Oggetto: Procedure per l'erogazione della quota nazionale di cofinanziamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Procedure per l'erogazione della quota nazionale di cofinanziamento"

Transcript

1 DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA DIVISIONE VI1 Ministero dao 5- Emmtj, Dipartimento per bpa&ehe d REOISTRO UFFICIALE EUROPEA AI PUNTI NAZIONALI DI CONTAT~O DEI PROGRAMMI SPAZIO ALPINO, EUROPA CENTRALE MEDITERRANEO, EUROPA SUD ORIENTALE, INTERREG IVC emanuela lombardiu.i/ veneto. il d. regione. campania. i/ it s. it per conoscenzu: MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DIP. RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO IGRUE it Oggetto: Procedure per l'erogazione della quota nazionale di cofinanziamento Alla luce delle procedure in atto presso le Autorità di Gestione e di Certificazione dei programmi citati in indirizzo e dei carichi di lavoro riscontrati presso questa Divisione per l'erogazione della quota nazionale di cofinanziamento a carico del Fondo di Rotazione, in attuazione di quanto previsto nella Circolare n. 23, del 31 luglio 2008, dell'igrue, si rende necessario comunicare la variazione delle procedure di cui all'oggetto, rese note in occasione della 111 riunione della "Comn~issione Mista Stato-Regionl per il coordinamento sul sistema nazionule di controllo sui Programmi di cooperazione transnazionale e interregionale", che si è tenuta a Roma il 9 marzo In conseguenza delle modalità gestionali riscontrate presso le Autorità di Gestione e di Certificazione, la procedura per l'erogazione ai beneficiari italiani della quota nazionale di cofinanziamento è modificata come di seguito indicato: 1. I1 beneficiario italiano può attivare la richiesta di rimborso per la quota a valere sul Fondo di Rotazione esclusivamente dopo ricevuto l'accredito della quota a valere sul fondo FESR. In attuazione della citata Circolare n. 23, il rimborso della quota nazionale deve essere richiesto dal

2 beneficiario italiano per il tramite di una nota firmata e protocollata da inviare a questa Divisione (allegato l). 2. Questa Divisione procede a controllare la congruenza della richiesta di cui al punto precedente con i dati registrati nelle banche dati uffici ali dei Programmi, accessibili via internet. Nel caso in cui tale controllo dovesse avere esito negativo questa Divisione sospenderà la procedura di pagamento informando via il beneficiario italiano e richiedendo le integrazioni ed i chiarimenti necessari. 3. Questa Divisione provvede a compilare la richiesta di erogazione nel sistema finanziario IGRUE per l'accredito della quota di competenza al beneficiario italiano. Nella causale della richiesta di erogazione saranno inseriti il CC1 del Programma e l'acronimo del Progetto. In conseguenza dei carichi di lavoro valutati alla luce dei primi pagamenti effettuati e della numerosità dei beneficiari italiani, è prevedibile un numero di circa pagamenti su base annua, questa Divisione procederà a compilare la richiesta di erogazione nel sistema finanziario IGRUE in quattro finestre temporali annue corrispondenti ai mesi di gennaio, aprile, luglio e ottobre. Le richieste che perverranno in mesi diversi da quelli appena indicati saranno evase nella prima finestra temporale utile. Gli esiti delle avvenute richieste di erogazione nel sistema finanziario IGRUE saranno comunicate cumulativamente per ogni Programma al rispettivo Punto di Contatto Nazionale al termine di ogiluiia delle finestre temporali di cui sopra (vedi aliegato 2j. Si coglie l'occasione per evidenziare il cambiamento di due indirizzi a cui devono essere indirizzate le richieste di erogazione (allegato 1): sostituisce i/ a causa di variazione nel servizio di posta certificata; sostituisce I-XSerroneamente indicato nell'allegato a suo tempo inviato. Si chiede ai Punti di Contatto Nazionali di diffondere la presente comunicazione a tutti beneficiari italiani potenzialmente interessati. I1 Dirigente (Nicolino Paragona) iili.1-" yg-

3 Allegato 1 Cartu intestate del beneficiur.io Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica DG Politica Regionale Unitaria Comunitaria Divisione VI1 c.a. dr. N. Paragona dps.pruc. div il e, per. conoscenzu Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Gencralc dello Stato IGRUE c.a. dr. M. L. Giordano Oggetto: Richiesta di erogazione della quota nazionale di cofinanziamento relativa al progetto.cofinanziato nell'ambito del P 0 A seguito della rendicontazione presentata dal Beneficiario Principale; la Autorità di Certificazione. del P0 ha provveduto ad erogare a favore dello stesso la quota FESR corrispondente. LA scrivente Beneficiario chiede, pertanto, il versamento della quota a carico del Fondo di Rotazione di propria competenza come di seguito specificato. : Asse Progetto P- Acronimo kceiri fer iment o Denominazione Beneficiario Ruolo (LPIPP) Rappr. Legale 1 Cod. Fisc. 1 1 P.IVA Data inizio ammissibilità della spesa Data fine ammissibilità della spesa Data certificazione Data erogazione FESR Importo totale certificato (1) FESR richiesto (1') ggimmlaaaa 1 Contropartita nazionale richiesta (1) (1) Importo riguardante il Beneficiario richiedente C - -

4 Si allegano alla presente: 1. Documento attestante la nolifica del pagamento della quota FESR relativa alla richiesta in oggetto; 2. Contabile bancaria o docun~ento avente valore probatorio equivalente attestante l'avvenuto pagamento dei Fondi FESR per la richiesta in oggetto. L'erogazione della quota iiazionale ricliicsta dovrà essere effettuata a favore di: Luogo Data 1 Beneficiario I I Banca W---- I Swift I 1 Denominazione del beneficiario Indirizzo Telefono I1 rappresentante legale del beneficiario (firma e timbro)

5 Allegalo 2 PROGRAMMA AL NATIONAL, CONTACT POINT Oggetto: Esisti delle richieste di erogazione inserite nel sistema finanziario IGRUE nel mese di Si informa che questa Divisione ha provveduto a richiedere l'erogazione della quota nazionale di cofinanziamento a carico del Fondo di Rotazione, in attuazione di quanto previsto nella Circolare n. 23, del 31 luglio 2008, dell'lgrue, come in appresso indicato. 1 Beneficiario Progetto Acronimo Codice Data della Estremi richiesta 1 pagamento esito I1 Dirigente (Nicolino Paragona)

IL SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO E IL RIMBORSO DEL CO-FINANZIAMENTO NAZIONALE

IL SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO E IL RIMBORSO DEL CO-FINANZIAMENTO NAZIONALE IL SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO E IL RIMBORSO DEL CO-FINANZIAMENTO NAZIONALE Seminario Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa Bologna 5 Febbraio 2013 Antonella

Dettagli

ORIGINE DELLA COMMISSIONE MISTA

ORIGINE DELLA COMMISSIONE MISTA 1 ORIGINE DELLA COMMISSIONE MISTA Circolare n. 23 del MEF DRGS IGRUE del 31/07/08 Procedure di gestione finanziaria degli interventi dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2007-2013 Accordo tra

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it

Tra PREMESSO CHE. Pag. 1 di 8. fonte: http://burc.regione.campania.it Accordo tra Agenzia delle Entrate e Regioni per la gestione delle compensazioni, eseguite tramite modello F24, in relazione al credito d imposta per la creazione di nuovo lavoro stabile nel Mezzogiorno,

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

ALLEGATO 3 SCHEMA DI CONCESSIONE AMMINISTRATIVA ( secondo i principi di cui all art. 12 LEGGE N. 241/90 e successive modificazioni )

ALLEGATO 3 SCHEMA DI CONCESSIONE AMMINISTRATIVA ( secondo i principi di cui all art. 12 LEGGE N. 241/90 e successive modificazioni ) UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA Assessorato Istruzione, Alta Formazione e Ricerca REPUBBLICA ITALIANA POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV- CAPITALE UMANO OBIETTIVO OPERATIVO I.2 :

Dettagli

Aliquote di imposta alla fonte Tabella B Edizione 2015

Aliquote di imposta alla fonte Tabella B Edizione 2015 Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Aliquote di imposta alla fonte Tabella B Edizione 2015 1-3000 3001-3600 3601-4200 4201-4800 4801-5400 5401-6000 6001-6600 6601-7200

Dettagli

Aliquote di imposta alla fonte Tabella A Edizione 2015

Aliquote di imposta alla fonte Tabella A Edizione 2015 Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Aliquote di imposta alla fonte Tabella A Edizione 2015 1-3000 3001-3600 3601-4200 4201-4800 4801-5400 5401-6000 6001-6600 6601-7200

Dettagli

Aliquote di imposta alla fonte Tabella H Edizione 2014

Aliquote di imposta alla fonte Tabella H Edizione 2014 Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle contribuzioni Aliquote di imposta alla fonte Tabella H Edizione 2014 1-3000 3001-3600 3601-4200 4201-4800 4801-5400 5401-6000 6001-6600 6601-7200

Dettagli

(CUP J89H11003560006)

(CUP J89H11003560006) COMUNE DI BRINDISI Unione Europea PO GRECIA ITALIA 2007/2013 AVVISO PUBBLICO RELATIVO AD UNA INDAGINE DI MERCATO PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER ESPERTO PER LA VERIFICA

Dettagli

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa

L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa N. 34 - L'attuazione della politica di coesione 2007-2013: risorse, dati di attuazione, certificazione della spesa La presente nota fornisce un quadro generale e sintetico della programmazione e della

Dettagli

Il controllo di 1 livello

Il controllo di 1 livello Il controllo di 1 livello Roberto Piccini Presidenza della Regione Relazioni Internazionali e Comunitarie Evropski sklad za regionalni razvoj Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Articolo 16 Reg. FESR n.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE

LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Avviso Pubblico per il finanziamento di (pubblicato sul BURC n.48 del 30 novembre 2012 parte III) ALLEGATO 5 LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE Premessa e scopo della presente guida Nell'atto

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 18 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013

P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA P.O.R. CALABRIA FESR 2007/2013 SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO MANUALE DELLE PROCEDURE DELL AUTORITA DI CERTIFICAZIONE Agosto 2009 1 INDICE 1. PREMESSA...4

Dettagli

Linee guida per la Compilazione delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia

Linee guida per la Compilazione delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia Linee guida per la delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013 Revisione 0/2010 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Riferimenti

Dettagli

Ragioneria Generale dello Stato IGRUE LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013

Ragioneria Generale dello Stato IGRUE LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Roma, 19 aprile 2007 1 Indice PARTE I IL QUADRO ISTITUZIONALE E NORMATIVO 2007 2013... 4 1. Sintesi delle principali innovazioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO

CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIORGIO MARTINI Data di nascita 14 11 1957 Indirizzo VIALE ANGELICO 269, 00195 ROMA, ITALIA Telefono Cell. 3351210145 E mail giorgiomartini.martini@gmail.com

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE SICILIANA PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE INTERREG IIIC - ZONA SUD OPERAZIONE QUADRO REGIONALE TREND COMPOSANTE 4 - PROGETTI DIMOSTRATIVI SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA 1 Soggetto

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 530 del 06/10/2015

Decreto Dirigenziale n. 530 del 06/10/2015 Decreto Dirigenziale n. 530 del 06/10/2015 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 12 - Direzione Generale politiche sociali,culturali,pari opportunità,tempo

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE ALLEGATO E) LINEE GUIDA DELLE SPESE AMMISSIBILI E DELLA RELATIVA RENDICONTAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI Il soggetto che beneficia di contributi pubblici deve realizzare gli investimenti oggetto di finanziamento

Dettagli

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO Bozza di linee guida sulle funzioni dell Autorità di Certificazione Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 COMMISSIONE EUROPEA STATO MEMBRO Responsabili d Asse

Dettagli

POR Campania FESR 2007/13 Asse I - Obiettivo Operativo 1.7

POR Campania FESR 2007/13 Asse I - Obiettivo Operativo 1.7 POR Campania FESR 2007/13 Asse I - Obiettivo Operativo 1.7 SCHEMA DI CONVENZIONE/ACCORDO TRA la Regione Campania nella persona del Responsabile Ratione Materiae, Dott. Italo Giulivo, designato con D.P.G.R.

Dettagli

Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione

Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione Michele Migliori Direzione Generale Programmazione Territoriale Intese Relazioni europee e internazionali

Dettagli

Fax GIORGIO MARTINI 14-11-1957. giorgio.martini@tesoro.it

Fax GIORGIO MARTINI 14-11-1957. giorgio.martini@tesoro.it CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO.. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Indirizzo Telefono Fax E-mail GIORGIO MARTINI 14-11-1957 giorgio.martini@tesoro.it ESPERIENZA LAVORATIVA Attuale posizione:

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM BOZZA POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 Dec. C(2007) 6820 del 20/12/2007 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM Aprile 2009 Il MATTM in qualità

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania 12 06/04/2010

Giunta Regionale della Campania 12 06/04/2010 DECRETO DEL AUTORITA DI GESTIONE POIN AUTORITA DI RIFERIMENTO PAIN ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO 2007/2013 AdG / AdR Dr. Manduca Fabrizio DECRETO N DEL 12 06/04/2010 Oggetto: Programma Operativo

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 1327 del 23/12/2014

Decreto Dirigenziale n. 1327 del 23/12/2014 Decreto Dirigenziale n. 1327 del 23/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO DEI PROGRAMMI DELL OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA

SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO DEI PROGRAMMI DELL OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA SISTEMA NAZIONALE DI CONTROLLO DEI PROGRAMMI DELL OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Procedura per l individuazione e la contrattualizzazione dei certificatori delle spese1* Istruzioni operative:

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015)

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) AVVISO PER L ATTUAZIONE DELLE MISURE DI ACCESSO ALLA GARANZIA, ORIENTAMENTO

Dettagli

Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR

Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR Lanusei 6 giugno 2008 Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità Provincia di Torino Provincia dell Ogliastra Sviluppo locale orientato alle pari opportunità:

Dettagli

Gemellaggi con finanziamenti Europei

Gemellaggi con finanziamenti Europei D10 Gemellaggi con finanziamenti Europei Come Stimolare il Trasferimento di competenze tra Enti locali italiani ed europei con Enti locali italiani delle 4 Regioni della Convergenza Scheda di sintesi Aprile

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. AVVISO PUBBLICO destinato a giovani campani, tipologia progettuale : assegni di ricerca

REGIONE CAMPANIA. AVVISO PUBBLICO destinato a giovani campani, tipologia progettuale : assegni di ricerca REGIONE CAMPANIA AVVISO PUBBLICO destinato a giovani campani, tipologia progettuale : assegni di ricerca POR Campania FSE 2007 2013/ POR Campania FSE 2014 2020 Asse IV Capitale Umano Asse V Transnazionalità

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata La Regione Basilicata ha attivi sul proprio territorio 3 Programmi di investimento delle risorse comunitarie per un ammontare

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011

REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011 REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011 Codice DB1601 D.D. 5 dicembre 2011, n. 618 Programma Operativo Regionale (POR) della Regione Piemonte, a titolo dell'obiettivo "Competitivita' regionale e Occupazione",

Dettagli

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia Slovenia 2007-2013 Navodila in obrazci za poročanje za upravičence Programa čezmejnega

Dettagli

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO

Linea 3 Percorsi di Creazione di impresa ATTO DI ADESIONE E D OBBLIGO PROGETTI DI FILIERA E SVILUPPO LOCALE NELLE AREE DI CRISI E NEI TERRITORI SVANTAGGIATI ALLEGATO A (PFSL) Progetto di Sviluppo Locale dell Area di Crisi di Tossilo (D.G.R. n. 12/15 del 25/03/2010) ACCORDO

Dettagli

POR Campania FESR 2007/13 Asse 1 - Obiettivo Operativo 1.6 SCHEMA DI CONVENZIONE/ACCORDO TRA

POR Campania FESR 2007/13 Asse 1 - Obiettivo Operativo 1.6 SCHEMA DI CONVENZIONE/ACCORDO TRA POR Campania FESR 2007/13 Asse 1 - Obiettivo Operativo 1.6 SCHEMA DI CONVENZIONE/ACCORDO TRA la Regione Campania nella persona del Responsabile Ratione Materiae, Dott. Italo Giulivo, designato con D.P.G.R.

Dettagli

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1

Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Comunicazione di Fine Progetto e Richiesta Saldo 1 Da inviare (su carta intestata dell ente) a: Dichiarazione di Spesa FINALE numero del / / Oggetto: La concessione del contributo/finanziamento è avvenuto

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2015 - Articolo

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013 Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013 Versione 4.0 Aggiornata al 19 settembre 2014 COORDINAMENTO E REDAZIONE

Dettagli

Il controllo di 1 livello

Il controllo di 1 livello Il controllo di 1 livello Roberto Piccini DIREZIONE CENTRALE RELAZIONI INTERNAZIONALI E COMUNITARIE STRUTTURA CONTROLLI 1 LIVELLO PROGRAMMI FONDI STRUTTURALI Via UDINE 9 34132 TRIESTE Regione autonoma

Dettagli

INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA

INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA INTERREG IV ITALIA-AUSTRIA AUSTRIA Seminario tecnico Note operative per la rendicontazione della spesa Venezia, 15.02.2013 Elisa Bertoni - Direzione Programmazione Katia Bellio - Direzione Industria e

Dettagli

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013

REGIONE MOLISE. Direzione Generale Area III. Servizio Politiche Sociali. POR FSE Molise. Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 REGIONE MOLISE Direzione Generale Area III Servizio Politiche Sociali POR FSE Molise Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Agosto 2009- Dicembre 2013: Incarico di consulenza in qualità di esperto in materia di assistenza tecnica alla programmazione, attuazione, gestione,

Agosto 2009- Dicembre 2013: Incarico di consulenza in qualità di esperto in materia di assistenza tecnica alla programmazione, attuazione, gestione, Agosto 2009- Dicembre 2013: Incarico di consulenza in qualità di esperto in materia di assistenza tecnica alla programmazione, attuazione, gestione, sorveglianza, valutazione e controllo di programmi cofinanziati

Dettagli

LE NUOVE REGOLE TECNICHE PER IL DOCUMENTO INFORMATICO (DPCM 13 novembre 2014, Gazzetta Ufficiale 12.1.2015)

LE NUOVE REGOLE TECNICHE PER IL DOCUMENTO INFORMATICO (DPCM 13 novembre 2014, Gazzetta Ufficiale 12.1.2015) Con la collaborazione e la supervisione scientifica di LE NUOVE REGOLE TECNICHE PER IL DOCUMENTO INFORMATICO (DPCM 13 novembre 2014, Gazzetta Ufficiale 12.1.2015) FORMAZIONE, TRASMISSIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA DIPARTIMENTO LAVORO E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO LAVORO FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 P.O.R. OB. 2 Competitività Regionale E Occupazione Asse III Inclusione Sociale BANDO A SPORTELLO

Dettagli

Costi di personale e. Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa. Seminario

Costi di personale e. Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa. Seminario Costi di personale e Regole di flessibilità 10% e 20% nel Manuale di rendicontazione nazionale Seminario Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa Bologna 21 Settembre

Dettagli

GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA

GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA GIORNATA INFORMATIVA I NUOVI BANDI DEI PROGRAMMI ENPI e Italia-Francia ALCOTRA GENOVA, 23 GENNAIO 2012 Facoltà di Ingegneria, Villa Cambiaso - Salone della Rappresentanza Via Montallegro, 1 Genova Albaro

Dettagli

Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020

Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Logiche di intervento nella programmazione regionale e nazionale dei Fondi Strutturali e d'investimento Europei 2014-2020

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari

Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari Linee guida e modelli per la rendicontazione dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia Slovenia 2007-2013 Navodila in obrazci za poročanje za upravičence Programa čezmejnega

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 Pagina COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO

VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO Realizzato con i contributi del PON GOVERNANCE e AT (FESR) 2007/2013. Progetto di Assistenza tecnica alle Regioni dell obiettivo Convergenza

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione dei dirigenti del terziario GUIDA per la gestione dei Voucher formativi 2012 Sommario Premessa... 2 1. Soggetto Responsabile del Piano: obblighi

Dettagli

Stagione Sportiva 2013/2014 Comunicato Ufficiale N 12 del 3 Ottobre 2013

Stagione Sportiva 2013/2014 Comunicato Ufficiale N 12 del 3 Ottobre 2013 . FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE CAMPANIA DELEGAZIONE PROVINCIALE BENEVENTO Via Antonio Rivellini, ingresso 5 Palazzo CONI 82100 Benevento Tel. 0824 364109

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Per tutti i possessori di Partita Iva è obbligatorio avere attiva una casella di posta certificata.

Per tutti i possessori di Partita Iva è obbligatorio avere attiva una casella di posta certificata. CASELLA DI POSTA CERTIFICATA PEC ONORATOPEC.IT La posta elettronica certificata è il nuovo sistema attraverso il quale è possibile inviare email con valore legale equiparato ad una raccomandata con ricevuta

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

Infoday Programma Spazio Alpino 2014-2020 Milano, 5 marzo 2015 Istruzioni per l uso

Infoday Programma Spazio Alpino 2014-2020 Milano, 5 marzo 2015 Istruzioni per l uso Infoday Programma Spazio Alpino 2014-2020 Milano, 5 marzo 2015 Istruzioni per l uso Emanuela Cazzaniga Regione Lombardia Thi s p r o g r a m m e is co- f i nanced by t he E ur op ean R eg i onal D ev el

Dettagli

LA COMMISSIONE AMBIENTE della UISP COMITATO TERRITORIALE LECCE RENDE NOTO

LA COMMISSIONE AMBIENTE della UISP COMITATO TERRITORIALE LECCE RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO RELATIVO AD UNA INDAGINE DI MERCATO PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER ESPERTO PER LA VERIFICA (EX ART. 16 DEL REG. CE 1080/2006)/CONTROLLO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

nell ambito delle attività del

nell ambito delle attività del nell ambito delle attività del Introduzione (DA 963 GAB del 25 ottobre 2012 ) La scadenza di presentazione dei progetti sarà fissata con avviso successivo Finalità Finalità dello strumento di Sviluppo:

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!!

Introduzione alla progettazione europea!!! - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria!!!!! 1 Introduzione alla progettazione europea - Elementi e strumenti di pianificazione e gestione economica finanziaria Struttura tipo di un budget europeo Voce di costo Spesa stimata A Staff 100.000,00 B

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA Linee guida per la rendicontazione degli interventi a sostegno della pesca e dell'acquacoltura

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA D E T E R MINAZ I ONE D I R I GENZI AL E IL DIRIGENTE SERVIZI SOCIALI, CULTURALI E SPORTIVI ALLA PERSONA OGGETTO:

COMUNE DI PERUGIA D E T E R MINAZ I ONE D I R I GENZI AL E IL DIRIGENTE SERVIZI SOCIALI, CULTURALI E SPORTIVI ALLA PERSONA OGGETTO: COMUNE DI PERUGIA SETTORE SERVIZI SOCIALI, CULTURALI E SPORTIVI ALLA PERSONA UNITÀ OPERATIVA e/o POSIZIONE ORGANIZZATIVA ATTIVITA' CULTURALI, PROGETTI EUROPEI E TURISMO D E T E R MINAZ I ONE D I R I GENZI

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e PMI ASPETTI

Dettagli

Europrogettazione 2014-2020.

Europrogettazione 2014-2020. Percorso di formazione in progettazione europea per il periodo 2014-2020. 7-21 ottobre, 4 novembre 2013. Futura Europa - Milano, via Pergolesi 8. Futura Europa propone agli enti no-profit e alle pubbliche

Dettagli

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale PROVINCIA DEL L AQUILA Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale P.O.R. ABRUZZO OBIETTIVO 3 PER IL 2000/2006 PIANO DEGLI INTERVENTI 2006 STRUMENTO UNITARIO DI PIANIFICAZIONE A SUPPORTO

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Stralcio di pari opportunità: L AUTORITA PER L UGUAGLIANZA ( ) ( ) 5.2.7

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CRÈDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

La validazione dei controllori: documenti, procedure, tempistica e domande frequenti

La validazione dei controllori: documenti, procedure, tempistica e domande frequenti La validazione dei controllori: documenti, procedure, tempistica e domande frequenti Seminario Controlli di primo livello e certificazione delle spese Programma Sud Est Europa Bologna 5 Febbraio 2013 Luca

Dettagli

Ufficio del Commissario delegato per l emergenza rifiuti e la tutela delle acque Pista di controllo Sottomisura 1.04 B ver. 3. Palermo, 15/05/2003

Ufficio del Commissario delegato per l emergenza rifiuti e la tutela delle acque Pista di controllo Sottomisura 1.04 B ver. 3. Palermo, 15/05/2003 Ufficio del l emergenza rifiuti e la tutela delle Pista di controllo Sottomisura 1.04 B ver. 3 Palermo, 15/05/2003 INDICE 1 ASPETTI GENERALI...3 1.1 SCHEDA ANAGRAFICA...3 1.2 ORGANIZZAZIONE...4 1.3 ARTICOLAZIONE

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE REPUBBLICA ITALIANA Assessorato Regionale della Famiglia DIPARTIMENTO DEL LAVORO, DELL'IMPIEGO, DELL'ORIENTAMENTO, DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE P.O. F.S.E. Regione Siciliana 2007-2013 PISTA DI

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 16/XI/2007 C (2007) 5489 def. NON DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 16/XI/2007 che adotta il programma operativo "Italia

Dettagli

VADEMECUM PER I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM PER I BENEFICIARI FINALI INTERREG III C Zona SUD VADEMECUM PER I BENEFICIARI FINALI per l attuazione dell Operazione Quadro Regionale (OQR) TREND COMPOSANTE 4 Bando per la selezione di Progetti Dimostrativi INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Modulo per la richiesta di garanzie soggetti fornitori di beni e servizi alla sanità regionale

Modulo per la richiesta di garanzie soggetti fornitori di beni e servizi alla sanità regionale Modulo per la richiesta di garanzie soggetti fornitori di beni e servizi alla sanità regionale Viale Liegi, 58-00198 Roma - Tel. 06/853391 Fax. 06/85300728 E-mail: unionfidi@unionfidi.it www.unionfidi.it

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI Allegato 1 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI CANDIDATURE DI PROGETTI STRATEGICI I. Contenuto generale dell Avviso Il Programma europeo di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Francia Marittimo (di seguito

Dettagli

Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello

Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello Programma operativo di cooperazione tra Italia e Francia ALCOTRA 2007-2013 Circolare esplicativa dei controlli di primo livello Documenti di riferimento Regolamenti comunitari Reg. (CE) 1080/2006, Reg.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 03/XII/2007 C(2007) 5817 def. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 03/XII/2007 che adotta il programma operativo "Central Europe" per l intervento strutturale comunitario

Dettagli

GUIDA PER I BENENFICIARI AMMESSI AL CONTRIBUTO SULLA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE

GUIDA PER I BENENFICIARI AMMESSI AL CONTRIBUTO SULLA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 11 CULTURA- ISTRUZIONE RICERCA SCIENTIFICA AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI SPECIFICI PERCORSI FORMATIVI ED ITINERARI DIDATTICI INTEGRATIVI NELL AMBITO DELL INIZIATIVA

Dettagli

Partecipa il Segretario Generale Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il Segretario Generale Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 103 DEL 29/07/2010 OGGETTO: P.O. ITALIA FRANCIA MARITTIMO 2007-2013. PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITÀ DEL PROGETTO STRATEGICO

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO R.T.I. Società consortile Ass.For.SEO a.r.l. - KPMG Advisory S.p.A. e Metron S.r.l

ORGANISMO INTERMEDIO R.T.I. Società consortile Ass.For.SEO a.r.l. - KPMG Advisory S.p.A. e Metron S.r.l Allegato A8 REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali ORGANISMO INTERMEDIO R.T.I. Società consortile Ass.For.SEO a.r.l. - KPMG Advisory S.p.A. e

Dettagli