Mobilità e sicurezza Il rischio accompagna qualsiasi età

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mobilità e sicurezza Il rischio accompagna qualsiasi età"

Transcript

1 Mobilità e sicurezza Il rischio accompagna qualsiasi età Giornata dedicata ai media e agli ospiti Giovedì, 27 giugno 2013, pista dei crash test a Wildhaus, Svizzera

2 Sommario 4 Benvenuti 5 Programma 6 I tre crash test 7 1 o crash: investimento di un anziano con deambulatore 8 2 o crash: collisione a un incrocio 9 3 o crash: uscita di carreggiata con impatto contro un albero 10 Il rischio accompagna qualsiasi età 11 Giovani e incontenibili 11 Giovani coinvolti in incidenti con particolare frequenza 11 Principali cause d incidenti con il coinvolgimento di giovani 12 Basi giuridiche per giovani conducenti 14 Anziani e in forma 14 Con l età i rischi provocati e sopporti dai conducenti crescono 15 Mancato rispetto della precedenza agli incroci e sulle strisce pedonali 15 Disposizioni di legge 16 Possibilità di prevenzione e addestramento 17 Consigli sulla sicurezza 17 Cosa possono fare i giovani conducenti e i loro genitori? 18 Cosa possono fare i conducenti anziani e i loro figli? 20 Wildhaus: ogni anno centro dell infortunistica 21 Tematiche degli anni passati 2 3

3 Benvenuti Programma Dalle ore «Benvenuti» a Wildhaus sulla pista dei crash test. Andreas Krümmel Membro del Consiglio direttivo di AXA Winterthur Guido Kutschera Membro del Consiglio direttivo di DEKRA Automobil GmbH Ore Saluto Andreas Krümmel Membro del Consiglio direttivo di AXA Winterthur Guido Kutschera Membro del Consiglio direttivo di DEKRA Automobil GmbH Gentili ospiti Nella nostra società la mobilità riveste un ruolo molto importante. Potersi spostare è sinonimo di libertà e autonomia, per i giovani come per i meno giovani. Basta però gettare uno sguardo alle statistiche oltre che ai media per rendersi conto che, anche sulla strada, libertà e autonomia hanno i loro limiti. Limiti in parte anche dovuti all età. Gli incidenti, di fatto, vedono coinvolti con particolare frequenza, giovani e anziani gli utenti della strada. Benché non nuovo, questo dato di fatto continua ad essere di scottante attualità. Perciò, in occasione dei crash test, che anche quest anno si terranno a Wildhaus, AXA Winterthur e DEKRA si concentreranno in uguale misura su entrambi i gruppi di età e sui rischi a cui sono esposti nella circolazione stradale. Le notizie d incidenti imputabili alla leggerezza o all inesperienza dei conducenti più giovani sono all ordine del giorno. La guida assistita a partire dai 17 anni, introdotta in Germania e la formazione in due fasi in vigore in Svizzera, figurano tra le prime misure volte a prevenire questo genere d incidenti. AXA e DEKRA intendono indicarne altre. Dato l attuale sviluppo demografico, anche la questione degli anziani nella circolazione stradale, va però assumendo un importanza crescente. In alcuni casi i conducenti più attempati, non sono più in grado di valutare correttamente i rischi. In altri l invecchiamento fisico limita la loro capacità di guidare. Se però l età minima per il rilascio della patente è esattamente definita, stabilire un età a partire dalla quale l invecchiamento pregiudica l attitudine alla guida, appare assai difficile. Sulla scorta delle approfondite ricerche condotte insieme, in occasione dei crash test, DEKRA e AXA illustreranno dei nuovi approcci risolutivi alle problematiche, innanzi descritte. Questi si preannunciano interessantissimi, e non solo per i diretti interessati, ma anche e soprattutto per parenti e amici. Vi aspettiamo! Ore Ore o crash: investimento di un pedone con deambulatore Un pedone vuole attraversare la strada con il suo deambulatore. Avendolo notato troppo tardi, un conducente lo investe a una velocità di circa 50 km / h. 2 o crash: collisione a un incrocio Un anziano conducente vuole attraversare la via principale. Dà la precedenza al mezzo in arrivo da destra, ma non si accorge dell auto proveniente da sinistra, che si scontra a una velocità di 50 km / h con il veicolo, appena mossosi, guidato dal conducente anziano. Ore circa Pranzo nel padiglione della pista di ghiaccio Ore o crash: uscita di carreggiata con conseguente impatto contro un albero Un giovane conducente in viaggio insieme ad altre tre persone, perde il controllo del veicolo e si scontra frontalmente con un albero alla velocità di circa 80 km / h. Ore circa fine dell evento (Il programma potrà subire modifiche) 4 5

4 I tre crash test 1 o crash: investimento di un pedone con deambulatore 1 o crash Situazione di partenza: Un pedone vuole attraversare la strada con il suo deambulatore. Avendolo visto troppo tardi un conducente lo investe a una velocità di circa 50 km / h. 2 o crash Risultato: A seguito dello scontro il pedone viene proiettato a distanza insieme al deambulatore. Per il pedone la velocità di 50 km / h si traduce in un violento impatto che lo scaraventa a diversi metri di distanza. Soprattutto per gli anziani un incidente di questo genere provoca lesioni letali più spesso di quanto non avvenga per i giovani. A seguito dell impatto con il pedone e il deambulatore il veicolo riporta solo dei lievi danni e il conducente se la cava con uno spavento. 3 o crash 6 7

5 2 o crash: collisione a un incrocio 3 o crash: uscita di carreggiata con impatto contro un albero Situazione di partenza: Dovendo lasciare una strada secondaria per immettersi sulla strada principale, un anziano conducente si appresta ad attraversare quest ultima. Lascia passare il mezzo proveniente da destra e poi accelera. Non rendendosi conto della complessità della situazione, non si accorge dell auto, che, pur venendo da sinistra, ha tuttavia la precedenza. Il conducente del mezzo proveniente da sinistra nota troppo tardi che l anziano non si è attenuto alle regole della strada e non fa più in tempo a frenare. Si scontra così a una velocità di 50 km / h con il veicolo, che si è appena messo in movimento. Risultato: Il veicolo dell anziano viene investito dal lato del conducente. Poiché il mezzo è stato centrato lateralmente l intrusione nel lato del conducente è notevole. In corrispondenza dei lati dei veicoli, la zona di deformazione è molto ridotta; per cui, in caso d impatto laterale, gli occupanti sono meno protetti dalla struttura del veicolo stesso. Nonostante l airbag frontale e laterale, è probabile che l anziano conducente rimanga gravemente ferito. Per l auto proveniente da sinistra, la collisione risulta invece meno pericolosa grazie, alla zona di deformazione della parte frontale del mezzo. L energia viene infatti trasformata in deformazione. Cinture di sicurezza ed airbag proteggono gli occupanti dell auto, risparmiando loro lesioni gravi. Situazione di partenza: Un giovane conducente in viaggio, insieme con altre tre persone perde il controllo del veicolo e si scontra frontalmente con un albero alla velocità di circa 80 km / h. Gli occupanti dei sedili posteriori non hanno allacciato le cinture di sicurezza. Risultato: Data l altissima velocità d impatto, il veicolo del giovane conducente rimane gravemente danneggiato. La struttura frontale delle automobili è ottimizzata per far fronte a collisioni tra due veicoli. Poiché il tronco dell albero ha un diametro ridotto, in questo caso la forza generata dall impatto, non può ripartirsi sull intera parte frontale del mezzo e l albero penetra a fondo, nella struttura dello stesso. Non avendo allacciato le cinture di sicurezza, gli occupanti dei sedili posteriori, vengono proiettati in avanti, trasformandosi in un pericolo mortale per chi siede sui sedili anteriori e ha allacciato le cinture. Le cinture di sicurezza anteriori, vengono infatti sovraccaricate e possono rompersi. Per il giovane conducente e gli altri occupanti dell auto, vi sono scarsissime possibilità di sopravvivenza. 8 9

6 Il rischio accompagna qualsiasi età Giovani e incontenibili I fatti parlano chiaro: nelle statistiche degli incidenti stradali, sia i giovani che gli anziani, si pongono negativamente in risalto. Ciò risulta lampante se si esaminano le cifre, suddivise per età e sesso, relative ai danni gravi occorsi ogni 100 milioni di chilometri agli occupanti di autoveicoli o se si realizza un grafico con le percentuali d incidenti con concorso di colpa suddividendo per fasce di età i soggetti coinvolti. I dati statistici formano un evidente curva a «U» le cui estremità si collocano in corrispondenza di neopatentati e conducenti più anziani Incidenti d auto: percentuale degli incidenti con concorso di colpa per fascia di età (fonte: USTRA) 70+ Se nel periodo il numero delle vittime d incidenti stradali è andato in generale diminuendo, è interessante constatare, che nel gruppo oltre i sessantacinque anni, questo calo si è fatto sentire molto poco. Come emerge dalle stime dell Ufficio svizzero per la prevenzione degli infortuni (upi), benché gli ultrasessantacinquenni rappresentino solo il 17 % della popolazione, il 37 % dei decessi provocati da incidenti stradali è associabile a loro. Altrettanto chiaro è il quadro che emerge relativamente agli incidenti, con il coinvolgimento di pedoni. Negli ultimi anni il numero dei pedoni anziani, che sono rimasti coinvolti in incidenti stradali e hanno subito delle lesioni gravi è addirittura lievemente aumentato. Questi eloquenti dati hanno indotto AXA Winterthur e DEKRA a ricercare le cause dei numerosi incidenti di giovani e anziani e a definire soluzioni e misure preventive per questi gruppi di età. Giovani coinvolti in incidenti con particolare frequenza I conducenti più giovani rimangono coinvolti in incidenti stradali più spesso di quanto non accada a quelli di mezza età. Dalle statistiche assicurative emerge inoltre, che i giovani provocano incidenti con particolare frequenza. Ciò è da ricondursi essenzialmente a due fattori: il rischio principianti e il rischio giovani. Per rischio principianti s intende il fatto che, non avendo ancora maturato molta esperienza al volante, i conducenti più giovani commettono una serie di errori, dovuti alla scarsa dimestichezza con la strada. Per rischio giovani s intende invece il fatto, che i giovani manifestano generalmente una maggiore propensione a correre rischi. Sulla strada tutto ciò si traduce per i giovani in una maggiore frequenza d incidenti dovuti a velocità eccessiva, consumo di alcol o droghe, stanchezza e, non di rado, mancato impiego delle cinture di sicurezza. I due fattori sopra citati, ricorrono soprattutto nei giovani uomini, che in questo modo mettono spesso a repentaglio la sicurezza nella circolazione stradale, oltre che la propria. Nel 2011 il 13 % dei morti per incidenti stradali sulle strade elvetiche rientrava nella fascia di età che va dai 18 ai 24 anni (e in Germania il 18 % aveva un età compresa tra i 18 e i 25 anni). Nella fascia di età compresa tra i 18 e i 24 si collocava inoltre il 14 % dei feriti gravi (mentre in Germania il 19 % di questi aveva un età compresa tra i 18 e i 25 anni). Principali cause d incidenti con il coinvolgimento di giovani Gli incidenti che vedono coinvolti dei giovani e provocano morti o feriti consistono perlopiù in sbandamenti e incidenti a veicolo isolato. In questi casi il conducente perde il controllo del veicolo, esce di carreggiata e, nella peggiore delle ipotesi, si scontra con un mezzo proveniente dalla direzione opposta o con un oggetto presente lungo il ciglio della strada (albero, muro, ecc.). La causa principale indicata dalla Polizia consiste nella velocità inadeguata

7 Tra le più frequenti cause d incidente figura però anche il consumo di alcol. In Svizzera il 23 % dei danni gravi, a carico di conducenti di età compresa tra i 18 e i 25 anni, è riconducibile all alcol. Il calo del numero di giovani conducenti sotto l influsso di alcol registrato in Germania, va giudicato positivamente. Sono tuttavia fortemente aumentati i casi di guida sotto l effetto di droghe. Secondo la Polizia elvetica, per quel che riguarda i giovani, un altra importante causa d incidenti risiederebbe come avviene anche per altri gruppi di età nella disattenzione. Per i giovani conducenti, viaggiare in compagnia di coetanei, comporta un forte stress. La situazione si acuisce poi di notte, durante il tragitto alla volta della discoteca e al ritorno. All interno degli abitacoli regna perlopiù un atmosfera allegra e il conducente non è del tutto concentrato sulla strada. Anche telefonando, leggendo e scrivendo SMS, fumando e accendendo o spegnendo radio e climatizzatore, ci si può però distrarre notevolmente. Viaggiando a una velocità di 80 chilometri orari, basta distrarsi per soli due secondi per percorrere alla cieca ben 44 metri. Ciò può avere conseguenze gravissime. Come emerso da uno studio condotto da AXA Winterthur su alcuni giovani conducenti, un altra causa d incidenti è costituita dalla scarsa intensità di frenata: circa due terzi dei tamponamenti presi in esame, avrebbero potuto essere evitati, se si fosse sfruttato appieno il potenziale dei freni. Se, a parità di reazione e distanza di sicurezza, i giovani al volante avessero frenato a fondo l auto, si sarebbe arrestata in tempo. Basi giuridiche per giovani conducenti dovrà in ogni caso essere contrassegnato da una «L» bianca su fondo blu. Oltre a portare a termine le lezioni finalizzate all acquisizione delle capacità pratiche di guida, l aspirante conducente deve frequentare un corso di teoria. Solo dopo aver completato quest ultimo, può iscriversi all esame di guida pratica. Qualora questo sia superato, ha inizio una seconda fase della durata di tre anni. In questo periodo l eventuale infrazione delle norme di circolazione viene punita con sanzioni particolarmente severe e il giovane conducente deve frequentare due corsi di perfezionamento. La licenza di condurre definitiva viene rilasciata solo dopo il completamento di questi ultimi e non prima che siano trascorsi tre anni dal superamento dell esame di guida. Istruzione alla guida in Germania In Germania la guida assistita a partire dai 17 anni è stata introdotta a livello nazionale dopo una lunga fase di sperimentazione. L allievo conducente affronta la classica formazione presso una scuola guida ma può sostenere l esame già a 17 anni. Tuttavia fino al compimento dei 18 anni, nonostante il superamento dell esame gli è vietato guidare da solo. Può comunque farlo insieme a un accompagnatore, il quale dovrà rispondere a una serie di precisi criteri. Grazie a questo sistema, i principianti hanno quotidianamente modo di fare della preziosa esperienza, avvalendosi di un aiuto professionale. Dall introduzione di questo modello, gli incidenti con il coinvolgimento di giovani conducenti, sono notevolmente calati. Con ciò il sistema tedesco ha dato prova di grande validità. Istruzione alla guida in Svizzera In Svizzera è possibile fare richiesta d istruzione alla guida, a partire dall età di 17 anni e dieci mesi. Il richiedente è chiamato a presentare un attestato comprovante l avvenuta partecipazione a un corso di pronto soccorso e un certificato di visita oculistica. Dopodiché deve sostenere un esame teorico di guida. Superato quest ultimo, gli viene rilasciata una licenza per allievo conducente. Questa autorizza a fare delle lezioni di guida con un maestro conducente e/o con un accompagnatore che abbia compiuto i 23 anni di età e da oltre tre anni sia titolare di una licenza di condurre. Ciascuno è libero di scegliere se effettuare le lezioni di guida esclusivamente o in parte con un maestro conducente o addirittura soltanto con un accompagnatore privato. Durante le lezioni il veicolo, 12 13

8 Anziani e in forma Con l età i rischi provocati e sopporti dai conducenti crescono. Per i soggetti di mezza età, che guidano da molti anni, il rischio d incidenti cala per via del venir meno del rischio giovani e grazie alle buone capacità di guida acquisite nel tempo. Frutto dell esperienza, al sopraggiungere dell anzianità la sicurezza al volante non rimane però inalterata. Se tra i 30 e i 60 anni di età il rischio d incidente è piuttosto ridotto, con l avanzare dell anzianità torna ad aumentare. L aumento degli incidenti risulta particolarmente evidente nelle statistiche, che tengono conto della totalità degli incidenti stradali, verificatisi per chilometro percorso. Se si considerano i conducenti feriti o deceduti per chilometro, si nota, che le relative percentuali aumentano nettamente, in età avanzata. Per quanto riguarda gli utenti della strada più anziani, un particolare problema scaturisce dalla minore capacità di cogliere delle situazioni complesse, mentre ci si trova al volante e dal minor senso di orientamento. Ciò è spesso da ricondursi a cambiamenti fisici e mentali quali il peggioramento di vista, e udito o il calo di agilità e capacità di reazione. A questi si aggiungono poi malattie e medicamenti, che incidono negativamente sul comportamento nella circolazione stradale. A determinare un aumento del rischio d incidenti stradali, sono soprattutto i disturbi cardiocircolatori, l ipertensione e il diabete. Negli ultimi anni il numero dei morti e feriti sulle strade è calato sensibilmente. Da una più attenta analisi di questo calo, tuttavia, emerge che essa ha interessato principalmente i soggetti di età inferiore ai 45 anni. Nella fascia di età più avanzata, il numero di morti e feriti è rimasto di fatto pressoché immutato. Benché influenzata anche dallo sviluppo demografico e dal conseguente aumento degli utenti della strada anziani, questa stagnazione dimostra chiaramente che quello dell invecchiamento della popolazione va trasformandosi in un tema sempre più rilevante. Il numero di anziani nella circolazione stradale è in continuo aumento. Queste persone desiderano poter continuare a spostarsi in auto e man- tenere la loro indipendenza il più a lungo possibile. E questo, nonostante il fatto che in età avanzata, la forma fisica peggiori sensibilmente, determinando un aumento del rischio d incidenti. A quest ultimo, si aggiunge una maggiore vulnerabilità e mortalità. Il calo della robustezza fisica fa sì, che in uno stesso incidente, gli anziani subiscano spesso lesioni più gravi di quelle riportate dai giovani o addirittura lesioni mortali. Soprattutto nel caso degli incidenti che vedono coinvolti dei pedoni, la maggiore vulnerabilità fisica, figura tra i motivi dell alto numero di anziani gravemente feriti o deceduti. Mancato rispetto della precedenza agli incroci e sulle strisce pedonali Mentre tra i giovani le principali cause d incidente sono l alcol e la velocità, per gli anziani la causa più frequente è il mancato rispetto della precedenza. Basti pensare che, se nella fascia di età che va dai 65 ai 69 anni, gli incidenti imputabili al mancato rispetto della precedenza sono il 9 %, dagli 85 anni in poi la percentuale sale al 27 %. Un fenomeno simile è riconoscibile nel caso degli incidenti con danni a pedoni: laddove gli automobilisti coinvolti abbiano fino a 64 anni la percentuale d incidenti in cui il conducente è il solo responsabile dell accaduto, si attesta al 56 %. Dai 65 anni in poi tale percentuale balza sale al 73 %. I pedoni ultrasettantenni si configurano invece, come gli unici responsabili dell accaduto. Soltanto nel 20 % dei casi, mentre fino ai 69 anni di età la percentuale è del 34. Disposizioni di legge Mentre l età minima per il rilascio della patente è esattamente definita, non appare per niente semplice stabilire un limite di età a partire dal quale la capacità di guida cala in misura tale, da rendere necessarie restrizioni alla guida o la totale rinuncia all uso autonomo di un mezzo. In Svizzera chiunque abbia compiuto i 70 anni deve sottoporsi ogni due anni a un check-up da parte del medico curante e lasciare che questo verifichi l idoneità alla guida. Laddove nutra dei dubbi, il medico potrà richiedere che sia compiuta, una corsa di controllo. In Germania non esistono controlli del genere e spesso nemmeno parenti e conoscenti di 14 15

9 Consigli sulla sicurezza anziani evidentemente non più del tutto idonei alla guida hanno la possibilità di indurre costoro a restituire la patente. E questo anche in casi in cui ciò sarebbe necessario per motivi di sicurezza stradale. Nel 2011 AXA Winterthur ha perciò condotto uno studio su 13 anziani che hanno stipulato l assicurazione. A questi conducenti che rischiavano la disdetta dell assicurazione auto, a causa di un bilancio sinistri sfavorevole, è stato offerto un esame dell idoneità alla guida, per merito di un organismo indipendente, con la promessa che anche in caso di esito negativo non sarebbero stati segnalati alle autorità. I test, che sono stati condotti dall agu (gruppo di lavoro per la meccanica degli incidenti), comprendevano un esame clinico simile a quello effettuato dal medico curante. Una misurazione della saccade, volta a fornire informazioni circa le prestazioni cerebrali e una corsa di controllo. Lo studio ha rivelato che, laddove non si rischi automaticamente di incorrere in sgradevoli conseguenze, la verifica dell idoneità alla guida svolta da un organismo indipendente è largamente accettata. I dati oggettivamente rilevati e i risultati a cui si è pervenuti, hanno fatto sì che alcuni dei clienti riuscissero finalmente ad affrontare apertamente con i familiari il tema dell idoneità alla guida e finissero per restituire la patente di propria iniziativa. Da un sondaggio rappresentativo che AXA Deutschland ha promosso tra gli automobilisti nel 2012, è emerso un quadro molto simile. L esecuzione, per i conducenti di più di 65 anni, di un check-up medico volontario, volto a migliorare la sicurezza sulle strade, in media è stata giudicata opportuna in media dal 64 degli interpellati. Anche la netta maggioranza (60 %) degli ultrasessantacinquenni, si è espressa favorevolmente a questa possibilità. Possibilità di prevenzione e addestramento Chi guida pur non essendone in grado, non mette in pericolo solo sé stesso, ma anche gli altri. Per questa ragione a tutte le età vale il principio per cui dovrebbe mettersi al volante solo chi è in buona forma fisica e mentale. L allenamento fisico e mentale incide favorevolmente sulla capacità di guida accrescendo non da ultimo la possibilità di rimanere idonei alla guida, anche in età avanzata. Alcuni rischi legati all età, possono essere esclusi rinunciando a la guida di guida di lunghe distanze e la guida notturna e percorrendo prevalentemente tratte note. Cosa possono fare i giovani conducenti e i loro genitori? Consigli per i giovani conducenti Non mettetevi mai al volante se avete consumato alcolici. Non consumate né alcol né droghe se dovete guidare! Se nessuno dei partecipanti a una festa intende rinunciare agli alcolici e se chi guida ha intenzione di accompagnare gli altri a casa, prendete un taxi: è sempre più conveniente di un incidente. Mentre guidate, non maneggiate con il cellulare. Quando siete al volante, non fatevi distrarre dagli amici spavaldi con cui viaggiate. Se rincasando di sera vi sentite stanchi, fermatevi e dormite per un quarto d ora. Non viaggiate mai a una velocità superiore a quella consentita che può essere già di per sé eccessiva e in caso di buio, pioggia, neve o nebbia andate piano. Sottoponete la vostra auto a una regolare manutenzione (controllate e se necessario, correggete la pressione dei pneumatici, i profili, ecc.). Allacciate sempre le cinture di sicurezza e accertatevi che anche chi viaggia con voi faccia lo stesso. Le cinture di sicurezza salvano la vita! Consigli per i genitori di giovani conducenti In Svizzera: se desiderate accompagnare vostro figlio / vostra figlia nell esercitarsi alla guida, informatevi circa le attuali regole della circolazione stradale e su cosa imparano oggi gli aspiranti conducenti. Potete eventualmente anche accompagnare vostro figlio durante una lezione con il maestro conducente o prendere personalmente un ora di lezione. In Germania: sfruttate l opportunità offertavi dalla guida assistita e condividete le vostre esperienze. Soprattutto se più ragazzi viaggiano insieme e le dinamiche di gruppo minacciano di prendere il sopravvento, sensibilizzate i giovani conducenti sui particolari rischi derivanti da alcol, velocità e guida notturna

10 Consigli per la scelta dell auto più adatta ai giovani conducenti L auto deve sempre essere in condizioni tecniche ineccepibili. Al momento di acquistare un auto prestate più attenzione alla dotazione di sicurezza che non alla prestazione del motore. Solo i veicoli più nuovi (meno di dieci anni) hanno p. es. abitacoli stabili, airbag, sistemi di assistenza alla guida quali ABS ed ESP, ecc. La vecchia auto su cui un ammaccatura in più o in meno non fa differenza, non è adatta come prima auto: il livello di sicurezza è troppo basso per conducenti alle prime armi e, come tali, esposti a maggiori pericoli. Consigli per gli amici L auto non è una discoteca. Non distraete il conducente con musica a tutto volume, urlando, stuzzicandolo, ecc. Se non vi fidate dello stile di guida o della capacità di guida di un amico, non viaggiate con lui. Se ritenete che un amico abbia uno stile di guida inadeguato fateglielo notare. Cosa possono fare i conducenti anziani e i loro figli? Consigli per la generazione over 50 Riflettete per tempo sul tema della mobilità e su come continuare a spostarvi anche in età avanzata. Prendetevi cura della vostra forma fisica e mentale. Così facendo, migliorerete la sicurezza nella circolazione stradale. Accertatevi di essere ancora idonei alla guida sottoponendovi a test della vista e periodici controlli medici. Siate sinceri con voi stessi e non mettete in pericolo gli altri per motivi egoistici. Qualora assumiate dei farmaci, chiedete al medico di spiegarvi in che misura questi compromettono la vostra capacità di guida. Acquistate un veicolo adatto alla vostra età e che vi permetta di avere una buona visuale della strada. Chiedete informazioni esatte circa il nuovo veicolo e i sistemi di assistenza alla guida installati. Prima di mettervi al volante informatevi circa il percorso e utilizzate il sistema di navigazione solo quando l auto è parcheggiata. Non mettetevi al volante se siete stanchi e in caso di stanchezza diurna sottoponetevi a degli accertamenti volti a chiarire se soffrite di apnea del sonno. Evitate occhiali dalle lenti brunite o cristalli scuri quando viaggiate di notte. Tenete sempre puliti occhiali e cristalli, in modo tale da compensare il calo della vista e la sensibilità all abbagliamento determinati dall età. Quando fate manovra o vi spostate in retromarcia, spegnete radio e ventilatore, per sentire meglio i segnali acustici emessi dai sensori di retromarcia. Consigli per i figli di genitori anziani Cercate di tematizzare l argomento con i vostri genitori, con il dovuto anticipo. Considerate insieme a loro le opzioni alternative di mobilità a cui ricorrere, qualora l idoneità alla guida dovesse rivelarsi limitata o venire meno. Incoraggiate i vostri genitori a sperimentare altre forme di mobilità con il dovuto anticipo e parallelamente all uso dell auto. Richiamate l attenzione dei vostri genitori, su eventuali nuove norme di circolazione stradale in vigore. Qualora un percorso stradale appaia problematico o sia nuovo, percorretelo un paio di volte insieme ai vostri genitori e aiutateli a esercitarsi. Consigli per le persone vicine Se viaggiate con un conducente anziano e non vi sentite più a vostro agio a causa del suo stile di guida, fatelo presente al diretto interessato spiegandone le ragioni. Se siete più in forma del vostro collega o amico offritevi di guidare. L auto giusta per il conducente anziano è dotata di cambio automatico; permette di entrare e uscire agevolmente dall abitacolo; dispone di un sistema di ausilio al parcheggio; garantisce una buona visibilità complessiva; è dotata di sistemi di assistenza alla guida quali il dispositivo di assistenza alla frenata, il regolatore di velocità adattivo, l assistente angolo morto, ecc

11 Wildhaus: ogni anno centro dell infortunistica Tematiche degli anni passati 2012 Attenzione cantiere Dove la carreggiata si restringe, la guida si fa pericolosa! 2011 Finalmente in vacanza, ma attenzione ai rischi A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? Wildhaus è un luogo idilliaco per rilassarsi e riposarsi. In questo paradiso per le vacanze è possibile dimenticare rapidamente le preoccupazioni quotidiane. Per AXA e DEKRA Wildhaus ha però anche un altro significato: dal 1985, contestualmente alla loro attività di ricerca infortunistica, le due aziende si recano con i loro team nel paese del Toggenburg e per tre settimane l anno, effettuano approfondite ricerche, volte a garantire maggiore sicurezza sulle nostre strade. L evento clou delle settimane dei crash test è la giornata dedicata ai media e agli ospiti. Ciò che nel passato era iniziato in piccolo, si è ormai trasformato in un evento di risonanza internazionale: dalle 800 alle 1000 persone, tra ospiti e giornalisti invitati, seguono ogni anno dal vivo i crash test. La maggior parte dei test che si tengono a Wildhaus, ha luogo però senza la presenza del pubblico. I risultati giovano, da un lato alla ricerca di base: quando e in quale misura si verificano gli incidenti e com è possibile minimizzare le conseguenze? Dall altro sono d ausilio all analisi degli incidenti: gli incidenti reali sollevano spesso delle domande; la ricostruzione della dinamica di un incidente con l ausilio di un crash test fa luce su punti oscuri. Nel 2013 avranno luogo a Wildhaus oltre 30 crash test. Gli esperti di infortunistica coinvolgeranno in incidenti 23 veicoli a scopo di ricerca. Questo è possibile soltanto grazie al team affiatato di entrambe le aziende. Ben 15 ingegneri esperti, supportati da studenti, lavorano a Wildhaus. Già diversi mesi prima di quest appuntamento iniziano i lavori preliminari. La programmazione minuziosa garantisce un sereno svolgimento e la sicurezza sulla pista dei crash test Strade di campagna: sono veramente sicure? 2008 I bambini sui mezzi di trasporto una sicurezza ingannevole nella circolazione stradale Piccoli turbo in topless Viaggiare sicuri nelle cabriolet compatte? 2006 Più elettronica in auto: più sicurezza sulle strade? 2005 La cintura di sicurezza acqua passata? 2004 Auto e moto: in rotta di collisione? 2003 Citycar: grandi rischi? 2002 Monovolume: variabili, ampie, sicure? 2001 Sicurezza fuori della carreggiata Veicoli fuoripista: ma con sicurezza! 1999 Motoscooter: quanto è sicuro il divertimento su due ruote? 1998 Attenzione! Inline-skater nel traffico stradale

12 Appunti 22 23

13 C&P It AXA Winterthur General-Guisan-Strasse 40 CH-8401 Winterthur Telefono AXA.ch DEKRA Automobil GmbH Handwerkstrasse Stuttgart Telefono

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città?

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? Giornata dedicata ai media e agli ospiti Giovedì, 1 luglio 2010 Pista dei crash test a Wildhaus 1 Contenuto Benvenuto 4 Programma

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"?

Seggiolini auto: dov è il vantaggio per le famiglie? Ufficio stampa del TCS Vernier Tel +41 58 827 27 16 Fax +41 58 827 51 24 www.pressetcs.ch Comunicato stampa Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"? Emmen, 15 novembre 2012. Il test del TCS

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Accendi le luci. Ora anche di giorno.

Accendi le luci. Ora anche di giorno. Accendi le luci. Ora anche di giorno. Più luce, maggiore sicurezza. I veicoli che circolano con le luci anabbaglianti o di marcia diurna accese vengono riconosciuti prima, riducendo così notevolmente il

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Spesso succede che le macchine di cantiere debbano essere dotate a posteriori

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY E l anima sportiva di SEAT, l icona del marchio, la massima espressione dei valori del brand: design accattivante, tecnologia all avanguardia

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Nuova Passat Nuova Passat Variant

Nuova Passat Nuova Passat Variant Nuova Passat Nuova Passat Variant Nuova Passat. La più innovativa di sempre. Da sempre punto di riferimento della categoria per tecnologia e funzionalità, Nuova Passat definisce ancora una volta gli standard

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING.

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. mini financial services CONGRATULAZIONI. Grazie mille per la fiducia riposta in MINI Financial Services e congratulazioni per l acquisto della sua

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli