Roma, 18 settembre Claai

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma, 18 settembre 2014. Claai"

Transcript

1 .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si è convenuto sua presente ipotesi di accordo per a stipua de CCNL per i avoratori dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi dì Puizie.

2 Tra CNA Servizi aa Comunità rappresentata da Presidente Franco M ingozzi, da Responsabie Nazionae Mario Turco e dai componenti dea presidenza nazionae CNA Servizi aa Comunità Francesco Gennarieì - portavoce imprese di puizie- Nives Canovi e Antonietta Campesato. Assistite daa Confederazione Nazionae de'artigianato e dea Piccoa e Media Impresa - CNA, rappresentata da Presidente Daniee Vaccarino e da Segretario Generae Sergio Sivestrini, coadiuvati da Responsabie Dipartimento Reazioni Sindacai Stefano Di Nioa e da Responsabie Ufficio Poitiche Contrattuai Maurizio De Cari i. Confartigianato Imprese di Puizia, rappresentata da Presidente Ugo Armanetti, da Consigiere Nazionae deegato a contratto Stefano Rampazzo, dai Consigieri Nazionai Avaro Giovannini, uca Canderan, Marina Roa e daa Responsabie Nazionae Daniea Scaccia; Assistite daa Confartigianato Imprese rappresentata da Presidente Giorgio Meretti e da Segretario Generae Cesare Fumagai, coadiuvati da Direttore de'area Reazioni Sindacai Riccardo Giovani e da Funzionario de Settore Contrattuae Fabio Antonii; Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani - CASARTIGIANI, rappresentata da Presidente Giacomo Basso con 'assistenza de Direttore Generae Nicoa Mofese e con 'intervento dea Federazione Itaiana imprese di puizia, rappresentata da Responsabie Nazionae Confederazione dee ibere Associazioni Artigiane Itaiane- CAAI rappresentata da Presidente Stefano Fugazza, da Vice Presidente Aessandro imatoa, da Vice Presidente Vicario Orazia Patania e dai Sigg. Franco Prinzivai, Water Mariani, Ernesto emmoo, Giorgio Vioi, Giuseppe Megioa, Sivio Guerrieri, e Adofo Giampaoo, assistiti da Segretario Generae Marco Accornero, da Pasquae Maiocco e Rita Bazani. e FILCAMS-CGIL rappresentata daa Segretaria Nazionae Eisa Cameìni, daa Funzionaria Nazionae uciana Mastrocoa e dae Segretarie Regionai Margherita Grigoato e Antonea Protopapa; FISASCAT-CISL rappresentata da Segretario Generae Aggiunto Giovanni Piruì e dai Segretari Regionai: Rosaba Cara i, Angeo azzaro, Maurizia Rizzo; UILTRASPORTI-U/L rappresentata da Segretario Nazionae Marco Verzari e dai Segretari Regionai Daniee Zennaro e Stefano adogana. C:::U!( /)} 2

3 Premessa Le parti prima dea stampa de presente CCNL concorderanno un apposita premessa a presente CCNL. Art. 1 - Campo di appicazione de contratto I presente contratto sì appica a personae dipendente dae imprese artigiane aventi ì requisiti richiesti daa egge 8 agosto 1985, n. 443 e successive modìfìcazìonì e ìntegrazìonì, ìvì comprese e apposite normatìve regionai in materia, esercenti, a titoo esempificativo e non esaustivo, e seguenti attività : servizi di puizia e attività compementari svote newambito di mostre, negozi, uffici, condomini, ed in genere aree e ambienti pubbici e privati, sia negi spazi interni che esterni, compresi ì piazzai e reparti industriai; servizi di disinfezione, sanificazione e steriizzazione; servizi dì disinfestazione e derattizzazione così come definiti e regoati daa egge 25 gennaio 1994, n. 82, da DM 7 ugio 1997 n. 274 e da DM 31 gennaio 2007, n. 7; o servizi di puizia e manutenzione di piscine. Art. 2 -nscindibiità dee disposizioni de contratto Le disposizioni de presente contratto sono correate ed ìnscìndìbìì fra oro e non ne è ammessa, pertanto, a parziae appicazione. Le partì convengono che tra i requisiti per accedere a finanziamenti agevoati e/o agevoazioni fiscai e contributive, owero a fondi per a formazione professionae da enti pubbici nazionai o regionai e daa UE, sia compreso 'impegno da parte de'impresa a'appìcazìone dee norme de c.c.n.. e dì egge in materia dì avoro. Ferma restando 'ìnscindìbiìtà di cui sopra, e partì dichiarano che con i presente contratto non hanno inteso~ sostituire e condizioni dì migior favore esistenti. Art. 3-Durata e scadenza I presente CCNL ha durata triennae e scadrà i31 dicembre Esso sì intenderà tacitamente rinnovato dì anno in anno sempreché non venga disdetto da una dee parti non otre ì sei mesi precedenti a scadenza, tramite raccomandata A/R. I presente contratto continuerà a produrre ì suoi effetti anche dopo a scadenza dì cui sopra, fino aa data dì decorrenza de successivo accordo di rinnovo. Art. 4- Rapporti sindacai Premessa Le parti, vautata 'importanza che o sviuppo de'imprenditoria artigiana ha assunto ne'economia generae de settore e de Paese, concordano su sistema di rapporti sindacai che tramite esami congiunti sue materie di seguito eencate consentano una più approfondita conoscenza dee probematiche che investono 'artigianato, finaizzata a raggiungimento dì più consistenti ed eevati ivei occupazionai, attraverso a reaizzazione dì un progetto di quaificazione e sviuppo dee imprese artigiane, 'acquisizione dì tecnoogie più avanzate ed i consoidamento dee strutture produttive e dea oro autonomia. Le Organizzazioni artigiane e FISASCAT-FILCAMS-UILTRASPORTI concordano sua istituzione dì un sistema organico di reazioni sindacai che, articoandosi su vari momenti e iveì attraverso specifiche modaità, persegua 'obiettivo dì reaizzare un migioramento compessivo dei rapporti tra e rispettive organizzazioni e o sviuppo di una più puntuae ed incisiva cutura sindacae che veda ne reciproco confronto uno strumento fondamentae dì sviuppo de'artigianato. Osservatori di settore Le partì convengono sua necessità dì dotarsi, ne'ambito de sistema biaterae, di una serie dì strumenti di partecipazione, a iveo nazionae e regionae, funzionai a'acquisizione dì dati conoscitivi inerenti e dinamiche economico-produttive, i processi egisativi ed amministrativi che coinvogono i sistema dee imprese esercenti servizi di puizia mostre, negozi, uffici ed in genere aree e ocai pubbici e privati, cornpresi ì piazzai ed ì reparti industriai servizi di disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione. Pertanto e partì individuano nea costituzione deii"'osservatorìo nazionae" e degi "Osservatori regionai" strumenti utii a favorire anche i funzionamento dea struttura contrattuae prevista da presente c.c.n.., rappresentando atresì un momento di supporto dee possibììtà partecipatìve de settore ae scete di poitica economica. Quando e parti a iveo regionae ne ravvedano 'esigenza, gi Osservatori possono essere costituiti anche a iveo territoriae, aorché ciò sia giustificato da particoari situazioni produttive ed o~cupazionai (aree sistema). f? ;r~~ """};J""Jt~ex... " 2\. Fn}~,

4 - e prospettive produttive dei settori; e tendenze di fondo registrate e prevedibii per quanto riguarda 'andamento degi investimenti e dee commesse, con riferimento ai tipi di avorazione; a consistenza dei settori; e trasformazioni e/o i nuovi insediamenti significativi che si determinassero, con dati disaggregati, e e reative scete di poitica economica; -'andamento de mercato con particoare riferimento a sistema de'assegnazione dee gare d'appato ne settore; - 'andamento gobae de'occupazione, con dati disaggregati, ove possibie, per cassi d'età, sesso, quaifiche e per i diversi comparti, indicando e esigenze di manodopera divise per specifiche figure professionai per costruire occasioni di avoro nei settori; - i mercato de avoro, con particoare riferimento a part-time, a'occupazione femminie, a'apprendistato e ai contratti a tempo determinato; -'esame dee probematiche inerenti e pari opportunità; - 'andamento degi istituti contrattuai reativi aa retribuzione, a'organizzazione de avoro e aa quaificazione professionae, ai regimi di orario; - 'evouzione dea situazione ambientae, in reazione sia agi adempimenti di egge, sia a situazioni particoarmente critiche che si dovessero evidenziare, anche con i coinvogimento di enti pubbici; -esame dei finanziamenti pubbici a sistema dee imprese; - esame dei probemi e dee prospettive de sistema di formazione professionae regionae, finaizzato ad un diretto intervento dee parti in funzione dee esigenze produttive e de mercato de avoro; - 'esame dee prospettive e dei probemi reativi ai processi d'innovazione tecnoogica; - 'attuazione di iniziative, autonome o congiunte, per ampiare i fusso di informazioni sopra descritto, nei confronti di enti pubbici, istituti di ricerca pubbici e privati, ecc. Gi Osservatori, sua base dei compiti sopra stabiiti, potranno vautare a possibiità di promuovere studi o indagini su temi di comune interesse, definendo modaità e criteri di reaizzazione, nonché e risorse necessarie per o svogimento dee stesse, con riferimento a quee pubbiche. L'Osservatorio nazionae verrà costituito entro sei mesi daa stipua de presente c.c.n.. e ne frattempo e parti firmatarie daranno uogo ad incontri per a definizione de regoamento reativo a funzionamento. A'atto dea prima riunione i componenti 'Osservatorio definiranno a programmazione de'attività. Le parti, inotre, auspicano e istituzioni de'osservatorio nazionae dee imprese di puizia presso i Ministero de avoro, che veda i pieno coinvogimento di tutte e parti imprenditoriai e dee parti sindacai firmatarie i presente contratto; coerentemente con quanto sopra si ritiene necessaria a partecipazione dee parti firmatarie i presente c.c. n.. ai costituendi o costituiti Osservatori per 'artigianato presso e pubbiche amministrazioni. Infine e parti si impegneranno ad individuare i necessari raccordi tra gi Osservatori di settore. Le parti si impegnano a promuovere ed a favorire insediamenti di aziende artigiane con autonomia produttiva, finanziaria e di mercato in aree de Meridione identificate sua base dei criteri suddetti; e Organizzazioni artigiane, in particoare, opereranno per o sviuppo de settore. Nei confronti dei pubbici poteri - in specia modo con e regioni meridionai - e parti apriranno verifiche per a predisposizìone, sue aree individuate, dee infrastrutture necessarie per rendere competitivi gi insediamenti produttivi, attraverso un contenuto costo dee aree, vaidi e seettivi incentivi creditizi e fiscai. Le parti si impegnano a confronto ed a'esame congiunto, a iveo nazionae, regionae, territoriae, interessati, dove se ne rievi a necessità, per definire iniziative coordinate atte a verificare e garantire a continuità de fusso dee commesse per e imprese artigiane. 1 incontro avverrà su richiesta scritta di una dee parti. ~(-! Governo de mercato de/avoro A fine di poter verificare e concrete possibiità di aargamento dea base occupazionae e porre in essere eventuai iniziative dì assunzione e di riquaificazione dei avoratori in una ogica di ricomposizione de mercato de avoro, e parti si incontreranno a iveo nazionae, regionae, territoriae, interessati. I confronto in oggetto si terrà di norma semestramente su richiesta scritta di una dee parti e dovrà prendere in esame, per quanto possibie, situazioni di settore, di comparto e/o di aree territoriai omogenee. Effettuata, negi incontri citati, a verifica sue potenziaità di assorbimento dea manodopera ne settore artigiano regionae, si definiranno, a que iveo territoriae, i criteri orientativi atti a soddisfare e esigenze produttive ed occupazionai presenti su territorio: ciò attraverso eggi e accordi vigenti in materia di occupazione giovanie, formazione professionae, mobiità. Nata a verbae Le parti concordano che 'acquisizione dei dati e/o dee informazioni non comporta acuna procedura a iveo dee singoe i1prese / che e stesse non saranno oggetto di esame individuae. In riferimento a quanto sopra resta ~ Ì ; "'-" Q' >i. ; '~ ' ~-! t'-''-'-~! ~ -! ~ f-!)l jjj C&! (rn&c J '' 4 fvv'-'

5 savaguardato i vincoo de segreto professionae. Lo spirito de confronto e de'esame congiunto non intende necessariamente i raggiungimento di vautazioni comuni. Art. 5 Accordo interconfederoe Le parti convengono 'integrae recepimento dea discipina contenuta ne'accordo interconfederae de 21 ugio 1988 per gi istituti previsti, anche a modifica dee precedenti intese categoriai, che si intendono da esso sostituite (aegato). Art. 6 Sistema contrattuae I modeo contrattuae è discipinato dai vigenti accordi interconfederai. In particoare, i modeo contrattuae è articoato su due ivei di contrattazione. a titoarità dea contrattazione appartiene, per e rispettive competenze, a soggetto confederae ed a soggetto di categoria, articoati, a oro vota, a iveo nazionae e regionae. due ivei di contrattazione hanno pari cogenza e sono regoati da principio d'inscindibiità. Ne consegue che 'appicazione de contratto coettivo nazionae di avoro comporta 'obbigo, per i datore di avoro, di appicare anche i contratto coettivo di avoro regionae. contratti coettivi hanno una durata pari a tre anni. Art. 7 Diritto ae prestazioni dea biateraità In reazione a quanto previsto daa Deibera de Comitato Esecutivo Ebna de12 maggio 2010 e da'atto di Indirizzo sua biateraità sottoscritto a iveo confederae i 30 giugno 2010, nonché dagi accordi interconfederai istitutivi de D FSBA de31 ottobre 2013 e 29 novembre 2013, e parti stabiiscono che: Jr 1. a biateraità prevista dagi accordi e dai contratti coettivi de'artigianato è un sistema che coinvoge tutte e imprese aderenti e non aderenti ae associazioni di categoria in quanto eroga prestazioni di wefare contrattuae che sono indispensabii a competare i trattamento economico e normativa de avoratore previsto a'interno dei contratti coettivi di categoria; 2. e prestazioni presenti nei sistemi di biateraità nazionae e regionae rappresentano un diritto contrattuae di ogni singoo avoratore i quae matura, escusivamente nei confronti dee imprese non aderenti e non versanti a sistema biaterae, i diritto aa erogazione diretta da parte de'impresa datrice di avoro di prestazioni equivaenti a quee erogate dagi Enti biaterai nazionae, regionai e dee province autonome di Trento e Bozano; 3. 'impresa, aderendo aa biateraità ed ottemperando ai reativi obbighi contributivi, assove ogni suo obbigo in materia nei confronti dei avoratori; e prestazioni erogate dagi enti biaterai saranno fruibii fino a concorrenza dee risorse disponibii specificamente dedicate ad ogni singoa prestazione; \(_(~; 4. a decorrere da 1" ottobre 2014, e imprese non aderenti aa biateraità e che non versano i reativo contributo dovranno erogare a ciascun avoratore un importo forfetario pari a 25 ordi mensii per tredici mensiità. Tae importo, non è assorbibie e rappresenta un eemento aggiuntivo dea retribuzione (E.A.R.) che incide su tutti gi istituti retributivi di egge e contrattuai, compresi quei indiretti o differiti, escuso i TFR. Tae importo dovrà essere erogato con cadenza mensie e mantiene carattere aggiuntivo rispetto ae prestazioni dovute ad ogni singoo avoratore in adempimento de'obbigo di cui a comma 2. In caso di avoratori assunti con contratto part-time, tae importo è corrisposto proporzionamente a'orario di avoro e, in ta caso, i frazionamento si ottiene utiizzando i divisore previsto da CCNL. Per gi apprendisti, 'importo andrà riproporzionato aa percentuae di retribuzione riconosciuta. Pertanto, sua base dea deibera Ebna de 12 maggio 2010 recepito dae parti firmatarie de presente CCNL si ~ stabiisce quanto segue: S. a partire da1" ottobre 2014 saranno conseguentemente awiati gi istituti previsti daa biateraità, sua base degi accordi e dei contratti coettivi nazionai rinnovati ed in corso di rinnovo, i cui contributi definiti ed indicati dae parti, di seguito evidenziati, rappresentano una quota omnicomprensiva costituente a somma degi importi annui determinati sua base dee percentuai adottate e cacoate su un imponibie medio di Euro, ferme restando e intese regionai in materia e a possibiità, a tae iveo, di prevedere importi superiori: r a) RAPPRESEf,TANr, SINDACALE 1 '1D - r ~i,_.t/". L L t/ 0,10% 12,5 { {,f(

6 b) RAPPRESENTANTE TERRITORIALE SICUREZZA E FORMAZIONE SICUREZZA 0,15%-18,75 c) ENTE BILATERALE NAZIONALE 0,01%- 1,25 d) RAPPRESENTANZA IMPRESE 0,25%-31,25 e) FONDO SOSTEGNO AL REDDITO 0,49%-61,25 (questo importo è comprensivo dei 34 stabiiti ai sensi dea egisazione vigente e dea quota reativa aa gestione). Inotre, sua base de'atto di indirizzo sua biateraità de 30 giugno 2010 recepito dae parti firmatarie de presente accordo di rinnovo si stabiisce che: A partire da " ottobre 20141e aziende verseranno i contributi aa Biateraità attraverso uno specifico codice tributi inserito a'interno de modeo F24 predisposto da'agenzia dee Entrate. I contributo, pari ad Euro 125 annui per ogni avoratore dipendente, anche a tempo determinato, sarà frazionato in 12 quote mensii ciascuna dee quai di importo pari a 10,42. Per i avoratori part-time con orario di avoro fino ae 20 ore settimanai a quota è ridotta de SO%. Con i versamento attraverso i nuovo meccanismo di raccota~ e imprese saranno considerate in regoa per quanto attiene ai 34 di cui a punto 5, ettera e). In caso di eezione de rappresentante interno aa sicurezza, a fronte di formae richiesta da parte de'azienda e di invio a'ebna dea necessaria documentazione, 'importo reativo sarà riaccreditato a'azienda avente diritto. Le parti si incontreranno tempestivamente a'insorgere di eventuai probematiche su punto. e risorse reative a punto 5, ettere a), b), e), saranno contabiizzate separatamente sua base degi accordi in essere a iveo regionae e, ove non esistenti tai accordi, e risorse saranno contabiizzate separatamente rispetto a resto dee risorse raccote. a deibera approvata da Comitato Esecutivo deii'ebna in data 12 maggio 2010 e reativa aa biateraità costituisce parte integrante de presente accordo. Art. 9 Permessi retribuiti per cariche sindacai E' stabiito che per i dirigenti sindacai, facenti parte di Organismi direttivi nazionai, regionai, provinciai, occupati in imprese che abbiamo ameno 8 (otto) dipendenti, compresi gi apprendisti, verranno concessi permessi nea misura di 5 ore mensii (anche cumuativi per trimestre). Art. 10 Diritto di assembea Vengono riconosciute a titoo di diritto di assembea 10 ore annue di permessi retribuiti per ogni avoratore dipendente da usufruirsi coettivamente. Le ore di permesso sono da considerarsi ne'ambito de'orario di avoro e e assembee si terranno a'inizio o aa fine deo stesso. 'assembea si svoge di norma fuori dai ocai de'impresa, ma in presenza di ocai idonei può svogersi anche a'interno, previ accordi tra datore di avoro e avoratori dipendenti. La richiesta di convocazione di assembea sarà presentata a datore di avoro con preavviso di 48 ore anche riducibii a 24 in caso di urgenza, con 'indicazione specifica de'orario di svogimento. Art. 11 Commissione paritetica nazionae per e pari opportunità. Ne quadro dea riaffermata attenzione verso e!ematiche dee eggi vigenti concernenti 'occupazione femminie, ed in armonia con quanto previsto dae raccomandazioni, regoamenti e direttive CEE recepite dao Stato itaiano in tema di parità uomo-donna, si conviene sua opportunità di reaizzare attività di studio e di ricerca finaizzate aa promozione di azioni positive e ad individuare eventuai ostacoi che non consentano una effettiva parità di opportunità uomo-donna ne avoro, nonché ad esaminare e probematiche reative a rispetto dea dignità dea persona in base ae disposizioni egisative in materia, a fine di una opportuna sensibiizzazione negi ambienti di avoro. In tae ogica, durante a vigenza de presente contratto coettivo nazionae di avoro, ne'ambito de'osservatorio nazionae opererà una apposita Commissione paritetica nazionae, composta da dodici membri (6 designati dae OO.AA. e 6 designati dae ), aa quae è affidato i compito di: a) esaminare 'andamento de'occupazione femminie ne settore; b) s7uire 19 sviuppo dea egisazione nazionae e comunitaria in materia; t ~~~ rff J A{t:

7 c) esaminare e probematìche connesse a'accesso de personae femminie ae attività professionai non tradizionai; d) studiare interventi idonei a faciitare i reinserìmento dee avoratrici dopo 'assenza per maternità e a savaguardare a professionaità; e) studiare iniziative idonee a prevenire forme di moestie sessuai nei uoghi di avoro, anche attraverso ricerche sua diffusione e e caratteristiche de fenomeno; f) verificare, con riferimento aa L. n. 125/1991, ipotesi di schemi per a promozione di iniziative dì azioni positive. Resta savo quanto previsto da'accordo interconfederae de 21 ugio 1988, di cui a'art. 7 de presente c.c.n.., in materia di occupazione femminie. Art. 12 -Moestie sessuai Le parti convengono che e moestie sessuai nei uoghi di avoro sono un'offesa aa dignità dea persona e insieme una forma dì discriminazione e di ricatto su avoro. Per moestia sessuae s'intende ogni comportamento indesiderato a connotazione sessuae che offenda a dignità degi uomini e dee donne ne mondo de avoro, incusi atteggiamenti moesti di tipo visivo o verbae. datori dì avoro adotteranno tutte e misure utii ad evitare comportamenti importuni, offensivi o insistenti, derivanti da moestie o ricatti sessuai, e a garantire un contesto avorativo caratterizzato da pieno rispetto dea dignità di donne e uomini. Spetta ai Comitati paritetici territoriai - nea oro funzione di promozione dì pari opportunità - i compito di organizzare iniziative di sensibiizzazione su tae fenomeno nee aziende de settore, dì gestire i singoi casi ed individuare comportamenti e percorsi idonei. Art. 13- Tuteo de/avoro dee donne e dei fanciui Per a tutea de avoro dee donne e dei fanciui vengono richiamate e norme di egge. Art. 14 -Diritto ao studio Per i avoratori dee imprese artigiane che occupano ameno 5 (cinque) dipendenti deve essere messo a disposizione un ammontare di ore retribuite conteggiate aziendamente ne triennìo e corrispondenti a 10 ore annue per ogni avoratore avente diritto. Tae monte-ore viene costituito a fine di permettere che ogni avoratore possa frequentare corsi di studio presso istituti pubbici o egamente riconosciuti. A tae scopo ogni avoratore può usufruire di un massimo di 150 ore (centocinquanta) retribuite ogni tre anni, godibii anche in un soo anno, fino ad esaurimento de monte-ore aziendae e sempre che i corso a quae i avoratore intende partecipare si svoga per un numero di ore ameno doppio di quee richieste come permesso retribuito. 1 avoratori dovranno fornire a'azienda un certificato di iscrizione a corso e successivamente certificati di frequenza con a indicazione dee ore reative. Possono usufruire dei permessi retribuiti nee misure sopra indicate, escudendo comunque criteri di contemporaneità (si intende con ciò che un soo avoratore a'anno può usufruire de diritto): a) un soo avoratore per triennio nee aziende da 5 a 9 dipendenti aventi diritto; b) due avoratori per triennio nee aziende da 10 a 14 dipendenti aventi diritto; c) tre avoratori per triennio nee aziende da 15 a 19 dipendenti aventi diritto e via via procedendo per i mutipi di cinque. Possono usufruire dei permessi retribuiti per a frequenza ai corsi scoastici enunciati tutti i avoratori dipendenti. Dichiarazione congiunta Le parti si impegnano ad affrontare e possibimente risovere a iveo provinciae e difficotà che possono sorgere in reazione a imite di 150 ore, per a frequenza dei avoratori ai corsi di afabetizzazione. Art. 15- Periodo di prova i avoratore assunto in servizio può essere soggetto ad un periodo di prova non superiore a: -mesi 4 per i avoratori inquadrati a121iveo; -mesi 3 per i avoratori inquadrati a 22 iveo; -mesi 2 per i avoratori con mansioni impiegatizie inquadrati a 32 e 42 iveo; mesi 2 per i avoratori inquadrati a 32$; - giornì 30 avorativi per i avoratori con mansioni di operaio inquadrati a qu c LJ~ /,e/fj (;it ;J //' i )<""' / j\ìì~~ 7../ jj [

8 Tae periodo di prova dovrà risutare daa ettera di assunzione di cui a'art. 17. Durante i periodo di prova, sussistono tra e parti tutti i diritti e gi obbighi de presente contratto, savo quanto diversamente disposto da contratto stesso. Durante i periodo di prova a risouzione de rapporto di avoro potrà aver uogo da ciascuna dee parti in quasiasi momento senza preavviso né indennità per a risouzione stessa. Quaora a risouzione avvenga per dimissioni in quaunque tempo o per icenziamento durante i primi due mesi di prova per i avoratori di 1 iveo e durante i primo mese per i avoratori di 2 iveo, a retribuzione sarà corrisposta per i soo periodo di servizio prestato. Quaora i icenziamento avvenga otre i termini predetti, a avoratore sarà corrisposta a retribuzione fino a metà o aa fine de mese in corso a seconda che a risouzione avvenga entro a prima o a seconda quindicina de mese stesso. Quaora aa scadenza de periodo di prova 'impresa non proceda aa disdetta de rapporto, i avoratore si intenderà confermato in servizio e tae periodo sarà computato agi effetti dea determinazione de'anzianità dì servizio. Saranno esenti da periodo di prova i avoratori con quaifica operaia che o abbiano già superato presso a stessa impresa e per e stesse mansioni nei 12 mesi precedenti o in caso di passaggio diretto ed immediato. Art. 16 Inquadramento de personae 'inquadramento dei avoratori è effettuato secondo e decaratorie generai, i profii professionai e e reative esempificazioni. requisiti indispensabii derivanti dae caratteristiche e dai presupposti professionai indicati nee decaratorie e dai contenuti professionai specificati nei profii, consentono, per anaogia, di inquadrare anche figure professionai non indicate specificamente ne testo, o già sufficientemente definite dae soe decaratorie. avoratori sono inquadrati in 7 ivei professionai e retrìbutivi ai quai corrispondono eguai vaori minimi tabeari mensii, secondo e tabee aegate, fermo restando che a distinzione tra impiegati ed operai viene mantenuta agi effetti di tutte e norme (egisative, regoamentari, contrattuai, ecc.) che prevedono un trattamento differenziato e comunque fanno riferimento distintamente a tai avoratori. vaori indicati per ciascun iveo sono ragguagiati a mese e sono uguai per tutti i avoratori indipendentemente daa differenza di età. 1 Liveo Appartengono a questo iveo i avoratori che svogono mansioni direttive con facotà di decisione ed autonomia di iniziativa, con discrezionaità di potere, anche se imitate a determinati servizi di adeguata importanza. Quadri Appartengono a iveo anche i avoratori che svogono con carattere di continuità, con un grado eevato di capacità gestionae, organizzativa, professionae, funzioni articoate di rievante importanza e responsabiità ai fini deo sviuppo e de'attuazione degi obiettivi de'impresa per attività di ata speciaizzazione, coordinamento e gestione in settori fondamentai, fornendo contributi quaificati per a definizione degi obiettivi de'impresa stessa. A questi avoratori è attribuita a quaifica di "quadro" di cui aa egge 13 maggio 1985, n Liveo Appartengono a questo iveo i avoratori che svogono mansioni di concetto di carattere tecnico amministrativo, che abbiano discrezionaità di potere e facotà di iniziativa, ne'ambito dee direttive impartite dai avoratori de iveo superiore. Ld1 3 Liveo Su per Comprende i caposquadra che ne'ambito dee direttive ricevute, pur avorando egi stesso manuamente, svoge di norma con autonomia operativa e con apporto di capacità tecniche, funzioni di coordinamento e di controo.. de'attività di più squadre, anche se operanti in compessi diversi. 39 Liveo! Appartengono a questo iveo i avoratori adibiti ad operazioni per a cui esecuzione sono richieste specifiche conoscenze tecniche e/o particoari capacità tecnico-pratiche comunque acquisite. i \ Ad esempio: operatori dei servizi di disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione;!amatori; evigatori e\ \ vetrificatori pavimenti in egno; ucidatori a piombo; conducenti di semoventi; conducenti dì pae caricatrici; J' capisquadra che, pur avorando essi stessi manuamente, coordinano e sorveg ano 'attività dei avoratori componenti a squadra ; ad. qett ì a. Ie cabine.e in.. ee di verniciat.ura negi J'mpia ti in d... ustriar autisti-conducenti veicoi per i quai sia ~ ~ / / 1 ;, 7!}/ 1 (òrtt-rn,,~ s!l tttvc '- 1 \ 1 } ti y A. /.. 1/.W 1 J \1 v.

9 previsto i possesso dea patente di grado C o superiore; impiegati tecnici e amministrativi aventi mansioni esecutive che richiedono una generica preparazione professionae con a soa eccezione di quei espressamente richiamati a4< iveo. Atre quaifiche di vaore equivaente non espressamente richiamate. 4 Liveo - Decaratorio Appartengono a questo iveo i avoratori adibiti ad operazioni per a cui esecuzione sono richieste normai conoscenze e adeguate capacità tecnico-pratiche comunque acquisite, nonché i avoratori adibiti ad attività poivaenti. Ad esempio: operaio quaificato che, pur avorando manuamente egi stesso, ha i compito di coordinare 'attività esecutiva di avoratori inquadrati in 5 iveo; puitori finiti che effettuano tutti i avori di puizia (comprese e puizie dei vetri e dee vetrine con uso dee scae) anche con uso dee macchine industriai per a puizia, conducenti di autoveicoi e motocarri per i quai non è richiesto i possesso dea patente C, addetti ad operazioni di disinfezione, derattizzazione, disinfestazione, sanificazione e risanamento ambientae, fattorini addetti a mansioni sempici di segreteria, addetti a controo documenti contabii reativi a movimento de materiae, addetti a controo fatture, dattiografi, centrainisti teefonici, addetti a mansioni di scritturazione e copia. Atre quaifiche di vaore equivaente non espressamente richiamate. 59 Liveo - Dee/oratorio Appartengono a questo iveo i avoratori adibiti ad operazioni per a cui esecuzione si richiede i possesso di sempici conoscenze pratiche e che svogono attività per abiitarsi ae quai occorre un breve periodo di pratica. Profii esempificativi: - avoratori addetti ad operazioni ausiiarie aa disinfezione, derattizzazione, disinfestazione, sanifìcazione e risanamento ambientae; - avoratori che eseguono sempici avori ripetitivi per a puizia e a manutenzione de'ambiente; es.: addetti a avaggio manuae di suppeettii, stovigie e simii; addetti aa spazzatura, vuotatura cestini e portaceneri, ecc.; - avoratori addetti ai avori di puizia anche con 'uso di ucidatrici ed aspiratori nonché ai avori di puizia dei vetri anche con uso dea scaetta a ibretto di comune uso domestico che non superi un metro di atezza; - avoratori addetti aa rotazione e trasporto dei sacchi a perdere e/o cernita, addetti avori di facchinaggio, addetti avori di manutenzione di giardini e dì aree a verde; - avoratori addetti a sempici controi con strumenti preregoati e/o predisposti, avoratori addetti a riassetto e rigoverno di foresterie e assimiabii. 8 \(-1-6" Liveo - Dee/oratoria Appartengono a questo iveo i avoratori che svogono attività manuai sempici per e quai non occorrono conoscenze professionai, nonché i avoratori di cui a 52 iveo, di prima assunzione de settore. Profii esempificativi: - avoratori che eseguono mansioni di guardiania o di attesa e custodia; es.: guardiani diurni e notturni, uscieri, custodi. Normativa quadri A sensi e per gi effetti dea egge 13 maggio 1985, n. 190, e dea egge 2 aprie 1986, n. 106, e parti convengono quanto segue:. a determinazione dei requisiti di appartenenza aa categoria di "quadro" viene effettuato dae parti stipuanti con i presente contratto nazionae di avoro. 2. In reazione a quanto sopra definito, in sede di prima appicazione, i datori di avoro attribuiranno a quaifica di quadro ai avoratori interessati con decorrenza 1 ugio 'impresa, ai sensi de combinato disposto da'art cod. civ. e da'art. 5 dea egge n. 190/1985, è responsabie per i danni conseguenti a copa arrecati da quadro neo svogimento dea sua attività. a suddetta responsabiità può essere garantita anche mediante a sottoscrizione di apposita poizza assicurativa. L'impresa garantirà a quadro dipendente, anche attraverso eventuae poizza assicurativa, 'assistenza egae fino aa sentenza definitiva, per i procedimenti civii e penai, nei confronti de quadro medesimo, per fatti che siano direttamente connessi a'esercizio dee funzioni attribuitegi. c ( e ;J;; 1 J/ o/a t (~,. d!f! )_.../ ;('f7..!. 1!;. 1.1 v t' f (['

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE I Consorzi, ove ritengano di avvalersi della facoltà di ricorrere a rapporti di lavoro a tempo parziale ai sensi

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico. CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare

CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico. CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare Decorrenza 8 marzo 2001 Scadenza 7 marzo 2005 Articolo 1 SFERA DI APPLICAZIONE Il presente contratto collettivo nazionale di lavoro, stipulato

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

11 Part-time. Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO

11 Part-time. Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO 11 Part-time Tiziano Feriani, Luca Peron SOMMARIO 1. Definizione e specifica disciplina... 446 2. Tipologie di contratto part-time... 447 2.1. Compatibilità con le diverse tipologie di rapporto di lavoro...

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DELLO STRAORDINARIO NEI CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO TESSILE - ABBIGLIAMENTO (INDUSTRIA)

REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DELLO STRAORDINARIO NEI CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO TESSILE - ABBIGLIAMENTO (INDUSTRIA) REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DELLO STRAORDINARIO NEI CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO TESSILE - ABBIGLIAMENTO (INDUSTRIA) Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti dalle

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE DELLA REGIONE SICILIANA E DEGLI ENTI DI CUI

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI Il CCNL si applica ai dipendenti delle seguenti società autostradali: Autostrade per l Italia S.p.A. Società Italiana Traforo del Monte Bianco Società Italiana Traforo del Gran San Bernardo Società Raccordo

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della settimana - Verticale: quando l orario è distribuito su alcuni giorni della settimana

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli