LA PARROCCHIA E IL PARROCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PARROCCHIA E IL PARROCO"

Transcript

1 LA PARROCCHIA E IL PARROCO Le fonti RELAZIONE L ente parrocchia Il parroco Gli atti di straordinaria amministrazione Il CPAE Il rendiconto L inventario Mons. Antonio Interguglielmi Arcidiocesi di Agrigento FORMAZIONE PERMANENTE DEL CLERO Corso aggiornamento 20/22 settembre 2010 Grand Hotel Mosè-Agrigento 1

2 Amministrare bene per annunziare il Regno di Dio La Parrocchia e il Parroco Le Fonti Per amministrare un Ente ecclesiastico quale la Parrocchia, è indispensabile non solo conoscere la normativa di diverse fonti, di diritto canonico e diritto dello Stato, che riguardano l amministrazione, ma anche il loro integrarsi. Le ricordiamo brevemente, e le indicheremo per distinguerle con differenti colori: Diritto canonico: sono, in ordine di gradualità: - il Codice (CIC) promulgato nel 1983, in particolare il libro V che detta la disciplina dei beni temporali della Chiesa (cann ) - la normativa della Conferenza Episcopale Italiana, in modo particolare le delibere adottate in attuazione del CIC e quelle relative all attuazione delle norme concordatarie, ai sensi dell art. 75 della legge 222/1985. Di grande utilità è l Istruzione amministrativa della CEI (IMA) del 2005, di cui occorre conoscere almeno le parti che riguardano l amministrazione della Parrocchia - la legislazione canonica provinciale e regionale - la legislazione diocesana stabilita dal Vescovo (can. 391) - la consuetudine Legislazione civile: si tratta della legislazione concordataria del 1984: - legge 25 marzo 1985, n. 121, che da esecuzione all accordo di revisione del Concordato Lateranense, del 18 febbraio 1984, che ha apportato modifiche al precedente Concordato lateranense dell 11 febbraio 1929, tra la Repubblica italiana e la Santa Sede - legge 20 maggio 1985, n. 206,ratifica ed esecuzione delle norme per la disciplina degli enti e beni ecclesiastici formulate dalla commissione paritetica (art. 7, n.6 accordo 18 febbraio 1984) - legge 20 maggio 1985, n. 222, disposizioni sugli enti e beni ecclesiastici in Italia e per il sostentamento del clero cattolico in servizio nelle diocesi - decreto del presidente della Repubblica 13 febbraio 1987, n. 33, approvazione del regolamento di esecuzione della legge 20 maggio 1985, n L Ente Parrocchia a) Definizione di Parrocchia secondo il Can e 3. 1 La Parrocchia è una determinata comunità di fedeli che viene costituita stabilmente nell ambito di una Chiesa particolare, e la cui cura pastorale è affidata, sotto l autorità del Vescovo diocesano, ad un parroco quale suo proprio pastore. 3 La Parrocchia eretta legittimamente gode di personalità giuridica per il diritto stesso. Nella Nota pastorale della CEI Il volto missionario delle Parrocchie in un mondo che cambia, la Parrocchia viene indicata come una scelta storica della Chiesa, una scelta pastorale, non una pura circoscrizione amministrativa, una ripartizione meramente funzionale della diocesi: essa è la forma storica privilegiata della localizzazione della Chiesa particolare. La Parrocchia deve essere essenzialmente considerata Comunità, una comunità di fedeli; si noti tuttavia che seppure nella quasi totalità nelle parrocchie si trova un edificio sacro, la chiesa, questa non costituisce un elemento essenziale per l erezione della Parrocchia. Sempre per citare il CIC, la Parrocchia è considerata come istituzione obbligatoria: Ogni diocesi o altra Chiesa particolare sia divisa in parti distinte o parrocchie (Cfr. Can. 374, 1). 2

3 La Parrocchia è dotata di personalità giuridica pubblica, secondo il Can Di conseguenza, in campo amministrativo sono direttamente applicabili ad essa tutte le disposizioni del Codice riferibili alle persone giuridiche pubbliche. Nell ambito civilistico la Parrocchia è un ente ecclesiastico civilmente riconosciuto. Occorre qui soffermarsi su alcune importanti peculiarità che caratterizzano la Parrocchia, al pari degli altri enti ecclesiastici, soprattutto nell ordinamento civile. Come è ben noto, in Italia è stata compiuta una riforma legislativa di ampia portata, la riforma concordataria del , che ha portato all Accordo di modificazione del Concordato lateranense tra l Italia e la Santa Sede. Nei primi anni di applicazione della normativa, si sono registrate alcune difficoltà interpretative, soprattutto per la precisa collocazione degli enti ecclesiastici nell ambito dell ordinamento civile italiano, a causa di una certa tendenza di alcune Amministrazioni pubbliche ad assimilare gli enti ecclesiastici alle persone giuridiche private, applicando loro le relative norme del codice civile. E più che opportuno ribadire in questa sede - soprattutto per i pratici effetti che una errata interpretazione anche in ambito locale potrebbe comportare nei confronti di una Parrocchia e delle sue peculiarità che la normativa concordataria riveste valore esaustivo e globalmente alternativo a quella codiciale sulle persone giuridiche private. Se si analizzano infatti i testi normativi, si può facilmente notare come, in materia di enti ecclesiastici, la legislazione pattizia riformata abbia disciplinato tutti i principali tratti della vita giuridica di un ente ecclesiastico: presupposti per il riconoscimento dell ente (cioè della Parrocchia eretta canonicamente), procedura per il riconoscimento, condizione giuridica e regolazione dell attività; cause estintive degli enti stessi. Gli espliciti rinvii all ordinamento canonico (come ordinamento diverso e preesistente) confermano la volontà legislativa di individuare una disciplina speciale per tali enti. Solo per citare le norme più utilizzate: - Art. 7, n. 2 dell Accordo del 1984; - Art. 7, n. 3; - Art. 2 L. 222/85 b) La personalità giuridica civile della Parrocchia. Qualifica di ente ecclesiastico civilmente riconosciuto con decreto del Ministero dell Interno e obbligo di iscrizione nel Registro PPGG della Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo. Anche in questo caso vi è una peculiarità per ciò che concerne l iscrizione degli enti ecclesiastici nel Registro, differenziandosi quindi ancora una volta dalla prescrizione del codice civile (cfr. artt. 5 e 6 della L. 222/85). Esclusione dell obbligo di dotarsi di uno statuto; deposito di un attestazione del Vescovo dalla quale risultino le norme di funzionamento della Parrocchia e i poteri del L.R. Più volte si sono registrati casi di indebite richieste da parte di enti e soggetti pubblici e privati di esibizione dello statuto (a volte persino dell atto costitutivo) della Parrocchia, contenente l indicazione del patrimonio ed altre norme tipiche delle persone giuridiche private. Si tratta, è bene precisarlo, di richieste del tutto infondate. Sulla questione è stata comunque posta la parola fine da una pronuncia del Consiglio di Stato. Accogliendo il ricorso straordinario al Capo dello Stato proposto da una Parrocchia della Diocesi di Roma, il Consiglio di Stato ha reso un interessante parere che chiarisce in via definitiva l indebita richiesta all Ente di atto costitutivo e statuto, precisando che l atto costitutivo è il decreto di riconoscimento della loro qualità di enti ecclesiastici civilmente riconosciuti e che il loro statuto va individuato nelle disposizioni di diritto canonico che li disciplinano e nelle finalità della legge italiana, che a norma dell art. 2 della legge di revisione del concordato sono anche educative e caritative, restando esclusa qualsiasi ulteriore indagine. 3

4 Tutta questa materia, giova ricordare, è stata oggetto di una pronuncia della Commissione paritetica Italia-Santa Sede chiamata a risolvere questioni interpretative ed applicative delle norme relative ai beni ed ad agli enti ecclesiastici approvate con il Protocollo del 15 novembre 1984 (Relazione 24 febbraio 1997). c) La Parrocchia e il suo patrimonio. La stessa Commissione paritetica è intervenuta sul delicato argomento, sottolineando l insussistenza di una normativa pattizia che imponga, in via generale, ai fini del riconoscimento, di conferire rilievo come talora si è preteso da parte italiana alle risorse patrimoniali di cui dispone l ente ecclesiastico. Parlare dell inventario dei beni. Eventuali beni immobili. d) La titolarità dei rapporti della Parrocchia e la validità degli atti posti in essere dal legale rappresentante. Attività svolte ai sensi dell art. 16 lett. a) della legge 222/85. Attenzione, infine, alle attività definite diverse (lettera b ). 2. Il Parroco La definizione di Parroco secondo il Can : Pastore proprio della Parrocchia, responsabile non solo sotto il profilo sacramentale, liturgico, catechetico e caritativo, ma anche sotto il profilo amministrativo. Questo ultimo aspetto fa sì che il Parroco sia: a) il legale rappresentate della Parrocchia b) ne è l amministratore unico c) è tenuto ad adempiere queste funzioni con la diligenza di un buon padre di famiglia (can ) La responsabilità amministrativa della Parrocchia è esercitata sotto l autorità del Vescovo diocesano, con la collaborazione di altri presbiteri o diaconi e con l apporto di fedeli laici (can ). Analizziamo più in dettaglio questi due ultimi aspetti. 3. Gli atti di straordinaria amministrazione: la licenza canonica L esercitare la responsabilità amministrativa della Parrocchia sotto l autorità del Vescovo diocesano comporta che gli atti amministrativi di maggiore importanza, riguardanti ad esempio la vendita di un bene di valore della Parrocchia, richiedano il consenso scritto del Vescovo. Come sempre sono due i profili da tenere presenti: Diritto canonico: Si richiede per tutti gli atti di straordinaria amministrazione la licenza scritta dell Ordinario (can ). Per la validità delle alienazioni dei beni costituenti il patrimonio stabile (can. 1291) e dei negozi che peggiorano lo stato patrimoniale della persona giuridica (can. 1295), fino al valore di ,00, è prevista quindi la licenza del Vescovo, con il consenso del CDAE e del Collegio dei Consultori. Gli atti di straordinaria amministrazione sono determinati da: a) can b) delibera CEI n. 37 c) altri atti stabiliti dal Vescovo diocesano con un decreto generale, deliberato ai sensi del can Attuazione di questa collaborazione è la costituzione in ogni Parrocchia del consiglio per gli affari economici, organo con cui i fedeli aiutano il Parroco nell amministrazione dei beni della Parrocchia, fermo restando il disposto del can. 532 (can. 537). 4

5 Diritto civile: L amministrazione dei beni appartenenti agli enti ecclesiastici è soggetta ai controlli previsti dal diritto canonico (Accordo 18 febbraio 1984, art. 7, comma 1). La conseguenza di questa norma è di grande importanza: i negozi giuridici canonicamente invalidi o inefficaci sono riconosciuti tali anche dall ordinamento statale (purché i limiti canonici siano resi conoscibili ai terzi con l annotazione nel registro delle persone giuridiche). 4. Il Consiglio parrocchiale per gli affari economici (CPAE) Obbligatorietà del CPAE secondo il Can. 537, che ne prescrive l obbligatorietà ( In ogni Parrocchia vi sia il Consiglio. ) E molto utile un Regolamento per i CPAE parrocchiali emanato dal Vescovo (questo è stato fatto dalla Diocesi di Agrigento, mediante la predisposizione dello Statuto dei CPAE). La scelta dei membri che faranno parte del CPAE va compiuta in analogia con quanto stabilito per il CDAE (Can ). Si rammenta che si tratta di una funzione consultiva del CPAE. Questo aspetto non ne diminuisce l importanza, come affermato nell IMA, Essendo chiamati i consiglieri non solamente ad esprimere un parere tecnico, ma anche a condividere la responsabilità dell intera vita della parrocchia mediante una corretta e proficua gestione dei suoi beni 2. Per le decisioni all interno del CPAE ricerca del bene comune non attraverso la conta dei voti ma per mezzo di una comunione di pensiero. Vi è quindi un carattere ecclesiale del CPAE di grande valore. 5. Il Rendiconto La Parrocchia è tenuta a presentare ogni anno il rendiconto amministrativo all Ordinario del luogo, che lo farà esaminare dal Consiglio diocesano per gli affari economici. Questo fedele adempimento costituisce la base di una corretta amministrazione e consente all Ordinario di svolgere il compito di vigilanza (can ). Senza addentrarci in questioni contabili, due concetti relativi al Rendiconto devono essere sempre ricordati: 1 ) L unicità della cassa parrocchiale 2 ) La redazione del Bilancio per Cassa Anche se non obbligatorio, ma ne può stabilire comunque l obbligatorietà la normativa diocesana, sottoliniamo l importanza del preventivo di spesa. Considerata la crescente complessità degli adempimenti occorre infatti passare dal concetto di rendicontazione a quello di gestione dell Ente Parrocchia. Una corretta gestione deve dunque prevedere: - una Programmazione delle spese di notevole entità - la programmazione della manutenzione ordinaria (cfr. nr. 115 IMA) - l accurata analisi dei preventivi di spesa e di intervento - la previsione delle entrate e degli eventuali investimenti dei fondi disponibili Sono tutte attività in cui risulterà fondamentale l apporto dei collaboratori scelti dal Parroco come membri del CPAE. Può essere molto utile mettere a disposizione a livello diocesano, oltre ai normali moduli cartacei per la compilazione del Rendiconto, un programma per l amministrazione della Parrocchia, che oltre a garantire un valido aiuto per la compilazione dell amministrazione, uniforma la tenuta della contabilità. 2 IMA, nr. 105, cpv. 4. 5

6 6. L Inventario dei Beni In ogni parrocchia deve essere presente l Inventario dei Beni, da aggiornare periodicamente e comunque ad ogni cambio del Parroco: sia accuratamente redatto un dettagliato inventario dei beni immobili, dei beni mobili sia preziosi sia comunque riguardanti i beni culturali, e delle altre cose, con la loro descrizione e stima.. (can. 1283, 2 ) Per i beni di valore artistico si rinvia a quanto si dirà nelle successive relazioni. 6

I BENI CULTURALI DI INTERESSE RELIGIOSO

I BENI CULTURALI DI INTERESSE RELIGIOSO I BENI CULTURALI DI INTERESSE RELIGIOSO Res Mixta: bene su cui verte sia la competenza dello Stato che della Chiesa Normativa canonica Normativa civile Normativa pattizia Il patrimonio culturale di interesse

Dettagli

CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI

CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI ISTITUZIONE E REGOLAMENTO In conformità a quanto dispone il Codice di Diritto Canonico, tutte le Parrocchie della Nostra Archidiocesi SONO TENUTE A COSTITUIRE

Dettagli

Fondo Comune Diocesano

Fondo Comune Diocesano Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro Fondo Comune Diocesano Statuto e Regolamento Arezzo, 7 agosto 2013 12 11 di aver predisposto il seguente piano finanziario: Disponibilità attuali della Parrocchia

Dettagli

INDICE GENERALE. CAPITOLO I Il CONCILIO VATICANO II E LA LEGISLAZIONE CANONICA SUI BENI TEMPORALI

INDICE GENERALE. CAPITOLO I Il CONCILIO VATICANO II E LA LEGISLAZIONE CANONICA SUI BENI TEMPORALI Introduzione... Abbreviazioni... V IX CAPITOLO I Il CONCILIO VATICANO II E LA LEGISLAZIONE CANONICA SUI BENI TEMPORALI 1. I principi ispiratori della riforma codiciale sulla scia del Concilio Vaticano

Dettagli

Decreto di erezione della Rettoria di S. Maria alla Fonte (detta anche Chiesa Rossa) in Milano

Decreto di erezione della Rettoria di S. Maria alla Fonte (detta anche Chiesa Rossa) in Milano 214 Decreto di erezione della Rettoria di S. Maria alla Fonte (detta anche Chiesa Rossa) in Milano Prot. Gen. n. 0668 Oggetto: Decreto erezione Rettoria di S. Maria alla Fonte La chiesa cittadina di S.

Dettagli

GLI ENTI ECCLESIASTICI COME SOGGETTI GIURIDICI

GLI ENTI ECCLESIASTICI COME SOGGETTI GIURIDICI GLI ENTI ECCLESIASTICI COME SOGGETTI GIURIDICI Sintesi degli interventi dell Avv. Lucia Di Tommaso nell ambito dell iniziativa di formazione A CESARE QUEL CHE E DI CESARE rivolta ai componenti i Consigli

Dettagli

Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo decennio e visti i Cann. 492, 493 e 494 del Codice di Diritto Canonico.

Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo decennio e visti i Cann. 492, 493 e 494 del Codice di Diritto Canonico. Consiglio Diocesano Affari Economici-Statuto-Decreto 2000 L.V.D. XCI (2000) pp. 812-817 STATUTO DEL CONSIGLIO PER GLI AFFARI ECONOMICI DELLA DIOCESI DI BERGAMO Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo

Dettagli

L ENTE ECCLESIASTICO A TRENT ANNI DALLA REVISIONE DEL CONCORDATO

L ENTE ECCLESIASTICO A TRENT ANNI DALLA REVISIONE DEL CONCORDATO L ENTE ECCLESIASTICO A TRENT ANNI DALLA REVISIONE DEL CONCORDATO a cura di Patrizia Clementi - Lorenzo Simonelli L ENTE ECCLESIASTICO A TRENT ANNI DALLA REVISIONE DEL CONCORDATO a cura di Patrizia Clementi

Dettagli

Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della Conferenza Episcopale Italiana per i beni culturali ecclesiastici

Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della Conferenza Episcopale Italiana per i beni culturali ecclesiastici Disposizioni concernenti la concessione di contributi finanziari della Conferenza Episcopale Italiana per i beni culturali ecclesiastici Approvate dalla 67 a Assemblea Generale (Assisi, 10-13 novembre

Dettagli

Il PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33 sesto comma, 76 e 87 quinto comma della Costituzione;

Il PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33 sesto comma, 76 e 87 quinto comma della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità analitica e del bilancio unico nelle università in attuazione dell articolo 5, comma 1, lettera

Dettagli

Convegno Consigli Affari Economici Parrocchiale marzo/maggio 2012

Convegno Consigli Affari Economici Parrocchiale marzo/maggio 2012 Arcidiocesi di Milano Convegno Consigli Affari Economici Parrocchiale marzo/maggio 2012 1 incontro: La Parrocchia: ente canonico ed ecclesiastico I Consigli e il consigliare Ordinamento Canonico Can. 515,

Dettagli

Conferenza Episcopale della Regione Ecclesiastica Lazio Regolamento 19 ottobre 1999 Rivista diocesana di Roma, 1999, pp

Conferenza Episcopale della Regione Ecclesiastica Lazio Regolamento 19 ottobre 1999 Rivista diocesana di Roma, 1999, pp Regione ecclesiastica 123 Conferenza Episcopale della Regione Ecclesiastica Lazio Regolamento 19 ottobre 1999 Rivista diocesana di Roma, 1999, pp. 1856-1865 I DECRETO DI PROMULGAZIONE IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

EMANA il seguente regolamento :

EMANA il seguente regolamento : MOD.67 Visto l'articolo 87 della Costituzione; Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni; Visto il regio decreto 14 giugno 1934, n. 1181, concernente

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90

Decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90 Decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90 Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di ordinamento militare, a norma dell'articolo 14 della legge 28 novembre 2005, n. 246

Dettagli

I BENI TEMPORALI DELLA CHIESA

I BENI TEMPORALI DELLA CHIESA Velasio De Paolis I BENI TEMPORALI DELLA CHIESA EDIZIONI DEHONIANE BOLOGNA INDICE Abbreviazioni e sigle pag. 5 Libro V I beni temporali della chiesa (cann. 1254-1310)» 7 PREMESSE INTRODUTTTVE» 7 NOZIONI

Dettagli

Il diritto ecclesiastico

Il diritto ecclesiastico 1 Il diritto ecclesiastico Studia il settore giuridico dello Stato volto a disciplinare il fenomeno religioso Studia cioè le norme che riguardano tutte le confessioni religiose e quelle che riguardano

Dettagli

Amministrazione parrocchiale:

Amministrazione parrocchiale: Amministrazione parrocchiale: linee guida, strumenti, percorsi ed esperienze a.perini@idsunitelm.it m.giorato@idsunitelm.it 1 Linee guida Il Codice di Diritto Canonico Le delibere della CEI Disposizioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 2 febbraio 1994, 11. 175 Approvazione dell intesa Italia-Santa Sede per il riconoscimento dei titoli accademici pontifici. Il Presidente della Repubblica: Visto

Dettagli

ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1

ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1 Azione Cattolica Italiana Arcidiocesi di Udine ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1 CAP. 1 L Azione Cattolica Italiana dell Arcidiocesi di Udine L Atto Normativo Diocesano L Atto Normativo diocesano disciplina ed

Dettagli

vista la Convenzione 23 settembre 1884 stipulata tra la Santa Sede e lo Stato del Cantone Ticino

vista la Convenzione 23 settembre 1884 stipulata tra la Santa Sede e lo Stato del Cantone Ticino Disegno di legge sulla Chiesa cattolica (del...) Il Gran Consiglio della Repubblica e Cantone Ticino vista la Convenzione 23 settembre 1884 stipulata tra la Santa Sede e lo Stato del Cantone Ticino preso

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 24 ottobre 2014. Procedure e schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale, dei suoi aggiornamenti annuali e dell elenco

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1994 II COMMISSIONE CONSILIARE AFFARI ISTITUZIONALI COMMISSIONE SPECIALE RIORDINO DELLE AUTONOMIE PROGETTO DI LEGGE N.

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1994 II COMMISSIONE CONSILIARE AFFARI ISTITUZIONALI COMMISSIONE SPECIALE RIORDINO DELLE AUTONOMIE PROGETTO DI LEGGE N. REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1994 II COMMISSIONE CONSILIARE AFFARI ISTITUZIONALI COMMISSIONE SPECIALE RIORDINO DELLE AUTONOMIE PROGETTO DI LEGGE N. 0066 d iniziativa del Presidente

Dettagli

INDICE. Premessa INTRODUZIONE

INDICE. Premessa INTRODUZIONE INDICE Premessa... 11 INTRODUZIONE Lezione 1 COLLOCAZIONE SISTEMATICA DELLA PARTE GENERALE DEL DIRITTO CANONICO 1. Lo studio del diritto canonico e le sue branche... 15 2. La Parte generale del diritto

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2013/2014 MODULO A LEZIONE N. 1 INTRODUZIONE AL BILANCIO DI ESERCIZIO LA REALTA AZIENDALE L azienda può essere considerata un insieme di elementi: Organismo personale; Assetto

Dettagli

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA S.O.GE

CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA S.O.GE CORSO DI RAGIONERIA A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA S.O.GE MODULO A INTRODUZIONE AL BILANCIO DI ESERCIZIO LA REALTA AZIENDALE L azienda può essere considerata un insieme di elementi: Organismo personale;

Dettagli

FONDO COMUNE DIOCESANO

FONDO COMUNE DIOCESANO FONDO COMUNE DIOCESANO Il Fondo Comune Diocesano è costituito da una quota dell otto per mille trasmesso dalla CEI alla Diocesi di Brescia (settore per il Culto e la Pastorale) e dalle tasse sulle vendite

Dettagli

DIOCESI DI TERNI-NARNI-AMELIA VADEMECUM AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA. Ai sensi del Decreto vescovile prot. n. C del 1 giugno 2016

DIOCESI DI TERNI-NARNI-AMELIA VADEMECUM AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA. Ai sensi del Decreto vescovile prot. n. C del 1 giugno 2016 DIOCESI DI TERNI-NARNI-AMELIA VADEMECUM AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA Ai sensi del Decreto vescovile prot. n. C 185.16 del 1 giugno 2016 UFFICIO ECONOMATO DIOCESANO Giugno 2016 Prot. N. C 185.16 GIUSEPPE

Dettagli

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA Art. 1, commi Legge , n. 208

TRASFORMAZIONE AGEVOLATA Art. 1, commi Legge , n. 208 GRUPPO DI LAVORO FISCALITÀ IMMOBILIARE TRASFORMAZIONE AGEVOLATA Art. 1, commi 115-120 Legge 28.12.2015, n. 208 Analisi dei principali aspetti civilistici 13 luglio 2016 Alberto Miglia Trasformazione -

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 2/23 DEL 26/03/2014 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

DETERMINAZIONE N. 2/23 DEL 26/03/2014 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Settore: FINANZIARIO Servizio : ECONOMATO INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 181/14 DETERMINAZIONE N. 2/23 DEL 26/03/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE CONTO DEL PATRIMONIO ANNO 2013. IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

GLI ATTI AMMINISTRATIVI

GLI ATTI AMMINISTRATIVI GLI ATTI AMMINISTRATIVI Distinzione e procedure RELAZIONE Amministrazione ordinaria Amministrazione straordinaria Gli atti amministrativi soggetti ad autorizzazione Le procedure per l autorizzazione d.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO N. 119/2014 Prot. n. 0022703 /1.2.2 del 03/09/2014 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. COPERTURA ASSICURATIVA PER MORTE ED INVALIDITÀ PERMANENTE PER INFORTUNIO - RINNOVO POLIZZA COLLETTIVA CON LA SOCIETÀ UNIPOL ASSICURAZIONI PER L

Dettagli

Decreto di costituzione della Parrocchia personale per i migranti S. Stefano Maggiore

Decreto di costituzione della Parrocchia personale per i migranti S. Stefano Maggiore 120 Decreto di costituzione della Parrocchia personale per i migranti S. Stefano Maggiore Oggetto: Decreto modifica Parrocchia di S. Stefano Maggiore in Milano - Cappellania dei Migranti Prot. Gen n. 0230

Dettagli

Deliberazione n. 179/2008

Deliberazione n. 179/2008 Deliberazione n. 179/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Giancarlo Penco dott. Giuliano

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visto Vista l articolo 87 della Costituzione; la legge 25 marzo 1985, n. 121, recante ratifica ed esecuzione dell accordo, con protocollo addizionale, firmato a Roma il 18

Dettagli

Legge federale sull Istituto svizzero di diritto comparato

Legge federale sull Istituto svizzero di diritto comparato Legge federale sull Istituto svizzero di diritto comparato 425.1 del 6 ottobre 1978 (Stato 1 gennaio 2007) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 27 sexies della Costituzione

Dettagli

Deliberazione n. 82/2008

Deliberazione n. 82/2008 Deliberazione n. 82/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Parere n. 3/Par./2005

Parere n. 3/Par./2005 Corte dei Conti Parere n. 3/Par./2005 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 16 marzo 2005, composta dai Magistrati: Dott. Ivo

Dettagli

COMUNE DI POMEZIA (Città metropolitana di Roma Capitale) Piazza Indipendenza, 21 C.A.P COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

COMUNE DI POMEZIA (Città metropolitana di Roma Capitale) Piazza Indipendenza, 21 C.A.P COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI COMUNE DI POMEZIA (Città metropolitana di Roma Capitale) Piazza Indipendenza, 21 C.A.P. 00040 COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Verbale n. 7 del 22/11/2016 Parere sulla Proposta di Deliberazione sull Approvazione

Dettagli

proposta di legge n. 83

proposta di legge n. 83 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 83 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 26 agosto 2016 ISTITUZIONE DI UN NUOVO COMUNE MEDIANTE FUSIONE DEI COMUNI DI MONTEMAGGIORE

Dettagli

PREAMBOLO. Il Consiglio regionale

PREAMBOLO. Il Consiglio regionale Proposta di legge di iniziativa della Giunta regionale Istituzione del Comune di Abetone Cutigliano, per fusione dei Comuni di Abetone e di Cutigliano. Visti gli articoli 117 e 133, della Costituzione;

Dettagli

Legge 13 giugno 2005, n delega al Governo concernente la disciplina. dell'impresa Sociale.

Legge 13 giugno 2005, n delega al Governo concernente la disciplina. dell'impresa Sociale. Legge 13 giugno 2005, n. 118 1 delega al Governo concernente la disciplina dell'impresa Sociale. 1 Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 153 del 4 luglio 2005. Il testo non ha valore legale; rimane, dunque,

Dettagli

II Giornata delle Reti di Impresa

II Giornata delle Reti di Impresa II Giornata delle Reti di Impresa IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER LE RETI I nuovi profili fiscali Francesca Mariotti Confindustria Roma, 10 gennaio 2013 Quali sono le modifiche alla disciplina con impatti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... pag. V Premessa alla dodicesima edizione...» XI I IL DIRITTO, I SOGGETTI, GLI ATTI. NOZIONI DI BASE

INDICE SOMMARIO. Premessa... pag. V Premessa alla dodicesima edizione...» XI I IL DIRITTO, I SOGGETTI, GLI ATTI. NOZIONI DI BASE INDICE SOMMARIO Premessa... pag. V Premessa alla dodicesima edizione...» XI I IL DIRITTO, I SOGGETTI, GLI ATTI. NOZIONI DI BASE Capitolo 1 IL DIRITTO 1. Le regole prescrittive... pag. 1 2. Regole e sanzioni...»

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 2/26 DEL 01/04/2016 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

DETERMINAZIONE N. 2/26 DEL 01/04/2016 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Settore: FINANZIARIO Servizio : ECONOMATO INDICE CRONOLOGICO GENERALE N. 189 DETERMINAZIONE N. 2/26 DEL 01/04/2016 OGGETTO: APPROVAZIONE CONTO DEL PATRIMONIO ANNO 2015. IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI

CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI La Caritas Ambrosiana, Ufficio all interno del Settore per la Missione e la Carità che opera nel quadro delle linee pastorali indicate dal Capitolo 4 del Sinodo

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 202 del 10/05/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 202 del 10/05/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 202 del 10/05/2016 Dipartimento 60 - Uffici speciali Direzione Generale 8 - Ufficio Comunitario Regionale Oggetto dell'atto: DGR 165/2016 VARIAZIONE COMPENSATIVA DI BILANCIO

Dettagli

Con l occasione Ti invio i miei più cordiali saluti,

Con l occasione Ti invio i miei più cordiali saluti, Milano, 30 maggio 2011 Egr. Dott. Claudio Siciliotti Presidente CNDCEC Piazza della Repubblica, 59 00185 Roma Norme di comportamento del Collegio Sindacale Caro Presidente, ho il piacere di inviarti in

Dettagli

LA STRUTTURA AMMINISTRATIVA DELLA PARROCCHIA: PROPRIETÀ, ATTI AMMINISTRATIVI, RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE Avvocato Alessandro Picozzi

LA STRUTTURA AMMINISTRATIVA DELLA PARROCCHIA: PROPRIETÀ, ATTI AMMINISTRATIVI, RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE Avvocato Alessandro Picozzi LA STRUTTURA AMMINISTRATIVA DELLA PARROCCHIA: PROPRIETÀ, ATTI AMMINISTRATIVI, RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE Avvocato Alessandro Picozzi 1. Le fonti giuridiche La relazione parte dalle considerazioni contenute

Dettagli

tra autorità scolastica e conferenza episcopale italiana per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

tra autorità scolastica e conferenza episcopale italiana per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche D.P.R. 16 dicembre 1985, n. 751 "Esecuzione dell intesa tra l autorità scolastica italiana e la Conferenza episcopale italiana per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche" (L intesa

Dettagli

Unione dei Comuni Marghine

Unione dei Comuni Marghine Unione dei Comuni Marghine DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE n. 14 del 07.06.2016 OGGETTO: Approvazione dello schema di bilancio di previsione finanziario 2016-2018 e dell aggiornamento del

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE

ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE Regolamento Disposizioni regolamentari per la disciplina delle Aziende Ospedaliero Universitarie della Regione Puglia ai sensi del D.L.gs

Dettagli

XIV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N B

XIV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N B XIV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N. 3045-B DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DALLA CAMERA DEI DEPUTATI il 20 novembre 2003 (v. stampato Senato n. 2595) MODIFICATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA l'11 maggio 2005

Dettagli

CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO

CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO CORSO DI REVISIONE CONTABILE IL QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO ALESSIO SILVESTRI Università di Pisa -Legge n. 1966, 1939 - D.P.R. n. 136, 1975 - D. Lgs. n. 88, 1992 - D. Lgs. n. 58, 1998 (Legge Draghi)

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie Procedura di selezione comparativa per il conferimento di un incarico professionale nell ambito della realizzazione degli interventi previsti dal progetto Supporto alle amministrazioni pubbliche impegnate

Dettagli

Illustrazione giuridica e amministrativa di una scuola dell infanzia a gestione parrocchiale

Illustrazione giuridica e amministrativa di una scuola dell infanzia a gestione parrocchiale LA PARROCCHIA Illustrazione giuridica e amministrativa di una scuola dell infanzia a gestione parrocchiale A) PERSONA GIURIDICA CANONICA ED ENTE CIVILMENTE RICONOSCIUTO - La Parrocchia persona giuridica

Dettagli

QUESTIONARIO AMMINISTRATIVO

QUESTIONARIO AMMINISTRATIVO Diocesi di Trieste Visita Pastorale anno 2016-2017 di S. E. mons. Giampaolo Crepaldi Arcivescovo - Vescovo di Trieste QUESTIONARIO AMMINISTRATIVO Parrocchia: In Comune di Decanato di Data della visita:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Consiglio di Stato. Sezione Prima. Adunanza di Sezione del 15 giugno 2016

REPUBBLICA ITALIANA. Consiglio di Stato. Sezione Prima. Adunanza di Sezione del 15 giugno 2016 Numero 01460/2016 e data 17/06/2016 Spedizione REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Prima Adunanza di Sezione del 15 giugno 2016 NUMERO AFFARE 00921/2016 OGGETTO: Autorità nazionale anticorruzione.

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA LA CONFERENZA UNIFICATA Nella odierna seduta del ; VISTO il decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, recante Definizione ed ampliamento delle attribuzioni della Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

L.R. 26/2015, art. 10 B.U.R. 2/2/2016, S.O. n. 8. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 gennaio 2016, n. 012/Pres.

L.R. 26/2015, art. 10 B.U.R. 2/2/2016, S.O. n. 8. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 gennaio 2016, n. 012/Pres. L.R. 26/2015, art. 10 B.U.R. 2/2/2016, S.O. n. 8 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 gennaio 2016, n. 012/Pres. Regolamento recante la disciplina della gestione economale della spesa di cui all art.

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 07 del 03.03.2016 OGGETTO: Approvazione Bilancio annuale 2016 e Bilancio pluriennale 2016/2018 con funzione autorizzatoria Relazione previsionale e programmatica

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA FORENSE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI

STATUTO DELLA SCUOLA FORENSE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI STATUTO DELLA SCUOLA FORENSE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI RIETI Art. 1) Costituzione Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Rieti, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 29, comma 1, lett. c)

Dettagli

Q u a l e f o r m a g i u r i d i c a p e r l a n u o v a i m p r e s a?

Q u a l e f o r m a g i u r i d i c a p e r l a n u o v a i m p r e s a? Impresa individuale Società di persone Società di capitali 1 IMPRESA INDIVIDUALE Normativa di riferimento: Artt. 2082, 2195, 2196 c.c Per la sua costituzione non sono richiesti particolari adempimenti

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO

COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO NOI IGNAZIO CANNAVÒ ARCIVESCOVO - ARCHIMANDRITA DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA Visti i Decreti Conciliari

Dettagli

Pronuncia n. 7 / 2008

Pronuncia n. 7 / 2008 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA nell adunanza del 18 giugno 2008 Pronuncia n. 7 / 2008 Composta dai seguenti magistrati: Cons. Francesco Amabile Presidente f.f. relatore

Dettagli

L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34

L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34 L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 10 agosto 2011, n. 0198/Pres. Regolamento di cui all articolo 18, comma 3, della legge regionale 7 luglio 2006,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 CLASSIFICAZIONE DEI CONSORZI Tipi di consorzi...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 CLASSIFICAZIONE DEI CONSORZI Tipi di consorzi... Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CLASSIFICAZIONE DEI CONSORZI 1.1. Tipi di consorzi................................ 15 CAPITOLO 2 CONSORZI INDUSTRIALI

Dettagli

SEZIONE II Disposizioni riguardanti le organizzazioni non lucrative di utilità sociale. Art. 10 Organizzazioni non lucrative di utilità sociale

SEZIONE II Disposizioni riguardanti le organizzazioni non lucrative di utilità sociale. Art. 10 Organizzazioni non lucrative di utilità sociale SEZIONE II Disposizioni riguardanti le organizzazioni non lucrative di utilità sociale Art. 10 Organizzazioni non lucrative di utilità sociale 1. Sono organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS)

Dettagli

TESTO RISULTANTE DALL ESAME DEGLI EMENDAMENTI IN SEDE REFERENTE

TESTO RISULTANTE DALL ESAME DEGLI EMENDAMENTI IN SEDE REFERENTE Organi collegiali della scuola (C. 774 e abb.) TESTO RISULTANTE DALL ESAME DEGLI EMENDAMENTI IN SEDE REFERENTE Norme concernenti il governo delle istituzioni scolastiche. ART. 1. (Governo delle istituzioni

Dettagli

Fonti del diritto amministrativo

Fonti del diritto amministrativo Titolo I Fonti del diritto amministrativo Capo I Costituzione e leggi costituzionali 1. Costituzione della Repubblica Italiana, approvata dall Assemblea Costituente il 22-12-1947, promulgata dal Capo provvisorio

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

GOLF TOLCINASCO S.r.l. Sede in Pieve Emanuele località Tolcinasco (MI) Capitale Sociale 30.712.890,00 i.v. Registro delle Imprese e Codice Fiscale 02053200966 **** RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE SUL

Dettagli

ARCIDIOCESI DI NAPOLI. Norme essenziali. per l amministrazione della parrocchia. Atti di ordinaria amministrazione

ARCIDIOCESI DI NAPOLI. Norme essenziali. per l amministrazione della parrocchia. Atti di ordinaria amministrazione ARCIDIOCESI DI NAPOLI Norme essenziali per l amministrazione della parrocchia Atti di ordinaria amministrazione E atti eccedenti l ordinaria amministrazione 1. La parrocchia persona giuridica. Il Codice

Dettagli

IL COMITATO DEI DELEGATI DELLA ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

IL COMITATO DEI DELEGATI DELLA ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI IL COMITATO DEI DELEGATI DELLA ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI Riunione del 26 novembre 2014 - Visti lo Statuto e i regolamenti vigenti;

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 126/16/CONS AUTORIZZAZIONE ALL AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA SUL MERCATO ELETTRONICO MEDIANTE RICHIESTA D OFFERTA (RDO) PER L ACQUISIZIONE DEI SERVIZI DI HOSTING DEL SITO WEB DELL AUTORITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA MICROCHIRURGIA RICOSTRUTTIVA E CHIRURGIA DEI LINFATICI

REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA MICROCHIRURGIA RICOSTRUTTIVA E CHIRURGIA DEI LINFATICI REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA MICROCHIRURGIA RICOSTRUTTIVA E CHIRURGIA DEI LINFATICI Emanato con Decreto 31 marzo 2015, n. 228 Entrato in vigore il 31 marzo 2015 UFFICIO AFFARI GENERALI, ORGANI E RAPPORTI

Dettagli

«Decreto sugli enti di certificazione»

«Decreto sugli enti di certificazione» «Decreto sugli enti di certificazione» Regolamento recante disciplina delle caratteristiche e dei requisiti richiesti per l espletamento dei compiti di certificazione indipendente della qualità e della

Dettagli

FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO

FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA DI TURISMO Quali sono le autorità che possono produrre norme relative al turismo? 1) Stato; 2) Regioni; 3) Enti locali; 4) Diritto internazionale; 5) Unione europea. Art. 117

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA.

L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA. L ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO AI SENSI DEL D.L.vo 626/94 RELATIVAMENTE ALLE ATTIVITA SCOLASTICHE E ALLE UNIVERSITA. 1) L AUTORIZZAZIONE ANTINCENDIO NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE Il D.M. 16.02.1982,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI (AFFARI ESTERI E COMUNITARI) (Ai sensi dell articolo 79, comma 15, del regolamento) presentata alla Presidenza il 21 gennaio 2000

CAMERA DEI DEPUTATI (AFFARI ESTERI E COMUNITARI) (Ai sensi dell articolo 79, comma 15, del regolamento) presentata alla Presidenza il 21 gennaio 2000 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati N. 6408-A CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE DELLA III COMMISSIONE PERMANENTE (AFFARI ESTERI E COMUNITARI) (Ai sensi dell articolo 79, comma 15, del regolamento) presentata

Dettagli

Statuto quadro per unità pastorali. nella. Diocesi di Coira

Statuto quadro per unità pastorali. nella. Diocesi di Coira ORDINARIATO VESCOVILE COIRA CURIA EPISCOPALIS CURIENSIS Statuto quadro per unità pastorali nella Diocesi di Coira 2010 3 1. L unità pastorale 1 1.1 L unità pastorale è un territorio eretto canonicamente,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA IN CHIRURGIA TORACICA

REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA IN CHIRURGIA TORACICA REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RICERCA IN CHIRURGIA TORACICA Emanato con Decreto 3 marzo 2003, n. 4939 Ultime modifiche emanate con Decreto 10 dicembre 2008, n. 13944 UFFICIO AFFARI GENERALI, ORGANI E RAPPORTI

Dettagli

PARTE PRIMA QUESTIONI GENERALI

PARTE PRIMA QUESTIONI GENERALI INDICE-SOMMARIO Notizie sugli Autori...» V PARTE PRIMA QUESTIONI GENERALI CAPITOLO I IL DIRITTO ECCLESIASTICO: AMBITO E PRINCIPI 1. Concetto e ambito del «diritto ecclesiastico»... Pag. 3 2. segue...»

Dettagli

I BENI TEMPORALI DELLA CHIESA E LE PERSONE GIURIDICHE

I BENI TEMPORALI DELLA CHIESA E LE PERSONE GIURIDICHE I BENI TEMPORALI DELLA CHIESA E LE PERSONE GIURIDICHE Il Codice di Diritto Canonico dedica ai beni temporali della Chiesa un libro a sé, il quinto, comprendente una parte introduttiva (cann. 1254-1258)

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 5854 Seduta del 28/11/2016

DELIBERAZIONE N X / 5854 Seduta del 28/11/2016 DELIBERAZIONE N X / 5854 Seduta del 28/11/2016 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

Norme sull'aeroporto civile di Bolzano

Norme sull'aeroporto civile di Bolzano Proposta di Legge provinciale nr.... Norme sull'aeroporto civile di Bolzano Relazione del presentatore, consigliere provinciale Riccardo Dello Sbarba. Gli obbiettivi di questo disegno di legge. Il 2 gennaio

Dettagli

Convenzione tra la Chiesa metodista coreana di Roma, la Tavola valdese e il Comitato permanente OPCEMI

Convenzione tra la Chiesa metodista coreana di Roma, la Tavola valdese e il Comitato permanente OPCEMI 8 Convenzione tra la Chiesa metodista coreana di Roma, la Tavola valdese e il Comitato permanente OPCEMI N O T A La Chiesa Metodista Coreana di Roma nel 1996 chiede di essere accolta nell Unione delle

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 49 DEL 10 SETTEMBRE 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 49 DEL 10 SETTEMBRE 2007 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA - n. 360 del 27 luglio 2007 ASSISTENZA SOCIALE, PROGRAMMAZIONE E VIGILANZA SUI SERVIZI SOCIALI - I.P.A.B. "CASA DI RIPOSO ELENA E CELESTINO

Dettagli

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ;

VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, concernente Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; VISTO il R.D. 23 maggio 1924, n. 827, concernente il regolamento

Dettagli

AMMINISTRANDO LA CARITAS: ISTRUZIONI PER L USO

AMMINISTRANDO LA CARITAS: ISTRUZIONI PER L USO AMMINISTRANDO LA CARITAS: ISTRUZIONI PER L USO Un breve percorso per individuare alcuni nodi operativi e ottenere alcune indicazioni di massima Percorso di formazione base per Equipe Caritas diocesana

Dettagli

ARTICOLO 1. (Esercizio delle funzioni ex ERSAP)

ARTICOLO 1. (Esercizio delle funzioni ex ERSAP) Legge Vigente Anno 1997 Numero 18 Data 04/07/1997 Materia Enti strumentali dipendenti Titolo Procedure di attuazione del piano di liquidazione del soppresso Ente regionale di sviluppo agricolo della Puglia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA. Nella adunanza del 14 gennaio 2016

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA. Nella adunanza del 14 gennaio 2016 Deliberazione n. 4/2016 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA dott. Giuseppe Ginestra dott. Michela Muti dott. Raffaele Maienza dott. Elisabetta Usai Presidente

Dettagli

Rispetto alla regola contenuta in tale articolo, nella pratica, si pongono tra l altro le seguenti problematiche:

Rispetto alla regola contenuta in tale articolo, nella pratica, si pongono tra l altro le seguenti problematiche: ACQUISTO DI IMMOBILI DA PARTE DEGLI ENTI TERRITORIALI DOPO IL 1 GENNAIO 2014 (ART. 12, COMMA 1-TER DEL DECRETO LEGGE N. 98/2011). La delibera della Corte dei Conti, Sezione Regionale di Controllo per la

Dettagli

INDICE SOMMARIO COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili... 5 Titolo II Rapporti etico-sociali... 8 Titolo III Rapporti economici...

Dettagli

TRASFERIMENTO O RINUNCIA DEL PARROCO

TRASFERIMENTO O RINUNCIA DEL PARROCO TRASFERIMENTO O RINUNCIA DEL PARROCO Il momento dell avvicendamento del Parroco è una situazione da seguire con particolare attenzione anche sotto il profilo amministrativo. E necessario, infatti, garantire

Dettagli

COMUNE DI OSTELLATO PROVINCIA DI P.zza Repubblica Nr. 1 COMUNE DI OSTELLATO (FE)

COMUNE DI OSTELLATO PROVINCIA DI P.zza Repubblica Nr. 1 COMUNE DI OSTELLATO (FE) COMUNE DI OSTELLATO PROVINCIA DI P.zza Repubblica Nr. 1 COMUNE DI OSTELLATO (FE) AREA SERVIZI CULTURALI Responsabile ZAPPI MARINA Determinazione N.186 del 20/02/2012 OGGETTO: CONFERIMENTO INCARICO DI LAVORO

Dettagli

I modi, i tempi e i costi del ripristino

I modi, i tempi e i costi del ripristino SISMA 2012 Pieve di Cento 13 giugno 2016 I modi, i tempi e i costi del ripristino RUP Arcidiocesi di Bologna LE NORMATIVE NAZIONALI E REGIONALI Decreto Legge n. 74-2012 convertito in Legge n. 122-2012

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 176 del 30/12/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 176 del 30/12/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 176 del 30/12/2014 LEGGE REGIONALE 23 dicembre 2014, n. 52 Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2015 e bilancio pluriennale 2015 2017 della

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU29 18/07/2013

REGIONE PIEMONTE BU29 18/07/2013 REGIONE PIEMONTE BU29 18/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 28 giugno 2013, n. 9-6021 Recepimento dell'intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome sul documento recante "Disciplinare

Dettagli