Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO"

Transcript

1 Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

2 INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E METODI IDONEI PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DI MACCHIATICO RELATIVO AL BOSCO DEI DOSSI. A TALE FINE ÈSTATO PRIMA NECESSARIO FORNIRE AGLI STESSI LE NOZIONI FONDAMENTALI DI SELVICOLTURA E DENDROMETRIA, PER POI POTER RENDERE LORO POSSIBILE LA COMPRENSIONE DEI METODI E L UTILIZZO DI STRUMENTI ATTI AD OTTENERE LA STIMA RICHIESTA. IL LAVORO DIDATTICO ÈSTATO POI SEGUITO, PRESSO IL BOSCO DEI DOSSI, DA UN ESERCITAZIONE PRATICA DURANTE LA QUALE GLI ALLIEVI HANNO PROCEDUTO, CON STRUMENTAZIONE ADEGUATA, AL RILIEVO DENDROMETRICO E SUCCESSIVAMENTE ALLA RIELABORAZIONE IN CLASSE DEI DATI RACCOLTI.

3 SELVICOLTURA DEFINIZIONE E FUNZIONI DEL BOSCO STRATIFICAZIONE DEGLI ECOSISTEMI FORESTALI ZONE FITOCLIMATICHE CLASSIFICAZIONE DEI BOSCHI -IN BASE ALL ETA -IN BASE ALLE SPECIE CHE LO POPOLANO BOSCHI PURI BOSCHI MISTI GOVERNO DEL BOSCO - CEDUO: SEMPLICE, MATRICINATO, COMPOSTO -FUSTAIA TRATTAMENTO DEL BOSCO FUSTAIA: - TAGLIO RASO - TAGLIO SUCCESSIVO - TAGLIO SALTUARIO CEDUO: -A CEPPAIA -A CAPITOZZA -A SGAMOLLO

4 METODO DELL PALINE METODO DELL OMBRA METODO DEL BOSCAIOLO IPSOMETRIA DENDROMETRIA CUBATURA ALBERI ABBATTUTI IN PIEDI: -METODO A VISTA -MISURAZIONE DIRETTA - NUMERI FORMALI MASSA BOSCHIVA: -METODO SINTETICO A VISTA - METODO DELL ALBERO MODELLO - METODO DELLE AREE D ASSAGGIO -TAVOLE ALSOMETRICHE - TAVOLE STEREOMETRICHE

5 STRUMENTI DIDATTICI TESTI: - ESTIMO AGRARIO, CIVILE, CATASTALE AUTORE: MARIO VIZZARDI, LUIGI PIATTI - ED. CALDERINI - CORSO DI ESTIMO RURALE AUTORE: STEFANO AMICABILE ED. CALDERINI TAVOLE DENDROMETRICHE: TAVOLE DELL ISTITUTO SPERIMENTALE PER L ASSESSORATO FORESTALE E PER L ALPICOLTURA (ISAFA) A CURA DI CAMILLO CASTELLANI ATTREZZATURA: IPSOMETRO, CAVALLETTO DENDROMETRICO TRADIZIONALE ESERCITAZIONE TECNICO PRATICA RILIEVO DENDROMETRICO DEL BOSCO ESERCITAZIONE TECNICA VALORE DI TRASFORMAZIONE DEL SOPRASSUOLO VALORE DI MACCHIATICO VALORE DI MERCATO DEL LEGNAME COSTI DI TRASFORMAZIONE

6 SELVICOLTURA

7 Bosco Ecosistema maggiormente rappresentato sulla terra (32% delle terre emerse) Definizione adotta negli inventari forestali italiani Superficie di terreno con copertura arborea di almeno 5000 m2, larga almeno 20 metri, grado di copertura >10%, altezza del soprassuolo > 5 m

8 Tasso di imboschimento dei diversi pesi europei (Mantel 1960)

9

10 Funzioni del bosco Rilevanza pluridirezionale Dipende dall erosione, in relazione al grado di copertura Regola il deflusso superficiale delle acque favorendo l infiltrazione dell acqua nel terreno e alimentando le sorgenti Svolge una sensibile azione sul clima (ciclo dell acqua) Ruolo primario nella produzione di legname Luogo di attività venatorie e ricreative

11 Stratificazione degli ecosistemi forestali

12 Zone fitoclimatiche In ogni territorio si trovano forme tipiche di copertura arborea Le associazioni vegetali sono soggette ad una dinamica evolutivao involutiva Gli elementi del clima (temperature e piovositàe distribuzione delle piogge) sono responsabili delle diverse zone fitoclimatiche presenti in Italia

13

14 Stratificazione ecosistemi forestali

15 Classificazione dei boschi Criteri 1) In base all età dei popolamenti -Coetanei -Disetanei 2) In base alle specie che lo popolano -Boschi puri - Boschi misti 3) Governo Modo nel quale viene rinnovato il bosco - Sessuale: per seme - Agamico: tramite porzioni di pianta (talea, polloni, propaggine) Governo a Fustaia e Ceduo

16 Boschi puri Possono essere il risultato di interventi antropici - Tagli selettivi - Rimboschimenti o di situazioni naturali Ambienti estremi (es. alta montagna) Boschi misti Sono costituiti da piùessenze; migliore sfruttamento delle risorse (es. spazio) da parte del soprassuolo

17 Governo del bosco Fustaia Il bosco si rinnova per via gamica (seme) in modo naturale o mettendo a dimora delle piantine (novellame) Ceduo Il bosco viene tagliato periodicamente e la rinnovazione avviene naturalmente grazie all emissione di polloni dalla ceppaia Governo del ceduo: -Semplice - Matricinato -Composto

18 BIOLOGIA DEL CEDUO A. Gemme proventizie Si accrescono ogni anno di pochi mm, corrispondenti allo spessore dell anello legnoso: esse rimangono sotto la corteccia e sono collegate con il midollo del fusto, del ramo o della radice. In seguito a un trauma (taglio) sono loro a ricostituire la nuova pianta! I polloni proventizi sono più stabili e si formano nella parte bassa della ceppaia (affrancamento) B. Gemme avventizie Non sono preesistenti al trauma, ma si formano in seguito a esso, in corrispondenza del callo cicatriziale: il risultato però è analogo. I polloni avventizi sono meno stabili. La ceduazione (selvicoltura) corrisponde al morso dell animale o all azione del fuoco (natura)

19

20 Governo

21

22 Ceduo semplice Il soprassuolo ècostituito da soli polloni. Quando le ceppaie si esauriscono, dopo un certo numero di turni, si provvede alla loro sostituzione, impiantando nuove piante. Turni di ceduo semplice -Betulla 50 anni - Castagno anni - Faggio anni

23

24 Ceduo matricinato Ceduo con un certo numero di piante chiamate matricine (in numero di circa50/ha) destinate a produrre seme che, cadendo sul terreno, origineranno le nuove piantine (semenzali) che sostituiranno gradualmente le ceppaie che deperiscono. Le matricine rimangono in piedi per 2-3 turni.

25 Funzioni Funzioni delle matricine 1. provvedere alla disseminazione per avere piante da seme che progressivamente sostituiscano le ceppaie 2. fornire legname da opera e ghianda per gli animali al pascolo 3. Protezione del ceduo da vento e insolazione

26 Ceduo matricinato

27 Bosco ceduo dopo il taglio con le matricine in piedi

28 Matricinatura Uniforme in un bosco di castagno

29 Ceduo composto Simile al ceduo matricinatoma con piùmatricine (piante lasciate a fustaia) per ettaro (circa ) scaglionate in diverse classi di età. Si tratta di un bosco costituito da ceduo e fustaia. Rappresenta la forma di trattamento migliore dal punto di vista ecologico e economico.

30 Ceduo composto

31 Ceduo sotto fustaia

32 Trattamento del bosco Modalità di come viene effettuato il taglio 1)Fustaia - Taglio raso - Taglio successivo - Taglio saltuario 2)Ceduo -Ceppaia -a capitozza -sgamollo

33 Trattamento della fustaia Taglio raso Il bosco è tagliato a maturità. Rinnovazione antropica per seme o piantine. Dopo il taglio il terreno èscoperto e soggetto all azione degli agenti atmosferici con rischi di erosione. Rilascio di ramaglia al suolo: vantaggi(protezione) e problemi (fuoco) Economicamente conveniente

34 Trattamento della fustaia taglio successivo L abbattimento delle piante mature è effettuato in più tempi, durante un periodo di anni con tagli che si definiscono di preparazione, sementazione e sgombro. Bosco coetaneo a rinnovazione naturale

35 Vantaggi - Salvaguardia terreno Taglio successivo - Risparmio delle spese di semina Svantaggi - Maggiori difficoltà logistiche -Danni al novellame durante le operazioni di sgombro

36 Fustaia con rinnovazione

37 Trattamento della fustaia taglio saltuario Taglio saltuario Vengono abbattute le singole piante che hanno raggiunto la maturità. Il bosco risulta disetaneo e in continua rinnovazione. Il taglio avviene con frequenza di 1-5 anni. Elevate spese di gestione, difficoltà logistiche. Ridotto impatto ambientale. Tipico dei terreni declivi soggetti a fenomeni erosivi

38 Trattamento del ceduo Ceduo a ceppaia: il taglio viene effettuato vicino al terreno Ceduo a capitozza: quando il taglio viene effettuato ad una certa altezza dal suolo Ceduo a sgamollo: tagli periodici dei rami laterali lasciando intatta la cima Ceduo a sterzo: ceduo a ceppaia con polloni disetanei

39 Ceduazione a ceppaia

40 Ceduazione a capitozza e sgamollo

41 Ceduo a sterzo TAGLIATA SU CEDUO A STERZO

42 IPSOMETRIA

43 Scienza che si occupa della determinazione dell altezza delle piante in piedi Metodo delle paline Metodo dell ombra Metodo del boscaiolo

44 Dendrometria

45 Scienza che si occupa della determinazione del volume degli alberi Cubatura degli alberi abbattuti Cubatura del legname minuto Cubatura degli alberi in piedi Cubatura della massa boschiva

46 PIANTE ABBATTUTE PIANTE IN PIEDI STIMA A VISTA METODO DELLE AREE DI ASSAGGIO STIMA A VISTA METODO DEI NUMERI FORMALI MISURAZIONE DIRETTA METODO DELL ALBERO MODELLO METODO TAVOLE STEREOMETRICHE CORMOMETRICHE DENDROMETRICHE METODO TAVOLE ALSOMETRICHE

47 DENDROMETRIA La dendrometria è quella scienza che si occupa di determinare il volume degli alberi e di boschi interi coetanei e disetanei. CUBATURA DEGLI ALBERI ABBATTUTI Per la cubatura dei fusti abbattuti esistono numerose formule che permettono il calcolo dei volumi considerando le aree delle sezioni dei tronchi e le altezze degli stessi.

48 CUBATURA DEGLI ALBERI IN PIEDI METODO A VISTA:Si raffronta mentalmente l albero oggetto di cubatura con quelli a cubatura nota (l estimatore deve avere molta esperienza) METODO DELLA MISURAZIONE DIRETTA:Si misurano rispettivamente il diametro dell albero a 1,30-1,50 metri da terra (a petto d uomo) e la relativa altezza calcolando poi il volume attraverso una delle formule usate per i tronchi abbattuti. METODO DEI NUMERI FORMALI:Consiste nel risolvere la seguente formula in cui compare la lettera f che rappresenta il coefficiente di forma (numero formale). S= superficie presa a metri 1,30 H= altezza V= S*H*f Il coefficiente di forma=vr/vcesprime il rapporto tra il volume reale del tronco e quello di un cilindro. Esistono 5 coeff. Di forma riferiti ad altrettanti prototipi dendrometrici. Cilindro f=1; parabolide cubico f=0,60; parabolide apollonicof=0,50; cono retto f=0,33; neiloidef=0,25.

49 CUBATURA DELLA MASSA BOSCHIVA La cubatura della massa boschiva si può determinare con i seguenti metodi. METODO SINTETICO A VISTA Il perito forestale, conoscendo la massa ricavata da un considerevole numero di boschi dello stesso tipo ma di densità, età e fertilità diversa, fissa sinteticamente il grado di fertilità e di densità, l età del bosco da stimare, determinando così anche il suo volume attraverso il paragone maturato nella sua mente. Tale metodo è soggettivo e l errore di valutazione si mantiene in media tra il 15 e il 20%. METODO DELLE AREE DI ASSAGGIO Consiste nel cubare le piante di una superficie limitata rappresentante le condizioni medie di tutto il bosco. Una volta determinato il volume dell area di assaggio si procede poi, con una proporzione, al calcolo del volume totale del bosco. V:v=S:s V=v*S/s

50 METODO DELL ALBERO MODELLO Si applica generalmente per i boschi coetanei della stessa specie. Si misurano i diametri a petto d uomo di un notevole numero di piante e si raggruppano in classi di diametro. Per fornire diverse classi diametriche dovrà sussistere una differenza significativa di diametro tra una classe e quella successiva. Per ciascuna classe si trova il diametro medio, si abbatte l albero modello, cioè quello avente il diametro e l altezza media della classe, poi si determina il volume di questo con uno dei metodi già illustrati per le piante abbattute. Moltiplicando il volume dell albero modello per il numero delle piante della stessa classe si trovano i volumi parziali delle diverse classi che, una volta sommati, forniscono il volume dell intero bosco.

51 VALORE DI TRASFORMAZIONE DEL SOPRASSUOLO I boschi non sono in genere coltivati dai proprietari ma venduti in piedi a ditte specializzate che pagano ai proprietari un prezzo di macchiatico, occupandosi poi direttamente delle operazioni di taglio, esbosco e commercializzazione del legname. Prezzo di macchiatico: modo piùcomune di esprimere il valore del soprassuolo di un bosco: èdato dalla differenza tra il prezzo del legname ridotto in assortimenti mercantili e le spese da sostenere per la trasformazione (taglio, esbosco ecc.) Vmach= Vm-K Valore di macchiatico: prezzo di macchiatico calcolato con dati ordinari. Differenza tra prezzo di macchiatico e valore di macchiatico: il primo è un dato reale, pagato tra due soggetti determinati in un determinato istante, il secondo è un dato probabile, frutto di una valutazione in ambito di ordinarietà.

52 VALORE DI MERCATO DEL LEGNAME Dipende dalla quantità e qualità del legname stesso. QUALITA DEL LEGNAME DIPENDE: dall essenza legnosa, dalle dimensioni del bosco e dagli assortimenti che si possono ricavare. COSTI DI TRASFORMAZIONE: Consistono nelle spese per taglio, esbosco, riduzione in assortimenti mercantili. I costi per taglio ed esbosco dipendono da: presenza o vicinanza di strade percorribili con efficaci mezzi di trasporto pendenza del terreno. Le spese di trasformazione sono così raggruppabili: taglio e allestimento (indicativamente /m3) esbosco (indicativamente (5 15 /m3) spese generali (assicurazioni, interessi, direzione, amministrazione, progetto indicativamente 15 30% delle spese precedenti)

53 STRUMENTI UTILIZZATI 1. L'IPSOMETRO Questo strumento opera prefeibilmente a distanze prefissate di 15, 20, 30 o 40 m dall albero in esame. Per facilitare l operazione di posizionamento insieme all ipsometro viene fornita una stadia tarata da appendere all'albero. Traguardando la stadia attraverso il foro oculare situato lateralmente sul corpo dell ipsometro ci si pone alle distanze prefissate. Lo strumento è costituito da un pendolo oscillante provvisto di un fermo di sblocco attivato dall operatore che prima traguarda verso la base dell albero, rilascia il blocco e lo riattiva a misura completata. In seguito legge l altezza rilevata segnata sulla scala corrispondente alla distanza di rilievo. Traguarda poi la cima dell albero e ne rileva l altezza. A seconda della posizione relativa dell operatore rispetto all albero, le due altezze vanno sommate o sottratte, e successivamente corrette in base alla pendenza del terreno. Durante l esercitazione svoltasi presso il bosco dei Dossi il rilievo delle altezze si è limitato alla definizione dell altezza dominante rilevata nelle due aree di assaggio ed èpari a 16m.

54 2. CAVALLETTO DENTROMETRICO TRADIZIONALE Per la misura diretta del diametro del fusto o dei tronchi arborei viene utilizzato uno strumento detto cavalletto dendrometrico, un calibro in lega metallica avente un braccio fisso (regolo) e uno scorrevolelungo il regolo, di lunghezza variabile tra 60 e cm. Il diametro di un fusto arboreo si misura per convenzione a 1,30 m da terra (a petto d uomo), posizionandosi a monte dell albero. Questa altezza, oltre ad essere pratica per il rilievo, evita anche l influenza dei cordoni radicali.

55 3. TAVOLA DENDROMETRICA DEL FAGGIO

56 Valutazione Dendrometrica

57 RACCOLTA DEI DATI Mercoledì 6 febbraio è stata organizzata per la classe 4 E una esercitazione tecnico pratica avente come oggetto il calcolo della cubatura della massa boschiva del Bosco dei Dossi. A tale fine sono stati utilizzati il cavalletto dendrometrico, per la determinazione dei diametri delle piante, l ipsometro, per la definizione delle altezze, e la tavola dendrometrica del faggio per la determinazione del volume della massa boschiva. Gli alunni, con l aiuto dei due esperti, hanno poi individuato all interno del bosco due aree rappresentative (ognuna di 50 metri quadrati) di cui valutare il volume della massa boschiva.

58 Gli alunni sono stati accompagnati dai professori Marco Lambruschi e Mariarosa Sandrinelli mentre l esercitazione è stata organizzata con la collaborazione di due esperti del settore rispettivamente i signori Facchinetti Maurizio, imprenditore agricolo ed ex allievo, e il Dott. Melesi Attilio, agronomo forestale, i quali hanno fornito la strumentazione necessaria e seguito gli alunni durante la fase attuativa dell esercitazione.

59 Agli alunni sono state fornite le informazioni necessarie per l utilizzo degli strumenti e le modalità per l individuazione degli alberi da misurare; a tutti loro è stata data la possibilità di procedere al calcolo della massa boschiva mediante l utilizzo pratico della strumentazione. Si è passati poi all individuazione di un albero rappresentativo per quanto riguarda l altezza e, mediante l uso dell ipsometro, è stata calcolata un altezza media di 16 metri.

60 CALCOLO DEI VOLUMI DELLE DUE AREE DI ASSAGGIO I perimetri rettangolari aventi lati 25*2 sono stati misurati con il metro lineare e i rispettivi vertici appositamente individuati con legni colorati di rosso. Successivamente si è proceduto alla scelta degli alberi da lasciare, individuandoli con bolli di vernice rossa, e quelli da abbattere. Il rilievo dei diametri è stato effettuato con soglia di cavallettamento alla classe 10 cm. Ciò significa che sono state rilevate le piante a partire da un diametro a petto d uomo maggiore di 7,5 cm (tutti i valori compresi tra 7,5 cm e 12,5 cm e così per le altre classi). Tali misure sono state riportate poi su apposite tabelle.

61

62 Presa in considerazione l area di saggio A1 (50m2) si riscontrano i seguenti dati: CLASSE 0 (5/10 cm): 10 piante VOLUME DENDROMETRICO: 0,070 m3/piante m3 totali classe 0 = 10 x 0,070 m3 = 0,70 m3 m3 totali 2 ha = 0,70 m³ : 50 m² = x : m2 X =280 m³

63 Presa in considerazione l area di saggio A2 (50m2) si riscontrano i seguenti dati: CLASSE 0 (5/10 cm): 4 piante - VOLUME DENDROMETRICO: 0,070 m3/piante CLASSE 2 (15/20cm): 2 piante - VOLUME DENDROMETRICO: 0,330 m3/piante m3 totali classe 0 = m3 totali classe 2 = 4 x 0,070 m3 = 0,28 m3 2 x 0,27 m3 = 0,54 m3 Totale = 0.82 m³ \ 50 m² m3 totali 2ha 0.82 m³ : 50 m² = x : m2 X = 328 m2 VOLUME MEDIO: AREA 1 E AREA 2 ( ) / 2 = 304 m3

64 Determinazione del valore di mercato del legname in piedi e in stanga: Peso / m3 FAGGIO E ROBINIA = 1,05 T/m3 = 10,5 q/m3 -Volume medio del legname ottenuto = 304 m3 -Valore del legname (piante in piedi) = 1,5 /q -Calcolo del valore del legname (piante in piedi) = -10,5 q/m3 1,5 /q 304 m3 = Valore del legname tagliato in stanga = 5,5 /q Calcolo del valore del legname (in stanga) = 10,5 q/m3 5,5 /q 304 m3 =

65 Determinazione del valore di mercato del legname in stanga: -Valore del legname tagliato in stanga = 5,5 /q Calcolo il valore del legname = 10,5 q/m3 5,5 /q 304 m3 = Calcolo costo di trasformazione: -Taglio e allestimento = 13 /m3 304 m3 = Esbosco = 5 /m3 304 m3 = Spese generali = 20% delle spese precedenti (somma sp. precedenti = = 5.472) % = Totale spese = Valore macchiatico = =

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova

FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

ESTIMO FORESTALE. Davide Pettenella. Introduzione. Il mercato Mercato internazionale Il sistema foresta-legno italiano. Valutazione degli investimenti

ESTIMO FORESTALE. Davide Pettenella. Introduzione. Il mercato Mercato internazionale Il sistema foresta-legno italiano. Valutazione degli investimenti Immagination is more important than knowledge (A.Einstein) Introduzione ESTIMO FORESTALE Davide Pettenella Molte persone sanno il prezzo delle cose, pochi ne conoscono il valore (Oscar Wilde) 17 dicembre

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO

COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TAGLIO DELLA LEGNA DA ARDE IN TONDELLO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. NR. 12 DEL 27.02.1997

Dettagli

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA Imprenditore Agricolo (Art. 2135 Codice Civile come modificato dal D.Lgs 18 maggio 2001, n. 228) Attività agricole in senso stretto È imprenditore agricolo chi esercita

Dettagli

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Valerio Motta Fre (Regione Piemonte) valerio.mottafre@regione.piemonte.it Pierpaolo Brenta (IPLA S.p.A.) brenta@ipla.org Pier Giorgio

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 1. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLE NORME DI PIANIFICAZIONE FORESTALE DI CUI ALL DGR 158 del 21 gennaio 1997. Le Direttive e

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO. Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO. Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 Curricolo suddiviso in obiettivi didattici, nuclei tematici e anni scolastici

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 31 dicembre 2002 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO ALTO ORVIETANO FABRO - TR Scuola dell Infanzia SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO DESCRITTORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esplorare e descrivere oggetti e materiali

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO - TR SCUOLA DELL'INFANZIA SCIENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO DESCRITTORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Manipolare

Dettagli

A V V I A M E N T O A L L A P R A T I C A A Z I E N D A L E

A V V I A M E N T O A L L A P R A T I C A A Z I E N D A L E I S T I T U T O S U P E R I O R E V I N C E N Z O V I R G I N I O C U N E O Per Geometri e Periti Agrari Anno scolastico 2006/2007 Classe I indirizzo Periti Agrari Materiale didattico di A V V I A M E

Dettagli

LAVORI FORESTALI 2014

LAVORI FORESTALI 2014 LAVORI FORESTALI 2014 Durante l anno 2014 da parte di questa Regola sono stati fatturati e poi venduti mc. 2.889 di legname provenienti dalle seguenti zone: - Lotto Zaluna mc. 87 fatturato dalla ditta

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.5 Coltivazione delle varietà

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE FORESTALI ED AMBIENTALI (ORDINAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE FORESTALI ED AMBIENTALI (ORDINAMENTO Presso la Facoltà di Agraria dell Università di Reggio Calabria è istituito il Corso di Laurea in Scienze forestali e ambientali. L iscrizione al Corso di Laurea è regolata in conformità alle leggi di

Dettagli

Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I

Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I Esperienze del primo semestre del Laboratorio di Fisica I 25 settembre 2003 Meccanica Pendolo semplice Il pendolo semplice, che trovate montato a fianco del tavolo, è costituito da una piccola massa (intercambiabile)

Dettagli

INDICE DELLE DEFINIZIONI

INDICE DELLE DEFINIZIONI Dizionario forestale INDICE DELLE DEFINIZIONI 1. BOSCO 2. MASSA AD ETTARO (o consistenza o provvigione) 3. NUMERO DI PIANTE 4. GOVERNO (forma di governo) a) Ceduo b) Fustaia 5. STRUTTURA DEL BOSCO a) monoplana

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane. Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale.

IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane. Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale. IPSAA de Franceschi Pistoia Opzione Gestione delle Risorse Forestali e Montane Gestione di Parchi, Aree protette ed Assestamento Forestale Classe IV Francesco Pettinà La Quercia delle Streghe. Gragnano,

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DELL AMBIENTE EDEL TERRITORIO

PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DELL AMBIENTE EDEL TERRITORIO ISTITUTO TECNICO AGRARIO EMILIO SERENI VIA PRENESTINA, ROMA PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE DELL AMBIENTE EDEL TERRITORIO CLASSE V B AT ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INSEGNANTE: SUSANNA MICOCCI ITP

Dettagli

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247

I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 I MIGLIORAMENTI FONDIARI Cap. 9, pagg. 236-247 Sono investimenti che vengono fatti in agricoltura e che riguardano il Capitale Fondiario Un investimento è un impiego di denaro in un attività produttiva

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA SCIENZE COMPETENZE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA SCIENZE COMPETENZE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA SCIENZE COMPETENZE - L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere. - Esplora i

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO PARTE PRIMA GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO Gli alberi forestali della nostra Provincia Gli alberi che formano i boschi della nostra Provincia sono comuni a tutto l arco alpino, e non solo. In questo manuale

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE AL SERVIZIO DELL AMBIENTE: GESTIONE DEI BOSCHI E DEL VERDE URBANO

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE AL SERVIZIO DELL AMBIENTE: GESTIONE DEI BOSCHI E DEL VERDE URBANO LA FORMAZIONE PROFESSIONALE AL SERVIZIO DELL AMBIENTE: GESTIONE DEI BOSCHI E DEL VERDE URBANO La formazione professionale al servizio dell ambiente: gestione dei boschi e del verde urbano Con l avvento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Segnaletica Aree Protette

Segnaletica Aree Protette PREMESSA Gli elementi di individuazione e segnalazione nella rete escursionistica di un area protetta, riportati nel presente elaborato, sono stati estrapolati dall abaco dell Ente e rappresentano il punto

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA

IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Capitolo 5 IL BILANCIO TECNICO ECONOMICO GLOBALE DELLA PIATTAFORMA Questo capitolo vuole essere uno strumento per calcolare il costo di produzione di una tonnellata di legno cippato mediante l organizzazione

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA Bilancio (PROVA) L imprenditrice agricola professionale xxxxx possiede e gestisce un fondo di circa 45 ettari situato nel comune di xxxxx, provincia di xxx. L imprenditrice vuole valutare la convenienza

Dettagli

R ELAZI ONE FINALE DEL DOCENTE

R ELAZI ONE FINALE DEL DOCENTE C O N S I G L I R ELAZI ONE FINALE DEL DOCENTE V i a d e g l i A l p i n i, 1 ( - 0 4 2 7. 4 0 3 9 2 F a x 0 4 2 7. 4 0 8 9 8 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE A NNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA ASSE 1 MISURA 121 MISURA 121 M Ammodernamento delle Aziende Agricole in montagna

Dettagli

Indice. L ESTIMO RURALE AMBIENTALE CATASTALE Teoria ne pratica delle valutazioni

Indice. L ESTIMO RURALE AMBIENTALE CATASTALE Teoria ne pratica delle valutazioni MODULO 1 - ELEMENTI Dl CALCOLO Unità 1 - L interesse 1.1 Premessa 1.2 L interesse e il saggio 1.3 L interesse semplice 1.3.1 Problemi dell interesse 1.3.2 Problemi del montante 1.3.3 Problemi del valore

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA

NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA ETA Info NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA... il mio sistema di riscaldamento 123 7 8 9 4 5 6 1 2 3 0. = BIOMASSE LEGNOSE Le biomasse legnose sono costituite essenzialmente da legno. Esse

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELL INGEGNERIA AGRARIA Classe 77/S - Scienze e Tecnologie agrarie Coordinatore: prof. Pasquale Dal Sasso Tel. 0805442962; e-mail: dalsasso@agr.uniba.it Premessa In base

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO QUANTITA' MISURA PREZZO BASE IMPORTO Potatura di rami secchi, escluse le branche principali, in condizioni di minima difficoltà, effettuata

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

(D.M. 270/2004) Classe: L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali

(D.M. 270/2004) Classe: L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali Agraria Laurea in Scienze agrarie 9 Corso di laurea in Scienze agrarie DURATA NORMALE 3 anni CREDITI 180 SEDE Udine ACCESSO Libero (D.M. 270/2004) Classe: L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali

Dettagli

IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL AMBITO LOCALE DELLA VALLE DI FIEMME (TN) dr.

IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL AMBITO LOCALE DELLA VALLE DI FIEMME (TN) dr. Torna all indice Verona 18 marzo 2004 PROGETTO FUOCO LE BIOMASSE AGRICOLE E FORESTALEI NELLO SCENARIO ENERGETICO NAZIONALE IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Legname di Castagno ad Uso Strutturale

Legname di Castagno ad Uso Strutturale Legname di Castagno ad Uso Strutturale Dott. For. Luchetti Marco Ufficio Normativa Assolegno di FederlegnoArredo Tel. +39 02 80604 328; mob. +39 333 2763278 marco.luchetti@federlegnoarredo.it Introduzione:

Dettagli

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso simone.blanc@unito.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

C E INCENDIO E INCENDIO

C E INCENDIO E INCENDIO C E INCENDIO E INCENDIO Generalmente si distinguono due tipi di incendio per stabilire chi deve intervenire per lo spegnimento: incendi che bruciano le cose dell uomo - si chiama ed intervengono i incendi

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Allegato A Regione Toscana Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Settore foreste e patrimonio agroforestale Tariffe orarie e tempi di esecuzione

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Suva Tutela della salute Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 58 51 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 40b - 003 GANCI MR INFERIORE E SUPERIORE AD ATTACCO

Dettagli

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado 1 di 6 AREA Matematico scientifica MATERIE COINVOLTE Matematica - Scienze DOCENTI Patrizia Lualdi - Silvia Colombo RIFERIMENTO AI DOCUMENTI NAZIONALI E DI ISTITUTO P.E.C.U.P L allievo utilizza le conoscenze

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino SETTORE 3 - INFRASTRUTTURE TECNICHE ED URBANISTICHE U.O. Gestione e Manutenzione Patrimonio CAPITOLATO D ONERI All. B UTILIZZO PATRIMONIO BOSCHIVO COMUNE DI

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7

INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 INTRODUZIONE ALL ESTIMO CAP. 7 Appunti di estimo Di che cosa si occupa l estimo? L estimo si occupa della stima dei beni economici, ossia quelli presenti in natura in quantità limitata. Per questi beni

Dettagli

La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale

La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale Anna Cutrone anna.cutrone cutrone@provincia. @provincia.bologna.it Modalità di realizzazione della Carta Forestale

Dettagli

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "A. ZANELLI" COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO Il perito agrario è un tecnico con competenze sulla gestione del territorio, sulla gestione

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE INTRODUZIONE Poiché un attività estrattiva così come proposta modifica notevolmente sia la morfologia sia le caratteristiche generali dei suoli, è opportuno, per mitigare

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private Dipartimento risorse naturali e corpo forestale Lo stato dell arte della formazione forestale lungo l arco alpino Barzio 6 ottobre 2011 Direzione foreste e infrastrutture Aspetti della formazione forestale

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 1000/820 M 9, Envie (CN) 77 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE PTH 1000/820 PTH

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato.

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Nuoro 22/10/13 PEFC 18-23-01 Promuoviamo la gestione

Dettagli