Studi di settore: evoluzione normativa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studi di settore: evoluzione normativa 2011-2012"

Transcript

1 N. 17 del Le Daily News A cura di Edoardo Martini Studi di settore: evoluzione normativa Nel corso del 2011 vi sono stati numerosi interventi normativi in materia di studi di settore, che sono proseguiti anche in questa prima fase del 2012, con il duplice scopo di: (i) contrastare comportamenti tesi a comunicare dati infedeli, ovvero cause di esclusione o inapplicabilità non spettanti, inasprendo le sanzioni previste, nonché consentendo l applicazione dell accertamento induttivo in capo a coloro che risultano congrui e coerenti per effetto appunto di indicazione di dati infedeli; (ii) premiare i contribuenti congrui e coerenti alle risultanze degli studi di settore, da un accorciando i termini di accertamento, e dall altro impedendo alcune tipologie di accertamento, nonché offrendo maggiori protezioni in relazione agli accertamenti sintetici. In particolare, l ultimo intervento è avvenuto ad opera dell art. 10, commi da 9 a 13, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 chiamato Decreto Monti. Si tratta del terzo intervento in materia di studi di settore negli ultimi sei mesi, poiché i due precedenti risalgono al decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, ed al decreto legge 13 agosto 2011, n Le disposizioni di nuova introduzione delineano uno scenario nuovo in quanto ora vengono previste disposizioni di favore per i contribuenti ritenuti affidabili, contemperate dalla previsione di un piano specifico di controlli per i contribuenti non in linea con il software GERICO. In particolar modo sono stati introdotti tre benefici per i contribuenti congrui, coerenti e veritieri: (i) la inibizione agli accertamenti analitico induttivi; (ii) la riduzione di un anno del termine per l accertamento; (iii) aumento al 33% della percentuale di tolleranza in caso di scostamento rispetto al redditometro. Per contro, nei confronti dei soggetti ritenuti non meritevoli dei predetti benefici, è stato previsto uno specifico piano di controlli, con prioritario utilizzo delle indagini finanziarie 1

2 Introduzione Come anticipato in premessa, nel corso del 2011 vi sono stati numerosi interventi normativi in materia di studi di settore, che sono proseguiti anche in questa prima fase del 2012, con il duplice scopo di: contrastare comportamenti tesi a comunicare dati infedeli, ovvero cause di esclusione o inapplicabilità non spettanti, inasprendo le sanzioni previste, nonché consentendo l applicazione dell accertamento induttivo in capo a coloro che risultano congrui e coerenti per effetto appunto di indicazione di dati infedeli; premiare i contribuenti congrui e coerenti alle risultanze degli studi di settore, da un accorciando i termini di accertamento, e dall altro impedendo alcune tipologie di accertamento, nonché offrendo maggiori protezioni in relazione agli accertamenti sintetici. Nel dettaglio, le disposizioni normative che si sono occupate di studi di settore, e che nel presente intervento saranno oggetto di analisi, sono quelli indicati nella tabella che segue. Disposizione normativa Art. 23, co. 28, del D.L. 98/2011 Art. 2, co. 35, del D.L. 138/2011 Art. 10, co. 9 13, del D.L. 201/2011 Art. 8, co. 4 5, del D.L. 16/2012 Contenuto - Inasprimento sanzioni per omessa o infedele comunicazione dei dati relativi agli studi di settore - Accertamento induttivo in caso di omessa o infedele dichiarazione dei dati relativi agli studi di settore - Per beneficiare della protezione da accertamenti analitico-induttivi, previsto dall art. 10, co. 4-bis, della Legge 146/98, la congruità di Gerico deve essere biennale e non più solamente con riferimento all annualità interessata dal controllo - Disposizioni premiali nei confronti dei soggetti per i quali si rende applicabile il regime di accertamento basato sugli studi di settore - Innalzamento dello scostamento dal 10% al 15% tra ricavi e compensi dichiarati e quelli accertati in base agli studi di settore, quale presupposto per l accertamento induttivo 2

3 A commento delle modifiche indicate nello schema precedente, con esclusione di quelle contenute nel D.L. n. 16/2012, in corso di conversione, è intervenuta l Agenzia delle Entrate con la C.M. n. 8/E/2012, in cui sono contenuti numerosi chiarimenti in merito all ambito applicativo delle predette novità. Prendendo spunto dal predetto documento dell Agenzia, nel presente intervento, oltre ad illustrare le novità introdotte dal D.L. 16/2012, si ripercorrono le principali novità previste dai citati decreti emanati nel corso del 2011, così da poter fornire un quadro completo. Novità introdotte dal D.L.98/2011 L art. 23, co. 28, del D.L. 98/2011 (Manovra d estate 2011), come anticipato, contiene interessanti novità in tema di studi di settore. Gli interventi legislativi contenuti nella citata disposizione si muovono sui due seguenti fronti, il cui denominatore comune è costituito dall infedeltà, per colpa o per dolo, della comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore: incremento delle sanzioni irrogabili nei confronti dei contribuenti che taroccano i dati rilevanti per l applicazione degli studi; legittimazione della forma dell accertamento induttivo, anche nei casi di congruità alle risultanze degli studi di settore. OSSERVA E bene evidenziare, sin da subito, che le novità che saranno descritte in seguito sono destinate ad applicarsi già con effetto dal periodo d imposta 2010, e quindi sono rilevanti anche nella compilazione del modello Unico Quadro normativo Le descritte modifiche sono contenute, come detto, nell art. 23, co. 28, del D.L. 98/2011, e più precisamente: razionalizzazione dei termini di pubblicazione (lett. a): a decorrere dall anno 2012, gli studi di settore devono essere pubblicati in Gazzetta Ufficiale entro il 31 dicembre del periodo di imposta nel quale entrano in vigore, salvo sussistano motivi eccezionali e contingenti, nel qual caso tale termine può essere differito al 31 marzo dell anno successivo; inasprimento sanzioni (lett. b), e), f) e g): viene aumentata la misura massima delle sanzioni in caso di omissione della presentazione del 3

4 modello dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore, sia nel caso in cui tale modello debba essere allegato alla dichiarazione, sia nel caso in cui la comunicazione dei dati debba avvenire a seguito della richiesta degli Uffici; accertamento induttivo (lett. c): è prevista la possibilità di procedere all accertamento analitico induttivo, ai sensi dell art. 39 del DPR 600/73, nel caso in cui siano indicati nel modello dei dati infedeli, o siano indicate cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi non veritiere; obblighi di motivazione da parte dell Amministrazione finanziaria (lett. d): viene eliminato l obbligo di motivare in caso di rettifica, da parte dell Ufficio, le ragioni che li inducono a disattendere le risultanze degli studi di settore in quanto inadeguate a stimare correttamente il volume di ricavi o compensi riferibili al contribuente. In tal modo, sarà più facile l attività di accertamento, in quanto la possibilità di disattendere le risultanze degli studi di settore apre le porte ad altre forme di accertamento più incisive. Termini di approvazione degli studi di settore L art. 23, co. 28, lett. a), del D.L. 98/2011, introducendo il nuovo co. 1-bis nell art. 1 del DPR 195/1999 prevede che: a partire dall anno 2012 gli studi di settore devono essere pubblicati in Gazzetta Ufficiale entro il 31 dicembre del periodo d imposta nel quale entrano in vigore. Eventuali integrazioni, indispensabili per tenere conto degli andamenti economici e dei mercati, con particolare riguardo a determinati settori o aree territoriali, devono essere pubblicate in Gazzetta Ufficiale entro il 31 marzo del periodo d imposta successivo a quello della loro entrata in vigore. OSSERVA E bene ricordare che l intervento normativo non è nuovo, in quanto già in passato il legislatore aveva richiesto l obbligo di approvazione degli studi di settore entro la fine dell anno cui si riferiscono. Infatti, lo stesso art. 1 del DPR 195/99, e segnatamente il co. 1 (come modificato dall art. 33, co. 1, del D.L. 112/2008), aveva previsto che a partire dall anno 2009 gli studi di settore devono essere pubblicati nella Gazzetta Ufficiale entro il 30 settembre del periodo di imposta nel quale entrano in vigore. Per l anno 2008 il termine di cui al periodo precedente è fissato al 31 dicembre. Tuttavia, i predetti termini sono poi stati ulteriormente modificati, e portati rispettivamente al ed al dall art. 1, co. 4, del D.L. n. 194/

5 Relativamente al termine in questione, si segnala che il D.L. n. 16/2012 ha successivamente posticipato lo stesso al 30 aprile, sia pure limitatamente al periodo d imposta Inasprimento delle sanzioni per omessa presentazione del modello dei dati rilevanti Le lett. e), f) e g) del co. 28 dell art. 23 del D.L. 98/2011 integrano le disposizioni normative sanzionatorie, innalzando le sanzioni in caso di omessa presentazione del modello dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore. In particolare, si prevede che la misura minima e massima della sanzione applicabile in caso di infedele dichiarazione dei redditi, dell Irap e dell Iva (dal 100% al 200% della maggiore imposta o della differenza di credito, rispettivamente previste nell art. 1, co. 2, del D.Lgs. 471/97, nell art. 32, co. 2, del D.Lgs. 446/97 e nell art. 5, co. 4, del D.Lgs. 471/97), è aumentata del 50% nell ipotesi di omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore. Ciò comporta, quindi, che in presenza della descritta omissione la sanzione applicabile va da un minimo del 150% ad un massimo del 300%. Tale sanzione, tra l altro, si rende applicabile sia nel caso in cui l adempimento sia dovuto da parte del contribuente (mancata allegazione del modello alla dichiarazione), sia nel caso in cui l omissione derivi dal mancato invito alla presentazione da parte dell Agenzia delle Entrate, che si realizza tipicamente nella fase di avvio di un contraddittorio preventivo sugli studi di settore. Violazione Modifiche Nuova misura delle Omessa presentazione del modello degli studi di settore Art. 8, comma 1, D.Lgs. n. 471/97 Art. 1, comma 2- bis, D.Lgs. n. 471/97 Art. 5, comma 4- ter, D.Lgs. n. 471/97 Art. 32, D.Lgs. n. 446/97 Irpef - Ires Iva Irap sanzioni La sanzione è elevata a quella massima, pari a La sanzione compresa tra il 150% e il 300% dell imposta dovuta 1 La sanzione in misura fissa viene applicata, nell ipotesi di omessa presentazione del modello studi, nella misura massima di risultando quindi incrementata rispetto alla misura edittale compresa tra 258 e 2.065, sempreché il modello non sia stato presentato, anche per effetto dell invito dell Ufficio. Su tale punto l Agenzia delle Entrate nella circolare n.8/e/2012 ha chiarito che, qualora dall applicazione degli studi non risulti un maggior reddito accertato rispetto al dichiarato, ancorché lo stesso emerga in sede di rettifica della dichiarazione non da studi di settore, è comunque possibile applicare la sanzione maggiorata ( 2.065). 5

6 Per l inasprimento delle sanzioni dianzi descritto, è necessario che si verifichi un ulteriore presupposto, in quanto è richiesto che le rettifiche operate al reddito dichiarato, ovvero al volume d affari Iva, o al valore della produzione netta, sulla base della corretta applicazione degli studi di settore, superino il 10% del reddito dichiarato dal contribuente. In altre parole: ai fini delle imposte sui redditi l incremento delle sanzioni è subordinato alla circostanza che il maggior reddito d impresa o di lavoro autonomo accertato a seguito della corretta applicazione dello studio di settore sia superiore del 10% al reddito d impresa dichiarato; ai fini IVA la maggiorazione della sanzione si applica qualora la maggiore IVA accertata o la minore IVA detraibile non superi il 10% dell IVA dichiarata; ai fini IRAP l incremento della sanzione opera qualora il maggior imponibile IRAP accertato superi il 10% dell imponibile IRAP dichiarato con criteri analoghi a quanto stabilito ai fini reddituali. Ad esempio, se la società ALFA ha dichiarato euro di reddito, ed ha omesso la compilazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore, l Ufficio potrà applicare la maxi sanzione se a seguito dell applicazione degli studi stessi il reddito superi l importo di euro , in quanto fino alla predetta soglia lo scostamento tra dichiarato ed accertato non supera il 10%. Pertanto, il legislatore, per mitigare la portata applicativa dell inasprimento sanzionatorio connesso alla mancata compilazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi, ha previsto una sorta di ombrello entro il quale al contribuente viene applicata solamente la sanzione ordinaria. OSSERVA E bene, altresì, ricordare la misura della sanzione per infedele dichiarazione era stata già in precedenza aumentata (si veda, ad esempio, il co. 2-bis dell art. 1 del D.Lgs. 471/97) del 10% (portandola quindi da un minimo di 110% ad un massimo del 220%) nei casi di omessa o infedele dichiarazione dei dati degli studi di settore, oppure nelle ipotesi di indicazione di cause di esclusione o inapplicabilità dichiarate non sussistenti. Anche tale sanzione è subordinata alla 6

7 presenza dello scostamento rilevante del 10% tra reddito dichiarato e reddito accertato a seguito della corretta applicazione degli studi. Chiarimenti dell Agenzia Come anticipato, nei primi mesi del 2012 l Agenzia è intervenuta a commento delle novità introdotte nel 2011 (C.M. n. 8/E/2012), ed in tale ambito particolare rilevanza assume il chiarimento da parte dell Agenzia in merito alla possibilità, da parte dell Amministrazione Finanziaria, di inviare al contribuente un apposito invito ad adempiere, diverso da quelli normalmente finalizzati all attività di controllo. Tale invito ha il preciso scopo di stimolare il contribuente ad adempiere all invio del modello omesso, anche dopo il termine di presentazione della dichiarazione. Secondo quanto chiarito dall Agenzia: tale invito non è obbligatorio inviarlo a tutti i contribuenti potenzialmente interessati dall omissione dichiarativa, anche se sul punto sarebbe auspicabile un invio generalizzato; costituisce un opportunità per il contribuente, in quanto l eventuale risposta all invito consente di evitare l applicazione delle descritte sanzioni incrementate dal D.L. n. 98/2011. Adesione all invito L adesione all invito da parte del contribuente non congruo agli studi, con accertamento di un reddito superiore al 15% del reddito dichiarato, che ha omesso la presentazione del modello per gli studi, porta con sé due benefici: la sanzione in misura fissa (euro 2.058) non si rende applicabile; la sanzione proporzionale si applica nella misura ordinaria di cui all art. 1, co. 2-bis, del D.Lgs. n. 471/97 (dal 110% al 220% della maggiore imposta accertata). Mancata adesione all invito Al contrario, laddove al contribuente non congruo sia accertato un reddito in base agli studi di settore superiore al 10% di quello dichiarato, ed il contribuente stesso non aderisca all invito dell Agenzia delle Entrate: si applica la sanzione fissa nella misura massima di euro 2.065; si rende altresì applicabile la sanzione proporzionale, dal 150% al 300% della maggiore imposta accertata. Ravvedimento operoso OSSERVA L invito in questione costituisce quindi una sorta di preavviso di irregolarità, sia 7

8 pure diverso da quello tipizzato dagli artt. 32 del DPR 600/73, e 51 del DPR 633/72, con la conseguenza che l eventuale invio al contribuente di tale invito non preclude allo stesso di avvalersi del ravvedimento operoso al fine di sanare il comportamento omissivo e di poter fruire delle sanzioni ridotte. In tale ipotesi, la base di calcolo della sanzione ridotta non deve tener conto delle maggiorazioni, atteso che le stesse si rendono applicabili solamente in presenza di un maggior reddito accertato, e quindi subordinatamente al fatto che l Amministrazione Finanziaria abbia proceduto in tal senso. In altre parole, qualora il contribuente integri la dichiarazione includendo il modello studi in precedenza omesso, anche dopo lo specifico invito dell Agenzia, potrà regolarizzare la violazione applicando la sanzione ridotta commisurata alla sanzione base non maggiorata di 258, pari quindi a 32 (1/ di 258). Se il modello viene presentato successivamente al termine per l effettuazione del ravvedimento operoso, ma prima che inizi l attività di controllo, saranno applicate le sanzioni previste per la specifica violazione, senza l incremento in esame. Ampliamento dell accertamento induttivo La misura certamente più incisiva in relazione ai poteri di accertamento da parte dell Amministrazione finanziaria è senza dubbio quella contenuta nella lett. c) del co. 28 dell art. 23 del D.L. 98/2011, in cui si prevede una nuova ipotesi di esperibilità dell accertamenti induttivo. OSSERVA Prima di analizzare la novità normativa, è bene ricordare che tale tipologia di accertamento, prevista nell art. 39, co. 2, del DPR 600/73, a differenza di quello analitico-induttivo (di cui all art. 39, co. 1, lett. d), dello stesso DPR 600/73) è una procedura di accertamento più semplice sul piano probatorio, esperibile in presenza di fattispecie (tassativamente elencate nell art. 39, co. 2, del DPR 600/73) che denotano una particolare pericolosità del contribuente, e che può fondarsi sull utilizzo di elementi di tipo indiziario, ossia su presunzione cd. semplicissime e come tali non supportate dai requisiti di gravità, precisione e concordanza. Con tale tipologia di accertamento, infatti, l Amministrazione finanziaria può ricostruire la posizione reddituale del contribuente utilizzando dati e notizie comunque raccolti o venuti in suo possesso, con la possibilità di prescindere, in tutto o in parte, dalle risultanze delle scritture contabili (in quanto, ad esempio, inattendibili). 8

9 Con l intervento normativo in commento, è aggiunta la nuova lett. d-ter) nel co. 2 dell art. 39 del DPR 600/73, secondo cui è esperibile l accertamento induttivo (puro): quando viene rilevata l omessa o infedele indicazione dei dati previsti nei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore, nonché l indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore non sussistenti. La presente disposizione si applica a condizione che siano irrogabili le sanzioni di cui al comma 2-bis dell articolo 1 del D.Lgs , n OSSERVA L obiettivo di tale intervento normativo è abbastanza intuitivo, nel senso che si intende contrastare quei comportamenti tesi ad aggiustare i dati indicati nei modelli per l applicazione degli studi, ovvero ad inserire cause di esclusione o di inapplicabilità non spettanti. L Ufficio, accertata l infedeltà dei dati indicati, potrà legittimamente decidere se accertare automaticamente il contribuente sulla base delle corrette risultanze di Gerico, ovvero passare ad un accertamento più invasivo qual è quello di tipo induttivo, ricostruendo in maniera più semplificata il reddito del contribuente. Considerando che negli ultimi anni, la giurisprudenza di legittimità ha certamente retrocesso l accertamento automatico in base agli studi di settore, degradandolo nell ambito delle presunzioni semplici, e quindi non idonee ad invertire l onere della prova in capo al contribuente, è prevedibile che l Amministrazione finanziaria opterà, in presenza di taroccamento dei dati rilevanti per l applicazione degli studi per una metodologia accertativa senz altro più semplice da gestire, e più difficoltosa da contrastare per il contribuente. Va tuttavia evidenziato che la stessa nuova lett. d-ter) dell art. 39, co. 2, del DPR 600/73, prevede una sorta di clausola di salvaguardia per il contribuente, in quanto l esperibilità dell accertamento induttivo è comunque subordinato alla circostanza che il maggior reddito accertato (d impresa o di lavoro autonomo) a seguito della corretta applicazione degli studi di settore sia superiore al 10% di quello dichiarato dal contribuente. Si tratta della stessa franchigia prevista per l applicazione della maxi sanzioni in caso di omessa indicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore. Relativamente all efficacia della disposizione in commento, l Agenzia delle Entrate, nella C.M. n. 8/E/2012, ha precisato che la stessa ha natura 9

10 procedimentale, con la conseguenza che si rende applicabile a tutte le annualità aperte, con conseguente effetto retroattivo. Tale posizione è tuttavia mitigata dalla stessa Amministrazione finanziaria nella predetta C.M. n. 8/E/2012, in cui si legge che alla luce dei principi di trasparenza e di collaborazione cui sono improntati i rapporti tra amministrazione e contribuenti, gli Uffici applicheranno ordinariamente la facoltà di procedere ad accertamento induttivo solo a partire dai controlli delle dichiarazioni relative al periodo d imposta Pertanto, per le annualità precedenti al 2010, in caso di irregolarità nella compilazione del modello studi, gli Uffici procederanno con ricostruzioni di tipo analitico o analitico-presuntivo evitando il ricorso all accertamento induttivo puro. Novità del Decreto semplificazioni Le regole descritte nei paragrafi precedenti sono state oggetto di modifica ad opera dell art. 8 del D.L. n. 16/2012, che ha riscritto completamente l art. 39, co. 2, lett. d-ter), del DPR 600/73, e nel cui merito l Agenzia delle Entrate, nella predetta C.M. n. 8/E/2012, non entra, anche se la stessa Agenzia precisa che le novità in questione si applicano per gli accertamenti notificati a decorrere dal 2 marzo Più nel dettaglio, le novità in questione prevedono che l attivazione dell accertamento induttivo da parte dell Amministrazione finanziaria è subordinato alla presenza di una delle seguenti fattispecie: omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore; indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore, successivamente disconosciute in quanto non sussistenti; infedele compilazione dei modelli, a cui segua una differenza superiore al 15%, o comunque, ad euro , tra i ricavi/compensi risultanti dall applicazione degli studi di settore in base ai dati corretti, e quelli calcolati in base alla dichiarazione presentata dal contribuente. Relativamente alle novità descritte, è bene evidenziare che, a differenza di quanto previsto prima delle predette modifiche, con l entrata in vigore del D.L. n. 16/2012: l omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi legittima l esperibilità dell accertamento induttivo 10

11 (in precedenza, era richiesta l omessa indicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore, il che presupponeva l invio del relativo modello); la maggior franchigia, pari al 15%, in luogo del 10%, si applica sulla differenza tra i ricavi derivanti dagli studi di settore e quelli dichiarati, e non sulla differenza tra reddito accertato in base ai medesimi studi e quello dichiarato. In altre parole, cambia la base di calcolo degli scostamenti rilevanti ai fini dell applicabilità dello strumento di accertamento induttivo; il predetto limite (o franchigia) del 15%, al superamento del quale si rende applicabile l accertamento induttivo, non riguarda, a differenza della norma previgente, né l ipotesi di omessa presentazione del modello degli studi, né quella relativa all indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità non spettanti. OSSERVA A seguito del nuovo scenario normativo delineato, sarà importante comprendere quale sarà il comportamento che seguiranno gli Uffici finanziari, soprattutto in relazione alle modalità di utilizzo dell accertamento induttivo puro. In particolare: in primis, è necessario valutare se sia sufficiente il mero scostamento da Gerico (ovviamente oltre i limiti minimi previsti del 15% o pari ad euro ) quale presunzione semplice per ricorrere alla metodologia induttiva, ovvero se sia necessario ricorrere ad altri elementi probatori per ricostruire in via induttiva il reddito non dichiarato dal contribuente; in secondo luogo, l utilizzo dell accertamento induttivo puro comporta anche la problematica di riconoscimento dei costi occulti, come stabilito dalla C.M. n. 32/E/2006, nonché dalla copiosa giurisprudenza in materia. Tale riconoscimento appare difficile laddove l Ufficio utilizzi meramente la ricostruzione dei ricavi tramite Gerico, mentre è necessario nell ipotesi in cui alla base dell accertamento si pongano ulteriori parametri, quali ad esempio le medie di settore D.L. 138/2011 (Manovra di Ferragosto) L art. 2, co. 35, del D.L. 138/2011 introduce un nuovo presupposto al fine di poter beneficiare della protezione da accertamenti analitico-induttivi, previsto dall art. 10, co. 4-bis, della Legge 146/98, e più precisamente si prevede che per poter beneficiare della citata protezione la congruità di Gerico debba essere 11

12 biennale e non più solamente con riferimento all annualità interessata dal controllo. OSSERVA Si ricorda, inoltre, che il recente art. 23, co. 28, lett. d), del D.L. 98/2011 aveva già provveduto alla modifica del citato art. 10 della Legge n. 146/98, abrogando la disposizione che prevedeva, in caso di rettifica della dichiarazione di contribuenti congrui e coerenti, che nella motivazione dell atto impositivo basato su elementi presuntivi, dovessero essere indicate le motivazioni che hanno indotto l Ufficio a disattendere le risultanze degli studi di settore, in quanto inadeguate a stimare correttamente il volume di ricavi o compensi potenzialmente ascrivibile al contribuente. La normativa previgente al D.L.138/2011 Prima di entrare nel merito della novità introdotta dall art. 2, co. 35, del D.L. 138/2011, è bene inquadrare con precisione l ambito normativo in cui tale novità si inserisce. Al fine di stimolare i contribuenti all ottenimento della congruità ai ricavi derivanti dall applicazione degli studi di settore, l art. 1, co. 17, della Finanziaria 2007 aveva inserito all art. 10 della Legge n. 146/98 il co. 4-bis, in cui si prevede, nel testo normativo vigente fino al 12 agosto 2011 (giorno antecedente alla data di entrata in vigore del D.L. 138/2011) che gli accertamenti analitico-induttivi non possano essere effettuati nei confronti dei soggetti che dichiarino, anche per adeguamento, ricavo o compensi pari o superiori al livello di congruità, ai fini dell applicazione degli studi di settore di cui all articolo 62-bis del D.L. 30 agosto 1993, n. 331 (.), tenuto conto altresì dei valori di coerenza risultanti dagli specifici indicatori, di cui all articolo 10-bis, comma 2, della presente legge, qualora l ammontare delle attività non dichiarate, con un massimo di euro, sia pari o inferiore al 40 per cento dei ricavi o compensi dichiarati. La riportata disposizione normativa (come detto nel testo ante modifiche apportate dal D.L. 138/2011, di cui si dirà in seguito), prevede che se il contribuente dichiara ricavi o compensi congrui in base alle risultanze degli studi di settore, anche per effetto di adeguamento spontaneo in dichiarazione, anche tenendo conto dei valori di coerenza risultanti dagli specifici indicatori, possa essere sottoposto ad accertamenti di tipo presuntivo (analitico-induttivi) solo al verificarsi delle seguenti condizioni: ammontare delle attività non dichiarate, derivante dalla ricostruzione presuntiva, sia superiore al 40% dei ricavo o compensi dichiarati; 12

13 ammontare delle attività dichiarate, derivanti dalla medesima ricostruzione presuntiva, superi in valore assoluto l importo di euro In buona sostanza, l art. 10, co. 4-bis, della Legge n. 146/98 prevede una sorta di ombrello per evitare l attivazione di accertamenti di tipo presuntivo, attivabile in presenza di scostamenti tra ricavi (o compensi) dichiarati e quelli accertati che non ecceda il 40%, fermo restando il limite in valore assoluto di euro Come chiarito dalla C.M. n. 11/E/2007, la previsione del limite assoluto di euro e di quello percentuale del 40% dei ricavi o compensi dichiarati, non costituisce una franchigia, in quanto al verificarsi del superamento di uno dei due suddetti limiti, l accertamento è esperibile per l intero ammontare dei ricavi non dichiarati, e non solamente per la parte eccedente. Inoltre, è bene ricordare che la recente Manovra d estate, e più precisamente l art. 23, co. 28, del D.L. 98/2011, dispone che la preclusione di cui all art. 10, co. 4-bis, della Legge n. 146/98, non opera per i contribuenti nei cui confronti risultino applicabili le sanzioni per omessa o infedele comunicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore. Come visto in precedenza, infatti, il predetto art. 23, co. 28, del D.L. 98/2011 ha decisamente inasprito (del 50%) le sanzioni applicabili in presenza di taroccamento (o mancata compilazione) dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore. Orbene, laddove sia constatata tale violazione, oltre alle citate maggiori sanzioni (applicabili comunque in presenza di uno scostamento del maggior reddito accertato in misura pari almeno al 10% di quello dichiarato), viene meno l ombrello utilizzabile per evitare accertamenti di tipo presuntivo. Le novità del D.L , n.138 Come anticipato, l art. 2, co. 35, del D.L. 138/2011 interviene innovando il testo normativo dell art. 10, co. 4-bis, della Legge n. 146/98, che a seguito di tale intervento prevede che gli accertamenti analitico-induttivi non possano essere effettuati nei confronti dei soggetti che dichiarino, anche per adeguamento, ricavo o compensi pari o superiori al livello di congruità, ai fini dell applicazione degli studi di settore di cui all articolo 62-bis del D.L. 30 agosto 1993, n. 331 (.), tenuto conto altresì dei valori di coerenza risultanti dagli specifici indicatori, di cui all articolo 10-bis, comma 2, della presente legge, qualora l ammontare delle attività non dichiarate, con un massimo di euro, sia pari o inferiore al 40 per cento dei ricavi o compensi dichiarati (.). La presente disposizione si applica a condizione che (.) i contribuenti interessati risultino congrui alle risultanze degli studi di settore, anche a seguito di adeguamento, in relazione al periodo di imposta precedente. In seguito al predetto intervento normativo, ferme restando le condizioni in precedenza descritte, è introdotto un ulteriore requisito affinchè sia attivabile l ombrello 13

14 per ripararsi dagli accertamento di tipo analitico-induttivo. In particolare, è ora previsto che la congruità alle risultanze degli studi di settore sia raggiunta non solo per l anno oggetto di accertamento, ma anche per quello precedente. In tal modo, i requisiti richiesti in qualche modo si raddoppiano, nel senso che il contribuente deve dimostrare una fedeltà temporale nell aver dichiarato, anche a seguito di adeguamento, un ammontare di ricavi congrui in base alle risultanze degli studi di settore (anno accertato e quello precedente). La modifica normativa offre lo spunto per alcune riflessioni critiche in merito al contenuto della predetta disposizione, ed in particolare per il fatto che a seguito della modifica introdotta dal D.L. 138/2011, con riferimento alla congruità richiesta anche per il periodo d imposta precedente a quello oggetto di accertamento, non si richiede espressamente: la coerenza rispetto agli indicatori economici; la non irrogabilità delle sanzioni previste in caso di infedeltà nella comunicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore. Coerenza agli indicatori In merito alla prima delle due questioni proposte, uno spunto arriva dalla lettura della relazione illustrativa al D.L. 138/2011, laddove sembra potersi desumere che l ombrello protettivo dagli accertamenti analitico-presuntivi sia estensibile anche ai contribuenti che per l anno precedente a quello oggetto di accertamento siano solamente congrui, anche se non coerenti. Nel citato documento, infatti, è precisato che in relazione ad un annualità d imposta, la citata limitazione dei poter accertativi sussiste solo se il contribuente interessato è risultato congruo, anche a seguito di adeguamento alle risultanze degli studi di settore. In relazione a tale aspetto, la C.M. n. 8/E/2012, l Agenzia sposa una diversa soluzione, precisando che è necessario tener conto anche degli eventuali maggiori valori risultanti dagli specifici indicatori di normalità economica (art. 10-bis, co. 2, della Legge n. 146/98). Relativamente all annualità precedente quella oggetto di accertamento, l Agenzia illustra un ulteriore precisazione applicabile nell ipotesi in cui il contribuente, per l anno in questione, sia interessato da cause di esclusione o di inapplicabilità agli studi di settore. In tal caso, precisa l Agenzia, ai fini della predette verifica della congruità per il periodo anteriore, lo stesso non potrà considerarsi assimilato ad un periodo d imposta con ricavi o compensi congrui. Decorrenza delle novità L art. 2, co. 35, del D.L. 138/2011 non contiene indicazioni in merito all efficacia temporale della novità esaminata nei paragrafi precedenti. La questione è particolarmente delicata, atteso che, come già accaduto in passato, l Amministrazione finanziaria ha spesso sostenuto che le novità relative all accertamento sono di tipo procedurale e, come tali, hanno efficacia retroattiva. E tale posizione è 14

15 stata confermata anche in questa occasione, ad opera della C.M. n. 8/E/2012, in cui l Agenzia, per le predette motivazioni, ha precisato che la disposizione ha efficacia anche per le rettifiche relative ai periodi d imposta antecedenti, purchè ancora accertabili. Art. 39, co. 2, lett. d-ter), del DPR 600/73 Testo vigente ante D.L. 16/2012 d-ter) quando viene rilevata l'omessa o infedele indicazione dei dati previsti nei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore, nonché l'indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore non sussistenti. La presente disposizione si applica a condizione che siano irrogabili le sanzioni di cui al comma 2-bis dell'articolo 1 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n Art. 39, co. 2, lett. d-ter, del DPR 600/73 Testo vigente post D.L. 16/2012 d-ter) in caso di omessa presentazione dei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore o di indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore non sussistenti, nonché di infedele compilazione dei predetti modelli che comporti una differenza superiore al quindici per cento, o comunque ad euro cinquantamila, tra i ricavi o compensi stimati applicando gli studi di settore sulla base dei dati corretti e quelli stimati sulla base dei dati indicati in dichiarazione Premio per i congrui e coerenti agli studi di settore: art.10 del D.L. 201/2011 L art. 10 del D.L. n. 201/2011, nell introdurre uno speciale regime premiale a favore di coloro che pongono in essere determinati comportamenti trasparenti nei confronti dell Amministrazione finanziaria, prevede particolari benefici anche per i contribuenti soggetti all accertamento in base agli studi di settore, che risultano congrui e coerenti alle risultante di Gerico, applicabili a prescindere dalla concreta applicazione del regime premiale per la trasparenza (come chiarito dall Agenzia delle Entrate in occasione di Telefisco 2012). E inoltre previsto un particolare rafforzamento dei controlli nei confronti dei soggetti che non risultano congrui alle risultanze degli studi di settore, ed è abrogata la franchigia, prevista dall art. 10, co. 4-bis, della Legge n. 146/98, per i soggetti congrui e coerenti agli studi di settore. Le novità in questione, infine, entrano in vigore a decorrere dall annualità 2011 e successive, fermo restando che per le annualità precedenti il contribuente potrà avvalersi della franchigia di cui al predetto art. 10, co. 4-bis, della Legge n. 146/98. Quadro normativo Le disposizioni contenute nell art. 10, co. 9 13, del D.L. 201/2011, contengono particolari disposizioni premiali nei confronti dei soggetti per i quali si rende applicabile il regime di accertamento basato sugli studi di settore, ai sensi dell art. 10, della Legge n. 146/98. Nella tabella che segue, sono sintetizzate le citate disposizioni, che saranno oggetto di approfondimento nei prossimi paragrafi. 15

16 Disposizione Descrizione art. 10 Comma 9 Benefici spettanti ai soggetti congrui, anche per adeguamento, alle risultanze degli studi di settore: preclusione di alcune tipologie di accertamento riduzione di un anno dei termini per l accertamento maggior franchigia in caso di accertamento sintetico Comma 10 Detta le condizioni per accedere ai benefici di cui al co. 9: regolare e fedele comunicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore coerenza rispetto agli indicatori previsti dai decreti di approvazione dello studio di settore Comma 11 Destinazione di capacità operativa per l effettuazione di specifici controlli nei confronti dei soggetti non congrui agli studi di settore Comma 12 Abrogazione delle disposizioni di cui all art. 10, co. 4-bis, della Legge n. 146/98, ossia della franchigia da accertamenti analitico-induttivi per i contribuenti congrui e coerenti, nei limiti del 40% delle attività dichiarate, e comunque entro l importo di euro Comma 13 Efficacia delle disposizioni di cui al co. 9 e 10: annualità 2011 e successive Soggetti interessati Come anticipato, i benefici di cui si dirà appresso, come previsto dal co. 9 dell art. 10 del D.L. 201/2011, si applicano nei confronti dei soggetti al regime di accertamento basato sugli studi di settore, ai sensi dell articolo 10, della legge 8 maggio 1198, n. 146, che dichiarano, anche per effetto dell adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dall applicazione degli studi medesimi. In buona sostanza, la platea dei soggetti interessati è ampia e tale da ricomprendere tutti coloro per i quali si rendono effettivamente applicabili gli studi di settore quale strumento di accertamento. Operando per esclusione, sono interessati alle disposizioni di cui ai co dell art. 10 in commento, tutti coloro per i quali non si verifichi una delle seguenti fattispecie (cause di esclusione dagli studi di settore), previste dal co. 4 dell art. 10 della Legge n. 146/98: contribuenti che hanno dichiarato ricavi, o compensi, superiori ad euro ; soggetti che hanno iniziato o cessato l attività nel periodo d imposta (ad esclusione di coloro che hanno cessato ed iniziato una nuova attività entro 6 mesi, ovvero 16

17 qualora l attività intrapresa costituisca mera prosecuzione di attività svolte da altri soggetti); contribuenti che si trovano in un periodo di non normale svolgimento dell attività. Benefici Passando ad esaminare nello specifico la norma, viene disposto che, nei confronti dei suddetti contribuenti, ossia di coloro soggetti all accertamento basato sugli studi di settore (art. 10 della L. 146/98), e che dichiarano, anche per effetto di adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dell applicazione degli studi, si realizzano i seguenti benefici (co. 9): preclusione dagli accertamenti basati sulle presunzioni semplici di cui agli artt. 39, comma 1, lett. d), secondo periodo del DPR 600/73 e 54, comma 2 ultimo periodo del DPR 633/72; riduzione di un anno degli ordinari termini di decadenza per l attività di accertamento (art. 43, comma 1 del DPR 600/73); la disposizione non si applica in caso di violazioni che comportino l obbligo di denuncia penale per uno dei reati fiscali di cui al DLgs. 74/2000 (2); la determinazione sintetica del reddito complessivo è ammessa, a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un terzo quello dichiarato (e non di un quindi come ordinariamente previsto dall art. 38 del DPR 600/73 (3). 2 Nei confronti dei soggetti che risulteranno congrui, coerenti e veritieri con gli studi di settore, quindi, l ordinario termine di prescrizione diventa il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, in luogo del quarto anno. La norma prevede che la disposizione non si applica in caso di violazione che comporta obbligo di denuncia ai sensi dell articolo 331 del codice di procedura penale per uno dei reati previsti dal decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74. Innanzitutto va rilevato che la norma è, sostanzialmente, similare a quella contenuta sia nell art. 43 del DPR n. 600/1973 (in materia di imposte dirette) che nell art. 57 del DPR n. 633/1972 (in materia di IVA), per cui possono ragionevolmente ritenersi applicabili alla nuova disposizione le interpretazioni giurisprudenziali e i chiarimenti forniti in occasione delle predette due norme. Ciò significa che sarà sufficiente la sola notizia criminis relativa ad una violazione che fa scattare le norme penali tributarie per vanificare la riduzione di un anno del termine di prescrizione. Peraltro, come sostenuto dall Agenzia delle Entrate per l ordinaria applicazione degli articoli 43 e 57 citati, il raddoppio dei termini di decadenza opera a prescindere dalle successive vicende del giudizio penale che consegua alla denuncia. (circolare 23 dicembre 2009, n. 54/E). 3 La determinazione sintetica del reddito ex art. 38 del D.P.R. 600/73 (redditometro) è ammessa a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un terzo quello dichiarato. Si rileva che tale beneficio è evidentemente rivolto esclusivamente alle persone fisiche titolari di P.IVA perché esercenti un attività di impresa o artistica o professionale, in quanto l accertamento sintetico del reddito è esperibile soltanto nei confronti delle persone fisiche. Vi è quindi una differenza di destinatari rispetto agli altri due benefici, poiché questo si applica soltanto alle persone fisiche mentre gli altri due alla generalità dei contribuenti sottoposti agli studi di settore. 17

18 Condizioni per l accesso ai benefici Al fine di poter beneficiare dei vantaggi indicati in precedenza, il co. 10 dell art. 2 del D.L. 201/2011, richiede la presenza delle due seguenti condizioni: il contribuente deve aver regolarmente assolto gli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore, indicando fedelmente tutti i dati previsti; sulla base di dati indicati fedelmente, il contribuente deve risultare coerente (e non solo congruo quindi) con gli specifici indicatori previsti dai decreti di approvazione dello studio settore o degli studi di settore applicabili. Come si desume dal testo normativo del co. 10, risulta evidente la volontà del legislatore di garantire gli effetti premiali descritti solamente nei confronti dei contribuenti fedelmente congrui (e coerenti), evitando in tal modo di consentire l accesso agli importanti vantaggi anche in capo a coloro che sono risultati congrui per effetto di aggiustamento dei dati per l applicazione degli studi di settore. In tal senso, la norma in questione sembra andare nella stessa direzione, sia pure in relazione ad un contesto differente, di quanto previsto dall art. 23, co. 28, lett. c), del D.L. 98/2011, che ha previsto una nuova ipotesi di esperibilità dell accertamenti induttivo. E bene ricordare che tale tipologia di accertamento, prevista nell art. 39, co. 2, del DPR 600/73, a differenza di quello analitico-induttivo (di cui all art. 39, co. 1, lett. d), dello stesso DPR 600/73) è una procedura di accertamento più semplice sul piano probatorio, esperibile in presenza di fattispecie (tassativamente elencate nell art. 39, co. 2, del DPR 600/73) che denotano una particolare pericolosità del contribuente, e che può fondarsi sull utilizzo di elementi di tipo indiziario, ossia su presunzione cd. semplicissime e come tali non supportate dai requisiti di gravità, precisione e concordanza. Con tale tipologia di accertamento, infatti, l Amministrazione finanziaria può ricostruire la posizione reddituale del contribuente utilizzando dati e notizie comunque raccolti o venuti in suo possesso, con la possibilità di prescindere, in tutto o in parte, dalle risultanze delle scritture contabili (in quanto, ad esempio, inattendibili). Con l intervento normativo inserito nel D.L. 98/2011, è stata aggiunta la nuova lett. e) nel co. 2 dell art. 39 del DPR 600/73, secondo cui è esperibile l accertamento induttivo (puro) quando viene rilevata l omessa o infedele indicazione dei dati previsti nei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore, nonché l indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore non sussistenti. La presente disposizione si applica a condizione che siano irrogabili le sanzioni di cui al comma 2-bis dell articolo 1 del D.Lgs , n L obiettivo di tale intervento normativo è abbastanza intuitivo, nel senso che si intende contrastare quei comportamenti tesi ad aggiustare i dati indicati nei modelli per l applicazione degli studi, ovvero ad inserire cause di esclusione o di inapplicabilità non 18

19 spettanti. L Ufficio, accertata l infedeltà dei dati indicati, potrà legittimamente decidere se accertare automaticamente il contribuente sulla base delle corrette risultanze di Gerico, ovvero passare ad un accertamento più invasivo qual è quello di tipo induttivo, ricostruendo in maniera più semplificata il reddito del contribuente. Considerando che negli ultimi anni, la giurisprudenza di legittimità ha certamente retrocesso l accertamento automatico in base agli studi di settore, degradandolo nell ambito delle presunzioni semplici, e quindi non idonee ad invertire l onere della prova in capo al contribuente, è prevedibile che l Amministrazione finanziaria opterà, in presenza di taroccamento dei dati rilevanti per l applicazione degli studi per una metodologia accertativa senz altro più semplice da gestire, e più difficoltosa da contrastare per il contribuente. Va tuttavia evidenziato che la stessa nuova lett. e) dell art. 39, co. 2, lett. d), del DPR 600/73 prevede una sorta di clausola di salvaguardia per il contribuente, in quanto l esperibilità dell accertamento induttivo è comunque subordinato alla circostanza che il maggior reddito accertato (d impresa o di lavoro autonomo) a seguito della corretta applicazione degli studi di settore sia superiore al 10% di quello dichiarato dal contribuente. Rafforzamento dei controlli nei confronti dei soggetti non congrui A fronte di evidenti benefici nei confronti dei contribuenti congrui e coerenti (fedeli), il legislatore ha tuttavia previsto un rafforzamento delle attività di controllo nei confronti di coloro che non risultano congrui e/o coerenti. In particolare, il co. 11 dell art. 10 in commento stabilisce che: i soggetti non congrui alle risultanze degli studi di settore saranno destinatari di specifici paini di controllo, che saranno articolati su tutto il territorio nazionale e basati sulle specifiche analisi dei rischio di evasione. Nell ambito di tale attività di controllo, è previsto che si terrà conto anche delle informazioni relative alle operazioni finanziarie presenti nell apposita sezione dell Anagrafe tributaria, di cui all art. 7, co. 6, del DPR 605/73; per i soggetti non congrui e non coerenti, i controlli saranno svolti prioritariamente con l utilizzo dei poteri riconosciuti all Agenzia delle Entrate, ed agli altri organi accertatori, per le indagini finanziarie (art. 32, co. 1, n. 6-bis e 7, e art. 51, co. 2, del DPR 633/72). Abrogazione della franchigia per i contribuenti congrui e coerenti Il comma 12 dell art. 10 del D.L. 201/2011 dispone espressamente che il comma 4-bis dell articolo 10 e l articolo 10-ter della legge 8 maggio 1998, n. 146, sono abrogati. Tali due disposizioni, si ricorda, prevedevano una franchigia da futuri accertamenti nelle seguenti due ipotesi: 19

20 congruità e coerenza alle risultanze degli studi di settore, tenendo conto delle modifiche apportate dal D.L. 138/2011 (art. 10, co. 4-bis); adesione integrale agli inviti al contraddittorio, ex art. 5, co. 1-bis, del D.Lgs. n. 218/97, notificati al contribuente obbligatoriamente ai sensi dell art. 10, co. 3-bis, della Legge n. 146/98 (art. 10-ter). Al fine di stimolare i contribuenti all ottenimento della congruità ai ricavi derivanti dall applicazione degli studi di settore, l art. 1, co. 17, della Finanziaria 2007 aveva inserito all art. 10 della Legge n. 146/98 il co. 4-bis, in cui si prevedeva, nel testo normativo vigente fino al 12 agosto 2011 (giorno antecedente alla data di entrata in vigore del D.L. 138/2011) che gli accertamenti analitico-induttivi non potessero essere effettuati nei confronti dei soggetti che dichiarino, anche per adeguamento, ricavo o compensi pari o superiori al livello di congruità, ai fini dell applicazione degli studi di settore di cui all articolo 62-bis del D.L. 30 agosto 1993, n. 331 (.), tenuto conto altresì dei valori di coerenza risultanti dagli specifici indicatori, di cui all articolo 10-bis, comma 2, della presente legge, qualora l ammontare delle attività non dichiarate, con un massimo di euro, sia pari o inferiore al 40 per cento dei ricavi o compensi dichiarati. La riportata disposizione normativa (come detto nel testo ante modifiche apportate dal D.L. 138/2011), prevedeva che se il contribuente dichiarava ricavi o compensi congrui in base alle risultanze degli studi di settore, anche per effetto di adeguamento spontaneo in dichiarazione, anche tenendo conto dei valori di coerenza risultanti dagli specifici indicatori, poteva essere sottoposto ad accertamenti di tipo presuntivo (analiticoinduttivi) solo al verificarsi delle seguenti condizioni: ammontare delle attività non dichiarate, derivante dalla ricostruzione presuntiva, fosse superiore al 40% dei ricavo o compensi dichiarati; ammontare delle attività dichiarate, derivanti dalla medesima ricostruzione presuntiva, superasse in valore assoluto l importo di euro In buona sostanza, l art. 10, co. 4-bis, della Legge n. 146/98 prevedeva una sorta di ombrello per evitare l attivazione di accertamenti di tipo presuntivo, attivabile in presenza di scostamenti tra ricavi (o compensi) dichiarati e quelli accertati che non ecceda il 40%, fermo restando il limite in valore assoluto di euro Come detto, l art. 2, co. 35, del D.L. 138/2011 è intervenuto innovando il testo normativo dell art. 10, co. 4-bis, della Legge n. 146/98, che a seguito di tale intervento prevede che gli accertamenti analitico-induttivi non possano essere effettuati nei confronti dei soggetti che dichiarino, anche per adeguamento, ricavo o compensi pari o superiori al livello di congruità, ai fini dell applicazione degli studi di settore di cui all articolo 62-bis del D.L. 30 agosto 1993, n. 331 (.), tenuto conto altresì dei valori di 20

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Pagina 1 di 8 Numero : -------------2012 Gruppo : STUDI DI SETTORE Oggetto : GLI STUDI DI SETTORE DOPO LA MANOVRA MONTI Norme e prassi : ART.

Dettagli

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative n 14 del 06 aprile 2012 circolare n 272 del 05 aprile 2012 referente BERENZI/mr Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative L Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti (Circolare

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO. Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio.

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO. Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio. NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio.it D.L. 30 agosto 1993, n. 331. (Gazz. Uff. n. 203 del 30 agosto 1993).

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Circolare N.108 del 25 Luglio 2011. Gli Studi di settore trovano sanzioni più severe: occhio alle dichiarazioni infedeli

Circolare N.108 del 25 Luglio 2011. Gli Studi di settore trovano sanzioni più severe: occhio alle dichiarazioni infedeli Circolare N.108 del 25 Luglio 2011 Gli Studi di settore trovano sanzioni più severe: occhio alle dichiarazioni infedeli Gli Studi di settore trovano sanzioni più severe: occhio alle dichiarazioni infedeli

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Studi di settore novità normative e risposte a quesiti

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Studi di settore novità normative e risposte a quesiti CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 marzo 2012 OGGETTO: Studi di settore novità normative e risposte a quesiti 2 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Novità di cui al decreto legge n. 98

Dettagli

MANOVRA CORRETTIVA, LUGLIO 2011: AUMENTO DELLE SANZIONI PER OMESSA PRESENTAZIONE DEL MODELLO STUDI DI SETTORE.

MANOVRA CORRETTIVA, LUGLIO 2011: AUMENTO DELLE SANZIONI PER OMESSA PRESENTAZIONE DEL MODELLO STUDI DI SETTORE. MANOVRA CORRETTIVA, LUGLIO 2011: AUMENTO DELLE SANZIONI PER OMESSA PRESENTAZIONE DEL MODELLO STUDI DI SETTORE. SOMMARIO: 1) Aumento della sanzione per omessa presentazione del modello studi di settore

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 16698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it DL 6.7.2011 n. 98 convertito nella L. 15.7.2011

Dettagli

Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi

Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi Pag. 488 n. 6/2005 12/02/2005 Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi di Rosita Donzì La Legge 30/11/2004 n. 311, art. 1, commi da 408 a 411 (in n. 2/2005, pag. 166),

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli CONCORDATO FISCALE PREVENTIVO PER IL 2003 E 2004 (Art. 33 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269,nel testo comprendente le modificazioni apportate dal Senato) Scheda di lettura n. 5/2003

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli CONCORDATO FISCALE PREVENTIVO PER IL 2003 E 2004 (Art. 33 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269) Scheda di lettura Documento n. 17 del 24 ottobre 2003 Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 Le altre novità dell articolo 10 del D.L.78/2009 Numerose le modifiche tributarie introdotte dall articolo 10 del D.L.78/2009 che interessano

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 51/2013 Oggetto: BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI COMUNICAZIONE 2012 DA INVIARE ENTRO IL 12 DICEMBRE 2013 Con due distinti provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto

Dettagli

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo Torino, 18 gennaio 2012 Dott.ssa Elena De Carlo - Abbassamento soglie di punibilità - Proroga dei termini per l accertamento IVA - Preclusione degli accertamenti presuntivi in relazione agli studi di settore

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012

CIRCOLARE N. 38/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 settembre 2012 OGGETTO: Remissione in bonis Articolo 2, commi 1, 2, 3 e 3-bis, del decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 (c.d. Decreto semplificazioni

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

LUCIDI II. Il procedimento di accertamento. Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento

LUCIDI II. Il procedimento di accertamento. Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento LUCIDI II Il procedimento di accertamento Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento 1 Dichiarazione tributaria (1) Periodicità: annuale Soggetti: Chi produce redditi (anche

Dettagli

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari

ANNO 2012. Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari ANNO 2012 Indagini Finanziarie Studi di settore Beni concessi in uso a soci e familiari Le novità introdotte dal Decreto «Salva Italia» e dalle manovre fiscali successive Milano 16 aprile 2012 Avv. Giampaolo

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36%

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Circolare N.137 del 19 ottobre 2011 Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla che l art.2,

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Firenze, 28/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Il ravvedimento operoso è un utile istituto che, da oltre 15 anni, permette ai contribuenti di rimediare spontaneamente

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse Ulteriori chiarimenti

Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 25 giugno 2013 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in

Dettagli

La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata

La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata Accertamento e Verifiche di Gian Paolo Ranocchi Criticità e chiarimenti dalle Entrate sulle conseguenze in caso di errori nella compilazione degli studi di settore e infedele gestione dei dati Nel nostro

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Redditometro. In arrivo i primi controlli relativi al 2009

News di approfondimento. OGGETTO: Redditometro. In arrivo i primi controlli relativi al 2009 News di approfondimento N. 33 29 ottobre Ai gentili 14Clienti Loro sedi Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Redditometro. In arrivo i primi controlli relativi al 2009 Gentile Cliente, Con la Circolare

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

Roma, 6 dicembre 2011

Roma, 6 dicembre 2011 CIRCOLARE N.53/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 dicembre 2011 OGGETTO: Chiarimenti in tema di trattamento fiscale delle perdite d impresa ai sensi del decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011, convertito

Dettagli

AI SIGNORI CLIENTI IL NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO

AI SIGNORI CLIENTI IL NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO Dott. Francesco Ferri de Lazara Dott. Enrico Grigolin Avv. Filippo Lo Presti Avv. Vincenza Valeria Cicero Dott. Luisa Stritoni CIRCOLARE INFORMATIVA N. 14/2010 Padova, 27 dicembre 2010 AI SIGNORI CLIENTI

Dettagli

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni,

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, 1 Brevi note sulla novella in tema di reati tributari recata dall art. 2, comma 36- vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011 n.

Dettagli

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 OGGETTO: D.P.R. 4 aprile 2001, n.235, Regolamento recante semplificazione del procedimento per il rilascio dell autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

ANDAMENTO DEI CONTRIBUENTI INCLUSI

ANDAMENTO DEI CONTRIBUENTI INCLUSI ANDAMENTO DEI CONTRIBUENTI INCLUSI Periodo d imposta Attività economiche interessate dagli studi Numero di contribuenti con ricavi/compensi non sup. a 5, 164 mln Numero di contribuenti con ricavi/compensi

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO Circolare informativa n. 6 del 12 Gennaio 2011 AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO L art. 1, comma 20, Finanziaria 2011, c.d. Legge di stabilità 2011, ha modificato,

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo

Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo CIRCOLARE A.F. N. 82 del 17 Maggio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES E IRAP SOPRA LA SOGLIA DEI 15 MILA EURO; OBBLIGO DI VISTO DI CONFORMITA (Rif. Normativo: Art.1 comma 574 della

Dettagli

Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi.

Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi. NEWS N.121/ 9 ottobre 2015 Delega fiscale Pubblicazione in Gazzetta dei 5 decreti legislativi attuativi. Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i cinque decreti legislativi attuativi della legge 11 marzo 2014,

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 54 25.02.2016 Nuovo regime forfettario 2016: agevolazioni start up Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi I contribuenti

Dettagli

I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO

I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO Il valore dei ricavi, dei compensi e del reddito dichiarato nel 2001 (più precisamente nel periodo d imposta in corso

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015

RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015 RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015 PROGRAMMA Gli strumenti deflattivi: esame delle novità introdotte dalla Legge di stabilità 2015 Come cambia l approccio

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

Fine anno e termini di decadenza degli atti di accertamento

Fine anno e termini di decadenza degli atti di accertamento Ai Gentili Clienti Fine anno e termini di decadenza degli atti di accertamento LA NORMA AI FINI DELLE IMPOSTE DIRETTE Ai sensi dell'art. 43 del D.P.R. n. 600/1973, come modificato dal D.Lgs. 9.7.1997 n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

RISOLUZIONE N. 45/E. Roma, 6 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 45/E. Roma, 6 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 45/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Obbligo di tracciabilità dei pagamenti e versamenti delle Associazioni sportive dilettantistiche - Vigenza

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea, Pinerolo, Torino Indeducibilità dei costi Black List articolo 110, commi da 10 a 12-bis, del D.P.R. 917/1986 non deducibilità e l obbligo

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA

ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA ULTIMI INTERVENTI DI PRASSI IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Prof. ssa Loredana CARPENTIERI Diretta 17 maggio 2010 CIRCOLARE N. 46/E DEL 3 NOVEMBRE 2009 Adempimenti dichiarativi per costi da operazioni con

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

Spese di rappresentanza

Spese di rappresentanza Spese di rappresentanza LE NUOVE REGOLE PER LA DEDUCIBILITA Trattamento fiscale fino al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2007 La normativa previgente non forniva una definizione di spese di rappresentanza

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del 30/07/2014 1 INDICE Art. 1. Oggetto

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2011 Regime per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità Nel Quadro VA il rigo VA14 è stato denominato «Regime per l imprenditoria giovanile e lavoratori in

Dettagli

La fiscalità degli enti associativi

La fiscalità degli enti associativi Dal Decreto Sviluppo nuove modifiche ai regimi contabili applicabili agli enti non commerciali di Luca Caramaschi * Il recente D.L. n.70 del 13 maggio 2011 - provvedimento noto come Decreto Sviluppo convertito

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO RISOLUZIONE N.100/E Roma, 19 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Articolo 1, commi 280-283, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

Paesi black-list: la comunicazione periodica

Paesi black-list: la comunicazione periodica Paesi black-list: la comunicazione periodica Oltre ad indicare nel Modello UNICO i costi relativi ad operazioni intraprese con paesi Black list l art. 1 D. MEF 30 marzo 2010 ha previsto un nuovo obbligo

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

Informativa ordinaria n. 8/2014

Informativa ordinaria n. 8/2014 Informativa ordinaria n. 8/2014 Sommario Premessa 2 La proroga del 770 sposta il ravvedimento sulle ritenute fiscali 2 Rimborsi più rapidi dall Agenzia con accredito diretto sul conto corrente 2 Indagini

Dettagli

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015

CIRCOLARE FISCALE N.1/2015 Anche per il 2015, gli enti sportivi ( associazioni e società sportive ) sono interessati da rilevanti novità, che vanno a regolamentare alcune situazioni e fattispecie per le quali si avvertiva da tempo

Dettagli

La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due

La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due La legge 78/2014 (c.d. Jobs Act ): il contratto di lavoro a tempo determinato due anni dopo la Riforma Fornero. a cura di Stefano Petri E stata pubblicata in G. U., n. 114 del 19 maggio 2014, la Legge

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

prof. avv. Paola ROSSI

prof. avv. Paola ROSSI NUOVI LIMITI ALLA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI PER RUOLI SCADUTI prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta,

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 09/02/2015 Circolare n. 04/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli