Come gli ormoni scatenano una risposta nella cellula bersaglio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come gli ormoni scatenano una risposta nella cellula bersaglio"

Transcript

1 Come gli ormoni scatenano una risposta nella cellula bersaglio La capacità delle cellule di ricevere e rispondere a segnali che arrivano dall esterno della membrana plasmatica è un processo fondamentale per la vita. Negli organismi pluricellulari le cellule con funzioni diverse si scambiano un gran numero di informazioni e di segnali. Ogni segnale, che rappresenta un informazione per la cellula, è rilevato da RECETTORI specifici e trasformato in una risposta cellulare attraverso un processo chimico. Questa conversione è chiamata TRASDUZIONE DEL SEGNALE. 1

2 Le vie di trasduzione del segnale seguono percorsi diversi che prevedono : 1. Rilascio del primo messaggero: qualunque tipo di stimolo determina il rilascio di una molecola segnale, denominata primo messaggero. 2. Riconoscimento del primo messaggero: recettore-ligando 3. Trasferimento del messaggio all interno della cellula, tramite il secondo messaggero 4. Attivazione di effettori che alterano direttamente la risposta fisiologica 5. Spegnimento del segnale Le vie di transduzione sono altamente SPECIFICHE ed estremamente sensibili. La SPECIFICITA è determinata dalla COMPLEMENTARIETA ormonerecettore (enzima-substrato). CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEL SISTEMA DI TRASDUZIONE 2

3 Gli ormoni del I gruppo, come gli ormoni steroidei, essendo altamente idrofobici a6raversano la membrana plasma8ca per diffusione semplice e si legano a specifici rece6ori proteici nel nucleo. I rece6ori degli ormoni steroidei agiscono sopprimendo la trascrizione di geni bersaglio. Il legame del rece6ore con l ormone cambia la conformazione del rece6ore rendendolo capace di reagire con specifiche sequenze sul DNA, denominate elemen8 di risposta ormonale (HRE) alterando così l espressione genica. La specificità dell interazione ormone-reccettore è sfruttata dal farmaco tamoxifene, usato per il trattamento del cancro al seno. Il farmaco compete con l estrogeno per il legame al recettore, ma il complesso tamoxifenerecettore non ha alcun effetto sull espressione genica 3

4 ORMONI DEL SECONDO GRUPPO Sono solubili in acqua non possono attraversare la membrana e quindi posseggono tutti recettori che si trovano sulla membrana cellulare. I diversi ormoni differiscono per il tipo di risposta cellulare. Prenderemo in considerazione alcuni sistemi fra i più rappresentativi di trasduzione del segnale, classificati secondo il tipo di recettore. 1. Recettori accoppiati alle proteine G 2. Recettori con attività tirosin chinasica 3. Recettori con attività guanilil ciclasica 4. Canali ionici controllati 5. Recettori di adesione 6. Recettori nucleari 4

5 I recettori accoppiati alle proteine G o GPCR fanno parte di una grande famiglia di recettori localizzati sulla membrana plasmatica con sette eliche transmembrana (recettori a serpentina) Quasi la metà di tutti i farmaci presenti sul mercato hanno come bersaglio un recettore GPCR. Il recettore β-adrenergico, che media i messaggi dell adrenalina, è il bersaglio dei β-bloccanti, prescritti per svariate condizioni patologiche quali ipertensione, aritmie cardiache, ansietà ed emicrania. Il recettore β-adrenergico è il prototipo di tutti i recettori GPCR L ADRENALINA è un ormone secreto dalle ghiandole surrenali dei mammiferi in risposta a fattori di stress che provengono dall esterno o dall interno di un organismo. La sua azione induce una vasta gamma di effetti, a cui ci si riferisce come risposte combatti o fuggi, tra cui l accelerazione del battito cardiaco, dilatazione della muscolatura liscia delle vie respiratorie, demolizione del glicogeno e degli acidi grassi. Il segnale trasmesso dall adrenalina inizia quando l ormone si lega al suo recettore β-adrenergico. Il legame dell adrenalina induce nel recettore una modificazione conformazionale che determina l attivazione di una proteina che si trova sul lato citoplasmatico della membrana : la PROTEINA G STIMOLATORIA o G s. 5

6 Il recettore transmembrana lega il segnale extracellulare (l ormone) e modificata la sua conformazione diventa capace di reagire con una proteina G posta sul lato citosolico della membrana. La proteina G, è costituita da tre subunità: α (che contiene una molecola di GDP), β e γ; quando il recettore cambia la sua conformazione proteica provoca una riduzione di affinità della subunità α per il GDP, che viene sostituito dal GTP. Questo evento porta la proteina G a frantumarsi in una subunità α s (attiva) ed una una β γ. Un singolo complesso ormone-recettore può stimolare lo scambio nucleotidico di molti eterotrimeri di proteina G La subunità α con il GTP legato è ora capace di legare una proteina enzimatica di membrana, l AMPciclasi, rendendola cataliticamente più attiva. L AMPciclasi catalizza la reazione di formazione del camp (AMP ciclico) da ATP Il risultato netto è che il legame dell adrenalina con il recettore sulla superficie cellulare aumenta la velocità di produzione del camp, secondo messaggero ( messaggero cellulare), all interno della cellula. 6

7 Si conoscono ad oggi circa 100 proteine chinasi diverse sia camp dipendenti che camp indipendenti. Sebbene presentino omologie nella sequenza e nella struttura del sito attivo differiscono per quantità di subunità, per la Km per l ATP e per specificità di substrato 7

8 Come viene spento il segnale iniziato dall adrenalina? La durata del periodo in cui le subunità rimangono dissociate e attive dipende dalla subunità α s. Questa subunità ha infatti un attività GTP-idrolitica intrinseca (GTPasica) che dopo un certo intervallo idrolizza il GTP a GDP. Le subunità si riassociano e la proteina G diventa pronta per un altro recettore che la stimoli. In generale, i meccanismi che estinguono un attivazione non sono meno importanti di quelli che l alimentano. 8

9 Nella cascata enzimatica tutti gli enzimi attivati vengono spenti mediante l azione di FOSFATASI1 Un altro meccanismo che pone fine alla risposta scatenata dall adrenalina è quello di rimuovere il secondo messaggero, attraverso l azione idrolitica della 9

10 Anche il recettore attivato, ancora legato all ormone, deve essere riportato allo stato iniziale, per impedire che la proteina G rimanga permanentemente attiva. due modalità: I l ormone si dissocia dal recettore, ma questo dipende dalla concentrazione dell ormone nel plasma. II il complesso ormonerecettore può essere disattivato da una fosforilazione da parte di una chinasi. La chinasi del recettore β-adrenergico fosforila la coda carbossi-terminale del complesso ormone-recettore, ma non quella del recettore libero. Infine una molecola di β-arrestina si lega al recettore fosforilato, diminuendo la sua capacità di attivare le proteine G. Questo segnale diminuisce l intensità della risposta anche quando il segnale persiste nel tempo. Le proteine GPRC agiscono sull adenilato ciclasi e la loro azione può essere sia attivatoria che inibitoria. Due sistemi in parallelo attivatorio e inibitorio comprendono un recettore R s o R i ed un complesso regolatorio G s e G i Le proteine G differiscono nella subunità α s e α i 10

11 11

12 Una seconda classe di GPCR molto numerosa comprende recettori che attraverso una proteina G sono accoppiati ad una FOSFOLIPASI C (PLC) di membrana, enzima specifico per il fosfolipide di membrana Fosfatidilinositolo 4,5 bis fosfato (PIP 2 ) Quando l ormone si lega al suo specifico recettore di membrana abbiamo. 1. Il complesso ormone-recettore determina lo scambio GDP-GTP di una proteina G (Gq) attivandola 2. La Gq attivata, attiva a sua volta la PLC specifica per il PIP 2 3. La PLC catalizza la scissione del PIP 2 con la formazione di due messaggeri cellulari: l inositolo 1,4,5 trifosfato (IP 3 ) e diacilglicerolo. 5. L inositolo diffonde nel citosol si lega ed apre un canale per il Ca 2+ sul RE dove lo ione si era accumulato ad opera di trasportatori come la Ca 2+ ATPasi. 6. Calcio e diacilglicerolo (DAG) vanno ad attivare una proteina chinasi C (PKC) sulla membrana plasmatica. animazione 12

13 1. La concentrazione di calcio nella cellula è mantenuta a livelli molto bassi per evitare la precipitazione di composti fosforilati o carbossilati, che formano sali di calcio poco solubili. 2. La concentrazione plasmatica del calcio si mantiene molto bassa, intorno a 100 nm, ne deriva che piccole variazioni di concentrazione possono essere prontamente avvertite. 3. Il calcio può fare da sei a otto legami di coordinazione con l ossigeno di gruppi carbossilici di proteine determinando la formazione di legami crociati tra diversi gruppi di una stessa proteina con il risultato di una consistente modificazione strutturale. 4. La Calmodulina è una proteina ubiquitaria che fa da sensore per il calcio in quasi tutte le cellule eucariotiche. La calmodulina è una piccola proteina con quattro siti di legame per il calcio. A concentrazioni citosoliche di 500 nm, il Ca 2+ si lega alla proteina attivandola. La calmodulina ha un motivo strutturale noto come mano EF (EF-hand) che lega lo ione calcio. Sette atomi di ossigeno si coordinano con ciascun calcio nelle 4 subunità mano EF che costituiscono la calmodulina. Il complesso calcio-calmodulina stimola diversi enzimi, pompe e altre proteine bersagli,,inducendo modificazioni conformazionali. La calmodulina è, per esempio, regolatrice della chinasi b muscolare. Il calcio innesca la contrazione muscolare e nello stesso tempo attraverso la calmodulina attiva la demolizione del glicogeno per fornire energia al muscolo che deve contrarsi. 13

14 Alcuni segnali che agiscono attraverso la fosfolipasi C, l IP3 e il Calcio Acetilclina Agonisti α adrenergici Angiotensina II ossitocina Serotonina Vasopressina Istamina Ormone che rilascia le gonadotropine (GRH) Ormone che rilascia la tireotropina (TRH) Fattore di crescita derivato dalle piastrine Peptide che rilascia la gastrina auxina L azione di alcuni composti chiamati promotori tumorali è da attribuirsi ai loro effetti sul PKC. Essi legano l enzima come il diacilglicerolo ma diversamente da questo secondo messaggero naturale non sono prontamente rimossi dal metabolismo cellulare. La proteina PKC rimanendo costantemente attiva interferisce con i normali processi della crescita e della divisione cellulare. 14

15 Questa classe di recettori possiede una attività chinasica intrinseca e trasduce il segnale extracellulare con un meccanismo molto diverso dalle GPCR. Questi recettori hanno u n d o m i n i o extracellulare che lega il segnale ed un sito attivo enzimatico nella parte citosolica, i due d o m i n i s o n o interconnessi da un s e g m e n t o intramembrana. In questo tipo di regolazione abbiamo che: 1. L attività tirosinchinasica è attivata da ligando 2. Le chinasi coinvolte fosforilano soltanto residui di tirosina 3. L interazione ligandorecettore, fosforilando le tirosine, da inizio ad una cascata che può coinvolgere diverse tirosin-chinasi 15

16 Un esempio di questa via di trasduzione del segnale inizia con l INSULINA ormone che viene rilasciato dal pancreas in risposta ad un aumentato livello di glucosio nel sangue. Sintetizzato come unico polipeptide viene poi glicosilato e scisso nelle subunità α e β che si assemblano in un tetramero unito da ponti disolfuro. Il dominio citosolico delle subunità β è una tirosinchinasi Le due catene α si avvicinano le une alle altre per formare il sito di legame per un unica molecola di insulina. Ciascuna catena β è invece una proteina chinasi che catalizza il trasferimento di un gruppo fosforico dall ATP al gruppo idrossilico di tre tirosine vicine all estremità carbossiterminale della stessa catena β. Questa autofosforilazione apre un sito attivo che permette la fosforilazione di altri residui di tirosina di altre proteina bersaglio. La stimolazione del recettore dell insulina da inizio ad una cascata di reazioni di fosforilazione di proteina Attraverso questa cascata di attivazioni chinasiche vengono regolate sia l attività di enzimi del metabolismo che l espressione genica. 16

17 2. Il recettore dell insulina (INS-R) attivato fosforila attivando il substrato 1 dell insulina (IRS-1) 3. IRS-1 attivato diventa il punto focale per la formazione di un complesso proteico. L IRS-1 si lega alla proteina Gbr-2 la cui funzione è quella di avvicinare l IRS-1 alla proteina Sos. L Sos agisce da fattore di scambio di nucleotidi per cui la proteina Ras (piccola proteina G) che conteneva GDP ora contiene GTP. 4. Nella forma GTP attiva la proteina Ras attiva una proteina Chinasi Raf-1. La Raf-1 attiva fosforila un altra chinasi MEK che a sua volta fosforila una proteina chinasi ERK 17

18 La ERK (chinasi regolate da segnali extracellulari) attivata media alcuni effetti biologici dell insulina entrando nel nucleo e fosforilando dei fattori di transizione che modulano la trascrizione genica. La ERK fa parte di una grande famiglia di chinasi chiamate MAPK (proteine chinasi attivate da mitogeni: segnali extracellulari che inducono la mitosi e la divisione cellulare) MEK appartiene invece alle MAPKK Questa via di segnalazione mediata da Ras determina : l aumento di sintesi proteica che favorisce la crescita e il differenziamento cellulare; risposta coerente con le funzione dell insulina come segnale di riserve energetiche abbondanti La cascata enzimatica sia dell insulina determina un amplificazione del segnale ormonale. 18

19 Come per le proteine G anche la proteina Ras ha un attività GTPasica intrinseca che determina lo spegnimento del segnale. In questo caso però essendo l attività troppo lenta la Ras è aiutata nella sua funzione idrolitica da una proteina GAP. La via di segnalazione dell insulina si biforca al livello dell IRS-1, infatti questa proteina può prendere contatto con un altro enzima: FOSFOINOSITOLO 3-CHINASI. Questo enzima fosforila il fosfatidilinositolo 4,5- bisfosfato (PIP 2 ) che diventa fosfatidilinositolo 3,4,5- trifosfato (PIP 3 ). A sua volta il PIP 3 formato attiva una proteina chinasi, la PDK1. 19

20 La PDK1 catalizza la fosforilazione, ATP dipendente, di una proteina chinasi B (PKB), nota anche come Ark, che diffonde nella cellula andando a fosforilare bersagli proteici come i componenti che stimolano la traslocazione delle vescicole contenenti GLUT4 alla membrana plasmatica, aumentando l assorbimento del glucosio nel sangue e nello stesso tempo attiva enzimi che stimolano la sintesi del glicogeno. Anche in questo caso la cascata enzimatica ha inizio quando l insulina si lega al recettore. Il segnale viene amplificato a diversi livelli della cascata. 20

21 In alcuni tessuti come il muscolo l insulina promuove il reclutamento dei TRASPORTATORI DI GLUCOSIO INSULINO SENSIBILI (GLUT4) L insulina legata al suo recettore è internalizzata. Una volta nella cellula l insulina è degradata per l azione di enzimi lisosomiali. Anche i recettori possono venir degradati ma per la maggior parte vanno a ripopolare la membrana cellulare. Un livello elevato di insulina promuove la degradazione dei recettori, facendone diminuire il numero sulla superficie della membrana cellulare. 21

22 animazione Regolazione dell espressione genica Le cellule di un organismo pluricellulare sono diverse l une dalle altre pur avendo lo stesso patrimonio genetico perché sintetizzano e accumulano diversi RNA e proteine. Oggi sappiamo che il differenziamento cellulare dipende generalmente da cambiamenti nell espressione genica. Una cellula può modificare l espressione dei suoi geni in risposta a segnali esterni. 22

23 Regolazione dell espressione genica L espressione genica può essere controllata in diversi momenti durante il passaggio dalla trascrizione dell RNA alla sintesi della proteina. Solo il controllo della trascrizione garantisce che non avvenga la sintesi di intermedi inutili. Analisi genetiche sui batteri ( adattamento di E.coli al mezzo di coltura) svolte negli anni 50 hanno fornito le prime prove dell esistenza di proteine regolatrici dei geni chiamate fattori di trascrizione, che accendono e spengono serie specifiche di geni. Regolazione dell espressione genica Per distinguere, a livello del DNA, i componenti del circuito regolatorio dai geni che essi regolano, si usano i termini geni regolatori e geni strutturali. Un gene strutturale è un qualsiasi gene che codifica per proteine strutturali, enzimi, etc. Un gene regolatore è un gene che codifica per una proteina o un RNA in grado di r e g o l a r e l espressione genica attraverso il legame con particolari siti del DNA (per esempio promotori). 23

24 Regolazione dell espressione genica Nei batteri, il modo classico di controllare l espressione genica è la regolazione negativa. Una proteina repressore impedisce che il gene venga espresso. Gli elementi a monte del gene strutturale sono: il promotore e l operatore che è la sequenza riconosciuta e legata dal repressore. La capacità del gene strutturale di essere trascritto sta nel riconoscimento da parte della polimerasi del suo promotore. La presenza del repressore, legato all operatore, non permette all RNA polimerasi di iniziare la trascrizione e il gene è quindi spento fino a che non arriva un fattore esterno ad attivarlo. Regolazione dell espressione genica Un modo alternativo di controllare l espressione genica è la regolazione positiva. Questo sistema è utilizzato nei procarioti con la stessa frequenza della regolazione negativa, mentre negli eucarioti è la via preferenziale. I geni controllati dalla regolazione positiva sono sempre attivi. Poiché il repressore non riesce a legare l operone, l RNA polimerasi può legare il p r o m o t o r e e trascrivere i geni strutturali. I geni sono sempre trascritti fino a che un intervento esterno non modifica il repressore inattivo attivandolo. 24

25 Regolazione dell espressione genica Molti sono i fattori, chiamati fattori di trascrizione, che si legano a siti vicini al promotore, permettendo all RNA pol di iniziare la trascrizione. Regolazione dell espressione genica Al contrario degli eucarioti, i geni dei procarioti sono spesso organizzati in gruppi (cluster) che includono geni con funzioni correlate (geni codificanti per enzimi della stessa via metabolica). L unità comprendente i geni strutturali e gli elementi che controllano la loro espressione (promotore, operone, gene regolatore) è chiamata operone, il cui cluster è trascritto come un unico RNA policistronico a partire da un unico promotore regolato. L operone lac contiene i geni codificanti gli enzimi necessari per metabolizzare i β-galattosidi come il lattosio. 25

26 Regolazione dell espressione genica I geni lac sono controllati da una regolazione negativa. Il repressore lac è il prodotto del gene laci. Il prodotto di questo gene (proteina) si lega ad un operatore (Olac) che si trova fra il promotore e I geni lac. Il legame del repressore all operatore impedisce all RNA pol di iniziare la trascrizione. Il repressore laci è un tetramero proteico costituito da subunità identiche. Ne esistono una decina di copie in una cellula batterica ed è trascritto come RNA monocistronico, con un suo promotore che ha un affinità normale con l RNA pol. Regolazione dell espressione genica I geni lac rappresentano un esempio di sistema inducibile, presenti nei batteri. Questi sistemi permettono alla cellula di reagire ai cambiamenti dell ambiente e alle fluttuazioni dei nutrienti. Nel caso del sistema lac, non c è necessità di sintetizzare enzimi che degradano il lattosio in assenza di substrato, ma non vengono sintetizzati. In questo caso quindi il lattosio è l induttore. 26

27 Regolazione dell espressione genica La β-galattosidasi idrolizza il legame del lattosio a galattosio e glucosio La permeasi è necessaria per il trasporto di lattosio La tiogalattoside transacetilasi sembra avere un ruolo di detossificazione di composti che possono essere trasportati dalla permeasi Regolazione dell espressione genica L induttore del sistema lac è una piccola molecola simile al lattato, l isopropiltiogalattoside (IPTG). L IPTG non si lega all enzima o al promotore per indurre la trascrizione, ma al repressore lac I. L induttore IPTG agisce cambiando la conformazione del repressore in modo che non si possa più legare all operatore. 27

28 Regolazione dell espressione genica CH 3 S C H H CH 3 isotiogalattoside Regolazione dell espressione genica Quando I batteri possono scegliere fra differenti sorgenti di carbonio, preferiscono utilizzare il glucosio che altri zuccheri. In questa situazione, il glucosio reprime l espressione degli enzimi capaci di metabolizzare altri zuccheri (repressione da glucosio). Uno dei metodi che ha il glucosio per reprimere altri operoni è l esclusione dell induttore. Il fattore chiave è il PTS, che trasporta gli zuccheri nella cellula. Una componente di questo fattore, in seguito al trasporto del glucosio, viene modificata, si lega alla lac permeasi bloccando il trasporto di lattosio. 28

29 Regolazione dell espressione genica I principi generali che governano l espressione genica nei procarioti si applica anche ai geni degli eucarioti. L espressione di geni specifici può essere attivamente inibita o stimolata mediante gli effetti indotti da proteine che si legano al DNA attivando o inibendo la trascrizione di determinati geni. 29

TRASDUZIONE DEL SEGNALE CELLULARE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE CELLULARE TRASDUZIONE DEL SEGNALE CELLULARE RECETTORI I recettori ormonali sono proteine (spesso glicoproteine) capaci di riconoscere e legare l ormone L interazione tra ormone e recettore è estremamente specifica

Dettagli

FATTORI DI CRESCITA COME MESSAGGERI

FATTORI DI CRESCITA COME MESSAGGERI RECETTORI ASSOCIATI A PROTEINE CHINASI Sono proteine che hanno sia funzione di recettore che attività enzimatica chinasica. L interazione con il ligando specifico stimola l attività della chinasi e il

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Regolazione dell espressione genica

Regolazione dell espressione genica Regolazione dell espressione genica Ogni processo che porta dal DNA alla proteina funzionale è soggetto a regolazione. Il primo processo relativo alla trascrizione è il più importante punto di regolazione

Dettagli

Una risposta cellulare specifica può essere determinata dalla presenza di mediatori chimici (ormoni o altre molecole), dall interazione con altre

Una risposta cellulare specifica può essere determinata dalla presenza di mediatori chimici (ormoni o altre molecole), dall interazione con altre Una risposta cellulare specifica può essere determinata dalla presenza di mediatori chimici (ormoni o altre molecole), dall interazione con altre cellule (contatto cellula-cellula) o con strutture extracellulari

Dettagli

Trasduzione del segnale

Trasduzione del segnale Trasduzione del segnale Modalità di segnalazione tra cellule JUXTACRINA proteine transmembrana mediatori locali ormoni Il legame di una sostanza al suo recettore di membrana porta la cellula a cambiare

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

Io Non sono un recettore!

Io Non sono un recettore! I recettori portano il messaggio extracellulare direttamente nel citoplasma (recettori di membrana) o nel nucleo (recettori nucleari) Io Non sono un recettore! È essenziale per la loro sopravvivenza che

Dettagli

Dal Genotipo al Fenotipo

Dal Genotipo al Fenotipo Dal Genotipo al Fenotipo Dal Fenotipo normale al Fenotipo patologico Regolazione dell espressione genica Figure 7-1 Molecular Biology of the Cell ( Garland Science 2008) Una cellula differenziata contiene

Dettagli

REGOLAZIONE DEL METABOLISMO GLUCIDICO

REGOLAZIONE DEL METABOLISMO GLUCIDICO REGOLAZIONE DEL METABOLISMO GLUCIDICO IL METABOLISMO DEL GLICOGENO E FINEMENTE REGOLATO: Quando è attiva la sua sintesi non è attiva la sua demolizione e viceversa I principali ormoni che controllano il

Dettagli

Cell Signaling. Qualsiasi tipo di comunicazione tra le cellule

Cell Signaling. Qualsiasi tipo di comunicazione tra le cellule Cell Signaling Qualsiasi tipo di comunicazione tra le cellule I segnali intercellulari L evoluzione degli organismi multicellulari dipende dalla capacità delle cellule di comunicare una con l altra. La

Dettagli

Regolazione dell espressione genica nei procarioti: OPERONI

Regolazione dell espressione genica nei procarioti: OPERONI Regolazione dell espressione genica nei procarioti: OPERONI LA REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA HA LUOGO A LIVELLO DELLA TRASCRIZIONE OPERONE: insieme di geni che vengono trascritti contemporaneamente

Dettagli

Comunicazione cellulare 1) Se le cellule sono in contatto diretto tra loro, esse possono comunicare attraverso l interazione tra una molecola di

Comunicazione cellulare 1) Se le cellule sono in contatto diretto tra loro, esse possono comunicare attraverso l interazione tra una molecola di Comunicazione cellulare 1) Se le cellule sono in contatto diretto tra loro, esse possono comunicare attraverso l interazione tra una molecola di superficie di una cellula e recettori presenti sulla superficie

Dettagli

Regolazione dell espressione genica

Regolazione dell espressione genica Regolazione dell espressione genica definizioni Gene attivato quando viene trascritto in RNA e il suo messaggio tradotto in molecole proteiche specifiche Espressione genica processo complessivo con cui

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE

TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE TRASDUZIONE DEL SEGNALE Specificità (specificità riconoscimento) Amplificazione e diversificazione della risposta (cascata enzimatica) Integrazione tra segnali Spegnimento del segnale

Dettagli

Dipendente da contatto Segnali di posizione (migrazione dei leucociti) Paracrina Raggio breve (neurotrasmettitori)

Dipendente da contatto Segnali di posizione (migrazione dei leucociti) Paracrina Raggio breve (neurotrasmettitori) Dipendente da contatto Segnali di posizione (migrazione dei leucociti) Paracrina Raggio breve (neurotrasmettitori) Autocrina Endocrina Agisce sulla stessa cellula che Fattori rilasciati in circolazione

Dettagli

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica Fondamenti di biochimica Terza edizione Donald Voet Judith G. Voet Charlotte W. Pratt La segnalazione biochimica Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Gli ormoni Conce& chiave 13.1 Gli ormoni endocrini

Dettagli

COMUNICAZIONE CELLULARE TRASDUZIONE DEL SEGNALE

COMUNICAZIONE CELLULARE TRASDUZIONE DEL SEGNALE COMUNICAZIONE CELLULARE TRASDUZIONE DEL SEGNALE recettori (proteine recettoriali) vie di segnalazione intracellulare (molecole che elaborano il segnale e lo distribuiscono ai bersagli appropriati) recettori

Dettagli

REGOLAZIONE DEL METABOLISMO GLUCIDICO

REGOLAZIONE DEL METABOLISMO GLUCIDICO REGOLAZIONE DEL METABOLISMO GLUCIDICO IL METABOLISMO DEL GLICOGENO E FINEMENTE REGOLATO: Quando è attiva la sua sintesi non è attiva la sua demolizione e viceversa I principali ormoni che controllano il

Dettagli

Comunicare. 6. La comunicazione cellulare. Messaggio EFFETTO. Recepito e elaborato

Comunicare. 6. La comunicazione cellulare. Messaggio EFFETTO. Recepito e elaborato 6. La comunicazione cellulare contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Comunicare Messaggio Recepito e elaborato

Dettagli

QUANTI MECCANISMI DI REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA ESISTONO?

QUANTI MECCANISMI DI REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA ESISTONO? QUANTI MECCANISMI DI REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA ESISTONO? L espressione genica nei procarioti e negli eucarioti e regolata a vari livelli: -Trascrizionale - Emivita dell RNA -Traduzionale - durante

Dettagli

SEI PRONTO PER LA VERIFICA? SOLUZIONI

SEI PRONTO PER LA VERIFICA? SOLUZIONI Capitoli E1 - E2 1. B 2. D 3. D 4. C 5. A 7. B 8. C 9. B, E 10. A, D 11. F, V, F, V SEI PRONTO PER LA VERIFICA? SOLUZIONI 12. Gli inibitori sono molecole che si legano agli enzimi e riducono la velocità

Dettagli

BIOSEGNALAZIONE. La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte I

BIOSEGNALAZIONE. La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte I BIOSEGNALAZIONE La ricezione e la trasmissione delle informazioni extracellulari Parte I La coordinazione delle attività metaboliche nei diversi tessuti e organi dei mammiferi avviene mediante il sistema

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

LA TRASCRIZIONE...2. Terminazione della trascrizione...10

LA TRASCRIZIONE...2. Terminazione della trascrizione...10 LA TRASCRIZIONE...2 INDUZIONE ENZIMATICA...3 Organizzazione geni dei procarioti...4 Organizzazione geni degli eucarioti...5 Sequenze dei Promotori dei procarioti...6 Sequenze dei Promotori degli eucarioti...6

Dettagli

Glycogen Synthesis Glicogeno sintesi UTP UDP + 2 P i glycogen (n) + glucose-1-p glycogen (n + 1) Glycogen Phosphorylase P i Glicogeno lisi

Glycogen Synthesis Glicogeno sintesi UTP UDP + 2 P i glycogen (n) + glucose-1-p glycogen (n + 1) Glycogen Phosphorylase P i Glicogeno lisi Glycogen Synthesis Glicogeno sintesi UTP UDP + 2 P i glycogen (n) + glucose-1-p glycogen (n + 1) Glycogen Phosphorylase P i Glicogeno lisi Se entrambe le vie fossero attive simultaneamente nella cellula

Dettagli

LA REGOLAZIONE GENICA DEI PROCARIOTI.

LA REGOLAZIONE GENICA DEI PROCARIOTI. LA REGOLAZIONE GENICA DEI PROCARIOTI www.fisiokinesiterapia.biz NON TUTTI I GENI VENGONO UTILIZZATI NELLO STESSO MOMENTO E NON TUTTI CON LA STESSA INTENSITÀ Regolazione genica = la modalità con cui viene

Dettagli

Tirosin chinasi senza o con funzione recettoriale

Tirosin chinasi senza o con funzione recettoriale Tirosin chinasi senza o con funzione recettoriale elica di poliprolina Il dominio chinasico di Src è mantenuto nello stato inattivo mediante due distinte interazioni intramolecolari: il legame del dominio

Dettagli

REGOLAZIONE DELL ATTIVITA ENZIMATICA 1) MODULAZIONE ALLOSTERICA NON-COVALENTE (REVERSIBILE)

REGOLAZIONE DELL ATTIVITA ENZIMATICA 1) MODULAZIONE ALLOSTERICA NON-COVALENTE (REVERSIBILE) REGOLAZIONE DELL ATTIVITA ENZIMATICA - Regolazione a lungo termine: la quantità di enzima può essere controllata regolando la velocità della sua sintesi o degradazione (minuti o ore) - Regolazione a breve

Dettagli

Funzioni dei nucleotidi

Funzioni dei nucleotidi Funzioni dei nucleotidi monomeri degli acidi nucleici esempi di altre funzioni ATP: moneta energetica GTP: fonte di energia nella sintesi proteica camp: secondo messaggero nella trasduzione del segnale

Dettagli

Il genoma dei batteri è organizzato in operon. Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore

Il genoma dei batteri è organizzato in operon. Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore Il genoma dei batteri è organizzato in operon Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore I geni di un operon sono diversi, ma concorrono allo

Dettagli

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata. Ciclo Cellulare

Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata. Ciclo Cellulare Le cellule eucariotiche svolgono durante la loro vita una serie ordinata di eventi che costituiscono il Ciclo Cellulare Interfase comprende le fasi G 1, S, and G 2 Sintesi di macromolecole durante la

Dettagli

Regolazione enzimatica Isoenzimi

Regolazione enzimatica Isoenzimi Regolazione enzimatica Isoenzimi Gli enzimi regolatori nel metabolismo gruppi di enzimi lavorano insieme per produrre una via metabolica in cui il prodotto del primo enzima diventa il substrato del secondo

Dettagli

Fondamenti di Chimica Farmaceutica. Recettori

Fondamenti di Chimica Farmaceutica. Recettori Fondamenti di Chimica Farmaceutica Recettori Recettori In biochimica, un recettore è una proteina, transmembrana o intracellulare, che si lega ad uno specifico ligando, causando nel recettore una variazione

Dettagli

I recettori di membrana e la trasduzione del segnale

I recettori di membrana e la trasduzione del segnale I recettori di membrana e la trasduzione del segnale I recettori di membrana recepiscono segnali fisici o chimici provenienti dall esterno della cellula fotoni / vibrazioni (recepiti dalle rodopsine nella

Dettagli

LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI

LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI LA TRASCRIZIONE NEGLI EUCARIOTI NEGLI EUCARIOTI TRASCRIZIONE E TRADUZIONE SONO DUE EVENTI SEPARATI CHE AVVENGONO IN DUE DIVERSI COMPARTIMENTI CELLULARI: NUCLEO E CITOPLASMA. INOLTRE, A DIFFERENZA DEI

Dettagli

Comunicazione Cellulare

Comunicazione Cellulare Comunicazione Cellulare Negli organismi pluricellulari le cellule comunicano a breve medio o lungo raggio mediante molecole segnale Rilasciate da cellula che le produce e ricevute da cellula bersaglio

Dettagli

NADH e NADPH. ATP = 1 moneta (energetica) della cellula NADH, NADPH = 2 moneta (potere riducente)

NADH e NADPH. ATP = 1 moneta (energetica) della cellula NADH, NADPH = 2 moneta (potere riducente) NADH e NADPH ATP = 1 moneta (energetica) della cellula NADH, NADPH = 2 moneta (potere riducente) NADH e NADPH non sono funzionalmente intercambiabili. [NAD + ]/[NADH] ~ 1000 favorisce ossidazione [NADP

Dettagli

Il trasporto del glucosio

Il trasporto del glucosio Il trasporto del glucosio Il glucosio non può diffondere direttamente nelle cellule Esso entra nelle cellule mediante due meccanismi di trasporto: a) diffusione facilitata Na + indipendente b) co-trasporto

Dettagli

10/30/16. non modificato CAP al 5 e poly-a al 3. RNA messaggero: soggetto a splicing

10/30/16. non modificato CAP al 5 e poly-a al 3. RNA messaggero: soggetto a splicing procarioti eucarioti poli-cistronico mono-cistronico non modificato CAP al 5 e poly-a al 3 RNA messaggero: procarioti eucarioti policistronico monocistronico non modificato CAP al 5 e poly-a al 3 continuo

Dettagli

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA. Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la. sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA. Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la. sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle proteine. Tuttavia il flusso unidirezionale di informazioni

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

BIOSEGNALAZIONE cap. 15, 15, 23 Lehninger Berne & Levy cap. 41

BIOSEGNALAZIONE cap. 15, 15, 23 Lehninger Berne & Levy cap. 41 BIOSEGNALAZIONE cap. 15, 15, 23 Lehninger Berne & Levy cap. 41 Un sistema vivente è capace di ricevere, rispondere e adattarsi ai cambiamenti dell ambiente circostante. I cambiamenti si manifestano sotto

Dettagli

INTRODUZIONE AL METABOLISMO. dal gr. metabolè = trasformazione

INTRODUZIONE AL METABOLISMO. dal gr. metabolè = trasformazione INTRODUZIONE AL METABOLISMO dal gr. metabolè = trasformazione IL Metabolismo Il metabolismo è la somma di tutte le trasformazioni chimiche che avvengono in una cellula o in un organismo. E costituito da

Dettagli

Tutor Pietro Bortoluzzi Cell

Tutor Pietro Bortoluzzi Cell Prof.ssa Paola Guandalini ---------------------------------------------------- Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico specialistiche Sezione di Fisiologia Umana

Dettagli

espressione genica processo attraverso cui l informazione di un gene viene decodificata

espressione genica processo attraverso cui l informazione di un gene viene decodificata espressione genica processo attraverso cui l informazione di un gene viene decodificata regolazione o controllo dell espressione genica meccanismi mediante i quali un gene viene selettivamente espresso

Dettagli

FARMACODINAMICA FARMACOCINETICA

FARMACODINAMICA FARMACOCINETICA FARMACODINAMICA FARMACOCINETICA Farmacodinamica La farmacodinamica studia gli effetti biochimici e fisiologici e il meccanismo d azione dei farmaci ² identificare i siti d azione dei farmaci ² delineare

Dettagli

BIOCHIMICA APPLICATA e CLINICA

BIOCHIMICA APPLICATA e CLINICA BIOCHIMICA APPLICATA e CLINICA Regolazione Enzimatica Biosegnalazione Regolazione Ormonale Specializzazioni metaboliche (Biochimica d Organo) Integrazione del metabolismo BIOCHIMICA APPLICATA e CLINICA

Dettagli

Regolazione dell espressione genica nei batteri e nei batteriofagi

Regolazione dell espressione genica nei batteri e nei batteriofagi Regolazione dell espressione genica nei batteri e nei batteriofagi Prof. Renato Fani Lab. di Evoluzione Microbica e Molecolare Dip.to di Biologia Evoluzionistica,Via Romana 17-19, Università di Firenze,

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Sistema Endocrino 1. Principi generali. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona

Sistema Endocrino 1. Principi generali. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Sistema Endocrino 1. Principi generali Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Principi generali di fisiologia endocrina Meccanismi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Biofisica e Fisiologia I. Muscolo liscio

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Biofisica e Fisiologia I. Muscolo liscio Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Muscolo liscio Muscolo cardiaco scheletrico liscio MUSCOLO LISCIO La muscolatura liscia si trova nelle pareti degli organi cavi.

Dettagli

Regolazione ormonale del metabolismo energetico. Lezione del 11 marzo 2014

Regolazione ormonale del metabolismo energetico. Lezione del 11 marzo 2014 Regolazione ormonale del metabolismo energetico Lezione del 11 marzo 2014 Effetti fisiologici e metabolici dell adrenalina: preparazione all azione EFFETTO IMMEDIATO EFFETTO COMPLESSIVO Effetto fisiologico

Dettagli

Nucleotidi 20/12/2013. Nucleotidi (1) Ribosio Vs. Desossirbosio

Nucleotidi 20/12/2013. Nucleotidi (1) Ribosio Vs. Desossirbosio I Nucleotidi Hanno Tre Componenti Nucleotidi https://www2.chemistry.msu.edu/faculty/reusch/virttxtjml/nucacids.htm Nucleotidi (1) Ribosio Vs. Desossirbosio Un Nucleotide è una molecola costituita da un

Dettagli

Nucleotidi 26/10/2014. Nucleotidi (1)

Nucleotidi 26/10/2014. Nucleotidi (1) I Nucleotidi Hanno Tre Componenti Base azotata Nucleotidi https://www2.chemistry.msu.edu/faculty/reusch/virttxtjml/nucacids.htm Base azotata Qualsiasi composto che manifesta proprietà basiche per via della

Dettagli

La nuova biologia.blu

La nuova biologia.blu David Sadava, David M. Hillis, H. Craig Heller, May R. Berenbaum La nuova biologia.blu Genetica, DNA ed evoluzione PLUS 2 Capitolo B4 La regolazione genica 3 Il genoma procariotico /1 I genomi procariotici

Dettagli

Ruolo della membrana plasmatica: - nelle comunicazioni intercellulari. - nella trasduzione del segnale extracellulare

Ruolo della membrana plasmatica: - nelle comunicazioni intercellulari. - nella trasduzione del segnale extracellulare Ruolo della membrana plasmatica: - nelle comunicazioni intercellulari - nella trasduzione del segnale extracellulare Tra cellule vicine, la comunicazione può avvenire con diverse modalità. Pure la comunicazione

Dettagli

- utilizzano esclusivamente le reattività chimiche di alcuni residui AA

- utilizzano esclusivamente le reattività chimiche di alcuni residui AA Enzimi semplici Enzimi coniugati - utilizzano esclusivamente le reattività chimiche di alcuni residui AA - richiedono la reattività chimica aggiuntiva di COFATTORI o COENZIMI gruppi prostetici COENZIMI

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

Omeostasi e coordinamento funzioni di un organismo

Omeostasi e coordinamento funzioni di un organismo Omeostasi e coordinamento funzioni di un organismo Organismi unicellulari Organismi pluricellulari Scambi attivi con l ambiente esterno Comunicazione elettrica Comunicazione chimica Meccanismi di comunicazione

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

catabolismo anabolismo

catabolismo anabolismo Il metabolismo è la somma di tutte le trasformazioni chimiche che avvengono in un organismo o in una cellula Il catabolismo è l insieme delle reazioni che portano alla scissione di molecole complesse (ricche

Dettagli

HER2 e carcinoma gastrico

HER2 e carcinoma gastrico Modulo 1 HER2 e carcinoma gastrico Cosa è HER2 Con l'acronimo HER2 viene identificato uno dei recettori per i fattori epidermici di crescita, codificato dal cromosoma 17; HER2 appartiene alla famiglia

Dettagli

Il pancreas endocrino

Il pancreas endocrino Il pancreas endocrino 1 Indice degli argomenti Che cos è il pancreas endocrino??? Funzioni principali degli ormoni pancreatici Anatomia del pancreas endocrino Innervazione nervosa Cellule β : INSULINA

Dettagli

Trasporti attraverso. Proteine di trasporto

Trasporti attraverso. Proteine di trasporto Trasporti attraverso la membrana Proteine di trasporto Diffusione Facilitata Caratteristiche dei trasporti mediati I carriers sono dotati di specificità Sono soggetti a saturazione Possono essere bloccati

Dettagli

Controllo dell espressione genica

Controllo dell espressione genica Controllo dell espressione genica Corso di Genetica per Scienze per l Ambiente e la Natura Alberto Pallavicini Perchè controllare l espressione genica? L intero complemento genico all interno di una singola

Dettagli

Gli organismi multicellulari si devono adattare ad un ambiente esterno che cambia continuamente. A tale scopo operano due sistemi, il sistema nervoso

Gli organismi multicellulari si devono adattare ad un ambiente esterno che cambia continuamente. A tale scopo operano due sistemi, il sistema nervoso Gli organismi multicellulari si devono adattare ad un ambiente esterno che cambia continuamente. A tale scopo operano due sistemi, il sistema nervoso ed il sistema endocrino. Il sistema nervoso gestisce

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF La trascrizione nei procarioti

Biologia Molecolare. CDLM in CTF La trascrizione nei procarioti Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 La trascrizione nei procarioti I meccanismi della trascrizione Il modello dell operone L attenuazione Batteri Polimerasi RNA Polimerasi Geni Trascritti Tutti

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione - Prof.ssa Luciana Avigliano A.A.

Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione - Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione - Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2011-12 Nutrienti quali regolatori delle funzioni cellulari AZIONE REGOLATORIA

Dettagli

I più comuni polisaccaridi sono: AMIDO CELLULOSA GLICOGENO DESTRINA

I più comuni polisaccaridi sono: AMIDO CELLULOSA GLICOGENO DESTRINA GLICOGENO POLISACCARIDI La maggior parte dei carboidrati che si ritrovano in natura sono polimeri ad alto peso molecolare chiamati polisaccaridi L u n i t à m o n o s a c c a r i d i c a p i ù frequente

Dettagli

Diffusione facilitata Trasporti mediati da proteine di membrana: i trasportatori

Diffusione facilitata Trasporti mediati da proteine di membrana: i trasportatori Diffusione facilitata Trasporti mediati da proteine di membrana: i trasportatori I trasportatori somigliano agli enzimi: catalizzano la traslocazione dei substrati da una parte all altra della membrana

Dettagli

I meccanismi di catalisi della sintesi di DNA e RNA sono identici

I meccanismi di catalisi della sintesi di DNA e RNA sono identici I meccanismi di catalisi della sintesi di DNA e RNA sono identici U U OH Ribo-nucleotide trifosfato TRASCRIZIONE Non ha bisogno di innesco Inizia a livello di un promotore La RNA polimerasi è totalmente

Dettagli

1) Sostanze liberate A B Recettori ormoni altre 2) Conduzione di segnali elettrici

1) Sostanze liberate A B Recettori ormoni altre 2) Conduzione di segnali elettrici MECCANISMI DI TRASMISSIONE DEI MESSAGGI LA COMUNICAZIONE CELLULARE 1) Sostanze liberate A B Recettori ormoni altre 2) Conduzione di segnali elettrici CONDUZIONE SALTATORIA PROPAGAZIONE DI UN PdA LUNGO

Dettagli

scaricatoda Come è noto il SNC controlla i muscoli e gli altri organi attraverso la branca efferente del SNP.

scaricatoda  Come è noto il SNC controlla i muscoli e gli altri organi attraverso la branca efferente del SNP. Come è noto il SNC controlla i muscoli e gli altri organi attraverso la branca efferente del SNP. Il sistema parasimpatico controlla la routine e le attività tranquille del vivere quotidiano, come per

Dettagli

Mantenimento dell omeostasi

Mantenimento dell omeostasi Sistema Endocrino Ruolo nell omeostasi Ruolo nell esercizio fisico 1. Regolazione del metabolismo 2. Induzione di risposte adattative allo stress 3. Promozione della crescita e dello sviluppo sequenziale

Dettagli

Mantenimento dell omeostasi

Mantenimento dell omeostasi Sistema Endocrino Ruolo nell omeostasi Ruolo nell esercizio fisico 1. Regolazione del metabolismo 2. Induzione di risposte adattative allo stress 3. Promozione della crescita e dello sviluppo sequenziale

Dettagli

Biosintesi dei carboidrati

Biosintesi dei carboidrati Biosintesi dei carboidrati Gluconeogenesi: sintesi di glucosio da precursori non saccaridici La riserva di glucosio dell organismo (glucosio + glicogeno) è sufficiente per circa 1 giorno. La via gluconeogenetica

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici STRUTTURA TERZIARIA La struttura tridimensionale

Dettagli

Enzimi = catalizzatori di una reazione biochimica Caratteristiche: Specificità: ogni enzima riconosce specificamente il/i substrato/i e non altre

Enzimi = catalizzatori di una reazione biochimica Caratteristiche: Specificità: ogni enzima riconosce specificamente il/i substrato/i e non altre Enzimi = catalizzatori di una reazione biochimica Caratteristiche: Specificità: ogni enzima riconosce specificamente il/i substrato/i e non altre molecole, anche chimicamente simili al substrato. Saturabilità:

Dettagli

Trascrizione negli eucarioti

Trascrizione negli eucarioti Trascrizione negli eucarioti TRASCRIZIONE EUCARIOTI Fattori di trascrizione fattori basali, attivatori (costitutivi, non costitutivi), co-attivatori, repressori Enhancer Promotore 100bp 200bp Enhancer:

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms I RECETTORI Farmaci antagonisti I beta-bloccanti per l ipertensione competono con adrenalina e noradrenalina per il recettore beta-adrenergico.

Dettagli

REGOLAZIONE DEL CICLO CELLULARE

REGOLAZIONE DEL CICLO CELLULARE REGOLAZIONE DEL CICLO CELLULARE Il sistema di controllo che regola la progressione del ciclo cellulare deve: 1) Garantire che tutti i processi associati con le diverse fasi siano portati a termine al tempo

Dettagli

Molecola segnale procedente della cellula segnalatrice Come il telefono, la cellula pure ha meccanismi per la trasduzione del segnale.

Molecola segnale procedente della cellula segnalatrice Come il telefono, la cellula pure ha meccanismi per la trasduzione del segnale. LA SEGNALAZIONE CELLULARE TuAe le cellule hanno bisogno di comunicare col loro ambiente (ricevere informazione dei dintorni) e con altre cellule. In organismi pluricellulari la complessità di questa comunicazione

Dettagli

TRASCRIZIONE DEL DNA. Formazione mrna

TRASCRIZIONE DEL DNA. Formazione mrna TRASCRIZIONE DEL DNA Formazione mrna Trascrizione Processo mediante il quale l informazione contenuta in una sequenza di DNA (gene) viene copiata in una sequenza complementare di RNA dall enzima RNA polimerasi

Dettagli

Il flusso e la regolazione dell informazione genica. Lezione nr. 8 Psicobiologia

Il flusso e la regolazione dell informazione genica. Lezione nr. 8 Psicobiologia Il flusso e la regolazione dell informazione genica Lezione nr. 8 Psicobiologia L informazione che viene trascritta non riguarda tutto il DNA ma solo delle particolari sequenze definite GENI. Tipologie

Dettagli

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA DNA: contiene tutte le informazioni per definire lo sviluppo e la fisiologia della cellula: ma come svolge questa funzione? Beadle e Tatum (1941): studiando mutanti della comune

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERCELLULARE

COMUNICAZIONE INTERCELLULARE COMUNICAZIONE INTERCELLULARE TRASFERIMENTO DIRETTO DI SEGNALI CHIMICI E ELETTRICI ATTRAVERSO GIUNZIONI COMUNICANTI COMUNICAZIONE CHIMICA LOCALE (SOSTANZE PARACRINE E AUTOCRINE) COMUNICAZIONE A LUNGA DISTANZA

Dettagli

La Terminazione della Trascrizione

La Terminazione della Trascrizione La Terminazione della Trascrizione I geni batterici possiedono dei terminatori della trascrizione. I Terminatori sono sequenze dell RNA che promuovono il distacco dell RNA polimerasi dal templato Ne esistono

Dettagli

Proprietà di permeabilità della membrana

Proprietà di permeabilità della membrana Proprietà di permeabilità della membrana Il Trasporto attraverso le membrane La fase lipidica delle membrane le rende impermeabili alla maggior parte degli ioni e delle sostanze polari. Questi composti

Dettagli

Esempi di funzioni svolte dalle proteine

Esempi di funzioni svolte dalle proteine Esempi di funzioni svolte dalle proteine Trasporto di sostanze Esempi di funzioni svolte dalle proteine Trasporto di sostanze Funzioni strutturali Esempi di funzioni svolte dalle proteine Trasporto di

Dettagli

La trascrizione. La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA

La trascrizione. La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA LA TRASCRIZIONE La trascrizione La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA Le caratteristiche dell RNA La costituzione a singolo filamento permette alle

Dettagli

Laboratorio Fitness & Wellness

Laboratorio Fitness & Wellness Laboratorio Fitness & Wellness Anno Accademico 2015/2016 Ewan Thomas, MSc Principi di Bioenergetica e Biomeccanica Metabolismo Catabolismo Processi di degradazione che permettono di liberare energia Anabolismo

Dettagli

Proprietà Esotossine Endotossine

Proprietà Esotossine Endotossine Principali differenze tra Esotossine ed Endotossine Proprietà Esotossine Endotossine Proprietà chimiche Modalità d azione Immunogenicità Potenzialità del tossoide Proteine secrete nell ambiente extracellulare

Dettagli

Comunicazione cellulare

Comunicazione cellulare Comunicazione cellulare Per segnali cellulari (cell signaling) si può intendere sia una catena di segnali tutti all interno di una cellula sia la catena di eventi che consente ad un segnale extracellulare

Dettagli

Fattori di crescita. Membrana citoplasmatica. Recettori di fattori di crescita. Proteine trasduttrici del segnale. Nucleo. Fattori trascrizionali

Fattori di crescita. Membrana citoplasmatica. Recettori di fattori di crescita. Proteine trasduttrici del segnale. Nucleo. Fattori trascrizionali Fattori di crescita Recettori di fattori di crescita Membrana citoplasmatica roteine trasduttrici del segnale Nucleo Fattori trascrizionali roteine del ciclo cellulare Ciclo di divisione cellulare Fattori

Dettagli

Fosforilazione a livello del substrato

Fosforilazione a livello del substrato 10 piruvato chinasi Fosfoenolpiruvato Rib Adenina Piruvato ADP Rib ATP Adenina Fosforilazione a livello del substrato 3 Fosfofruttochinasi-1 (PFK-1) Fruttosio 6-fosfato Fruttosio 1,6-bisfosfato 1 esochinasi

Dettagli

I RECETTORI PER NEUROTRASMETTITORI E ORMONI: CARATTERISTICHE GENERALI. 1.Localizzazione: recettori di membrana e recettori intracellulari

I RECETTORI PER NEUROTRASMETTITORI E ORMONI: CARATTERISTICHE GENERALI. 1.Localizzazione: recettori di membrana e recettori intracellulari I RECETTORI PER NEUROTRASMETTITORI E ORMONI: CARATTERISTICHE GENERALI Classificazione per: 1.Localizzazione: recettori di membrana e recettori intracellulari 2.Struttura 3.Modalità di funzionamento 4.Agonista

Dettagli

07/01/2015. Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore. Terminazione intrinseca (rho-indipendente)

07/01/2015. Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore. Terminazione intrinseca (rho-indipendente) Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore Terminazione intrinseca (rho-indipendente) Terminazione dipendente dal fattore Rho (r) 1 Operoni: gruppi di geni parte di una unica unità trascrizionale

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli