Regione Lombardia e l Europa Quadro istituzionale e Trattato di Lisbona. Regione Lombardia - Delegazione di Bruxelles

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Lombardia e l Europa Quadro istituzionale e Trattato di Lisbona. Regione Lombardia - Delegazione di Bruxelles"

Transcript

1 Regione Lombardia e l Europa Quadro istituzionale e Trattato di Lisbona

2 Unione Europea in sintesi 2

3 1952 Comunità europea del carbone e dell acciaio 1958 Trattati di Roma: Comunità economica europea Comunità europea dell energia atomica (EURATOM) 2007 Firma del trattato di Lisbona 1987 Atto unico europeo: nasce il Mercato unico 2003 Trattato di Nizza 1999 Trattato di Amsterdam 1992 Trattato sull Unione europea Maastricht 3

4 Unione Europea in sintesi Il 9 maggio 1950 la dichiarazione Schuman propone la creazione di una Comunità europea del carbone e dell'acciao (CECA), che si concretizza con il trattato di Parigi del 18 aprile Con il trattato di Roma del 25 marzo 1957 i sei Stati membri decidono di dar vita a una Comunità economica europea (CEE) L Unione europea (UE) è stata istituita dal trattato sull'unione Europea (Maastricht, 1992). L UE è un progetto politico nella misura in cui l'unione ha il compito «di organizzare in modo coerente e solidale le relazioni tra gli Stati membri e tra i loro popoli» (articolo 1 del trattato sull'unione europea). 4

5 Le istituzioni dell UE Consiglio europeo (vertice) Parlamento europeo Consiglio dei ministri (Consiglio dell UE) Commissione europea Corte di giustizia Corte dei conti Comitato economico e sociale Comitato delle regioni Banca europea per gli investimenti Agenzie Banca centrale europea 5

6 Unione Europea in sintesi La Commissione Europea è un istituzione cardine del sistema comunitario. La Commissione gode di un autonomia politica totale. Agisce nel solo interesse generale dell'unione e non riceve istruzioni da nessun governo o organismo degli Stati Membri. Custode dei trattati, vigila sull esecuzione dei regolamenti e delle direttive adottate dal Consiglio. La Commissione ha il monopolio dell iniziativa legislativa. Il Parlamento Europeo è l assemblea rappresentativa di tutti i cittadini dei paesi membri dell'unione e partecipa, nella sua qualità di organo eletto, al processo legislativo. Dal 1979, ogni cinque anni i deputati europei sono eletti a suffragio universale diretto. Il Consiglio dell'unione Europea è l'istituzione decisionale principale dell'unione. E presieduto a turno da ciascuno Stato Membro per un semestre, secondo un ordine prestabilito. Esso riunisce i ministri dei Paesi Membri per competenze (Ecofin, Esteri. Ambiente, ecc) 6

7 Il processo legislativo nell UE Cittadini, gruppi d interesse, esperti: dibattito e consultazione Commissione: prepara una proposta formale Parlamento e Consiglio dei ministri: decidono insieme Autorità nazionali o locali: attuazione Commissione e Corte di giustizia: controllano l attuazione 7

8 Unione Europea in sintesi REGOLAMENTO -Definisce ed aggiorna tutte le regole previste in ciascuna attività che viene svolta: - dalle Istituzione UE (verso l esterno) all interno delle Istituzioni UE DECISIONE - Atto giuridico comunitario di Consiglio, Parlamento e Commissione DIRETTIVA - Atto giuridico/norma comunitaria, - Relativa ad una specifica tematica/politica UE - Relativa ad una specifica tematica UE - Applicazione obbligatoria per i soli soggetti destinatari (SM, persone giuridiche/fisiche) - Vincolante per tutti gli SM, che ne devono scegliere il metodo di trasposizione-adozione nel proprio Ordinamento 8

9 Unione Europea in sintesi Trattato di Lisbona Il Trattato rappresenta il nuovo testo costituzionale europeo. 13 dicembre 2007: firma del Trattato dai 27 Paesi Membri. 13 novembre 2009 : deposito a Roma degli strumenti di ratifica della Repubblica ceca. 19 novembre 2009: Consiglio informale straordinario designa i titolari dei due posti al vertice dell'ue istituiti dal Trattato: il Presidente del Consiglio europeo HERMAN VAN ROMPUY e l'alto Rappresentante dell'unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza CATHERINE ASHTON. Il trattato entra in vigore il 1 dicembre

10 Unione Europea in sintesi Trattato di Lisbona Il Trattato rappresenta il nuovo testo costituzionale europeo. E stato firmato dai 27 Paesi Membri il 13 dicembre Nuove regole per il funzionamento dell'ue27: PERSONALITA' GIURIDICA - l'ue avrà una propria personalità giuridica e potrà firmare i Trattati internazionali. PRESIDENZA UE - Creata la figura del Presidente dei 27 in carica per una durata di 2 anni e mezzo. Il Presidente UE rappresenterà l'unione nelle sedi internazionali e preparerà i vertici. ESTERI - Nasce la figura dell'"alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza" coi ruoli oggi coperti dall'alto rappresentante per la politica comune estera e di sicurezza e dal Responsabile delle relazioni esterne della Commissione Europea. Sarà anche vicepresidente della Commissione UE. 10

11 Unione Europea in sintesi Il Trattato di Lisbona renderà l Unione europea: più efficiente più democratica più trasparente più unita sulla scena mondiale più sicura Procedure più semplici, presidente del Consiglio a tempo pieno, ecc. Un più forte ruolo del Parlamento europeo e dei parlamenti nazionali, iniziativa dei cittadini, Carta dei diritti fondamentali, ecc. Vengono chiarite le competenze, migliora l accesso del pubblico ai documenti e alle riunioni, ecc. Alto rappresentante per la politica estera Nuove possibilità di lotta al cambiamento climatico e al terrorismo, sicurezza dell approvvigionamento energetico, ecc. 11

12 SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ Articolo 5 I progetti di atti legislativi sono motivati con riguardo ai principi di sussidiarietà e di proporzionalità. Ogni progetto di atto legislativo dovrebbe essere accompagnato da una scheda contenente elementi circostanziati che consentano di valutare il rispetto dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità. Tale scheda dovrebbe fornire elementi che consentano di valutarne l'impatto finanziario e le conseguenze, quando si tratta di una direttiva, sulla regolamentazione che sarà attuata dagli Stati membri, ivi compresa, se del caso, la legislazione regionale. Le ragioni che hanno portato a concludere che un obiettivo dell'unione può essere conseguito meglio a livello di quest'ultima sono confortate da indicatori qualitativi e, ove possibile, quantitativi. I progetti di atti legislativi tengono conto della necessità che gli oneri, siano essi finanziari o amministrativi, che ricadono sull'unione, sui governi nazionali, sugli enti regionali o locali, sugli operatori economici e sui cittadini siano il meno gravosi possibile e commisurati all'obiettivo da conseguire. 12

13 LIBRO BIANCO DEL COMITATO DELLE REGIONI SULLA GOVERNANCE MULTILIVELLO 80a sessione plenaria 17 e 18 giugno 2009 Il COMITATO DELLE REGIONI intende per governance multilivello un'azione coordinata dell'unione, degli Stati membri e degli enti regionali e locali fondata sul partenariato e volta a definire e attuare le politiche dell'ue. Tale modalità di governance implica la responsabilità condivisa dei diversi livelli di potere interessati, e si basa su tutte le fonti della legittimità democratica e sulla rappresentatività dei diversi attori coinvolti, raccomanda che qualsiasi riforma strategica comunitaria di rilievo sia accompagnata da un piano d'azione territoriale concordato tra la Commissione europea e il Comitato delle regioni, che preveda meccanismi politici idonei a facilitare l'appropriazione, la realizzazione e la valutazione delle politiche attuate, nonché un piano di comunicazione decentrato, raccomanda di rafforzare la pratica del partenariato sia in senso verticale ("enti regionali e locali - governo nazionale e Unione europea") sia in senso orizzontale ("enti regionali e locali - società civile"), in particolare nel quadro del dialogo sociale, si impegna a presentare proposte per sostenere il ricorso alla sperimentazione a livello regionale e locale in determinati settori di intervento dell'unione europea, quali la strategia per la crescita e l'occupazione, l'agenda sociale, la politica di integrazione, la politica a favore dell'innovazione, la politica di coesione, lo sviluppo sostenibile o la protezione civile, raccomanda di concludere "patti territoriali europei", che consentano di associare su base volontaria i diversi livelli di governo competenti, al fine di apportare gli adeguamenti necessari alla realizzazione dei grandi obiettivi e delle priorità politiche dell'unione europea in partenariato con gli enti regionali.. 13

14 14 Fine della presentazione

Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei.

Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei. Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei. Quali sono i suoi obiettivi? Pace, prosperità e libertà per i suoi 495 milioni di cittadini

Dettagli

Trattato di Maastricht.

Trattato di Maastricht. Trattato di Maastricht. Il trattato sull'unione segna una nuova tappa nell'integrazione europea poiché consente di avviare l'integrazione politica. L'Unione europea da esso creata comporta tre pilastri:

Dettagli

Comunità europea. Le Comunità europee. La Comunità economica europea. Comunità europea - Wikipedia. Unione europea

Comunità europea. Le Comunità europee. La Comunità economica europea. Comunità europea - Wikipedia. Unione europea Pagina 1 di 6 Comunità europea Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. La Comunità europea costituisce il "Primo pilastro" dell'unione europea. La Comunità europea, la più importante delle Comunità europee,

Dettagli

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Giugno 2015 Contenuto 1. Grandi linee 2. Funzionamento 3. Trattati 4. Organi e istituzioni European Union,

Dettagli

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello 6. Istituzioni dell'unione europea La Corte dei conti dell'ue e la Banca europea degli investimenti

Dettagli

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi Stati membri dell Unione europea Paesi candidati I fondatori Idee nuove per un lungo periodo di pace e prosperità Konrad Adenauer Alcide De Gasperi Winston

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

LE POL ITIC HE DELL'UNIONE E U ROPEA. Come funziona l Unione. europea. Guida del cittadino alle istituzioni dell'ue.

LE POL ITIC HE DELL'UNIONE E U ROPEA. Come funziona l Unione. europea. Guida del cittadino alle istituzioni dell'ue. LE POL ITIC HE DELL'UNIONE E U ROPEA Come funziona l Unione Guida del cittadino alle istituzioni dell'ue europea Unione europea LE POLITICHE DELL'UNIONE EUROPEA La presente pubblicazione fa parte di una

Dettagli

Glossario dell Unione europea

Glossario dell Unione europea Glossario dell Unione europea Fonte: www.europa.eu Realizzazione e aggiornamenti a cura di: Giulia Vassallo 'Acquis' comunitario L "acquis comunitario" corrisponde alla piattaforma comune di diritti ed

Dettagli

Opportunità di tirocinio e di lavoro. Eleonora Archetti / Tania Laikauf

Opportunità di tirocinio e di lavoro. Eleonora Archetti / Tania Laikauf Opportunità di tirocinio e di lavoro Unione europea Trattati, Istituzioni, storia dell'integrazione europea EVOLUZIONE 1951/52 1957/58 1965/67 1986/87 1992/93 1997/99 2001/03 2007/09 Comunità europea del

Dettagli

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014 Silvia Volpi Argomenti Cenni sul Consiglio d'europa e suoi organi La Corte Europea dei diritti umani Cenni

Dettagli

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ LE ALTE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di garantire che le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

Dettagli

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. Come funziona l Unione. europea. Guida del cittadino alle istituzioni dell UE. Unione europea

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. Come funziona l Unione. europea. Guida del cittadino alle istituzioni dell UE. Unione europea LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Come funziona l Unione Guida del cittadino alle istituzioni dell UE europea Unione europea LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Questa pubblicazione fa parte di una serie che

Dettagli

IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA

IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DALLA RIFORMA DI LISBONA PROF.SSA MARIA TERESA STILE Indice 1 IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA ------------------------------------------ 3 2 INTEGRAZIONE EUROPEA

Dettagli

La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche.

La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche. La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche Barbara Sardella Premessa Gli aspetti procedurali La Regione Marche è stata tra le prime

Dettagli

Capitolo IV. Esercizi

Capitolo IV. Esercizi Capitolo IV. Esercizi 1) L'Unione europea nacquea seguito: a. del Trattato di Roma b. del Trattato di Maastricht c. dell'atto unico europeo 2) La prima Comunità europea venne istituitanel: a. 1957 b. 1949

Dettagli

Relazione annuale sulla partecipazione dell Italia all Unione Europea 2009. (art. 15, legge 4 febbraio 2005, n. 11)

Relazione annuale sulla partecipazione dell Italia all Unione Europea 2009. (art. 15, legge 4 febbraio 2005, n. 11) Relazione annuale sulla partecipazione dell Italia all Unione Europea 2009 (art. 15, legge 4 febbraio 2005, n. 11) Indice INDICE PREMESSA L Unione europea e l Italia PARTE PRIMA Processo di integrazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

I PRINCIPALI ATTI NORMATIVI E DI INDIRIZZO DELL UNIONE EUROPEA DI INTERESSE REGIONALE (aggiornamento alla data del 28 febbraio 2013)

I PRINCIPALI ATTI NORMATIVI E DI INDIRIZZO DELL UNIONE EUROPEA DI INTERESSE REGIONALE (aggiornamento alla data del 28 febbraio 2013) I PRINCIPALI ATTI NORMATIVI E DI INDIRIZZO DELL UNIONE EUROPEA DI INTERESSE REGIONALE (aggiornamento alla data del 28 febbraio 2013) PANORAMA (breve focus su alcune di particolare interesse per le regioni)

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

GUIDA AL TRATTATO DI LISBONA

GUIDA AL TRATTATO DI LISBONA GUIDA AL TRATTATO DI LISBONA SOMMARIO INTRODUZIONE....................................... 1 UN UNIONE PER IL VENTUNESIMO SECOLO............... 2 PRINCIPALI DISPOSIZIONI DEL TRATTATO DI LISBONA...... 4

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE

LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE A cura di Amedeo Di Filippo Dirigente del Comune di Perugia 1) MODELLO ORGANIZZATIVO 2) PROGRAMMAZIONE SOCIALE 3)

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione un po di storia le istituzioni e gli organi dell UE alcune informazioni di base sui paesi membri PAUE 05/06 I / 1 Cronologia dell Unione Europea 1951

Dettagli

' (# ) ' (# (#* ' + ',

' (# ) ' (# (#* ' + ', #$% #$% $& : ' (# ) ' (# (#* ' + ', & # -.#% $ #/ 0 * # # %. #$ #%.1 $$%0 #% 2 0(Jean Monnet 1888-1979) Robert Schuman, ministro degli esteri francese propone, in un discorso ispirato da Jean Monnet, la

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Il ruolo dei Parlamenti nazionali in materia di libertà, sicurezza e giustizia e in materia di adesione

Dettagli

Storia dell integrazione europea Prof. Marco Baldassari Collegio Europeo di Parma Le prime spinte europeistiche Movimento paneuropeo (Coudenhove- Kalergi), Aristide Briand, Gustav Stresemann Federalisti

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1031/2010 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 19 del mese di Luglio dell' anno 2010 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2006 COM(2006) 316 definitivo LIBRO VERDE sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea (presentata dalla Commissione)

Dettagli

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO VISTA la legge. 24 dicembre 2012 n. 234, recante norme generali sulla partecipazione dell'italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'unione

Dettagli

Documentazione e ricerche. L attività delle Commissioni nella XV legislatura. Commissione Politiche dell Unione europea. n. 1/14 parte seconda

Documentazione e ricerche. L attività delle Commissioni nella XV legislatura. Commissione Politiche dell Unione europea. n. 1/14 parte seconda Documentazione e ricerche L attività delle Commissioni nella XV legislatura Commissione Politiche dell Unione europea n. 1/14 parte seconda Maggio 2008 Camera dei deputati XVI LEGISLATURA SERVIZIO STUDI

Dettagli

1. I TRATTATI DI PARIGI E DI ROMA

1. I TRATTATI DI PARIGI E DI ROMA 1. I TRATTATI DI PARIGI E DI ROMA 1.1 I TRATTATI DI PARIGI E DI ROMA Nel secondo dopoguerra il problema di un riassetto pacifico del continente europeo si colloca al centro del dibattito politico di tutti

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. sull'eventuale trasferimento della sede della ICCO da Londra ad Abidjan

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. sull'eventuale trasferimento della sede della ICCO da Londra ad Abidjan COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.8.2015 COM(2015) 410 final 2015/0183 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO sull'eventuale trasferimento della sede della ICCO da Londra ad Abidjan IT IT 1. CONTESTO

Dettagli

KA-60-04-806-IT-C. Una costituzione. Comunità europee Indirizzo: B-1049 Bruxelles (Belgique) Roma 29.10.2004

KA-60-04-806-IT-C. Una costituzione. Comunità europee Indirizzo: B-1049 Bruxelles (Belgique) Roma 29.10.2004 IT 25 Stati membri Paesi candidati KA-60-04-806-IT-C Una costituzione p e r l E u ro p a Comunità europee Indirizzo: B-1049 Bruxelles (Belgique) Roma 29.10.2004 U NIONE EUROPEA Il cammino verso la costituzione

Dettagli

IL NUOVO TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA (TUE)

IL NUOVO TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA (TUE) LE MODIFICHE DEL TRATTATO DI LISBONA AL SISTEMA UE PROF.SSA MARIA TERESA STILE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini

Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini Riconoscimento delle qualifiche professionali comunitarie e non comunitarie Stefania Napoleoni Franca Mancini MINISTERO della GIUSTIZIA Via Arenula, 70 00186 Roma Ufficio III Reparto II Libere professioni

Dettagli

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale

Unione Europea. il FUTURO nella RETE. Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA. Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Unione Europea Rete Rurale Nazionale 2007.2013 - ITALIA Rete di reti nel Network Europeo per lo Sviluppo Rurale Indice Pag. 3 La politica di sviluppo rurale 2007.2013 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8

Dettagli

Il primo anno di attuazione del Trattato di Lisbona.

Il primo anno di attuazione del Trattato di Lisbona. Il primo anno di attuazione del Trattato di Lisbona. Le due principali innovazioni. Nell autunno del 2009, ratificato finalmente il Trattato di Lisbona, ci si interrogava soprattutto sul come sarebbe stato

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per gli affari esteri 16.2.2015 2014/2232(INI) PROGETTO DI RELAZIONE su "Diritti umani e tecnologia: impatto dei sistemi di sorveglianza e di individuazione delle

Dettagli

LA POLITICA DELL'UNIONE IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE E DI ASILO

LA POLITICA DELL'UNIONE IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE E DI ASILO LA POLITICA DELL'UNIONE IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE E DI ASILO Che cosa si intende quando si parla di immigrazione nell'ordinamento dell'unione? L'UE tratta i problemi legati all'immigrazione nel quadro

Dettagli

IL DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA (*) LUCIO CAMALDO, dottore di ricerca in Diritto processuale penale comparato, avvocato in Milano.

IL DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA (*)<inota> LUCIO CAMALDO, dottore di ricerca in Diritto processuale penale comparato, avvocato in Milano. IL DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA (*) LUCIO CAMALDO, dottore di ricerca in Diritto processuale penale comparato, avvocato in Milano.] Per facilitare la lettura dei contributi pubblicati in questa Sezione

Dettagli

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana.

Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Le proposte del CINI per la Riforma della cooperazione allo sviluppo italiana. Premessa Con il presente documento, le Organizzazioni aderenti al CINI Coordinamento Italiano Network Internazionali - desiderano

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE Commissione per gli affari politici 31.7.2014 PROGETTO DI RELAZIONE sulla sfida della riconciliazione nazionale nei paesi in situazione di postconflitto e di post-crisi

Dettagli

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO Le istituzioni politiche dell Unione europea Le funzioni delle istituzioni politiche Riflettono il loro carattere rappresentativo delle istanze che coesistono nell UE Il centro nevralgico dell Unione europea

Dettagli

AFRICA BASE GIURIDICA ACCORDO DI COTONOU

AFRICA BASE GIURIDICA ACCORDO DI COTONOU AFRICA Le relazioni UE-Africa sono governate da quadri strategici parzialmente sovrapposti. I più importanti sono l'accordo di Cotonou (2000) e la strategia congiunta Africa-UE, entrambi contenenti una

Dettagli

Introduzione e contesto generale

Introduzione e contesto generale Introduzione e contesto generale Il Trattato di Lisbona è entrato in vigore il 1 dicembre 2009. L apertura verso un coinvolgimento significativo delle realtà regionali e locali nelle dinamiche decisionali

Dettagli

Elezioni europee 2014. Sapere è votare

Elezioni europee 2014. Sapere è votare Elezioni europee 2014 Sapere è votare Guida pratica all appuntamento del 22-25 maggio 2014 Elezioni europee 2014 Sapere è votare Guida pratica all appuntamento del 22-25 maggio 2014 Europarlamento24 EPeople

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Convegno PRIN. Parlamenti sub-statali nella dimensione nazionale ed europea. Camera dei deputati. Roma, 29 gennaio 2015

Convegno PRIN. Parlamenti sub-statali nella dimensione nazionale ed europea. Camera dei deputati. Roma, 29 gennaio 2015 Convegno PRIN Parlamenti sub-statali nella dimensione nazionale ed europea Camera dei deputati Roma, 29 gennaio 2015 UN CASO PRATICO DI PARTECIPAZIONE REGIONALE AI PROCESSI DECISIONALI DELL UE: L ASSEMBLEA

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore UN VERO E PROPRIO CIVIL ACT: GLI OBIETTIVI Per realizzare il cambiamento economico, sociale, culturale, istituzionale di cui il Paese ha bisogno, è necessario

Dettagli

Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona

Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona Il trattato di Lisbona parte II La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona La nuova politica estera e di sicurezza Tra le politiche europee la politica estera e di sicurezza

Dettagli

L impatto potenziale di queste norme sugli ordinamenti regionali mette in luce alcune questioni prioritarie su cui avviare una riflessione.

L impatto potenziale di queste norme sugli ordinamenti regionali mette in luce alcune questioni prioritarie su cui avviare una riflessione. 1.3. Le novità per gli ordinamenti regionali*. Intervento di Cecilia Odone 1. CINSEDO Atti del Ciclo di Seminari specialistici sulle politiche europee 2013-2014 Il presente intervento ha l obiettivo di

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

LINGUE Italiano - Madrelingua. Inglese Livello C1.

LINGUE Italiano - Madrelingua. Inglese Livello C1. CECILIA ODONE 00143 Roma via Laurentina n. 563 41013 Castelfranco Emilia (Modena) - via Galileo Galilei n. 35 mob.: +39 333 4210469 e-mail: odone@europeanlaw.it p.iva: 03080620366 Dati personali Nazionalità

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Il ruolo dell'unione Europea tra la crisi economica attuale e le prospettive future

Il ruolo dell'unione Europea tra la crisi economica attuale e le prospettive future Il ruolo dell'unione Europea tra la crisi economica attuale e le prospettive future Introduzione La crisi economica e finanziaria internazionale ha coinvolto tutti i Paesi dell'unione europea con ripercussioni

Dettagli

CONFERENZA DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE REGIONALI D EUROPA (CALRE) DICHIARAZIONE DELL AQUILA

CONFERENZA DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE REGIONALI D EUROPA (CALRE) DICHIARAZIONE DELL AQUILA CONFERENZA DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE REGIONALI D EUROPA (CALRE) DICHIARAZIONE DELL AQUILA L Aquila, 25-26 Novembre 2011 1 I Presidenti delle Assemblee legislative Regionali dell Unione Europea qui elencate:

Dettagli

Glossario della Cittadinanza europea

Glossario della Cittadinanza europea Glossario della Cittadinanza europea Indice Carta dei diritti fondamentali Cittadinanza dell'unione Convenzione europea dei diritti dell'uomo Deficit democratico Diritti umani Diritto d'iniziativa Diritto

Dettagli

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue ACCADE AL PE n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue SETTIMANA DAL 14 AL 18 GIUGNO Questa settimana hanno inviato i propri contributi: Anita, Assica

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA

RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA L'UE e i suoi partner nordamericani, Stati Uniti d'america e, condividono i valori comuni di democrazia, diritti umani e libertà economica e politica, e hanno interessi

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

III.2 Condizioni finanziarie e contrattuali specifiche relative al finanziamento di progetti

III.2 Condizioni finanziarie e contrattuali specifiche relative al finanziamento di progetti RETTIFICA della guida al programma "Europa per i cittadini" CAPITOLO I INTRODUZIONE I.4 Temi prioritari del Programma "Europa per i cittadini" I temi permanenti (pagina 6-8) sono sostituiti da: Priorità

Dettagli

ISTITUZIONI, ORGANI CONSULTIVI E ORGANI FINANZIARI DELL UNIONE EUROPEA

ISTITUZIONI, ORGANI CONSULTIVI E ORGANI FINANZIARI DELL UNIONE EUROPEA 15 15 Giugno 2010 ISTITUZIONI, ORGANI CONSULTIVI E ORGANI FINANZIARI DELL UNIONE EUROPEA Direzione Segreteria dell Assemblea Regionale Adriana Direzione Garabello Segreteria dell Assemblea Regionale Adriana

Dettagli

Il Bilancio Partecipativo come pratica di buon governo: l esperienza di Porto Alegre

Il Bilancio Partecipativo come pratica di buon governo: l esperienza di Porto Alegre Master in Sviluppo Locale e Qualità sociale Il Bilancio Partecipativo come pratica di buon governo: l esperienza di Porto Alegre Bilancio partecipativo prende forma in dispositivi istituzionali concreti

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento Erasmus + 2014-2020 Azioni: Prevede tre tipi di azioni fondamentali: La mobilità individuale ai fini di apprendimento: la mobilità rappresenta una quota significativa del bilancio complessivo. Tale incremento,

Dettagli

Le Istituzioni dell UE

Le Istituzioni dell UE Le Istituzioni dell UE Il Parlamento europeo 754 Membri del Parlamento Potere legislativo condiviso con il Consiglio Potere di bilancio condiviso con il Consiglio Potere di controllo politico Il Consiglio

Dettagli

ECLIPSE: TEST DELLE CONOSCENZE (post) Marzo 2014

ECLIPSE: TEST DELLE CONOSCENZE (post) Marzo 2014 ECLIPSE: TEST DELLE CONOSCENZE (post) Marzo 2014 Età Sesso M F Classe In questo test ti chiediamo di indicare con una X la risposta che secondo te è corretta (solo una) a) Responsabilità e diritti umani

Dettagli

LE TAPPE DELL INTEGRAZIONE EUROPEA - CRONOLOGIA.

LE TAPPE DELL INTEGRAZIONE EUROPEA - CRONOLOGIA. LE TAPPE DELL INTEGRAZIONE EUROPEA - CRONOLOGIA. DATA AVVENIMENTO CONSEGUENZE 1945 Fine della seconda guerra mondiale Bipolarismo USA - URSS Giugno 1947 Discorso di Marshall all Università di Harvard Lancio

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Opportunità di tirocinio e di lavoro. Eleonora Archetti / Tania Laikauf

Opportunità di tirocinio e di lavoro. Eleonora Archetti / Tania Laikauf Opportunità di tirocinio e di lavoro Unione europea Trattati, Istituzioni, storia dell'integrazione europea EVOLUZIONE 1951/52 1957/58 1965/67 1986/87 1992/93 1997/99 2001/03 2007/09 Comunità europea del

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

UNIONE EUROPEA - DIZIONARIO

UNIONE EUROPEA - DIZIONARIO UNIONE EUROPEA - DIZIONARIO Amalto Cristina, Bargiggia Federico, Pagani Carolina, Spreafico Daniele, Ronchi Davide, Rubino Gianluca, Triscornia Emma, Zara Francesco ATTO NORMATIVO: In diritto un atto normativo

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 9.1.2004 L 5/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 20/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 dicembre 2003 che stabilisce un quadro generale

Dettagli

L Europa è comunicazione? Forme e strutture della comunicazione del Parlamento europeo

L Europa è comunicazione? Forme e strutture della comunicazione del Parlamento europeo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE L Europa è comunicazione? Forme e strutture della comunicazione del Parlamento europeo Tesi

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Il sistema regionale europeo di protezione dei diritti umani: l Unione europea

Il sistema regionale europeo di protezione dei diritti umani: l Unione europea Il sistema regionale europeo di protezione dei diritti umani: l Unione europea lezione del 2 novembre 2015 Unione europea e diritti umani: gli esordi La versione originaria dei trattati istitutivi delle

Dettagli

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015 Famiglie e welfare comunitario Stefania Mazza 11 febbraio 2015 LE COMPETENZE A) Analizzare I bisogni B) Creare C) Progettare D) Realizzare E) Valutare IL FARE QUALE SENSO DELLA PROGETTAZIONE Che cosa ci

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI PROGETTO EU.TEACH CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO

UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI PROGETTO EU.TEACH CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI PROGETTO EU.TEACH CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO Come insegnare l integrazione europea a scuola: diritti, libertà economiche, governo multilivello Lifelong

Dettagli

Il processo di integrazione europea e le istituzioni europee Lezione 9

Il processo di integrazione europea e le istituzioni europee Lezione 9 Il processo di integrazione europea e le istituzioni europee Lezione 9 Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La guerra e l Europa L impressione e l orrore

Dettagli

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione;

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, recante disciplina dell attività di Governo e ordinamento

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli