FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO 18 ESERCIZIO. Sede Via De Rossi n. 26 Pistoia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO 18 ESERCIZIO. Sede Via De Rossi n. 26 Pistoia"

Transcript

1 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO 18 ESERCIZIO 2010 approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28/03/2011 approvato dal Consiglio Generale in data 19/04/2011 Sede Via De Rossi n. 26 Pistoia

2 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO 2010 I N D I C E 1. ORGANI DELLA FONDAZIONE...Pag LA STRUTTURA DELLA FONDAZIONE ED I PROCESSI DI GOVERNO E DI GESTIONE...Pag L assetto istituzionale...pag Gli organi statutari: vicende ed attività...pag L assetto organizzativo...pag RELAZIONE SULLA GESTIONE...Pag Una crisi che non sembra finire...pag Il quadro normativo e istituzionale...pag Gli investimenti del patrimonio e la gestione finanziaria...pag Criteri generali della gestione finanziaria...pag La gestione del portafoglio finanziario e la strategia d investimento...pag Gli investimenti previsti dall art. 7 D.Lgs. 153/99...Pag Le principali partecipazioni...pag Indicatori di redditività...pag Esposizione al rischio...pag Gli interventi istituzionali e le principali direttrici di azione...pag Area arte e cultura...pag Area istruzione, formazione e ricerca...pag Area sviluppo...pag Area sociale...pag Altre vicende e informazioni...pag Modifiche statutarie...pag Restauro e ristrutturazione del Palazzo De Rossi...Pag Concluso uno storico contenzioso fiscale...pag Rapporti con la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e con la Capogruppo Banca Intesa Sanpaolo...Pag I fatti di rilievo successivi alla chiusura dell esercizio...pag L evoluzione prevedibile della gestione...pag I rapporti con il territorio...pag L avanzo dell esercizio e la sua destinazione...pag Le risorse disponibili per gli interventi istituzionali...pag. 32

3 11. Il patrimonio Netto...Pag La tutela dei dati personali (privacy)...pag Considerazioni conclusive e proposta finale...pag STATO PATRIMONIALE Attivo...Pag. 37 Passivo...Pag CONTO ECONOMICO Conto economico...pag. 39 Prospetto di raffronto fra conto economico previsionale e consuntivo...pag NOTA INTEGRATIVA 1. Fonti normative...pag Principi generali di redazione del bilancio...pag Criteri di valutazione...pag Informazioni sullo Stato Patrimoniale...Pag. 46 Attivo - Immobilizzazioni materiali e immateriali...pag Immobilizzazioni finanziarie...pag Strumenti finanziari non immobilizzati...pag Crediti...Pag Disponibilità liquide...pag Altre attività...pag Ratei e risconti attivi...pag. 73 Passivo - Patrimonio netto...pag Fondi per l attività d istituto...pag Fondi per rischi e oneri...pag Trattamento fine rapporto lavoro subordinato...pag Erogazioni deliberate...pag Fondo per il Volontariato...Pag Debiti...Pag Ratei e risconti passivi...pag Conti d ordine...pag Informazioni sul Conto Economico...Pag Risultato delle gestioni patrimoniali individuali...pag Dividendi e proventi assimilati...pag Interessi e proventi assimilati...pag Rivalutazione (svalutazione) netta di strumenti finanziari non immobilizzati...pag Risultato della negoziazione di strumenti finanziari non immobilizzati...pag Rivalutazione (svalutazione) netta di immobilizzazioni finanziarie...pag Rivalutazione (svalutazione) netta di attività non finanziarie...pag Risultato d esercizio delle imprese strumentali direttamente esercitate...pag Altri proventi...pag Oneri...Pag Proventi straordinari...pag. 101

4 - Oneri straordinari...pag Imposte e tasse...pag Accantonamento alla Riserva obbligatoria...pag Erogazioni deliberate a carico dell avanzo d esercizio...pag Accantonamento al Fondo per il Volontariato...Pag Accantonamento ai Fondi per l attività d istituto...pag Accantonamento alla Riserva per l integrità del patrimonio...pag RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI...Pag RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE...Pag INFORMAZIONI COMPLEMENTARI 1. Analisi della gestione...pag Tabelle di comparazione con altre fondazioni bancarie...pag Indicatori economico-patrimoniali...pag. 122

5 ORGANI DELLA FONDAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE PACI IVANO VICE PRESIDENTE GORI GIULIANO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALIBRANDI GIUSEPPE CADONICI ROBERTO IOZZELLI LUCA MASOTTI GIULIO PANTERA CRISTINA COLLEGIO DEI REVISORI MICHELOTTI ALESSANDRO Presidente PRATESI ALESSANDRO SPAGNESI GINO Revisore effettivo Revisore effettivo BALDI FRANCESCO SALA PAOLO Revisore supplente Revisore supplente DIRETTORE GUIDUCCI UMBERTO - 1 -

6 CONSIGLIO GENERALE Componenti ASCHIERI GABRIELLA BARONTINI ROBERTO BARONCELLI ROBERTO BECATTINI SAURO BUJANI ERMANNO CAPPELLINI VITO CARLESI LUCA CARRARA MARCO DE PASQUALE MARIO DEL NORD ROMANO DEL ROSSO ALBERTO FAGNONI EUGENIO FAMBRINI ROBERTO GIUNTI MARCO MAGNANI MARZIO PANERAI FRANCESCO PETRACCHI GIORGIO PIERACCIOLI GIOVANNI ROSATI CLAUDIO SANTI ROMINA SUPPRESSA MARCELLO TARLI BARBIERI GIOVANNI TURCO CECILIA ZAMPONI STEFANO Ente o soggetto designante Presidente della Comunità Montana Appennino Pistoiese Associazioni del Volontariato Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Vescovo di Pistoia Camera di Commercio Assemblea dei Soci Rettore dell Università di Firenze Sindaci dei Comuni di Buggiano, Chiesina, Lamporecchio, Larciano, Monsummano Terme, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese Sindaci dei Comuni di Marliana, Massa e Cozzile, Pescia, Uzzano e Montecatini Terme Assemblea dei Soci Presidente dell Amministrazione Provinciale di Pistoia Assemblea dei Soci Presidente della Camera di Commercio Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Sindaco del Comune di Pistoia Sindaci dei Comuni di Agliana, Montale, Quarrata, Serravalle Pistoiese Associazioni del Volontariato Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci - 2 -

7 ELENCO DEI SOCI Nominativo Ente o soggetto designante 1 Alamanni Massimo Sindaco del Comune di Pieve a Nievole 2 Anzilotti Giuseppe Assemblea dei Soci 3 Artioli Corrado Assemblea dei Soci 4 Bagnoni Egisto Ordine dei Medici 5 Baldassarri Giancarlo Confederazione Cooperative Italiane - Pistoia 6 Baldi Ugo Assemblea dei Soci 7 Ballotti Gianpiero Assemblea dei Soci 8 Banci Pier Lorenzo Assemblea dei Soci 9 Bardelli Luigi Assemblea dei Soci 10 Barni Chietti Assemblea dei Soci 11 Baroncelli Roberto * Assemblea dei Soci 12 Barontini Roberto * Assemblea dei Soci 13 Bartolini Amedeo Assemblea dei Soci 14 Becattini Sauro * Assemblea dei Soci 15 Bechi Franco Assemblea dei Soci 16 Bellandi Giuseppe Assemblea dei soci 17 Bellandi Paola Assemblea dei Soci 18 Benedetti Aureliano Assemblea dei Soci 19 Bernacchi Francesco Fondazione Collodi - Pescia 20 Bernardi Luca Sindaco del Comune di Marliana 21 Berti Renzo Sindaco del Comune di Pistoia 22 Betti Paolo Assemblea dei Soci 23 Bini Bino Assemblea dei Soci 24 Boschi Luca Assemblea dei Soci 25 Bracciotti Marzio Sindaco del Comune di Larciano 26 Brizzi Maria Cristina Assemblea dei Soci 27 Brusco Giuseppe Assemblea dei Soci 28 Bruzzani Riccardo Confesercenti della provincia di Pistoia 29 Bujani Ermanno * Assemblea dei Soci 30 Cadonici Roberto * Assemblea dei Soci 31 Caggiano Paolo Ordine degli Architetti di Pistoia 32 Cai Roberto Assemblea dei Soci 33 Campioni Franco Ordine dei Dottori Commercialisti Pistoia 34 Capecchi Ferruccio Società Pistoiese di Storia Patria 35 Capecchi Giovanni Assemblea dei Soci 36 Cappellini Mario Assemblea dei Soci 37 Cappellini Vito * Assemblea dei Soci 38 Carifi Roberto Assemblea dei Soci 39 Caselli Pier Giorgio Assemblea dei Soci 40 Ceccarelli Carluccio Sindaco del Comune di Cutigliano 41 Cecchini Brunello Albo dei Consulenti del lavoro Pistoia 42 Checcacci Antonio Assemblea dei Soci 43 Cherubini Giovanni Assemblea dei Soci 44 Chiti Edoardo Unione Provinciale Agricoltori Pistoia 45 Ciampolini Eleanna Sindaco del Comune di Agliana - 3 -

8 46 Cianchi Fiorello Assemblea dei Soci 47 Cipriani Alberto Assemblea dei Soci 48 Coen Bruno Assemblea dei Soci 49 Colomeiciuc Alessio Assemblea dei Soci 50 Corradini Carlo Assemblea dei Soci 51 Corsini Mario Assemblea dei Soci 52 Del Rosso Alberto * Sindaco del Comune di Monsummano Terme 53 Del Serra Alfio Assemblea dei Soci 54 Donnini Massimo Assemblea dei Soci 55 Fambrini Roberto * Assemblea dei Soci 56 Fedi Roberto Assemblea dei Soci 57 Fedi Sergio Arciconfraternita della Misericordia - Pistoia 58 Ferretti Renato Assemblea dei Soci 59 Filoni Francesco Sindaco Comune di San Marcello 60 Firindelli Paolo Vescovo di Pistoia 61 Francesconi Chiara Sindaco Comune di Lamporecchio 62 Fratoni Federica Il Presidente dell Amministrazione Provinciale di Pistoia 63 Galligani Pier Luigi Sindaco del Comune di Ponte Buggianese 64 Gentili Pier Luigi Assemblea dei Soci 65 Gerardi Pasquale Assemblea dei Soci 66 Gherardeschi Chiara Assemblea dei Soci 67 Giacomelli Andrea Ordine dei Farmacisti Pistoia 68 Gori Franco Assemblea dei Soci 69 Gori Maurizio Assemblea dei Soci 70 Guidi Galileo Assemblea dei Soci 71 Guidi Giovanni Assemblea dei Soci 72 Innocenti Giorgio Assemblea dei Soci 73 Landucci Federica Assemblea dei Soci 74 Lenzi Raffaele Assemblea dei Soci 75 Magnani Galileo Assemblea dei Soci 76 Magnani Marzio * Assemblea dei Soci 77 Magrini Lorenzo Assemblea dei Soci 78 Maiorfi Corrado Vescovo della Diocesi di Pescia 79 Malloggi Laura Assemblea dei Soci 80 Manetti Raimondo Assemblea dei Soci 81 Mannori Luca Assemblea dei Soci 82 Marchi Roberta Sindaco del Comune di Pescia 83 Marini Monica Assemblea dei Soci 84 Masetti Gianna Assemblea dei Soci 85 Masotti Giulio * Assemblea dei Soci 86 Matocci Giancarlo Assemblea dei Soci 87 Mazzei Pierangiolo Assemblea dei Soci 88 Mazzocchi Maurizio Lega Cooperative - Pistoia 89 Melani Alessandro Assemblea dei Soci 90 Mezzadri Giovanni Assemblea dei Soci 91 Mochi Renzo Sindaco del Comune di Serravalle Pistoiese 92 Morandi Stefano Confcommercio Pistoia 93 Nardini Vittorio Collegio dei Ragionieri e Periti commerciali Pistoia 94 Nerozzi Raffaello Collegio dei Geometri di Pistoia - 4 -

9 95 Nesti Eolo Assemblea dei Soci 96 Niccolai Giancarlo Assemblea dei Soci 97 Niccolai Maurizio Assemblea dei Soci 98 Onori Alberto Assemblea dei Soci 99 Oriana Giuseppe Associazione degli Industriali della Provincia di Pistoia 100 Orlandini Sandro Confederazione Italiana Agricoltori, Pistoia 101 Paci Ivano Assemblea dei Soci 102 Paganelli Lorena Assemblea dei Soci 103 Palchetti Giovanni Assemblea dei Soci 104 Panati Vito Assemblea dei Soci 105 Panerai Riccardo Assemblea dei Soci 106 Pantera Cristina * Assemblea dei Soci 107 Pellegrini Marco Associazione dei Commercianti Montecatini Terme 108 Pellegrini Roberto Ordine degli Ingegneri - Pistoia 109 Pellegrini Vinicio Confartigianato 110 Petracchi Giorgio * Assemblea dei Soci 111 Petracchi Luciano Assemblea dei Soci 112 Petracchi Luciano Assemblea dei Soci 113 Piantini Aldo Confederazione Naz. Artigianato Pistoia 114 Pieraccioli Giovanni * Assemblea dei Soci 115 Pieri Enrico Sindaco del Comune di Montecatini Terme 116 Poli Roberto Assemblea dei Soci 117 Pratesi Carlo Assemblea dei Soci 118 Pucci Ricciardo Assemblea dei Soci 119 Pucci Stefano Assemblea dei Soci 120 Rauty Domenico Assemblea dei Soci 121 Righi Roberto Assemblea dei Soci 122 Rinati Michela Assemblea dei Soci 123 Rosati Claudio * Assemblea dei Soci 124 Rosi Giordano Assemblea dei Soci 125 Ruffi Gianni Assemblea dei Soci 126 Santangelo Carlo Assemblea dei Soci 127 Scalabrino Alberto Assemblea dei Soci 128 Scarpetti Lido Assemblea dei Soci 129 Scatragli David Sindaco Comune di Montale 130 Sergio Gori Sabrina Sindaco del Comune di Quarrata 131 Spicciani Can. Amleto Assemblea dei Soci 132 Strambi Francesco Assemblea dei Soci 133 Strufaldi Carla Presidente della Comunità Montana 134 Taddei Guido Associazione degli Albergatori - Montecatini Terme 135 Tagliasacchi Sandra Ordine degli Avvocati - Pistoia 136 Talini Piero Assemblea dei Soci 137 Tarli Barbieri Giovanni * Assemblea dei Soci 138 Tesi Fabrizio Federazione Provinciale Coltivatori Diretti Pistoia 139 Tesi Tullio Assemblea dei Soci 140 Tintori Giorgio Assemblea dei Soci 141 Tonfoni Ezio Assemblea dei Soci 142 Tosi Maria Teresa Fondazione Marino Marini - Pistoia 143 Totaro Giuseppe Assemblea dei Soci 144 Tronci Luigi Assemblea dei Soci - 5 -

10 145 Turco Cecilia * Assemblea dei Soci 146 Vannucci Iole Assemblea dei Soci 147 Vannucci Vannino Assemblea dei Soci 148 Zamponi Stefano * Assemblea dei Soci 149 Zini Cristina Assemblea dei Soci 150 Zogheri Lorenzo Collegio Notarile di Firenze, Prato e Pistoia 151 Zollo Gabriele Assemblea dei Soci * sono indicati con asterisco i soci sospesi ex art dello statuto che ricoprono cariche in altri organi della Fondazione

11 ELENCO DEI SOCI ONORARI Nominativo Ente o soggetto designante 1 Balducci Giuliano Valentino Assemblea dei Soci 2 Bassi Giovan Battista Assemblea dei Soci 3 Becciani Piero Associazione degli Industriali di Pistoia 4 Biagioli Modesto Assemblea dei Soci 5 Bianchi Angiolo Assemblea dei Soci 6 Bini Dunio Assemblea dei Soci 7 Bruni Aligi Assemblea dei Soci 8 Capecchi Floriano Assemblea dei Soci 9 Ciuti Eugenio Assemblea dei Soci 10 Fabbri Marcello Assemblea dei Soci 11 Feri Francesco Assemblea dei Soci 12 Gaiffi Vasco Assemblea dei Soci 13 Geri Bruno Assemblea dei Soci 14 Giacomelli Fernando Assemblea dei Soci 15 Gori Giuliano Assemblea dei Soci 16 Innocenti Lisimaco Assemblea dei Soci 17 Magnani Suor Giovanna Assemblea dei Soci 18 Mandorli Gianfranco Assemblea dei Soci 19 Marchi Carlo Assemblea dei Soci 20 Melani Enzo Assemblea dei Soci 21 Montalto Pietro Assemblea dei Soci 22 Morandi Piercarlo Assemblea dei Soci 23 Pisaneschi Adriano Assemblea dei Soci 24 Rauty Natale Assemblea dei Soci 25 Salvagnini Luigi Assemblea dei Soci 26 Sanesi Osvaldo Ordine dei medici - Pistoia 27 Scaramuzzi Franco Assemblea dei Soci 28 Silvestri Pancioli Vittoria Assemblea dei Soci 29 Spinelli Vasco Assemblea dei Soci - 7 -

12 RIPARTIZIONE DEI SOCI ORDINARI PER COMUNE DI RESIDENZA ZONA COMUNE N. SOCI % SU TOTALE Pistoia Pistoia 82 Totale 82 54,3% Agliana 3 Montale 1 Pianura Pistoiese Quarrata 8 Serravalle P.se 2 Totale 14 9,3% Buggiano 2 Chiesina Uzzanese - Lamporecchio 2 Larciano 1 Marliana 1 Massa e Cozzile 3 Valdinievole Monsummano Terme 3 Montecatini Terme 15 Pescia 15 Pieve a Nievole - Ponte Buggianese 2 Uzzano 1 Totale 45 29,8% Cutigliano 2 Montagna San Marcello P.se 4 Totale 6 4,0% Fuori provincia Firenze 4 Totale 4 2,6% Totale generale % - 8 -

13 RIPARTIZIONE DEI SOCI ORDINARI PER ATTIVITA PROFESSIONALE ATTIVITÀ PROFESSIONALE N. SOCI Industriali 19 Agricoltori 9 Imprenditori Commercianti 4 Artigiani 4 Albergatori 4 Professionisti Altre categorie % SU TOTALE Totale 40 26,5% Medici 9 Dottori commercialisti ed esperti contabili 12 Avvocati 12 Architetti 1 Notai 2 Ingegneri 3 Farmacisti 1 Geometri 1 Ragionieri - Altri 3 Totale 44 29,1% Amministratori enti locali 8 Prof. Universitari e di scuole medie e superiori 23 15,2% Operatori culturali 4 Dirigenti e dipendenti pubblici e privati 29 19,2% Sacerdoti 1 Altri 2 Totale 67 44,4% Totale generale % - 9 -

14 - 10 -

15 LA STRUTTURA DELLA FONDAZIONE ED I PROCESSI DI GOVERNO E DI GESTIONE 1. L assetto istituzionale La Fondazione è una persona giuridica privata, a composizione associativa, senza finalità di lucro e dotata di piena autonomia statutaria e gestionale. Per quanto stabilito dallo statuto, la Fondazione persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, individuando l attuale territorio della provincia di Pistoia quale ambito di riferimento della propria attività. I suoi Organi, ai sensi dello statuto vigente, sono: L Assemblea dei Soci: rappresenta la continuità storica della Fondazione con l Ente conferente e con l originaria Cassa di Risparmio di Pistoia costituita nel 1831, ed è pertanto garante, tenendo conto dell evoluzione economica e sociale nel frattempo intervenuta, del rispetto delle finalità perseguite e dichiarate negli atti di fondazione. I soci sono scelti tra le persone rappresentative operanti nel territorio della Provincia di Pistoia in campo economico, professionale, culturale, sociale, del lavoro e delle attività pubbliche. Ad essa competono importanti funzioni deliberative per la composizione dell Organo di indirizzo, nonché funzioni consultive per alcuni degli episodi più importanti della vita della Fondazione. Il Consiglio Generale: è l organo di indirizzo cui spetta la determinazione dei programmi e degli obiettivi ed il controllo dei risultati. E composto da 24 consiglieri che devono possedere precisi requisiti di onorabilità e che vengono designati dai soggetti previsti dall art. 22 dello statuto. Ad esso compete l approvazione dei documenti di programmazione, sia annuali che pluriennali, con l individuazione dei settori rilevanti d intervento; l approvazione del bilancio d esercizio e la relazione sulla gestione, la definizione della strategia di investimento del patrimonio; l approvazione e la modifica dello statuto ed i regolamenti interni; la nomina del Presidente della Fondazione, del Consiglio di amministrazione e del Collegio dei Revisori

16 Il Consiglio di Amministrazione: esercita tutti i poteri di amministrazione ordinaria e straordinaria e svolge compiti di proposta e di impulso per l attività della Fondazione nell ambito delle linee guida definite dal Consiglio Generale. Il Presidente: rappresenta la Fondazione e sovrintende al suo funzionamento; è nominato dal Consiglio Generale e presiede l Assemblea dei Soci, il Consiglio Generale ed il Consiglio di amministrazione. Esercita funzioni di impulso e di coordinamento dell attività degli organi collegiali, e vigila sull esecuzione delle relative deliberazioni nonché sull andamento generale della Fondazione. Il Collegio dei Revisori: è l organo di controllo della Fondazione ed esercita le funzioni previste dallo statuto e dal codice civile per l esercizio del controllo legale sui conti. E composto da tre membri effettivi e due supplenti, nominati dal Consiglio Generale. 2. Gli organi statutari: vicende ed attività Qualche parola sulle vicende interne,in particolare per quanto riguarda gli organi,la loro attività e la loro composizione. La Fondazione è infatti un organismo vivo che, pur mantenendo una stabilità di fondo, vive momenti importanti di ricambio e di avvicendamento, sopratutto negli organi a più ampia base. L esercizio 2010 ha registrato un intensa attività degli organi della Fondazione. Si sono infatti tenute n. 2 Assemblee dei Soci, n. 8 adunanze del Consiglio Generale, n. 27 adunanze del Consiglio di Amministrazione. Gli organi hanno lavorato efficacemente, rapportandosi tra loro in modo proficuo e costruttivo, con piena convergenza sugli obiettivi e sulle conseguenti scelte. Consiglio Generale Come da statuto, i componenti del Consiglio Generale al 31 dicembre 2010 sono 24, di cui 12 eletti dall Assemblea dei Soci, 6 designati dagli Enti locali territoriali e 6 designati da parte di altri Enti ed Organismi definiti dall art. 22 del vigente statuto. A gennaio 2010 è scaduto il mandato dei dodici membri di designazione assembleare. Sono stati confermati i consiglieri: Roberto Baroncelli, Sauro Becattini, Ermanno Bujani, Vito Cappellini, Giorgio Petracchi, Cecilia Turco, Giovanni Tarli Barbieri e Stefano Zamponi ed eletti i consiglieri: Mario De Pasquale, Roberto Fambrini, Marzio Magnani, Giovanni Pieraccioli. I consiglieri Angiolo Bianchi, Vasco Gaiffi, Natale Rauty e Luigi Salvagnini non potevano essere confermati, avendo superato i limiti di età previsti (art. 9.1 lett. l)

17 Nel dicembre del 2010 sono giunti a scadenza del mandato anche alcuni membri designati da Enti locali territoriali e da Enti ed Organismi definiti dall art. 22 dello statuto. Fra di essi sono stati confermati: Claudio Rosati (Comune di Pistoia), Eugenio Fagnoni (Comuni: Marliana, Massa e Cozzile, Montecatini, Pescia, Uzzano), Romano Del Nord (Rettore Università di Firenze), Roberto Barontini e Marcello Suppressa (Associazioni di Volontariato). Sono stati designati per la prima volta i consiglieri: Alberto Del Rosso (Comuni: Buggiano, Chiesina, Lamporecchio, Larciano, Monsummano, Pieve, Ponte B.se), Romina Santi (Comuni: Agliana, Montale, Quarrata, Serravalle), Marco Giunti (Provincia di Pistoia), Francesco Panerai (Camera di Commercio di Pistoia), Gabriella Aschieri (Comunità Montana), Don Luca Carlesi (Vescovo di Pistoia). Consiglio di amministrazione Durante l esercizio 2010 il Consiglio di Amministrazione non ha subito variazioni. Assemblea dei Soci Con le modifiche statutarie introdotte negli ultimi anni, il tasso di rinnovamento della base sociale, prima assai limitato, è divenuto molto incisivo. Basti pensare che i soci onorari, cioè quei soci che, avendo compiuto ottanta anni, non hanno più potere decisionale e sono stati sostituiti con altrettanti soci ordinari, hanno raggiunto al 31 dicembre 2010 il numero di 29, senza dire dei membri designati che decadono con la cessazione dalla carica del soggetto designante e la cui presenza rispecchia in qualche modo la dinamica e le vicende delle realtà istituzionali e associative presenti sul territorio. I componenti dell Assemblea alla fine dell esercizio sono 180, di cui: Soci designati da soggetti terzi ai sensi dell art. 17 dello Statuto 45 Soci eletti dall Assemblea 106 Totale soci ordinari 151 Soci onorari 29 Totale Soci 180 Nel corso del 2010 si sono registrati i seguenti mutamenti nella composizione dell Assemblea: a) nuovi soci nominati dall Assemblea del 3 maggio 2010: Corrado Artioli, Giovanni Capecchi, Monica Marini, Giancarlo Matocci, Domenico Rauty, e Gianni Ruffi

18 b) nuovi soci nominati dall Assemblea del 29 ottobre 2010: Chetti Barni, Sauro Becattini, Maria Cristina Brizzi, Roberto Cadonici, Massimo Donnini, Renato Ferretti, Stefano Pucci, Tullio Tesi. c) soci scaduti e confermati dall Assemblea del 29 ottobre 2010, a norma dell art dello statuto: Alessio Colomeiciuc, Galileo Magnani, Alessandro Melani, Giovanni Mezzadri e Alberto Scalabrino con decorrenza dal 5 novembre Soci onorari In attuazione dell art. 21 bis dello statuto entrato in vigore il 30 giugno 2008, nel corso del 2010 sono stati inseriti nell elenco dei soci onorari i seguenti soci: Giovanni Battista Bassi, Piero Becciani, Aligi Bruni, Floriano Capecchi, Vasco Gaiffi, Bruno Geri, Giuliano Gori, Gian Franco Mandorli, Carlo Marchi, Pietro Montalto, Piercarlo Morandi, Luigi Salvagnini, Franco Scaramuzzi. I soci onorari iscritti nell elenco a fine esercizio sono n. 29. * * * Nel corso del 2010 sono deceduti i soci: Guido Feri, noto dottore agronomo, già membro della Commissione per la Tutela delle Bellezze Naturali di Pistoia e Marcello Bonanno già Prefetto e Commissario di Governo. Ai soci che ci hanno lasciato, va il nostro grato ricordo per l apprezzata attività svolta nella Fondazione e per il servizio alla società civile e all economia locale. Collegio dei revisori E stato rinnovato, con la conferma dei revisori Gino Spagnesi e Alessandro Pratesi e la nomina di un nuovo presidente nella persona del dr. Alessandro Michelotti. Come si è detto all inizio tutti gli organi hanno lavorato con assiduità, come risulta anche dal numero delle riunioni svolte; ed in positiva convergenza di valutazioni e di decisioni. In sostanza si può affermare che la fondazione possiede un assetto di governance che, per quanto impegnativo, mostra di rispondere bene alle sue molteplici esigenze di funzionamento. * * *

19 3. L assetto organizzativo La struttura organizzativa dalla Fondazione risulta composta dal Direttore e da sei dipendenti, oltre a due collaboratori. Nel corso del 2010 si è mantenuto il modello organizzativo in essere che tiene conto delle quattro aree nelle quali è ripartita operativamente l attività della Fondazione: segreteria generale ed eventi, erogazioni e progetti, contabilità e bilancio, finanza. Nel corso dell esercizio, il lavoro della Fondazione è stato supportato da consulenti esterni per la gestione di particolari aree di attività che richiedono competenze specifiche, attinenti materie contrattuali, legali e tributarie, nonché competenze specialistiche per l organizzazione di particolari eventi. La Fondazione si avvale anche di un contratto di service con la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia SpA, per la fornitura di servizi di carattere amministrativo, nonché di consulenza contabile e fiscale

20 - 16 -

21 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010 RELAZIONE SULLA GESTIONE

22 Relazione sulla gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE 1. Una crisi che non sembra finire Nella relazione al bilancio 2009 dicemmo che forse, quell anno, non avrebbe esaurito il processo di transizione verso il superamento della crisi, ma costituiva soltanto il tratto iniziale di un periodo indeterminato nella durata e imprevedibile negli esiti. Ed in effetti, anche il 2010 è stato un anno di crisi. Avevamo visto giusto, ma senza alcun merito; allora facevamo riferimento al triennio, , coincidente con un intero arco della nostra programmazione pluriennale; ma oggi è più corretto dire che l uscita dalla crisi, che non sia meramente annunciata da un personaggio mediatico, ma che sia avvertibile al livello che conta (quello delle persone, delle famiglie, delle imprese) in termini di lavoro, consumi, investimenti, fiducia, è ancora un traguardo che sembra allontanarsi ogni volta che pensiamo di avvicinarlo. Nella crisi siamo ancora coinvolti in tutti i suoi aspetti: finanziario ( basti enunciare i problemi dei debiti degli stati, degli andamenti dei loro titoli, della solidità delle banche, dei conseguenti provvedimenti adottati dai governi e dalle istituzioni comunitarie); economico, nel senso dell economia reale (investimenti, disoccupazione, specie giovanile, consumi): sociale (disagio e difficoltà di vita per un numero crescente di persone e di famiglie, riduzione dei servizi sociali di sostegno, ecc.). Qualcuno si chiederà perché parliamo di queste cose all inizio di una relazione che deve essere di resoconto e spiegazione di ciò che abbiamo fatto nel corso del 2010: certo è questo il nostro primo dovere, ma la nostra istituzione non è un isola separata dalle vicende del contesto più vasto. Per parlare di noi, non possiamo prescindere dall ambiente sociale, economico e finanziario in cui ci muoviamo; non solo quello del nostro territorio, che è il nostro campo d azione, ma anche quello del sistema paese, ed anche il più vasto ambiente internazionale segnato dal fenomeno della globalizzazione e che influisce pesantemente sugli andamenti dei mercati finanziari e quindi sulla sorte dei nostri investimenti. Ecco perchè non possiamo ignorare la crisi: perché, anche se volessimo farlo, essa non ignora noi e ci coinvolge pesantemente. Quella finanziaria perché accentua la rischiosità dei nostri investimenti, pressoché interamente di natura finanziaria, e ne pregiudica il valore ed i rendimenti, in un clima di incertezza che rende difficili, ed al limite inutili, le previsioni, anche le più attente e meditate

23 Relazione sulla gestione Quella economica, perché colpisce duramente anche il nostro territorio che sta subendo un processo di progressivo impoverimento ed emarginazione che chiede, a chiunque possa, di reagire per concorrere ad una positiva inversione di tendenza. Quella sociale, che più direttamente ci coinvolge sotto forma di richieste di intervento sempre più numerose, provocate sia dall accrescersi dei bisogni, sia dalle ridotte capacità di risposta degli enti locali, costretti a fare i conti con una drastica riduzione delle risorse disponibili. Ecco spiegato perché la crisi avviata nel 2007 (sono già passati quattro anni!) continua ad interessare anche noi; perché riduce le nostre risorse (i proventi derivanti dall investimenti del nostro patrimonio) ed aumenta i bisogni cui ci viene chiesto di far fronte. Qualcuno noterà che queste cose le abbiamo in sostanza già dette più volte: ma se non cambiano realmente le situazioni di fatto, è difficile che possano cambiare, se non nella forma, le parole per descriverle. Un ultima osservazione generale. I bilanci ed i resoconti si riferiscono ad una scansione annuale della vita delle organizzazioni. Dividere in periodi prefissati la vita, continua ed ininterrotta, di enti e istituzioni è una convenzione, una finzione necessaria e inevitabile ai fini di un ordinato operare; ma la realtà non conosce cesure e costituisce un flusso di eventi, di problemi e di scelte in cui il presente è, almeno in parte, frutto delle scelte passate e condiziona a sua volta quelle future. E una circostanza da non dimenticare quando ci accingiamo ad esprimere giudizi e opinioni. Lasciamo ora le considerazioni generali, forse superflue, e veniamo a parlare della nostra Fondazione e della sua attività nel corso del Per evitare il rischio della frammentazione, che è di ostacolo ad una visione d insieme, procederemo ad un esposizione per aree relativamente omogenee, rinviando ad altre parti di questa stessa relazione, e soprattutto alla Nota integrativa, informazioni più specifiche. Cercheremo altresì di segnalare, negli eventi e nei fatti che richiameremo, ciò che appartiene alla gestione ordinaria e quindi in qualche misura ricorrente e conosciuta nei suoi parametri fondamentali, pur nella variabilità delle singole manifestazioni, da ciò che invece può ritenersi eccezionale, e quindi non ripetibile, sia che si tratti di un evento o fenomeno positivo che negativo. 2. Il quadro normativo e istituzionale Nel corso del 2010 sono state emanate dal legislatore alcune norme che, pur non incidendo sostanzialmente sull assetto istituzionale e operativo delle Fondazioni, le riguardano direttamente o indirettamente. Ci riferiamo in particolare ai provvedimenti sotto indicati: D.L. 141 del 13 agosto 2010, recante modifiche del Titolo VI del Testo Unico Bancario (D.L. n. 385 del 1993) contente disposizioni in tema di microcredito;

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Progetti POF 2013-2014

Progetti POF 2013-2014 Infanzia PITEGLIO Apolito Teresa Pellegrineschi Marzia Zini Miriam Rappresentiamo le feste I frutti del bosco Il girotondo della salute Infanzia CUTIGLIANO Ferrari Sandra Infanzia S.MARCELLO Lori Melani

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli