Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI

2 Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive Presupposti per l insorgenza di una patologia infettiva Generalità sui microrganismi Profilassi generale delle malattie infettive Notifica Accertamento diagnostico Misure contumaciali Inchiesta epidemiologica Disinfezione, disinfestazione, sterilizzazione Profilassi immunitaria di 20

3 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive Le malattie infettive sono le patologie causate da organismi viventi, parassiti dell uomo. In particolare, nell ambito delle malattie parassitarie, in cui sono comprese tutte le malattie causate da esseri viventi, è possibile distinguere: le infestazioni, causate da macroparassiti, cioè da esseri viventi pluricellulari quali, ad esempio, vermi, pidocchi, etc.; le malattie infettive o malattie microparassitarie, provocate da organismi viventi monocellulari come i batteri ed i miceti, o privi di organizzazione cellulare, come i virus. Le malattie infettive possono essere esogene o endogene. Nel primo caso il microrganismo patogeno proviene dall esterno dell individuo in cui, con modalità diverse, riesce a penetrare. Le forme endogene vedono invece i microbi provenire dallo stesso individuo o perché migrati, spesso traumaticamente, da un altro distretto in cui non provocano malattia, o perché divenuti patogeni in seguito all indebolimento dell organismo. 1.1 Presupposti per l insorgenza di una patologia infettiva Il presupposto per l insorgenza di una patologia infettiva è la penetrazione e invasione dell organismo da parte di un agente patogeno e la presenza o la produzione delle tossine microbiche con conseguente reazione tissutale. L infezione è pertanto la risultante dell interazione tra agente patogeno ed ospite recettivo, ma va sottolineato che essa non è sinonimo di malattia,, poiché a seguito di questo primo contatto possono anche verificarsi evoluzioni tali da consentire sia la distruzione del microrganismo con conseguente guarigione, sia la sua riproduzione ed invasione dell organismo con conseguente malattia. I fattori necessari perché si determini la cosiddetta catena dell infezione sono tre: l agente; la trasmissione; l ospite. 3 di 20

4 Ognuno di questi elementi gioca un ruolo variabile nell insorgenza delle diverse patologie infettive, e la conoscenza specifica di ciascuno di essi è particolarmente importante per porre in atto le più adeguate misure di prevenzione. 1.2 Generalità sui microrganismi Per quanto attiene il primo anello della catena, i microrganismi responsabili delle malattie infettive possono appartenere al regno animale come al regno vegetale. Si distinguono in: Protofiti: costituiti da un unica (protos = uno) cellula vegetale (Batteri e Miceti); Protozoi: costituiti da un unica cellula appartenente al regno animale; Virus: entità che non posseggono una propria tipica struttura cellulare Batteri o Schizomiceti Negli Schizomiceti il corpo del batterio è delimitato da una membrana, denominata capsula. La membrana batterica delimita una materia gelatinosa, denominata citoplasma, nella quale sono collocati alcuni organi ed inclusioni cellulari ed il nucleo che contiene il materiale genetico (acido desossiribonucleico o DNA). Materiale nucleare si trova anche sparso nel citoplasma, mentre il corpo batterico contiene anche acido ribonucleico (RNA). Alcuni batteri sono in grado di muoversi in quanto provvisti di uno o più organi filamentosi, detti ciglia, che si dipartono dalla capsula. A seconda della loro forma i batteri possono essere distinti in: cocchi: germi tondeggianti che possono presentarsi isolati o raggruppati (diplococchi = raggruppati a coppie; streptococchi = raggruppati a catene; stafilococchi = raggruppati a grappolo); bacilli: a forma di bastoncini più o meno allungati; vibrioni: con un corpo ripiegato a virgola; spirilli: con forma a spirale. 4 di 20

5 1.2.2 Miceti I Miceti appartengono ad una famiglia ben distinta che comprende agenti patogeni per l uomo e per gli animali responsabili di affezioni denominate micosi, che hanno generalmente andamento cronico e che, con poche eccezioni, sono scarsamente contagiose. Largamente diffusi in Natura, vivono negli strati superficiali del suolo o come commensali di vari organismi vegetali e animali Protozoi Sono microrganismi unicellulari appartenenti al regno animale. La loro struttura è pertanto molto più complessa di quella dei batteri e dei miceti. Contrariamente ai batteri, che sono mobili solo se forniti di ciglia, alcuni protozoi possono muoversi anche grazie a tipici movimenti del loro corpo detti di tipo ameboide. Analogamente ai batteri sporigeni, alcuni protozoi quando si trovano in condizioni ambientali sfavorevoli danno luogo a forme di resistenza che vengono denominate cisti, che ne permettono la sopravvivenza fino al ripristino di condizioni idonee, quando viene riprodotta l originaria forma vegetativa. Si trovano negli strati superficiali del suolo, nelle acque ed all interno o sulla superficie di animali e vegetali. Alcune specie sono parassiti obbligati o facoltativi di vari animali e dell uomo. Es. Gli agenti eziologici della malaria, della leishmaniosi e di alcune meningo-encefaliti primarie Virus I virus sono entità viventi sui generis che non hanno una propria tipica struttura cellulare e che sono dotati di alcune peculiari caratteristiche. Innanzitutto posseggono, contrariamente ai microrganismi più evoluti, un solo tipo di acido nucleico (DNA o RNA), e non posseggono tutte le informazioni genetiche e le strutture adeguate necessarie per un autonoma riproduzione. Pertanto per riprodursi devono utilizzare strutture dell organismo parassitato a cui forniscono la propria informazione genetica. Per quanto concerne l interazione dei microrganismi descritti con l uomo, bisogna sottolineare che non tutti sono patogeni, in grado cioè di causare malattia. 5 di 20

6 Vi sono alcuni microrganismi che convivono pacificamente con l uomo o ne colonizzano le superfici, sia interne che esterne, instaurando con esso un rapporto di simbiosi. E il caso ad esempio dei microbi che contribuiscono a mantenere l integrità e la funzionalità della cute o di quelli che costituiscono la flora intestinale e che garantiscono l adeguatezza della funzione digestiva. Questi microrganismi vengono definiti saprofiti. La distinzione tra microbi patogeni e saprofiti è però sempre relativa. Alcuni di questi germi infatti, in condizioni particolari, come in seguito a traumatismi o a indebolimento della risposta immunitaria, possono da saprofiti diventare patogeni e vengono pertanto denominati patogeni opportunisti. Un altra caratteristica molto importante dei microrganismi, in particolare di quelli patogeni, è la virulenza, cioè la capacità di riprodursi in vivo. I microrganismi hanno infatti, in genere, la facoltà di adattarsi facilmente all ambiente in cui vivono. I microrganismi patogeni tuttavia, essendo abituati a vivere nell organismo animale, hanno per lo più maggiori esigenze cosicché, trasportati nell ambiente esterno, spesso si indeboliscono nella loro capacità vitale, perdono o attenuano la loro virulenza e finiscono per morire. La distinzione tra microrganismi aerobi o anaerobi concerne la loro capacità o meno di sopravvivere in mancanza di ossigeno. Vengono infatti denominati aerobi i microrganismi che possono vivere solo in presenza di ossigeno, mentre gli anaerobi sono quelli che vivono e si sviluppano esclusivamente in assenza di ossigeno libero (es. bacillo del tetano). Per quanto concerne la loro riproduzione, non essendovi una differenziazione di sesso, i microrganismi vegetali si avvalgono esclusivamente di quella asessuata, con una divisione sequenziale della cellula batterica che, quando ha raggiunto la maturità, si separa a metà dopo essersi allungata. Ciascuna delle cellule figlie, dopo aver raggiunto le dimensioni della cellula di origine, si divide a sua volta. Quando i microbi si trovano in ambiente favorevole, la loro moltiplicazione può essere molto rapida, ed alcuni arrivano a dividersi ogni 20 minuti, tanto da produrre più di 70 generazioni in 24 ore. 6 di 20

7 L azione lesiva dei microrganismi patogeni può essere esplicata o direttamente dal batterio o indirettamente, tramite la produzione di sostanze denominate tossiche denominate appunto tossine. Le tossine possono essere suddivise in due gruppi: esotossine, che il germe espelle dalla propria struttura per immetterle nell ambiente che lo circonda; endotossine, che rimangono invece all interno del corpo batterico fino al suo dissolvimento in seguito all invecchiamento o alla morte. Alcuni microbi (es. tetano, carbonchio) sono in grado di produrre, quando le condizioni esterne diventino particolarmente proibitive per la loro sopravvivenza, una forma di resistenza denominata spora che, grazie alla particolare struttura, consente al microrganismo di non soccombere. Quando le condizioni ambientali tornano ad essere favorevoli la spora germoglia dando luogo ad una nuova cellula batterica. 7 di 20

8 1.2.5 Relazione ospite-parassita Il secondo anello della catena è costituito dalla trasmissione, cioè dal passaggio dell agente patogeno dalla sorgente all ospite. Gli agenti microbici pervengono all ospite provenienti da una sorgente di infezione. Questa può essere costituita o da mezzi animati, come l uomo o l animale o inanimati, come acqua, alimenti, oggetti. Si definisce infettività l attitudine di un organismo a diffondersi dalla sorgente all ospite. La carica microbica corrisponde invece alla quantità di agenti microbici capace di causare l infezione. Un soggetto infetto, in cui cioè sia avvenuta la penetrazione del microrganismo patogeno, può diffondere e trasmettere lo stesso: nel periodo di incubazione della malattia, quello cioè intercorrente tra l ingresso del microbo nell organismo umano e l insorgenza dei sintomi clinici della malattia; nel periodo di stato della stessa; durante la convalescenza. Un soggetto che ospiti un agente patogeno, che sia capace di eliminarlo, ma che non presenti sintomi clinici apparenti della malattia determinata dallo stesso agente patogeno, viene definito portatore. Quando il soggetto incomincia ad eliminare l agente patogeno già nel periodo di incubazione della malattia viene definito portatore precoce, mentre quando il soggetto continua a diffondere il microrganismo anche dopo la guarigione clinica della malattia viene definito portatore convalescente. Viene invece definito portatore sano il soggetto che pur presentandosi in ottima salute, può essere sorgente di infezione. Lo stato di portatore può essere temporaneo, durare cioè qualche settimana, o cronico, quando invece si prolunga per settimane o anni. La trasmissione delle malattie infettive può essere diretta o indiretta. Nel primo caso, il passaggio del microrganismo patogeno avviene per contatto diretto tra un soggetto infetto, malato o portatore ed un soggetto sano recettivo. 8 di 20

9 E il caso, ad esempio, delle malattie a trasmissione sessuale o di molte malattie trasmesse per via aerea, con i microbi patogeni che dal cavo orale possono venire proiettati nell ambiente, assieme a goccioline di saliva, con la tosse, con gli starnuti e perfino con il semplice parlare. La trasmissione indiretta è invece più complessa perché, per concretizzarsi, necessita di veicoli e/o vettori. I veicoli sono oggetti inanimati, come acqua, alimenti, utensili, strumenti sanitari, sangue, siero, etc. che, dopo essere stati contaminati, vengono utilizzati da un soggetto recettivo che conseguentemente si infetta. I vettori sono invece organismi viventi (in genere artropodi) che non si limitano a giocare un ruolo passivo nella trasmissione della malattia. I microrganismi patogeni possono penetrare nell ospite attraverso diverse vie, tra cui quelle principali sono quella respiratoria, orale, congiuntivale, genitale, cutanea. Un metodo utile per classificare le malattie infettive è pertanto quello che si basa sulle modalità di propagazione. Questo differenzia: Le malattie aerogene trasmissibili per via respiratoria; Le malattie a circuito oro-fecale, trasmissibili per via digestiva; le malattie a trasmissione cutaneo-mucosa; le malattie trasmesse tramite vettori; le malattie comuni all uomo e agli animali (antropozoonosi); le malattie a trasmissione mista o complessa. Si parla poi di trasmissione verticale delle malattie, intendendo con questo termine la diffusione del contagio da parte dei genitori all atto del concepimento, per via transplacentare, o immediatamente dopo la nascita. E importante definire il concetto di contagiosità, che concerne la capacità di un microrganismo di diffondersi. Non tutte le malattie infettive sono contagiose. Vengono infatti denominate contagiose quelle malattie infettive nelle quali l agente microbico emerga naturalmente in superficie e siano pertanto trasmissibili dall ammalato o dal portatore al sano, attraverso un contatto diretto o quasi diretto. Esempi: le malattie veneree, alcune malattie esantematiche (varicella, morbillo etc.), la difterite, la pertosse, la poliomielite, le salmonellosi, etc. 9 di 20

10 Non sono invece contagiose quelle malattie infettive nelle quali l agente patogeno non affiora in superficie e per le quali vi è necessità dell intervento di vettori o di particolari meccanismi artificiali che implichino una lesione di continuo della cute ed il contatto con il sangue. Esempi: tetano, malaria, etc. La logica conseguenza di questa distinzione, ai fini della profilassi, è che le misure dell isolamento dell ammalato o del portatore e di disinfezione degli escreti, della biancheria, dell ambiente, etc. sono necessarie soltanto per le malattie contagiose. Il terzo ed ultimo anello della catena è costituito dall ospite. L uomo utilizza diversi e sofisticati strumenti per combattere le infezioni. Alcuni sono aspecifici, diretti cioè in maniera generalizzata contro i microrganismi patogeni. Tra questi sono particolarmente importanti l integrità della cute e delle mucose ed alcuni enzimi secreti in alcune delle cavità naturali dell organismo, come il lisozima, enzima presente nella saliva. I fattori specifici sono invece basati su risposte immunologiche verso determinati parassiti. L organismo è infatti dotato di un sistema in grado di riconoscere e preservare i propri costituenti, ma di aggredire e tentare di neutralizzare e distruggere eventuali organismi e sostanze estranee, come tossine batteriche, virus e prodotti che eventualmente si liberano dai protozoi, penetrati al suo interno. Ogni sostanza capace di provocare una reazione immunitaria prende il nome di antigene. Ogni microrganismo e le tossine da esso prodotte posseggono uno o più antigeni che vengono riconosciuti dal sistema immunitario che si dispone conseguentemente a combatterlo. Quando l organismo ha acquistato la capacità di resistere agli agenti infettivi o alle loro tossine si definisce immune. L immunità nell organismo può essere istogena ed ematica. L immunità istogena è quella che si verifica direttamente nei tessuti e può essere messa in evidenza osservando la reazione che provoca, ad esempio, nella cute l introduzione di antigeni. L immunità ematica si verifica invece tramite alcune cellule, quali i linfociti e le plasmacellule, che possono produrre gli anticorpi, cioè sostanze proteiche circolanti nel sangue, che sono capaci di combattere gli antigeni. La comparsa di uno stato di immunità a seguito della penetrazione nell organismo di sostanze antigene richiede almeno 7-10 giorni; l immunità può persistere anche per anni. 10 di 20

11 Un cenno infine alle modalità con cui le malattie infettive possono manifestarsi nel tempo e nello spazio. Si definisce epidemia il raggruppamento, in un breve periodo di tempo, di un elevato numero di casi di una malattia infettiva in una determinata regione o paese. L epidemia è pertanto un fenomeno limitato nel tempo e nello spazio. Nel caso un epidemia si diffonda ad un intero continente o al globo terrestre, e cioè il fenomeno sia limitato nel tempo ma non nello spazio, si parla di pandemia. Si definisce invece endemia, il succedersi costante e continuo di un numero non elevato di casi di una patologia in una determinata zona geografica pur con un certo livello di variabilità di anno in anno (fenomeno limitato nello spazio, ma non nel tempo). 11 di 20

12 2 Profilassi generale delle malattie infettive Si definisce profilassi l insieme di tutte quelle misure finalizzate ad evitare l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive. Essa può essere attuata con metodi diretti e indiretti. I metodi diretti possono essere finalizzati: a) alla distruzione dei microrganismi patogeni tramite attività di bonifica ambientale (es. disinfezione, disinfestazione; sterilizzazione); b) alla limitazione della diffusione dei microrganismi patogeni previo il loro riconoscimento negli individui e nella popolazione (es. notifica dei casi di malattia; inchiesta epidemiologica; accertamento diagnostico); c) al rafforzamento delle difese dell individuo nei confronti delle infezioni (es. vaccinazioni). I metodi indiretti sono invece indirizzati al miglioramento delle condizioni sanitarie individuali e collettive tramite misure di controllo degli ambienti di vita e di lavoro e di miglioramento della qualità dell acqua e degli alimenti. Per quanto attiene i metodi diretti essi sono: la notifica; l accertamento diagnostico; le misure contumaciali; l inchiesta epidemiologica; la disinfezione, la disinfestazione, la sterilizzazione; la profilassi immunitaria. 2.1 Notifica Quando un medico, nell esercizio della sua professione, viene a conoscenza di un caso di malattia infettiva e diffusiva o sospetta di esserlo, pericolosa per la salute pubblica, è obbligato a notificarla tempestivamente all Autorità Sanitaria competente (Decreto del Ministero della Sanità del ). 12 di 20

13 Questo primo atto, se eseguito con diligenza, consente di identificare tempestivamente i casi e di circoscrivere i focolai di infezione attraverso la messa in atto di adeguati interventi preventivi. La responsabilità della notifica non è esclusivamente a carico del medico, in quanto tutti coloro che sono responsabili di collettività (presidi di scuole; direttori di alberghi; comandanti di caserme; etc) sono tenuti ad attivare il meccanismo di segnalazione di casi di malattie infettive pericolose per la sanità pubblica. La notifica viene compilata su appositi modulari che prevedono quattro copie, di cui: la prima viene trattenuta da colui che compila la notifica; la seconda viene recapitata all ufficio dell Azienda Sanitaria Locale che avvierà l inchiesta epidemiologica; la terza viene inoltrata al Ministero della Sanità; la quarta viene inoltrata all istituto Nazionale di Statistica (ISTAT). Le ultime due sono importanti anche perché consentono di alimentare le banche dati regionali e nazionali sulle malattie infettive. 2.2 Accertamento diagnostico L accertamento diagnostico è un momento essenziale della profilassi delle malattie infettive perché, tramite specifiche procedure cliniche e di laboratorio, consente di confermare la diagnosi, di attuare la terapia adeguata e le successive misure di controllo che si rendano necessarie: isolamento, disinfezione, immunoprofilassi, etc. Esso può essere praticato negli Ospedali, nei Presidi di Igiene e Prevenzione oppure presso Istituti Universitari. 2.3 Misure contumaciali Le misure contumaciali si propongono di circoscrivere il focolaio infettivo, impedendo la trasmissione dei microrganismi patogeni dall individuo malato o portatore ai soggetti sani. Esse sono: 1) L isolamento, che consiste nella separazione del soggetto dagli altri membri della collettività, ad eccezione del personale di assistenza. La sua importanza è decisiva quando ci si trovi di fronte all importazione di casi di malattie esotiche, come ad esempio la febbre gialla, che sono del tutto nuove per la popolazione e che, attraverso l isolamento possono essere tempestivamente bloccate, ma è importante anche in quelle 13 di 20

14 patologie, come la scarlattina, la varicella, la difterite, nelle quali si ha una precoce e abbondante eliminazione di germi patogeni. L isolamento viene distinto in: a) Isolamento in ospedali per infettivi: prescritto per i morbi esotici (es. colera, peste e febbre gialla) nonché per il tifo esantematico e consigliabile per malattie aerodiffusive gravi. b) Isolamento domiciliare coercitivo con piantonamento da parte della forza pubblica, che si attua a casa del soggetto malato come forma di ripiego o di emergenza a carattere temporaneo, quando non si possa disporre il ricovero in apposito reparto ospedaliero o per indisponibilità di posti letto o per impossibilità del trasporto di un ammalato affetto da malattia ad altissimo potere diffusivo. c) Isolamento domiciliare fiduciario, che si attua a casa del soggetto, affidandosi ai familiari dello stesso. Esso è inammissibile per le patologie esotiche, come pure per il tifo esantematico, ma può essere consentito per affezioni aero-diffusive non gravi, quando le abitazioni delle famiglie diano affidamento. Un buon isolamento fiduciario deve, comunque, rispondere a determinati requisiti relativi alla camera, possibilmente indipendente dal resto dell appartamento; al materiale sanitario; ai disinfettanti; alla biancheria; agli oggetti d uso; etc. Nulla deve uscire dalla camera del malato se prima non sia stato disinfettato. 1) La durata dell isolamento deve essere stabilita non in funzione dello stato di malattia, bensì della persistenza del germe e della sua eliminazione all esterno. 2) La sorveglianza sanitaria, che consiste nell obbligo di farsi controllare periodicamente dalle Autorità Sanitarie senza però alcuna limitazione della libertà personale. Talvolta è necessario estendere le misure sanitarie a persone sane che abbiano soggiornato presso ammalati o che provengano da luoghi infetti, perché potrebbero trovarsi nel periodo di incubazione. Tali pratiche vengono sospese solo quando sia trascorso, dopo l ultimo rapporto con la sorgente di infezione, un tempo pari alla massima durata massima del periodo di incubazione della malattia in questione. 14 di 20

15 3) L allontanamento, che consiste nel sospendere la partecipazione di un soggetto ad una particolare attività o ad una comunità in conseguenza di una condizione patologica o di portatore o, talvolta, di contatto o di convivenza con soggetti malati. 2.4 Inchiesta epidemiologica L inchiesta epidemiologica, quando è tempestivamente svolta dalle Autorità Sanitarie, è importante per fornire i dati essenziali ed immediati per una prima applicazione delle misure di profilassi. Essa viene avviata in seguito alla notifica di uno o più casi di malattia infettiva e consiste nell applicazione, da parte di personale specializzato della Azienda Sanitaria Locale (ASL), di metodologie epidemiologiche per studiare la causa dell infezione ed individuare eventuali veicoli e/o vettori ed ostacolare la diffusione della malattia attraverso adeguati interventi 8es. bonifica ambientale; immunoprofilassi; etc). 2.5 Disinfezione, disinfestazione, sterilizzazione La disinfezione consiste nella eliminazione dei microrganismi patogeni in un determinato ambiente o substrato. La disinfestazione è invece l azione finalizzata a distruggere o ad allontanare macrorganismi estranei (es. topi, zecche), la cui presenza in ambienti, colture agricole, derrate alimentari, animali o persone fisiche può essere responsabile dell insorgenza e della diffusione della malattia. La sterilizzazione è, infine, la pratica che ha come fine la distruzione di tutti i microrganismi. Per quanto concerne la disinfezione, essa può essere attuata in tre momenti distinti: a. durante il decorso della malattia (disinfezione continua), per evitare che il soggetto malato possa costituire una sorgente di infezione. Essa è pertanto finalizzata a distruggere i microrganismi patogeni nel corso e fino alla fine della loro eliminazione. Senza di essa l isolamento di un soggetto contagioso perderebbe gran parte del suo significato. 15 di 20

16 b. alla fine della malattia (disinfezione terminale), per eliminare i microrganismi patogeni dall ambiente nel quale ha soggiornato il malato; c. lontano dal letto del malato, come nel caso della disinfezione estemporanea, attuata ogni volta che si verifica un caso di malattia infettiva in un ambiente aperto al pubblico (es. scarlattina, meningite, poliomielite in scuole, dormitori, etc.) o della disinfezione periodica, eseguita con regolari scadenze in locali nei quali è presumibile la circolazione di microrganismi patogeni (es. caserme, scuole, centri di raccolta). La disinfezione può essere attuata con metodi naturali ed artificiali. Per quanto attiene ai primi, bisogna ricordare che i germi patogeni, nel mondo esterno, si trovano esposti all azione di numerosi fattori che svolgono così un ruolo di disinfettanti naturali. Tra questi i più importanti sono: la luce solare che ha un notevole potere battericida dovuto alle sue radiazioni ultraviolette; l essiccamento che è uno dei più energici disinfettanti naturali; le variazioni brusche di temperatura; la concorrenza vitale con altri microrganismi; la diluizione, capace di attenuare notevolmente il pericolo rappresentato dalla dispersione dei prodotti morbosi nel mondo esterno. Per quanto riguarda i mezzi di disinfezione artificiale, essi vanno suddivisi in mezzi fisici e mezzi chimici. Anche la sterilizzazione può essere attuata tramite mezzi fisici e mezzi chimici. E possibile comunque constatare che, nella pratica comune, i mezzi fisici sono quelli più frequentemente usati per la sterilizzazione, mentre quelli chimici sono molto più utilizzati per le procedure di disinfezione. Tra i mezzi fisici, quelli più importanti sono il calore, i raggi ultravioletti, le radiazioni ionizzanti. In particolare, il calore può essere utilizzato a secco, come nel caso di esposizione di una superficie o di un oggetto alla fiamma o di utilizzazione di appositi apparecchi, le stufe a secco, che rappresentano il modo più adatto per la sterilizzazione di materiali in vetro o metallo. 16 di 20

17 Esso può altresì essere utilizzato in forma umida come con l acqua bollente o, meglio, con l autoclave, l apparecchiatura che consente di utilizzare il calore per sterilizzare, sotto pressione, materiali in grado di sopportare l umidità. Per quanto attiene l uso di mezzi chimici esistono, in commercio, un numero consistente di disinfettanti chimici le cui indicazioni e modalità d impiego costituiscono un quadro articolato e complesso. Tra i disinfettanti chimici più utilizzati ricordiamo: Gli alcoli, tra cui l alcool etilico che è il più comune disinfettante e la cui efficacia è legata al grado alcolico. Risulta infatti più efficace e con uno spettro d azione più ampio l alcool a 70 rispetto a quello a 90, la cui commercializzazione è più diffusa. Le aldeidi, in particolare l aldeide formica utilizzata per la disinfezione terminale degli ambienti. Gli alogeni, che comprendono elementi come il Cloro e lo Iodio. Tra i disinfettanti a base di cloro vi è l ipoclorito di cloro, composto base della comune candeggina, che è considerato un ottimo disinfettante per l efficacia e per i costi contenuti anche se ha limitazioni d uso legate all aggressività per esempio sui metalli. Altri composti del Cloro vengono utilizzati per la disinfezione delle acque. Lo Iodio è invece utilizzato, soprattutto in una soluzione alcolica detta tintura, per la disinfezione della cute e delle mucose. Nella scelta del disinfettante chimico bisogna sempre tener presente: a) la resistenza al disinfettante del germe o dei germi da distruggere, che varia moltissimo da microbo a microbo; b) le caratteristiche del disinfettante da adoperare; c) la natura del materiale da disinfettare. La disinfestazione è una metodica atta a distruggere i macroparassiti nocivi per l uomo e per l ambiente. Parassiti dell uomo: endoparassiti, che vivono all interno delle cellule e nei liquidi organici (es. tenie, ascaridi); ectoparassiti, che vivono sulla superficie dell ospite (es. zecche, pidocchi) 17 di 20

18 La disinfestazione può essere integrale, quando agisce su tutti i parassiti, o selettiva quando è rivolta ad esempio solo sugli insetti vettori di germi patogeni, o solo sui ratti. A tale scopo possono essere utilizzati mezzi sia fisici che chimici, ma sono soprattutto questi ultimi ad essere più frequentemente utilizzati. La maggior parte dei disinfestanti agisce, in genere, per: 1) inalazione, se allo stato gassoso o di vapore; 2) contatto, se in forma liquida o di polveri; 3) ingestione, se nelle stesse forme del contatto. Tra questi ricordiamo: insetticidi, acaricidi, rodenticidi. La sterilizzazione è il risultato finale di procedimenti fisici e/o chimici che, attraverso metodologie standardizzate, ripetibili e documentabili, hanno come obiettivo la distruzione di ogni microrganismo vivente, patogeno e non, in forma vegetativa o di spora. Da un punto di vista operativo, un procedimento di sterilizzazione è quello al termine del quale il prodotto ad esso sottoposto presenta una probabilità su un milione di essere contaminato. La sterilizzazione si ottiene esclusivamente con mezzi fisici mediante l impiego di apparecchiature specifiche perché, secondo quanto indicato dall OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), un efficace sistema di sterilizzazione deve garantire che il materiale, una volta processato, possa essere conservato senza comprometterne la sterilità, e che il processo e l avvenuta sterilità possano essere controllati mediante l impiego di indicatori (controlli) fisici, chimici e biologici. la sterilizzazione va pertanto distinta dalla disinfezione ad alto livello (ottenibile esclusivamente con i composti chimici) che non consente né di confezionare il materiale, né di controllare l efficacia del trattamento, se non con lunghe e poco pratiche metodiche di laboratorio. La sterilizzazione può avvenire con: calore secco o umido (stufe; autoclavi); ossido di etilene (sterilizzatrice a freddo); radiazioni (raggi gamma, raggi UV e microonde); sistema perossido di idrogeno-gas plasma (soluzione acquosa). 18 di 20

19 2.6 Profilassi immunitaria Le misure di profilassi immunitaria sono finalizzate a conferire ai soggetti suscettibili di infezione uno stato di resistenza che viene appunto definito di immunità. Esistono due tipi di immunità, naturale e artificiale. La prima è la capacità di difesa che l organismo manifesta verso un agente estraneo in seguito a fenomeni naturali, come il conferimento di anticorpi materni al nascituro od il superamento di una malattia infettiva contratta naturalmente. La seconda, oggetto delle misure di profilassi immunitaria, è conseguente alla somministrazione di preparazioni artificiali quali i sieri immuni, le immunoglobuline, i vaccini. La profilassi immunitaria è indicata, pertanto, anche come profilassi specifica, perché ha carattere specifico per ciascuna malattia e si applica nelle persone sane che, per speciali condizioni epidemiologiche, si ritengano esposte al pericolo di determinate infezioni. 19 di 20

20 BIBLIOGRAFIA 1) Boccia A., Ricciardi G., De Giusti M., La Torre G. Igiene generale della scuola e dello sport ; Ed. Idelson-Gnocchi, ) Marinelli P., Liguori G., Montemarano A., D Amora M. Igiene Medicina Preventiva e Sanità pubblica ; Ed. Piccin, ) La Placa M. Principi di microbiologia medica ; Ed. Esculapio, di 20

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Il servizio di disinfezione e disinfestazione sarà eseguito dal Comune con personale assunto

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è manifestata una crescente attenzione nei confronti

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Circolare n 4 del 13 marzo 1998 Protocollo 400.3/26/1189 MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE E I CONSUMATORI Salute pubblica e valutazione dei rischi Minacce per la salute Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli