Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23"

Transcript

1 Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE a cura di Enzo Trevisiol PREMESSA CENNI STORICI SULLE NORME DISCIPLINARI 1.1 Il regolamento paternalistico risorgimentale Dalla supremazia alla specialità Il codice dell ordinamento militare e il testo unico regolamentare LE NUOVE FONTI 2.1. La struttura normativa Le principali novità in ambito disciplinare CONDIZIONI PER L APPLICAZIONE DELLA DISCIPLINA MILITARE 3.1 Condizioni soggettive I destinatari delle sanzioni disciplinari di corpo Condizioni oggettive La norma generale La deroga Alcuni esempi: rapporti tra superiori e subordinati nella vita privata (segue): guida sotto l influenza delle sostanze alcoliche (segue): uso delle sostanze stupefacenti TRATTAMENTO ECONOMICO DEL PERSONALE MILITARE 4.1. INTRODUZIONE Personale militare non dirigente Coda contrattuale Vacanza contrattuale

2 Personale militare dirigente Vicedirigenza Ufficiali omogeneizzati Volontari in ferma breve, in ferma prefissata o raffermati (volontari non in servizio permanente) TABELLE STIPENDI ASSEGNI E INDENNITÀ DEL PERSONALE MILITARE NON DIRIGENTE DELL ESERCITO DELLA MARINA E DELL AERONAUTICA Tabella stipendi e corrispettivi parametri Tabella paghe giornaliere dei volontari in ferma prefissata Tabella importo aggiuntivo pensionabile Tabella assegno di funzione Tabella indennità operative di base Tabella corresponsione ore straordinarie Tabella C.F.G. Compenso forfetario di guardia Tabella C.F.I. Compenso forfetario di impiego Tabella emolumenti vari Tabella percentuali maggiorazioni indennità operative Tabella trattamento di missione Tabella successione gerarchica e corrispondenza gradi sottufficiali e volontari delle ff.aa Tabella successione gerarchica e corrispondenza gradi ufficiali LE FONTI NORMATIVE 1. LE NORME SUL TRATTAMENTO ECONOMICO DEL PERSONALE MILITARE DELL ESERCITO DELLA MARINA E DELL AERONAUTICA CODICE ORDINAMENTO MILITARE D.LGS. N. 66/2010 Libro sesto Trattamento economico, assistenza e benessere Titolo I Disposizioni generali Art Ambito soggettivo di applicazione Art Rapporti con l ordinamento generale del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche Art Assenze per malattia Art Attribuzione del trattamento economico Art Principio di irreversibilità stipendiale Art Computo dell anzianità di grado Art Computo dell anzianità di servizio Art Computo del servizio anteriormente prestato

3 Titolo II Personale di leva Art Ripristino del servizio obbligatorio di leva Art Trattamento economico dei militari in servizio obbligatorio di leva presso le Forze armate Art Trattamento economico degli ufficiali di complemento Art Rimborso spese di viaggio ai militari di leva residenti all estero Art Sospensione della paga Art Assegni per il nucleo familiare Art Premio di congedamento Titolo III Personale in ferma volontaria Art Retribuzione base dei volontari in ferma prefissata Art Retribuzione accessoria dei volontari in ferma prefissata Art Pagamento sostitutivo della licenza ordinaria Art Rimborsi in caso di revoca della licenza ordinaria o richiamo dalla stessa.. 80 Art Retribuzione stipendiale degli ufficiali in ferma prefissata (1) Art Premio di fine ferma agli ufficiali in ferma prefissata Art Premio di fine ferma agli ufficiali piloti e navigatori di complemento Art Retribuzione degli allievi di scuole e accademie militari Art Retribuzione delle forze di completamento Titolo IV Personale non dirigente Capo I Trattamento economico stipendiale Art Stipendio parametrale Capo II Trattamento economico stipendiale aggiuntivo Art Scatti per invalidità di servizio Art Omogeneizzazione stipendiale Art Incentivi agli ufficiali piloti in servizio permanente effettivo Art Incentivi al personale addetto al controllo del traffico aereo Capo III Trattamento economico accessorio Art Rinvio ai provvedimenti di concertazione in materia di trattamento economico accessorio Capo IV Trattamento economico eventuale Sezione I Trattamento economico di missione e di trasferimento Art Rinvio ai provvedimenti di concertazione in materia di trattamento economico di missione e di trasferimento Sezione II Trattamento economico di missione all estero Art Indennità di missione all estero Art Indennità di lungo servizio all estero Art Indennità di servizio all estero presso rappresentanze diplomatiche

4 Titolo V Personale dirigente Capo I Trattamento economico stipendiale Art Principio di onnicomprensività Art Accesso alla dirigenza Art Progressione economica Art Scatti per invalidità di servizio al personale dirigente Art Scatti demografici Art Incentivi agli ufficiali dirigenti piloti in servizio permanente effettivo Art Incentivi al personale dirigente addetto al controllo del traffico aereo Art Assegno pensionabile al personale dirigente Art Speciale indennità pensionabile ai generali o ammiragli delle Forze armate Art Indennità di posizione Art Indennità perequativa Art Trattamento economico al personale in aspettativa per riduzione dei quadri Capo II Trattamento economico accessorio Art Indennità operative al personale dirigente Capo III Trattamento economico eventuale Sezione I Trattamento economico di missione, di trasferimento e di missione all estero Art Missioni e trasferimento del personale dirigente Sezione II Ulteriori istituti economici Art Assegni per il nucleo familiare al personale dirigente Art Compenso per lavoro straordinario al personale dirigente Titolo VI Assistenza morale, benessere e protezione sociale Capo I Istituti di retribuzione indiretta Art Servizio di vettovagliamento Art Alloggi di servizio Capo II Interventi e organismi di protezione sociale Art Promozione del benessere del personale militare Art Competenza statale Art Quadro degli interventi Art Formazione ed elevazione culturale Art Organismi di protezione sociale Art Concessione in uso di beni demaniali Capo II Misure di sostegno alla famiglia Art Rimborso spese sostenute per rette di asili nido

5 Art Fondo casa Art Borse di studio LIBRO IX Titolo I Capo II Sezione IV Trattamento economico, assistenza e benessere Art Ambito soggettivo Art Disposizioni generali in materia di trattamento economico del personale delle Forze di polizia a ordinamento militare Art Retribuzione del personale di leva delle Forze di polizia a ordinamento militare Art Retribuzione stipendiale e premio di fine ferma agli ufficiali in ferma prefissata delle Forze di polizia a ordinamento militare (1) Art Retribuzione delle forze di completamento per le Forze di polizia a ordinamento militare Art Scatti per invalidità di servizio per le Forze di polizia a ordinamento civile e militare Art Omogeneizzazione stipendiale per le Forze di polizia a ordinamento militare Art Incentivi agli ufficiali piloti in servizio permanente del Corpo della Guardia di finanza Art Modifiche al d.p.r. 22 dicembre 1986, n Art Estensione dell indennità di missione all estero al personale delle Forze di polizia Art Estensione dell indennità di lungo servizio all estero Art Estensione dell indennità di servizio all estero presso rappresentanze diplomatiche Art Accesso alla dirigenza e trattamenti retributivi per il personale delle Forze di polizia a ordinamento militare Art Indennità pensionabile per le Forze di polizia a ordinamento militare Art Speciale indennità pensionabile al Comandante generale dell'arma dei carabinieri e della Guardia di finanza Art Indennità di impiego operativo al personale dirigente delle Forze di polizia a ordinamento militare Art Compenso per lavoro straordinario al personale dirigente delle Forze di polizia a ordinamento militare Art Ulteriori istituti economici per il personale dirigente delle Forze di polizia a ordinamento militare Art Competenza statale per gli interventi di protezione sociale Art Organismi di protezione sociale per le Forze di polizia a ordinamento militare

6 Art Promozione del benessere, formazione ed elevazione culturale delle Forze di polizia a ordinamento militare Art Rimborso spese sostenute per rette di asili nido per le Forze di polizia a ordinamento militare Art Borse di studio per le Forze di polizia a ordinamento militare LE NORME DISCIPLINARI MILITARI 2.1. IL CODICE DELL ORDINAMENTO MILITARE D.LGS N. 66 Libro primo Organizzazione e funzioni Titolo I Disposizioni preliminari Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Libro quarto Personale Militare Titolo I Disposizioni generali Capo I Dei militari Art. 621 Acquisto dello stato di militare Art. 622 Perdita dello stato di militare Art. 623 Personale militare femminile Art. 624 Rapporti con la legge penale militare Art. 625 Rapporti con l ordinamento generale del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche e altri ordinamenti speciali Capo II Gerarchia militare Art. 626 Gerarchia e subordinazione Art. 627 Categorie di militari Art. 628 Successione e corrispondenza dei gradi degli ufficiali Art. 629 Successione e corrispondenza dei gradi dei sottufficiali Art. 630 Successione e corrispondenza dei gradi dei graduati Art. 631 Successione e corrispondenza dei gradi dei militari di truppa Art. 632 Corrispondenza dei gradi militari con le qualifiche degli appartenenti alle Forze di polizia a ordinamento civile Titolo V Stato giuridico e impiego Capo III Rapporto di impiego Sez. I Disposizioni generali Art. 894 Incompatibilità professionali Art. 895 Attività extraprofessionali sempre consentite Art. 896 Attività extraprofessionali da svolgere previa autorizzazione o conferimento Art. 897 Docenza universitaria Art. 898 Decadenza dal rapporto di impiego per incompatibilità professionale Art. 899 Personale assegnato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Titolo VIII Disciplina militare Capo I Fondamenti delle istituzioni militari Art Disciplina militare Art Obbedienza Capo II Doveri 12

7 Art Dovere di fedeltà Art Ordini militari Art Condizioni per la applicazione delle disposizioni in materia di disciplina Art Uso dell uniforme Capo III Sanzioni disciplinari Sezione I Disposizioni generali Art Illecito disciplinare Art Tassatività delle sanzioni Art Titolarità del potere sanzionatorio Art Criteri per la irrogazione delle sanzioni disciplinari Art Militari tossicodipendenti, alcooldipendenti e assuntori di sostanze dopanti Art Sanzioni disciplinari di stato Art Sanzioni disciplinari di corpo Art Richiamo Art Rimprovero Art Consegna Art Consegna di rigore Sezione III Istanze e ricorsi avverso le sanzioni disciplinari di corpo Art Organo sovraordinato Art Istanza di riesame e ricorso gerarchico Art Istanza di riesame delle sanzioni disciplinari di corpo Art Ricorso gerarchico avverso le sanzioni disciplinari di corpo Sezione IV Disposizioni particolari Art Presentazione dei militari puniti Art Sospensione e condono delle sanzioni disciplinari di corpo Art Cessazione degli effetti delle sanzioni disciplinari di corpo Capo IV Procedimento disciplinare Sezione I Disposizioni generali Art Contestazione degli addebiti e diritto di difesa Art Divieto di sostituzione delle sanzioni disciplinari Art Annullamento d ufficio del procedimento disciplinare Art Rinnovazione del procedimento disciplinare Art Estinzione del procedimento disciplinare Sezione II Procedimento disciplinare di stato Art Potestà sanzionatoria di stato Art Inizio del procedimento disciplinare di stato Art Inchiesta formale Art Autorità competenti a ordinare l inchiesta formale Art Applicazione della sospensione disciplinare (1) Art Composizione delle commissioni di disciplina Art Commissioni di disciplina per gli ufficiali generali, colonnelli e gradi corrispondenti Art Commissioni di disciplina per gli altri ufficiali Art Commissioni di disciplina per i sottufficiali, i graduati e i militari di truppa Art Commissioni di disciplina per gli appuntati e carabinieri

8 Art Commissioni di disciplina per militari appartenenti a diverse Forze armate Art Ricusazione Art Convocazione della commissione di disciplina Art Procedimento davanti alla commissione di disciplina Art Decisione del Ministro della difesa Art Norme per i militari residenti all estero Art Procedimenti a carico di militari di diverse categorie Art Termini del procedimento disciplinare di stato Art Sospensione del procedimento disciplinare Art Ricostruzione di carriera Art Disposizioni per il tempo di guerra o di grave crisi internazionale Sezione III Procedimento disciplinare di corpo Art Autorità militari competenti Art Procedura da seguire nel rilevare l'infrazione Art Procedimento disciplinare Art Procedure per infliggere la consegna di rigore Art Commissione di disciplina Art Provvedimenti provvisori a titolo precauzionale Capo V Onorificenze militari e ricompense Sezione X Art Encomi ed elogi Titolo IX Esercizio dei diritti Capo I Disposizioni generali Art Diritti riconosciuti dalla Costituzione Art Limitazioni all applicabilità di sanzioni disciplinari Art Applicazione del principio di pari opportunità Art Discriminazioni e molestie Capo II Libertà fondamentali Art Libertà di circolazione e sede di servizio Art Libertà di riunione Art Libertà di culto Art Libertà di manifestazione del pensiero Art Autorità competente al rilascio della autorizzazione Art Diritto di informazione e di istruzione Art Limitazioni all esercizio del diritto di associazione e divieto di sciopero Capo IV Esercizio dei diritti politici Sezione I Disposizioni generali Art Esercizio delle libertà in ambito politico Sezione II Elettorato passivo Art Esercizio del diritto di elettorato passivo Art Cause di ineleggibilità al Parlamento Art Cause di ineleggibilità alla carica di consigliere regionale Art Cause di ineleggibilità a cariche amministrative Art Collocamento in aspettativa e trattamento economico Sezione III Elettorato attivo Art Esercizio del diritto di voto per i militari in servizio di ordine pubblico

9 Art Esercizio del diritto di voto per i militari in servizio Art Esercizio del diritto di voto per i militari temporaneamente all estero per motivi di servizio o missioni internazionali Sezione IV Limitazioni all accesso a taluni uffici pubblici Art Ufficio di giudice popolare e di componente di seggio elettorale Capo V Diritti sociali Sezione I Tutela della maternità e della paternità Art Estensione della normativa per il personale della Pubblica Amministrazione Art Disposizioni particolari Art Effetti sullo stato giuridico Sezione II Diritto alla salute Art Diritto alla salute e alla sicurezza sui luoghi di lavoro Art Sanitario di fiducia Art Attività di informazione e prevenzione in materia di sostanze stupefacenti, psicotrope, alcoliche e dopanti Art Stato di dipendenza dei militari in ferma o in servizio permanente effettivo TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI REGOLAMENTARI IN MATERIA DI ORDINAMENTO MILITARE D.P.R N. 90 Libro Quarto Personale Militare Titolo VIII Disciplina militare Capo I Doveri dei militari Sezione I Doveri generali Art. 712 Doveri attinenti al giuramento Art. 713 Doveri attinenti al grado Art. 714 Doveri attinenti alla posizione costituzionale del Presidente della Repubblica Art. 715 Doveri attinenti alla dipendenza gerarchica Art. 716 Iniziativa Art. 717 Senso di responsabilità Art. 718 Formazione militare Art. 719 Spirito di corpo Art. 720 Uniforme Art. 721 Dignità e decoro del militare Art. 722 Doveri attinenti alla tutela del segreto e al riserbo sulle questioni militari. 122 Art. 723 Tenuta e sicurezza delle armi, dei mezzi, dei materiali e delle installazioni militari Art. 724 Osservanza di doveri ulteriori Sezione II Doveri dei superiori Art. 725 Doveri propri dei superiori Art. 726 Doveri del comandante di corpo Art. 727 Emanazione di ordini

10 Art. 728 Comportamento nei confronti di militari in stato di grave alterazione Sezione III Doveri degli inferiori Art. 729 Esecuzione di ordini Art. 730 Servizi regolati da consegna Art. 731 Saluto militare Capo II Norme di comportamento e di servizio Sezione I Norme di comportamento Art. 732 Contegno del militare Art. 733 Norme di tratto Art. 734 Senso dell'ordine Art. 735 Relazioni con i superiori Art. 736 Presentazione e visite all'atto dell'assunzione di comando o incarico Art. 737 Qualifiche militari apposte al nome Art. 738 Sottoscrizioni e spese collettive Sezione II Norme di servizio Art. 739 Lingua da usare in servizio Art. 740 Orari e turni di servizio Art. 741 Libera uscita Art. 742 Licenze e permessi Art. 743 Rientro immediato al reparto Art. 744 Alloggiamento e pernottamenti Art. 745 Detenzione e uso di cose di proprietà privata nei luoghi militari Art. 746 Uso dell'abito civile Art. 747 Dipendenza dei militari in particolari condizioni Art. 748 Comunicazioni dei militari Art. 749 Decesso di un militare Sezione III Disposizioni in tema di sanzioni disciplinari Art. 750 Comandanti di reparto e di distaccamento Art. 751 Comportamenti che possono essere puniti con la consegna di rigore CODICE PENALE MILITARE DI PACE 260. Richiesta di procedimento LA RAPPRESENTANZA MILITARE 3.1. CODICE DELL ORDINAMENTO MILITARE D.LGS. 15 MARZO 2010 N. 66 Libro Ouarto Personale Militare Titolo IX Esercizio Dei Diritti Capo III Organi di rappresentanza militare Art Organo centrale, organo intermedio, organo di base Art Riunioni, competenze, attività Art Divieto di condizionamento del mandato di rappresentanza Art Trasferimento del delegato Art Contenuti del rapporto di impiego Art Disposizioni di esecuzione in materia di rappresentanza militare

11 3.2. TESTO UNICO REGOLAMENTARE D.P.R. 15 MARZO 2010 N. 90 Libro Ouarto Personale Militare Titolo IX Esercizio dei diritti Capo I Gli organi del sistema di rappresentanza Sezione I Ordinamento Art. 870 Scopo e natura del sistema di rappresentanza Art. 871 Articolazione del sistema di rappresentanza Art. 872 Suddivisione del personale ai fini della rappresentanza Art. 873 Composizione del consiglio centrale di rappresentanza (COCER) Art. 874 Composizione e collocazione dei consigli intermedi di rappresentanza (COIR) Art. 875 Composizione e collocazione dei consigli di base di rappresentanza (COBAR) Art. 876 Consigli di base di rappresentanza (COBAR) per frequentatori di istituti di formazione Art. 877 Consigli di base di rappresentanza (COBAR) speciali all'estero Sezione II Competenze Art. 878 Generalità Art. 879 Competenze del consiglio centrale di rappresentanza (COCER) Art. 880 Competenze comuni a tutti gli organi di rappresentanza Art. 881 Particolari competenze dei consigli intermedi di rappresentanza (COIR) e dei consigli di base di rappresentanza (COBAR) Sezione III Esercizio della rappresentanza Art. 882 Facoltà e limiti del mandato Art. 883 Durata del mandato Art. 884 Rapporti tra i delegati nel corso delle riunioni Sezione IV I procedimenti elettorali Art. 885 Gradi successivi delle votazioni e calendario delle elezioni Art. 886 Posti di votazione Art. 887 Modalità di carattere generale per la votazione e lo scrutinio Art. 888 Norme a carattere generale per la documentazione delle operazioni di voto, la formazione delle graduatorie e la proclamazione degli eletti Art. 889 Norme particolari per l'elezione dei consigli di base di rappresentanza Art. 890 Norme particolari per l'elezione dei consigli intermedi di rappresentanza. 145 Art. 891 Norme particolari per l'elezione del consiglio centrale di rappresentanza Art. 892 Propaganda Sezione V L attività degli organi di rappresentanza a livello di base Art. 893 Natura e iniziativa dell'attività dei consigli di base di rappresentanza Art. 894 Procedure per i consigli di base di rappresentanza Sezione VI L attività degli organi di rappresentanza a livello intermedio Art. 895 Natura e iniziativa dell'attività dei consigli intermedi di rappresentanza Art. 896 Procedure per i consigli intermedi di rappresentanza Sezione VII L'attività degli organi di rappresentanza a livello centrale Art. 897 Natura e iniziativa dell'attività del COCER Art. 898 Procedure per il COCER Sezione VIII Organizzazione e funzionamento della rappresentanza militare Art. 899 Oggetto

12 Art. 900 Prorogatio Art. 901 Consiglio di rappresentanza Art. 902 Assemblea Art. 903 Presidente Art. 904 Comitato di presidenza e segretario Art. 905 Gruppi di lavoro Art. 906 Segreterie permanenti Art. 907 Presidente Attribuzioni Art. 908 Comitato di presidenza Attribuzioni Art. 909 Segretario Attribuzioni Art. 910 Convocazioni degli organi di rappresentanza Art. 911 Modalità e periodicità delle riunioni Art. 912 Validità delle assemblee Art. 913 Assenze dei delegati Art. 914 Programmi di lavoro Art. 915 Modifica all'ordine del giorno della riunione Art. 916 Comunicazioni all'assemblea Art. 917 Iscrizioni a parlare Art. 918 Maggioranza delle deliberazioni Art. 919 Modi di votazione Art. 920 Annullamento o ripetizione delle votazioni Art. 921 Presentazione delle mozioni Art. 922 Compilazione dei processi verbali Art. 923 Trasmissione delle deliberazioni Art. 924 Pubblicità delle deliberazioni e delle risposte Art. 925 Audizioni Art. 926 Rapporti con le commissioni parlamentari Art. 927 Rapporti a livello di base Art. 928 Rapporti a livello intermedio e centrale Sezione IX Disposizioni particolari Art. 929 Ordine delle riunioni Art. 930 Annotazioni nella documentazione del personale Art. 931 Informazione sull attività svolta dagli organi di rappresentanza Art. 932 Termini per la comunicazione dei pareri richiesti da parte degli organi di rappresentanza Art. 933 Composizione del consiglio centrale di rappresentanza (1) Art. 934 Composizione dei consigli intermedi di rappresentanza (1) Art. 935 Consigli di base di rappresentanza Art. 936 Elezioni del Consiglio, data delle elezioni, prospetto riepilogativo dei voti ottenuti da ciascun candidato sulla scorta dei verbali parziali Sezione X Disposizioni di collegamento della rappresentanza militare con i rappresentanti dei militari delle categorie in congedo e dei pensionati Art. 937 Requisiti per la iscrizione in apposito albo delle associazioni fra militari in congedo e dei pensionati Art. 938 Attività di informazione, studio e formulazione di pareri Art. 939 Rapporti con il COCER Art. 940 Riunione annuale indetta dal Ministro della difesa

13 Art. 941 Associazioni fra militari delle categorie in congedo o pensionati D.LGS. 12 MAGGIO 1995, N ATTUAZIONE DELL'ART. 2 DELLA L. 6 MARZO 1992, N. 216, IN MATERIA DI PROCEDURE PER DISCIPLINARE I CONTENUTI DEL RAPPORTO DI IMPIEGO DEL PERSONALE DELLE FORZE DI POLIZIA E DELLE FORZE ARMATE Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Provvedimenti Art. 3 Forze di polizia ad ordinamento civile Art. 4 Forze di polizia ad ordinamento militare Art. 5 Forze armate Art. 6 Materie riservate alla legge Art. 7 Procedimento Art. 8 Procedure di raffreddamento dei conflitti Art. 8 bis. Consultazione delle rappresentanze del personale Art. 9 Norma finale D.P.R N. 394 RECEPIMENTO DEL PROVVEDIMENTO DI CONCERTAZIONE DEL 20 LUGLIO 1995 RIGUARDANTE IL PERSONALE DELLE FORZE ARMATE (ESERCITO, MARINA E AERONAUTICA) Art. 21. Informazione FONTI GENERALI 4.1. LA COSTITUZIONE ITALIANA Art Art Art Art Art Art Art Art Art D.P.R N. 3 TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI CONCERNENTI LO STATUTO DEGLI IMPIEGATI CIVILI DELLO STATO Capo III Procedimento disciplinare Art. 103 Accertamenti Art. 117 Sospensione del procedimento disciplinare in pendenza del giudizio penale Art. 120 Estinzione del procedimento L N. 241 NUOVE NORME IN MATERIA DI PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DI DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1. Principi generali dell'attività amministrativa Art. 2. Conclusione del procedimento

14 Art. 2 bis. Conseguenze per il ritardo dell amministrazione nella conclusione del procedimento Art. 3. Motivazione del provvedimento Art. 7. Comunicazione di avvio del procedimento Art. 8. Modalità e contenuti della comunicazione di avvio del procedimento Art. 9. Intervento nel procedimento Art. 21 septies. Nullità del provvedimento Art. 21 octies. Annullabilità del provvedimento Art. 21 nonies. Annullamento d'ufficio Art. 22. Definizioni e princìpi in materia di accesso Art. 24. Esclusione dal diritto di accesso Art. 25. Modalità di esercizio del diritto di accesso e ricorsi(1) Art. 26. Obbligo di pubblicazione (1) D.LGS. 165/2001 NORME GENERALI SULL'ORDINAMENTO DEL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Art. 3. Personale in regime di diritto pubblico

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Equal Jus Database European network for the legal support of LGBT rights

Equal Jus Database European network for the legal support of LGBT rights EqualJusDatabase EuropeannetworkforthelegalsupportofLGBTrights Decreto del Presidente della Repubblica - 15/03/2010, n. 90 - Gazzetta Uff. 18/06/2010, n.140 TESTO VIGENTE EPIGRAFE DECRETO DEL PRESIDENTE

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

IL NUOVO STATUTO DELLA REGIONE CALABRIA

IL NUOVO STATUTO DELLA REGIONE CALABRIA IL NUOVO STATUTO DELLA REGIONE CALABRIA 1. Caratteristiche generali e principi Il nuovo Statuto della Calabria si caratterizza per la sua essenzialità, limitandosi a fissare princìpi rinviando alle leggi

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXVI - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2015 Pubblicato il 15 gennaio 2015 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA CONCORSI E COMMISSIONI DIPARTIMENTO

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1 Senato della Repubblica Costituzione della Repubblica Italiana dicembre 2012 1 A cura del Servizio dei resoconti e della comunicazione istituzionale, Ufficio delle informazioni parlamentari, dell archivio

Dettagli

Ordinamento del personale degli enti locali

Ordinamento del personale degli enti locali Questionario n. 2 Ordinamento del personale degli enti locali 1) Qual è la differenza tra rapporto organico e rapporto di servizio? A) Il rapporto organico non ha natura giuridica, il rapporto di servizio

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Edizione con note INDICE PRINCIPÎ FONDAMENTALI pag. 3 (ARTICOLI 1-12) PARTE I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I - RAPPORTI CIVILI pag. 6 (ARTICOLI 13-28)

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015 CONSULENTI DEL LAVORO: Rag. Gioacchino De Marco Dott. Riccardo Canu Dott. Elena Zanon P.az Roberta Gregoris Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine Via Zanon 16/6 33100 Udine

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA*

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vista la deliberazione dell Assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli