Determinazione e rilevazione delle imposte nel bilancio di esercizio (Appunti da non citare senza autorizzazione dell autore) Dr.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Determinazione e rilevazione delle imposte nel bilancio di esercizio (Appunti da non citare senza autorizzazione dell autore) Dr."

Transcript

1 Determinazione e rilevazione delle imposte nel bilancio di esercizio (Appunti da non citare senza autorizzazione dell autore) Dr. Paolo Villa Introduzione La determinazione e la rilevazione delle imposte, con le relative scritture contabili, rappresentano le ultime operazioni che vengono effettuate prima di poter considerare definitivamente completato il bilancio di esercizio. Ciò perché la determinazione delle imposte non può prescindere dalla preventiva completa rilevazione di tutti gli altri accadimenti aziendali, che trovano traduzione nelle scritture contabili e nelle scritture di rettifica. In pratica, partendo dal cosiddetto bilancio di verifica prodotto dalla contabilità, è necessario effettuare tutte le valutazioni e le determinazioni che si traducono in scritture contabili, derivanti dalla corretta applicazione dei principi di competenza, prudenza,... (ammortamenti, svalutazioni, accantonamenti, ratei e risconti,...) e, solo una volta definito questo bilancio ante imposte, che si chiude con l utile lordo, si potrà procedere alla determinazione delle imposte e quindi alla definizione di quei valori da indicare nel conto economico, nella parte finale dello stesso contrassegnata dal numero arabo 22, e nello stato patrimoniale per le connesse contropartite tra crediti tributari, debiti tributari e fondi imposte differite. La rilevazione delle imposte deve essere effettuata tenendo in considerazione sia le norme civilistiche (articoli 2423 e segg. c.c., punto 14 della nota integrativa ex art c.c.) sia le disposizioni più strettamente fiscali (TUIR D.P.R. 917/1986 e succ. mod.), ma anche il principio contabile OIC n. 25 ed il principio contabile internazionale IAS n Parte tributaria Prima di sviluppare compiutamente le problematiche contabili connesse alla rilevazione delle imposte, è necessario tuttavia effettuare una ricognizione della normativa tributaria applicabile alle società di capitali per mettere a fuoco quali siano le motivazioni che comportano la necessità di questo approfondimento. 1

2 I soggetti che redigono il bilancio di esercizio ed in particolar modo le società di capitali, sono soggetti passivi di due imposte dirette 1 : l IRES (acronimo di Imposta sul Reddito delle Società) e l IRAP (acronimo di Imposta Regionale sulle Attività Produttive). Tali imposte sono disciplinate rispettivamente dagli articoli 72 e seguenti del TUIR (Testo Unico delle Imposte sui Redditi, D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917) e dal D. Lgs. 15 dicembre 1997, n Si deve sottolineare che la normativa fiscale italiana mostra storicamente una notevole stratificazione di interventi normativi. E pertanto indispensabile sempre fare riferimento alla normativa applicabile nello specifico anno d imposta di cui si tratta. Il presente lavoro risulta aggiornato alla normativa applicabile per la determinazione del reddito dell esercizio L IRES Il presupposto per l assoggettamento all IRES da parte dei soggetti passivi 2 è il possesso di redditi in denaro o in natura. L imposta è commisurata al reddito complessivo netto con l aliquota del 27,5% (in vigore dall esercizio 2008). Il reddito complessivo netto si determina secondo le disposizioni dettate dagli articoli da 81 a 116 dello stesso TUIR. In particolare, l art. 83 del TUIR dispone che il reddito complessivo è determinato apportando all utile o alla perdita risultante dal conto economico le variazioni in aumento o in diminuzione conseguenti all applicazione dei criteri stabiliti dalle norme tributarie. Esaminando nel dettaglio tali disposizioni, si può immediatamente rilevare che, sia per quanto concerne i componenti positivi di reddito che per quanto concerne i componenti negativi, non vi sia coincidenza con le disposizioni dettate dal codice civile ai fini della redazione del bilancio di esercizio e 1 Le imposte sono generalmente classificate nelle due classi delle imposte dirette e delle imposte indirette. Le prime sono le imposte che trovano determinazione direttamente proporzionale al risultato dell attività economica, le seconde sono le imposte che incidono in occasione di una particolare operazione o negozio giuridico, assunto come presupposto d imposta in via autonoma, indipendentemente dal risultato dell attività economica del soggetto passivo. 2 L art. 73 del TUIR individua tra i soggetti passivi d imposta, tra gli altri, le società per azioni e in accomandita per azioni e le società a responsabilità limitata che sono i soggetti obbligati alla redazione del bilancio di esercizio in base al disposto degli articoli 2423 ss. del codice civile. 2

3 conseguentemente sia frequente la necessità di apportare al risultato contabile dell esercizio quelle variazioni di cui sopra. Le variazioni apportate all utile o alla perdita in applicazione dei criteri stabiliti dalle norme tributarie si possono distinguere tra variazioni permanenti e variazioni temporanee. Le variazioni permanenti sono costituite dalle differenze tra il risultato contabile prima delle imposte ed il reddito imponibile di un determinato esercizio. Tali differenze non verranno mai annullate nel corso degli esercizi successivi in quanto trattasi di costi non deducibili o da ricavi non imponibili. Le variazioni permanenti non comportano la necessità di correzioni contabili all importo dell IRES in quanto non determinano anticipazioni o differimenti di imposta. Le variazioni temporanee sono invece costituite dalle differenze tra il risultato contabile prima delle imposte ed il reddito imponibile di un determinato esercizio destinate ad essere riassorbite nel corso dei futuri esercizi. Anche in questo caso le differenze sono originate da costi non deducibili o da ricavi non imponibili, ma solamente nell esercizio in questione, non definitivamente. Altra considerazione particolarmente significativa e tipica dell IRES riguarda le perdite. Infatti, l art. 84 del TUIR dispone che la perdita di un periodo d imposta, determinata con le stesse norme valevoli per la determinazione del reddito, può essere computata in diminuzione del reddito dei periodi d imposta successivi, ma non oltre il quinto, per l intero importo che trova capienza nel reddito imponibile di ciascuno di essi e che le perdite realizzate nei primi tre periodi d imposta dalla data di costituzione possono essere computate in diminuzione del reddito complessivo dei periodi d imposta successivi senza alcun limite di tempo. Poiché la perdita realizzata in un esercizio condiziona il conteggio delle imposte di un diverso esercizio, vedremo in dettaglio che ciò potrà comportare la necessità di specifiche scritture di rettifica che neutralizzino tale sfasamento temporale. 1.3 L IRAP 3

4 Il presupposto per l assoggettamento all IRAP da parte dei soggetti passivi 3 è l esercizio abituale di una attività autonomamente organizzata diretta alla produzione o allo scambio di beni ovvero alla prestazione di servizi. L attività esercitata dalle società costituisce in ogni caso presupposto d imposta. L imposta è commisurata al valore della produzione netta derivante dall attività esercitata nel territorio della regione con l aliquota generalmente del 3,9% 4. Se l attività è svolta nel territorio di più regioni il valore della produzione complessivo deve essere oggetto di ripartizione tra le regioni in cui si presume sia stato prodotto, sulla base delle retribuzioni spettanti al personale impiegato nelle diverse regioni. L art. 5 del D.Lgs. 446/1997, nella sua nuova formulazione 5, dispone che la base imponibile per le società di capitali, eccetto le banche, le società ed enti finanziari e le imprese di assicurazione, è determinata dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell articolo 2425 del codice civile, con esclusione delle voci di cui ai numeri 9), 10) lettere c) e d), 12) e 13), così come risultanti dal conto economico dell esercizio. In pratica, è necessario sommare alla differenza tra valore e costi della produzione, rilevabile dopo gli oneri diversi di gestione (B14), i costi per il personale (B9), le altre svalutazioni delle immobilizzazioni (B10c), le svalutazioni dei crediti compresi nell attivo circolante e delle disponibilità liquide (B10d), gli accantonamenti per rischi (B12) e gli altri accantonamenti (B13). Tra i componenti negativi non si considerano comunque in deduzione: - le spese per il personale dipendente e assimilato classificate in voci diverse da B9; - le spese per prestazioni occasionali; - la quota interessi dei canoni di locazione finanziaria; - le perdite su crediti; - l ICI (Imposta Comunale sugli Immobili). Ciò comporta il fatto che, anche in sede di determinazione della base imponibile IRAP, sia necessario apportare delle variazioni che si possono distinguere in 3 L art. 3 del D.Lgs. 446/1997 individua tra i soggetti passivi d imposta, tra gli altri, le società per azioni e in accomandita per azioni e le società a responsabilità limitata che sono i soggetti obbligati alla redazione del bilancio di esercizio in base al disposto degli articoli 2423 ss. del codice civile. 4 La normativa IRAP non prevede in realtà un unica aliquota d imposta ma aliquote differenziate per regioni, settori e tipologie di attività, nonché per tipologie di soggetti passivi. 5 Tale disposizione trova applicazione per la prima volta nei bilanci chiusi al

5 permanenti e temporanee secondo i criteri in precedenza descritti a proposito delle modalità di determinazione della base imponibile IRES. Si deve tuttavia precisare che, in seguito alla riformulazione delle norme di riferimento, a partire dai bilanci dell esercizio chiuso al , le fattispecie che determinano variazioni temporanee sono estremamente limitate nel caso dell IRAP e nella maggior parte dei casi derivano dalla ultimazione dei processi di deduzione o di tassazione avviati in esercizi precedenti. 1.4 Provvedimenti anti-crisi Nel corso dell anno 2008 e dell anno 2009 il Governo ha varato alcuni provvedimenti anti-crisi, volti da un lato ad agevolare direttamente gli operatori economici (esenzione da capital gain delle plusvalenze reinvestite, diminuzione degli acconti d imposta, riscossione dell IVA per cassa, moratoria dei debiti, tremonti-ter, detassazione degli aumenti di capitale) e dall altro a favorire condizioni di sostegno all economia (bonus alle famiglie, limiti agli interessi passivi dei mutui, scudo fiscale). In considerazione di ciò, risulta particolarmente interessante analizzare i provvedimenti che influiscono sul conteggio delle imposte e che hanno una effettiva incidenza sulla determinazione della base imponibile e sulla rilevazione delle imposte dell esercizio. Tali provvedimenti sono: a) l agevolazione tremonti-ter; b) la detassazione degli aumenti di capitale. 1.4.a Agevolazione tremonti-ter L articolo 5 del d.l. 78/2009 ha disposto una detassazione per gli acquisti in nuovi macchinari e in nuove apparecchiature compresi della divisione 28 della tabella Ateco 6. Il 50% del valore di tali nuovi investimenti è escluso dall imposizione sul reddito (non ha riflessi ai fini dell IRAP). Per il calcolo dell agevolazione non è richiesto 6 La tabella Ateco, di cui al provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 16 novembre 2007, comprende tutti i codici attività con i quali sono classificate le aziende. La divisione 28 di riferisce alle attività di Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca. I dettagli si possono reperire sul sito dell Istat: 5

6 un confronto con l investimento medio dei periodi d imposta precedenti, come previsto nelle passate edizioni dell agevolazione. Gli investimenti, perché possano essere conteggiate ai fini dell agevolazione, devono essere fatti a partire dal 1 luglio 2009 e fino al 30 giugno I beni non possono essere ceduti a terzi o destinati a finalità estranee all esercizio d impresa prima del secondo periodo d imposta successivo all acquisto, a pena di decadenza dell agevolazione. Questo tipo di agevolazione di sostanzia in una variazione in diminuzione permanente, da apportare ai fini del conteggio della base imponibile, pari alla metà del valore degli investimenti validamente effettuati. Non comporta pertanto anticipazioni o differimenti d imposta. Tuttavia, poiché l agevolazione potrebbe determinare o aumentare la perdita fiscalmente riportabile agli esercizi successivi, sarà necessario valutare l eventuale rilevazione delle imposte anticipate sulla perdita fiscale b Detassazione degli aumenti di capitale Al fine di favorire processi di capitalizzazione delle imprese e, conseguentemente di migliorare l equilibrio finanziario delle stesse, è prevista la detassazione del 3%, per cinque anni, dell importo dei versamenti o conferimenti a titolo di aumento del capitale sociale, effettuati da persone fisiche nel periodo tra il 5 agosto 2009 ed il 5 febbraio L agevolazione compete per aumenti di capitale fino ad euro In pratica, l effettuazione di un operazione di aumento di capitale, nel periodo indicato, comporta la possibilità di imputare una variazione in diminuzione nella determinazione della base imponibile del periodo d imposta in cui è stata perfezionata l operazione e nei successivi quattro pari al 3% dell aumento. Per esempio, un aumento di capitale di euro comporterà una variazione in diminuzione di euro nel periodo d imposta e nei successivi quattro. In considerazione del fatto che l operazione di aumento di capitale viene effettuata in un esercizio e l agevolazione si esplica nello stesso esercizio e nei 7 Si rinvia al proposito al paragrafo specificamente dedicato all argomento. 6

7 successivi quattro è lecito domandarsi se l operazione comporta la rilevazione della fiscalità differita. In particolare, il vantaggio fiscale dell operazione, nel rispetto del principio di competenza, dovrebbe essere rilevato per intero nell esercizio in cui l operazione è posta in essere. Ciò comporterebbe la rilevazione nel primo esercizio del credito per imposte anticipate, pari al 27,5% (aliquota IRES) di euro (nell ipotesi esposta) moltiplicato per quattro. Nei successivi esercizi, a fronte della variazione in diminuzione di euro 3.000, si dovrebbe stornare il credito per imposte anticipate di un importo pari ad ¼ del totale rilevato Parte contabile Dal punto di vista contabile la determinazione e la rilevazione delle imposte deve sottostare al rispetto dei principi di redazione del bilancio quali la prudenza e la competenza. Questi principi impongono che nel bilancio d esercizio debbano essere rilevate le imposte effettivamente di competenza dello stesso e che pertanto debbano essere neutralizzati gli effetti sul risultato di bilancio delle imposte che, pur essendo di competenza dell esercizio in questione, saranno esigibili in esercizi futuri (imposte differite), e delle imposte che, pur essendo di competenza di esercizi futuri, sono esigibili nell esercizio in questione (imposte anticipate). L art. 83 del TUIR dispone che il reddito complessivo è determinato apportando all utile o alla perdita risultante dal conto economico le variazioni in aumento o in diminuzione conseguenti all applicazione dei criteri stabiliti dalle norme tributarie. Tali variazioni dipendono dall esistenza di differenze tra il valore attribuito ad una posta di bilancio secondo la normativa civilistica rispetto a quello attribuito alla stessa posta in base alla normativa tributaria. Le variazioni si distinguono in due categorie: 1. le variazioni permanenti. Costituite dalle differenze tra il risultato prima delle imposte (utile lordo) e la base imponibile fiscale di un dato esercizio. Le variazioni permanenti non saranno mai riassorbite nel corso 8 Nella successiva parte contabile sarà sviluppato un esempio numerico in dettaglio. Si precisa che parte della dottrina propende per considerare l agevolazione di competenza dei vari anni in cui sarà possibile imputare una variazione in diminuzione e non del solo anno in cui è stata posta in essere l operazione di aumento di capitale. Tale impostazione non è condivisa dall autore dei presenti appunti. 7

8 dei futuri esercizi. Esse sono rappresentate da costi non deducibili o da ricavi non imponibili, definitivamente, senza comportare correzioni contabili delle imposte dell esercizio; 2. le variazioni temporanee. Costituite dalle differenze tra il risultato prima delle imposte (utile lordo) e la base imponibile fiscale, destinate ad essere riassorbite nel corso di un futuro esercizio. Queste differenze possono essere positive, quanto il risultato prima delle imposte, considerate anche le variazioni permanenti, è superiore alla base imponibile, o negative, quando il risultato prima delle imposte, considerate anche le variazioni permanenti, è inferiore alla base imponibile. Le variazioni temporanee positive comportano differimenti d imposta che impongono la rilevazione delle imposte differite quali rettifiche delle imposte dell esercizio. Invece, le variazioni temporanee negative comportano l anticipazione di imposte che impongono la rilevazione di imposte anticipate quali rettifiche delle imposte dell esercizio. Le imposte anticipate, oltre che per i casi di variazioni di cui sopra, possono derivare anche dal riporto delle perdite fiscali ad esercizi diversi da quello di formazione, come in seguito sarà dettagliatamente trattato. In generale, le imposte differite non devono essere contabilizzate quando esistono poche possibilità che il debito sorga effettivamente e a maggior ragione, visto il criterio della prudenza le imposte anticipate devono essere contabilizzate solo se esiste la ragionevole certezza che saranno effettivamente recuperate nel corso degli esercizi successivi, per la presenza di redditi imponibili non inferiori all ammontare delle variazioni che saranno operate. La verifica delle condizioni indicate deve avvenire annualmente e ciò comporterà l eventuale storno di imposte differite o anticipate al venire meno dei presupposti che ne hanno giustificato la rilevazione, oppure l iscrizione delle stesse nell esercizio in cui i presupposti emergeranno. 2.2 I conti interessati dalla rilevazione delle imposte Considerando gli schemi di stato patrimoniale (art c.c.) e conto economico (art c.c.) che le società di capitali devono adottare per la 8

9 redazione del bilancio d esercizio, i conti interessati dalla rilevazione delle imposte sono i seguenti: Attivo - Dare CII4bis) Crediti - Crediti tributari CII4ter) Crediti - Imposte anticipate Passivo - Avere B2) Fondi per imposte, anche differite D12) Debiti tributari Conto Economico 22a) 9 Imposte correnti Dare 22b) Imposte differite Dare / Avere 22c) Imposte anticipate Avere / Dare Le possibili scritture contabili derivanti dalla rilevazione delle imposte sono le seguenti: 22b) Imposte differite B2) Fondi per imposte, anche differite CII4ter) Crediti -Imposte anticipate 22c) Imposte anticipate B2) Fondi per imposte, anche differite 22b) Imposte differite 22c) Imposte anticipate CII4ter) Imposte anticipate La prima scrittura si utilizza per rilevare le imposte correnti, la seconda per rilevare le imposte differite, la terza per rilevare le imposte anticipate, la quarta per stornare le imposte differite precedentemente accantonate ed infine la quinta per stornare le imposte anticipate precedentemente rilevate. 3.1 Casi pratici Di seguito sono sviluppati dei casi pratici, con particolare riferimento alle questioni di maggiore attualità. In generale, si precisa che la rilevazione delle imposte dell esercizio deve ovviamente essere effettuata applicando l aliquota d imposta in vigore per 9 In realtà la voce 22 del conto economico recita: Imposte sul reddito dell esercizio, correnti, differite e anticipate. Per completezza e maggior precisione risulta opportuno suddividere la voce 22 nelle sottovoci 22a), 22b) e 22c), come indicato. 9

10 quell esercizio. Invece, le imposte differite ed anticipate dovranno essere rilevate utilizzando l aliquota presumibilmente in vigore al momento in cui le stesse si riverseranno. In caso di variazione d aliquota (avvenuta recentemente dato che per l esercizio 2007 le aliquote IRES ed IRAP erano rispettivamente il 33% ed il 4,25%, mentre per l esercizio 2008 le aliquote sono divenute rispettivamente il 27,5% ed il 3,9%) occorre apportare adeguati aggiustamenti a quanto rilevato precedentemente. Infine, poiché le variazioni su cui calcolare le imposte differite ed anticipate non coincidono ai fini della determinazione dell imponibile IRES e dell imponibile IRAP, occorrerà sempre determinare in modo analitico e separato le imposte differite ed anticipate per l una e per l altra imposta. Data la diversa normativa IRES e Irap, la rilevazione delle imposte anticipate e differite viene fatta separatamente per le due imposte. Negli esempi che seguono per semplicità la fiscalità IRES è determinata utilizzando un aliquota arrotondata del 30%, per illustrare con maggior immediatezza l impatto del calcolo sul risultato d esercizio. 3.2 Variazioni temporanee che originano imposte differite Plusvalenze patrimoniali Le plusvalenze concorrono a formare il reddito per l'intero ammontare nell'esercizio in cui sono state realizzate ovvero, se i beni sono stati posseduti per un periodo non inferiore a 3 anni, a scelta del contribuente, in quote costanti nell'esercizio stesso e nei successivi, ma non oltre il 4. Ipotizzando di utilizzare il maggior tempo concesso per tassare la plusvalenza, è necessario rilevare la variazione in diminuzione temporanea pari all ammontare della plusvalenza che viene suddivisa ai fini della tassazione in cinque esercizi ed imputare per ciascuno degli esercizi coinvolti un quinto della plusvalenza. Tuttavia, poiché le imposte sulla plusvalenza sono di competenza dell esercizio in cui è stata realizzata la plusvalenza, è necessario rilevare in tale esercizio anche l importo delle imposte differite, pari all aliquota d imposta moltiplicata per la parte della plusvalenza che non trova tassazione nell esercizio, ma che viene riportata nei successivi quattro esercizi. 10

11 Successivamente, in ciascuno dei quattro esercizi successivi, sarà necessario stornare un quarto delle imposte differite accantonate, al fine di rettificare le imposte correnti. Di seguito si propone un esempio numerico. Ipotizzando di tassare in 5 anni una plusvalenza di euro , dato un utile lordo di euro nell esercizio X, è necessario effettuare una variazione in diminuzione di euro per determinare la base imponibile che pertanto sarà di euro Il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in diminuzione euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte differite euro dare (30% di 8.000) Pertanto l utile netto sarà pari a: Utile lordo euro Imposte totali euro Utile netto euro avere Le imposte differite devono invece essere rilevate utilizzando la seconda delle scritture 22b) Imposte differite B2) Fondi per imposte, anche differite Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X ammonterà ad euro 3.600, mentre il fondo imposte differite avrà un saldo di euro Si sottolinea che le imposte per le quali deve essere effettuato il pagamento sono sempre e solo quelle correnti. Le imposte di competenza dell esercizio X sono rappresentate dalla somma delle imposte correnti e delle imposte differite. Quindi euro

12 Nell esercizio X+1 bisognerà assoggettare a tassazione il secondo quinto delle quote di plusvalenza rinviata. Ipotizzando un utile lordo di euro , sarà necessario imputare una variazione in aumento di euro Il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in aumento euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte differite euro 600 avere (30% di 2.000) Quindi: Utile netto euro avere Lo storno delle imposte differite deve invece essere rilevato utilizzando la quarta delle scritture B2) Fondi per imposte, anche differite 22b) Imposte differite Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X+1 ammonterà ad euro 3.600, mentre il fondo imposte differite avrà un saldo di euro Le imposte di competenza dell esercizio X+1 sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte differite. Quindi euro Negli esercizi successivi X+2, X+3 e X+4 saranno imputate le variazioni in aumento connesse rispettivamente alla terza, quarta e quinta parte della plusvalenza rinviata. In ognuno di questi esercizi dovrà essere stornato un importo di euro 600 dal fondo imposte differite. Pertanto, il saldo del fondo sarà rispettivamente 1.200, 600 e 0 al termine del periodo di tassazione della plusvalenza Deduzione dello 0,5% dei crediti commerciali 12

13 La normativa fiscale consente di dedurre a titolo di svalutazione crediti un importo pari allo 0,5% dell ammontare dei crediti commerciali, finché l importo complessivo delle svalutazioni operate non raggiunge il 5% dell ammontare dei crediti commerciali. Se in seguito, per effetto della diminuzione dei crediti commerciali, la svalutazione operata dovesse rilevarsi eccessiva rispetto al limite del 5% indicato, sarà necessario effettuare una variazione in aumento ed assoggettare a tassazione tale eccedenza. Pertanto, a prescindere da ogni valutazione rispetto al valore di presumibile realizzo dei crediti è possibile effettuare questa svalutazione a soli fini fiscali inserendo la relativa variazione in diminuzione nel conteggio della base imponibile. Ipotizzando un utile lordo di euro nell esercizio X e un totale dei crediti commerciali di euro , sarà possibile effettuare una variazione in diminuzione di euro (pari allo 0,5% di ) e prudentemente rilevare le connesse imposte differite. Il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in diminuzione euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di 5.000) Imposte differite euro dare (30% di 5.000) Utile netto euro avere Le imposte differite devono invece essere rilevate utilizzando la seconda delle scritture 22b) Imposte differite B2) Fondi per imposte, anche differite Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X ammonterà ad euro 1.500, mentre il fondo imposte differite avrà un saldo di euro

14 Si sottolinea che le imposte per le quali deve essere effettuato il pagamento sono sempre e solo quelle correnti. Le imposte di competenza dell esercizio X sono rappresentate dalla somma delle imposte correnti e delle imposte differite. Quindi euro Se in un futuro esercizio sarà necessario effettuare la variazione in aumento per assoggettare a tassazione l eccesso di svalutazione, dovrà essere rilevata la connessa scrittura di storno del fondo imposte differite, che corrisponderà al 30% della variazione in aumento operata. Si utilizzerà la quarta delle scritture B2) Fondi per imposte, anche differite 22b) Imposte differite 3.3 Differenze temporanee che originano imposte anticipate Compensi agli amministratori I compensi che l assemblea della società ha deliberato a favore dell organo amministrativo devono essere contabilizzati per competenza nell esercizio cui si riferiscono a prescindere dal momento di effettiva corresponsione. La normativa fiscale prevede invece che tali compensi siano deducibili solo nell esercizio di effettiva corresponsione. Accade pertanto che, qualora i compensi siano stati deliberati ma non pagati, sia necessario operare una variazione in aumento pari all importo non pagato e che successivamente, nell esercizio in cui sarà effettuato il pagamento, sia necessario operare una variazione in diminuzione pari all importo pagato. Ipotizzando che l utile lordo dell esercizio X ammonti ad euro e che siano stati contabilizzati compensi per gli amministratori per euro non corrisposti nell esercizio, sarà necessario effettuare una variazione in aumento di Il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in aumento euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) 14

15 Imposte anticipate euro avere (30% di ) Utile netto euro avere Le imposte anticipate devono invece essere rilevate utilizzando la terza delle scritture CII4ter) Imposte anticipate 22c) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X ammonterà ad euro 6.000, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro Si sottolinea che le imposte per le quali deve essere effettuato il pagamento sono sempre e solo quelle correnti. Le imposte di competenza dell esercizio X sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Nell esercizio in cui sarà effettuato il pagamento del compenso agli amministratori sarà necessario effettuare una variazione in diminuzione pari all importo del compenso corrisposto e conseguentemente rilevare lo storno delle imposte anticipate con la quinta delle scritture contabili indicate nel paragrafo 2.2: 22c) Imposte anticipate CII4ter) Imposte anticipate Ammortamenti Come è noto le immobilizzazioni immateriali e materiali devono essere ammortizzate sistematicamente in relazione al tempo in cui esplicano la loro utilità per l azienda. Gli amministratori, nel rispetto di quanto disposto dal codice civile e dai principi contabili, possono definire i piani di ammortamento dei cespiti. Tuttavia, la normativa fiscale prevede dei limiti rispetto alle aliquote d ammortamento utilizzabili. 15

16 Capita frequentemente che le aliquote scelte dagli amministratori siano più elevate rispetto a quelle fiscalmente ammesse ed è conseguentemente necessario effettuare le variazioni in aumento per la parte di ammortamento che eccede il limite fiscale. Al termine del periodo di ammortamento civilistico residuerà una parte di ammortamento fiscale ancora disponibile che comporterà le relative variazioni in diminuzione. Ipotizzando che nell esercizio X venga acquistata una macchina elettronica del valore di euro che gli amministratori ritengono di ammortizzare in tre anni e che la normativa fiscale permette di ammortizzare in 5 anni, sarà necessario effettuare una variazione in aumento di euro 4.000, pari alla differenza tra l ammortamento imputato in bilancio di euro ( diviso 3) e quello fiscalmente ammesso di euro ( diviso 5). A fronte di un utile lordo di , sarà necessario comportarsi come nell esempio che segue. Il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in aumento euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro avere (30% di 4.000) Utile netto euro avere Le imposte anticipate devono invece essere rilevate utilizzando la terza delle scritture CII4ter) Imposte anticipate 22c) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X ammonterà ad euro 4.200, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro

17 Si sottolinea che le imposte per le quali deve essere effettuato il pagamento sono sempre e solo quelle correnti. Le imposte di competenza dell esercizio X sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Nell esercizio successivo X+1 sarà imputata la seconda quota di ammortamento civilistico del cespite e la connessa variazione in aumento ai fini fiscali. Ipotizzando un utile lordo di euro , il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in aumento euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro avere (30% di 4.000) Utile netto euro avere Le imposte anticipate devono invece essere rilevate utilizzando la terza delle scritture CII4ter) Imposte anticipate 22c) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X+1 ammonterà ad euro 5.700, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro ( ). Le imposte di competenza dell esercizio X+1 sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Nell esercizio successivo X+2 sarà imputata la terza ed ultima quota di ammortamento civilistico del cespite e la connessa variazione in aumento ai fini fiscali. Ipotizzando un utile lordo di euro , il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in aumento euro

18 Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro avere (30% di 4.000) Utile netto euro avere Le imposte anticipate devono invece essere rilevate utilizzando la terza delle scritture CII4ter) Imposte anticipate 22c) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X+2 ammonterà ad euro 7.200, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro ( ). Le imposte di competenza dell esercizio X+2 sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Nel successivo esercizio X+3 non vi saranno più ammortamenti civilistici del cespite ma sarà possibile effettuare fiscalmente l ammortamento per l importo di euro 6.000, con la relativa variazione in diminuzione. Ipotizzando un utile lordo di euro , il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in diminuzione euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di 4.000) Imposte anticipate euro dare (30% di 6.000) Utile netto euro avere 22 ) Imposte correnti D12) Debiti tributari Lo storno delle imposte anticipate deve invece essere rilevato utilizzando la quinta delle scritture 18

19 22c) Imposte anticipate CII4ter) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X+3 ammonterà ad euro 1.200, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro ( ). Le imposte di competenza dell esercizio X+3 sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Nell esercizio X+4 non vi saranno più ammortamenti civilistici del cespite ma sarà possibile effettuare fiscalmente l ammortamento dell ultima quota di euro 6.000, con la relativa variazione in diminuzione. Ipotizzando un utile lordo di euro , il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in diminuzione euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro dare (30% di 6.000) Quindi: Utile netto euro avere Lo storno delle imposte anticipate deve invece essere rilevato utilizzando la quinta delle scritture 22c) Imposte anticipate CII4ter) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X+4 ammonterà ad euro 3.000, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro 0 ( ). Le imposte di competenza dell esercizio X+4 sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Lo stesso tipo di conteggi qui riportati dovrà essere fatto anche nel caso dell ammortamento dell avviamento e dei marchi che civilisticamente vengono ammortizzati in 5 anni e per i quali la normativa fiscale prevede un periodo di 19

20 ammortamento di 18 anni. Sarà evidentemente diverso il numero di esercizi in cui dovranno essere rilevati i crediti per le anticipazioni d imposta 5 anni e i relativi storni, per i successivi 13 anni Riporto delle perdite fiscali Come in precedenza accennato anche le perdite fiscali possono comportare la rilevazione di imposte anticipate. Ciò dipende dalle disposizioni che consentono il riporto delle perdite fiscali per 5 esercizi e l utilizzo delle stesse per ridurre la base imponibile di un esercizio successivo alla loro formazione. In pratica, è come se la base imponibile negativa di un esercizio possa essere utilizzata per compensare la base imponibile positiva di un futuro esercizio. Affinché possa essere rilevato il credito per imposte anticipate in questo caso è necessario valutare attentamente l effettiva possibilità di utilizzo della perdita fiscale che è connessa alla ragionevole previsione di avere risultati positivi entro 5 esercizi. Nell esercizio in cui c è la perdita fiscale bisognerà quindi rilevare l anticipazione di imposta pari al 30% della stessa. Ipotizzando una perdita di euro , si rileverà un imposta anticipata di euro e il risultato netto sarà di una perdita di euro Nell esercizio in cui sarà possibile utilizzare in compensazione la perdita, ipotizzando un utile lordo di euro , il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Perdita di esercizi precedenti euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro dare (30% di ) Utile netto euro avere Spese di manutenzione Le spese di manutenzione possono essere dedotte fiscalmente nell esercizio in cui sono state sostenute fino all importo limite del 5% del costo complessivo di tutti i cespiti ammortizzabili. La parte eccedente tale importo sarà deducibile in quote costanti nei successivi 5 esercizi. 20

21 Pertanto, qualora le spese di manutenzione eccedano il limite indicato sarà necessario effettuare una variazione in aumento corrispondente all importo non deducibile nell anno. In ognuno dei successivi 5 esercizi sarà invece da effettuare una variazione in diminuzione pari ad un quinto della variazione in aumento. Ipotizzando un costo complessivo dei cespiti ammortizzabili di euro , limite sarà di euro Se nell esercizio X a fronte di un utile lordo di euro sono state sostenute spese di manutenzione per euro , sarà necessario effettuare una variazione in aumento di euro ( ), rilevando il corrispondente importo di imposte anticipate. Nei successivi 5 esercizi si effettueranno delle variazioni in diminuzione di euro per ogni esercizio con i corrispondenti storni delle imposte anticipate. Il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in aumento euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro avere (30% di 5.000) Utile netto euro avere Le imposte anticipate devono invece essere rilevate utilizzando la terza delle scritture CII4ter) Imposte anticipate 22c) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X ammonterà ad euro 6.000, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro Si sottolinea che le imposte per le quali deve essere effettuato il pagamento sono sempre e solo quelle correnti. 21

22 Le imposte di competenza dell esercizio X sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Nell esercizio successivo X+1 verrà effettuata la prima variazione in diminuzione di euro Ipotizzando un utile lordo di euro il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in diminuzione euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro 300 dare (30% di 1.000) Utile netto euro avere Lo storno delle imposte anticipate deve invece essere rilevato utilizzando la quinta delle scritture 22c) Imposte anticipate CII4ter) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X+1 ammonterà ad euro 3.000, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro ( ). Le imposte di competenza dell esercizio X+1 sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Nell esercizio successivo X+2 verrà effettuata la seconda variazione in diminuzione di euro ed il corrispondente storno di euro 300 delle imposte anticipate. Pertanto, il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro 900 ( ). La stessa cosa accadrà nei successivi esercizi X+3, X+4 e X+5 ed il credito per imposte anticipate avrà rispettivamente e seguenti saldi: 600, 300 e Detassazione degli aumenti di capitale Come in precedenza esposto, un aumento di capitale a pagamento di euro , effettuato nel periodo previsto dalla normativa, comporterà una 22

23 agevolazione corrispondente al 3% dell aumento di capitale per 5 anni. Il valore complessivo dell agevolazione è di euro , suddiviso tra l esercizio in cui è stata posta in essere l operazione e nei successivi 4. In pratica, verrà effettuata una variazione in diminuzione di euro nel periodo X e dello stesso importo nei successivi quattro. Poiché i benefici dell operazione sono di competenza dell esercizio X sarà necessario rilevare per intero il credito per imposte anticipate in tale esercizio e stornare nei successivi 4 la parte di tale credito connessa alla variazione in diminuzione che sarà possibile imputare nel conteggio della base imponibile di tali esercizi. Ipotizzando un utile lordo di euro nell esercizio X, il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione diminuzione euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro avere (30% di ) Utile netto euro avere Le imposte anticipate devono invece essere rilevate utilizzando la terza delle scritture CII4ter) Imposte anticipate 22c) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X ammonterà ad euro 5.100, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro Si sottolinea che le imposte per le quali deve essere effettuato il pagamento sono sempre e solo quelle correnti. Le imposte di competenza dell esercizio X sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro In pratica, è come se si anticipasse nell esercizio X l intera agevolazione di euro

24 Nell esercizio successivo X+1 verrà effettuata la prima variazione in diminuzione di euro Ipotizzando un utile lordo di euro il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in diminuzione euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro 900 dare (30% di 3.000) Utile netto euro avere Lo storno delle imposte anticipate deve invece essere rilevato utilizzando la quinta delle scritture 22c) Imposte anticipate CII4ter) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X+1 ammonterà ad euro 3.600, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro ( ). Le imposte di competenza dell esercizio X+1 sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro Nell esercizio successivo X+2 verrà effettuata la seconda variazione in diminuzione di euro ed il corrispondente storno di euro 900 delle imposte anticipate. Pertanto, il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro ( ). La stessa cosa accadrà nei successivi esercizi X+3 e X+4 ed il credito per imposte anticipate avrà rispettivamente i seguenti saldi: 900 e Rettifiche di valore ed accantonamenti Anche per rettifiche di valore ed accantonamenti occorre verificare che il valore iscritto nel conto economico non ecceda l importo deducibile come stabilito dal TUIR. 24

25 I casi principali riguardano le svalutazioni dei crediti e gli accantonamenti non deducibili. In entrambi i casi la norma fiscale prevede la deducibilità solo nel momento in cui si ha la certezza della perdita. Se invece l amministratore di una società, applicando il principio di prudenza ed il criterio di valore di realizzo effettua una svalutazione (o un accantonamento) l importo non sarà deducibile fiscalmente nell esercizio, ma lo diverrà quando la perdita sarà diventata certa ed oggettivamente determinabile. Ipotizzando che l utile lordo dell esercizio X ammonti ad euro e che siano stati contabilizzati accantonamenti per euro , sarà necessario effettuare una variazione in aumento di Il conteggio sarà: Utile lordo euro avere Variazione in aumento euro Base imponibile euro Imposte correnti euro dare (30% di ) Imposte anticipate euro avere (30% di ) Utile netto euro avere Le imposte anticipate devono invece essere rilevate utilizzando la terza delle scritture CII4ter) Imposte anticipate 22c) Imposte anticipate Pertanto, il debito per imposte dell esercizio X ammonterà ad euro 6.000, mentre il credito per imposte anticipate avrà un saldo di euro Si sottolinea che le imposte per le quali deve essere effettuato il pagamento sono sempre e solo quelle correnti. Le imposte di competenza dell esercizio X sono rappresentate dalla somma algebrica delle imposte correnti e delle imposte anticipate. Quindi euro

26 Nell esercizio in cui sarà certo e determinabile il costo per cui è stato effettuato l accantonamento sarà necessario effettuare una variazione in diminuzione pari all importo di quanto in precedenza assoggettato a tassazione e rilevare lo storno delle imposte anticipate con la quinta delle scritture contabili indicate nel paragrafo 2.2: 22c) Imposte anticipate CII4ter) Imposte anticipate Poste in valuta I principi contabili stabiliscono un obbligo di adeguamento degli elementi monetari secondo il tasso di cambio dell ultimo giorno dell esercizio. Come precisato dall Oic, rientrano nel concetto di attività e passività in valuta, per le quali vige l obbligo di adeguamento, quelle riferite a importi da pagare o incassare o comunque commisurate a futuri flussi finanziari in valuta, con esclusione in ogni caso delle immobilizzazioni finanziarie (che sono da valutare al cambio del 31.12). Si tratta, in genere, di tutti i crediti monetari e di tutti i debiti, sia a breve sia a lungo termine. Gli utili e le perdite su cambi da conversione sono da imputare al Conto Economico, influenzando il risultato civilistico, ma non hanno alcuna rilevanza fiscale. Conseguentemente, vi è la necessità di mantenere evidenza di tali valori, in quanto implicano riprese in aumento o in diminuzione, con l iscrizione anche delle relative imposte anticipate o differite Interessi passivi Dal 2008 sono cambiate le regole per la deducibilità degli oneri finanziari. Gli interessi passivi e gli oneri assimilati, diversi da quelli capitalizzati nel costo dei beni, sono deducibili in ciascun periodo d imposta fino a concorrenza degli interessi attivi e proventi assimilati. L eccedenza è deducibile nel limite del 30% del risultato operativo lordo della gestione caratteristica, al netto di ammortamenti e canoni di leasing. Le nuove disposizioni prevedono per l anno 2008 una franchigia pari ad euro e per l anno 2009 una franchigia pari ad euro

27 A partire dal 2010 la quota di risultato operativo lordo, non utilizzata per la deduzione degli interessi passivi di competenza, può essere portata ad incremento del risultato operativo lordo dei successivi periodi d imposta. Gli interessi passivi indeducibili in un determinato periodo d imposta sono dedotti dal reddito dei successivi periodi se e nei limiti in cui in tali periodi l importo degli interessi passivi di competenza sia inferiore al 30% del risultato operativo lordo dell anno. Ciò potrà comportare la rilevazione delle imposte anticipate connesse alla variazione in aumento effettuata in un esercizio che si tramuterà in variazione in diminuzione in un esercizio successivo ed il conseguente storno delle imposte anticipate. Tuttavia, in ossequio a quanto precedentemente precisato circa il rispetto del principio di prudenza, in questo particolare caso dovrà essere attentamente valutata la ragionevole recuperabilità nel futuro della parte di interessi non deducibile. Pertanto, la rilevazione di imposte anticipate dovrà essere effettuata quando: - si ritenga di poter recuperare la variazione in diminuzione per la presenza di un reddito imponibili positivo (condizione generalmente applicabile); - si ritenga che in futuri esercizi emerga una eccedenza di ROL che consenta la deduzione degli interessi passivi di precedenti esercizi. 4.1 Conclusioni A completamento del lavoro si riporta il fac-simile dei quadri RF, RS ed RN del modello Unico SC ed il modello IRAP 2011 (sul sito dell Agenzia delle Entrate sono presenti i modelli e le relative istruzioni). Bibliografia essenziale: - Codice Civile e leggi collegate con appendice di diritto tributario, a cura di G. De Nova e F Tesauro, Zanichelli; - Fiscale 2010 Memento pratico, AA.VV., IPSOA-Francis Lefebvre; - Società e bilancio, a cura di B. Frizzera, Il Sole 24 Ore; - Guida alla contabilità e bilancio,a cura di B. Frizzera, Il Sole 24 Ore; - OIC - Principio contabile n. 25 Il trattamento contabile delle imposte sul reddito ; - IAS n. 12 Imposte sul reddito. 27

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES

Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 IMPOSTE DIRETTE SOCIETÀ DI CAPITALI IRES Imposta proporzionale sui redditi complessivi delle società. Risultato di bilancio

Dettagli

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER INFORMATIVA N. 134 06 MAGGIO 2015 BILANCIO LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER Art. 18, DL n. 91/2014 Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E Principi contabili OIC 16 e 25 Informativa

Dettagli

Le imposte nell informativa di bilancio

Le imposte nell informativa di bilancio Le imposte nell informativa di bilancio 1 Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Presupposto soggettivo/oggettivo

Presupposto soggettivo/oggettivo IRAP Principi generali Irap: acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. È un'imposta reale che colpisce la ricchezza in quanto tale, senza tener conto delle condizioni personali del contribuente

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio siano imputati in bilancio al netto di eventuali

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 43 27.11.2013 Svalutazioni immobilizzazioni e deducibilità interessi passivi Deducibilità degli interessi passivi ridotta Categoria: Bilancio e contabilità

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

Esempio di determinazione delle imposte correnti

Esempio di determinazione delle imposte correnti Esempio di determinazione delle imposte correnti La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio X presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere ( ) Rimanenze iniziali di merci 55.000

Dettagli

ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3

ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3 ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 3 OGGETTO: Le imposte sul reddito nel bilancio di esercizio e le connesse scritture contabili - Introduzione La presente nota operativa ha lo scopo di evidenziare la normativa

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 15 14.05.2014 La svalutazione dei crediti Disciplina fiscale ed esempi di compilazione del modello Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale della svalutazione civilistica di beni materiali

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

NOTA OPERATIVA N.12 /2015

NOTA OPERATIVA N.12 /2015 NOTA OPERATIVA N.12 /2015 OGGETTO: Le spese di manutenzione. - Introduzione Con la presente nota operativa si affronterà il tema delle spese di manutenzione e del loro corretto trattamento contabile. Saranno

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 30.05.2014 I canoni di leasing in Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico-Società di capitali Con specifico riferimento

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 9 IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO

ESERCITAZIONE N. 9 IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO IMPOSTE D ESERCIZIO Le imposte rappresentano una quota del reddito di esercizio da erogare allo Stato. Le differenti normative civile e fiscale, considerano diversamente alcuni componenti di reddito (positivi

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE Il codice civile si prefigge la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della società con chiarezza ed in modo veritiero e corretto mentre

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA Compravendita con obbligo di retrocessione Il lavoro interinale Operazioni di retrolocazione (Lease Back) 1 FISCALITA DIFFERITA

Dettagli

QUADRO RS - Prospetti vari

QUADRO RS - Prospetti vari QUADRO - Prospetti vari Il presente quadro rappresenta un completamento del quadro RF; esso raggruppa, infatti, una serie di prospetti che risultano complementari ai dati relativi al reddito in esso indicati.

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013

BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013 A cura di Celeste Vivenzi BILANCIO 2014: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO relativo al periodo 2013 Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI

INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI INQUADRAMENTO FISCALE DEI CONFIDI Milano 12 marzo 2013 Fedart Relatore: Dott. Ferruccio Dal Lin Determinazione Base Imponibile Trattamento delle ritenute sui frutti di capitale Ace Altre considerazioni

Dettagli

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009

Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Corso di Tecnica Professionale A.A. 2008 / 2009 Il conferimento Disciplina fiscale ed opzioni contabili 1 Nell ambito dell imposizione diretta, il regime fiscale cui è soggetta l operazione di conferimento

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli

La determinazione degli interessi passivi dal reddito di impresa e la compilazione in Unico

La determinazione degli interessi passivi dal reddito di impresa e la compilazione in Unico Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La determinazione degli interessi passivi dal reddito di impresa e la compilazione in Unico Premessa L articolo 96, co.1, primo periodo, del

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati Alla data odierna i bilanci approvati nei 120 giorni, entro cioè il 30 aprile, risulteranno essere tutti depositati. Per le società

Dettagli

Imposte differire: le voci da controllare

Imposte differire: le voci da controllare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 125 29.04.2014 Imposte differire: le voci da controllare Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Ai fini della rilevazione in

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Studio E. GUARDUCCI - C. LORENZINI & ASSOCIATI dottori commercialisti

Studio E. GUARDUCCI - C. LORENZINI & ASSOCIATI dottori commercialisti Dott. Enrico Guarducci Dott. Domenico Ciafardoni Dott. Salvatore Marchese Ai Preg.mi Signori Clienti Loro Sedi Perugia, 23.03.2010 Approfondimento n. 1/2010 RISERVATO ALLE SOCIETA DI CAPITALI E DI PERSONE

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI.

CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI. CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI. L operazione risulta soggetta all'imposta di registro. Imposta di registro è differenziata a seconda della

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 novembre 2011 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti La presente circolare intende fornire alcuni chiarimenti in ordine

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Immobili strumentali da reddito in leasing e Ias 40 Problematiche contabili, fiscali e di prima applicazione

Immobili strumentali da reddito in leasing e Ias 40 Problematiche contabili, fiscali e di prima applicazione Il Sole 24 ORE Immobili civili e strumentali in leasing Immobili strumentali da reddito in leasing e Ias 40 Problematiche contabili, fiscali e di prima applicazione Giuseppe Rebecca, Studio Rebecca & Associati

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006

ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006 ESAME DI STATO DI DOTTORE COMMERCIALISTA PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA DEL 29 GIUGNO 2006 1) La società a responsabilità limitata Y chiude l esercizio al 31/12/2005 con la seguente situazione

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 05 DEL 02/02/2016 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: MAXI-AMMORTAMENTI PER I BENI STRUMENTALI NUOVI ACQUISTATI NEL PERIODO 15.10.2015-31.12.2016 PAG. 2 IN SINTESI:

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie III FINANZIARIE 1) Partecipazioni in: - imprese controllate - imprese collegate - imprese controllanti

Dettagli

LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986

LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986 COMMISSIONE IMPOSTE DIRETTE LIMITI ALLA DEDUCIBILITA DEGLI INTERESSI PASSIVI ART. 96 DEL DPR 917-1986 a cura di Stefano Coleti, Anna Gallo, Biagio Lanzillotti, Luigi Migliore, Annamaria Simonetti 1. RIFERIMENTI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 26/E. Quesito RISOLUZIONE N. 26/E Roma, 07 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Assegnazione azioni proprie a titolo di dividendo Articolo 94, comma

Dettagli

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi:

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi: Relazione tra Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi Risultato ante imposte reddito imponibile Si pongono diversi problemi: Che relazione esiste tra bilancio d esercizio e dichiarazione dei redditi?

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2

1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2 1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2 Introduzione...2 Nuova struttura del menù dei cespiti...4 Conversione archivi...5 Aggiornamento anagrafiche...6 Anagrafica cespiti...8 Calcolo degli ammortamenti...

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2013

NOTA OPERATIVA N. 8/2013 NOTA OPERATIVA N. 8/2013 OGGETTO: La correzione degli errori contabili - Introduzione Malgrado l ausilio di sistemi informatici sempre più avanzati e l affinamento della tecnica professionale rimane quasi

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012

Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012 Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012 Nel modello Unico Società di Capitali 2012 devono essere indicati i dati relativi al calcolo degli

Dettagli

Contabilità e bilancio

Contabilità e bilancio Contabilità e bilancio di Paolo Montinari IMPORTANTE PDF Il volume è disponibile anche in versione pdf Le istruzioni per scaricare il file sono a pag. 493 N.B.: Nelle versioni elettroniche del volume tutti

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli