LA TRENOVIA TRIESTE - OPICINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TRENOVIA TRIESTE - OPICINA"

Transcript

1 LA TRENOVIA TRIESTE - OPICINA La storia Il 9 settembre 1902 alle 9:10 è stata inaugurata ed il giorno successivo ha iniziato il servizio pubblico la linea tranviaria TRIESTE - OPICINA da PIAZZA CASERMA (ora PIAZZA OBERDAN) ad OPICINA (capolinea attuale). La stessa nel tratto più ripido (PIAZZA SCORCOLA - VETTA SCORCOLA) si avvaleva, per superarlo, di un impianto a cremagliera (profilo STRUB) con due vagoncini di spinta. Questi vagoncini del peso di 10,6 tonnellate montavano due motori da 100 CV ciascuno ed erano alimentati a 550 Vdc (uno di questi si trova attualmente nella rimessa della linea tranviaria della funivia del RENON a BOLZANO). Negli anni che seguono l inaugurazione del tram, anche il borgo di OPICINA, come la città di TRIESTE, attraversa una fase di grande trasformazione; il tranquillo villaggio carsico, che per secoli ha vissuto d agricoltura, si apre a nuove prospettive. Si costruiscono altri alberghi e ristoranti, oltre al già noto e ben pubblicizzato OBELISCO; la località si propone al turismo internazionale: la scoprono addirittura i giornali austriaci, l "UNSER HAUSARTZ" e la "WIENER HAUSFRAUEN ZEITUN". I maggiorenti triestini costruiscono ville e villini per far passare qui i mesi estivi alle famiglie, sottraendole alla canicola della città, vista la 1

2 comodità, per gli uomini d affari, di spostarsi velocemente in centro proprio grazie al tram. Per invogliare i forestieri e per favorire i commerci, LA SOCIETÀ DELLE PICCOLE FERROVIE attiva nel 1906 il prolungamento fino alla stazione ferroviaria (ma fin dall inizio l ingegner EIRINER, ideatore della linea, aveva il sogno di una linea più estesa: verso SESANA ed oltre). La prima guerra mondiale viene a sconvolgere però la storia di queste terre e la vita della gente. Nel terribile periodo anche il tram sentirà le conseguenze della tragedia che si consuma così vicino alle sue rotaie: alcune delle sue carrozze sono trasformate e attrezzate per il trasporto dei soldati feriti all'ospedale militare. Con la pace, lentamente il tram si rimette sui giusti binari, ma la vita non è più quella di prima. La crisi economica degli anni '20 si fa sentire, i passeggeri diminuiscono, la linea ha bisogno di manutenzioni, le carrozze dimostrano tutta la loro età. La cremagliera ben presto si dimostrò inadeguata alle mutate esigenze di trasporto, fu così che nel 1928 la "dentata" fu sostituita da un impianto a fune e due carri di spinta posti alle due estremità della fune lunga 799 m (+ 150 m ca. in sala argano per il paranco a quattro rinvii). 2

3 L'impianto così concepito, pur avendo subito un radicale ammodernamento nel 1984, è ancora oggi in uso con il tracciato originale del Il 26 aprile 1928, dopo sei mesi di lavori per il rinnovamento dell impianto, riprende il servizio tranviario con la tratta più acclive che viene superata servendosi di un impianto a funicolare ritenuto più adatto in quanto permette di aumentare le capacità di trasporto e la velocità. Fra il 1935 e il 1936 la Società decide di investire anche nel comfort del passeggero: entrano in servizio cinque nuove motrici STANA-TIBB a carrelli, più ampie, con sedili più comodi e una buona illuminazione che permette ai viaggiatori di leggere anche durante le corse serali. Il rinnovamento prosegue anche quando ormai altri venti di guerra stanno spirando: nel 1942 entrano in servizio altre 2 motrici a carrelli (ma, essendo ormai in pieno periodo autarchico, sono meno lussuosamente attrezzate). Durante il conflitto anche il tram viene coinvolto nelle tragiche vicende che insanguinano il mondo: nel 1944 la carrozza 407, che durante l ultima corsa trasporta solo militari tedeschi, subisce un attentato. Pur riportando notevoli danni al telaio viene raddrizzata e riparata negli allestimenti, tanto che è in grado di riprendere il servizio in poco tempo. Negli anni dell immediato dopoguerra per LA SOCIETÀ DELLE PICCOLE FERROVIE i tempi sembrano migliorare: sull altipiano ci sono molte caserme del overno Militare Alleato e naturalmente i soldati usano il tram per raggiungere il centro; sempre il MA fa costruire nuovi insediamenti abitativi per i suoi funzionari a COLONA ed a VILLA IULIA, zone che si trovano vicine al percorso della trenovia. 3

4 Con gli anni Sessanta si profila il primo di alcuni cambi di gestione. Il 28 ottobre 1961 c è il passaggio di gestione al COMUNE DI TRIESTE (III Ripartizione - Servizio comunale trenovia); Il 1 giugno 1970 subentra l ACEAT (AZIENDA COMUNALE ELETTRICITÀ AS ACQUA E TRANVIE); Il 1 marzo 1976 subentra l ACT (AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI), divisasi dall ACEAT. L ACT intraprende un ampia ristrutturazione della linea con l'installazione di una nuova cabina di manovra (la parte meccanica è stata costruita dalla ditta LEITNER di VIPITENO e la parte elettrica/elettronica da parte della società BMB di VICENZA e EA - ELECTRONIK APARATEBAU ERMANI) e la messa in servizio di due carri-scudo nuovi in metallo (i precedenti erano in legno), costruiti dalla CHINETTI di VARESE su meccanica BELL (CH): il servizio rimarrà sospeso per il risanamento dell impianto (che comprendeva il rinnovamento della sede della funicolare e la sostituzione dei due carri-scudo originali) dal 1 luglio 1976 al 6 marzo Negli anni Ottanta un altro ammodernamento dell impianto viene imposto dalle nuove normative ministeriali per gli impianti a fune, con l istallazione di un sistema automatico di funzionamento e controllo: il servizio viene sospeso dal 1 maggio 1983 al 14 giugno Nel 1992, in occasione dei 90 anni della trenovia, viene rimessa a nuovo la motrice storica n 1 su iniziativa volontaria del personale. Il 1 gennaio 2001 la gestione passa a TRIESTE TRASPORTI S.P.A che in collaborazione ad ACT, proprietaria di entrambe le vetture storiche intraprende nel 2002, in occasione dei festeggiamenti del centenario della tranvia, il restauro della vettura storica n 6, l unica ancora rimasta originale (tranne la n 1 già restaurata) e dunque ultima testimone di quel lontano 9 settembre La vettura n 6 (circa 1 metro più lunga della n 1, infatti ha otto finestrini contro i sette della gemella) era ferma all aperto, dal 1984, e 4

5 posta su un binario morto del MUSEO FERROVIARIO DI TRIESTE di CAMPO MARZIO e pertanto richiedeva un radicale intervento sia nella parte meccanica che nella carrozzeria. L intento è di renderla perfettamente funzionante nel più breve tempo possibile, per poterla utilizzare in coppia con l altra motrice magari per delle corse speciali collegate a iniziative culturali, artistiche o turistiche. Dei lavori si occupa l OFFICINA NAVALE QUAIAT, specializzata in questo tipo di interventi. Contribuiscono finanziariamente al restauro la TRIESTE TRASPORTI S.P.A., l AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI, la FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI TRIESTE e in quota parte l OFFICINA NAVALE QUAIAT. Nel 2002 TRIESTE TRASPORTI ha rinnovato inoltre i due scambi di CAMPO ROMANO e lo scambio di BANNE e si appresta a rinnovare tutto il materiale d armamento del QUADRIVIO DI OPICINA. Il COMUNE DI TRIESTE ha spostato la parte di binario tra PIAZZA DALMAZIA e VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ in modo da allargare lo spazio per il traffico veicolare e, allo stesso tempo, disimpegnare la corsa del tram dal traffico proveniente da VIA FILZI, migliorando i tempi di percorrenza del tram. In occasione del centenario della linea l'attuale società esercente sta esperendo una gara per la fornitura di due nuovi carri-scudo in sostituzione di quelli in uso. 5

6 Le vetture storiche Il parco macchine inizialmente era composto da otto vetture ad assi, chiamate "UNION", costruite nel 1901 per la parte elettrica dalla fabbrica "OESTERREICHISCHE UNION ELEKTRICITÁTS ESELISCHAFT" di VIENNA e per la parte meccanica dalla "WEITZER WAON FABRIK' di RAZ. Erano numerate dal n 1 al n 8 e rimasero in servizio fino al 1935 quando furono sostituite con le vetture "STANA'. Delle otto vetture di allora ne rimangono soltanto due: la n 1 e la n _6; tali vetture, nel 1935 furono rinumerate n 111 e n 112 (le altre sono state demolite) e poi il 28 ottobre 1961 rispettivamente n 411 e n _412. Dal 1935 fino al 1992 sono state adibite rispettivamente a carro officina per la manutenzione del binario e della linea di contatto (411) e come contrappeso per la funicolare (412). Durante tutta la RANDE UERRA ( ) una vettura "UNION", di cui non è nota la matricola, fu adattata a tram soccorso ed attrezzata con barelle atte al trasporto dei feriti dall'altopiano carsico all'ospedale MAIORE posto in centro a TRIESTE. La vettura ad assi n 411 in occasione della ricorrenza dei 90 anni della trenovia TRIESTE 6

7 OPICINA, nel 1992, è stata totalmente restaurata rendendola fruibile al pubblico per servizi riservati (matrimoni, commemorazioni, turismo, ecc.). Resa nuovamente marciante, la stessa 411 è stata rinumerata con lo "storico" n 1. Questo tram, volutamente mantenuto con le apparecchiature e gli allestimenti del 1902, tranne alcuni particolari forzatamente più moderni (sedili dei passeggeri, piattaforme di guida chiuse, due porte di accesso, illuminazione interna/esterna e pantografo), è ora la vettura tranviaria più "anziana" ancora marciante in Italia. 7

8 Il parco attuale L'attuale parco è composto da sei vetture a carrelli, costruite dalle OFFICINE MECCANICHE "LA STANA" di PADOVA per la parte carrozzeria, dalle "OFFICINE BRILL" di PARII per i carrelli e dalla "T.I.B.B." (TECNOMASIO ITALIANO BROWN BOVERI) di MILANO per l'equipaggiamento elettrico. Dette vetture furono consegnate in due periodi distinti: le vetture numerate dal n 101 al n 105 furono consegnate nel 1935, le vetture numerate dal n 106 al n 107 furono costruite durante il periodo autarchico e sono state consegnate nel 1942, quando era in corso la SECONDA UERRA MONDIALE. Del parco macchine iniziale manca la vettura n 403 (allora n 103) radiata a seguito dell'incidente del 28 novembre 1975 (vedi descrizione più avanti). La vettura n 405 attualmente in revisione generale, verrà equipaggiata con un sistema di azionamento a "chopper" costruito dall'ansaldo TRASPORTI di NAPOLI. Detta vettura sarà la prima delle sei in dotazione a ripristinare il recupero di energia elettrica in fase di discesa (come avveniva dal 1902 fino all'aprile del 1928); attualmente il sistema di regolazione di tipo reostatico non prevede alcun tipo di recupero di energia elettrica. Il 28 ottobre 1961, allo scadere della concessione della "SOCIETÀ ANONIMA PICCOLE FERROVIE", il subentrante COMUNE DI TRIESTE rinumerò il parco macchine sostituendo il numero iniziale "1" con il numero "4". La gestione della linea rimase al COMUNE DI TRIESTE fino a tutto il 1970 anno in cui la stessa passò all'aceat, la quale come primo impegno di spesa sostituì tutti i pali di sostegno della linea di contatto, fino ad allora in legno, con pali in acciaio. 8

9 Un'altra particolarità che distinse la gestione della linea da parte dell'aceat dalle amministrazioni precedenti, fu quella di applicare sull'imperiale di tutte le vetture, in prossimità delle piattaforme di guida, gli indicatori di linea n 2 (prima la linea tramviaria non aveva nessuna numerazione), ricalcando la fattura degli indicatori di linea che facevano già bella mostra di se su tutti i tram che viaggiavano sulla rete urbana della città. Dal 1977 e fino al 31 dicembre 2000 la linea è stata gestita dall'act (AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI - TRIESTE) mentre dal 1 gennaio 2001 la linea è gestita dall'attuale concessionaria del servizio pubblico di trasporto, vale a dire la società TRIESTE TRASPORTI S.P.A. Le vetture 406 e 407 si differenziano dalle altre per alcune caratteristiche: Le panche interne sono costruite a doghe di legno, mentre le altre vetture hanno le panche realizzate in un unico pezzo ricoperto in sky di colore rosso o verde. I controller in origine (ora non più in quanto le manutenzioni succedutesi hanno "rimescolato" la disposizione sulle vetture marcianti) erano costruiti con materiali più poveri: ghisa e cartone isolante, contro il bronzo e la seta impregnata delle precedenti. I finestrini esterni sono squadrati mentre sulle altre vetture sono arrotondati. Le due vetture non hanno le prese d'aria sopra ogni finestrino. 9

10 Tutte le vetture sono dotate di un respingente di traino: questo serviva fino agli anni 60, nelle prime ore dei mattino (il servizio allora iniziava alle 4.00), ad agganciarvi un carro da trasporto a quattro ruote (dimensioni approssimative: 2.5 x 2.0 m) adibito al trasferimento dall'altopiano carsico alla città di TRIESTE dei prodotti agricoli e in senso inverso delle merci necessarie alle popolazioni limitrofe. Ora questo respingente si limita al traino, fuori servizio, di rotaie poste su un carro pianale, della fune traente fino alla cabina di manovra della funicolare (VETTA SCORCOLA) o l'eventuale traino di un tram guasto. Purtroppo nei decenni di servizio si sono verificati anche degli incidenti. La vettura n 403, a seguito di un gravissimo incidente (non quello della famosa canzone, accaduto ben prima, quando sull impianto vi era ancora la cremagliera) avvenuto nella mattinata del 28 novembre 1975 in discesa all'imbocco dei rettilineo di CONCONELLO quando a causa perdita di aderenza e conseguente aumento vertiginoso della velocità deragliò impattando contro un muro di contenimento, fu radiata e successivamente demolita. La vettura tramviaria n 407, intorno al 1944, in prossimità della curva di CONCONELLO, subì un attentato saltando su una mina posta sul binario. Pur riportando notevoli danni al telaio (in prossimità della parte centrale) fu raddrizzata e riparata negli allestimenti, consentendole così di riprendere il servizio di linea entro poco tempo. 10

11 Le caratteristiche della linea Il binario è armato nel seguente modo: Lo scartamento è di 1000 mm Il tratto in aderenza cittadino (PIAZZA OBERDAN - PIAZZA SCORCOLA) è armato con rotaie a gola profilo "HC' e "IC" da 49 kg/m ca. montate su traversine in legno. Il tracciato di 799 m della funicolare è armato con rotaia a fungo da 27 kg/m e traversine in ferro dotate al centro di rulli guidafune in ghisa (ca. 730 pz. diritti e 50 pz. inclinati). Il resto del tracciato (tranne che per brevi tratti di attraversamento stradale, mantenuti con rotaia a gola) è realizzato con rotaie a fungo da 36 kg/m e traversine in legno di rovere. Attualmente si stanno gradualmente sostituendo tutti gli scambi ed alcuni tratti di binario unificando l'armamento a 50 kg/m. La pendenza media è del 5% mentre nel tratto a fune è dei 26%. I raggi di curva vanno da un minimo di 25 m (PIAZZA DALMAZIA) fino a 200 m. La sopraelevazione è 0/+100 mm massimo. La tratta di circa 250 m che si trova nel tratto cittadino nella zona di PIAZZA DALMAZIA è stata appena rifatta. E' stato totalmente sostituito l'armamento dotando lo stesso di particolari accorgimenti tecnici atti a limitare le vibrazioni e la rumorosità al transito delle vetture tranviarie. 11

12 L alimentazione La linea di contatto in rame con sezione da 100 mmq è interamente sostenuta da pali e mensole in acciaio. La poligonazione è +/- 200 mm. La tensione di alimentazione attuale di 600 Vdc è garantita da una stazione di conversione 10/0.6 kv con due gruppi IRCI - SECOWEST statici da 1800 A ciascuno. Detta stazione realizzata nel 1985 in sede di ammodernamento della linea, si trova a circa metà tracciato in prossimità della cabina di manovra della funicolare (VETTA SCORCOLA). In precedenza la tensione di alimentazione era erogata da una cabina di conversione a due permutatori a vapori di mercurio sita in un edificio dell'azienda dell'elettricità di VIA STOPPANI (zona periferica della città). Da quel sito partivano tre cavi interrati corazzati (due positivi ed uno negativo) che percorrendo un tracciato ancor oggi non del tutto noto - comunque ora disalimentato - attraversavano il centro abitato ed una zona boschiva (il parco di VILLA IULIA) ed arrivavano alla stazione a monte della funicolare. Qui per mezzo di sezionatori veniva distribuita l'energia alla linea di contatto ed agli alimentatori di parallelo. In precedenza ancora (dal 1902 e fino al momento della trasformazione della cremagliera in impianto a fune) l'alimentazione era realizzata da un gruppo di conversione composto da un motore trifase (2_kv/42 Hz) accoppiato ad una dinamo ( v) della potenza di 200_kw. Il gruppo ricaricava 260 accumulatori al ferro nichel della capacità ciascuno di 200 Ah. 12

13 Detto sistema, funzionante alla tensione nominale di 550 v aveva due peculiarità: l'alimentazione era sempre garantita e costante; i motori a corrente continua delle vetture (tram e vagoncini di spinta), portati in rotazione durante la discesa in funzione di generatori, ricaricavano le batterie. L'ubicazione della cabina di trasformazione si trovava in prossimità della fermata di Romagna della funicolare e fungeva anche da ricovero dei vagoncini di spinta fuori servizio. Con la trasformazione della cremagliera in impianto a fune questo sistema fu abbandonato e l'edificio demolito. La captazione dell'energia elettrica sulle vetture "UNION' avveniva attraverso un trolley; con la messa in servizio delle vetture a carrelli il trolley fu abbandonato per far posto al più moderno ed ancora attuale pantografo. 13

14 L esercizio La linea tranviaria nel 1906 fu prolungata dall'attuale capolinea di Opicina alla vicina stazione ferroviaria. Il tratto di linea, prolungato di m (totali m), che correva in discesa lungo la VIA NAZIONALE per poi girare a sinistra per la VIA DI PROSECCO fino a raggiungere la stazione dei treni, fu mantenuto in servizio fino al 1936, per poi essere smantellato riportando la linea tranviaria al suo tracciato originale di m da capolinea a capolinea. In sede di progetto, il tracciato, sempre a binario unico e 7 punti di incrocio intermedi a doppio binario, prevedeva 5 tram in servizio e dei punti di incrocio ben precisi (molti di più di quelli previsti oggi). Nello specifico i punti di incrocio che allora esistevano ed ora non sono più possibili in quanto non è più presente l'armamento del binario erano: 1) Piazza Scorcola 2) Vetta Scorcola Con il mutare delle esigenze di trasporto e l'ammodernamento dei materiale rotabile e dell'impianto fisso il tempo di percorrenza da capolinea a capolinea è diminuito dagli allora 40' (vetture a due assi) agli attuali 28' (vetture a carrelli), le vetture in servizio di linea sono state ridotte a tre con un unico punto di incrocio previsto alla fermata di CONCONELLO. 14

15 FERMATE CODICE FERMATA DISTANZA PRORESSIVA DISTANZA FERMATA ALTEZZA s.l.m. PIAZZA OBERDAN ,270 0 PIAZZA SCORCOLA ,540 4 SANT'ANASTASIO ,400 3 ROMANA ,550 2 VETTA SCORCOLA ,500 3 COLONA (CAMPO SPORTIVO) ,000 2 COLONA (CHIESA) ,400 2 CONCONELLO ,370 2 BANNE ,200 4 OBELISCO ,300 3 CAMPO ROMANO ,200 1 VIA NAZIONALE ,600 1 OPICINA ,800 1 TEMPO 15

16 La funicolare La linea tranviaria TRIESTE - OPICINA collega il centro della città dal capolinea sito nella centrale PIAZZA OBERDAN, con la frazione di VILLA OPICINA, con un percorso di 5175 metri. Buona parte del tracciato viene percorso in aderenza naturale, eccezion fatta per il tratto compreso fra PIAZZA SCORCOLA e VETTA SCORCOLA, ove la pendenza è tale che si dovette ricorrere all'ausilio di una cremagliera prima e di una funicolare terrestre in seguito. La cremagliera rimase in opera per un lungo periodo, fino a quando la SOCIETÀ ANONIMA PICCOLE FERROVIE di TRIESTE, nell'interesse di migliorare la potenzialità della tranvia, ravvisò di trasformarla in funicolare. Il progetto, redatto dalla ditta svizzera BELL, fu sottoposto alla REALE COMMISSIONE PER LE FUNICOLARI AEREE E TERRESTRI che emise il suo voto favorevole, presa anche conoscenza del voto n. 875 del 16 aprile 1926 del CONSILIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI e preso atto del rapporto n. 2717/205 del 15 maggio 1927 del CIRCOLO FERROVIARIO DI ISPEZIONE DI TRIESTE. Il voto della commissione fu trasmesso dal MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, ISPETTORATO ENERALE DELLE FERROVIE, TRANVIE ED AUTOMOBILI, con lettera prot del 9 luglio 1927, CIRCOLO FERROVIARIO DI ISPEZIONE DI TRIESTE. La trasformazione fu attuata ed il tratto di funicolare fu inaugurato il 26 aprile L'impianto ha funzionato, senza sostanziali modifiche, fino al 30 giugno 1976, per riprendere l'esercizio, dopo l'esecuzione dei lavori, il 6 marzo1978. Fra i lavori di ammodernamento attuati negli anni '70 fu anche effettuata la costruzione di entrambi i carri-scudo, costruiti ancora dalla svizzera BELL. 16

17 L'impianto attuale Trattasi di un impianto funicolare la cui stazione motrice è ubicata a monte ed il cui argano muove una fune traente alle cui estremità sono fissati, a mezzo testa fusa, due carri-scudo. Su detti carri, di cui all'inizio della corsa uno si trova a valle, a PIAZZA SCORCOLA, e l'altro a monte, a VETTA SCORCOLA, vengono ad appoggiarsi le vetture tranviarie rispettivamente provenienti dal capolinea di PIAZZA OBERDAN e da OPICINA. In PIAZZA SCORCOLA, attraverso uno scambio, assistito da un motore elettrico, la vettura tranviaria si inserisce sul binario della funicolare a monte del carro, poi, con manovra di retromarcia, dopo che lo scambio è stato riposizionato in maniera opportuna, si appoggia al carro-scudo. A VETTA SCORCOLA l'altra vettura invece si appoggia direttamente sul carro in stazionamento. Inizia così il viaggio, dopo che entrambi i carrellisti hanno dato il consenso alla marcia. Sono previste due fermate intermedie denominate SANT'ANASTASIO, quella più a valle, e ROMANA quella più a monte. In corrispondenza di dette fermate, leggermente più a valle di ciascuna, vi sono degli incroci con strade comunali. La via di corsa è ad unico binario, procedendo da valle verso monte, per circa 345 metri, per poi divenire a doppio binario; Come detto i due carri-scudo sono solidalmente collegati fra loro dalla fune traente, in modo che all'inizio ed alla fine di ciascuna corsa un carroscudo si trovi in corrispondenza della stazione a monte e l'altro nella stazione a valle. 17

18 Il movimento dei convogli, alternato a va e vieni, è trasmesso dalla sola fune traente messa in tiro dalla puleggia motrice, a quattro gole, facente parte dell'argano. Tra motore ed argano è interposto un gruppo riduttore (ancora quello originale del 1927) a n 1 riduzione interna realizzato con ruote dentate a denti inclinati contrapposti, tipo "CHEVRONS" (ß = 30 ) in bagno d'olio, posto immediatamente a valle del giunto elastico di accoppiamento con il motore, su cui e' calettato il disco del freno di servizio. In uscita, sull'albero mosso o lento, è calettato un pignone a denti diritti, bloccato con un'apposita chiavetta, che ingrana una corona, realizzata a settori, fissata alla puleggia motrice (diametro esterno = mm 4440) mediante bulloni. Tutti gli alberi sono supportati unicamente da cuscinetti a strisciamento, montati sia sui fianchi della scatola del riduttore stesso, sia su un proprio supporto, per l'estremità dell'albero mosso dove e' presente il pignone. La lubrificazione del gruppo riduttore è ottenuta mediante un bagno d'olio mentre l'accoppiamento pignone-corona dentata, è costantemente ingrassato da un grasso particolarmente denso, tipo "VISCOLITE". Il ciclo di funzionamento prevede l'inversione di marcia ogni qualvolta si completi la corsa della funicolare (attualmente l'esercizio prevede circa 8' - 10' di corsa dell'impianto e circa 12' - 14' di sosta). 18

19 CARATTERISTICHE DELL'IMPIANTO Lunghezza orizzontale m 782,45 Dislivello m 158,69 Lunghezza sviluppata m 799,77 Pendenza media della linea % 20,28 Pendenza massima della linea % 26,73 Pendenza minima della linea % 5,37 Quota della stazione a valle m 18,54 Quota della stazione a monte m 177,23 Carri in linea n 2 Massa di un carro kg Vetture in linea n 2 Massa di una vettura vuota kg Massa di una vettura carica kg Velocità dell'impianto m/s 2,5 Potenza motore elettrico kw 150 Tipo fune traente W/SEALE Diametro fune mm 42 Trefoli n 6 Fili n 186 Formazione 6(1+6+6/6+12) + PPC EOMETRIA DEL RIDUTTORE Interasse albero veloce (ingresso lato motore) ed Albero lento (uscita lato puleggia) cm 80,3 CARATTERISTICHE DEL MOTORE Potenza continuativa kw 150 Potenza di spunto (100% potenza continua) kw 300 iri motore giri/sec CARATTERISTICHE DENTATURE ESISTENTI Ingranaggi a denti diritti (all'uscita dell'albero lento e sull'argano principale): Larghezza dente mm 259 Modulo 29 Denti corona puleggia motrice n 150 Denti pignone n 22 Ingranaggi a denti inclinati (sul riduttore): Inclinazione ß 30 Denti su ruota veloce n 22 Denti su ruota lenta n

20 E dopo il centenario? li sviluppi futuri I progetti futuri di TRIESTETRASPORTI per la trenovia TRIESTE - OPICINA sono di due tipi: interventi tesi ad opere di adeguamento tecnico alla normativa degli impianti a fune oppure resi necessari dall obsolescenza degli impianti; interventi tesi al miglioramento delle prestazioni, del comfort e dell efficienza oggi richiesti a un servizio pubblico. Per quanto riguarda i primi, è prevista per l anno 2004 la revisione ventennale dell impianto a fune: in quell occasione si conta di sostituire due pulegge di rinvio poste nella sala macchine, il gruppo di riduzione (datato 1927, anno di passaggio dal sistema a cremagliera a quello funicolare) e il sistema di supervisione della sicurezza e di gestione della potenza elettrica che è asservita al motore dell argano. Per i secondi è in fase di avanzata installazione sulla vettura n che peraltro è stata sottoposta a un integrale recupero strutturale - un impianto a "chopper" che oltre a garantire maggior sicurezza nell esercizio (verranno molto diminuiti gli episodi di perdita di aderenza sul binario e verrà eliminata la presenza di tensione a 600 V sugli utilizzatori posti all interno della vettura) comporta un risparmio energetico dell ordine del 50% dell energia attualmente spesa per il funzionamento del tram sul tratto ad aderenza naturale. 20

21 Si ipotizza che, a sperimentazione con riscontro positivo avvenuto sulla vettura 405, le altre cinque vetture possano essere sottoposte alla medesima trasformazione. Altro progetto, quest ultimo in fase di avanzata attuazione (è già stata esperita una gara per l assegnazione della fornitura e posa in opera del manufatto), è quello che prevede di sostituire gli attuali carri-scudo (in esercizio dal 1974) con altri che, pur svolgendo funzioni analoghe non abbisognano della presenza di operatori a bordo. Le incombenze attualmente loro affidate sarebbero trasferite, attraverso opportuni dispositivi ad affidabilità 100%, ai manovratori tranviari, con un risparmio di almeno quattro posizioni di lavoro. Verrebbe inoltre modificato il sistema di aggancio della fune ai carrelli, eliminando il dispositivo a testa fusa e adottando il più flessibile sistema a tamburello, con conseguente abbattimento degli oneri di manutenzione per tempi di sostituzione e accorciamento fune. dott. ing. RAFFAELE NOBILE 21

22 Bibliografia TRAMWAY TRIESTE - OPICINA edito da TEATRO STUDIOIALLO (Nel volume, oltre che fatti di cronaca riferiti all'impianto, si possono ricavare notizie tecniche, foto d'archivio, disegni, nonché una nutrita biografia sull'argomento, notizie storiche ed anche recenti sui sistemi di trazione (a cremagliera fino al 1926 e successivamente a fune fino ai nostri giorni) utilizzati negli anni sulla tratta TRIESTE-OPICINA) LA CARROZZA DI TUTTI da "IL PICCOLO ILLUSTRATO" allegato al quotidiano di Trieste ( ) I TRASPORTI A TRIESTE DALLA SOCIETÀ TRIESTINA TRANVAY ALL A.C.T. - DEL BIANCO EDITORE (1981) I PRIMI CENT ANNI DEL TRAM - Atti del convegno tenutosi a Trieste il 9 settembre 2002 Si segnalano qui di seguito alcuni siti internet da cui possono essere ricavate altre notizie o foto interessanti i trasporti in generale e quelli triestini in particolare: Si ringraziano per la collaborazione nella ricerca delle notizie storiche il p.i. FABIO FACCHETTIN, capo servizio dell impianto a fune ed il p.i. PAOLO BUZZI, capo deposito del deposito tranviario di OPICINA 22

In questo lavoro si vogliono dare le motivazioni di una

In questo lavoro si vogliono dare le motivazioni di una Vettura tranviaria della linea Trieste-Opicina Il perché di un revamping: un caso concreto riferito alla vettura tranviaria 405 REVAMPING & RETROFITTING REVAMPING & RETROFITTING Ing. Raffaele Nobile Direttore

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova Stato dell arte e innovazione nel settore filoviario nel moderno contesto dei sistemi a grande capacità di trasporto Fabio

Dettagli

XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006. ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------

XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006. ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------ XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI AGENZIA TORINO 2006 ----- Sotto l Alta Vigilanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri ------ R04 NUOVO GARNEL SEGGIOVIA QUADRIPOSTO AD ATTACCO FISSO ----- PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie INDICE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI IMPIANTI A FUNE... 2 1.1 Definizione di impianto a fune... 2 1.2 Tipologie di impianto... 3 1.3 Funzionamento degli impianti a fune... 6 1.4 Normativa per la costruzione

Dettagli

Innovazione e Tradizione nella città di Napoli Le quattro Funicolari. 1880: Funicolare del Vesuvio

Innovazione e Tradizione nella città di Napoli Le quattro Funicolari. 1880: Funicolare del Vesuvio Innovazione e Tradizione nella città di Napoli Le quattro Funicolari 1880: Funicolare del Vesuvio 1 Le colline della Citta di Napoli 2 3 La Prima Funicolare: CHIAIA 1889: Inaugurazione 2004: Ultima Revisione

Dettagli

PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA»

PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA» PANORAMICA IMPIANTI TRAPORTI «IN SEDE FISSA» ASCENSORE «QUEZZI» L opera in oggetto consiste nella realizzazione di un ascensore inclinato per il trasporto pubblico di persone da Via Pinetti a Via Fontanarossa

Dettagli

Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto Docente: prof. ing. Alfonso Micucci

Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto Docente: prof. ing. Alfonso Micucci Anno Accademico 2013 2014 Corso di: Progettazione di Sistemi di Trasporto ELEMENTI DI TECNOLOGIA FERROVIARIA (3) 14 Aprile 2014 ore 14-16 Paolo Masselli Stesura parte del corso, esercitazioni, esami, tesi.

Dettagli

GVOJQMBO r.l.u.s. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it

GVOJQMBO r.l.u.s. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it GVOJQMBO S.r.l.u. Piazza Principale, 29 I-39040 ORA (BZ) tel. 0471 802850 fax 0471 802851 e-mail info@funiplan.it LA NUOVA FUNIVIA MALCESINE MONTE BALDO Il 24 luglio 2002 è stata inaugurata dal Presidente

Dettagli

L elettrificazione ferroviaria in Italia dal 1900 al 2000

L elettrificazione ferroviaria in Italia dal 1900 al 2000 Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Pomeriggio di Ingegneria Ferroviaria sulla TRAZIONE ELETTRICA L elettrificazione ferroviaria in Italia dal 1900 al 2000 Parte I Sintesi storica dello sviluppo Ing.

Dettagli

TELECABINA CON VEICOLI AD 8 POSTI

TELECABINA CON VEICOLI AD 8 POSTI 1/5 CARATTERISTICHE DELL'INTERVENTO La progettazione relativa agli interventi di ammodernamento ed aggiornamento tecnico e funzionale dell'impianto a funi di tipo a vagonetti chiusi (telecabina) che collega

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

v. p. green Energy G3 30KW

v. p. green Energy G3 30KW v. p. green Energy G3 30KW costruzione molto robusta che si adatta a tutti venti manutenzione ridotta triplo freno a disco non necessita di inverter il migliore compromesso qualità/prezzo diametro del

Dettagli

Nota per la stampa. IL MUSEO DI PIETRARSA 170 anni di storia delle Ferrovie italiane. Padiglione A Ex Reparto Montaggio. Napoli, 2 ottobre 2009

Nota per la stampa. IL MUSEO DI PIETRARSA 170 anni di storia delle Ferrovie italiane. Padiglione A Ex Reparto Montaggio. Napoli, 2 ottobre 2009 Nota per la stampa IL MUSEO DI PIETRARSA 170 anni di storia delle Ferrovie italiane Napoli, 2 ottobre 2009 Inaugurato nel 1989, in occasione dei 150 anni delle Ferrovie italiane, il Museo di Pietrarsa

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA TRAZIONE ELETTRICA E PER L ENERGIA SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo LTE-001 4 Aprile 2008 Realizzazione di cabine

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto Premessa Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto 1 La gru a cavalletto si caratterizza per la presenza di un proprio sostegno che le permette di essere installata in ambienti esterni senza

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

FUNICOLARI, FUNIVIE E CREMAGLIERE: 130 ANNI DI TRASPORTI DI MONTAGNA A TORINO

FUNICOLARI, FUNIVIE E CREMAGLIERE: 130 ANNI DI TRASPORTI DI MONTAGNA A TORINO FUNICOLARI, FUNIVIE E CREMAGLIERE: 130 ANNI DI TRASPORTI DI MONTAGNA A TORINO 24 ottobre 2014 L OVOVIA DI ITALIA 61 E L ASCENSORE DELLA MOLE Simone Schiavi Socio fondatore e Consigliere ATTS Italia 61

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

GRU I tipi di macchine da cantiere più diffuse sono quelle per il sollevamento ed il trasporto dei carichi. I principali tipi di macchine per il sollevamento sono le gru che a seconda della loro strutturazione

Dettagli

INDICE QUADRO SINOTTICO DELLE CARATTERISTICHE SCHEDA 3 TECNICHE DEI VEICOLI AUTOMOBILISTICI

INDICE QUADRO SINOTTICO DELLE CARATTERISTICHE SCHEDA 3 TECNICHE DEI VEICOLI AUTOMOBILISTICI INDICE DOTAZIONE VEICOLI AUTOMOBILISTICI SCHEDA 1 DOTAZIONE VEICOLI TRANVIARI SCHEDA 2 QUADRO SINOTTICO DELLE CARATTERISTICHE SCHEDA 3 TECNICHE DEI VEICOLI AUTOMOBILISTICI QUADRO SINOTTICO DELLE CARATTERISTICHE

Dettagli

Un nuovo sistema di riparazione

Un nuovo sistema di riparazione I Un nuovo sistema di riparazione SPEED sa fare di tutto! La maggior parte degli incidenti accadono a velocità così basse da non creare danni strutturali SPEED è dotato di un raddrizzatore adatto a riparazioni

Dettagli

FERROVIA A CREMAGLIERA PRINCIPE-GRANAROLO SPECIFICA PER LA REVISIONE DELLE VETTURE

FERROVIA A CREMAGLIERA PRINCIPE-GRANAROLO SPECIFICA PER LA REVISIONE DELLE VETTURE FERROVIA A CREMAGLIERA PRINCIPE-GRANAROLO SPECIFICA PER LA REVISIONE DELLE VETTURE INDICE: NOTE STORICHE...3 INTERVENTI DA EFFETTUARE SULLA VETTURA n.1...6 INTERVENTI DA EFFETTUARE SULLA VETTURA n.2...6

Dettagli

Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO. E. Principe

Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO. E. Principe Requisiti principali per la progettazione dei veicoli ferroviari VEICOLO FERROVIARIO Veicolo ferroviario Principali requisiti per la progettazione dei veicoli ferroviari Scartamento delle sale 1435 mm

Dettagli

S I N T E S I. L ascensore amico del sole

S I N T E S I. L ascensore amico del sole S I N T E S I L ascensore amico del sole Da oltre 60 anni il Gruppo Ceam si evolve ricercando la migliore tecnologia al vostro servizio, per garantire efficienza ed affidabilità. Una storia segnata dal

Dettagli

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO LA RETE TRANVIARIA DI TORINO STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO STORIA 1871: prima linea tranviaria su rotaia in Italia

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Il sistema 3S. Visione generale

Il sistema 3S. Visione generale FUNIVIE TRIFUNE Il sistema 3S Visione generale Le funivie trifuni comprendono una fune traente e due funi portanti. Il sistema è dotato di morse ad ammorsamento automatico e offre una portata molto alta.

Dettagli

SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO.

SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO. SISTEMI DI TRASPORTO A FUNE IN AMBITO URBANO E TURISTICO. IL TRASPORTO URBANO DI PERSONE. OTTIME PROSPETTIVE FUTURE. Da tempo ormai non sono più soltanto gli sciatori a viaggiare su impianti LEITNER ropeways.

Dettagli

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento;

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento; Caratteristiche tecniche relative a N 2 gruppi Turbina Elica Generatore Asincrono Trifase non regolante, Quadro Elettrico di automazione/parallelo gruppi. Dati di Impianto: Q max = 0,64 mc/s Hlordo=9,35

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 Anno Scolastico 009/010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 TRASMISSIONE DEL MOTO CON - RUOTE DI FRIZIONE - RUOTE DENTATE - CINGHIE PIATTE E TRAPEZIOIDALI Prof. Matteo Intermite

Dettagli

CARRELLO ITALIANO Il carrello sterzante detto Italiano è nato a seguito di una esigenza prettamente italiana dovuta alla situazione in cui versavano le linee ferroviarie agli inizi del 1900. I tracciati

Dettagli

Milano, 19 Novembre 2010 Informazioni interne riservate CEAM S.r.l. - Distribuzione Vietata

Milano, 19 Novembre 2010 Informazioni interne riservate CEAM S.r.l. - Distribuzione Vietata 1 Il contributo innovativo di CEAM: l innovazione tecnologica a basso impatto ambientale Da oltre 60 anni il Gruppo Ceam si evolve ricercando la migliore tecnologia al servizio del Cliente, per garantire

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO

COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO COMUNICATO STAMPA DEL 31 MARZO Oggi entrano in servizio nell area potentina 4 nuovi treni Stadler delle Ferrovie Appulo Lucane. Si tratta dell ultima tranche dei sei treni svizzeri acquistati dalle Fal

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Esame di Stato - II sessione 2005 Ingegneria Meccanica - Vecchio Ordinamento Tema di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine

Esame di Stato - II sessione 2005 Ingegneria Meccanica - Vecchio Ordinamento Tema di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine Esame di Stato - II sessione 2005 Ingegneria Meccanica - Vecchio Ordinamento Tema di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine TEMA 3 In Figura 1 è riportato lo schema di un paranco a mano costituito

Dettagli

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti

La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti La sostenibilità nel trasporto pubblico locale: l esperienza del Gruppo Torinese Trasporti 1 Tommaso Panero Amministratore Delegato GTT spa Convegno: OBIETTIVO SOSTENIBILITA : Design e Logistica a confronto

Dettagli

Stazioni e binari: un mondo da scoprire

Stazioni e binari: un mondo da scoprire Stazioni e binari: un mondo da scoprire LE CASE E LE SCARPE DEI TRENI Nell Europa di oggi tutti possiamo viaggiare liberamente, e per questo i treni sono importantissimi. Ma dove andrebbero i treni senza

Dettagli

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento 1) Meccanica della locomozione: equazione del moto, resistenze al moto, dinamica del veicolo, andamento planoaltimetrico, sopraelevazione in curva, accelerazione

Dettagli

Rapporto finale del. Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici

Rapporto finale del. Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici Eidgenössisches Departement für Umwelt, Verkehr, Energie und Kommunikation Département fédéral de l Environnement, des Transports, de l Energie et de la Communication Dipartimento federale dell Ambiente,

Dettagli

TECHNICALINFO. Il gruppo motore LEITNER

TECHNICALINFO. Il gruppo motore LEITNER TECHNICALINFO Il gruppo motore LEITNER Il gruppo motore LEITNER Compatto, flessibile, affidabile Il presupposto per un utilizzo in sicurezza di un impianto a fune è sicuramente un gruppo argano affidabile

Dettagli

LA GALLERIA DI MONTE ZUCCO

LA GALLERIA DI MONTE ZUCCO LA GALLERIA DI MONTE ZUCCO Una grande opera per la ferrovia del Cadore di Federico Carraro 2^PARTE: I LAVORI La ripresa dei lavori e la talpa TBM L'impresa consortile vincitrice del nuovo bando di gara

Dettagli

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Il Tracciato Appunti a cura di Sergio d Elia Demetrio Festa Giuseppe Guido BOZZA Testi di riferimento Lucio Mayer, Impianti ferroviari,

Dettagli

LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3

LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3 LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3 La Storia 1827 Oltre ai trasporti fluviali, Milano instaura regolari trasporti terrestri a mezzo diligenze, con veicoli leggeri, i cosiddetti Velociferi, per i collegamenti

Dettagli

Specifica tecnica di capitolato

Specifica tecnica di capitolato Specifica tecnica di capitolato La seguente specifica di capitolato fa riferimento ad un impianto standard; per ottenere una descrizione personalizzata di particolari opzioni e/o configurazioni Vi preghiamo

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Meccanica e Macchine esame 006 MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Sessione ordinaria 006 Si debba trasmettere una potenza di 7,5 kw da un motore elettrico avente velocità angolare di 1450 giri/min

Dettagli

Funivie a va e vieni.... all unicità. Dalla bellezza...

Funivie a va e vieni.... all unicità. Dalla bellezza... Funivie a va e vieni... all unicità. Dalla bellezza... 2 3 Funivie a va e vieni Le regine degli impianti a fune Ogni cliente Doppelmayr/Garaventa può contare sulla tecnologia funiviaria più avanzata. Abbiamo

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

Impianti fissi per il trasporto urbano

Impianti fissi per il trasporto urbano Impianti fissi per il trasporto urbano Vantaggi: - pendenza superabile Tipologia 1 Svantaggi: Obiettivo: svincolarsi dal traffico stradale - velocità, regolarità competitività con l auto - capacità (veicoli

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

GLI IMPIANTI PER ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

GLI IMPIANTI PER ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova CONSULTA COMUNALE E PROVINCIALE PER I PROBLEMI DEGLI HANDICAPPATI - GENOVA PROGETTARE PER TUTTI Corso di Formazione Professionale per una Progettazione

Dettagli

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.)

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.) NOZIONE DI VEICOLO E CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI IN GENERALE ART. 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 58 e 59 del Codice della Strada NOZIONE DI VEICOLO (ART. 46 C.d.S.) 1. Ai fini delle norme

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

IL TRAM SU GOMMA DI MESTRE-VENEZIA I PRIMI DUE ANNI DI ESERCIZIO. Elio ZAGGIA Direttore Automobilistico Actv

IL TRAM SU GOMMA DI MESTRE-VENEZIA I PRIMI DUE ANNI DI ESERCIZIO. Elio ZAGGIA Direttore Automobilistico Actv Ingegneria ed economia di sistema nel TrasportoPubblicoLocaleavia guidata. IL TRAM SU GOMMA DI MESTRE-VENEZIA I PRIMI DUE ANNI DI ESERCIZIO Elio ZAGGIA Direttore Automobilistico Actv Coordinato da: Organizzato

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 Il Tram di Mestre Il materiale rotabile che sarà utilizzato per il servizio, denominato Translohr, è un prodotto

Dettagli

Trasportatori a nastro

Trasportatori a nastro Trasportatori a nastro Realizzano un trasporto di tipo continuo, in orizzontale o in pendenza, di materiali alla rinfusa e di carichi concentrati leggeri. incastellatura di sostegno Trasporti interni 1

Dettagli

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno.

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno. REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA spa trasporti regionali della sardegna Via Zagabria, 54 09129 Cagliari tel (+39) 070 4098 1 fax (+39) 070 4098 237 www.arst.sardegna.it STRALCIO Progetto finanziato dall

Dettagli

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci.

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci. Direttiva per la sicurezza del delle merci. La vostra sicurezza è il nostro obiettivo. Note preliminari. 2 Prima di effettuare il delle merci è necessario leggere e applicare la presente direttiva contenente

Dettagli

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISTO DI N 1 VEICOLO CABINATO CON PIATTAFORMA AEREA PORTA OPERATORI CIG: 6060322FE8 2 OGGETTO: Acquisto di n 1 veicolo cabinato con

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO. a cura di Pasquale Petrella

GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO. a cura di Pasquale Petrella GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO a cura di Pasquale Petrella Giannini Napoli 2012 GLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO a cura di Pasquale Petrella Giannini Napoli ISBN: 978-88-7431-620-5 2012 a cura di Pasquale Petrella

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

Capitolo 1 Considerazioni generali

Capitolo 1 Considerazioni generali Capitolo 1 Considerazioni generali 1.1 Cenni storici La ferrovia o strada ferrata ha origini remote: gli antichi Egizi trasportavano pesanti carichi su guide di bronzo, mentre i Romani costruivano le vie

Dettagli

Articolo CE/FV 2000 CE/FV 2000-2 CE/FV 2000-4 CE/FLV 1000. Articolo CE/DLL/C50/MT02 CE/DLL/C50/MT03 CE/DLL/C50/MT04

Articolo CE/FV 2000 CE/FV 2000-2 CE/FV 2000-4 CE/FLV 1000. Articolo CE/DLL/C50/MT02 CE/DLL/C50/MT03 CE/DLL/C50/MT04 FUNE TONDA AD ANELLO Le funi tonde ad anello vengono realizzate adoperando come materia base una matassa di filato, leggermente ritorta, la quale viene avvolta senza interruzione fino ad ottenere la matassa

Dettagli

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani

www.ferroviedellostato.it 00161 Roma Piazza della Croce Rossa, 1 Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma www.ferroviedellostato.it Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani Alta Velocità. Una storia di successi tutti italiani La storia dell Alta Velocità inizia

Dettagli

Servoscala a poltroncina

Servoscala a poltroncina Servoscala a poltroncina per muoversi da un piano all altro in tutta libertà e sicurezza. L esperienza insegna. Garaventa Lift Leader nell accessibilità. La leadership tecnologica Garaventa arriva dall

Dettagli

Solleviamo il Vostro Lavoro

Solleviamo il Vostro Lavoro ITALIANO_2013 noastuo.com Solleviamo il Vostro Lavoro Officina FAEDO srl Via Arzignano, 10/16 36072 Chiampo (VI) - Italy Tel. +39.0444.62.31.44 / 62.35.00 / 42.72.66 Fax +39.0444.42.65.82 e-mail: faedogru@interplanet.it

Dettagli

Università degli Studi di Trieste a.a. 2009-2010. Convogliatori. continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi:

Università degli Studi di Trieste a.a. 2009-2010. Convogliatori. continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi: Convogliatori I trasportatori di tipo fisso con moto spesso continuo sono anche definiti convogliatori. Sono qui compresi: trasportatori a rulli (motorizzati o non motorizzati); trasportatori a nastro;

Dettagli

Gru Serie CT - CTT City - CTT Manutenzione Generale 1 MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DELLA MACCHINA 1.1 GENERALITA 1.2 REQUISITI PER LA MANUTENZIONE DELLA GRU 1.3 PRECAUZIONI DI SICUREZZA 1.4 GRUPPI SOGGETTI

Dettagli

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE FH 270/320/350 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE L'esperienza che da parecchi anni abbiamo acquisito nella costruzione di macchine utensili ci ha permesso di realizzare con grande successo una macchina dotata

Dettagli

Sorbyacid. Il Decreto Legge 24 gennaio 2011, n. 20. obbliga

Sorbyacid. Il Decreto Legge 24 gennaio 2011, n. 20. obbliga Assorbente neutralizzante per fuoriuscite e sversamenti di acido solforico di batterie Il Decreto Legge 24 gennaio 2011, n. 20 obbliga tutte le attività, di seguito elencate, a dotarsi di prodotti atti

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Analisi 13-4 Un pignone cilindrico a denti dritti di 21 denti ingrana con una ruota da 28 denti. Il passo diametrale è di 3 denti/in e l

Dettagli

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Bibliografia di riferimento: Isfort, Un futuro in costruzione, 8

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA CAPITOLO 16

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA CAPITOLO 16 ANA REPV BBLICA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE BOLOGNA ITALI CAPITOLO 16 IMPIANTI ASCENSORI MONTACARICHI MONTALETTIGHE

Dettagli

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali UTP / UFT / HTP Programma di mobilità per i disabili Ferrovie: fermate D2-It pag. 1/5 Programma di mobilità per i disabili nei trasporti ferroviari (scartamento normale e ridotto): requisiti funzionali

Dettagli

La sostituzione, in AGRICOLTURA, dei LOCOMOBILI a VAPORE con Motori ELETTRICI, prima dell avvento del Motore ENDOTERMICO

La sostituzione, in AGRICOLTURA, dei LOCOMOBILI a VAPORE con Motori ELETTRICI, prima dell avvento del Motore ENDOTERMICO La sostituzione, in AGRICOLTURA, dei LOCOMOBILI a VAPORE con Motori ELETTRICI, prima dell avvento del Motore ENDOTERMICO Ricerca in Internet del Dott. Ing. Giorgio BENVENUTO Questa sostituzione fu possibile

Dettagli

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 1/23 SOMMARIO Carro SITFA tipo 146 Bis PROVVISORIO 03/10/2008 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI...

Dettagli

TECNICA. Nuovo. Usato

TECNICA. Nuovo. Usato di Renato Delmastro, Danilo Rabino e Marco Delmastro li spandiconcime sono attrezzature usate G in agricoltura per distribuire sul terreno concime sotto forma solida, liquida o gassosa. In questa sede

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

ISTRUZIONI GENERALI PER IL PERSONALE DEL TRENO IN CASO DI INCONVENIENTE DI ESERCIZIO IN GALLERIA (C.O. 17/AD TRENITALIA)

ISTRUZIONI GENERALI PER IL PERSONALE DEL TRENO IN CASO DI INCONVENIENTE DI ESERCIZIO IN GALLERIA (C.O. 17/AD TRENITALIA) ISTRUZIONI GENERALI PER IL PERSONALE DEL TRENO IN CASO DI INCONVENIENTE DI ESERCIZIO IN GALLERIA (C.O. 17/AD TRENITALIA) 1 1997 Linee guida per il miglioramento della sicurezza nelle gallerie ferroviarie

Dettagli

TRECCIA IN POLIESTERE CON INSERTI COLORATI TIPO S TRECCIA IN POLIESTERE HT GRECO AB/10PS TRECCIA IN POLIESTERE TIPO N SPAGO 2/2 IN GOMITOLO GR.

TRECCIA IN POLIESTERE CON INSERTI COLORATI TIPO S TRECCIA IN POLIESTERE HT GRECO AB/10PS TRECCIA IN POLIESTERE TIPO N SPAGO 2/2 IN GOMITOLO GR. TRECCIA IN POLIESTERE CON INSERTI COLORATI TIPO S Diam. Ø Peso gr/mt 0652003 Kg. mm.3 7 TRECCIA IN POLIESTERE HT GRECO AB/10PS Diam. Ø Peso gr/mt 0652004 Kg. mm.4 12,5 TRECCIA IN POLIESTERE TIPO N 100%

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

ARGANI A TAMBURO GAMMA TRACTEL. w w w. t r a c t e l. i t

ARGANI A TAMBURO GAMMA TRACTEL. w w w. t r a c t e l. i t RNI TMURO MM TRCTEL w w w. t r a c t e l. i t 2 RNI ELETTRICI TMURO H Utilizzo li argani elettrici tipo "DM" e "DT" sono destinati prevalentemente alla "trazione" di carichi. Caretteristiche tecniche Telaio

Dettagli

ALLEGATI ALLEGATO 1 MAPPA DEL BACINO, RETE IDROGRAFICA E UBICAZIONE INTERVENTO ALLEGATO 2 CARATTERISTICHE TECNICHE MICROCENTRALE IDROELETTRICA IREM

ALLEGATI ALLEGATO 1 MAPPA DEL BACINO, RETE IDROGRAFICA E UBICAZIONE INTERVENTO ALLEGATO 2 CARATTERISTICHE TECNICHE MICROCENTRALE IDROELETTRICA IREM ALLEGATI ALLEGATO 1 MAPPA DEL BACINO, RETE IDROGRAFICA E UBICAZIONE INTERVENTO ALLEGATO 2 CARATTERISTICHE TECNICHE MICROCENTRALE IDROELETTRICA IREM ALLEGATO 1 - MAPPA DEL BACINO, RETE IDROGRAFICA E UBICAZIONE

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

Specifiche tecniche. Serie WP 2300. Transpallet Elettrico WP 2300. Serie

Specifiche tecniche. Serie WP 2300. Transpallet Elettrico WP 2300. Serie C Specifiche tecniche Serie WP 2300 Transpallet Elettrico WP 2300 Serie C Serie WP 2300 Transpallet con operatore a terra zona di frentura zona marcia passo passo zona di marcia zona di frentura 1250 820

Dettagli

IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA

IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA IL SISTEMA TRANVIARIO SU GOMMA A GUIDA VINCOLATA PER LA CITTA DI MESTRE VENEZIA AVANZAMENTO LAVORI Actv Elio Zaggia Direttore Automobilistico PMV Antonio Stifanelli Presidente Amministratore Delegato PMV

Dettagli

RUOTE DENTATE. Introduzione

RUOTE DENTATE. Introduzione RUOTE DENTATE 362 Introduzione Le ruote dentate costituiscono un sistema affidabile per la trasmissione del moto tra assi paralleli, incidenti e sghembi. La trasmissione avviene per spinta dei denti della

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CONDUZIONE E MANUTENZIONE TRIENNALE DEGLI IMPIANTI ELEVATORI ASSERVITI AGLI STABILI IN ROMA REGISTRO D IMPIANTO Allegato 4 Gennaio 2014 SCHEDA TECNICA

Dettagli

ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE

ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE COMUNE DI PADOVA Settore Servizi Istituzionali e Affari Generali PROGETTO DI UN IMPIANTO DI ARMADI COMPATTABILI PER IL NUOVO ARCHIVIO GENERALE - COMPLESSO SARPI ALL. 1 SPECIFICHE TECNICHE IL CAPO SETTORE

Dettagli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli candidato Emanuele Placuzzi rel. Prof. Luca Piancastelli correl. Dott. Maurizio Tappi Dott. Gialuca Piraccini Tesi

Dettagli

A cura di Salvatore Incandela

A cura di Salvatore Incandela A cura di Salvatore Incandela Le locomotive del gruppo D. 245 delle Ferrovie dello Stato, ora in dotazione alle società del gruppo Trenitalia (Pax Divisione Passeggeri, TMR - Trasporto Regionale e Cargo

Dettagli