TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE"

Transcript

1 ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

2 DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE Il Tecnico superiore per il sistema informativo aziendale cura la personalizzazione, l'interfacciamento e l utilizzo dei prodotti ERP; coordina il personale nell attivazione e nell adeguamento delle procedure aziendali allo strumento informatico; addestra ed assiste gli operatori. ATTIVITA PROFESSIONALI FONDAMENTALI 1 selezionare ed analizzare i processi aziendali per i quali devono essere sviluppate le applicazioni, sulla base delle esigenze dei vari settori; 2 assistere il responsabile EDP nel progetto del Sistema Informativo Aziendale, basandosi sull'impiego delle nuove tecnologie; 3 favorire lo sviluppo e la gestione del sistema informativo aziendale in un 'ottica di integrazione delle diverse funzioni aziendali; 4 collaborare con gli uffici commerciale e finanziario/amministrativo nella raccolta, nell analisi e nell interpretazione dei dati, per ottimizzare il controllo della gestione aziendale; 5 sviluppare nuove applicazioni software di interfaccia operativa tra il sistema ERP e gli operatori aziendali; 6 organizzare le attività di formazione del personale.

3 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 1 1 Codificare e archiviare l informazione Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. distinguere le diverse tipologie di codifica dell informazione, al fine di selezionare le migliori modalità di codifica, a seconda della natura delle informazioni degli strumenti e dei supporti di memorizzazione a disposizione; 2. impostare un organizzazione informativa aziendale che metta sempre a disposizione la conoscenza più opportuna alle diverse tipologie di personale aziendale; 3. decidere il supporto migliore per l archiviazione dei dati, in funzione della loro tipologia e delle previsioni sul loro riutilizzo; 4. prevedere i potenziali problemi derivanti dal trasferimento delle informazioni tra piattaforme diverse o dalla traduzione da tra formati diversi; 5. assicurare il patrimonio informativo aziendale nei confronti di perdite accidentali di dati, tentativi di accesso non autorizzati, sia dall interno che dall esterno, eccetera; 6. fare previsioni in prospettiva sulla crescita del sistema informativo, in funzione della tipologia di codifica dei dati trattati. 1. Per distinguere le diverse tipologie di codifica dell informazione, al fine di selezionare le migliori modalità di codifica, a seconda della natura delle informazioni degli strumenti e dei supporti di memorizzazione a disposizione, il soggetto ha bisogno di sapere come: strutturare le codifiche dell informazione, sia a basso livello (bit, byte, word, ecc.) sia a livello di formati proprietari, sia a quello dei formati standard. 2. Per impostare un organizzazione informativa aziendale che metta sempre a disposizione la conoscenza più opportuna alle diverse tipologie di personale aziendale, il soggetto ha bisogno di sapere come: configurare i meccanismi di rete e non (Internet, accessi a database locali, ecc.) per monitorare la fruizione della conoscenza; rendere consistente (relazioni interne) e facilmente mantenibile un archivio di dati in base al peculiare utilizzo; configurare gli strumenti di analisi e i motori di ricerca avendo un idea chiara di quali siano i metodi basati sull analisi semantica. 3. Per decidere il supporto migliore per l archiviazione dei dati, in funzione della loro tipologia e delle previsioni sul loro riutilizzo, il soggetto ha bisogno di sapere come: valutare i meccanismi di archiviazione dati di un applicazione software e quali siano le regole di progettazione per la generazione di applicazioni usabili; selezionare i software migliori per la compressione di dati eterogenei curando la consultazione rapida degli archivi.

4 4. Per prevedere i potenziali problemi derivanti dal trasferimento delle informazioni tra piattaforme diverse o dalla traduzione da tra formati diversi, il soggetto ha bisogno di sapere come: Intervenire sulla richiesta di risorse da parte delle diverse codifiche dell informazione. 5. Per assicurare il patrimonio informativo aziendale nei confronti di perdite accidentali di dati, tentativi di accesso non autorizzati, sia dall interno che dall esterno, eccetera, il soggetto ha bisogno di sapere come: rendere sicuro un database aziendale, attraverso l uso di meccanismi di autenticazione dell identità degli utenti. 6. Per fare previsioni in prospettiva sulla crescita del sistema informativo, in funzione della tipologia di codifica dei dati trattati, il soggetto ha bisogno di sapere come: Definire il processo di elaborazione sulla base delle informazioni contenute in un file.

5 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. distinguere le diverse tipologie di codifica dell informazione, al fine di selezionare le migliori modalità di codifica, a seconda della natura delle informazioni degli strumenti e dei supporti di memorizzazione a disposizione; 2. impostare un organizzazione informativa aziendale che metta sempre a disposizione la conoscenza più opportuna alle diverse tipologie di personale aziendale; 3. decidere il supporto migliore per l archiviazione dei dati, in funzione della loro tipologia e delle previsioni sul loro riutilizzo; 4. prevedere i potenziali problemi derivanti dal trasferimento delle informazioni tra piattaforme diverse o dalla traduzione da tra formati diversi; 5. assicurare il patrimonio informativo aziendale nei confronti di perdite accidentali di dati, tentativi di accesso non autorizzati, sia dall interno che dall esterno, eccetera; 6. fare previsioni in prospettiva sulla crescita del sistema informativo, in funzione della tipologia di codifica dei dati trattati, Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper selezionare ed utilizzare gli strumenti più opportuni per manipolare determinati tipi di informazione; saper codificare l informazione secondo un formato utile ad elaborazioni successive. 2 saper analizzare collezioni di informazioni eterogenee, per estrarne quelle effettivamente utili in funzione del contesto; saper generare interfacce d accesso ai dati aziendali o portali verso informazioni distribuite in rete, il tutto ad accesso controllato; 3 saper selezionare, in una data collezione di formati di archiviazione, quelli più idonei a fronte di una determinata tipologia di dati e di una stimata situazione di riutilizzo; gli indicatori sono: La scelta delle applicazioni più opportune in funzione della tipologia dell informazione da processare; la redazione di rapporti sulle procedure di elaborazione e sulle diverse codifiche impiegate, partendo da un insieme di informazioni prestabilito e da una serie di compiti assegnati. La produzione di documenti ipertestuali, con riferimenti sia interni sia esterni; la costruzione di interfacce d accesso ai dati aziendali; la redazione di rapporti sulle metodologie di filtro nell accesso all informazione distribuita in rete geografica. La strutturazione di database multimediali e multimodali contenenti i dati campione dell azienda;

6 Il soggetto deve dimostrare di: segue punto 3 saper selezionare le modalità di compressione più adeguate, in funzione di collezioni di dati multimediali eterogenei. 4 saper trasferire con successo informazioni da una codifica ad un altra, eventualmente cambiando anche piattaforma di lavoro. 5 saper analizzare una determinata situazione informativa aziendale e pianificare l archiviazione dei dati; saper reagire a differenti situazioni simulate di perdita di dati. 6 essere in grado di stimare l utilizzo di risorse, partendo da una serie di informazioni da codificare; saper generare classifiche di merito (corredate di pro e contra) nell uso delle diverse codifiche. gli indicatori sono: la formulazione di analisi del risultato della compressione di un determinato insieme di dati, in termini di perdita di informazione quando ammessa o non, eccetera. L impostazione e il commento del confronto tra le informazioni originarie e quelle ottenute dopo il trasferimento. Le valutazioni sulla quantità di informazione preservata, a fronte della simulazione di perdita di dati in situazioni di archiviazione e backup generate dal profilo. La consistenza e l esaustività dei rapporti, i quali possano essere direttamente utilizzati quali linee guida dagli operatori che manipolano effettivamente l informazione.

7 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 2 2 Amministrare i componenti hardware e software dei sistemi informativi Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. riconoscere le diverse tipologie di sistemi operativi, in base ai parametri usuali, e selezionare i più opportuni in funzione del contesto; 2. gestire sistemi informativi complessi ed eterogenei, in cui devono convivere ed interagire sistemi operativi differenti; 3. fare recovery da situazioni critiche, minimizzando il tempo di fermo macchina ed il volume di informazione perdute; 4. localizzare eventuali problemi delle apparecchiature, basandosi sui messaggi provenienti dal sistema operativo; 5. definire configurazioni hardware, in funzione delle esigenze e dell ambiente in cui l apparecchiatura sarà inserita; 6. installare nuovi componenti hardware o fare updating di componenti esistenti. 1. Per riconoscere le diverse tipologie di sistemi operativi, in base ai parametri usuali, e selezionare i più opportuni in funzione del contesto, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare le diverse tipologie di sistemi operativi; valutare le diverse caratteristiche e prestazioni dei sistemi operativi. 2. Per gestire sistemi informativi complessi ed eterogenei, in cui devono convivere ed interagire sistemi operativi differenti, il soggetto ha bisogno di sapere come: gestire un sistema operativo, nei suoi blocchi logici, definendone il suo specifico ruolo e quello delle sue singole componenti. 3. Per fare recovery da situazioni critiche, minimizzando il tempo di fermo macchina ed il volume di informazione perdute, il soggetto ha bisogno di sapere come: interagire con uno o più sistemi operativi, sia utilizzando le interfacce grafiche sia a basso livello, ovvero, ad esempio, manipolando direttamente i file di configurazione.

8 4. Per localizzare eventuali problemi delle apparecchiature, basandosi sui messaggi provenienti dal sistema operativo, il soggetto ha bisogno di sapere come: classificare l architettura di un Personal Computer, con le estensioni allo schema dovute alle innovazioni tecnologiche; mappare le funzionalità del sistema operativo sull hardware sottostante. 5. Per definire configurazioni hardware, in funzione delle esigenze e dell ambiente in cui l apparecchiatura sarà inserita, il soggetto ha bisogno di sapere come: leggere ed interpretare le brochure ed i listini dei componenti presenti sul mercato. 6. Per installare nuovi componenti hardware o fare updating di componenti esistenti, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare la situazione aziendale in termini di requisiti hardware nell immediato (AS-IS) ed in prospettiva (TO-BE).

9 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. riconoscere le diverse tipologie di sistemi operativi, in base ai parametri usuali, e selezionare i più opportuni in funzione del contesto; 2. gestire sistemi informativi complessi ed eterogenei, in cui devono convivere ed interagire sistemi operativi differenti; 3. fare recovery da situazioni critiche, minimizzando il tempo di fermo macchina ed il volume di informazione perdute; 4. localizzare eventuali problemi delle apparecchiature, basandosi sui messaggi provenienti dal sistema operativo; 5. definire configurazioni hardware, in funzione delle esigenze e dell ambiente in cui l apparecchiatura sarà inserita; 6. installare nuovi componenti hardware o fare updating di componenti esistenti. Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper analizzare stazioni di lavoro dotate di sistemi operativi diversi, per constatare quali siano le peculiarità e le modalità di interazione. 2 conoscere almeno due piattaforme diverse e saperne verificare le possibilità e modalità di interazione ottimale. 3 saper diagnosticare, di affrontare e risolvere situazioni critiche, relativamente al corretto funzionamento del sistema operativo. 4 saper descrivere criticamente alcune configurazioni hardware d esempio, individuandone le potenzialità e gli eventuali difetti; saper interpretare e di organizzare azioni correttive in situazioni critiche. gli indicatori sono: La redazione di rapporti di classificazione e confronto; la formulazione di analisi funzionali sui PC in cui è stato istallato uno specifico sistema operativo. La documentazione sulla relazione fra sistemi operativi differenti. La simulazione di situazioni critiche, orientata alla valutazione della portata e dell efficacia delle azioni correttive. La redazione di rapporti di classificazione predisposti per il confronto fra proposte diverse; la formulazione di analisi sulle procedure seguite durante sessioni di simulazione di differenti fault del sistema.

10 Il soggetto deve dimostrare di: 5 saper individuare le necessità in situazione, con le eventuali connessioni, e di definire conseguentemente le configurazioni hardware più opportune. 6 a fronte di una collezione di componenti hardware, saperne supervisionare l assemblaggio. gli indicatori sono: La redazione di rapporti di classificazione, predisposti per il confronto fra soluzioni diverse; a predisposizione di richieste di preventivi. La redazione dei rapporti sulle operazioni di assemblaggio; la formulazione di analisi sugli eventi critici; la predisposizione della lista di note importanti, consultabili successivamente durante la manutenzione del sistema.

11 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 3 3 Amministrare le reti aziendali Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. identificare e riconoscere le esigenze di interconnessione della realtà aziendale, in senso ampio (PC, periferiche, stazioni di lavoro CNC, ecc.); 2. supervisionare la pianificazione, il dimensionamento e l istallazione dell infrastruttura di rete in azienda; 3. aggiungere alla rete nuove entità, su diversi livelli gerarchici; 4. assicurare le prestazioni della rete e porre tempestivamente rimedio a situazioni di malfunzionamento (in proprio o in outsourcing); 5. garantire la sicurezza dei dati trasmessi sulla rete dall interno dell azienda ed attivare i meccanismi per preservarne il patrimonio informativo nei confronti dell esterno. 1. Per identificare e riconoscere le esigenze di interconnessione della realtà aziendale, in senso ampio (PC, periferiche, stazioni di lavoro CNC, ecc.), il soggetto ha bisogno di sapere come: connettere le infrastrutture di rete con entità eterogenee su diversi livelli gerarchici. 2. Per supervisionare la pianificazione, il dimensionamento e l istallazione dell infrastruttura di rete in azienda, il soggetto ha bisogno di sapere come: valutare ed utilizzare i componenti software e hardware, in base alla topologia della rete aziendale da realizzare. 3. Per aggiungere alla rete nuove entità, su diversi livelli gerarchici, il soggetto ha bisogno di sapere come: organizzare le diverse topologie di rete e il funzionamento dei dispositivi di interfaccia. 4. Per assicurare le prestazioni della rete e porre tempestivamente rimedio a situazioni di malfunzionamento (in proprio o in outsourcing, il soggetto ha bisogno di sapere come: monitorare le prestazioni della rete; diagnosticare la presenza di eventuali colli di bottiglia e di malfunzionamenti. 5. Per garantire la sicurezza dei dati trasmessi sulla rete dall interno dell azienda ed attivare i meccanismi per preservarne il patrimonio informativo nei confronti dell esterno, il soggetto ha bisogno di sapere come: attivare e manutenere i meccanismi di salvaguardia dei dati trasmessi in rete.

12 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. identificare e riconoscere le esigenze di interconnessione della realtà aziendale, in senso ampio (PC, periferiche, stazioni di lavoro CNC, ecc.); 2. supervisionare la pianificazione, il dimensionamento e l istallazione dell infrastruttura di rete in azienda; 3. aggiungere alla rete nuove entità, su diversi livelli gerarchici; 4. assicurare le prestazioni della rete e porre tempestivamente rimedio a situazioni di malfunzionamento (in proprio o in outsourcing); 5. garantire la sicurezza dei dati trasmessi sulla rete dall interno dell azienda ed attivare i meccanismi per preservarne il patrimonio informativo nei confronti dell esterno, Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper riconoscere e classificare tutte le entità da mettere in rete, generando una topologia di connessione di massima. 2 saper quantificare/qualificare l outsourcing che implementa la rete, giudicandone l idoneità. 3 conoscere le modalità di inserimento di nuove entità nella rete. 4 saper utilizzare gli strumenti di monitoraggio della rete per individuare eventuali problemi. gli indicatori sono: I criteri di costruzione degli schemi logici di interconnessione tra le entità da collegare presenti in azienda. la produzione di rapporti di valutazione quantitativa su classifiche di più preventivi, stilati sulla base delle esigenze di connessione dell azienda. L inserimento in rete di apparati di diversa natura (PC, periferiche ed altro), La redazione dei rapporti in fase di analisi sulle prestazioni di una rete; la formulazione di ipotesi per interventi che migliorino e/o ripristino le funzionalità della rete; la rilevazione di eventuali sottodimensionamenti della rete; 5 conoscere i meccanismi per preservare la sicurezza dei dati, sia a livello di sistema operativo sia a livello di infrastruttura di rete. La creazione di procedure di sfruttamento dei meccanismi per rendere le informazioni locali fruibili dall esterno in maniera selettiva; le analisi di intervento sull infrastruttura di rete per preservarne la sicurezza.

13 Il soggetto è in grado di: TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 4 4 Utilizzare i linguaggi di programmazione A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. affrontare le problematiche inerenti la programmazione, sia a livello prettamente di sviluppo del software, sia applicate a tecnologie produttive; 2. descrivere il percorso risolutivo di un problema in maniera algoritmica, usando strutture di modelizzazione del software; 3. individuare la classe di linguaggi più opportuna per l implementazione dell algoritmo risolutivo; 4. sviluppare semplici applicazioni software utilizzando i linguaggi e gli strumenti più diffusi; 5. utilizzare le peculiarità e le potenzialità dei linguaggi speciali, quali ad esempio l SQL per i database, l HTML per il Web. 1. Per affrontare le problematiche inerenti la programmazione, sia a livello prettamente di sviluppo del software, sia applicate a tecnologie produttive, il soggetto ha bisogno di sapere come: sviluppare il percorso di un programma (ciclo di vita del software) scritto con un linguaggio ad alto livello (preprocessing, compilazione, assemblaggio, caricamento, esecuzione e debugging); 2. Per descrivere il percorso risolutivo di un problema in maniera algoritmica, usando strutture di modelizzazione del software, il soggetto ha bisogno di sapere come: utilizzare i formalismi per la descrizione degli algoritmi; utilizzare i linguaggi per la modelizzazione del software. 3. Per individuare la classe di linguaggi più opportuna per l implementazione dell algoritmo risolutivo, il soggetto ha bisogno di sapere come: usare gli ambienti di programmazione integrati; sfruttare al meglio il paradigma Object Oriented, specialmente nello sviluppo di applicazioni con linguaggi visuali basati su eventi. 4. Per sviluppare semplici applicazioni software utilizzando i linguaggi e gli strumenti più diffusi, il soggetto ha bisogno di sapere come: utilizzare i diversi e più diffusi linguaggi di programmazione per la traduzione degli algoritmi. 5. Per utilizzare le peculiarità e le potenzialità dei linguaggi speciali, quali ad esempio l SQL per i database, l HTML per il Web, il soggetto ha bisogno di sapere come: utilizzare le nuove forme di comunicazione tramite Internet; utilizzare la gestione dei dati mediante l uso di database relazionali.

14 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. affrontare le problematiche inerenti la programmazione, sia a livello prettamente di sviluppo del software, sia applicate a tecnologie produttive; 2. descrivere il percorso risolutivo di un problema in maniera algoritmica, usando strutture di modelizzazione del software; 3. individuare la classe di linguaggi più opportuna per l implementazione dell algoritmo risolutivo; 4. sviluppare semplici applicazioni software utilizzando i linguaggi e gli strumenti più diffusi; 5. utilizzare le peculiarità e le potenzialità dei linguaggi speciali, quali ad esempio l SQL per i database, l HTML per il Web. Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper considerare i requisiti necessari allo sviluppo di una particolare applicazione software, date determinate condizioni al contorno. 2 saper descrivere l algoritmo risolutivo dei problemi dati, utilizzando diagrammi di flusso e pseudocodice. 3 saper mappare le caratteristiche dell algoritmo nelle specifiche di più linguaggi, per verificare quale sia il più idoneo. 4 saper implementare semplici algoritmi in linguaggio C o in Visual Basic. 5 saper sviluppare semplici database, usando esplicitamente o implicitamente il linguaggio SQL, e generare documenti ipertestuali ed ipermediali in formato HTML. gli indicatori sono: I criteri di scelta e/o l utilizzo degli strumenti a disposizione, in base ai vincoli dovuti alla presenza di linguaggi proprietari, di risorse speciali o altro. La produzione di diagrammi e i listati. La redazione di rapporti di classificazione dei diversi paradigmi di programmazione, dei linguaggi e degli strumenti in funzione del problema da risolvere. La produzione di codice sorgente; L esecuzione dei programmi implementati; La generazione dei database e lo sviluppo delle pagine in formato HTML.

15 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 5 5 Lavorare in gruppo Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. promuovere in un determinato processo gli aspetti nei quali è possibile avvalersi delle metodologie e degli strumenti di lavoro collaborativo; 2. prevedere quali possano essere le esigenze infrastrutturali, metodologiche e di strumentazione puntuale, in situazioni di lavoro collaborativo a distanza; 3. configurare gli strumenti di produttività d ufficio che fanno capo al lavoro collaborativo: posta elettronica, condivisione delle applicazioni, videoconferenze con web cam via IP o su linea dedicata, trasferimento dei file usando protocollo FTP; 4. coadiuvare la scelta della migliore modalità di esplicitazione delle informazioni in funzione degli interlocutori, per massimizzare l efficacia delle sinergie; 5. comprendere la filosofia CSCW per riuscire a comunicare vantaggi e peculiarità ad ambienti operanti con i classici paradigmi di interazione. 1. Per promuovere in un determinato processo gli aspetti nei quali è possibile avvalersi delle metodologie e degli strumenti di lavoro collaborativo, il soggetto ha bisogno di sapere come: riconoscere e classificare i sistemi distribuiti. 2. Per prevedere quali possano essere le esigenze infrastrutturali, metodologiche e di strumentazione puntuale, in situazioni di lavoro collaborativo a distanza, il soggetto ha bisogno di sapere come: utilizzare gli strumenti software applicati ai groupware. 3. Per configurare gli strumenti di produttività d ufficio che fanno capo al lavoro collaborativo: posta elettronica, condivisione delle applicazioni, videoconferenze con web cam via IP o su linea dedicata, trasferimento dei file usando protocollo FTP, il soggetto ha bisogno di sapere come: operare con le applicazioni per la condivisione di programmi non intrinsecamente collaborativi. 4. Per coadiuvare la scelta della migliore modalità di esplicitazione delle informazioni in funzione degli interlocutori, per massimizzare l efficacia delle sinergie, il soggetto ha bisogno di sapere come: riconoscere e classificare le architetture client-server ed utilizzare le applicazioni che permettono la condivisione in remoto. 5. Per comprendere la filosofia CSCW per riuscire a comunicare vantaggi e peculiarità ad ambienti operanti con i classici paradigmi di interazione, il soggetto ha bisogno di sapere come: utilizzare i concetti e gli strumenti alla base del CSCW: Computer Supported Cooperative Work.

16 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. promuovere in un determinato processo gli aspetti nei quali è possibile avvalersi delle metodologie e degli strumenti di lavoro collaborativo; 2. prevedere quali possano essere le esigenze infrastrutturali, metodologiche e di strumentazione puntuale, in situazioni di lavoro collaborativo a distanza; 3. configurare gli strumenti di produttività d ufficio che fanno capo al lavoro collaborativo: posta elettronica, condivisione delle applicazioni, videoconferenze con web cam via IP o su linea dedicata, trasferimento dei file usando protocollo FTP; 4. coadiuvare la scelta della migliore modalità di esplicitazione delle informazioni in funzione degli interlocutori, per massimizzare l efficacia delle sinergie; 5. comprendere la filosofia CSCW per riuscire a comunicare vantaggi e peculiarità ad ambienti operanti con i classici paradigmi di interazione. Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper analizzare, con gli opportuni metodi e strumenti appresi in altre UFC, lo sviluppo delle attività di un particolare processo (AS-IS), di individuare le leve di intervento e di proporre degli scenari (TO-BE) basati sui principi del lavoro collaborativi. 2 a fronte di un TO-BE generato nel passo precedente, saper pianificare, in linea di massima, il sistema informativo (infrastrutture più apparecchiature) per implementarne lo scenario. 3 avere perfetta padronanza nell istallazione e nella personalizzazione dei tipici strumenti informatici delegati alla comunicazione tra attori distribuiti. gli indicatori sono: La produzione di schemi in formato IDEF, o similari, nei quali vengono fotografate situazioni campione ed illustrate le possibilità di miglioramento basate sul CSCW, localizzandole all interno delle varie attività. La redazione dei rapporti e dei preventivi per pianificare ed acquisire la tecnologia necessaria. La configurazione di postazioni di lavoro da utilizzare nell ottica del CSCW, ovvero postazioni multimediali con strumenti di interazione di tipo on-line (web cam, scheda audio, ecc.) ed off-line (client di posta elettronica, client o server per il trasferimento di file con il protocollo FTP, eccetera).

17 Il soggetto deve dimostrare di: 4 saper fornire agli esperti dei diversi domini serie di opzioni di codifica e di esplicitazione dell informazione, per fare in modo, a fronte di indagini ed analisi riassuntive, di implementare quelle comuni e comprensibili a più attori possibili. 5 saper percepire la situazione aziendale in termini di sensibilità e prontezza nell accettare la rivoluzione dovuta all introduzione del CSCW, per stabilire le modalità di alfabetizzazione e gli strumenti migliori gli indicatori sono: La rappresentazione delle informazioni più opportune; l analisi di situazioni eterogenee, a fronte di una popolazione di attori che devono collaborare. L utilizzo di tecniche d approccio all introduzione dei fondamenti del CSCW in ambienti industriali classici.

18 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 6 6 Amministrare i sistemi informativi Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. amministrare in modo consapevole il sistema informativo aziendale (S.I.A.); 2. organizzare e gestire progetti informatici; 3. redigere documentazione completa ed efficace in cui dati di tipo eterogeneo siano posti in sinergia, per massimizzarne l impatto e la fruizione del contenuto informativo; 4. implementare semplici database, mantenendo un attenzione costante nei confronti delle questioni di usabilità; 5. gestire il sistema PDM più adeguato alle esigenze dell azienda; 6. amministrare in modo consapevole un sistema ERP aziendale. 1. Per amministrare in modo consapevole il sistema informativo aziendale (S.I.A.), il soggetto ha bisogno di sapere come: identificare e descrivere le caratteristiche e l architettura di un sistema informativo aziendale; utilizzare i sistemi di programmazione e controllo delle attività del S.I.A. nell ambito del più ampio controllo i gestione aziendale in atto; implementare le revisioni e le migliorie a partire dall analisi dei processi aziendali, curando i conseguenti aspetti formativi; verificare e strutturare gli indicatori di efficacia ed efficienza misurabili; utilizzare strumenti di analisi dei processi e dei sistemi; individuare gli interventi preventivi e correttivi più adeguati. 2. Per organizzare e gestire progetti informatici, il soggetto ha bisogno di sapere come: identificare e formalizzare gli obiettivi aziendali; predisporre un piano operativo per il P.I.; identificare ed utilizzare le risorse per il P.I.; utilizzare strumenti e metodologie di controllo e gestione; applicare metodologie e tecniche di problem solving al contesto dei sistemi informativi funzionali.

19 3. Per redigere documentazione completa ed efficace in cui dati di tipo eterogeneo siano posti in sinergia, per massimizzarne l impatto e la fruizione del contenuto informativo, il soggetto ha bisogno di sapere come: riconoscere l architettura e i componenti di un contenuto informativo; identificarne e descrivere le specificità e le caratteristiche principali di un contenuto informativo; rimanere aggiornato sulle metodologie di sviluppo e gestione dei sistemi e sulle specifiche tecnologie informatiche; caratterizzare i flussi informativi di interfaccia, in termini di organizzazione e struttura dei dati e relative transazioni; mettere in comunicazione logica i diversi sottosistemi informativi. 4. Per implementare semplici database, mantenendo un attenzione costante nei confronti delle questioni di usabilità, il soggetto ha bisogno di sapere come: utilizzare le diverse applicazioni Data Base Manager (DBM) in un ambiente integrato, in cui l informazione sia elemento di selezione degli strumenti più pertinenti a risolvere particolari problematiche. 5. Per gestire il sistema PDM più adeguato alle esigenze dell azienda, il soggetto ha bisogno di sapere come: riconoscere le caratteristiche di un sistema PDM ed individuarne le funzionalità; descrivere e formalizzare le esigenze e gli obiettivi aziendali in relazione alle funzioni di un sistema PDM; individuare e valutare le caratteristiche delle soluzioni disponibili sul mercato al fin di effettuare la scelta più adeguata; riconoscere e classificare i dati e i documenti da inserire nel sistema; pianificare ed effettuare la formazione; individuare le possibilità di miglioramento, curando i conseguenti aspetti formativi. 6. amministrare in modo consapevole un sistema ERP aziendale, il soggetto ha bisogno di sapere come: riconoscere i possibili assetti dei sistemi informativi aziendali; distinguere gli aspetti che caratterizzano un sistema ERP rispetto ad un sistema informativo tradizionale e non integrato; riconoscere i modelli descrittivi d impresa al fine di utilizzarli nella gestione dei processi formalizzare il mapping dell As Is rimanere aggiornato sulle metodologie di sviluppo e gestione dei sistemi e sulle specifiche tecnologie informatiche; individuare le possibilità di miglioramento, a partire dall analisi dei processi aziendali applicare metodologie e tecniche di problem solving al contesto dei sistemi informativi funzionali; utilizzare gli indicatori misurabili di efficacia ed efficienza.

20 Per essere in grado di: B DECLINAZIONE DI LIVELLO 1. amministrare in modo consapevole il sistema informativo aziendale (S.I.A.); 2. organizzare e gestire progetti informatici; 3. redigere documentazione completa ed efficace in cui dati di tipo eterogeneo siano posti in sinergia, per massimizzarne l impatto e la fruizione del contenuto informativo; 4. implementare semplici database, mantenendo un attenzione costante nei confronti delle questioni di usabilità; 5. gestire il sistema PDM più adeguato alle esigenze dell azienda; 6. amministrare in modo consapevole un sistema ERP aziendale, Il soggetto deve dimostrare di: 1 saper descrivere la struttura, i principali elementi e le caratteristiche di un sistema informativo aziendale, utilizzando metodi e tecniche di rappresentazione della logica e dei processi; saper descrivere e utilizzare il sistema di programmazione e controllo delle attività e dei costi nell ambito del S.I.A.; saper impostare una procedura per assicurare la qualità del servizio, nel rispetto degli obiettivi e degli indicatori stabiliti, individuando le possibilità di miglioramento e descrivendone le modalità di implementazione; gli indicatori sono: Il dimensionamento dell architettura del sistema, con la scelta dei principali componenti in base alle loro caratteristiche; la rappresentazione delle funzioni del sistema; la documentazione di eventuali aspetti critici; l individuazione delle possibilità di miglioramento, con la pianificazione delle fasi di implementazione; la pianificazione di interventi formativi. saper pianificare i percorsi formativi in relazione alle revisioni ed ai miglioramenti. 2 saper identificare e formalizzare gli obiettivi di progetto; saper predisporre un piano di attività, identificando risorse e costi; saper descrivere gli strumenti e le metodologie adottate per svolgere attività di controllo e di gestione del progetto; La definizione degli obiettivi di progetto; La pianificazione delle attività di progetto, con riferimento sia ai tempi sia alle risorse necessarie; i criteri della scelta degli strumenti e delle metodologie di governo del progetto.

21 Il soggetto deve dimostrare di: 3 saper individuare e descrivere i processi, le principali funzioni e i flussi informativi di ogni sistema; saper descrivere le soluzioni tecnologiche di interfaccia adottate; saper descrivere le procedure di connessione logica e fisica dei sottosistemi. 4 saper analizzare una collezione di dati, riconoscervi una struttura in base ai criteri dei modelli relazionali e, sfruttando dei DBMS, procedere alla loro implementazione; saper approntare report e modelli di documento, in linea con i miglioramenti tecnologici e di pianificazione aziendale. 5 conoscere le principali caratteristiche e funzionalità di un sistema PDM; saper descrivere in modo analitico le diverse attività individuali; saper sviluppare le specifiche di sistema ed individuare le esigenze di personalizzazione e di implementazione delle revisioni e dei miglioramenti; saper predisporre un piano per la formazione degli utenti e del management. 6 saper descrivere l architettura di un sistema ERP e le sue funzioni specifiche; gli indicatori sono: La rappresentazione dei processi, delle funzioni e dei flussi informativi. Il dimensionamento dell architettura del singolo sistema, sulla base dei principali componenti e delle relative attività del ciclo di vita del sistema informativo stesso La redazione di rapporti sulle modalità di dialogo logico e di collegamento fisico fra le interfacce dei sistemi informativi La definizione di database ottimizzati sotto il profilo dell usabilità; lo sviluppo di report e modelli di documento, su esempi di specifiche aziendali. La definizione di un sistema PDM, sulla base dei requisiti aziendali; la predisposizione di un data flow diagram (DFD) di ciascuna attività individuale con indicazioni relative all input, all utilizzo, alla creazione, all immagazzinamento e all output delle informazioni associate; lo sviluppo di personalizzazioni che tengano conto degli standard qualitativi di riferimento, pianificando i miglioramenti del sistema; la pianificazione di attività di formazione. La rappresentazione dell architettura del sistema ERP e dei principali componenti funzionali, attraverso un modello per processi;

22 Il soggetto deve dimostrare di: continua punto 6 saper adottare le procedure per il mapping dell "As-Is" e l elaborazione del "To-Be" integrato; saper applicare ai sistemi ERP i principi del miglioramento continuo e del problem solving; saper applicare le tecniche e gli strumenti per la gestione della post-implementazione; saper pianificare i percorsi formativi, in relazione alle revisioni ed ai miglioramenti. gli indicatori sono: La definizione del modello As Is To Be ; l applicazione corretta delle metodologie, delle tecniche di miglioramento continuo e delle tecniche di problem solving a problematiche tipiche di sistemi ERP; la definizione delle fasi di implementazione delle revisioni, delle migliorie e delle azioni correttive; la correttezza nella rappresentazione dei piani formativi.

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze:

INFORMATICA. Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: INFORMATICA Obiettivi Biennio Economico in termini di competenze: 1. individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi. 2. utilizzare e produrre testi multimediali. 3. analizzare dati ed

Dettagli

I.T.C. Mario Pagano Napoli

I.T.C. Mario Pagano Napoli I.T.C. Mario Pagano Napoli Programmazione classe 3C Anno 04/05 Insegnante:Prof.ssa Anna Salvatore SETTORE: Economico INDIRIZZO: Amministrazione, Finanza e Marketing DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INFORMATICA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072 Provincia di Lucca Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro. Sviluppo Economico SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 5ASA e 5BSA - pag. 1 CLASSE Monte ore annuo Libro di Testo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO. Opzione Scienze Applicate

PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO. Opzione Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE INFORMATICA PRIMO BIENNIO Opzione Scienze Applicate Anno scolastico 2015-2016 Programmazione di Informatica pag. 2 / 8 INFORMATICA - PRIMO BIENNIO OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DELL

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA

PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA LICEO GIOTTO ULIVI CLASSE II G ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Prof. Cosimo Marco Parlangeli ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA La classe II G risulta costituita da 25 alunni

Dettagli

Dipartimento di informatica CONTENUTI MINIMI DI INFORMATICA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE

Dipartimento di informatica CONTENUTI MINIMI DI INFORMATICA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CONTENUTI MINIMI DI INFORMATICA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CLASSE PRIMA INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALE PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI SPORTIVO pag.2

Dettagli

REFERENZIAZIONI 2001) NUP

REFERENZIAZIONI 2001) NUP Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO PROGRAMMATORE SOFTWARE E APPLICAZIONI

Dettagli

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati Istituto di Istruzione Superiore via Salvini 24 Roma Liceo M. Azzarita Liceo delle scienze applicate Materia:Informatica Programmazione a.s. 2015-2016 Classi 4 e Obiettivi disciplinari secondo biennio

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

AREA PROFESSIONALE TECNICO DI RETI INFORMATICHE ANALISTA PROGRAMMATORE. pag. 1

AREA PROFESSIONALE TECNICO DI RETI INFORMATICHE ANALISTA PROGRAMMATORE. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE SVILUPPO E GESTIONE

Dettagli

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini COMUNE DI NUORO D O C U M E N T O D I S P E C I F I C A P E R I L P R O D O T T O Mausoleo PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini Descrizione introduttiva

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino

ANNO SCOLASTICO 2014/2015. LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VOLTA Via Juvarra, 14 - Torino Obiettivi minimi Informatica Prime Conoscere il sistema di numerazione binaria e la sua importanza nella codifica delle

Dettagli

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali

JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali JScout ERP modulare per la gestione, pianificazione e controllo dei processi aziendali La progettazione di JScout è frutto della esperienza pluriennale di GLOBAL Informatica nell implementazione delle

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE

PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIE INFORMATICHE LICEO GIOTTO ULIVI CLASSE 1 Costruzioni 2 ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Prof. Cosimo Marco Parlangeli Prof. Claudio Santoro ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA La

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

Corso base di Informatica. Microsoft Excel. Microsoft Access INFORMATICA. Docente: Durata: 40 ore. Destinatari

Corso base di Informatica. Microsoft Excel. Microsoft Access INFORMATICA. Docente: Durata: 40 ore. Destinatari 53 Corso base di Informatica Durata: 40 ore Tutti coloro che hanno necessità di utilizzare con efficacia ed efficienza il personal computer. Introduzione agli strumenti di base del sistema operativo windows;

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE IN AMBIENTE WIRELESS MACROCOMPETENZE Il soggetto è in grado di:

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE IN AMBIENTE WIRELESS MACROCOMPETENZE Il soggetto è in grado di: Individuare e formalizzare i requisiti dei 1. scambiare informazioni usare modelli strutturati di interazione con il con il cliente al fine di cliente; individuare i requisiti di interpretare le richieste

Dettagli

1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO

1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO Quello che generalmente viene chiamato sistema di automazione d edificio si compone di diverse parti molto eterogenee tra loro che concorrono, su diversi livelli

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO CLASSI CORSI AFM, RIM, SIA BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: PAGETTI, GOI NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE I QUADRIMESTRE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO Modulo 1: IL LINGUAGGIO HTML Formato degli oggetti utilizzati nel Web Elementi del linguaggio HTML: tag, e attributi

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione Percorso Informatico e Comunicazione Indicazioni nazionali per i Piani di Studio

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE MACROSETTORE LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE 1 TECNICO HARDWARE TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 UNITÀ FORMATIVA CAPITALIZZABILE 1 Assemblaggio Personal Computer Approfondimento

Dettagli

Base di dati e sistemi informativi

Base di dati e sistemi informativi Base di dati e sistemi informativi Una base di dati è un insieme organizzato di dati opportunamente strutturato per lo svolgimento di determinate attività La base di dati è un elemento fondamentale per

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

Indice generale VIII

Indice generale VIII Indice generale Indice dei box di approfondimento X Prefazione XII Ringraziamenti dell Editore XIV Guida alla lettura XV Capitolo 1 Introduzione 1 1 1 Trattamento dell informazione e strumenti per il trattamento

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it

INFORMATION SECURITY. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano I SERVIZI DI CONSULENZA. www.axxea.it info@axxea.it INFORMATION SECURITY I SERVIZI DI CONSULENZA. AXXEA Srl Via Francesco Soave, 24 I - 20135 Milano www.axxea.it info@axxea.it INDICE 1. SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI... 3 1.1 ANALISI DELLO STATO DELL ARTE...

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale Unione Europea Regione Sicilia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI EDILIZIA ELETTRONICA e

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Requisiti della Business Intelligence

Requisiti della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA Via G. D Annunzio, 15-36100 VICENZA Tel. 0444563544 Fax 0444962574 sito web: www.itcfusinieri.eu E-mail: protocollo@itcfusinieri.it - vitd010003@pec.istruzione.it

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA ALLEGATO N.8_e 1 Dipartimento Articolazioni degli insegnamenti anno @ Sistemi e Reti Dipartimento MATERIE TECNICHE dell indirizzo INFORMATICA @ Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CED-EDP

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX

SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX S2 NETBOX SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX L inizio di una rivoluzione Nasce una rivoluzione nella mondo della sicurezza fisica: il controllo remoto e integrato delle

Dettagli

Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Classi: IC IE - IF

Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE. Classi: IC IE - IF Programmazione modulare Indirizzo: BIENNIO Disciplina: TECNOLOGIE INFORMATICHE Classi: IC IE - IF Ore settimanali previste: 3 (1 ora Teoria - 2 ore Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso al 1: conoscenza

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

2012-2013 CODICE ASSE: PRIMO ANNO SECONDO ANNO

2012-2013 CODICE ASSE: PRIMO ANNO SECONDO ANNO MAPPA DELLE COMPETENZE-Asse Linguistico_Anno scolastico 2012-2013 L3 Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Ricercare, acquisire e selezionare informazioni generali

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico e Comunicazione. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico e Comunicazione. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Informatico e Comunicazione Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Informatico e Comunicazione Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 132 Gestione di progetto

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli

Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue:

Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue: Il Dipartimento individua conoscenze, abilità e competenze in uscita nel biennio e nel triennio ripartite come segue: I AFM / TUR. Introduzione all informatica Conoscenza del pacchetto Office in relazione

Dettagli

Ministero della Difesa/ Stato Maggiore della Difesa

Ministero della Difesa/ Stato Maggiore della Difesa Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Verticale Applicazione: CMS/CMD - Card Management System - Carta Multiservizi della Difesa Amministrazione: Ministero della Difesa/ Stato Maggiore

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IIS D ORIA - PROGRAMMAZIONE per UFC INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - PROGRAMMAZIONE per UFC INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC 1 STRUTTURA E NORMATIVE 2 IL SISTEMA OPERATIVO 3 TESTI, IPERTESTI E PRESENTAZIONI 4 LE RETI TELEMATICHE E INTERNET 5 IL FOGLIO DI CALCOLO EXCEL 6 BASI DI PROGRAMMAZIONE TIPOLOGIA VERIFICHE.

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo Anno Scolastico: 2014-2015 Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Classe: quinta Disciplina: Informatica prof. Silvia Tondo Competenze disciplinari: 1. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI Laurea in Lingue e cultura per l impresa (a. a. 2005/2006) Corso di Informatica GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEGLI ESAMI PROGRAMMA CFU 6 Corso di laurea / anno DU I o II anno, CL4 II anno Professore Roberto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379 www.abba-ballini.it email: info@abba-ballini.it DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Sistemi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M)

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 2009-2010 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 13 File e cartelle File system Software di utilità Il S.O. e le periferiche Il S.O. e la memoria

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

In particolare ITCube garantisce:

In particolare ITCube garantisce: InfoTecna ITCube Il merchandising, ossia la gestione dello stato dei prodotti all interno dei punti vendita della grande distribuzione, è una delle componenti fondamentali del Trade Marketing e per sua

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Il presente documento descrive gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Effettuare la manutenzione e garantire l'affidabilità dei sistemi. svolgere le operazioni di manutenzione programmata di base su macchine e sistemi

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI MATERIA INFORMATICA ANNO DI CORSO 2^ A INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI MATERIA INFORMATICA ANNO DI CORSO 2^ A INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC 1 SCHEDE di ripasso MODULO 3 (WORD) MODULO 4 (EXCEL) 2 BASI DI DATI (ACCESS) 3 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE (POWERPOINT) 4 NAVIGAZIONE WEB E COMUNICAZIONE DETTAGLIO UFC 1 Schede di ripasso

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Con SIGNUM è possibile intervenire con diversi livelli di personalizzazione e controllo sui dati letti. In particolare SIGNUM può essere usato:

Con SIGNUM è possibile intervenire con diversi livelli di personalizzazione e controllo sui dati letti. In particolare SIGNUM può essere usato: Il software SIGNUM è stato interamente realizzato da Technosoft, società che da sempre si pone l obiettivo di automatizzare e migliorare tutte le fasi di raccolta dati da documenti cartacei. SIGNUM, abbinato

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

- comprendere i legami esistenti tra dati, informazione, conoscenza

- comprendere i legami esistenti tra dati, informazione, conoscenza Di seguito i programmi dettagliati dei corsi fad: INTRODUZIONE ALL INFORMATICA SANITARIA INTRODUZIONE ALLA MEDICINA IN RETE LA QUALITÀ PERCEPITA RISCHIO BIOLOGICO IN AMBIENTE SANITARIO RISCHIO CHIMICO

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli