L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo"

Transcript

1 L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle, i protoni e i neutroni). Attorno al nucleo vi è una nube di altre particelle, gli elettroni, che ruotandogli intorno descrivono orbite ellittiche. Nello stesso tipo di atomo il numero di elettroni e di protoni corrisponde; a seconda del tipo di atomo esso varia da 1 (idrogeno) a 92 (uranio). Gli elettroni completano l orbita più interna prima di disporsi su una successiva. Elettroni e protoni creano intorno ad essi un campo di forze, diverse tra di loro. Convenzionalmente si è deciso di chiamare negativa (segno -) la forza degli elettroni e positiva (segno +) quella dei protoni. Si è notato che particelle dotate di cariche dello stesso segno si respingono, di cariche di segno opposto si attraggono. Le molecole 1 orbita max 2 elettroni 2 orbita max 8 elettroni 3 orbita max 18 elettroni 4 orbita max 32 elettroni 5 orbita max 18 elettroni 6 orbita max 9 elettroni 7 orbita max 2 elettroni Se un atomo ha l ultima orbita non completa tenderà: 1. a perdere gli elettroni dell ultima orbita non completa se essi sono pochi 2. a completare l orbita catturando elettroni di altri atomi. Se questi elettroni continuano a mantenere il legame con il loro nucleo originario si forma una molecola, cioè un insieme di atomi legati tra di loro dagli elettroni messi in comune Gli elettroni liberi Esempio una molecola d acqua dove un atomo di ossigeno (con 6 elettroni sulla seconda orbita) completa la seconda orbita fissandovi gli elettroni di due atomi di idrogeno. Abbiamo visto come alcuni atomi hanno la tendenza a perdere gli elettroni collocati sull ultima orbita, se questi sono pochi. In questi casi gli elettroni liberi gireranno disordinatamente tra gli atomi usando come strada le loro orbite esterne. Chiameremo conduttori i materiali che hanno queste caratteristiche e che dunque che favoriscono il movimento degli elettroni. Chiameremo isolanti i materiali che hanno caratteristiche opposte. Quelli cioè in cui gli elettroni, avendo l orbita esterna quasi completa, tendono a completarla attirando altri elettroni. Quando l ultima orbita è completa non potrà essere più usata da altri elettroni come strada per spostarsi tra gli atomi. Questi materiali tendono dunque ad ostacolare il movimento degli elettroni una curiosità se il nucleo di un atomo fosse grande un centimetro gli ultimi elettroni sarebbero alla distanza di un chilometro e a tre chilometri incontreremmo l atomo più vicino By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 1

2 I poli elettrici e la differenza di potenziale Un altro fenomeno importante riguardante gli elettroni è che, sia per cause naturali che per effetto dell opera dell uomo, è possibile che si concentrino in un punto (che chiamerò polo carico o negativo) una quantità di elettroni molto maggiore di quanti ve ne dovrebbero essere. Questi elettroni in eccesso stazionano sulle orbite esterne degli atomi e saranno attirati verso qualsiasi punto con un minor carico di energia (polo meno carico o positivo). In giornate ventose e secche ci potrà essere capitato di prendere una scossa toccando un automobile. La carrozzeria dell automobile ha sottratto elettroni (per sfregamento) agli atoni dell aria ma non può cederli al terreno perché le ruote di gomma sono isolanti. Quando noi tocchiamo la carrozzeria dell automobile il nostro corpo, che è un discreto conduttore, fa da ponte permettendo il passaggio degli elettroni in eccesso verso il terreno. Il passaggio di elettroni continuerà sino a quando lo squilibrio sarà colmato. L energia con cui gli elettroni sono attirati dal polo meno carico si chiama tensione o differenza di potenziale. Essa dipende dallo squilibrio esistente tra il polo carico e quello meno carico. L unità di misura della tensione è il volt. Gli elettroni sono attirati dal polo meno carico, ma la loro possibilità di spostamento, oltre che dall intensità della tensione, dipende da vari fattori: 1) dalla natura del materiale da attraversare, che può essere: un buon conduttore > materiale i cui atomi, tendendo a perdere i pochi elettroni presenti nell ultima orbita, agevolano il suo utilizzo da parte degli elettroni che si spostano (corrente elettrica). un isolante > materiale i cui l ultima orbita degli atomi, una volta completata, non è facilmente utilizzabile per il transito di elettroni. un cattivo conduttore o semiconduttore > nei casi intermedi (passaggio di elettroni ma con difficoltà. 2) dalla sua lunghezza la lunghezza del materiale di collegamento moltiplica le difficoltà che gli elettroni incontrano per attraversarlo 3) dalla sua sezione il materiale di collegamento tra i due poli è come un canale percorso da elettroni in movimento che viaggiano utilizzando le orbite esterne degli atomi. Se il canale è grande vi sarà molto spazio a disposizione degli elettroni che lo attraversano, se è piccolo, lo spazio sarà minore. Dunque la sezione va calcolata in base alla quantità di elettroni che si prevede di far passare; se essa è piccola rispetto al numero di elettroni che passano, le ultime orbite saranno saturate e il passaggio diventerà difficoltoso. 4) dalla temperatura dell ambiente il calore consiste in una vibrazione degli atomi che formano la materia. Rendendone meno lineare il percorso, questa vibrazione limita la quantità di elettroni che possono attraversare la materia. Di conseguenza, maggiore è il calore del conduttore minore sarà la sua capacità di trasportare elettroni. Tenendo conto di tutti questi fattori, tra i due poli possiamo avere le seguenti situazioni: a) rapido passaggio di corrente in genere c è un buon conduttore ed anche gli altri fattori agevolano il passaggio di corrente. Gli elettroni potranno dirigersi verso il polo meno carico colmando rapidamente la differenza di carica elettrica tra i due poli b) nessun passaggio di corrente tra i due poli c è un materiale isolante. Gli atomi vicino al polo carico, hanno le orbite esterne complete o le completano rapidamente non lasciando così alcuna possibilità di passaggio. Nel caso di tensioni molto elevate gli elettroni hanno spesso l energia necessaria per superare la sostanza isolante in tutta la sua lunghezza. In tal caso vedi la situazione C. By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 2

3 c) passaggio della corrente con difficoltà tra i due poli c è passaggio di corrente, reso però difficoltoso a causa dei fattori precedentemente citati. Questo fatto ha due conseguenze: 1) la quantità di elettroni che riesce a passare è in rapporto alle difficoltà incontrate sul percorso 2) a causa delle limitate possibilità di passaggio molti elettroni in transito finiranno per interferire con gli elettroni che ruotano sulle orbite più esterne degli atomi perdendo così una parte della loro energia (energia elettrica) che verrà trasformata, a seconda dei casi in calore o in emissione di onde radianti divario tipo (luce, ecc...) Fulmine in un temporale estivo. In questo caso la tensione tra le nuvole cariche di elettroni e il terreno è talmente elevata da vincere la resistenza di un materiale fortemente isolante come l aria. Lo scontro con gli elettroni in transito rende incandescenti gli atomi dell aria La corrente elettrica e il calore Quando degli elettroni si muovono con energia all interno di una materia che resiste al loro passaggio (cattivo conduttore), gli elettroni, che non trovano spazio sulle orbite esterne degli atomi, forzano il passaggio scontrandosi con i campi di forza degli elettroni dell atomo. Questo comporta una perdita di energia da parte degli elettroni in transito mentre tutta la struttura dell atomo si mette a vibrare. Tale vibrazione, che costringe l atomo a occupare più spazio, si trasmette anche agli atomi vicini. Il calore Il calore è dato dall oscillazione degli atomi che compongono il materiale Isolanti termici sono quei materiali che ostacolano la propagazione delle vibrazioni degli atomi e dunque del calore La corrente elettrica e la luce Un altro effetto della situazione precedentemente descritta può essere l emissione della luce. A causa della repulsione tra i campi di forza degli elettroni in transito e quelli che ruotano nelle orbite esterne degli atomi può succedere che questi ultimi vengano spinti verso un orbita diversa. I primi cederanno della loro energia all elettrone dell atomo. Questo ultimo, cessata la situazione di repulsione, ritorneranno nella loro orbita emettendo la particella di energia (fotone) precedentemente acquisita. Una emissione di fotoni si può avere anche quando un elettrone in movimento deve usare dell energia per saltare tra le orbite esterne degli elettroni. Dunque l emissione di un fotone è una perdita di energia da parte di un elettrone in movimento. Il fotone viaggia oscillando nello spazio e il numero delle oscillazioni che avvengono in un secondo si chiama frequenza; essa dipende dalle condizioni dell elettrone al momento dell emissione. By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 3

4 A seconda della frequenza dei fotoni emessi possiamo avere: bassa raggi cosmici raggi gamma raggi x ultra violetto luce infrarossi micro onde onde tv alta onde radio viola azzurro verde giallo arancione rosso i fotoni, a seconda della loro frequenza, e delle caratteristiche degli atomi che incontrano, possono: essere riassorbiti dagli atomi (questo comporta un aumento della loro oscillazione e dunque del calore) attraversare in tutto o in parte gli atomi di un materiale (ad esempio sostanze trasparenti). Passando da un mezzo ad un altro la luce ha una lieve variazione di velocità e di lunghezza d onda che determina anche una piccola deviazione La luce viaggia nel vuoto e nell aria a chilometri al secondo, nel vetro e nell acqua rallenta di 2/3 circa. La resistenza L importanza per l uomo dei fenomeni elettrici inizia con la scoperta di alcuni materiali, detti semiconduttori, che hanno un comportamento intermedio tra conduttori e isolanti. Sottoposti, su tratti brevi, a tensioni anche non molto elevate, lasciano passare gli elettroni ma in numero limitato e con difficoltà. Inoltre questo passaggio provoca i fenomeni che abbiamo già visto: emissione di luce e calore. E quello che succede nel breve tratto di filo di tungsteno inserito in una lampadina. Gli elettroni che lo attraversano si scontrano con le strutture atomiche di questo materiale; gli atomi inizieranno a oscillare (calore) mentre il cambiamento dell orbita di rotazione di alcuni elettroni (causato dallo scontro) provocherà l emissione di fotoni (luce). L attraversamento di una resistenza (così viene chiamato il materiale che pone un ostacolo al passaggio degli elettroni) causerà, agli elettroni che la percorrono, la perdita dell energia con cui vengono attirati dal polo meno carico. E energia elettrica che viene così trasformata in energia termica o luminosa. La resistenza opposta al passaggio degli elettroni sarà inversamente proporzionale alla tensione di questi ultimi: più elevata sarà l energia con cui gli elettroni spingono maggiore sarà il numero di elettroni che riuscirà a superare l ostacolo (intensità). L intensità si misura in ampere (un ampere equivale al passaggio di circa seimila miliardi di elettroni al secondo), la tensione in volt mentre la resistenza in ohm. Queste tre unità di misura sono collegate tra di loro: noi avremo una corrente di un ampere se alla tensione di un volt viene opposta una resistenza di un ohm. La quantità di energia che una resistenza riesce a strappare agli elettroni in un secondo dipenderà dalla quantità di elettroni che vi transitano (intensità) e dall energia con cui essi si muovono (tensione). Tale quantità si chiama potenza e si misura in watt. tensione energia con cui gli elettroni sono attirati dal polo meno carico volt ampere = ohm intensità la quantità di elettroni che riesce a spostarsi dal polo carico a quello meno carico resistenza (utilizzatore) ostacolo che costringe gli elettroni a cedere la loro energia che si trasforma in luce e calore Grazie alle resistenze (dette anche utilizzatori di energia elettrica) l elettricità dà dunque la possibilità di ottenere luce e calore e movimento evitando gli svantaggi legati all uso dei combustibili (spiegare come si ottiene il movimento è più complesso perché bisognerebbe approfondire i fenomeni elettromagnetici). By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 4

5 I generatori di energia elettrica Per consentire alla resistenza di svolgere il suo compito avremo bisogno di mantenere inalterata la differenza di potenziale tra i due poli.. Ciò è stato possibile realizzando degli strumenti che siano in grado di prelevare gli elettroni che arrivano privi di energia al polo meno carico, riportandoli, carichi di energia, nel polo carico. Gli strumenti in grado di compiere questa operazione, utilizzando un altro tipo di energia (meccanica, chimica, ecc...), si chiamano generatori di differenza di potenziale. Sono, ad esempio, generatori: la pila, dove per mantenere costante la differenza di potenziale tra i due poli si utilizza energia chimica (sino al suo esaurimento); la dinamo della bicicletta, dove si utilizza l energia meccanica di chi sta pedalando; l alternatore della centrale elettrica, dove si utilizza l energia meccanica dell acqua trasportata dalle condotte forzate. elettroni con energia altro tipo di energia generatore resistenza (utilizzatore) elettroni senza energia Una rete di distribuzione di energia elettrica è formata innanzitutto da generatori situati in centrali elettriche, che hanno il compito di mantenere la differenza di potenziale tra i poli. Questo avviene trasformando un altro tipo di energia. Lunghi elettrodotti, realizzati con materiali conduttori, serviranno per trasportare questa differenza di potenziale sino ai due fili che entrano nelle nostre case. La tensione con cui viene distribuita la corrente è di 220 volt ed è uguale in tutta Italia (è uno standard diffuso in molti altri paesi). Questo è necessario affinché i costruttori di apparecchiature che utilizzano corrente elettrica possano calcolare con precisione la resistenza che queste dovranno opporre al passaggio degli elettroni. Circuiti semplici Un circuito elettrico semplice sarà formato da un generatore, un utilizzatore (resistenza) e da fili conduttori di collegamento la cui sezione sarà calcolata tenendo conto della quantità di elettroni (intensità) che possono superare la resistenza. Nel caso i due fili (di andata e di ritorno) vengano a contatto tra di loro, il flusso di elettroni verso il polo meno carico, non più rallentato dalla resistenza, aumenterà oltre il limite previsto bruciando il filo non adatto a reggere tale intensità (corto circuito). Proprio per evitare che eventuali corti circuiti distruggano l impianto elettrico nei vecchi impianti si usava collocare un fusibile lungo il circuito. Esso consisteva in un sottile filo con un basso punto di fusione. Se l aumento dell intensità superava il limite stabilito, la fusione anticipata del fusibile interrompeva il passaggio della corrente salvando il resto dell impianto. Oggi i fusibili sono sostituiti da interruttori elettromagnetici (salvavita). By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 5

6 Circuiti con più resistenze A) collegamento delle resistenze in parallelo se collego al circuito altre resistenze in modo che ogni elettrone ne attraversi comunque una sola, dovrò aumentare l intensità in modo che per ogni resistenza passi la quantità di elettroni necessaria per il suo funzionamento. La tensione invece rimarrà fissa. Anche se collego più generatori in parallelo non aumenta la tensione del circuito ma la quantità di corrente a disposizione dell utilizzatore. B) collegamento delle resistenze in serie se invece il collegamento avviene in modo tale da costringere gli elettroni ad attraversare tutte le resistenze dovrò aumentare la tensione in modo che ogni elettrone abbia la quantità di energia necessaria per superare tutti gli ostacoli. Collegando più generatori in serie avrò una tensione totale equivalente alla somma delle tensioni dei singoli generatori. La possibilità di collegare e scollegare ogni singolo utilizzatore separatamente dagli altri rende molto più pratico l impianto in parallelo che infatti viene utilizzato per gli impianti elettrici domestici collegati alla rete elettrica nazionale. Anche i generatori (centrali elettriche) saranno collegati in parallelo in modo da essere messi in funzione in numero maggiore quando occorrerà una maggiore intensità di corrente. L impianto elettrico in parallelo All ingresso dell abitazione, e anche del nostro modellino, avremo due fili che riproducono i due poli. Per fornire energia alle numerose resistenze realizzeremo un impianto in parallelo. Uno dei due fili, filo di entrata, viene diviso in numerose diramazioni su ognuna delle quali vi sarà un interruttore e un utilizzatore. Tutte le diramazioni si ricongiungeranno verso il secondo filo (filo di uscita). L impianto è dunque realizzato in modo che ogni elettrone ne attraversi comunque una sola resistenza. Prima della suddivisione nelle varie diramazioni, sul filo di entrata viene collocato un interruttore (interruttore generale) che ha lo scopo di interrompere il flusso di elettroni su tutto l impianto. Più aumento le diramazioni e gli utilizzatori, più dovrà aumentare l intensità in modo che per ogni resistenza passi la quantità di elettroni necessaria per il suo funzionamento. La tensione invece rimarrà fissa. codici del disegno tecnico di impianti elettrici By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 6

7 magnetismo ed elettricità MAGNETISMO ED ELETTRICITA' Esiste in natura un minerale del ferro, la magnetite, che ha la proprietà di attirare piccoli frammenti di altri metalli, in particolare il ferro e le sue leghe. La magnetite è definita magnete naturale o calamita, mentre il fenomeno viene chiamato magnetismo. Se osserviamo una calamità, possiamo osservare che le proprietà magnetiche che la caratterizzano non sono uniformemente distribuite sulla sua superficie, ma sono evidenti solo alle sue estremità, dette poli. Più precisamente, tali estremità vengono chiamate polo nord (N) e polo sud (S). Questi nomi derivano dal fatto che la Terra stessa è percorsa da un flusso, chiamato campo magnetico terrestre, il cui asse longitudinale è spostato di soli 7 rispetto all'asse dì rotazione. L'estremità settentrionale dell'asse longitudinale del flusso magnetico corrisponde al cosiddetto polo nord magnetico. Le calamite e tutti i corpi dotati di proprietà magnetiche, se lasciati liberi di ruotare, si orientano in modo che il loro polo N sia rivolto nella direziono del polo nord magnetico (è ciò che avviene ad esempio in una bussola). L'orientamento delle forze magnetiche intorno a una calamità sì dispone come un flusso invisibile tra le sue estremità. Possiamo immaginare questo flusso magnetico come se uscisse dal polo N, per rientrare poi nell'altro, il polo S. La disposizione delle forze di attrazione nello spazio circostante al magnete segue le linee di flusso ed è detta campo magnetico. Tutti i magneti possiedono alcune proprietà interessanti: o o o se suddividiamo un magnete in pezzi anche piccolissimi, ognuno di questi possiederà entrambi i poli se avviciniamo due magneti, notiamo che le polarità opposte (N-S) vengono reciprocamente attratte, mentre le polarità uguali {N-N o S-S) si respingono, analogamente a quanto avviene per le cariche elettriche esiste tra magnetismo ed elettricità una stretta relazione, che è alla base dei generatori meccanici di corrente elettrica e di tutte le macchine elettriche. La scoperta del legame fra elettricità e magnetismo rese possibile le grandi invenzioni del telegrafo, il telefono e la radio. L'elettromagnetismo Una corrente elettrica che percorre un filo genera nello spazio circostante un campo magnetico a cerchi concentrici attorno al conduttore. Un filo conduttore viene dunque attraversato nello stesso verso dalie linee del campo magnetico, lungo un asse Nord-Sud, Esso si comporta all'incirca come una calamità, ma l'aria provoca una forte dispersione del flusso magnetico. Se avvolgiamo a spirale un filo conduttore su un cilindro di plastica o cartone (rocchetto), e facciamo passare attraverso di esso una corrente elettrica, otteniamo un campo magnetico molto intenso. Realizziamo così una bobina o solenoide. In una bobina, l'intensità del campo magnetico è proporzionale sia al numero delle spire che all'intensità della corrente continua che circola nella spirale. Questo fenomeno è avvertibile con una bussola, e può essere rappresentato graficamente con una maggiore densità delle linee di forza; le due estremità della bobina divengono il polo Nord e il polo Sud. La magnetizzazione per induzione Possiamo facilmente notare come un elettrone che ruota intorno ad un nucleo forma una spira; di conseguenza, anche in questo caso avremo la creazione di linee di forza magnetiche e di due opposte polarità sui due lati della spira. Questo normalmente non provoca conseguenze perché gli elettroni ruotano disordinatamente intorno al nucleo annullando reciprocamente gli effetti dei campi magnetici che ognuno di essi provoca. I materiali ferrosi hanno però una struttura interna particolare che li rende facilmente magnetizzabili se messi a contatto o avvicinati a un magnete. Possiamo verificare questa proprietà raccogliendo chiodi o monete ferrose con una calamità. Infatti in questi metalli l'ingresso in un campo magnetico provoca una modifica nella rotazione degli elettroni intorno ai nuclei in modo che essa sia coerente con le linee di forza che li stanno attraversando. Cessata la causa esse ritornano nella posizione originaria e l'effetto svanisce. È interessante osservare però che l'azione magnetizzante è indipendente dal contatto. Sui materiali ferrosi infatti agiscono le linee di forza del campo magnetico, che si spingono oltre la calamita. Questo effetto viene chiamato induzione. By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 7

8 magnetismo ed elettricità L'azione del campo magnetico cioè induce essi a modificare le orbite degli elettroni; così una qualsiasi sbarretta dì ferro, avvicinata ad una calamità si trasforma anch'essa temporaneamente in magnete, attirando a sua volta piccoli oggetti ferrosi. Allontanando la calamità l'effetto cessa. Alcuni ossidi ferrosi però mantengono invece l'orientamento acquisito e tale orientamento rimane stabile finché non viene modificato da un'altra azione magnetizzante. Sull'utilizzo di questi materiali si basa la registrazione magnetica delle videocassette, dei dischetti dei computer e anche delle carte di credito. L'elettrocalamita L'elettrocalamita è in sostanza una bobina all'interno della quale è stato collocato un cilindro di ferro dolce, chiamato nucleo. Il nucleo di ferro, sottoposto al campo magnetico generato dalla bobina, si magnetizza, diventando cosi un magnete artificiale. Le proprietà magnetiche dell'elettrocalamita si verificano quando la bobina viene attraversata dalla corrente elettrica: in questo caso essa è in grado di attirare oggetti metallici, II campo magnetico si attenua diminuendo l'intensità di corrente e cessa del tutto con l'apertura del circuito. Pertanto l'elettrocalamita è un magnete temporaneo. Sfruttando il fenomeno dell'elettromagnetismo si può trasformare l'energia elettrica in energia meccanica (cinetica o potenziale); tale tecnica ha una notevole importanza e viene utilizzata in molti apparecchi di uso comune: nel campanello elettrico, negli interruttori a scatto, negli altoparlanti, nelle testine di registrazione, oltre che nei motori elettrici. Nell'elettrocalamita il campo magnetico può variare secondo il tipo dì corrente che attraversa la bobina: se la corrente è continua, cioè se scorre sempre nello stesso verso, anche le linee di forza del campo magnetico mantengono lo stesso orientamento (campo magnetico costante); se la corrente è alternata, cioè se inverte ritmicamente il suo verso lungo il conduttore, varia di conseguenza anche la direzione del campo magnetico da essa generato, che scambia le sue polarità Nord- Sud seguendo lo stesso ritmo (campo magnetico variabile). La regola della presa della mano destra indica l'orientamento delle linee di forza che rappresentano il campo magnetico generato da una corrente elettrica passante per un solenoide (ad esempio per un filo). Se con la mano destra si immagina di afferrare il solenoide ponendo la punta del pollice nel verso della corrente, la punta delle altre dita (chiuse intorno al solenoide) indicherà il verso del campo magnetico. L'induzione elettromagnetica L'induzione elettromagnetica introduce un nuovo elemento nella relazione tra corrente elettrica e flusso magnetico: il movimento. Se avviciniamo un conduttore ad un magnete, in modo che attraversi in qualche punto le linee di forza del campo magnetico, possiamo verificare che si produce ai suoi estremi una differenza di potenziale. Questa tensione è tanto più alta quanto maggiore è il numero di linee di forza tagliate dal conduttore, cioè quanto più sono vicini il magnete e il conduttore. La tensione creata, chiamata forza elettromotrice (f.e.m.) indotta, dipende anche dall'intensità del campo magnetico e dalla lunghezza del conduttore situato all'interno di esso. Chiudendo il circuito questo potenziale elettrico produce la circolazione di una corrente. Se agiamo all'inverso, cioè tenendo fermo il conduttore, e avvicinando a questo il magnete, otteniamo lo stesso effetto, purché il conduttore attraversi le linee del flusso del campo magnetico. Il principio dell'induzione elettromagnetica è quindi valido anche se applicato in senso inverso. Così come le variazioni di corrente elettrica generano variazioni del campo magnetico e, tramite esse, un movimento (funzionamento del campanello o del motore elettrico elementare), analogamente le variazioni di movimento tra una bobina e un magnete generano una corrente elettrica. Sfruttando l'induzione elettromagnetica si può quindi trasformare l'energia meccanica in energia elettrica, come nel caso dei generatori meccanici di corrente, ma si può anche utilizzare l'energia elettrica per produrre movimento, come nel caso dei motori elettrici. By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 8

9 magnetismo ed elettricità I generatori meccanici di corrente I generatori meccanici di corrente, come abbiamo visto, servono a trasformare l'energia meccanica in energia elettrica. Essi sono utilizzati in molti campi (dalle grandi centrali che producono elettricità ai motori delle automobili) per trasformare il moto rotatorio in energia elettrica. L'energia meccanica viene fornita da una fonte esterna, come la ruota di una bicicletta o l'albero motore di un'automobile, Essa si manifesta a impulsi, dovuti alla particolarità del movimento rotatorio. Vi sono due tipi di generatori meccanici di corrente; la dinamo e l'alternatore. La differenza di funzionamento tra i due tipi di generatori risiede nella diversa realizzazione dei loro contatti. Come è fatto un generatore meccanico di corrente I generatori meccanici di corrente sono formati essenzialmente da tre parti: lo statore, o induttore, costituito da due magneti in grado di generare un campo magnetico molto intenso; il rotore, o indotto, è una parte metallica mobile messa in rotazione da una forza esterna; la sua rotazione produce corrente, grazie al fenomeno dell'induzione elettromagnetica; il collettore, che ha la funzione dì convogliare la corrente prodotta dal rotore ad un circuito elettrico esterno, per mezzo delle spazzole. la dinamo La dinamo è costituita secondo lo schema comune di tutti i generatori meccanici di corrente, con la particolarità che l'organo che convoglia la corrente indotta dalla spira è un commutatore. Osservando il funzionamento di una dinamo, notiamo che in essa i contatti tra il commutatore e le spazzole, che la collegano al circuito elettrico estremo, vengono scambiati a ogni suo mezzo giro, In questo modo la corrente elettrica indotta, che nella spira inverte continuamente il verso di scorrimento, lo mantiene invece costante nel circuito. La corrente che così viene generata si chiama corrente continua. l'alternatore L'alternatore è il generatore tipico delle centrali elettriche le quali sfruttano l'energia cinetica dell'acqua o l'effetto termodinamico del vapore. Esso è costituito come la dinamo, con l'unica eccezione che l'organo che preleva la corrente indotta dalla spira non è un commutatore, essendo formato da due anelli interi, detti anelli collettori. In questo modo la corrente elettrica che viene immessa nel circuito elettrico esterno inverte continuamente il verso di scorrimento, analogamente a quanto avviene nella spira. La corrente cosi generata viene quindi chiamata corrente alternata. Questo tipo di corrente presenta grandi vantaggi per la distribuzione di energia elettrica. La spira taglia perpendicolarmente le linee di flusso solo due volte durante ogni giro. La tensione in questi istanti è massima, poi scende fino a scomparire dopo un quarto di giro, quando il suo movimento avviene lungo le linee, quindi risale e il ciclo continua. Il diagramma della tensione generata perciò non è mai lineare. A ogni mezzo giro le linee di forza del campo magnetico attraversano la spira in senso inverso, generando una tensione con polarità rovesciate e la corrente elettrica percorre la spira nell'altro verso. By Paolo Molena -05/12/2008 pag. 9

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

INDICE Raccomandazioni Norme di sicurezza Attenzione Avvertenze per i genitori

INDICE Raccomandazioni Norme di sicurezza Attenzione Avvertenze per i genitori INDICE DISTINTA DEI PEZZI Pag. 4 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Pag. 5 L ELETTRICITÀ NELLA VITA QUOTIDIANA Pag. 6 LA CORRENTE ELETTRICA E RELATIVI ESPERIMENTI Pag. 9 IL MAGNETISMO E RELATIVI ESPERIMENTI Pag.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

CLASSE IV- Opzione 2 Corsi supplementari di scienze naturali L ENERGIA ELETTRICA

CLASSE IV- Opzione 2 Corsi supplementari di scienze naturali L ENERGIA ELETTRICA CLASSE IV- Opzione 2 Corsi supplementari di scienze naturali L ENERGIA ELETTRICA L energia elettrica 1. Il magnetismo E 2.1. Calamite e poli magnetici. E 2.2. Poli magnetici e magnetismo terrestre. E 2.3.

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

IMPIANTISTICA DI BORDO

IMPIANTISTICA DI BORDO IMPIANTISTICA DI BORDO 1 ELEMENTI DI ELETTROTECNICA 2 MAGNETISMO ED ELETTROMAGNETISMO 3 PRODUZIONE,TRASFORMAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA A BORDO 4 ALTERNATORI E MOTORI SINCRONI 5 MOTORI

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA. Roberto Renzetti (2004)

FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA. Roberto Renzetti (2004) FISICA/MENTE ALCUNE QUESTIONI CONNESSE CON LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL'ENERGIA ELETTRICA Roberto Renzetti (2004) PREMESSA L'idea di scrivere queste pagine e di riprendere, ripescandovi, un mio vecchio

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE

r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE r.berardi PRINCIPI DI ELETTROTECNICA ELEMENTARE Principi elementari di elettrotecnica Teoria elettronica della materia Pag. 2 La dinamo Pag. 13 Schema teoria Pag.. 3 L alternatore Pag. 14 elettronica Elettricita

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0

APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0 APPUNTI DI ELETTROTECNICA GENERALE versione 0.0 9 settembre 2006 2 Indice 1 STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI 7 1.1 Cos é l elettricità?.................................... 7 1.2 Fenomeni elettrostatici.................................

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

scienza come gioco lampadine bruciate

scienza come gioco lampadine bruciate IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Accendiamo

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche

Capitolo 1. Generalità sulle macchine elettriche Capitolo 1 Generalità sulle macchine elettriche Scopo di questo capitolo è capire come funziona un motore elettrico, quali i princìpi generali che consentono la trasformazione di energia meccanica in energia

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti elettrici

Corrente elettrica e circuiti elettrici La corrente elettrica Come già detto nell'atomo i protoni hanno una carica elettrica di segno positivo e gli elettroni di segno negativo. Questi ultimi inoltre non sfuggono alle loro orbite ellittiche

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli