LA TRENOVIA TRIESTE - OPICINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TRENOVIA TRIESTE - OPICINA"

Transcript

1 LA TRENOVIA TRIESTE - OPICINA La storia Il 9 settembre 1902 alle 9:10 è stata inaugurata ed il giorno successivo ha iniziato il servizio pubblico la linea tranviaria TRIESTE - OPICINA da PIAZZA CASERMA (ora PIAZZA OBERDAN) ad OPICINA (capolinea attuale). La stessa nel tratto più ripido (PIAZZA SCORCOLA - VETTA SCORCOLA) si avvaleva, per superarlo, di un impianto a cremagliera (profilo STRUB) con due vagoncini di spinta. Questi vagoncini del peso di 10,6 tonnellate montavano due motori da 100 CV ciascuno ed erano alimentati a 550 Vdc (uno di questi si trova attualmente nella rimessa della linea tranviaria della funivia del RENON a BOLZANO). Negli anni che seguono l inaugurazione del tram, anche il borgo di OPICINA, come la città di TRIESTE, attraversa una fase di grande trasformazione; il tranquillo villaggio carsico, che per secoli ha vissuto d agricoltura, si apre a nuove prospettive. Si costruiscono altri alberghi e ristoranti, oltre al già noto e ben pubblicizzato OBELISCO; la località si propone al turismo internazionale: la scoprono addirittura i giornali austriaci, l "UNSER HAUSARTZ" e la "WIENER HAUSFRAUEN ZEITUN". I maggiorenti triestini costruiscono ville e villini per far passare qui i mesi estivi alle famiglie, sottraendole alla canicola della città, vista la 1

2 comodità, per gli uomini d affari, di spostarsi velocemente in centro proprio grazie al tram. Per invogliare i forestieri e per favorire i commerci, LA SOCIETÀ DELLE PICCOLE FERROVIE attiva nel 1906 il prolungamento fino alla stazione ferroviaria (ma fin dall inizio l ingegner EIRINER, ideatore della linea, aveva il sogno di una linea più estesa: verso SESANA ed oltre). La prima guerra mondiale viene a sconvolgere però la storia di queste terre e la vita della gente. Nel terribile periodo anche il tram sentirà le conseguenze della tragedia che si consuma così vicino alle sue rotaie: alcune delle sue carrozze sono trasformate e attrezzate per il trasporto dei soldati feriti all'ospedale militare. Con la pace, lentamente il tram si rimette sui giusti binari, ma la vita non è più quella di prima. La crisi economica degli anni '20 si fa sentire, i passeggeri diminuiscono, la linea ha bisogno di manutenzioni, le carrozze dimostrano tutta la loro età. La cremagliera ben presto si dimostrò inadeguata alle mutate esigenze di trasporto, fu così che nel 1928 la "dentata" fu sostituita da un impianto a fune e due carri di spinta posti alle due estremità della fune lunga 799 m (+ 150 m ca. in sala argano per il paranco a quattro rinvii). 2

3 L'impianto così concepito, pur avendo subito un radicale ammodernamento nel 1984, è ancora oggi in uso con il tracciato originale del Il 26 aprile 1928, dopo sei mesi di lavori per il rinnovamento dell impianto, riprende il servizio tranviario con la tratta più acclive che viene superata servendosi di un impianto a funicolare ritenuto più adatto in quanto permette di aumentare le capacità di trasporto e la velocità. Fra il 1935 e il 1936 la Società decide di investire anche nel comfort del passeggero: entrano in servizio cinque nuove motrici STANA-TIBB a carrelli, più ampie, con sedili più comodi e una buona illuminazione che permette ai viaggiatori di leggere anche durante le corse serali. Il rinnovamento prosegue anche quando ormai altri venti di guerra stanno spirando: nel 1942 entrano in servizio altre 2 motrici a carrelli (ma, essendo ormai in pieno periodo autarchico, sono meno lussuosamente attrezzate). Durante il conflitto anche il tram viene coinvolto nelle tragiche vicende che insanguinano il mondo: nel 1944 la carrozza 407, che durante l ultima corsa trasporta solo militari tedeschi, subisce un attentato. Pur riportando notevoli danni al telaio viene raddrizzata e riparata negli allestimenti, tanto che è in grado di riprendere il servizio in poco tempo. Negli anni dell immediato dopoguerra per LA SOCIETÀ DELLE PICCOLE FERROVIE i tempi sembrano migliorare: sull altipiano ci sono molte caserme del overno Militare Alleato e naturalmente i soldati usano il tram per raggiungere il centro; sempre il MA fa costruire nuovi insediamenti abitativi per i suoi funzionari a COLONA ed a VILLA IULIA, zone che si trovano vicine al percorso della trenovia. 3

4 Con gli anni Sessanta si profila il primo di alcuni cambi di gestione. Il 28 ottobre 1961 c è il passaggio di gestione al COMUNE DI TRIESTE (III Ripartizione - Servizio comunale trenovia); Il 1 giugno 1970 subentra l ACEAT (AZIENDA COMUNALE ELETTRICITÀ AS ACQUA E TRANVIE); Il 1 marzo 1976 subentra l ACT (AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI), divisasi dall ACEAT. L ACT intraprende un ampia ristrutturazione della linea con l'installazione di una nuova cabina di manovra (la parte meccanica è stata costruita dalla ditta LEITNER di VIPITENO e la parte elettrica/elettronica da parte della società BMB di VICENZA e EA - ELECTRONIK APARATEBAU ERMANI) e la messa in servizio di due carri-scudo nuovi in metallo (i precedenti erano in legno), costruiti dalla CHINETTI di VARESE su meccanica BELL (CH): il servizio rimarrà sospeso per il risanamento dell impianto (che comprendeva il rinnovamento della sede della funicolare e la sostituzione dei due carri-scudo originali) dal 1 luglio 1976 al 6 marzo Negli anni Ottanta un altro ammodernamento dell impianto viene imposto dalle nuove normative ministeriali per gli impianti a fune, con l istallazione di un sistema automatico di funzionamento e controllo: il servizio viene sospeso dal 1 maggio 1983 al 14 giugno Nel 1992, in occasione dei 90 anni della trenovia, viene rimessa a nuovo la motrice storica n 1 su iniziativa volontaria del personale. Il 1 gennaio 2001 la gestione passa a TRIESTE TRASPORTI S.P.A che in collaborazione ad ACT, proprietaria di entrambe le vetture storiche intraprende nel 2002, in occasione dei festeggiamenti del centenario della tranvia, il restauro della vettura storica n 6, l unica ancora rimasta originale (tranne la n 1 già restaurata) e dunque ultima testimone di quel lontano 9 settembre La vettura n 6 (circa 1 metro più lunga della n 1, infatti ha otto finestrini contro i sette della gemella) era ferma all aperto, dal 1984, e 4

5 posta su un binario morto del MUSEO FERROVIARIO DI TRIESTE di CAMPO MARZIO e pertanto richiedeva un radicale intervento sia nella parte meccanica che nella carrozzeria. L intento è di renderla perfettamente funzionante nel più breve tempo possibile, per poterla utilizzare in coppia con l altra motrice magari per delle corse speciali collegate a iniziative culturali, artistiche o turistiche. Dei lavori si occupa l OFFICINA NAVALE QUAIAT, specializzata in questo tipo di interventi. Contribuiscono finanziariamente al restauro la TRIESTE TRASPORTI S.P.A., l AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI, la FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI TRIESTE e in quota parte l OFFICINA NAVALE QUAIAT. Nel 2002 TRIESTE TRASPORTI ha rinnovato inoltre i due scambi di CAMPO ROMANO e lo scambio di BANNE e si appresta a rinnovare tutto il materiale d armamento del QUADRIVIO DI OPICINA. Il COMUNE DI TRIESTE ha spostato la parte di binario tra PIAZZA DALMAZIA e VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ in modo da allargare lo spazio per il traffico veicolare e, allo stesso tempo, disimpegnare la corsa del tram dal traffico proveniente da VIA FILZI, migliorando i tempi di percorrenza del tram. In occasione del centenario della linea l'attuale società esercente sta esperendo una gara per la fornitura di due nuovi carri-scudo in sostituzione di quelli in uso. 5

6 Le vetture storiche Il parco macchine inizialmente era composto da otto vetture ad assi, chiamate "UNION", costruite nel 1901 per la parte elettrica dalla fabbrica "OESTERREICHISCHE UNION ELEKTRICITÁTS ESELISCHAFT" di VIENNA e per la parte meccanica dalla "WEITZER WAON FABRIK' di RAZ. Erano numerate dal n 1 al n 8 e rimasero in servizio fino al 1935 quando furono sostituite con le vetture "STANA'. Delle otto vetture di allora ne rimangono soltanto due: la n 1 e la n _6; tali vetture, nel 1935 furono rinumerate n 111 e n 112 (le altre sono state demolite) e poi il 28 ottobre 1961 rispettivamente n 411 e n _412. Dal 1935 fino al 1992 sono state adibite rispettivamente a carro officina per la manutenzione del binario e della linea di contatto (411) e come contrappeso per la funicolare (412). Durante tutta la RANDE UERRA ( ) una vettura "UNION", di cui non è nota la matricola, fu adattata a tram soccorso ed attrezzata con barelle atte al trasporto dei feriti dall'altopiano carsico all'ospedale MAIORE posto in centro a TRIESTE. La vettura ad assi n 411 in occasione della ricorrenza dei 90 anni della trenovia TRIESTE 6

7 OPICINA, nel 1992, è stata totalmente restaurata rendendola fruibile al pubblico per servizi riservati (matrimoni, commemorazioni, turismo, ecc.). Resa nuovamente marciante, la stessa 411 è stata rinumerata con lo "storico" n 1. Questo tram, volutamente mantenuto con le apparecchiature e gli allestimenti del 1902, tranne alcuni particolari forzatamente più moderni (sedili dei passeggeri, piattaforme di guida chiuse, due porte di accesso, illuminazione interna/esterna e pantografo), è ora la vettura tranviaria più "anziana" ancora marciante in Italia. 7

8 Il parco attuale L'attuale parco è composto da sei vetture a carrelli, costruite dalle OFFICINE MECCANICHE "LA STANA" di PADOVA per la parte carrozzeria, dalle "OFFICINE BRILL" di PARII per i carrelli e dalla "T.I.B.B." (TECNOMASIO ITALIANO BROWN BOVERI) di MILANO per l'equipaggiamento elettrico. Dette vetture furono consegnate in due periodi distinti: le vetture numerate dal n 101 al n 105 furono consegnate nel 1935, le vetture numerate dal n 106 al n 107 furono costruite durante il periodo autarchico e sono state consegnate nel 1942, quando era in corso la SECONDA UERRA MONDIALE. Del parco macchine iniziale manca la vettura n 403 (allora n 103) radiata a seguito dell'incidente del 28 novembre 1975 (vedi descrizione più avanti). La vettura n 405 attualmente in revisione generale, verrà equipaggiata con un sistema di azionamento a "chopper" costruito dall'ansaldo TRASPORTI di NAPOLI. Detta vettura sarà la prima delle sei in dotazione a ripristinare il recupero di energia elettrica in fase di discesa (come avveniva dal 1902 fino all'aprile del 1928); attualmente il sistema di regolazione di tipo reostatico non prevede alcun tipo di recupero di energia elettrica. Il 28 ottobre 1961, allo scadere della concessione della "SOCIETÀ ANONIMA PICCOLE FERROVIE", il subentrante COMUNE DI TRIESTE rinumerò il parco macchine sostituendo il numero iniziale "1" con il numero "4". La gestione della linea rimase al COMUNE DI TRIESTE fino a tutto il 1970 anno in cui la stessa passò all'aceat, la quale come primo impegno di spesa sostituì tutti i pali di sostegno della linea di contatto, fino ad allora in legno, con pali in acciaio. 8

9 Un'altra particolarità che distinse la gestione della linea da parte dell'aceat dalle amministrazioni precedenti, fu quella di applicare sull'imperiale di tutte le vetture, in prossimità delle piattaforme di guida, gli indicatori di linea n 2 (prima la linea tramviaria non aveva nessuna numerazione), ricalcando la fattura degli indicatori di linea che facevano già bella mostra di se su tutti i tram che viaggiavano sulla rete urbana della città. Dal 1977 e fino al 31 dicembre 2000 la linea è stata gestita dall'act (AZIENDA CONSORZIALE TRASPORTI - TRIESTE) mentre dal 1 gennaio 2001 la linea è gestita dall'attuale concessionaria del servizio pubblico di trasporto, vale a dire la società TRIESTE TRASPORTI S.P.A. Le vetture 406 e 407 si differenziano dalle altre per alcune caratteristiche: Le panche interne sono costruite a doghe di legno, mentre le altre vetture hanno le panche realizzate in un unico pezzo ricoperto in sky di colore rosso o verde. I controller in origine (ora non più in quanto le manutenzioni succedutesi hanno "rimescolato" la disposizione sulle vetture marcianti) erano costruiti con materiali più poveri: ghisa e cartone isolante, contro il bronzo e la seta impregnata delle precedenti. I finestrini esterni sono squadrati mentre sulle altre vetture sono arrotondati. Le due vetture non hanno le prese d'aria sopra ogni finestrino. 9

10 Tutte le vetture sono dotate di un respingente di traino: questo serviva fino agli anni 60, nelle prime ore dei mattino (il servizio allora iniziava alle 4.00), ad agganciarvi un carro da trasporto a quattro ruote (dimensioni approssimative: 2.5 x 2.0 m) adibito al trasferimento dall'altopiano carsico alla città di TRIESTE dei prodotti agricoli e in senso inverso delle merci necessarie alle popolazioni limitrofe. Ora questo respingente si limita al traino, fuori servizio, di rotaie poste su un carro pianale, della fune traente fino alla cabina di manovra della funicolare (VETTA SCORCOLA) o l'eventuale traino di un tram guasto. Purtroppo nei decenni di servizio si sono verificati anche degli incidenti. La vettura n 403, a seguito di un gravissimo incidente (non quello della famosa canzone, accaduto ben prima, quando sull impianto vi era ancora la cremagliera) avvenuto nella mattinata del 28 novembre 1975 in discesa all'imbocco dei rettilineo di CONCONELLO quando a causa perdita di aderenza e conseguente aumento vertiginoso della velocità deragliò impattando contro un muro di contenimento, fu radiata e successivamente demolita. La vettura tramviaria n 407, intorno al 1944, in prossimità della curva di CONCONELLO, subì un attentato saltando su una mina posta sul binario. Pur riportando notevoli danni al telaio (in prossimità della parte centrale) fu raddrizzata e riparata negli allestimenti, consentendole così di riprendere il servizio di linea entro poco tempo. 10

11 Le caratteristiche della linea Il binario è armato nel seguente modo: Lo scartamento è di 1000 mm Il tratto in aderenza cittadino (PIAZZA OBERDAN - PIAZZA SCORCOLA) è armato con rotaie a gola profilo "HC' e "IC" da 49 kg/m ca. montate su traversine in legno. Il tracciato di 799 m della funicolare è armato con rotaia a fungo da 27 kg/m e traversine in ferro dotate al centro di rulli guidafune in ghisa (ca. 730 pz. diritti e 50 pz. inclinati). Il resto del tracciato (tranne che per brevi tratti di attraversamento stradale, mantenuti con rotaia a gola) è realizzato con rotaie a fungo da 36 kg/m e traversine in legno di rovere. Attualmente si stanno gradualmente sostituendo tutti gli scambi ed alcuni tratti di binario unificando l'armamento a 50 kg/m. La pendenza media è del 5% mentre nel tratto a fune è dei 26%. I raggi di curva vanno da un minimo di 25 m (PIAZZA DALMAZIA) fino a 200 m. La sopraelevazione è 0/+100 mm massimo. La tratta di circa 250 m che si trova nel tratto cittadino nella zona di PIAZZA DALMAZIA è stata appena rifatta. E' stato totalmente sostituito l'armamento dotando lo stesso di particolari accorgimenti tecnici atti a limitare le vibrazioni e la rumorosità al transito delle vetture tranviarie. 11

12 L alimentazione La linea di contatto in rame con sezione da 100 mmq è interamente sostenuta da pali e mensole in acciaio. La poligonazione è +/- 200 mm. La tensione di alimentazione attuale di 600 Vdc è garantita da una stazione di conversione 10/0.6 kv con due gruppi IRCI - SECOWEST statici da 1800 A ciascuno. Detta stazione realizzata nel 1985 in sede di ammodernamento della linea, si trova a circa metà tracciato in prossimità della cabina di manovra della funicolare (VETTA SCORCOLA). In precedenza la tensione di alimentazione era erogata da una cabina di conversione a due permutatori a vapori di mercurio sita in un edificio dell'azienda dell'elettricità di VIA STOPPANI (zona periferica della città). Da quel sito partivano tre cavi interrati corazzati (due positivi ed uno negativo) che percorrendo un tracciato ancor oggi non del tutto noto - comunque ora disalimentato - attraversavano il centro abitato ed una zona boschiva (il parco di VILLA IULIA) ed arrivavano alla stazione a monte della funicolare. Qui per mezzo di sezionatori veniva distribuita l'energia alla linea di contatto ed agli alimentatori di parallelo. In precedenza ancora (dal 1902 e fino al momento della trasformazione della cremagliera in impianto a fune) l'alimentazione era realizzata da un gruppo di conversione composto da un motore trifase (2_kv/42 Hz) accoppiato ad una dinamo ( v) della potenza di 200_kw. Il gruppo ricaricava 260 accumulatori al ferro nichel della capacità ciascuno di 200 Ah. 12

13 Detto sistema, funzionante alla tensione nominale di 550 v aveva due peculiarità: l'alimentazione era sempre garantita e costante; i motori a corrente continua delle vetture (tram e vagoncini di spinta), portati in rotazione durante la discesa in funzione di generatori, ricaricavano le batterie. L'ubicazione della cabina di trasformazione si trovava in prossimità della fermata di Romagna della funicolare e fungeva anche da ricovero dei vagoncini di spinta fuori servizio. Con la trasformazione della cremagliera in impianto a fune questo sistema fu abbandonato e l'edificio demolito. La captazione dell'energia elettrica sulle vetture "UNION' avveniva attraverso un trolley; con la messa in servizio delle vetture a carrelli il trolley fu abbandonato per far posto al più moderno ed ancora attuale pantografo. 13

14 L esercizio La linea tranviaria nel 1906 fu prolungata dall'attuale capolinea di Opicina alla vicina stazione ferroviaria. Il tratto di linea, prolungato di m (totali m), che correva in discesa lungo la VIA NAZIONALE per poi girare a sinistra per la VIA DI PROSECCO fino a raggiungere la stazione dei treni, fu mantenuto in servizio fino al 1936, per poi essere smantellato riportando la linea tranviaria al suo tracciato originale di m da capolinea a capolinea. In sede di progetto, il tracciato, sempre a binario unico e 7 punti di incrocio intermedi a doppio binario, prevedeva 5 tram in servizio e dei punti di incrocio ben precisi (molti di più di quelli previsti oggi). Nello specifico i punti di incrocio che allora esistevano ed ora non sono più possibili in quanto non è più presente l'armamento del binario erano: 1) Piazza Scorcola 2) Vetta Scorcola Con il mutare delle esigenze di trasporto e l'ammodernamento dei materiale rotabile e dell'impianto fisso il tempo di percorrenza da capolinea a capolinea è diminuito dagli allora 40' (vetture a due assi) agli attuali 28' (vetture a carrelli), le vetture in servizio di linea sono state ridotte a tre con un unico punto di incrocio previsto alla fermata di CONCONELLO. 14

15 FERMATE CODICE FERMATA DISTANZA PRORESSIVA DISTANZA FERMATA ALTEZZA s.l.m. PIAZZA OBERDAN ,270 0 PIAZZA SCORCOLA ,540 4 SANT'ANASTASIO ,400 3 ROMANA ,550 2 VETTA SCORCOLA ,500 3 COLONA (CAMPO SPORTIVO) ,000 2 COLONA (CHIESA) ,400 2 CONCONELLO ,370 2 BANNE ,200 4 OBELISCO ,300 3 CAMPO ROMANO ,200 1 VIA NAZIONALE ,600 1 OPICINA ,800 1 TEMPO 15

16 La funicolare La linea tranviaria TRIESTE - OPICINA collega il centro della città dal capolinea sito nella centrale PIAZZA OBERDAN, con la frazione di VILLA OPICINA, con un percorso di 5175 metri. Buona parte del tracciato viene percorso in aderenza naturale, eccezion fatta per il tratto compreso fra PIAZZA SCORCOLA e VETTA SCORCOLA, ove la pendenza è tale che si dovette ricorrere all'ausilio di una cremagliera prima e di una funicolare terrestre in seguito. La cremagliera rimase in opera per un lungo periodo, fino a quando la SOCIETÀ ANONIMA PICCOLE FERROVIE di TRIESTE, nell'interesse di migliorare la potenzialità della tranvia, ravvisò di trasformarla in funicolare. Il progetto, redatto dalla ditta svizzera BELL, fu sottoposto alla REALE COMMISSIONE PER LE FUNICOLARI AEREE E TERRESTRI che emise il suo voto favorevole, presa anche conoscenza del voto n. 875 del 16 aprile 1926 del CONSILIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI e preso atto del rapporto n. 2717/205 del 15 maggio 1927 del CIRCOLO FERROVIARIO DI ISPEZIONE DI TRIESTE. Il voto della commissione fu trasmesso dal MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, ISPETTORATO ENERALE DELLE FERROVIE, TRANVIE ED AUTOMOBILI, con lettera prot del 9 luglio 1927, CIRCOLO FERROVIARIO DI ISPEZIONE DI TRIESTE. La trasformazione fu attuata ed il tratto di funicolare fu inaugurato il 26 aprile L'impianto ha funzionato, senza sostanziali modifiche, fino al 30 giugno 1976, per riprendere l'esercizio, dopo l'esecuzione dei lavori, il 6 marzo1978. Fra i lavori di ammodernamento attuati negli anni '70 fu anche effettuata la costruzione di entrambi i carri-scudo, costruiti ancora dalla svizzera BELL. 16

17 L'impianto attuale Trattasi di un impianto funicolare la cui stazione motrice è ubicata a monte ed il cui argano muove una fune traente alle cui estremità sono fissati, a mezzo testa fusa, due carri-scudo. Su detti carri, di cui all'inizio della corsa uno si trova a valle, a PIAZZA SCORCOLA, e l'altro a monte, a VETTA SCORCOLA, vengono ad appoggiarsi le vetture tranviarie rispettivamente provenienti dal capolinea di PIAZZA OBERDAN e da OPICINA. In PIAZZA SCORCOLA, attraverso uno scambio, assistito da un motore elettrico, la vettura tranviaria si inserisce sul binario della funicolare a monte del carro, poi, con manovra di retromarcia, dopo che lo scambio è stato riposizionato in maniera opportuna, si appoggia al carro-scudo. A VETTA SCORCOLA l'altra vettura invece si appoggia direttamente sul carro in stazionamento. Inizia così il viaggio, dopo che entrambi i carrellisti hanno dato il consenso alla marcia. Sono previste due fermate intermedie denominate SANT'ANASTASIO, quella più a valle, e ROMANA quella più a monte. In corrispondenza di dette fermate, leggermente più a valle di ciascuna, vi sono degli incroci con strade comunali. La via di corsa è ad unico binario, procedendo da valle verso monte, per circa 345 metri, per poi divenire a doppio binario; Come detto i due carri-scudo sono solidalmente collegati fra loro dalla fune traente, in modo che all'inizio ed alla fine di ciascuna corsa un carroscudo si trovi in corrispondenza della stazione a monte e l'altro nella stazione a valle. 17

18 Il movimento dei convogli, alternato a va e vieni, è trasmesso dalla sola fune traente messa in tiro dalla puleggia motrice, a quattro gole, facente parte dell'argano. Tra motore ed argano è interposto un gruppo riduttore (ancora quello originale del 1927) a n 1 riduzione interna realizzato con ruote dentate a denti inclinati contrapposti, tipo "CHEVRONS" (ß = 30 ) in bagno d'olio, posto immediatamente a valle del giunto elastico di accoppiamento con il motore, su cui e' calettato il disco del freno di servizio. In uscita, sull'albero mosso o lento, è calettato un pignone a denti diritti, bloccato con un'apposita chiavetta, che ingrana una corona, realizzata a settori, fissata alla puleggia motrice (diametro esterno = mm 4440) mediante bulloni. Tutti gli alberi sono supportati unicamente da cuscinetti a strisciamento, montati sia sui fianchi della scatola del riduttore stesso, sia su un proprio supporto, per l'estremità dell'albero mosso dove e' presente il pignone. La lubrificazione del gruppo riduttore è ottenuta mediante un bagno d'olio mentre l'accoppiamento pignone-corona dentata, è costantemente ingrassato da un grasso particolarmente denso, tipo "VISCOLITE". Il ciclo di funzionamento prevede l'inversione di marcia ogni qualvolta si completi la corsa della funicolare (attualmente l'esercizio prevede circa 8' - 10' di corsa dell'impianto e circa 12' - 14' di sosta). 18

19 CARATTERISTICHE DELL'IMPIANTO Lunghezza orizzontale m 782,45 Dislivello m 158,69 Lunghezza sviluppata m 799,77 Pendenza media della linea % 20,28 Pendenza massima della linea % 26,73 Pendenza minima della linea % 5,37 Quota della stazione a valle m 18,54 Quota della stazione a monte m 177,23 Carri in linea n 2 Massa di un carro kg Vetture in linea n 2 Massa di una vettura vuota kg Massa di una vettura carica kg Velocità dell'impianto m/s 2,5 Potenza motore elettrico kw 150 Tipo fune traente W/SEALE Diametro fune mm 42 Trefoli n 6 Fili n 186 Formazione 6(1+6+6/6+12) + PPC EOMETRIA DEL RIDUTTORE Interasse albero veloce (ingresso lato motore) ed Albero lento (uscita lato puleggia) cm 80,3 CARATTERISTICHE DEL MOTORE Potenza continuativa kw 150 Potenza di spunto (100% potenza continua) kw 300 iri motore giri/sec CARATTERISTICHE DENTATURE ESISTENTI Ingranaggi a denti diritti (all'uscita dell'albero lento e sull'argano principale): Larghezza dente mm 259 Modulo 29 Denti corona puleggia motrice n 150 Denti pignone n 22 Ingranaggi a denti inclinati (sul riduttore): Inclinazione ß 30 Denti su ruota veloce n 22 Denti su ruota lenta n

20 E dopo il centenario? li sviluppi futuri I progetti futuri di TRIESTETRASPORTI per la trenovia TRIESTE - OPICINA sono di due tipi: interventi tesi ad opere di adeguamento tecnico alla normativa degli impianti a fune oppure resi necessari dall obsolescenza degli impianti; interventi tesi al miglioramento delle prestazioni, del comfort e dell efficienza oggi richiesti a un servizio pubblico. Per quanto riguarda i primi, è prevista per l anno 2004 la revisione ventennale dell impianto a fune: in quell occasione si conta di sostituire due pulegge di rinvio poste nella sala macchine, il gruppo di riduzione (datato 1927, anno di passaggio dal sistema a cremagliera a quello funicolare) e il sistema di supervisione della sicurezza e di gestione della potenza elettrica che è asservita al motore dell argano. Per i secondi è in fase di avanzata installazione sulla vettura n che peraltro è stata sottoposta a un integrale recupero strutturale - un impianto a "chopper" che oltre a garantire maggior sicurezza nell esercizio (verranno molto diminuiti gli episodi di perdita di aderenza sul binario e verrà eliminata la presenza di tensione a 600 V sugli utilizzatori posti all interno della vettura) comporta un risparmio energetico dell ordine del 50% dell energia attualmente spesa per il funzionamento del tram sul tratto ad aderenza naturale. 20

21 Si ipotizza che, a sperimentazione con riscontro positivo avvenuto sulla vettura 405, le altre cinque vetture possano essere sottoposte alla medesima trasformazione. Altro progetto, quest ultimo in fase di avanzata attuazione (è già stata esperita una gara per l assegnazione della fornitura e posa in opera del manufatto), è quello che prevede di sostituire gli attuali carri-scudo (in esercizio dal 1974) con altri che, pur svolgendo funzioni analoghe non abbisognano della presenza di operatori a bordo. Le incombenze attualmente loro affidate sarebbero trasferite, attraverso opportuni dispositivi ad affidabilità 100%, ai manovratori tranviari, con un risparmio di almeno quattro posizioni di lavoro. Verrebbe inoltre modificato il sistema di aggancio della fune ai carrelli, eliminando il dispositivo a testa fusa e adottando il più flessibile sistema a tamburello, con conseguente abbattimento degli oneri di manutenzione per tempi di sostituzione e accorciamento fune. dott. ing. RAFFAELE NOBILE 21

22 Bibliografia TRAMWAY TRIESTE - OPICINA edito da TEATRO STUDIOIALLO (Nel volume, oltre che fatti di cronaca riferiti all'impianto, si possono ricavare notizie tecniche, foto d'archivio, disegni, nonché una nutrita biografia sull'argomento, notizie storiche ed anche recenti sui sistemi di trazione (a cremagliera fino al 1926 e successivamente a fune fino ai nostri giorni) utilizzati negli anni sulla tratta TRIESTE-OPICINA) LA CARROZZA DI TUTTI da "IL PICCOLO ILLUSTRATO" allegato al quotidiano di Trieste ( ) I TRASPORTI A TRIESTE DALLA SOCIETÀ TRIESTINA TRANVAY ALL A.C.T. - DEL BIANCO EDITORE (1981) I PRIMI CENT ANNI DEL TRAM - Atti del convegno tenutosi a Trieste il 9 settembre 2002 Si segnalano qui di seguito alcuni siti internet da cui possono essere ricavate altre notizie o foto interessanti i trasporti in generale e quelli triestini in particolare: Si ringraziano per la collaborazione nella ricerca delle notizie storiche il p.i. FABIO FACCHETTIN, capo servizio dell impianto a fune ed il p.i. PAOLO BUZZI, capo deposito del deposito tranviario di OPICINA 22

LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3

LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3 LA MOTRICE TRANVIARIA T.I.P. N 3 La Storia 1827 Oltre ai trasporti fluviali, Milano instaura regolari trasporti terrestri a mezzo diligenze, con veicoli leggeri, i cosiddetti Velociferi, per i collegamenti

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO PER IL LAVORO E LA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO MINISTERIALE 12 settembre 1959 Attribuzione dei compiti e determinazione delle modalità e delle documentazioni relative all'esercizio delle verifiche e dei controlli previste dalle norme di prevenzione

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore Mod Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore DIAMO VALORE AL VOSTRO EDIFICIO u v x OTIS presenta l ammodernamento con una tecnologia innovativa ad alta efficienza energetica u w v Azionamento

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso

Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso PRESS info P09X02IT / Per-Erik Nordström 15 ottobre 2009 Cambio di marcia completamente automatizzato tutt'altro che un lusso per un autobus di lusso Il nuovo Scania Opticruise per autobus completamente

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Approvazione delle prescrizioni tecniche speciali per le funivie bifuni con movimento a va e vieni (2).

Approvazione delle prescrizioni tecniche speciali per le funivie bifuni con movimento a va e vieni (2). D.M. 15 febbraio 1969 (1). Approvazione delle prescrizioni tecniche speciali per le funivie bifuni con movimento a va e vieni (2). (1) Pubblicato nel Suppl. ord. alla Gazz. Uff. 4 aprile 1969, n. 87. (2)

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

un concentrato di tecnologia all avanguardia

un concentrato di tecnologia all avanguardia un concentrato di tecnologia all avanguardia VIP Class L emozione viaggia su due livelli. Nel 1967 NEOPLAN ideò la gamma degli autobus turistici a due piani che ha aperto la strada ad una storia di successo

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.0 Attrezzo N di connesssione moduli terminazioni. esterne IDC con testina in metallo Matr. TELECOM 31429.4 Attrezzo Inserzione

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

TECHNICALINFO. I veicoli LEITNER

TECHNICALINFO. I veicoli LEITNER TECHNICALINFO I veicoli LEITNER I veicoli LEITNER Comodi, stabili al vento, a richiesta riscaldati I progettisti LEITNER, nello sviluppo dei veicoli, considerano sempre come massima priorità il comfort

Dettagli

Dumper-Nonstop Wacker Neuson Dumper con cabina 3001 6001 9001 10001+

Dumper-Nonstop Wacker Neuson Dumper con cabina 3001 6001 9001 10001+ Dumperonstop Wacker euson Dumper con cabina A ribaltamento rotante DAT TE 10010 kg 3000 kg 6000 kg 9000 kg Peso proprio 2410/2550 kg 4120/4240 kg apacità cassone a raso 1500/1300 l 2400/2400 l 38 4000

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus ESTRATTO ORARIO Validità sino al 15.06.2011 Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus E tu cosa stai aspettando? Con il nuovo tram avrai corse più frequenti e veloci e un maggior

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli