ALLEGATO A NOTA INTRODUTTIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A NOTA INTRODUTTIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013. Atti 136090/5.3/2012/8 Allegato A/pag. 1"

Transcript

1 ALLEGATO A NOTA INTRODUTTIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 1

2 NOTA INTRODUTTIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 PREMESSA Il riferimento programmatico di base del bilancio di previsione è rappresentato dalle Linee di Mandato presentate dal Presidente on. Guido Podestà ed approvate dal Consiglio provinciale con deliberazione n 26/2009 del Un altro documento di rilevante importanza è costituito dalla Relazione Previsionale e Programmatica , allegata al presente bilancio. All inizio del mandato amministrativo in corso non era prevedibile che, nel giro di pochi anni, il sistema delle Province fosse posto drasticamente in discussione e si generassero grandi incertezze riguardo ai possibili nuovi assetti. Il dl. 201/2011 convertito con modificazioni nella l. 22/12/2011 ha limitato le competenze delle province alle funzioni di indirizzo e coordinamento delle attività dei comuni nelle materie e nei limiti indicati con legge statale o regionale, senza più prevedere la Giunta (art. 23). Successivamente, il dl. 6/7/2012, n. 95, art. 17 convertito dalla l. 7/8/2012, n. 135, ha previsto un percorso di riordino delle Province con l obiettivo di diminuirne il numero sulla base di requisiti minimi in termini di territorio e popolazione. In attesa del riordino sono state attribuite in via transitoria le funzioni di pianificazione territoriale provinciale, tutela e valorizzazione dell ambiente, pianificazione dei servizi di trasporto, costruzione, classificazione e gestione delle strade provinciali, programmazione della rete scolastica ed edilizia scolastica relativa alle scuole secondarie di secondo grado. Dal 1 gennaio 2014 si è prevista l istituzione delle Città metropolitane: fra queste è inclusa la Città metropolitana di Milano. Alle Città metropolitane sono attribuite anche le funzioni di pianificazione territoriale generale e delle reti infrastrutturali, la strutturazione dei sistemi dei servizi pubblici e organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano, mobilità e viabilità, promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale (art. 18). Il processo di riordino delle circoscrizioni provinciali a fronte delle difficoltà e delle obiezioni insorte non è giunto a buon fine e il dl. 188/2012, che definiva i nuovi ambiti territoriali, non è stato convertito in legge. Con la crisi di Governo e la fine della legislatura, si è solo potuto, con la legge di stabilità (l. 24/12/2012, n. 228), rimandare al 31/12/2013 il termine per la riforma delle Province (art. 1, c. 115). Inoltre si è stabilito che il presidente, la giunta e il consiglio delle Province restano in carica fino alla naturale scadenza dei loro mandati. Riguardo alle città metropolitane fino al 31/12/2013 è sospesa l applicazione delle disposizioni dell art. 18 del citato dl. 95/2012 che, fra l altro, norma la procedura per l adozione dello statuto definitivo di queste nuove realtà istituzionali. Nel frattempo continuano ad essere commissariate le Province i cui organi istituzionali sono già scaduti o lo saranno nel corso del Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 2

3 Evidentemente l assetto delle Province o di altre realtà amministrative che ne raccolgano le funzioni è del tutto indefinito e il bilancio e la programmazione triennali non possono che essere formulati a legislazione vigente. Ma non basta. Come si vedrà anche nelle prossime pagine, sulle Province si è abbattuta una serie micidiale di tagli alle risorse finanziarie. Per il 2012 il dl. 78/2012 ha imposto un taglio al sistema delle province di 500 milioni; il dl. 201 ha aggiunto 415 milioni e infine il dl. 95 ha imposto altri 500 milioni che diventano nel 2013 e che la l. 228/2012 (legge di stabilità) incrementa a Per capire l entità di questi tagli, si pensi che la spesa corrente delle province nel 2011 era pari a milioni. La somma dei tagli richiamati è milioni pari ad un quarto della spesa corrente. I tagli sono stati lineari: quelli derivanti dal dl. 95/2012 hanno utilizzato come riferimento i consumi intermedi. Ne consegue che la generalità del criterio utilizzato non ha permesso la considerazione di situazioni specifiche con il risultato di attivare numerosi ricorsi da parte delle amministrazioni provinciali depositati presso il Tar del Lazio. Nell ultimo riparto il Ministero ha adottato alcuni correttivi nella ripartizione dei tagli con il risultato di risolvere i problemi di qualche provincia a scapito di altre. Il principio di invarianza della decurtazione a carico delle Province si è risolto in un gioco a somma zero del quale la Provincia di Milano sopporta pesanti conseguenze. Nonostante negli ultimi anni si siano succedute le rilevazioni dei costi standard, questi ultimi continuano ad essere ignorati nella determinazione dei trasferimenti erariali, svuotando il meccanismo del federalismo fiscale e lasciando perdurare un assetto ancora basato sui costi storici. La predisposizione del bilancio di previsione è stata dunque resa particolarmente difficile e faticosa, oltre che dal ridimensionamento di importanti entrate tributarie, dall incremento delle somme da trasferire all amministrazione centrale dello Stato: si è determinata una contrazione delle spese correnti (non finalizzate) che non trova precedenti e tocca livelli non mantenibili nel medio/lungo periodo. Contemporaneamente, lo sforzo richiesto alla Provincia di Milano, per il riequilibrio delle finanze italiane attraverso continui innalzamenti dell obiettivo del Patto di Stabilità interno, diviene sempre più consistente. L obiettivo del 2011 era pari a 31,7 milioni di euro, nel 2012 il valore è 75,1 milioni di euro e balza a 95 milioni per l esercizio in corso. Il Patto di Stabilità rappresenta una criticità molto rilevante. A fronte di un obiettivo che impone un surplus di entrate rispetto alle spese, dal rendiconto 2012 emergono residui passivi di spese in conto capitale per 818 milioni di euro (erano 785 milioni di euro un anno prima). Questi importi si riferiscono a interventi decisi ed attivati in anni passati, i quali ora inevitabilmente si traducono in flussi di pagamenti tali da minacciare il rispetto dell obiettivo assegnato. A fronte di questa situazione la leva principale lasciata agli enti locali è la dismissione dei loro patrimoni, mentre le sanzioni per chi non rispetta il patto sono pesantissime e ne minacciano gli equilibri di bilancio. Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 3

4 Oggettivamente si è creata una situazione insostenibile tanto che il dl. 35/2013, pur senza intervenire direttamente sull obiettivo del Patto di Stabilità assegnato alle amministrazioni, apre spazi finanziari per i pagamenti degli enti locali esigibili al 31 dicembre 2012 (dunque rimane ancora da affrontare la questione dei debiti in scadenza nell anno in corso). In tal modo alla provincia è permesso di escludere dal Patto di Stabilità pagamenti per 132,8 milioni. Per una corretta valutazione delle conseguenze occorre chiarire che lo Stato non fornisce maggiori risorse alle amministrazioni (se non per compensare eventuali carenze di liquidità con somministrazioni di denaro comunque da restituire) e mette piuttosto le amministrazioni nelle condizioni di pagare di più. Continua dunque a non trovare soluzione il problema di obiettivi oggettivamente non sostenibili, per cui permane il rischio del loro sforamento da parte di molte amministrazioni. Ne consegue che la realizzazione del piano di alienazioni patrimoniali continua ad essere una condizione necessaria per il rispetto dell obiettivo del patto di stabilità. Sempre nel caso della Provincia di Milano, la cessione delle partecipazioni societarie acquisisce particolare rilevanza. Bisogna anche ricordare che la legge di stabilità 2012 (n. 183/2011), ha modificato i limiti di capacità di indebitamento previsti all art. 204 del TUEL portandoli al 6% per il 2013 e al 4% a decorrere dal 2014 delle entrate relative ai primi tre titoli del bilancio evidenziate dal rendiconto del penultimo anno precedente a quello di contrazione del debito. E dunque necessario reperire altre fonti per il finanziamento degli investimenti, quali le alienazioni di beni e i trasferimenti da altre amministrazioni pubbliche. Per quanto riguarda la possibilità di impiegare entrate correnti è superfluo ricordare che le risorse disponibili sono destinate a fronteggiare spese correnti e per il rimborso di mutui a causa dei tagli ai trasferimenti erariali e dell andamento dei tributi attinenti i veicoli. Infatti, queste vicende si snodano in una fase di recessione economica del Paese con un impatto sfavorevole sulle entrate tributarie legate agli autoveicoli. Le possibilità di compensazione della tendenza sono già state utilizzate nei passati esercizi con l aumento delle aliquote. Tutto ciò ha annullato gli effetti degli sforzi degli ultimi anni tesi a: - ripristinare l avanzo corrente (che nel 2010 aveva realizzato un valore negativo e nel biennio successivo aveva raggiunto valori positivi) e accrescere la capacità di autofinanziamento degli investimenti; - diminuire la rigidità della spesa corrente; - rafforzare la capacità di conseguire l obiettivo del patto di stabilità. Il bilancio dunque torna in una situazione di criticità, condivisa da gran parte delle Province, non meno rilevante di quella che ha caratterizzato la prima fase dell attuale mandato amministrativo. Più ancora che dell incertezza riguardante l assetto istituzionale, la minaccia più insidiosa e dirompente nell immediato è rappresentata Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 4

5 dalla perdurante asfissia finanziaria con le scontate conseguenze sulle attività che le Province possono effettivamente garantire. LO SCENARIO INTERNAZIONALE Guardando le ultime stime disponibili sul PIL mondale nel 2013 della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale, i dati mostrano uno scenario del PIL a tre velocità: in testa ci sono Paesi emergenti veloci, seguono Paesi industriali che hanno ripreso a marciare e infine, eccezione negativa, l eurozona il cui PIL è in recessione per il secondo anno consecutivo. Quest anno il PIL mondiale dovrebbe crescere del 3,3 %, malgrado la crisi dell eurozona, che diminuirà dello - 0,3%. Da gennaio a marzo il PIL dell eurozona è scivolato dello 0,2%. La caduta si è verificata in nove dei diciassette paesi dell unione monetaria, inclusa la Francia, mentre la Germania è cresciuta solo dello 0,1%. Dopo l anno di crisi del 2009, anno di recessione mondiale, la ripresa c è stata, anche se non mancano le incertezze: in Cina le percentuali di crescita a due cifre sono finite e in altre parti del mondo, con l eccezione del Giappone, i risultati sono peggiori delle aspettative. In ogni caso, globalmente, il 2013 dovrebbe mostrare un andamento migliore dell anno precedente. Va detto però che questa ripresa è senza occupazione, soprattutto per i giovani. Come sempre capita in periodi di crisi, si bloccano le assunzioni prima di licenziare. E così i Paesi industriali dell Ocse lamentano 26 milioni di giovani (15-25 anni) disoccupati, mentre la Banca Mondiale stima in 262 milioni i giovani inattivi. La crisi mondiale, innescata da una finanza incontrollata, si è trasformata in crisi economica da domanda, che le diseguaglianze crescenti degli ultimi decenni hanno alimentato. Ulteriori differenze sono state fatte dalle politiche economiche adottate. La Fed in America e ora, se possibile, in misura ancora più massiccia, la Banca Centrale Giapponese hanno adottato politiche monetarie fortemente espansive. Invece, le politiche di austerità imposte nell eurozona, deprimendo la domanda, anche attraverso la rivalutazione dell euro, hanno portato alla recessione. Le difficoltà, che hanno avversato i paesi mediterranei, ormai iniziano ad intaccare la Francia ed anche la Germania. In Europa sul banco degli imputati sono in molti: gli economisti che non hanno saputo prevedere la crisi, l Euro che è una moneta unica di paesi molto diversi, la finanza internazionale che falsa e condiziona l andamento dell economia reale, la debolezza dei bilanci pubblici delle periferie europee. Non si possono chiudere gli occhi nemmeno sulla mancanza di un governo unitario e coerente dell economia europea. Senza misure espansive da parte dei più forti e l attenuazione dei programmi di rigore finanziari per gli altri paesi, questi ultimi non potranno fronteggiare né la crescita dei loro disavanzi, né migliorare la loro competitività. La Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 5

6 Banca Centrale Europea è riuscita a sostenere direttamente o indirettamente, i titoli di stato dei paesi più a rischio, ma i dati macroeconomici continuano a peggiorare. E questo peggioramento aumenta le diseguaglianze e mina il consenso e la coesione sociale. Si produce un circolo vizioso che impedisce l aggancio all economia mondiale. Quelle che sembravano certezze si sono dimostrate degli errori. Gli economisti del Fondo Monetario Internazionale hanno dimostrato che l impatto dell austerità sui PIL di un paese in recessione è assai più alto di quanto stimato in precedenza. Inoltre la dimostrazione che un rapporto debito/pil superiore al 90% è correlato a difficoltà economiche è stata anch essa smentita dopo aver rifatto i conti e le stime. In sintesi, l austerità non sta di per sé alla base dello sviluppo economico. Lo stesso Fondo Monetario Internazionale riconosce che i tentativi di riequilibrio fiscale troppo veloci danneggiano l economia; la via migliore è promuovere una prima fase di stabilizzazione finanziaria ed economica e, solo dopo la ripartenza dell economia, dar luogo ad un processo articolato nel tempo di rientro dei deficit di riforme strutturali per consolidare la crescita e di riduzione del debito. In ogni caso non si può ignorare che i problemi dell economia globale sono molto complessi. Ci si può chiedere quanto possa essere alla lunga sostenibile un sistema in cui gli eccessi di credito sono diffusi e i consumi di materie prime elevati. Rimangono forti squilibri strutturali. Ad esempio, gli Stati Uniti, che sono ancora il paese leader, si caratterizzano per un triplice deficit: deficit del settore pubblico, deficit delle imprese e delle famiglie e bilancia commerciale negativa. Il deficit del settore pubblico sfiora il 110% del PIL con un saldo negativo annuale superiore al 5%, la bilancia commerciale è negativa per il 3% del PIL, l indebitamento delle famiglie e delle imprese non finanziarie, benché in diminuzione, è ancora pari al 160% del PIL. Anche in Europa, nonostante le politiche finanziarie restrittive, i deficit pubblici, rispetto al PIL, hanno raggiunto percentuali elevate. Questi sono i valori previsti per il 2013: -7,9% per la Gran Bretagna, -4% per la Francia e -6,5% per Spagna. Migliori sono le performance di Italia (-3,0%) e Germania (0,3%). Tutti aspettano una crescita della domanda privata. La si attende nei paesi emergenti per sostituire, almeno parzialmente, le esportazioni con i consumi interni. La si attende negli Stati Uniti ed in Europa. Negli Stati Uniti però le famiglie sono già molto indebitate e in molti paesi europei, fra cui l Italia, le manovre restrittive di riequilibrio delle finanze pubbliche non allevieranno certamente le difficoltà delle famiglie né stimoleranno i loro consumi. Si aggiungono le difficoltà del sistema creditizio europeo, detentore di titoli pubblici scarsamente valutati dalle agenzie di rating, che limitano il credito alle imprese nonostante la grande liquidità garantita dalla Banca Centrale Europea. Rimane favorevole l andamento dei prezzi delle materie prime che si attesta ancora al di sotto del 9% rispetto al picco dell aprile 2011, per la debolezza della domanda e le incertezze riguardo le prospettive economiche. D altra parte negli ultimi mesi è Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 6

7 emersa una tendenza all aumento e i prezzi rimangono elevati rispetto ai livelli storici di medio-lungo periodo. I prezzi dei prodotti energetici potrebbero però diminuire a seguito della crescita dell offerta. In sintesi si mantiene uno scenario in cui: - le economie emergenti continuano a basarsi sulle esportazioni con una crescita insufficiente della loro domanda interna (in particolare consumi) per equilibrare le bilance dei pagamenti con i paesi avanzati; - è diffuso un grande scetticismo riguardo la capacità di molti paesi di ridurre i propri debiti pubblici; - permane la mancanza di un azione comune europea con conseguenze pesantemente negative, nonostante questa area presenti nel complesso una migliore situazione di quella americana (ad esempio in termini di indebitamento pubblico, di differenziale tra esportazioni ed importazioni e in termini di guadagni potenziali dalle riforme strutturali). In uno spaccato di sintesi si mostrano alcuni dati del prodotto interno lordo: USA +2,0 +2,7 - GIAPPONE +1,3 +1,4 - AREA EURO - 0,5 +0,8 - FRANCIA - 0,2 +0,8 - GERMANIA +0,6 +1,5 - ITALIA - 1,5-0,3 - SPAGNA - 1,6-0,1 I valori realizzati del 2013 sono inferiori a quelli attesi un anno fa (ad esempio per gli USA ci si attendeva una crescita del 2,3% e per l Italia una diminuzione di -0,1%). Nel 2013 si prevede un generalizzato miglioramento; l area dell euro rimane comunque su valori modesti. L ECONOMIA ITALIANA L economia italiana negli anni della crisi ha subito una contrazione in termini di produzione, occupazione e consumi. In particolare nel 2009 il Prodotto Interno Lordo (PIL) è diminuito del 4,3% ed il suo andamento è tornato positivo a partire dal primo trimestre 2010 segnando una crescita del 1,7% per l intero anno, nel 2011 la crescita ha cominciato a perdere colpi e si è limitata a + 0,4%. Nel 2012 è tornata la recessione (-2,4%). L andamento del prodotto risente soprattutto della flessione del reddito disponibile delle famiglie e dell incertezza che grava sulle scelte di Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 7

8 investimento delle imprese. Le esportazioni hanno tuttavia ripreso a crescere dopo il forte rallentamento degli ultimi tre mesi del Nel quarto trimestre del 2012 si è intensificata la diminuzione del PIL (-0,9% rispetto al trimestre precedente) trainata dal calo registrato dal valore aggiunto dell industria in senso stretto (-2,6%). Dal lato della domanda, alla contrazione ha contribuito la debolezza della domanda nazionale. Il sostegno alla dinamica del prodotto proveniente dalla domanda estera netta (pari a 0,4 punti) è riconducibile alla flessione delle importazioni e ad un andamento ancora positivo delle vendite all estero. La dinamica del prodotto, in sintesi, ha continuato a risentire della debolezza della domanda interna (consumi e, soprattutto, investimenti fissi lordi) e, in positivo, della spinta delle esportazioni. Nel primo trimestre 2013, per la settima volta consecutiva, il PIL italiano è calato (- 0,5%) rispetto al trimestre precedente: una simile durata della recessione non la si ricordava da decenni. Nel quarto trimestre la produzione industriale è diminuita del 2,2%. Nel complesso del 2012 l indice generale della produzione industriale è diminuito del 6,1% sull anno precedente. L andamento dei nuovi ordini industriali di origine interna e gli esiti delle inchieste congiunturali non fanno sinora prefigurare un inversione della fase ciclica nel breve termine. Le rilevazioni condotte presso le imprese dei servizi confermano la debolezza dell attività. Gli investimenti continuano a risentire delle prospettive incerte della domanda interna, dei bassi livelli di impiego della capacità produttiva e delle condizioni per l erogazione del credito. I prestiti bancari alle imprese hanno continuato a diminuire, sia per le aziende medio-grandi sia per quelle di piccole dimensioni. Queste ultime tuttavia risentono di una minore capacità di accesso a fonti di finanziamento alternative, quali il mercato obbligazionario. Le piccole imprese fronteggiano inoltre un maggior costo del credito bancario: la differenza fra il tasso di interesse sui prestiti di ammontare inferiore a euro, che approssima il costo del credito per le piccole imprese, e quello sui finanziamenti di ammontare superiore si è attestato a 180 punti base in febbraio. Questo valore eccede di circa 60 punti in più rispetto ai livelli prevalenti prima dell acuirsi della crisi nel mercato del debito sovrano. Il livello del debito complessivo delle imprese è rimasto poco sotto l 80% del PIL, un valore inferiore di circa 20 punti percentuali rispetto a quello medio dell area euro. Con riferimento al mercato del lavoro, nella media del 2012 l occupazione si è ridotta dello 0,3% rispetto al 2011 ( unità), segnando un progressivo deterioramento nella seconda metà dell anno, mentre l offerta di lavoro è cresciuta in maniera sostenuta (2,3%; unità). Ne è derivato un marcato aumento del tasso di disoccupazione che, al netto dei fattori stagionali, è giunto all 11,2% a dicembre (al 10,7% nella media dell anno, rispetto all 8,4% del 2011). Gli andamenti osservati nei primi mesi del 2013 indicano il protrarsi della debolezza del quadro occupazionale. Le retribuzioni unitarie di fatto hanno continuato a rallentare in termini nominali Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 8

9 (all 1,0% rispetto all 1,3% del 2011) ed anche in termini reali, considerato che nel 2012 i prezzi al consumo sono cresciuti del 3,3%. Dunque il differenziale prezzi/salari ha superato il 2%. Nel primo trimestre dell anno l inflazione al consumo ha proseguito la tendenza al ribasso avviatasi alla fine dell estate 2012, collocandosi su livelli appena superiori a quelli medi dell area dell euro. Hanno influito l esaurirsi, dallo scorso autunno, degli effetti dei passati rialzi dell imposizione indiretta, nonché le deboli condizioni della domanda interna e la forte decelerazione delle quotazioni dei prodotti energetici. Per quanto riguarda la finanza pubblica, nel 2012 l indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche ( milioni di euro), che rappresenta una fondamentale grandezza di riferimento per le politiche europee, è stato pari al 3% del PIL in diminuzione rispetto al 3,8% del 2011 ( milioni di euro). Il saldo primario (indebitamento al netto della spesa per interessi) è risultato positivo e pari al 2,5%, in miglioramento di 1,3 punti percentuali rispetto al La spesa per interessi è stata pari al 5,5% del PIL, in aumento di 0,5 punti percentuali rispetto al 2011, anche a causa delle operazioni di swap. L avanzo primario è stato pari al 2,5% del prodotto, superiore di 1,3 punti rispetto a quello del Secondo le previsioni della Commissione europea, tra gli altri Paesi dell area dell euro solo la Germania ha registrato un avanzo primario comparabile a quello italiano (2,5% del PIL), a fronte di un disavanzo per l intera area pari allo 0,4%. L aumento dell avanzo primario in rapporto al prodotto è riconducibile alla crescita dell incidenza delle entrate, passata dal 46,6% al 48,1%, che ha superato il precedente massimo del 1997 (47,4%). Nel 2012 il fabbisogno delle amministrazione pubbliche al netto delle dismissione immobiliari è aumentato di 8,4 miliardi da 65,2 a 73,6 miliardi di euro. Il fabbisogno delle amministrazioni pubbliche è, sempre nel 2012, stato pari al 4,7% del PIL. Nel primo trimestre del 2013 il fabbisogno è stato pari a 36,3 miliardi, superiore di 7,2 miliardi rispetto al valore dell anno precedente. Tornando al 2012 l incidenza del debito sul PIL è aumentata dal 120,8% al 127%. Lo scorso 10 aprile il Governo ha presentato il Documento di Economia e Finanza 2013 (DEF) che include, tra l altro, il Programma di Stabilità e il Programma Nazionale di Riforma. L indebitamento per il 2013 e il 2014 viene previsto rispettivamente al 2,9% e all 1,8% del PIL, includendo gli effetti (valutati in 0,5% del prodotto nel 2013 e nulli nel 2014) del dl. 35/2013 che prevede il pagamento di debiti commerciali e rimborsi fiscali per complessivi 40 miliardi in quest anno e nel La previsione per il disavanzo dell anno in corso è superiore di 1,1% a quella indicata lo scorso settembre nella Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 2012; essa sconta, oltre agli effetti del menzionato decreto, una caduta del prodotto più marcata (-1,3% contro -0,2%). Il saldo strutturale (ossia al netto degli effetti del ciclo economico e delle misure una tantum) risulterebbe in pareggio nel 2013 e in lieve avanzo nel In base alle ultime previsioni della Commissione europea, Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 9

10 l indebitamento netto nell area dell euro sarebbe pari al 2,8% nel 2013 e al 2,7% nel Nel DEF si prevede che il rapporto tra il debito e il PIL aumenti nell anno in corso di oltre tre punti percentuali, arrivando al 130,4%. Come si è osservato, è in atto una recessione di portata eccezionale: il fatturato industriale continua a cedere, i fallimenti sono in aumento, i consumi elettrici sono tornati ai livelli del Alla diminuzione della domanda interna, aggravata dalle politiche economiche deflattive, si aggiungono le difficoltà della domanda estera indotte dalla frenata di Francia e Germania, che costituiscono i principali mercati di sbocco per le esportazioni italiane. E del tutto evidente l urgenza di misure, anche strutturali, per il rilancio dell economia nazionale che da quasi venti anni mostra un dinamismo inferiore alla media europea. Per quanto riguarda la pubblica amministrazione si pone all ordine del giorno la revisione delle regole e degli obiettivi del patto di stabilità imposti agli enti locali con il risultato di soffocare la finanza delle imprese. Sicuramente interessanti sono i dati evidenziati dal Ministero dell Economia e delle Finanze in tema di comuni e province. Dai dati sui flussi di cassa risulta che nel 2012 gli incassi totali hanno registrato finora, rispetto all anno precedente, una diminuzione del 3,1% (passando da milioni nel 2011 a milioni di euro nel 2012), prevalentemente imputabile alla riduzione degli incassi correnti (-9,7%) e in particolare alla contrazione dei trasferimenti correnti dal settore statale (-71,9% nel 2012 rispetto al 2011) a cui si contrappone l aumento delle entrate tributarie, sia dirette (+21,3) che indirette (+20,3%). Nel complesso, i trasferimenti dal settore statale, sia correnti che in conto capitale, sono diminuiti passando da a milioni di euro (con una variazione percentuale di -60,9%). Anche i trasferimenti dalle regioni evidenziano, rispetto all analogo periodo dell anno precedente, una diminuzione complessiva di 732 milioni, pari a -5,6%, derivante da una riduzione dei trasferimenti correnti (-7,1%) e di quelli in conto capitale (-2,4%). Le spese registrano, rispetto all analogo periodo dell anno precedente, una riduzione complessiva del 4,1% (passando da a milioni di euro). I pagamenti correnti si sono ridotti del 2,7%. In particolare, la spesa per il personale mostra una diminuzione pari a -718 milioni di euro (-3,9%), quella relativa agli acquisti di beni e servizi un decremento di 166 milioni di euro (-0,5%) e quella per interessi cala di 139 milioni (-4,5%). I pagamenti per trasferimenti correnti registrano una diminuzione di 424 milioni di euro (-6,2%); I pagamenti in conto capitale si sono ridotti per un importo pari a milioni di euro (-6,8%), a seguito di un decremento degli investimenti ( milioni di euro, pari a - 7,5%). Evidentemente una delle distorsioni indotte dal Patto di Stabilità è stata la penalizzazione degli investimenti rispetto alle spese correnti, in quanto queste ultime hanno ormai raggiunto livelli pressoché minimali ben difficilmente riducibili. Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 10

11 Si aggiunge che gli enti locali sono stati costretti allo smobilizzo dei depositi bancari conseguenti alle norme introdotte con l art. 35, commi 8-13, del dl. 24 gennaio 2012, n. 1. Con questo ultimo provvedimento è stata prevista, al fine di agevolare la gestione della liquidità statale, la sospensione del regime di tesoreria unica mista fino a tutto il 2014 e l applicazione, nello stesso periodo, del sistema di tesoreria unica tradizionale presso la Tesoreria Provinciale dello Stato. Anche per l economia lombarda, il 2012 è stato un anno difficile. Il dato è negativo per quanto riguarda le attività produttive che già alla fine del 2011 hanno subito un ridimensionamento. L indice della produzione è sceso del 2,5% nel primo semestre del 2012 sul periodo precedente. Nel terzo trimestre l indicatore ha registrato una diminuzione congiunturale più contenuta (-1,0%), attestandosi su un valore del 13,8% inferiore rispetto al picco pre-crisi toccato nel quarto trimestre del La tendenza negativa è continuata nel quarto trimestre. Meno penalizzate risultano le imprese con l elevata propensione all esportazione (l export della Lombardia è aumentato nel 2011 del 10,8% e nel primo semestre 2012 del 4,9%). Un dato di fondo, già evidente da alcuni anni, è costituito dalla differenziazione della dinamica dei fatturati delle imprese della regione. Proseguono le difficoltà, già evidenti nel 2011, per le costruzioni e le opere pubbliche. Il rallentamento ha anche coinvolto il settore dei servizi. Inevitabili sono le conseguenze sull occupazione (che, in ogni caso, nel primo semestre 2012, è rimasta stabile a fronte comunque di un aumento dell offerta di lavoro) e le condizioni economiche delle famiglie. A loro volta le difficoltà delle imprese e delle famiglie incidono sulle immatricolazione delle vetture, che condizionano le entrate tributarie delle province. Nel 2012 in Lombardia le prime iscrizioni di autovetture sono state rispetto a del 2011 (-26,3%). I dati della Provincia di Milano sono rispettivamente e (-28,8%). Per quanto riguarda l economia regionale e locale si rinvia, per ulteriori approfondimenti, ai contenuti della Relazione Previsionale e Programmatica Sezione I: caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell Ente. LE MANOVRE ECONOMICHE DEL GOVERNO Richiamando quanto già esposto nel precedente paragrafo, si evidenzia che la recessione, iniziata nella seconda metà del 2011, si è protratta per tutto il 2012, producendo una contrazione del PIL del 2,4% in linea con le stime diffuse a settembre 2012 nella Nota di aggiornamento del DEF. Nel 2013 si prefigura un nuovo calo del PIL nel primo semestre, seguito da una graduale ripresa nella seconda parte dell anno. Considerando anche l effetto di trascinamento negativo del 2012 sul 2013, le stime di crescita del PIL per il 2013 sono pari a 1,3%. Nel 2014 è prevista una crescita pari all 1,3%, anche grazie agli effetti del provvedimento relativo Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 11

12 al pagamento dei debiti commerciali della PA, che influenzerà anche la crescita del 2015, stimata in aumento dell 1,5%. Nel corso del 2012 l indebitamento netto è stato in linea con le raccomandazioni ricevute in sede comunitaria, al 3% del PIL; è previsto un valore pari al 2,9% per il 2013 e all 1,8% per il Per ciò che concerne il rapporto Debito / PIL, per il 2012 è superiore alle previsioni attestandosi al 127%, in relazione principalmente al fabbisogno del settore pubblico superiore alle attese, in relazione allo sblocco dei pagamenti della PA; per il 2013 è previsto ancora in crescita rispetto al 2012 arrivando al 130,4%, dovuto ad una previsione di PIL inferiore e a alla revisione al rialzo del fabbisogno del settore pubblico; per il 2014 si assiste ad una prima diminuzione, seppur contenuta, con un valore pari al 129%. Nel contesto economico sopra descritto e in un periodo di incertezza sul futuro dell assetto delle province, è stato chiesto un considerevole contributo a questo livello di governo per la messa in sicurezza dei conti pubblici da parte dello Stato. Si ripercorrono di seguito i principali interventi a carico del comparto province negli ultimi anni. La manovra correttiva, attuata con il Decreto Legge n. 78/2010 del 31/05/2010, recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica (successivamente convertito nella legge 122/2010 del 30/07/2010), che comprendeva il biennio 2011/2012, ammontava a 24,9 miliardi di euro, di cui 14,8 miliardi (59%) a carico delle autonomie locali, sotto forma di risparmi di spesa e minori trasferimenti erariali. In particolare, per le Province, il contenimento di spesa previsto era pari a 300 milioni di euro nel 2011 e di 500 milioni a decorrere dall anno 2012 a valere sui trasferimenti erariali. In seguito, a fronte di un ulteriore indebolimento del quadro macroeconomico e dell inasprimento della crisi sui debiti sovrani in Europa, il Governo Monti è intervenuto con un ulteriore manovra (D.L. 201/2011). Il Decreto Legge n. 201/2011 convertito nella Legge 211/2011 (Decreto Salva Italia), oltre a modificare radicalmente il sistema delle Province con l art. 23, ha imposto un ulteriore misura aggiuntiva di 415 milioni di euro (per il 2012) al concorso finanziario delle Province per il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica. Per realizzare gradualmente l autonomia di entrata delle Province (Decreto Legislativo 6 maggio 2011, n. 68) a partire dal 2012, sono stati soppressi i trasferimenti erariali sia di parte corrente che in conto capitale aventi carattere di generalità e permanenza, ad eccezione del fondo sviluppo investimenti legato a mutui in ammortamento ed è stato istituito il fondo sperimentale di riequilibrio di durata biennale (che verrà poi sostituito dal fondo perequativo), alimentato dal gettito della compartecipazione all IRPEF. Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 12

13 Tale fondo è stato oggetto dei tagli previsti dal Decreto Legge n. 78/2010 e dal Decreto Legge n. 201/2011 (c.d. Salva Italia) per un importo complessivo di 415 milioni. Il Decreto Legge n. 95/2012, convertito nella Legge n. 135/2012 Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini nonché misure di rafforzamento patrimoniale delle imprese del settore bancario, ha previsto all art. 16 comma 7 un ulteriore manovra a carico delle Province, sempre a valere sul fondo sperimentale di riequilibrio, nei seguenti importi: 500 milioni di euro per il 2012, milioni di euro per ciascuno degli anni 2013 e 2014 e milioni di euro a decorrere dall'anno Le riduzioni da imputare a ciascuna provincia sono state determinate, con apposito decreto del 25 ottobre 2012 del Ministero dell'interno, ripartendo le riduzioni in proporzione alle spese sostenute per consumi intermedi desunte, per l'anno 2011, dal Siope, in quanto la Conferenza Stato città ed autonomie locali non aveva adottato, entro il 15 ottobre 2012, la deliberazione relativamente ai criteri per determinare le riduzioni da imputare a ciascuna provincia. Si ricorda che, successivamente, la Legge di Stabilità 2013 (L. n. 228/2012 del 24/12/2012) ha previsto maggiori riduzioni al fondo sperimentale di riequilibrio e al fondo perequativo delle Province per ulteriori 200 milioni di euro per ciascuno degli anni 2013, 2014 e Infine, il recente D.L. 8 aprile 2013, n. 35, provvedimento in materia di pagamenti dei debiti scaduti della pubblica amministrazione e di riequilibrio finanziario degli enti locali, contiene norme che modificano l art. 16 comma 7 del Decreto Legge n. 95/2012, con riferimento ai criteri di riparto dei tagli ai trasferimenti alle Province a partire dal In particolare, l art. 10 del decreto legge, sostituisce la modalità di determinazione delle riduzioni, prevedendo per gli anni 2013 e 2014, in caso di mancata deliberazione della Conferenza Stato città e autonomie locali, non più l adozione di un Decreto Ministeriale, ma l applicazione di valori contenuti nell allegato 3bis allo stesso Decreto Legge. Per il calcolo delle riduzioni, il Ministero dell Interno si è basato sui consumi intermedi, ma al netto delle spese per il Trasporto pubblico locale, per la Formazione professionale e lo smaltimento dei rifiuti (per le province di Napoli e Caserta); inoltre, la Provincia di Napoli gode anche di una detrazione per i Lavori Socialmente Utili. La manovra interviene sulla ripartizione dei tagli coinvolgendo tutte le Province. In diverse situazioni lo scostamento rispetto agli importi determinati secondo i precedenti criteri risulta percentualmente (oltre che in valore assoluto) rilevante. La questione fondamentale è costituita dalla portata del taglio complessivo di 1,2 miliardi e dunque la sua ridistribuzione in un gioco a somma zero, a fronte di miglioramenti in alcune situazioni, crea e amplifica gli elementi di crisi nelle altre. Ciò fra l altro avviene ad esercizio inoltrato, vanificando per molte amministrazioni gli sforzi finora compiuti per predisporre i bilanci di previsione in equilibrio. Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 13

14 Le Province già da alcuni mesi hanno richiesto una diminuzione del taglio complessivo e sono state presentate proposte di emendamento al Decreto Legge, che finora non sono state accolte. Non va scordato che il comparto delle Province è stato quello maggiormente bersagliato dai tagli della finanza pubblica operati negli ultimi anni, che nell ultimo triennio hanno raggiunto il 25% delle spese correnti. Non si ravvisano dunque i presupposti per affermare che i tagli al sistema delle Province rappresentino un ammontare equo e sostenibile di risorse da recuperare, tenendo conto di parametri di virtuosità, dei costi standard e dei livelli quantitativi dei servizi da erogare, come del resto è previsto dalla normativa di indirizzo generale in materia. Il contributo della Provincia di Milano Il taglio imposto dall art. 14 c. 2 del D.L. 78/2010 per il 2011, pari a Euro 300 milioni, ha comportato per la Provincia di Milano una riduzione di trasferimenti erariali di euro 707 mila; l entità del taglio è stata moderata, in quanto l importo assunto a base di riferimento per la riduzione era costituito dal totale generale dei trasferimenti erariali attribuiti in spettanza alla data del 16 novembre 2010, e la Provincia di Milano godeva di trasferimenti erariali in misura trascurabile (anzi, nel 2011 la Provincia di Milano ha corrisposto allo Stato un conguaglio circa di euro 62 milioni). Il taglio previsto per il 2012, pari a euro 500 milioni si è sommato all ulteriore riduzione contemplata dall art. 28 del Decreto Legislativo n. 201/2012 pari a euro 415 milioni. Il contributo della Provincia di Milano è stato pari a 30,5 milioni di euro. Si aggiunge, poi, la riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio prevista dall art. 16 comma 7 del Decreto Legge n. 95/2012 di: 500 milioni di euro per il 2012, milioni di euro per ciascuno degli anni 2013 e 2014 e milioni di euro a decorrere dall'anno Per la Provincia di Milano la decurtazione per il 2012 è stata pari ad euro ,32, calcolata in proporzione alle spese sostenute per consumi intermedi desunte, per l'anno 2011, dal Siope. Sono stati considerati gli interventi di bilancio della spesa corrente 02 (acquisto di beni), 03 (prestazioni di servizi) e 04 (utilizzo beni di terzi). In un primo momento, tenendo fermo lo stesso criterio di riparto (spesa per consumi intermedi anno 2011) anche per gli anni successivi, era stato calcolato un importo di decurtazione pari a euro ,64 per ciascuno degli anni 2013 e Considerando, inoltre, l aggravio del contributo delle province alla manovra di ulteriori 200 milioni di euro per gli anni 2013, 2014 e 2015 previsto dalla Legge di stabilità 2013 e fermo restando il criterio di calcolo, la Provincia di Milano avrebbe subito un ulteriore riduzione di euro 7,8 milioni. Dal diverso riparto dei tagli previsti dal D.L. 95/2012 con riferimento agli esercizi 2013 e 2014 prodotto dall art. 10 del D.L. 35/2013, scaturisce una redistribuzione dei Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 14

15 tagli, che comporta un peggioramento dei tagli ai trasferimenti erariali di 6,4 milioni di euro. L importo complessivo della decurtazione a carico della Provincia di Milano si traduce nella registrazione in bilancio di un maggior esborso nei confronti del Ministero dell Interno in quanto i trasferimenti erariali assegnati sono insufficienti ad applicare la detrazione prevista. Si precisa che in sede di conversione del dl. 35 è stata eliminata la tabella indicante le riduzioni da importare a ciascuna provincia da applicarsi in caso di mancata deliberazione della Conferenza Stato-città ed autonomie locali. E comunque precisato nel testo emendato che le riduzioni da imputare a ciascuna provincia sono determinate in proporzione alle spese desunte dal SIOPE, sostenute nel 2011 per l acquisto di beni e servizi, con l esclusione di quelle relative alle spese per formazione professionale, per trasporto pubblico locale, per la raccolta di rifiuti solidi urbani e per servizi socialmente utili finanziati dallo Stato. Sono dunque in sostanza mantenuti i criteri che hanno portato alla redazione della tabella sopra citata. Nel seguente prospetto sono illustrate le riduzioni previste dalle norme sopra citate suddivise nei vari anni, nell ipotesi che negli anni 2014 e 2015 si utilizzi lo stesso criterio di riparto previsto per l anno Importi delle manovre sulle Province Importi in milioni di euro Province dl 78/ dl 201/2012 art. 28 commi 8 e dl 95/ Legge di stabilità Totale tagli Quota complessiva a carico della Provincia di Milano (valori a bilancio) 0,7 50,7 84,5 84,5 86,7 Differenza rispetto all anno precedente 0, ,8 0 2,2 Si fa presente che, in relazione ai criteri di riparto tra le province della riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio anno , oltre 20 Province (fra cui Napoli, Treviso, Siena, Ravenna, Caserta) hanno presentato ricorso al Tar del Lazio per l annullamento del Decreto del Ministero dell Interno 25/10/2012, aprendo una situazione di incertezza che potrebbe portare all adozione di coefficienti di riparto più sfavorevoli per la Provincia di Milano. Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 15

16 I LIMITI DI SPESA PREVISTI DAL D.L. 78/2010 Il Decreto legge 78/2010 del 31 maggio 2010, convertito nella legge n. 122 del 30 luglio 2010, ha previsto all'art. 6 una forte riduzione di alcune fattispecie di spesa degli apparati amministrativi, avendo come riferimento gli importi impegnati nell'esercizio Si fa riferimento in particolare a: - Spese per studi ed incarichi di consulenza (c. 7): non possono essere superiori al 20% di quelle sostenute nel Spese per relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicità e rappresentanza (c. 8): non possono essere superiori al 20% di quelle sostenute nel Spese per trasferte e missioni dei dipendenti (c. 12): non possono essere superiori al 50% di quelle sostenute nel Spese per la formazione del personale (c. 13): non possono essere superiori al 50% di quelle sostenute nel Spese per acquisto, manutenzione, esercizio e noleggio di autovetture (c. 14): non possono essere superiori al 80% di quelle sostenute nel 2009, fatta eccezione per quelle destinate ai corpi di vigilanza; Nel corso del 2012 sono state approvate nuove norme volte ad incidere ulteriormente sulle spese di funzionamento del Si fa riferimento specifico a: - D.L. 95/2012, convertito nella legge 135/2012 art. 5, comma 2 che impone una ulteriore riduzione delle spese di manutenzione, noleggio ed esercizio del parco auto, nonché per l acquisto di buoni taxi, pari al 50% delle somme impegnate nel 2011; - Legge 228/2012 (legge di stabilità 2013) art. 1, comma 141 che prevede la riduzione delle spese per acquisto di mobili e arredi pari all 80% rispetto alla media degli importi impegnati nel 2010 e nel L applicazione dei limiti di spesa imposti dal D.L. 78/2010 al bilancio della provincia comporta un risparmio complessivo rispetto alla spesa storica pari a euro 4,6 milioni, la cui scomposizione per voce di spesa è riportata nella tabella seguente: Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 16

17 Tipologia di spesa dl 78/2010 impegnato 2009 modifiche di leggi successive Importo di riferimento per riduzione % di riduzione Limite di spesa 2013 ai sensi di Legge Consuntivo 2012 Spese per: a) relazioni pubbliche e rappresentanza; b) organizzazione di mostre e convegni; c) pubblicità , ,12-80% , ,18 Spese per studi ed incarichi di consulenza , ,22-80% , ,24 Spese per formazione del personale , ,00-50% , ,59 Spese per trasferte e missioni , ,57-50% , ,61 Spese di manutenzione, noleggio e carburante delle auto di servizio (i dati riguardano le sole autovetture di servizio, con eccezione di quelle relative a polizia provinciale, GEV, protezione civile e cantonieri) , , ,25-50% , ,58 spese per mobili ed arredi , ,19-80% ,24 Totale , , , , ,20 In merito ai dati riportati in tabella si precisa che i limiti di spesa sono stati determinati sulla base degli impegni iscritti nel Rendiconto del 2009 e successivi, al netto degli impegni di diretta pertinenza della Provincia di Monza e della Brianza assunti per suo conto a partire dalla data della sua istituzione; essi devono essere osservati per il presente esercizio e per i prossimi, fino ad una eventuale modifica legislativa. Nel corso del 2012, come riportato nella Relazione al Rendiconto della Gestione in fase di discussione in Consiglio provinciale, i budget sono stati rispettati e la spesa complessiva è stata di euro ,20. In ultimo, si evidenzia il fatto che sono sorti alcuni dubbi in merito all applicazione della norma che impone un rilevante contenimento delle spese per mobili ed arredi. Tale disposizione ha un impatto molto rilevante (come detto il taglio della spesa è dell 80% rispetto alla media ) tenendo conto che oltre agli arredi per ufficio, gli enti locali sono tenuti anche alla fornitura di arredi scolastici. In particolare, nell ambito delle funzioni delle Province è compresa la gestione e manutenzione degli edifici scolastici per l istruzione secondaria, comprendente Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 17

18 anche le forniture di banchi, sedie e tutti gli altri arredi richiesti dalle amministrazioni scolastiche. Si ritiene che una limitazione della capacità di spesa estesa ai mobili ed agli arredi scolastici non costituisca un intervento diretto a contenere le spese di funzionamento degli apparati amministrativi, bensì produca conseguenze sullo svolgimento di un compito istituzionale - ossia su un servizio finale - attribuito alle Province, con riflessi diretti sulla comunità amministrata. Tali considerazioni sono state presentate dall UPL (Unione delle Province Lombarde) con nota prot. n. 78 del 16/05/2013, alla Sezione regionale di Controllo della Corte dei Conti della Lombardia, al fine di valutare la possibile esclusione delle spese suddette dai limiti di spesa. Con specifico riferimento alle spese per studi ed incarichi di consulenza si precisa che i presupposti, le condizioni e le modalità di conferimento degli incarichi individuali, mediante contratti di lavoro autonomo di natura occasionale o coordinata e continuativa, sono disciplinati dall art. 7, comma 6, del D.Lgs. 165/2001, come modificato dall art. 46, comma 1 della legge 133/2008. Rispetto all insieme di fattispecie che rientrano nella disciplina generale, i limiti previsti dal D.L. 78/2010 (art. 6, comma 7) non si applicano ai contratti collaborazione coordinata e continuativa, agli incarichi legati alla gestione delle opere pubbliche (progettazione, direzione lavori, collaudo, ecc.), a gli incarichi ai notai per rogito di atti ed gli incarichi legali per la rappresentanza in giudizio degli Enti. Inoltre, a seguito della deliberazione n. 7 del 07/02/2011, della Corte dei Conti sezioni riunite - nel computo del monte del 2009 e delle spese effettuate nel corso dell attuale esercizio non devono essere considerati gli incarichi esterni coperti da trasferimenti da altri soggetti, pubblici (stato, regione, ecc.) o privati estranei all ente affidatario (ad esempio le fondazioni bancarie). Tutto ciò premesso risulta evidente che, nell ipotesi di poter compensare le maggiori spese per arredi con minori spese di altre categorie, gli importi di spesa impegnati nel 2012 ben difficilmente potranno essere superati. Infatti, le spese previste in bilancio per arredi scolastici sono pari a euro, valore che, in mancanza di un responso positivo della Corte dei Conti regionale al quesito formulato, assorbirà gran parte dello spazio finanziario utilizzabile. NORMATIVA IN MATERIA DI SPESE DEL PERSONALE L esigenza di assicurare obiettivi di risparmio certi, ha portato il legislatore negli ultimi anni ad intervenire sulle limitazioni alla spesa di personale degli enti locali. Si tratta d interventi caratterizzati da scarsa organicità che hanno introdotto norme non sempre coerenti tra loro. Ad esempio la nozione di spesa di personale è variabile e ciò non ha mancato di provocare difficoltà ed incertezze. Il quadro normativo può essere sinteticamente riassunto come segue con riferimento alle Province. Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 18

19 Limite alla spesa annuale L art. 1 comma 557 L n. 296 prevede l obbligo di contenere la spesa di personale entro i limiti di spesa sostenuta nell anno precedente. Ai fini dell applicazione dell obbligo di riduzione delle spese del personale, si deve tenere conto anche delle spese sostenute per il lavoro flessibile, ed in particolare le spese per i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.), per la somministrazione di lavoro, per gli incarichi con contratto a tempo determinato, nonché per tutti i soggetti a vario titolo utilizzati, senza distinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all Ente. Inoltre l art. 9, comma 2-bis, dl. 78/2010 stabilisce che l ammontare complessivo delle risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale, anche di livello dirigenziale, non può superare il corrispondente importo dell anno 2010 ed è, comunque, automaticamente ridotto in misura proporzionale alla riduzione del personale in servizio. Assunzioni di personale Si premette che per l esercizio legittimo delle facoltà occupazionali occorre, nell anno precedente, aver rispettato il patto di stabilità. L art. 76, comma 7, dl. 112/2008, come riformulato dall art. 14, comma 9, dl. 78/2010; dall art. 20, comma 9, dl. 98/2011; dall art. 4, comma 103, lett. a) L. 183/2011; dall art. 28, comma 11 quater dl. 201/2011; dall art. 4, comma 103, L 183/2011 (a decorrere dal 1/1/2012) e dall art. 4-ter, comma 10, L. 44/2012 (a decorrere dal 29/4/2012) fa divieto agli enti nei quali l'incidenza delle spese di personale è pari o superiore al 50% delle spese correnti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsivoglia tipologia contrattuale. Ai fini del computo si calcolano le spese sostenute anche dalle società a partecipazione pubblica locale totale o di controllo. In sintesi per poter procedere ad assunzioni di personale bisogna considerare i seguenti limiti generali: - rispetto del patto di stabilità interno; - riduzione della spesa di personale rispetto all anno precedente; - rapporto tra spesa di personale e spesa corrente inferiore al 50%. Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 19

20 Assunzioni a tempo indeterminato L art. 16, c. 9 dl. 95/2012, convertito in L. 135/2012 dispone il divieto, nelle more del processo di razionalizzazione delle province, di procedere alle assunzioni a tempo indeterminato e dunque per il 2013 non è possibile effettuare tali assunzioni. Per completezza si riporta di seguito la normativa di carattere generale. L art. 76, comma 7, dl. 112/2008 come riformulato dall art. 14, comma 9, dl. 78/2010 e dall art. 1 comma 118, L 220/2010 (a decorrere dal 1/1/2011) e dall art. 20, comma 9, dl. 98/2011 e dall art. 4, comma 103, L 183/2011 (a decorrere dal 1/1/2012) e dall art. 4-ter, comma 10, L. 44/2012 (a decorrere dal 29/4/2012) prevede la possibilità di procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite del 40 per cento della spesa corrispondente alle cessazioni dell'anno precedente. Ai soli fini del calcolo delle facoltà assunzionali, l'onere per le assunzioni del personale destinato allo svolgimento delle funzioni in materia di polizia locale, di istruzione pubblica e del settore sociale è calcolato nella misura ridotta del 50 per cento; le predette assunzioni continuano a rilevare per intero ai fini del calcolo delle spese di personale previsto dal primo periodo del presente comma. Per gli enti nei quali l'incidenza delle spese di personale è pari o inferiore al 35 per cento delle spese correnti sono ammesse, in deroga al limite del 40 per cento e comunque nel rispetto degli obiettivi del patto di stabilità interno e dei limiti di contenimento complessivi delle spese di personale, le assunzioni per turn-over che consentano l'esercizio delle funzioni fondamentali previste dall'articolo 21, comma 3, lettera b), L. 42/2009; in tal caso le disposizioni di cui al secondo periodo trovano applicazione solo in riferimento alle assunzioni del personale destinato allo svolgimento delle funzioni in materia di istruzione pubblica e del settore sociale. Assunzioni a tempo determinato L art. 9 comma 28 dl. 78/2010, come modificato dall art. 4, comma 102 L. 183/2011, dall art. 1, comma 6 bis, L. 14/2012 e dall art. 4-ter, comma 12, L. 44/2012 contempla la possibilità di avvalersi di personale a tempo determinato, con convenzione, di somministrazione di lavoro ovvero con contratti di collaborazione coordinata e continuativa, nel limite del 50 per cento della spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno A decorrere dal 2013 gli enti locali possono superare il predetto limite per le assunzioni strettamente necessarie a garantire l'esercizio delle funzioni di polizia locale, di istruzione pubblica e del settore sociale; resta fermo che comunque la spesa complessiva non può essere superiore alla spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno La deliberazione del 12/06/2012 della Sezione autonoma della Corte dei Conti, ha chiarito che la disciplina degli incarichi dirigenziali a contratto, di cui all art. 110, c. 1, TUEL s.m.i., è norma assunzionale speciale che deroga al regime assunzionale vincolistico di cui all art. 9, c. 28 dl. 78/2010, per le assunzioni flessibili. Atti /5.3/2012/8 Allegato A/pag. 20

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 Il testo normativo vigente in materia di patto di stabilità discende dall art. 77 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008 e s.m.i.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Silvia Scozzese - Direttore Scientifico IFEL

Silvia Scozzese - Direttore Scientifico IFEL - Direttore Scientifico IFEL Torino, 20 febbraio 2012 Attualmente il contributo dei singoli comparti della PA alla manovra è calcolato in base al criterio del peso di ognuno in relazione alla spesa totale

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018

PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 Allegato B delibera 13 del 3.2.2016 PROGRAMMAZIONE FABBISOGNO DEL PERSONALE TRIENNIO 2016-2018 PREMESSO che il vigente quadro normativo in materia di organizzazione dell'ente locale, con particolare riferimento

Dettagli

2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO

2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO 2.1 ANALISI DELLE RISORSE E DEGLI IMPIEGHI DEL BILANCIO L evoluzione del bilancio pubblico da sintesi di valori solo monetari a strumento di governo e di realizzazione delle politiche per il raggiungimento

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione PATTO DI STABILITÀ 2015 Relazione allegata al Bilancio di previsione Aspetti introduttivi La legge di stabilità 2015 (L. n. 190/2014) torna a modificare le disposizioni riguardanti il patto di stabilità

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO

PROVINCIA DI VITERBO PROVINCIA DI VITERBO Viterbo, 5 luglio 2011 Il periodo delle vacche grasse è finito. Nel 2011 abbiamo ricevuto 3 milioni e 200mila euro in meno di risorse dal Governo centrale, a fronte di un aumento dell

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale Art. 1 Oggetto del Provvedimento Oggetto del Dlgs approvato

Dettagli

RELAZIONE DELLA GIUNTA AL CONSIGLIO SUL PERSEGUIMENTO DELL'OBIETTIVO DEL PATTO DI STABILITA' INTERNO da allegare al Rendiconto della gestione 2014

RELAZIONE DELLA GIUNTA AL CONSIGLIO SUL PERSEGUIMENTO DELL'OBIETTIVO DEL PATTO DI STABILITA' INTERNO da allegare al Rendiconto della gestione 2014 RELAZIONE DELLA GIUNTA AL CONSIGLIO SUL PERSEGUIMENTO DELL'OBIETTIVO DEL PATTO DI STABILITA' INTERNO da allegare al Rendiconto della gestione 2014 ai sensi dell'art. 30, comma 4, della legge 488/99 1 1.

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti e dei territori montani

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO 17 ottobre 2014 REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO

Dettagli

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 Il quadro programmatico per l economia italiana qui presentato

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III.1 L INDEBITAMENTO NETTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Le previsioni di finanza pubblica presentate nell Aggiornamento del Programma di Stabilità del 2008

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014

Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014 Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014 IL CONTESTO FINANZIARIO 1 LA MANOVRA DEL COMPARTO COMUNALE ANNI 2007-2014 Valori in milioni di euro Totale Cumulato 2007-2014 Manovra di cui: 16.177 L obiettivo

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009)

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) Articolo 1 L articolo fissa in 150 milioni di euro il limite massimo

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

ITALIA FONDATA SUL LAVORO

ITALIA FONDATA SUL LAVORO ITALIA FONDATA SUL LAVORO PAGARE LE IMPRESE PER SBLOCCARE IL PAESE Dossier per la stampa 1. L AMMONTARE DELLE RISORSE IN CASSA AI COMUNI BLOCCATE DAL PATTO DI STABILITÀ Le manovre di risanamento della

Dettagli

Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni

Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni Note e contributi ISSN 2464-9139 Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni Claudia Ferretti e Patrizia Lattarulo IRPET N. 7 - Dicembre 2015 1. L esenzione dell abitazione principale dalla

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Comune di BIBBONA (LI)

Comune di BIBBONA (LI) RELAZIONE AL BILANCIO SUL RISPETTO DEL PATTO DI STABILITA' 2013 1 IL QUADRO NORMATIVO VIGENTE 1.1 Aspetti introduttivi Le norme che disciplinano il patto di stabilità degli enti locali per l anno 2013

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI I CONTROLLI SULLA SPESA DEL PERSONALE QUARTA GIORNATA - 12 LUGLIO 2013 DEFINIZIONE Il Legislatore, pur prevedendo numerosi vincoli in materia di spesa per il personale,

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

COMUNE DI BUSACHI. PROVINCIA DI ORISTANO SERVIZIO FINANZIARIO

COMUNE DI BUSACHI. PROVINCIA DI ORISTANO SERVIZIO FINANZIARIO COMUNE DI BUSACHI. PROVINCIA DI ORISTANO SERVIZIO FINANZIARIO OGGETTO: Parere sulla proposta di bilancio di previsione per l esercizio 2014, sulla relazione previsionale e programmatica e sul bilancio

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE

PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE Bilancio di Previsione 2009 Note illustrative PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE La manovra di Bilancio per il prossimo esercizio evidenzia ampie difficoltà provocate da diversi

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013. 2 ottobre 2012

Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013. 2 ottobre 2012 Linee di impostazione della manovra economico-finanziaria 2013 2 ottobre 2012 1 Il contesto in cui si colloca la manovra 2 LA SITUAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE E NAZIONALE L economia mondiale rallenta,

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 UNIONE RENO GALLIERA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE 1 VERIFICHE PRELIMINARI Il giorno 09 del mese di dicembre

Dettagli

Le prospettive di applicazione del federalismo

Le prospettive di applicazione del federalismo Le prospettive di applicazione del federalismo Alberto Zanardi Convegno Banca d Italia «Attuazione e prospettive del federalismo fiscale» Roma, 25 novembre 2015 1 Federalismo fiscale e consolidamento dei

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 Assessore Sergio Parolini Dirigente Dott.ssa MariaGrazia Margonari Responsabile Dott.ssa Tiziana Rossi 1 Nella stesura del bilancio di previsione

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali.

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali. Roma, 17 luglio 2015 AC 3262 Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali Ordini del giorno Sommario Fondo integrativo IMU-Tasi

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO PROVINCIA DI LECCE PATTO DI STABILITÀ 2013 Relazione allegata al Bilancio di previsione Cod. 05-3046-003 CEL EDITRICE 1. Il quadro normativo vigente 1.1 Aspetti introduttivi

Dettagli

LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014

LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 LA SPESA DI PERSONALE ANNO 2014 1. Considerazioni generali e normativa di riferimento Il complessivo andamento di una delle principali voci di spesa del bilancio provinciale

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 133/2014/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 1 luglio 2014 composta dai

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI per IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI ELEMENTI DI SINTESI INVESTIMENTI IN OPERE PUBBLICHE: 3,9 miliardi il valore degli investimenti in opere pubbliche

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI SURBO Provincia di Lecce PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Comune di Surbo Collegio dei Revisori Verbale

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

Debito e Patto di stabilità Le ultime novità sul bilancio 2014

Debito e Patto di stabilità Le ultime novità sul bilancio 2014 Matteo Barbero Debito e Patto di stabilità Le ultime novità sul bilancio 2014 Torino, 27 giugno 2014 Il debito Il ricorso all indebitamento da parte degli enti locali è ammesso esclusivamente nelle forme

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

ASL CUNEO 2 bilancio esercizio 2011

ASL CUNEO 2 bilancio esercizio 2011 ASL CUNEO 2 bilancio esercizio 2011 Scheda di pronuncia ai sensi dell art. 1, comma 170, della legge n. 266/2005 e dell art. 1, comma 3, del D.L. n. 174/2012 convertito dalla legge n. 213/2012. Alla luce

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ 2015 NORME DI INTERESSE PER GLI ENTI LOCALI

LEGGE DI STABILITÀ 2015 NORME DI INTERESSE PER GLI ENTI LOCALI LEGGE DI STABILITÀ 2015 NORME DI INTERESSE PER GLI ENTI LOCALI CONTENIMENTO DELLA SPESA PER LE PROVINCE E LE CITTA METROPOLITANE Commi 418 e 419: Riduzione della spesa corrente 2015 2016 2017 1 milione

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI MESERO Provincia di Milano PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2012 del

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Prometeia ritocca al ribasso la crescita italiana per il primo trimestre 2015 (a +0,1% rispetto a +0,2%) e conferma la crescita del Pil 2015 a

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli