TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2"

Transcript

1

2

3 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONI La successione legittima. È la successione disposta dalla legge, qualora il soggetto deceduto, non abbia disposto, in tutto o in parte, dei suoi beni mediante testamento. Presupposti: 1. Morte del de cuius senza testamento; 2. Testamento incompleto o mancante delle disposizioni patrimoniali; 3. Testamento nullo, annullato o revocato. Effetti: succedono i soggetti indicati per legge (articolo 565 e seguenti del c.c.). La successione testamentaria. Tale successione si ha quando una persona dispone, per il tempo in cui avrà cessato di vivere, di tutte le proprie sostanze o di parte di esse. Il testamento è un negozio giuridico, in quanto è una manifestazione di volontà diretta a produrre effetti giuridici che l ordinamento riconosce e garantisce. La capacità di testare rappresenta la regola, mentre i casi di incapacità l eccezione. Sono incapaci di testare: il minore, l interdetto per infermità di mente è colui che al momento della redazione del testamento, è gravemente incapace di intendere e volere. EREDE E LEGATARIO: LE DIFFERENZE L erede è il soggetto (persona fisica o persona giuridica) che, per testamento o per legge, subentra al defunto nella titolarità di uno o più rapporti giuridici (attivi e passivi) di cui era titolare il de cuius. L erede subentra in tutto o in parte nel patrimonio, attivo e passivo, della persona deceduta. L erede viene qualificato come successore a titolo universale perché non acquista uno o più beni ereditari, ma subentra, in tutto o pro quota, nell universalità dei rapporti attivi e passivi del de cuius. Il legato attiene ad un singolo bene. È legatario colui al quale sono stati lasciati per testamento uno o più specifici beni (legati) ATTENZIONE: Il legatario non partecipa alla divisione ereditaria e non risponde a differenza dell erede dei debiti ereditari. QUOTE DI LEGITTIMA E DISPONIBILE Quota di legittima o di riserva: è la quota del patrimonio ereditario che deve essere necessariamente destinata ai legittimari. Ad essa non possono essere apposte condizioni. Quota disponibile: è la parte del patrimonio ereditario che il testatore può lasciare a chiunque, ivi compresi anche agli eredi già beneficiari della quota di legittima. In questo caso, la quota disponibile accresce la quota legittima. SCHEMA QUOTE ATTENZIONE: A ciascun legittimario la normativa attribuisce una quota del patrimonio ereditario (la legittima), per cui, in presenza di legittimari, il medesimo patrimonio deve astrattamente suddividersi in due parti: QUOTA LEGITTIMA DISPONIBILE PATRIMONIO DEFUNTO 1. La parte disponibile, di cui il de cuius può disporre liberamente, sia per atto tra vivi sia per testamento. 2. La parte indisponibile, costituita dalle quote legittime spettanti ai vari riservatari che di conseguenza è sottratta alla disponibilità piena del de cuius. QUOTA DISPONIBILE QUOTA LEGITTIMA Inoltre: La parte disponibile diminuisce quando la parte indisponibile aumenta e viceversa; La parte disponibile e la parte indisponibile variano a seconda del numero e della qualità dei legittimari; La parte indisponibile può arrivare ad un massimo corrispondente ai 3/4 dell asse ereditario. Parte libera a favore del testatore che può disporre a suo piacimento. Parte di eredità di cui il testatore non può disporre nè a titolo di liberalità, ne di mortis causa.

4 LEGITTIMI E LEGITTIMARI: LE DIFFERENZE Gli eredi legittimi sono coloro ai quali si devolve l eredità in assenza di testamento. Il codice civile individua una serie di soggetti (eredi legittimi) che subentreranno nell eredità. Sono eredi legittimi: I SOGGETTI Il coniuge, i discendenti, gli ascendenti, i collaterali e i parenti entro il 6 grado in base alle regole stabilite dal codice civile (articolo 565 e seguenti del c.c.). I legittimari (o riservatari o eredi necessari) sono coloro che in presenza di uno strettissimo legame di sangue o di coniugio con il de cuius non possono essere esclusi dalla successione. Sono, perciò titolari di una determinata quota del patrimonio ereditario anche contro la volontà del testatore. È per tale ragione che la successione dei legittimari viene definita successione necessaria. Sono eredi legittimari: I SOGGETTI 1. Coniuge superstite; 2. Figli legittimi ed i figli naturali (cioè i figli procreati da genitori non uniti in matrimonio) riconosciuti o dichiarati tali, cui sono equiparati pure i figli legittimati ed i figli adottivi; 3. Ascendenti legittimi. EREDI LEGITTIMI (SENZA TESTAMENTO) EREDI LEGITTIMARI (CON TESTAMENTO) Coniuge Coniuge Discendenti Figli Fratelli Ascendenti Altri parenti (fino al 6 grado) ATTENZIONE: La L. 10 dicembre 2012, n. 219 (recante Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali) ammette solamente lo status di figlio, eliminando, anche sotto un profilo lessicale, la distinzione tra figlio legittimo e naturale. Laddove si renda comunque necessario indicare l origine, si prevede l impiego delle definizioni di figli nati nel matrimonio e figli nati fuori dal matrimonio, in luogo di quelle precedenti di figli legittimi e naturali. NOTA BENE: I fratelli non sono tra i soggetti legittimari. SE NON CI SONO LEGITTIMARI VI SONO UNO O PIù LEGITTIMARI Il patrimonio di una persona è interamente disponibile da parte del suo titolare Il patrimonio viene diviso idealmente in 2 parti 1 PARTE DISPONIBILE Il titolare può disporre a suo piacimento 2 PARTE INDISPONIBILE Riservata ai legittimari

5 GRADI DI PARENTELA SCHEDA 4 I GRADI DI PARENTELA Gli eredi del defunto sono suddivisi per gradi di parentela. A B C D E F G H I J È il vincolo che unisce le persone che discendono dalla stessa persona definito stipite. Coloro che hanno diritto di succedere in un grado di parentela superiore, escludono automaticamente coloro che appartengono ad un grado inferiore. Il rapporto di parentela è solo quello che lega le persone unite fra loro da un vincolo di sangue. Nessun altro può essere definito parente neanche il coniuge. Escludendo il coniuge, i parenti possono essere divisi in 3 ordini successori: K B e C sono fra loro parenti di 2 grado e nei confronti di A sono entrambi di 1 grado. D e F figli di B sono fra loro parenti di 2 grado, nei confronti di B sono parenti di 1 grado, nei confronti di C sono parenti di 3 grado, nei confronti di F e G sono parenti di 4 grado e nei confronti di I, J e K di 5 grado, nei confronti di A è parente di 3 grado. 1. Discendenti; 2. Ascendenti, fratelli e sorelle; 3. Altri parenti collaterali entro il 6 grado. Nell ambito di ciascun ordine, il grado più vicino esclude quello più lontano. La parentela può essere di due tipi: 1. In linea retta (padre-figlio; nonno-nipote) : in questo caso le persone discendono direttamente l una dall altra; 2. In linea collaterale (fratelli; zio-nipote): in questo caso pur avendo un ascendente comune, le persone non discendono l una dall altra. I gradi si contano calcolando le persone e togliendo lo stipite: Tra padre e figlio c è parentela di 1 grado; Tra fratelli c è parentela di 2 grado (figlio, padre, figlio =3; 3-1 = 2); Tra nonno e nipote, parentela di 2 grado (nonno, padre, figlio = 3; 3-1 = 2); Tra cugini parentela di 4 grado e così via. NOTA BENE: Tra marito e moglie non vi è rapporto di parentela o affinità ma una relazione definita di coniugio I RAPPORTI CON IL DEFUNTO GRADO I ASCENDENTI Genitori DISCENDENTI Figli COLLATERALI ---- II Nonni Nipoti (figli di figli) Fratelli - Sorelle III IV V VI Bisnonni Trisavi Pronipoti Figli di pronipoti Zio -Nipoti (figli di fratelli e/o sorelle) Prozii - Pronipoti - Primi cugini Figli di prozii - Secondi nipoti - Secondi cugini Altri cugini

6 AFFINITà E il vincolo che unisce un coniuge ed i parenti dell altro coniuge. Sono affini, perciò i cognati, il suocero e la nuora, ecc. Per stabilire il grado di affinità, si tiene conto del grado di parentela con cui l affine è legato al coniuge; così suocera e nuora sono affini di primo grado; i cognati di secondo grado, ecc. TIPOLOGIE DI FRATELLI Fratelli germani: fratelli che hanno gli stessi genitori, uguale padre e uguale madre; Fratelli consanguinei: fratelli che hanno stesso padre e diversa madre; Fratelli uterini: fratelli che hanno la stessa madre ma diverso padre; PARENTELA è il vincolo tra persone che discendono da uno stesso stipite AFFINITà è il vincolo tra un coniuge e i parenti dell altro coniuge GRADO RAPPORTO DI PARENTELA CON IL TITOLARE GRADO RAPPORTO DI PARENTELA CON IL TITOLARE 1 padre e madre figlio o figlia nonno o nonna 1 suocero o suocera del titolare figlio o figlia del coniuge nonno o nonna de coniuge 2 nipote ( figlio del figlio o della figlia) fratello o sorella 2 nipote (figlio del figlio del coniuge) cognato o cognata 3 bisnonno o bisnonna pronipote (figlia o figlio del nipote) nipote (figlio o figlia del fratello o della sorella) zio e zia (fratello o sorella del padre o della madre) 3 bisnonno o bisnonna del coniuge pronipote (figlio del nipote del coniuge) nipote (figlio o figlia del cognato o della cognata) zio e zia del coniuge I GRADI DI PARENTELA BISNONNI linea diretta di 3 grado NONNI linea diretta di 2 grado PROZII (FRATELLI DEI NONNI) linea collaterale di 4 grado GENITORI linea diretta di 1 grado ZII PATERNI E MATERNI linea collaterale di 3 grado CUGINI DEI GENITORI linea collaterale di 5 grado SOGGETTO FRATELLI E SORELLE linea collaterale di 2 grado CUGINI linea collaterale di 4 grado FIGLI DEI CUGINI DEI GENITORI linea collaterale di 6 grado FIGLI linea diretta di 1 grado NIPOTI (FIGLI DI FRATELLI) linea collaterale di 3 grado FIGLI DI CUGINI linea collaterale di 5 grado NIPOTI linea diretta di 2 grado BISNIPOTI linea diretta di 3 grado PRONIPOTI (FIGLI DI NIPOTI) linea collaterale di 4 grado FIGLI DI PRONIPOTI linea diretta di 5 grado FIGLI DI FIGLI DI CUGINI linea collaterale di 6 grado

7 PENSIONE DI REVERSIBILITà ED EREDITà SCHEDA 16 DEFINIZIONE PENSIONE REVERSIBILITà Il diritto di pensione ai superstiti, detto di reversibilità è un trattamento di natura economico previdenziale che viene erogato in favore dei superstiti del lavoratore assicurato o pensionato. La pensione decorre dal primo giorno successivo alla morte dell assicurato, indipendentemente dalla data di presentazione della domanda. Presupposto per avere diritto alla pensione di reversibilità è la qualità di erede. PENSIONE AI SUPERSTITI REVERSIBILITà INDIRETTA Se la persona deceduta era già in pensione. Se il soggetto alla data della morte, non era ancora in pensione, ma possedeva i requisiti contributivi minimi ossia, alternativamente: Almeno 780 contributi settimanali; Almeno 260 contributi settimanali di cui 156 nei cinque anni precedenti la morte. I BENEFICIARI DELLA PENSIONE 1. Il coniuge superstite, anche se separato: se il coniuge superstite è separato con addebito, la pensione ai superstiti spetta a condizione che gli sia stato riconosciuto dal Tribunale il diritto agli alimenti; (vedi tabella a lato) 2. Il coniuge divorziato se titolare di assegno divorzile; (vedi tabella a lato) 3. I figli legittimi, legittimati, adottati, naturali e legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati nati da precedente matrimonio del deceduto che alla data del decesso siano: Minorenni (fino a 18 anni); Inabili di qualunque età, che alla data di morte del lavoratore/pensionato siano a carico del medesimo; Studenti, fino all età di 21 anni, che alla data di morte del lavoratore e/o del pensionato siano a carico dello stesso e che non prestino attività lavorativa; Universitari fino all età di 26 anni e in ogni caso non oltre il corso di laurea che alla data di morte del lavoratore e/o pensionato siano a carico dello stesso e che non prestino attività lavorativa; I nipoti minori (equiparati ai figli legittimi e legittimati) conviventi purchè: a. Non titolari di pensione o di altri redditi tali da determinare una autosufficienza economica del minore; b. Totale carico del deceduto che provvedeva al mantenimento. SEPARAZIONE E REVERSIBILITà: TUTTI I CASI Separato senza colpa, il coniuge superstite ha diritto alla pensione. Separato con colpa, il coniuge ha diritto alla pensione solo se ha assegno di mantenimento DIVORZIO E REVERSIBILITà: TUTTI I CASI Se il coniuge non contrae nuove nozze, il diritto alla pensione di reversibilità spetta al coniuge divorziato superstite (salvo tutti i requisiti). Se dopo il divorzio il coniuge intraprende una nuova convivenza con un soggetto terzo, la pensione di reversibilità spetta all ex coniuge divorziato. Se, dopo il divorzio, il coniuge defunto aveva contratto nuove nozze, la pensione di reversibilità spetta in parte all ex coniuge divorziato ed in parte al nuovo coniuge superstite. Si considerano inabili le persone che si trovano nell assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa. 4. I nipoti minori (equiparati ai figli) se a totale carico degli ascendenti (nonno o nonna) alla data di morte dei medesimi. In mancanza del coniuge, dei figli e dei nipoti la pensione può essere erogata: ATTENZIONE: Divorzio e pensione: gli istituti previdenziali prima di pagare la pensione devono attendere una specifica sentenza del tribunale che divide la pensione tra i due interessati (coniuge ex coniuge) in proporzione alla durata del matrimonio di ciascuno. Ai genitori d età non inferiore a 65 anni, non titolari di pensione, che alla data di morte del lavoratore e/o pensionato siano a carico del medesimo. In mancanza del coniuge, dei figli, dei nipoti e dei genitori la pensione può essere erogata: Ai fratelli celibi inabili e sorelle nubili inabili, non titolari di pensione, che alla data di morte del lavoratore e/o pensionato siano a carico del medesimo. TABELLA RIEPILOGO Status permanente ex coniuge Separato senza colpa Divorziato Divorziato da persona che si è risposato Convivente di fatto Diritto di pensione Si - in ogni caso Si - se ha ottenuto assegno alimentare Si - se ha ottenuto assegno divorzile e in concorrenza con altro coniuge superstite No

8 QUOTE AI SUPERSTITI L importo della pensione è determinato in base alla tabella sottostante: Solo il coniuge Solo un figlio Coniuge e un figlio Due figli Coniuge e due figli Tre o più figli Un genitore RICHIEDENTE PERCENTUALE DELLA PENSIONE SPETTANTE AL DECEDUTO (*) Un fratello o sorella Due genitori Due fratelli o sorelle Tre fratelli o sorelle Quattro fratelli o sorelle Cinque fratelli o sorelle Sei fratelli o sorelle Oltre sei fratelli o sorelle 60% 70% 80% 100% 15% 30% 45% 60% 75% 90% 100% (*) L aliquota si applica anche sulla parte di integrazione al minimo qualora, in funzione dei redditi posseduti, la pensione di cui era titolare il deceduto ovvero la pensione spettante ad assicurato deceduto abbia titolo a detta integrazione. LIMITAZIONI IN BASE AL REDDITO La pensione ai superstiti viene ridotta se il titolare possiede altri redditi AMMONTARE DEI REDDITI Reddito superiore a 3 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l importo mensile in vigore al 1 gennaio. Reddito superiore a 4 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l importo mensile in vigore al 1 gennaio. Reddito superiore a 5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, calcolato in misura pari a 13 volte l importo mensile in vigore al 1 gennaio. PERCENTUALI DI RIDUZIONE 25% dell importo della pensione 40% dell importo della pensione 50% dell importo della pensione PERDITA DIRITTO PENSIONE Coniuge che passa a nuove nozze. Figli che contraggono matrimonio prima del 18 anno di età. Figli già riconosciuti inabili o quando possiedono un reddito proprio annuo superiore al limite stabilito, ogni anno, dalla legge. Figli maggiorenni che non abbiano terminato il corso di studi entro la durata minima legale prevista dall ordinamento scolastico/universitario.

9 2013 ForFinance S.r.l. Via Scipione Ronchetti n.2 Gallarate Varese(VA) P.Iva Web: I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), sono riservati per tutti i paesi. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall'art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941, n Le riproduzioni diverse da quelle sopra indicate (per uso non personale - cioè, a titolo esemplificativo, commerciale, economico o professionale - e/o oltre il limite del 15%) potranno avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata dagli aventi diritto o dall'editore. L'EDITORIA SPECIALIZZATA DI FORFINANCE COLLANA DIRETTA DA: Buro Paolo Sandro GRAFICA, IMPAGINAZIONE, CORREZIONE BOZZE Maxia Alberto Prima edizione: Novembre 2013 Stampa: PressUp S.r.l. Gli eventuali errori o imprecisioni presenti nell opera non comportano responsabilità dell Editore e dei Curatori, che hanno posto, comunque, la massima cura nell elaborazione dei testi e nella riproduzione dei documenti. Editoria per la Finanza Per informazioni:

10

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato.

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato. SUCCESSIONI EREDITARIE 1) Che cos è la successione? La successione è il trasferimento dei beni dal defunto ( de cuius) agli aventi diritto, che possono essere eredi quando c è un legame di parentela o

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Collana MultiCompact Professional aided software

Collana MultiCompact Professional aided software SOFTWARE Collana MultiCompact Professional aided software Analist Group Gestione procedure di successioni legittime e testamentarie Sesta edizione SOFTWARE INCLUSO Gestione delle procedure legittime e

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI 1 Legge 104/92 e successive integrazioni Legge quadro per l assistenza l integrazione sociale e i diritti delle persone disabili Permessi e congedi

Dettagli

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali di Germano Palmieri I figli sono figli e basta : si potrebbe sintetizzare così lo spirito della L. 10/12/2012, n. 219, intitolata Disposizioni in

Dettagli

1 La successione. in pratica

1 La successione. in pratica in pratica Esempi di successione nei diritti si rinvengono nella vita quotidiana: pensa a chi acquista un bene da un altro soggetto o all erede che riceve per testamento i beni di una persona deceduta.

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LA SUCCESSIONE E LA DONAZIONE DI IMMOBILI

LA SUCCESSIONE E LA DONAZIONE DI IMMOBILI Quaderno Operativo All interno le Tabelle delle quote spettanti agli eredi e le agevolazioni prima casa. 2012 LA SUCCESSIONE E LA DONAZIONE DI IMMOBILI Come gestire la successione, dal testamento all'accettazione

Dettagli

LA SUCCESSIONE EREDITARIA

LA SUCCESSIONE EREDITARIA j l k l d o ^ c f b Tributi ANTONINA GIORDANO, DAMIANO MARINELLI LA SUCCESSIONE EREDITARIA GUIDA PRATICA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI, CIVILI E AMMINISTRATIVI Testamento e patti successori Accettazione e rinuncia

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO...

1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO... 4 4. BENI NON COMPRESI NELL ATTIVO EREDITARIO...

Dettagli

IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e

IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e figli. (Confronta artt. 29, 30, 31, 36, 37 Cost. e 1 libro

Dettagli

Se muore il coniuge. Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di

Se muore il coniuge. Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di Se muore il coniuge Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di reversibilità e TFR - Autoveicoli e cassetta di sicurezza Di Germano Palmieri In questo e

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

Numero 109 febbraio 2015. C è un lutto in famiglia: cosa occorre sapere...

Numero 109 febbraio 2015. C è un lutto in famiglia: cosa occorre sapere... Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 109 febbraio 2015 C è un lutto in famiglia: cosa occorre sapere... Abbiamo a lungo esitato prima di pubblicare questo numero di Previdenza Flash!

Dettagli

Il passaggio generazionale famiglia/azienda

Il passaggio generazionale famiglia/azienda Il passaggio generazionale famiglia/azienda PATRIMONIO FAMIGLIARE Comunione e separazione dei beni PATRIMONIO AZIENDALE Ditte individuali, di persone, di capitali IMMOBILI RESIDENZIALI ETC. IMMOBILI COMMERCIALI

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

non normate DA MODIFICARE Vai alla scheda del libro Trattato In accordo teorico-pratico commentati V edizione dei Vigili del Fuoco

non normate DA MODIFICARE Vai alla scheda del libro Trattato In accordo teorico-pratico commentati V edizione dei Vigili del Fuoco ANTINCENDIO IMMOBILI ALIMENTI altri titoli Il condominio e l amministratore professionista DA MODIFICARE Windows XP, VISTA e 7 Internet Explorer 8 e superiori Luglio 2012 Contiene un ampia selezione di

Dettagli

SUCCESSIONE E TRASMISSIONE DELL AZIENDA Strumenti di pianificazione aziendale

SUCCESSIONE E TRASMISSIONE DELL AZIENDA Strumenti di pianificazione aziendale SUCCESSIONE E TRASMISSIONE DELL AZIENDA Strumenti di pianificazione aziendale I regimi matrimoniali Il diritto successorio Il patto d azionariato Un caso concreto 1 I regimi matrimoniali 2 I Regimi matrimoniali

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014 Circolare n. 104 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

La famiglia. 1 Che cosa è la famiglia. Unità 1. Famiglia è un termine dal significato piuttosto elastico. Esso infatti indica:

La famiglia. 1 Che cosa è la famiglia. Unità 1. Famiglia è un termine dal significato piuttosto elastico. Esso infatti indica: Espansione Il diritto nella vita quotidiana La famiglia La nostra classe mi fa pensare a una famiglia un po vivace! A me fa pensare a una famiglia dalla quale i genitori sono scappati per disperazione!

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI Il patrimonio personale accumulato nel corso della propria vita può essere trasferito ai propri figli e famigliari scegliendo fra

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 5 LA PENSIONE DI INVALIDITÀ ED INABILITÀ. LE PENSIONI INDIRETTE.

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO FOCUS SU CASI PARTICOLARI NELLA GESTIONE Gestione pensioni Investimenti Intervengono: Dott.ssa Tiziana Bocus Dott.ssa Giuseppina Castiglione Esperte

Dettagli

STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19)

STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19) STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19) Appunti di estimo PAROLE CHIAVE De cuius Successione Discendenti Ascendenti Quota disponibile Quota di legittima o di riserva Riunione fittizia e asse ereditario

Dettagli

Le successioni. Diritto e tecnica professionale

Le successioni. Diritto e tecnica professionale GABRIELLA TRINCHESE UBERTO CRIVELLI VISCONTI Le successioni. Diritto e tecnica professionale FONDAZIONE TELOS Gabriella Trinchese Uberto Crivelli Visconti LE SUCCESSIONI. DIRITTO E TECNICA PROFESSIONALE

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Il Registro dei testamenti

Il Registro dei testamenti La successione: legittima, testamentaria, necessaria Il Registro dei testamenti Il Registro Generale dei Testamenti, che ha sede presso l'ufficio Centrale degli archivi notarili, consente agli interessati

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

Elaborato da Associazione Pensionati Cariplo e Banca Intesa PROMEMORIA SUCCESSIONI

Elaborato da Associazione Pensionati Cariplo e Banca Intesa PROMEMORIA SUCCESSIONI Elaborato da Associazione Pensionati Cariplo e Banca Intesa PROMEMORIA SUCCESSIONI Dicembre 2009 2) LE TIPOLOGIE Successione Legittima ( quando non c è testamento e quando il testamento dispone solo di

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE L INPS con circolare n 182/13, ha fornito le tabelle aggiornate da applicare, a decorre dal

Dettagli

MANUALE SOFTWARE SUCCESSIONI ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE SUCCESSIONI ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Premessa 3 1.1 Normativa di riferimento: Testo Unico Successioni (Dlgs. 346/1990), L. 383/2001, Dl 262/2006, CM 3/2008 3 1.2 Software

Dettagli

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME a ipost LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME indice 5 Presentazione 6 Dalla Riforma Amato al Protocollo sul Welfare: evoluzione e cambiamento del sistema

Dettagli

SUCCESSIONI E DONAZIONI

SUCCESSIONI E DONAZIONI SUCCESONI E DONAZIONI Introduzione Il Collegato alla Manovra Finanziaria 2000, ha introdotto importanti novità per quello che riguarda la riforma dell'imposta di successione e di donazione. Le nuove norme

Dettagli

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI La pensione di vecchiaia Si accede a tale prestazione al raggiungimento di una determinata età pensionabile e dopo aver maturato il requisito contributivo minimo richiesto

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965)

TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965) Avv. Santo Spagnolo* - Dott. Rosalia Calandrino* * SPAGNOLO & ASSOCIATI STUDIO LEGALE TRATTAMENTO ECONOMICO DEI SUPERSTITI (art. 85 DPR 1124/1965) Nell eventualità in cui all infortunio in itinere (o più

Dettagli

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE Circolare n.9 del 5 Dicembre 2006 Tassazione dei trasferimenti per successione e donazione Novità del DL 3.10.2006 n. 262 convertito nella L. 24.11.2006 n. 286 INDICE 1 Nuova tassazione delle successioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT Spa Via Nizza,150 TORINO

Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT Spa Via Nizza,150 TORINO FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE DELLA EX CASSA DI RISPARMIO DI TORINO BANCA CRT S.P.A. Sede legale - 10126 - Torino, Via Nizza 150 tel. 011.19424315 fax 011. 0208932 Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE L INPS con circolare n 150/12, ha fornito le tabelle aggiornate da applicare, a decorre dal

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA : IL CONCORSO TRA CONIUGE SUPERSTITE E CONIUGE DIVORZIATO. a cura di Laura Galli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA : IL CONCORSO TRA CONIUGE SUPERSTITE E CONIUGE DIVORZIATO. a cura di Laura Galli LA PENSIONE DI REVERSIBILITA : IL CONCORSO TRA CONIUGE SUPERSTITE E CONIUGE DIVORZIATO a cura di Laura Galli Brevi cenni sulla pensione di reversibilità Le prestazioni pensionistiche si inseriscono nel

Dettagli

Istanza di affidamento dell urna contenente le ceneri CHIEDE

Istanza di affidamento dell urna contenente le ceneri CHIEDE Al Sindaco del Comune di Sesto Fiorentino Marca da bollo Istanza di affidamento dell urna contenente le ceneri Il/La sottoscritto/a nato/a a il / / e residente in (prov. ) via/piazza n. in qualità di del

Dettagli

INFOPLUS Le successioni

INFOPLUS Le successioni INFOPLUS Le successioni La mia banca Colofone Editore Federazione Cooperative Raiffeisen Testi Dott.ssa. Dr. Chiara Bombardelli, Dott.ssa. Marion Di Gallo Oberhollenzer Attualizzazione testi: Federazione

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

La Pianificazione Successoria. dei Patrimoni. tramite le Polizze Vita. www.pfacademy.it

La Pianificazione Successoria. dei Patrimoni. tramite le Polizze Vita. www.pfacademy.it La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La Pianificazione Successoria dei Patrimoni tramite le Polizze Vita AGENDA La famiglia: realtà economica complessa L'importanza di pianificare il passaggio

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

DONAZIONI - TESTAMENTO SUCCESSIONE EREDITARIA

DONAZIONI - TESTAMENTO SUCCESSIONE EREDITARIA Centro Servizi corrispondente CAF Sede: BELLUNO, Via degli Agricoltori 13 Tel./Fax: 0437 930244 DONAZIONI - TESTAMENTO SUCCESSIONE EREDITARIA Sommario PREMESSA... 1 Parte prima... 1 Cap. 1 : LE DONAZIONI...

Dettagli

SUCCESSIONI E DONAZIONI SUCCESSIONI E DONAZIONI

SUCCESSIONI E DONAZIONI SUCCESSIONI E DONAZIONI SUCCESSIONI E DONAZIONI SUCCESSIONI E DONAZIONI GUIDA AL MODELLO 730/2008 Le guide di NF Il Notiziario Fiscale del CAF UIL Direttore Responsabile: Sergio Scibetta Ideato e realizzato con la collaborazione

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO ? INQUADRAMENTO NORMATIVO Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009 Dichiarazione 730, a cura di R. Artina. - V. Artina Coniuge e familiari a carico All'interno del frontespizio del Mod. 730/2009 è

Dettagli

L'assegno per il nucleo familiare non concorre a formare la base imponibile delle contribuzioni previdenziali ed assistenziali.

L'assegno per il nucleo familiare non concorre a formare la base imponibile delle contribuzioni previdenziali ed assistenziali. Norme per la disciplina della concessione dell'assegno per il nucleo familiare Il testo delle «Norme per la disciplina della concessione dell'assegno per il nucleo familiare», approvate dal Santo Padre

Dettagli

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Con l emanazione della Circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le disposizioni applicative dell art. 24

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE Istruzioni e appunti per l uso L ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE : ANF L assegno al nucleo familiare è una prestazione a sostegno del reddito istituita per sostenere le famiglie

Dettagli

Le guide utili. Come Pianificare la successione ereditaria

Le guide utili. Come Pianificare la successione ereditaria Le guide utili Come Pianificare la successione ereditaria 1 Viviamo in un Paese nel quale, la cultura del "passaggio generazionale" è poco diffusa. Alcuni dati statistici, reperibili sul web, indicano

Dettagli

Gli artigiani e i commercianti

Gli artigiani e i commercianti L LE E G GU UI ID DE E Premessa Artigiani Questa guida è interamente dedicata alle gestioni Inps degli artigiani e dei commercianti. Contiene tutte le informazioni che riguardano questi lavoratori, i criteri

Dettagli

EREDITA e TESTAMENTO ======== LE SUCCESSIONI PER CAUSA DI MORTE Dott. Enzo Rovere

EREDITA e TESTAMENTO ======== LE SUCCESSIONI PER CAUSA DI MORTE Dott. Enzo Rovere EREDITA e TESTAMENTO ======== LE SUCCESSIONI PER CAUSA DI MORTE Dott. Enzo Rovere La successione per causa di morte è il passaggio di beni e di diritti da una persona defunta agli aventi diritto (eredi

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2005 LA PREVIDENZA DEI MEDICI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI LAVORO IN DIPENDENZA

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE Modalità di compilazione e presentazione GENNAIO 2008 CHI DEVE PRESENTARLA La dichiarazione di successione deve essere presentata; dai

Dettagli

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512 MODULO RACCOLTA DATI PER LA REDAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO DI STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COGNOME E NOME DEL SOGGETTO RICHIEDENTE (il genitore o colui che ha l esercizio della potestà o lo studente

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

Cenni generali sulla successione nella titolarità del patrimonio

Cenni generali sulla successione nella titolarità del patrimonio Cenni generali sulla successione nella titolarità del patrimonio SOMMARIO PREMESSA 3 LA DISCIPLINA DELLE SUCCESSIONI 4 SUCCESSIONE SENZA TESTAMENTO..................................... 4 GRADI DI PARENTELA

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

www.internetscuola.com

www.internetscuola.com La pensione del personale della scuola pubblica by salvatore buonandi 2012 W W W. I N T E R N E T S C U O L A. C O M LA PENSIONE DEI LAVORATORI DIPENDENTI PUBBLICI E esteso a tutti il sistema contributivo

Dettagli

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Legislatura 17ª - 2ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 127 del 02/07/2014 Mostra rif. normativi SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E

Dettagli

2) Persone ricoverate a tempo pieno e che si trovano in stato vegetativo o con prognosi infausta a breve termine;

2) Persone ricoverate a tempo pieno e che si trovano in stato vegetativo o con prognosi infausta a breve termine; L INPS, con circolare n. 155 del 3/12/2010, ha dettato le prime istruzioni in materia di permessi per l assistenza ai portatori di handicap in situazione di gravità. Questi gli aspetti più interessanti:

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

Formazione obbligatoria Ingegneri, le nuove Linee di indirizzo: chiarimenti e suggerimenti per professionisti e Ordini territoriali

Formazione obbligatoria Ingegneri, le nuove Linee di indirizzo: chiarimenti e suggerimenti per professionisti e Ordini territoriali Formazione obbligatoria Ingegneri, le nuove Linee di indirizzo: chiarimenti e suggerimenti per professionisti e Ordini territoriali Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha emanato le «Linee di indirizzo

Dettagli

gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta

gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta Scheda informativa Tratto dal sito dell'agenzia delle Entrate Sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione: i chiamati all'eredità (per legge o per testamento, anche se non hanno ancora

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI ART. 1 (Ambito di applicazione) l. Il presente Regolamento disciplina il sistema previdenziale dei deputati in carica alla data del l gennaio 2012 ovvero

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

LE NOVITÀ PERMESSI LEGGE NR. 104/1992: Febbraio 2011. A cura di G.Marcante

LE NOVITÀ PERMESSI LEGGE NR. 104/1992: Febbraio 2011. A cura di G.Marcante Febbraio 2011 PERMESSI LEGGE NR. 104/1992: LE NOVITÀ A cura di G.Marcante Tra le novità introdotte nell ordinamento dalla Legge nr. 183/2010, il cosiddetto Collegato lavoro alla manovra di finanza pubblica,

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

REGOLAMENTO. Concessione permessi retribuiti

REGOLAMENTO. Concessione permessi retribuiti REGOLAMENTO Concessione permessi retribuiti ART. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con quanto disposto dall art.21 del C.C.N.L. 01/09/1995 del Comparto Sanità e dagli artt.22 e 23 del C.C.N.L.

Dettagli

testamento e la dichiarazione disuccessione

testamento e la dichiarazione disuccessione il testamento e la dichiarazione disuccessione 1. Premessa Questa guida, il cui obiettivo è illustrare nel modo più semplice e schematico possibile quali siano le diverse soluzioni normative previste

Dettagli

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione Indicare l Ufficio Territoriale della Direzione Provinciale nella cui circoscrizione era l ultima residenza del defunto. In caso di

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare

Assegno per il nucleo familiare L E G U I D E Assegno per il nucleo familiare Premessa La legge prevede alcuni sostegni al lavoratore, al pensionato e alle loro famiglie. Tra questi c è l assegno per il nucleo familiare. Si tratta di

Dettagli