FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO 18 ESERCIZIO. Sede Via De Rossi n. 26 Pistoia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO 18 ESERCIZIO. Sede Via De Rossi n. 26 Pistoia"

Transcript

1 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO 18 ESERCIZIO 2010 approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28/03/2011 approvato dal Consiglio Generale in data 19/04/2011 Sede Via De Rossi n. 26 Pistoia

2 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO 2010 I N D I C E 1. ORGANI DELLA FONDAZIONE...Pag LA STRUTTURA DELLA FONDAZIONE ED I PROCESSI DI GOVERNO E DI GESTIONE...Pag L assetto istituzionale...pag Gli organi statutari: vicende ed attività...pag L assetto organizzativo...pag RELAZIONE SULLA GESTIONE...Pag Una crisi che non sembra finire...pag Il quadro normativo e istituzionale...pag Gli investimenti del patrimonio e la gestione finanziaria...pag Criteri generali della gestione finanziaria...pag La gestione del portafoglio finanziario e la strategia d investimento...pag Gli investimenti previsti dall art. 7 D.Lgs. 153/99...Pag Le principali partecipazioni...pag Indicatori di redditività...pag Esposizione al rischio...pag Gli interventi istituzionali e le principali direttrici di azione...pag Area arte e cultura...pag Area istruzione, formazione e ricerca...pag Area sviluppo...pag Area sociale...pag Altre vicende e informazioni...pag Modifiche statutarie...pag Restauro e ristrutturazione del Palazzo De Rossi...Pag Concluso uno storico contenzioso fiscale...pag Rapporti con la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e con la Capogruppo Banca Intesa Sanpaolo...Pag I fatti di rilievo successivi alla chiusura dell esercizio...pag L evoluzione prevedibile della gestione...pag I rapporti con il territorio...pag L avanzo dell esercizio e la sua destinazione...pag Le risorse disponibili per gli interventi istituzionali...pag. 32

3 11. Il patrimonio Netto...Pag La tutela dei dati personali (privacy)...pag Considerazioni conclusive e proposta finale...pag STATO PATRIMONIALE Attivo...Pag. 37 Passivo...Pag CONTO ECONOMICO Conto economico...pag. 39 Prospetto di raffronto fra conto economico previsionale e consuntivo...pag NOTA INTEGRATIVA 1. Fonti normative...pag Principi generali di redazione del bilancio...pag Criteri di valutazione...pag Informazioni sullo Stato Patrimoniale...Pag. 46 Attivo - Immobilizzazioni materiali e immateriali...pag Immobilizzazioni finanziarie...pag Strumenti finanziari non immobilizzati...pag Crediti...Pag Disponibilità liquide...pag Altre attività...pag Ratei e risconti attivi...pag. 73 Passivo - Patrimonio netto...pag Fondi per l attività d istituto...pag Fondi per rischi e oneri...pag Trattamento fine rapporto lavoro subordinato...pag Erogazioni deliberate...pag Fondo per il Volontariato...Pag Debiti...Pag Ratei e risconti passivi...pag Conti d ordine...pag Informazioni sul Conto Economico...Pag Risultato delle gestioni patrimoniali individuali...pag Dividendi e proventi assimilati...pag Interessi e proventi assimilati...pag Rivalutazione (svalutazione) netta di strumenti finanziari non immobilizzati...pag Risultato della negoziazione di strumenti finanziari non immobilizzati...pag Rivalutazione (svalutazione) netta di immobilizzazioni finanziarie...pag Rivalutazione (svalutazione) netta di attività non finanziarie...pag Risultato d esercizio delle imprese strumentali direttamente esercitate...pag Altri proventi...pag Oneri...Pag Proventi straordinari...pag. 101

4 - Oneri straordinari...pag Imposte e tasse...pag Accantonamento alla Riserva obbligatoria...pag Erogazioni deliberate a carico dell avanzo d esercizio...pag Accantonamento al Fondo per il Volontariato...Pag Accantonamento ai Fondi per l attività d istituto...pag Accantonamento alla Riserva per l integrità del patrimonio...pag RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI...Pag RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE...Pag INFORMAZIONI COMPLEMENTARI 1. Analisi della gestione...pag Tabelle di comparazione con altre fondazioni bancarie...pag Indicatori economico-patrimoniali...pag. 122

5 ORGANI DELLA FONDAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE PACI IVANO VICE PRESIDENTE GORI GIULIANO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALIBRANDI GIUSEPPE CADONICI ROBERTO IOZZELLI LUCA MASOTTI GIULIO PANTERA CRISTINA COLLEGIO DEI REVISORI MICHELOTTI ALESSANDRO Presidente PRATESI ALESSANDRO SPAGNESI GINO Revisore effettivo Revisore effettivo BALDI FRANCESCO SALA PAOLO Revisore supplente Revisore supplente DIRETTORE GUIDUCCI UMBERTO - 1 -

6 CONSIGLIO GENERALE Componenti ASCHIERI GABRIELLA BARONTINI ROBERTO BARONCELLI ROBERTO BECATTINI SAURO BUJANI ERMANNO CAPPELLINI VITO CARLESI LUCA CARRARA MARCO DE PASQUALE MARIO DEL NORD ROMANO DEL ROSSO ALBERTO FAGNONI EUGENIO FAMBRINI ROBERTO GIUNTI MARCO MAGNANI MARZIO PANERAI FRANCESCO PETRACCHI GIORGIO PIERACCIOLI GIOVANNI ROSATI CLAUDIO SANTI ROMINA SUPPRESSA MARCELLO TARLI BARBIERI GIOVANNI TURCO CECILIA ZAMPONI STEFANO Ente o soggetto designante Presidente della Comunità Montana Appennino Pistoiese Associazioni del Volontariato Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Vescovo di Pistoia Camera di Commercio Assemblea dei Soci Rettore dell Università di Firenze Sindaci dei Comuni di Buggiano, Chiesina, Lamporecchio, Larciano, Monsummano Terme, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese Sindaci dei Comuni di Marliana, Massa e Cozzile, Pescia, Uzzano e Montecatini Terme Assemblea dei Soci Presidente dell Amministrazione Provinciale di Pistoia Assemblea dei Soci Presidente della Camera di Commercio Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Sindaco del Comune di Pistoia Sindaci dei Comuni di Agliana, Montale, Quarrata, Serravalle Pistoiese Associazioni del Volontariato Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci Assemblea dei Soci - 2 -

7 ELENCO DEI SOCI Nominativo Ente o soggetto designante 1 Alamanni Massimo Sindaco del Comune di Pieve a Nievole 2 Anzilotti Giuseppe Assemblea dei Soci 3 Artioli Corrado Assemblea dei Soci 4 Bagnoni Egisto Ordine dei Medici 5 Baldassarri Giancarlo Confederazione Cooperative Italiane - Pistoia 6 Baldi Ugo Assemblea dei Soci 7 Ballotti Gianpiero Assemblea dei Soci 8 Banci Pier Lorenzo Assemblea dei Soci 9 Bardelli Luigi Assemblea dei Soci 10 Barni Chietti Assemblea dei Soci 11 Baroncelli Roberto * Assemblea dei Soci 12 Barontini Roberto * Assemblea dei Soci 13 Bartolini Amedeo Assemblea dei Soci 14 Becattini Sauro * Assemblea dei Soci 15 Bechi Franco Assemblea dei Soci 16 Bellandi Giuseppe Assemblea dei soci 17 Bellandi Paola Assemblea dei Soci 18 Benedetti Aureliano Assemblea dei Soci 19 Bernacchi Francesco Fondazione Collodi - Pescia 20 Bernardi Luca Sindaco del Comune di Marliana 21 Berti Renzo Sindaco del Comune di Pistoia 22 Betti Paolo Assemblea dei Soci 23 Bini Bino Assemblea dei Soci 24 Boschi Luca Assemblea dei Soci 25 Bracciotti Marzio Sindaco del Comune di Larciano 26 Brizzi Maria Cristina Assemblea dei Soci 27 Brusco Giuseppe Assemblea dei Soci 28 Bruzzani Riccardo Confesercenti della provincia di Pistoia 29 Bujani Ermanno * Assemblea dei Soci 30 Cadonici Roberto * Assemblea dei Soci 31 Caggiano Paolo Ordine degli Architetti di Pistoia 32 Cai Roberto Assemblea dei Soci 33 Campioni Franco Ordine dei Dottori Commercialisti Pistoia 34 Capecchi Ferruccio Società Pistoiese di Storia Patria 35 Capecchi Giovanni Assemblea dei Soci 36 Cappellini Mario Assemblea dei Soci 37 Cappellini Vito * Assemblea dei Soci 38 Carifi Roberto Assemblea dei Soci 39 Caselli Pier Giorgio Assemblea dei Soci 40 Ceccarelli Carluccio Sindaco del Comune di Cutigliano 41 Cecchini Brunello Albo dei Consulenti del lavoro Pistoia 42 Checcacci Antonio Assemblea dei Soci 43 Cherubini Giovanni Assemblea dei Soci 44 Chiti Edoardo Unione Provinciale Agricoltori Pistoia 45 Ciampolini Eleanna Sindaco del Comune di Agliana - 3 -

8 46 Cianchi Fiorello Assemblea dei Soci 47 Cipriani Alberto Assemblea dei Soci 48 Coen Bruno Assemblea dei Soci 49 Colomeiciuc Alessio Assemblea dei Soci 50 Corradini Carlo Assemblea dei Soci 51 Corsini Mario Assemblea dei Soci 52 Del Rosso Alberto * Sindaco del Comune di Monsummano Terme 53 Del Serra Alfio Assemblea dei Soci 54 Donnini Massimo Assemblea dei Soci 55 Fambrini Roberto * Assemblea dei Soci 56 Fedi Roberto Assemblea dei Soci 57 Fedi Sergio Arciconfraternita della Misericordia - Pistoia 58 Ferretti Renato Assemblea dei Soci 59 Filoni Francesco Sindaco Comune di San Marcello 60 Firindelli Paolo Vescovo di Pistoia 61 Francesconi Chiara Sindaco Comune di Lamporecchio 62 Fratoni Federica Il Presidente dell Amministrazione Provinciale di Pistoia 63 Galligani Pier Luigi Sindaco del Comune di Ponte Buggianese 64 Gentili Pier Luigi Assemblea dei Soci 65 Gerardi Pasquale Assemblea dei Soci 66 Gherardeschi Chiara Assemblea dei Soci 67 Giacomelli Andrea Ordine dei Farmacisti Pistoia 68 Gori Franco Assemblea dei Soci 69 Gori Maurizio Assemblea dei Soci 70 Guidi Galileo Assemblea dei Soci 71 Guidi Giovanni Assemblea dei Soci 72 Innocenti Giorgio Assemblea dei Soci 73 Landucci Federica Assemblea dei Soci 74 Lenzi Raffaele Assemblea dei Soci 75 Magnani Galileo Assemblea dei Soci 76 Magnani Marzio * Assemblea dei Soci 77 Magrini Lorenzo Assemblea dei Soci 78 Maiorfi Corrado Vescovo della Diocesi di Pescia 79 Malloggi Laura Assemblea dei Soci 80 Manetti Raimondo Assemblea dei Soci 81 Mannori Luca Assemblea dei Soci 82 Marchi Roberta Sindaco del Comune di Pescia 83 Marini Monica Assemblea dei Soci 84 Masetti Gianna Assemblea dei Soci 85 Masotti Giulio * Assemblea dei Soci 86 Matocci Giancarlo Assemblea dei Soci 87 Mazzei Pierangiolo Assemblea dei Soci 88 Mazzocchi Maurizio Lega Cooperative - Pistoia 89 Melani Alessandro Assemblea dei Soci 90 Mezzadri Giovanni Assemblea dei Soci 91 Mochi Renzo Sindaco del Comune di Serravalle Pistoiese 92 Morandi Stefano Confcommercio Pistoia 93 Nardini Vittorio Collegio dei Ragionieri e Periti commerciali Pistoia 94 Nerozzi Raffaello Collegio dei Geometri di Pistoia - 4 -

9 95 Nesti Eolo Assemblea dei Soci 96 Niccolai Giancarlo Assemblea dei Soci 97 Niccolai Maurizio Assemblea dei Soci 98 Onori Alberto Assemblea dei Soci 99 Oriana Giuseppe Associazione degli Industriali della Provincia di Pistoia 100 Orlandini Sandro Confederazione Italiana Agricoltori, Pistoia 101 Paci Ivano Assemblea dei Soci 102 Paganelli Lorena Assemblea dei Soci 103 Palchetti Giovanni Assemblea dei Soci 104 Panati Vito Assemblea dei Soci 105 Panerai Riccardo Assemblea dei Soci 106 Pantera Cristina * Assemblea dei Soci 107 Pellegrini Marco Associazione dei Commercianti Montecatini Terme 108 Pellegrini Roberto Ordine degli Ingegneri - Pistoia 109 Pellegrini Vinicio Confartigianato 110 Petracchi Giorgio * Assemblea dei Soci 111 Petracchi Luciano Assemblea dei Soci 112 Petracchi Luciano Assemblea dei Soci 113 Piantini Aldo Confederazione Naz. Artigianato Pistoia 114 Pieraccioli Giovanni * Assemblea dei Soci 115 Pieri Enrico Sindaco del Comune di Montecatini Terme 116 Poli Roberto Assemblea dei Soci 117 Pratesi Carlo Assemblea dei Soci 118 Pucci Ricciardo Assemblea dei Soci 119 Pucci Stefano Assemblea dei Soci 120 Rauty Domenico Assemblea dei Soci 121 Righi Roberto Assemblea dei Soci 122 Rinati Michela Assemblea dei Soci 123 Rosati Claudio * Assemblea dei Soci 124 Rosi Giordano Assemblea dei Soci 125 Ruffi Gianni Assemblea dei Soci 126 Santangelo Carlo Assemblea dei Soci 127 Scalabrino Alberto Assemblea dei Soci 128 Scarpetti Lido Assemblea dei Soci 129 Scatragli David Sindaco Comune di Montale 130 Sergio Gori Sabrina Sindaco del Comune di Quarrata 131 Spicciani Can. Amleto Assemblea dei Soci 132 Strambi Francesco Assemblea dei Soci 133 Strufaldi Carla Presidente della Comunità Montana 134 Taddei Guido Associazione degli Albergatori - Montecatini Terme 135 Tagliasacchi Sandra Ordine degli Avvocati - Pistoia 136 Talini Piero Assemblea dei Soci 137 Tarli Barbieri Giovanni * Assemblea dei Soci 138 Tesi Fabrizio Federazione Provinciale Coltivatori Diretti Pistoia 139 Tesi Tullio Assemblea dei Soci 140 Tintori Giorgio Assemblea dei Soci 141 Tonfoni Ezio Assemblea dei Soci 142 Tosi Maria Teresa Fondazione Marino Marini - Pistoia 143 Totaro Giuseppe Assemblea dei Soci 144 Tronci Luigi Assemblea dei Soci - 5 -

10 145 Turco Cecilia * Assemblea dei Soci 146 Vannucci Iole Assemblea dei Soci 147 Vannucci Vannino Assemblea dei Soci 148 Zamponi Stefano * Assemblea dei Soci 149 Zini Cristina Assemblea dei Soci 150 Zogheri Lorenzo Collegio Notarile di Firenze, Prato e Pistoia 151 Zollo Gabriele Assemblea dei Soci * sono indicati con asterisco i soci sospesi ex art dello statuto che ricoprono cariche in altri organi della Fondazione

11 ELENCO DEI SOCI ONORARI Nominativo Ente o soggetto designante 1 Balducci Giuliano Valentino Assemblea dei Soci 2 Bassi Giovan Battista Assemblea dei Soci 3 Becciani Piero Associazione degli Industriali di Pistoia 4 Biagioli Modesto Assemblea dei Soci 5 Bianchi Angiolo Assemblea dei Soci 6 Bini Dunio Assemblea dei Soci 7 Bruni Aligi Assemblea dei Soci 8 Capecchi Floriano Assemblea dei Soci 9 Ciuti Eugenio Assemblea dei Soci 10 Fabbri Marcello Assemblea dei Soci 11 Feri Francesco Assemblea dei Soci 12 Gaiffi Vasco Assemblea dei Soci 13 Geri Bruno Assemblea dei Soci 14 Giacomelli Fernando Assemblea dei Soci 15 Gori Giuliano Assemblea dei Soci 16 Innocenti Lisimaco Assemblea dei Soci 17 Magnani Suor Giovanna Assemblea dei Soci 18 Mandorli Gianfranco Assemblea dei Soci 19 Marchi Carlo Assemblea dei Soci 20 Melani Enzo Assemblea dei Soci 21 Montalto Pietro Assemblea dei Soci 22 Morandi Piercarlo Assemblea dei Soci 23 Pisaneschi Adriano Assemblea dei Soci 24 Rauty Natale Assemblea dei Soci 25 Salvagnini Luigi Assemblea dei Soci 26 Sanesi Osvaldo Ordine dei medici - Pistoia 27 Scaramuzzi Franco Assemblea dei Soci 28 Silvestri Pancioli Vittoria Assemblea dei Soci 29 Spinelli Vasco Assemblea dei Soci - 7 -

12 RIPARTIZIONE DEI SOCI ORDINARI PER COMUNE DI RESIDENZA ZONA COMUNE N. SOCI % SU TOTALE Pistoia Pistoia 82 Totale 82 54,3% Agliana 3 Montale 1 Pianura Pistoiese Quarrata 8 Serravalle P.se 2 Totale 14 9,3% Buggiano 2 Chiesina Uzzanese - Lamporecchio 2 Larciano 1 Marliana 1 Massa e Cozzile 3 Valdinievole Monsummano Terme 3 Montecatini Terme 15 Pescia 15 Pieve a Nievole - Ponte Buggianese 2 Uzzano 1 Totale 45 29,8% Cutigliano 2 Montagna San Marcello P.se 4 Totale 6 4,0% Fuori provincia Firenze 4 Totale 4 2,6% Totale generale % - 8 -

13 RIPARTIZIONE DEI SOCI ORDINARI PER ATTIVITA PROFESSIONALE ATTIVITÀ PROFESSIONALE N. SOCI Industriali 19 Agricoltori 9 Imprenditori Commercianti 4 Artigiani 4 Albergatori 4 Professionisti Altre categorie % SU TOTALE Totale 40 26,5% Medici 9 Dottori commercialisti ed esperti contabili 12 Avvocati 12 Architetti 1 Notai 2 Ingegneri 3 Farmacisti 1 Geometri 1 Ragionieri - Altri 3 Totale 44 29,1% Amministratori enti locali 8 Prof. Universitari e di scuole medie e superiori 23 15,2% Operatori culturali 4 Dirigenti e dipendenti pubblici e privati 29 19,2% Sacerdoti 1 Altri 2 Totale 67 44,4% Totale generale % - 9 -

14 - 10 -

15 LA STRUTTURA DELLA FONDAZIONE ED I PROCESSI DI GOVERNO E DI GESTIONE 1. L assetto istituzionale La Fondazione è una persona giuridica privata, a composizione associativa, senza finalità di lucro e dotata di piena autonomia statutaria e gestionale. Per quanto stabilito dallo statuto, la Fondazione persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, individuando l attuale territorio della provincia di Pistoia quale ambito di riferimento della propria attività. I suoi Organi, ai sensi dello statuto vigente, sono: L Assemblea dei Soci: rappresenta la continuità storica della Fondazione con l Ente conferente e con l originaria Cassa di Risparmio di Pistoia costituita nel 1831, ed è pertanto garante, tenendo conto dell evoluzione economica e sociale nel frattempo intervenuta, del rispetto delle finalità perseguite e dichiarate negli atti di fondazione. I soci sono scelti tra le persone rappresentative operanti nel territorio della Provincia di Pistoia in campo economico, professionale, culturale, sociale, del lavoro e delle attività pubbliche. Ad essa competono importanti funzioni deliberative per la composizione dell Organo di indirizzo, nonché funzioni consultive per alcuni degli episodi più importanti della vita della Fondazione. Il Consiglio Generale: è l organo di indirizzo cui spetta la determinazione dei programmi e degli obiettivi ed il controllo dei risultati. E composto da 24 consiglieri che devono possedere precisi requisiti di onorabilità e che vengono designati dai soggetti previsti dall art. 22 dello statuto. Ad esso compete l approvazione dei documenti di programmazione, sia annuali che pluriennali, con l individuazione dei settori rilevanti d intervento; l approvazione del bilancio d esercizio e la relazione sulla gestione, la definizione della strategia di investimento del patrimonio; l approvazione e la modifica dello statuto ed i regolamenti interni; la nomina del Presidente della Fondazione, del Consiglio di amministrazione e del Collegio dei Revisori

16 Il Consiglio di Amministrazione: esercita tutti i poteri di amministrazione ordinaria e straordinaria e svolge compiti di proposta e di impulso per l attività della Fondazione nell ambito delle linee guida definite dal Consiglio Generale. Il Presidente: rappresenta la Fondazione e sovrintende al suo funzionamento; è nominato dal Consiglio Generale e presiede l Assemblea dei Soci, il Consiglio Generale ed il Consiglio di amministrazione. Esercita funzioni di impulso e di coordinamento dell attività degli organi collegiali, e vigila sull esecuzione delle relative deliberazioni nonché sull andamento generale della Fondazione. Il Collegio dei Revisori: è l organo di controllo della Fondazione ed esercita le funzioni previste dallo statuto e dal codice civile per l esercizio del controllo legale sui conti. E composto da tre membri effettivi e due supplenti, nominati dal Consiglio Generale. 2. Gli organi statutari: vicende ed attività Qualche parola sulle vicende interne,in particolare per quanto riguarda gli organi,la loro attività e la loro composizione. La Fondazione è infatti un organismo vivo che, pur mantenendo una stabilità di fondo, vive momenti importanti di ricambio e di avvicendamento, sopratutto negli organi a più ampia base. L esercizio 2010 ha registrato un intensa attività degli organi della Fondazione. Si sono infatti tenute n. 2 Assemblee dei Soci, n. 8 adunanze del Consiglio Generale, n. 27 adunanze del Consiglio di Amministrazione. Gli organi hanno lavorato efficacemente, rapportandosi tra loro in modo proficuo e costruttivo, con piena convergenza sugli obiettivi e sulle conseguenti scelte. Consiglio Generale Come da statuto, i componenti del Consiglio Generale al 31 dicembre 2010 sono 24, di cui 12 eletti dall Assemblea dei Soci, 6 designati dagli Enti locali territoriali e 6 designati da parte di altri Enti ed Organismi definiti dall art. 22 del vigente statuto. A gennaio 2010 è scaduto il mandato dei dodici membri di designazione assembleare. Sono stati confermati i consiglieri: Roberto Baroncelli, Sauro Becattini, Ermanno Bujani, Vito Cappellini, Giorgio Petracchi, Cecilia Turco, Giovanni Tarli Barbieri e Stefano Zamponi ed eletti i consiglieri: Mario De Pasquale, Roberto Fambrini, Marzio Magnani, Giovanni Pieraccioli. I consiglieri Angiolo Bianchi, Vasco Gaiffi, Natale Rauty e Luigi Salvagnini non potevano essere confermati, avendo superato i limiti di età previsti (art. 9.1 lett. l)

17 Nel dicembre del 2010 sono giunti a scadenza del mandato anche alcuni membri designati da Enti locali territoriali e da Enti ed Organismi definiti dall art. 22 dello statuto. Fra di essi sono stati confermati: Claudio Rosati (Comune di Pistoia), Eugenio Fagnoni (Comuni: Marliana, Massa e Cozzile, Montecatini, Pescia, Uzzano), Romano Del Nord (Rettore Università di Firenze), Roberto Barontini e Marcello Suppressa (Associazioni di Volontariato). Sono stati designati per la prima volta i consiglieri: Alberto Del Rosso (Comuni: Buggiano, Chiesina, Lamporecchio, Larciano, Monsummano, Pieve, Ponte B.se), Romina Santi (Comuni: Agliana, Montale, Quarrata, Serravalle), Marco Giunti (Provincia di Pistoia), Francesco Panerai (Camera di Commercio di Pistoia), Gabriella Aschieri (Comunità Montana), Don Luca Carlesi (Vescovo di Pistoia). Consiglio di amministrazione Durante l esercizio 2010 il Consiglio di Amministrazione non ha subito variazioni. Assemblea dei Soci Con le modifiche statutarie introdotte negli ultimi anni, il tasso di rinnovamento della base sociale, prima assai limitato, è divenuto molto incisivo. Basti pensare che i soci onorari, cioè quei soci che, avendo compiuto ottanta anni, non hanno più potere decisionale e sono stati sostituiti con altrettanti soci ordinari, hanno raggiunto al 31 dicembre 2010 il numero di 29, senza dire dei membri designati che decadono con la cessazione dalla carica del soggetto designante e la cui presenza rispecchia in qualche modo la dinamica e le vicende delle realtà istituzionali e associative presenti sul territorio. I componenti dell Assemblea alla fine dell esercizio sono 180, di cui: Soci designati da soggetti terzi ai sensi dell art. 17 dello Statuto 45 Soci eletti dall Assemblea 106 Totale soci ordinari 151 Soci onorari 29 Totale Soci 180 Nel corso del 2010 si sono registrati i seguenti mutamenti nella composizione dell Assemblea: a) nuovi soci nominati dall Assemblea del 3 maggio 2010: Corrado Artioli, Giovanni Capecchi, Monica Marini, Giancarlo Matocci, Domenico Rauty, e Gianni Ruffi

18 b) nuovi soci nominati dall Assemblea del 29 ottobre 2010: Chetti Barni, Sauro Becattini, Maria Cristina Brizzi, Roberto Cadonici, Massimo Donnini, Renato Ferretti, Stefano Pucci, Tullio Tesi. c) soci scaduti e confermati dall Assemblea del 29 ottobre 2010, a norma dell art dello statuto: Alessio Colomeiciuc, Galileo Magnani, Alessandro Melani, Giovanni Mezzadri e Alberto Scalabrino con decorrenza dal 5 novembre Soci onorari In attuazione dell art. 21 bis dello statuto entrato in vigore il 30 giugno 2008, nel corso del 2010 sono stati inseriti nell elenco dei soci onorari i seguenti soci: Giovanni Battista Bassi, Piero Becciani, Aligi Bruni, Floriano Capecchi, Vasco Gaiffi, Bruno Geri, Giuliano Gori, Gian Franco Mandorli, Carlo Marchi, Pietro Montalto, Piercarlo Morandi, Luigi Salvagnini, Franco Scaramuzzi. I soci onorari iscritti nell elenco a fine esercizio sono n. 29. * * * Nel corso del 2010 sono deceduti i soci: Guido Feri, noto dottore agronomo, già membro della Commissione per la Tutela delle Bellezze Naturali di Pistoia e Marcello Bonanno già Prefetto e Commissario di Governo. Ai soci che ci hanno lasciato, va il nostro grato ricordo per l apprezzata attività svolta nella Fondazione e per il servizio alla società civile e all economia locale. Collegio dei revisori E stato rinnovato, con la conferma dei revisori Gino Spagnesi e Alessandro Pratesi e la nomina di un nuovo presidente nella persona del dr. Alessandro Michelotti. Come si è detto all inizio tutti gli organi hanno lavorato con assiduità, come risulta anche dal numero delle riunioni svolte; ed in positiva convergenza di valutazioni e di decisioni. In sostanza si può affermare che la fondazione possiede un assetto di governance che, per quanto impegnativo, mostra di rispondere bene alle sue molteplici esigenze di funzionamento. * * *

19 3. L assetto organizzativo La struttura organizzativa dalla Fondazione risulta composta dal Direttore e da sei dipendenti, oltre a due collaboratori. Nel corso del 2010 si è mantenuto il modello organizzativo in essere che tiene conto delle quattro aree nelle quali è ripartita operativamente l attività della Fondazione: segreteria generale ed eventi, erogazioni e progetti, contabilità e bilancio, finanza. Nel corso dell esercizio, il lavoro della Fondazione è stato supportato da consulenti esterni per la gestione di particolari aree di attività che richiedono competenze specifiche, attinenti materie contrattuali, legali e tributarie, nonché competenze specialistiche per l organizzazione di particolari eventi. La Fondazione si avvale anche di un contratto di service con la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia SpA, per la fornitura di servizi di carattere amministrativo, nonché di consulenza contabile e fiscale

20 - 16 -

21 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PISTOIA E PESCIA BILANCIO DELL ESERCIZIO 2010 RELAZIONE SULLA GESTIONE

22 Relazione sulla gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE 1. Una crisi che non sembra finire Nella relazione al bilancio 2009 dicemmo che forse, quell anno, non avrebbe esaurito il processo di transizione verso il superamento della crisi, ma costituiva soltanto il tratto iniziale di un periodo indeterminato nella durata e imprevedibile negli esiti. Ed in effetti, anche il 2010 è stato un anno di crisi. Avevamo visto giusto, ma senza alcun merito; allora facevamo riferimento al triennio, , coincidente con un intero arco della nostra programmazione pluriennale; ma oggi è più corretto dire che l uscita dalla crisi, che non sia meramente annunciata da un personaggio mediatico, ma che sia avvertibile al livello che conta (quello delle persone, delle famiglie, delle imprese) in termini di lavoro, consumi, investimenti, fiducia, è ancora un traguardo che sembra allontanarsi ogni volta che pensiamo di avvicinarlo. Nella crisi siamo ancora coinvolti in tutti i suoi aspetti: finanziario ( basti enunciare i problemi dei debiti degli stati, degli andamenti dei loro titoli, della solidità delle banche, dei conseguenti provvedimenti adottati dai governi e dalle istituzioni comunitarie); economico, nel senso dell economia reale (investimenti, disoccupazione, specie giovanile, consumi): sociale (disagio e difficoltà di vita per un numero crescente di persone e di famiglie, riduzione dei servizi sociali di sostegno, ecc.). Qualcuno si chiederà perché parliamo di queste cose all inizio di una relazione che deve essere di resoconto e spiegazione di ciò che abbiamo fatto nel corso del 2010: certo è questo il nostro primo dovere, ma la nostra istituzione non è un isola separata dalle vicende del contesto più vasto. Per parlare di noi, non possiamo prescindere dall ambiente sociale, economico e finanziario in cui ci muoviamo; non solo quello del nostro territorio, che è il nostro campo d azione, ma anche quello del sistema paese, ed anche il più vasto ambiente internazionale segnato dal fenomeno della globalizzazione e che influisce pesantemente sugli andamenti dei mercati finanziari e quindi sulla sorte dei nostri investimenti. Ecco perchè non possiamo ignorare la crisi: perché, anche se volessimo farlo, essa non ignora noi e ci coinvolge pesantemente. Quella finanziaria perché accentua la rischiosità dei nostri investimenti, pressoché interamente di natura finanziaria, e ne pregiudica il valore ed i rendimenti, in un clima di incertezza che rende difficili, ed al limite inutili, le previsioni, anche le più attente e meditate

23 Relazione sulla gestione Quella economica, perché colpisce duramente anche il nostro territorio che sta subendo un processo di progressivo impoverimento ed emarginazione che chiede, a chiunque possa, di reagire per concorrere ad una positiva inversione di tendenza. Quella sociale, che più direttamente ci coinvolge sotto forma di richieste di intervento sempre più numerose, provocate sia dall accrescersi dei bisogni, sia dalle ridotte capacità di risposta degli enti locali, costretti a fare i conti con una drastica riduzione delle risorse disponibili. Ecco spiegato perché la crisi avviata nel 2007 (sono già passati quattro anni!) continua ad interessare anche noi; perché riduce le nostre risorse (i proventi derivanti dall investimenti del nostro patrimonio) ed aumenta i bisogni cui ci viene chiesto di far fronte. Qualcuno noterà che queste cose le abbiamo in sostanza già dette più volte: ma se non cambiano realmente le situazioni di fatto, è difficile che possano cambiare, se non nella forma, le parole per descriverle. Un ultima osservazione generale. I bilanci ed i resoconti si riferiscono ad una scansione annuale della vita delle organizzazioni. Dividere in periodi prefissati la vita, continua ed ininterrotta, di enti e istituzioni è una convenzione, una finzione necessaria e inevitabile ai fini di un ordinato operare; ma la realtà non conosce cesure e costituisce un flusso di eventi, di problemi e di scelte in cui il presente è, almeno in parte, frutto delle scelte passate e condiziona a sua volta quelle future. E una circostanza da non dimenticare quando ci accingiamo ad esprimere giudizi e opinioni. Lasciamo ora le considerazioni generali, forse superflue, e veniamo a parlare della nostra Fondazione e della sua attività nel corso del Per evitare il rischio della frammentazione, che è di ostacolo ad una visione d insieme, procederemo ad un esposizione per aree relativamente omogenee, rinviando ad altre parti di questa stessa relazione, e soprattutto alla Nota integrativa, informazioni più specifiche. Cercheremo altresì di segnalare, negli eventi e nei fatti che richiameremo, ciò che appartiene alla gestione ordinaria e quindi in qualche misura ricorrente e conosciuta nei suoi parametri fondamentali, pur nella variabilità delle singole manifestazioni, da ciò che invece può ritenersi eccezionale, e quindi non ripetibile, sia che si tratti di un evento o fenomeno positivo che negativo. 2. Il quadro normativo e istituzionale Nel corso del 2010 sono state emanate dal legislatore alcune norme che, pur non incidendo sostanzialmente sull assetto istituzionale e operativo delle Fondazioni, le riguardano direttamente o indirettamente. Ci riferiamo in particolare ai provvedimenti sotto indicati: D.L. 141 del 13 agosto 2010, recante modifiche del Titolo VI del Testo Unico Bancario (D.L. n. 385 del 1993) contente disposizioni in tema di microcredito;

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Articolo 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi dell articolo 6, comma 6 e dell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 31/12/2012 31/12/2013 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 204.984,48 328.310,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI AL BILANCIO. Il bilancio dell'esercizio chiuso il 31 dicembre 2006, approvato dal Consiglio di

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI AL BILANCIO. Il bilancio dell'esercizio chiuso il 31 dicembre 2006, approvato dal Consiglio di RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI AL BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO IL 31 DICEMBRE 2006 Il bilancio dell'esercizio chiuso il 31 dicembre 2006, approvato dal Consiglio di Amministrazione nella

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI AL BILANCIO NOTA INTEGRATIVA ART. 2423 comma 1 del Codice Civile: GLI AMMINISTRATORI DEVONO REDIGERE IL BILANCIO DI ESERCIZIO, COSTITUITO DALLO STATO PATRIMONIALE, DAL

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE

CONDIZIONI DEFINITIVE. PROGRAMMA DI EMISSIONE BCC PADANA ORIENTALE SAN MARCO ROVIGO Soc.Coop. TASSO VARIABILE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PADANA ORIENTALE SAN MARCO-ROVIGO Soc.Coop. Sede legale e Direzione Generale: Via Casalini,10 Rovigo Iscritta all Albo delle Banche al n 5359.5 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010

Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010 Documento di Programmazione Annuale Esercizio 2010 1 Documento di Programmazione Annuale Anno 2010 Premessa Il documento programmatico previsionale per l esercizio 2010 è redatto secondo le previsioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola Globale - 09/2015 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale

Cari Colleghi, Libertà di scelta della tipologia di investimento. Che cosa è il comparto? La definizione del piano previdenziale Cari Colleghi, dopo un lungo periodo di analisi e discussioni, ci troviamo a confrontarci concretamente al pari di molti altri Fondi Pensione - con la possibilità di decidere direttamente le caratteristiche

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 Il presente supplemento è parte integrante del Prospetto di Fidelity Funds del giugno 2014 e comprendente il supplemento dell agosto

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato dei Fondi comuni di investimento mobiliare gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro

Dettagli

Note sulla gestione del fondo.

Note sulla gestione del fondo. FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI Sede in Saint Vincent Via Italo Mus - presso Casino de la Vallée Codice fiscale n. 90006620075 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DELL'ESERCIZIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company approva i dati di bilancio 2013 e convoca l Assemblea degli azionisti

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company approva i dati di bilancio 2013 e convoca l Assemblea degli azionisti COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company approva i dati di bilancio 2013 e convoca l Assemblea degli azionisti Confermati i dati del bilancio consolidato già comunicati a febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DI BANCA SELLA HOLDING S.P.A. 22 giugno 2015 Circolare Banca d Italia n. 285 del 17.12.2013, Parte Prima, Titolo IV, Capitolo I, Sezione VII 1 Aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Posso creare le basi per una vita serena investendo i miei risparmi?

Posso creare le basi per una vita serena investendo i miei risparmi? InvestiþerFondi identifica l offerta integrata di prodotti di gestione collettiva del risparmio del Credito Cooperativo proposta dalle BCC e Casse Rurali. Posso creare le basi per una vita serena investendo

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO CENSIMENTO DENOMINATO "CONOSCERE CHI HA BISOGNO DI AIUTO" NECESSARIO AL COMPLETAMENTO DATI DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE E DELLE PROCEDURE DELLA CENTRALE

Dettagli

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS

REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS REGOLAMENTO FONDI INTERNI APTUS Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito tre Fondi

Dettagli

GenSanDir. Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste www.gensandir.it RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

GenSanDir. Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste www.gensandir.it RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 GenSanDir Fondo Sanitario dei Dirigenti delle società del Gruppo Generali CF 90069610328, Iscritto all Anagrafe dei Fondi Sanitari presso il Ministero della Salute Piazza Duca degli Abruzzi, 2-34132 Trieste

Dettagli

Relazione del Collegio dei revisori al rendiconto dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2010

Relazione del Collegio dei revisori al rendiconto dell esercizio chiuso al 31 dicembre 2010 ASSOCIAZIONE DYNAMO CAMP ONLUS Via Ximenes 716, loc. Limestre San Marcello Pistoiese 51028 PISTOIA Iscrizione Registro ONLUS Direzione Regionale Toscana n prot. Op. IPS061212002 Codice Fiscale 90040240476

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA TV ASTA BOT A 6

Dettagli

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002

Comunicato Stampa. SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Comunicato Stampa SMI Società Metallurgica Italiana S.p.A cod.abi 107683 www.smi.it BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2002 Il Gruppo: il fatturato consolidato, pari a Euro 2.054,4 milioni,

Dettagli

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO chiuso alla data del 31 dicembre 2012 COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DI BANCA SELLA S.p.A. 22 giugno 2015 Circolare Banca d Italia n. 285 del 17.12.2013, Parte Prima, Titolo IV, Capitolo I, Sezione VII 1 Aggiornamento

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A.

Sistema Anima. Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Sistema Anima Regolamento di gestione Regolamento di gestione semplificato degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. Linea Mercati Anima Liquidità Euro Anima Riserva Dollaro Anima Riserva Globale

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

Sara Multistrategy PIP

Sara Multistrategy PIP Società del Gruppo Sara Sara Multistrategy PIP Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5072 (art. 13 del decreto legislativo

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO LAZIO 23/02/2009-23/02/2012 TASSO FISSO 2,70% Codice ISIN IT0004457351 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO ASSICURATIVO PREVILINK Art. 1 - Denominazione del Fondo Interno La Società gestisce, con le modalità stabilite dal presente Regolamento, un portafoglio di valori

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FONDO VALOREAZIONE

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO FONDO VALOREAZIONE Generali Italia S.p.A. - Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Multiasset Cedola Globale - 12/2015 classe R e RD A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Multiasset Cedola Globale - 12/2015 classe R e RD A chi si rivolge classe R e RD info Prodotto è un nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

A) Scheda identificativa

A) Scheda identificativa Pioneer Fondi Italia Regolamento Unico di Gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare aperti armonizzati appartenenti al Sistema Pioneer Fondi Italia Valido a decorrere dal 01 marzo 2009 Il presente

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A.

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (Parte prima Titolo IV Capitolo I Sezione

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge info Prodotto Investment Solutions by Epsilon è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR.

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI IMPIEGHI DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER GLI IMPIEGHI DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER GLI IMPIEGHI DEL PATRIMONIO (approvato dalla Commissione Centrale di Beneficenza nella riunione del 28 febbraio 2005; coordinato con le modifiche deliberate il 24 luglio 2007, il 16 dicembre

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2015 ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 1. Bilancio d esercizio

Dettagli

Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Sintesi Società di Investimenti e Partecipazioni S.p.A. Sede in Milano, Via Vittorio Locchi n. 3 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 708.940,67 i.v. Partita Iva n. 12592030154 Società soggetta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 Nota integrativa del bilancio al 31 dicembre 2011 ** ** ** I. STRUTTURA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/11/2009 24/11/2012, Codice Isin IT0004549686 Le presenti Condizioni

Dettagli

Bilancio di ESERCIZIO. Rendiconto 2014. www.fondazionecrpt.it info@fondazionecrpt.it

Bilancio di ESERCIZIO. Rendiconto 2014. www.fondazionecrpt.it info@fondazionecrpt.it Bilancio di ESERCIZIO www.fondazionecrpt.it info@fondazionecrpt.it Rendiconto 2014 1 2 3 4 5 6 7 8 1 Dee Dee Bridgewater in concerto al Teatro Manzoni di Pistoia 2 Informatizzazione dei mezzi di soccorso

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli