6. Stratigrafia e tettonica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6. Stratigrafia e tettonica"

Transcript

1 Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura di questa storia e attraverso questi strumenti è possibile risalire al tipo di ambiente presente in una certa regione in epoche passate. 1) La stratigrafia e i principi di Stenone La crosta terrestre appare costituita da un insieme di corpi rocciosi dotati di caratteristiche litologiche diverse. Viene definita formazione geologica un corpo roccioso con caratteristiche litologiche uniformi e ben distinguibili da quelle delle formazioni con cui si trova a contatto. Queste caratteristiche sono indicative di un ben definito ambiente di formazione e la presenza in una stessa regione di formazioni di natura diversa testimonia l avvicendamento in quella regione di condizioni ambientali differenti. La stratigrafia si occupa di stabilire l ordine di formazione dei diversi corpi rocciosi effettuandone una datazione relativa e in tal modo può giungere a ricostruire la storia di una certa regione del pianeta. A seconda della natura della roccia, si distinguono formazioni ignee, metamorfiche, o sedimentarie. Le formazioni sedimentarie, in particolare, possono presentarsi come ammassi unici oppure suddivise in strati, ognuno dei quali riconducibile a un preciso ambiente di formazione e separato dagli altri da piani di stratificazione. L insieme delle caratteristiche litologiche e paleontologiche (cioè relative ai resti fossili eventualmente presenti) di una formazione si indica col termine facies e per le formazioni sedimentarie se ne distinguono tre tipologie fondamentali: continentali, di transizione e marine. 103

2 Nell ambito delle facies continentali, caratteristiche delle formazioni che si originano in ambiente subaereo, si distinguono, a loro volta, facies moreniche (ammassi detritici lasciati dai ghiacciai), fluviali e alluvionali, desertiche. Le facies di transizione sono tipiche di zone di passaggio tra il mare e le terre emerse e tra queste vi sono facies palustri, lagunari, di estuario e di delta. Tra le facies marine, infine, si distinguono quelle litorali, nefritiche (tipiche del mare aperto) e pelagiche (caratteristiche dell oceano). Potendo effettuare una datazione relativa delle formazioni geologiche, si può ricostruire, di fatto, la storia della regione in cui si trovano. A tale scopo sono indispensabili i principi della stratigrafia che forniscono le regole attraverso le quali leggere la storia scritta nelle formazioni rocciose. Alcuni di essi furono enunciati nel corso del Seicento dal naturalista danese Niccolò Stenone ( ), al quale si devono: il principio di orizzontalità originaria, il quale, deducibile dall osservazione di processi di sedimentazione in atto, afferma che i sedimenti si accumulano in strati più o meno orizzontali. Quindi, se una formazione mostra strati con giacitura diversa da quella orizzontale, evidentemente deve aver subito uno spostamento in un tempo successivo alla sua formazione; il principio di sovrapposizione stratigrafica, secondo il quale in una formazione sedimentaria ogni strato è più recente di quelli sottostanti e più antico di quelli soprastanti. Si deve, invece, al geologo scozzese Charles Lyell ( ) l elaborazione del principio di intersezione, secondo il quale un evento, come un intrusione di magma, una faglia o una discordanza angolare, che interrompe una formazione rocciosa tagliandola trasversalmente è necessariamente più giovane di questa. Attraverso l analisi degli strati che compongono una formazione rocciosa si può mettere in evidenza come una certa regione sia stata più volte sommersa dal mare. Il ritiro del mare da un area sommersa è detto regressione e avviene frequentemente in seguito al solleva- 104

3 mento della regione; la regressione può essere di piccola o grande entità e può durare per un lasso di tempo ampiamente variabile. Viceversa, si dice ingressione l avanzata del mare su un area emersa. Entrambi i processi lasciano segni vistosi nelle formazioni rocciose, sia per la diversità degli ambienti di formazione riscontrabile nei vari strati, sia perché i movimenti crostali sono spesso accompagnati da un cambiamento nella giacitura delle rocce e quindi da una deviazione dall orizzontalità degli strati. Può avvenire, infatti, che la regressione del mare dovuta al sollevamento della regione porti allo scoperto i sedimenti marini. Questi subiscono erosione durante il periodo di emersione e la successiva ingressione del mare determina la ripresa della deposizione sedimentaria. Se nel sollevamento gli strati più antichi subiscono una deformazione o modificano la loro giacitura, tra questi jwb elli di nuova formazione si osserva una discordanza angolare, ossia una diversa orientazione degli strati di sedimento, accompagnata da una lacuna di sedimentazione, dovuta all erosione e alla mancata deposizione di sedimenti in tutto il periodo di emersione della terra (fig. 1). Accumulo di sedimenti sotto il livello del mare COMPRESSIONE Sollevamento e deformazione, con conseguente esposizione all erosione SOLLEVAMENTO Fig. 1 Spianamento e formazione di una superficie di erosione Subsidenza e deposizione di nuovi sedimenti sulla superficie di erosione Discontinuità angolare SUBSIDENZA Se invece il sollevamento della regione avviene lungo la verticale, senza alterare l orizzontalità degli strati, si osserva solo una lacuna di sedimentazione, documentata dall irregolarità della superficie di confine tra i sedimenti più antichi, sottoposti all erosione, e quelli più recenti. In questo caso si parla di paraconcordanza (fig. 2). 105

4 Sedimentazione degli strati A, B, C, D sotto il livello del mare Sollevamento della regione ed esposizione all erosione Scomparsa dello strato D ed incisione dello strato C Subsidenza ed ingressione del mare con deposizione di sedimenti sulla superficie di erosione 106 SOLLEVAMENTO Fig. 2 2) Elementi di meccanica delle rocce SUBSIDENZA Paraconcordanza Oltre a documentare l esistenza di ben definiti ambienti di formazione, i corpi rocciosi testimoniano la presenza di forze agenti all interno del nostro pianeta di entità tale da provocare la deformazione e lo spostamento di grandi masse. Infatti, gli strati di sedimenti che, in base ai principi di stratigrafia, dovrebbero presentarsi orizzontalmente, spesso risultano disposti obliquamente o verticalmente, oppure evidenziano vistose deformazioni, o addirittura, in alcuni casi, sono spezzati e le due parti appaiono spostate una rispetto all altra. La risposta delle rocce alle sollecitazioni subite dipende da numerosi fattori, fra i quali fondamentali sono la natura della roccia e le condizioni di pressione e temperatura a cui essa è sottoposta. Il comportamento di un corpo elastico ideale è descritto dalla legge di Hooke, in base alla quale la deformazione subita da un corpo è direttamente proporzionale alla forza che la determina e, cessata la sollecitazione, questo riacquista la forma iniziale. I solidi reali, come mostrato in fig. 3, obbediscono alla legge di Hooke solo in un campo limitato della forza applicata, mentre, superato un certo valore, detto limite di elasticità, vengono permanentemente deformati: in questo caso il comportamento del corpo è detto plastico.

5 Fig. 3 Aumentando ulteriormente l entità della sollecitazione, il corpo si rompe ed evidenzia un nuovo limite, detto carico di rottura. I corpi reali dotati di un limite di elasticità molto elevato sono detti elastici, corpi che mostrano un basso limite di elasticità e un ampio intervallo di plasticità vengono denominati plastici, mentre corpi che si rompono prima di evidenziare un limite di elasticità si dicono fragili. Le rocce rispondono alle sollecitazioni in modo diverso a seconda delle condizioni a cui sono sottoposte: in fig. 4 è mostrato il comportamento di una roccia al variare della pressione, della temperatura e del grado di umidità. Fig

6 Si osserva che al crescere della pressione l intervallo di plasticità aumenta: ciò lascia supporre che in profondità nella crosta terrestre, dove sono sottoposte ad un elevata pressione litostatica, le rocce possano subire deformazioni di maggiore entità. Analogamente, la presenza di fluidi e l aumento della temperatura diminuiscono il limite di elasticità e favoriscono il comportamento plastico. Anche la velocità della sollecitazione è un parametro di grande importanza: infatti, una forza modesta, anche notevolmente inferiore al limite di elasticità, se applicata per lunghi periodi può determinare deformazioni permanenti. Ciò giustifica l osservazione di vistose deformazioni in rocce dal comportamento notoriamente rigido. 3) La tettonica Col termine «tettonica» si indica la branca della geologia che studia sia i fenomeni di trasporto, che comportano lo spostamento di grandi blocchi di roccia per lunghe distanze, sia i fenomeni di deformazione, come i vistosi corrugamenti o le modificazioni di giacitura spesso osservabili nelle rocce superficiali. In base a quanto detto riguardo al comportamento delle rocce, appare evidente che le forze agenti all interno del pianeta sono in grado di determinare effetti molto diversi: ad elevate profondità nella crosta terrestre, sotto l azione di alte temperature e di forti pressioni litostatiche, le rocce possono subire notevoli deformazioni e successivamente può verificarsi l affioramento di corpi rocciosi vistosamente deformati per effetto del sollevamento e dell erosione. Più in superficie, a temperature e pressioni di carico inferiori, le rocce mostrano più frequentemente un comportamento rigido, deformandosi per rottura. Quando due settori contigui di crosta vengono sollecitati in modo differenziale oppure rispondono diversamente alla stessa sollecitazione, tra i due può verificarsi una rottura; se la frattura determina lo spostamento di un lembo di crosta rispetto all altro allora si genera una faglia. La superficie di separazione dei due settori è denominata piano di faglia e l entità dello spostamento lungo il piano di faglia è detto rigetto. 108

7 Le faglie vengono distinte in base allo spostamento subìto dai due settori di crosta rispetto al piano di faglia (fig. 5): se questi tendono ad allontanarsi la faglia si dice diretta ed è il risultato di una tettonica distensiva, mentre se tendono ad avvicinarsi la faglia è detta inversa ed è frutto di una tettonica compressiva. Infine, se i due settori si spostano orizzontalmente rispetto al piano di faglia, questa è detta trascorrente. Fig. 5 - Tipi di faglie. Le faglie si trovano spesso associate in fasci paralleli e lo scivolamento dei settori di crosta uno rispetto all altro genera una sorta di gradinata. Quando più fasci si trovano affiancati il settore di crosta interposto risulta sprofondato: ne deriva una depressione denominata fossa tettonica o rift valley. Spesso più fosse tettoniche si presentano affiancate, dando origine ad una successione di fosse e pilastri (fig. 6). Fig. 6 - Successione di fosse tettoniche. Rocce tenere, come le argille, o rocce molto stratificate possono mostrare già in superficie un comportamento sufficientemente plastico da subire deformazioni in seguito all azione di forze compressive. Nella maggior parte dei casi queste si presentano come successioni di pieghe, dette 109

8 sinclinali e anticlinali (fig. 7). I sinclinali sono pieghe conformate ad arco concavo, in cui gli strati interni sono di più recente formazione rispetto a quelli esterni; viceversa, gli anticlinali sono pieghe ad arco convesso, in cui gli strati più antichi si trovano all interno di quelli più recenti. 110 Fig. 7 - Sinclinali e anticlinali. Le pieghe hanno sempre direzione ortogonale alla forza che le determina e possono avere ampiezze variabili da poche decine fino a migliaia di metri. Il persistere delle forze di compressione può determinare il rovesciamento di una piega su un pacco litoide contiguo o l accavallamento di una piega sull altra. Quando un fenomeno analogo ha luogo in corrispondenza di una faglia inversa si assiste ad un sovrascorrimento, ossia alla sovrapposizione di un settore di crosta sull altro. Una serie di strutture di sovrascorrimento danno origine a una struttura a falde (fig. 8). Fig. 8 - Struttura a falde.

9 In alcuni casi i sovrascorrimenti possono assumere proporzioni regionali, tanto da condurre i terreni sovrascorsi in ambienti totalmente diversi da quelli di formazione; per questo i terreni sovrascorsi vengono indicati come alloctoni, mentre i sottostanti sono detti autoctoni. Simili fenomeni possono essere messi in evidenza qualora sia possibile osservare la successione verticale degli strati fino ad una profondità sufficiente, come nel caso di valli che permettano l osservazione degli strati sottostanti a quelli sovrascorsi; in questi casi si osservano strati più antichi al di sotto di strati più recenti. 4) Il ciclo geologico Le rocce più antiche della crosta terrestre risalgono a circa quattro miliardi di anni fa e documentano la storia del nostro pianeta in quel lasso di tempo. Attraverso lo studio della successione verticale degli strati di roccia è possibile distinguere diverse formazioni geologiche e ricostruirne la successione temporale, risalendo ai rispettivi ambienti di formazione e alla storia geologica di una certa regione. Tali successioni, dette serie stratigrafiche, evidenziano il ripetersi ciclico di eventi quali la formazione di rocce, la loro deformazione a causa di movimenti crostali, l erosione delle strutture generate dalla deformazione e, successivamente, la formazione di nuove rocce sulle superfici erose. Questi cicli successivi sembrano aver scandito ovunque l evoluzione del nostro pianeta. Proprio sulla base di queste osservazioni, James Hutton ( ), considerato uno dei padri fondatori della geologia moderna, introdusse l idea dell esistenza di un ciclo geologico che si ripete incessantemente e che, come egli stesso sottolineò, sembra essersi ripetuto nella storia del nostro pianeta «senza traccia di un inizio, né prospettiva di una fine». 111

10 Test di verifica 1. Una formazione rocciosa: 112 a) Ha composizione chimica uniforme. b) Ha caratteristiche litologiche uniformi. c) È un insieme di corpi rocciosi di composizione diversa. d) È un insieme di corpi rocciosi di formazione successiva. e) Nessuna delle precedenti. 2. La discordanza angolare: a) Evidenzia una modificazione di giacitura delle rocce. b) Nega la validità del principio di orizzontalità. c) Testimonia l avvenuta ingressione marina. d) Dimostra la validità del principio di orizzontalità. e) Testimonia l avvenuta regressione marina. 3. Un solido ha comportamento elastico se: a) Resiste ad elevate pressioni. b) Si deforma sotto l azione di elevate pressioni. c) Si deforma sotto l azione di elevate temperature. d) Mantiene la forma iniziale nonostante l applicazione di una forza. e) Riacquista la forma iniziale al cessare dello sforzo applicato. 4. Cos è una faglia? a) La superficie di separazione tra due corpi rocciosi. b) Una frattura interna a una formazione rocciosa. c) Una frattura in una formazione rocciosa che determina lo spostamento relativo delle due parti. d) La superficie di separazione fra strati di roccia. e) Nessuna delle precedenti.

11 5. Cos è un pilastro? a) Una porzione di crosta rilevata rispetto al suo contorno. b) Un versante di una fossa tettonica. c) La parte sprofondata della fossa tettonica. d) Il settore di crosta interposto tra due faglie. e) Il settore di crosta interposto tra due fosse tettoniche. 6. Un sinclinale: a) È una piega della crosta con gli strati più antichi all interno. b) È il risultato della sovrapposizione di due lembi di crosta. c) Si origina per fenomeni di sovrascorrimento. d) È una piega della crosta con gli strati più recenti all interno. e) Nessuna delle precedenti. Soluzioni e commenti 1. Risposta: b). Una formazione geologica può essere definita come un corpo roccioso con caratteristiche litologiche uniformi e ben distinguibili da quelle delle formazioni con cui si trova a contatto. 2. Risposta: a). Una discordanza angolare consiste in una diversa orientazione degli strati di sedimento, che può verificarsi quando, nel corso del sollevamento, una formazione rocciosa subisce una deformazione o modifica la propria giacitura. 3. Risposta: e). Un corpo si dice elastico se subisce una deformazione direttamente proporzionale alla forza che la determina e, cessata la sollecitazione, riacquista la forma iniziale. 4. Risposta: c). La faglia è una frattura che determina lo spostamento di un lembo di crosta rispetto all altro. 5. Risposta: e). Quando più fosse tettoniche si presentano affiancate si assiste a una successione di fosse e pilastri. 6. Risposta: d). I sinclinali sono pieghe conformate ad arco concavo, in cui gli strati interni sono di più recente formazione rispetto a quelli esterni. 113

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Laura Ercoli Dispense di geologia applicata. Lezioni 11-20

Laura Ercoli Dispense di geologia applicata. Lezioni 11-20 Laura Ercoli Dispense di geologia applicata Lezioni 11-20 - Stratigrafia :principi di continuità e di sovrapposizione, unità stratigrafiche, formazioni geologiche - Giacitura delle formazioni geologiche:

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it Indice 1 CLASSIFICAZIONE DELLE ROCCE... 2 2 LA SISTEMATIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ... Errore. Il segnalibro non è definito.

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA Anno accademico 2010-2011. Corso di. Geologia e Litologia. Laurea in Scienze dell Ambiente e della Natura.

UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA Anno accademico 2010-2011. Corso di. Geologia e Litologia. Laurea in Scienze dell Ambiente e della Natura. UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA Anno accademico 2010-2011 Corso di Geologia e Litologia Laurea in Scienze dell Ambiente e della Natura Stratigrafia UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO PIEGHE E FAGLIE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO PIEGHE E FAGLIE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO PIEGHE E FAGLIE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 3^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Più volte

Dettagli

Teoria della tettonica delle placche

Teoria della tettonica delle placche Teoria della tettonica delle placche Un po di storia L idea di una Terra mobile nasce nel 1910 ad opera di Wegener (pubblicazione in forma completa 1915) Egli osservò la concordanza delle coste atlantiche

Dettagli

S E D I M E N T I e S T R U T T U R E S E D I M E N T A R I E

S E D I M E N T I e S T R U T T U R E S E D I M E N T A R I E S E D I M E N T I e S T R U T T U R E S E D I M E N T A R I E Sergio Longhitano Dipartimento di Scienze Geologiche Università degli Studi della Basilicata E-Mail: longhitano@unibas.it STRATIFICAZIONE CUNEIFORME

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE La Terra, come ogni altro corpo dotato di massa, è circondata da un campo gravitazionale che attrae altri corpi. Siamo oggi in grado di determinare gli effetti della gravità,

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente. Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.

LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente. Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof. LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.ssa Elena Tibaldi 1 La geologia storica: un viaggio a ritroso nel tempo Lo studio

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 3.2 AZIONE SISMICA Le azioni sismiche di progetto si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione, che è descritta dalla probabilità

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare.

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare. Articolo su tecnologia TBM per rivista GALLERIE EARTH PRESSURE BALANCE MACHINE Breve cenno sull utilizzo dello scudo meccanizzato a pressione bilanciata nello scavo delle gallerie e sulla funzione della

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione Anas SpA Direzione Centrale Progettazione Ministero Infrastrutture e Trasporti RegioneLombardia Provincia di Como Camera di Commercio Como Anas SpA Direzione Centrale Progettazione INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

SEI 2012 I fenomeni sismici. Il percorso

SEI 2012 I fenomeni sismici. Il percorso 7 I fenomeni sismici Il percorso 1 I terremoti 2 La teoria del rimbalzo elastico 3 Le onde sismiche 4 I l rilevamento delle onde sismiche: sismografi e sismogrammi 5 Intensità e magnitudo dei terremoti

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

Crolla un edificio a Napoli. Anche l'amministratore dello stabile e' indagato per disastro colposo di Angelo Pesce e Ivan Meo

Crolla un edificio a Napoli. Anche l'amministratore dello stabile e' indagato per disastro colposo di Angelo Pesce e Ivan Meo Crolla un edificio a Napoli. Anche l'amministratore dello stabile e' indagato per disastro colposo di Angelo Pesce e Ivan Meo CondominioWeb.com Cronaca di un disastro annunciato L ultimo episodio si è

Dettagli

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2

SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 LIBRO I Fondazioni e sostegni FONDAZIONI Scheda N : SOLUZIONI COSTRUTTIVE 2 Libro I Casi particolari Fondazioni sotto pressione L incidenza dell acqua che non riesce a risalire liberamente al di sopra

Dettagli

Lettura ed interpretazione delle carte topografiche e delle carte tematiche. di contenuto geologico, sezioni geologiche,

Lettura ed interpretazione delle carte topografiche e delle carte tematiche. di contenuto geologico, sezioni geologiche, Lettura ed interpretazione delle carte topografiche e delle carte tematiche di contenuto geologico, sezioni geologiche, Lez.24-27 La cartografia di base, ossia il documento cartaceo su cui vengono riportati

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Facoltà Scienze Via Trentino, 51 09127 Cagliari CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE Cartografia Geologica Lettura ed interpretazione

Dettagli

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi Misure di resistività finalizzate allo studio ed alla modellazione della villa romana rinvenuta in località Torraccia di Chiusi (comune di San Gimignano) Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani Giulia

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO

ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO ITINERARIO 1: IL FIUME, LE CASCATE, IL LAGO: DALLE MARMORE AL LAGO DI PIEDILUCO IL LAGO DI PIEDILUCO Nel Quaternario il Fiume Velino e il Fiume Nera furono protagonisti del modellamento morfologico dell

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

3 - I MOVIMENTI DELLA CROSTA TERRESTRE. 3.1 - Movimenti verticali

3 - I MOVIMENTI DELLA CROSTA TERRESTRE. 3.1 - Movimenti verticali 3 - I MOVIMENTI DELLA CROSTA TERRESTRE I fenomeni della disgregazione e dell alterazione comportano la demolizione (disfacimento) delle alture e la formazione di detriti; questi vengono trasportati e depositati

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

Validazione codice di calcolo

Validazione codice di calcolo Validazione codice di calcolo Informativa sull affidabilità dei codici di calcolo D.M. 14-01-2008 paragrafo 10.2. Le fasi di progettazione e sviluppo dei software GeoStru sono sottoposti al controllo gestione

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini La distanza di quota tra isoipse è costante e prende il nome di EQUIDISTANZA. Generalmente il valore dell

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

... Le acque come risultato. "tettoniche" (le. riscaldamento LE COSTE. tra. rocce".

... Le acque come risultato. tettoniche (le. riscaldamento LE COSTE. tra. rocce. Cognome... Nome... Le acque marine modellano i litorali attraverso l azione delle correnti, delle maree e soprattutto delle onde; questa azione si manifestaa attraverso processi di erosione, trasporto

Dettagli

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Comune di CARMIANO Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Struttura portante l ascensore della Scuola Primaria "Archimede Lecciso" via Stazione - Carmiano Sommario Il piano di manutenzione è il documento

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

I.2 Inquadramento geomorfologico

I.2 Inquadramento geomorfologico I.2 Inquadramento geomorfologico I.2.1 Domini geologici e lineamenti strutturali principali Il territorio della Provincia Autonoma di Trento è caratterizzato dal punto di vista geologico dalla presenza

Dettagli

La deriva dei continenti. Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani.

La deriva dei continenti. Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani. La deriva dei continenti Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani. La deriva dei continenti Wegener presuppose che le terre attualmente emerse

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7, OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Microzonazione sismica Linee guida per l

Dettagli

I principali codici di cui dispone M 3 E sono:

I principali codici di cui dispone M 3 E sono: M 3 E S.r.l. è una società all avanguardia nello studio e simulazione numerica della geomeccanica di giacimento in problemi di sfruttamento o stoccaggio di risorse sotterranee, come acqua, gas o petrolio.

Dettagli

INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR

INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR Lo scopo di questa indagine è la caratterizzazione sismica del sottosuolo e, in particolare, l individuazione delle discontinuità sismiche

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO 1.1 - L Appennino Meridionale La genesi della Catena dell Appennino Meridionale inizia nell Oligocene Superiore-Miocene Inferiore (Monaco e Tortorici, 1998) e deriva

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI)

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI) Modellazione sismica di sito COMUNE DI ILLARICCA (PROINCIA DI NAPOLI) RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA DI SITO ARIANTE URBANISTICA PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA PARCHEGGIO PUBBLICO E COMPLETAMENTO

Dettagli

TECNICHE GEOLOGICHE TRADIZIONALI NELLA RICERCA DI NUOVI GIACIMENTI DI PIETRE ORNAMENTALI IN PUGLIA

TECNICHE GEOLOGICHE TRADIZIONALI NELLA RICERCA DI NUOVI GIACIMENTI DI PIETRE ORNAMENTALI IN PUGLIA n 1/2-2005 pagg. 29-40 TECNICHE GEOLOGICHE TRADIZIONALI NELLA RICERCA DI NUOVI GIACIMENTI DI PIETRE ORNAMENTALI IN PUGLIA Alessandro Reina 1 & Luigi Buttiglione 2 1 Iscritto n 213 ORG - Puglia Ricercatore

Dettagli

PROVA DI CARICO PER PALI

PROVA DI CARICO PER PALI PROVA DI CARICO PER PALI ESECUZIONE E INTERPRETAZIONE IN BASE ALL ESEMPIO DI PALI DUTTILI Messo a disposizione dal Dott. Ing. Anton Plankl, assistente presso l Istituto per fondazioni, geologia e costruzioni

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria DCT ICAR/04 STRADE, FERROVIE, AEROPORTI Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI Ing. Nicola Baldo e-mail: nicola.baldo@unipd.it

Dettagli

LINEAMENTI GEOLOGICI DEL BACINO DEL TEVERE

LINEAMENTI GEOLOGICI DEL BACINO DEL TEVERE LINEAMENTI GEOLOGICI DEL BACINO DEL TEVERE Cenni di geologia e geomorfologia 1 - Generalità 2 - La dorsale carbonatica appenninica 3 - Il Graben del Tevere, il bacino Tiberino, le conche intermontane 4

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura Resistenza a compressione (1) I materiali lapidei naturali ed artificiali raggiungono

Dettagli

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta.

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? Crepe e fessurazioni sui muri

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

--- durezza --- trazione -- resilienza

--- durezza --- trazione -- resilienza Proprietà meccaniche Necessità di conoscere il comportamento meccanico di un certo componente di una certa forma in una certa applicazione prove di laboratorio analisi del comportamento del componente

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

SOMMARIO. Pag. 1 a 17

SOMMARIO. Pag. 1 a 17 SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2 Cordoli barriere antirumore... 2 Plinto torre faro... 2 Strutture di elevazione... 2 Profilati HEA 160 ed elementi di collegamento in acciaio per

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30 Workshop Strategie di Mitigazione del Rischio sismico La Microzonazione sismica: esperienze, risultati, applicazioni dal 2008 al 2013 Roma, 22-23 maggio 2013 CNR, Piazzale A. Moro 1 Le categorie di sottosuolo

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE I LIVELLO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PROGETTO PRELIMINARE

REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE I LIVELLO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PROGETTO PRELIMINARE REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO Progetto per la costruzione di un generatore fotovoltaico in località Marina denominato Purena 1 P = 3.000 kwp PROCEDURA DI VALUTAZIONE

Dettagli

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche

Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche. Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Il piano degli scavi: problematiche connesse e soluzioni tecniche Brescia, Brescia, 28 28 Marzo Marzo 2009 2009 Dott. Ing. A. Sanzeni alex.sanzeni@ing.unibs.it

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli