POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE"

Transcript

1 BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI MILANO, 27 APRILE 2016

2 INDICE 1 PREMESSA RELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI DEFINIZIONI NORMATIVA MODELLO OPERATIVO DELLA BANCA Ambito di applicazione della normativa sugli incentivi Ruoli e responsabilità Criteri di rilevazione e valutazione degli incentivi Macro-fattispecie di incentivi pagati/percepiti dalla Banca Informativa alla clientela Registro degli incentivi MODALITÀ DI AGGIORNAMENTO MODIFICHE RIFERIMENTI NORMATIVI E LINEE GUIDA ASSOCIATIVE /12

3 1 Premessa Il presente documento ha come obiettivo quello di illustrare il modello adottato da Banca Leonardo S.p.A. (di seguito la Banca ) per la rilevazione e la gestione degli incentivi in conformità alle disposizioni dell art. 15, comma 2, lett. c) del Regolamento Congiunto Banca d Italia-Consob, secondo le quali gli intermediari adottano, applicano e mantengono procedure di controllo di conformità e di linea che garantiscano il rispetto a tutti i livelli dell intermediario, delle disposizioni adottate per la prestazione dei servizi, ivi comprese le disposizioni relative alla corresponsione e alla percezione di incentivi. La normativa sugli incentivi è volta a dare esecuzione ai principi generali di correttezza e diligenza ed è distinta e complementare rispetto a quella sui conflitti di interesse. 2 Relazioni con altri documenti Le linee guida illustrate nel presente documento sono definite in coordinamento con altre norme emanate dalla Banca. Esse integrano le regole di comportamento da osservare in virtù delle prescrizioni normative esterne ed interne alla Banca. Queste ultime, in particolare, si sostanziano in: Documenti di Corporate Governance: atti a descrivere la struttura di corporate governance della Banca, i meccanismi e le regole generali di funzionamento, coordinamento e controllo del gruppo bancario alla stessa facente capo e delle singole società che ne fanno parte. Rientra in tale categoria il Codice Etico, documento finalizzato a definire i valori e i principi etici nonché comportamentali a cui devono attenersi i componenti degli organi sociali, i dipendenti, i promotori finanziari e i collaboratori del Gruppo. Regolamenti e Deleghe di Poteri: atti a descrivere l articolazione dei poteri e delle deleghe nonché le modalità di gestione di particolari ambiti operativi (es. rischi finanziari e creditizi). Policy, atte a stabilire principi e linee guida comportamentali vincolanti con riferimento alle specifiche tematiche trattate. Procedure Operative, volte a descrivere e disciplinare le attività in cui si articolano i processi aziendali, definendo nel dettaglio ruoli, responsabilità e presidi di controllo. Ordini di Servizio e Comunicazioni Interne, documenti a carattere prescrittivo o informativo riferiti ad ambiti circoscritti e di dettaglio. 3 Definizioni Nella presente Policy le seguenti definizioni hanno il significato sotto indicato: 3/12

4 Incentivi Servizi di investimento Servizi accessori Soggetti rilevanti Per incentivi o inducements si intende qualsiasi compenso, commissione o prestazione non monetaria versata o percepita dalla Banca in relazione alla prestazione di un servizio di investimento o accessorio. Per servizi e attività di investimento si intendono le fattispecie indicate all art. 1, comma 5 del T.U.F. applicabili a Banca Leonardo, ovvero: negoziazione per conto proprio; esecuzione di ordini per conto dei clienti; collocamento con o senza assunzione a fermo o assunzione di garanzia nei confronti dell emittente; gestione di portafogli; ricezione e trasmissione di ordini; consulenza in materia di investimenti. Per servizi accessori si intendono le fattispecie indicate all art. 1, comma 6 del T.U.F. rilevanti per Banca Leonardo, ovvero: la custodia e l amministrazione di strumenti finanziari; la concessione di finanziamenti agli investitori per consentire loro di effettuare un operazione relativa a strumenti finanziari, nella quale interviene il soggetto che concede il finanziamento; L intermediazione in cambi, quando collegata alla prestazione di servizi di investimento. Ai sensi del Regolamento Congiunto Consob Banca d Italia (articolo 2) per soggetti rilevanti si intendono: i componenti degli organi aziendali, soci che in funzione dell entità della partecipazione detenuta possono trovarsi in una situazione di conflitto di interessi, dirigenti o promotori finanziari dell intermediario; dipendenti dell intermediario, nonché ogni altra persona fisica i cui servizi siano a disposizione e sotto il controllo dell intermediario e che partecipino alla prestazione di servizi di investimento e all esercizio di attività di investimento da parte del medesimo intermediario; persone fisiche che partecipino direttamente alla prestazione di servizi all intermediario sulla base di un accordo di esternalizzazione avente per oggetto la prestazione di servizi di investimento e l esercizio di attività di investimento da parte del medesimo intermediario. 4/12

5 4 Normativa Il TUF, i Regolamenti emanati da Consob, il regolamento congiunto Consob e Banca d Italia nonché le linee guida interassociative, costituiscono, nel loro complesso, la normativa nazionale di riferimento in tema di incentivi. L articolo 52 del Regolamento Intermediari, conformemente a quanto previsto dalla normativa comunitaria, dispone, a maggior tutela di correttezza e trasparenza nei confronti del Cliente, il divieto per gli intermediari di ricevere (e offrire) pagamenti o altri benefici, genericamente incentivi o inducements, in connessione alla prestazione di servizi e attività di investimento ad eccezione di: a. compensi, commissioni o prestazioni non monetarie pagati o forniti a o da un cliente o da chi agisca per conto di questi; b. compensi, commissioni o prestazioni non monetarie pagati o forniti a o da un terzo o da chi agisca per conto di questi, qualora siano soddisfatte le seguenti condizioni: b1) l esistenza, la natura e l importo di compensi, commissioni o prestazioni, o, qualora l importo non possa essere accertato, il metodo di calcolo di tale importo sono comunicati chiaramente al cliente, in modo completo, accurato e comprensibile, prima della prestazione del servizio di investimento o accessorio; b2) il pagamento di compensi o commissioni o la fornitura di prestazioni non monetarie è volta ad accrescere la qualità del servizio fornito al cliente e non deve ostacolare l adempimento da parte dell intermediario dell obbligo di servire al meglio gli interessi del cliente; c. compensi adeguati che rendano possibile la prestazione dei servizi o siano necessari a tal fine, come ad esempio i costi di custodia, le commissioni di regolamento e cambio, i prelievi obbligatori o le spese legali, e che, per loro natura, non possano entrare in conflitto con il dovere dell impresa di agire in modo onesto, equo e professionale per servire al meglio gli interessi dei suoi clienti. Gli intermediari, ai sensi del comma 1, lettera b), punto b1), possono comunicare i termini essenziali degli accordi conclusi in materia di compensi, commissioni o prestazioni non monetarie, in forma sintetica, comunicando ulteriori dettagli su richiesta del cliente. Il regime degli incentivi si applica: a tutte le tipologie di pagamenti ricevuti/effettuati, inter alia, dalle banche in relazione alla prestazione dei servizi e delle attività di investimento e/o accessori; a tutti gli strumenti finanziari; a tutte le imprese di investimento disciplinate dalla MiFID, ivi incluse le banche che prestano servizi e attività di investimento e/o accessori; 5/12

6 ai soggetti rilevanti che agiscono per l intermediario in relazione alla prestazione di servizi di investimento e accessori, ove si percepiscano incentivi corrisposti da terzi. Il regime degli incentivi non si applica 1 : ai pagamenti effettuati all interno delle imprese di investimento (es. programmi di bonus interni); alle regalie e alle forme di ospitalità se quantificabili in un valore non significativo e comunque slegate dal raggiungimento di volumi di intermediazione. Si segnala inoltre che, la disciplina sugli incentivi, si applica alle imprese di investimento indipendentemente dal ruolo da esse ricoperto nel flusso di pagamento degli incentivi. A tale riguardo, la Raccomandazione del CESR del 29/05/2007, precisa che quando più entità sono coinvolte nel canale di distribuzione, ogni impresa che presta un servizio di investimento o accessorio deve fornire l informativa in oggetto al Cliente. Ove, pertanto, entrambi i soggetti (colui che paga e colui che riceve l incentivo) siano destinatari della MiFID, entrambi debbono effettuare l informativa. 5 Modello operativo della Banca Nei paragrafi successivi sono illustrate le linee guida adottate dalla Banca per la gestione degli incentivi che dovessero rendersi necessari nella prestazione di un nuovo servizio/prodotto o nella modifica di uno esistente. In particolare vengono analizzati i seguenti aspetti: l ambito di applicazione in termini di servizi di investimento impattati; l individuazione delle funzioni coinvolte nel processo di identificazione e gestione degli incentivi e le relative responsabilità; le macro-fattispecie di incentivi percepiti o pagati dalla Banca; i criteri di valutazione degli incentivi; le modalità di informativa alla clientela degli incentivi percepiti o pagati. 5.1 Ambito di applicazione della normativa sugli incentivi Le norme sugli incentivi si applicano in relazione ai seguenti servizi di investimento prestati dalla Banca alla clientela di Wealth Management: Consulenza in materia di investimenti; 1 Sulla base delle precisazioni fornite dal CESR, le disposizioni dell art 52 del Regolamento Intermediari, non si riferiscono ai pagamenti effettuati all interno delle imprese di investimento (come ad esempio i programmi di bonus interni), sebbene questi possano rilevare ai fini del regime del conflitto di interessi di cui all art. 21 della Direttiva 2006/73/CE (e del corrispondente art. 24 del Regolamento congiunto). 6/12

7 Gestione individuale di portafogli; Collocamento di strumenti finanziari (ad esempio in occasione di OPS e OPV). 5.2 Ruoli e responsabilità Le Unità Organizzative coinvolte nel processo di identificazione e gestione degli incentivi caratterizzanti i servizi di investimento e accessori prestati sono di seguito individuate. Wealth Management: in qualità di Unità Organizzativa della Banca, direttamente interessata alla prestazione del servizio di investimento/accessori, è deputata alla definizione delle condizioni economiche, sia nell ambito dei servizi forniti alla clientela, sia nell ambito degli accordi/convenzioni con terzi soggetti, ha il compito di individuare e verificare ex ante l esistenza e l ammissibilità di eventuali incentivi. Amministrazione: in qualità di Unità Organizzativa che gestisce dal punto di vista contabile i pagamenti da e verso terzi ha il compito di verificare che tali pagamenti siano coerenti con i contratti/convenzioni/accordi. Compliance: la Funzione di Compliance ha il compito di supportare il Wealth Management nella individuazione e verifica ex ante dell'esistenza e dell'ammissibilità di eventuali incentivi relativamente a quanto sopra nonché di controllare e verificare periodicamente ex post l'adeguatezza delle procedure e delle misure adottate e lo stato di aggiornamento del processo di rilevazione degli inducements percepiti/pagati dalla Banca, proponendo, ove necessario, le modifiche organizzative e procedurali volte ad assicurare un'adeguata mitigazione del rischio di non conformità. Ha inoltre il compito di custodire ed aggiornare: la mappatura delle fattispecie di incentivi, in cui sono identificate e classificate le diverse tipologie di commissioni/prestazioni non monetarie ammesse; il registro degli incentivi nel quale viene tenuta traccia di tutti gli incentivi gestiti percepiti/pagati dalla Banca. Unità Organizzative Attività Wealth Management Amministrazione Compliance Individuazione incentivi Effettuazione test ammissibilità Verifica conformità incentivi e test ammissibilità Alimentazione mappatura 7/12

8 delle fattispecie di incentivi Alimentazione registro degli incentivi Ricezione/esecuzione pagamenti incentivi Controllo conformità pagamenti Fig. 2 Schema compiti delle Unità Organizzative coinvolte nel processo di identificazione e valutazione degli incentivi. Per maggiori dettagli sulle attività di competenza delle Unità Organizzative coinvolte si rimanda ad apposita procedura organizzativa sulla rilevazione e gestione degli incentivi. 5.3 Criteri di rilevazione e valutazione degli incentivi Premesso che gli incentivi classificati come legittimi in sé sono sempre ammessi, è necessaria un accurata analisi delle condizioni di ammissibilità per quegli incentivi che possono essere legittimi al verificarsi di determinate condizioni previste dalla normativa. In particolare, i requisiti di legittimità consistono nell assicurare che gli incentivi: siano volti ad accrescere la qualità del servizio fornito al cliente; non ostacolino l adempimento da parte dell impresa del dovere di servire al meglio gli interessi dei clienti. La valutazione della legittimità dell incentivo deve essere effettuata sulla base dei seguenti principi: deve essere svolta ex-ante; deve essere unitaria, nel senso che le due condizioni sopra indicate devono essere soddisfatte; devono essere presi in considerazione i seguenti fattori 2 : a. il tipo di servizio di investimento o servizio accessorio fornito al cliente; b. il beneficio atteso dal cliente, inclusa la natura e la misura del beneficio; 2 Raccomandazione n. 4 del CESR. 8/12

9 c. l eventuale esistenza di un motivo per la banca di agire in modo diverso dal migliore interesse per il cliente e se tale motivo è in grado di poter modificare il comportamento della Banca; d. la relazione tra la banca e la persona giuridica che riceve o fornisce il beneficio (il mero fatto che esistano relazioni di gruppo non è da solo una considerazione rilevante); e. la natura dell incentivo, le circostanze nelle quali è pagato o fornito e quali condizioni sono ad esso legate. Nell analisi delle suddette condizioni di ammissibilità, occorre preventivamente individuare la tipologia di servizio reso al Cliente e le specifiche obbligazioni, contrattuali e non contrattuali, collegate al servizio medesimo. Il processo di valutazione della legittimità degli incentivi dettagliato viene descritto in apposita procedura operativa. 5.4 Macro-fattispecie di incentivi pagati/percepiti dalla Banca Di seguito sono riportate le macro-fattispecie di incentivi pagati/percepiti dalla Banca nell ambito dei servizi di investimento prestati alla clientela di Wealth Management: Tipo Tipologia di incentivo Condizioni per l ammissibilità dell incentivo Percepito Percepito Retrocessione commissioni di gestione e/o distribuzione e commissioni di ingresso sul collocamento di OICR Fornitura di studi e ricerche da parte dei broker utilizzati nell ambito del servizio di gestione Nell ambito del servizio di collocamento la Banca percepisce dalle società prodotto una retrocessione di parte delle commissioni pagate dal cliente per la sottoscrizione dell OICR, a condizione che tale incentivo sia compreso in un range che ne garantisca l omogeneità da prodotto a prodotto, senza effetti potenzialmente distorsivi sulla remunerazione agli RM. Le retrocessioni percepite sono definite nell ambito delle convenzioni di collocamento stipulate dalla Banca con le società prodotto. La Banca ha adottato, inoltre, misure che garantiscono la neutralità della selezione degli OICR da proporre alla clientela rispetto ai livelli retrocessionali. La banca non percepisce tali incentivi nell ambito del servizio di gestione. La Banca li percepisce da c.d. care broker utilizzati nell ambito delle gestioni studi e ricerche in materia di investimenti, a condizione che soddisfino i requisiti di cui alla comunicazione CONSOB DIN/ del 14 gennaio /12

10 Tipo Tipologia di incentivo Condizioni per l ammissibilità dell incentivo Percepito Pagato Pagato Pagato Retrocessione commissioni di collocamento nell attività di raccolta ordini nell ambito di operazioni di collocamento di strumenti finanziari (ad esempio OPS e OPV) Retrocessione commissioni di gestione ai soggetti distributori delle gestioni di portafogli della Banca Compensi a soggetti cd. segnalatori di pregi 3 Retrocessione commissioni di gestione, rebates sulle commissioni di collocamento incassate e delle commissioni nette di intermediazione La Banca percepisce tali incentivi quale compenso per il servizio offerto che concorre ad ampliare la gamma dei prodotti a disposizione della clientela. La Banca retrocede ai collocatori delle proprie gestioni una percentuale della commissione di gestione applicata al cliente, come definita nell ambito dei contratti di distribuzione, nel rispetto di un range al quale tutti i contratti di tale tipologia devono attenersi. La Banca paga ai soggetti cd. segnalatori di pregi un compenso sulla base delle masse conferite dai soggetti segnalati effettivamente diventati clienti. La remunerazione è definita sulla base di accordi contrattuali che garantiscono la non distorsione del servizio (ad esempio, con una differenziazione per servizio o una commissione di mantenimento ) Compenso monetario che la Banca paga a soggetti terzi con i quali sono contrattualizzati accordi di segnalazione. Tale compenso viene calcolato trimestralmente sulla base degli investimenti effettivamente effettuati dai clienti segnalati ed è di importo pari al 50% delle commissioni generate. Tale incentivo è contrattualmente previsto che venga accreditato per intero ai clienti stessi. Eventuali nuove macro-fattispecie verranno valutate dalla Funzione di Compliance che valuterà altresì la necessità di aggiornamento della presente Policy. 5.5 Informativa alla clientela Ulteriore condizione di ammissibilità degli incentivi è che l esistenza, la natura e l importo di compensi, commissioni o prestazioni, o, qualora l importo non possa essere accertato, il metodo di calcolo di tale importo, siano comunicati chiaramente al cliente, in modo completo, accurato e comprensibile, prima della prestazione del servizio di investimento o accessorio. Al fine di garantire la massima trasparenza possibile nei rapporti con i clienti, indipendentemente dal ruolo ricoperto nel flusso di pagamento delle stesse, la Banca fornisce adeguata disclosure alla clientela, sulle commissioni esistenti sulla base dei seguenti principi: 3 Si veda al riguardo la Procedura PO10/003 Attività di segnalazione di pregi. 10/12

11 l informativa venga fornita all interno della documentazione contrattuale e consegnata al cliente prima della prestazione del servizio; l informativa venga fornita in forma sintetica a tutti i clienti e ulteriori informazioni possano essere richieste dal cliente al Relationship Manager di riferimento; l informativa contenga la misura percentuale puntuale o relativa all entità minima e massima del compenso; eventuali modifiche vengano comunicate alla clientela con le modalità previste contrattualmente. La presente Policy è disponibile sul sito internet della Banca. 5.6 Registro degli incentivi Sulla base delle macro-fattispecie definite nel presente documento, la Banca ha previsto lo svolgimento di un attività di mappatura degli incentivi esistenti. L obiettivo della mappatura è stato quello di individuare e valutare gli incentivi esistenti nell ambito dei servizi di investimento ed accessori offerti dalla Banca e di effettuare eventuali interventi correttivi nel caso di presenza di incentivi non ammissibili. Tale mappatura viene riportata in un registro degli incentivi dove vengono riportati i dettagli di tutti gli incentivi individuati e gestiti dalle strutture preposte. La manutenzione del registro avviene a cura della Funzione di Compliance. La struttura del registro e le modalità di aggiornamento sono descritte nella procedura organizzativa sulla rilevazione e gestione degli incentivi. 6 Modalità di aggiornamento La presente Policy, adottata nella sua prima formulazione con delibera del C.d.A., è sottoposta a costante aggiornamento da parte delle strutture deputate. Le modifiche successive, se non rilevanti, vengono approvate dall AD, ove nominato, o dal DG e, se ritenuto necessario, portate per conoscenza al primo C.d.A. utile. 7 Modifiche Rispetto alla precedente versione è stata attribuita alla Funzione di Compliance la responsabilità di manutenzione della mappatura delle fattispecie di incentivi e del registro degli incentivi. 11/12

12 8 Riferimenti normativi e Linee Guida associative Direttiva n. 2004/39/CE (c.d. Direttiva MiFID I). Direttiva n. 2006/73/CE (c.d. Direttiva MiFID II). Decreto Legislativo n. 58/ Testo Unico della Finanza ( TUF ). Regolamento della Banca d Italia e della Consob ai sensi dell articolo 6, comma 2-bis, del testo unico della finanza del 29 ottobre 2007 (Regolamento Congiunto) art. 15 c.2 lett. C). Regolamento Consob n / Norme di attuazione del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 in materia di intermediari ( Regolamento Intermediari o RI ) art. 52. Consob Prime linee di indirizzo in tema di inducements del 30 ottobre Comunicazione CONSOB DIN/ del 14 gennaio Misure di livello 3 concernenti la tematica della ricerca in materia di investimenti nel rapporto tra gestore e negoziatore. CESR Inducements under MiFID Recommendations del 29 maggio 2007 misure di livello 3. CESR Inducements: Good and poor practices. Linee Guida interassociative in tema di rapporti tra la Funzione di Compliance e le altre funzioni coinvolte nella definizione delle politiche commerciali con riferimento alla prestazione dei servizio di investimento, accessori e di distribuzione di prodotti finanziari. 12/12

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A.

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. 25 Giugno 2010 POLICY di MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. Gestione, disclosure e monitoraggio degli incentivi ( Inducements ) versati e/o percepiti dalla Banca nella prestazione dei servizi

Dettagli

BANCA LEONARDO S.P.A.

BANCA LEONARDO S.P.A. BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY SINTETICA PER L INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENI- MENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NEL- LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E/O ACCESSORI MILANO,

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi nella prestazione di servizi di investimento e accessori SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 Premessa Iccrea Banca S.p.A. (la Banca

Dettagli

STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI

STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI BANCA POPOLARE VESUVIANA SOCIETA COOPERATIVA STRATEGIA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Delibera Conso n. 16190 Titolo V Incentivi Art. 52 del Regolamento Intermediari Direttiva comunitaria MiFID 2004/39 CE

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI 1. Premessa... 2 2. Definizione di conflitto di interesse... 2 3. Individuazione delle fattispecie generatrici di conflitto di interesse... 3 3.1 Servizi

Dettagli

POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A.

POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. POLITICA IN TEMA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Approvata dal consiglio d'amministrazione in data 30 gennaio 2017 Versione 2.0 Innovazione Finanziaria SIM S.p.A. Sede Legale:

Dettagli

Policy di gestione dei conflitti di interesse

Policy di gestione dei conflitti di interesse Policy di gestione dei conflitti di interesse approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 01 marzo 2017 Policy gestione conflitti di interesse 2 / 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. SOGGETTI RILEVANTI...

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE E LA RILEVAZIONE DEGLI INCENTIVI

POLICY PER LA GESTIONE E LA RILEVAZIONE DEGLI INCENTIVI POLICY PER LA GESTIONE E LA RILEVAZIONE DEGLI INCENTIVI PROCESSO FINANZA BANCA DELL ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO Documento adottato con delibera del C.d.A. n. 278 del 13/06/2013 Ultimo aggiornamento

Dettagli

POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0

POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0 POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0 Innovazione Finanziaria SIM S.p.A. Sede Legale: Via F. Casati, 1/A - 20124 Milano, Italia Sede Operativa:

Dettagli

Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali

Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali Nuove prospettive della consulenza: fra regole e politiche commerciali CeTIF 16 aprile 2008 1 Il focus: la consulenza nella distribuzione di prodotti finanziari La disciplina dei servizi di investimento

Dettagli

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017

CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 CONSULENTIA 17 Convegno inaugurale, 15 febbraio 2017 LA CONSULENZA FINANZIARIA ALLA LUCE DELLA MiFID II: PROFILI GIURIDICI Francesco Di Ciommo Ordinario di Diritto Privato, Università Luiss Guido Carli

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI o INDUCEMENTS POLICY

POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI o INDUCEMENTS POLICY POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI o INDUCEMENTS POLICY BCC di Spello e Bettona soc coop Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 08/09/2010 ai sensi dell art. 15 c. 2 del

Dettagli

Veneto Banca scpa. Policy SINTESI. Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse. e di Rilevazione e gestione degli Incentivi

Veneto Banca scpa. Policy SINTESI. Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse. e di Rilevazione e gestione degli Incentivi Veneto Banca scpa Policy SINTESI Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse e di Rilevazione e gestione degli Incentivi Funzione Proponente Conformità Normativa Funzione Autorizzatrice Compliance/Organizzazione

Dettagli

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE INDICE 1. Informazioni sulla Società ed attività autorizzate... 3 2. Autore del manuale delle procedure interne... 4 3. Finalità del manuale... 4 4. Contenuto

Dettagli

MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2)

MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) v. del 20/12/2012 confermata il 11/12/2014 PREMESSA In conformità alle disposizioni previste dalla Direttiva

Dettagli

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1 di 5 Politica di Trasmissione degli Ordini Vegagest Immobiliare Sgr S.p.A. 07/04/2009 INDICE POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 1. INTRODUZIONE... 3 2. OGGETTO

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI Adottata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 FEBBRAIO 2008 Confermata dal Consiglio

Dettagli

1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA!

1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA! 1 Milano, 27 marzo 2014 PROMOTORI, SGR E MIFID II: L ITALIA E PRONTA! 2 Milano, 27 marzo 2014 MIFID II: ALCUNI DEI PRESIDI A TUTELA DELL INVESTITORE 1. I requisiti in materia di governance dei prodotti

Dettagli

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Milano, 16 aprile 2008 Paolo Scotti 1 Agenda Conflitti di interesse Inquadramento normativo: sintesi e ambito di applicazione Tipologie

Dettagli

POLICY Gestione Conflitti di Interesse

POLICY Gestione Conflitti di Interesse POLICY Gestione Conflitti di Interesse [ Pagina Bianca ] Gestione dei conflitti di interesse 1 INDICE Introduzione... 3 Identificazione dei conflitti di interesse... 4 Politica di gestione dei conflitti

Dettagli

Strategia di rilevazione e gestione degli incentivi della Banca di Credito Cooperativo di Roma

Strategia di rilevazione e gestione degli incentivi della Banca di Credito Cooperativo di Roma Strategia di rilevazione e gestione degli incentivi della Banca di Credito Cooperativo di Roma Strategia di rilevazione e gestione degli incentivi - 1 NNOO RR MM INDICE PREMESSA... 3 LINEE GUIDA PER LA

Dettagli

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE N B.2 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24/02/2016 Data di efficacia: 24/02/2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 MAPPATURA DEI CONFLITTI

Dettagli

Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami

Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami Alkimis SGR S.p.A. Procedura trattazione dei reclami (Approvata dal CdA 28/10/2015) 1 Sommario 1. Normativa di riferimento... 3 2. Contenuto della procedura e informativa alla clientela... 4 3. Reclamo:

Dettagli

LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR, LE SICAV E LE SICAF LINEE GUIDA

LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR, LE SICAV E LE SICAF LINEE GUIDA LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR, LE SICAV E LE SICAF LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida sono state validate dalla CONSOB in data 27 aprile 2015, in esito alla procedura pubblicata

Dettagli

LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA

LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA LA DISCIPLINA SUGLI INCENTIVI PER LE SGR E LE SICAV LINEE GUIDA Versione inviata alla CONSOB in data 5 maggio 2008 per un primo confronto. INDICE INTRODUZIONE... 3 PARTE I - Ambito di applicazione della

Dettagli

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi Cassa Raiffeisen Silandro

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi Cassa Raiffeisen Silandro Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi Cassa Raiffeisen Silandro f.to Ohrwalder Dott. Erich Marzo 2016 approvata dal CdA in data 17/03/2016 Indice PREMESSA... 3 LINEE GUIDA PER LA

Dettagli

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

b) assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento dell OICR interessato; c) prevenire

b) assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento dell OICR interessato; c) prevenire Fideuram Investimenti SGR S.p.A. Strategia per l esercizio dei diritti di voto detenuti nel portafoglio degli OICR gestiti (ai sensi dell art. 34 del Regolamento Banca d Italia/Consob del [19 gennaio 2015])

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse Politica di gestione dei conflitti di Allegato 1 Mappatura dei conflitti di di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni

Dettagli

Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse

Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse 1. Premessa Come tutti gli intermediari finanziari, EUROMOBILIARE ASSET MANAGEMENT SGR SPA (di seguito, anche la SGR ), che fa parte del Gruppo

Dettagli

Policy sulla gestione del conflitto di interessi. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 18/06/2012

Policy sulla gestione del conflitto di interessi. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 18/06/2012 Policy sulla gestione del conflitto di interessi Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IDENTIFICAZIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA

Dettagli

Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum

Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum Politica di classificazione della clientela adottata da Banca Mediolanum Edizione ottobre 2008 Versione 2.0 Indice INDICE... 2 1 PREMESSA... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 3 3 REGOLE DI CLASSIFICAZIONE

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE TERZA Capitolo 7 CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DI SOCIETÀ VEICOLO PER LA CARTOLARIZZAZIONE EX LEGGE 130/1999 Sezione I Disposizioni di carattere generale Capitolo 7 CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI

Dettagli

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti

La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti CONVEGNO ABI COMPLIANCE IN BANKS 2009 DALLE REGOLE ALLE STRATEGIE DI BUSINESS La compliance alle regole sui servizi di investimento: aspetti rilevanti Giuseppe D AGOSTINO CONSOB Responsabile Divisione

Dettagli

Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob. Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento.

Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob. Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento. Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento. La regolamentazione vigente prevede che, per la valutazione dei beni immobili

Dettagli

Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob. Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento.

Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob. Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento. Comunicazione congiunta Banca d Italia Consob Oggetto: Processo di valutazione dei beni immobili dei fondi comuni di investimento. La regolamentazione vigente prevede che, per la valutazione dei beni immobili

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Compliance in Banks 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni IL REGIME DEI CONFLITTI DI INTERESSE E DEGLI INDUCEMENT DAL PUNTO

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO III Capitolo 2 CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DI SOCIETÀ VEICOLO PER LA CARTOLARIZZAZIONE EX LEGGE 130/1999 Sezione I Disposizioni di carattere generale Titolo III - Capitolo 2 CONCESSIONE

Dettagli

Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi

Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi Approvata dal CdA in data 15 febbraio 2012 Pagina 1 di 16 INDICE PREMESSA Pag. 3 LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI Pag.

Dettagli

Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse

Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse Individuazione, gestione e comunicazione dei Conflitti di Interesse Gestione dei Conflitti diiinteressi INDICE A - PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...3

Dettagli

Regolamento per la gestione dei conflitti di interesse

Regolamento per la gestione dei conflitti di interesse Regolamento per la gestione dei conflitti di interesse Gennaio 2014 delibera CdA n. 2/2014 approvata il 23/01/2014 note ordine di servizio n. 3/2014 emanato dal Direttore Generale il 13 febbraio 2014.

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DOCUMENTO DI PUBBLICA TESTO UNICO DELLA FINANZA MODIFICHE ARTICOLI PARTI I II IV V VI maggio 2016 Relazione illustrativa Il Ministero dell Economia ha avviato la

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A., CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Dicembre 2004

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A., CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Dicembre 2004 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A., CODICE ETICO E DI CONDOTTA Dicembre 2004 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART.

REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART. REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART. 118-BIS DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 2 marzo 2007 Le osservazioni al presente

Dettagli

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 Indice I. Premessa... 3 II. Obiettivi... 3 III. Perimetro normativo di riferimento... 3 IV. Attività svolta... 4 4.1 Consulenza... 4 4.2 Controlli...

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Servizi di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La Banca è esposta a situazioni di ogniqualvolta: - lo strumento o oggetto del servizio risulti emesso da

Dettagli

Lezione I servizi di investimento

Lezione I servizi di investimento Lezione I servizi di investimento Obiettivi Analizzare la disciplina dei servizi di investimento Individuare gli intermediari abilitati I servizi di investimento Il TUF, all art. 1, comma 5, individua

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse di Tipologia di di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La Banca è esposta a situazioni di di ogniqualvolta: lo strumento o oggetto del servizio risulti di propria emissione il servizio venga prestato

Dettagli

1 Sezione III per la parte consolidata.

1 Sezione III per la parte consolidata. Comunicazione del 30 giugno 2016 Quesiti in materia di segnalazioni statistiche di vigilanza sui servizi di investimento. Da parte di banche e SIM sono pervenute talune richieste di chiarimento in merito

Dettagli

Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106

Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106 Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106 ROBERTO BRAMATO D O T T O R E I N E C O N O M I A D E L L E I S T I T U Z I O N I E D E I M E R C A T I F I N A N Z I A R I H T T P

Dettagli

IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE!

IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE! IL MEDIATORE CREDITIZIO INDIPENDENTE. (RECTE) IL CONSULENTE BANCARIO INDIPENDENTE! Maddalena Marchesi * L introduzione della figura del consulente (bancario) indipendente è tra le modifiche apportate dall

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Determinazione dirigenziale n. 1 del adottata dall Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro del Sud Milano a.s.c.

Determinazione dirigenziale n. 1 del adottata dall Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro del Sud Milano a.s.c. Determinazione dirigenziale n. 1 del 07.01.2015 adottata dall Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro del Sud Milano a.s.c. OGGETTO: RINNOVO INCARICO SUPPORTO CONSULENZIALE QUALIFICATO PRESIDENTE

Dettagli

La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review

La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review ASCOSIM 2 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia di investimenti: modelli di servizio e MiFID review Milano, 19 marzo 2012 Tiziana Togna CONSOB Responsabile Divisione Intermediari

Dettagli

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015 Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** 2015 CDA 11/03/2015 INDICE 1. PREMESSA...3 2. CONTENUTI E RELAZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...4 3. PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E GESTIONE

Dettagli

La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte

La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte S T U D I O R E T T E R S R L A S O C I O U N I C O VIA CORRIDONI, 11-20122 MILANO

Dettagli

II.3 LA BANCA D ITALIA

II.3 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 29 aprile 2011 - Disposizioni in materia di obblighi informativi e statistici delle società veicolo coinvolte in operazioni di cartolarizzazione LA BANCA D ITALIA Visto il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI TRATTATI DAGLI UFFICI COMUNALI

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI TRATTATI DAGLI UFFICI COMUNALI Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 41 di data 26.10.2000 Il segretario comunale f.to d.ssa Claudia Visani COMUNE DI NAVE SAN ROCCO Provincia di Trento REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA

Dettagli

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA DOCUMENTO SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Definizione delle categorie di clientela e tutele accordate La classificazione del cliente è un aspetto centrale e preliminare alla prestazione di qualsiasi

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE CAPITOLO PRIMO NOTAZIONI INTRODUTTIVE 1. I temi trattati................................... 1 2. La complessità del sistema normativo..................... 2 3. Cenni a strumenti finanziari, valori mobiliari,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Ricevuta Pagata (R/P)

Ricevuta Pagata (R/P) (art. 52 eg. Descrizione icevuta (/) Accrescimento della qualità del Considerazioni CES lett. a 1.1 icezione e trasmissione di ordini di ricezione e trasmissione ordini di compravendita di strumenti finanziari

Dettagli

N. 2 DEL 16 FEBBRAIO Consultazioni. Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line.

N. 2 DEL 16 FEBBRAIO Consultazioni. Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line. N. 2 DEL 16 FEBBRAIO 2013 Consultazioni Osservazioni al questionario Consob su raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line. Il decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 ( c.d. Decreto crescita

Dettagli

Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Adottata dal CdA nella seduta del 18 aprile 2016 In vigore dal 19 aprile 2016 SOMMARIO 1 INFORMATIVA SULLA

Dettagli

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Una disciplina organica sul conflitto di interesse nella prestazione dei servizi d investimento e accessori compare con la direttiva MiFID

Dettagli

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 4 La relazione di annuale di compliance e i flussi informativi. Milano, 31 maggio 2012

Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca. Modulo 4 La relazione di annuale di compliance e i flussi informativi. Milano, 31 maggio 2012 Percorso Professionalizzante per la Compliance in banca Modulo 4 La relazione di annuale di compliance e i flussi informativi Milano, 31 maggio 2012 Sede ABI - Via Olona, 2 La Delibera Consob 17297 Gli

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI D INVESTIMENTO POLITICHE DI GESTIONE

REGOLAMENTO SERVIZI D INVESTIMENTO POLITICHE DI GESTIONE REGOLAMENTO SERVIZI D INVESTIMENTO POLITICHE DI GESTIONE VERSIONE: Approvato con delibera C.d.A. del 13/06/2017 1 di 31 Sintesi dei principali contenuti Politica di gestione dei conflitti di interesse

Dettagli

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi VERSIONE APRILE 2011 INDICE PREMESSA... 3 LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI... 5 FASE I - ASSEGNAZIONE DEI RUOLI

Dettagli

INFORMATIVA SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI DELL ANNO 2015

INFORMATIVA SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI DELL ANNO 2015 INFORMATIVA SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI DELL ANNO 2015 ESTRATTO DALLA RELAZIONE DELLA FUNZIONE DI CONTROLLO DI CONFORMITA SULL ATTIVITA SVOLTA NEL 2015 1 Informazioni generali Banca Mediolanum

Dettagli

Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami

Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami Anno 2015 Indice 1. Introduzione pag. 3 2. Assetto organizzativo/procedurale dell Ufficio Reclami pag. 4 3. Reclami pervenuti nell esercizio 2015

Dettagli

CODICE DI INTERNAL DEALING

CODICE DI INTERNAL DEALING CODICEDIINTERNALDEALING CODICE DI INTERNAL DEALING Premessa Il presente Codice di comportamento Internal Dealing (il Codice ), approvato dal Consiglio di Amministrazione di Mediobanca, è adottato ai sensi

Dettagli

DIGITAL BROS S.p.A. PROCEDURA IN MERITO ALLA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI SIGNIFICATIVE E IN CUI UN AMMINISTRATORE RISULTI PORTATORE DI INTERESSE

DIGITAL BROS S.p.A. PROCEDURA IN MERITO ALLA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI SIGNIFICATIVE E IN CUI UN AMMINISTRATORE RISULTI PORTATORE DI INTERESSE DIGITAL BROS S.p.A. PROCEDURA IN MERITO ALLA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI SIGNIFICATIVE E IN CUI UN AMMINISTRATORE RISULTI PORTATORE DI INTERESSE Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 11 novembre

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE E: IMPIEGO DI CITTADINI DI PAESI TERZI IL CUI SOGGIORNO

Dettagli

Regole interne per la negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Binasco Credito Cooperativo

Regole interne per la negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Binasco Credito Cooperativo Regole interne per la negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale ed Artigiana di Binasco Credito Cooperativo Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione

Dettagli

POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE POLICY PER L INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENIMENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E/O ACCESSORI,

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO 7 giugno 2017. Disposizioni in materia di obblighi informativi e statistici delle società veicolo coinvolte in operazioni di cartolarizzazione.

Dettagli

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # #

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # # Allegato II Informazioni sulle remunerazioni per finalità di benchmarking - GL EBA 2014/8 Schema n. 1 - Informazioni sulle remunerazioni di tutto il personale Codice della banca, della SIM o del gruppo

Dettagli

approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 11/02/2016

approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 11/02/2016 Informativa ex post in merito all attuazione delle politiche di remunerazione a favore dei componenti degli organi aziendali, dei dipendenti e dei collaboratori della Banca A.G.C.I. S.p.A. riferita all

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013 Pag. 1 di 13 SOMMARIO

Dettagli

MODULO 2 ex D.Lgs. n.231/2001 MODELLO ORGANIZZATIVO

MODULO 2 ex D.Lgs. n.231/2001 MODELLO ORGANIZZATIVO MODULO 2 ex D.Lgs. n.231/2001 MODELLO ORGANIZZATIVO 1 1 Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 in materia di responsabilità delle imprese per reati commessi da dipendenti, amministratori o collaboratori 2 2

Dettagli

COMPLIANCE PENALE Adozione ed Aggiornamento del Modello 231 Approccio Operativo

COMPLIANCE PENALE Adozione ed Aggiornamento del Modello 231 Approccio Operativo COMPLIANCE PENALE Adozione ed Aggiornamento del Modello 231 Approccio Operativo Avv. Luigi Pecorario Pagina2 La Compliance nel settore del diritto Penale, intesa come conformità alle disposizioni normative,

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO. Assemblea ordinaria

ORDINE DEL GIORNO. Assemblea ordinaria RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE DI APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI DELLE AZIONI ORDINARIE DI TRIBOO S.P.A. SUL MERCATO TELEMATICO AZIONARIO,

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2004O0013 IT 22.12.2004 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B M1 INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 1 o luglio

Dettagli

Prot Roma, 19 dicembre 2007

Prot Roma, 19 dicembre 2007 Prot. 125367 Roma, 19 dicembre 2007 Oggetto: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 14 dicembre 2007 Supplemento Ordinario, n. 268

Dettagli

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n.

Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. DOCUMENTO INFORMATIVO DI FIDEURAM INVESTIMENTI Società di Gestione del Risparmio Il presente documento informativo è relativo al servizio di gestione collettiva del risparmio, riferimento codice n. 1 PRIMO

Dettagli

Policy aziendale in tema di incentivi nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento

Policy aziendale in tema di incentivi nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

La compliance con la MiFID

La compliance con la MiFID La compliance con la MiFID Andrea Perrone Università Cattolica del Sacro Cuore Milano, 5 maggio 2010 CeTIF - Università Cattolica del Sacro Cuore Una nota di metodo Le regole di comportamento introdotte

Dettagli

Descrizione del tipo di attività Variabili che Influenzano il prezzo Agevolazioni PiùBorsa

Descrizione del tipo di attività Variabili che Influenzano il prezzo Agevolazioni PiùBorsa Partner: Nome referente PiùBorsa*: Avv. Fabrizio Iliceto *(solo se diverso dal referente della Partnership Equity Market) 1 - Realizzazione dello studio di fattibilità dell'operazione di ammissione a quotazione

Dettagli

CORSO PER AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. La disciplina in tema di intermediazione assicurativa

CORSO PER AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. La disciplina in tema di intermediazione assicurativa CORSO PER AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI La disciplina in tema di intermediazione assicurativa 1 Destinatari del corso I soggetti che, ai sensi del Regolamento Isvap n.5/2006, devono

Dettagli

Policy per la valutazione degli incentivi

Policy per la valutazione degli incentivi Policy per la valutazione degli incentivi 15 Maggio 2012 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. DEFINIZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2.1. INCENTIVI LEGITTIMI IN SÉ... 3 2.2. INCENTIVI LEGITTIMI SOLO A DETERMINATE

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 L evoluzione del ruolo della Funzione Compliance nei servizi di investimento David Sabatini Responsabile Settore Finanza ABI L'evoluzione del ruolo della Funzione

Dettagli

FORMAZIONE PER LA CONSULENZA Patrimonio: PATRIMONIALE:

FORMAZIONE PER LA CONSULENZA Patrimonio: PATRIMONIALE: Tutela LA e FORMAZIONE Trasmissione del PER LA CONSULENZA Patrimonio: PATRIMONIALE: servire il cliente Aida nella Maisano UN CASO CONCRETO Ageing Society Direttore ABIFormazione Convegno ASCOSIM Roma,

Dettagli

Gestione dei Reclami

Gestione dei Reclami Gestione dei Reclami Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 19/01/2012 1 di 7 Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Ambito normativo... 3 3. Definizioni... 4 4. Descrizione della procedura...

Dettagli

REGOLAMENTO SUI LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

REGOLAMENTO SUI LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO REGOLAMENTO SUI LIMITI AL CUMULO DEGLI INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO Approvato dall Assemblea degli Azionisti del 5 maggio 2014 Pagina 1 di 9 I N D I C E PARTE PRIMA: NORMATIVA 1) Normativa

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI

STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI DI INTERVENTO E DI VOTO INERENTI GLI STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI DAI PORTAFOGLI GESTITI Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 INDICE Premessa... 3 1. Strategia

Dettagli

Ufficio Studi Sonia Ciccolella e Mattia Suardi Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea

Ufficio Studi Sonia Ciccolella e Mattia Suardi Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea Proposta di Regolamento delegato, Direttiva IDD consultazione della Commissione europea Premessa. La Commissione europea ha aperto una consultazione (scadenza: 17 agosto 2017) dedicata alla bozza di Regolamento

Dettagli

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2016

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2016 INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2016 Marzo 2017 1. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a rendere

Dettagli