Hydromechanika Wiesław Szajda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Hydromechanika Wiesław Szajda"

Transcript

1 SETTIMANA EUROPEA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUL LAVORO CONFERENZA NEL QUADRO DELLA PRESIDENZA BELGA DEL CONSIGLIO EUROPEO Cambiamenti del lavoro e salute mentale Per una buona governance dei rischi per la salute psicologica correlati con il lavoro e con le ristrutturazioni Bruxelles, novembre 2010 POLONIA ESEMPIO DI BUONE PRATICHE Candidato: Polish Craft Association / UEAPME Hydromechanika Wiesław Szajda Hydromechanika Wiesław Szajda è un impresa a conduzione familiare costituita nel 1981 e specializzata in lavorazioni metalmeccaniche. Il gruppo Hydromechanika si compone di tre imprese: - Hydromechanika 1, Piaskowiec gestita da Wiesław Szajda (55 dipendenti) - Hydromechanika 2, Ostaszewo gestita da Robert Szajda (20 dipendenti) - Hydromechanika 3, Wielkie Walichnowy, gestita da Elżbieta Szajda (20 dipendenti) Queste imprese sono collegate fra di loro grazie al Sistema di Gestione Integrata secondo ISO 9001, ISO e PN-N18001, come pure tramite una rete informatica interna per la gestione delle procedure amministrative e produttive. Ciascuna impresa è un unità economica indipendente. Il successo di Hydromechanika è principalmente dovuto alla sua strategia di sviluppo, avviata nel Gli elementi chiave di questa strategia sono i seguenti: miglioramento costante delle competenze dei titolari e dei dipendenti in termini di qualifiche professionali ricambio dello stock dei macchinari (torni e frese, torni per metalli, sabbiatrici, macchine per elettroerosione a filo, trapani, strumenti di misurazione, eccetera) introduzione di tecnologie produttive moderne introduzione dell informatica a supporto del processo produttivo e di software di preparazione ai trattamenti con macchine Mastercam CAD/CAM a controllo numerico computerizzato In base alla politica aziendale, il gruppo Hydromechanika ha sottolineato l importanza di elementi quali fiducia reciproca, garanzia di uno sviluppo equilibrato dell impresa e soddisfazione di clientela, dipendenti e comunità locale. Hydromechanika ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti: 1

2 2000 Premio del Presidente della Polonia per la Migliore Piccola Impresa 1996 e 2003 Premio Leader nell imprenditorialità assegnato dal Forum industriale polacco delle PMI 2004 Premio Lauro di Platino a riconoscimento dei successi gestionali, assegnato dall Associazione Imprese Artigiane Polacche 1999 Riconoscimento quale datore di lavoro e promotore della sicurezza sul lavoro, Ispettorato delle imprese del distretto di Danzica 2000 Riconoscimento quale datore di lavoro e promotore della sicurezza sul lavoro, Ispettorato Centrale delle imprese 2004 Premio qualità Pomerania, assegnato dal Consiglio delle federazioni delle associazioni tecnico-scientifiche della Pomerania 2003 Premio Ambasciatore dell imprenditorialità polacco-svedese, assegnato dall Ufficio del Cerimoniere della Pomerania 2004 e 2005 Premio economico GRYF, assegnato dall Ufficio del Cerimoniere della Pomerania 1997 Vincitore del concorso imprese di qualità, organizzato dalla Camera dell Artigianato di Danzica LE FASI DELLO SVILUPPO E DELLA RISTRUTTURAZIONE La storia dell impresa, costituita nel 1981, può essere suddivisa in tre parti: Costituzione dell impresa (1981) e primi anni di attività Nella fase iniziale la produzione e i servizi dell impresa erano principalmente rivolti al settore agricolo. L attività produttiva si concentrava sulla produzione di merci in quantità considerevoli senza prevedere l adozione di processi tecnologici complessi e con un limitato numero di dipendenti. La trasformazione del sistema politico avvenuta nel 1989 ha condotto ad una situazione in cui si è rivelato necessario procedere alla riorganizzazione dell impresa e al conseguente passaggio verso produzioni di tipologie differenti. Trasformazione industriale ( ) I cambiamenti politico-sociali in Polonia hanno comportato la necessità di modificare la strategia precedente. I titolari dell impresa hanno deciso di assumere il rischio di acquisire nuovi macchinari a tecnologie più avanzate, modificare le modalità produttive e optare per una produzione di quantitativi più limitati, ma di maggiore qualità e destinati ai paesi più sviluppati. Una delle conseguenze di questi cambiamenti è stata l assunzione di nuovi lavoratori a più elevata specializzazione. Le trasformazioni sono state introdotte sistematicamente all interno dell intera impresa. Gli sforzi sono stati coronati dall introduzione del Sistema di Gestione Integrata (qualità, ambiente, igiene e sicurezza sul lavoro standard ISO 9001, ISO e PN N1881) e dalla 2

3 certificazione. Il costante sviluppo dell impresa ha garantito la possibilità di un suo ampliamento e della creazione di tre nuovi stabilimenti produttivi Hydromechanika 1, Hydromechanika 2 e Hydromechanika 3 localizzati in tre sedi differenti. Fase dello sviluppo tecnologico e dell innovazione dinamica (dal 2002 ad oggi) Negli ultimi anni l impresa ha fatto registrare uno sviluppo notevole e dinamico. La nuova strategia messa a punto ha cominciato a dare risultati positivi. Si sono infatti registrati contemporaneamente un impennata della domanda e un aumento della clientela estera, mentre la crescita dei requisiti qualitativi conduceva alla necessità di introdurre ulteriori cambiamenti. L impresa si è rafforzata con l acquisto di macchine nuove e più precise. Si è inoltre proceduto ad un ulteriore crescita dimensionale dell impresa, alla modernizzazione della produzione e al trattamento di materiali più complessi e maggiormente costosi. Questo sviluppo ha comportato un ampliamento delle possibilità produttive, con l avvio di rapporti di collaborazione con altre imprese in paesi industrializzati e con la conclusione di contratti particolarmente interessanti. Lo sviluppo dell impresa ha comportato la necessità di incrementare le risorse umane, in particolare per quanto riguarda le competenze tecnico-ingegneristiche e le strutture di controllo. È inoltre aumentata l occupazione nei reparti produttivi e di controllo qualità. In questo modo la realizzazione delle mansioni è risultata maggiormente efficace, con una riduzione dei costi e un più breve tempo di evasione degli ordini. L impresa sta operando al meglio delle proprie possibilità per assumere solamente operai altamente specializzati, proseguendo anche in questi ultimi anni lungo il percorso di sviluppo già assunto da tempo. La crisi industriale ha frenato lo sviluppo dinamico delle imprese. I clienti hanno ridotto le quantità degli ordinativi, richiedendo inoltre tagli continui dei prezzi. Tuttavia la crisi non ha provocato conseguenze particolarmente gravi, né forti tagli dei posti di lavoro. Solamente un numero limitato di lavoratori ha perso il proprio posto di lavoro e si è trattato soprattutto di lavoratori che non erano disposti a migliorare le proprie competenze professionali un percorso necessario per conseguire un nuovo posto di lavoro. La realizzazione della strategia di sviluppo adottata ha influito positivamente sulla stabilità psicologica di tutte le risorse umane dell impresa: - datore di lavoro - componenti della famiglia - dipendenti Lo stress, presenza costante in tutti i gruppi sopra citati durante le fasi di cambiamento, ha costituito una tipica reazione umana ai compiti richiesti durante tali fasi. Grazie all introduzione del Sistema di Gestione Integrata ISO 9001, ISO14001 e PN- N18001 e tramite la partecipazione a concorsi per l assegnazione di riconoscimenti 3

4 ad esempio quello al migliore Datore di lavoro-promotore della sicurezza sul lavoro, organizzato dall Ufficio Nazionale dell Ispettorato del Lavoro i titolari dell impresa hanno mostrato la propria sensibilità non solamente nei confronti della creazione di un luogo di lavoro sicuro e con caratteristiche di igiene e di ergonomia, o della minaccia all incolumità fisica di tutti i lavoratori, ma anche verso le minacce di carattere sociale e psicologico. Le esperienze di lungo periodo svolte in altre imprese del settore hanno dimostrato come, sebbene termini quali stress e gestione dello stress non fossero particolarmente conosciuti nella fase iniziale dell introduzione della strategia di sviluppo, la consapevolezza di queste problematiche sia stata gradualmente introdotta nella gestione delle risorse umane dell impresa, in particolare considerando i seguenti elementi essenziali: i soggetti sottoposti ad uno stress permanente sul posto di lavoro sono soggetti ad esaurimento fisico e psicologico. Per questa ragione questi soggetti risultano meno efficaci e produttivi, più esposti alla possibilità di errore, meno inclini ad accettare cambiamenti e novità, maggiormente soggetti a malattie e ad incidenti sul lavoro, meno interessati a ciò che fanno e maggiormente soggetti a esaurimento, ciò che nei casi estremi li spinge ad abbandonare il proprio posto di lavoro, con conseguenze estremamente negative per imprese ad elevata specializzazione; la presenza di stress permanente sul posto di lavoro in assenza di interventi volti a ridurlo può aumentare i costi di gestione dell impresa fino a causare perdite (decisioni errate, minore efficienza sul lavoro, clienti insoddisfatti, costi per gli incidenti sul lavoro, sostituzione di lavoratori assenti, formazione professionale di nuovi lavoratori, eccetera); se non risolti, i problemi non svaniscono da soli, al contrario tendono ad accumularsi; ciò significa che nei casi in cui si registra un livello di stress elevato e permanente, se le motivazioni che conducono allo stress non vengono eliminate e se non viene compensato l impatto negativo dello stress, la situazione può gradualmente causare gravi problemi per l impresa. GENERATORI DI STRESS IDENTIFICATI All interno di Hydromechanika sono stati identificati i seguenti fattori generatori di stress: a. Sovraccarico quantitativo: le cause vanno ricercate nello sviluppo dell impresa, nell acquisizione di nuovi macchinari e di nuove tecnologie e nel lancio di nuovi prodotti. Lo sviluppo dell impresa ha comportato cambiamenti e novità per la direzione, per i responsabili tecnici e in generale per tutti i dipendenti. L introduzione di innovazioni ha comportato un aumento del numero delle mansioni lavorative, oltre ad una maggiore pressione sui lavoratori causata dalla necessità di rispettare le scadenze. Molti dei dipendenti dell impresa non disponevano di una formazione diretta nel campo del trattamento dei metalli. Per questa ragione questi operai hanno dovuto partecipare a corsi di formazione professionale interni. Tutte le novità introdotte hanno generato stress, anche in 4

5 conseguenza del gran numero di mansioni lavorative e delle nuove sfide cui far fronte. Di conseguenza per i lavoratori non è stato sempre possibile rispettare le scadenze, il livello qualitativo si è ridotto e si è registrato un incremento nel numero dei reclami. b. Sovraccarico qualitativo: macchinari, utensili e materiali sono estremamente costosi. Ciascun addetto alla produzione può potenzialmente causare danni anche estremamente onerosi. La consapevolezza dei costi elevati collegati alla possibilità di danni ha costituito la causa principale di stress. Per i lavoratori la conseguenza dell ansia e della preoccupazione è stata la paura del capo o il timore delle sue reazioni una volta che fosse venuto a conoscenza dei danni causati, elementi che hanno generato uno stress ulteriore tra i lavoratori, compresi quelli non direttamente responsabili del problema. c. Controlli limitati sul lavoro: spesso la mancanza di un feedback da parte della direzione d impresa in merito al lavoro realizzato costituisce un fattore di stress. Durante la fase di attuazione della strategia di sviluppo di Hydromechanika il titolare, costretto ad operare in condizioni stressanti che coinvolgevano anche i membri del suo nucleo familiare, non ha fatto ricorso ad un sistema di gestione delle risorse umane, in particolare nella prima e nella seconda fase di sviluppo dell impresa. Tale sistema avrebbe potuto sostenerlo nella sua attività e agevolare l introduzione di cambiamenti di produzione e di tecnologia. A loro volta, i dipendenti non hanno avuto modo di conoscere quale fosse il giudizio sul loro lavoro e se vi fossero problemi importanti identificati dalla direzione d impresa, ciò che ha comportato una riduzione delle motivazioni a livello generale. d. Conflitti sulle mansioni lavorative: sono emerse numerose problematiche collegate alla mancanza di una definizione univoca delle mansioni dei lavoratori, a causa dell assenza di un sistema di gestione delle risorse umane coerente e su vasta scala. Inizialmente la mancanza di chiarezza sui livelli gerarchici e sulla gamma delle mansioni professionali da svolgere ha causato situazioni in cui i lavoratori non erano certi su chi fosse il loro superiore diretto e su chi fosse responsabile di impartire loro gli ordini da seguire. La crescita occupazionale e l inadeguatezza della struttura organizzativa dell impresa sono stati riconosciuti come fattori che hanno condotto a questa situazione. Di conseguenza alcuni compiti non sono stati portati a compimento, con i lavoratori che non sapevano a chi obbedire e chi controllasse il loro lavoro. Il risultato è stato che alcuni dei compiti lavorativi sono stati ignorati anche perché i lavoratori erano consapevoli che nessuno avrebbe effettuato verifiche. Va anche sottolineato come quanto sopra sia collegato al fatto che Hydromechanika è un impresa familiare, un impresa cioè in cui lo stress non si limita al solo rapporto tra datore di lavoro e lavoratore, ma si estende anche ai rapporti familiari. RISORSE DELL IMPRESA PER SUPERARE IL PROBLEMA DELLO STRESS Formazione e informazione per i lavoratori sulle nuove soluzioni produttive adottate nell impresa, sulla realizzazione delle mansioni lavorative e sui requisiti richiesti dai clienti. 5

6 Introduzione della possibilità di riferire i problemi riscontrati alla direzione d impresa. In questo modo i lavoratori possono discutere dei problemi emersi proponendo possibili soluzioni nel corso di riunioni con la direzione d impresa tenute regolarmente. Deve inoltre essere prevista la possibilità di denunciare i problemi riscontrati anche in maniera anonima. La direzione d impresa si è adoperata con l obiettivo di organizzare l orario di lavoro in maniera più razionale, discutendo la programmazione degli ordini con i lavoratori e informandoli delle scadenze. In questo modo i lavoratori hanno potuto sapere quali ordini dovevano avere la precedenza e quando dovevano essere consegnati i materiali. Ciò ha permesso di eliminare situazioni di stress collegate alle incertezze sulle scadenze. È stato introdotto un sistema di valutazione di lavoratori e dirigenti, i cui risultati sono stati messi a disposizione di chiunque fosse interessato. La valutazione dei singoli lavoratori viene realizzata all interno dell impresa e si basa su questionari già predisposti. I questionari sono stati preparati in base a criteri distinti per operai e dirigenti. Il responsabile della valutazione di ciascun dipendente è il suo superiore diretto. Per evitare situazioni di stress, il risultato della valutazione viene comunicato solo al diretto interessato. In questo modo è possibile evitare situazioni di disagio dovute ad una valutazione negativa. La valutazione regolare dei dipendenti ha avuto come risultato un miglioramento delle rispettive competenze e una riduzione delle abitudini negative. Sono state introdotte riunioni dei tecnici della produzione durante le quali sono stati discussi le problematiche correnti, i programmi produttivi e l introduzione di attività di miglioramento. Grazie a questa soluzione è stato possibile ridurre considerevolmente lo stress. I dipendenti sono stati informati della necessità di riferire dei danni verificatisi durante il processo produttivo indipendentemente dalla loro entità. Il miglioramento delle competenze comunicative tra lavoratori e direzione d impresa ha costituito uno degli elementi principali. Per migliorare lo scambio informativo si è ricorso in particolare a riunioni regolari tra dirigenti e lavoratori, alla formazione interna e a colloqui diretti con i lavoratori. L impresa ha stabilito di assumere un responsabile per le risorse umane. È stata introdotta una nuova struttura organizzativa ed è stato spiegato cosa significhi essere professionalmente subalterni ad un altra persona. Lo specialista delle risorse umane si è fatto carico della gestione del personale anche per quanto riguarda la preparazione regolare della valutazione dei dipendenti; il responsabile delle risorse umane ha inoltre predisposto gli strumenti di valutazione, in collaborazione con un ulteriore soggetto direttamente responsabile per lo svolgimento di questo compito. Sono state organizzate riunioni con l obiettivo di rafforzare l integrazione dei lavoratori all interno della struttura dell impresa. I lavoratori appena assunti vengono seguiti da un lavoratore esperto che si occupa di aiutarli nella soluzione delle problematiche incontrate. È stato inoltre introdotto un sistema di gestione della qualità, ulteriore elemento di grande importanza in questo contesto. I sistemi di gestione certificati influenzano enormemente i rapporti tra lavoratori, in particolare per quanto riguarda il sistema di gestione della qualità secondo la norma ISO 9001:2008. Uno degli elementi essenziali della gestione della qualità sta nella partecipazione dei lavoratori e nei buoni rapporti tra gli stessi e la direzione d impresa. 6

7 La norma prevede un nucleo di requisiti relativi alla gestione delle risorse umane che devono essere adottati dall impresa. Tuttavia tali requisiti non riguardano lo stress dei lavoratori. Tutta l attività dell impresa collegata a questo problema si basa sulle idee e sui concetti che essa stessa sviluppa direttamente. Ulteriori attività utili introdotte durante la crisi economica sono descritte di seguito: La direzione d impresa ha organizzato numerose riunioni con i lavoratori in cui tutti sono stati messi al corrente della situazione dell impresa, del numero di ordinativi e delle minacce potenziali. I lavoratori sono stati informati su quali linee produttive fossero a maggiore pericolo di chiusura a causa dell annullamento di ordinativi da parte dei clienti. Ad alcuni lavoratori è stato proposto di modificare le proprie qualifiche professionali in modo da poter ricoprire un posto di lavoro differente all interno dell impresa. Il risultato del flusso di informazioni è stato l eliminazione dell effetto sorpresa, che costituisce un potenziale fattore di stress. CAMBIAMENTI DELL IMPRESA COME CONSEGUENZA DELLA REALIZZAZIONE DELLE VARIE ATTIVITÀ PRECEDENTEMENTE CITATE Cambiamenti rilevati: miglioramento del livello della qualità produttiva assenza di conflitti legati alla produzione miglioramento delle conoscenze dei lavoratori in merito ai requisiti di qualità e alle scadenze maggiore coscienza del flusso di informazioni e dello scambio di esperienze tra lavoratori e direzione d impresa feedback dalla direzione d impresa ai lavoratori in merito al loro lavoro, alla loro utilità all interno dell impresa e al loro ruolo quali componenti della forza lavoro. Quanto sopra è utile per migliorare la motivazione, rafforzare il senso di appartenenza e migliorare il coinvolgimento dei lavoratori gestione consapevole delle risorse umane da parte del datore di lavoro; grazie ad una valutazione regolare della situazione occupazionale, il datore di lavoro è in grado di correlare al meglio la gestione dell impresa con la programmazione dello sviluppo occupazionale sulla base della situazione dell impresa assegnazione a ciascun dipendente di una gamma precisa di mansioni lavorative; di conseguenza ciascun lavoratore ha una conoscenza precisa di ciò di cui è direttamente responsabile. L eliminazione dello stress collegato all utilizzo di macchine utensili e materiali o alla possibilità di causare danni alle macchine risulta estremamente difficoltosa. Nonostante il fatto che i lavoratori siano stati resi consapevoli della possibilità di comunicare con il proprio superiore diretto in tutta tranquillità, essi vivono comunque una situazione di stress nel momento in cui devono ammettere di aver commesso un errore. Nelle interviste dirette, lavoratori e addetti alla gestione ammettono che grazie alle attività avviate dal datore di lavoro in questo ambito il livello dello stress sul lavoro si è significativamente ridotto. 7

8 MATERIALI DI SUPPORTO UTILIZZATI DAL DATORE DI LAVORO 1. Le informazioni fornite dall Associazione Imprese Artigianali Polacche sullo stato di attuazione dell Accordo Quadro Europeo sullo stress sul posto di lavoro hanno rafforzato il convincimento dei titolari dell impresa sul fatto che le attività avviate per la soluzione del problema dello stress vanno nella giusta direzione. 2. I materiali predisposti dall Ufficio nazionale dell ispettorato del lavoro nel quadro del programma Stress sul lavoro sono disponibili in formato elettronico sul sito Stress sul lavoro guida del datore di lavoro,

9 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Dir. Gen. Salute e Sicurezza sul Lavoro Sviluppi in materia di salute e sicurezza sul lavoro in Turchia nel quadro dell accesso all UE Dr. R. Güven,PhD. Roma, 2 marzo 2011

10 Un saluto ai minatori delle miniere di tutto il mondo 2

11 STIME GLOBALI Forza lavoro globale Morti sul lavoro Incidenti sul lavoro Malattie professionali 2.8 miliardi 2.2 milioni 270 milioni 160 milioni PIL globale (reddito) miliardi $ Perdita del Pil per incidenti/malattie 4 % Migranti Analfabeti Poveri Bambini lavoratori 175 milioni 1 miliardo 1 miliardo 246 milioni 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 3

12 ICT Globalizzazione Commercio globale Deregolamentazione Flessibilizzazione [N] Esternalizzazione PMI Lavoro precario Disoccupazione Lavoro nero Migrazioni Diseguaglianza // [tempo] Brigitte Froneberg, ILO 11/2005 (Informazione, istruzione, reddito, condizioni di vita e di lavoro, salute) Fertilità (paesi industrializzati)

13 Statistiche SSL 2009 (SGK) Posti di lavoro in Turchia Lavoratori Infortuni sul lavoro Malattie professionali Infortuni mortali sul lavoro /03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 5

14 Numero di incidenti sul lavoro / /03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma

15 Numero di lavoratori con invalidità permanente / /03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 7

16 Numero di malattie e incidenti mortali sul lavoro / /03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 8

17 Casi di malattie professionali ( ) /03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 9

18 Le PMI in Turchia 99,7% dei posti di lavoro nelle PMI 83,8% dei lavoratori occupati nelle PMI 83% degli infortuni sul lavoro avvengono nelle PMI 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 10

19 Incidenti sul lavoro nell UE e in Norvegia ripartiti in base alle dimensioni dell impresa (1999) Eurostat 2002 Self-employed Micro Small Medium Large Fatal accidents Accidents >3 days absence [%] Brigitte Froneberg, ILO 09/2005

20 Caratteristiche delle PMI Maggiori rischi Maggiore frequenza di infortuni Minore conoscenza delle norme di legge in materia di SSL e delle tecniche di sicurezza Elevata reattività (a incidenti, condizioni, ecc.) Assenza di modifiche e miglioramenti sistematici Documentazione insufficiente Risorse umane e finanziarie limitate Concezione prevalente: la sicurezza e la salute sul lavoro sono principalmente causa di costi aggiuntivi La prevenzione viene considerata soprattutto come un compito dei lavoratori 12

21 La vita lavorativa in Turchia In materia di SSL, la Turchia vanta norme legislative e una conoscenza pratica e istituzionale accumulata nel corso degli ultimi 150 anni. Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, i ministeri correlati e i rappresentanti dei lavoratori svolgono un ruolo chiave nel miglioramento della SSL. 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 13

22 Organizzazioni datoriali Sindacati Università Ministero dell istruzione Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale Organizzazioni professionali Ministero della Sanità ONG Ministero dell Ambiente 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 14

23 MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE (MLPS) DIREZIONE GENERALE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (DGSSL)

24 Min. Board of Inspection Labour Ins. Board Counsellors MINISTER UNDER SECRETARY Off. of Priv. Sec. Off.of Press&Public Rel. Couns. DEP. UNDER SECR. Dir. Gen. of Labour Dir.Gen.of Ext.Rel. & Serv. for Workers Abroad İSGÜM Dir. Gen. of OHS Dept.For Coord. with the EU Dept.of Pers. Affairs Dept.of Adm. & Fin. Aff. Off. of the Legal Couns. Off. of Civil Def. Secr. Dept. Of Res. Plan. & Coord. Regional Directorates Off. of Labour Couns.&Attache ÇASGEM Workers' Assoc. of Ereğli Coal Field Social Sec. Institution Social Insurance Institution Turkish Employment Institution Dir.Gen. Of Social Ins. For the self-employed 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 16

25 Oltre alla DGSSL il Ministero conta due organizzazioni anch esse deputate alle attività in materia di SSL: Comitato Ispezioni sul Lavoro (CIL): svolge attività varie di ispezione dei luoghi di lavoro relative alla salute e alla sicurezza ÇASGEM: organizza seminari e corsi di formazione su vita lavorativa, previdenza sociale, SSL, ecc. 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 17

26 Compiti della Direzione Generale (1) Determina le politiche nazionali e predispone i programmi in materia di SSL Si adopera per adeguare le norme di legge in materia di SSL e per garantirne l attuazione Pianifica, programma e garantisce lo svolgimento di attività di ricerca e di studio sulla salute e sulla sicurezza sul lavoro, oltre che sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali, realizzate dall ISGUM (Centro per la salute e la sicurezza sul lavoro). 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 18

27 Compiti della Direzione Generale (2) Svolge studi, predispone e sviluppa norme, promuove attività quali misurazione,valutazione, controllo tecnico, formazione, consulenza, perizie, ecc. È incaricato della valutazione e dell autorizzazione delle istituzioni che svolgono tali attività Rilascia autorizzazioni a soggetti e istituti che si occupano della produzione di dispositivi di protezione individuale, al fine di determinare la compatibilità con gli standard dei dispositivi da importare e di definire le metodiche e i principi in materia 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 19

28 Attività legislative della DGSSL 33 nuove norme di legge pubblicate in relazione all accesso nell UE 21 per il recepimento delle Direttive comunitarie nella legislazione nazionale 12 in relazione ad altri ambiti, quali quelli relativi alla medicina del lavoro, ai tecnici, alla formazione dei lavoratori, ecc. 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 20

29 Norme di legge Progetto di legge sulla SSL: Riguarda tutti i lavoratori Nessuna limitazione (50 lavoratori) Approccio proattivo Partecipazione dei lavoratori Valutazione dei rischi 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 21

30 Membri: Consiglio nazionale per la salute e la sicurezza sul lavoro Rappresentanti del Governo Rappresentanti dei sindacati e dei pubblici funzionari Rappresentanti delle organizzazioni datoriali Università ONG e parti sociali Documento sulla politica nazionale SSL - I, Documento sulla politica nazionale SSL - II, /03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 22

31 Seminario sulla strategia nazionale per la SSL novembre 2010 Antalya Partecipanti: Università, istituzioni pubbliche, parti sociali, ONG (totale: 153 partecipanti) Obiettivo: I risultati del seminario costituiranno la base per la redazione del Documento nazionale di strategia in materia di salute e sicurezza sul lavoro Temi principali: Valutazione delle capacità istituzionali Norme di legge sulla SSL e stato di attuazione Ricerche e statistiche sulla SSL Formazione sulla SSL 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 23

32 Progetti in materia di SSL Nazionali Università Ministero dell istruzione Ministero della Sanità Associazioni di professionisti esperti di SSL ONG Internazionali Progetti UE (ISAG I, ISAG II, ENETOSH, Leonardo da Vinci, TAIEX, ecc) Progetti dell OIL (Sicurezza sul lavoro, SSL in ambito portuale, eliminazione della silicosi) Progetti dell OMS (HESME, WHO CC) Progetti dell OSHA (HIW, OSHA) Protocolli di cooperazione (Dresden OSH Academia, Construction BG in Germania) 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 24

33 Progetti UE in corso Miglioramento della SSL nei posti di lavoro in Turchia - settori minerario, metalmeccanico ed edile in cinque città (EU-IPA) Modello di gestione della SSL per le PMI in Turchia Rafforzamento dei laboratori regionali ISGUM (EU-IPA) Costituzione di Centri di collaudo DPI nell ISGUM (EU- IPA) Servizi esterni sulla SSL (Progetto MATRA) 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 25

34 Progetto nazionale per la diffusione della consapevolezza sulle malattie professionali in Turchia Attività: Organizzazione di seminari in 22 città industriali rivolti alle parti interessate e ai medici del lavoro Programmi di formazione avanzata per medici in sei ambiti di specializzazione Linee direttrici per la diagnosi delle malattie professionali (con distribuzione gratuita di manuali informativi) 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 26

35 Campagne per la consapevolezza sulla SSL

36 Settimana nazionale della SSL (4-10 maggio) Conferenza internazionale sulla SSL (biennale) Pubblicazioni sulla SSL - Rivista İSG Magazine -Poster - Brochure - Manuali -CD 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 28

37 GESTIONE DI SALUTE, AMBIENTE E SICUREZZA NELLE IMPRESE PROGRAMMA DI FORMAZIONE Percorso Anatolia del Nord Percorso Anatolia del Sud 33 Province 2/03/11 Dr. R. Güven,PhD., Roma 29

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Perché è importante la valutazione dei rischi?

Perché è importante la valutazione dei rischi? Intervista al sig. Jukka Takala, direttore dell'agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Bilbao, 28 aprile 2008 Cosa si intende per valutazione dei rischi? Jukka Takala: La valutazione dei

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione

La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione La figura del RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) IN AZIENDA quali prospettive di collaborazione Riferimenti normativi Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81: cd TESTO UNICO SULLA SALUTE

Dettagli

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50

Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza R.L.S. nel Decreto Legislativo 81/08 e 106/09 Articoli 48 e 50 Beppe Baffert USR CISL Piemonte . Nelle aziende con più di 15 lavoratori il RLS è eletto,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/08 Prima del D.Lgs 626/94 il lavoratore era visto come un soggetto passivo destinatario delle misure

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO DECRETO LEGISLATIVO N. 81 / 2008 e D.Lgs. 106/2009 LA SICUREZZA e LA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO A cura del Geom. Enrico Clarelli - info@geoclarelli.it Programmazione: attività normale e

Dettagli

Seminario su D.Lgs.81/08

Seminario su D.Lgs.81/08 Seminario su D.Lgs.81/08 La Valutazione del Rischio Per individuare le Misure di Prevenzione e Protezione a tutela della Salute e Sicurezza dei lavoratori Piacenza, 17/11/2010 Anna Bosi Dipartimento Sanità

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIFERIMENTI Legge 3/8/2007 n.123 (riordino disciplina) -> Introduce nel D.Lgs 231/2001

Dettagli

Compiti organismi paritetici

Compiti organismi paritetici Compiti organismi paritetici Art. 2 D.lgs 81/2008 - definizioni: organismi paritetici: organismi costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente

Dettagli

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008

La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 La valutazione dei rischi: requisito comune di BS 18001:2007 e D.Lgs. 81/2008 Ricordiamo che tra le finalità della BS OHSAS 18001 richiede di dimostrare che: il sistema di gestione della salute e sicurezza

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL. Dott. CdL Paolo Stern

Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL. Dott. CdL Paolo Stern Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL Dott. CdL Paolo Stern Il percorso normativo Art. 2 Salute = diritto inviolabile della persona Art. 46 Partecipazione attiva dei lavoratori

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI REGOLAMENTO COMMISSIONE NAZIONALE FORMAZIONE SICUREZZA LAVORO VISTO lo Statuto

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007 DIPARTIMENTO SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.420.35.91 FAX 06.484.704 e-mail: dssl@uilca.it pagina web: www.uilca.it UILCA UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro

Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro Prevenzione sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro SCHEMA LEGGE 626/1994 Per ogni migliore e più completa informazione è utile fare riferimento al testo della legge Obblighi del Datore di

Dettagli

Giornate RLS 2008-2009. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALLA LUCE DEL D. Lgs n n 81/ 2008 organizzato da:

Giornate RLS 2008-2009. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALLA LUCE DEL D. Lgs n n 81/ 2008 organizzato da: Giornate RLS 2008-2009 2009 IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALLA LUCE DEL D. Lgs n n 81/ 2008 organizzato da: A cura degli SPSAL delle Zone Territoriali 9 Macerata e 7 Ancona 1 CHI È

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI 12 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLA GESTIONE AZIENDALE DELLA SICUREZZA Ing. Davide Musiani STUDIO TECNICO PROF. NERI S.r.l. Bologna, 12 Giugno 2009

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL)

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Esperienza del laboratorio di approfondimento Regione Lombardia Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Marina Della Foglia Milano - giugno 2015 ILO-OSH 2001 Guidelines on

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

D. LGS 81/2008. Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

D. LGS 81/2008. Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza D. LGS 81/2008 I RAPPORTI CON I RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza 1. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è istituito a livello territoriale o di

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti.

Il Datore di Lavoro: in quanto lo organizza e ne nomina i componenti. IL D.Lgs 81/2008 IL Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, (approvato il 9 aprile 2008 ed entrato in vigore il 9 maggio 2008) incorpora al proprio interno, riordinandoli e innovandoli secondo

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Integrare la SSL nella gestione complessiva delle organizzazioni

Integrare la SSL nella gestione complessiva delle organizzazioni Asseverazione dei Modelli di Organizzazione e di Gestione della Sicurezza nelle Imprese Edili Milano, 21 aprile 2015 AULA MAGNA PALAZZO DI GIUSTIZIA TRIBUNALE DI MILANO Via Freguglia, 1 F. Benedetti INAIL

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI LAVORATORI SUI LUOGHI DI LAVORO RSPP - ASPP www.gruppomidi.it Sede di svolgimento Ge.Ma Via S. Sonnino 21/A 43126 PARMA

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 1 Caratteri generali del Testo Unico sulla Salute

Dettagli

TÜVRheinland Italia. www.tuvitalia.com. La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001

TÜVRheinland Italia. www.tuvitalia.com. La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001 TÜVRheinland Italia www.tuvitalia.com La certificazione a supporto del Modello Organizzativo 231/2001 TÜVRheinland - la Mission TÜVRheinland assicura innovazione combinata in perfetta armonia tra l uomo,

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott.ssa Angela Ferruzza Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott.ssa Angela Ferruzza Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle statistiche europee in tema di gas naturale ed energia elettrica e che abroga la Direttiva 2008/92/CE del Parlamento europeo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana Consultazione e partecipazione degli RLS D.Lgs. 626/94 Ruolo RLS Introduce novità per la tutela del lavoratore che ha adesso anche maggiori

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti

Nuove regole per la formazione. lavoratori preposti dirigenti Nuove regole per la formazione lavoratori preposti dirigenti 1 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI.

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. Gentile Cliente, il sistema certificativo aziendale si è notevolmente sviluppato

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA I modelli di organizzazione e gestione ex art. 30 D. Lgs. 81/08 in connessione con il D. Lgs. 231/01 Pesaro, Hotel Flaminio, 12 febbraio 2010 Collegio Provinciale

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli;

4. Essere informati sui rischi e le misure necessarie per ridurli o eliminarli; Lezione 3 Le attribuzioni del Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Il diritto alla salute Abbiamo già sottolineato che il beneficiario ultimo del testo unico è la figura del lavoratore. La cui

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Quiz sicurezza sul lavoro 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN

Quiz sicurezza sul lavoro 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN 1. QUALE DISPOSIZIONE LEGISLATIVA HA DATO ATTUAZIONE ALL ART. 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123 IN MATERIA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO? D.LGS. 81/2008 LEGGE 244/2007 LEGGE 203/2008

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole www.certificazione.info autore: Dr. Matteo Rapparini La certificazione di qualità nelle scuole La certificazione di qualità ISO 9001:2000 ha avuto recentemente

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Ruolo della Commissione Europea, degli Stati membri e delle Regioni Dott. Carlo Zaghi Dirigente Divisione VII

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS)

VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) 1 di 6 VERBALE DI ELEZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) (ai sensi dell'art. 47 del D.Lgs 9/04/2008, n. 81 e ss.mm.ii.). Il sottoscritto sig. in qualità di segretario di seggio

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli