcinella al Teatro Vascello di Roma Dal 30 novembre fino al 5 dicembre al Teatro Vascello di Roma andrà in scena per la rassegna di danza contemporanea Pulcinella di Aurelio Gatti D al 30 novembre fino al 5 dicembre al Teatro Vascello di Roma andrà in scena per la rassegna di danza contemporanea Pulcinella di Aurelio Gatti LA TRAMA: Annuncio promozionale Infuria il temporale ed improvviso un fulmine s'abbatte in un deposito pieno di casse. Da strani fardelli bianchi, arrotolati, escono personaggi, goffi tutti uguali. Personaggi indefiniti dalla maschera ironica, piangente, incredula e sarcastica. Ha così inizio dall'imprevisto, dall'evento umanamente ingovernabile come sempre, il viaggio eroico, pauroso, ma avvolgente ed affascinante. Una delle caratteristiche di Pulcinella è sicuramente la capacità di sommare in sè elementi al limite della contraddizione alimentato e sorretto com'è da una continua dualità che sgorga dalle tensioni proprie di una Partenope conflittuale sospesa tra oriente ed occidente tra nobiltà e miseria tra potere e servitù tra desiderio e frustrazione tra acqua (quella del mare che favorisce lo spirito d'ingaggio e d'avventura) e fuoco (quello del Vesuvio che genera distruzione paura ed impotenza d'azione). Tema: teatro, spettacoli teatrali Articoli correlati Ultimo dell'anno con Luca Barbarossa e Neri Marcorè "Sta Scritto" al Teatro Tor di Nona "I Casi sono due" alla Sala Umberto Condividi About me Dottoranda in teoria dello stato presso l'università La Sapienza di Roma, al di là della mia preparazione accademica ho da sempre coltivato una passione per l'arte ed il teatro. All'età di 7 anni inizio a studiare danza classica presso l'istituto Superiore di Danza dei Castelli Romani, per poi dedicarmi dall'età di 14 anni al teatro e alla recitazione. Frequento inizialmente i laboratori teatrali della compagnia del regista napoletano Sergio Pacelli improntati sulla storia della Commedia dell'arte Italiana. Dall'aprile 2009 faccio parte stabilmente della compagnia teatrale Anime Di Carta sotto la direzione artistica di Emanuela Petroni, questa volta avvicinandomi al teatro sperimentale e d'avanguardia. Abbonati al Blog! Ultimi Articoli "Sta Scritto" al Teatro Tor di Nona "I Casi sono due" alla Sala Umberto Il Teatro Dell'Opera della Macedonia in trasferta a Roma con lo Schiaccianoci L'Amante in scena al Tearo Cometa Off Non solo Bolero al Teatro Italia con Kledi Kadiu Il Teatro di Natale all'aventino presenta "Quell'asino e quel bue" "Il malato immaginario" di Molière, al Teatro Quirino Le avventure di Pinocchio al Teatro Vascello

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

OGGETTO Proposta Spettacoli

OGGETTO Proposta Spettacoli O n a r t s d i Soc.Coop.Artemente Via Ronchi 12, Ca tania Fax 095.2935784 Mobile 320 0752460 www.onarts.net - info@onarts.net OGGETTO Proposta Spettacoli Con la presente siamo lieti di presentarvi le

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione

Liceo Mazzini - La Spezia a. s. 2010/11. classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Liceo Mazzini - La Spezia a. s. /11 classe 3 A Docente: Amadei Simonetta Laboratorio della comunicazione Nell ambito della programmazione di Laboratorio della Comunicazione, la nostra classe ha svolto

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica

CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica CHOREOGRAPHIC COLLISION part 3 CHECK UP Percorso di formazione coreografica DIREZIONE ARTISTICA ISMAEL IVO Choreografic Collision è un laboratorio di ricerca. È un percorso di formazione per stimolare

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli