XIII. SORRIDERE PER PENSARE QUANDO ENTRA MR. BEAN IN UN AMBULATORIO DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XIII. SORRIDERE PER PENSARE QUANDO ENTRA MR. BEAN IN UN AMBULATORIO DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE"

Transcript

1 XIII. SORRIDERE PER PENSARE QUANDO ENTRA MR. BEAN IN UN AMBULATORIO DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Roberto Miletto 1, Maria Rosa Fucci 2, Laura Ulisse 3 L'immagine si trova all'indirizzo tomsblog.it/.../mr-bean-mr-bean _598_328/ 1 u.o.npi ASL Roma H, distretto di Pomezia neuropsichiatra infantile, 2 psicologa psicoterapeuta 3 terapista della riabilitazione

2 INTRODUZIONE In questi anni, ed i riferimenti bibliografici del nostro gruppo di ricerca (a cui si rimanda) ci dicono che non sono certo pochi, l unità operativa di neuropsichiatria infantile ha proposto ambulatorialmente a Pomezia diversi materiali umoristici per scopi riabilitativi. Lo si potrebbe pensare come un curare ridendo applicato al trattamento delle patologie dell apprendimento ma va subito chiarito che il divertimento è stato ed è per noi un mezzo e mai un fine di cura, dunque il ridere in se stesso non è il cuore dei nostri interventi terapeutici, quel che succede è invece un ridere insieme sempre per un pensare condiviso nel gruppo. Nei contributi che presentiamo in questo volume, dai cartoni animati alle vignette umoristiche degli altri capitoli, ai corti comici di questo, così come ad altri nostri contenuti descritti altrove (programmi informatici caricaturali, videogiochi, barzellette), il materiale di base è già strutturato da altri, gli aspetti più innovativi stanno nella metodologia di proposta. E quello che va sottolineato è riassumibile in pochi punti del nostro metodo di cura: ricerca dell appropriatezza del tipo di proposta, differenziata per tipologia clinica del gruppo di trattamento e per fascia di età; ricerca di efficacia nella scelta di un definito protocollo di lavoro, come risultato di ripetuti collaudi sul campo con relativi aggiustamenti progressivi; sistematica integrazione con alcuni principi del metodo di potenziamento cognitivo (vedi riferimenti a Feuerstein); attenzione alle dinamiche gruppali durante il lavoro riabilitativo. Tra i corti comici, che costituiscono il contenuto di questo capitolo, abbiamo impiegato degli sketch di Mr. Bean ed il loro uso si è rivelato particolarmente adatto per gli alunni di scuola primaria con un Disturbo di Apprendimento Non Specifico (DANS). MR. BEAN Mr. Bean è un personaggio comico interpretato dall'attore britannico Rowan Atkinson e creato da Atkinson stesso insieme ad altri autori. Nato come personaggio cabarettistico degli anni ottanta, dal gennaio 1990 Mr. Bean diventa protagonista di una serie televisiva che dura per anni, venduta in

3 oltre 200 paesi. Molti vedono nella mimica, nel linguaggio gutturale e ridotto all'osso di Mr. Bean un richiamo al regista ed attore francese Jacques Tati (soprattutto ne Le vacanze di Monsieur Hulot), con il quale condivide movenze e un umorismo di tipo slapstick, una comicità basata sul linguaggio del corpo. Fatto sta che Mr. Bean è come un ragazzone un po stupidotto, vestito sempre allo stesso modo, con un completo marrone che porta in ogni puntata, un'utilitaria un po ridicola, una Mini verde acido, e poi a completare un quadro già clinico, è legato ad un orsacchiotto di peluche, Teddy, che ha come amico. Nella versione italiana, Bean parla lo stesso in inglese anche se le sue battute sono molto limitate all'interno degli episodi, dunque dei corti comici sostanzialmente senza parole, da cinema muto. Tra le tante disavventure dello sventurato personaggio, ne abbiamo selezionate alcune nel nostro protocollo e qui riportiamo, molto in breve, una descrizione di due sketch. Nel primo, Mr. Bean è in strada e, avvertendo di avere un sassolino nella scarpa, si appoggia ad una macchina fermatasi al semaforo e, sfilata la scarpa, la poggia sul tetto dell autovettura: che ovviamente con il verde riparte con la scarpa sul tetto. Goffi e di vario risultato i tentativi che mette allora in atto per riparare il danno subito, dal cercare vanamente di acquistare nel negozio di calzature una scarpa spaiata (perché a lui, in effetti, manca una scarpa soltanto) fino al farsi quasi investire dalla macchina con la scarpa non appena la rivede passare: in tal modo il conducente inchioda e così il nostro recupera la scarpa sotto lo sguardo sbigottito dell autista. Nel secondo sketch, Mr. Bean si trova al supermercato e fa acquisti alla sua maniera disadattata (per decidere la misura della padella da comprare tira fuori dalla tasca interna della giacca, come unità di misura, il pesce da cucinare, tanto per dare un idea); si reca poi alla cassa per pagare con la carta di credito, e c è uno scambio di carte con altro cliente; il signore non si accorge della scambio e ripone la carta di credito di Mr. Bean nella tasca dei propri jeans; il nostro, con le sue modalità consuetamente disadattive, lo insegue cercando recuperi furtivi, fino a ritrovarsi incastrato dietro la tazza nella toilette dove il signore era andato a soddisfare suoi bisogni; da quella assurda posizione, va ancora al disperato recupero della carta, fintantoché il signore nel girarsi per prendere la carta igienica lo sorprende: lo sventurato per tutta risposta, con assoluto aplomb, gli offre come se nulla fosse il rotolo di carta igienica, lasciando l altro in grande, comprensibile sconcerto.

4 NOTE SUL SETTING Nella nostra esperienza ambulatoriale i gruppi sono contenuti sui 6-8 soggetti, abbiamo sperimentato i corti comici in momenti differenti dello sviluppo, dalla media latenza (terza classe di scuola primaria) all adolescenza, con incontri bisettimanali, ciascuno della durata di 90, per cicli brevi e a termine, di tre-quattro mesi. Ampia la stanza usata, e discretamente attrezzata con postazioni informatiche, tv, lettore cd, softwares vari e un grande tavolo di lavoro attorno al quale a circolo il gruppo può disporsi. Due i conduttori, una psicologa psicoterapeuta ed una terapista della riabilitazione, con la possibile presenza aggiuntiva di un operatore, osservatore non partecipe, incaricato delle riprese video. I corti sono selezionati per complessità, il primo sketch descritto, quello della scarpa, di buona immediatezza ed ambientato nel contesto unico della strada, è più adatto per lavorare con gruppi in età di latenza, l altro, quello della carta di credito è modello di un corto con situazioni più complicate che richiedono la discussione di gruppi più evoluti. Prima delle esposizioni al filmato, si deve sempre procedere alla fondazione del gruppo. Va considerato che si tratta quasi sempre di alunni che sono segnalati da scuole diverse per difficoltà negli apprendimenti, dunque è anche possibile che non si siano mai incontrati prima. Tenendo presente che il gruppo riabilitativo, diversamente da altri gruppi di tipo terapeutico, è di breve durata e a termine, non si può aspettare che si fondi da solo. Pertanto, i conduttori attivamente guidano la conoscenza dei singoli, facilitando le presentazioni, utilizzando anche un questionario-intervista da compilare, sul modello che segue: - come ti chiami? - quando è il tuo compleanno? - sai qual è il tuo segno zodiacale? - qual è il programma in tv che ti piace di più? - hai un hobby, una cosa che ti piace fare nel tempo libero? - in cosa pensi di essere bravo? - in cosa pensi di essere meno bravo? - sai se c è qualcosa di te che agli altri piace?

5 - sai perché sei qui? - cosa pensi faremo? E da osservare che il questionario solitamente, prima ancora che le istruzioni per la compilazione vengano date, suscita a corto circuito atteggiamenti e strategie inadeguate automatizzate, con ricerca dell evitamento del compito: ma che è?... na verifica? Eh, no, mica so bono a farla sta cosa! ma si può copiare o sti fogli so tutti diversi? Conduttore: Ma certo che si può copiare fin dalla prima domanda, che è come ti chiami?. E la tensione comincia a sciogliersi con una prima risata. A compilazione avvenuta, si legge nel gruppo l intervista di ciascuno, in modo da far circolare informazioni e crescere la conoscenza. Di solito, impresa ben difficile, perché non c è consuetudine all ascolto, e poi molti sono alunni in difficoltà anche solo all idea di proporsi e per di più proporsi come esseri pensanti. La mediazione dell adulto in questi casi deve essere particolarmente forte. La fondazione del gruppo richiede che il gruppo sia rappresentabile, dunque bisogna trovare un nome al gruppo: così si può pensarlo. E momento importante, di riflessione, con la circolazione di proposte e con la discussione relativa. Spontaneamente, i preadolescenti tendono a definirsi usando solitamente appellativi fortemente connotati nel senso dell onnipotenza ( gli intelligentoni, i fantastici, i campioni ), come a voler compensare quel senso di impotenza fallimentare sperimentato nei tanti insuccessi a scuola. Nei gruppi dei più piccoli, invece, si coglie più facilmente il senso di distanza generazionale che i bambini percepiscono tra loro e gli adulti, come nella proposta gli intoccabili, che uno di loro accompagna, come voce del gruppo, con una canzoncina che fa così: noi siamo gli intoccabili/ e voi ci avete rotto/ voi vi chiamate grandi/ e vi pisciate sotto!/ e con aggiunta intensificata e vi cagate sotto!. Trovando spazio di accoglienza (a scuola sarebbe stato più difficile ) proprio per indagare cosa degli adulti pensa questo gruppo; i conduttori, quindi, anziché censurarla, la fanno cantare e ricantare al gruppo, la

6 canticchiano anche loro insieme ai bambini, così accorciando la distanza generazionale e creando uno spazio d incontro condiviso. Un altra proposta utile per costruire il senso del gruppo unito è l istituire un cartellone murale con le presenze e le assenze di ciascun membro del gruppo, individuato da un nickname, un nome di battaglia spontaneamente scelto, così quando uno è assente può essere più facilmente tenuto nella mente del gruppo. Infine, per costituirsi come nucleo sociale, c è sempre la scrittura di un altro cartellone murale contenente le regole condivise, proposte dai membri stessi solo con una guida accogliente degli adulti (l unica imposizione è sempre NON FARSI MALE): si costituisce in tal modo un codice gruppale che garantisce lo stare bene insieme, fatto non solo di divieti ma anche di permessi. NOTE SUL PROTOCOLLO Dei corti noi ne facciamo un uso cognitivo e metacognitivo seguendo sempre le stesse tappe propositive, così sintetizzabili: a. visione collettiva del filmato. Il gruppo lo visiona almeno due volte, motivato ad una partecipazione per le esigenze di una narrazione da fare successivamente a chi non lo conosce; b. racconto collettivo del filmato. Ciascuno racconta e la narrazione è sempre frammentaria, il conduttore raccoglie i pezzi e li tiene insieme, per restituirli al gruppo in una struttura organizzata. Produzioni singole telegrafiche, specie nei gruppi dei più piccoli, spesso ben poco coerenti nell esplicitazione di nessi causali e temporali, una costruzione frasale ipersemplificata, con coordinate non sempre a senso compiuto; a volte ridono molto, fino alle lacrime, e il racconto ne risente, e non è chiaro se viene interrotto per ridere o perché non sanno cosa e come dire. Nei gruppi più grandi il racconto può stentare anche perché sono spinti a dare giudizi sprezzanti sul personaggio, e non ridono come i piccoli, si arrabbiano con il protagonista troppo imbranato; c. argomentazioni. Il conduttore accetta tutte le reazioni del gruppo, dal riso alla rabbia, e chiede sempre di spiegarne il perché. E un avvio guidato ad interpretare una realtà che dà emozioni, positive o negative che siano. E un passare da un uso descrittivo del linguaggio, una

7 narrazione che poggia su alcuni elementi situazionali, ad un più cognitivo uso di parole per dire ipotesi parziali sulle relazioni che intercorrono tra gli stimoli esterni ed il mondo interno; un mondo che si può insieme cominciare a riconoscerlo, a denominarlo, dunque a governarlo con la mente: primi passi nel percorso della metaconoscenza; d. intervento sulla motivazione. Per il prosieguo, il conduttore rinnova al gruppo il significato del loro stare insieme: ciascuno è stato scelto perché sia come un operatore del cinema e, dunque, ora si possono proporre nel gruppo tutti i correttivi allo sketch, di contenuto, di trama, che si vogliono apportare; e. segmentazione. Per le modifiche, c è bisogno di una percezione analitica più dettagliata, situazione per situazione e, pertanto, si racconta segmento dopo segmento; gli adulti usano il fermo immagine e fanno da impalcatura nell analisi percettiva con domande stimolo ordinate e graduate, mettono insieme le risposte riassumendole in un tutto a significato: proviamo a raccontare bene tutto ciò che si vede del luogo dove Mr. Bean si trova, ora diciamo tutto sulle sue caratteristiche fisiche, su, e quali azioni qui ha fatto, diciamole, ecco, e qual è il momento in cui avete prima riso (o vi ha fatto arrabbiare)? ; f. linguaggio che guida l analisi. Le parole diventano integratrici delle azioni ordinate in successione ed i soggetti scoprono che il linguaggio è pensiero, si pensa con le parole anche quando non si parla; g. integrazione degli elementi. Il conduttore stimola il gruppo a produrre una narrazione complessiva dello sketch, ora mettendo insieme i vari segmenti del racconto con il linguaggio che assume una connotazione evocativa, senza immagini di supporto; spesso è con sorpresa che il gruppo constata una modificata capacità di usare ora la narrazione. E interessante anche mettere a confronto la qualità delle narrazioni ora costruite con le analisi guidate rispetto a quella dei racconti spontanei iniziali ed il mediatore qui ha proprio il compito importante di far cogliere bene differenze di livello del pensiero narrativo tra le prime produzioni, in gruppo, e le ultime, già di gruppo, restituendo a ciascuno la conferma della propria personale trasformazione in atto; h. teoria della mente. Un passaggio significativo è la richiesta cognitiva/metacognitiva di prendere un ulteriore distanziamento dal proprio pensiero per pensare il pensiero dell altro: per ciascun segmento si chiede di costruire due diagrammi di flusso paralleli, sul primo si rappresentano i pensieri del protagonista, sul secondo quelli

8 corrispondenti dell altro, così da intercettare i momenti in cui nascono gli equivoci, le bizzarrie, le assurdità che fanno ridere; i. considerazione dei punti di vista. Si tratta di tenere in mente due diversi punti di vista che interagiscono fra loro, è esplicitare il pensiero interno dei due attori, nel contenitore sicuro del gruppo; è un confrontarsi nella comprensione degli stati interni, le credenze, i desideri, le emozioni dei personaggi; con il mediatore che facilita il percorso di pensare il pensiero dell altro: cosa sta pensando in quella situazione Mr.Bean?; ha un bisogno, desidera qualcosa?; che sensazione fisica sente?; che emozione sta provando?; e quello là che cosa ha capito di Mr. Bean? Etc. ; j. costruzione di diagrammi di flusso paralleli. Dalle considerazioni dei due punti di vista alla disposizione ordinata su due diagrammi, quello dei pensieri di Mr.Bean e quello dei pensieri dell altro personaggio: si costruisce così un analisi sempre più ampia ed approfondita; nel compilare con il pensiero gruppale questi diagrammi di flusso si possono ora apprezzare dei passaggi che prima risultavano di difficile comprensione a singoli membri del gruppo: per esemplificare, nel corto della scarpa, per molti nei gruppi dei piccoli, inizialmente, il conducente della vettura sembrava dispettoso ( Perché lui lo fa apposta a partire così Mr.Bean non può più riprendere la scarpa! ; Quello là è cattivo lo fa stancare, porello Mr.Bean! ; L autista vuole fargli sto scherzetto, eh ), avendo difficoltà a mettersi in un punto di vista diverso dal proprio; per lavorare su questa funzione cognitiva carente, il riabilitatore usa la drammatizzazione di singole scene, nel caso specifico in palestra utilizziamo una automobilina di plastica con tettuccio e si gioca insieme al gioco indovina che ti metto sul tettuccio! ; ad ogni giro si mette sul tettuccio un oggetto diverso (o anche nulla), che l autista di turno puntualmente non riesce ad indovinare; così si riesce a costruire un ragionamento analogico: se io che sto dentro all automobilina non lo so, allora neppure il conducente nel film lo sa! ; k. drammatizzazione con ripresa video. Il gruppo mette in scena una situazione del corto, ma lo fa con una recitazione di copione, mentre lo sketch è muto. Poi si assiste alla videoregistrazione, si commenta e l adulto raccoglie le osservazioni, le sintetizza ad uso costruttivo; talora si sono fatte anche più prove e sono poi stati confrontati in gruppo i diversi filmati, evidenziando somiglianze e differenze. l. Con alcuni gruppi, il percorso si è completato con un altro aspetto di

9 costruzione attiva, offerto dal vecchio programma 3D Movie Maker (Microsoft Kids, 1995), che fa proprio del gruppo il regista di un cortometraggio. Questo sviluppo del protocollo ci consente di riproporre qui una riflessione su un importante variabile per i nostri gruppi abilitativi: lo specifico momento evolutivo che stanno attraversando, perché fa differenza, ed è parecchia, se si ha a che fare con bambini oppure con ragazzi con DANS (Miletto&Fucci, 2009). Una differenza che merita particolare riflessione. NOTE SULLA CLINICA Riportiamo, a tal proposito, un esperienza ambulatoriale da noi già descritta anni fa (Miletto ed al., 2003), con due gruppi con DANS trattati nel contempo, l uno costituito da cinque bambini di scuola primaria in media latenza, l altro da quattro preadolescenti di scolarità media. Stesso il protocollo di cura, ma i risultati assai differenti per significato: per i più piccoli, si è realizzata una riabilitazione cognitiva/metacognitiva, è stato quasi un avvio di psicoterapia di gruppo per gli altri. La ragione principale di questa diversità sta nell uso di un materiale umoristico che é a valenza complessuale. La scelta di un personaggio stralunato come Mr. Bean é significativa: le sue condotte sono, diciamolo pure, già di interesse clinico, lui é un adulto certo ben poco cresciuto e tanto incapace; si ride o si sorride perciò sul suo essere in difficoltà e sulle figure da cretino che sempre fa. Ma proprio per questo non tutti riescono a divertirsi. Gli alunni con DANS di scolarità media, la cui carriera d insuccessi negli apprendimenti é più lunga e più pesante rispetto ai più piccoli, vivono anche la maggior fragilità del loro momento critico-evolutivo, la preadolescenza. Faticosa é per loro la costruzione di un identità, che é precaria e già danneggiata dalla scadente riuscita scolastica. Nell osservazione dei fallimenti del protagonista del filmato le spinte identificative trovano un fertile terreno: le vicissitudini ed i vissuti di Mr. Bean diventano dunque fortemente complessuali. Più che un problema di non sufficiente padronanza cognitiva (modello non l ho capita! ) in questa situazione umoristica non c é la padronanza dinamica, emotiva. Per preadolescenti in difficoltà grave a scuola questo é proprio quel parlare di corda in casa dell impiccato, come sostiene quello specialista in psicologia dell umorismo che é Giovannantonio Forabosco. Il filmato propone loro una regressione che non

10 é certo al servizio dell Io. Anzi, finisce per indebolire ancor di più quel Sé cognitivo già debole, spesso depresso. Vedere quel ragazzone che fa ridere tutti proprio per il suo essere così inadeguato nei vari contesti, finisce per assumere un effetto salienza sui nostri ragazzi: é mettere in rilievo un contenuto emozionale su cui c é ipersensibilità. Non può essere stimolo sintonico: ed infatti hanno presto rifiutato di continuare a lavorare su questo materiale umoristico, se limitato a Mr. Bean. I più piccoli, di scolarità primaria, non hanno mai trovato queste situazioni con Mr. Bean così complessuali, e di conseguenza si lavora solitamente bene sugli aspetti più cognitivi della padronanza. Interessanti le scelte delle denominazioni al gruppo richieste nell esperienza di cura qui riportata: i bambini si sono accordati sul potente Gli Intoccabili, mentre i ragazzi si sono definiti Gli intelligentoni, una parola che ha in sé dell ambivalenza e mostra la loro chiara preoccupazione sulla valutazione ed un opinione sull autoefficacia personale. Con il programma 3D Movie Maker si cerca di ricostruire al computer, insieme ed in modo divertito, il corto originale. Qui proponiamo materiale tratto dal lavoro ambulatoriale con lo sketch della scarpa perduta. Il gruppo degli Intoccabili ha cercato al computer di riprodurre sostanzialmente la trama del corto. Il gruppo degli Intelligentoni ha preferito produrre un contenuto inventato. E stata costruita la storia di un ragazzo di colore, un extracomunitario che si trova in luoghi sconosciuti e misteriosi, e si aggira tra anfratti e grotte inquietanti: un po come loro a scuola, sorta di extracomunitari della cultura, che si barcamenano tra le tante conoscenze che non riescono a controllare. Il ragazzo scopre poi un segreto che non si può dire, e ciò determina una minacciosa reazione da parte del custode di questi luoghi misteriosi, uno scheletro persecutore, come un ombra inesorabilmente sulle tracce del povero ragazzo, sempre in fuga. Poiché il mostro deve avere un nome, il gruppo ha deciso di chiamarlo Errore (!). Il ragazzo scappa da un luogo ad un altro, senza mai voltarsi a guardare in faccia quella realtà orribile. Durante la costruzione delle peripezie, il gruppo é sembrato decisamente infierente sul disgraziato protagonista ( brutto marocchino!... deficiente... mongoloide! ), schermo proiettivo di quella parte denigrante introiettata ben rappresentata dallo scheletro persecutore. Poi però si é stabilito che la fuga del ragazzo non può essere una scelta risolutiva, Errore é sempre in agguato, lo insegue per fulminarlo e poi il ragazzo, per non sbagliare, finisce per non scrivere, non fare, nemmeno

11 aprire i suoi libri o toccare un tasto del computer. Almeno così, astenendosi da tutto, non era mai stato finora aggredito da Errore alle spalle. Ma così non può andare avanti. Giunto al fin in un castello, viene scovato dal persecutore: ma a questo punto della storia, cogliendo l idea del gruppo, il terapeuta dà il permesso al protagonista di fare una cosa del tutto nuova, farlo girare, in modo da guardare bene in faccia Errore. E questo fatto, del tutto nuovo, porta con sé una conseguenza formidabile: il mostro crolla, disintegrandosi. Lo scheletro persecutore in un attimo perde consistenza. Quel mostruoso errore finalmente affrontato di petto, guardato a viso aperto, viene riconosciuto come un ombra, senza sostanza. Dunque, non ha voluto il gruppo metterci nella costruzione del film Mr. Bean, perché più urgente é stato portare nella storia qualcosa di se stessi con i propri fallimenti, specie a scuola. Stare con Mr. Bean é centrare l attenzione sul fallimento, mentre in questa storia inventata la fine é poi vincente, in modo positivo. Il ragazzo ha saputo sottrarsi allo scheletro persecutore: il gruppo, guidato dal terapeuta, é riuscito perciò ad introdurre un elemento trasformativo. Il conduttore ha avuto il compito di generalizzare il felice esito, facilitando poi un trasferimento alla concretezza dei vissuti del gruppo: anche a scuola gli errori possono assumere consistenze mostruose, ma vanno affrontati, riconosciuti, ed allora possono anche essere usati, perché da essi possiamo imparare, e tanto. Un breve stralcio dell ultima seduta può essere chiarificatore: Mediatore: Bene, e voi come gruppo avete avvertito se quello scheletro, Errore, c è stato nella nostra stanza Andrea: e sì che ce sta non mi fa battere i tasti della tastiera perché tanto io me io sbaglio sempre M.: Ecco, si può chiamare Errore-Orrore questo scheletro avere orrore, paura dell errore, lo sbaglio che dice Andrea Alessandro: sì io non faccio il compito così non sbaglio! Valentina: anch io a volte non ci provo nemmeno ho paura Alessio: quanno nun studio io manco porto i libri a scola io così quella nun me interroga eeh mica so scemo! M.: Ecco, però il film che avete fatto ci dice una cosa molto interessante, invece di fuggire da Errore, dagli errori, riusciamo a voltarci, li guardiamo

12 finalmente in faccia questi errori! E così siamo meno spaventati, guardando bene in faccia l errore possiamo imparare, non c è più Orrore, la paura di sbagliare Se invece gli voltiamo le spalle, sta sempre lì, in agguato, dietro di noi e ci spaventa no? Ci aiuta conoscere i nostri errori Questo è stato un viaggio emozionale, partito dalle gag ignorate di Mr.Bean per nuove esplorazioni sul terreno persecutorio dell orrore dell errore, tema fortemente complessuale per questo gruppo di alunni fallimentari a scuola, con il lieto fine: l esploratore-scolaro si libera dall errore proprio conoscendolo, in un cambio di strategia di promettente significato evolutivo. Se si ripensa a questo gruppo preadolescente, si può osservare che nel Laboratorio é stato percorso un bel tratto a chiaro taglio psicodinamico, quasi a suggello di un lavoro di confine tra riabilitazione e psicoterapia. Se il parlar di corda in casa dell impiccato può produrre delle emozioni forti, allora va usato nel trattamento. Molti preadolescenti con DANS nei nostri gruppi scaricano un bel po di proiezioni aggressive sul povero Mr. Bean, così come sentimenti ostili vengono espressi sui personaggi del film. In un certo senso, é come sollevare il coperchio ad una pentola finalmente messa sul fuoco a bollire. Seduta dopo seduta, é proprio da lì che si levano i loro fumi, dunque, complessuali. Andrea, per la prima volta, é così riuscito nel gruppo a parlare della sua enorme rabbia di ieri per la ripetenza ed anche del disagio di oggi, a scuola, con i compagni che lo dileggiano. Tutti hanno portato in discussione le paure intorno alla sessualità, e le loro difese anche goffe per la corporeità emergente (Alessio: eh, Jessica...ecché mo tu sei femmina?...ma se c hai pur i baffi! ahh...ahh ). Fumi che finiscono per annebbiare vista e mente. NOTE CONCLUSIVE Nel materiale abilitativo proposto, si può cogliere dunque un aspetto metodologico: per i nostri gruppi ambulatoriali, due sono i ruoli degli operatori in gioco, la Terapista e la Terapeuta, tecnici di competenza diversa e che assumono peso differente a seconda del gruppo da trattare. Lo spostamento del luogo di cura eventualmente nella scuola pone questioni importanti sulla selezione dei gruppi. Ferma restando, in ogni caso, la necessità della supervisione regolare agli educatori (siano psicopedagogisti, docenti di sostegno, curriculari, oppure educatori professionali, assistenti educativi) da parte di noi tecnici dell età evolutiva, appare più convincente

13 l impiego eventuale a scuola degli educatori per gruppi che prevedono attività prevalenti di potenziamento cognitivo/metacognitivo. Ed altro punto indiscutibile, per il coinvolgimento degli educatori in Laboratori a Curricolo Speciale come questo, é la necessità di una loro formazione mirata, non di superficie. Per quanto detto, la considerazione che un esportazione di questa esperienza abilitativa appare oggi più facilmente realizzabile nella scolarità primaria, con gruppi di alunni che si trovano in quella fase di sviluppo detta della latenza: che è un periodo speciale, in cui il bambino è chiamato a compiti evolutivi basilari per la costruzione e per l integrazione del suo apparato psichico. Un momento certo delicato, di maturazione del Sé, e di arricchimento cognitivo, con il pensiero che diventa più reversibile, capace di fare collegamenti tra il passato vissuto, il presente ed il futuro anticipato nella mente. E il periodo in cui si osserva una capacità diversa di valutare autonomamente le proprie abilità, non più limitata solo ai rispecchiamenti delle figure di attaccamento e la crescita del senso di autoefficacia è di grande rilievo abilitativo. Per queste considerazioni di base sul periodo, nelle nostre cooperazioni con le agenzie educative, in alcuni contesti più recettivi delle scuole primarie del nostro territorio, non ci siamo limitati solo ad un abilitazione di gruppi patologici ma è stato possibile estendere il progetto all intera classe, con un approccio di cooperative learning facilitante la coesione del gruppo e determinante comportamenti pro-sociali: é certo nella condivisione che acquista un senso ciò che si fa. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Forabosco G.(1994), Il Settimo Senso. Psicologia del senso dell umorismo. Con istruzioni per l uso. Muzzio Editore, Padova. Fucci M.R., D Alesio D., Sarto G., Ulisse L., Miletto R. (2010), Idee di gioco mediato a scuola. In: Miletto R.&Gruppo di Ricerca Ellepi (a cura di), Per una scuola amica. Curricoli speciali per potenziare la mente. Alpes Italia Ed., Roma. Miletto R., Fucci M.R., Ulisse L. (1987), Videogames: dal gioco alla riabilitazione. Psich. Inf. Adol., 54, 2:

14 Miletto R., Bellotti A., Fucci M.R., Carozza E. (2000), A scuola sui sentieri dei pensieri. Percorsi riabilitativi per preadolescenti con Disturbo Aspecifico di Apprendimento. Armando Editore, Roma. Miletto R., Fucci M.R., Ulisse L., Pangrazi A. (2003), Multimedialità per un laboratorio umoristico: appunti di riabilitazione. I Care, 28,1: Miletto R., Fucci M.R., (2003), Riabilitare ridendo: il laboratorio umoristico. DA-Dynamicair, 4,4: Miletto R., Fucci M.R., Petriglia M.G., Ulisse L., D Alesio D. (2006), Ridere per pensare: una proposta rieducativa. I Care, 31, 1: Miletto R., Fucci M.R., D Alesio D. (2008), Gioco ed Apprendimento Mediato, I Care, 33,3: Miletto R., Fucci M.R. (2009), Fammi pensare! Armando Ed., Roma. Miletto R., Fucci M.R., D Alesio D., Ulisse L. (2010), Videogioco e metacognizione: pensare come gruppo. In: Miletto R.&Gruppo di Ricerca Ellepi (a cura di), Per una scuola amica. Curricoli speciali per potenziare la mente. Alpes Italia Ed., Roma. Miletto R., Fucci M.R., D Alesio D. (2010), Il laboratorio umoristico. In: Miletto R.&Gruppo di Ricerca Ellepi (a cura di), Per una scuola amica. Curricoli speciali per potenziare la mente. Alpes Italia Ed., Roma..

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli