Padana Sementi Elette CATALOGO GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Padana Sementi Elette CATALOGO GENERALE"

Transcript

1 Padana Sementi Elette CATALOGO GENERALE

2 Padana Sementi Elette

3 Loietto 6 Cereali minori 10 Triticale 10 Avena 12 Avena Forestiera 13 Segale 13 Sorgo da foraggio 14 Sorgo da granella 19 Altre graminacee estive 20 Miglio perlato 20 Panico 20 Graminacee foraggere poliennali 21 Festuca arundinacea 21 Loietto ibrido 21 Erba mazzolina 21 Festulolium 22 Festuca dei prati 22 Fleolo 23 Loietto perenne 23 Leguminose poliennali 24 Erba Medica 24 Trifoglio violetto 27 Trifoglio bianco 28 Leguminose annuali 29 Trifoglio incarnato 29 Trifoglio Alessandrino 30 Trifoglio Vescicoloso 30 Trifoglio Persiano 30 Veccia (comune, villosa e bengalese) 31 Favino 32 Pisello proteico e da foraggio 32 Leguminose autoriseminanti 33 Trifoglio Micheliano 33 Erba Medica Polimorfa 33 Medicago Littoralis 33 Trifoglio Sotterraneo 34 Serradella 35 Miscugli da Erbaio 36 Miscugli del Sole 38 Erbai Estivi 39 Miscugli da prato stabile 41 Inerbimenti Tecnici 44 Piste da sci 45 Rizobio Alosca 46 Kit per la misurazione del ph del suolo 48 Colture da sovescio 49 Facelia, Esta-Fertimix 49 Rafano, Rucola 50 Senape 51 Miscugli per biofumigazione BioFum 52 Colza 53 Tappeti Erbosi 54 Epoche di spigatura 56

4 Oltre ad essere lo slogan di Padana Sementi Elette è il nostro modo di vivere l azienda impegnandoci ogni giorno nell obiettivo di fornire prodotti e servizi di qualità superiore. Padana Sementi Elette nasce ai primi del 900 come azienda a gestione familiare da parte di una delle prime famiglie di sementieri del nord-est italiano: la famiglia Frigo. Inizialmente lavora e commercializza sementi foraggere a livello locale, distinguendosi per i propri prodotti e servizi. Nel dopoguerra, con la crescente necessità di colture in grado di ottenere grandi produzioni nella Pianura Padana, iniziò la nostra espansione commerciale a tutto il Nord Italia. La nostra vera crescita aziendale è però avvenuta negli ultimi 30 anni, con il potenziamento dei programmi sperimentali e della ricerca. Inoltre, accanto al settore agricoltura, che rimane il nostro core business con il 60% del fatturato totale, si è sviluppata la domanda di prodotti per altri settori, quali: Sementi per da tappeto erboso per il verde privato e pubblico Mangimi compositi e semplici per piccoli animali Legumi secchi per usi alimentari Il successo crescente premia il nostro lavoro quotidiano: in tutti i settori in cui operiamo ci differenziamo dalla concorrenza per la metodologia e la filosofia aziendale, sintetizzabili nei seguenti 10 punti: 1. LA RICERCA. Un importante programma di sperimentazione, anche grazie a collaborazioni con Università, Enti di ricerca e consulenti tecnici, viene portato avanti ogni anno nei nostri campi prova allo scopo di selezionare nuove varietà con i migliori caratteri morfo-fisiologici. Questo lavoro è da noi reputato strategico e irrinunciabile per il successo finale, anche se impegna notevolmente l azienda sia in termini finanziari sia in tempo dedicato. A tutt oggi sono ben 12 le varietà da noi registrate al Registro Nazionale delle Varietà e diverse quelle in corso di iscrizione. 2. I CONTROLLI. Per ottenere uno standard qualitativo elevato, nostro obiettivo primario, è necessario che vengano fatti controlli sistematici e severi su tutti i passaggi dei processi produttivi. I controlli per noi sono una routine, non un eccezione dettata da necessità o temporanee emergenze. Per implementare questa attività abbiamo messo in atto un sistema di controllo della qualità che non permette errori e che, soprattutto, permette di far partire dal nostro stabilimento solamente sementi di alta germinabilità e purezza, ben oltre gli standard richiesti dalla legge. In questo sistema di controllo, il nostro laboratorio di analisi delle sementi ed il personale qualificato (accreditato presso l Ente Nazionale Sementi Elette), rappresentano la nostra punta di diamante. 3. LE CERTIFICAZIONI Oltre alla certificazione INRAN-ENSE o OECD così come richiesto dai regolamenti comunitari e internazionali, abbiamo adottato ulteriori strumenti di controllo, per cui oggi siamo l unica azienda italiana nel settore delle sementi foraggere e da tappeto erboso ad avere il sistema di gestione della qualità certificato ISO 9001:2008 sia in ambito nazionale che internazionale (inserire marchi) 4. LA TECNOLOGIA. Anche nei nostri processi produttivi ricerchiamo l innovazione. Un esempio recente nel settore dei tappeti erbosi è costituito dal nuovo impianto di miscelazione, il primo in Italia, a sistema orizzontale multipale. Questa tecnologia garantisce: assoluta pulizia di tutte le parti dell apparecchiatura e conseguente assenza di contaminazioni tra componenti di miscelate successive; elevata uniformità della miscela dal primo all ultimo sacco prodotto. 5. GLI EVENTI. Offriamo sempre alla nostra clientela consolidata o potenziale, la possibilità di conoscere e toccare con mano i nostri prodotti negli eventi che il nostro staff propone. I nostri Field Day e i seminari

5 tecnici sono anche utili giornate di approfondimento ed occasioni preziose di confronto e di informazione. 6. LE COLLABORAZIONI. Per ottenere varietà sempre migliori abbiamo intessuto negli anni una fitta rete di collaborazioni con enti e società italiane ed estere. Da queste attingiamo nuovi materiali genetici da inserire nei nostri programmi di sperimentazione e solo i migliori vengono inseriti nella nostra gamma di prodotti. Citiamo alcuni dei nostri partner più importanti: Jacklin Seed, Columbia Seeds, Turf Merchants, Douglass King Co. e Calwest dagli USA, Saatbau Linz dall Austria, Seedmark e Pacific Seed dall Australia, Joordens e Barenbrug dall Olanda, Svalof-Weibulls dalla Svezia, DLF dalla Danimarca, Feldsaaten Freudenberger dalla Germania 7. LA PRODUZIONE. Le sementi delle nostre varietà o di quelle in delega, vengono da noi moltiplicate (direttamente o indirettamente) in Italia e all estero. Nel corso degli anni Padana Sementi Elette è riuscita a mettere in piedi un network produttivo di primo piano per qualità ed affidabilità, riducendo così eventuali rischi produttivi ed arrivando a seminare le proprie produzioni in molti paesi quali Italia, Ungheria, Repubblica Ceca, Romania, Argentina ed Oregon (USA). Questo rende l offerta più flessibile e competitiva e ha permesso di destagionalizzare il nostro fatturato. Nello stabilimento di Tombolo, le sementi vengono selezionate (cioè pulite dalle impurità con macchine specifiche) e/o miscelate, a seconda della tipologia: tutto questo sotto l attento controllo INRAN/ENSE. Le sementi vengono poi confezionate in un packaging efficiente, moderno ed attraente. 8. LA VENDITA. Abbiamo un importante rete commerciale tecnicamente preparata, impegnata a proporre i nostri prodotti, consigliando quelli più idonei a seconda delle diverse realtà/aree geografiche. Tutte le spedizioni vengono effettuate con i nostri mezzi o con corrieri: grazie alla efficiente collaborazione con alcuni dei principali vettori, siamo in grado di consegnare nel giro di pochi giorni in tutt Italia, anche nei periodi di più intensa richiesta. 9. IL SERVIZIO AL CLIENTE ED IL POST VENDITA. Ricerchiamo il massimo della qualità nel servizio poiché la soddisfazione del cliente è parte centrale della nostra filosofia aziendale. Il rispetto dei tempi di consegna, il dialogo quotidiano con i distributori, la fornitura di miscugli personalizzati su richiesta, l informazione sul miglior utilizzo dei diversi prodotti sono tutte scelte atte a dare il miglior servizio possibile ai nostri clienti. Il nostro staff inoltre è sempre a disposizione per la consulenza tecnica (telefonica o, laddove servisse, in loco), per l organizzazione di eventi e per la formazione tecnico/commerciale della eventuale rete commerciale della nostra clientela. 10. LO STAFF. Da ultimo, ma non per importanza, è doveroso parlare del nostro personale. Tutti i nostri collaboratori sono altamente qualificati, dalla ricerca alle vendite, dall amministrazione alla produzione: un patrimonio di persone scelte, che svolgono le loro mansioni con alta professionalità ed impegno, sicuri di fare gli interessi dell azienda e del proprio team con la qualità del loro lavoro. Tutti insieme impegnati per raggiungere un solo obiettivo: la Qualità Totale! Padana Sementi è un azienda con sistema di gestione per la qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2008 Registration Number: IT-45550

6 Loietto LOIESSA O LOIETTO ITALICO (Lolium multiflorum) Specie molto importante per la moderna foraggicoltura, in quanto consente di ottenere notevoli produzioni di foraggio e si inserisce facilmente in avvicendamenti colturali stretti con il mais, al fine di massimizzare le unità foraggere prodotte per ettaro. Presenta inoltre un importante valenza ecologica in quanto possiede un elevata capacità di catturare e trattenere tutte le forme di azoto presenti nel terreno, riducendo i rischi di inquinamento delle falde acquifere, consentendo nel contempo all azienda la pianificazione della distribuzione delle deiezioni e delle fertilizzazioni azotate. SPRINT diploide westervoldico (alternativo) Semina: Precoce. spigatura 9 gg prima di Excellent. Fieno, pascolo Molto fogliosa di taglia medio elevata. Buona la resistenza all allettamento. Autunno o primavera. 40 kg per ettaro Tutta Italia. Varietà produttiva in relazione alla sua precocità. Rapidità di essicazione ed eccellente attitudine alla fienagione. La loiessa si differenzia in due sottospecie, italico e westervoldico: Il Loietto Italico, originatosi negli ambienti dell Italia Settentrionale, è in generale non alternativo ed è perciò consigliato per le semine autunnali per la produzione di fieno o insilato. Il Loietto Westerwoldico, di origine nord europea, è generalmente alternativo e quindi si presta sia per semine autunnali che primaverili. Nel caso di semina autunnale in ambienti temperati può essere vantaggiosamente pascolato, grazie all elevata attitudine al ricaccio. Un ulteriore criterio di distinzione riguarda gli aspetti genetici ed in particolare il numero di cromosomi, per cui si distinguono varietà diploidi e tetraploidi. Varietà Diploidi sono caratterizzate da seme più piccolo e quindi richiedono investimenti di seme minori, da ciclo generalmente più precoce, taglia leggermente più bassa, foglia più stretta, minor contenuto di acqua nel foraggio e quindi migliore attitudine alla fienagione. Varietà Tetraploidi presentano seme più grande, ciclo generalmente più tardivo, taglia più alta, foglia più espansa, maggior contenuto d acqua nel foraggio e si prestano meglio all insilamento. JAKO Diploide Italico (poco alternativo) Semina: Precoce, spigatura 8 gg prima di Excellent. Fieno. Abbondante fogliosità e fusti sottili, di taglia medio alta Buona resistenza all allettamento, tollera le più diffuse fitopatie. Autunnale 40 Kg/ha Consigliato per il nord laddove si pratica un unico taglio, adattabile anche al sud e isole per più sfalci. Varietà produttiva in relazione alla sua precocità. Essicazione particolarmente rapida che garantisce un fieno di qualità. GIPSYL Diploide westervoldico (alternativo) Semina: novità Medio-precoce. 5 giorni prima di Excellent Fieno ma anche insilato, eventuale pascolo autunnale Sana e veloce nel ricaccio, taglia elevata. Abbastanza resistente all allettamento e e alle malattie. Autunno o primavera 40 Kg/ha Tutta italia. Varietà di genetica olandese. L ampia flessibilità di utilizzo è stata dimostrata, oltre che dalle sperimentazioni, dal successo ottenuto in campo. In ambienti temperati dell italia centro-meridionale con semina autunnale, si presta bene al pascolamento grazie alla rapidità del ricaccio. Stadio vegetativo Al momento del taglio Composizione e valori nutritivi medi del loietto al momento del taglio Sostanza secca % Protidi grezzi % s.s. Protidi digeribili % s.s. Fibra grezza % s.s. ADF % s.s. UFL/kg di s.s. Prespigatura 16,4 11,2 6,9 23,0 25,7 0,90 0,85 UFC/kg di s.s. 6 Padana Sementi Elette

7 ANDREA diploide westervoldico (alternativo) Inserita nelle liste di raccomandazione del CRPA di RE Semina: Medio-precoce, spigatura 4 gg prima di Excellent. Principalmente fieno, ma anche insilato ed eventualmente pascolo Molto fogliosa di taglia elevata. Ottima la resistenza all allettamento e alle malattie. Autunnale o primaverile. 40 Kg/ha E consigliato per le fertili pianure del centro-nord. Varietà di genetica olandese, Andrea è apprezzato per la sua eccezionale produttività. Ottima capacità di ricaccio. Il numero 1 fra i diploidi!. Loietto MC LAREN Tetraploide westervoldico (alternativo) novità In corso di iscrizione Semina: Medio precoce, 4 giorni prima di Excellent. Insilato e pascolo invernale, fieno con condizioni idonee. Lamina fogliare larga, portamento eretto. Resiste all allettamento e alle più comuni malattie. Autunno e Primavera al nord. 50 kg/ha. Centro, Sud. Genetica italiana, consigliata soprattutto per unico taglio primaverile molto abbondante, paragonabile o superiore rispetto a varietà tardive, lasciando spazio a successive semine. Idonea al pascolamento invernale grazie alla rapidità di vegetazione dopo la semina e al pronto ricaccio. MAGNUM Tetraploide westervoldico (alternativo) bioenergie Semina: Medio precoce, 4 giorni prima di Excellent. Insilato, fieno e pascolo invernale. Alta e fogliosa. Resiste all allettamento e alle più comuni malattie. Autunno e Primavera al nord. 50 kg/ha. Centro, Sud. Genetica olandese, varietà polivalente, indicata per il pascolamento invernale in Italia centro-meridionale. Possiede ottimi parametri qualitativi: digeribilità, appetibilità, tenore zuccherino. LINOS Tetraploide westervoldico (alternativo) Semina: Media, 2 giorni prima di Excellent. Insilato, pascolo invernale e fieno. Vigorosa e aggressiva, portamento eretto. Resiste alle più comuni malattie. Autunnale o primaverile 50 kg/ha Centro, Sud. Genetica italiana, caratterizzata da un buon rapporto foglia-stelo. Indicata per il pascolamento invernale in Italia centro-meridionale per la rapidità del ricaccio. Buone caratteristiche qualitative. Padana Sementi Elette 7

8 LOIESSA O LOIETTO ITALICO (Lolium multiflorum) Loietto EXCELLENT Tetraploide italico (non-alternativo) Semina: Inserita nelle liste di raccomandazione del CRPA di RE bioenergie Media. Insilato e fienagione quando ci sono le migliori condizioni. Bella pianta, fogliosa con stelo sottile, si adatta a tutte le situazioni. Si distingue per la resistenza all allettamento. Autunnale. 50 kg/ha Nord, Centro, Sud. Varietà di nostra costituzione, ben collaudata che garantisce buona adattabilità e rese elevatissime. Elasticità d uso per la rapidità nell essicazione rispetto agli altri tetraploidi. Loiessa o loietto italico 8 AUBADE Tetraploide westervoldico (alternativo) Semina: Inserita nelle liste di raccomandazione del CRPA di RE bioenergie Medio tardiva, 2 giorni dopo Excellent. Insilato e/o pascolo invernale. Tipico tetraploide a foglia larga. Tollera le malattie e non si alletta facilmente. Autunnale, anche primaverile al nord italia. 50 Kg per ettaro. Sud, isole e centro. Rapidità di ricaccio, produzione di foraggio ad alto tenore zuccherino. Ottima attitudine al pascolamento. EXTREM Tetraploide westervoldico (alternativo) Inserita nelle liste di raccomandazione del CRPA di RE bioenergie Medio tardiva. 3 Giorni dopo Excellent. Insilato e pascolo invernale. La pianta alta e fogliosa si affranca velocemente dopo la semina. Resiste bene alla siccità inverno-primaverile. Autunnale o primaverile. 50 kg/ha. Ha ottenuto i migliori risultati al sud, specialmente nelle pianure molto siccitose, ma si comporta bene anche al nord. Genetica italiana. L elevata capacità di ricaccio, la rende la preferita da molti coltivatori. 8 Padana Sementi Elette

9 BORMITRA Tetraploide westervoldico (alternativo) novità Medio tardiva. 4 giorni dopo Excellent. Insilato, pascolo invernale, foraggio verde. Equilibrato rapporto foglie-stelo. Ottima tolleranza alla ruggine. Autunno o Primavera. 50 kg per ettaro. Nord, Centro-Sud e isole Genetica tedesca di recente costituzione. Adatto a raccolti in più tagli, grazie alla rapidità di ricaccio e crescita. Ottima appetibilità osservata nel pascolo diretto. Loietto BARSUTRA Tetraploide westervoldico (alternativo) Inserita nelle liste di raccomandazione del CRPA di RE Tardiva. 5 Giorni più di Excellent. Insilato, fieno e pascolo invernale. Pianta alta e fogliosa. Tollerante il freddo e l allettamento. Autunno o primavera. 50 kg/ha. Tutta italia. Varietà olandese di ultima generazione. Grande produttività e alto valore nutritivo del foraggio ottenuto. BARTEMPO Tetraploide westervoldico (alternativo) Inserita nelle liste di raccomandazione del CRPA di RE novità Tardiva. 6 giorni dopo Excellent. Insilato, fieno e anche pascolo invernale. Alta, fogliosa, apprezzata per le alte rese. Resiste all allettamento e fitopatie. Autunnale o primaverile. 50 kg per ettaro. Nord, Centro, Sud e Isole. Varietà di genetica olandese, conosciuta per le potenzialità produttive al vertice. Padana Sementi Elette 9

10 Cereali minori CEREALI MINORI Triticale (xtriticosecale) Specie a semina autunnale, impiegata, oltre che per la produzione di granella, per la formazione di erbai in purezza oppure in consociazione. Ideale per la produzione di insilato può anche essere pascolato in inverno. Oggi il triticale sta avendo un importante sviluppo quale pianta energetica, vale a dire che il suo insilato entra nella razione dei moderni bio-digestori. Lo stadio ottimale per l insilamento è a maturazione lattea. Sostanza organica % COMPOSIZIONE CHIMICA % S.S. E DIGERIBILITÀ DELL INSILATO DI TRITICALE Ceneri % NAGANO Digeribilità s.o. % Proteina grezza % s.s. Fibra grezza % s.s. ADF % s.s. UFL/kg UFC/kg 92,6 7,4 65,33 6,81 24,84 37,97 0,76 0,68 novità bioenergie Precoce Insilato, biomassa, granella. Taglia medio-alta, buon accestimento e buona fogliosità. Si è dimostrata sempre superiore alla media nella resistenza alle principali malattie (oidio, ruggine bruna, septoriosi, fusariosi). Resistente all allettamento. Autunnale o primaverile kg/ha a seconda della preparazione del letto di semina. Tutta Italia Varietà polacca di recente costituzione, selezionata sia per produrre foraggio con buon contenuto proteico che per produzione di granella. TRIAMANT AMARILLO 105 novità bioenergie Precoce. Insilato, granella, biomassa. Taglia elevata, buon accestimento e numero di spighe per pianta. Buonissima tolleranza a ruggine bruna e oidio, resistente all allettamento. Autunnale e primaverile kg/ha a seconda della preparazione del letto di semina. Con semine precoci o primaverili aumentare la dose a 190 kg/ha. Tutta Italia Varietà di ultima generazione, dall altissimo potenziale produttivo. Primo classificato nelle prove del C.R.A. nel nord Italia (I.A. n 34/2011) (vedi tabella): Produzione di granella (media t/ha): 7,9 t/ha Nord, (4 classificato) 6,6 t/ha al Centro (1 classificato) 6,3 t/ha al Sud (1 classificato) Altezza pianta (media italiana): cm. bioenergie Medio tardiva. Insilato e granella. Di altezza medio alta, fogliosa. Appositamente selezionata per la resistenza alle più comuni fitopatie. Autunnale kg per ettaro Nord Italia, può essere coltivato con successo nelle zone del centro-sud in terreni profondi e freschi. E una varietà ad elevata produttività, consigliata anche nella formulazione di erbai autunnali per la sua fogliosità. 10 Padana Sementi Elette

11 Areale Nord. Resa in granella (t/ha 13% umidità) e caratteri morfo-fisiologici in ordine decrescente di produzione media Emiglia Lombardia Friuli V.G. Romagna VARIETÀ Tottemenapace (PV) S.Angelo Lodigiano (LO) AMARILLO 105 9,8 8,9 8,0 7,1 4,3 7,6 TRIMOUR 9,1 8,0 8,1 6,9 5,4 7,5 TALENTRO 8,9 7,9 8,2 7,2 4,7 7,4 AGOSTINO 8,9 7,6 8,4 7,3 4,4 7,3 COLLEGIAL 9,2 7,8 7,2 6,8 5,1 7,2 KEREON 8,6 7,4 8,4 6,7 4,4 7,1 TULUS 8,9 7,8 7,1 6,8 4,5 7,0 ISOTOP 7,5 7,7 8,7 6,5 4,4 6,9 LEONTINO 8,1 7,6 8,3 6,6 3,7 6,8 MAXIMAL 8,4 7,2 7,2 6,3 3,6 6,5 MADILO 8,3 6,2 7,1 5,9 3,9 6,3 VIVACIO 8,4 6,9 5,5 6,2 4,2 6,2 UNIVERSAL 8,0 6,3 6,3 5,6 4,8 6,2 CONSTANT 6,9 6,2 7,0 5,5 4,3 6,0 OCEANIA 8,4 6,3 5,5 5,8 3,7 6,0 WILFRIED 6,8 6,3 6,6 5,8 4,2 5,9 MAGISTRAL 7,9 6,3 5,9 5,4 4,0 5,9 RIGEL 7,4 6,5 5,1 5,8 4,0 5,8 QUARK 7,1 5,9 6,0 5,2 3,7 5,6 ALTAIR 7,5 5,3 6,0 4,7 4,2 5,6 AGRANO 6,7 5,9 4,9 5,2 3,6 5,2 FORRICALE 7,2 5,3 5,2 5,2 3,2 5,2 CATRIA 6,7 5,1 5,4 4,4 3,7 5,1 BIENVENU 5,9 4,9 5,4 4,4 4,2 4,9 TRICA 6,1 5,3 4,5 4,7 3,4 4,8 MEDIA 7,9 6,7 6,6 5,9 4,1 6,2 MDS (P 0,05) 0,4 0,8 1,0 0,8 0,8 CV (%) 3,3 7,3 9,4 8,1 11,5 Fonte I.A. n Fiorenzuola d Arda (PC) Palazzolo dello Stella (UD) Fiume Veneto (PN) Produzione (t/ha) ( 1 ) SW TALENTRO LEONTINO bioenergie Medio tardiva. Tipicamente da insilato. Alta, fogliosa, con grande attitudine all accestimento. Mediamente resistente alle più comuni fitopatie. Autunnale kg per ettaro Tutta Italia. E una varietà di grande potenziale produttivo in termini di biomassa. Dalle prove della rete nazionale (v. I.A. n 34/2011) ha avuto produzioni superiori alle medie in tutti gli areali (Nord, Centro, Sud). bioenergie Tardiva Insilato, granella, biomassa. Di altezza media, dotata di grande spiga molto ricca di semi. Resistente alle più comuni fitopatie. Molto resistente all allettamento. Autunnale kg per ettaro Nord Italia, può essere coltivato nelle zone più fresche del centro-sud. E una varietà ad elevata produttività, sia a granella che a trinciato. L alto contenuto di granella rende il trinciato di Talentro particolarmente ricco di zuccheri e molto apprezzato per l insilato destinato anche alla fermentazione anaerobica dei Bio-digestori. Sempre affidabile per produttività Cereali minori Epoca di spigatura delle diverse varietà SEGALE TRITICALE AVENA PROTECTOR MARCELO AMARILLO 105 NAGANO TRIAMANT TALENTRO LEONTINO HAMEL AUTEUIL GNIADY TYPHON AVENY AVENA STRIGOSA LA MOROCHA 20/4 25/4 30/4 05/5 10/5 15/5 20/5 25/5 INTERVALLI MEDI NORD ITALIA Padana Sementi Elette 11

12 Cereali minori CEREALI MINORI Avena (Avena sativa) Specie a semina autunnale o primaverile utilizzata in purezza o per la formazione di erbai in consociazione con leguminose e graminacee. Viene utilizza oltre che per granella, per pascolo invernale o per insilato. Le diverse varietà di avena si distinguono in base al colore della granella: l avena bianca, generalmente indicata per produrre granella, presenta pianta meno fogliosa e più robusta, mentre le avene nere, colore scuro della granella, sono più precoci, più fogliose e quindi più adatte all utilizzo integrale. Da tenere presente che la concimazione azotata va commisurata, oltre che alla fertilità del terreno e al clima, alla resistenza all allettamento delle varietà impiegate. L epoca ottimale di sfalcio per produzione di insilato è da inizio spigatura fino alla maturazione lattea. HAMEL TYPHON Medio Precoce. Sfalcio e granella per equini. Taglia medio-elevata, con fusto elastico e sottile. Media resistenza al freddo, buona resistenza all allettamento. Autunnale e primaverile kg/ha. Tutte. Ha ottenuto ottime perfomance al Sud Italia. Varietà bianca di ottima produttività. Adatta ad essere affienata. novità Media. Foraggio (insilato, fieno fasciato), consociazione in erbai e granella. Taglia alta, con foglia particolarmente larga. Resistente allì oidio, buona tolleranza alle malattie fogliari più comuni. Autunnale e primaverile kg/ha. Nord, Centro. Varietà bianca. Prima per produzione nelle prove ufficiali in Austria. La sua fogliosità permette di produrre un foraggio di elevata qualità. AUTEUIL Medio-tardiva. In purezza o in consociazione con leguminose per la formazione di erbai autunno primaverili. Grande e fogliosa. Resistente all allettamento e tollerante alle infezioni di Oidio. Autunnale e primaverile kg per ettaro. Nord, Centro. Granella nera con riflessi rosso scuro, di grande produttività. GNIADY Tardiva. Granella e foraggio in purezza o in consociata in erbai autunno primaverili. Fogliosa di taglia medio-alta. Notevole resistenza all allettamento e tollerante all Oidio. Autunnale e primaverile kg per ettaro. Nord, Centro. Avena nera di recente costituzione, caratterizzata dalla grande stabilità della pianta e dalle alte rese (v. tabella). Areale Nord. Resa in granella (t/ha 13% umidità) nelle 2 località provate Semina autunnale VARIETÀ S.Angelo L.(LO) VARIETÀ Semina primaverile Fiorenzuola d Arda (PC) S.Angelo L. (LO) MEDIA AVENY 7,15 AVENY 4,30 6,71 5,51 GNIADY 5,81 CORNEIL 3,94 6,11 5,03 CORNEIL 5,65 GNIADY 3,94 5,46 4,70 PRIMULA 5,59 TEO BD40 3,64 5,73 4,69 GENZIANA 5,57 RANCH 3,52 5,33 4,43 DONATA 5,40 HAMEL 3,35 5,10 4,23 RANCH 5,40 BIONDA 3,42 4,93 4,18 BIONDA 5,29 PRIMULA 3,12 4,79 3,96 TEO BD40 5,22 ALCUDIA 2,77 4,75 3,76 ALCUDIA 5,18 GENZIANA 2,98 4,45 3,72 STELLA D ORO 4,86 DONATA 2,41 4,23 3,32 NOVELLA ANTONIA 4,60 STELLA D ORO 2,41 3,62 3,02 ARGENTINA 4,35 ARGENTINA 2,72 3,29 3,01 FULVIA 2,97 NOVELLA ANTONIA 2,48 3,42 2,95 FULVIA 1,90 3,03 2,47 MEDIA 5,22 MEDIA 3,13 4,73 3,93 DMS (P 0,05) 1,0 DMS (P 0,05) 0,4 0,7 CV (%) 10,6 CV (%) 9,0 14,3 Fonte I.A. n Padana Sementi Elette

13 AVENY Tardiva. Foraggio (in consociazione o non), granella. Alta e fogliosa. Molto resistente all allettamento. Autunnale e primaverile kg per ettaro. Tutta Italia. Particolarmente produttiva al Centro-Sud. Varietà bianca, caratterizzata da alte rese. Produzioni sempre ai vertici confermate anche dai risultati ufficiali del 2010 e 2011 (v.tabella) nelle prove coordinate dal C.R.A. (dati I.A. n 34/2010 e n 34/2011), dove è risultata anche la meno allettata. Aveny ha anche una spiccata attitudine all utilizzo foraggero, dovuta alla sua fogliosità e alla taglia elevata. Cereali minori Avena Forestiera (Avena strigosa) L avena strigosa è una specie che ben si adatta ad essere inserita negli erbai per la sua elevata produttività e rusticità. Caratteristica saliente di questa specie è di avere il culmo molto sottile: ciò migliora la fienagione riducendo i tempi di essiccazione del foraggio. Può essere inoltre pascolata, grazie alla sua ottima appetibilità e digeribilità. Da tener presente che, con semine troppo anticipate, l avena strigosa può avere una maggiore suscettibilità alle gelate invernali e all allettamento primaverile. Può essere seminata anche nel tardo inverno, ottenendo comunque ottime produzioni in foraggio. L epoca ottimale di sfalcio va dalla spigatura alla fioritura (generalmente a maggio). Segale (Secale cereale) Specie a semina autunnale da utilizzare in purezza o in consociazione, molto precoce, poco esigente e quindi adatta ai terreni marginali. Resiste molto bene ai freddi invernali, alla siccità ed è poco esigente in fatto di sostanze nutritive. La segale viene impiegata con una dose di seme pari o poco superiore a quella del frumento a causa del suo scarso potere di accestimento. La semina viene fatta leggermente in anticipo rispetto al frumento stesso, ovvero tra la fine di agosto e la fine di ottobre, a seconda della latitudine e dell altitudine. La dose di semina varia da 120 a 180 kg/ha in purezza con le dosi maggiori se la destinazione è per la produzione di foraggio o biomassa. La concimazione azotata va limitata a Kg/ha, ciò a causa della maggiore suscettibilità della segale all allettamento. PROTECTOR Precoce. Biomassa o granella. Taglia molto elevata. Resiste molto bene al freddo e alla siccità. Autunnale, meglio se anticipata. 180 kg/ha per l utilizzo da trinciato. Tutt Italia. Protector produce ottimi quantitativi di biomassa anche nelle condizioni più difficili. LA MOROCHA Precoce. Fieno e pascolo in miscuglio. Alta con culmo sottile. Pianta sanissima e poco soggetta a patologie. Come tutte le varietà di A. strigosa tende ad allettarsi se seminata in purezza. Autunnale o primaverile kg/ha in purezza. Centro Sud. La Morocha è una varietà adatta all utilizzo in miscugli da erbaio autunno primaverili. Grandissima adattabilità alle condizioni pedoclimatiche anche in terreni poco fertili. MARCELO novità In corso di iscrizione Medio-tardiva. Biomassa o granella. Pianta robusta e fogliosa. Buona tolleranza a ruggine e peronospora. Resiste bene all allettamento. Autunnale, meglio se anticipata kg/ha. Tutt Italia. Dotata di grande stabilità produttiva. Padana Sementi Elette 13

14 Sorgo SORGO L incremento costante delle superfici coltivate a sorgo degli ultimi anni, conferma come questa coltura possa avere un ruolo strategico nella diversificazione e nella sostenibilità (sia economica che ambientale) della produzione aziendale. Il vero punto di forza del sorgo sta nel suo adattamento fisiologico ad ambienti caldi e tendenzialmente aridi, che lo rendono insuperabile in coltivazioni a bassi input agronomici, nelle più svariate condizioni ambientali e climatiche. La classificazione attualmente riconosciuta del genere Sorghum, raggruppa tutte le tipologie coltivate sotto la specie botanica Sorghum vulgare (sin. Sorghum bicolor), all interno della quale si distinguono tutte le molteplici forme di sorgo, indicate generalmente come sottospecie. E importante conoscere le caratteristiche delle principali tipologie di sorgo, poiché sono strettamente correlate con la loro gestione agronomica e il loro utilizzo finale: S. bicolor ssp. bicolor: A questo gruppo appartengono le varietà e gli ibridi da granella, a taglia generalmente bassa, culmi robusti, panicolo molto sviluppato, difficilmente allettabili. S. bicolor ssp. sudanense. Raggruppa le varietà denominate sorghi gentili o sudangrass. Sono caratterizzate da fusto sottile ed elastico, spiccata tendenza all accestimento, rapidità di ricaccio, ciclo precoce. Particolarmente adatte per erbai estivi polisfalcio. S. bicolor ssp. saccharatum. I sorghi zuccherini si contraddistinguono per la taglia elevata, foglie larghe, culmo grosso, e midollo succoso e zuccherino, scarsa capacità di accestimento e ricaccio, ciclo tendenzialmente tardivo. Incroci e ibridi delle tipologie precedenti: hanno permesso di ottenere piante con caratteristiche molto varie, sia dal punto di vista morfologico che agronomico, in base alle caratteristiche delle tipologie impiegate come parentali. La semina è la fase più delicata della coltivazione del sorgo. Questo necessita di un letto di semina ben preparato per assicurare una emergenza omogenea e al contempo sufficientemente strutturato per limitare la formazione di crosta superficiale. Per favorire il più possibile l approfondimento radicale si consiglia di agire preventivamente con lavorazioni profonde. Al Sud Italia e isole sono necessarie irrigazioni di soccorso in caso di siccità prolungata, mentre al Centro Nord l unica fase che necessita di un lieve apporto idrico, in assenza di piogge, è quella della germinazione e dell emergenza. Vantaggi agronomici del sorgo: Massima efficienza nell uso delle risorse idriche, costi di produzione contenuti, pur garantendo elevate rese anche in terreni poco favorevoli. Buona qualità e conservabilità del prodotto. Particolarmente indicato nelle zone colpite da Diabrotica e Piralide. Sorgo da foraggio (Sorghum bicolor spp.) PIPER (S. b. sudanense) Precoce (60 giorni dall emergenza a metà fioritura). Fieno (almeno 3 tagli) e pascolo. Il fusto è sottile ed elastico, ha grande capacità di accestimento e di ricaccio. Varietà rustica per eccellenza. Primaverile (temperatura minima del suolo 16 C) kg per ettaro. Tutte, adatta ai terreni marginali. La varietà non contiene acido prussico. MONARCH V (ibrido sudanense x sudanense) Medio precoce (62 giorni dall emergenza a metà fioritura). Fieno e pascolo polisfalcio. Caratterizzata dalla fogliosità e dalla grande capacità di accestimento. La sua rusticità lo rende tollerante a tutte le avversità. Primaverile (temperatura minima del suolo 16 C) kg/ha a seconda della preparazione del terreno. Adatto a tutti i climi, ideale nell ambiente mediterraneo con sussidio idrico. Ibrido particolarmente produttivo (13 % in più di Piper). Produce foraggio di alta qualità senza acido prussico. 14 Padana Sementi Elette

15 HERMES (ibrido sudanense x sudanense) Tecnologia Hi-Gest novità Medio precoce (65 giorni dall emergenza a metà fioritura). Fieno, insilato e pascolo, in più sfalci. E dotata di stocco esile, alto numero di accestimenti e ricaccio vigoroso. Altezza media a fioritura 220 cm. Resiste a tutte le avversità. Primaverile (temperatura minima del suolo 16 C). Da 20 a 30 kg per ettaro a seconda delle condizioni del terreno. Tutta Italia L ultimissima generazione dei sorghi Hi-Gest!! Questa tecnologia ha permesso di ottenere ibridi con un contenuto di lignina nella fibra drasticamente ridotto (-20 %), mantenendo allo stesso tempo piante con alto vigore vegetativo e produttivo. HERMES esprime al meglio sia le caratteristiche qualitative degli ibridi BMR, sia le alte rese (paragonabili o superiori) degli ibridi tradizionali. Il foraggio è più appetibile, più nutriente e più digeribile e dà quindi una maggiore resa in stalla! PIPER HERMES Sorgo Valori medi di 4 campioni di fieno di HERMES Hi-Gest Parametro media TQ media SS Sostanza Secca, % 93,73 93,73 Umidità, % 6,28 6,28 Proteina Grezza, % 8,81 9,40 Lipidi Grezzi, % 0,71 0,76 Ceneri, % 12,58 13,43 NDF - Fibra neutro detersa-, % 51,16 54,58 ADF - Fibra acido detersa-, % 37,33 39,83 NDFD, % dell NDF tot. 46,30 49,40 NFC, % 20,46 21,83 Emicellulose, % 13,83 14,76 ADF/NDF, come % dell NDF 72,30 77,10 ADL - Lignina acido detersa-, % 4,12 4,40 RFQ (Relative Feed Quality) 83,20 88,70 UFL 0,57 0,61 PADANA 2 /SWEET CAROLINA (ibrido bicolor x bicolor) bioenergie Media (85 giorni dall emergenza a metà fioritura). Ibrido monosfalcio per produzione di insilato. Tipologia da granella di taglia alta (1,8-2 m), con fusti grossi e foglie larghe per una ottimale copertura delle file. Panicolo molto sviluppato che produce buone quantità di granella. Molto resistente a siccità, resiste molto bene all allettamento. Primaverile (temperatura minima del suolo 16 C) kg/ha (pari a semi/mq). Tutta Italia. Ibrido che associa alla massa verde un ottimo apporto di granella (5-6 t/ha circa), permettendo di ottenere un prodotto bilanciato, digeribile, con ottimo contenuto proteico, dalle caratteristiche qualitative simili al trinciato di mais. Particolarmente indicato nelle aree in cui il mais non può essere coltivato (Diabrotica, Piralide, aree non irrigue, ecc.) Costituenti nutrizionali Parametro media TQ media SS Met.: Spettroscopia Infrarosso (NIRS) Umidità, % 69,30 Sostanza Secca, % 30,70 Proteina Grezza, % 1,92 6,24 Lipidi Grezzi, % 0,60 1,94 Ceneri, % 1,51 4,92 NDF -Fibra neutro detersa-, % 15,69 51,10 ADF -Fibra acido detersa-, % 9,38 30,55 Emicellulosa, % 6,31 20,55 ADF/NDF, come % dell NDF 59,8 NDFD, % dell NDF tot. 36,9 NFC, % 10,99 35,80 Amido polarimetrico 7,27 23,68 Zuccheri Totali, % Met. Uff. It 0,83 2,70 Zuccheri originari (Tot. + ricalcolati da AGV) 2,43 7,92 Padana Sementi Elette 15

16 Sorgo Sorgo da foraggio HAY DAY (ibrido bicolor x sudanense) Media (68 giorni dall emergenza a metà fioritura). Insilato in più sfalci: sia trinciato che fasciato. Dotata di fusti alti ed elastici. Ricaccia con facilità. Resistente all allettamento. Rustico. Primaverile (temperatura minima del suolo 16 C) kg per ettaro. Tutte. Ibrido caratterizzato da alte rese, Il rapido ricaccio permette fino a tre tagli in coltura irrigua. Da non utilizzare prima del metro di altezza, la massima qualità si ha dalla botticella alla maturazione lattea. Produce t/ha di s.s. SUGAR GRAZE II (ibrido bicolor x sudanense x zuccherino) Media (68 giorni dall emergenza a metà fioritura). Ibrido polisfalcio per produzione di trinciato, insilato fasciato e pascolo. Ibrido a tre vie, dotato di grandi foglie, buona attitudine all accestimento e al ricaccio rapido. Più alto e produttivo di Hay Day. Molto resistente a siccità e alle temperature estive. Primaverile (temperatura minima del suolo 16 C) kg/ha Tutta Italia. Ibrido di recente costituzione, dotato di fusti succulenti e ricchi di foglie, produce un foraggio di buona qualità. Da non utilizzare prima del metro di altezza, la massima qualità e digeribilità si hanno alla fase di botticella (contenuto proteico 9-10%). 16 Padana Sementi Elette

17 NECTAR (ibrido zuccherino x sudanense) bioenergie Tardivo (88 giorni dall emergenza ad inizio fioritura). Pascolamento estivo autunnale. Insilato integrale. Alta, con maggiore tendenza di Sugargraze all accestimento. Grande resistenza al secco e al caldo. Primaverile (temperatura minima del suolo 16 C) kg/ha per pascolo. Per trinciato 8-10 kg/ha, con lo scopo di ottenere un investimento di piante/mq, con interfila di almeno 45 cm. Profondità di semina 3 cm. Tutte. Grande flessibilità di utilizzo: unisce la produttività del S. zuccherino alla rusticità del sudanese. Non utilizzare prima che la pianta abbia raggiunto il metro di altezza SUGARGRAZE (ibrido zuccherino x zuccherino) Tardivo (90 giorni circa a metà fioritura). insilato monosfalcio. Alta e fogliosa, raggiunge facilmente i 3 m. Medio accestimento. Fusto particolarmente spesso. Ottima resistenza alla siccità e agli stress termici. Primaverile, quando la temperatura del suolo raggiunge almeno 16 C kg/ha (con semina di precisione investimento di semi/mq) aumentare la dose a kg/ha con letto di semina non ben preparato o semina a spaglio. Interfila minimo 45 cm, profondità 3 cm. Si consiglia di non superare l investimento consigliato per ridurre il rischio di allettamento Nord, Centro, Sud. Taglia imponente che combina l ottima produttività con l elevato tenore zuccherino. Si presta ad essere insilato con un unico taglio dall eccezionale produzione di biomassa. N.D.F. (% t.q.) Caratteristiche qualitative dell insilato di SUGARGRAZE (fonte CRPA di RE): A.D.F. (% t.q.) Emicellulosa (% t.q.) Cellulosa (% t.q.) bioenergie Lignina (% t.q.) Sorgo m 3 biogas/t ST RESA IN BIOGAS DEL SORGO SUGARGRAZE (fonte dati Ersaf 2010) c a b FM1 GOLIATH PADANA 4 F FM1 SUCRO 506 Z ALPILLES FM2 877 NICOL FM2 H 133 FV MYTHRIL FM2 H 140 F SILAGE K Z ENSAL FM1 SUGAR GRAZE Z Padana Sementi Elette 17

18 Sorgo Sorgo da foraggio JUMBO (ibrido bicolor x sudanense) bioenergie Molto tardivo (120 giorni circa a metà fioritura). Ibrido polivalente sia per produzioni in un unico taglio (insilato, biogas o biomassa) che per utilizzo in più sfalci come sorgo da foraggio (foraggiata fresca o insilato), tagliato oltre m Molto alta e fogliosa. Buona capacità di accestimento. Ottima resistenza alla siccità e agli stress termici. Resiste bene all allettamento grazie ai fusti più fibrosi. Primaverile, quando la temperatura del suolo raggiunge almeno 16 C kg/ha (con semina di precisione investimento di semi/mq). Per utilizzo in più sfalci aumentare l investimento a kg/ha Tutta Italia La sua flessibilità di utilizzo è permessa dall alta fogliosità della pianta, dalla buona capacità di accestimento e dalla rapidità di ricaccio. Utilizzata in più sfalci fornisce un foraggio molto energetico; utilizzata in monosfalcio permette di avere una pianta imponente con enormi produzioni di biomassa. Varietà Ditta sementiera Tipologia INDICE di produzione INDICE di produzione S.S. KWS BULLDOZER KWS fibra JUMBO PADANA foraggio mono GOLIATH SIS fibra ENSAL SEMFOR foraggio mono TRUDAN HL SYNGENTA foraggero NECTAR PADANA zuccherino PIONEER foraggio mono BIOMASS 133 SYNGENTA fibra NICOL PIONEER foraggio multi Dati estratti da: ERSAF progetto Grandi Colture regione Lombardia Indici produttivi medi di 3 località. Prove a pieno campo 18 Padana Sementi Elette

19 Sorgo da granella (Sorghum bicolor) Coltura di grande importanza in alcune aree italiane, oggi sta conquistando i favori dei coltivatori di altre zone. I motivi stanno nella capacità produttiva del sorgo pur con bassi input agronomici (meno irrigazioni, meno seme, meno concimi). Dopo un rigoroso programma di test nel nostro paese, Padana Sementi Elette ha ottenuto la distribuzione esclusiva di due ibridi rivelatisi particolarmente adatti ai nostri ambienti. PUMA IL ROSSO SENZA TANNINI! IL ROSSO SENZA TANNINI PIU PRODUTTIVO E AFFIDABILE IN ITALIA Medio- tardiva. Granella, ma anche trinciato. Bassa, con panicolo assurgente e distante dall ultima foglia. Rustica, resiste agli stress idrici e termici. La granella è di colore rosa a bassissimo contenuto di Tannini. Primaverile kg/ha piante al metro quadrato. Tutta Italia Puma è l ibrido dalle grandi performance produttive. Anche nelle prove ufficiali 2010 si è confermato l ibrido più produttivo nel mercato italiano, sottolineando la sua grande affidabilità. Sorgo PROVA NAZIONALE DEL C.R.A. DI CONFRONTO VARIETALE DI SORGO DA GRANELLA Produzione di granella (14% umidità) e principali caratteri feno-morfologici In tabella è riportato un estratto dei dati con i risultati dei primi 10 ibridi fra i 32 testati Prove senza sussidio idrico PRODUZIONE 2009 (t/ha) Ibridi Media Pizzale (PV) Agugliano (AN) Rieti t/ha indice Puma 9,34 ae 8,97 ad 12,60 bc 10, Brenus 8,57 eg 8,22 ah 13,68 a 10, Arsenio 9,41 ae 9,55 a 11,34 df 10, Targga 9,88 ac 8,12 ah 12,21 bd 10, DK34-Alabama 9,79 ad 8,71 ae 11,19 dg 9, Marcus 8,17 fh 8,37 ah 13,14 ab 9, PR88Y20 8,86 dg 8,75 ae 11,73 9, Aralba 8,73 eg 8,31 ah 11,53 cf 9, Sanggat 9,91 ab 7,72 bh 10,74 eg 9, Artico 10,32 a 8,60 af 9,22 il 9, PRODUZIONE 2010 (t/ha) Ibridi Media Pizzale (PV) Agugliano (AN) Rieti t/ha indice Puma 5,42 gi 5,33 a 12,58 a 7, Angelus 6,49 ac 4,91 ac 11,20 bc a 7, Marcus 5,01 ij 4,18 dg 13,34 a 7, Cheope 6,69 a 3,94 ei 11,51 b 7, Reggal 6,70 a 4,54 be 10,53 cf 7, Targga 5,54 fi 4,06 ei 11,62 b 7, Classus 5,51 gi 4,83 ad 10,72 be 7, Aralba 5,68 di 3,93 ei 11,06 bd 6, Kinggo 5,55 fi 3,48 gn 11,55 b 6, DK34/Alabama 6,25 af 4,19 dg 10,08 ei 6, MEDIA 8,32 7,92 10,00 8, MEDIA 5,66 3,66 9,51 6, GIAGUARO IBRIDO DI SORGO BIANCO! Disponibile anche seme non trattato Medio - Tardiva. Granella, eventualmente trinciato. Medio bassa, con panicolo assurgente, ottima eserzione del panicolo. Granella bianca, semivitrea, senza tannini. Pianta rustica, resiste agli stress idrici e termici. Molto resistente all allettamento. Primaverile kg/ha piante metro quadrato. Tutta Italia. Particolarmente produttivo al Centro-Sud. Ibrido di recente costituzione, registrato in Italia nel Giaguaro ha un ottima capacità produttiva negli ambienti più vocati. Produzione di Granella BO FE RA AR Media Test Test Test Test Test GIAGUARO Prove 2007 per l iscrizione al: Registro Nazionale delle varietà. Padana Sementi Elette 19

20 Graminacee ALTRE GRAMINACEE ESTIVE Miglio perlato (Pennisetum glaucum) Questa specie è originaria delle zone calde e asciutte della fascia sub tropicale. Raccolto prima della spigatura è capace di fornire grandi masse di foraggio, dalle ottime caratteristiche qualitative in termini di appetibilità e contenuto proteico. E particolarmente adatto al pascolo, vista l attitudine al ricaccio, nelle zone più asciutte del nostro centro sud. Non ha bisogno di particolari accorgimenti, se non una minima concimazione di base, per non depauperare troppo il terreno. Il miglioramento genetico ha messo a disposizione varietà ed ibridi particolarmente adatti all utilizzo quali erbai estivi a più sfalci. Non contiene mai sostanze tossiche per il bestiame. NUTRIFEED (ibrido) Molto tardivo. Pascolo, fieno, foraggiata verde. Grazie alla rapidità di ricaccio, si può utilizzare fino a 3-4 volte nel corso della stagione. La prima utilizzazione, deve essere fatta quando le piante sono ben accestite. Per massimizzare la qualità del foraggio (eccezionale contenuto proteico) utilizzare prima del metro di altezza (vedi grafico). Molto fogliosa, con grande attitudine all accestimento. Se lasciata crescere raggiunge altezze notevoli a discapito però della qualità. Alta resistenza a siccità e temperature elevate. Non è soggetto a fitopatologie. Primaverile, quando la temperatura del suolo raggiunge almeno 16 C. 8 kg/ha con terreno ben preparato. Si può aumentare fino a 15 kg/ha in condizioni non ottimali. Si consiglia una profondità di semina di 3 cm. Centro, Sud. Adatto anche alla formazione di erbai estivi al Nord. Produce abbondante foraggio, ad alto contenuto proteico (20%), in tutte le annate e in ogni ambiente. La qualità del foraggio rimane alta anche in seguito a sfalci ripetuti, in virtù della tardività dell ibrido. Energia (Mj/kg) Proteico (%) 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 7,5 7,0 0,6 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 0,6 DAILY DOUBLE (Ibrido) Energia metabolizzabile rispetto all altezza piante 0,7 1,0 1,2 Altezza (mt) 0,7 1,0 1,2 Precoce. Pascolo, può essere affienato al primo taglio. Vigorosa, con grande capacità di accestimento. Tollera la siccità e si adatta a diversi tipi di suolo. Primaverile. La temperatura del suolo deve raggiunge almeno i 16 C kg per ha. Centro Sud e Isole. Per massimizzare la qualità del foraggio, bisogna raccogliere o pascolare prima che la pianta inizi a spigare. Still Vegetative 1,6 1,9 2,4 Contenuto Proteico rispetto all altezza piante Altezza (mt) Still Vegetative 1,6 1,9 2,4 Panico (Setaria italica) Graminacea annuale a ciclo vegetativo primaverile-estivo, utilizzata spesso in secondo raccolto per produrre fieno in un unico sfalcio abbondante. Resiste molto bene alle temperature estive, ma necessità di irrigazioni di soccorso in caso di mancanza di precipitazioni, sia dopo la semina, sia in fase di levata. PANORAMA GIGANTE (Setaria italica) Precocissimo (50-60 giorni). Fieno in unico sfalcio. Molto fogliosa, di taglia alta, rapidamente affienabile. Resistente ai calori estivi. Primaverile estiva kg/ha. Tutte. Visto il suo ciclo rapidissimo, questa varietà è adatta a semine in secondo raccolto dopo il cereale vernino. PANICO MOHA Precocissimo (50-60 giorni) Fieno o foraggio verde. Molto fogliosa, di taglia media. Poco suscettibile ai patogeni. Estiva kg/ha. Tutte. Si distingue per i fusti sottili e fogliosi, particolarmente facili da seccare. 20 Padana Sementi Elette

21 GRAMINACEE POLIENNALI Festuca Arundinacea (Festuca arundinacea) Specie di lunga persistenza, molto rustica, con una notevole tolleranza alla siccità estiva. Produce abbondantemente al primo sfalcio, il quale deve essere eseguito all inizio della spigatura per non compromettere la qualità e appetibilità del foraggio. Data l emergenza piuttosto lenta, la Festuca arundinacea necessita di particolari attenzioni durante le fasi di preparazione del letto di semina e semina stessa. La semina autunnale è consigliata nel caso la si semini in purezza e viene realizzata fra la fine di agosto e la fine di settembre. La semina primaverile può essere effettuata nel caso di consociazioni con le leguminose e deve essere effettuata entro la fine del mese di marzo. La dose di semina deve mantenersi fra i kg/ha (in purezza). Dopo la semina è consigliabile eseguire una rullatura del terreno. PALMA Loietto Ibrido (Lolium x hybridum) Precoce. Fieno o foraggio fresco. Alta, ricaccia prontamente. Primaverile o autunnale precoce, ha bisogno di diversi giorni per germinare kg per ettaro. Centro nord. Varietà rustica, molto produttiva e fornitrice di foraggio molto appetibile. Ibrido interspecifico che combina in modo variabile le diverse caratteristiche delle due specie di partenza, in particolare la densità e la persistenza del Lolium perenne con la appetibilità e accrescimento del Lolium multiflorum. Il risultato è una pianta adatta all inserimento in miscugli da prato-pascolo della durata di 3-4 anni, in condizioni ottimali il loietto ibrido può durare fino a 6-7 anni. LEONIS Media precocità. Componente di miscugli da prato pascolo. Varietà tetraploide. Primavera o autunno kg/ha. tutte, particolarmente adatta a zone fresche. Selezionata per essere molto produttiva, soprattutto nei primi due anni. Molto resistente alle malattie fogliari rispetto alle altre varietà. Inserita nelle liste di raccomandazione in Svizzera. Erba Mazzolina (Dactylis glomerata) Fra le graminacee foraggere è la specie più rustica per adattabilità e tolleranza agli stress, anche se preferisce gli ambienti freschi ed irrigui. Possiede inoltre una lunga persistenza (7-8 anni) tanto da renderla adatta all inserimento in miscugli da prati o pascoli di lunga durata. Produce un foraggio di ottima qualità per digeribilità ed appetibilità. La semina va fatta su terreno accuratamente preparato avendo presente che l attecchimento è piuttosto lento, perciò è necessario eseguire una rullatura dopo la semina. La semina autunnale è da preferire nel caso di prato in purezza e deve essere effettuata entro la prima metà di settembre per consentire alla pianta un certo affrancamento prima dell inverno. La semina primaverile va effettuata nel corso del mese di marzo OTELLO Media. Foraggio fresco o fienagione. Di taglia medio-elevata, tollerante l allettamento. Autunnale precoce o primaverile kg/ha Tutte. Varietà selezionata da Padana Sementi Elette, a partire da un ecotipo delle prealpi venete migliorato. Questa sua origine genetica, ha permesso di ottenere una varietà che si distingue oltre che per la produttività, per la notevole adattabilità a climi freschi, come a climi più caldi e asciutti. E adatta sia alla coltivazione in purezza sia alla formazione di miscugli per prati stabili, dove presenta una lunga persistenza e una buona stabilità produttiva. Graminacee Padana Sementi Elette 21

22 GRAMINACEE POLIENNALI (x Festulolium) GraminaceeFestulolium Ibrido intergenerico tra Loietto e Festuca che viene generalmente introdotto nei miscugli per la formazioni di prati e pascoli. A volte può essere utilizzato in purezza. Produce una quantità di foraggio maggiore del loietto perenne con una qualità pressoché equivalente. Tollera bene la siccità estiva oltre a possedere una buona persistenza e resistenza alle malattie. Il Festulolium presenta una rapida emergenza ed un veloce insediamento. Si preferisce la semina autunnale. Sono importanti le concimazioni azotate per far esprimere al Festulolium tutto il suo potenziale produttivo. BECVA Media. Fieno in prati pascoli. Esprime i caratteri più tipici del loietto italico. Autunnale kg/ha Tutte. Becva produce notevoli quantità di foraggio di ottimo valore nutritivo. Alta è la persistenza. Festuca dei prati (Festuca pratensis) La Festuca pratense è una specie di media persistenza molto resistente al freddo, ma molto sensibile alla siccità e temperature estive. Produce foraggio di ottima qualità purché sfalciato ad inizio spigatura, può anche essere pascolata. Gradisce medie concimazioni azotate. La festuca pratense viene comunemente utilizzata in consociazione con altre essenze. COSMOLIT Precoce. Fieno in consociazione. Di altezza media, molto persistente e molto resistente al freddo. Primaverile 20 kg per ettaro in purezza. Nord. Produce un foraggio di ottima qualità purché sfalciato ad inizio spigatura. SW MINTO Medio. Fieno e pascolo. Molto persistente in prato pascolo. Primaverile 20 kg per ettaro in purezza. Nord, Centro in zone fresche. Molto adattabile a diverse condizioni pedoclimatiche. Moderata tolleranza agli stress estivi. 22 Padana Sementi Elette

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

FORRICALE Varietà di origine spagnola

FORRICALE Varietà di origine spagnola FORRICALE Varietà di origine spagnola LETIZIA ERBA MEDICA LA VARIETÁ Origine: sintetica a 3 costituenti (70% ecotipo romagnolo, 20% ecotipo polesano, 10% varietà francese) Costitutore/responsabile selezione

Dettagli

Consociazioni. migliore effetto preventivo dell erosione aumento della fertilità agronomica del terreno

Consociazioni. migliore effetto preventivo dell erosione aumento della fertilità agronomica del terreno Consociazioni incrementi produttivi medi e stabilizzazione rese; miglior equilibrio composizione chimica migliore ripartizione rese economicità nella concimazione azotata azione protettiva dal freddo durata

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2011 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Lo sviluppo di una attività di ricerca in Italia sulla

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Un generatore di energia di prima qualità

Un generatore di energia di prima qualità NOVITà Un generatore di energia di prima qualità Un generatore di energia di prima qualità Nel 2014 Syngenta presenta SY QUALITAT*, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità.

Dettagli

Per un mais trinciato di prima qualità

Per un mais trinciato di prima qualità Per un mais trinciato di prima qualità Il mais trinciato di prima qualità Nel 2014 Syngenta ha lanciato SY QUALITAT, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità. Classe: FAO

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

Ideotipo ed epoca di raccolta per il sorgo da biomassa

Ideotipo ed epoca di raccolta per il sorgo da biomassa I risultati delle prove condotte in 1 raccolto nell ambito del progetto Quale_Sorgo di Paolo Mantovi, Roberto Davolio, Alessandra Immovilli Fondazione Crpa Studi Ricerche Ideotipo ed epoca di raccolta

Dettagli

Mastergreen per i professionisti

Mastergreen per i professionisti Mastergreen per i professionisti Linea caratterizzata da una vasta gamma di prodotti destinati ad un cliente esigente e preparato. Si articola in miscugli di sementi unicamente di provenienza americana,

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

Il Trinciato. Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T. più produttivi... più energetici... più digeribili...

Il Trinciato. Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T. più produttivi... più energetici... più digeribili... Il Trinciato Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T più produttivi... più energetici... più digeribili... Noi siamo in grado di dimostrarlo... e tu cosa aspetti a provarli? IL TRINCIATO INSILATO = FORAGGIO RUOLO NELL

Dettagli

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Come produrre più latte dai propri foraggi Piacenza 14 OTTOBRE 2011 Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Giorgio

Dettagli

Sementi SELEZIONATE E CERTIFICATE

Sementi SELEZIONATE E CERTIFICATE Sementi SELEZIONATE E CERTIFICATE INDICE CEREALI Frumento duro 3 Frumento tenero 8 Orzo 11 Triticale 12 Avena 13 FORAGGERE Erba Medica 14 Trifogli 15 Veccia, Festuca, Loiessa 16 Loiessa 17 MISCUGLI Mix

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Foraggi tradizionali e alternativi: sostenibilità delle aziende zootecniche da latte

Foraggi tradizionali e alternativi: sostenibilità delle aziende zootecniche da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI A.Pro.La.V., Villorba (TV), 6 dicembre 2013 Seminario: «Alimentazione della vacca da latte in un ottica di sostenibilità economica e ambientale» Foraggi tradizionali

Dettagli

Tecnica colturale della soia

Tecnica colturale della soia Tecnica colturale della soia Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Impianto 1 2 Fertilizzazione 2 3 Cure colturali 2 1 Impianto Scelta varietale 1. Le

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

PROGETTO GRANDI COLTURE E RETI DIMOSTRATIVE CEREALICOLE Sorgo 2009

PROGETTO GRANDI COLTURE E RETI DIMOSTRATIVE CEREALICOLE Sorgo 2009 in collaborazione con: PROGETTO GRANDI COLTURE E RETI DIMOSTRATIVE CEREALICOLE Sorgo 2009 (Dec. DGA N. 6021 del 16/06/2009) SORGO Annata 2009 INTRODUZIONE Il sorgo è la coltura che in questi ultimi anni

Dettagli

GAMMA SEMFOR srl Autunno 2015

GAMMA SEMFOR srl Autunno 2015 GAMMA SEMFOR srl Autunno 2015 SEMENTI Foraggere, vari e tanto altro Lolium Multiflorum trasporto Kg/ha confezione LIFLORIA Diploide westerw. 25-30 10 kg ED (origine Oregon Usa) Diploide westerw. NOVITA

Dettagli

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Sempre primi! Anche nel 2015 le nostre varietà si confermano ai vertici delle prove nazionali del Frumento Tenero*: 1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

Dettagli

Lo specialistà dei prati

Lo specialistà dei prati Lo specialistà dei prati 13 13 13 15 16 17 19 23 24 25 26 27 28 29 29 30 14 Introduzione L erba del vicino è sempre più verde. E proprio vero? Blumen ha pensato di sfatare questo detto. Realizzare un bellissimo

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

Dott. Alberto Braghin - Agronomo

Dott. Alberto Braghin - Agronomo Dott. - Agronomo Premessa La maggior parte dei gestori di impianti per la produzione di biogas utilizzano oggi insilati di mais come digestato. In anni caratterizzati dall'andamento sfavorevole del tempo

Dettagli

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà

L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà L acqua è sempre più preziosa. Utilizzala al meglio con il mais ARTESIAN. NOVITà Gli ibridi di mais ad alta efficienza idrica L acqua è una delle risorse chiave per la maiscoltura. Un adeguata disponibilità

Dettagli

CATALOGO GENERALE 2013/14. Padana Sementi Elette

CATALOGO GENERALE 2013/14. Padana Sementi Elette CATALOGO GENERALE 2013/14 Padana Sementi Elette Padana Sementi Elette Loietto 6 Cereali minori 10 Triticale 10 Avena 12 Avena Forestiera 13 Segale 13 Sorgo da foraggio 16 Sorgo da granella 21 Altre graminacee

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

Catalogo. Tappeti Erbosi. Padana Sementi Elette

Catalogo. Tappeti Erbosi. Padana Sementi Elette Catalogo Tappeti Erbosi Padana Sementi Elette Natural Garden pag. 4 Natural Garden Sud 5 Top Green 6 Brillante 6 Prestige 6 Unirustic Plus 7 Sporting 7 Special Green 8 Prato Americano 8 Fast 9 Rigenervit

Dettagli

LA VALORIZZAZIONE DELLE SEMENTI FORAGGERE

LA VALORIZZAZIONE DELLE SEMENTI FORAGGERE FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

Energia ibrida per gli impianti di biogas

Energia ibrida per gli impianti di biogas Energia ibrida per gli impianti di biogas Energia ibrida: una grande opportunità per agricoltori ed allevatori Gli impianti di biogas per loro natura possono essere alimentati con vari tipi di matrici

Dettagli

Disciplinari di Produzione per conseguire

Disciplinari di Produzione per conseguire Pag. 2 Centri di Ritiro Il recupero dei prezzi importante stimolo per le semine autunnali 2012! Come sempre, per fare le giuste scelte, conviene raccordarsi alla Struttura Organizzata che avrà il compito

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

ANGURIA LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE. 4 BOLOGNA ZSeeds Italia

ANGURIA LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE. 4 BOLOGNA ZSeeds Italia LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE 4 BOLOGNA PORTAINNESTI ZETASEEDS Le coltivazioni di ortaggi, sia in serra che in pieno campo, a volte trovano limitazioni al loro sviluppo dalle avverse condizioni dovute

Dettagli

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo? Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?' o biogas' o biomassa'solida' Comparazione'Arundo'Vs.'altre'colture''

Dettagli

Nitrati nei foraggi prativi, attenzione alle concimazioni

Nitrati nei foraggi prativi, attenzione alle concimazioni Nitrati nei foraggi prativi, attenzione alle concimazioni di Giampaolo Bruno, Amedeo Reyneri Estratto da Terra e Vita n.8-2005 - edizioni Edagricole Italia Nitrati nei foraggi prativi, attenzione alle

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Opportunità per la coltivazione italiana della camomilla

Opportunità per la coltivazione italiana della camomilla Parma, 28 e 29 Settembre 2013 Opportunità per la coltivazione italiana della camomilla Andrea Primavera - Agronomo, Perugia La camomilla come pianta Matricaria recutita Rausch. Famiglia Asteraceae Erbacea

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

IVS LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA

IVS LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA IVS Ricerca applicata LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo autunno 2011 EXOTIC Una garanzia nel raccolto Rese eccellenti e costanti in

Dettagli

ERBAI. elevata potenzialità produttiva migliore stabilità produttiva ed uniformità di razionamento

ERBAI. elevata potenzialità produttiva migliore stabilità produttiva ed uniformità di razionamento ERBAI Problematiche elevata potenzialità produttiva migliore stabilità produttiva ed uniformità di razionamento Classificazione autunno-vernini primaverili-estivi Elementi di scelta Esigenze idriche e

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

BIOMASSE. Corso di informazione sulle fonti di energia rinnovabile

BIOMASSE. Corso di informazione sulle fonti di energia rinnovabile BIOMASSE Corso di informazione sulle fonti di energia rinnovabile 1 Definizione biologica Il termine biomassa include ogni tipo di materiale di origine biologica e quindi legato alla chimica del carbonio.

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

PRATO FIORITO. Espositore 30 buste (5x6 varietà)

PRATO FIORITO. Espositore 30 buste (5x6 varietà) TAPPETI ERBOSI LINEA PROFESSIONALE E un miscuglio di sementi per tappeti erbosi ottenuto da varietà professionali con la caratteristica di essere resistente alle diverse tipologie di terreno e condizioni

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Avvicendamento e consociazione

Avvicendamento e consociazione Avvicendamento e consociazione L avvicendamento (o rotazione) consiste nel coltivare un terreno (campo) con una successione di colture diverse in modo che una stessa specie torni su uno stesso terreno

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010 Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte OBIETTIVI Ottenimento di risultati produttivi, agronomici e di qualità dei prodotti, in areali piemontesi rappresentativi

Dettagli

I risultati dei campi varietali di sorgo da granella e da biomassa

I risultati dei campi varietali di sorgo da granella e da biomassa I risultati dei campi varietali di sorgo da granella e da biomassa Roberto Reggiani Az. Agr. Sperim. Stuard - Parma Renato Canestrale Centro Ricerche Produzioni Vegetali Settore Grandi Colture - Faenza

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum Introduzione I cereali utilizzati da secoli sia nell'alimentazione umana che in quella animale, grazie alle loro spiccate doti nutrizionali,

Dettagli

LEGUMINOSE POLIENNALI

LEGUMINOSE POLIENNALI LEGUMINOSE POLIENNALI Contenuto proteico Simbiosi Ottime qualità per la fienagione Buona produttività Scarsa attitudine ad insilamento e pascolamento Longevità non molto pronunciata (in media) Sei specie

Dettagli

LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA

LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Ricerca applicata Catalogo 2014 LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Lo sviluppo di una attività di ricerca in Italia sulla genetica vegetale

Dettagli

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI Opuscolo C.R.P.A. 4.34 N. 5/2009 (spedito nel luglio 2009) ISSN 0393-5094 C.R.P.A. NOTIZIE C.so Garibaldi, 42 - REGGIO EMILIA - Periodico mensile - Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 387

Dettagli

Criteri e procedure tecniche per l iscrizione al Registro Nazionale di varietà di Brassica carinata A. Braun

Criteri e procedure tecniche per l iscrizione al Registro Nazionale di varietà di Brassica carinata A. Braun A LLEGATO Criteri e procedure tecniche per l iscrizione al Registro Nazionale di varietà di Brassica carinata A. Braun 494 CRITERI E PROCEDURE TECNICHE PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO NAZIONALE DI BRASSICA

Dettagli

CONSUNTIVO TECNICO - 2013

CONSUNTIVO TECNICO - 2013 CONSUNTIVO TECNICO - 2013 PROGETTO: GRANDI COLTURE e reti dimostrative cerealicole REGIONE LOMBARDIA AZIONE: Sperimentazione su cereali estivi Sorgo da biomassa, Sorgo da trinciato e Sorgo da granella

Dettagli

I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate

I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - RE BIOMASSE AVVIABILI A BIOGAS BIOMASSE

Dettagli

Prof. Stefano Bocchi Dipartimento di Produzione Vegetale

Prof. Stefano Bocchi Dipartimento di Produzione Vegetale Prof. Stefano Bocchi Dipartimento di Produzione Vegetale Erbai: colture foraggere con ciclo produttivo inferiore ad un anno GLI ERBAI principali caratteri Colture intensificate: elevata potenzialità produttiva

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail:

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail: PRODUZIONI FORAGGERE Titolo del progetto Piattaforma di biotecnologie verdi e di tecniche gestionali per un sistema agricolo ad elevata sostenibilità ambientale - BIOGESTECA Coordinatore del progetto Gian

Dettagli

A cura di Maria Teresa Pacchioli e Giuseppe Fattori Testi Elena Bortolazzo, Aldo Dal Prà, Roberto Davolio, Marco Ligabue, Adelfo Magnavacchi, Stefano

A cura di Maria Teresa Pacchioli e Giuseppe Fattori Testi Elena Bortolazzo, Aldo Dal Prà, Roberto Davolio, Marco Ligabue, Adelfo Magnavacchi, Stefano Gli alimenti per la vacca da latte: i foraggi Maria Teresa Pacchioli Giuseppe Fattori A cura di Maria Teresa Pacchioli e Giuseppe Fattori Testi Elena Bortolazzo, Aldo Dal Prà, Roberto Davolio, Marco Ligabue,

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli

2011-2012 2011-2012 2011-201 2011-2012 PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE

2011-2012 2011-2012 2011-201 2011-2012 PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE CATALOGO GENERALE 2011-2012 CATALOGO GENERALE CATALOGO GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE 012 2011-2012 2011-2012 CATALOGO G 2011-201 RESENTAZIONE GENERALE FRUMENTI TENERI DI QUALITA' PER I MOLINI CEREALI

Dettagli

piante da coltivazione

piante da coltivazione piante da coltivazione Zampe di Asparago I Magnifici Blu è un azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di zampe di asparago per il coltivatore professionale. Possediamo campi sperimentali

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Erba medica. Medicago sativa L.

Erba medica. Medicago sativa L. Erba medica Medicago sativa L. Erba medica (Medicago sativa L.) L erba medica è tradizionalmente considerata la pianta foraggera per eccellenza rispetto alle altre specie da prato poliennale presenta notevoli

Dettagli

La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015

La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015 Parte la difesa integrata obbligatoria (PAN 2014 ) La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015 Sezione Ricerca e Gestioni Agroforestali - Settore Ricerca Agraria Parte la difesa

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina Definizione dal punto di vista alimentare: Materiale presente negli alimenti lentamente digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tratto gastrointestinale. (D.R. Mertens) 17/10/2012 1 Definizione

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS CONVEGNO DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS Nuove diete per il biogas: più valore dagli usi innovativi della biomassa e del digestato 5 marzo 2014 Bioenergy Italy, Cremona Lorella ROSSI Centro Ricerche

Dettagli

News Letter Selecta Italia

News Letter Selecta Italia Luglio 2005 News Letter Selecta Italia SOMMARIO: Riunione Agenti Primaverili 2005/06. pag. 1 Esposizione Commerciale Selecta Italia 2005/06 pag. 1 Papagena TM : novità Selecta Italia 2005/06 pag. 2 Los

Dettagli

Girasole, soia e sorgo: consigli per la scelta varietale

Girasole, soia e sorgo: consigli per la scelta varietale Emilia-Romagna CENTRO RICERCHE PRODUZIONI VEGETALI 35 Girasole, soia e sorgo: consigli per la scelta varietale ATHOS FERRARESI Centro Ricerche Produzioni Vegetali, Imola (BO) PIER PAOLO PASOTTI CISA M.

Dettagli

R_INNOVA PRO.VE.: AZIONE 2 Soia ERSAF MN Prova di tecnica colturale Relazione 1 Anno di Attività

R_INNOVA PRO.VE.: AZIONE 2 Soia ERSAF MN Prova di tecnica colturale Relazione 1 Anno di Attività ntroduzione R_NNOVA PRO.VE.: AZONE 2 Soia ERSAF MN Prova di tecnica colturale Relazione 1 Anno di Attività L obiettivo del progetto R_nnova Pro.Ve., per la parte assegnata a ERSAF, è quello di analizzare

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale I foraggi tornano al centro della gestione aziendale L Associazione regionale allevatori del Piemonte punta su un cambio nella gestione agronomica delle aziende da latte. In nome del greening e della sostenibilità

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Raccomandazione varietale di erba medica per i sistemi biologici italiani Descrizione estesa del risultato Il comparto biologico riconosce un ruolo fondamentale all'erba

Dettagli

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori. Il problema

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori. Il problema Università degli Studi di Torino DISAFA L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Amedeo Reyneri, Debora Giordano SANA Bologna 8 settembre 2014 Dipartimento di Economia,

Dettagli