La divisione ereditaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La divisione ereditaria"

Transcript

1 La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa e non traslativa ed effetto retroattivo, ma solo con riguardo alla titolarità dei beni. Nell ordinamento nazionale italiano può essere giudiziale, fatta dal testatore o contrattuale (amichevole). La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti gli aventi diritto (soggetti che partecipano alla comunione). La divisione ha natura dichiarativa e non traslativa ed effetto retroattivo, ma solo con riguardo alla titolarità dei beni e ai rapporti giuridici relativi e non certo ai frutti prodotti medio tempore (cfr. art. 757 cod. civ.). L effetto retroattivo della divisione comporta che l alienazione di un determinato bene fatta da un comunista sia condizionata all assegnazione del bene stesso in sede di divisione. Tuttavia anche la divisione produce effetti traslativi con efficacia dal momento dell atto (ex nunc) qualora a un condividente siano attribuiti beni in misura eccedente la sua quota. A dire il vero in tale ipotesi si è in presenza di veri negozi traslativi e non più di una divisione, per esempio divisione di masse provenienti da titoli diversi ove ogni massa costituisce entità a sé stante (per il regime fiscale vedi infra). È anche possibile una divisione parziale. La divisione ereditaria nell ordinamento nazionale italiano può essere giudiziale, fatta dal testatore o contrattuale (amichevole). Disciplina applicabile La divisione ereditaria è regolata da una duplice normativa: la prima di carattere generale dettata dagli artt cod. civ.; la seconda (cfr. artt. 713 e segg. cod. civ.) per essa specificamente dettata ma applicabile anche alla divisione ordinaria nei limiti di compatibilità (cfr. art cod. civ.). Diritto di chiedere la divisione Ogni coerede ha diritto (si tratta di un diritto potestativo) di chiedere in ogni tempo la divisione del bene comune, salvo diversa pattuizione del testatore (artt. 713 e 1111 cod. civ.). Se l immediato scioglimento della comunione pregiudica l interesse degli altri comunisti, il giudice può stabilire una congrua dilazione, comunque non superiore al quinquennio (art. 1111, comma 1, cod. civ.). È un diritto imprescrittibile, ma può essere sospeso per volontà: a. del testatore che, quando tutti gli eredi istituiti o alcuni di essi siano minorenni, può disporre che la divisione sia sospesa sino a quando sia trascorso un anno dalla maggiore età dell ultimo nato. Il testatore può an- Consulente immobiliare

2 che disporre che la divisione dell eredità o di alcuni beni non abbia luogo prima che sia trascorso dalla sua morte un termine non superiore a cinque anni. La clausola testamentaria di indivisione può essere fatta valere da ciascun coerede anche nei confronti dei legittimari e rappresenta una deroga al divieto ex art. 549 cod. civ. sulla quota di riserva dei legittimari; b. dei condividenti; in particolare, i condividenti possono pattuire (il patto è efficace anche per gli aventi causa) di non sciogliere la divisione per un periodo massimo di 10 anni. Se è pattuito un periodo maggiore, la comunione sorge egualmente, ma la durata è ridotta entro il termine decennale; tuttavia la comunione non sorge se la maggiore durata sia stata la ragione essenziale per costituire la comunione stessa (cfr. art. 1111, comma 2, cod. civ.). Il patto di indivisibilità di un immobile deve essere redatto in forma scritta e deve essere trascritto; c. la sospensione della divisione, di tutti o di alcuni beni comuni, può essere disposta per ordine del giudice, ma per un tempo non eccedente i cinque anni, se l immediato scioglimento può pregiudicare gli interessi dei condividenti (cfr. artt. 717 e 1111, comma 1, cod. civ.); d. sospensione legale ex art. 715 cod. civ. che ricorre quando tra i coeredi vi sono soggetti futuri e incerti (nascituri concepiti e non concepiti, pendenza in giudizio della qualità di figlio legittimo). Partecipazione alla divisione di tutti i condividenti Alla divisione devono obbligatoriamente partecipare: tutti i coeredi ovvero i loro successori a titolo universale o a titolo particolare (legatari), data l evidente incompatibilità tra la proprietà esclusiva attribuita a ogni singolo condividente e un eventuale persistente diritto di comproprietà, su tutti i beni dell originaria comunione ereditaria, in capo ai non partecipanti alla divisione. La mancanza di alcuno degli aventi diritto comporta la nullità del negozio di divisione che non può essere sanato con la successiva adesione dei coeredi assenti. Hanno diritto di intervenire: i creditori (privilegiati, ipotecari o chirografi, anche per crediti non scaduti o sottoposti a condizione sospensiva o risolutiva); gli aventi causa da un partecipante. È tale anche chi abbia acquistato diritti su uno dei beni comuni, chi abbia acquistato i diritti del condomino in sede di futura divisione, chi abbia acquistato pro quota un diritto reale (usufrutto ecc.) sul bene comune; non è avente diritto il locatario dell immobile. È avente causa anche il cessionario del diritto di comunione su una parte materiale della cosa comune (o su alcune soltanto delle cose comuni), nonché l acquirente pro quota di un diritto reale sulla cosa o sulle cose comuni. Non è, invece, avente causa l acquirente dell effetto divisionale che può considerarsi avente causa solo dopo la divisione (cfr. art cod. civ.). I creditori e gli aventi causa da un partecipante possono intervenire nella divisione ma non possono impugnare la divisione già eseguita, salvo abbiano notificato un opposizione anteriormente alla divisione stessa e salvo sempre a essi l esperimento dell azione revocatoria o dell azione surrogatoria. Devono essere chiamati a intervenire, perché la divisione abbia effetto nei loro confronti, i creditori iscritti e coloro che hanno acquistato diritti sull immobile in virtù di atti soggetti a trascrizione e trascritti prima della trascrizione dell atto di divisione o della trascrizione della domanda di divisione giudiziale. La facoltà di intervenire è concessa per evitare che i creditori e gli aventi causa siano danneggiati dall eventuale attribuzione al loro debitore di una quota inferiore a quella spettante. In particolare, la norma dispone che 50 Consulente immobiliare 2009

3 possono intervenire nella divisione a proprie spese, ma non possono impugnare la divisione già eseguita, a meno che abbiano notificato un opposizione prima della divisione stessa. L opposizione non deve essere necessariamente notificata a tutti i condividenti. Nella divisione di immobili, l opposizione deve essere trascritta prima della trascrizione dell atto di divisione (se si tratta di divisione giudiziale, prima della trascrizione della relativa domanda). I creditori iscritti e coloro che hanno acquistato diritti sull immobile, in virtù di atti soggetti a trascrizione e trascritti prima della trascrizione dell atto di divisione (o della trascrizione della domanda di divisione giudiziale) devono essere chiamati a intervenire, diversamente la divisione non è efficace nei loro confronti. A loro tutela non può opporsi alcuna ragione di prelevamento in natura per crediti nascenti dalla comunione, eccetto per i debiti nascenti da titolo anteriore alla comunione stessa ovvero conseguenti a collazione. Condividenti incapaci Se i partecipanti alla comunione sono incapaci: minori di età, interdetti devono, rispettivamente, essere rappresentati dai genitori o dal tutore; inabilitati, minori emancipati devono essere assistiti da un curatore. Nelle anzidette ipotesi i soggetti incapaci possono partecipare alla divisione ma è necessaria l autorizzazione del Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione (la successione si apre nel luogo dell ultimo domicilio del defunto al momento della morte, cfr. art. 456 cod. civ.), sentito il parere del giudice tutelare (cfr. art. 747 cod. proc. civ.). Fasi della divisione Le fasi della divisione dettate dalla legge riguardano la divisione giudiziale ma, se vi è accordo, possono essere applicate anche a quella contrattuale. Tuttavia, solo con riguardo alla divisione ereditaria è possibile applicare la fase della vendita dei beni per il pagamento dei debiti ereditari e la collazione. Stima dei beni Se si dividono beni dello stesso genere non è necessaria la stima. Nelle altre ipotesi la stima dei singoli beni dividendi è premessa indispensabile al fine di formare porzioni di valore corrispondente alla quota. L art. 726, comma 1, cod. civ. stabilisce che si provvede alla stima secondo il valore venale dei beni da dividere. Eventuale vendita beni indivisibili Oggetto della divisione sono i beni facenti parte della massa ereditaria: mobili, immobili ecc. Di norma la divisione è fatta in natura se la cosa può essere comodamente divisa in parti corrispondenti alle quote dei partecipanti. Prima di formare le porzioni può essere accertata la necessità di procedere alla vendita di immobili non divisibili a un terzo ovvero con l attribuzione a un condividente in cambio di una corrispondente somma di danaro da dividere tra i coeredi. Vendita di beni per il pagamento di debiti ereditari Se i coeredi aventi diritto a oltre la metà dell asse ereditario sono d accordo sulla necessità della vendita per il pagamento dei debiti ereditari, si procede alla vendita dei beni ereditari mobili e immobili la cui cessione rechi il minor pregiudizio agli interessi dei condividenti. Se vi è accordo di tutte le parti, la vendita può seguire tra i soli condividenti senza pubblicità, salvo opposizione dei legatari e dei creditori. Collazione La collazione consiste nel conferire alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita dal defunto al fine di evitare una disparità di trattamento tra i coeredi. Consulente immobiliare

4 Il conferimento può essere fatto per imputazione (cioè per equivalente) ovvero in natura restituendo alla massa da dividere lo stesso bene ricevuto. Rendiconto Se durante la gestione dei beni comuni sono sorti rapporti obbligatori tra i partecipanti per eventuali spese sostenute o deterioramenti o miglioramenti apportati alla cosa comune, oppure per i frutti percepiti durante lo stato di divisione, si presenta la necessità di un rendiconto (art. 723 cod. civ.). Formazione delle porzioni Si procede, quindi, alla formazione di tante porzioni quanti sono i condividenti in proporzione delle rispettive quote (art. 726, comma 2, cod. civ.). Possono verificarsi due ipotesi. La prima riguarda la divisione in natura: sulla base di quanto disposto dagli artt e 718 cod. civ., la divisione deve aver luogo in natura se la cosa può essere comodamente divisa in parti corrispondenti alle quote dei partecipanti. Per aversi una comoda divisibilità dell immobile, è necessario che il frazionamento del bene avvenga mediante determinazione di quote in concreto soggette a un autonomo e libero godimento. Tali quote, pertanto, devono formarsi senza comportare problemi tecnici, quali l eccessivo costo rispetto all intero. Inoltre la divisione non deve gravare sull originaria destinazione del bene e non deve causare un deprezzamento del valore delle singole quote, in proporzione al valore dell intero e alla sua normale destinazione e utilizzazione (Corte App. Genova, 29 luglio 2004). La seconda ipotesi riguarda la divisione con conguagli in denaro. L art. 728 cod. civ. prevede, infatti, che l ineguaglianza in natura nelle quote si compensa con un equivalente in denaro. Assegnazione o attribuzione delle porzioni Dispone l art. 729 cod. civ. che l assegnazione delle porzioni uguali è fatta mediante estrazione a sorte. Per le porzioni diseguali si procede mediante attribuzione. Tuttavia, rispetto a beni costituenti frazioni uguali di quote disuguali, si può procedere per estrazione a sorte. Consegna dei documenti Compiuta la divisione, si devono rimettere a ciascuno dei condividenti i documenti relativi ai beni e ai diritti loro assegnati (art. 736 cod. civ.). Impugnazione della divisione La divisione può essere impugnata, oltre che per ragioni inerenti all invalidità di ogni negozio giuridico, con due azioni particolari espressamente previste dal legislatore: annullamento per violenza o dolo e rescissione per lesione. Annullamento per violenza o dolo L art. 761 cod. civ. dispone che la divisione può essere annullata quando è l effetto di violenza o dolo, salvo che l errore cada su presupposti precedenti la divisione, per esempio sul titolo della comunione (in tal caso valgono le regole generali ex art e ss. cod. civ.). L azione si prescrive in cinque anni dal giorno in cui è cessata la violenza o il dolo è stato scoperto. Rescissione per lesione La divisione può essere rescissa, quando taluno dei condividenti prova di essere stato leso oltre il quarto (art. 763, comma 1, cod. civ.). A differenza dell azione generale di rescissione soggetta alla prescrizione di un anno, la rescissione per lesione della divisione si prescrive in due anni dalla divisione. 52 Consulente immobiliare 2009

5 Fattispecie particolari Divisioni di masse plurime SUCCESSIONI E DONAZIONI Di regola, anche se i comunisti sono gli stessi, differenti e autonome sono le comunioni derivanti da titoli diversi e aventi a oggetto beni distinti. Vale a dire comunioni di beni (mobili o immobili) diversi tra gli stessi soggetti in forza di titoli differenti (per esempio compravendita, donazione). Diritti reali costituiti da un comunista sulla propria quota Di massima i diritti reali di godimento (usufrutto, servitù ecc.) e garanzia (ipoteca) costituiti da un coerede sulla propria quota del bene comune colpiscono solo la porzione del bene di cui lo stesso coerede risulti proprietario a seguito della divisione. La natura dichiarativa retroattiva della divisione comporta che, a seguito della divisione, la costituzione di usufrutto o di servitù sulla quota di proprietà del costituente investa, rispettivamente, tutta la porzione assegnata ovvero gravi su di essa sin dal momento della loro costituzione. Se, invece, la divisione viene operata con conguaglio, cioè al comunista è assegnata una porzione maggiore o addirittura tutto il bene, la servitù si estende egualmente su tutto il bene assegnato, mentre l usufrutto e l ipoteca, salvo diversa volontà delle parti, gravano sul bene entro i limiti del valore della quota. Se la cosa comune gravata, pro quota da usufrutto o ipoteca, è venduta a un estraneo, il bene si trasferisce con i pesi che aveva quando era di proprietà comune e, pertanto, con l usufrutto e l ipoteca pro parte. Il regime fiscale Di norma la divisione della comunione è soggetta all imposta proporzionale di registro dell 1% (a condizione che al condividente siano assegnati beni per un valore non eccedente quello a lui spettante) applicata sulla massa comune determinata, nelle comunioni ordinarie, dai beni risultanti dal precedente atto di trasferimento che abbia scontato la relativa imposta (sia essa imposta di registro, IVA o di donazione) (art. 34, commi 1, 2 e 3; art. 3 Tariffa, parte I, T.U. 131/1986). In tutti i casi se il valore dei beni assegnati a un condividente supera quanto gli spetta, l eccedenza è presunta (iure et de iure) vendita, ma l imposta proporzionale è dovuta alle seguenti condizioni e limiti: se il conguaglio (indipendentemente dal suo effettivo versamento e anche se attuato mediante accollo di debiti della comunione) che il condividente deve corrispondere agli altri condividenti supera il 5% del valore della sua quota; solo per la parte eccedente il 5% dei conguagli applicando l aliquota propria prevista per i trasferimenti mobiliari (sino a concorrenza del valore complessivo dei beni mobili e dei crediti compresi nella quota) e con l aliquota stabilita per i trasferimenti immobiliari per l eccedenza. La divisione con attribuzione a ciascun condividente di beni di parti comuni, effettuata a tacitazione dei rispettivi diritti escluso ogni conguaglio fra i condividenti, è soggetta a imposta proporzionale di registro con aliquota dell 1% per la parte di valore dei beni assegnati corrispondente alla quota di diritto spettante ai condividenti sulla massa ereditaria. L eventuale parte eccedente è considerata vendita e qualora l assegnazione divisionale dei beni superi di una percentuale maggiore del 5% il valore della quota di diritto, tale eccedenza è soggetta all imposta proporzionale con l aliquota stabilita per i trasferimenti ex art. 34, comma 2, D.P.R. 131/1986 (Ag. entrate, ris. n. 334 del 16 novembre 2007). Per l ipotesi di divisione di masse plurime (art. 34, comma 4, T.U. 131/1986), ai fini fiscali, le comunioni di beni diversi tra gli stessi soggetti in forza di titoli differenti (per esempio compravendita, donazione) sono considerate come una sola comunione se l ultimo acquisto di quote, sempre tra gli stessi soggetti, deriva da successione mortis causa. Di conseguenza l attribuzione a ciascun condividente della proprietà esclusiva di un bene è soggetta all imposta di registro dell 1% prevista per le divisioni e non a quelle dei trasferimenti mobiliari o immobiliari. Consulente immobiliare

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato.

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato. SUCCESSIONI EREDITARIE 1) Che cos è la successione? La successione è il trasferimento dei beni dal defunto ( de cuius) agli aventi diritto, che possono essere eredi quando c è un legame di parentela o

Dettagli

Avv. Gian Carlo Sessa

Avv. Gian Carlo Sessa S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE LITI SUCCESSORIE: LE CONTROVERSIE TIPICHE E QUELLE ATIPICHE, IN PARTICOLARE SOCIETARIE. (Le principali tipologie di liti tipiche e le liti atipiche ) Avv.

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle successioni ereditarie. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Stima delle successioni ereditarie. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Stima delle successioni ereditarie Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10 Prof. Romano Oss Si ha successione quando uno o più soggetti (successori o aventi causa) subentrano

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO IX PREFAZIONE... PROFILO AUTORI... III VII CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Elisa de Belvis 1. La divisione e lo scioglimento della comunione... 1 2. La collocazione sistematica e l applicabilità

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI

INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI INDICE SOMMARIO LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI TITOLO III Delle successioni testamentarie CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 587. Testamento..................................... 1» 588. Disposizioni a

Dettagli

La Collazione Ereditaria.

La Collazione Ereditaria. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com La collazione è l atto con il quale determinati soggetti, che hanno accettato l eredità conferiscono alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita

Dettagli

OGGETTO: Tassazione delle divisioni contenenti masse plurime - Art. 34 del D.P.R 131/86 Istruzioni operative

OGGETTO: Tassazione delle divisioni contenenti masse plurime - Art. 34 del D.P.R 131/86 Istruzioni operative Direzione Regionale delle Marche Ufficio Fiscalità All Agenzia delle Entrat Ancona, 10 novembre 2008 Agli Uffici locali Loro sedi e, p.c. Agli Uffici interni Settore Accertamento Audit Interno Contenzioso

Dettagli

STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19)

STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19) STIMA PER SUCCESSIONI EREDITARIE (CAP. 19) Appunti di estimo PAROLE CHIAVE De cuius Successione Discendenti Ascendenti Quota disponibile Quota di legittima o di riserva Riunione fittizia e asse ereditario

Dettagli

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: le successioni e le donazioni Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie Avv. Mario Cozza 23 ottobre 2014

Dettagli

Scritto da Administrator Domenica 15 Giugno 2008 10:10 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Giugno 2008 10:40

Scritto da Administrator Domenica 15 Giugno 2008 10:10 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Giugno 2008 10:40 La divisione ereditaria Allorchè più soggetti siano chiamati a succedere al de cuius ed accettino l'eredità, viene ad esistenza uno stato di comunione ereditaria incidentale, cioè occasionata dalla morte

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

GIURISPRUDENZA CRITICA Collana diretta da Paolo Cendon. Valentino Lenoci LA DIVISIONE UTET

GIURISPRUDENZA CRITICA Collana diretta da Paolo Cendon. Valentino Lenoci LA DIVISIONE UTET GIURISPRUDENZA CRITICA Collana diretta da Paolo Cendon Valentino Lenoci LA DIVISIONE UTET INDICE SOMMARIO Capitolo I La comunione di beni pag. l 1.1. Natura e contenuto del diritto di proprieta comune»

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3466 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata COVELLO Modifiche al codice civile

Dettagli

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari)

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari) INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Art. 536 (Legittimari) CAPITOLO I: DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI E LINEE EVOLUTIVE DELLA SUCCESSIONE NECESSARIA 1. Successione necessaria fra tradizione

Dettagli

Collegio dei geometri Della Provincia di Barletta - Andria - Trani. CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTI TECNICI DI UFFICIO Maggio 2014

Collegio dei geometri Della Provincia di Barletta - Andria - Trani. CORSO DI FORMAZIONE PER CONSULENTI TECNICI DI UFFICIO Maggio 2014 Successioni ereditarie: generalità La morte di una persona non comporta lo scioglimento di tutti i vincoli economici e giuridici che esistevano fra il defunto e le altre persone che con lui avevano rapporti.

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Secondo Delle successioni. Titolo IV Della divisione. Capo I Disposizioni generali

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Secondo Delle successioni. Titolo IV Della divisione. Capo I Disposizioni generali Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Secondo Delle successioni Titolo IV Della divisione Capo I Disposizioni generali Art. 713. Facoltà di domandare la divisione. I coeredi possono

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

la Divisione di Francesco Tavano Manuale pratico per dividere l eredità secondo la legge e senza litigare

la Divisione di Francesco Tavano Manuale pratico per dividere l eredità secondo la legge e senza litigare la Divisione dell Eredità di Francesco Tavano Manuale pratico per dividere l eredità secondo la legge e senza litigare L autore è convinto di aver scritto un opera preziosa per tutti coloro che, dopo l

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Page 1 of 10 DIRITTO DI FAMIGLIA - SUCCESSIONI - DONAZIONI 1) Quale dei seguenti beni non rientra nella comunione legale dei beni? A [ ] beni immobili acquistati dopo il matrimonio B [*] beni immobili

Dettagli

LIBRO II DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL'APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA DELAZIONE E DELL'ACQUISTO

LIBRO II DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL'APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA DELAZIONE E DELL'ACQUISTO LIBRO II DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL'APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA DELAZIONE E DELL'ACQUISTO DELL'EREDITÀ Art. 456 (Apertura della successione) La

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

INDICE SOMMARIO TITOLO IV DELLA DIVISIONE. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO TITOLO IV DELLA DIVISIONE. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXVII TITOLO IV DELLA DIVISIONE Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 713. Facoltà di domandare la divisione...

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 941/96 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: Dott. ALESSANDRA BOTTAN PRESIDENTE

Dettagli

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione...

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione... INDICE Prefazione... XIX I LA SUCCESSIONE 1 L apertura delle successioni... 3 1.1 Introduzione... 4 1.2 L apertura della successione... 5 1.3 La dichiarazione di morte presunta... 6 1.4 L acquisto dell

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA LIBRO II - DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I DELL APERTURA DELLA SUCCESSIONE, DELLA DELAZIONE E DELL ACQUISTO DELL EREDITÀ 456. Apertura della successione. La successione

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI 1) LA FORZA DELLA VOLONTÀ TESTAMENTARIA E I LIMITI DEL SISTEMA Autonomia privata e pianificazione successoria Volontà del disponente - Revocabile usque ad

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione.

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. La società fiduciaria, attraverso l ampio novero di soluzioni applicabili, risulta essere uno strumento molto valido al fine di soddisfare le esigenze

Dettagli

ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA

ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA ALCUNI ARTICOLI DEL CODICE CIVILE A cura dell avvocato Nicola Cioffi di Napoli. (Si declina ogni responsabilità per eventuali errori e/o omissioni e/o inesattezze nonché modificazioni intervenute, non

Dettagli

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa edilizia 104 Assegnazione a socio per scioglimento di

Dettagli

LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI

LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI 1. Scopo della riforma Il fondamento della successione necessaria e il conseguente riconoscimento ai legittimari di un intangibile diritto

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E INDICE Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E PRESUPPOSTI SOGGETTIVI DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA 1. Ratio della riforma: garantire la

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni...

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XXIII 357 DIRITTO DELLE PERSONE FISICHE, DEI MINORI ED INCAPACI di ADRIANO PISCHETOLA VI.357.1 Atto di disposizione del proprio corpo relativamente alle tecniche

Dettagli

Capitolo 1 Il rapporto Giuridico

Capitolo 1 Il rapporto Giuridico Capitolo 1 Il rapporto Giuridico 1. Fatti ed atti giuridici;2. Il rapporto giuridico; 3. Categorie di diritti soggettivi; 4. Ulteriori specificazioni relative ai diritti soggettivi; 5. Le cose e i beni;

Dettagli

FORMULE INTRODUTTIVE APERTURA, DELAZIONE, ACQUISTO DI EREDITÀ

FORMULE INTRODUTTIVE APERTURA, DELAZIONE, ACQUISTO DI EREDITÀ INDICE SOMMARIO Premessa...................................................................................... 5 FORMULE INTRODUTTIVE 1. Dichiarazione di successione..........................................................

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... XIII

INDICE. Schemi. Prefazione... XIII INDICE Prefazione... XIII Schemi 1 Divieto di patti successori (art. 458 c.c.)... 3 2 Tutela possessoria dei beni ereditari prima dell accettazione dell eredità (artt. 460, c. 1, c.c.; 703 e 704 c.p.c.)...

Dettagli

Principi di diritto successorio

Principi di diritto successorio Principi di diritto successorio Introduzione Quando una persona muore, alcune situazioni giuridiche ad essa ricollegabili si trasferiscono ad altri soggetti e si parla di c.d. successione mortis causa.

Dettagli

COLLANA I CODICI DEL PROFESSIONISTA. Diretta da R. GAROFOLI

COLLANA I CODICI DEL PROFESSIONISTA. Diretta da R. GAROFOLI COLLANA I CODICI DEL PROFESSIONISTA Diretta da R. GAROFOLI Francesco MACARIO - Giuseppe INFANTINI CODICE DELLE SUCCESSIONI E DONAZIONI ANNOTATO CON DOTTRINA, GIURISPRUDENZA E FORMULE 2015-2016 SOMMARIO

Dettagli

SUCCESSIONI E DIVISIONI EREDITARIE

SUCCESSIONI E DIVISIONI EREDITARIE SUCCESSIONI E DIVISIONI EREDITARIE (ambito disciplinare: estimo legale) Dal latino sub e cedere subentrare ad altro soggetto nei rapporti giuridici (diritti e obblighi). ciò può avvenire 1. PER ATTO TRA

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO CODICE CIVILE - LIBRO SESTO/TITOLO IV TITOLO IV DELLA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 2907 ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE Alla tutela giurisdizionale

Dettagli

Capitolo II Le autorizzazioni alla vendita dei beni ereditari. Capitolo III Le altre autorizzazioni negli atti di amministrazione

Capitolo II Le autorizzazioni alla vendita dei beni ereditari. Capitolo III Le altre autorizzazioni negli atti di amministrazione Capitolo I Il chiamato all eredità (Giuseppe Maiatico)... pag. 1 1. Il patrimonio ereditario prima dell acquisto...» 1 2. Apertura della successione. Vocazione e delazione. Poteri dei chiamati ulteriori»

Dettagli

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI 1. Scopo della riforma In base all attuale testo del codice civile (art. 458) è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone o rinuncia

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro II DELLE SUCCESSIONI

CODICE CIVILE. Libro II DELLE SUCCESSIONI Libro II DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI (1) (1) Per soppressione imposta sulle successioni v. art. 13 l. 18 ottobre 2001, n. 383. CAPO I DELL APERTURA DELLA SUCCESSIONE,

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE Circolare n.9 del 5 Dicembre 2006 Tassazione dei trasferimenti per successione e donazione Novità del DL 3.10.2006 n. 262 convertito nella L. 24.11.2006 n. 286 INDICE 1 Nuova tassazione delle successioni

Dettagli

Allegato 1 -Tabella degli atti soggetti a trascrizione

Allegato 1 -Tabella degli atti soggetti a trascrizione Allegato 1 -Tabella degli atti soggetti a trascrizione Atti tra vivi Atto tra vivi 100 Accordo di mediazione che accerta l'usucapione 168 Affrancazione 101 Anticresi 102 Assegnazione a associato 172 Assegnazione

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti COMPIUTI NELL AMBITO DI PROCEDURE FALLIMENTARI ED I PROVVEDIMENTI DI AGGIUDICAZIONE, ANCHE IN SEDE DI SCIOGLIMENTO DI COMUNIONI; LA TASSAZIONE DEGLI EVENTUALI CONGUAGLI Firenze, 25 marzo 2015 1 IMPOSTA

Dettagli

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Parte I Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Capitolo I Dal divieto di vendita forzata della quota alla riforma del 2005...» 3 1.1. Premessa:

Dettagli

Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità

Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità Le donazioni e gli istituti giuridici a tutela dell eredità Guida alla pianificazione successoria VISION OBIETTIVO Guida alla pianificazione successoria: di cosa parliamo Questo documento ti consentirà

Dettagli

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni www.leggiitaliane.it Accettazione dell eredità atto negoziale unilaterale mediante il quale il chiamato fa propria l eredità che gli è conferita per

Dettagli

Abbandono della disponibile

Abbandono della disponibile A Abbandono della disponibile TESTATORE PRIMO, vedovo, ha nominato erede universale l unico figlio EREDE PRIMO lasciando in legato l usufrutto generale vitalizio su tutti gli immobili ad AMICA PRIMA. Dopo

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

Indice dei quesiti di diritto Civile per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario.

Indice dei quesiti di diritto Civile per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. 1300 La revocazione totale di un testamento può a sua volta essere revocata, tra l'altro: 1301 La revocazione parziale di un testamento può a sua volta essere revocata, tra l'altro: 1302 La revocazione

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

ALESSANDRO NAZARI ENRICO ZECCHINATO GALLO NOTAI ASSOCIATI

ALESSANDRO NAZARI ENRICO ZECCHINATO GALLO NOTAI ASSOCIATI 1 NOZIONE DI SUCCESSIONE Si ha successione quando uno o più soggetti (successori o aventi causa) subentrano a un altro soggetto (autore o dante causa) nella titolarità di diritti o obblighi di carattere

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO L ACCETTAZIONE DELL EREDITÀ IN GENERALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO L ACCETTAZIONE DELL EREDITÀ IN GENERALE INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XV CAPITOLO PRIMO L ACCETTAZIONE DELL EREDITÀ IN GENERALE Guida bibliografica... 3 1. Le diverse forme di accettazione dell eredità... 7 2. L apertura

Dettagli

Indice dei quesiti di diritto Civile per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario.

Indice dei quesiti di diritto Civile per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. 1400 In materia di divisione ereditaria, le norme sulla divisione dell'intero asse si osservano anche nelle suddivisioni tra i componenti di ciascuna stirpe? 1401 Tizio muore attribuendo a titolo di legato

Dettagli

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI.

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. La legge 14 febbraio 2006, n. 55 ha introdotto l istituto del patto di famiglia. Il nuovo istituto

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

TITOLO II COMUNIONI TACITE FAMILIARI IN AGRICOLTURA CAPITOLO I. Generalità

TITOLO II COMUNIONI TACITE FAMILIARI IN AGRICOLTURA CAPITOLO I. Generalità TITOLO II COMUNIONI TACITE FAMILIARI IN AGRICOLTURA CAPITOLO I Generalità 1) NOZIONE DELLA COMUNIONE TACITA FAMILIARE Si ha comunione tacita familiare nell esercizio dell agricoltura, quando più persone

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

Della collazione Del pagamento dei debiti

Della collazione Del pagamento dei debiti Antonio Albanese Della collazione Del pagamento dei debiti GIUFFRE EDITORE Art. 737 ( (Soggetti tenuti alla collazione) 1. Cenni storici 4 2. Collazione e famiglia: fra tradizione e riforme 7 3. Collazione

Dettagli

Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79. Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262

Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79. Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262 Codice civile Gazzetta Ufficiale del 4 aprile 1942, n. 79 Approvato con regio decreto 16 marzo 1942, n. 262 LIBRO SECONDO. Delle successioni - TITOLO PRIMO. Disposizioni generali sulle successioni - CAPO

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

ESAME ABILITAZIONE GEOMETRI - ANNO 2014 Corso praticanti DIRITTO E CONDOMINIO - MAGGIO 2014

ESAME ABILITAZIONE GEOMETRI - ANNO 2014 Corso praticanti DIRITTO E CONDOMINIO - MAGGIO 2014 LA SUCCESSIONE La successione per causa di morte è il passaggio di beni e di diritti da una persona defunta agli aventi diritto. Normalmente, come previsto dal codice civile, l'apertura della successione

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

INDICE. Presentazione... XVII. Quid Iuris. Mortis Causa. Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3

INDICE. Presentazione... XVII. Quid Iuris. Mortis Causa. Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3 INDICE Presentazione... XVII Quid Iuris. Mortis Causa Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3 Quesito n. 2 Ammissibile la cancellazione d ipoteca direttamente col testamento?...5 Quesito

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE I GENERALITÀ CAPITOLO I IL TEMA DI CONCORSO: OSSERVAZIONI DI CARATTERE GENERALE

INDICE SOMMARIO PARTE I GENERALITÀ CAPITOLO I IL TEMA DI CONCORSO: OSSERVAZIONI DI CARATTERE GENERALE XIX Presentazione... Prefazione alla prima edizione... Prefazione alla seconda edizione... Prefazione alla terza edizione... ix xi xv xvii PARTE I GENERALITÀ CAPITOLO I IL TEMA DI CONCORSO: OSSERVAZIONI

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Prof. Raffaele Tuccillo. Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre Pubblicità e diritti reali di garanzia Pubblicità La PUBBLICITÀ è il sistema predisposto dal legislatore per

Dettagli

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c.

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. - In materia di diritto tavolare, lo Studio ha ottenuto l affermazione

Dettagli

d iniziativa dei senatori PASTORE, AMATO, BATTAGLIA, CARRARA, GHIGO, NESSA, SARO, VICARI, IZZO, TANCREDI e FLERES

d iniziativa dei senatori PASTORE, AMATO, BATTAGLIA, CARRARA, GHIGO, NESSA, SARO, VICARI, IZZO, TANCREDI e FLERES Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 357 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PASTORE, AMATO, BATTAGLIA, CARRARA, GHIGO, NESSA, SARO, VICARI, IZZO, TANCREDI e FLERES COSTA, COMUNICATO ALLA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I - Esempi di note

INDICE SOMMARIO. Parte I - Esempi di note INDICE SOMMARIO Parte I - Esempi di note Abbandono del fondo servente.... p. 3 Abbandono della disponibile....» 4 Abbandono liberatorio....» 5 Abitazione....» 6 Accertamento della risoluzione di diritto

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... TOMO PRIMO SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XLV TOMO PRIMO 321 IL CURATORE DELLO SCOMPARSO V.321.1 Ricorso per la nomina di un curatore dello scomparso in mancanza di rappresentante legale o volontario (schema

Dettagli

Diritto Commerciale I. Lezione del 04/11/2015

Diritto Commerciale I. Lezione del 04/11/2015 Diritto Commerciale I Lezione del 04/11/2015 Artt. 2555-2562 c.c. -La definizione codicistica sottolinea il carattere di strumentalità dell azienda, intesa come complesso organizzato di beni, per l esercizio

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL Ottobre 2010 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV2 GUIDA/TRASF/SRL2

Dettagli

APPUNTI IN MATERIA DI SUCCESSIONI UTILI PER IL MEDIATORE CIVILE

APPUNTI IN MATERIA DI SUCCESSIONI UTILI PER IL MEDIATORE CIVILE APPUNTI IN MATERIA DI SUCCESSIONI UTILI PER IL MEDIATORE CIVILE Art. 5 D.lgs. 4 marzo 2010 n. 28 Chi intende esercitare in giudizio un azione relativa ad una controversia in material di succession ereditarie

Dettagli

APPUNTI IN MATERIA DI SUCCESSIONI UTILI PER IL MEDIATORE CIVILE

APPUNTI IN MATERIA DI SUCCESSIONI UTILI PER IL MEDIATORE CIVILE APPUNTI IN MATERIA DI SUCCESSIONI UTILI PER IL MEDIATORE CIVILE Art. 5 D.lgs. 4 marzo 2010 n. 28 Chi intende esercitare in giudizio un azione relativa ad una controversia in material di succession ereditarie

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG 20.12.2002) (Pubblicato nel supplemento straordinario alla G.U. - 4^ s.s. del 28.03.2003)

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA QUOTA INDIVISA DEL BENE IN COMUNIONE EREDITARIA: DUE POSIZIONI A CONFRONTO CAPITOLO I

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA QUOTA INDIVISA DEL BENE IN COMUNIONE EREDITARIA: DUE POSIZIONI A CONFRONTO CAPITOLO I INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA QUOTA INDIVISA DEL BENE IN COMUNIONE EREDITARIA: DUE POSIZIONI A CONFRONTO CAPITOLO I INQUADRAMENTO DEL PROBLEMA 1. Introduzione... pag. 3 2. Il

Dettagli

Codice Civile: Disposizioni di Attuazione (artt. 61-72)

Codice Civile: Disposizioni di Attuazione (artt. 61-72) Codice Civile: Disposizioni di Attuazione (artt. 61-72) Sezione III Disposizioni relative al libro III Art. 61 Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzione di piano a proprietari

Dettagli

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 Le lezioni si svolgono al mercoledì (dalle 11 alle 12,30) ed il venerdì (dalle 11 alle 12,30). In questo anno accademico,

Dettagli

LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI...

LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI... INDICE LA SUCCESSIONE PER CAUSA DI MORTE... 6 NOZIONE E FONDAMENTO... 6 RAPPORTI, DIRITTI ECC. CHE SONO OGGETTO DI SUCCESSIONE... 6 TERMINI... 6 EREDITÀ E LEGATO... 7 NOZIONE DI EREDITÀ E LEGATO... 7 RILEVANZA

Dettagli

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG 20.12.2002) (Pubblicato nel supplemento straordinario alla G.U. - 4^ s.s. del 28.03.2003)

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO PER IL RISCATTO DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE E DELLA RELATIVA MAGGIORAZIONE IN CASO DI PREMORIENZA DEL PARTECIPANTE ATTIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO PER IL RISCATTO DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE E DELLA RELATIVA MAGGIORAZIONE IN CASO DI PREMORIENZA DEL PARTECIPANTE ATTIVO FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELL EX GRUPPO BANCA POPOLARE DI NOVARA GRUPPO BANCO POPOLARE Sede in Novara - Via Negroni, 12-28100 NOVARA Codice Fiscale: 80003420033 Iscrizione all'albo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANTONIO PEPE, CILLUFFO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANTONIO PEPE, CILLUFFO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4809 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ANTONIO PEPE, CILLUFFO Modifiche agli articoli 561 e 563 del codice civile, nonché disposizione

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale (fac-simile predisposto dal consiglio nazionale forense)... 3 2. Dichiarazione

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli