( A. ùrnr 4 DANIE ANDRIA. I amo DUEMiLAQUNDICI il sromo UNo del mese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "( A. ùrnr 4 DANIE ANDRIA. I amo DUEMiLAQUNDICI il sromo UNo del mese

Transcript

1 ùrnr ( A -S COMIJ\P DI VO\TE SA\ CIO\ AN\I IN CABINA D, b tl rtt(4 cnt & prcvimia di Rièti DelibetùiÒne del COIYSIGLIO COMUI{AIE OGGmTD: ESAME ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIUARE E DISTRET'TUÀLE (SAD) E DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRAIE SOCIO SANITARIA IADN I amo DUEMiLAQUNDICI il sromo UNo del mese <fi APRILE aiè ore nella sed.oaunale si è nùnitò n Con igiio Comuare in PRIMA onvoczidé.ònvocato con awisi, potecipati ai signo.i consislid a di leése, iisulido Éresenti: PRESENII ASSENTI Sin.lacÒ: MEI SALVATOÈ E, CONSIGLIERI: 1) PUCCIANTI ANGEIO B 2) CAIPAREILA STEIANO 3) CAPPARÉLI-A ANDREA 5) BIANCHI EMILTÀNO 6) TRECCI ALESGANDRO 4 DANIE ANDRIA 8) MIOTTT ELEONOT{{ 9) SANTONT FRANCESCO 10) ANGELETII LORENZO E ( z E ts E o E E E u E 6 PRESENTI n 07 ASSENfI no04 Pàrtecipa il SeArétariò comumle Dotlsa Piccli Maia Il Sindao Mèì Salvatore.ti.hida aperta là sèdùra per avq cmsrataro it numerc legale degli

2 IL S]\DACO RÈI-AZIONA sull'arsomenlo e conùi.a.he nell'ahbihr del Piano di Zona Sociale dishetlo R1 è stalo eìaboetò!n Èg;lmmlo.he dis.iplina, nel rispetlo dela nomaiiva nmionalè è ÉgiÒnale, il sefrizjo di Assisìw; Dohi.iliare DGtdhràlè (S.A D.) àttivaio dài 25 Comùi ltel Distretto R1/1 e gli irtèrventi dì Assislenza DÒmi.i[de I $ratà (A D.i.) so.iosanihri realizzati dala ASI RI/1in.olla borazionè.òn i Coùun i, vlsta Ia L. n. 323/2000, r(ante "Legge qìé&ò!èr la Èalizza;one del sistem intcgrato di intetrenti e scriti sò.ià11"1 VISTOinpaticolar Ia.20deUaL.n.32S/21](](l.heirtituiscèillondonazìomlePerlèpoliticlP so.ìali, rli seguib denominab FNPS; VISTA h L. n lo.1/1992,.oncèrnente "Leggèqladr. per l'assìst. a, lnftsuziòne sociaìe e ì dnitti deùe persone ha.dicappàte"icomè modifi.ata dalla L n , VISTA la L.R. n. 33/1996, "Rìordiiq prògramzionc e gestiòn. degli intcrventì e dei servizi, oai.r... u è9, /i... V IS'rA h L R.. 41l 2m3,.on.earen tè " Norme ù nùtcria di autolizzazìone all ape I hrra ed àl Ilrzion:mntÒ di strlltlar. che pp<do servizi socn à sistenziali" e lc Elativè d'ùbeezioni attrìaiive n 1304/2OOl, n. 13Oa/2004cn,493/2006c su..èssne modifi.-ioni,, VIST.{ L R. n ,.Òn.èhmtc "Istituzionedel londo rcnònale Po la non autosuffì'iènza"l VISTAlaDG.R.n.33/2012avc.tèadÒggetto"l-.Rn33/96 ticolò f,l.onìma 3: indnirluàzione dèi.rilcii e modàlità ler l, redazione dcìla ièlazione sullo strto di attuazione d.i seùizi e.lcgli interventi programati nel piafl di z,nà, non né ler la nuova!rusramazioìe dellp so$e àss.8ùte non ltìlizzale e non gravate.ta.blligazloni", vrsta ìa D.C,ll n. 155/2012 "L.r n.38/96, ad s1, D.c.R. n. 33/2012 e DG.R n. 120/2012 Pro8aNnazioru ] delle ri!òise ler i Piani di Zona dei DishctLi nì.iò smitaii AllrolGzione documento.on.emèntè 'Linoe Cuida Per la PiogFìrllrÙione degli nftrvsti di poliiì.a s iale e fmili3,. d.gli ambiti teiijtoiiàli nìdi,iduati ai sensi dell arhcolo '17,.Ò]m l, leuef c) della ìegge resionaleù.33/96 pciiodo {; VISTAIa D G.R.Ln.136/201.1,alentead.ggetto "L,R. n.33/9t ùt 51 APPiovazionc d..ì]funto conehàltè linèe gn a agli àmbiti t rritollali n,dividuati aì seni dèll'aiti.olo 17, coma 1, lpttem c) dclla lcggc rgionalc n 33/96 per la rcdazione dèi Piani So.iali di Zona Peiodo 2012_ AITISO Lhè, in.òèièùà.òn le iftli.azloni contenùtè nèia L n. 323/2000, gli obietliu dèia pro$amàziònc d.ùà Rcgide Làzìo nì campo s.ìo assisiemlalc lendònò a Piomlovere: a) la rcalizza,ionc di forme associahve ha i còmmi a ùvello dchethére pcr Ia lrogramùzi.nc b) l'integraziònè tla gli inbnsnti sdio-òsistùìziali e sociòsmitari;.) l. oeazionè di m 6isteM à r.t dei sen izii d) la qualìfi.azioft dtgli lnte.'cnli e de, seruizi.he dcvon.,ispondere in!ìodo adègnàtò alle e) là i..np.sìzìone dsi li)ùziamrnti allinle,n.tei dislreté so.n,smltdi, allo s.opo dl

3 COMUNE DI MONTE SAN GIOVANNI IN SABINA PROVTNCIA RIETI ÌI SìI{DACO tmetsawet \ ra suestesa deliberazione ver.à arissa allalbo t\etodo il siofl1o ).1 d, )5. ai \"iirfd-.e.-'e.lrdpll',..lra "! d"l D-..e'o L"Bi. rù!o t8.08 rooo, n.,,o7 -!ì rlmdià per 15 gg, consecutni. Monte. oìovanni! l, 6,15 ("*tddfgd PUBELICAZIONE ALLALBO PRETOR]O COPIA CONFORME La presente còpia è conlòme allbdginale e si rilas.ia peruso dminjstrativo Monte San ciovdni lì IL DELEOA'TO DAISEGRET,IRIO COÙI LE La suestesa.leliberazione è seguito a pubblicazione allalbo tì ]L SEGRE"IARIO COMUNALE () divenuta esecutiva per decorrenza di termini ]n Pretorio senz. rè.1àmi

4 ì-rfs.o 4TTo (Hl l. D, lt n.o i0, p',\et" h n.cr +.trde' obi<rru. lp. Ò.,r"bJ!.dd,l,C'u jfèri..t" ' " q\7 "8,u òr'p DproC.drc. p attuati a livèllo distreltuale à valere sl]1c risoise hasf.rire dalla RcSione conprensne dei lòndl statàli ai dish tti s.lo-sànira in m ùi.o dftnmènro prcgnmati.o denomimro,,pimo SÒciale di Zom",articolatonÈlle Mitur csoftomisurè q.r..rn.,h. Misùa 1: SèNizi Essènziali Sortomkrrà 11Attrì sen izi, SÒftmiiuà 1.2 Uffi.io di Pimo, 9ottomir.a 1.3 insiomè Dolo di noi, Mjsurà 2: Pimi diskottuati per i Pi(oli Comuni, Mis(n 3: Non AùtosùÉ.iètua ottomis{rà 3.1 InreNènri L.R. n 20/2006, Sotumisura 3.2 Intuwenti a lavorc di sgaettì alfèfti da ala o loro tamiliùi, Sotnrmiirà 3.3 Inreruenh sovradistrettuù a lavorè di soaseni alfe{i da Atzheime4 Misùra 4: Famjglia, lvénori S.tominDn 4.1 Aftulamenlo iamjljare, SoftÒmiduk!.2 Sostegno agìi oneri relativi ai mìnori insèriti in shdture di tipo famitiarej So$omLura 4 3 Piani Pèr la turèlà dei Ml.o ; MÈuE 5r Conrrasb aue d+endenze Ilisuia ri: In.hsìonè sociat SÒttonn ra 61 Conbàsro alìa povcrrà, SoftÒmisura 6.2 Conkasto al di ag1o abilativo, Sottonnsrra 6.3 Irtererìi pd dèagiari psirhici. ÌvlLùra 7: Spesa sociale dei Cornùni Azìoni di sistma, Vìsio l'aùèeaio s.hènù di Regotammh) Vlsto l'a*.7 del D.Lgs ,2000 n 262 in rateria LIì Rite.ltÒ.lE 10 khema & Regotamùto propòsro per alle esigena di questo Cohunej visro l'arr.,12 -.Ònua 2 -ièrr a) - D.LES. n.26z2o0o; Vìsto lo Srahro di qusio Comune, PROPONE Aì Consiglìo Comunatc.Ònyocato rci modì di teggc còme di.hìam; l. di rc.cpn! e ltup.op a ta premessa in narahia) 1. Diappro\a è per i mob\ su espush. Dshethale is.ad.) e dr c$i,lnzl omp +o da lt à h(tl allegaro altr l'approvazlonè sia pienmenterispondenr. il "Regolamento dèt ScNìzìo di Assìstèna Dohicìtiare Donnciliare Iniègrata SÒ.iosanitaria A.D.t. nèj r sto Prcsente delibel2zionc per iamè paée intègenre e 2 Dì dar a tto ch., il prsete R egòlancnrò cn ha ln vigore a Ia da ta d elta esernvità dèia pres.nte 3 Di conunicarè ta lre.crie dèliùee al Dìsiretro So.ìo Sanìb o Rjèril rlentaco

5 PARERE t^5 tr t\\o Al SF\\r O E ',A R',t 4c DFt D. I C\.VO 2ò?4000 RESTìONSABILESER\IZÌO, RFC,OI ARI'IÀ'TF'M'A parle lavorevole, Mei saltatore 5 Termimh Ia sua relazione.hiéde ai co.sjgli ii di inrè ènirej Il consiglierc Miotli Eléùora ajlèm.hè qnesro regoldmro Le è noto per le attivira espl tate nel.òsò delle pr{c.leniè èsperiwa di asessòre ai Sètuizi Sociali. Crédè òé sia ÉéssdiÒ dola& il Comue di questo Resoldoro. Pertanro di.hiaia cle il suo voro è favorcvole. Il Sinda.Ò pone quindi, a votanone la sua propgta, I' CONSICLIO Cr)MT]NAI E Vìsta la tuperìùe proposra del Presidete, Vi.ùo ilp"rp-e ' s'à.oà,5ensr d.t Dr"b '"8,slabro tp 3 )gn. n.2o7: còn votaziùè $pressa nèie fome e nèi modj di tegge.ie prsmra le segudd nsulare: Comiglidi pr smti e voianti: 07 Vori lavorcvoti 07.Ò.trari 0 astùnri O DELIB!RA u d dpprol d. - inregr altunùc ld ppaof o, Òpo.ta p. qr ird..t app-or ar. il..ppaòrnohrd"l S"nrD Ji Aò\treu, Don.l r," D.i..enrrte,: A D.. " di AsLren/à Domi.iirre InLèCra.a so.icanjlaiia a.d,ì. nèl terù) Òmposro da 21 articoti, alìcaato alb prcénre deliheezioft Per lme P re int%ranre è sostaftiale. IL CONSIGlIO COMUNALE - Con voti FavÒievoti o7mhdi O astenuri O DELIBERA al di di.hiaer, alhèsl la presente deliberazjonè imdiarafrste 6egritÌitè ai sgi dell,àrt. 134, 40 4, del A Les 267/2000.

6 I'ISTRETTO RT/I REGOLAMENTO DEL " SER\'IZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISTRETTUALE S.A.D. EDI ASSISTENZA DOMICILIAPJ INTEGRATA SOCIOSANITARIA A.D.I.

7 INDICE AT.I OGGETTO DEL R.ECOLAIVIEI{TO arl2 FINALIIa' É CONTENUTI DEL SDRI,IZIOi a) Contcnuti e Dcfitriziotrc Arr.3 soccdtticolnvolti AN,4 EDNEFICTÀRI ATt.s PR.ESTAZIONI DEL SERVIZIO E ORARIO: 1) IDrenenli volti a {avorire l',utosùiiicicra ùcll'altiviti siorn,li ro; 2) Inren nti per il eovcrno dellrilloggio e doll. attivià donesrichc; 3) I nten enti igienico sanit ri di semplire r ltu.tjo n.ì.t) Int nentivoki r r,yoriru la soci,lizz,zìone,l. vita di reluione e l'int.smziotre deglì utenti, Art 6 organizzazione DEL ER\aIZIO: ù) SenizioAssisrcnz!Donicili cs.a,d. b) A$isteda Don i.ili, re Slniia ria c) tus isle nzr Donicilir re o cios lnirria ATt.7 COMPITI E FÙIZIONI DELL,UFFICIO DI PIANo Alt.8 COMPIII DELL'DNTEA?PAIIATORE ATT,9 PROCDDURE PER BENDFICIARE DEL sdrì1zo ATt.1O PROCEDTIRX PER L,ATTIVAZIONE DEL sdrvizio A.T1 PROCEDTMENTO IER LA VALTJTAZIOND DEI,I,A DOMANDA

8 Artl2 CRmERI AiIMISSION'E AN,I3 TSTRUTTORJA ATI,1.I CRITERI DT GESTIOND DELLE LI TE DI ATTDSA AÉ.15 PARTDCITAZTONE AL CO TO DEL SERVIZIO Arl.16 PROCEDUR { IER LA RICEIESTA DELLE ACEVOLAZIONI ATI.I7 E CLUSIONE DAILE AGEVOLAZIOfiT Artl8 MODALTTA' Dt PAGAMENTO AN, 19 CE AZIONE, SOSPENSTONE O RIDUZIONE I'EL StrRÌ'IzIO ATt.2O DISPOSIZTONI FTNALI -{fi21 ENTTIAI,T IN VIGORE

9 Pirno di Zo.i ocialo DISTRNTTO IIVI COMLNI DI: Ascrca, Belmo!1e, Cantalice. Castel di Tora, Cittaducalc, Coìlalto Sabino, Colle di Tora, Collegiove, Colli sul Veììro, CoDiigliano, Greccio, Labro. Leonessa, Longore Sabino, Monte S. Giolanni, Nloffenero Sabino, Moro, Nespolo. Paganìco, Poggìo Bustone, Rieti (Capolila), Rivodulti, Rocca Sinibalda. TorricelLa in RECOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISTRETTUALE S.A.D. E DI ASSISTENZA DOMICILIARE integrata SOCIOSANITARIA A.D.I..{rt. I OGCETTO DEL REGOLAMENIO 11 presènle regolànenrò discìplina. nel spetro dellir nomaliva nzioùalc c Esiomle. il scnizio di Assislenza Domicililr! DisÌrenule (S.a.D.) altivalo dai 25 conndi del DÈtrctto Rl,'l e sli inièneìli di AssGteùa Dor ciliarc r,nesìala (ADI) sociosannaria, ÈaìlzTsri&lla ASLRI/l in.olhh.m7.fc..ni aonì,ni Art 2 FINALIIA' E CONTENUTI DEL ERVIAO,l Co.lc.ùti r d.fini7innè II s.a.d. l'a.d.l. sono un scnizio a c.mtrer. socio-assislenziale e sanirario ed asicùano ua sede di presaziori sociali c sanilaric al doiricilio dcll'ùlente. ll seraizio peledè imervcòlì dì sostcgno aì cnradi.i chè si xlrano in rènpormea o lemancntc dillicolrà. àì nùclei lanilìtui di appdenènza. indica l'ner ulceduralc per l'accesso al servìzìo. dcrcnìina la tìpèizione degli oberi. compresa la compallecìpazione economica al sen,izi., e i,rdi!idua i c'i1eri ner la fonnulazìone Jella giadmroria desli atnti Il S.^.D. perse-que il lin. di conscriirc al ciradino chc sirlola tu soro di necesità. non poìendo basd a se csso o comae sul sùuìcic.rc aiùro dei parcnti, una:nlonòtuia di vila nclla profria a6iùione è ndl tlrtri. mhienle lamlliar! è socìale. L ìnèrvenìo è lolro ad nnegéé e tulìorzaè I azione dei convìve i. ad evnà! I Glituzioìaliz.zione ù a salvagual d are l' ird if endcn2a dell' ind iyidùo.

10 Lc pr sla,ioni domndo connqk lendee attanlassìd! aftirùionc dc c rcsjdue dclla pe$onaasislita. evìtaùdo.he sìsoslintucano ad anìvig che pue con un cerro sforzo, è in llado di svotcclc dhlramenle. ATI. 3 SOGGETTI COINVOLTT Conunecipolila Ricli,Co'rùùi Dòt. rto Rt I c AsL Ai nni dell i.tecluiò.c sociojanlla a, la lauazionl detia doìrlnda sarà cffeuuala,lal'.',, \al', \ ADI e \A r corrdo'1 o. oer.ord. csl (oedilo, o...c1e o\ é e, r le,nr..e. r.d i pr loln la. ' ed'.ò d rr.ièt",...cf..o.iat.., ConLù oi residcùza Ciì Enri di cui sopra r$icùrano I.assislcna domjcjtìae secondo i critc e te nodllità onosenee in tuito il rènnorio del Dh1Eflo nel iispcrto delle disposì2io.t è L'Ime AppahatoE provlcde att,aruùjonc det scnizio neì ftpeflo deue {lisposizioni Ndì aleazione delte presazioni si ariene ale modaìjd ai tctrrpi e alte condizioni ìndicare neì troeeni le$onalizari di inlerrenro e si EccordacÒ. uni slì;nri soggericoinvolti. Il se \'/io ooem \r ri.oe'o d!. rro. p, ndio dot.r t n e i,,-,o riene e h oèvutr ne to \.l9rr, o e \- \orpr' c5e.lir.lrdo t. Jn- o.oò,.,".,-,e,.", -.p",.,ri-_,".. ",o.abo... t, r".".i_ p-".1, d,ta o..r./io,e " c artùazionè dtl lrmscto indivìdualizzato dì i.lenenro. Ì.e lssocì-ioni di lolonhialo supdorrano ìl scnino di assisrem domìcilide tu raccordo lor'.e.\/.,nrtli..'m- "t eir.t, dr Fo..,non,tCe,.dr \j. d{...e0ri\ot, ra or,. _ o.rl //d' ir. to \ _ d. rcl r"oe e " r..rs7;6-...;,1. 3.,1 r..,i ATT,4 BENEFICIARI II s8izìo èivollo!i cìnadnriresidenri nejcomùnì detdisftto Rieti/t pmìalnrente o roratdenle n, l.a,! LLr., ù o, abiti,on " olo. - co- r.. re..j. I,lo h. d;h. Lr,porMpd,,c e da probhrtr!hc srnìrùlè. \o! o-rssisred,rt ed 3nrhq, rh sosgelti uiùi elodisabili lìsiòi e/. psichici ìn condizionì di lùnah anto.òmia: Dhori condìsbililà: - sogeelri ìndimìssjone prosemmal! soegcd con patol og ie oncol ogicle - soggctli anchein erà elolùrila. con daepdliosledalieriodaaltéshùtrùe sànn,ie./. ìn lase avanara e/o ì, fase tminale: palologie cdnichè Erovì e/o larricotari condizìoni di sosgcfi affrtli d! mata[ie neurò ]o sici.l - irdrie icoo relotm llerneso disoga,o,no \, ' so-o. r re..i..gger.he ber1.\.d.o o, c,ra.o n. d "\.,)rer /a do Lcr,de Òor AL o! rì-ier. r P-o, I o a /, er r.r p,jre ro,omer d r.. i\l Pe l'drri.ù.ored.'se1',',.o. o.r,ir,o,..e-e.a.a apn euxoi,"ro,r,,i.o, o.doo.er,t e la mce$ilà di nxùvenli a$isrqzbtì còmparjbìti con la pearanen?j.lcl pa2ì.nè al profnò domi.ilin

11 .{ri.5?ristazioni DFILSERVIZIOEOR{RJO L'assisLci,a donnciliaè è crcgatl dapenonale plofcssionalùente $ilitato,assìcuìando lc scllenri plrsrazioni, sull. base dì qknb shbiliro dai Pirm Pcsonxìizzaro di InreNento: 1) Intcnentivoltì a r,vorirè l',ùtosulfi.ienz. ncll latirità siornrlicr.: cur c igie.e dclla pe6ona: - pèpaùiole e/o sorìmìnisreìore deì pasril - ac.omfasdmenlo a visile medichej lssisrenza perlacorcna esecuione di prèsoizionl lanracologlche colla boru ione con i I nle dico cùra.le: -ippo' ii...reuo iil.od'al.l n(. a\a\r.lr ^i. rtrc.? 2) Inten nti per il sorcrno dell,rllossio c d el le lttiyità donr estich c: - cùajclle condizio.i icienichc c degli atubicnti 3) lnrcnsnii ieiooico.rnirar' 'l' emnti.c,uua/ione: - l ie!enziode piashc da decubito..r) Inrèn nri toxi. {avorir. tx so.i.tizzazione. ta rit! - pùtecidazione ad aliivnà iùearile,cùliìialj del re'rir.ri.: - atlìvarc, Éffo,aÈ, stimolae irappotrì di relùione e di aiuio voiontariaroedi rutr le risone presenli sutre toiìbl - rccomlagù'ìenro Fresso le $runlé e isc$izi tctriroriali: disbico di semdlici pntiche buncmrjchel - comnissioni.acquisto generi alinle.rùi di relazione e l'inrtgrizione deua lani qti a. dcl vìcìùato del I e prestazioni di òsisler% donncititue sono. TenDÒnnee: ncl sènso che dollmo soddistarc te nècessnà delt,urenre per il redrpo ù,lispensltrilc a sùpcraè Ìc condìzionì che quette nece sirà haùo defnninab: r o' derrer r -, croò F.\. atrt. r.\od. t. e e,,. or td,itari. F,rcr.,.otaboa.io, pldre.lllcd:,^i.o.re.ca.ac:,:.trc,f,.jdi r 'odi.;.ere t\eto I dlrononi" tetr Specifiche: poiché tendono alla ma$ioa!r vaziòne deue capacira potedziati residue sia della penna assistlhsia deue rci socjali Òrinartc. r''iereopdo'r 'oe\:dèchcteo^,ù,io,i o.rir,..rrodjd.r.ro,rp.hpr.rlor rn.., Jopo. i berp. a.i.d' o i' /'3dodi \orec..di c brq.ro!o,..o ù,o o( dil:ari. Otuì del servizio: Lc Ee$zioni soci o a$isienziat i d onic i liarì sono s!otìè. di noma. ihoràiodiudo. indicdn.amente dllil'.no.e'lo ".,'co-db0-()u-.'.oo I ctr./.1o(hrur,,. a..ooi e.r,n,..1in,aj,i.: ùon fesli!i. dal lune'ii al sabalo. rxlrid. pq l! 'o'.'e r6..,ri'o.-tse,! ool it4.. -o,,lr, po<j,o..hied-. aìa D'l r, e l'( 1. r h, É d. g i j ' e.e{,d.5ei;.rij.\c..dè\.e/orme,re.,,,.m

12 Pù oasi eccezionali i comìni posono richioderè pestazioni socio-assisiùviali doniciliàri da ejleltuami in oerio tutuù]o, con ùna nldssioezione dct l0% sul costo oarìo. pèr presuztuni ii oranoùotùrnosi i'nendonoqùellerèsènellafascìaofti!2 (]l)-07:l]o. Conporam e{ ro e doycri dee l i opento (aù.tl catiloiaio): gli opemlòrì devono arcneft i: - al rispelto detla Fnvac), - ala firmare a,i osni.cces.le schede nrdilidleli deistugoliuènli nou appo de nodinche ne' all'ortrio dì lùvod ne, al calendario assesnaro (saho sìa!re!i. d.j Fimo tale po ssibil nà) - paaecipaealle nunioni periodiche di senizio l)cr la progùnazione e ta!e ncadcllaro$ srclto Gena onei. carico dellasrazione afpatlaùre, dei conruri e desli ùenri) L'Assistenu Donicili& O così organizzata: A.I. 6 ORCAN1ZZAZIONE DNI,SI]R\,IZIO!) Scnizio dì Assistenz! Donicitirre SAD L obaniz-ìohe e la eeslionc aùninistrai!! det SAD è aftìdala dal'_{ssèmbla dei Sindaci al Coùuùe CapÒfila di Disùer$ che cùra it Éccordo conjplessilo de c rtdvìtd, l indirone e I esplcrarenro della gatu per t,atfidanento del se,izio. la stipùta delle coùlenzìoni cod l'o.--ni.ro \ n.i,om de. é n..d. r.e Appd rior.j e tc p.,.ro,e co..kb t -ù.,i1i r?rire,,,!.'fim ql.pni.id lep.t.a.,n..oroe,,.aeoaf,.on,.<je.t..rcqppar...rta,i ooe:" lercf?.turo.^rln,oi.,mriode"o,\ii,\c,,oròo.'rri.e'.,rrrooidppato"o,o. -. dalconrune Cap!fi! con t,enè ropa larnre Il aorl'..aor'i, d! D' erc. uamnùne,e p.è..a,oni,l. I.oCrù,,.otr. oordiln,,ro e.er.a curnpp\.1 dcl.e...'o d' ".rerà d0,,. ii,- {.e m oi eln!!n/-.r :j-l. qualìd, tenendo codro detta nece$aria intcetun»cim servizio sociatc e sùndjo Le eredluli ec.honrie arùulnrenrc naluere, se ncesa,io. poùanno c$ere uliti2tlleperì comùni che a!èssero biso9o di pestanonj asgiuniive. QM1o6 si renda nece$ùio ùr aunenro dct tuonte ore Dolià i,xe8mre alliènle Appallarore. con risoee pmdrjc. Drareia dei ronh ui c dègti afpatli. Ù) Assi stenzq Do m icilirrc Sanitaria L'Assìslenza donicilìae Sanitùia è erocata dalla A S.L. predennno dall'aèallo. ciascùn C.mune nel ftpfio dèlle nome che rceotùo ta c) Assistenza Do b i ci Ii are Inlesrn ta s ociosan irr ri, Gi de\e. :d \...ed Dori. Ec tmr r.o,...,isia.o...ed.i/,dri i1 r.,voo n I 4..r,'- \o! d'. i'di\ J' a.a d,t,'or," r c"pof t., o 1 i " a..er.a od t.,1 lilre.rc i. idte n. 'orrl'e di '..tr',a oel oèè!ùio,.'co..p" cdt d..t" Ast. rct.or.1 e,c r{c o dell deprdionc r2 sel\izr o.iat e\irhri COùI?ITI E FTJNZIONI DELL!UFIICIO DI PIANO

13 l,'ufficnì di piaio ha conpni di coo dimnenn, e di mccordo rin I sèìrizi $cjati dct codùni. troniloft e veilìa il servi/ro e se*n.e ia banc! dari dclt,urcnza nodcné ne cura i rafponi ammirish!ùi Moniromasio. rrrijìca e conroìlo delsenizio sroxoddl'enr gesrore ahchè.or Friodicinrconld.o n olr r, ' o oer-.. p cr cr '/'..,,.. ù...ie d gt utcn.r o \oo aroop r.ct ReJ"/'o ir,.nl..iìrn I coqrili detl'asistente socìale rclcrùre $ro:.e, o'.j..l,bo r, od' de l.1..ipd.orcij\.n'({1,r..,,-ei,.1.i10.,.a. qd.\\..rdla Uografr nrazio.e tùrìroiale deil asistcdz dontcit jare Pianìlì.azione deelinnerv.ntì cò. t ente sesore ir base alte esìsen,c c risorse deì snrsoli.omuni. lèsaìncarèodellesnuazionìseenalatedxisnrsoliconruni,chtù{ssnanodipreshriò.iso.illie smndric id raccordo cor l,equipe^dl '.u. io e os k L'L tl.ol,, i rr.oe e.or,.e! fls -orn3. (1. ). ni. t.alom"nane. Ò J. or'.f.'carr.'ooi..-^ 1u dr.i,,,,:ji..rrr1.o I' r"/iof.ooa'rà L 9è I \. e"jn rr,'o. :.'0...\e o"/ p,,. dte \ LD. qompiti DELL'ENTE APPALTATORE Iconpr'eil a cropal o- onoort.p...'. r t io.roo gao,t,"oar1.t, -...trr7roj der'"r é.0o.-r,,ooal -oie.ccr..,.de e.v..ro ui... I r, d) l.'aplalarore. è le.uro. pq rurìa ta JuBta det conrrano, a gùantne "or._ Iesplehmenro di tulre lc pestlzioni che ienrado nell,a'rbito del senizio dì assisteua.lonlicitiare. 'ì Lrnal.,o,e obblc,..n oj.d a p.d,cd(. ir,1.o.i Dre.,,,on. a!!,nri\. J 'r d.i. o.c orbd.òi'c.e,."..,l,clonc ten,..j.)ra f1lrp.o... a liseroj-. on,.!t.c-.o l.cdedi d l;poa raeerr "pp-o, oor--.0"l.io.,"cn /drn.j!te ij.cù"b.,a,c '. aop,x-!8.è..'-ro,.o.n'.,i.j,.j _.,onc pp.id,.! Lorrar.rJd(t.oÒ,d,.drore d'.n /n.1,e. h il coho o oi " v.i. eroe,.,, co..o o rj./ion"h ro.et.en.iac p \j rurne ù,n(l -spi Òl:bd F.da-..,r,d,,.,tospe. Lo j p \sesvlti Eo, o,hl,.{o.ludro odi I e ' ri(nna / \eak '1 v \o",dtc.pr(o ogld.o. in.. p*".,. r.ol:',dnd-d -oo.d.rr.n1i,di.errr/rdi -9,'d a",.",,0o,m".,."t,,".,ui.,."t",rt. dd. e.flc ', cte- "eperi tue.r..orre-aporl rc e..d I t,-l.ò, sirr,.,.en.ia. nlr/iat È.,3rd,.,a,i," qi/i.o i,a: o.nt. Dc\e...e.-te, h.te e.tor,.,- e, r, :io eriat.h.ro ldle o," rl <18.00orùrnLp qn0 e\èrodàtproqerl rcnico.sesuoe ore. rì(..d'.or.d.jsrr,.eq Jr '., o '. rt!o rf ro.i prl..dde.r.! Lr iori.pe,a..e,!' ré,rièr"c.èt!er,r.o,ae,naare oo.oi,.,, 9i"..,..r!:. " i e,i-d e"o,1.odr.. oeo, oos.oi,jpr,rer.i p. \..1 o.i ner'à l. oppa l re ien' od.,' -i.d.inor,: \.di dru.t I.,.orÀteet'q,ritirte rl_.r r.orr.oìa.i tr jop rrr '" rc!of,,oc. roh, dio" o o,o c, io' r,. <o e nlh'estidalrjp roldrred irlt,cjri nctdrùleko slquat. l'"tì d'a u..! ts".o "J,d, p..,.,., -". oi; i op.,- i,t "S1, J r..en dc,. ri.hc. e.oj. Òr r,. I (o.,.l. Di.di,i

14 i) il ÈNizio non può ssù. $speso o abband on.ro sal!o casi di lbrza maggiojtno. dipendenli dall. voionrà o dall'organìzzazio.e d.tl aprralrabrc. g) L lnalt.torc dele ispctarè il pìano di iilicnenro indjvidùate tonulsto h) Lappalialore si obblisa a samnùe la riscr! ezza delle nnomrazìoni i) I- ADpalraloE nello svolginenro del s.,vizio di taarleisliche di ilessibilnà nei renpi e nelte njodafià li or.rimùdulati $ le esigenze dell utente. ssislerz! doiriciliarc deve mahtc.crc di emelzione delle lrcsrazìohi. ùelrèpeno l) Co4ùnicazioni heùsili all'enre Appaltamc della gesriore det senizio c trasrnission. dele s.hede individualì fixmre dasli urènti. sùddirèc in nome omio a cuico dcl disreto e montc orc lcquistate da oe singolo comhe in clso di psrazjonj accnìnln,e oprur! di presa incaico diùtr rr) r'al]pallarorc lùrnire il coordinatore a!! rrc l,enrc appllrane de cle.iuate asenza L,lpplltatorc ha i'obbligo di rencre costanreme.te aesìornaro ìì DlrR (docùnento di laluazìonc drl.iscnio) e Drocedere a sua modìfica o integrarone su richjesa deil,ente appaitadreenlro ilremine daqucsrifisslro o deeticnripreposri;tconirclto Gd.ts.apnokto) '\oral ro',..e.eè..r..c'c"...ru.io,e..1ror.,c, -J tr,, cd k.e dé.,t. 1..,o, _ r.. a..'a i'e I < '/iò.ll' e,/. u(\e ca, in,ea, tm..r..o,, i.".,o,r Ia ikzone ^ppaltent della rarìazidre detinirila delpesonate a$jltcntee presc.rare h dòcumcntaziòne di AÉ. 9 PROCEDURE PI'R BENEFICIARE DEL SERVIZIO L! pe$ona che i.lende ar valesi dei servizio di cshtedza donidriag dolrì brcsenlaie at.òmùnp di e.ider ì oo, d.j".' apò. iro,.d..t, pe.., od.o. -o,.o rr, e,rr. o o.ir,, rc e."a,o o6r"on, ncr.larj,.onrl epari i5csuenndo!unre, r: I) Rsideùza nel Comnc da atmeno 6,resi. o inte orcseìnsrrrodi sralirà 2ì ^q,tu.c rilì!/rumù ^Ln'e e r o,. p.i,,n.-e.,r,,a.,., oa_ ", g,., rl \r, di '-raoj 'r,ld., i,..,i. or.1q!tcloro.rrfo ape,dr p_ /idte d-'- o"',ì' rc d o I ar., o d,. rj,i dr oro,r o..1 r ùri da.en t.z oni ned.hc..r) ì'ai"c.o(ro \Dt \Dp t.r.. o1eda. e.jro.,"pf,..ror.ode.. Gli ue i $no obblieali a cònunicarc è/o docùnenrm remp*ri".,"nr" oedi va,ionè ctre dovesse inrenenne ln neriro ald propria situmìoùe Èddìtuale. tiùitiarc o di s,lnft. f'r.id' rror!d.r''.c1.,.. r rar-,,co-o.n,:._eta ò/j9,,es\t ATT. 10 FROCEDURI PER L'ÀTTTVAZIoNE DEL servizio l.'.bapdb..ocr dpr',.e,a id{i..o,o d,c plced, eo -,t.qd Llc e1 /iòorp..1e dellìtènzr a) BisoEnosocio,assìsteEiale r b," " b "os { de'l'ùèùs.. ni,.,lo D l.e pm.. ore pe.. \,/io,. d"t er\ uro '- --q' iziurc dl'_ rictre. s d. rlnc oe t.r ti.io,e \,.o.lt Je (Òr ir o, E).oer%. rarrl., 01 ùlr'o.e J 3ÒÒ -r o' ojr o. i pè. r.or t, oo., nplu or.e.ù j,-ic (,<od.,5 ' r rentrc",lq p,ac,l< " \,o.o, r.oet..o,dilior oetl pe,.or. é et r.,t.o. ri a. - predi+o sinone d e I proecno perso.al iza!o_ coh pitùione stheda valuhziore prnrcggi o

15 oonùnicàzione dclliì&rnncnl. dcll uredlc aìl enr appalkr,rc dn pare d.ll'asìslen!c r - \''\è/ioi d..,.i/r,,t".d,c d,.t.(,re.,ppxt roe c o : g^r. or.t_!o,.r.r. or" '.1'{.e'.tr,.e er onr..ainòn,o.,re:.:e.ioid\,11.\ rcr docùnod! e. - 5 il scnizio soliale connùrale in colhboiaztone con I issisrene socialc reterenre vc fi.a Ie,nodalità, ikmpi, ilpcnesùiiledto dceti Òbictlivi È de adeguarcza del dpodi pesrlroni crogare per ogni prcsetio É6ona1izaro. bl Bisosno socio{aùilario I la " É-ior ri.lie.l de.e -..e,. ore.c ar at.nici,.p.,r,i u.. i et.o,n tr d. eid-?l tr.h -l'.iì,, \J. \ r (..ri iar cipfò.rj..d, oe.ri.,h. p.re dì redlco cuenle e/o servizio Òspedalielo o auivaìa dau umcio sc^,izi sociati. 2 - gli uffici ch! ic*ono la dchìena (srvtzio sociate ù serrizio ADt,/ Asl) rcdblcmeme codùnicano tra lon. al lì.e di aftiyare laprocedue. ATI,11 PROCEDIMENTO ler LA VALUTAZIONE DFJI-I,A DOMANDA l) l'anlnrhsione!l senizìo dì Assisteua Donlicitiarè è dhposa datle Assjsreni sociati dei.un r. 'e.jc' Jel',tcoeore.,or.do, {sle icìe.r: ' ',8d.,'doc,,,.,0.:or. o;do, ù, lpe1r ù.(..o.at r,edi accendrel'ùrnrkr h r'1. lccefiaiìenro della siruazionè di trisogno e di nece$aia vislla domiciiidèl " verifica delt,hee Drodono ali.auo della ric[erla,l'ammissione at sènizio e dercmiiìazione dètla Etatìva rtri1fa. ") 11'cr(. \d rr ù..eora.lra oa.e 1r.,oros.rÒe.bod...on r q, ne rdlrlr,i I ADi,.otoo,t pr.on"t.o..q,at, àrol o.e od.cr, ri."ig.u,.r, re!o.io+1 ù 1 o,..ebii.c!.d ljhj.rc...\. lì r " i,h,' 'om.itje,.,...a. nod,e..o oi...le..o o(,t_ J nar.r" k.. 'rj,cré u.o.m.rnu,1.e r_ò,rt p.a,.ò".j.rer/mip t.irc."..(ool- ' 1d l-"ir. d,cc.1jro,e oet.",\j/io.,..t.ee,o p., iec,,1.pj,,.o.p dérl'e\cnrua e 'tuorid, pdrccip, oneallj sd!sà l. l'r'lì!, o.,a '..,irje,. ogl, ooc,r...idl.or. r k..f.ier. 1r.. ter.d.q..a/io1. ATt.I2 CRITERI DI A[TMIssIoNn Lc do»ede Éngono ktuìar dll seivìzio sociate con riferircolo a a snuazione socio econonjca èsanihia dceli inleessati adouando iseencnri cnte.: pebona che rire sola:. lro,;j.l..1rrpo,r a...\s o.,,ico ' "...rerl dtc..o.ro-.a. r r _d et.\_.o 1...io.. rc Do É_bc esa. cél a d f.e-io, r,ei rj dcrleconll zion' dr aui.nomia -... eid Drerdrie: siluazlone {odoricadct nucleo tmiliare delt,inree$aro.l1. non consènre la ncssa in alro di ingndi di mìùb prnala che rarlponjno te necessirà 6shrerzjati dcl.asislitoj - assenzi di idì o di alri Dùe1xi, olaero di ùna Ere ànic,te. ct,".*"". g,"a" ài oni- ",pp-fi pmb lèmi dcl.on iùge! sestié ta s ituazionòl :r:-fl:-.1.:*" " ci, er..,. r,rr" p èsc'ua dr m nul. prc\enà d rn\ardr erc r,.,.. ro- rv i, a,,iv L r_\o,a,i.",

16 Qùllom per ùancanza di dhtorìbìlnà omria non sia lossibile attilare ii scr Tìo. il.ichìedenre \enììrosro in lista di nxesa Arr. l3 lstruttonla L I-c donddc sodo Esisrrare, esannmte È po*c nr hl rorjasecondot,ordinedi ricevìorcnto. 2 L'ìsmrlo fl ò c ompele na del Fc6ohale se ryizi soc iat i co,nune di Èsi,leDza 1. Hamo la prccedenza nr hhltona i casi ispondèrd a donmdc o segmlzionì dètlc quti posa {les nesi ùno stato sevc ed urcentc bis.gno di nnenento..l.r'i r''n,na É'o.,podide,,,rnaei o1..,:...bt,.te5re,ìdere.oroi/i.r ler tè.'o d., \.io'.e d ie rerlo.'r'..re.l.;nr/rooe.i'.cddopd p..,..,.o,o,i.i0(t r'..leo l;n'. :o?, l coe...'0r.1<'.noi. id b ij tr oet ood: ii c1., rr rjo,.(, 5. La drata siomalìeé e k frequcra setdranale o mensiledet sèivizio larimo nr Élazione atrilo di lnrenenro pmbetrlro e sorc definite.elt.ano di adr.lissiode!l servizio redaro dalt,ufficio di ll monte ore massino alribùibile aciascùn utcnle è di6 ore serljmaaatì e conunque secoddo te orr disponibili di ciascm comuùe ATt.1t CI{TERI DTGESTIoNEDELLELiSTEDIATTESA Per I'erogùione dèeli iùrenenri SAD. net caso in : :i:':ì'if,l"*:y* ** pndispos'ìa nna 'Ijs,a cuì le richiesre silno superiori alla elfedra di alresa secondo il punreseio ipo aro nella A pùnà di con,jizioni vìène dara ldorirà al ùolde del eddiropiiì bassò. q o,..ld.o1- io ù e o jedoi.;"a.o v,e da pij. Lac; % 1s.. do ù,.p i, o d LJom dr.larà red( tuia e n orocotlo de a,lomandà,,, a :15 p{r lfclpazto\c AL cos ro DtL sfrr tzto e.r/ro :ne!,. 1i.o.iJ.!pt. /.,r!roq,r,nflopor..rej.tr.r,:or. econonìca derèn naìa dal lalòre del'rndicaiore detk Snreio;e Eco;onica Equivalentc (lsee) del nucleo fmiliùe a cùi appaniene il bcneiìciarìo, inlesato da eleniuati Dènsi;ni di,o '.,,frn( i",1rc.i, F.doot,L.r.,b.ti.,o.,v.r,1tie e..,tm \edir,r, traa,e dìrl.o oje {^,.,.a..èrr'si. q o.op,qdetoq, rt( paa., nr,c r.,o.r, oe. e1i.,,rao'ol_ na.."_..,n.oord.,rca]l.opidtqr,, oi..j,oje.tsq,arè, osb.k dct_co;f c) l, qnola minnr4 cornspùrdem. ad u ISEE at di softo del qulle ùon sì a])plicano uhe,iori dr e pcrrrtua iiler n.b te iequore inrem<die: el ij sos JlSEt,ldj so olletaquoteienizjoelglui. ln cao di motivate condizioni di ditilcoltà sòcio-econoùica. accenate dal serlizio social, a 'rrcr'e por e.e.e ar tr.. tr4rd. I i,te..baqù.t-pre\fra.t, c_..e..7or,t polrae\se,e ac(ordab t'es.nù j. criren < 'c ' 'oda i, o pa,prpc-or,oet ne,r"di;1r,r l, rr. Ia e.ono apot. ùr.., or,1r der delle prestazioni dl asisrenza dhirrìo. cone dalta tabeuà di

17 IabelladiconlibuTioredellì cnlo d.oso drl sen,itio QUOTADI PAI{TECTPAZIOND DDLL!I;TENTII QUOI\ DI PARTECIIAZIOND TJTtrNTE CON INDENNITA'DI ACCOMIACNO PT ITTGGTO Da 6.517,95 Da 8.500,01 r0.500,00 Da Ì5.000,00 Dae ,01 4rr.!C!B+!!l! 441!x r 1IùcHrr\l a prìlll \cfvolazro\r - ": _-: " '' ùo.le 1t"ùw d Pa.re - rtu r,,.,ìa, l. ^rodc rnnio 'l h. \al'd Ù pe.n.r, rd, al. i rreq, p,nde,.er\.,.; " ro,oo!ieber.:.d'ooei,.1. la,ou.,odel es.r,red,,o.!r,e.io.p òi.,tf..too J J/l do' Écr 'o o Oe e.,rs't rdlh.dd-orp c on.ti,o r.. c oi dc,e rùii.iii,'c..d..i,, oucnerc nuo\menre k aé<\oiù oniicne!e. _c-.-_:::: le:. 4...:,.,! e o", mr( Trdn ù, r."ppr, /io Édcr.r5f i..or,l,q,e.òhorg"o,o d:.l or.,.o.e t\.' - i É "e,j ro.r\r!.r-eororr.lce.tcpù'.bb,herùre\fi...,oc,,,,o,i trrè.,n;irùr.ì-cppt,,, re.cnrtarc \ iilor.. " op.,..\, o1t a q,do 0.p..àE/io,; de.t, ESCLU IONÈ DALLE ACEVOLAZIONI. sono èsclusi dalla p.sslbitjià di benclìciae di aselolaioni sf{ò aua qùota di conrjbuziodc i,.oiuro,l?1ro n ts r.rp..o.e.q,,t.ooeh1or,o11,.j.,e codrr_m,,id- d...eroc uìnrùnc(aporrra d Rrclr runre lehorna,r.: hl. o!l,!,.,edi.o,,.ot.,,.,t..o_\!,f,-rloùr,j.(t a,,o.e,,cd,c.\.e,ia!-l -(\tr "" lr det,"err..:o.coetoq..!o,, r:.l,.jru clrcr ùa.o it F. rp.., d! ta q,oh or ::ì::ti:.it"",.t,il.t* nea iq,ar io i-oec

18 I a ruliuir aeve ese,c rersaraiil sràiìrc,ìio-ìi rileinenro altr re501t,ia c.n]ùiale del co;n e c non olle ll 5 det me\è succcsivo a di rcsidcua. relaù.rtnre atle or. nl Jl dttudo ncl paga,rcnro dclla qùora shbìlna co.rpora il rccùped doue soinne Dci lsmnìj Ara. 19 CDSSAZIoNE. SOSPENS onno RIDUZIONE DDL SERVIZIO pùò (esqr( o a-\e r,t"i. *, "g*ì,ìi. i,.r.,d...-e..x,e,.lre,. o,t..ro n.i r Jc«.o.,.o\,,, *,.r,.,,(l.o.o,ci r,r..o,,, r..,. 1.i. et..r, e1, n..ro.e...,...,i o Jù,.r..,.., rmsternftnb delitr{c i. attro conrune non appaflerenrc al Dislreno Ri/I: oerfud,,r,,ee pjrl!orj,. eon.e.r..d \o.ia-lro., i \.rlueie LlJt ar z o sor Jleroìurate. pa.,,e. o., p- or." "i] Lorrr,..t. r.d..t rp i o o.t,a,.,r.,t.i.. rcr oo i \l.j.,r''..c -a ' io,...r.ddelìr./ro-.0. n n. o b\. od.t!'/i. I rcpù 1..o,.. ",, i"o" u.,,,"i", ;.,-, p;;.:,;,:..,,,.:il; unj,tr " 1, dor,.,o-d.lo,,.er, err,...ciat -clcon n. Arr. 20 DTSpOSIZTONI TINALI I.:"ù.o -..e. mo.,+ L.orn.a d./, ro, n,o,cd, D.q1.1,f.ror"r o r_. rj dor! rn" i"li""" *,...icbc.,od,e1.,,.i!,.;,""r.."j"-lr"',:aj Art.2l E\TRATAìNVI(]IORF làlc Rleutùrer ro(nr e \ sorca pxrir( ddt.

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Settore finanziario Rep. Part n.. ~H?ii".del!~:.~!i.:.

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola)

Allegato 'l. (denominazione sede d6lla scuola) Allegato 'l (denominazione sede d6lla scuola) 1ll veabale deve essere redatlo in UNICO originale, che dovra ess rc depos ato paesso la segreteria dell'istituzbne scolastica. Una copia detto stesso, tramite

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. "-ì"* f &" '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0

-r#s*ts*^ fk **rr?r--w. -ì* f & '& Fr\COLTA' DI ECONOMIA. Cotrltre.ro rlerrorale. no 321.-,-,..''':...: rfo 4, -_- rjle'.' 0 -r#s*ts*^ "-ì"* f &" '& fk **rr?r--w UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FALERMO Fr\COLTA' DI ECONOMIA Cotrltre.ro rlerrorale Sulla base dei verbali redatti dalla (lornmissione del Seggio elettorale presieduta dalla

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova CG t FY-#tsL ry F[OERAZt0NEtfÀilAr{ATRASP0fii' Wrh-rsFoRîr Genova, 26 febbraio 2014 Commissione di Garanzia - Roma Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma Prefetto di Genova Direzione ATP EsercizioSr!

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

VITO PERBONI. "Formazione Formatorí

VITO PERBONI. Formazione Formatorí {BC CONSULTING FORI,IAZIOÀlE E COACHING Specìel isti del mondo,{ssicuretivo ATTESTATO DI FORMAZIONE ABC CONSULTING FORT4AZTONT E CoAcHING rilascia a VITO PERBONI il presente attestato comprovante il conseguimento

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

C T. I ORIGINALE] 9249/15. AG x elettlvllliicnte. REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto. BR X in proprio c nel1ft. procura speci al e in calce al ricorso;

C T. I ORIGINALE] 9249/15. AG x elettlvllliicnte. REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto. BR X in proprio c nel1ft. procura speci al e in calce al ricorso; r 9249/15 I ORIGINALE] REPUBBLICA ITALIANA Ogi!J4ltto C T. IN NaG: DEL POPOLO ITALIANO LA CO RTE SUPREMA DI CASSAZIONE COr.lpOSU daql1 I 11. lid Siqq.ri M.aq lst.n t.1.: Cott. G!OVANNI BATT I STA PETTr

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I.

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I. FOn,l Éù.TTBUTTURQLI \àd, ia) EUROPEI 2047-2015.ÙMPETENZÉ PER LO SVILUPP (r e, - r{btenll P B L' APPNEN IMENTO {FC ) l-c.'sawétvlllll" ISTITUTO COMPRENSIVO "G. SAIVEMIM" 74122 TARANTO. VIA GREGORIO VII,

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

I Regione. ASL Lecco. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013. Finanziamento

I Regione. ASL Lecco. Lombardia. DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013. Finanziamento Finanziamento I Regione Lombardia ASL Lecco DELIBERAZIONE N. 145 flfj 27 MARZO 2013 OGGETTO: DIPARTIMENTo DI PREVENZIONE VETERINARIA dei progetti concernenti l attuazione delle azioni programmate dalla

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco a, pensiero Chorus of Hebre Slaves from erdi s Nabuo a, pensiero, sull ali dorate; a, ti posa sui livi, sui olli, Ove olezzano tepide e molli L aure doli del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m Per ul teriori info r ma zioni sui nostri Prodotti, sui nostri pro g rammi pro fessi o nali e sul n ost ro p ro g ra m ma di Co n t i n u i ng Ed u cation, co n ta t ta te ci : Zimmer De n tal I tal y

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services)

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services) Sala Toscanini Palazzo delle Stelline Milano 19 aprile ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 Del reg. Data 28.4.2015 COPIA OGGETTO: Elezioni regionali del 31 maggio 2015

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Azienda ULSS n. 9 Treviso Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS9 Azienda ULSS n. 9 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ELEZIONI EUROPEE E AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 DESIGNAZIONE dei DIRIGENTI MEDICI AUTORIZZATI al RILASCIO dei

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

ASì 00 e segg., nella sala delle adunanze del Comune, si è riunita la Giunta Comunale con l'intervento dei Sigg.ri:

ASì 00 e segg., nella sala delle adunanze del Comune, si è riunita la Giunta Comunale con l'intervento dei Sigg.ri: In esecuzione della presente deliberazione sono stati emessi i seguenti mandati: COMUNE DI CALATABIANO N. del di L. Provincia di Catania N. del di L. Il Ragioniere DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 55

Dettagli

«? COMUNE DI LIMINA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE. N.75 reg. delibere LA GIUNTA MUNICIPALE PROVINCIA DI MESSINA

«? COMUNE DI LIMINA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE. N.75 reg. delibere LA GIUNTA MUNICIPALE PROVINCIA DI MESSINA «? COMUNE DI LIMINA PROVINCIA DI MESSINA N.75 reg. delibere COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE OGGETTO:Norme sulle esecuzioni forzate nei confronti degli Enti Locali II semestre 2014. L'anno

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI SARDARA SETTORE SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE Elenco atti da allegare all istanza

COMUNE DI SARDARA SETTORE SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE Elenco atti da allegare all istanza Prociment o/breve descrizione Legge 62/2000 spese scolastiche Legge 448/98 art27 spese acquisto libri (scuola secondaria I e 2 grado) Dlgs 297/94 Fornitura gratita libri di testo scuola elementare Borse

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02.

tm \, ~. 'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,...  COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02. tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - r:..,... i f,p.:

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli