VOLUNTARY DISCLOSURE & RAVVEDIMENTO OPEROSO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VOLUNTARY DISCLOSURE & RAVVEDIMENTO OPEROSO"

Transcript

1 1 VOLUNTARY DISCLOSURE & RAVVEDIMENTO OPEROSO Aspetti procedurali e operatività pratica N.B.: l'impostazione del materiale è stata attuata per costituire «dispensa» dell'incontro di studio e non come supporto di mera proiezione. In ogni caso, si pone in evidenza che l'elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali errori e/o inesattezze. Relazione di Giancarlo Modolo

2 2 OBBLIGO DI MONITORAGGIO FISCALE Gli investimenti sono beni patrimoniali collocati all estero suscettibili di produrre reddito imponibile in Italia, i quali devono sempre risultare indicate nel quadro RW indipendentemente dall effettiva produzione di redditi imponibili nel periodo d imposta. A titolo esemplificativo, devono essere indicati: gli immobili situati all estero o i diritti reali (usufrutto o nuda proprietà); le quote di immobili situati all estero o i diritti reali immobiliari (comproprietà o multiproprietà); gli oggetti preziosi e le opere d arte che si trovano fuori del territorio dello Stato; le imbarcazioni o le navi da diporto o altri beni mobili detenuti e/o iscritti nei pubblici registri esteri, nonché quelli che pur non essendo iscritti nei predetti registri avrebbero i requisiti per essere iscritti in Italia. N.B.: le attività patrimoniali detenute all estero devono essere indicate nel quadro RW anche se immesse in cassette di sicurezza.

3 3 OBBLIGO DI MONITORAGGIO FISCALE Devono costituire oggetto di monitoraggio fiscale anche le attività patrimoniali detenute per il tramite di soggetti localizzati in Paesi diversi da quelli collaborativi nonché in entità giuridiche italiane o estere, diverse dalle società, se il contribuente risulta essere titolare effettivo. Attenzione > si devono considerare, ai fini del monitoraggio, come detenuti all estero anche i beni immobili che sono ubicati in Italia, ma che sono posseduti per il tramite: fiduciarie estere; o: di un soggetto interposto residente all estero. N.B.: poiché il quadro RW riguarda la rilevazione delle attività finanziarie e investimenti all estero detenuti nel periodo d imposta, è necessario compilarlo anche se l investimento non è più posseduto al termine del periodo d imposta (ad es.: una unità immobiliare che è stata venduta nel corso dell anno).

4 4 TITOLARI EFFETTIVI DI INVESTIMENTI ESTERI 1 di 4 quadro RW > sia possessori formali di investimenti, sia coloro che, pur non possessori diretti, ma soggetti collegati, sono valutati come titolari effettivi (art. 4 DL 167/90). TELEFISCO2015 > I soggetti collegati si possono identificare in tutti quei soggetti che: hanno una posizione rilevante ai fini della normativa sul monitoraggio fiscale rispetto alle attività finanziarie e patrimoniali oggetto di emersione; ovvero: coloro i quali presentano un collegamento con il reddito sottratto ad imposizione evidenziato. Al ricorrere delle condizioni previste dalle disposizioni in materia di collaborazione volontaria, ciascun richiedente può presentare l istanza di adesione alla procedura, per la propria posizione. Il richiedente, quindi, agisce autonomamente e potrebbe non essere a conoscenza dell avvio della medesima procedura da parte di soggetti collegati per la medesima violazione.

5 5 TITOLARI EFFETTIVI DI INVESTIMENTI ESTERI 2 di 4 quadro RW > sia possessori formali di investimenti, sia coloro che, pur non possessori diretti, ma soggetti collegati, sono valutati come titolari effettivi (art. 4 DL 167/90). I soggetti collegati da indicare nel modello, pertanto, sono necessariamente soggetti terzi rispetto alla procedura attivata dal singolo contribuente. Assunta l autonomia delle singole procedure, nell istanza presentata da un certo richiedente devono essere indicati: i collegati alle attività finanziarie o patrimoniali estere oggetto di emersione; o: i soggetti che, pur non presentando collegamenti con le attività estere, presentano collegamenti con il richiedente in relazione ai redditi che formano oggetto di emersione. Esempio > caso dei soci o associati se il richiedente è una società di persone o altro soggetto trasparente, per natura o per opzione, che aderisce alla procedura nazionale.

6 6 TITOLARI EFFETTIVI DI INVESTIMENTI ESTERI 3 di 4 La procedura per la regolarizzazione degli investimenti illecitamente detenuti all estero riguarda i soggetti residenti tenuti alla compilazione del modulo RW sono le persone fisiche e i soggetti assimilati, nonché i titolari effettivi. Per titolare effettivo si intende, in caso di società, la persona fisica o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedono o controllano un entità giuridica, attraverso il possesso o il controllo diretto o indiretto di una percentuale sufficiente delle partecipazioni al capitale sociale o dei diritti di voto in seno a tale entità giuridica, anche tramite azioni al portatore, purché non si tratti di una società ammessa alla quotazione su un mercato regolamentato e sottoposta a obblighi di comunicazione conformi alla normativa comunitaria o a standard internazionali equivalenti. Tale criterio si doveva ritenere soddisfatto se la percentuale corrisponda al 25% più uno di partecipazione al capitale sociale (in concreto almeno il 26%).

7 7 TITOLARI EFFETTIVI DI INVESTIMENTI ESTERI 4di 4 Ai fini della determinazione della percentuale rilevante per essere considerato titolare effettivo di società e di altre entità giuridiche, si devono necessariamente computare anche le partecipazioni intestate ai familiaridi cui all art. 5, comma 5, del Tuir e, quindi, quelle del coniuge e dei parenti entro il terzo grado e degli affini entro il secondo grado. grado parenti in linea retta parenti in linea collaterale affini Suoceri Genitori Generi primo Figli Nuore Nonni Fratelli secondo Cognati Nipoti (figli dei figli) Sorelle Zii (fratelli e sorelle dei Bisnonni genitori) Bisnipoti (figli dei nipoti da terzo Nipoti (figli di fratelli e parte dei figli) sorelle)

8 8 REGOLE OPERATIVE FINO ALLA PRESENTAZIONE DEL MODELLO UNICO 2009 tenuto a disposizione non tassato all estero tassato all estero No Quadro RW Sì Quadro RW Immobile ubicato all estero locato Sì Quadro RW Suscettibile di plusvalenza imponibile Sì Quadro RW

9 9 REGOLE OPERATIVE A PARTIRE DAL MODELLO UNICO 2010 tenuto a disposizione non tassato all estero tassato all estero Sì Quadro RW Sì Quadro RW Immobile ubicato all estero locato Sì Quadro RW Suscettibile di plusvalenza imponibile Sì Quadro RW

10 10 PARTECIPAZIONE ESTERA OBBLIGO DI MONITORAGGIO FISCALE Paolo Rossi deteneva e detiene una partecipazione superiore al 26% al capitale sociale in una società estera localizzata in un Paese White list che possedeva immobili all estero, delle obbligazioni estere e conti correnti bancari. Paolo Rossi (persona fisica italiana) Sì, quadro RW per la partecipazione + 26% Immobili all estero Società White list Obbligazioni estere No quadro RW Conti correnti esteri

11 11 PARTECIPAZIONE ESTERA OBBLIGO DI MONITORAGGIO FISCALE Paolo Rossi deteneva e detiene una partecipazione superiore al 26% al capitale sociale in una società estera localizzata in un Paese non White list che possedeva sia un conto corrente all estero, sia delle obbligazioni estere e degli immobili all estero. Paolo Rossi (persona fisica italiana) + 26% Società non White list Immobili all estero Obbligazioni estere Conti correnti esteri Sì quadro RW per tutti gli investimenti sottostanti (con prospetto dettaglio)

12 12 PARTECIPAZIONE ESTERA OBBLIGO DI MONITORAGGIO FISCALE Paolo Rossi deteneva e detiene una partecipazione del 20% in una società non White list e del 50% in una srl italiana che, a sua volta, deteneva il 50% della medesima società non White list titolare di immobili all estero, un conto corrente all estero e di obbligazioni estere. Paolo Rossi (persona fisica italiana) 20% Società non white list Partecipazione effettiva estera [20+(50% di 50)]=45 Partecipazione al 50% 50% Immobili all estero Obbligazioni estere Conti correnti esteri Srl italiana Sì quadro RW per tutti gli investimenti sottostanti (con prospetto dettaglio)

13 13 MONITORAGGIO FISCALE E VOLUNTARY DISCLOSURE Con decorrenza dal 2015, è stata introdotta una procedura di collaborazione volontaria : per le violazioni al monitoraggio dei capitali; per le violazioni interne (cd. voluntary domestica o interna ). La collaborazione volontaria (voluntary disclosure) estera consente di regolarizzare le violazioni relative agli obblighi dichiarativi e in materia di monitoraggio fiscale commessi fino al 30 settembre Il contribuente che si attiva, ha l obiettivo di regolarizzare le violazioni riferite: al quadro RW > omessa/parziale indicazione di investimenti (attività finanziarie e patrimoniali) costituiti/detenuti all estero; alle imposte collegate > omessa indicazione sia dei redditi (nazionali) che sono serviti a costituire la provvista per l investimento estero, sia dei redditi (esteri) che hanno generato gliinvestimentiesteri(dismissioni e/o frutti civili). Tenere presenti anche Ivie e Ivafe degli anni 2012 e 2013.

14 14 VOLUNTARY DISCLOSURE ASPETTI GENERALI VIOLAZIONI SOGGETTI INTERESSATI inerenti al MONTORAGGIO FISCALE (art. 1, comma 1, della L , n. 186, che ha integrato il D.L , n. 167, convertito dalla L , n. 227) persone fisiche società semplici associazioni professionali enti non commerciali OGGETTO Investimenti e/o attività finanziarie e patrimoniali costituiti o detenuti all estero nei periodi d imposta accertabili DISCLOSURE ATTIVITÀ ESTERE (scadenza: ) solo persone fisiche (INTERNAZIONALE) tutti i contribuenti (NAZIONALE) irregolarità nell esposizione dei dati nel quadro RW irregolarità nell esposizione dei dati nazionali o domestici

15 15 VOLUNTARY DISCLOSURE CAUSE OSTATIVE RISCONTRO EVENTUALE AVVIO accessi ispezioni e/o verifiche accertamenti procedimenti di tipo penale NOTIFICA avviso di accertamento questionari specifiche richieste contestazioni di violazioni tenendo presente che non rilevano le eventuali liquidazioni di imposta (ex art. 36 ib del D.P.R. 600/73) e nemmeno i cosiddetti controlli formali (ex art. 36 ter del D.P.R. 600/73) FORMALE CONOSCENZA anche da soggetti eventualmente collegati o solidalmente obbligati

16 16 OPERATIVITÀ TRA I DUE TIPI DI VOLUNTARY DISCLOSURE prima ipotesi Presenza di ricavi o proventi non dichiarati da una società per consentire il trasferimento all estero di fondi a favore di una persona fisica (socio) Socio Società Voluntary disclosure internazionale per attività estere (quadro RW) e per i redditi finanziari Voluntary disclosure nazionale per la regolarizzazione o sanatoria delle dichiarazioni infedeli seconda ipotesi Presenza di oneri o costi dedotti da una società per consentire alla persona fisica (socio) di realizzare la provvista all estero Socio Società Voluntary disclosure internazionale per attività estere (quadro RW) e per i redditi finanziari Voluntary disclosure nazionale per la regolarizzazione o sanatoria delle dichiarazioni infedeli

17 17 REGOLE NEL RAPPORTO CON IL CLIENTE IN SEDE DI INCARICO OGGETTO DELLA POSIZIONE Mandato o incarico professionale Attestazione o dichiarazione inerente alla veridicità delle notizie e/o delle informazioni fornite Stati interessati anni e/o periodi interessati tipi di operazioni soggetti collegati o coinvolti VERIFICA PRESENZA CAUSE OSTATIVE ANALISI DOCUMENTALE RILEVAZIONE REDDITIVITÀ PERIODICA accessi ispezioni e/o verifiche accertamenti procedimenti di tipo penale trasferimento fondi (bonifici o altri mezzi tracciabilità) atti di compravendita (beni mobili, immobili e altre attività) provenienza beni (acquisizione, successione, donazione, ecc.) da estratti conto bancari e da resoconti della gestione titoli compravendita di titoli (trading) o altri contratti ( > polizze) partecipazioni in società (delibere societarie e adempimenti)

18 18 PERIODI D IMPOSTA DA REGOLARIZZARE Redditi SE EVASIONE INFERIORE AI LIMITI DELLE SANZIONI PENALI E ATTIVITÀ IN PAESI WHITE LIST O BLACK LIST CON ACCORDO Dichiarazione infedele dall anno 2010 Dichiarazione omessa dall anno 2009 Quadro RW (violazioni) dall anno 2009 Redditi SE EVASIONE SUPERIORE AI LIMITI DELLE SANZIONI PENALI E ATTIVITÀ IN PAESI BLACK LIST (senza accordo) Dichiarazione infedele dall anno 2006 Dichiarazione omessa dall anno 2004 Quadro RW (violazioni) dall anno 2004

19 19 PERIODI DA REGOLARIZZARE PAESI WHITE LIST E BLACK LIST CON ACCORDO Anno Presentazione dichiarazione infedele dichiarazione Termini di accertamento Omessa dichiarazione Attenzione > il decreto Milleproroghe 2015 ha ridotto i termini per l irrogazione delle sanzioni delle violazioni inerenti modulo RW per i soggetti che aderiranno alla collaborazione volontaria in relazione agli investimenti detenuti in Paesi black list che hanno firmato con l Italia l accordo sullo scambio di informazioni fiscali entro il 2 marzo 2015.

20 20 Paese REGOLARIZZAZIONI RW Sanzione prevista RW Disclosure (sanzioni ridotte) Rimpatriotrasferimento in Italia o Ue (o See w.l.) [50%] No rimpatrio [25%] NON BLACK LIST 3% 1,50% 2,25% BLACK LIST SENZA ACCORDO 6% 3% 4,50% CON ACCORDO 3% 1,50% 2,25 Determinate le sanzioni dovute, si beneficia dell ulteriore abbattimento se definizione con: adesione all invito al contraddittorio (recependo i conteggi dell Ufficio) > a 1/6; accertamento con adesione (per ridurre l imponibile in contraddittorio) > a 1/3.

21 21 ABBATTIMENTO SANZIONI DA QUADRO RW INVESTIMENTI DETENUTI IN PAESE BLACK LIST SENZA accordo SENZA rimpatrio delle attività Raddoppio dei termini di accertamento (art. 12, c.2 bis, D.L. 78/2009) Raddoppio delle sanzioni da omessa/infedele DR dal 2008 (art. 12, c. 2, D.L. 78/2009) Sanzione da RW fissa al 3% Riduzione del 50% delle sanzioni da RW Sì Sì No No SANZIONI OPERATIVE PER QUADRO RW Determinazione dei periodi di imposta > art. 20, D.Lgs. 472/1997, tenuto conto del raddoppio dei termini per attività in Paesi black list > art. 12, comma 2 ter, D.L. 78/2009. Periodo Sanzione Riduzione del 25% delle sanzioni Riduzione a 1/3 per acquiescenza Dal 2004 al % 3,75% (75% del 5%) 1,25% Dal 2008 al % 4,50% (75% del 6%) 1,50%

22 22 ABBATTIMENTO SANZIONI DA QUADRO RW INVESTIMENTI DETENUTI IN PAESE BLACK LIST SENZA accordo CON rimpatrio delle attività Raddoppio dei termini di accertamento (art. 12, c.2 bis, D.L. 78/2009) Raddoppio delle sanzioni da omessa/infedele DR dal 2008 (art. 12, c. 2, D.L. 78/2009) Sanzione da RW fissa al 3% Riduzione del 50% delle sanzioni da RW Sì Sì No Sì SANZIONI OPERATIVE PER QUADRO RW Determinazione dei periodi di imposta > art. 20, D.Lgs. 472/1997, tenuto conto del raddoppio dei termini per attività in Paesi black list > art. 12, comma 2 ter, D.L. 78/2009. Periodo Sanzione Riduzione del 50% delle sanzioni Riduzione a 1/3 per acquiescenza Dal 2004 al % 2,50% (50% del 5%) 0,833% Dal 2008 al % 3,00% (50% del 6%) 1,00%

23 23 ABBATTIMENTO SANZIONI DA QUADRO RW INVESTIMENTI DETENUTI IN PAESE BLACK LIST CON accordo SENZA rimpatrio delle attività Raddoppio dei termini di accertamento (art. 12, c.2 bis, D.L. 78/2009) Raddoppio delle sanzioni da omessa/infedele DR dal 2008 (art. 12, c. 2, D.L. 78/2009) Sanzione da RW fissa al 3% Riduzione del 50% delle sanzioni da RW No No Sì No SANZIONI OPERATIVE PER QUADRO RW Determinazione dei periodi di imposta > art. 20, D.Lgs. 472/1997, tenuto conto del raddoppio dei termini per attività in Paesi black list > art. 12, comma 2 ter, D.L. 78/2009. Periodo Sanzione Riduzione del 50% delle sanzioni Riduzione a 1/3 per acquiescenza Dal 2004 al % 2,25% (75% del 5%) 0,75%

24 24 ABBATTIMENTO SANZIONI DA QUADRO RW INVESTIMENTI DETENUTI IN PAESE BLACK LIST CON accordo CON rimpatrio delle attività Raddoppio dei termini di accertamento (art. 12, c.2 bis, D.L. 78/2009) Raddoppio delle sanzioni da omessa/infedele DR dal 2008 (art. 12, c. 2, D.L. 78/2009) Sanzione da RW fissa al 3% Riduzione del 50% delle sanzioni da RW No No Sì Sì SANZIONI OPERATIVE PER QUADRO RW Determinazione dei periodi di imposta > art. 20, D.Lgs. 472/1997, tenuto conto del raddoppio dei termini per attività in Paesi black list > art. 12, comma 2 ter, D.L. 78/2009. Periodo Sanzione Riduzione del 50% delle sanzioni Riduzione a 1/3 per acquiescenza Dal 2004 al % 1,50% (50% del 5%) 0,50%

25 25 ABBATTIMENTO SANZIONI DA QUADRO RW INVESTIMENTI DETENUTI IN PAESE WHITE LIST CON e SENZA rimpatrio delle attività Raddoppio dei termini di accertamento (art. 12, c.2 bis, D.L. 78/2009) Raddoppio delle sanzioni da omessa/infedele DR dal 2008 (art. 12, c. 2, D.L. 78/2009) Sanzione da RW fissa al 3% Riduzione del 50% delle sanzioni da RW No No Sì Sì SANZIONI OPERATIVE PER QUADRO RW Determinazione dei periodi di imposta > art. 20, D.Lgs. 472/1997. Periodo Sanzione Riduzione del 50% delle sanzioni Riduzione a 1/3 per acquiescenza Dal 2004 al % 1,50% (50% del 5%) 0,50%

26 26 SANZIONI PER LE DICHIARAZIONI Paese Black list senza accordo infedele dichiarazione Black list senza accordo omessa dichiarazione White list o Black list con accordo infedele dichiarazione White list o Black list con accordo omessa dichiarazione Sanzioni ordinarie Sanzioni ridotte con VD Sanzioni finali con adesione 133% fino al ,75% 16,62% 267% dal ,25% 33,38% 160% fino al % 20,00% 320% dal % 40,00% 133% 99,75% 16,62% 160% 120% 20%

27 27 VIOLAZIONI RW VOLUNTARY DISCLOSURE O RAVVEDIMENTO OPEROSO? VIOLAZIONI MODULO RW CASO DI SOMME DETENUTE IN UN PAESE A FISCALITÀ PRIVILEGIATA CHE HA STIPULATO UN ACCORDO CON L ITALIA Caratteristiche Situazione Ravvedimento operoso Voluntary disclosure Attività del contribuente Attività dell Agenzia Sanzioni applicabili Riduzione sanzioni è il contribuente a decidere quando e cosa sanare presentazione modulo RW e versamento sanzioni ridotte eventuale controllo posizione del contribuente art. 5 DL 167/90 (dal 6% al 30% importo non indicato) 1/8 del minimo per RW 2014; 1/7 del minimo RW 2013; 1/6 del minimo RW antecedenti Necessaria autodenuncia per tutte le violazioni da RW presentazione istanza entro il e documentazione determinazione sanzione e notifica atto di contestazione art. 5 DL 167/90 (1,5% importo non indicato) 1/3 per tutte le annualità segue

28 28 VIOLAZIONI RW VOLUNTARY DISCLOSURE O RAVVEDIMENTO OPEROSO? Situazione Ravvedimento operoso Voluntary disclosure Constatazione con PVC riduzione a 1/5 del minimo voluntary disclosure preclusa Cumulo giuridico non applicabile (*) applicabile Compensazione Sì No Rateazione No n. 3 rate mensili Effetti penali Preclusioni VIOLAZIONI MODULO RW CASO DI SOMME DETENUTE IN UN PAESE A FISCALITÀ PRIVILEGIATA CHE HA STIPULATO UN ACCORDO CON L ITALIA violazioni prive di rilievo penale notifica atto di contestazione della specifica violazione violazioni prive di rilievo penale inizio del controllo fiscale o del procedimento penale (*) il cumulo giuridico non può essere applicato in modo autonomo dal contribuente in sede di ravvedimento operoso, in quanto si tratta di un istituto riservato all Amministrazione finanziaria, presentando aspetti tecnico discrezionali

29 29 COME FARE A DETERMINARE GLI IMPONIBILI? 1 Individuare modalità e date di trasferimento o di costituzione delle somme o delle disponibilità all estero > valutazione e analisi della rilevanza reddituale 2 Formazione planning annuale del possesso delle attività all estero > individuazione e/o valutazione e analisi dei rendimenti (effettivi o forfettari) 3 Formazione del planning annuale delle eventuali dismissioni o del diverso utilizzo delle attività all estero > valutazione e analisi effetti sui rendimenti

30 30 IMPONIBILI CON IL METODO ANALITICO 1 Necessità di rilevare in maniera dettagliata ogni possibile reddito 2 Procedere ad associare a singolo reddito l inerente aliquota d imposta Se dividendi di partecipazioni qualificate Se dividendi di partecipazioni non qualificate Se interessi o altri redditi similari Redditi diversi e proventi Paesi Black list Rilevare imposte dal concorso parziale alla formazione del reddito complessivo Conteggiare l entità dell imposta sostitutiva Determinare entità delle ritenuta alla fonte Rilevare imposte dal concorso integrale alla formazione del reddito complessivo

31 31 COME DETERMINARE GLI IMPONIBILI CON OPZIONE AL FORFAIT DEL 5%? Coloro che aderiscono alla procedura devono: in generale > individuare analiticamente gli investimenti esteri, i redditi non dichiarati e le imposte dovute; per i redditi esteri, se la media della consistenza delle attività finanziarie detenute all estero al termine di ciascun anno è minore o uguale a > istanza di determinazione forfettaria: del reddito > coefficiente di redditività del 5% applicato al valore complessivo della consistenza al 31/12 di ciascun anno; dell Irpef > applicando aliquota del 27%. (?) forfait non applicabile agli investimenti patrimoniali (immobili, ecc.). Tassazione pari all 1,35% (cioè 5% x 27%) sul valore dell attivo finanziario che avrebbe dovuto essere indicato nel quadro RW. Conveniente nel caso siano stati ottenuti redditi superiori nei periodi oggetto di disclosure o anche in assenza di documentazione sufficiente per vincere la presunzione secondo cui: Entità investimenti in Paesi black list = redditi evasi in Italia.

32 32 VIOLAZIONI QUADRO RW Riduzione di base > 25% Riduzione maggiorata > 50% se comportamento trasparente (trasferimento attività in Italia, Ue o Stati See / autorizzazione all intermediario estero a trasmettere dati alle autorità finanziarie italiane) COLLABORAZIONE VOLONTARIA ESTERA (persone fisiche e soggetti assimilati) REDDITI EVASI PRODOTTI ALL ESTERO tassazione FORFETARIA se non superiore a REDDITI EVASI IN ITALIA PER REALIZZARE INVESTIMENTI ESTERI tassazione ORDINARIA obbligo documentazione analitica [no anonimato] + IMPOSTE e INTERESSI (misura intera) + SANZIONI RIDOTTE

33 33 CONTENUTO ISTANZA PER AVVIO PROCEDURA Dati contribuente o del suo rappresentante Dati del professionista incaricato Dati dei soggetti o altri contribuenti collegati Attività estere > Maggiori imponibili > Nuovi o conseguenti all estero Prospetti di dettaglio Riguardanti le situazioni effettive e la inerente documentazione

34 34 ESEMPIO DI REDAZIONE DELL ISTANZA (parte numerica > 1 di 5) CASO Si consideri l ipotesi di un contribuente che detiene un deposito e un conto corrente in Svizzera da più di vent anni (il cui saldo all inizio dell anno 2009 ammontava a 2.100,000,00), sul quale ogni anno: maturano proventi dagli investimenti (stabiliti, per comodità di esemplificazione, in ,00 annui); vengono accreditate pensioni derivanti dalla propria attività lavorativa estera (complessivamente pari, sempre per comodità di esemplificazione, a ,00 annui); tenendo presente che il conto corrente: risulta intestato, in maniera fittizia, ad una società delle Bermude. al momento dell emersione (30 settembre 2015) ha un saldo complessivamente pari a ,00.

35 35 ESEMPIO DI REDAZIONE DELL ISTANZA (parte numerica > 2 di 5) CONSIDERAZIONI > Daidatiindicatisirilevache: lasvizzeraèunpaeseblack list, anche se, ai fini della collaborazione volontaria (voluntary disclosure) si deve considerare un Paese black list con accordo; Bermuda deve essere considerato, a tutti gli effetti, un Paese black list. Sussiste la possibilità di regolarizzare il conto corrente (e, quindi, non il veicolo interposto: la società delle Bermude), con il vantaggio di non subire il raddoppio dei termini e delle sanzioni previsti per i Paesi black list, dal momento che la Svizzera ha firmato l accordo per lo scambio di informazioni entro il 2 marzo Ne deriva, di conseguenza, la necessità di dover regolarizzare gli anni: dal 2009 al 2013, per le violazioni per omessa indicazione del conto corrente del quadro RW; dal 2010 al 2013, per le violazioni inerenti all omessa dichiarazione e tassazione di redditi; salvo il raddoppio del periodo derivante da un eventuale segnalazione dell Agenzia delle entrate alla Procura della Repubblica per il superamento delle soglie previste.

36 36 ESEMPIO DI REDAZIONE DELL ISTANZA (parte numerica > 3 di 5) La situazione delle disponibilità finanziarie sul conto corrente svizzero, tenendo presente, come detto, che il saldo al momento dell emersione è complessivamente pari a ,00, può essere così schematizzata: L istanza da inviare all Agenzia delle entrate, per quanto concerne i dati di dettaglio delle attività estere oggetto di collaborazione volontaria, deve risultare formulata come di seguito riprodotto:

37 37 ESEMPIO DI REDAZIONE DELL ISTANZA (parte numerica > 4 di 5)

38 38 ESEMPIO DI REDAZIONE DELL ISTANZA (parte numerica > 5 di 5) Inoltre, deve essere anche inviata la relazione di accompagnamento della richiesta di collaborazione volontaria deve risultare idonea a rappresentare in modo analitico, per ciascuna annualità d imposta oggetto di collaborazione, i dati schematicamente riportati nella richiesta in modo da fornire tutte le notizie di supporto atte a rendere gli stessi intellegibili.

39 39 CONTENUTO DELLA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO Inquadramento giuridico delle attività estere Origine delle attività estere Variazioni intervenute nel valore patrimoniale Individuazione dei soggetti collegati Ubicazione delle attività estere Rilevazione analitica delle attività finanziarie e patrimoniali In pratica, la relazione di accompagnamento della richiesta di collaborazione volontaria deve risultare idonea a rappresentare in modo analitico, per ciascuna annualità d imposta oggetto di collaborazione, i dati schematicamente riportati nella richiesta.

40 40 ITER OPERATIVO 1 di 3 CONTRIBUENTE Inoltra istanza e documentazione AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA Eventuale successiva richiesta di documenti o precisazioni o informazioni cui deve seguire coerente risposta Ricostruzione posizione fiscale Calcolo maggiori imposte Invito a comparire per analisi e valutazione Definizioni sanzioni in misura ridotta (75 p 50%) Sanzioni monitoraggio (75 o 50%) Possibilità definire sanzioni in misura di 1/3

41 41 ITER OPERATIVO 2 di 3 ESAME DELLA DOCUMENTAZIONE Atto di constatazione e irrogazione sanzione (sanzione ridotta ad 1/3) Invito (ex art. 5.comma 1, del D.Lgs. 218/1997) Acquiescenza all adesione (sanzione ridotta ad 1/3) Istanza di accertamento con adesione Istanza di Acquiescenza all invito (sanzione ridotta ad 1/6)

42 42 ITER OPERATIVO 3 di 3 TERMINI PER VERSAMENTO 15 giorni prima della data di comparizione 20 giorni dell atto di adesione Entro il termine per il ricorso (sanzioni RW) CONSEGUENZE DEL MANCATO VERSAMENTO viene meno la voluntary disclosure Vengono meno gli effetti premiali Notifica dell atto di accertamento conseguente Eventuale comunicazione all autorità giudiziaria

43 43 CONSEGUENZE DELLA VOLUNTARY DISCLOSURE DICHIARAZIONI ANNI 2014 E 2015 inserimento redditi finanziari esteri compilazione del quadro RW per le attività estere MANTENIMENTO ATTIVITÀ ALL ESTERO oppure: RIMPATRIO o TRASFERIMENTO IN ITALIA o UE si rende operativo il regime dichiarativo oppure, in alternativa: mandato a fiduciaria per l amministrazione / incasso si rende operativo il rimpatrio fisico oppure, in alternativa: rimpatrio giuridico Intestazione fiduciaria

44 44 REATI FISCALI E VOLUNTARY DISCLOSURE REATI FISCALI CHE VENGONO CERTAMENTE SANATI, oltre a riciclaggio (art. 648 bis del c.p.) e autoriciclaggio (art. 648 ter del c.p.) Dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di documentazione falsa (art. 2 del D.Lgs. 74/2000) Dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di artifici (art. 3 del D.Lgs. 74/2000) Dichiarazione infedele (art. 4 del D.Lgs. 74/2000) Dichiarazione omessa (art. 5 del D.Lgs. 74/2000) altri Omesso versamento ritenute certificate (art. 10 bis del D.Lgs. 74/2000) Omesso versamento Iva (art. 10 ter del D.Lgs. 74/2000)

45 45 REATI FISCALI E VOLUNTARY DISCLOSURE emissione di fatture false o per operazioni inesistenti (art. 8 del D.Lgs. 74/2000) REATI FISCALI CHE SONO ESCLUSI DALLA SANATORIA occultamento o distruzione di documenti contabili (art. 10 del D.Lgs. 74/2000) indebite compensazioni (art. 10 quater del D.Lgs. 74/2000) Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte (art. 11 del D.Lgs. 74/2000)

46 46 MODELLO O QUADRO RW? 1 di 2 L orientamento degli Uffici pare essere quello di considerare il termine ordinario di decadenza della contestazione della violazione dell'obbligo di compilare il modulo il quinto anno successivo a quello in cui il modulo doveva essere presentato (art. 20, comma 1, prima parte, del D.Lgs. 472/1997). Ne deriva, quindi, che nel 2015 sarebbero ancora contestabili le sanzioni: per modello Unico 2010 (relativo ai 2009); e, nei casi di attività detenute in Paesi black list: per modello Unico 2005 (relativo al 2004). Si verifica, pertanto, uno sfasamento temporale, dato che, per l'iva e i redditi, il termine di decadenza ordinario è fissato al quarto anno successivo alla presentazione della dichiarazione (quinto anno solo in caso di omessa presentazione).

47 47 MODELLO O QUADRO RW? 2 di 2 Per la Corte di Cassazione (sentenza n /2013 e sentenza 26848/2014) invece, vale l'eccezione contenuta nel comma 1 dell art. 20 del D.Lgs. 472/1997, che fa riferimento al «diverso termine previsto per l'accertamento dei singoli tributi» perché il modulo RW, per effetto dell'art. 6 del D.L. 167/1990, serve anche per l'accertamento dei redditi. Pertanto, secondo l interpretazione della Corte di Cassazione: i modelli Unico 2010 o Unico 2005 sarebbero ancora contestabili, per le violazioni del quadro RW, solo in caso di omessa presentazione della dichiarazione; altrimenti sarebbero contestabili i modelli Unico 2011 e Unico 2007.

48 48 TERMINE PER LA REGOLARIZZAZIONE DEL QUADRO RW L Agenzia delle entrate, nella circolare 23 dicembre 2013, n. 38/E, ha precisato che le violazioni riguardanti il quadro RW hanno natura tributaria e per le stesse è, quindi, possibile provvedere alla regolarizzazione tramite il ravvedimento operoso. Conseguentemente si deve ritenere ammesso il RAVVEDIMENTO OPEROSO anche per il quadro RW > A quale costo? ATTENZIONE > presupposto indispensabile per poter far ricorso al ravvedimento operoso nei più ampi termini previsti dalle lett. b bis), b ter), b quater) dell art. 13, comma 1, D.Lgs. 472/97, è la valida presentazione della dichiarazione per il periodo di imposta considerato, in quanto la legge di stabilità 2015 (L. 190/2014) non ha modificato la successiva lett. c) del medesimo comma 1 che sana l omissione della dichiarazione solamente nell ipotesi di presentazione della medesima entro 90 giorni dalla scadenza del termine originario previsto.

49 49 CON PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE ENTRO 30.9 DI CIASCUN ANNO 1) dichiarazione tardiva o integrativa di quella da presentarsi entro il 30 settembre o entro 90 giorni dalla scadenza del termine ordinario per la dichiarazione dei redditi con il quadro RW non presentato alla scadenza o presentato in modo incompleto Sanzione per dichiarazione Sanzione per quadro RW 25,00 (1/10 di 258,00)* sanzione ex art. 13 D.Lgs. 471/97 a cui applicare la misura della riduzione corrispondente al periodo di tempo trascorso tra il termine di versamento e la data della regolarizzazione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 25,80 o 25,00 (1/10 di 258,00) * sanzione che non dovrebbe essere dovuta per dichiarazione integrativa finalizzata a sanare solo l omessa o incompleta compilazione del modulo RW.

50 50 CON PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE ENTRO 30.9 DI CIASCUN ANNO 2) dichiarazione integrativa presentata oltre il termine di 90 giorni, ma entro il termine per presentazione dichiarazione relativa all anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione (30 settembre anno + 1) Sanzione per dichiarazione Sanzione per quadro RW 32,00, se non sono dovute imposte (1/8 di 258,00)* 12,50% (1/8 del 100% aumentato di 1/3 se i redditi sono prodotti all estero) dell imposta dovuta a titolo di sanzione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 25% (1/8 del 200% se le attività e gli investimenti esteri non indicati nel quadro RW sono detenuti in un Paese black list) dell imposta dovuta a titolo di sanzione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 0,38% o 0,75% (1/8 del 3% o 6% degli importi non indicati nel quadro RW a seconda che le attività siano detenute o meno in Paesi black list)

51 51 CON PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE ENTRO 30.9 DI CIASCUN ANNO 3) dichiarazione integrativa presentata entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione (30 settembre anno + 2) Sanzione per dichiarazione Sanzione per quadro RW 36,00, se non sono dovute imposte (1/7 di 258,00)* 14,29% (1/7 del 100% aumentato di 1/3 se i redditi sono prodotti all estero) dell imposta dovuta a titolo di sanzione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 28,57% (1/7 del 200% se le attività e gli investimenti esteri non indicati nel quadro RW sono detenuti in un Paese black list) dell imposta dovuta a titolo di sanzione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 0,43% o 0,86% (1/7 del 3% o 6% degli importi non indicati nel quadro RW a seconda che le attività siano detenute o meno in Paesi black list)

52 52 CON PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE ENTRO 30.9 DI CIASCUN ANNO 4) dichiarazione integrativa presentata oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello della commessa la violazione (30 settembre anno XXX + 3 e fino alla decadenza dal potere di accertamento) Sanzione per dichiarazione Sanzione per quadro RW 43,00, se non sono dovute imposte (1/6 di 258,00)* 16,67% (1/6 del 100% aumentato di 1/3 se i redditi sono prodotti all estero) dell imposta dovuta a titolo di sanzione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 33,33% (1/6 del 200% se le attività e gli investimenti esteri non indicati nel quadro RW sono detenuti in un Paese black list) dell imposta dovuta a titolo di sanzione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 0,5% o 1% (1/6 del 3% o 6% degli importi non indicati nel quadro RW a seconda che le attività siano detenute o meno in Paesi black list)

53 53 CON PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE ENTRO 30.9 DI CIASCUN ANNO 5) dichiarazione integrativa presentata successivamente alla constatazione della violazione ai sensi dell'art. 24 della L. 7 gennaio 1929, n. 4 e fino alla notifica dei relativi atti di liquidazione o di accertamento Sanzione per dichiarazione Sanzione per quadro RW 51,00, se non sono dovute imposte (1/5 di 258)* 20% (1/5 del 100% aumentato di 1/3 se i redditi sono prodotti all estero) dell imposta dovuta a titolo di sanzione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 40% (1/5 del 200% se le attività e gli investimenti esteri non indicati nel quadro RW sono detenuti in un Paese black list) dell imposta dovuta a titolo di sanzione, oltre al pagamento dell imposta e degli interessi 0,6% o 1,2% (1/5 del 3% o del 6% degli importi non indicati nel quadro RW a seconda che le attività siano detenute o meno in Paesi black list)

54 54 CONSIDERAZIONI CUI SI RIMANDA PER UN ATTENTA ANALISI La natura tributaria delle sanzioni da omessa/irregolare compilazione del quadro RW è stata affermata sia dall Agenzia delle entrate (circolare n. 9/E del 30 gennaio 2002 par. 1.14), sia dalla Corte di Cassazione (sentenze 23 ottobre 2013, n e 18 dicembre 2014, n ) con la conseguenza che a queste ultime può sicuramente applicarsi l istituto del ravvedimento operoso secondo le indicazioni fornite dalla stessa Agenzia con le circolari n. 48/E del 17 novembre 2009 e n. 49/E del23novembre2009edintegrateconlesuccessivecircolarin.11/edel12marzo 2010 e n. 45/E del 13 settembre Specificamente, nella circolare n. 11/E/2010 sono presenti alcune regole per l applicazione dell istituto del ravvedimento alle violazioni relative al monitoraggio fiscale, regole che, pur facendo riferimento alla dichiarazione dei redditi per l anno 2008, restano tutt oggi ancora valide (anzi le possibilità per potersene avvalere devono ritenersi incrementate a seguito delle modifiche apportate dalla legge di stabilità 2015 che ha consentito un applicazione maggiore della regolarizzazione spontanea, anche nel caso di contestazioni già a conoscenza del soggetto passivo).

55 55 TRASFERIMENTO DELLA RESIDENZA Un contribuente nel 2013 trasferisce formalmente la residenza in Italia dalla Svizzera, mantenendo all estero disponibilità finanziarie. Nel 2014 presenta il Modello UNICO per l anno d imposta 2013 omettendo il quadro RW. Per il 2013, può aderire esclusivamente alla procedura di collaborazione volontaria o può anche ricorrere al ravvedimento operoso? Le violazioni del quadro RW possono essere regolarizzate tramite l istituto del ravvedimento operoso di cui all art. 13 del D.Lgs. 472/1997, conformemente ai chiarimenti già resi nelle circolari n. 9/E del 2002, n. 48/E del 2009, n. 11/E del 2010 e n. 38/E del 2013, a condizione che la dichiarazione dei redditi cui la violazione si riferisce sia stata validamente presentata. Nel caso prospettato, il contribuente, presentando il Modello UNICO 2014 per l anno 2013, ha adempiuto agli obblighi dichiarativi previsti dall art. 1 del D.P.R. 600/1973 e può, pertanto, integrare il contenuto della dichiarazione presentando il modulo RW e avvalersi ai fini sanzionatori, peraltro, delle disposizioni previste citato art. 13, come modificato dalla L. 23 dicembre 2014, n. 190.

56 56 SOMME EREDITATE IN ANNUALITÀ NON PIÙ SOTTOPONIBILI A CONTROLLO Di quale istituto potrà avvalersi un contribuente italiano che detiene conti in Svizzera costituiti da eredità e evasione aziendale da oltre 30 anni? Il contribuente può avvalersi di entrambi gli istituti messi attualmente a disposizione dall ordinamento giuridico, secondo la propria valutazione soggettiva in merito a quale dei due possa si può considerare maggiormente vantaggioso per regolarizzare la propria posizione fiscale. Il contribuente deve valutare la propria posizione tenendo anche conto del fatto che la Svizzera, Paese presso cui continua a detenere le attività di natura finanziaria, ha firmato un accordo con l Italia per lo scambio automatico delle informazioni in linea con l art. 26 del Modello OCSE. Pertanto, ai soli fini della procedura di collaborazione volontaria, in materia di raddoppio dei termini di decadenza per l accertamento e per l atto di contestazione, nonché delle sanzioni (3% anziché 6%). Gli elencati effetti premiali, se il contribuente mantiene le attività nella Confederazione Elvetica, deve rilasciare all intermediario presso cui detiene le attività il cosiddetto waiver (autorizzazione a trasmettere, a richiesta dell autorità fiscale italiana, tutti i dati concernenti l attività oggetto della procedura).

57 57 QUANTIFICAZIONI CONTO TITOLI IN VALUTA ESTERA Nel caso in cui non si sia in grado di determinare il tasso di cambio di conti titoli detenuti in valuta estera deve essere utilizzato il tasso medio di cambio o il tasso al 31 dicembre? Per la determinazione del controvalore in euro delle attività presenti su di un conto titoli in valuta estera acceso presso un istituto bancario estero, ai fini del monitoraggio fiscale si deve fare riferimento: fino al periodo d imposta 2012 > cambio medio annuale, secondo le indicazioni riportate nella circolare n. 45 del 2010, richiamata anche dalle istruzioni relative alla compilazione del quadro RW (e prima modulo RW) del Modello UNICO; dal periodo d imposta 2013 > il cambio medio mensile, secondo quanto disposto dal Provvedimento 18 dicembre 2013 e dalla circolare n. 38/E del Infatti, dal periodo d imposta 2013, nel quadro RW è richiesta l indicazione del valore iniziale e del valore finale dell investimento. Per cui: investimento detenuto per l intero anno > utilizzare i cambi al 31 dicembre rispettivamente dell anno precedente e di quello di detenzione dell investimento; se effettuato o cessato durante l anno > utilizzare il cambio relativo al mese di costituzione o di dismissione dell investimento.

58 58 PRELIEVI NON GIUSTIFICATI OPERATI SU CONTI CORRENTI ESTERI Sul piano generale, come devono essere considerati ai fini della collaborazione volontaria i prelievi non giustificati operati sui c/c esteri dai contribuenti? I prelievi non cadenzati di importo consistente o superiori alla redditività annuale delle attività presenti sul conto e che avvengono pur in presenza di cospicui versamenti per contanti, si ritiene che, nella maggior parte dei casi, l impiego degli importi in contanti prelevati possa ricondursi alla trasformazione patrimoniale: per acquisto di immobili o imbarcazioni, gioielli e simili o per ristrutturazioni; a donazioni o liberalità a favore di terzi; costituiscono impieghi in qualche misura dimostrabili anche attraverso una molteplicità di elementi, anche indiretti. Ilrifiutodifornirespiegazioniinordineaiprelevamentidielevatoimportoche intaccano la consistenza patrimoniale media illecitamente detenuta all estero, potrebbe comportare l esclusione dalla procedura per incompletezza della stessa. Infatti, la mancata dimostrazione del rientro in Italia delle somme o del loro utilizzo può essere indicativa del fatto che dette somme siano servite per costituire o acquistare un ulteriore attività estera indebitamente non ricompresa nella procedura.

59 59 Grazie per l attenzione prestata

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com Avv. Prof. Maurizio Leo VD INTERNAZIONALE I SOGGETTI SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche (anche se titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo o collaboratori dell impresa familiare); Titolari

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso

Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso Monitoraggio fiscale e ambito di applicazione Con decorrenza dal 2015, è stata introdotta una procedura di collaborazione volontaria

Dettagli

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE SCHEDA MONOGRAFICA TMG VOLUNTARY DISCLOSURE Data aggiornamento scheda 6 ottobre 2015 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi D.L. n. 153 del 30.09.2015 Ultimi interventi di prassi Circ. n. 31/E

Dettagli

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure di Antonio Iorio Benefici: Riduzione delle sanzioni amministrative relative all omessa compilazione del quadro RW (art. 5-quinquies, comma 2 del D.L.

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità Voluntary disclosure Contenuti e opportunità BERGAMO, 23 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione nel quadro RW delle attività detenute all estero (da ultimo D.L. 1 luglio 2009

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Roma Prof. Avv. Elio Blasio Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Padova Dott.ssa Cristina

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 LO SCUDO FISCALE

Dettagli

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale Pagina 1 di 13 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Bussola > V > Voluntary disclosure di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria

Dettagli

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Genova 6 luglio 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Caso: attività finanziarie

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 8/2015 ARGOMENTO: VOLUNTARY DISCLOSURE - RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO - PROROGATI I Gentile Cliente, a ridosso della scadenza del termine ultimo per l invio

Dettagli

Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni. Valerio Stroppa

Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni. Valerio Stroppa Voluntary disclosure: criticità ancora aperte e possibili soluzioni Valerio Stroppa Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza ) D.L. 167/1990 (art. da 5-quater a 5-septies) Provvedimento

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE Le informazioni oggetto dell istanza, le variabili di costo e le cause ostative

VOLUNTARY DISCLOSURE Le informazioni oggetto dell istanza, le variabili di costo e le cause ostative VOLUNTARY DISCLOSURE Le informazioni oggetto dell istanza, le variabili di costo e le cause ostative Paola Marzetta Maisto e Associati MEDIA PARTNER 1 Completezza e veridicità Attività estere REQUISITI

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

Voluntary disclosure

Voluntary disclosure Voluntary disclosure La procedura di regolarizzazione dei patrimoni detenuti all estero Proposte operative Bolzano, 17 aprile 2015 Via Monte di Pietà, 15 20121 MILANO TEL.(+39) 02 30305.1 FAX (+39) 02

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli

Modulo RW Aspetti generali

Modulo RW Aspetti generali Modulo RW Aspetti generali Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

3.3 Il provvedimento del direttore dell Agenzia delle Entrate. Istruzioni per la compilazione del modello di accesso alla procedura

3.3 Il provvedimento del direttore dell Agenzia delle Entrate. Istruzioni per la compilazione del modello di accesso alla procedura 132 riamente presentato dal de cuius» 13. Questi chiarimenti dell Agenzia possono considerarsi tutt ora applicabili, nonostante i cambiamenti intervenuti nella tempistica degli adempimenti e le incertezze

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

Le novità del quadro RW

Le novità del quadro RW Dott. Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista e Revisore Contabile Professore a contratto in Diritto Tributario Internazionale e Comunitario, Università di Management di Torino) Le novità del quadro

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo.

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo. Modulo RW Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese

Dettagli

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it di Marco Piazza Si puo' far cessare il regime di riservatezza dei conti e depositi scudati e quindi

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi.

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary disclosure: profili operativi e prime riflessioni a seguito della Circolare 10E dell Agenzia delle Entrate Esame dei periodi da regolarizzare e

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali

VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali Avv. Vincenzo José Cavallaro MEDIA PARTNER 1 DECRETO LEGGE NR. 4-28 GENNAIO 2014 L art. 1 del DL 4/2014 prevedeva una disciplina

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri

Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo metterla a conoscenza del fatto che se in passato

Dettagli

PARTE PRIMA. Spett. (1)

PARTE PRIMA. Spett. (1) Fac-simile dell autorizzazione da rilasciare agli intermediari finanziari esteri a trasmettere all Agenzia delle Entrate italiana richiedente tutti i dati e le informazioni concernenti le attività oggetto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali.

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. 1 Attività estere: dove tenerle Le attività finanziarie o patrimoniali oggetto di voluntary disclosure, potranno: A) essere

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure

Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure Studio n. 250-2015/T Tributo successorio e procedura di voluntary disclosure Approvato dall Area Scientifica Studi Tributari il 23 ottobre 2015 Approvato dal CNN nella seduta del 18-19 novembre 2015 ***

Dettagli

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte AMBITO DI APPLICAZIONE OGGETTIVO 87 dove è stata costituita la società che ne è intestataria 22 ; ne costituiscono esempio le norme dell art. 5-quinquies, co. 4 e 7, D.L. 167/1990, appena ricordate, che

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Emersione dei capitali nazionali ed esteri Premessa Il contribuente che ha omesso la segnalazione nel quadro RW di Unico, ai fini del monitoraggio fiscale, di attività finanziarie o patrimoniali,

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Roma, 7 settembre 2015 A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Oggetto: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Riferimento analitico: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 - Voluntary disclosure

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09)

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Professionisti Associati per l Impresa Genova - Milano Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Avv. Gian Enrico Barone PAI Sede di Genova Via XX Settembre 1/5 tel.: (+39) 010 56 47 12 fax: (+39) 010

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate RAVVEDIMENTO OPEROSO IN MATERIA DI IMPOSTE SULLE SUCCESSIONI Il ravvedimento operoso, come è noto, è un istituto giuridico

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Padova, 25 settembre 2009 Ai Clienti dello

Dettagli

Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi

Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi Art. 1 co. 637-640 L.1902014 (legge di ) D.M. 11122014 variazione tasso legale a cura di Francesco Zuech Ragioniere commercialista e revisore

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

QUADRO RW del modello Unico 2014

QUADRO RW del modello Unico 2014 QUADRO RW del modello Unico 2014 1 QUADRO RW del modello Unico 2014 Dispensa www.studiomodolo.it N.B.: l'impostazione del materiale è stata attuata in modo analitico per costituire «dispensa» dell'incontro

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO Numero circolare 8 Data 14/10/2011 Abstract: Rif.to normativo: LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO La legge di conversione della c.d. manovra di ferragosto ha in buona parte confermato le

Dettagli

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio LA "DISCLOSURE" DEI CONTI NON SCUDATI Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio Lugano Fund Forum 25 e 26 novembre 2013 Studio Legale e Tributario Monti Studio Legale e Tributario

Dettagli

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO SDA Bocconi Milano, 10 dicembre 2014 LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 La voluntary disclosure Iter normativo: L art.

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/13193 Approvazione del modello per la richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l emersione ed il rientro di capitali detenuti all estero e per l emersione nazionale.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d.

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d. DOTT. RAG. GIOVANNA CASTELLI Via Luigi Sacco 14, Varese Tel.: 0332/288494 288522 Fax: 0332/831583 282850 E-mail: segreteria@gcastelli.com Varese, 4 ottobre 2011 OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 141/E

RISOLUZIONE N. 141/E RISOLUZIONE N. 141/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2010 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Vincite conseguite per effetto della partecipazione a giochi on-line

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

La Voluntary Disclosure Internazionale

La Voluntary Disclosure Internazionale La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi?

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi? 1 - RIMPATRIO GIURIDICO 1.1 D: Ai fini di poter effettuare un rimpatrio giuridico di titoli, gli stessi devono essere depositati/intestati alla fiduciaria. È possibile il deposito presso qualunque soggetto

Dettagli

Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure

Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure Rientro dei capitali dall estero Voluntary disclosure CONVERSAZIONE DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Londra Venerdì 3Ottobre 2014 Paolo Battaglia Dottore Commercialista in Ragusa p.battaglia@crescitapmi.it

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli

Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli Nell illustrare le modalità operative per effettuare il rimpatrio o la regolarizzazione delle attività irregolarmente

Dettagli

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista IL QUADRO RW a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista 1 modulo Gli obblighi legati al quadro RW MONITORAGGIO QUADRO RW l obbligo di monitoraggio in dichiarazione RW sussiste se: sono

Dettagli

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo Torino, 18 gennaio 2012 Dott.ssa Elena De Carlo - Abbassamento soglie di punibilità - Proroga dei termini per l accertamento IVA - Preclusione degli accertamenti presuntivi in relazione agli studi di settore

Dettagli

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure : i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure Roma Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Ginevra PlaceNeuve, 4 Tel. +410223216233 E-mail: avvocati@studioblasio.it 1 Lo studio

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN a legge La legge 15 dicembre 2014, n. 186 introduce nell ordinamento italiano la disciplina della collaborazione volontaria (c.d. voluntary disclosure) in materia

Dettagli