NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO"

Transcript

1 NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO

2 VITAMINA D3 E D2 Deriva dal colesterolo, sintetizzato dagli organismi animali Deriva dall ergosterolo, presente nelle piante

3 7 DIIDROCOLESTEROLO FOTOLISI UV CUTE PREVITAMINA D TEMPERATURA CORPOREA VITAMINA D

4 VITAMINA D3 E D2

5 METABOLISMO DELLA VITAMINA D

6 RUOLO DEL FEGATO NEL METABOLISMO DELLA VITAMINA D IDROSSILAZIONE IN POSIZIONE 25 MITOCONDRI: IDROSSILASI (CYP27, CITOCROMO P450) MICROSOMI: CITOCROMI P450 AD ATTIVITA VARIABILE PER D2 O D3 E METABOLITI SINTESI DELLA VITAMIN D BINDING PROTEIN (DBP) SINTESI DELL ALBUMINA INIBIZIONE DELLA 25 IDROSSILASI DA LIVELLI ELEVATI DI 1.25 (OH)2 D

7 RUOLO DEL RENE NEL METABOLISMO DELLA VITAMINA D PRODUZIONE DI VENTI METABOLITI (PRINCIPALI D E 1.25 D) CITOCROMOSSIDASI MITOCONDRIALE (1-ALFA E 24) DEI TUBULI PROSSIMALI STIMOLAZIONE: PTH, IGF-1 INIBIZIONE: CALCIO, 1.25 D3, FOSFATO, FATTORE DI CRESCITA 23 DERIVATO DAI FIBROBLASTI (FGF23)

8 PRODUZIONE DI 1,25(OH)2 E 24,25(OH)2 VITAMINA D

9 LA 1α IDROSSILASI IN SEDE EXTRARENALE COLON PROSTATA MAMMELLA OSTEOBLASTI CERVELLO EPIDERMIDE PLACENTA MACROFAGI POLMONE CHERATINOCITI

10 AZIONE SULLA 1α IDROSSILASI NEI MACROFAGI E NEI CHERATINOCITI GAMMA-INTERFERONE (GAMMA-IFN): STIMOLAZIONE (FASE ATTIVA DELLA MALATTIA) TUMOR NECROSIS FACTOR-ALFA (TNF-ALFA): STIMOLAZIONE 1,25(OH)2-VIT D E CALCIO: AZIONE MODESTA IPERCALCEMIA ED AUMENTO DI 1,25 (OH)2 VIT D IN SARCOIDOSI, LINFOMI E MALATTIE GRANULOMATOSE

11 M. GRANULOMATOSE CON IPERCALCEMIA DA AUMENTO DI 1.25(OH)2 VIT D GRANULOMATOSI INFETTIVE TUBERCOLOSI COCCIDIOMICOSI DISSEMINATA ISTOPLASMOSI CANDIDIASI LEBBRA GRANULOMATOSI NON INFETTIVE M. DI HODGKIN E LINFOMI NON-HODGKIN BERILLIOSI GRANULOMATOSI SILICONE INDOTTA GRANULOMATOSI DI WEGENER GRANULOMA EOSINOFILO

12 SARCOIDOSI IPERCALCEMIA NEL 10% DEI PAZIENTI IPERCALCIURIA (FINO AL 50%) AUMENTO DEI LIVELLI DI 1.25 (OH)2 VIT D ATTIVITA 1ALFA IDROSSILASICA DEI MACROFAGI POLMONARI E DEL TESSUTO LINFOIDE

13 Scintigrafia con 67Ga-C C nella sarcoidosi Segno scintigrafico definito come panda cefalico, dovuto all intensa e simmetrica captazione naso- oculo-parotidea

14 Scintigrafia con 67Ga-citrato nella sarcoidosi Segno scintigrafico definito come lambda intratoracico, dovuto alla simmetrica captazione linfonodale ilare bilaterale e dei linfonodi dell azygos, retrocavali o della loggia di Barety.

15 IDROSSILAZIONE EPATICA E RENALE ORMONE PRODUZIONE ENDOGENA REGOLAZIONE METABOLICA CON FEEDBACK DELLA SINTESI AZIONE SU ORGANI LONTANI DALLA SEDE DI PRODUZIONE MECCANISMO D AZIONE

16 VITAMIN D RECEPTOR (VDR) VDR RXR COMPLESSO VDR-RXR (ETERODIMERI) VDR REGIONI REGOLATRICI DEI GENI SOTTO CONTROLLO DELLA VIT D: ELEMENTI DI RISPOSTA ALLA VIT D (VDRE)

17 AZIONI RAPIDE DELLA 1,25(OH)2 VIT D FLUSSO INTRACELLULARE DI IONI CALCIO ATTIVITA DELLA PROTEINCHINASI C RECETTORE DI MEMBRANA NON IDENTIFICATO?

18 LIVELLI DI VITAMINA D ED ESPOSIZIONE AL SOLE VITAMINA D DOPO ESPOSIZIONE DI TUTTO IL CORPO AGLI UV V ITAMINA D (nmol/l) GIOVANE GIORNI ANZIANO Holick et al. Lancet 1989

19 TESSUTI E CELLULE CON PRESENZA DI VITAMIN D RECEPTOR (VDR) INTESTINO RENE OSSO TESSUTO EMOPOIETICO TESSUTO IMMUNITARIO MIOCARDIO MUSCOLO LISCIO CERVELLO FEGATO MAMMELLA ENDOTELIO CHERATINOCITI DELLA CUTE MELANOCITI FIBROBLASTI CUTANEI IPOFISI PARATIROIDI PANCREAS (CELLULE BETA) CORTICALE SURRENALE MIDOLLARE SURRENALE OVAIE TESTICOLI

20 EFFETTI EXTRASCHELETRICI DELLA VITAMINA D Holick MF e coll. New Engl J Med 2007

21 AZIONE DELLA VITAMINA D Mineralizzazione ossea Azione antitumorale Azione immunomodulante Funzionalita muscolare Protezione Cardiovascolare

22 RELAZIONE FRA RISCHIO DI EVENTI CARDIOVASCOLARI E LIVELLI DI VITAMINA D IL DEFICIT DI VITAMINA D RADDOPPIA IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Wang TJ et al., Circulation 2008

23 VITAMINA D E DIABETE? IN BAMBINI E ADOLESCENTI CON DIABETE MELLITO DI TIPO I L HbA1c PUO ESSERE RIDOTTA DALLA SOMMINISTRAZIONE DI VITAMINA D SENZA MODIFICARE LA DOSE DI INSULINA LA SUPPLEMENTAZIONE CON VITAMINA D NON MODIFICA LA MASSA GRASSA E LA HbA1c MA PUO MIGLIORARE LE COMPLICANZE DEL DIABETE

24 VITAMINA D E RIDUZIONE DEL RISCHIO DI NEOPLASIE? AUMENTA L APOPTOSI FAVORISCE LA DIFFERENZAZIONE DELLE CELLULE TUMORALI RIDUCE LA PROLIFERAZIONE CELLULARE (NEOPLASIE MAMMARIE, INTESTINALI) RIDUCE L ANGIOGENESI E LA FORMAZIONE DI METASTASI MINORE RISCHIO DI MALATTIE VIRALI

25 DOSAGGIO DELLA VITAMINA D: CONTROVERSIE L IMPRECISIONE DEI METODI DI DOSAGGIO DELLA 25 VIT D RENDE DIFFICILE DEFINIRE I LIVELLI DI VIT D OTTIMALI PER L OSSO I DOSAGGI ATTUALMENTE IMPIEGATI PER LA DETERMINAZIONE DELLA 25 (OH) VITAMINA D POSSONO INCLUDERE ALTRI METABOLITI DELLA VITAMINA D

26 VITAMINA D E NEOPLASIE? ESISTE UNA CORRELAZIONE INVERSA FRA BASSI LIVELLI DI 25 VIT.D E RISCHIO DI SVILUPPARE CANCRO DEL COLON-RETTO IL RISCHIO DI CANCRO AL SENO PUO ESSERE ASSOCIATO A SPECIFICI POLIMORFISMI DEL RECETTORE DELLA VITAMINA D, IN PARTICOLARE CYP24A1

27 EFFETTI SCHELETRICI ED EXTRASCHELETRICI DELLA VITAMINA D Bischoff-Ferrari HA et al., Am J Clin Nutr 2006

28 VITAMINA D E NEOPLASIE?

29 VITAMINA D E NEOPLASIE? NELLE DONNE LA VITAMINA D PUO ESSERE UN AGENTE EFFICACE NEL RIDURRE IL RISCHIO DI CANCRO ASSOCIATO ALL OBESITA IN STUDI OSSERVAZIONALI SEMBRA CHE L ESPOSIZIONE AGLI UVB SOLARI E LA VITAMINA D RIDUCANO NELLE DONNE IL RISCHIO DI CANCRO SOPRATTUTTO AL SENO ED AL COLON-RETTO

30 VITAMINA D ED OSTEOPOROSI Mineralizzazione ossea Azione antitumorale Azione immunomodulante Funzionalita muscolare Protezione Cardiovascolare

31 1,25(OH)2 VIT D E ASSORBIMENTO INTESTINALE DI CALCIO DIFFUSIONE PASSIVA 15% TRASPORTO ATTIVO CARRIER MEDIATO 85%

32 APPORTO DI CALCIO PRIME DECADI DI VITA: PICCO DI MASSA OSSEA ULTIME DECADI: PERDITE AUMENTATE

33 VITAMINA D E TESSUTO MUSCOLARE INDUCE LA PRODUZIONE DI PROTEINE MUSCOLARI ATTIVA I MECCANISMI DI TRASPORTO DEL CALCIO DEL RETICOLO SARCOPLASMATICO NECESSARI PER LA CONTRAZIONE MUSCOLARE VITAMINA D TROFISMO MUSCOLARE Mowe M: J Am Geriatr Soc 1999; 47:

34 VITAMINA D E MUSCOLO LA DISAMINA DI 10 LAVORI (SU 1679) HA EVIDENZIATO CHE IL TRATTAMENTO CON VIT D (DOSE = > 800 UI), CON O SENZA SUPPLEMENTO IN Ca, RIDUCE NEGLI ANZIANI IL RISCHIO DI CADUTE NEL MUSCOLO DELLE DONNE ANZIANE LA VIT D3 AUMENTA DEL 30% IL VDR E DEL 10% LE FIBRE MUSCOLARI

35 FRATTURE DI FEMORE NEGLI ANZIANI: FRATTURE DA FRAGILITA NEGLI OVER 65 ANNI LA CAUSA PIU FREQUENTE DI MORTE E DISABILITA E IL DANNO DA CADUTA IL DANNO DA CADUTA PIU GRAVE E LA FRATTURA DELL ANCA L 80% DELLE FRATTURE D ANCA NEGLI OVER 65 ANNI INTERESSA LE DONNE LA OSPEDALIZZAZIONE PER FRATTURA D ANCA DI DONNE OVER 65 ANNI E AUMENTATA DEL 23% DAL 1988 AL 1996

36 TERAPIA CON Ca E VITAMINA D: RIDUZIONE DELLE FRATTURE? ADEGUATO APPORTO IN CALCIO + VITAMINA D (800 UI/die) TALE DA PORTARE LA 25 VITAMINA D A LIVELLI SIERICI SUPERIORI A 50 nmol/l RIDUCONO IL RISCHIO DI FRATTURA NEGLI ANZIANI ISTITUZIONALIZZATI TUTTI I PAZIENTI IN TERAPIA PER L OSTEOPOROSI DOVREBBERO RICEVERE ADEGUATI APPORTI DI Ca E VIT D PER OTTENERE IL MASSIMO BENEFICIO DAL TRATTAMENTO

37 TERAPIA CON Ca E VITAMINA D: AZIONE SULL OSSO IN CIRCA 700 DONNE IN POSTMENOPAUSA TRATTATE PER 3 ANNI CON Ca (1000 mg/die) E COLECALCIFEROLO (800 UI/die) LA BMD TOTAL BODY, LOMBARE E FEMORALE AUMENTAVANO LA VIT D DA SOLA NON PREVIENE LE FRATTURE DELLA ANCA E VERTEBRALI MENTRE IN ASSOCIAZIONE A Ca RIDUCE LE FRATTURE DELL ANCA

38 TERAPIA CON Ca E VITAMINA D: AZIONE SULL OSSO IN 20 COPPIE DI GEMELLE (9 13 ANNI) LA SUPPLEMENTAZIONE CON Ca, 800 mg, E VIT D, 400 UI, HA DETERMINATO ALLA TOMOGRAFIA QUANTITATIVA PERIFERICA (pqct) UN SIGNIFICATIVO GUADAGNO NELLA DENSITA TRABECOLARE DI RADIO E TIBIA DISTALI NONCHE DELLO SPESSORE DELLA CORTICALE TIBIALE

39 TERAPIA CON Ca E VITAMINA D: AZIONE SULL OSSO LA TERAPIA CON Ca E VIT D RIDUCE IL RISCHIO DELLE FRATTURE NON VERTEBRALI SOPRATTUTTO NEGLI ANZIANI OSPEDALIZZATI SUPPLEMENTI DI VIT D E CALCIO POSSONO PREVENIRE LE FRATTURE DELL ANCA E DI ALTRE SEDI. LA TERAPIA CON Ca E VIT D NON AUMENTA IL RISCHIO DI MORTE

40 TERAPIA CON VITAMINA D E RISCHIO DI MORTE L AUMENTO DELL APPORTO DI VIT D NEI BAMBINI E NEGLI ADULTI OLTRE A MIGLIORARE IL SISTEMA MUSCOLOSCHELETRICO RIDUCE IL RISCHIO DI MORTALITA, DI ALCUNI TUMORI E DI MALATTIE AUTOIMMUNI NONOSTANTE I LIVELLI DI VIT D VARIANO PER PAESE, SESSO E STAGIONE LA RELAZIONE INVERSA FRA LIVELLI DI VIT D E MORTALITA E MOLTO CONSISTENTE

41 AMBULATORIO OSTEOPOROSI PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO MOC DEXA FEMORE

42 AMBULATORIO OSTEOPOROSI PSP ELENA D AOSTA

43 ANNO 25 VD NUMERO CAMPIONI 25VD MEDIA +/- DEVIAZIONE STANDARD 1.25 VD NUMERO CAMPIONI 1.25VD MEDIA +/- DEVIAZIONE STANDARD / / / / / / / / / / / /- 21.7

44 ASL NA1CENTRO: SUPPLEMENTAZIONE CON VIT D NELL AREA METROPOLITANA DI NAPOLI AMBULATORIO OSTEOPOROSI PSP E. D AOSTA ANNO 25 VD NUMERO CAMPIONI UOMINI/DONNE 25VD MEDIA +/- DEVIAZIONE STANDARD 1.25 VD NUMERO CAMPIONI 1.25VD MEDIA +/- DEVIAZIONE STANDARD / / / / / / R GIANNATTASIO ET AL, BIFOSFONATI, GIBIS, SET 2013; XIV, 2: 30

45 VITAMINA D: 2006 VS 2011 METABOLITA DELTA VIT. D +/ / % VIT. D +/ / %

46 25 VITAMINA D 35,00 30,00 30,16 v. n ng/ml 25,00 20,00 15,00 10,00 18,72 5,00 0,

47 FABBISOGNO DI VIT D: UI/die SUPPLEMENTAZIONE ANNI > 70 VITAMINA D UI/die (1.000?)

48 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI 25(OH)-VITAMINA D DEFINIZIONE CARENZA INSUFFICIENZA NORMALE ECCESSO INTOSSICAZIONE ng/ml < >100 >150 nmol/l <50* >250 >375 * Fattore di conversione: nmol/l : 2.5 ng/ml Linee Guida SIOMMMS 2011

49 PREVENZIONE DELLA OSTEOPOROSI CON VITAMINA D COLECALCIFEROLO (UI): 800 die, settimana, UI/mese 25 VITAMINA D SIERICA = ng/ml INCREMENTO DELLA 25 (OH) VIT D SIERICA DOPO 100 UI DI COLECALCIFEROLO (1UI = mcg): ng/ml

50 TERAPIA CON VITAMINA D NELLE AFFEZIONI DEL METABOLISMO FOSFO-CALCICO COLECALCIFERO, ERGOCALCIFEROLO CALCIFEDIOLO 1-ALFA- CALCIFEDIOLO CALCITRIOLO ABBREVIAZIONE VITAMINA D3, D2 25(OH)-D 1-ALFA(OH)-D 1,25(OH)2-D DURATA D AZIONE 1 3 MESI 2 6 SETTIMANE 8 12 ORE 2 5 GIORNI INDICAZIONI CARENZA DI VITAMINA D, MALASSORBIMENTO MALASSORBIMENTO, MALATTIE EPATICHE INSUFFICIENZA RENALE ED IPOPARATIROIDISMO NON GRAVI MALASSORBIMENTO INSUFFICIENZA RENALE ED IPOPARATIROIDISMO GRAVI RACHITISMO

51 MONITORAGGIO DELLA TERAPIA CON VITAMINA D CALCEMIA (E CALCIURIA) CALCIO IONIZZATO E/O CORRETTO FOSFOREMIA (E FOSFATURIA) 25(OH)-VITAMINA D SIERICA 1,25(OH)2-VITAMINA D SIERICA (SE POSSIBILE) PTH SIERICO

52 OSTEOPOROSI * L Osteoporosi L é causa di più di 8.9 milioni di fratture all anno, anno, 1 ogni 3 secondi. Johnell O and Kanis JA, Osteoporos Int 17: 1726, 2006 * La prima frattura da Osteoporosi è associata con l 86% di rischio di conseguire una qualsiasi altra frattura. Kanis JA et Al, Bone 35: 375, 2004 * La maggior parte dei pazienti a rischio, che ha riportato almeno una frattura da osteoporosi, non é né identificata, nén trattata. Nguyen TV et Al, Med J Aust: 180, 2004

53 PREVENZIONE DELLE RIFRATTURE DA FRAGILITA? Solo ~20% Esiste ancora un gap tra la riparazione della frattura da fragilità e la prevenzione delle future fratture. 5 1 Dell RM, et al J Bone Joint Surg Am 2009;91(suppl 6): Solomon DH, et al Am J Med 2003;115(5): Andrade SE, et al Arch A Intern Med 2003;163(17): Harrington JT, et al Arthritis Rheum 2002;47(6): AOA About Own the Bone own-the-bone.aspx. Pazienti che hanno ricevuto terapia medica Pazienti che non hanno ricevuto terapia medica 20% 80% * La terapia per l Osteoporosi l (Ca, Vitamina D, Farmaci) riduce del 30-60% il rischio di incorrere in una ulteriore frattura (Jennings et Al., Osteoporosis Int., 2010)

54 CONCLUSIONI: VITAMINA D E FRATTURE LA VITAMINA D (ASSOCIATA A CALCIO) RIDUCE IL RISCHIO DI FRATTURE I FARMACI IMPIEGATI NELL OSTEOPOROSI HANNO LA MASSIMA EFFICACIA SOLO SE E ASSICURATO UN ADEGUATO APPORTO DI VITAMINA D E CALCIO. LA VITAMINA D, MIGLIORANDO IL TROFISMO MUSCOLARE, RIDUCE IL RISCHIO DI CADUTA E IL DANNO DA CADUTA E QUINDI LE FRATTURE

55 CONCLUSIONI: AZIONI EXTRASCHELETRICHE DELLA VITAMINA D LA PRESENZA DEL VDR IN MOLTE LINEE CELLULARI SUPPORTA L AZIONE EXTRASCHELETRICA DELLA VITAMINA D SEBBENE MOLTI LAVORI EPIDEMIOLOGICI SEMBRANO CONFERMARE QUESTE AZIONI ESISTONO ANCORA CONTROVERSIE SU ALCUNI EFFETTI EXTRASCHELETRICI DELLA VITAMINA D

56

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso.

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso. Premessa La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4 e D5. Le due più importanti forme nella quale la vitamina D si può trovare sono la

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi

Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Attività fisica e stile di vita nella prevenzione e nel trattamento dell osteoporosi Dr. Alessandro Valent Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione Membro International Society of Physical and Rehabilitation

Dettagli

Report Congressuale. Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH)D 3. . Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico. Bruno Farmaceutici

Report Congressuale. Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH)D 3. . Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico. Bruno Farmaceutici CORSO DI AGGIORNAMENTO ECM Programma Nazionale per la Formazione Continua degli Operatori della Sanità Ruolo centrale del calcifediolo, 25(OH) Importanza dello status D vitaminico in ambito clinico Bruno

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Poppi 06 Dicembre 2014 Marcello Grifagni

Poppi 06 Dicembre 2014 Marcello Grifagni Poppi 06 Dicembre 2014 Marcello Grifagni Metabolismo della vitamina D La luce solare penetra nella cute e converte il precursore 7-deidrocolesterolo in colecalciferolo (o vitamina D3). Esiste anche una

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Dora Di Mauro. Clinica Pediatrica Università degli Studi di Parma

Dora Di Mauro. Clinica Pediatrica Università degli Studi di Parma Dora Di Mauro Clinica Pediatrica Università degli Studi di Parma Per tal motivo le forme carenziali erano molto diffuse E solo nel 1645 che Daniel Whistler, studente di medicina inglese, fa una prima

Dettagli

Omeostasi del calcio. Ca 2+ totale. Ca 2+ plasmatico. Kg 1.0-1.3 99% osso. 8.5-10.4 mg/dl (2.1-2.6 mm) 50% libero 50% legato

Omeostasi del calcio. Ca 2+ totale. Ca 2+ plasmatico. Kg 1.0-1.3 99% osso. 8.5-10.4 mg/dl (2.1-2.6 mm) 50% libero 50% legato Omeostasi del calcio Ca 2+ totale Kg 1.0-1.3 99% osso Cristalli con fosforo: idrossiapatite Ca 2+ plasmatico 8.5-10.4 mg/dl (2.1-2.6 mm) 50% libero 50% legato Albumina Citrato, fosfato Ruolo fisiologico

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano. Unità di Ortopedia e Traumatologia. Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati

Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano. Unità di Ortopedia e Traumatologia. Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano Unità di Ortopedia e Traumatologia Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati Dr. Fabio Bertaiola 1 Chiunque ha sentito parlare dell osteoporosi

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture OSTEOPOROSI DEFINIZIONE: Malattia scheletrica sistemica caratterizzata dalla perdita di massa ossea e dalla distruzione della microarchitettura del tessuto osseo con conseguente aumento della fragilità

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

24-09-2011. della USL8 Arezzo che avvia la definizione dei percorsi e management per la gestione dell osteoporosi e delle fratture da fragilità

24-09-2011. della USL8 Arezzo che avvia la definizione dei percorsi e management per la gestione dell osteoporosi e delle fratture da fragilità 24-09-2011 Presentazione del documento aziendale della USL8 Arezzo che avvia la definizione dei percorsi e management per la gestione dell osteoporosi e delle fratture da fragilità Elaborato dal Gruppo

Dettagli

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO )

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI? Malattia del sangue Malattia dell osso OSTEOPOROSI: malattia sistemica dello scheletro

Dettagli

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA OMEOSTASI DEL CALCIO E SUA REGOLAZIONE TRE ORMONI: PARATORMONE /PTH CALCITRIOLO CALCITONINA Klinke cap 11.7 Le paratiroidi L ormone paratiroideo o PTH

Dettagli

Osteomalacia. A. Santonati (RM), A. Scillitani (SGR) 2. Eziopatogenesi dell osteomalacia (A. Scillitani, SGR)

Osteomalacia. A. Santonati (RM), A. Scillitani (SGR) 2. Eziopatogenesi dell osteomalacia (A. Scillitani, SGR) Osteomalacia L Osteomalacia Coordinatore: M. Zini (RE) Moderatori: A. Santonati (RM), A. Scillitani (SGR) 1. Malattie del metabolismo osseo: non solo osteoporosi (F. Vescini, UD) 2. Eziopatogenesi dell

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

Modulazione ormonale del ricambio

Modulazione ormonale del ricambio Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Applicate Anno Accademico 2013-14 Modulazione ormonale del ricambio calcico Maria Luisa Eliana Luisi Parametri del ricambio

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Con il termine di vitamina D si intendono 2 composti chimici derivati dal 7-deidro colesterolo, denominati colecalciferolo o vitamina D 3

Con il termine di vitamina D si intendono 2 composti chimici derivati dal 7-deidro colesterolo, denominati colecalciferolo o vitamina D 3 IL FABBISOGNO DI VITAMINA D NELL ADULTO Massimo Procopio Responsabile Editoriale AME: Vincenzo Toscano Divisione di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Dipartimento di Medicina Interna, Azienda

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo La regolazione dei livelli plasmatici di calcio è un evento critico per una normale funzione cellulare, per la trasmissione nervosa,

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Associazione Italiana per l Educazione Demografica Sezione di Roma L osteoporosi È una condizione dello scheletro caratterizzata

Dettagli

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE INCONTRI A TEMA II EDIZIONE Martedì 11 novembre ore 16,30 dr.ssa Iris Volante specialista ostetricia e ginecologia l osteoporosi tra prevenzione, automedicazione e terapia SALA POLIVALENTE FARMACIA EUROPA

Dettagli

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute

Welcome. D: vitamina/ormone essenziale per la salute Welcome D: vitamina/ormone essenziale per la salute 1. Farmacologia della vitamina D 1. Produzione e metabolismo 1. Apporto dietetico 2. Produzione endogena 2. Meccanismi d azione 1. Recettori nucleari

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI. CROCE ROSSA ITALIANA SCHEDA DI APPROFONDIMENTO Il Consigliere del Presidente Nazionale Prof. Giuliano Da Villa Cell. 3355499265 e-mail: ciboesalute@cri.it CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Cibo e

Dettagli

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani

Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione. Alessandra Tavani Caffè tumore del pancreas e altri tumori: dai risultati epidemiologici alla divulgazione Alessandra Tavani Scopo della epidemiologia Principali tipi di studi per epidemiologia analitica Tipi di analisi

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani

UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani UNO SGUARDO ALLA VETERINARIA di Alberto Sani GLI ESAMI DEL SANGUE Quando un cane manifesta sintomi di malessere e viene portato dal veterinario per una visita, il più delle volte per individuare al più

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA D. Arduini, H. Valensise ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA II edizione riveduta ed ampliata Volume cartonato di 382 pagine f.to cm 21x29 70,00 per acquisti online www.gruppocic.com Giorn. It. Ost. Gin.

Dettagli

2. EFFETTI EXTRA-SCHELETRICI DELLA VITAMINA D: DIABETE MELLITO TIPO 1

2. EFFETTI EXTRA-SCHELETRICI DELLA VITAMINA D: DIABETE MELLITO TIPO 1 11 2. EFFETTI EXTRA-SCHELETRICI DELLA VITAMINA D: DIABETE MELLITO TIPO 1 Claudio Marcocci, Silvia Chiavistelli, Fabrizio Campi, Luisella Cianferotti Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Università

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA VITAMINA D NEL SIERO Indicazioni per la richiesta

DETERMINAZIONE DELLA VITAMINA D NEL SIERO Indicazioni per la richiesta DETERMINAZIONE DELLA VITAMINA D NEL SIERO Indicazioni per la richiesta INDRODUZIONE Presso la nostra A.O. negli ultimi 5 anni le richieste di dosaggio dei metaboliti della Vitamina D sono aumentate in

Dettagli

OSTEOPOROSI: CHE FARE?

OSTEOPOROSI: CHE FARE? MEDI.TER Cooperativa Medicina del Territorio Programma formativo 2008 OSTEOPOROSI: CHE FARE? Aranova (Fiumicino) 5 aprile e 17 maggio 2008 Dr. Francesco Conti e Dr. Giampaolo Garufi Gli indicatori statistico-sanitari

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Aumento REALE di incidenza dei tumori

Aumento REALE di incidenza dei tumori Aumento REALE di incidenza dei tumori ANCHE SE: MAGGIORI POSSIBILITA DIAGNOSTICHE DIMINUZIONE MORTALITA PER MALATTIE INFETTIVE AUMENTO DELLA VITA MEDIA (MALATTIA NEOPLASTICA AUMENTA CON L ETA ) INCIDENZA

Dettagli

E DITORIALE A GGIORNAMENTO IN T EMA DI B ISFOSFONATI L OSTEOPOROSI DA CORTICOSTEROIDI

E DITORIALE A GGIORNAMENTO IN T EMA DI B ISFOSFONATI L OSTEOPOROSI DA CORTICOSTEROIDI E DITORIALE Bruno Frediani Responsabile Centro Osteoporosi Istituto di Reumatologia Università di Siena L OSTEOPOROSI DA CORTICOSTEROIDI I corticosteroidi (CS) hanno rivoluzionato il trattamento di un

Dettagli

Conosciamo le nostre ossa

Conosciamo le nostre ossa Conosciamo le nostre ossa 1. I l capitolo in questione potrebbe apparire a prima vista, un po «pesante»: se la pensate così potete evitarlo passando subito alle altre sezioni. Ma se siete interessati a

Dettagli

Più forza nella vita

Più forza nella vita parte del sistema Più forza nella vita Ostacola la perdita di massa magra e favorisce il recupero della funzionalità muscolare Nutrition La Sarcopenia è la perdita progressiva della massa magra MEDIA DELLA

Dettagli

Calcio e fosfato - 1. Calcio e fosfato - 2

Calcio e fosfato - 1. Calcio e fosfato - 2 Calcio e fosfato - 1 Ca + P = 65% (w/w) dell osso Ca: 99% = cristalli di idrossiapatite (1 kg nelle ossa dell'adulto) 1% = pool extracellulare scambiabile Ca extracellulare (2,4 mm = 10 mg%): Ca plasmatico:

Dettagli

TRE PASSI PER UNO SCHELETRO INFRANGIBILE VITAMINA D, CALCIO ED ESERCIZIO FISICO

TRE PASSI PER UNO SCHELETRO INFRANGIBILE VITAMINA D, CALCIO ED ESERCIZIO FISICO TRE PASSI PER UNO SCHELETRO INFRANGIBILE VITAMINA D, CALCIO ED ESERCIZIO FISICO www.iofbonehealth.org PRESENTAZIONE Il 20 Ottobre 2011, Giornata Mondiale dell Osteoporosi (World Osteoporosis Day WOD),

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA OSTEOPOROSI E MALATTIE DELLO SCHELETRO www.fedios.org Via Stazione, 17 60020 Falconara M.ma (AN) Tel. 3400968418 info@fedios.

FEDERAZIONE ITALIANA OSTEOPOROSI E MALATTIE DELLO SCHELETRO www.fedios.org Via Stazione, 17 60020 Falconara M.ma (AN) Tel. 3400968418 info@fedios. FEDERAZIONE ITALIANA OSTEOPOROSI E MALATTIE DELLO SCHELETRO www.fedios.org Via Stazione, 17 60020 Falconara M.ma (AN) Tel. 3400968418 info@fedios.it OSTEOPOROSI L osteoporosi si verifica quando le ossa

Dettagli

6. Bisfosfonati e osteoporosi da trapianto Up-to-date 2005

6. Bisfosfonati e osteoporosi da trapianto Up-to-date 2005 41 6. Bisfosfonati e osteoporosi da trapianto Up-to-date 2005 Sandro Giannini, Stefania Sella Clinica Medica I - Azienda Ospedaliera Università di Padova Introduzione Il trapianto è oggi la prospettiva

Dettagli

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti?

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti? Question 1 1) In un paziente HIV di 50 anni con osteoporosi e in terapia antiretrovirale con TDF/FTC/DRV/r con successo virologico quale intervento adotteresti? 2) In una paziente in post menopausa, naive

Dettagli

OSTEOPOROSI E CELIACHIA

OSTEOPOROSI E CELIACHIA CONGRESSO REGIONALE AIC Piemonte e Valle d Aosta Se la riconosci non fa più paura OSTEOPOROSI E CELIACHIA G.C. Isaia AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA S.GIOVANNI BATTISTA DI TORINO DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Menopausa e terapia ormonale sostitutiva S.Cattaneo Definizione menopausa secondo OMS Menopausa Spontanea: Cessazione definitiva

Dettagli

Unità 13 Il sistema endocrino

Unità 13 Il sistema endocrino Unità 13 Il sistema endocrino Obiettivi Comprendere il ruolo del sistema endocrino nel controllo dell organismo Capire le relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Saper distinguere i principali

Dettagli

Sempre in salute in bici

Sempre in salute in bici Sempre in salute in bici Giorgio Pasetto Dottore in Scienze Motorie Consigliere Comunale del Comune di Verona La nostra società ha visto nell arco degli ultimi dieci/quindici anni una evoluzione continua

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse Richiami anatomo-fisiologici IPOTALAMO GHRH IPOFISI GH IGF-1

Dettagli

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 Le Vitamine Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Le Vitamine Conosciamo le vitamine dall 800;

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA (ESTROGENI ED ESTROPROGESTINICI) REGGIO EMILIA,,

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

REGOLAZIONE DEL CALCIO, DEL FOSFATO E DEL MAGNESIO

REGOLAZIONE DEL CALCIO, DEL FOSFATO E DEL MAGNESIO REGOLAZIONE DEL CALCIO, DEL FOSFATO E DEL MAGNESIO CALCIO Il contenuto totale di calcio dell organismo adulto è di circa 1200 g, di cui: 98% depositato nelle ossa e nei denti sotto forma di idrossiapatite

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi Ossi duri... si diventa Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi CHE COS E L OSTEOPOROSI? L osteoporosi è una malattia dell apparato scheletrico che comporta una bassa densità minerale, un deterioramento

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Metabolismo del calcio e del fosfato

Metabolismo del calcio e del fosfato Metabolismo del calcio e del fosfato Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 g) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per

Dettagli

Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni

Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni Trasduzione intracellulare dei segnali Sintesi dell osso Coagulazione Fabbisogno

Dettagli

Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Osteo-Articolare. Rimini, 21-23 Novembre 2014

Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Osteo-Articolare. Rimini, 21-23 Novembre 2014 Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Osteo-Articolare Rimini, 21-23 Novembre 2014 Agenda dei lavori 21 Novembre venerdì - inizio ore 16:00 Prof. Ortolani: Osteoporosi: eziopatogenesi,

Dettagli

Vitamina D. Tutto ciò che avreste voluto sapere e non avete mai osato chiedere. Maria Luisa Brandi, Raffaella Michieli

Vitamina D. Tutto ciò che avreste voluto sapere e non avete mai osato chiedere. Maria Luisa Brandi, Raffaella Michieli Serie Editoriale Società Italiana di Medicina Generale Vitamina D Tutto ciò che avreste voluto sapere e non avete mai osato chiedere Maria Luisa Brandi, Raffaella Michieli Copyright 2015 by Pacini Editore

Dettagli

Tumori della tiroide. Eziopatogenesi, diagnosi e terapia

Tumori della tiroide. Eziopatogenesi, diagnosi e terapia Tumori della tiroide Eziopatogenesi, diagnosi e terapia - PRIMITIVI benigni maligni -SECONDARI Tumori primitivi maligni Origine dalla cellula follicolare Differenziati (papillifero( e follicolare) Indifferenziati

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata

Roma, 9-11 novembre 2012 L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata Nadia Cremonini, Francesco Angelini, Alessandro Scoppola, Paolo Zuppi, Massimo Terzolo Pazienti oncologici e osteoporosi:

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz Il tessuto osseo Prof. Fulvio Vitiello malattie metaboliche dell'osso 1 Il tessuto osseo: tessuto connettivo specializzato Funzione meccanica supporto della struttura corporea

Dettagli

Caffè e salute. Alessandra Tavani

Caffè e salute. Alessandra Tavani Caffè e salute Alessandra Tavani Principali classi di composti contenuti nel caffè minerali (potassio, calcio, niacina, magnesio, fosfati, ecc.) lipidi e cere (nella parte corticale del chicco, in genere

Dettagli

Ruolo della Medicina Nucleare nella valutazione del nodulo polmonare solitario Prof. Renato Palumbo

Ruolo della Medicina Nucleare nella valutazione del nodulo polmonare solitario Prof. Renato Palumbo Ruolo della Medicina Nucleare nella valutazione del nodulo polmonare solitario Prof. Renato Palumbo Si ringraziano per la collaborazione Dr S. Messina; Dr B. Palumbo; Dr S. Sivolella TRACCIANTI PET IN

Dettagli

Integratori e vitamine

Integratori e vitamine Integratori e vitamine Una cosa sono i cibi e un altra gli integratori. Non è per nulla detto che la carenza di un nutriente perchè non si consumano certi cibi, possa essere supplementata da un integratore

Dettagli

Conseguenze generali dell invecchiamento

Conseguenze generali dell invecchiamento Conseguenze generali dell invecchiamento riduzione sintesi proteica declino funzione immunitaria aumento massa grassa perdita massa e forza muscolare riduzione densità minerale ossea La fragilità fisica

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E L ALIMENTAZIONE LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI DANIELA LIVADIOTTI INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione delle funzioni

Dettagli

12 Congresso Nazionale AME Associazione Medici Endocrinologi 6th Joint Meeting with AACE American Association of Clinical Endocrinologists

12 Congresso Nazionale AME Associazione Medici Endocrinologi 6th Joint Meeting with AACE American Association of Clinical Endocrinologists Terapie endocrino TAKE HOME MESSAGES metaboliche & rischio oncologico Marco GRANDI Direttore Dipartimento di Area Medica Nuovo Ospedale di Sassuolo Socio Onorario FADOI Emilia Romagna Socio AME Metformina

Dettagli

Dott.ssa Ilaria Barchetta

Dott.ssa Ilaria Barchetta Dott.ssa Ilaria Barchetta Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Sapienza Università di Roma Diverse evidenze sperimentali hanno dimostrato una influenza diretta della vitamina D non solo

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Dottorato di Ricerca in. Malattie Osteometaboliche e Disordini del Metabolismo. Idroelettrolitico e Acido-Base

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Dottorato di Ricerca in. Malattie Osteometaboliche e Disordini del Metabolismo. Idroelettrolitico e Acido-Base UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di Ricerca in Malattie Osteometaboliche e Disordini del Metabolismo Idroelettrolitico e Acido-Base Ciclo XXV ASSETTO OSTEOMETABOLICO IN UNA POPOLAZIONE DI SOGGETTI

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 03-DIC-2013 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 27 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Napoletano 03-DIC-2013 da pag. 27 Quotidiano 097156 www.ecostampa.it

Dettagli

Stampa questa pagina Copyright Chiudi

Stampa questa pagina Copyright Chiudi Stampa questa pagina Copyright Chiudi [Numero 3 - Settembre 2008] Confronto sull'efficacia dei trattamenti per prevenire le fratture in maschi e femmine con Osteoporosi o ridotta densità ossea Titolo originale:

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli