SEZIONE 3 PROGRAMMI E PROGETTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE 3 PROGRAMMI E PROGETTI"

Transcript

1 SEZIONE 3 PROGRAMMI E PROGETTI

2 3.1 - Considerazioni generali e motivata dimostrazione delle variazioni rispetto all'esercizio precedente. RELAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE Prima di effettuare un analisi delle variazioni in termini finanziari e di obiettivi rispetto all esercizio precedente ed in prospettiva sul bilancio pluriennale 2011/2012/2013, è necessario evidenziare che, come sempre, anche quest'anno, le disposizioni normative in termini di finanza pubblica locale abbiano inciso pesantemente nell impostazione del Bilancio di Previsione 2011 e successivi. In primis pesa sulle finanze del Comune di Portici l ingente taglio dei trasferimenti statali pari ad ,00 per il 2011 e per un importo superiore per il successivo E innegabile che l aver perso dall oggi al domani una tale entità di risorse finanziarie condiziona negativamente le spese del Comune e di conseguenza il livello dei servizi.in base al D.L.78/2010 successivamente convertito nella Legge n. 122/2010 è stata impostata la cosiddetta Manovra estiva integrata successivamente dalla Legge di Stabilità dell autunno 2010 e successivamente ancora con il cosiddetto Decreto Milelprorproghe del febbraio 2011 sono state fornite le linee di indirizzo e determinati i comportamenti contabili degli enti locali. Alla luce di quanto innanzi questo Ente è stato costretto ad operare una scelta fino ad oggi mai adottata (ad eccezione di alcuni comuni)l'istituzione dell'addizionele IRPEF con base imponibile al 0,2%, oltre una serie di tagli sia obbligatori da effettuare su alcune tipologie di spesa quali ad esempio spese di rappresentanza, spese di formazione professionale, di studio e ricerca sia su quelle non obbligatorie. Pertanto è stato necessario fare delle scelte sul grado di priorità degli interventi da effettuare affinché le finanze del comune potessero sopravvivere. Pertanto alla luce di quanto innanzi sono state garantiti quegli interventi afferenti la spesa sociale e l'assistenza scolastica. Come ormai accade negli ultimi annile scelte amministrative delle autonomie locali sono altresì condizionate dal rispetto di vincoli imposti dall'amministrazione centrale dal rispetto del "Patto di Stabilità". Il Comune di Portici pur essendo un ente strutturalmente, sia dal punto di vista finanziario che storicamente virtuoso in tal senso e cioè allineato al rispetto dei vincoli imposti dalla normativa contabile, dovrà necessariamente contenere l'esposizione debitoria e contenere, gradatamente,le spese di investimenti a carico dell'ente (mutui). Le autonomie locali, in tal senso, dovranno sempre più far fronte alle proprie necessità di funzionamento e di investimento con risorse proprie, in attesa che eventuali

3 migliorie in termini finanziari e gestionali possano derivare dal tanto propagandato Federalismo. Le spese di investimento sono analizzabili nell allegato alla deliberazione di approvazione al piano annuale e triennale delle OO.PP. approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 668 in data 09/11/2010. La manovra complessiva del bilancio di previsione 2011 è pari a euro ,31, e per la parte entrate così suddivisa: Entrate tributarie 39,491,760,60 Entrate correnti 6.911,322,09 Entrate extratributarie 4,996,813,00 Entrate in c\capitale 85,545,564,62 Entrate da acc. prestiti ,000,00 Servizi per c\terzi ,00 per la parte spesa: Spese correnti ,07 Spese in c\capitale ,24 Spese per rimborso di prestiti ,00 Servuizi per c\terzi ,00 Passando ad analizzare più dettagliatamente la spesa corrente per intervento si evidenzia quanto segue: - Spesa del personale ,68 - Spesa per acquisto di beni ,00 - Spesa per prestazioni di servizi ,80 - Spesa per utilizzo di beni di terzi ,70 - Spesa per trasferimenti ,34 - Spesa per interessi passivi ,00 - Spese per imposte e tasse ,00 - Spese per oneri straordinari ,00 - Fondo svalutazione crediti ,00 - Fondo di riserva ,55 Il Bilancio di Previsione ed Bilancio Pluriennale oggetto della presente relazione sono in linea con tale decisione strategica Obiettivi degli organismi gestionali dell'ente.

4 3.3 - QUADRO GENERALE DEGLI IMPIEGHI PER PROGRAMMA % % % Programma N. 1 Spesa corrente consolidata ,93 22, ,07 22, ,07 22,6 " " di sviluppo Spesa per investimento ,29 7, ,00 2, ,00 0,4 Spesa per rimborso di prestiti consolidata ,00 69, ,00 75, ,00 77,0 " " " di sviluppo Totale , , ,07 Programma N. 2 Spesa corrente consolidata ,00 100, ,00 100, ,00 100,0 " " di sviluppo Spesa per investimento Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 Programma N. 3 Spesa corrente consolidata ,00 94, ,00 95, ,00 96,0 " " di sviluppo Spesa per investimento ,00 5, ,00 4, ,00 4,0 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 Programma N. 4 Spesa corrente consolidata ,00 19, ,00 84, ,00 99,3 " " di sviluppo Spesa per investimento ,00 80, ,00 15, ,00 0,7 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 Programma N. 5 Spesa corrente consolidata ,00 100, ,00 100, ,00 100,0 " " di sviluppo Spesa per investimento Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00

5 % % % Programma N. 6 Spesa corrente consolidata ,00 1, ,00 100, ,00 100,0 " " di sviluppo Spesa per investimento ,00 98,9 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 Programma N. 7 Spesa corrente consolidata ,00 100, ,00 100, ,00 100,0 " " di sviluppo Spesa per investimento Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 Programma N. 8 Spesa corrente consolidata ,00 40, ,00 45, ,00 19,9 " " di sviluppo Spesa per investimento ,00 59, ,00 54, ,00 80,1 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 Programma N. 9 Spesa corrente consolidata ,79 25, ,79 14, ,79 99,4 " " di sviluppo Spesa per investimento ,95 74, ,00 85, ,00 0,6 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,79 Programma N. 10 Spesa corrente consolidata ,35 60, ,00 88, ,00 97,3 " " di sviluppo Spesa per investimento ,00 39, ,00 11, ,00 2,7 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00

6 % % % Programma N. 11 Spesa corrente consolidata ,00 100, ,00 34, ,00 100,0 " " di sviluppo Spesa per investimento ,00 65,1 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 TOTALE COMPLESSIVO Spesa corrente consolidata ,07 24, ,86 22, ,86 38,7 " " di sviluppo Spesa per investimento ,24 45, ,00 46, ,00 9,2 Spesa per rimborso di prestiti consolidata ,00 30, ,00 30, ,00 52,1 " " " di sviluppo Totale , , ,86

7 3.4 - PROGRAMMA N. 1 RESPONSABILE Descrizione del programma AMMINISTRAZIONE - GESTIONE E CONTROLLO Il presnte programma prevede la partecipazione di tutti i Responsabili di Ripartizione e le relative strutture tecnico/organizzative assegnate, al raggiungimento degli obiettivi di gestione corrente, cioè di funzionamento dell ente e di erogazione dei servizi istituzionali. Lo stesso è rappresentato dal punto di vista finanziario, dal complesso delle singole assegnazioni delle dotazioni finanziarie ai Responsabili ed ai singoli oggetti di intervento dalle stesse individuate nonché dall' emanazione di tutti gli atti amministrativi che da tali funzioni derivano. Si tratta quindi di gestire fondi destinati a spesa corrente con l obiettivo di garantire l erogazione dei servizi istituzionali e di quelli a richiesta dell utenza e di garantire il funzionamento e l attività tecnico/amministrativa/manutentiva dell Ente Motivazione delle scelte INDIRIZZI PROGRAMMATICI Adeguamento degli strumenti regolamentari della Amministrazione rispetto ai riassetti normativi ed organizzativi; Supporto procedimentale, organizzativo, tecnostrutturale all'attività del Sindaco, della Giunta e del Consiglio Comunale; Conservazione ai fini dell'accesso e della consultazione delle O.S., degli atti dirigenziali e delle deliberazioni della Giunta e del Consiglio Comunale; Gestione dell'archivio con ricognizione e censimento del materiale documentario presente nelle diverse sedi dell'amministrazione con l'obiettivo specifico di avere un quadro dettagliato dello stato generale della documentazione Valorizzazione di tutte le forme popolari di partecipazione alla vita delle Istituzioni; Adozione di adeguati strumenti organizzativi, per la valorizzazione e l'utilizzazione delle risorse umane; Implementazione delle politiche del personale e dei sistemi di incentivazione salariale; Supporto alla realizzazione della programmazione economico finanziaria;

8 Gestione del bilancio; Rendiconto della gestione; Programmazione e gestione degli incassi e dei pagamenti, oltre che dei finanziamenti a medio e lungo termine; Gestione efficiente e puntuale - dal punto di vista normativo e contabile - di imposte e tasse; Lotta all'evasione ed all'elusione ed efficientamento delle prestazioni con riduzione complessiva del costo dei servizi al cittadino; Finalità da conseguire Investimento OBIETTIVI Garantire l'attività di supporto della Segreteria generale secondo le predette linee programmatiche; Messa a punto degli strumenti idonei di controllo amministrativo allo scopo non solo di monitorare quanto realizzato, ma soprattutto di comprendere i problemi incontrati nello svolgimento dell'attività di gestione, al fine di valutare l'osservanza e la validità delle procedure in essere e proporre eventuali correttivi; Formulazione di procedure che attraverso l'ausilio di "media" telematici favoriscano la partecipazione della cittadinanza alla vita politico-amministrativa del Comune Adeguamento e completamento dell'attuale sito web con l'obiettivo di realizzare una vera e propria rete di servizi informatici moderni, qualificati ed efficienti per i Cittadini e le Imprese locali; Prevenzione del contenzioso dell'ente attraverso l'individuazione di strumenti alternativi, promuovendo altresì definizioni transattive delle insorgenti liti; Implementazione dell'efficacia dell'attività del personale assegnato; Predisposizione e realizzazione di un piano di formazione continuo, adeguabile alle specifiche di competenze e capacità emergenti dai ruoli richiesti all'interno dell'amministrazione; Tempestività nella promozione delle azioni disciplinari e connessi provvedimenti al fine di evitare la prescrizione dell'azione;

9 Predisposizione dei documenti di programmazione previsti dalla legge; Predisposizione di proposte di variazione di bilancio, controllo degli atti di impegno e di liquidazione al fine di garantire una gestione finanziaria coerente con le procedure della spesa e dell'entrata previste dalla normativa vigente, istruttoria e rilascio dei pareri di regolarità contabile; Predisposizione dei documenti contabili relativi al rendiconto finanziario, economico e patrimoniale per evidenziare i risultati relativi alla dinamica delle entrate e delle spese; Verifica degli scostamenti rispetto alle previsioni; rilascio delle necessarie informazioni economico-finanziarie alla Giunta, ai Dirigenti, al Nucleo di Valutazione, al Collegio dei Revisori, finalizzate al supporto delle decisioni di programmazione e di gestione; Ottimizzazione della gestione dei flussi di cassa e scelta della fonte di finanziamento più conveniente a copertura delle spese; Rispetto dei tempi negli ordini di pagamento e di incasso; Regolamentazione della gestione del Parco Auto volta alla riduzione dei costi di gestione; Assicurare il buono e regolare funzionamento degli uffici ed organi istituzionali realizzando una progressiva diminuzione delle spese correnti; Acquisizione di beni e servizi con programmazione degli acquisti, ove possibile, per l'intera Amministrazione e non per singoli Settori e quindi con risparmi di spesa ed uniformità di approvvigionamento; Puntuale controllo dell'attività del Concessionario del Servizio Nazionale Riscossione Tributi in ordine all'andamento delle riscossioni e delle procedure esecutive, delle domande di rimborso e discarico; Verifica dello stato delle autorizzazioni e concessioni a titolo oneroso in corso, a partire dalle aree mercatali, ed adozione dei provvedimenti necessari conseguenti ad eventuali morosità nei pagamenti Analisi e stato della gestione dei fitti attivi e passivi; Programmi di controllo del territorio finalizzati a garantire la sicurezza del commercio ed il rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti; Promozione per gli edifici pubblici, compatibilmente con le risorse finanziarie dell'amministrazione disponibili, degli

10 adeguamenti alla normativa vigente in materia di sicurezza, igiene ed agibilità; Ammodernamento degli immobili adibiti a strutture per utilizzo pubblico con abbattimento definitivo delle barriere architettoniche e per un utilizzo più funzionale ed adeguato alle esigenze della cittadinanza; Ricerca di moderne forme di gestione in partenariato per gli impianti sportivi di proprietà del Comune; Affidamento a terzi della gestione degli immobili di proprieta' comunale (Villa Fernandez - Villa Caposele - Villa Mascolo) Ammodernamento gestionale del patrimonio derivante dagli immobili di proprietà comunale adibiti ad uso abitativo locati in Via Dalbono ed in Volla oltre che in altre sedi extracomunali, verificando forme di esternalizzazione od anche regolamentandone vendita e prelazione in conformità delle leggi vigenti in materia; Diversificazione degli aspetti legati alla gestione degli impianti sportivi da quelli legati alla programmazione e politica dello sport, orientando i primi all'affidamento a società esterne con canone garantito a favore dell'amministrazione od anche verso forme di conduzione che vedano coinvolti la parte pubblica e quella privata con la costituzione di una Società mista; Puntuale gestione dei contratti in tema di servizi e fornitura, evitando relative concessioni di proroga. INVESTIMENTI Le risorse destinate a questo programma nel triennio 2011/2012,tendono ad assicurare idonea copertura finanziaria alle obbligazioni già assunte ed a soddisfare le necessità di spesa per la realizzazione delle attività afferenti il programma stesso, nei limiti delle risorse finanziarie disponibili. Nell'ambito del presente programma sono stati previsti interventi mirati al recupero ed all'adeguamento del patrimonio immobiliare di questo ente e che trovano nel piano triennale delle opere pubbliche esplicito riferimento Erogazione di servizi di consumo

11 Risorse umane da impiegare Le risorse umane impiegate nelle attività relative al presente programma corrispondono alle dotazioni organiche allo stato assegnate ai vari servizi che lo costituiscono Risorse strumentali da utilizzare Le risorse strumentali impiegate per la realizzazione del presente programma saranno quelle attualmente in dotazione al presente servizio ed elencati in modo analitico nell'inventario del comune Coerenza con il piano/i regionale/i di settore Le attività si svolgono in conformità alle normative vigenti e in coerenza con gli strumenti di programmazione provinciale.

12 3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Legge di finanziamento e articolo ENTRATE SPECIFICHE - STATO , , ,38 - REGIONE , ,00 - PROVINCIA - UNIONE EUROPEA - CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA ,00 - ALTRI INDEBITAMENTI - ALTRE ENTRATE ,29 TOTALE (A) , , ,38 PROVENTI DEI SERVIZI , , ,00 TOTALE (B) , , ,00 QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,38

13 3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA IMPIEGHI % % % Spesa corrente consolidata ,93 22, ,07 22, ,07 22,6 " " di sviluppo Spesa per investimento ,29 7, ,00 2, ,00 0,4 Spesa per rimborso di prestiti consolidata ,00 69, ,00 75, ,00 77,0 " " " di sviluppo Totale , , ,07 V.% su totale spese finali 61,8 58,9 141,5

14 3.4 - PROGRAMMA N. 2 RESPONSABILE Descrizione del programma GIUSTIZIA Vengono assicurati nell'ambito di questo programma tutti i servizi attinenti il funzionamento degli uffici giudiziari quali: Spese di pulizia manutenzione degli impianti spese telefoniche le spese sostenute per i servizi di cui innanzi vengono analiticamente rendicontate ed inoltrate alla competente Pretura per il relativo rimborso Motivazione delle scelte INDIRIZZI PROGRAMMATICI Funzionalità, in termini di servizi e di struttura, degli Uffici giudiziari Finalità da conseguire Investimento Erogazione di servizi di consumo Risorse umane da impiegare Risorse strumentali da utilizzare Coerenza con il piano/i regionale/i di settore

15 3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Legge di finanziamento e articolo ENTRATE SPECIFICHE - STATO - REGIONE - PROVINCIA - UNIONE EUROPEA - CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA - ALTRI INDEBITAMENTI - ALTRE ENTRATE TOTALE (A) PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C)

16 3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA IMPIEGHI % % % Spesa corrente consolidata ,00 100, ,00 100, ,00 100,0 " " di sviluppo Spesa per investimento Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 V.% su totale spese finali 0,1

17 3.4 - PROGRAMMA N. 3 RESPONSABILE Descrizione del programma POLIZIA LOCALE Motivazione delle scelte Sicurezza urbana; INDIRIZZI PROGRAMMATICI Presidio e controllo viabilità; Contrasto ad ogni forma di illegalità; Predisposizione di un programma di diffusione della cultura della legalità; Aggiornamento, ottimizzazione ed operatività del sistema di videosorveglianza Finalità da conseguire Investimento OBIETTIVI Presidio e puntuale controllo da parte del nucleo operativo urbano e motorizzato, nelle funzioni di viabilità, delle intersezioni stradali a maggiore criticità di circolazione veicolare; Presenza della Polizia Municipale dinanzi alle scuole, negli orari di ingresso ed uscita, sia per assicurarne le condizioni di sicurezza sia per una migliore regolazione del traffico; Predisposizione di un piano disciplinante la circolazione di merci e la relativa sosta per carico e scarico; Contrasto di ogni forma di illegalità, anche in concerto con altri settori, con la definizione delle procedure relative agli illeciti contestati nel rispetto dei termini procedurali e di prescrizione; Predisposizione dei ruoli non oltre la fine dell'anno solare successivo all'accertamento della violazione. * INVESTIMENTO * Le risorse destinate a questo programma, tendono ad assicurare idonea copertura finanziaria alle obbligazioni già assunte ed a soddisfare le necessità di spesa per la realizzazione delle attività afferenti il programma stesso,

18 atteso che una quota pari al 50% derivante dai proventi contravvenzionali viene destinata per le finalità previste dall'art. 208 D. Lgs. 285/1992 e s.m.i. così come da riparto approvato conn deliberazione di G.C. N. 343 del 05/05/2011. Sono altresì previste spese destinate alla implementazione e acquisizione di mezzi ed impianti tecnici e strutture per i servizi di P.M. - previsto un cofinanziamento da parte della Regione ai sensi della L.R. N. 12/2003 per la realizzazione di un progetto di sicurezza urbana integrata - interventi di miglioramento, ammodernamento e messa in sicurezza strade cittadine. dell'impianto di videosorveglianza e interventi per il miglioramento viario cittadino. sicurezza strade cittadine Erogazione di servizi di consumo Risorse umane da impiegare Le risorse umane impiegate nelle attività relative al presente programma saranno quelle che nella dotazione organica risultano allo stato assegnate al presente servizio Risorse strumentali da utilizzare Le risorse strumentali impiegate per la realizzazione del presente programma saranno quelle attualmente in dotazione al presente servizio ed elencati in modo analitico nell'inventario del comune Coerenza con il piano/i regionale/i di settore

19 3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Legge di finanziamento e articolo ENTRATE SPECIFICHE - STATO - REGIONE - PROVINCIA - UNIONE EUROPEA - CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA - ALTRI INDEBITAMENTI - ALTRE ENTRATE , , ,00 TOTALE (A) , , ,00 PROVENTI DEI SERVIZI TOTALE (B) QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,00

20 3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA IMPIEGHI % % % Spesa corrente consolidata ,00 94, ,00 95, ,00 96,0 " " di sviluppo Spesa per investimento ,00 5, ,00 4, ,00 4,0 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 V.% su totale spese finali 2,7 2,6 6,4

21 3.4 - PROGRAMMA N. 4 RESPONSABILE Descrizione del programma ISTRUZIONE PUBBLICA Il presente programma corrisponde alle funzioni relative all'istruzione pubblica ed ai servizi connessi e che comprendono: - Scuola materna - Scuola elementare - Scuola media - Assistenza scolastica - Refezione ed altri servizi Per quanto concerne le funzioni svolte dal Servizio Pubblica Istruzione per le scuole del territorio restano confermate, in linea generale, tutte le spese relative al funzionamento dei plessi scolastici. Per ciò che riguarda la spesa da destinare ad attività extracurricolari proposte dalle scuole, si intende dare maggiore risalto alle attività educative rivolte soprattutto alla fascia più bisognosa dell'utenza scolastica ed a quelle che maggiormente valorizzano attività di interscambio culturale, di diffusione delle legalità e dell'educazione ambientale con altre realtà territoriali, finalizzate a facilitare lo scambio di esperienze educative e didattiche. Tale spesa va ad integrare quella che le scuole sostengono per i progetti previsti annualmente Motivazione delle scelte INDIRIZZI PROGRAMMATICI Iniziative a sostegno per il completamento, manutenzione ed ottimizzazione degli edifici scolastici; Contributo in termini di strutture, mezzi e logistica; Erogazione di servizi connessi alla buona funzionalità degli Istituti Finalità da conseguire Investimento OBIETTIVI Affiancamento delle singole scuole nella ricerca di finanziamenti sovracomunali e sponsorizzazioni per la realizzazione dei progetti; Sostegno all'avvio nelle scuole di programmi di educazione alla salute, educazione all'ambiente, educazione stradale, educazione alla legalità, educazione alla lettura;

22 Puntuale gestione dei contratti in tema di servizi e fornitura, evitando relative concessioni di proroga. - INVESTIMENTI - "Edifici scolastici" Progetti finalizzati al completamento dell'adeguamento di edifici scolastici alle normative di sicurezza, oltre al rinnovo di parti strutturali, con puntuali opere di manutenzione straordinaria. I progetti individuati, sono in parte finanziati con apporto di contributo regionale e statale, e mediante l'accensione di mutui con Istituti di credito. Altre opere, ritenute prioritarie sono state previste nelle annualità con l'individuazione, in sede di consuntivo, di puntuali risorse finanziarie, sia per la partecipazione di programmi regionale di finanziamento, sia per la possibilità di concreti finanziamenti statali. Gli interventi previsti nel piano delle O.P. 2011/2013 approvato con deliberazione di G.C. 668/2010 sono afferenti a : Adeguamento immobile di via Rossano (Asilo nido) Ampliamento aule didattiche 3 cicolo via San Cristofaro Completamento 2 circolo via Bernini Completamento Esterni 4 circolo via Dalbono Interventi straord. Esterni 3 circolo via Scalea Ampliamento uffici ed esterni 4 circolo via De Lauzieres Sistemazione esterni e facciate 2 circolo viale Bernini Ampliamento aule didattiche 2 circolo viale Bernini Interventi manutenz. Esterni 3 circolo San Cristofaro Interventi sistemazione strutturali 2 circolo Sistemazione palestra 2 circolo Riqualificazione ambientale 1 circolo Riqualificazione ambientale 2 circolo Riqualificazione ambientale 3 circolo Riqualificazione ambientale 4 circolo Mutuo:Attintatura interna 1 circolo didattico Mutuo: Sistemazione esterna area sportiva s.m.s. Santagata Ampliamento aule Don milani Muuo: Intervento manutenzione s.m.s. Comes Esterni e seminterrato Riqualificazione ambientale s.m.s. O.Comes Interventi strutturali su scuole cittadine Erogazione di servizi di consumo Risorse umane da impiegare Le risorse umane impiegate nelle attività relative al presente programma corrispondono alle dotazioni organiche allo stato assegnate ai vari servizi che lo costituiscono.

23 Risorse strumentali da utilizzare Le risorse strumentali impiegate per la realizzazione del presente programma saranno quelle attualmente in dotazione al presente servizio ed elencati in modo analitico nell'inventario del comune Coerenza con il piano/i regionale/i di settore

24 3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Legge di finanziamento e articolo ENTRATE SPECIFICHE - STATO - REGIONE , , ,00 - PROVINCIA - UNIONE EUROPEA - CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA ,00 - ALTRI INDEBITAMENTI - ALTRE ENTRATE ,00 TOTALE (A) , , ,00 PROVENTI DEI SERVIZI REFEZIONE SCOLASTICA , , ,00 TOTALE (B) , , ,00 QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,00

25 3.6 - SPESA PREVISTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA IMPIEGHI % % % Spesa corrente consolidata ,00 19, ,00 84, ,00 99,3 " " di sviluppo Spesa per investimento ,00 80, ,00 15, ,00 0,7 Spesa per rimborso di prestiti consolidata " " " di sviluppo Totale , , ,00 V.% su totale spese finali 8,3 2,0 4,1

26 3.4 - PROGRAMMA N. 5 RESPONSABILE Descrizione del programma CULTURA - BIBLIOTECA I servizi che attengono al presente programma sono quelli finalizzati alla valorizzazione sia del patrimonio artistico (ville vesuviane) e sia del patrimonio documentario oltre a favorire iniziative culturali e di promozione turistica Motivazione delle scelte INDIRIZZI PROGRAMMATICI Rilancio della biblioteca comunale, rispetto alla quale ritrovare nuovi interessi per la Città; Programmazione di eventi culturali anche con apporto di finanziamenti da parte della regione e/o altri enti del settore pubblico. Previsto un cofinanziamento dalla Regione Campania di 114,800,00 (G.R.C.N. 1111/2011) per la realizzazione del Mozart Art Box 2011 da tenersi nel periodo 15 giugno/31 ottobre Sviluppo di un'economia della conoscenza che si ponga in sinergia con il locale sviluppo della ricerca Finalità da conseguire Investimento OBIETTIVI Ricerca e proposta di sinergie con librerie, luoghi di ritrovo, locali pubblici ed Associazioni per la realizzazione di eventi culturali quali letture guidate, concerti, rassegne, presentazioni librarie; Sostegno alla diffusione dell'innovazione verso il territorio così da essere volano di nuova cultura di impresa; Puntuale gestione dei contratti in tema di servizi e fornitura, evitando relative concessioni di proroga Erogazione di servizi di consumo Risorse umane da impiegare Le risorse umane impiegate nelle attività relative al presente programma corrispondono alle dotazioni organiche allo stato assegnate ai vari servizi che lo costituiscono. Dando atto che ricorrendo i presupposti sanciti dall'art. 3 c. 55 L. 244/2007, come modificato dall'art. 46 comma 2 del decreto legge 25/06/2008, n. 112, convertito con

27 modificazioni dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133 e in sintonia con gli obiettivi del settore, si ritiene di fissare in euro 8.000,00 il limite di spesa per l'affidamento di incarichi di studio, ricerca, consulenza e collaborazione per l'esercizio 2011 alla luce di eventi culturali organizzati dall'amministrazione comunale ed in particolare per il Mozart Box Risorse strumentali da utilizzare Le risorse strumentali impiegate per la realizzazione del presente programma saranno quelle attualmente in dotazione al presente servizio Coerenza con il piano/i regionale/i di settore

28 3.5 - RISORSE CORRENTI ED IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA Anno 2011 Anno 2012 Anno 2013 Legge di finanziamento e articolo ENTRATE SPECIFICHE - STATO - REGIONE , , ,00 - PROVINCIA - UNIONE EUROPEA - CASSA DD.PP. - CREDITO SPORTIVO - ISTITUTI DI PREVIDENZA - ALTRI INDEBITAMENTI - ALTRE ENTRATE TOTALE (A) , , ,00 PROVENTI DEI SERVIZI 5.500, , ,00 TOTALE (B) 5.500, , ,00 QUOTE DI RISORSE GENERALI TOTALE (C) TOTALE GENERALE (A+B+C) , , ,00

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Linee Programmatiche di Mandato

Linee Programmatiche di Mandato Linee Programmatiche di Mandato 2009 F.I. 2014 Dai progetti ai fatti per lo sviluppo della Città di Portici Il Sindaco Vincenzo Cuomo NOTA INTRODUTTIVA DEL SINDACO VINCENZO CUOMO Le Linee Programmatiche

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice Segretariato Direzione Generale PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013 Indice 1. Premessa 2 La pianificazione esecutiva di Roma Capitale: 2.1 La Programmazione economico finanziaria: la coerenza tra documenti

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20#LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE

Titolo I - PRINCIPI GENERALI DELLA PIANIFICAZIONE 1 1 LEGGE REGIONALE 24 marzo 2000, n. 20 #LR-ER-2000-20# DISCIPLINA GENERALE SULLA TUTELA E L'USO DEL TERRITORIO Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 34 L.R. 21 dicembre

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2013-2015

PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2013-2015 Piano delle Performance Tri io 20124 PIANO TRIENNALE DELLA PERFORMANCE 2013-2015 Piano delle Performance - Triennio 2012/2014 Piano delle Performance - Triennio 2012 014 Comune di Cellamare Piano triennale

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008

B I L A NC I O DI PR E V I SI ONE 2008 T itolo 1 Spese correnti 01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo 01. 04 Gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali 01. 01. 04. 01 Personale 01. 01. 04. 03 Prestazioni

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli