Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014"

Transcript

1 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA DEI PERCORSI è di m 8 x 8 per Gymgiocando m 9 x 3 per Giovani e Ragazzi, percorsi di velocità m 10 x 10 per Giovani e Ragazzi, percorsi di precisione tali misure potrebbero subire variazioni per problemi d impianto per quanto riguarda PENALITA GENERALI fanno fede le penalità riportate a pag.8 delle linee guida GpT. di Linda Cella (R.G.R.GpT) con la collaborazione tecnica della D.T.R.GpT Ornella Padovan

2 PRESENTAZIONE DEI PERCORSI MOTORI : GYMGIOCANDO,TROFEO GIOVANI E TROFEO RAGAZZI Nel presentare i percorsi motori per le gare regionali in programma vorremmo ribadire alcuni principi guida a cui ci siamo ispirate nella ideazione e stesura. Innanzi tutto l importanza di una metodologia didattica basata sui percorsi motori. Gli obiettivi che si perseguono sono essenzialmente un affinamento della coordinazione generale soprattutto nei giovanissimi, un acquisizione di movimenti tecnici svolti in dinamismo nonché una ricerca del migliore movimento tecnico, in quanto un elemento tecnicamente corretto è quasi sempre anche più veloce ed efficace. Attraverso l esecuzione dei percorsi motori si ha anche la possibilità di molte ripetizioni di un elemento tecnico, in un modo assolutamente divertente, non noioso e con obiettivi facilmente comprensibili anche dai più giovani. Va da sé che i contenuti dei percorsi possono essere infiniti. Quest anno abbiamo pensato di focalizzare l attenzione su alcuni obiettivi ginnastici e attraverso la preparazione alle gare, dare anche una indicazione agli insegnanti riguardo al lavoro da svolgere in palestra; infatti i percorsi sono pensati strutturalmente con un crescendo di difficoltà nelle richieste dalla categoria giovani alla 2^ fascia, utilizzando per lo più lo stesso schema di percorso, si mettono in luce così le progressioni tecniche richieste e si ottimizzano di molto gli spostamenti di attrezzi in palestra. GYMGIOCANDO E una gara principalmente rivolta ai bambini che svolgono in palestra un attività psicomotoria Nella categoria giovanissimi,dai 3 ai 6 anni, il lavoro mira a formare e consolidare gli schemi motori e posturali di base, ci si avvale principalmente dei cosiddetti movimenti di imitazione per cui le andature ginnastiche ricordano le andature degli animali. L allenamento è sempre svolto in un clima giocoso ed anche gli attrezzi, grandi, piccoli, appositamente studiati o di fortuna, si possono trasformare in storie fantastiche e di avventura, che stimolino il bambino a compiere quante più esperienze motorie possibili. Con l attività del Gymgiocando possiamo anche introdurre i bambini alla magia e al segreto della musica; provando ad interpretarla con il movimento e seguendo un ritmo comune e una comune coreografia si pongono le basi per la socializzazione ed il sentirsi parte di un gruppo. Inoltre si vuole stimolare la capacità di memoria delle sequenze motorie, l approfondimento dello studio dei concetti topologici (alto, basso, sinistra, destra, dentro, fuori, ecc) e della lateralità, il tutto applicato in modo che il bambino possa far proprio (interiorizzare) tutto ciò che ha imparato e possa restituirlo in modo creativo (è la possibilità di interpretare in modo personale e perché no, teatrale,la coreografia). TROFEO GIOVANI / TROFEO RAGAZZI 1^e 2^fascia I percorsi motori sono 2 per entrambe le gare, e in un percorso verranno messe in evidenza e premiate le capacità di destrezza e rapidità, mentre nell altro sarà premiata l esecuzione tecnica del gesto richiesto. Gli obiettivi di questi percorsi motori sono in sintesi: 1) preparazione fisica e potenziamento muscolare 2) capacità coordinative 3) apprendimento elementi tecnici di base 4) lavoro globale su componenti artistica e ritmica

3 GYMGIOCANDO NOTE GENERALI: Il percorso si effettua intorno ad un quadrato di 8m x 8m. Ogni ginnasta, al termine della propria esecuzione, prenderà posto all interno del quadrato ed attenderà i compagni per eseguire la coreografia con la musica. L esecuzione del percorso dovrà avvenire con una base musicale che può essere diversa o uguale a quella scelta per la coreografia. Per ogni prova eseguita correttamente sarà assegnato ad ogni ginnasta un BONUS di 2. Al termine del percorso tutti i bonus ottenuti saranno sommati tra loro e detratti dal tempo di esecuzione totale. MATERIALE OCCORRENTE: 1 piano inclinato (pedana con tappetino), 9 cerchi (diametro 50 cm circa), tappetino tipo sarneige (1m x 2m), 3 coni, 3 step, 2 ostacoli bassi cm 10 e 1 ostacolo alto cm 40. PARTENZA: i ginnasti sono disposti dietro la linea di partenza/arrivo. Al Via parte il primo ginnasta. capovolta rotolata avanti su piano inclinato (pedana con tappetino sopra) saltelli uniti e divaricati dentro i cerchi (9 cerchi),totale 3 volte piedi uniti e 3 volte divaricati rotolamento su piano longitudinale su tappetino corsa avanti a slalom (3 coni) gattonare su step (3 step disposti in fila) passaggio sopra,sotto e sopra (3 ostacoli: 2 bassi cm 10 e uno alto cm 40) A B p/a D C Quando il ginnasta è passato sopra l ultimo ostacolo, potrà partire il ginnasta successivo. Quando l ultimo ginnasta è passato sopra l ultimo ostacolo, sarà dato lo stop al tempo e potrà essere dato l avvio alla musica per iniziare la coreografia.

4 TROFEO GIOVANI PERCORSO 1 VELOCITA il numero 3 3 Volteggi su step (3 step in fila) Raccogliere la fune a terra ed eseguire 3 salti in forma libera Cesto con palla da ritmica eseguire 3 palleggi ad una mano e riporre la palla nel cesto Penalità: ogni volteggio, ogni salto, ogni palleggio in meno 5 3 balzetti alternati superando 3 bacchette poste a terra (es.dx-sin-dx o viceversa) Fune allungata a terra si eseguono 3 saltelli a piedi uniti a dx e a sin della fune Penalità: ogni balzo,ogni salto in meno 5 Cerchio (diametro circa cm 60-70) a terra, prenderlo ed eseguire 3 salti attraverso girandolo a mò di fune Saltelli uniti e divaricati dentro i cerchi (diametro 50 cm circa) (9 cerchi), totale 3 volte piedi uniti e 3 volte divaricati Prendere la pallina piccola di gomma piuma che si trova dentro piccolo cerchio laterale al sarneige, metto palla sotto il mento ed eseguo capovolta rotolata avanti (esercizio propedeutico per capire funzione del mento e del capo) Penalità: ogni salto o saltello in meno 5 Perdita pallina durante capovolta 5 PERCORSO 2 PRECISIONE Ginnasticando Camminare su trave ed eseguire salto pennello in uscita su sarneige (per salire ci sarà una pedana) Trovo sarneige con una bacchetta, impugnarla ed eseguire una capovolta avanti senza lasciare bacchetta (esercizio propedeutico per imparare rialzata senza usare mani) Penalità: caduta dalla trave 5 o.v. Lasciare la bacchetta prima di completare capovolta 5 Ruota con mani sullo step Salire sulla panca e sul minitrampolino battuta piedi pari e salto pennello arrivo su tappetone con sarneige Penalità: spinta di un solo arto nella capovolta indietro 5 Piano inclinato e capovolta rotolata indietro Trovo due linee a terra distanza metri 2 tra le due, dietro la prima linea trovo cesto con palla da ritmica, far rotolare la palla partendo da dietro la 1^ linea e riprenderla seguendola quando la palla ha oltrepassato la 2 linea, riporre la palla nel cesto Corsa, battuta in pedana e capovolta avanti su tappetone (messo perpendicolare alla pedana) alto 40 cm 3 ostacoli alti cm 10, superarli con 3 spinte piedi pari ed uniti Penalità: battuta in pedana con spinta non pari 5 Palla che rimbalza e non rotola 5 Ogni ostacolo non saltato 5

5 TROFEO RAGAZZI 1 ^ FASCIA PERCORSO 1 VELOCITA 3 Ruote su step (3 step in fila) Raccogliere la fune a terra eseguire 3 salti avanti e 3 salti indietro in forma libera Cesto con palla da ritmica eseguire 3 palleggi mano dx e 3 palleggi mano sin e riporre la palla nel cesto Penalità: ogni ruota, salto o palleggio mancante 5 3 balzi alternati superando 3 ostacoli alti cm 10 (es.dx-sin-dx o viceversa) Fune allungata a terra si eseguono 3 saltelli su un piede a dx e a sin della fune Penalità: ogni balzo o saltello in meno 5 Cerchio (diametro circa cm 60-70) a terra, prenderlo ed eseguire 3 salti avanti e 3 salti girando indietro attraverso a mò di fune Saltelli ad un piede e a gambe divaricate nei cerchi (diametro 50 cm circa) (9 cerchi), totale 3 volte su un piede e 3 volte divaricati Prendo pallina piccola di gomma piuma che si trova dentro piccolo cerchio laterale al sarneige, metto palla sotto il mento ed eseguo capovolta rotolata avanti senza mani (esercizio propedeutico per capire funzione del mento e del capo) Penalità: ogni salto o saltello in meno 5 Perdere la pallina durante la capovolta 5 PERCORSO 2 PRECISIONE Camminare in relevèe su trave ed eseguire salto pennello in uscita su sarneige Trovo sarneige con una bacchetta, impugnarla ed eseguire una capovolta avanti senza lasciare bacchetta tenuta dietro le gambe (esercizio propedeutico per imparare rialzata senza usare mani) Penalità: ogni volta che si appoggia tallone sulla trave 5 (fuorchè primo e ultimo passo) Lasciare la bacchetta prima di aver completato rotazione 5 Ruota con mani sullo step Salire sulla panca e sul minitrampolino battuta piedi pari e salto grouppè arrivo su tappetone con sarneige Penalità: spingere solo con un arto nella capovolta indietro 5 Piano inclinato e capovolta rotolata indietro Trovo due linee a terra distanza metri 2 tra le due, dietro la prima linea trovo cesto con palla da ritmica, far rotolare la palla partendo da dietro la 1^ linea e riprenderla eseguendo 2 galoppi laterali poi riprendere la palla quando ha oltrepassato la 2 linea, riporre la palla nel cesto Corsa, battuta in pedana e frammezzo divaricato in due tempi su tappetone (messo per traverso) alto 40 cm arrivo pennello su sarneige 3 ostacoli alti cm 10, superarli con 3 spinte piedi pari ed uniti e raccolta delle gambe al petto Penalità: battuta in pedana e arrivo su sarneige non a piedi pari 5 o.v. Ogni ostacolo non superato 5

6 TROFEO RAGAZZI 2 ^ FASCIA PERCORSO 1 VELOCITA 2 Ruote laterali di seguito Raccogliere la fune a terra eseguo 2 salti avanti e 2 salti avanti con incrocio Cesto con palla da ritmica eseguire 3 palleggi mano dx e 3 palleggi mano sin e riporre la palla nel cesto Penalità: ogni ruota,ogni salto,ogni palleggio in meno 5 3 balzi alternati superando 3 ostacoli alti cm 20 (es.dx-sin-dx o viceversa) Fune allungata a terra eseguire 3 saltelli su un piede a dx e a sin della fune procedendo all indietro Penalità: ogni balzo, ogni saltello in meno 5 Cerchio (diametro circa cm 60-70) a terra, prenderlo ed eseguire 3 salti avanti e 3 salti girando indietro attraverso a mò di fune Saltello divaricato dentro i cerchi e successivo salto unito dentro il cerchio con ½ giro, proseguo con altro ½ giro per arrivare a gambe divaricate, salto avanti unito nel cerchio (diametro 50 cm circa) (6 cerchi), Prendo pallina piccola di gomma piuma che si trova dentro piccolo cerchio laterale a 2 sarneige, metto palla sotto il mento ed eseguo 2 capovolte rotolate avanti una con le mani e una senza mani (esercizio propedeutico per capire funzione del mento e del capo) Penalità: ogni salto o saltello in meno 5 Perdere la pallina durante rotolamenti 5 PERCORSO 2 PRECISIONE Camminare in relevée su trave ed eseguire salto grouppè in uscita su sarneige Trovo sarneige con bacchetta a terra, eseguire una capovolta avanti saltata oltre bacchetta Penalità: ogni volta che si appoggia tallone sulla trave 5 (fuorchè primo e ultimo passo) Toccare la bacchetta 5 Ruota con mani sullo step, ma arrivo su sarneige in rondata (con gambe unite) faccio battuta a piedi pari e salto groupè al minitrampolino,arrivo su un tappetone possibilmente con sarneige (sono stati tolti aiuti facilitanti per altezza minitrampolino) Penalità: spinta di un solo arto nella capovolta 5 capovolta rotolata indietro su tappetino Trovo un tappeto sarneige e cesto con palla da ritmica, far rotolare la palla riprenderla dopo aver eseguito una capovolta avanti, riporre la palla nel cesto Corsa, battuta in pedana e frammezzo unito in due tempi su tappetone (messo per traverso) alto 40 cm arrivo pennello su sarneige 3 ostacoli alti cm 20, superarli con 3 spinte piedi pari ed uniti e raccolta delle gambe al petto Penalità: battuta in pedana e arrivo su sarneige non a piedi pari 5 o.v. Ogni ostacolo non superato 5

7 I DISEGNI SONO PURAMENTE INDICATIVI, FA FEDE LA DESCRIZIONE DELLA PROVA I ginnasti sono disposti dietro la linea di partenza/arrivo. Al Via parte il primo ginnasta. Quando il ginnasta oltrepassa la linea p/a può partire il ginnasta successivo. Quando l ultimo ginnasta oltrepassa la linea p/a, sarà dato lo stop al tempo PERCORSI DI VELOCITA MATERIALE OCCORRENTE: 3 step, 2 funi, 1 cesto, una palla da ritmica, 3 bacchette, 1 cerchio (diametro 60-70cm), 10 cerchi (diametro cm 50 circa), 1 pallina di gomma, 2 tappetini tipo sarneige A B p/a D C PERCORSI DI PRECISIONE MATERIALE OCCORRENTE: 2 pedane, 1 trave, 7 tappetini, 1 step, 1 panchina, 1 minitranpolino, 1 tappetone, 1 piano inclinato, 1 cesto, 1 palla da ritmica, 1 tappeto cubo alto 40cm, 3 ostacoli A B p/a D C

8 - CHIARIMENTI PERCORSI MOTORI - Sono di seguito riportate precisazioni sui percorsi motori. Eventuali ulteriori chiarimenti saranno effettuati durante la riunione prima dell inizio gara. PERCORSO 1 VELOCITA Lato AB - verrà fatta una croce a terra come riferimento per posizionare la fune. - Per 1^ fascia le 3 ruote con mani su step possono essere eseguite anche leggermente in diagonale. - Per 2^ fascia la partenza della prima ruota è libera (laterale e non) - per la 2^ fascia, i salti con la fune sono solo avanti e si possono eseguire anche alternati (un salto avanti normale e uno incrociato, un salto avanti normale e uno incrociato) Lato BC - la fune allungata a terra per i 3 saltelli a dx e a sx della fune sarà di circa cm I 3 saltelli a dx e a sx della fune devono essere eseguiti in spostamento Lato CD - verrà fatta una croce a terra come riferimento per posizionare il cerchio da girare a mo di fune. - il cerchio da girare a mo di fune per cat. Ragazzi può essere anche di diametro maggiore (cm 80-90), ma dovrà essere lo stesso cerchio per tutti i componenti la squadra. - nella capovolta con pallina di gomma il ginnasta deve rialzarsi in piedi per riporre la pallina, altrimenti la capovolta non verrà considerata valida. - La capovolta va eseguita con le mani e ci si può rialzare con l aiuto delle mani, mentre per Ragazzi che è richiesta la capovolta senza mani non devo appoggiare le mani a terra (le braccia possono essere temute anche fuori, ma senza toccare terra), solo per la risalita è concesso l appoggio. - Per la 2^ fascia nella stazione dei saltelli dentro i cerchi con i ½ giri, l uscita dall ultimo cerchio è libera. PERCORSO 2 PRECISIONE Lato AB - la pedana per l entrata alla trave ci sarà solo per la cat. Giovani - le uscite dalla trave si intendono sempre con stacco dall estremità della trave a piedi pari Lato BC - per 2^ fascia, ruota con mani sullo step e arrivo in rondata, l azione di spinta e stacco degli arti superiori non è richiesta. - per la 2^ fascia la panca davanti al minitrampolino non ci sarà. Lato CD - i saltelli per superare gli ostacoli sono a piedi pari (togliere la dicitura ed uniti) - per 1^ fascia, se non riesco a superare la linea con 2 galoppi o continuo con i galoppi o con dei passi per poter superarla. - Per 2^ fascia, il rotolamento della palla mentre eseguo la capovolta può avvenire sul sarneige che a terra. - per 1^ fascia, frammezzo divaricato, appoggio mani e piedi divaricati e da lì si deve subito fare il pennello in uscita dal tappeto. - Per 2^ fascia, frammezzo unito, appoggio mani e piedi uniti e da lì si deve subito fare il pennello in uscita dal tappeto.

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale Federazione Ginnastica d Italia Settore Ginnastica Generale PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale L AREA DEI PERCORSI è di m. 9 x 3, ma tale misura potrebbe subire variazioni per problemi

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia. GpT/GpS

Federazione Ginnastica d Italia. GpT/GpS Federazione Ginnastica d Italia Direzione Tecnica Nazionale Ginnastica per Tutti Direzione Tecnica Nazionale Salute e Fitness GpT/GpS PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2015 Fase nazionale NOTE: I VIDEO esplicativi

Dettagli

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE REGOLAMENTO: BIG TEAM - Programma rivolto a ginnaste/i principianti o che frequentano corsi di avviamento allo sport. - Questo programma di competizioni

Dettagli

RASSEGNA. RASSEGNA individuale

RASSEGNA. RASSEGNA individuale Programmi tecnici RASSEGNA e RASSEGNA individuale STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 REGOLAMENTO GENERALE Fasce d età per le gare di squadra: CATEGORIA PULCINI solo asilo (la distinzione A/B è prevista solo in

Dettagli

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014 PROGRAMMA Trofeo Laudense 2013-2014 1 REGOLAMENTO TROFEO LAUDENSE 1. Il 1 livello potrà esser eseguito esclusivamente dai bambini frequentanti la scuola dell infanzia. 2. La classifica sarà divisa in livelli

Dettagli

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Il Trofeo Gym Prime Gare, a carattere regionale, è rivolto a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara e pertanto è riservato a coloro che non partecipano

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE ANNO SPORTIVO 2012/2013 GIOVANISSIME: 2006-2005-2004 ALLIEVE: 2003-2002-2001 JUNIOR:

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B Il Campionato Nazionale Serie B è riservato a tutte le ginnaste tesserate alla Confsport Italia A.S.D. ad esclusione di coloro che partecipano

Dettagli

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B SERIE B 1. Il Campionato è riservato alle ginnaste più esperte. Sono escluse le ginnaste partecipanti al Campionati di Serie A; 2. La competizione è individuale; 3. E prevista una classifica assoluta determinata

Dettagli

CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015

CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015 CHIARIMENTI E FAQ CAMPIONATI NAZIONALI 2015 Agg. 01/01/15 Post riunione Giuria Nazionale di sabato 06 e domenica 07 dicembre 2014 CODICE DEI PUNTEGGI Elementi artistici 1. Salto del Montone: c è scritto

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie. LEZIONE bambini 6/8 anni

LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie. LEZIONE bambini 6/8 anni LA PIRAMIDE DEL MOVIMENTO: educhiamo gli schemi motori di base per ottenere abilità motorie LEZIONE bambini 6/8 anni ( adattamento allo spazio) Muoversi liberamente nella palestra palleggiando, Cambiare

Dettagli

Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale

Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale Campionato Nazionale Cup 2016 a squadre e individuale A cura di Cinzia Pennesi Ilenia Oberni Alice Grecchi Monia Melis Ginevra Civiletti Sonia Frasca Componenti Commissione Tecnica Nazionale Aggiornato

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE PROVE PRATICHE DI VALUTAZIONE TECNICO SPORTIVA Si ricorda ai candidati che, per l espletamento delle seguenti prove pratiche, sono tenuti a presentarsi con abbigliamento

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

PROGRAMMA PROMOZIONALE GR UISP 2014/2015

PROGRAMMA PROMOZIONALE GR UISP 2014/2015 PROGRAMMA PROMOZIONALE GR UISP 2014/2015 a cura della referente regionale M. Porreca Il programma promozionale GR 2014-2015 prevede: 1. INDIVIDUALE: per categorie di età, con 3 livelli tecnici. -Pag. 2-2.

Dettagli

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

Prova n. 1 LEGER TEST

Prova n. 1 LEGER TEST Prova n. 1 LEGER TEST La prova si svolge su un percorso delimitato da due coni, posti alla distanza di 20 mt l uno dall altro. Il candidato deve percorrere a spola la distanza tra i due coni, passando

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

PERCORSI MOTORI TROFEO CHRISTMAS GYM

PERCORSI MOTORI TROFEO CHRISTMAS GYM DIREZIONE TECNICA NAZIONALE sezione GINNASTICA per TUTTI PERCORSI MOTORI TROFEO CHRISTMAS GYM CATEGORIE: Giovani 1^ fascia 2^ fascia L AREA DEI PERCORSI è di circa m 9 x 4, ma tale misura potrebbe subire

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA. G.p.T. Trofeo Principianti

FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA. G.p.T. Trofeo Principianti FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA G.p.T. Trofeo Principianti CATEGORIE GIOVANISSIMI 20010-2009 solo 5 anni già compiuti e 6 da compiere GIOVANI 09-08-07 solo 6anni già compiuti

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Il Campionato Nazionale Serie A è riservato a tutte le ginnaste tesserate alla Confsport Italia A.S.D., alle ex-ginnaste federali che, da almeno

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara

GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara (3 SETTEMBRE 2015, ore 15:00-17.30) PALESTRE ITG PALLADIO TREVISO ROTOLAMENTI CAPOVOLTA AVANTI: Tecnica: Partenza: stazione eretta,

Dettagli

I salti a scuola. Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe

I salti a scuola. Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe I salti a scuola Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe A scuola noi vogliamo Educare con il salto, cioè arricchire la motricità di base dei nostri alunni con una ampia gamma di attività

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

PERCORSI MOTORI TROFEO CHRISTMAS GYM

PERCORSI MOTORI TROFEO CHRISTMAS GYM DIREZIONE TECNICA NAZIONALE sezione GINNASTICA per TUTTI PERCORSI MOTORI TROFEO CHRISTMAS GYM CATEGORIE: Giovanissimi: percorso n.1 Giovani: percorsi n. 1-2-3 1^ fascia: percorsi n. 1-2-3 2^ fascia: percorsi

Dettagli

MODULO MO 16.03 PROGRAMMA SVOLTO. Pagina 1 di 1. Rev. 01 Data 1-06-2014 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO

MODULO MO 16.03 PROGRAMMA SVOLTO. Pagina 1 di 1. Rev. 01 Data 1-06-2014 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO Classe: 1 INFO A Anno scolastico 2013-2014 Esercizi a corpo libero e con piccoli attrezzi per migliorare la mobilità articolare, l allungamento

Dettagli

ALLIEVI. Programma MILAN LAB

ALLIEVI. Programma MILAN LAB ALLIEVI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO ALLIEVI CAPACITÀ MOTORIE 100% CAPACITÀ COORDINATIVE 10% 90% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità/Velocità 20% Resistenza 30% Forza (didattica) 20% Flessibilità

Dettagli

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3.

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3. N.26 DICEMBRE 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI)

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) 10.00 12.00 ALLENATORE Guido Cantamesse ASSISTENTi Nazareno Lombardi Carlo Grassi PREP. FISICO Cosimo De Milo ******************** ATTIVAZIONE

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

Prima esercitazione... Percorso coordinativo

Prima esercitazione... Percorso coordinativo Prima esercitazione.... Percorso coordinativo Alla partenza, il bambino dovrà prendere un cinesino posto vicino, passare sotto l ostacolo strisciando al suolo, correre tra i coni, inserire il cinesino

Dettagli

PERCORSO MOTORIO GYMGIOCANDO 2014

PERCORSO MOTORIO GYMGIOCANDO 2014 Federazione Ginnastica d Italia Direzione Tecnica Regionale Ginnastica per Tutti PERCORSO MOTORIO GYMGIOCANDO 2014 NOTE: Il percorso si effettua intorno ad un quadrato di 8m x 8m. Ogni ginnasta, al termine

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento OBIETTIVI GENERALI Il progetto offre a tutti gli alunni, l'opportunità di praticare attività motoria nella scuola dell infanzia, secondo itinerari e processi organici graduali di apprendimento commisurati

Dettagli

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!.

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. Dopo avere dedicato ampio spazio nei precedenti interventi al modello culturale del nostro Minibasket raccontando l esperienza finlandese, ora vorrei rivolgere

Dettagli

IL DOCENTE VENEZIA 06/06/2015 ALUNNI:

IL DOCENTE VENEZIA 06/06/2015 ALUNNI: CLASSE E SEZIONE : 1^I blanda,veloce, a balzi allungati e saltellati, laterale a gambe incrociate, calciata, combinata ad esercizi, Esercizi di stretching, di potenziamento e flessibilità muscolare, di

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

ITINERARIO DI LAVORO PER ATTIVITÀ ADDESTRATIVA REGIONALE E INTERREGIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2007

ITINERARIO DI LAVORO PER ATTIVITÀ ADDESTRATIVA REGIONALE E INTERREGIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2007 ITINERARIO DI LAVORO PER ATTIVITÀ ADDESTRATIVA REGIONALE E INTERREGIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2007 Premessa Questa D.T.N., nell ottica di individuare il potenziale di ginnaste adatte ad una attività

Dettagli

Equilibrio. Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni

Equilibrio. Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni Equilibrio Prof. C. Pittera Prof. P. Pedata Prof. P. Pasqualoni Mantenimento della verticale del capo in appoggio monopodalico Studi fatti dal Prof. Dario Riva Violetta evidenziano che una delle caratteristiche

Dettagli

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 Regolamento e Programma Tecnico 2 REGOLAMENTO NAZIONALE 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro Palla a muro Il gioco è molto semplice e consiste nel tirare una palla contro un muro per poi riprenderla senza farla cadere. Le regole che governano il gioco sono dettate dalle stesse filastrocche che

Dettagli

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza.

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza. Complimenti, siete sulla linea di partenza. Qui inizia il vostro Zurich percorsovita «...» che avrete a vostra disposizione ogniqualvolta lo vorrete. Resistenza A voi la scelta! Troverete 15 stazioni con

Dettagli

ANNO 2010 TROFEO RAGAZZI A COPPIE 1A FASCIA

ANNO 2010 TROFEO RAGAZZI A COPPIE 1A FASCIA ANNO 2010 TROFEO RAGAZZI A COPPIE 1A FASCIA MATERIALE OCCORRENTE: - N.1 CONTENITORE posizionato a mt. 5 dalla linea di partenza. - N.1 PALLA - N.1 FUNE - N.1 TRAVE - N.2 CERCHI posizionati col diametro

Dettagli

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2015

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2015 PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2015 L AREA DEI PERCORSI è di m. 9 x 3, ma tale misura potrebbe subire variazioni Lo stop al tempo è determinato dal superamento della linea di arrivo da parte dell ultimo

Dettagli

Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015

Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015 Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015 PERCHE PROPORRE UN MODELLO DI MANIFESTAZIONI A SQUADRE E PERCORSI? Elaborare un modello di gara per bambini basato su tre requisiti fondamentali:

Dettagli

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO LO STEP L allenamento con lo step è una delle attività cardiovascolari che offre maggiori benefici muscolari. Questo grazie ad un azione ciclica caratterizzata dal continuo salire e scendere dal gradino

Dettagli

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società USCITE STAGGIO GIRI/SLANCI ENTRATE PARALLELE CAMPIONATO GOLD Saltare all'appoggio ritto frontale Kippe infilata con 1 gamba: infilata in presa poplitea Capovolta dietro all appoggio ritto frontale (partenza

Dettagli

SCHEMA DI PROGETTAZIONE ESPERTO a.s. 2012/13

SCHEMA DI PROGETTAZIONE ESPERTO a.s. 2012/13 Alfabetizzazione motoria nella scuola primaria U.S.R. C.O.N.I. Emilia Romagna SCHEMA DI PROGETTAZIONE ESPERTO a.s. 2012/13 Dati esperto Dati sulla scuola Cognome e nome BARALDI GIULIETTA Scuola Primaria

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

MATERIA SCIENZE MOTORIE

MATERIA SCIENZE MOTORIE MATERIA SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO: 2014_-2015 INSEGNANTE: TROMBONE MICHELE CLASSE: 1D SETTORE: SC INDIRIZZO: FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative generali cui tende

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

IL MINIBASKET in ITALIA :

IL MINIBASKET in ITALIA : IL MINIBASKET in ITALIA : l Emozione, la Scoperta e il Gioco. I primi intervento per l angolo tecnico del nostro sito li voglio prendere da una delle esperienze professionalmente più gratificanti della

Dettagli

ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE

ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE IN CONTATTO CON I PIEDI IN CONTATTO CON LE MANI IN CONTATTO CON MANI E PIEDI (andature quadrupediche) IN ACQUA Parte 2d (Disegni di elementi di slancio) p.

Dettagli

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ginnastica Artistica Femminile 2012/2013 Regolamento e Programma Tecnico 2 REGOLAMENTO NAZIONALE 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni

Dettagli

CONFSPORT ITALIA A.S.D. Programma Tecnico Campionato Nazionale di Serie A Ginnastica Artistica Femminile 2015 2016 1

CONFSPORT ITALIA A.S.D. Programma Tecnico Campionato Nazionale di Serie A Ginnastica Artistica Femminile 2015 2016 1 CONFSPORT ITALIA A.S.D. Programma Tecnico Campionato Nazionale di Serie A Ginnastica Artistica Femminile 2015 2016 1 Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Il Campionato Nazionale

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

Trofeo Teverino Ping Pong Kids 2015

Trofeo Teverino Ping Pong Kids 2015 Trofeo Teverino Ping Pong Kids 2015 CAMPIONATO U11 SELEZIONI COMITATI REGIONALI FITET DISPOSIZIONI GENERALI PREMESSA Il Trofeo Teverino Ping Pong Kids rappresenta un occasione per i giovani di conoscere

Dettagli

IL BALL-HANDLING NEL MINIBASKET

IL BALL-HANDLING NEL MINIBASKET www.minibasket.it IL BALL-HANDLING NEL MINIBASKET Prof. Maurizio Mondoni Premessa La palla, meglio di qualsiasi altro attrezzo, è un elemento simbolico, motivazionale, simpatico e data la sua poliedricità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MINEO SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 PROGETTO MI ESPRIMO CON IL CORPO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MINEO SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 PROGETTO MI ESPRIMO CON IL CORPO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MINEO SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 PROGETTO MI ESPRIMO CON IL CORPO Premessa Tenuto conto che la scuola Materna di Mineo ha attivato con successo da più di quattro

Dettagli

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso.

GUIDA DELLA PALLA. L'esercizio poi continua con gli altri partecipanti. Dopo un certo numero di prove in un senso, si deve cambiare il verso. GUID DELL PLL 1 1 2 2 GUID DI PLLONI DIVERSI 4 giocatori posizionati con la palla sul vertice di un quadrato di 15 mt di lato, partono in guida della palla verso il vertice seguente dove lasciano la propria

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia. GpT. PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2017 Fase regionale

Federazione Ginnastica d Italia. GpT. PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2017 Fase regionale Federazione Ginnastica d Italia GpT PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2017 Fase regionale 1 NORME E PENALIZZAZIONI GENERALI Ogni ostacolo abbattuto, attrezzo spostato durante la prova deve essere collocato

Dettagli

Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle

Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle Forme Basilari della Ginnastica Artistica agli attrezzi, strumento molto utile sia per i neofiti che per gli appassionati,

Dettagli

GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014

GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014 GINNASTICA RITMICA A.S. 2013-2014 CATEGORIE Supermini dal 2007 al 2006 Esordienti 2005 Mini dal 2004 al 2003 Propaganda dal 2002 al 2001 Under 15 dal 2000 al 1999 Libera 1998 e precedenti (questa categoria

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti!

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! AncheiopossoAllenare.com allenare online con gli info-prodotti di ancheiopossoallenare.com presenta: Marco Mirisola 15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! Salve a tutti e benvenuto/a oggi

Dettagli

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte CORSO DI FORMAZIONE ISTRUTTORI 2006 La corsa ad ostacoli: tecnica e didattica. Prof. Roberto Amerio L IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEGLI OSTACOLI NELLE CATEGORIE GIOVANILI

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

Ed ecco come funziona

Ed ecco come funziona Ed ecco come funziona scuola in movimento è un programma nazionale dell Ufficio federale dello sport che promuove e sostiene il movimento quotidiano a scuola. Le scuole e le classi partecipanti si impegnano

Dettagli

Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE. Ideato e realizzato dal Wushu Union of Italy - Dicembre 2012 - Tutti i diritti sono riservati

Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE. Ideato e realizzato dal Wushu Union of Italy - Dicembre 2012 - Tutti i diritti sono riservati Wushu Union of Italy PERCORSO DRAGONE 1 Il cavallo selvaggio galoppa nella foresta 2 La tigre irrompe nel tempio 3 Il monaco chiude la porta 4 La tigre attraversa il fiume impetuoso 5 Il vento muove i

Dettagli

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROGETTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Referente Gabriella Zanmarchi cell 335 83 03 803 e mail gabriella.zanmarchi@gmail.com INTRODUZIONE Il progetto intende costituire un insieme d esperienze motorie per: Rispondere

Dettagli

NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO

NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO Scuola dell infanzia e scuola primaria G. Marconi Istituto Comprensivo Carrara e Paesi a Monte NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI RETE-POLO "SCUOLA DI CITTADINANZA

Dettagli

Novara Calcio TRAINING GUIDE - 2003-2004 JSS COACH: Enrico Mordillo Age range: 2003-2004 N 1 Date: 3-9-2012 N Players: Where: Novarello Project: Goals: g 1) 2) 3) 4) 5) Coordinative program 1-2 speed ladder

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO

GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO INTRODUZIONE Il progetto intende costituire un insieme d esperienze motorie per: Rispondere al gran bisogno di movimento dei bambini. Promuovere

Dettagli

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva.

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva. Categoria cadetti Indirizzi programmatici per i giovani ( fascia d età 13/14/15 anni ) PERIODO DELL ALLENAMENTO GENERALE Es. di lavoro settimanale (fino alle vacanze di Natale) con corsa lenta rimbalzata

Dettagli