Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità"

Transcript

1 Sistemi modulari: l'evoluzione dell'affidabilità Di Neil Rasmussen Suzanne Niles White Paper n. 76

2 Sintesi La natura ci insegna che la modularità rappresenta la soluzione ottimale per la sopravvivenza e la crescita dei sistemi più complessi. I sistemi modulari presentano uno straordinario vantaggio in termini di affidabilità derivante dalla fault tolerance (tolleranza all errore) che li caratterizza, e sono in grado di mantenere costante la propria capacità operativa, trasferendola dai moduli fuori uso ai moduli funzionanti durante le riparazioni. Nei data center, i design modulari sono già largamente adottati nelle nuove architetture fault-tolerant per sistemi di archiviazione e server. I data center continuano a trasformarsi sfruttando modelli presenti in natura. Anche la NCPI (Network-Critical Physical Infrastructure, infrastruttura critica di rete) deve imparare ad evolversi per supportare le nuove strategie di sopravvivenza, ripristino e crescita. 2

3 Introduzione La modularità è una tecnica affermata di organizzazione e semplificazione di un sistema complesso. Dalle applicazioni più elementari, come le torce elettriche, alle più complesse, come le cellule di un sistema, il record di successi della modularità è ineguagliabile. Tuttavia, nei sistemi personalizzati che hanno affrontato il passaggio evolutivo dai design monoblocco a quelli modulari, si incontrano scetticismo e incertezze fino a quando la modularità non si stabilisce e inizia a produrre i vantaggi tangibili che la contraddistinguono. La NCPI (Network-Critical Physical Infrastructure) dei data center sta attraversando una fase di transizione. Mentre gli attributi fisicamente evidenti delle architetture a blocchi, ovvero scalabilità, flessibilità, semplicità e portabilità, sono chiari e indiscutibili, esiste un aspetto del design modulare che in questo settore è diventato oggetto di discussione: l'affidabilità. Una classica e semplice analisi dell'affidabilità applicata a questo nuovo metodo operativo ( più parti equivalgono a un maggiore rischio di errore ) nella migliore delle ipotesi si dimostra incompleta, mentre nel peggiore dei casi può rivelarsi ingannevole. Lo scopo principale di questo documento è di illustrare, mediante l'osservazione di case study, in che modo la modularità sia in grado di produrre non soltanto vantaggi semplici e prevedibili, ma anche un beneficio generalmente sottovalutato, più sottile e profondo in termini di affidabilità: la fault tolerance. La fault tolerance intrinseca dei design modulari rappresenta un nuovo ed efficace strumento di difesa contro guasti ed errori, dotando i sistemi complessi di una strategia di affidabilità non soltanto adeguata, ma straordinariamente superiore. La natura ci insegna: vita primordiale La storia della modularità inizia molto tempo prima dei data center e delle torce elettriche. I sistemi non modulari primordiali, ovvero gli organismi unicellulari, popolavano la terra circa tre miliardi di anni fa. I fossili ci rivelano che nel tempo questi organismi hanno sviluppato conchiglie, tentacoli, bocche, braccia, chele e numerose altre strutture complesse. Alcuni di questi organismi sono cresciuti raggiungendo dimensioni sorprendenti, fino a quindici centimetri di larghezza. Questi complessi, compatti design unicellulari hanno dominato la catena alimentare primordiale della terra per miliardi di anni. Foto: gentile concessione di David Walker, Brian Darnton In seguito, circa 500 milioni di anni fa, si sono formati gli La complessa vita unicellulare primordiale organismi pluricellulari, i quali hanno avuto un'evoluzione molto rapida, impiegando solo alcune decine di milioni di anni per effettuare un processo evolutivo durato tre miliardi di anni nel caso degli organismi unicellulari, e sostituendosi a questi ultimi come modello dominante. 3

4 Il vantaggio degli organismi pluricellulari: la modularità Perché il design pluricellulare e modulare è riuscito a prevalere su quello unicellulare fortificato e compatto? Scalabilità e crescita. La crescita del sistema, in termini di aumento delle dimensioni e introduzione di nuove capacità, è stata acquisita semplicemente aggiungendo nuovi moduli, in questo caso cellule, in grado di interagire con i moduli esistenti utilizzando interfacce standard. Processo di duplicazione semplificato. Duplicare diverse cellule più piccole e meno complicate è stato più semplice, rapido e sicuro rispetto alla duplicazione di un'unica cellula complessa. Vita pluricellulare primordiale Capacità di specializzare la funzione dei moduli. Delegando e specializzando le funzioni delle cellule, sono stati ottenuti gli stessi livelli di efficienza inerenti al gruppo di lavoro. Negli organismi pluricellulari primordiali, un tipo di cellula poteva essere dedicato al movimento, un altro alla protezione, un altro ancora al riconoscimento del cibo e così via. Adattamento rapido all'ambiente. Aggiungendo, sottraendo o modificando le cellule, è stato possibile collaudare, applicare o scartare rapidamente modifiche incrementali al modello. Fault tolerance. Grazie alla ridondanza cellulare, le singole cellule potevano subire guasti senza compromettere il sistema, rendendo in tal modo possibile la riparazione simultanea delle cellule durante il normale funzionamento dell'organismo, eliminando il downtime che, in questo caso, avrebbe causato handicap o morte. Quest'ultimo attributo, la cosiddetta fault tolerance, rappresenta un vantaggio essenziale e decisivo in termini di affidabilità offerta dai sistemi modulari rispetto ai sistemi compatti. La modularità confeziona un sistema in parti più piccole, facilitando la ridondanza dei componenti in modo tale che il difetto di una o più di esse non influisca negativamente sul sistema nel suo complesso. Attraverso un semplice graffio, la pelle umana può perdere centinaia di cellule e tuttavia i nostri corpi non risentono minimamente di tale perdita. Altre cellule provvedono al corretto funzionamento dell'organismo durante la riparazione. La modularità non è stata inventata dall'uomo, l'uomo è in sé e per sé modularità. Le centinaia di miliardi di moduli (cellule) che formano il nostro corpo ci consentono di beneficiare quotidianamente di tutti i vantaggi offerti dalla fault tolerance. 4

5 Case study del settore IT: le unità disco Nell'era mainframe dei data center, i dispositivi di archiviazione hanno esercitato la proprietà indiscussa delle unità disco fisso, con stack di platter in metallo da 14, meccanismi elaborati di lettura e scrittura, e involucri e strutture di contenimento delle dimensioni di una lavatrice. Nel 1978, IBM ha brevettato l'idea di utilizzare array (ossia, matrici) di dischi più piccoli, ma l'idea non è stata sviluppata oltre perché a quel tempo si riteneva che questo tipo di design non fosse più affidabile di quelli compatti Archiviazione in dischi mainframe tradizionali. Lo studio e la pratica nell'ambito della fault tolerance IBM 3370 erano a quel tempo solo in fase iniziale, principalmente confinate al settore aerospaziale, in cui un errore o un guasto a livello di un componente dei sistemi elettronici poteva costare la vita a molte persone. 1 Photo IBM Archives, permission pending Nel 1987, i ricercatori dell'università di Berkeley hanno osservato il crescente dislivello tra la velocità di elaborazione e quella di accesso ai dati archiviati, segnalando l'opportunità di utilizzare unità disco esterne per PC come elementi strutturali all'interno di sistemi con velocità di trasferimento dati superiori. Un anno dopo, gli stessi ricercatori hanno presentato un documento essenziale intitolato A Case for Redundant Arrays of Inexpensive Disks (RAID) (studio sugli array ridondanti di dischi a basso costo), proponendo numerosi schemi di scrittura dati (i cosiddetti livelli RAID ) che tali array potevano utilizzare per l'archiviazione e il ripristino dei dati. Nel 1990, teoria e hardware si sono unite adottando dischi da 5,25 su tutti i PC, una pratica che si è sviluppata sino al punto in cui tali dischi hanno presentato capacità, prestazioni e affidabilità tali da renderli idonei all'uso nei primi array RAID. Questi nuovi dispositivi di archiviazione modulari offrivano una serie di compromessi tra la ridondanza e la velocità di scrittura/lettura, occupando solo una frazione dello spazio dei dispositivi di archiviazione mainframe che si apprestavano a sostituire. Il vantaggio modulare per gli array RAID Perché gli array RAID modulari sono riusciti a prevalere sui dispositivi di archiviazione compatti tradizionali? Scalabilità e crescita. La capacità di archiviazione può essere incrementata in modo semplice, aumentando il numero dei moduli per array o aggiungendo nuovi array. Processo di duplicazione semplificato. La produzione delle numerose, piccole unità utilizzate nei moduli RAID risulta più semplice rispetto alla produzione delle complicate e più grandi unità tradizionali. Array RAID 1 Le operazioni IT rappresentano attualmente il cuore di quasi tutti i settori industriali, inclusi quello militare e quello sanitario. I data center possono essere importanti al punto che un semplice errore o guasto può mettere a rischio numerose vite umane. La fault tolerance sta pertanto diventando un fattore essenziale nella progettazione e nella realizzazione dei sistemi IT, indipendentemente dalle esigenze e dagli interessi economici del caso. 5

6 Capacità di specializzare la funzione dei moduli. Le unità individuali di un array possono essere utilizzate per aumentare la capacità di archiviazione, la velocità di accesso ai dati o la ridondanza, in base al livello RAID definito per l'array. Inoltre, gli stessi array RAID possono essere considerati come moduli a un livello superiore, assegnando un'applicazione diversa a ciascun array RAID. Adattamento rapido all'ambiente. Le unità disco possono essere aggiunte o rimosse e il livello RAID può essere facilmente modificato in base alle specifiche esigenze di capacità, velocità e ridondanza. Fault tolerance. Gli schemi di scrittura dati RAID dispongono di una ridondanza che consente di ripristinare i dati in caso di guasto o errore di una delle unità. Inaspettatamente, l'entusiasmo suscitato sul mercato dall'introduzione degli array RAID non è stato prodotto dall'incremento della velocità, l'obiettivo originale del design, ma dall'aumento dell'affidabilità e della disponibilità dei sistemi ottenuto grazie alla fault tolerance. Gli autori del manifesto del 1988 hanno dimostrato le possibilità di fault tolerance dei design RAID effettuando presentazioni dal vivo durante le quali veniva semplicemente rimossa un'unità per dimostrare che l'array continuava a funzionare anche senza. Fino a quel momento, aveva prevalso un'erronea considerazione del fattore affidabilità, comune nel periodo pre-fault tolerance: un sistema a più unità è meno affidabile perché formato da più parti. Case study del settore IT: i blade server I blade server stanno attualmente attraversando una fase di transizione verso il design modulare. Per diversi anni, le dimensioni e la velocità dei server standalone tradizionali sono continuamente aumentate, dovendo svolgere un numero sempre maggiore di task per supportare l'espansione dell'elaborazione in rete. Nuovi server sono stati aggiunti ai data center in base all'incremento delle esigenze, spesso in tempi molto ridotti e senza una vera e propria pianificazione o coordinazione. Gli operatori dei data center si sono più volte trovati di fronte a nuove installazioni senza esserne stati messi a conoscenza. La conseguente complessità di scatole e cablaggi ha prodotto confusione, errori e una seria riduzione della flessibilità. I blade server, apparsi per la prima volta nel 2001, Server tradizionali sono un esempio molto semplice di architettura modulare. I moduli (blade) presenti nella struttura di un blade server sono fisicamente identici, pronti per essere configurati e utilizzati per qualsiasi scopo desiderato dall'utente. L'introduzione di questa tipologia di server ha portato numerosi vantaggi in termini di modularità nel contesto dei server: scalabilità, facilità di duplicazione, specializzazione delle funzioni e adattabilità. 6

7 Tuttavia, questi tipici vantaggi modulari, pur avendo prodotto una crescente presenza di blade server nei data center, non vengono sfruttati appieno e il loro potenziale è in attesa della diffusione dell'implementazione di una delle capacità più importanti del design modulare: la fault tolerance. I blade server fault-tolerant, quelli con logica failover incorporata per il trasferimento delle operazioni dai blade fuori uso a quelli funzionanti, hanno iniziato ad essere disponibili e accessibili solo di recente. L'affidabilità di questa tipologia di server fault-tolerant supererà quella delle tecniche attuali, che implicano la ridondanza di software e cluster di singoli server. I blade server diventeranno pertanto l'architettura server predominante dei data center. Con l'avvento della fault tolerance automatizzata, gli osservatori di settore prevedono una rapida migrazione ai blade server durante i prossimi cinque anni. Il vantaggio modulare per i blade server Perché i blade server modulari riusciranno a prevalere sui server standalone di maggiori dimensioni? Scalabilità e crescita. La capacità di elaborazione può essere incrementata in modo semplice, aggiungendo più moduli (blade). Processo di duplicazione semplificato. È molto più semplice produrre piccoli moduli che non server interi. Alimentazione, ventole di raffreddamento, connessioni di rete e altri componenti di supporto sono centralizzati nel telaio e condivisi dai moduli: una struttura modulare estremamente semplificata. Capacità di specializzare la funzione dei moduli. I singoli moduli possono essere configurati con le applicazioni software desiderate. Blade server (con 10 blade nella struttura) Adattamento rapido all'ambiente. I moduli possono essere aggiunti o rimossi in base alle necessità aziendali o economiche, e possono essere riconfigurati per l'esecuzione di applicazioni diverse. Fault tolerance. Il guasto o il danneggiamento di un modulo può essere gestito automaticamente dalla logica di failover incorporata che trasferisce le operazioni su altri moduli senza interrompere il funzionamento del sistema. 7

8 Modifica della definizione di errore/guasto per i sistemi IT Questi case study dimostrano che il design modulare è in grado di prevalere sul complicato design compatto per ragioni fondamentali, intrinseche alla natura stessa della modularità. Una di queste ragioni, la fault tolerance, è profondamente significativa per il futuro dei data center. Quando i data center disporranno di server e dispositivi fault-tolerant, la definizione di errore/guasto IT dovrà essere modificata. Nella Figura 1 sono illustrati due diversi scenari di errore/guasto in un data center. A destra è illustrato un problema che interessa tutti i rack: in un data center protetto da un unico UPS di grandi dimensioni, in caso di guasto dell'ups si verificherebbe una caduta dell'intero carico. A sinistra è illustrato un problema che interessa un solo rack. Nei data center tradizionali, questi due scenari verrebbero considerati analoghi dai responsabili IT, poiché anche nel caso del guasto di un solo rack, le interdipendenze tra server, array di dischi, commutatori e router causerebbero con ogni probabilità degli effetti concatenati che porterebbero a un guasto generale del data center. Con l'avvento dei nuovi design modulari ad array di dischi per l'elaborazione e l'archiviazione dei dati, il problema illustrato a sinistra, quello che interessa un solo rack, potrà essere considerato migliore dai responsabili IT, poiché la ridondanza delle risorse offre al data center la possibilità di sopravvivere, mantenendosi operativo anche in caso di errore/guasto di singole unità. Con la diffusione delle architetture fault-tolerant, i data center saranno in grado di tollerare un maggior numero di errori/guasti delle singole unità evitando un guasto generale del sistema. Quando i blade server riusciranno a soddisfare le aspettative in termini di fault tolerance senza interruzioni, gli errori/i guasti di una, due, tre o più unità saranno eventi superabili e il data center sarà sempre operativo. Figura 1 - Due scenari di errore/guasto in un data center Vista dall'alto, quattro file da otto rack ciascuna Errore/guasto di un rack Errore/guasto di tutti i rack 8

9 Implicazioni per la NCPI Questo nuovo paradigma per la gestione degli errori, ovvero l'aspettativa di errore/guasto inevitabile di alcuni moduli unita a una solida preparazione per la sopravvivenza, influisce sul modo in cui la nuova architettura IT deve essere protetta dalla relativa infrastruttura di rete (NCPI). Ad esempio, quando i data center avranno aumentato il proprio grado di fault tolerance a livello IT, la protezione dell'alimentazione mediante un unico UPS di grandi dimensioni non rappresenterà più la soluzione ottimale, poiché un guasto dell'ups provocherebbe un guasto generale del sistema, un'evenienza inammissibile in un data center fault-tolerant, in grado di sopravvivere alla perdita di un rack. Se gli UPS sono distribuiti in tutto il data center, un UPS per ciascun rack, l'errore/il guasto di un solo UPS provocherebbe l'arresto di un solo rack e non dell'intero sistema. Aumentando il numero degli UPS, aumenta anche il rischio di errore/guasto UPS individuale, tuttavia, il sistema è perfettamente in grado di tollerare tale problema. Se per bloccare l'intero sistema fosse sufficiente l'arresto di tre rack, per causare un simile evento dovrebbe verificarsi un guasto simultaneo di tre UPS, un'eventualità molto più improbabile del guasto di un unico UPS di grandi dimensioni. Per tale ragione, la teoria dell'affidabilità favorisce decisamente un'architettura con alimentazione e raffreddamento distribuiti a livello modulare nel caso di sistemi IT con un maggiore grado di fault tolerance. NCPI compatta vs. NCPI modulare L'architettura dell'infrastruttura di rete (NCPI) è rimasta sostanzialmente invariata negli ultimi 30 anni di storia dei data center. Dalle più piccole sale computer ai più grandi impianti aziendali, il modello di infrastruttura fisica persistente è stato quello di un impianto centralizzato per la protezione dell'alimentazione e il raffreddamento. La progettazione di questa tipologia di infrastruttura ha portato a una configurazione univoca e compatta delle apparecchiature e dei collegamenti. Sostituendo tale architettura con un design modulare si otterrà un doppio vantaggio: la NCPI sarà in grado di supportare in modo appropriato le apparecchiature IT fault-tolerant modulari, e le apparecchiature della NCPI stessa potranno usufruire dei vantaggi della UPS compatto centralizzato modularità, incluse affidabilità e fault tolerance. Il vantaggio modulare per la NCPI Perché la NCPI modulare sostituirà la NCPI compatta tradizionale? Scalabilità e crescita. La NCPI modulare può essere dimensionata in modo da soddisfare i requisiti IT correnti di un data center ed è in grado di crescere in base alle esigenze. Questo vantaggio è particolarmente importante per la NCPI, in cui i sistemi di alimentazione e raffreddamento vengono tradizionalmente installati una tantum, scegliendo le apparecchiature in base ai requisiti IT massimi di progetto, con un notevole spreco conseguente in termini di capitale investito e costi di gestione. Processo di duplicazione semplificato. Il design modulare prevede la fabbricazione di numerose parti di piccole dimensioni invece di poche unità di grandi dimensioni. Aumentando il volume di produzione, diminuiscono i difetti. I design semplificati e di dimensioni ridotte favoriscono l'automatizzazione e implicano una riduzione del lavoro manuale durante il processo di produzione, con conseguente diminuzione dei difetti. Capacità di specializzare la funzione dei moduli. Le unità di protezione dell'alimentazione e di raffreddamento possono essere realizzate con diverse tipologie di configurazione per soddisfare i requisiti specifici di raffreddamento e disponibilità delle diversi parti di un data center. 9

10 Adattamento rapido all'ambiente. Considerando le nuove unità da aggiungere e le apparecchiature IT che cambiano ogni due o tre anni, il contenuto dei data center è soggetto a costanti aggiornamenti e modifiche. Le nuove apparecchiature potrebbero presentare notevoli variazioni in termini di forma e dimensioni, requisiti di raffreddamento e alimentazione, tipologie di collegamento e così via. La NCPI modulare presenta straordinarie capacità di scalabilità e riconfigurazione ed è in grado di supportare i cambiamenti delle esigenze IT. UPS modulare a livello rack Fault tolerance. Proprio come le apparecchiature IT fault-tolerant consentono la continuità operativa dei data center in caso di guasto o errore di un componente IT, anche le apparecchiature NCPI fault-tolerant consentono il funzionamento continuo dei sistemi di alimentazione e raffreddamento in caso di guasto o errore di un componente della NCPI. La fault tolerance può essere ottenuta mediante ridondanza delle unità della NCPI oppure tramite ridondanza interna dei componenti che si trovano all'interno delle unità NCPI. Ad esempio, disponendo di moduli di alimentazione extra all'interno di un UPS. Come nei precedenti case study relativi al design modulare, i primi quattro attributi descritti sono funzionali, mentre il quinto, la fault tolerance, è essenziale per la riuscita del design. Inoltre, poiché il funzionamento del data center dipende decisamente dall'alimentazione e dal raffreddamento, l'affidabilità della fault tolerance è fondamentale per la NCPI come per tutte le apparecchiature IT che protegge. Un data center fault-tolerant senza NCPI fault-tolerant sarebbe come un ponte sospeso realizzato con una passerella robusta, ma con funi poco resistenti. Conclusione La trasformazione del design da compatto a modulare è un'evoluzione naturale per i sistemi complessi poiché offre straordinari vantaggi in termini di efficienza, flessibilità e affidabilità. Esaminando le storie di successo, è più facile comprendere il potenziale della modularità nel fornire miglioramenti sostanziali e perfino rivoluzionari ai sistemi che sono stati compatti fin dal relativo concepimento, e che non sono mai stati pensati in modo diverso. La fault tolerance e gli altri attributi essenziali della modularità (ossia, la scalabilità e le capacità di adattamento, specializzazione e duplicazione) sono evidenti quanto inevitabili per i sistemi modulari creati dall'uomo, proprio come lo sono stati in natura. L'universo IT ha già riscontrato tali vantaggi nei design modulari per l'elaborazione e l'archiviazione dei dati, gli array RAID e i blade server. Inoltre, i data center sono ora pronti a seguire settori come quello aerospaziale nell'implementazione, estesa a tutti i sistemi, di un vantaggio modulare solitamente utilizzato per i sistemi mission critical fin dagli anni '70 del secolo scorso: la fault tolerance. La fault tolerance riconosce che un controllo attento della qualità dei componenti è solo il primo passo verso l'affidabilità di un sistema, e che la strategia di affidabilità decisiva sta nella capacità di mantenere in funzione i sistemi anche in caso di guasto o errore di uno o più componenti. La modularità e la fault tolerance stanno diventando il nuovo modello di progettazione dei data center e la NCPI deve seguire la stessa direzione, sia per offrire ai data center una protezione efficiente, sia per usufruire dei vantaggi della modularità in termini di efficienza, flessibilità e affidabilità. 10

11 White Paper correlati APC White Paper n. 117, Network-Critical Physical Infrastructure: ottimizzare il valore aziendale. APC White Paper n. 116, Standardizzazione e modularità nella Network-Critical Physical Infrastructure. Informazioni sugli autori Neil Rasmussen è uno dei fondatori e il Chief Technical Officer di American Power Conversion. Presso APC, Neil Rasmussen è responsabile del più consistente budget per R&S al mondo, investito nelle infrastrutture di alimentazione, raffreddamento e rack per reti critiche, con i principali centri di sviluppo prodotti dislocati nel Massachusetts, nel Missouri, in Danimarca, nello stato di Rhode Island, a Taiwan e in Irlanda. Attualmente, Neil Rasmussen si occupa del coordinamento delle attività di APC destinate allo sviluppo di soluzioni per infrastrutture scalabili modulari per i data center. Prima di fondare APC, nel 1981, Neil Rasmussen ha conseguito laurea e master in Ingegneria elettrica presso il MIT, presentando una tesi sull'analisi di un alimentatore a 200 MW per un reattore a fusione Tokamak. Dal 1979 al 1981, ha lavorato presso i MIT Lincoln Laboratories studiando i sistemi di accumulo energetico nei volani e i sistemi a energia solare. Suzanne Niles è autrice di white paper e lavora presso l'ncpi Science Center di APC. Ha studiato matematica al Wellesley College ed ha conseguito la laurea in Informatica e presso il MIT, con una tesi sul riconoscimento calligrafico. Per oltre 25 anni si è dedicata all'insegnamento utilizzando una varietà di supporti, da manuali di software a supporti fotografici e canzoni per bambini. 11

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW Sistema UPS trifase modulare Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW L UPS per chi ha bisogno di operatività senza interruzioni ABB Conceptpower DPA 500 è un sistema UPS ad alta

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

Documento tecnico sulla tecnologia LaCie RAID

Documento tecnico sulla tecnologia LaCie RAID Dopo anni di lavoro nel settore della memorizzazione dei dati, LaCie sa perfettamente che la disponibilità di un'unità di storage o backup è un requisito indispensabile per chiunque usi un computer e che

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

Domande di precisazione

Domande di precisazione Domande di precisazione Symantec Backup Exec System Recovery Ripristino dei sistemi Windows sempre, ovunque e su qualsiasi dispositivo PERCHÉ SYMANTEC BACKUP EXEC SYSTEM RECOVERY?...2 DOMANDE GENERALI

Dettagli

STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Powered by

STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Powered by STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Powered by STORAGE SU IP: I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Introduzione

Dettagli

VDI IN A BOX. www.lansolution.it - info@lansolution.it - 051 5947388

VDI IN A BOX. www.lansolution.it - info@lansolution.it - 051 5947388 VDI IN A BOX Con le soluzioni Citrix e la professionalità di Lansolution, ora puoi: -Ridurre i costi -Garantire la sicurezza -Incrementare la produttività -Lavorare ovunque* La flessibilità del luogo di

Dettagli

Soluzioni per architetture di distribuzione dell'aria per impianti critici

Soluzioni per architetture di distribuzione dell'aria per impianti critici Soluzioni per architetture di distribuzione dell'aria per impianti critici di Neil Rasmussen White Paper n. 55 Revisioni 1 Sintesi Esistono nove metodi di base per utilizzare l'aria come mezzo di raffreddamento

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Sistema UPS trifase indipendente dal rack. DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate

Sistema UPS trifase indipendente dal rack. DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate Sistema UPS trifase indipendente dal rack DPA UPScale RI 10 80 kw L UPS modulare per soluzioni personalizzate DPA UPScale RI l UPS individuale DPA UPScale RI (rack-independent) indipendente dal rack, è

Dettagli

Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure

Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure Eaton. Il quinto elemento della converged infrastructure La protezione dell'alimentazione è talmente essenziale per il funzionamento affidabile delle architetture convergenti da poter essere considerata

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Implementazione di Data Center ad elevata efficienza energetica

Implementazione di Data Center ad elevata efficienza energetica Implementazione di Data Center ad elevata efficienza energetica White Paper 114 Revisione 1 di Neil Rasmussen > In sintesi I costi associati al consumo di energia elettrica rappresentano una quota in costante

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE.

LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE. LICENZA D USO PER SOFTWARE SONY LEGGA ATTENTAMENTE IL SEGUENTE CONTRATTO PRIMA DI UTILIZZARE QUESTO SOFTWARE. CON L UTILIZZAZIONE DEL SOFTWARE LEI ESPRIME LA SUA ACCETTAZIONE DEL CONTRATTO. IMPORTANTE

Dettagli

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati.

Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete. I dispositivi utilizzati. LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Capire i benefici di una rete informatica nella propria attività. I componenti di una rete I dispositivi utilizzati I servizi offerti LA RETE INFORMATICA NELL AZIENDA Copyright

Dettagli

Assemblare un pc Lezione n. 14. Introduzione

Assemblare un pc Lezione n. 14. Introduzione HARD DISK Parte 2 Introduzione Dopo aver effettuato una panoramica generale sugli hard disk, imparato a riconoscere le interfacce, i loro elementi principali ed i vari connettori e cavi a disposizione,

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Guida pratica per pianificare il disaster recovery in modo economico ed efficace

Guida pratica per pianificare il disaster recovery in modo economico ed efficace White paper www.novell.com Guida pratica per pianificare il disaster recovery in modo economico ed efficace Indice Misurazione del costo totale di gestione...3 Misurazione delle prestazioni...4 Valutazione

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Caso di successo Microsoft Virtualizzazione Gruppo Arvedi Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Informazioni generali Settore Education Il Cliente Le

Dettagli

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione Xerox SMart esolutions White Paper sulla protezione White Paper su Xerox SMart esolutions La protezione della rete e dei dati è una delle tante sfide che le aziende devono affrontare ogni giorno. Tenendo

Dettagli

Data-sheet: Protezione dei dati OpsCenter Analytics

Data-sheet: Protezione dei dati OpsCenter Analytics Panoramica Di fronte alla proliferazione dei dati, le operazioni di backup e archiviazione stanno diventando sempre più complesse. In questa situazione, per migliorare la produttività è opportuno attenersi

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

Giugno 2009 Domande e risposte sul tema Green VoIP

Giugno 2009 Domande e risposte sul tema Green VoIP Giugno 2009 Domande e risposte sul tema Green VoIP Indice Cosa si intende con Green VoIP?... 3 A livello energetico sono più efficienti i centralini VoIP o quelli tradizionali?... 3 Paragonati ai centralini

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Percorso Formativo C1

Percorso Formativo C1 1 Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Percorso Formativo C1 Modulo 1 Infrastrutture informatiche all'interno di un istituto scolastico

Dettagli

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 VERITAS StorageCentral 1 USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 1. Panoramica di StorageCentral...3 2. StorageCentral riduce il costo totale di proprietà per lo storage di Windows...3 3. Panoramica

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

Sartorius ProControl@Enterprise La nuova generazione del controllo statistico di processo

Sartorius ProControl@Enterprise La nuova generazione del controllo statistico di processo Sartorius ProControl@Enterprise La nuova generazione del controllo statistico di processo turning science into solutions Qualità senza compressi! Efficienza di produzione pianificabile Risparmi Competitività

Dettagli

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile?

Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Rimini, 1/2015 Sicurezza accessi, su software e piattaforme diverse, anche da dispositivi mobili, com è possibile? Le configurazioni con Server e desktop remoto (remote app), che possa gestire i vostri

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw Informatica o Information Technology La componente tecnologica dei sistemi informativi m. rumor Architettura del Sistema tecnologico Sistema tecnologico: insieme di componenti connessi e coordinati che

Dettagli

MASSIMIZZARE IL RITORNO SULL'INVESTIMENTO NELL'INTEGRAZIONE GRAZIE A UN AMBIENTE APPLICATIVO IBRIDO

MASSIMIZZARE IL RITORNO SULL'INVESTIMENTO NELL'INTEGRAZIONE GRAZIE A UN AMBIENTE APPLICATIVO IBRIDO NOTA SULLA RICERCA marzo 2014 MASSIMIZZARE IL RITORNO SULL'INVESTIMENTO NELL'INTEGRAZIONE GRAZIE A UN AMBIENTE APPLICATIVO IBRIDO I PROFITTI Sebbene l'adozione di applicazioni Software as-a-service (SaaS)

Dettagli

IBM System Storage DS5020 Express

IBM System Storage DS5020 Express Gestione della crescita, della complessità e dei rischi grazie a un sistema storage scalabile ad elevate prestazioni IBM System Storage DS5020 Express Punti di forza Interfacce FC a 8 Gbps di nuova Storage

Dettagli

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi. Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.it @Pec: info.afnet@pec.it Web: http://www.afnetsistemi.it E-Commerce:

Dettagli

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati Affidabilità nel servizio precisione negli strumenti Chanda LPR Chanda LPR è una piattaforma

Dettagli

Standardizzazione e modularità nella Network-Critical Physical Infrastructure

Standardizzazione e modularità nella Network-Critical Physical Infrastructure Standardizzazione e modularità nella Network-Critical Physical Infrastructure A cura di Suzanne Niles White Paper n. 116 Sintesi La mancata adozione della standardizzazione modulare come strategia progettuale

Dettagli

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile

IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile IBM i5/os garantisce la continua operatività della vostra azienda IBM i5/os: un sistema progettato per essere sicuro e flessibile Caratteristiche principali Introduzione del software HASM (High Availability

Dettagli

Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende

Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende di piccole e medie dimensioni Scelta del sistema di memorizzazione ideale Guida alla scelta del sistema di memorizzazione NAS (Network Attached Storage) per le

Dettagli

Symantec Backup Exec.cloud

Symantec Backup Exec.cloud Protezione automatica, continua e sicura con il backup dei dati nel cloud o tramite un approccio ibrido che combina il backup on-premise e basato sul cloud. Data-sheet: Symantec.cloud Solo il 21% delle

Dettagli

Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete

Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete Ottimizzare gli investimenti per la realizzazione di infrastrutture per sale CED e apparati di rete White Paper # 37 Rev. 4 Sintesi L'infrastruttura fisica e di alimentazione dei data center e delle sale

Dettagli

Trasmissione e raccolta dati

Trasmissione e raccolta dati Trasmissione e raccolta dati Esempi applicativi Gestione dati macchina Il sistema di acquisizione dati descritto nel seguito, utilizza una rete Ethernet/CANBus come supporto per integrare i dati all'interno

Dettagli

Panoramica delle funzionalita

Panoramica delle funzionalita Panoramica delle funzionalita Edizioni vsphere 4 Gestione su larga scala di applicazioni di produzione critiche DRS / DPM Storage vmotion Host Profiles Distributed Switch DRS / DPM Storage vmotion Prodotti

Dettagli

LaCie 12big Rack Serial

LaCie 12big Rack Serial LaCie Soluzione di storage rivoluzionaria, espandibile e collegabile direttamente Fino a 60 TB Soluzione di storage collegabile direttamente Il sistema LaCie è particolarmente indicato per i professionisti

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP

Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP Bosch Video Management System Sicurezza garantita con il sistema IP Videosorveglianza IP Tutto in un'unica soluzione Bosch Video Management System (VMS) consente di gestire video, audio e dati IP e digitali,

Dettagli

vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente.

vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente. vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente. vshape Spiana la strada verso la virtualizzazione e il cloud Trovo sempre affascinante vedere come riusciamo a raggiungere ogni angolo del globo in

Dettagli

Windows Server 2012 R2

Windows Server 2012 R2 Windows Server 2012 R2 Windows Server 2012 R2 La piattaforma server dell'azienda moderna. Come componente fondamentale della visione dell'it ibrido di Microsoft, Windows Server 2012 R2 offre alle piccole

Dettagli

Hoox S.r.l. Company profile aziendale. Autore : Hoox S.r.l. Data : Anno 2013

Hoox S.r.l. Company profile aziendale. Autore : Hoox S.r.l. Data : Anno 2013 Hoox S.r.l. Company profile aziendale Autore : Hoox S.r.l. Data : Anno 2013 Chi siamo Hoox è una società di servizi ICT (Information and Communication Technology) orientata alla progettazione, realizzazione

Dettagli

HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento. Generato da Doxygen 1.5.1-p1

HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento. Generato da Doxygen 1.5.1-p1 HighWay/eXtraWay Project - Schema sintetico delle configurazioni hardware Manuale di riferimento Generato da Doxygen 1.5.1-p1 Fri Jan 4 11:10:14 2008 Indice Capitolo 1 Schema sintetico delle possibili

Dettagli

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA'

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA' PREMESSA In questa lezione analizziamo i concetti generali dell automazione e confrontiamo le diverse tipologie di controllo utilizzabili nei sistemi automatici. Per ogni tipologia si cercherà di evidenziare

Dettagli

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service - Cos è IT Cloud Service è una soluzione flessibile per la sincronizzazione dei file e la loro condivisione. Sia che si utilizzi

Dettagli

Silent Cubes. Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti

Silent Cubes. Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti Silent Cubes Archiviazione certificata di lungo termine di dati su hard disk super-ridondanti 02 Infinita quantità di dati indefinitamente: archiviazione di lungo termine con Silent Cubes Liberate spazio

Dettagli

Aruba networks Gennaio 2012

Aruba networks Gennaio 2012 Aruba Instant Cos è Aruba Instant? La soluzione Aruba Instant è un innovativa architettura che replica le complesse e ricche funzionalità enterprise per il mercato SMB. Tutte le funzionalita degli Aruba

Dettagli

Tutti i vantaggi dell On Demand. innovare per competere e per crescere

Tutti i vantaggi dell On Demand. innovare per competere e per crescere Tutti i vantaggi dell On Demand innovare per competere e per crescere Controllo del budget e ROI rapido In modalità SaaS, senza farsi carico di investimenti in programmi software e hardware. È sufficiente

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Annuncio software IBM per Europa, Medio Oriente e Africa ZP09-0108, 5 maggio 2009

Annuncio software IBM per Europa, Medio Oriente e Africa ZP09-0108, 5 maggio 2009 ZP09-0108, 5 maggio 2009 I prodotti aggiuntivi IBM Tivoli Storage Manager 6.1 offrono una protezione dei dati e una gestione dello spazio migliorate per ambienti Microsoft Windows Indice 1 In sintesi 2

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA Sicurezza Network, hardware e software Claudio Giovanzana Direzioni Sistemi Informativi Ospedale H San Raffaele Milano, 18 gennaio 2007 1 Sicurezza: Definizione

Dettagli

Lavoro di progetto con Storebox

Lavoro di progetto con Storebox Lavoro di progetto con Storebox White paper Swisscom (Svizzera) SA Sommario Sommario... 2 Prefazione... 3 Differenza tra e backup... 3 Quale metodo in quale contesto?... 3 Premessa... 4 Requisiti... 4

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Paradosso dell Informazione

Paradosso dell Informazione La Conservazione della Memoria Digitale Lecce 18 settembre 2008 Paradosso dell Informazione Quantità di Informazioni / Disponibilità Diffusione / Capacità di Trasmissione Capacità di Integrazione ed Elaborazione

Dettagli

Soluzioni di storage per le aziende on demand

Soluzioni di storage per le aziende on demand Soluzioni di storage per le aziende on demand Sistemi IBM Storage Server X206 Storage Server x226 Storage Server HS20 Storage Server x346 Storage Server Caratteristiche principali Differenziazione e innovazione

Dettagli

La piattaforma CPM di STAR

La piattaforma CPM di STAR La piattaforma CPM di STAR Soluzioni di settore per il Controlled Corporate Process Management Trasferimento del traffico su rotaia con STAR James STAR Group Your single-source provider for corporate product

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza

Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza Sistemi di rivelazione: certificazione SIL, impianti ridondati. Il mondo dell energia chiede sempre maggiore sicurezza FORUM di PREVENZIONE FORUM di PREVENZIONE Certificazione SIL (Safety Integrity Level)

Dettagli

Manuale Utente Archivierete Novembre 2008 Pagina 2 di 17

Manuale Utente Archivierete Novembre 2008 Pagina 2 di 17 Manuale utente 1. Introduzione ad Archivierete... 3 1.1. Il salvataggio dei dati... 3 1.2. Come funziona Archivierete... 3 1.3. Primo salvataggio e salvataggi successivi... 5 1.4. Versioni dei salvataggi...

Dettagli

Creare una Rete Locale Lezione n. 1

Creare una Rete Locale Lezione n. 1 Le Reti Locali Introduzione Le Reti Locali indicate anche come LAN (Local Area Network), sono il punto d appoggio su cui si fonda la collaborazione nel lavoro in qualunque realtà, sia essa un azienda,

Dettagli

applicazioni aziendali più eseguire e controllare fondamentali per il business grazie a sofisticate funzioni di auto-gestione

applicazioni aziendali più eseguire e controllare fondamentali per il business grazie a sofisticate funzioni di auto-gestione Semplicità e flessibilità con il primo server con tecnologia IBM i5 520 Le piccole e medie imprese desiderano concentrarsi sul proprio business e non sull infrastruttura IT. IBM _` i5 520 offre non solo

Dettagli

SAFELINE Metal Detection

SAFELINE Metal Detection SAFELINE Metal Detection Rivelazione dei metalli Miglioramento della due diligence Efficace rivelazione dei metalli Ottimizzazione del controllo del sistema Funzionamento a prova di guasto Massima sicurezza

Dettagli

Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti

Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti Strategie di installazione di blade server nelle sale CED esistenti Di Neil Rasmussen White Paper n. 125 Revisione 1 Sintesi Quando i blade server sono densamente popolati è possibile che venga superata

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity.

UBIQUITY 6 e Server. Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. UBIQUITY 6 e Server Privato Introduzione Il documento descrive le novità introdotte con la versione 6 della piattaforma software ASEM Ubiquity. Versione Descrizione Data 1 Prima emissione 21/06/2015 Disclaimer

Dettagli

CONTROLLO DEGLI ACCESSI INTELLIGENTE PER UN FLUSSO DI PERSONE SICURO E CONFORTEVOLE. KONE Access

CONTROLLO DEGLI ACCESSI INTELLIGENTE PER UN FLUSSO DI PERSONE SICURO E CONFORTEVOLE. KONE Access CONTROLLO DEGLI ACCESSI INTELLIGENTE PER UN FLUSSO DI PERSONE SICURO E CONFORTEVOLE KONE Access 1 KONE Access per una gestione avanzata del flusso di persone KONE Access è una soluzione di controllo d

Dettagli

COMPUTER Dal latino computare (calcolare).

COMPUTER Dal latino computare (calcolare). COMPUTER Dal latino computare (calcolare). Il computer è un semplice esecutore di ordini, compiti o istruzioni impartite dall'esterno per risolvere determinati problemi attraverso un algoritmo di risoluzione

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi

Efficienza operativa nel settore pubblico. 10 suggerimenti per ridurre i costi Efficienza operativa nel settore pubblico 10 suggerimenti per ridurre i costi 2 di 8 Presentazione La necessità impellente di ridurre i costi e la crescente pressione esercitata dalle normative di conformità,

Dettagli

Specialista della rete - Un team di specialisti della rete

Specialista della rete - Un team di specialisti della rete Allied Telesis - creare qualità sociale Allied Telesis è da sempre impegnata nella realizzazione di un azienda prospera, dove le persone possano avere un accesso facile e sicuro alle informazioni, ovunque

Dettagli

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l.

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l. STORAGE STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Appliance Cisco FirePOWER serie 8000

Appliance Cisco FirePOWER serie 8000 Scheda tecnica Appliance Cisco FirePOWER serie 8000 Panoramica del prodotto Trovare un'appliance di sicurezza della rete che offra la giusta velocità di trasmissione, la protezione dalle minacce e le opzioni

Dettagli

La tecnologia brevettata da Borri Green Conversion ed il controllo della batteria

La tecnologia brevettata da Borri Green Conversion ed il controllo della batteria Il risparmio energetico è attualmente uno dei temi principali per l industria dei data center, visti i costi dell energia in aumento e i vincoli ambientali sempre più stringenti. Migliorare il proprio

Dettagli

Vantaggi dell archiviazione delle e-mail

Vantaggi dell archiviazione delle e-mail Vantaggi dell archiviazione delle e-mail La posta elettronica non è soltanto un importante mezzo di comunicazione, ma anche una delle risorse di informazioni più ampie e valide. Generalmente, le informazioni

Dettagli

NAS 251 Introduzione al RAID

NAS 251 Introduzione al RAID NAS 251 Introduzione al RAID Impostare un volume d archiviazione col RAID A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe essere in grado di: 1. Avere una onoscenza

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

GUIDA ALLA VENDITA: Principali tipologie di cliente. Spunti di conversazione. Reazioni comuni e argomentazioni. Panoramica sui prodotti SSHD

GUIDA ALLA VENDITA: Principali tipologie di cliente. Spunti di conversazione. Reazioni comuni e argomentazioni. Panoramica sui prodotti SSHD GUIDA ALLA VENDITA: unità ibride con memoria a stato solido (sshd) di seagate Questa guida interattiva alla vendita mette a disposizione informazioni sulle sfide di elaborazione che i clienti devono affrontare

Dettagli

PU101 Sweex 2 Port Serial ATA RAID PCI Card. Prima dell uso controlli che vi siano tutti i componenti necessari. La confezione dovrà contenere:

PU101 Sweex 2 Port Serial ATA RAID PCI Card. Prima dell uso controlli che vi siano tutti i componenti necessari. La confezione dovrà contenere: PU101 Sweex 2 Port Serial ATA RAID PCI Card Introduzione Per prima cosa desideriamo ringraziarla vivamente per aver acquistato la Sweex 2 Port Serial ATA RAID PCI Card, la scheda che le permetterà di aggiungere

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Progetto Virtualizzazione

Progetto Virtualizzazione Progetto Virtualizzazione Dipartimento e Facoltà di Scienze Statistiche Orazio Battaglia 25/11/2011 Dipartimento di Scienze Statiche «Paolo Fortunati», Università di Bologna, via Belle Arti 41 1 La nascita

Dettagli