Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI

2 Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive Presupposti per l insorgenza di una patologia infettiva Generalità sui microrganismi Profilassi generale delle malattie infettive Notifica Accertamento diagnostico Misure contumaciali Inchiesta epidemiologica Disinfezione, disinfestazione, sterilizzazione Profilassi immunitaria di 20

3 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive Le malattie infettive sono le patologie causate da organismi viventi, parassiti dell uomo. In particolare, nell ambito delle malattie parassitarie, in cui sono comprese tutte le malattie causate da esseri viventi, è possibile distinguere: le infestazioni, causate da macroparassiti, cioè da esseri viventi pluricellulari quali, ad esempio, vermi, pidocchi, etc.; le malattie infettive o malattie microparassitarie, provocate da organismi viventi monocellulari come i batteri ed i miceti, o privi di organizzazione cellulare, come i virus. Le malattie infettive possono essere esogene o endogene. Nel primo caso il microrganismo patogeno proviene dall esterno dell individuo in cui, con modalità diverse, riesce a penetrare. Le forme endogene vedono invece i microbi provenire dallo stesso individuo o perché migrati, spesso traumaticamente, da un altro distretto in cui non provocano malattia, o perché divenuti patogeni in seguito all indebolimento dell organismo. 1.1 Presupposti per l insorgenza di una patologia infettiva Il presupposto per l insorgenza di una patologia infettiva è la penetrazione e invasione dell organismo da parte di un agente patogeno e la presenza o la produzione delle tossine microbiche con conseguente reazione tissutale. L infezione è pertanto la risultante dell interazione tra agente patogeno ed ospite recettivo, ma va sottolineato che essa non è sinonimo di malattia,, poiché a seguito di questo primo contatto possono anche verificarsi evoluzioni tali da consentire sia la distruzione del microrganismo con conseguente guarigione, sia la sua riproduzione ed invasione dell organismo con conseguente malattia. I fattori necessari perché si determini la cosiddetta catena dell infezione sono tre: l agente; la trasmissione; l ospite. 3 di 20

4 Ognuno di questi elementi gioca un ruolo variabile nell insorgenza delle diverse patologie infettive, e la conoscenza specifica di ciascuno di essi è particolarmente importante per porre in atto le più adeguate misure di prevenzione. 1.2 Generalità sui microrganismi Per quanto attiene il primo anello della catena, i microrganismi responsabili delle malattie infettive possono appartenere al regno animale come al regno vegetale. Si distinguono in: Protofiti: costituiti da un unica (protos = uno) cellula vegetale (Batteri e Miceti); Protozoi: costituiti da un unica cellula appartenente al regno animale; Virus: entità che non posseggono una propria tipica struttura cellulare Batteri o Schizomiceti Negli Schizomiceti il corpo del batterio è delimitato da una membrana, denominata capsula. La membrana batterica delimita una materia gelatinosa, denominata citoplasma, nella quale sono collocati alcuni organi ed inclusioni cellulari ed il nucleo che contiene il materiale genetico (acido desossiribonucleico o DNA). Materiale nucleare si trova anche sparso nel citoplasma, mentre il corpo batterico contiene anche acido ribonucleico (RNA). Alcuni batteri sono in grado di muoversi in quanto provvisti di uno o più organi filamentosi, detti ciglia, che si dipartono dalla capsula. A seconda della loro forma i batteri possono essere distinti in: cocchi: germi tondeggianti che possono presentarsi isolati o raggruppati (diplococchi = raggruppati a coppie; streptococchi = raggruppati a catene; stafilococchi = raggruppati a grappolo); bacilli: a forma di bastoncini più o meno allungati; vibrioni: con un corpo ripiegato a virgola; spirilli: con forma a spirale. 4 di 20

5 1.2.2 Miceti I Miceti appartengono ad una famiglia ben distinta che comprende agenti patogeni per l uomo e per gli animali responsabili di affezioni denominate micosi, che hanno generalmente andamento cronico e che, con poche eccezioni, sono scarsamente contagiose. Largamente diffusi in Natura, vivono negli strati superficiali del suolo o come commensali di vari organismi vegetali e animali Protozoi Sono microrganismi unicellulari appartenenti al regno animale. La loro struttura è pertanto molto più complessa di quella dei batteri e dei miceti. Contrariamente ai batteri, che sono mobili solo se forniti di ciglia, alcuni protozoi possono muoversi anche grazie a tipici movimenti del loro corpo detti di tipo ameboide. Analogamente ai batteri sporigeni, alcuni protozoi quando si trovano in condizioni ambientali sfavorevoli danno luogo a forme di resistenza che vengono denominate cisti, che ne permettono la sopravvivenza fino al ripristino di condizioni idonee, quando viene riprodotta l originaria forma vegetativa. Si trovano negli strati superficiali del suolo, nelle acque ed all interno o sulla superficie di animali e vegetali. Alcune specie sono parassiti obbligati o facoltativi di vari animali e dell uomo. Es. Gli agenti eziologici della malaria, della leishmaniosi e di alcune meningo-encefaliti primarie Virus I virus sono entità viventi sui generis che non hanno una propria tipica struttura cellulare e che sono dotati di alcune peculiari caratteristiche. Innanzitutto posseggono, contrariamente ai microrganismi più evoluti, un solo tipo di acido nucleico (DNA o RNA), e non posseggono tutte le informazioni genetiche e le strutture adeguate necessarie per un autonoma riproduzione. Pertanto per riprodursi devono utilizzare strutture dell organismo parassitato a cui forniscono la propria informazione genetica. Per quanto concerne l interazione dei microrganismi descritti con l uomo, bisogna sottolineare che non tutti sono patogeni, in grado cioè di causare malattia. 5 di 20

6 Vi sono alcuni microrganismi che convivono pacificamente con l uomo o ne colonizzano le superfici, sia interne che esterne, instaurando con esso un rapporto di simbiosi. E il caso ad esempio dei microbi che contribuiscono a mantenere l integrità e la funzionalità della cute o di quelli che costituiscono la flora intestinale e che garantiscono l adeguatezza della funzione digestiva. Questi microrganismi vengono definiti saprofiti. La distinzione tra microbi patogeni e saprofiti è però sempre relativa. Alcuni di questi germi infatti, in condizioni particolari, come in seguito a traumatismi o a indebolimento della risposta immunitaria, possono da saprofiti diventare patogeni e vengono pertanto denominati patogeni opportunisti. Un altra caratteristica molto importante dei microrganismi, in particolare di quelli patogeni, è la virulenza, cioè la capacità di riprodursi in vivo. I microrganismi hanno infatti, in genere, la facoltà di adattarsi facilmente all ambiente in cui vivono. I microrganismi patogeni tuttavia, essendo abituati a vivere nell organismo animale, hanno per lo più maggiori esigenze cosicché, trasportati nell ambiente esterno, spesso si indeboliscono nella loro capacità vitale, perdono o attenuano la loro virulenza e finiscono per morire. La distinzione tra microrganismi aerobi o anaerobi concerne la loro capacità o meno di sopravvivere in mancanza di ossigeno. Vengono infatti denominati aerobi i microrganismi che possono vivere solo in presenza di ossigeno, mentre gli anaerobi sono quelli che vivono e si sviluppano esclusivamente in assenza di ossigeno libero (es. bacillo del tetano). Per quanto concerne la loro riproduzione, non essendovi una differenziazione di sesso, i microrganismi vegetali si avvalgono esclusivamente di quella asessuata, con una divisione sequenziale della cellula batterica che, quando ha raggiunto la maturità, si separa a metà dopo essersi allungata. Ciascuna delle cellule figlie, dopo aver raggiunto le dimensioni della cellula di origine, si divide a sua volta. Quando i microbi si trovano in ambiente favorevole, la loro moltiplicazione può essere molto rapida, ed alcuni arrivano a dividersi ogni 20 minuti, tanto da produrre più di 70 generazioni in 24 ore. 6 di 20

7 L azione lesiva dei microrganismi patogeni può essere esplicata o direttamente dal batterio o indirettamente, tramite la produzione di sostanze denominate tossiche denominate appunto tossine. Le tossine possono essere suddivise in due gruppi: esotossine, che il germe espelle dalla propria struttura per immetterle nell ambiente che lo circonda; endotossine, che rimangono invece all interno del corpo batterico fino al suo dissolvimento in seguito all invecchiamento o alla morte. Alcuni microbi (es. tetano, carbonchio) sono in grado di produrre, quando le condizioni esterne diventino particolarmente proibitive per la loro sopravvivenza, una forma di resistenza denominata spora che, grazie alla particolare struttura, consente al microrganismo di non soccombere. Quando le condizioni ambientali tornano ad essere favorevoli la spora germoglia dando luogo ad una nuova cellula batterica. 7 di 20

8 1.2.5 Relazione ospite-parassita Il secondo anello della catena è costituito dalla trasmissione, cioè dal passaggio dell agente patogeno dalla sorgente all ospite. Gli agenti microbici pervengono all ospite provenienti da una sorgente di infezione. Questa può essere costituita o da mezzi animati, come l uomo o l animale o inanimati, come acqua, alimenti, oggetti. Si definisce infettività l attitudine di un organismo a diffondersi dalla sorgente all ospite. La carica microbica corrisponde invece alla quantità di agenti microbici capace di causare l infezione. Un soggetto infetto, in cui cioè sia avvenuta la penetrazione del microrganismo patogeno, può diffondere e trasmettere lo stesso: nel periodo di incubazione della malattia, quello cioè intercorrente tra l ingresso del microbo nell organismo umano e l insorgenza dei sintomi clinici della malattia; nel periodo di stato della stessa; durante la convalescenza. Un soggetto che ospiti un agente patogeno, che sia capace di eliminarlo, ma che non presenti sintomi clinici apparenti della malattia determinata dallo stesso agente patogeno, viene definito portatore. Quando il soggetto incomincia ad eliminare l agente patogeno già nel periodo di incubazione della malattia viene definito portatore precoce, mentre quando il soggetto continua a diffondere il microrganismo anche dopo la guarigione clinica della malattia viene definito portatore convalescente. Viene invece definito portatore sano il soggetto che pur presentandosi in ottima salute, può essere sorgente di infezione. Lo stato di portatore può essere temporaneo, durare cioè qualche settimana, o cronico, quando invece si prolunga per settimane o anni. La trasmissione delle malattie infettive può essere diretta o indiretta. Nel primo caso, il passaggio del microrganismo patogeno avviene per contatto diretto tra un soggetto infetto, malato o portatore ed un soggetto sano recettivo. 8 di 20

9 E il caso, ad esempio, delle malattie a trasmissione sessuale o di molte malattie trasmesse per via aerea, con i microbi patogeni che dal cavo orale possono venire proiettati nell ambiente, assieme a goccioline di saliva, con la tosse, con gli starnuti e perfino con il semplice parlare. La trasmissione indiretta è invece più complessa perché, per concretizzarsi, necessita di veicoli e/o vettori. I veicoli sono oggetti inanimati, come acqua, alimenti, utensili, strumenti sanitari, sangue, siero, etc. che, dopo essere stati contaminati, vengono utilizzati da un soggetto recettivo che conseguentemente si infetta. I vettori sono invece organismi viventi (in genere artropodi) che non si limitano a giocare un ruolo passivo nella trasmissione della malattia. I microrganismi patogeni possono penetrare nell ospite attraverso diverse vie, tra cui quelle principali sono quella respiratoria, orale, congiuntivale, genitale, cutanea. Un metodo utile per classificare le malattie infettive è pertanto quello che si basa sulle modalità di propagazione. Questo differenzia: Le malattie aerogene trasmissibili per via respiratoria; Le malattie a circuito oro-fecale, trasmissibili per via digestiva; le malattie a trasmissione cutaneo-mucosa; le malattie trasmesse tramite vettori; le malattie comuni all uomo e agli animali (antropozoonosi); le malattie a trasmissione mista o complessa. Si parla poi di trasmissione verticale delle malattie, intendendo con questo termine la diffusione del contagio da parte dei genitori all atto del concepimento, per via transplacentare, o immediatamente dopo la nascita. E importante definire il concetto di contagiosità, che concerne la capacità di un microrganismo di diffondersi. Non tutte le malattie infettive sono contagiose. Vengono infatti denominate contagiose quelle malattie infettive nelle quali l agente microbico emerga naturalmente in superficie e siano pertanto trasmissibili dall ammalato o dal portatore al sano, attraverso un contatto diretto o quasi diretto. Esempi: le malattie veneree, alcune malattie esantematiche (varicella, morbillo etc.), la difterite, la pertosse, la poliomielite, le salmonellosi, etc. 9 di 20

10 Non sono invece contagiose quelle malattie infettive nelle quali l agente patogeno non affiora in superficie e per le quali vi è necessità dell intervento di vettori o di particolari meccanismi artificiali che implichino una lesione di continuo della cute ed il contatto con il sangue. Esempi: tetano, malaria, etc. La logica conseguenza di questa distinzione, ai fini della profilassi, è che le misure dell isolamento dell ammalato o del portatore e di disinfezione degli escreti, della biancheria, dell ambiente, etc. sono necessarie soltanto per le malattie contagiose. Il terzo ed ultimo anello della catena è costituito dall ospite. L uomo utilizza diversi e sofisticati strumenti per combattere le infezioni. Alcuni sono aspecifici, diretti cioè in maniera generalizzata contro i microrganismi patogeni. Tra questi sono particolarmente importanti l integrità della cute e delle mucose ed alcuni enzimi secreti in alcune delle cavità naturali dell organismo, come il lisozima, enzima presente nella saliva. I fattori specifici sono invece basati su risposte immunologiche verso determinati parassiti. L organismo è infatti dotato di un sistema in grado di riconoscere e preservare i propri costituenti, ma di aggredire e tentare di neutralizzare e distruggere eventuali organismi e sostanze estranee, come tossine batteriche, virus e prodotti che eventualmente si liberano dai protozoi, penetrati al suo interno. Ogni sostanza capace di provocare una reazione immunitaria prende il nome di antigene. Ogni microrganismo e le tossine da esso prodotte posseggono uno o più antigeni che vengono riconosciuti dal sistema immunitario che si dispone conseguentemente a combatterlo. Quando l organismo ha acquistato la capacità di resistere agli agenti infettivi o alle loro tossine si definisce immune. L immunità nell organismo può essere istogena ed ematica. L immunità istogena è quella che si verifica direttamente nei tessuti e può essere messa in evidenza osservando la reazione che provoca, ad esempio, nella cute l introduzione di antigeni. L immunità ematica si verifica invece tramite alcune cellule, quali i linfociti e le plasmacellule, che possono produrre gli anticorpi, cioè sostanze proteiche circolanti nel sangue, che sono capaci di combattere gli antigeni. La comparsa di uno stato di immunità a seguito della penetrazione nell organismo di sostanze antigene richiede almeno 7-10 giorni; l immunità può persistere anche per anni. 10 di 20

11 Un cenno infine alle modalità con cui le malattie infettive possono manifestarsi nel tempo e nello spazio. Si definisce epidemia il raggruppamento, in un breve periodo di tempo, di un elevato numero di casi di una malattia infettiva in una determinata regione o paese. L epidemia è pertanto un fenomeno limitato nel tempo e nello spazio. Nel caso un epidemia si diffonda ad un intero continente o al globo terrestre, e cioè il fenomeno sia limitato nel tempo ma non nello spazio, si parla di pandemia. Si definisce invece endemia, il succedersi costante e continuo di un numero non elevato di casi di una patologia in una determinata zona geografica pur con un certo livello di variabilità di anno in anno (fenomeno limitato nello spazio, ma non nel tempo). 11 di 20

12 2 Profilassi generale delle malattie infettive Si definisce profilassi l insieme di tutte quelle misure finalizzate ad evitare l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive. Essa può essere attuata con metodi diretti e indiretti. I metodi diretti possono essere finalizzati: a) alla distruzione dei microrganismi patogeni tramite attività di bonifica ambientale (es. disinfezione, disinfestazione; sterilizzazione); b) alla limitazione della diffusione dei microrganismi patogeni previo il loro riconoscimento negli individui e nella popolazione (es. notifica dei casi di malattia; inchiesta epidemiologica; accertamento diagnostico); c) al rafforzamento delle difese dell individuo nei confronti delle infezioni (es. vaccinazioni). I metodi indiretti sono invece indirizzati al miglioramento delle condizioni sanitarie individuali e collettive tramite misure di controllo degli ambienti di vita e di lavoro e di miglioramento della qualità dell acqua e degli alimenti. Per quanto attiene i metodi diretti essi sono: la notifica; l accertamento diagnostico; le misure contumaciali; l inchiesta epidemiologica; la disinfezione, la disinfestazione, la sterilizzazione; la profilassi immunitaria. 2.1 Notifica Quando un medico, nell esercizio della sua professione, viene a conoscenza di un caso di malattia infettiva e diffusiva o sospetta di esserlo, pericolosa per la salute pubblica, è obbligato a notificarla tempestivamente all Autorità Sanitaria competente (Decreto del Ministero della Sanità del ). 12 di 20

13 Questo primo atto, se eseguito con diligenza, consente di identificare tempestivamente i casi e di circoscrivere i focolai di infezione attraverso la messa in atto di adeguati interventi preventivi. La responsabilità della notifica non è esclusivamente a carico del medico, in quanto tutti coloro che sono responsabili di collettività (presidi di scuole; direttori di alberghi; comandanti di caserme; etc) sono tenuti ad attivare il meccanismo di segnalazione di casi di malattie infettive pericolose per la sanità pubblica. La notifica viene compilata su appositi modulari che prevedono quattro copie, di cui: la prima viene trattenuta da colui che compila la notifica; la seconda viene recapitata all ufficio dell Azienda Sanitaria Locale che avvierà l inchiesta epidemiologica; la terza viene inoltrata al Ministero della Sanità; la quarta viene inoltrata all istituto Nazionale di Statistica (ISTAT). Le ultime due sono importanti anche perché consentono di alimentare le banche dati regionali e nazionali sulle malattie infettive. 2.2 Accertamento diagnostico L accertamento diagnostico è un momento essenziale della profilassi delle malattie infettive perché, tramite specifiche procedure cliniche e di laboratorio, consente di confermare la diagnosi, di attuare la terapia adeguata e le successive misure di controllo che si rendano necessarie: isolamento, disinfezione, immunoprofilassi, etc. Esso può essere praticato negli Ospedali, nei Presidi di Igiene e Prevenzione oppure presso Istituti Universitari. 2.3 Misure contumaciali Le misure contumaciali si propongono di circoscrivere il focolaio infettivo, impedendo la trasmissione dei microrganismi patogeni dall individuo malato o portatore ai soggetti sani. Esse sono: 1) L isolamento, che consiste nella separazione del soggetto dagli altri membri della collettività, ad eccezione del personale di assistenza. La sua importanza è decisiva quando ci si trovi di fronte all importazione di casi di malattie esotiche, come ad esempio la febbre gialla, che sono del tutto nuove per la popolazione e che, attraverso l isolamento possono essere tempestivamente bloccate, ma è importante anche in quelle 13 di 20

14 patologie, come la scarlattina, la varicella, la difterite, nelle quali si ha una precoce e abbondante eliminazione di germi patogeni. L isolamento viene distinto in: a) Isolamento in ospedali per infettivi: prescritto per i morbi esotici (es. colera, peste e febbre gialla) nonché per il tifo esantematico e consigliabile per malattie aerodiffusive gravi. b) Isolamento domiciliare coercitivo con piantonamento da parte della forza pubblica, che si attua a casa del soggetto malato come forma di ripiego o di emergenza a carattere temporaneo, quando non si possa disporre il ricovero in apposito reparto ospedaliero o per indisponibilità di posti letto o per impossibilità del trasporto di un ammalato affetto da malattia ad altissimo potere diffusivo. c) Isolamento domiciliare fiduciario, che si attua a casa del soggetto, affidandosi ai familiari dello stesso. Esso è inammissibile per le patologie esotiche, come pure per il tifo esantematico, ma può essere consentito per affezioni aero-diffusive non gravi, quando le abitazioni delle famiglie diano affidamento. Un buon isolamento fiduciario deve, comunque, rispondere a determinati requisiti relativi alla camera, possibilmente indipendente dal resto dell appartamento; al materiale sanitario; ai disinfettanti; alla biancheria; agli oggetti d uso; etc. Nulla deve uscire dalla camera del malato se prima non sia stato disinfettato. 1) La durata dell isolamento deve essere stabilita non in funzione dello stato di malattia, bensì della persistenza del germe e della sua eliminazione all esterno. 2) La sorveglianza sanitaria, che consiste nell obbligo di farsi controllare periodicamente dalle Autorità Sanitarie senza però alcuna limitazione della libertà personale. Talvolta è necessario estendere le misure sanitarie a persone sane che abbiano soggiornato presso ammalati o che provengano da luoghi infetti, perché potrebbero trovarsi nel periodo di incubazione. Tali pratiche vengono sospese solo quando sia trascorso, dopo l ultimo rapporto con la sorgente di infezione, un tempo pari alla massima durata massima del periodo di incubazione della malattia in questione. 14 di 20

15 3) L allontanamento, che consiste nel sospendere la partecipazione di un soggetto ad una particolare attività o ad una comunità in conseguenza di una condizione patologica o di portatore o, talvolta, di contatto o di convivenza con soggetti malati. 2.4 Inchiesta epidemiologica L inchiesta epidemiologica, quando è tempestivamente svolta dalle Autorità Sanitarie, è importante per fornire i dati essenziali ed immediati per una prima applicazione delle misure di profilassi. Essa viene avviata in seguito alla notifica di uno o più casi di malattia infettiva e consiste nell applicazione, da parte di personale specializzato della Azienda Sanitaria Locale (ASL), di metodologie epidemiologiche per studiare la causa dell infezione ed individuare eventuali veicoli e/o vettori ed ostacolare la diffusione della malattia attraverso adeguati interventi 8es. bonifica ambientale; immunoprofilassi; etc). 2.5 Disinfezione, disinfestazione, sterilizzazione La disinfezione consiste nella eliminazione dei microrganismi patogeni in un determinato ambiente o substrato. La disinfestazione è invece l azione finalizzata a distruggere o ad allontanare macrorganismi estranei (es. topi, zecche), la cui presenza in ambienti, colture agricole, derrate alimentari, animali o persone fisiche può essere responsabile dell insorgenza e della diffusione della malattia. La sterilizzazione è, infine, la pratica che ha come fine la distruzione di tutti i microrganismi. Per quanto concerne la disinfezione, essa può essere attuata in tre momenti distinti: a. durante il decorso della malattia (disinfezione continua), per evitare che il soggetto malato possa costituire una sorgente di infezione. Essa è pertanto finalizzata a distruggere i microrganismi patogeni nel corso e fino alla fine della loro eliminazione. Senza di essa l isolamento di un soggetto contagioso perderebbe gran parte del suo significato. 15 di 20

16 b. alla fine della malattia (disinfezione terminale), per eliminare i microrganismi patogeni dall ambiente nel quale ha soggiornato il malato; c. lontano dal letto del malato, come nel caso della disinfezione estemporanea, attuata ogni volta che si verifica un caso di malattia infettiva in un ambiente aperto al pubblico (es. scarlattina, meningite, poliomielite in scuole, dormitori, etc.) o della disinfezione periodica, eseguita con regolari scadenze in locali nei quali è presumibile la circolazione di microrganismi patogeni (es. caserme, scuole, centri di raccolta). La disinfezione può essere attuata con metodi naturali ed artificiali. Per quanto attiene ai primi, bisogna ricordare che i germi patogeni, nel mondo esterno, si trovano esposti all azione di numerosi fattori che svolgono così un ruolo di disinfettanti naturali. Tra questi i più importanti sono: la luce solare che ha un notevole potere battericida dovuto alle sue radiazioni ultraviolette; l essiccamento che è uno dei più energici disinfettanti naturali; le variazioni brusche di temperatura; la concorrenza vitale con altri microrganismi; la diluizione, capace di attenuare notevolmente il pericolo rappresentato dalla dispersione dei prodotti morbosi nel mondo esterno. Per quanto riguarda i mezzi di disinfezione artificiale, essi vanno suddivisi in mezzi fisici e mezzi chimici. Anche la sterilizzazione può essere attuata tramite mezzi fisici e mezzi chimici. E possibile comunque constatare che, nella pratica comune, i mezzi fisici sono quelli più frequentemente usati per la sterilizzazione, mentre quelli chimici sono molto più utilizzati per le procedure di disinfezione. Tra i mezzi fisici, quelli più importanti sono il calore, i raggi ultravioletti, le radiazioni ionizzanti. In particolare, il calore può essere utilizzato a secco, come nel caso di esposizione di una superficie o di un oggetto alla fiamma o di utilizzazione di appositi apparecchi, le stufe a secco, che rappresentano il modo più adatto per la sterilizzazione di materiali in vetro o metallo. 16 di 20

17 Esso può altresì essere utilizzato in forma umida come con l acqua bollente o, meglio, con l autoclave, l apparecchiatura che consente di utilizzare il calore per sterilizzare, sotto pressione, materiali in grado di sopportare l umidità. Per quanto attiene l uso di mezzi chimici esistono, in commercio, un numero consistente di disinfettanti chimici le cui indicazioni e modalità d impiego costituiscono un quadro articolato e complesso. Tra i disinfettanti chimici più utilizzati ricordiamo: Gli alcoli, tra cui l alcool etilico che è il più comune disinfettante e la cui efficacia è legata al grado alcolico. Risulta infatti più efficace e con uno spettro d azione più ampio l alcool a 70 rispetto a quello a 90, la cui commercializzazione è più diffusa. Le aldeidi, in particolare l aldeide formica utilizzata per la disinfezione terminale degli ambienti. Gli alogeni, che comprendono elementi come il Cloro e lo Iodio. Tra i disinfettanti a base di cloro vi è l ipoclorito di cloro, composto base della comune candeggina, che è considerato un ottimo disinfettante per l efficacia e per i costi contenuti anche se ha limitazioni d uso legate all aggressività per esempio sui metalli. Altri composti del Cloro vengono utilizzati per la disinfezione delle acque. Lo Iodio è invece utilizzato, soprattutto in una soluzione alcolica detta tintura, per la disinfezione della cute e delle mucose. Nella scelta del disinfettante chimico bisogna sempre tener presente: a) la resistenza al disinfettante del germe o dei germi da distruggere, che varia moltissimo da microbo a microbo; b) le caratteristiche del disinfettante da adoperare; c) la natura del materiale da disinfettare. La disinfestazione è una metodica atta a distruggere i macroparassiti nocivi per l uomo e per l ambiente. Parassiti dell uomo: endoparassiti, che vivono all interno delle cellule e nei liquidi organici (es. tenie, ascaridi); ectoparassiti, che vivono sulla superficie dell ospite (es. zecche, pidocchi) 17 di 20

18 La disinfestazione può essere integrale, quando agisce su tutti i parassiti, o selettiva quando è rivolta ad esempio solo sugli insetti vettori di germi patogeni, o solo sui ratti. A tale scopo possono essere utilizzati mezzi sia fisici che chimici, ma sono soprattutto questi ultimi ad essere più frequentemente utilizzati. La maggior parte dei disinfestanti agisce, in genere, per: 1) inalazione, se allo stato gassoso o di vapore; 2) contatto, se in forma liquida o di polveri; 3) ingestione, se nelle stesse forme del contatto. Tra questi ricordiamo: insetticidi, acaricidi, rodenticidi. La sterilizzazione è il risultato finale di procedimenti fisici e/o chimici che, attraverso metodologie standardizzate, ripetibili e documentabili, hanno come obiettivo la distruzione di ogni microrganismo vivente, patogeno e non, in forma vegetativa o di spora. Da un punto di vista operativo, un procedimento di sterilizzazione è quello al termine del quale il prodotto ad esso sottoposto presenta una probabilità su un milione di essere contaminato. La sterilizzazione si ottiene esclusivamente con mezzi fisici mediante l impiego di apparecchiature specifiche perché, secondo quanto indicato dall OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), un efficace sistema di sterilizzazione deve garantire che il materiale, una volta processato, possa essere conservato senza comprometterne la sterilità, e che il processo e l avvenuta sterilità possano essere controllati mediante l impiego di indicatori (controlli) fisici, chimici e biologici. la sterilizzazione va pertanto distinta dalla disinfezione ad alto livello (ottenibile esclusivamente con i composti chimici) che non consente né di confezionare il materiale, né di controllare l efficacia del trattamento, se non con lunghe e poco pratiche metodiche di laboratorio. La sterilizzazione può avvenire con: calore secco o umido (stufe; autoclavi); ossido di etilene (sterilizzatrice a freddo); radiazioni (raggi gamma, raggi UV e microonde); sistema perossido di idrogeno-gas plasma (soluzione acquosa). 18 di 20

19 2.6 Profilassi immunitaria Le misure di profilassi immunitaria sono finalizzate a conferire ai soggetti suscettibili di infezione uno stato di resistenza che viene appunto definito di immunità. Esistono due tipi di immunità, naturale e artificiale. La prima è la capacità di difesa che l organismo manifesta verso un agente estraneo in seguito a fenomeni naturali, come il conferimento di anticorpi materni al nascituro od il superamento di una malattia infettiva contratta naturalmente. La seconda, oggetto delle misure di profilassi immunitaria, è conseguente alla somministrazione di preparazioni artificiali quali i sieri immuni, le immunoglobuline, i vaccini. La profilassi immunitaria è indicata, pertanto, anche come profilassi specifica, perché ha carattere specifico per ciascuna malattia e si applica nelle persone sane che, per speciali condizioni epidemiologiche, si ritengano esposte al pericolo di determinate infezioni. 19 di 20

20 BIBLIOGRAFIA 1) Boccia A., Ricciardi G., De Giusti M., La Torre G. Igiene generale della scuola e dello sport ; Ed. Idelson-Gnocchi, ) Marinelli P., Liguori G., Montemarano A., D Amora M. Igiene Medicina Preventiva e Sanità pubblica ; Ed. Piccin, ) La Placa M. Principi di microbiologia medica ; Ed. Esculapio, di 20

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-)

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Abitudini di vita Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Alterazioni preneoplasiche acquisite Iperplasia

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali 1 Elementi dell infezione La comparsa della malattia mette in gioco le caratteristiche di tre diversi elementi Agente Ospite Ambiente numerosi organismi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE STERILIZZAZIONE PREVENZIONE complesso delle misure di profilassi volte ad evitare l insorgenza di una malattia in una popolazione. PROFILASSI complesso delle misure utili a prevenire la comparsa

Dettagli

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE CHIMICO AMBIENTE MATERIALE ILTRIANGOLO DELLA SALUTE (Modolo, 2005) INDIVIDUO AMBIENTE IMMATERIALE Igiene e Sanità Pubblica L

Dettagli

I Microrganismi. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational. Relatore: Nicola Bruno prof.

I Microrganismi. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational. Relatore: Nicola Bruno prof. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational I Microrganismi Relatore: Nicola Bruno prof. Casadei mail: nicola.casadei@cucinaverarte.eu Per uso personale e di

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. Flacco Levino

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. Flacco Levino PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE PROFILASSI = PREMUNIRSI consiste negli interventi che possono essere messi in atto al fine di impedire, o limitare, l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

Il Rischio Biologico Relatore Dr. Mattia Gargano Cosa è il Rischio Biologico? E la possibilità di contrarre durante l espletamento della propria attività lavorativa: INFEZIONI (penetrazione e la moltiplicazione

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

14 EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE

14 EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE UNITÀ 14 EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE 17 18 Prerequisiti Batteri e virus Il sistema immunitario Obiettivi/Competenze L alunno deve essere in grado di: definire il campo di applicazione

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

Rischio Biologico. Rischio Biologico. frareg.com 1/48

Rischio Biologico. Rischio Biologico. frareg.com 1/48 Rischio Biologico 1/48 La cellula Le cellule sono i mattoni che costituiscono i tessuti degli organismi viventi vegetali e animali 2/48 I tessuti I tessuti sono costituiti da cellule specializzate che

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

Modalità di trasmissione delle malattie infettive

Modalità di trasmissione delle malattie infettive Università degli Studi di Perugia FACOLTÀ DI FARMACIA - CORSO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA- Modalità di trasmissione delle malattie infettive Prof. Silvano Monarca Vie di trasmissione delle infezioni Catena

Dettagli

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività IGIENE branca della medicina che ha lo scopo di promuovere e mantenere lo stato di salute della popolazione disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

Profilassi delle malattie infettive

Profilassi delle malattie infettive Profilassi delle malattie infettive SPECIFICA DIRETTA INDIRETTA Soggetto suscettibile IMMUNOPROFILASSI Sorgente/serbatoio di infezione Veicoli, Vettori NOTIFICA, INCHIESTA EPIDEMIOLOGICA ISOLAMENTO DISINFEZIONE

Dettagli

Aspetti di igiene. Inf. Roberta Baldessari. gruppo CRI Pergine Valsugana

Aspetti di igiene. Inf. Roberta Baldessari. gruppo CRI Pergine Valsugana Aspetti di igiene Inf. Roberta Baldessari gruppo CRI Pergine Valsugana Igiene complesso di regole e di pratiche che prevengono la comparsa delle malattie, migliorando le condizioni di vita Infezione ingresso

Dettagli

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso.

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso. NOTA OPERATIVA GORES : indicazioni per la sorveglianza e gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti di malattia da Virus Ebola (MVE) collegati con l epidemia in Africa Occidentale L epidemia

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 19 Rev. 00 EMERGENZE CLINICHE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 1. OBIETTIVO... 2 2. NOZIONI GENERALI...

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 19 Rev. 00 EMERGENZE CLINICHE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 1. OBIETTIVO... 2 2. NOZIONI GENERALI... INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 1. OBIETTIVO... 2 2. NOZIONI GENERALI... 2 AGENTE INFETTANTE:... 2 FONTI D INFEZIONE... 3 VIE DI PENETRAZIONE... 3 VEICOLI e VETTORI... 3 3. PERSONALE

Dettagli

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi.

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi. La Disinfezione Disinfettanti. Sostanze che combattono, con meccanismo specifico e mediante applicazione diretta, i microrganismi responsabili delle infezioni. Pulizia Rimozione meccanica dello sporco

Dettagli

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA?

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? MALATTIE INFETTIVE CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? E IL RISULTATO DEL CONTATTO TRA UN SOGGETTO SANO E UN MICRORGANISMO I MICRORGANISMI POSSONO ESSERE DI DIVERSI TIPI: BATTERI VIRUS FUNGHI BATTERI Posseggono

Dettagli

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE LA DISINFEZIONE La lotta alle malattie infettive passa necessariamente dalle procedure di disinfezione Fulvio MARSILIO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo LA SCELTA Sul mercato

Dettagli

TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza

TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza Corso di Formazione TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza - Principali agenti infettivi - Modalità di trasmissione degli agenti infettivi, con particolare riguardo alla trasmissione per contatto e parenterale

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

lezione 6 Pierpaolo Cavallo 1 PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE PROFILASSI Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria

lezione 6 Pierpaolo Cavallo 1 PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE PROFILASSI Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria Lezione Profilassi, vaccini,disinfezione. Prof. P. Cavallo 1 PROFILASSI Profilassi delle malattie infettive Profilassi

Dettagli

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi che impediscono agli invasori di entrare dentro all organismo

Dettagli

utilizzati, erroneamente, come sinonimi i termini: disinfettante, antisettico, germicida e, addirittura, disinfezione e sterilizzazione.

utilizzati, erroneamente, come sinonimi i termini: disinfettante, antisettico, germicida e, addirittura, disinfezione e sterilizzazione. La disinfezione 1 Per disinfezione si intende qualunque manovra o fenomeno che porta all eliminazione dei microrganismi patogeni dall ambiente e da veicoli, impedendo così la trasmissione delle malattie

Dettagli

aggregati di macromolecole dato virus contiene un solo tipo di acido nucleico (DNA o RNA)

aggregati di macromolecole dato virus contiene un solo tipo di acido nucleico (DNA o RNA) Virus Virus Non sono classificati fra gli organismi viventi in quanto non sono cellule, bensì aggregati di macromolecole (acidi nucleici, proteine, talvolta rivestite da membrana fosfolipidica) Non possono

Dettagli

CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE

CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE SCARLATTINA Ex ASL NA 2 Nord AREA DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative relative alle principali malattie infettive per

Dettagli

Approccio al paziente in Emergenza

Approccio al paziente in Emergenza Approccio al paziente in Emergenza Come Proteggersi, Come Comportarsi, Come Relazionarsi Luca Golinelli, Infermiere specialista U.O. Pronto Soccorso / 118 Ospedale B. Ramazzini - Carpi Autoprotezione e

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima 11 settembre 2001 Niente sarà più come prima Alle 8,45 un Boeing 767 dell American Airlines si schianta contro la torre Nord del World Trade Center, nel cuore del quartiere finanziario di New York. Alle

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE

INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE In-formazione in sicurezza? take it easy, il futuro è nelle tue mani IL RISCHIO BIOLOGICO Modulo V per il 2 anno INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE In-formazione in sicurezza? ''take it easy'', il futuro

Dettagli

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C (Sede: Policlinico Umberto I Roma) C.I. Promozione della Salute e Sicurezza Docente Igiene: Prof.ssa C. Marzuillo Docente Malattie Infettive: Prof. M Ciardi

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Aggiornamento alla GU 06/09/98 209. MALATTIE INFETTIVE E SOCIALI A) Malattie infettive e diffusive - Norme generali D.M. 15 dicembre 1990 (1). Sistema

Dettagli

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E

EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITI EPATITE A EPATITE B EPATITE C EPATITE D EPATITE E EPATITE B Il virus dell epatite B (Hbv) è un virus a Dna Resiste nell ambiente, ma è sensibile ai disinfettanti comuni (ipoclorito di sodio) EPATITE

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

I BATTERI Dott.ssa Selene Marozzi Nel 1700 Leeuwenhoek, utilizzando un microscopio rudimentale, osservò per la prima volta, in una goccia di acqua, migliaia di piccoli organismi Batteri I BATTERI Ubiquitari

Dettagli

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV)

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) Nel panorama delle patologie che interessano i nostri amici gatti risultano particolarmente degne di nota l Immunodeficienza Felina (FIV) e la

Dettagli

CONTAMINAZIONE BIOLOGICA DEGLI ALIMENTI

CONTAMINAZIONE BIOLOGICA DEGLI ALIMENTI CONTAMINAZIONE BIOLOGICA DEGLI ALIMENTI Aspetti generali La maggior parte delle malattie trasmesse con gli alimenti è causata da microrganismi ed è imputabile a carenza di igiene e a tecniche inadeguate

Dettagli

m.valeria.torregrossa@unipa.it RACCOMANDAZIONI MISURE DI PROFILASSI VIRUS INFLUENZALI PER VIA AEREA

m.valeria.torregrossa@unipa.it RACCOMANDAZIONI MISURE DI PROFILASSI VIRUS INFLUENZALI PER VIA AEREA DSP U.O. Prevenzione e Sorveglianza delle Infezioni ospedaliere (85.02.3) Responsabile Prof. M.Valeria Torregrossa Tel. 0916555214 / 0916553609 / Tel.-Fax 0916555226 e-mail: m.valeria.torregrossa@unipa.it

Dettagli

AGENTI BIOLOGICI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI PREMESSA FONTI DI PERICOLO

AGENTI BIOLOGICI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI PREMESSA FONTI DI PERICOLO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI AGENTI BIOLOGICI DPR 303/56 D.L.gs 626/94 titolo VIII Norme generali per l igiene del lavoro Attuazione delle direttive riguardanti il miglioramento della sicurezza e della

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158 Roma (P.zza San Silvestro)

CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158 Roma (P.zza San Silvestro) INFLUENZA A H1N1 Tra Dubbi e Certezze Istruzioni per l Uso II Giornata Mercoledì 23 Settembre 2009 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158 Roma (P.zza San Silvestro)

Dettagli

Denuncia di Malattia Infettiva

Denuncia di Malattia Infettiva Denuncia di Malattia Infettiva Strumento determinante per la sorveglianza sulle malattie infettive insorgenti sul territorio con applicazione delle misure di profilassi e controllo al fine di impedire

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Controllo della crescita microbica

Controllo della crescita microbica Controllo della crescita microbica I microrganismi sono praticamente ubiquitari. In un laboratorio possono contaminare: - aria - superfici e strumenti - operatori Sia che si lavori con colture pure, sia

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 Area igienico sanitaria 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 SALUTE SICUREZZA 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 2 Cosa intendiamo per sicurezza. Sicurezza: situazione certa e costante

Dettagli

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Le epatiti virali DEFINIZIONE VIRUS DELLE EPATITI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria

Le epatiti virali DEFINIZIONE VIRUS DELLE EPATITI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria Le epatiti virali Prof. P. Cavallo 1 DEFINIZIONE Con il termine epatiti virali si intendono una serie di forme infettive

Dettagli

La valutazione dei rischi da agenti biologi

La valutazione dei rischi da agenti biologi DEFINIZIONI La valutazione dei rischi da agenti biologi Paola Tomao ISPESL- Paola Tomao 1 PERICOLO : Proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità (es. materiali o attrezzature di lavoro, metodi

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA

NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA DOTT. ALESSANDRO BARSOTTI U.O. DIREZIONE MEDICA DI PRESIDIO A.O.U.P. Sterilizzazione Qualsiasi processo,

Dettagli

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA).

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Le malattie veicolate da alimenti continuano ad essere anche nei paesi industrializzati un rilevante problema

Dettagli

DEFINIZIONI. lavoro. ISPESL- Paola Tomao 2

DEFINIZIONI. lavoro. ISPESL- Paola Tomao 2 La valutazione dei rischi da agenti biologi Paola Tomao ISPESL- Paola Tomao 1 DEFINIZIONI PERICOLO : Proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità (es. materiali o attrezzature di lavoro, metodi

Dettagli

COS E UN AGENTE BIOLOGICO?

COS E UN AGENTE BIOLOGICO? RICHIO BIOLOGICO Rischio connesso con l esposizione a organismi e microrganismi patogeni e non, colture cellulari, endoparassiti umani presenti nell ambiente di lavoro a seguito di emissione e/o trattamento

Dettagli

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino?

Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? Cosa è la tubercolosi? Come si diffonde? Come si diagnostica? Come si cura? Cosa è la reazione alla tubercolina? E il vaccino? 1 L opuscolo raccoglie le più frequenti domande rivolte agli operatori del

Dettagli

Apicoltura Biologica

Apicoltura Biologica Apicoltura Biologica Malattie delle Api e Cure Per APICOLTURA BIOLOGICA si intende l allevamento di famiglie d api, secondo regole ben precise, stabilite dalle normative emesse dalla Comunità Europea in

Dettagli

del RISCHIO BIOLOGICO

del RISCHIO BIOLOGICO L. Frusteri D. De Grandis G. Pontuale del RISCHIO BIOLOGICO Manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 81/2008 e s.m. A B C del RISCHIO BIOLOGICO PREMESSA...5

Dettagli

RISCHI DA ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI NEGLI OPERATORI DI POLIZIA {Informazione ai sensi dell'art. 78 DLgs 626194 e dell'art.

RISCHI DA ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI NEGLI OPERATORI DI POLIZIA {Informazione ai sensi dell'art. 78 DLgs 626194 e dell'art. DiPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DfREZfONE CENTRALE DI SANITÀ Osservatorio Cenirak per la Tutela della Salute e, detla Siuurezza nei Luoghi di Lavoro RISCHI DA ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI NEGLI

Dettagli

MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI

MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI Superfici pulite ( lavate e asciugate) Rispettare concentrazione e diluizione Modalità d uso e tempo di contatto Destinazioni d

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE MATERIALE NON CRITICO Strumenti che vengono in contatto con la cute intatta ed hanno basso rischio di trasmissione delle infezioni. Garze Letterecci Stetoscopi Stoviglie,

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali

Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali Malattia da Virus Ebola (Ebola Virus Disease = EVD) Origini Il virus Ebola prende il nome dal fiume Ebola, nello stato dello Zaire (ora Repubblica Democratica

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Divisione medicina del lavoro suva Versione agosto 2011 Factsheet Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Irène Kunz, Marcel Jost Agente patogeno Legionella pneumophila è l agente

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Insieme di tutti i microrganismi che abitano il corpo umano in modo inoffensivo in un individuo sano: MICROBIOTA. commensali = organismi che si

Insieme di tutti i microrganismi che abitano il corpo umano in modo inoffensivo in un individuo sano: MICROBIOTA. commensali = organismi che si Insieme di tutti i microrganismi che abitano il corpo umano in modo inoffensivo in un individuo sano: MICROBIOTA. commensali = organismi che si alimentano insieme Come ci vedono i microrganismi Gli organi

Dettagli