PUERICULTURA = sviluppo del = bambino Scienza che studia la crescita e lo sviluppo del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUERICULTURA = sviluppo del = bambino Scienza che studia la crescita e lo sviluppo del"

Transcript

1 PUERICULTURA = Scienza che PUERICULTURA studia la crescita e lo sviluppo del = bambino Scienza che studia la crescita e lo sviluppo del Oggetto: studio delle condizioni che favoriscono la migliore realizzazione bambino delle potenzialità del bambino, sia per lo sviluppo fisico che per la maturazione Oggetto: psico-affettiva. studio delle condizioni che favoriscono la migliore realizzazione delle potenzialità del bambino, sia per lo sviluppo fisico La che Puericultura per la maturazione si occupa psico-affettiva. anche della prevenzione delle malattie e delle perturbazioni dello sviluppo La Puericultura fisiologico si dall epoca occupa anche preconcezionale della prevenzione fino delle malattie e delle all adolescenza perturbazioni dello inclusa. sviluppo fisiologico dall epoca preconcezionale fino all adolescenza inclusa. Lo studio del bambino è sempre calato nel suo contesto Lo studio sociale del bambino e ambientale è sempre calato nel suo contesto sociale e ambientale

2 Oggetto di studio della Oggetto di studio della puericultura: puericultura: Bambino sano alle varie età Bambino Caratteristiche sano alle varie fisiologiche età del Caratteristiche bimbo fisiologiche del bimbo Processo naturale di accrescimento Alimentazione Alimentazione Igiene corporea Igiene corporea Ambiente di vita Processo naturale di accrescimento Ambiente di vita

3 La Puericultura si occupa della salute dell essere umano da prima del suo concepimento il suo e percorso tutto evolutivo il suo percorso evolutivo La Puericultura si occupa della salute dell essere umano da prima del suo concepimento e per tutto PREVENZIONE PREVENZIONE PROMOZIONE DELLA SALUTE PROMOZIONE DELLA SALUTE EDUCAZIONE ALLA SALUTE EDUCAZIONE ALLA SALUTE

4 Prevenzione ridurre e/o eliminare i fattori di rischio La prevenzione può essere: Prevenzione ridurre e/o eliminare i fattori di rischio primaria La prevenzione può essere: secondaria terziaria primaria secondaria terziaria Promozione della salute processo che fornisce agli individui e alla comunità i mezzi per aumentare il controllo sui fattori che determinano la salute Educazione alla salute strumento per la promozione della salute colma il divario tra quanto conosciamo dei fattori di rischio e quanto conosce la gente Promozione della salute processo che fornisce agli individui e alla comunità i mezzi per aumentare il controllo sui fattori che determinano la salute Educazione alla salute strumento per la promozione della salute colma il divario tra quanto conosciamo dei fattori di rischio e quanto conosce la gente

5 Fasi età evolutiva Fasi età evolutiva Vita Intrauterina: Vita Intrauterina: periodo blastemico periodo periodo blastemico embrionale periodo periodo embrionale fetale periodo fetale periodo neonatale Vita Extrauterina: prima infanzia periodo seconda neonatale infanzia prima terza infanzia seconda infanzia terza infanzia pubertà adolescenza Vita Extrauterina: pubertà adolescenza

6 Unità didattica n.1 Unità Assistenza didattica al Neonato n.1 Assistenza al Neonato Oggetto Oggetto di di studio: studio: - neonato - neonato - assistenza - assistenza in sala in sala parto parto - assistenza - assistenza al nido al nido - cure - cure igieniche igieniche - alimentazione - alimentazione - stile - stile di vita di vita familiare familiare

7 Obiettivi formativi Obiettivi formativi 1- descrivere le misure assistenziali da erogare al neonato in sala parto e al nido; 2- illustrare le cure igieniche da assicurare al bimbo in ospedale e a domicilio; 3- descrivere le indicazioni e modalità dei diversi tipi di allattamento e il ruolo educativo dell infermiere 1- descrivere le misure assistenziali da erogare al neonato in sala parto e al nido; 2- illustrare le cure igieniche da assicurare al bimbo in ospedale e a domicilio; 3- descrivere le indicazioni e modalità dei diversi tipi di allattamento e il ruolo educativo dell infermiere

8 Assistenza in sala parto Alla nascita il neonato è sottoposto a modificazioni fisiologiche notevoli: cambiamento anatomico e funzionale del sistema cardio-circolatorio e respiratorio Assistenza in sala parto Alla nascita il neonato è sottoposto a modificazioni fisiologiche notevoli: cambiamento anatomico e funzionale del sistema Il neonato cardio-circolatorio diventa un essere autonomo e respiratorio I primi minuti Il neonato di vita diventa sono cruciali. un essere autonomo Obiettivi assistenziali I primi minuti sala di vita parto sono : cruciali. Favorire l adattamento dell attività respiratoria Obiettivi assistenziali in sala parto : Favorire Favorire l adattamento la stabilizzazione dell attività respiratoria dell attività Favorire cardiocircolatoria la stabilizzazione dell attività cardiocircolatoria Favorire la regolazione della temperatura corporea Favorire la regolazione della temperatura corporea

9 Procedure da compiere in sala parto Procedure da compiere in sala parto Riesaminare anamnesi materna Controllare attrezzature e farmaci per la rianimazione Riesaminare Assistenza immediata: anamnesi materna Controllare >aspirazione attrezzature mucosità del e farmaci cavo orofaringeo per la rianimazione Assistenza e delle narici immediata: appena disinpegnata la testa >taglio del cordone ombelicale 1. >porre aspirazione il neonato mucosità sul piano del cavo di rianimazione orofaringeo sotto e delle la lampada narici appena radiantedisimpegnata la testa 2. taglio del cordone ombelicale 3. porre il neonato sul piano di rianimazione sotto la lampada radiante

10 Assistenza primaria (entro 60 ): Assistenza asciugare il primaria corpo del (entro neonato 60 ): e coprirlo con panni >asciugare caldi il corpo del neonato e coprirlo con panni caldi disostruire faringe e narici con catetere morbido >disostruire rilevare le condizioni faringe e di narici vitalità con del catetere neonato morbido >rilevare le condizioni di vitalità del neonato A 60 :>attribuzione del punteggio di Apgar A 60 :>attribuzione se 4-7 osservare/stimolare del punteggio di Apgar se < se 34 rianimazione - 7 osservare/stimolare primaria se < 3 rianimazione primaria A 5 A : 5 >seconda : >seconda attribuzione attribuzione punteggio punteggio di Apgar di Apgar

11 Punteggio di Apgar Punteggio di Apgar valuta le condizioni di vitalità del neonato di basa sulla valutazione di 5 elementi: valuta le condizioni di vitalità del neonato >attività cardiaca si basa sulla valutazione di 5 elementi: >attività respiratoria >attività cardiaca >tono muscolare >attività respiratoria >eccitabilità dei riflessi >tono muscolare >colorito cutaneo >eccitabilità dei riflessi >colorito cutaneo

12 valore normale 7-10 neonati sani valore valore tra 4 normale -6 neonati 7-10 moderatamente neonati sani depressi valore valore tra 0-3 tra 4 neonati -6 neonati gravemente moderatamente compromessi depressi valore tra 0-3 neonati gravemente compromessi RIANIMAZIONE Il punteggio di Apgar RIANIMAZIONE è utile per valutare le condizioni del neonato, indica quali sono le modalità di intervento in quel determinato momento ed esprime l efficacia degli atti di rianimazione messi in opera. Non ha però valore per la prognosi neuroevolutiva, soprattutto quello al 1 minuto. Il rischio di danno neurologico permanente è invece in relazione alla persistenza nel tempo di bassi valori di tale indice Il punteggio di Apgar è utile per valutare le condizioni del neonato, indica quali sono le modalità di intervento in quel determinato momento ed esprime l efficacia degli atti di rianimazione messi in opera. Non ha però valore per la prognosi neuroevolutiva, soprattutto quello al 1 minuto. Il rischio di danno neurologico permanente è invece in relazione alla persistenza nel tempo di bassi valori di tale indice

13 PUNTEGGIO DI APGAR SEGNO CLINICO Frequenza cardiaca Assente < 100/min > 100/min Respirazione Assente Debole irregolare Pianto valido Tono Flaccidità Semiflessione degli arti Flessione degli arti Eccitabilità Assente Smorfie Tosse o starnuti Colore Cianosi blu o pallore Cianosi lieve Roseo

14 Isola Neonatale Isola Neonatale Ambiente dove viene assistito il neonato Adiacente alla Sala Parto Dotata di : * lettino o piano riscaldato con lampada radiante ** Biancheria pulita ** sorgente di ossigeno e aria e aria ** aspiratore * cronometro segnaminuti * segnaminuti * sondini per aspirazione (8-10 Ch) * sondini per aspirazione (8-10 Ch) Ambiente dove viene assistito il neonato Adiacente alla Sala Parto Dotata di : * lettino o piano riscaldato con lampada radiante

15 mascherine facciali di diverse misure pallone Ambu * mascherine facciali di diverse misure raccordi/tubi/materiale per ossigenoterapia * pallone Ambu tubi e sondini endotracheali laringoscopio con lame * raccordi/tubi/materiale per ossigenoterapia farmaci e materiale per rianimazione (vit. K collirio * tubi e sondini endotracheali antibiotico, farmaci per urgenza, fisiologica e glucosata) * laringoscopio con lame * farmaci e materiale per rianimazione (vit. K collirio antibiotico, farmaci per urgenza, fisiologica e glucosata)

16

17 Ulteriori Ulteriori interventi interventi assistenziali assistenziali Bagno del neonato/ misurazione/vestizione Profilassi Bagno congiuntivale del neonato/ misurazione/vestizione Profilassi Profilassi della congiuntivale malattia emorragica Medicazione Profilassi della cordone malattia ombelicale emorragica Sondaggio Medicazione gastrico del cordone (non di routine) ombelicale Contatto Sondaggio genitori gastrico - neonato (non di routine) Identificazione Contatto genitori del neonato - neonato Raccolta Identificazione campione del di sangue neonatodal cordone ombelicale Trasporto Raccolta del campione neonato di al sangue Nido con dal incubatrice cordone ombelicale portatile Trasporto del neonato al Nido con incubatrice portatile

18

19 Alcune Alcune anomalie anomalie presenti presenti nel nel neonato neonato Eritema neonatale Eritema neonatale Teleangiectasie Teleangiectasie Macchie mongoliche Macchie mongoliche Ittero fisiologico Ittero fisiologico Paralisi/stiramento plesso brachiale Paralisi/stiramento plesso brachiale Frattura clavicola Frattura clavicola Tumore da parto Tumore da parto

20 ASSISTENZA AL NIDO A S S I S T E N Z A ASSISTENZA tutti i bambini AL nelle NIDO prime ore di vita necessitano di una attenta osservazione in tutti quanto i bambini ogni nelle neonato prime deve ore di essere vita necessitano considerato di una a RISCHIO attenta osservazione in quanto ogni neonato deve essere considerato a RISCHIO ACCERTAMENTO MONITORAGGIO DEI SEGUENTI PARAMENTI: Controllo della temperatura cutanea Controllo della frequenza respiratoria Valutazione del colorito cutaneo Controllo dell emissione di meconio Controllo dell emissione di urine Controllo della glicemia MONITORAGGIO DEI SEGUENTI PARAMENTI: Controllo della temperatura cutanea Controllo della frequenza respiratoria Valutazione del colorito cutaneo Controllo dell emissione di meconio Controllo dell emissione di urine Controllo della glicemia

21 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Rischio di liberazione inefficace delle vie aeree, Rischio di infezione Termoregolazione inefficace Modello inefficace di nutrizione Rischio di alterato attaccamento madre -bambino Rischio di liberazione inefficace delle vie aeree, Rischio di infezione Termoregolazione inefficace Modello inefficace di nutrizione Rischio di alterato attaccamento madre - bambino

22 OBIETTIVI GENERALI DELL ASSISTENZA SONO: OBIETTIVI GENERALI DELL ASSISTENZA SONO: Mantenere la pervietà delle vie aeree Mantenere Prevenire la le pervietà infezioni delle vie aeree Prevenire le l ipotermia infezioni o ipertermia Prevenire Promuovere l ipotermia l allattemento o ipertermia al seno Promuovere Favorire il processo l allattemento di attaccamento al seno madrebambino il processo di attaccamento madre- Favorire bambino Istruire i genitori sulle modalità corrette di Istruire accudimento i genitori del sulle neonato modalità corrette di accudimento del neonato

23 PROBLEMI COLLABORATIVI PROBLEMI COLLABORATIVI IPOTERMIA IPOGLICEMIA IPERBILIRUBINEMIA IPOTERMIA BRADICARDIA IPOGLICEMIA IPERBILIRUBINEMIA BRADICARDIA

24 INTERVENTI ASSISTENZIALI INTERVENTI ASSISTENZIALI Controllo di frequenza cardiaca, frequenza Controllo respiratoria, di frequenza temperatura, cardiaca, colorito frequenza cutaneo, respiratoria, temperatura, motilità, reattività colorito cutaneo, motilità, reattività Osservazione intensiva intensiva per per ore -12 fino ore al fino completo al adattamento completo alla adattamento vita extra-uterina. alla vita extra-uterina. Fototerapia (in (in caso caso di ittero) di ittero) con con lampade lampade fluorescenti ( fluorescenti lamda) ( N.B.: coprire lamda) occhi, N.B.: controllare coprire temp., idratare occhi, controllare temp., idratare Controllo Controllo emissione emissione meconio meconio e caratteristiche e caratteristiche delle feci delle feci

25 Controllo delle minzioni Esecuzione screenings neonatali (4^gior.) Controllo delle di eventuali minzioni infezioni con rispetto di Esecuzione rigorose norme screenings igieniche: neonatali del ( personale (divisa, mani), delle attrezzature e presidi sanitari, degli ambienti dove soggiorna il neonato, degli altri neonati INTERVENTI PER LA PERVIETA DELLE VIE AEREE Sistemare il nonato in posizione laterale o supina, evitare la posizione prona

26 INTERVENTI PER PREVENIRE L IPOTERMIA o IPERTERMIA Monitorare la termperatura del neonato. > ogni ora in incubatrice > in seguito ogni 4 ore fino a stabilizzazione Monitorare la termperatura del neonato. > ogni 12 ore nei giorni seguenti > ogni ora in incubatrice *rettale v.n /- 0,2 C > in seguito ogni 4 ore fino a stabilizzazione *cutanea v.n. 36,5 +/- 0,3 C > ogni 12 ore nei giorni seguenti *ascellare v.n. 36,4 +/- 0,2 C *rettale v.n /- 0,2 C *cutanea v.n. 36,5 +/- 0,3 C *ascellare v.n. 36,4 +/- 0,2 C INTERVENTI PER PREVENIRE L IPOTERMIA o IPERTERMIA Il neonato nella 1^fase, è posto in incubatrice (controllo temperatura e Ossigeno), poi in culla Il neonato nella 1^fase, è posto in incubatrice (controllo temperatura e Ossigeno), poi in culla

27 A) se la temperatura è inferiore alla norma: A) se la temperatura è inferiore alla norma: Avvolgere il neonato con due coperte Avvolgere il neonato con due coperte Mettergli un copricapo Mettergli un copricapo Verificare se vi sono fonti ambientali di Verificare dispersione se vi del sono calore fonti ambientali di dispersione del calore Se dopo un ora l ipotermia persiste, avvisare il Se medico dopo un ora l ipotermia persiste, avvisare il medico Verificare la presenza di complicanze da stress Verificare da freddo: la presenza ipossia, acidosi di complicanze respiratoria, da stress da freddo: ipoglicemia, ipossia, squilibri acidosi idroelettrolitici, respiratoria, ipoglicemia, perdita di squilibri peso. idroelettrolitici, perdita di peso.

28 B. Se la temperatura e superiore alla norma: B. Se la temperatura e superiore alla norma: Allentare le coperte; Allentare le coperte; Togliere il copricapo Togliere il copricapo Verificare se nell ambiente vi è una temperatura elevata Verificare se nell ambiente vi è una temperatura elevata Se dopo un ora l ipertermia persiste, avvisare il medico Se dopo un ora l ipertermia persiste, avvisare il medico

29 Verificare la presenza di segni di sepsi (funzionalità Verificare respiratoria, la presenza cute alimentazione di segni di sepsi carente, (funzionalità irritabilità, segni di infezioni localizzate (cute, ombelico, occhi ) respiratoria, cute alimentazione carente, irritabilità, segni di infezioni Spiegare localizzate a chi assiste (cute, il ombelico, bambino occhi ) le ragioni per le quali è vulnerabile ai mutamenti di temperatura Spiegare a chi assiste il bambino le ragioni per le quali (freddo o caldo) è vulnerabile ai mutamenti di temperatura (freddo o a. Dimostrare come conservare il calore durante il caldo) bagno, b. Spiegare che non è necessario un controllo a.spiegare costante come della conservare temperatura il calore una durante volta tornati il bagno, a b.spiegare casa, che non è necessario un controllo costante della temperatura c. Insegnare a controllare una volta tornati la temperatura a casa, se il c.insegnare bambino a controllare scotta, è sofferente la temperatura o irritabile. se il bambino sembra caldo, è sofferente o irritabile.

30 INTERVENTI MIRATI ALLA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI INTERVENTI MIRATI ALLA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI Monitoraggio per rilevare i segni di infezione(ad es.: letargia, difficoltà nell alimentazione, vomito, Monitoraggio per rilevare i segni di infezione(ad es.: letargia, difficoltà nell alimentazione, temperatura vomito, istabile, temperatura cambiamenti istabile, anche cambiamenti lievi del anche lievi del colorito). Provvedere alla cura del cordone ombelicale. Istruire Provvedere su tale alla cura cura e sui del segni cordone di ombelicale. infezione Istruire (ad es.: su tale rossore cura e sui segni accentuato, di infezione (ad drenaggio es.: rossore purulento). accentuato, drenaggio purulento). Istruire i genitori a lavarsi accuratamente le mani Istruire prima i genitori di toccare a lavarsi il neonato; accuratamente le mani prima di toccare il neonato; I visitatori esterni, devono indossare un camice pulito I visitatori e delle esterni, sopra devono scarpe indossare durante un la camice permanenza pulito e delle al nido. sopra scarpe Controllo durante la di permanenza eventuali al infezioni nido. con rispetto di rigorose norme igieniche: del personale (divisa, mani), delle attrezzature e presidi sanitari, degli ambienti dove del personale soggiorna (divisa, il neonato, mani), delle degli attrezzature altri neonati e presidi sanitari, degli Controllo di eventuali infezioni con rispetto di rigorose norme igieniche: ambienti dove soggiorna il neonato, degli altri neonati

31 INTERVENTI MIRATI A FAVORIRE L ALLATTAMENTO AL SENO INTERVENTI MIRATI A FAVORIRE L ALLATTAMENTO AL SENO seguire una politica favorevole formulate per iscritto e ben nota la personale di assistenza; personale Dimostrare di assistenza; competenza; Informare le mamme sui vantaggi e sulla pratica Dimostrare dell allattamento; competenza; Incoraggiare le madri ad attaccare al seno il più precocemente possibile; Incoraggiare Alimentazione le madri del ad neonato attaccare in al caso seno di il più problemi precocemente possibile; (artificiale -sonda) se il bambino non riesce a succhiare somm.re soluzione glucosata contenente Alimentazione sali di calcio del (il neonato digiuno in non caso deve di problemi superare (artificiale 6 --sonda) 8 ore se = il bambino rischio di non ipoglicemia) riesce a succhiare somm.re soluzione glucosata seguire una politica favorevole formulate per iscritto e ben nota la Informare le mamme sui vantaggi e sulla pratica dell allattamento; contenente sali di calcio (il digiuno non deve superare le 6-8 ore = rischio di ipoglicemia)

32 Non dare aggiunte di altri liquidi; Incoraggiare il rooming-in Non dare Incoraggiare aggiunte l allattamento di altri liquidi; a richiesta Incoraggiare Accertare il il rooming-in modello di alimentazione e il fabbisogno Incoraggiare nutrizionale l allattamento del bambino: a richiesta Accertare Rilevare: modello volume, di alimentazione durata, e sforzo e il fabbisogno nel corso nutrizionale dell allattamento; bambino: frequenza e sforzo respiratorio; Rilevare: eventuali volume, segni durata, di e affaticamento sforzo nel corso dell allattamento; Attuare interventi frequenza specifici e sforzo atti respiratorio; a promuovere eventuali segni di un efficace affaticamento alimentazione per via orale: Attuare Interventi interventi specifici atti per a insegnare promuovere il posizionamento un efficace alimentazione del bambino, per via orale: come attaccarlo e staccarlo dal seno, Interventi quando specifici cambiare per insegnare seno il posizionamento del bambino, Controllo come attaccarlo degli stimoli e staccarlo ambientali. dal seno, quando cambiare seno Controllo degli stimoli ambientali.

33 INTERVENTI GENERALI PER PREVENIRE IL RISCHIO DI ALTERATO ATTACCAMENTO MADRE BAMBINO INTERVENTI GENERALI PER PREVENIRE IL RISCHIO DI Accertare i fattori eziologici o contribuenti ALTERATO ATTACCAMENTO MADRE BAMBINO Fattori materni (gravidanza indesiderata, travaglio di parto prolungato e faticoso, dolore e Accertare i fattori eziologici o contribuenti affaticamento post-partum, mancanza di un Fattori sistema materni di supporto (gravidanza positivo, indesiderata, mancanza di travaglio un di parto modello prolungato di ruolo e positivo) faticoso, dolore e affaticamento post-partum, mancanza di un sistema di supporto Modello di coping inadeguato (di uno o entrambe i positivo, mancanza di un modello di ruolo positivo) genitori: alcolismo, dipendenza da farmaci, Modello difficoltàdi coniugali, coping inadeguato genitore adolescente, (di uno o entrambe malattia i genitori: in famiglia, alcolismo, cambiamento dipendenza ruolo..) da farmaci, difficoltà coniugali, genitore adolescente, malattia in famiglia, Fattori riguardanti il bambino (prematuro, con cambiamento di ruolo..) difetti, ammalato, parto multiplo) Fattori riguardanti il bambino (prematuro, con difetti, ammalato, parto multiplo)

34 Se possibile, eliminare o ridurre i fattori contribuenti: Se possibile, eliminare o ridurre i fattori contribuenti: 1. malattia, dolore, affaticamento 2. Mancanza di esperienza e di un modello positivo di ruolo malattia, materno dolore, affaticamento Mancanza 3. Mancanza di esperienza di un sistema e di un di modello supporto positivo positivo di ruolo materno Mancanza di un sistema di supporto positivo Garantire opporturnità per il processo di realizzazione del legame: Garantire Promuove opporturnità il legame per nell immediata il processo di fase realizzazione successiva alla del legame: nascita Facilitare il processo di realizzazione del legame nella fase postpartum Promuove Garantire il legame il sostegno nell immediata alla madre/genitori fase successiva alla nascita Facilitare Verificare il processo il bisogno di realizzazione di insegnamento del legame nella fase postpartum Quando è necessaria un immediata separazione del Garantire neonato il sostegno dai genitori alla madre/genitori a causa di prematurità o malattia, Verificare fornire il bisogno esperienze di insegnamento di legame/attaccamento per quanto Quando possibile. è necessaria un immediata separazione del neonato dai genitori a causa di prematurità o malattia, fornire esperienze di legame/attaccamento per quanto possibile.

35 Tipi di assistenza al Nido Tipi di assistenza al Nido Nido chiuso Rooming in in questo caso gli operatori sono veri Nido educatori chiuso rispetto a : Rooming *igiene in stanza in questo di degenza caso gli (visite) operatori sono veri educatori *modalità rispetto di a cambio : e igiene del neonato * igiene allattamento stanza di degenza (visite) modalità di cambio e igiene del neonato Gli infermieri allattamento devono supportare la mamma nei momenti di difficoltà (es.: pianto inconsolabile, difficoltà di allattamento...) spiegandole i motivi dei Gli infermieri devono supportare la mamma nei momenti di comportamenti del bimbo e fornendo tutte le difficoltà (es.: pianto inconsolabile, difficoltà di informazioni di cui necessita. allattamento...) spiegandole i motivi dei comportamenti del bimbo e fornendo tutte le informazioni di cui necessita.

36 L igiene di vita del bambino L igiene di vita del bambino Igiene del corpo: il momento della pulizia del bimbo permette l'instaurarsi delle prime relazioni Igiene affettive del corpo: il momento della pulizia del bimbo permette * bagno l'instaurarsi delle prime relazioni affettive * bagno cambio pannolino ed igiene dell area perigenitale e perianale cambio pannolino (prevenire ed dermatite igiene dell area da pannolino) perigenitale e perianale * igiene delle (prevenire mani e dermatite del viso (occhi-naso-orecchieunghie) igiene delle mani e del viso (occhi-naso-orecchie- da pannolino) unghie) Igiene dell alvo: Igiene * caratteristiche dell alvo: delle feci * caratteristiche frequenza delle feci frequenza

37 Igiene Igiene del vestiario del indumenti * (tipo (tipo - stoffa) - stoffa) lavaggio * biancheria Ambiente di vita Ambiente * temperatura di vita stanza umidità temperatura * evitare fumo stanza passivo umidità evitare * attrezzatura fumo passivo attrezzatura * uscite del bimbo (passeggiate - viaggi) uscite del bimbo (passeggiate - viaggi)

38 Ritmi di vita ogni bambino ha i propri ritmi che vanno compresi e rispettati ogni mamma va aiutata a capire il suo bambino La mamma funge da interfaccia tra ambiente (stili di vita, tradizioni culturali, abitudini familiari) e neonato. sonno e addormentamento (spazio e oggetto transizionale) attività fisica e gioco

39

40 Ritmi di vita * ogni bambino ha i propri ritmi che vanno compresi e rispettati * ogni mamma va aiutata a capire il suo bambino La mamma funge da interfaccia tra ambiente (stili di vita, tradizioni culturali, abitudini familiari) e neonato. * sonno e addormentamento (spazio e oggetto transizionale) * attività fisica e gioco

41 * momenti di noia - non sapere cosa fare stimolano la fantasia - creatività - attitudine riflessiva

42

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA MATERNO

Dettagli

ASP Catanzaro Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme U.O. Neonatologia e TIN Direttore: dott. S. A. Canepa Relatore: Filomena Cuda Catanzaro, 07/06/2008 Bambino nelle prime quattro settimane di vita extra-uterina.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA INFERMIERISTICA PEDIATRICA

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA INFERMIERISTICA PEDIATRICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Specialità medico chirurgiche, scienze radiologiche e sanità pubblica CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA INFERMIERISTICA

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato

Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato Ruolo del trattamento infermieristico Mirjana Petojevic Infermiera Professionale SC Neonatologia e TIN Ospedale dei Bambini «V.Buzzi», ICP Milano Direttore:

Dettagli

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0 1 PRESENTAZIONE Il settore di Neonatologia dell U. O. C. di Pediatria dell Ospedale di Vibo Valentia attualmente è rappresentato dal Nido. In questa struttura si accolgono tutti i nati sani all interno

Dettagli

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO

INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Casa Internazionale della Donna Roma, 24 giugno 2011 INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO Ostetrica Antonella Bernardini INTEGRAZIONE OSPEDALE E TERRITORIO L INTEGRAZIONE TRA LE STRUTTURE OSPEDALIERE E QUELLE

Dettagli

SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON

SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON SCHEDA DI ACCERTAMENTO DEI BISOGNI DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA SECONDO IL MODELLO DI M. GORDON Diagnosi NANDA-I 2009-2011 o autonegligenza o Disponibilità a migliorare l autogestione della salute o Inefficace

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AREA INFANTILE Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo all AREA INFANTILE vuole mettere lo studente nella condizione di: Rapportarsi con il neonato fisiologico

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA

ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA ASLTO5 LE CURE ALLA NASCITA IL PUNTEGGIO DI APGAR Il punteggio di Apgar esprime il livello di adattamento alla vita fuori dall'utero materno viene assegnato al primo e al quinto minuto di vita dal personale

Dettagli

Assistenza al neonato in ipotermia

Assistenza al neonato in ipotermia Assistenza al neonato in ipotermia Laura Brombin Sabrina Gibin NEONATO CON ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA AFISSIA PERINATALE è un evento raro ( 3-5 neonati / 1.000 nati vivi ) Conseguenze su vari organi

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

E.O. Ospedali Galliera di Genova

E.O. Ospedali Galliera di Genova E.O. Ospedali Galliera di Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) Gruppo Operativo della Commissione

Dettagli

ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA

ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA U.O.C. di NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE DIRETTORE: DOTT. FRANCESCO LOMBARDO OSPEDALE UMBERTO I - SIRACUSA ADATTAMENTO NEONATALE Per adattamento

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione PROCEDURA: Barrare le opzioni prescelte Selezionare l obiettivo

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO. Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4

OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO. Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4 OFFERTA FORMATIVA DELLA SEDE DI TIROCINIO Cure Domiciliari Distretto Circoscrizione 4 Contesto Tutor clinico Contatti e riferimenti Nome ANNALISA Cognome LOMBARDO Telefono O11/4395744 e-mail annalisa.lombardo@unito.it

Dettagli

S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof.

S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof. S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof. Stefano Parmigiani Presidente: Sig. Attilio Noletta GIORNATA REGIONALE

Dettagli

Puoi ordinare una copia qui. ****

Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

La rianimazione neonatale

La rianimazione neonatale Linee guida SIN Campania La rianimazione neonatale Gruppo di Studio Coordinatore: dott. F Spagnuolo Componenti: dott.ssa M.P. Capasso, dott. G. Furcolo, dott.ssa M. Internicola,, dott. A. Piccirillo, dott.ssa

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

La dimissione dei neonati piccoli dall ospedale: raccomandazioni. Dr Elsa Buffone Dr Chiara Protano UOC Neonatologia, AO S.

La dimissione dei neonati piccoli dall ospedale: raccomandazioni. Dr Elsa Buffone Dr Chiara Protano UOC Neonatologia, AO S. La dimissione dei neonati piccoli dall ospedale: raccomandazioni Dr Elsa Buffone Dr Chiara Protano UOC Neonatologia, AO S. Camillo Forlanini Epidemiologia MODERATE PRETERM = tra la 32 e la 33 settimana

Dettagli

MALORI DA CAUSE AMBIENTALI REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA

MALORI DA CAUSE AMBIENTALI REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA MALORI DA CAUSE AMBIENTALI REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA METABOLISMO = TEMPERATURA CORPOREA ETEROTERMI: (RETTILI ED ANFIBI) VARIANO LA LORO TEMPERATURA IN RELAZIONE ALLA TEMPERATURA AMBIENTALE.

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

ASSISTENZA AL MEDICO

ASSISTENZA AL MEDICO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ASSISTENZA AL MEDICO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia

Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia Istituti Clinici di Perfezionamento - Milano Servizio di Abilitazione Precoce dei Genitori Le patologie gravemente invalidanti nel neonato e nella prima infanzia Spunti di riflessione per gli operatori

Dettagli

S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA

S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA S.C. PEDIATRIA / NEONATOLOGIA Direttore Dott. Cesare ARIONI INFORMAZIONI PER L UTENTE Ospedale Beauregard Reparto di Patologia Neonatale e Terapia Intensiva Tel. 0165/545476 Aosta CARI GENITORI, sappiamo

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

Comune di Romano d Ezzelino VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI)

Comune di Romano d Ezzelino VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI) L Asilo Nido Comunale Girotondo VIA G. GIARDINO, 105 ROMANO D EZZELINO (VI) 1 PREMESSA L allattamento al seno costituisce il miglior metodo alimentare per garantire una sana crescita ed un sano sviluppo

Dettagli

PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO IPOTIZZATI

PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO IPOTIZZATI SIDS Può essere chiamata SIDS la morte di un bambino (di età < 1 anno) che sia Improvvisa Inspiegabile anche dopo un accurata valutazione del caso comprendente: )L esecuzione di autopsia )L esame dello

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO!

ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! ECCOLO A CASA! GESTIONE DEL NEONATO!...IL SONNO! Il neonato va posto direttamente nel suo lettino! Non serve farlo dormire nella carrozzina o in ceste o culle. IN CAMERA CON I GENITORI SI NEL LETTONE NO!

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

PROBLEMI NEONATALI INTRODUZIONE

PROBLEMI NEONATALI INTRODUZIONE PROBLEMI NEONATALI INTRODUZIONE PROBLEMI NEONATALI La qualità dell assistenza offerta dal Pediatra di Libera Scelta (PLS), con particolare riferimento alla corretta presa in carico del neonato e della

Dettagli

ALLATTARE AL SENO ITALIANO

ALLATTARE AL SENO ITALIANO ALLATTARE AL SENO ITALIANO Il latte materno è un investimento prezioso per il benessere e la salute tua e del tuo bambino. Presso i nostri Centri potete contare sull aiuto per consigli di operatori esperti

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico STAFF DIREZIONE SANITARIA Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico DIAGNOSI INFERMIERISTICA: (RISCHIO DI) DEFICIT DELLA CURA DI SÉ alimentazione, bagno, igiene personale, uso dei servizi igienici,

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino

Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino Direzione Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione e Direzione Generale della comunicazione e relazioni istituzionali Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino www.salute.gov.it

Dettagli

COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE.

COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE. COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE. COLPO DI SOLE CAUSE LA CAUSA DETERMINANTE E L ECCESSIVA ESPOSIZIONE A L AZIONE DEI RAGGI SOLARI, RADIAZIONE INFRAROSSE

Dettagli

L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA. Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA. Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia della gravidanza e del parto Riconoscere e assistere la donna

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI T.I.N.

CARTA DEI SERVIZI T.I.N. CARTA DEI SERVIZI T.I.N. INTRODUZIONE L'Ospedale San Pietro FBF è un centro di Assistenza Perinatale di 3 livello, inserito nella rete dell'emergenza ostetrico-neonatale con un P.S. Ostetrico e Neonatologico

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale

Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva U.O. Aziendale di Pediatria Unità Operativa Semplice di Terapia Intensiva Neonatale Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero

Dettagli

Il parto nella gatta

Il parto nella gatta Il parto nella gatta Al termine del periodo di gestazione la gatta si appresta al parto. Il periodo di gravidanza nella gatta ha durata variabile da 63 a 65 giorni in media (anche se si possono considerare

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

Relatore: Basigli Sonia PARAMETRI VITALI ETA PEDIATRICA. Temperatura Frequenza cardiaca Frequenza respiratoria SaO2 P.A.

Relatore: Basigli Sonia PARAMETRI VITALI ETA PEDIATRICA. Temperatura Frequenza cardiaca Frequenza respiratoria SaO2 P.A. Relatore: Basigli Sonia PARAMETRI VITALI ETA PEDIATRICA Temperatura Frequenza cardiaca Frequenza respiratoria SaO2 P.A. SEGNI DI ALLARME IN ETA PEDIATRICA APNEA > 10 sec. FR > 60 atti/min: distress respiratorio

Dettagli

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN PRIMO SOCCORSO PATOLOGIE RESPIRATORIE ANATOMIA E FISIOLOGIA LA FUNZIONE PRINCIPALE DELL APPARATO RESPIRATORIO È DI FORNIRE AI TESSUTI UN SUFFICIENTE APPORTO DI OSSIGENO PER SODDISFARNE LE RICHIESTE ENERGETICHE

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari La Aipda Sanitas è lieta di proporre alla SIULP della POLIZIA di STATO di Roma e Provincia una CONVENZIONE nel settore sanitario per tutti i suoi dipendenti e familiari, con l ausilio di personale medico

Dettagli

Unità di Neonatologia, Patologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore: Prof. Mario De Curtis Azienda Policlinico Umberto I Se volete promuovere e migliorare l'assistenza del neonato a richio potete

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 PUNTO NASCITA/BLOCCO PARTO - REQUITI STRUTTURALI BPAR01.AU.1.1 L'AREA NEONATALE, oltre agli spazi specifici già individuati

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO Il reparto Maternità del Gaslini favorisce l'allattamento al seno, in base alle norme definite dall'oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall'unicef (Fondo

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

Prof. Tarcisio Niglio LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 fax 0125 641248 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Il Percorso Nascita integrato

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it

07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it LE MISURE DI ISOLAMENTO 07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it SITUAZIONE ATTUALE Drammatico e progressivo aumento delleinfezioniantibioticoresistenti Comparsa di resistenze, al momento, più

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno

Politica aziendale per la protezione, promozione e sostegno dell'allattamento al seno Azienda Usl 7 di Siena Azienda Sanitaria delle zone Senese, Alta Val d'elsa, Amiata Val d'orcia e Valdichiana Senese DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Il libretto è stato elaborato dal gruppo di lavoro multidisciplinare

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

Sono di importanza fondamentale:

Sono di importanza fondamentale: La Pandemia influenzale H1N1 2009 Misure di protezione per operatori sanitari Paola Bertoli - Resp. Servizio Prevenzione Protezione Azienda USL di Parma Sono di importanza fondamentale: 1) Per tutta la

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Corso formazione alla Cura di malati di SLA

Corso formazione alla Cura di malati di SLA Corso formazione alla Cura di malati di SLA Respirazione - Segni e Sintomi NIV Tracheostomia Aspirazione Dott. P. Bruno UOC Pneumologia Az. Osp. Sant Andrea Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Università

Dettagli

AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi

AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi AISMEL Associazione Italiana Studio Malformazioni Esterne e Labiopalatoschisi LABIOPALATOSCHISI BABY CARE INFERMIERISTICO E COUNSELLING AI GENITORI Sala Gronchi, Tenuta di S. Rossore 4 Giugno 2011 Baby-

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

CONTRATTO DI TIROCINIO

CONTRATTO DI TIROCINIO Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona Ultima revisione 27.01.2014 CONTRATTO DI TIROCINIO Studenti I anno - I semestre A.A. 2013 2014 Elaborato da: Direttori Attività

Dettagli

INSURANCE TEAM di Farina & C. S.a.s.

INSURANCE TEAM di Farina & C. S.a.s. CONGELAMENTO E una lesione locale da freddo che interessa una o più parti del corpo, generalmente le estremità: mani, piedi, naso, orecchie. - Diminuito apporto di sangue nei tessuti interessati (colore

Dettagli

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Pronto Soccorso svolge la sua attività al piano terra dell Ospedale San Bassiano, a sinistra della

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli