LA GESTIONE INTEGRATA DEL VALORE E I RISCHI NEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE - Dual Use

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE INTEGRATA DEL VALORE E I RISCHI NEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE - Dual Use"

Transcript

1 LA GESTIONE INTEGRATA DEL VALORE E I RISCHI NEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE - Dual Use TREVISO ( TV ) - 23 APRILE 2015 Dott. LORENZO DI MARTINO DIRETTORE TECNICO - I.P MANAGEMENT OFFICER

2 TEMI: Il regolamento UE obbligatorio 428/2009 c.d. DUAL USE, restrizioni e rischi nel commercio estero Management degli Asset aziendali materiali ed immateriali, nei processi commerciali con l estero

3 ...L UNIONE EUROPEA E UNA UNIONE DI POPOLI PER LIBERA SCELTA, E UNO SPAZIO PACIFICATO DI DEMOCRAZIA CHE PREVEDE......REGOLE COMUNI..

4 Esiste un sistema complesso di fonti TLM Trade Law Management 1. Natura comunitaria delle norme di commercio internazionale di beni sevizi e tecnologie 2. Disciplina nazionale per gli aspetti non regolati dal diritto UE 3. Il diritto della UE deve essere compatibile con il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio Quale è la competenza esclusiva UE? Accordi commerciali multilaterali in ambito O.M.C. Accordi commerciali bilaterali o intra-regionali Atti unilaterali: - Importazioni da Paesi in via di sviluppo - Esportazioni, di prodotti e tecnologie DUAL-USE - Misure di difesa commerciale quali anti-dumping e antisovvenzioni - Il regolamento sugli ostacoli tecnici al commercio (c.d. TBR) - Ecc...

5 Esiste un sistema complesso di fonti TLM Trade Law Management 1. Natura comunitaria delle norme di commercio internazionale di beni sevizi e tecnologie 2. Disciplina nazionale per gli aspetti non regolati dal diritto UE 3. Il diritto della UE deve essere compatibile con il diritto dell Organizzazione Mondiale del Commercio Quale è la competenza esclusiva UE? Accordi commerciali multilaterali in ambito O.M.C. Accordi commerciali bilaterali o intra-regionali Atti unilaterali: Importazioni da Paesi in via di sviluppo Esportazioni di prodotti e tecnologie DUAL-USE Misure di difesa commerciale quali anti-dumping e antisovvenzioni, - il regolamento sugli ostacoli tecnici al commercio (c.d. TBR) - Ecc...

6 BENI A DUPLICE USO DEFINIZIONE E NORMATIVA I beni a duplice uso DUAL USE sono tutti quei prodotti a contenuto tecnologico che possono essere usati sia per fini civili, ma anche per scopi militari. In essi sono ricompresi i software e le tecnologie. In ragione della loro valenza strategica, i beni dual use sono sottoposti a procedure particolari che regolano il loro trasferimento che può avvenire dietro rilascio di apposita autorizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico, Direzione Generale per la Politica Commerciale. Trattati e accordi internazionali Trattato di non proliferazione nucleare (1970), Convenzioni per il bando delle armi chimiche (1993) e biologiche (1972) Intese informali integrative (WA, AG, MTCR, ecc.)

7 Principali barriere tariffarie e non tariffarie Tariffarie : Dazi doganali Misure di politica commerciale applicate in forma di dazi addizionali Anti-dumping Anti-sovvenzione Di salvaguardia Non tariffarie : Restrizioni quantitative (proibizioni all importazione, restrizioni all esportazione, quote, licenze all importazione) Standard di produzione e norme di etichettatura Procedure doganali Normative DUAL USE

8 Regolamento (CE) n. 1334/2000 primo provvedimento in materia ma successivamente sostituito da: Regolamento (CE) n. 428/09, modificato dai regolamenti (CE) n. 2431/01, n. 388/12 e n. 1382/2014 NORMATIVA NAZIONALE FULL COMPLIANCE A livello nazionale, la normativa è contenuta nel decreto legislativo 9 aprile 2003 n. 96, che ha fissato anche il regime sanzionatorio per chi esporta beni DU senza la prescritta autorizzazione ovvero con autorizzazione ottenuta fornendo dichiarazioni o documentazioni false.

9 LA DUAL USE E LA FUSIONE IN UN UNICO REGOLAMENTO DI DIFFERENTI ACCORDI MULTILATERALI REG. UE 428 / 2009 LISTE DI CONTROLLO E REGOLAMENTI COLLEGATI CLAUSOLA CATCH ALL CLAUSOLA NOT UNDERCUT

10 CLUSOLA CATCH ALL Prevista dall art. 4 del regolamento (CE) n. 428/09. Tramite di essa, viene effettuato un controllo dei prodotti non in lista dual use CLAUSOLA NOT UNDERCUT In caso di rifiuto dell autorizzazione richiesta per un determinato prodotto, le autorità nazionali sono tenute ad informare di tale rifiuto gli altri paesi facenti parte di accordi internazionali sul controllo delle esportazioni. A seguito della notifica del rifiuto nessun altro paese può rilasciare un autorizzazione per lo stesso articolo.

11 CLUSOLA CATCH ALL In base a questa regola l Autorità può sottoporre qualsiasi bene (ovviamente non compreso nella lista duale) ad autorizzazione preventiva all esportazione. Può infatti verificarsi il caso in cui, sulla base di informazioni ricevute, l Autorità stabilisca che una data esportazione di un bene non compreso negli elenchi comunitari necessiti di essere considerata con maggiore attenzione dal Ministero. Ciò può avvenire a causa del paese di destinazione o del destinatario finale, dalle note e non chiare attività, o del contributo che un prodotto del genere potrebbe dare, più o meno direttamente, alla proliferazione di armi di distruzione di massa. In tal caso l esportatore italiano, quasi sempre ignaro di questo scenario preoccupante per la sicurezza internazionale, riceve una lettera in cui viene invitato dall Autorità competente (cioè dalla Div. IV della D.G. Politica Commerciale del Ministero Sviluppo Economico) a presentare una richiesta di esportazione per il prodotto che intende esportare, pur essendo questo di libero commercio.

12 IL REG. 428/09 DUAL USE SI PUO IGNORARE?...Ovviamente NO!! 1. Il Reg. Comunitario è un vincolo OBBLIGATORIO a cui è chiamato ad ottemperare ogni esportatore europeo che varchi i confini doganali della UE. La violazione è un Reato civile e penale!! 2. Chiunque effettua operazioni di esportazione di beni a duplice uso senza la prescritta autorizzazione ovvero con autorizzazione ottenuta fornendo dichiarazioni o documentazione false, é punito con la reclusione da due a sei anni o con la multa da a euro. 3. Chiunque effettua operazioni di esportazione di beni a duplice uso in difformità dagli obblighi prescritti dalle autorizzazioni é punito con la reclusione da due a quattro anni o con la multa da a euro.

13 MA CIO CHE SICURAMENTE E PIU GRAVE...!! IMMEDIATO FERMO DELLA MERCE IN DOGANA SINO ALLA FINE DELL ISTRUTTORIA BLOCCO BANCARIO DI INCASSI, PAGAMENTI E LINEE DI CREDITO SU ESTERO DIFFICOLTA DI ESCUSSIONE DI GARANZIE E COPERTURE ASSICURATIVE DIFFICOLTA COMMERCIALI NEL RISPETTO DEI VINCOLI CONTRATTUALI CON IL CLIENTE RITIRO A TITOLO DEFINITIVO DEL BENE E/O DELLA TECNOLOGIA DAL COMMERCIO SE ACCERTATA L INFRAZIONE ALLE NORME VIGENTI

14 ATTENZIONE...LE RESTRIZIONI DUAL USE NON SI APPLICANO SOLO A CERTI STATI DI DESTINAZIONE NON SOLO VERSO I PAESI SOTTOPOSTI AD EMBARGO E/O A ULTERIORI MISURE RESTRITTIVE PARTICOLARI MA VERSO OGNI DESTINAZIONE CHE SI TROVI OLTRE I CONFINI DOGANALI DELLA U.E

15 Codicistica del DAU Il Documento Amministrativo Unico (DAU) è un formulario avente precise caratteristiche previste dalla normativa comunitaria. Esso costituisce di per sé la dichiarazione doganale, per tutti i regimi doganali e le destinazioni doganali utilizzati dagli operatori. La sua applicazione è stata disciplinata dal Reg. Cee 2454/93, che reca modalità di applicazione del Codice Doganale Comunitario (Reg. CE 952/13) Y 901 LIBERA ESPORTAZIONE X 002 SOGGETTO AD AUTORIZZAZIONE

16 CODICE T.A.R.I.C. (TARIFFA INTEGRATA DELLA COMUNITÀ EUROPEA) Il codice TARIC è un metodo di classificazione ed identificazione delle merci oggetto di scambio internazionale tra gli Stati membri della Comunità Europea, ai fini della determinazione delle tariffe doganali. La corretta codifica delle merci è estremamente importante in quanto influenza l'applicazione dei dazi all'importazione. Ecco un esempio di codice TARIC: VOCI E SOTTOVOCI DELLA NOMENCLATURA DEL SISTEMA ARMONIZZATO (CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE) SOTTOVOCI DELLA NOMENCLATURA COMBINATA DEL SISTEMA (POSSONO DIFFERIRE DA PAESE A PAESE) SOTTOVOCI DELLA NOMENCLATURA COMBINATA DEL SISTEMA (POSSONO DIFFERIRE DA PAESE A PAESE)

17 COME SI DETERMINA SE UN BENE O UNA TECNOLOGIA HA UNA POTENZIALE CLASSIFICAZIONE DUAL USE? Il PORTALE T.A.R.I.C. DEL M.I.S.E. TARIC UTILIZZARE LA SOLA BANCA DATI AIDA-TARIC NON E SUFFICIENTE A CLASSIFICARE IL BENE O SE LA TECNOLOGIA E POTENZIALMENTE DUAL USE

18 COME VIENE VISTO IL BENE O LA TECNOLOGIA ALL ATTO DELL EXPORT? I LIVELLO COME LI VEDE LA DOGANA II LIVELLO COME LI VEDE L IMPRESA III LIVELLO COME LI VEDE LA NORMA D.U.

19 COME DEVO AGIRE PER CLASSIFICARE O NO UN BENE O UNA TECNOLOGIA COME DUAL USE? INDAGARE LIVELLO DI PERTINENZA E DEFINIRNE LA CONGRUENZA INDIVIDUARE UNA PRIMA CLASSIFICAZIONE E LIVELLO DI PERTINENZA PROCEDERE A RICLASSIFICARE CORRETTAMENTE IL BENE O LA TECNOLOGIA E VALUTARNE LA FAMIGLIA

20 INDAGARE NON SOLO L OGGETTO O LA TECNOLOGIA MA ANCHE I SUOI COMPONENTI : ASSIEMI, SOTTOASSIEMI, COMPONENTI (RICAMBI), SOFTWARE, ECC Suddividere il cespite in Items e Riclassificarli Condurre una Analisi Tecnico-Normativa di Pertinenza Condurre una Analisi di Congruenza Finale

21 SE IL BENE O LA TECNOLOGIA E PERTINENTE E CONGRUENTE CON LE LISTE DI CONTROLLO COSA E NECESSARIO FARE? ACCEDERE AL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI AUTORIZZAZIONE SPECIFICA INDIVIDUALE: viene rilasciata ad un singolo esportatore, per determinate categorie di beni DU e per un specifico utilizzatore finale, con quantità e valore merce definite AUTORIZZAZIONE GLOBALE INDIVIDUALE: viene rilasciata ad un singolo esportatore, per determinate tipologie di beni DU, per uno o più Paesi, senza indicazione di quantità, valore o utilizzatore finale, per un periodo dilazionato nel tempo non superiore a 3 anni. AUTORIZZAZIONE GENERALE NAZIONALE: viene rilasciata ad un singolo esportatore per alcuni beni DU, limitatamente all export verso Argentina, Corea del Sud, Turchia AUTORIZZAZIONE GENERALE COMUNITARIA: viene rilasciata per determinati beni DU per l export verso Australia, Canada, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, USA.

22 AUTORIZZAZIONE GENERALE COMUNITARIA:

23 Grazie per l attenzione Lorenzo Di Martino Technical Director & IP Management Officer Cell

SEMINARI Programma 2014

SEMINARI Programma 2014 Per informazioni: Tel. 027750320/321 - Fax 027750329 E-mail: aice@unione.milano.it SEMINARI Programma 2014 La formazione è sempre più un elemento fondamentale per migliorare la qualificazione professionale

Dettagli

Dogane. Base giuridica

Dogane. Base giuridica Dogane Introduzione La politica doganale costituisce uno dei fondamenti dell'unione europea (UE) ed è essenziale per il funzionamento del mercato interno, il quale non può funzionare correttamente se non

Dettagli

REGOLAMENTI. 29.5.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 134/1

REGOLAMENTI. 29.5.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 134/1 29.5.2009 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 134/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 428/2009 del Consiglio

Dettagli

Nuove Imprese Esportatrici

Nuove Imprese Esportatrici Nuove Imprese Esportatrici 4 seminari per le aziende che vogliono iniziare ad esportare Il percorso formativo si compone di quattro seminari gratuiti sulle tecniche di commercio estero. E rivolto principalmente

Dettagli

Corsi internazionalizzazione

Corsi internazionalizzazione Corsi internazionalizzazione Il Nuovo Codice Doganale Comunitario 18 Novembre 2014 Fiscalità comunitaria ed internazionale. IVA e aspetti operativi: triangolazioni UE ed extra UE. Focus su operazioni con

Dettagli

MISURE RESTRITTIVE NEL COMMERCIO CON L IRAN: AGGIORNAMENTO

MISURE RESTRITTIVE NEL COMMERCIO CON L IRAN: AGGIORNAMENTO MISURE RESTRITTIVE NEL COMMERCIO CON L IRAN: AGGIORNAMENTO Nei confronti dell Iran vigono ormai da qualche anno misure commerciali restrittive di cui gli operatori economici comunitari devono tener debitamente

Dettagli

1. NATURA E PECULIARITÀ DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI MADE IN ITALY

1. NATURA E PECULIARITÀ DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI MADE IN ITALY SOMMARIO 1. NATURA E PECULIARITÀ DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI MADE IN ITALY 1.1. Premessa... 3 1.2. I prodotti tipici italiani... 6 1.3. Atlante dei prodotti tipici e tradizionali del sistema nazionale

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI E LA POLITICA COMMERCIALE COMUNE DELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI E LA POLITICA COMMERCIALE COMUNE DELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI E LA POLITICA COMMERCIALE COMUNE DELL UNIONE EUROPEA L'Unione europea è un'unione doganale: cosa significa? Un'unione doganale implica la fusione dei territori di diversi

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi Roma, 23 maggio 2011 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Protocollo: 59658/RU Rif.: Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi All Ufficio centrale antifrode Sede e, p.c. Al Ministero

Dettagli

Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli

Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli Nell illustrare le modalità operative per effettuare il rimpatrio o la regolarizzazione delle attività irregolarmente

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

Corso di aggiornamento professionale specializzazione in EU Export Compliance

Corso di aggiornamento professionale specializzazione in EU Export Compliance Corso di aggiornamento professionale specializzazione in EU Export Compliance In riferimento alla Comunicazione della Commissione Europea (EC COM 214) sulla revisione della Export Control policy in cui

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATORE SUL MERCATO SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATORE SUL MERCATO SVIZZERO SUL MERCATO SVIZZERO 4 ordini di limitazioni alle transazioni economiche A) Limitazioni alle importazioni Dogana B) Limitazioni alle importazioni di carattere normativo/sanitario C) Limitazioni alle importazioni

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATOREL MERCATO ALIMENTARE SVIZZERO I regolamenti sul commercio dei prodotti agricoli tra Svizzera e Unione Europea rientrano negli Accordi bilaterali I in vigore dal Giugno 2002 2 principi Mantenimento di un livello minimo di restrizioni

Dettagli

Il ruolo delle dogane nel contesto dei traffici internazionali

Il ruolo delle dogane nel contesto dei traffici internazionali Il ruolo delle dogane nel contesto dei traffici internazionali Dott. Fabrizio Fantasia Torino, 17 ottobre 2013 1 In origine i compiti della Dogana erano: Protezione dell economia interna Riscossione di

Dettagli

CONSULTAZIONE TARIFFE DOGANALI

CONSULTAZIONE TARIFFE DOGANALI Guida alla banca dati doganale, a Taric e a Tares CONSULTAZIONE TARIFFE DOGANALI OFFICIAL PROGRAMS Contenuto 1. INTRODUZIONE 3 2. BANCA DATI DOGANALE (TARIFFE DOGANALI NEL MONDO) 4 2.1. Registrarsi alla

Dettagli

Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali

Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali (Legge sugli embarghi, LEmb) 946.231 del 22 marzo 2002 (Stato 27 luglio 2004) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

SEMINARI Programma 2014

SEMINARI Programma 2014 SEMINARI Programma 2014 La formazione è sempre più un elemento fondamentale per migliorare la qualificazione professionale dei lavoratori e la competitività delle imprese. Per facilitare il processo di

Dettagli

SINTESI DI TECNICA DOGANALE di Ubaldo Palma

SINTESI DI TECNICA DOGANALE di Ubaldo Palma SINTESI DI TECNICA DOGANALE di Ubaldo Palma Concetti fondamentali: codice doganale comunitario, tariffa doganale, classificazione tariffaria delle merce, accordi internazionali in materia di scambi commerciali.

Dettagli

Indice generale sistematico

Indice generale sistematico Indice generale sistematico Prefazione del Vice Ministro delle Attività Produttive con delega al Commercio estero, on. A. Urso Prefazione del prof. V. Uckmar Prefazione del Rettore dell Istituto Universitario

Dettagli

Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO

Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO Piccole e Medie Imprese: ORGANIZZARSI PER L ESTERO IMPRESA E MERCATO Gestire l impresa come un sistema complesso IMPRESA E STRATEGIA Analizzare le opportunità di miglioramento dei risultati Fonte: Ansoff

Dettagli

LOGISTICA ESTESA E SUO CONTROLLO NEL SETTORE FASHION PROBLEMATICHE DOGANALI CONNESSE ALL EXPORT

LOGISTICA ESTESA E SUO CONTROLLO NEL SETTORE FASHION PROBLEMATICHE DOGANALI CONNESSE ALL EXPORT LOGISTICA ESTESA E SUO CONTROLLO NEL SETTORE FASHION PROBLEMATICHE DOGANALI CONNESSE ALL EXPORT Hotel Veronesi La Torre, Dossobuono di Villafranca (VR) Giovedì 2 Ottobre 2014 a cura di : Dott. Massimiliano

Dettagli

Orientamenti per i controlli all importazione riguardanti la sicurezza e la conformità dei prodotti. Parte generale

Orientamenti per i controlli all importazione riguardanti la sicurezza e la conformità dei prodotti. Parte generale COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Sicurezza, agevolazione degli scambi e coordinamento internazionale Protezione dei cittadini e applicazione dei diritti di proprietà intellettuale

Dettagli

Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento

Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento 1 Etichettatura di origine nel settore tessile/abbigliamento Dr. Filippo Laviani Area Europa e Regolamentazione Commercio Internazionale 2 Etichettatura d origine: Made In L origine del prodotto è determinata

Dettagli

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015 NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Milano 22/06/2015 1 Introduzione 2 Le Responsabilità nella classificazione del rifiuto 3 Classificazione: come deve operare il Produttore 4 Caratterizzazione:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE «ORIGINE PREFERENZIALE (EUR1 EUR-MED ATR)»

CORSO DI FORMAZIONE «ORIGINE PREFERENZIALE (EUR1 EUR-MED ATR)» CORSO DI FORMAZIONE «ORIGINE PREFERENZIALE (EUR1 EUR-MED ATR)» Mercoledì 20 e Mercoledì 27 Maggio ore 8,45 Sala Turismo Relatore: Simone Del Nevo Studio Del Nevo IL REBUS DELL ORIGINE DELLA MERCE Presentazione

Dettagli

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra:

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra: Tecniche degli scambi internazionali Esportazione ESPORTAZIONE Le esportazioni si possono distinguere tra: 1. esportazioni dirette (art. 8 Comma 1 lettera a - DPR 633/72) 2. cessioni ad esportatori non

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto

La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto La disciplina doganale e IVA dei costi di trasporto La determinazione del valore delle merci ai fini doganali rappresenta uno dei temi più delicati e complessi, giacché vigono specifiche regole che distinguono

Dettagli

La tutela dei diritti dei passeggeri in Italia. Il punto di vista dei cittadini tra nuovi diritti e vecchi disservizi

La tutela dei diritti dei passeggeri in Italia. Il punto di vista dei cittadini tra nuovi diritti e vecchi disservizi La tutela dei diritti dei passeggeri in Italia. Il punto di vista dei cittadini tra nuovi diritti e vecchi disservizi A cura di Isabella Mor Direttore Pit Il PiT di Cittadinanzattiva Il PIT (progetto integrato

Dettagli

Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana

Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana La determinazione del valore imponibile in dogana costituisce la base per l'applicazione della tassazione riportata nelle tariffe doganali dei diversi

Dettagli

FONDAMENTI DI DIRITTO DOGANALE

FONDAMENTI DI DIRITTO DOGANALE Corso di alta formazione manageriale FONDAMENTI DI DIRITTO DOGANALE 2-3 e 9-0 ottobre 205 Durata 24 ore Destinatar OBIETTIVO a edizione ISTAO Business School, Ancona 2 3 4 DESTINATARI Il corso è indirizzato

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 29 aprile 6, 13, 14, 20, 22, 27 e 29 maggio 2010 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo L

Dettagli

La funzione delle dogane sul territorio

La funzione delle dogane sul territorio La funzione delle dogane sul territorio Teramo, 12/11/2014 dr. Luigi Di Giacomo 1 Normativa doganale: Esportazioni Definitive Reg. Cee 2913/92: Codice Doganale Comunitario; Reg. Cee 2454/93: Disposizioni

Dettagli

Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno

Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno 7 aprile 2006 Pantalla di Todi (PG) EXPORT E CERTIFICAZIONE NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA AGROALIMENTARE GUIDA ALL

Dettagli

La politica doganale dell Unione europea

La politica doganale dell Unione europea La politica doganale dell Unione europea Sommario L unione doganale 4 Sviluppo dell unione doganale 6 L Unione europea nel mondo 12 Contributo alle altre politiche dell Unione 16 Le amministrazioni doganali

Dettagli

STUDIO LEGALE PADOVAN. Esportare in Iran. Appunti sull attività di duediligence. Avv. Marco Padovan

STUDIO LEGALE PADOVAN. Esportare in Iran. Appunti sull attività di duediligence. Avv. Marco Padovan Esportare in Iran Appunti sull attività di duediligence e aggiornamenti normativi Avv. Marco Padovan Ravenna, Avvertenza Il presente documento ha il mero fine di illustrare alcuni aspetti particolari delle

Dettagli

ATTIVITÀ D INDAGINE SUI RIFIUTI TRANSFRONTALIERI

ATTIVITÀ D INDAGINE SUI RIFIUTI TRANSFRONTALIERI 1.PROLOGO Signore e Signori buongiorno. Un particolare, cordiale saluto agli illustri componenti del tavolo di Presidenza, che ringrazio per il graditissimo invito a partecipare a questo convegno che ho

Dettagli

Regolamento Tecnico Unione Doganale Euroasiatica

Regolamento Tecnico Unione Doganale Euroasiatica Regolamento Tecnico Unione Doganale Euroasiatica Direttiva TR CU 017/2011 Certificazione sicurezza produzione per bambini ed adolescenti RT UD 007/2011 Certificazione sicurezza produzione Industria Leggera

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 15, 24, 31 marzo 7, 14, 21, 28 aprile 5 maggio 2011 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo

Dettagli

"PIANIFICAZIONE FISCALE E DOGANALE NEGLI SCAMBI CON L ESTERO E PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE " (1500 h 60 CFU)

PIANIFICAZIONE FISCALE E DOGANALE NEGLI SCAMBI CON L ESTERO E PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE  (1500 h 60 CFU) Master di I livello In "PIANIFICAZIONE FISCALE E DOGANALE NEGLI SCAMBI CON L ESTERO E PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE " (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2015/2016 edizione III sessione I L Università

Dettagli

STUDIO LEGALE PADOVAN

STUDIO LEGALE PADOVAN Milano Roma New Delhi Istanbul Abu Dhabi Dubai Madrid Vigo Lisboa Iran: come e cosa esportare in regime di embargo. Appunti sulle valutazioni soggettiva ed oggettiva Avv. Marco Padovan Vicenza, Avvertenza

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE 28.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 59/35 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 4 febbraio 2014 che abroga la decisione 2000/745/CE che accetta gli impegni offerti in relazione ai

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE

DIREZIONE GENERALE POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE DIREZIONE GENERALE POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE DIREZIONE GENERALE POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE Scheda obiettivo strutturale (All ) Missione/Programma 06.004 Risorse complessive per la realizzazione

Dettagli

PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA COMMERCIALE COMUNE COMMISSIONE EUROPEA

PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA COMMERCIALE COMUNE COMMISSIONE EUROPEA 29.10.2015 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 357/5 PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA COMMERCIALE COMUNE COMMISSIONE EUROPEA Avviso di apertura di un procedimento antidumping

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013

Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013 Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013 Avv. Elio De Tullio Progetto 2013 Camera di Commercio Italo Orientale Camera di Commercio Italo Lituana Camera di Commercio Italo Bosniaca

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Le novità del periodo in materia doganale

Le novità del periodo in materia doganale Le novità del periodo in materia doganale Avv. Sara Armella, Armella & Associati, Milano e Genova www.studioarmella.com Nel corso degli ultimi mesi, la materia doganale è stata interessata da importanti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

IL MERCATO INTERNO E LIBERTA DI CIRCOLAZIONE

IL MERCATO INTERNO E LIBERTA DI CIRCOLAZIONE IL MERCATO INTERNO E LIBERTA DI CIRCOLAZIONE Area di libero scambio, unione doganale, mercato interno: caratteristiche Motivi economici e politici del mercato interno Il ruolo delle quattro libertà fondamentali

Dettagli

ROMANIA ROMANIA SISTEMA VALUTARIO E REGIMI DI IMPORT EXPORT

ROMANIA ROMANIA SISTEMA VALUTARIO E REGIMI DI IMPORT EXPORT ROMANIA SISTEMA VALUTARIO E REGIMI DI IMPORT EXPORT SISTEMA VALUTARIO E REGIMI DI IMPORT EXPORT - Ignazio Napoli 1 SISTEMA VALUTARIO E REGIMI DI IMPORT EXPORT...1 1 REGIME DELLE IMPORTAZIONI...3 1.1 Qual

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA

MINISTERO DELLA DIFESA MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI III REPARTO POLITICA DEGLI ARMAMENTI SGD G 021 DIRETTIVA APPLICATIVA SULLE PROCEDURE INERENTI I PROGRAMMI

Dettagli

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE:

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: Australia, Brasile, Canada, Cina e Hong Kong, Corea

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA COMMERCIALE COMUNE COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA COMMERCIALE COMUNE COMMISSIONE EUROPEA 26.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 196/9 V (Avvisi) PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA COMMERCIALE COMUNE COMMISSIONE EUROPEA Avviso di apertura di un procedimento antidumping

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici.

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici. CIRCOLARE N. 13/D Protocollo: 90565/RU Rif.: Allegati: 5 Roma, 2 agosto 2013 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali Agli Uffici delle Dogane Loro sedi e, p.c. Alla Direzione Centrale Gestione

Dettagli

CGC. 2.1 Monteverro pubblicherà o comunicherà ai Clienti mainlinglist l elenco dei Prodotti offerti corredato dall indicazione del prezzo di vendita.

CGC. 2.1 Monteverro pubblicherà o comunicherà ai Clienti mainlinglist l elenco dei Prodotti offerti corredato dall indicazione del prezzo di vendita. 1 Disposizioni generali 1.1 Le presenti condizioni generali di contratto (di seguito, Condizioni Generali ) disciplinano i rapporti tra i clienti c.d. mailinglist (di seguito, Clienti Mailing List o, semplicemente,

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

CORSO EXECUTIVE. LOGISTICA INTEGRATA E SISTEMA DOGANALE Il commercio internazionale dalla gestione del fornitore al trasporto

CORSO EXECUTIVE. LOGISTICA INTEGRATA E SISTEMA DOGANALE Il commercio internazionale dalla gestione del fornitore al trasporto CORSO EXECUTIVE LOGISTICA INTEGRATA E SISTEMA DOGANALE Il commercio internazionale dalla gestione del fornitore al trasporto Formula intensiva Milano, 10-11 e 12 Dicembre 2015 LOGISTICA INTEGRATA E SISTEMA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA DIREZIONE GENERALE PER LA SICUREZZA DELL'APPROVVIGIONAMENTO E LE INFRASTRUTTURE ENERGETICHE Divisione IV - Mercato e logistica dei prodotti

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

GRUPPO B2015 1. L Albo degli autotrasportatori di cose per conto di terzi è A) l elenco dei veicoli adibiti al trasporto di cose per conto di terzi B) l Albo dove vengono iscritti coloro che hanno superato

Dettagli

PROGRAMMA DI DETTAGLIO

PROGRAMMA DI DETTAGLIO PROGRAMMA DI DETTAGLIO 1 Contesto: Obiettivo specifico del corso per Spedizionieri è la formazione di una figura professionale in possesso delle competenze necessarie per operare nel settore dei Trasporti,

Dettagli

IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul

IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul BENVENUTI AL N. 1 DEL NOSTRO NOTIZIARIO - LUGLIO 2014 Politiche protezionistiche e barriere all'ingresso e tutela sui diritti di proprieta' intellettuale rappresentano

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

ATTIVITA' DI PULIZIE. 3.1. Requisiti di onorabilità: Devono essere posseduti:

ATTIVITA' DI PULIZIE. 3.1. Requisiti di onorabilità: Devono essere posseduti: ATTIVITA' DI PULIZIE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge n. 82 del 25 Gennaio 1994 D.M. 7 luglio 1997, n. 274. D.M. 4 ottobre 1999, n. 439 Art. 7, 8, D.P.R. 14 dicembre 1999, n. 558. D.L. 31.1.2007, n. 7 art.

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE

ISTRUZIONI OPERATIVE ISTRUZIONI OPERATIVE CERTIFICAZIONI SANITARIE CERTIFICATO PRE EXPORT: - richiesto in genere per l esportazione verso la Federazione Russa; - modello ufficiale (reperibile sul sito http://www.salute.gov.it/veterinariainternazionale

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006 IL DEPOSITO DOGANALE Prato 23 novembre 2006 LA DISCIPLINA Articoli da 84 a 90 (disposizioni comuni ai regimi doganali economici) e da 98 a 113 del Reg.CEE 2913/92 Articoli da 496 a 523 (disposizioni di

Dettagli

LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO

LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO LE DIVERSE STRATEGIE DI PENETRAZIONE NEI MERCATI ESTERI PER IL SETTORE ORAFO a cura degli Avv.ti Eleonora Cerin e Silvia Dalle Nogare e del Dott. Bellin del Settore Promozione e Consulenza Estero CCIAA-VI

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

FOCUS KAZAKISTAN. Dr. Massimiliano Mercurio Doganalista AEO. Torino, 18 maggio 2015

FOCUS KAZAKISTAN. Dr. Massimiliano Mercurio Doganalista AEO. Torino, 18 maggio 2015 Dr. Massimiliano Mercurio Doganalista AEO Torino, 18 maggio 2015 ACCORDI INTERNAZIONALI Accordi Internazionali: Commonwealth of Indipendent States (CIS) Convenzione TIR Eurasian Economic Union (EAEU) HS

Dettagli

bilaterali Svizzera-UE

bilaterali Svizzera-UE Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE Sezione informazione I principali accordi bilaterali Svizzera-UE Marzo 2013 Accordi bilaterali Svizzera-UE 2 I primi Accordi

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

La sorveglianza sui dispositivi medici

La sorveglianza sui dispositivi medici Corso Attività di Polizia Sanitaria ROMA, 21 giugno 2012 La sorveglianza sui dispositivi medici Dr. Franco Abbenda Ministero della Salute DGFDSC Ufficio 03 1 Origini regolatorie - Armamentario del medico

Dettagli

Il negoziato agricolo e il vertice di Cancun: cronaca di un fallimento annunciato

Il negoziato agricolo e il vertice di Cancun: cronaca di un fallimento annunciato Il negoziato agricolo e il vertice di Cancun: cronaca di un fallimento annunciato Luca Salvatici Dipartimento di Economia Pubblica - Università degli Studi di Roma La Sapienza Macerata, 29 ottobre 2003

Dettagli

1. Gruppo SACE 3. STRUTTURA. Finanziamenti internazionali alle imprese

1. Gruppo SACE 3. STRUTTURA. Finanziamenti internazionali alle imprese 1. Gruppo SACE SACE è un gruppo assicurativo e finanziario il cui core business si focalizza sull assicurazione del credito, credito all esportazione, protezione degli investimenti, garanzie finanziarie,

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare Testo originale Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare 0.732.021 Conchiusa a Parigi il 20 dicembre 1957 Approvata dall Assemblea federale il 3 ottobre

Dettagli

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 INDICE 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RIFERIMENTI 5.0 DESCRIZIONE DEL PROCESSO 5.1 Modalità 5.2 Ruoli e Responsabilità 6.0 MODULISTICA ALLEGATA E ARCHIVIAZIONE

Dettagli

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE CASISTICA SULLE IMPORTAZIONI INTRODOTTE PRESSO IL PIF DI LIVORNO DR. SSA ROSELLINA SBRANA MIN. DELLA SALUTE PIF LIVORNO PERUGIA, 24 APRILE 2015 PIF: POSTO

Dettagli

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011 Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH Asso Service Bari 21.03.2011 ELEMENTI ESSENZIALI del REACH L onere della prova relativo alla sicurezza delle sostanze chimiche è trasferito

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMPITI E FUNZIONI

GUARDIA DI FINANZA COMPITI E FUNZIONI GUARDIA DI FINANZA COMPITI E FUNZIONI LA GUARDIA DI FINANZA: è un Corpo speciale di Polizia è militarmente ordinata fa parte integrante delle FF.AA. dipende dal Ministro dell Economia e Finanze 2 COMPITI

Dettagli

IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO)

IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO) I Forum di Cronache di Gusto Taormina, 20 ottobre 2014 IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO) DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa I temi di approfondimento Lo scenario:

Dettagli

ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra

ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra L 28/2 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 30.1.2010 ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra LA COMUNITÀ

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI Conegliano, 20 febbraio 2014 DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI I temi di approfondimento

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Copertura garantita. Transit Time

Copertura garantita. Transit Time 1 2 3 Copertura garantita Transit Time 4 5 Spedilog Attraverso i suoi migliori Partner Internazionali garantisce e serve i principali porti mondiali: nei cinque continenti abbiamo basi di riferimento che

Dettagli

Origine preferenziale e responsabilità dell'esportatore

Origine preferenziale e responsabilità dell'esportatore Origine preferenziale e responsabilità dell'esportatore Nel panorama del commercio internazionale assumono sempre maggior rilevanza gli accordi di libero scambio (commercio preferenziale) stipulati tra

Dettagli

Export Finance: strumenti per il mercato globale

Export Finance: strumenti per il mercato globale Export Finance: strumenti per il mercato globale La rapida evoluzione degli scambi internazionali coinvolge sempre più l intera economia mondiale generando nuove prospettive d affari e dinamiche un tempo

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D 1 C o r e a d e l S u d G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a B

Dettagli

del bacino del Mediterraneo

del bacino del Mediterraneo Centro Studi Anticontraffazione Proprietà Intellettuale e Competitività delle piccole e medie imprese nel settore tessile e dell abbigliamento dei Paesi del bacino del Mediterraneo Prato, Teatro Politeama

Dettagli

Aspetti legali. Tutela legale del software

Aspetti legali. Tutela legale del software Aspetti legali Tutela del Sw Tutela della privacy informatica dati personali azioni che invadono la sfera personale Censura su Internet 1 Tutela legale del software 2 Normative Legge 22/4/41 n. 633 sul

Dettagli

Licenze Globali di Progetto REIMPORTAZIONI (RI) TAB. MG11

Licenze Globali di Progetto REIMPORTAZIONI (RI) TAB. MG11 Camera dei D eputati 1249 Senato della Repubblica Licenze Globali di Progetto REIMPORTAZIONI (RI) RIEPILOGO PER PAESE TAB. MG11 PAGINA BIANCA Tipo di operazione: REIMPORTAZIONE (RI) - Licenze Globali di

Dettagli