Austerità in francese è una parola di quattro lettere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Austerità in francese è una parola di quattro lettere"

Transcript

1 Austerità in francese è una parola di quattro lettere In Francia il 20 giugno c è stato un nuovo Grand Summit di imprese, sindacati e funzionari del governo dove hanno discusso su quali sono le riforme necessarie che possono rendere molto più competitiva la Francia e maggiormente sostenibile il suo bilancio nazionale. Il livello del debito e del deficit sono molto alti e in continuo aumento, mentre il paese sta scivolando in un'altra recessione. Una delle questioni chiave è un piano che è fortemente controverso, ossia la riforma delle pensioni. Alcune note da Stratfor: La Francia spende circa il 12,5 per cento del suo prodotto interno lordo per le pensioni, più della maggior parte di qualsiasi altro membro dello OECD (la Germania spende circa il 11,4 per cento del suo PIL per le pensioni, ed invece il Giappone spende circa 8,7 per cento). [Nota: la Francia ha un sistema di garanzie a livello sociale (sécurité sociale) che offre la copertura sanitaria, gli infortuni sul lavoro, gli assegni familiari, i sussidi di disoccupazione e la pensione di vecchiaia, di invalidità e di morte del beneficiario. La Francia spende di più per il 'benessere sociale' di quasi qualsiasi altro paese dell'ue: oltre il 30 per cento del PIL. Per dare una cifra di riferimento, sarebbero circa $5.000 miliardi dollari negli Stati Uniti.] Il fatto è che una percentuale sempre maggiore della popolazione francese discute del tema delle pensioni. Nel 1975 c'erano 31 lavoratori che pagavano i contributi per ogni 10 pensionati, oggi ci sono 14 lavoratori che pagano i contributi per ogni 10 pensionati. Quando poi nei prossimi dieci anni andranno in pensione i figli del baby boom nati tra il 1950 e il 1960, la pressione sulle casse Francesi crescerà notevolmente. Il deficit del sistema pensionistico francese è destinato a raddoppiare tra il 2010 e il 2020, supererà i 20 miliardi di euro. E' difficile per gli americani capire quanto costa sostenere il lavoratore medio francese (o il lavoratore autonomo). Da Paris Voice:: Il totale dei contributi sociali è di circa 200 miliardi all'anno e il bilancio del sistema sociale è superiore al prodotto nazionale lordo (PNL), vale a dire che il sistema sociale costa molto di più rispetto ha quanto è in grado di produrre il paese in termini di valore. Non a caso il numero di servizi che vengono offerti dal sistema sociale sono tra i più ampi all interno della UE. I contributi totali per dipendente in media sono circa il 60 per cento della retribuzione lorda, il 60 per cento di ciò che viene pagato dai datori di lavoro (un vero limite nell'assumere del personale). I lavoratori autonomi devono pagare l'intero importo (un ulteriore limite al lavoro autonomo). Ovviamente la popolazione è restia a qualsiasi cambiamento che possa ridurre i propri benefici, mentre i datori di lavoro stanno spingendo per raggiungere dei contributi più bassi. E naturalmente la prima cosa che il signor Hollande ha fatto quando lo scorso anno ha assunto il nuovo incarico è stato quello di riportare l'età per accedere alla pensione a 60 anni dai 62 estremamente controversi che il suo predecessore, Sarkozy, era appena riuscito a strappare. Le "Riforme" di Sarkozy sono state accolte con molte proteste di massa e Hollande le ha usate per progettare una travolgente vittoria elettorale a favore dei socialisti (Io ho messo la parola "riforme" tra virgolette, perché in nessun altro paese verrebbe vista come una misura draconiana un'età di pensionamento di 62 anni). Hollande sta affrontando una serie di problemi. Vi riporto alcune riflessioni di Ambrose Evans-Pritchard: Un analisi del FMI sulla Francia, che è stata pubblicata poco prima delle elezioni, sottolinea i seguenti punti: il peso dello stato sul PIL è superiore al 55 per cento (o meglio il 56 per cento quest'anno), superiore a quello della Scandinavia ma senza la flessibilità presente nel mercato del lavoro del paese nordico. Un paese con una speranza di vita tra le più alte al mondo, ma con la più bassa età pensionabile rappresenta un mix particolarmente costoso. Sono solo il 39.7 per cento quelli che lavorano e che hanno un età compresa tra i 55-64, rispetto invece al 56.7 per cento nel Regno Unito e al 57.7 per cento in Germania. 1

2 IL FMI ha detto che "i lavoratori francesi trascorrono molto più tempo in pensione rispetto a tutti gli altri Paesi sviluppati". (the London Telegraph) La Francia ha il livello più alto di carico fiscale e di sicurezza sociale nella zona euro, ed è al penultimo posto per numero di ore lavorate in un anno. C'è stato un forte aumento dei costi unitari del lavoro e questo ha reso la Francia sempre di più meno competitiva. Questi aspetti non sono assolutamente passati inosservati in Germania. Un rapporto di uno dei partiti politici conservatori il (FDP) ha detto, "il presidente francese Francois Hollande ha fatto una riforma che assolutamente banale, facendo quasi un danno al mercato del lavoro. Il che è naturalmente vero. Hollande è stato eletto nel maggio 2012 sulla base di una campagna politica che puntava nel preservare lo status quo e proteggere i privilegi dei francesi. "(Ambrose Evans-Pritchard, il Telegraph) Inoltre non aiuta assolutamente, il fatto che la Francia abbia avuto un anemico "recupero" dopo la grande recessione (non più di un 1% all'anno) ed ora è tornata nuovamente in piena recessione. Il che significa che le entrate fiscali scenderanno e non che saliranno, e che i disavanzi continueranno a crescere. E le cose rischiano di peggiorare ancora di più. Charles Gave sottolinea che la produzione francese sta crollando e questo ha sempre generato delle ulteriori perdite in termini di PIL. Il grafico qui sotto di GaveKal mostra l analisi prodotta dal French Business Climate Survey che fa delle proiezioni in avanti di nove mesi e i numeri sono altamente correlato al PIL. Il FMI prevede nel 2013 una recessione pari al 2%, il che significa un aumento della disoccupazione e una tiepida crescita dello 0,8% nel 2014, tutto questo non è sufficiente nello stimolare realmente l'occupazione. 2

3 Potete leggere almeno una mezza dozzina di report e di analisi della situazione francese, e comunque tutti vi parleranno della "rigidità del mercato del lavoro" come elemento principale del problema. Vi è un costo salariale minimo molto elevato, ed è molto difficile lasciare a casa i dipendenti in tempi così difficili il che scoraggia le imprese dall'assumere dei lavoratori giovani ed inesperti. Le nuove start-up che rappresentano la fonte di sviluppo di lavoro vero e proprio sono diminuite significativamente, e questo a causa della dimensione raggiunta dalla burocrazia verso le attività imprenditoriali. In Francia i margini di profitto aziendali si sono particolarmente ridotti, e le aziende si stanno spostando in altri paesi che sono in grado di offrire delle opzioni in termini di costi molto più attraenti. I costi per pagare gli interessi sul debito in percentuale sul PIL in Francia sono diminuiti dal 3% del 1995 al 2% (di oggi), anche se in contemporanea il valore complessivo totale del debito è salito di ben quattro volte. I bassi tassi di interesse possono essere una cosa positiva nel momento in cui si desidera ridurre i costi, ma poi quando i tassi di interesse ricominceranno a salire (e questa sarà una cosa che avverrà in un futuro non troppo lontano, se la BCE non sarà pronta ad intervenire), questo potrà significativamente paralizzare completamente il governo che è già gravato da un deficit troppo grande e da impegni molto significativi. Ma senza delle vere riforme, quanto tempo ci vorrà prima che il mercato si renda conto che la Francia è un altro bambino che ha dei seri problemi tanto quanto l Italia e la Spagna? Ma quanto tempo il mercato sarà disponibile ad attendere prima di vedere un certo movimento verso dei bilanci sostenibili. Gli investitori nei titoli di Stato non sono dei filantropi. Sono continuamente alla ricerca del minor rischio. Una valutazione realistica farà si che quanto prima la Francia non verrà più considerata nella categoria dei paesi meno rischiosi. 3

4 I problemi legati alle scelte di Hollande stanno provocando in Francia un crescente disinteresse verso l'intero progetto europeo, patria putativa del movimento per l'integrazione. Nessun paese europeo sta diventando così velocemente sempre più scoraggiato e disilluso, quanto la Francia. Rispetto solo all'anno scorso l'umore del pubblico è completamente peggiorato su tutti i fronti.. I francesi sono particolarmente negativi nei confronti dell'economia l'economia con il 91% che ritiene che questa peggiorerà, un dato che è aumentato di circa 10 punti percentuali dal Essi sono particolarmente negativi rispetto alla loro capacità di leadership: il 67% pensa il presidente Francois Hollande stia facendo un pessimo lavoro nel cercare di gestire al meglio le sfide che vengono poste dalla crisi economica, una critica che si esprime nei confronti del presidente attraverso un dato che è di ben 24 punti più elevato rispetto al valore raggiunto dal suo predecessore, Nicolas Sarkozy. I francesi stanno cominciando a dubitare del loro reale impegno nei confronti del l progetto europeo, con il 77% di loro che ritiene che l'integrazione economica europea abbia peggiorato la situazione in Francia, valore che è aumentato di ben 14 punti rispetto allo scorso anno. Ed ora il 58% ha una pessima impressione dell Unione europea come istituzione, e questo rispetto al dato del 2012 dove questo dato era pari solo a 18 punti percentuali. (Tyler Durden, Zero Hedge) E a questo proposto Stratfor aggiunge: Hollande deve affrontare un grande dilemma: ossia poteva provare ad attuare delle riforme di ampio respiro facendo delle scelte in modo unilaterale, ma che però nel breve termine sarebbero incredibilmente impopolari. In caso contrario, si potrebbe cercare di mettere in atto delle riforme diluendole nel tempo e questo le renderebbe maggiormente appetibili verso i cittadini francesi, ma in ultima analisi queste sarebbero molto inefficaci nel cercare di ridurre i costi del sistema pensionistico francese. Il problema di Hollande è condiviso da molti leader dell'europa occidentale, che hanno risposto alla crisi economica in atto mediante l'attuazione di riforme dolorose del loro sistema del welfare. Il problema è che i paesi considerano il sistema di welfare dello stato una delle caratteristiche economiche, politiche e sociali dell'europa del dopoguerra ed un simbolo della prosperità economica. I francesi hanno una lunga e ricca tradizione di lotta per i loro diritti civili e sociali, e l'idea di un contratto sociale tra coloro che governano e le parti è un elemento chiave della politica francese. Per il francese - per non parlare degli italiani, spagnoli o 4

5 tedeschi - un stato sociale generoso è un diritto acquisito, una parte del contratto sociale che guida l Europa. Ma ciò che una parte può vedere come un diritto acquisito un'altra lo vedrà invece come un peso fiscale, costi eccessivi e rischi indesiderati. Ovviamente, questo non è solo un problema francese. In tutto il mondo i governi hanno promesso molto più di quanto potranno realmente essere in grado offrire. E quando il programma diventerà proibitivo verranno ovviamente effettuati gli adeguamenti. E' ovvio che quando si taglia un beneficio promesso a persone che sono già in pensione o lo saranno quanto prima, queste non saranno molto felici. Nel luglio 2012 Hollande ha fatto un primo Grand Summit per cercare di risolvere gli stessi problemi che ancora oggi devono essere ancora affrontati. Poiché non esiste ancora una vera e propria crisi e nessun rischio imminente, dubito che possano essere fatte delle scelte di particolare sostanza. Il che significa che in futuro ci sarà ancora un'altra conferenza, il tutto mentre lo stress continuerà ad intensificarsi. L indice di gradimento di Hollande si oramai ridotto al 30%. Delle vere riforme creerebbero una forte rabbia nella sua base, ma di conseguenza la mancanza di queste porterà a delle valutazioni ancora più basse da parte dei mercati. Egli non ha la forza all'interno del suo partito per spingere verso un compromesso, e questo sarà sempre più vero con l avvicinarsi delle elezioni. La Francia è sulla buona strada per diventare la nuova Grecia. Tra 20 anni, la Harvard Business School farà un nuovo caso di studio su cosa non fare quando ci si trova di fronte ad una imponente crisi fiscale. Francia e Hollande saranno il caso #1. John Mauldin 2013 John Mauldin. All rights reserved versione italiana a cura di Horo Capital. Tutti i diritti riservati. John Mauldin - è un esperto finanziario, autore di best-seller, tra cui l'ultimo Endgame. Ogni settimana, oltre 1 milione di lettori scelgono Mauldin per la sua visione su Wall Street, il mercato globale e la storia economica. La newsletter Thoughts from the Frontline fornisce agli investitori in modo gratuito, informazioni imparziali e di orientamento. La traduzione italiana è curata da Horo Capital e disponibile su Horo Capital - Independent Financial Advisory Firm - Via Silvio Pellico Milano - 5

Aspettative non realistiche

Aspettative non realistiche Aspettative non realistiche Negli ultimi 10 anni abbiamo visto un numero sempre più crescente di economisti ed analisti finanziari, che mettono in discussione la correttezza dei metodi utilizzati per prevedere

Dettagli

Una generazione persa

Una generazione persa Una generazione persa Guardate attentamente questo grafico. Si vede che il trend di crescita dell occupazione part-time ha avuto inizio con la recessione dei primi anni 2000, per poi fermarsi solo per

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Tavola rotonda CNPR Roma, Hotel Nazionale - Piazza Montecitorio - 18 giugno 2015, ore 10,00 Antonietta Mundo Attuario, ex coordinatore generale

Dettagli

Banzai! Banzai! Banzai!

Banzai! Banzai! Banzai! Banzai! Banzai! Banzai! In Giappone, il termine Banzai! letteralmente significa "10 mila anni" e può essere usato per augurare a qualcuno una lunga vita e felicità. Ma durante la seconda guerra mondiale

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

editoriale L eccezione tedesca?

editoriale L eccezione tedesca? editoriale L eccezione tedesca? In un quadro europeo di grave preoccupazione per il lavoro, soprattutto giovanile, la Germania sembra fare storia a sé. Quasi come se il nucleo economico del sistema europeo

Dettagli

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc.

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Merrill Lynch Investment Managers - Europe, Middle East & Africa (EMEA) 33 King William Street London EC4R 9AS Data di pubblicazione: Venerdì 30 Aprile 2004 MERRILL LYNCH

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

IL LAVORO COME LEVA COMPETITIVA

IL LAVORO COME LEVA COMPETITIVA 597 i dossier www.freefoundation.com IL LAVORO COME LEVA COMPETITIVA Workshop Ambrosetti, Cernobbio 19 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Perché dobbiamo riformare il mercato del lavoro

Dettagli

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA 1) Perché la riforma del modello contrattuale: Nell attuale scenario, il modello contrattuale

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) UNA DELLE MILLE RAGIONI PER INDIGNARSI Vicenç Navarro 13/01/2014 Se

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 - Piigs sotto la lente: il Portogallo - Il dividendo dell euro - Sul ponte sventolo la Bandiera Bianca - Il salvataggio - La cura uccide il malato - Un esercito

Dettagli

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire Lo strano caso della ripresa economica irlandese 27/04/2014 Centro di Sviluppo Politico e Sociale CSPS Relatore: Presidente del CSPS, Dott. Diego

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI)

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) COMPETITIVITÀ, SVALUTAZIONE INTERNA E RIDUZIONE DEI SALARI Vicenç Navarro

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Malattie reumatiche. Colpiti 700mila italiani ma solo 50mila hanno accesso ai nuovi f... http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=15772 Page 1 of 2 01/07/2013 quotidianosanità.it

Dettagli

Estate 2015. Mind the gap. Studio sul divario della tutela del reddito in Europa occidentale

Estate 2015. Mind the gap. Studio sul divario della tutela del reddito in Europa occidentale Estate 2015 Mind the gap Studio sul divario della tutela del reddito in Europa occidentale Prefazione Assistiamo a una crescente attenzione verso il divario tra le prestazioni pensionistiche; tuttavia,

Dettagli

AXA Ricerca sulla pensione II edizione «La pensione nella vita e nell immaginario degli italiani»

AXA Ricerca sulla pensione II edizione «La pensione nella vita e nell immaginario degli italiani» AXA Ricerca sulla pensione II edizione «La pensione nella vita e nell immaginario degli italiani» SINTESI DELLA RICERCA La pensione: un periodo sereno, ma diverso dalle attese, che gli italiani stanno

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE

Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE Analisi annuale indipendente della crescita 2013 ECLM-IMK-OFCE Sintesi Quattro anni dopo l'inizio della grande recessione, l'area dell'euro resta in crisi. Il PIL e il PIL pro capite sono al di sotto dei

Dettagli

Spd e Verdi per una cambio di rotta della Germania in Europa

Spd e Verdi per una cambio di rotta della Germania in Europa Spd e Verdi per una cambio di rotta della Germania in Europa Un importante documento in 12 punti tradotto da Nens Il 12 dicembre scorso la SPD e i Verdi tedeschi hanno reso pubblico un documento in 12

Dettagli

TROPPE TASSE SULLE IMPRESE IN ITALIA

TROPPE TASSE SULLE IMPRESE IN ITALIA 731 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TROPPE TASSE SULLE IMPRESE IN ITALIA World Bank Doing Business 2014; Paying Taxes 2014 21 novembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato 150 idee per il libero mercato Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato di Andrea Giuricin Il futuro dello stabilimento di Termini Imerese è al centro del dialogo tra sindacati, Fiat e governo.

Dettagli

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale.

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale. LA RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE: IL DOCUMENTO SULLE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE SOTTOSCRITTO DA CISL, UIL E CONFINDUSTRIA La riforma del modello contrattuale La

Dettagli

La perequazione delle pensioni: una storia sempre più complicata di Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica

La perequazione delle pensioni: una storia sempre più complicata di Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica 1 La perequazione delle pensioni: una storia sempre più complicata di Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica 22 maggio 2015 La perequazione delle pensioni ha avuto nei decenni una storia assai

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI 16 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In data 16 luglio

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

La crisi economica e le diseguaglianze

La crisi economica e le diseguaglianze La crisi economica di Tony Atkinson Senior research fellow, Nuffield College, Oxford Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prevede che l attività economica si ridurrà a un ritmo senza precedenti nel

Dettagli

I Focus de l OIV. Il mercato dei vini spumati

I Focus de l OIV. Il mercato dei vini spumati I Focus de l OIV Il mercato dei vini spumati Il mercato dei vini spumanti è cresciuto nel corso degli ultimi anni grazie alla spinta di una forte domanda mondiale. La produzione è aumentata notevolmente:

Dettagli

La crisi greca: i dati e la sua evoluzione

La crisi greca: i dati e la sua evoluzione 1 luglio 2015 n. 24 La crisi greca: i dati e la sua evoluzione IL QUADRO MACROECONOMICO E DI FINANZA PUBBLICA DELLA GRECIA 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Secondo Eurostat, nel 2013 il PIL della Grecia

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

SPAGNA, CIPRO, LITUANIA, ESTONIA, DANIMARCA

SPAGNA, CIPRO, LITUANIA, ESTONIA, DANIMARCA SPAGNA, CIPRO, LITUANIA, ESTONIA, DANIMARCA L'IMPATTO DELLA CRISI SULLE RISORSE UMANE Riduzione della retribuzione Alcuni Stati membri hanno già annunciato o effettuato il ridimensionamento e/o blocco

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

Il Fondo Monetario Internazionale

Il Fondo Monetario Internazionale Il Fondo Monetario Internazionale Introduzione Origine Obiettivi Funzioni Conferenza di Bretton Woods (1944). Oggi conta 184 paesi membri; Vuole dare vita, assieme alla Banca Mondiale e ad una terza organizzazione

Dettagli

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 Ordine Nazionale Attuari Seminario LA PREVIDENZA PUBBLICA NEI 150 ANNI DELL UNITA D ITALIA Cinzia Ferrara* Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 (*) La relazione è svolta a titolo personale 150 D ITALIA

Dettagli

Un Europa a due velocità

Un Europa a due velocità OLTRE LA CRISI GRECA Un Europa a due velocità Si allarga il gap tra paesi core e paesi periferici dell Eurozona. Pil, inflazione, disoccupazione, consumi, deficit pubblico e tassi di interesse: una radiografia

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Le Bolle speculative

Le Bolle speculative Le Bolle speculative Vito Lops giornalista del Sole 24 Ore Social media editor Sole 24 Ore www.twitter.com/vitolops Autore del blog «L economia della trasparenza» http://vitolops.blog.ilsole24ore.com COME

Dettagli

Genworth Index: Misurazione della sicurezza e della vulnerabilità finanziaria dei consumatori

Genworth Index: Misurazione della sicurezza e della vulnerabilità finanziaria dei consumatori Marzo 2013 I Quinta edizione Genworth Index: Misurazione della sicurezza e della vulnerabilità finanziaria dei consumatori GF90336 05/11 i I Genworth Index: Misurazione della sicurezza e della vulnerabilità

Dettagli

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità.

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Le organizzazioni affiliate alla FETBB sono ben consapevoli delle sfide presenti e future per riuscire ad attuare

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

Il Renminbi : diventerà quanto prima valuta di riserva?

Il Renminbi : diventerà quanto prima valuta di riserva? Il Renminbi : diventerà quanto prima valuta di riserva? Oggi vi riporto la domanda che mi viene fatta in continuazione: quando succederà che il renminbi cinese (RMB) sostituirà il dollaro come principale

Dettagli

2010 = piano di salvataggio di 110 miliardi di euro. Memorandum of Economic and Financial Policies e Memorandum of Undestranding of Specific Economic

2010 = piano di salvataggio di 110 miliardi di euro. Memorandum of Economic and Financial Policies e Memorandum of Undestranding of Specific Economic GRECIA Primo programma di assistenza finanziaria 2010 = 110 miliardi di euro. Secondo programma 2012 = 130 miliardi di euro. Terzo programma 2015 = 86 miliardi di euro del fondo salva Stati. Prestito ottenuto

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma

Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma Febbraio 2012 Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma PARTE 1: RIFORME DI IERI E PROBLEMI DI OGGI di Stefano Caria e Paolo Lucchino In questi giorni si parla molto di riforma del

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 (ECO) ###Crisi: Cfa, a febbraio piu' ottimismo, +39,4 pt Italy Sentiment Index (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 02 feb - Cresce l'ottimismo per il futuro dell'economia

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per l'occupazione e gli affari sociali 15.4.2015 2014/2236(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sull'imprenditoria sociale e l'innovazione sociale nella lotta alla disoccupazione

Dettagli

Il modello sociale europeo, l'integrazione europea e la crisi: la tempesta perfetta?

Il modello sociale europeo, l'integrazione europea e la crisi: la tempesta perfetta? Il modello sociale europeo, l'integrazione europea e la crisi: la tempesta perfetta? David Natali Università di Bologna david.natali@unibo.it Il punto di partenza «The European Social Model has already

Dettagli

Norme comuni per un'imposta sulle transazioni finanziarie domande frequenti (Si veda anche IP/11/1085)

Norme comuni per un'imposta sulle transazioni finanziarie domande frequenti (Si veda anche IP/11/1085) MEMO/11/640 Bruxelles, 28 settembre 2011 Norme comuni per un'imposta sulle transazioni finanziarie domande frequenti (Si veda anche IP/11/1085) 1. Contesto generale Perché la Commissione ha proposto una

Dettagli

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

SISTEMA PREVIDENZIALE PER LA VECCHIAIA Scheda di lavoro

SISTEMA PREVIDENZIALE PER LA VECCHIAIA Scheda di lavoro Esercizio 1: Domande di controllo sul testo. a. A che età le persone attive sono obbligate a versare i contributi AVS? b. A che età i giovani che NON svolgono alcuna attività professionale devono pagare

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

3URSRVWD GL GLUHWWLYD VXOOH SHQVLRQL D]LHQGDOL H SURIHVVLRQDOL'RPDQGHULFRUUHQWL (vedi anche IP/00/1141)

3URSRVWD GL GLUHWWLYD VXOOH SHQVLRQL D]LHQGDOL H SURIHVVLRQDOL'RPDQGHULFRUUHQWL (vedi anche IP/00/1141) 0(02 Bruxelles, 11 ottobre 2000 3URSRVWD GL GLUHWWLYD VXOOH SHQVLRQL D]LHQGDOL H SURIHVVLRQDOL'RPDQGHULFRUUHQWL (vedi anche IP/00/1141) /DSURSRVWDGLGLUHWWLYDLPSRQHDJOL6WDWLPHPEULGLRUJDQL]]DUHLOORUR VLVWHPDSHQVLRQLVWLFRLQXQFHUWRPRGR"

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli